Storia e scenari futuri della digital library
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share

Storia e scenari futuri della digital library

  • 225 views
Uploaded on

La seconda lezione del corso di specializzazione per bibliotecario digitale

La seconda lezione del corso di specializzazione per bibliotecario digitale

More in: Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
225
On Slideshare
225
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
3
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Modelli e teorie della biblioteca digitale (DL) Il flusso di lavoro della biblioteca digitale e le sue differenze con la biblioteca tradizionale Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013
  • 2. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Cominciamo dalla fine (vi sarà più chiaro andando avanti): Definizione classica di intelligenza: la capacità di mettere in relazione fra loro informazione apprese in contesti diversi Ancora una volta la parola chiave è relazione, scambiabilità, riutilizzo, interoperabilità
  • 3. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL L'interoperabilità tecnica si raggiunge con l'adesione agli standard internazionali ISBN, PDF/A, TIFF, Z39.50, ecc. In questo modo i nostri oggetti digitali e le loro descrizioni potranno essere riutilizzati da terzi con evidenti vantaggi per tutti... Insomma, riciclaggio di dati: GreenData Economy
  • 4. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL E in più siamo a condividere meno dovremo creare Più ampio è il network minore il carico di lavoro marginale per operatore: più tempo da dedicare agli altri compiti
  • 5. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL E la propagazione degli errori? Una domanda legittima per un falso problema: reputazione e controllo da parte della comunità ne azzerano l'incidenza nel medio termine Si può dire lo stesso in un sistema chiuso?
  • 6. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Ma, in definitiva, l'interoperabilità tecnologica non è altro che un mezzo
  • 7. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Ricordate il Manifesto for digital libraries IFLA/UNESCO? Rendere il patrimonio mondiale culturale e scientifico accessibile a tutti Supportare l'educazione e lo sviluppo sociale Facilitare l'apprendimento e la condivisione dei saperi In altre parole Scambio di conoscenza/interoperabilità sociale
  • 8. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Chi, da sempre, promuove l'accesso all'informazione? Chi la valuta, raccoglie, organizza, gestisce, conserva, distribuisce?
  • 9. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Strumento privilegiato di questo processo di condivisione e accrescimento sono le digital libraries Evoluzione in senso tecnologico delle biblioteche tradizionali Ne raccolgono la vision Autostrade del sapere dal potenziale virtualmente illimitato
  • 10. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Un obiettivo simile non si raggiunge solo con la buona volontà [sic!] Occorrono infrastruttura tecnologica e organizzazione della conoscenza adeguati Alla base di tutto vi è il dato, il singolo elemento descrittivo Ma il dato fine a se stesso è autoreferenziale, di fatto poco utile Mettiamo i dati in relazione fra loro e avremo l'informazione L'informazione nasce dalla condivisione e dall'interpretazione
  • 11. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Secondo i sociologi quando il valore dell'informazione diviene maggiore del valore degli altri fattori delle produzione (industria o lavoro) si può parlare di società dell'informazione L'informazione è economicamente rilevante L'informazione è socialmente rilevante L'accesso all'informazione condiziona lo sviluppo di una comunità Cosa sarebbe della società come la conosciamo se le informazioni non circolassero più?
  • 12. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Ma ancora non basta!! L'informatizzazione e le digital library sono un terreno fertile dove collezioni, servizi e persone possono interagire e sperimentare nuove e più evolute forma di interazione basate sulla socializzazione
  • 13. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Siamo infine giunti a un punto fermo? NO! Per fortuna: da alcuni anni si parla di un nuovo modello di organizzazione della conoscenza intorno al quale si affannano e spendono fiumi di parole informatici, sociologi, tecnologi e professionisti dell'informazione... Una chimera che promette l'accesso alla conoscenza universale
  • 14. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Il web semantico Un web dove a socializzare non siano più (solo) le persone, web2.0, ma le informazioni (web 3.0?) Una struttura che somiglia a una grammatica, composta com'è di soggetti,predicati e oggetti Una struttura che impone la riorganizzazione dell'informazione in rete
  • 15. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Insomma una nuova genesi del web così come NON lo vediamo Perché? Perché così com'è il web non funziona
  • 16. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL I motori di ricerca, Google compreso, non indicizzano il 96% delle risorse presenti in rete In altre parole siamo ignoranti come pietre e non lo sappiamo
  • 17. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Colpa della censura? Colpa di Google? Colpa nostra? NO: colpa dell'architettura stessa del web che non prevede metadati strutturati In pratica le informazioni non sono organizzate semanticamente e per questo le macchine non sono in grado di attribuire loro una importanza diversa a seconda del contesto
  • 18. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Finora i motori di ricerca non hanno fatto altro che cercare all'interno del full-text delle pagine html le parole richiamate:
  • 19. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL
  • 20. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Ma sono sostanzialmente incapaci di contestualizzarle Banalizzando, se in una pagina html viene ripetuta mille volte una parola (tecnica effettivamente utilizzata agli albori del web di massa) la pagina in questione scalerà le classifiche dei motori di ricerca (posizionamento) Per fortuna Google ha reso meno facili simili trucchetti, ma, comunque... e 2 > 1
  • 21. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Il web semantico promette di superare questo limite facendo in modo che ogni termine di ricerca sia correttamente contestualizzato Come? Discorso complesso ma che possiamo brutalmente sintetizzare affermando che poggia su 4 basi:
  • 22. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL I pilatri del web semantico: Uso di schemi di metadati URI, Identificatori di dati e linguaggio RDF Ontologie che definiscano le relazioni fra termini Fiducia!! e autorevolezza delle/nelle fonti
  • 23. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Il web semantico è già una realtà, ma non siamo ancora giunti alla massa critica Cosa promette? Riduzione del “rumore” Migliorate funzioni di reperibilità degli oggetti digitali Un sistema che tende ad autoalimentarsi per effetto della linkabilità strutturale... perché, ancora una volta, la parola chiave è interoperabilità
  • 24. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Virtualmente, quando il web semantico sarà una realtà compiuta tutti gli oggetti digitali saranno ricercabili e contestualizzabili Il docuverso, pietra filosofale dell'information science
  • 25. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Ne parliamo perché sono le biblioteche digitali, intese nella loro eccezione più ampia, ad operare per rendere possibile l’accesso universale alle informazioni
  • 26. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL
  • 27. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL
  • 28. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 http://www.ted.com/talks/view/lang/it//id/788 Storia ed evoluzione della DL TimBernersLee_2010U-480p-it.mp4 E i dati provenienti dal deepweb? Al TED2009, Tim Berners-Lee lancio l’appello "dati grezzi ora“, affinché governi, scienziati e istituzioni rendano i loro dati liberamente disponibili in rete Al TEDUniversity nel 2010, mostra alcuni interessanti risultati che possono nascere dalla relazione fra dati grezzi
  • 29. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Abbiamo appena sfiorato la superficie di un tema che rappresenta la futura organizzazione della conoscenza, il suo reperimento, gestione, rappresentazione e disseminazione In altre parole il futuro dell'information science Su queste basi le biblioteche digitali saranno chiamate e ripensare i propri cataloghi e servizi di intermediazione
  • 30. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Abbandoniamo per il momento il web semantico e ricominciamo da capo: Anno 1938, lo scrittore inglese di fantascienza Herbert George Wells pubblica il romanzo World Brain
  • 31. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL In un presente a “bassa” tecnologia come quello prebellico prevede un futuro di accesso universale “E’ ormai a portata di mano il tempo in cui ogni studente, in qualsiasi parte del mondo, sarà comodamente seduto davanti al proiettore nella sua stanza e potrà Prendere visione di ogni libro, ogni documento, in copia fedele all’originale”.
  • 32. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL La biblioteca di Alessandria L’Encicolopedia Universale Il Cervello del mondo come metafore dell’eterna utopia dell’accesso universale alla conoscenza umana: il Docuverso
  • 33. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL 1945: il tecnologo statunitense Vannevar Bush pubblica sulla rivista The Atlantic Monthly un articolo dal titolo As we may think nel quale descrive un’apparecchiatura denominata Memory Expansion o Memex
  • 34. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Bush individua alcune criticità nella filiera della ricerca: “La ricerca è come una montagna che cresce. Eppure è sempre più chiaro che più cresce la specializzazione più ne rimaniamo impantanati. Il ricercatore rimane stordito dai risultati di migliaia di contributi tanto da non trovare neppure il tempo per leggerli, capirli, ricordarli. La specializzazione è sempre più necessaria al progresso ma lo sforzo per colmare il divario fra le discipline sempre più superficiale. I nostri metodi di revisione e trasmissione delle informazioni sono vecchi di generazioni e completamente inadeguati allo scopo”
  • 35. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Vannevar Bush non si limita a denunciare le crescenti difficoltà per gli scienziati di gestire le informazioni (all'epoca solo cartacee) Prospetta una soluzione pratica e tecnicamente realizzabile: il MEMEX
  • 36. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Quali operazioni il MEMEX sarebbe stato in grado di compiere?
  • 37. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Il Memex consente: •L’interazione uomo-macchina •Creazione di nuove associazioni endogene al documento ed estrazione delle informazioni riorganizzate •Esame comparato delle fonti •Rielaborazione del testo e creazione di nuove informazioni •Esportazione della nuova informazione
  • 38. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Le Digital Libraries necessitano di alcuni elementi tecnici essenziali: •Standard descrittivi •Infrastruttura tecnologica adeguata …ma il Memex non è una digital library! In termini moderni il MEMEX potrebbe forseessere ricondotto alla categoria dei Personal Knowledge Management tools Nondimeno, a livello concettuale, vi sono abbozzati servizi e funzioni della futura digital library
  • 39. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Finalmente negli anni ’60 la tecnologia sarà quasi pronta: nel 1969 nasce ARPANET Nel 1965 nel libro Libraries of the future, Licklider delinea il nuovo ruolo delle biblioteche come rete di supporto alla conoscenza e di come l’uso del computer ne avrebbe cambiato la natura
  • 40. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL
  • 41. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Saranno necessari ancora parecchi anni prima che le digital librrary Vedano la luce, ma la strada è tracciata...
  • 42. Infine... Nell’estate del 1991 un fisico teorico americano, Paul Henry Ginsparg, realizza un archivio di documenti online resi accessibili tramite metadati descrittivi. Nasce la prima digital library di senso compiuto: ArXiv •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL
  • 43. Ospitata originariamente nei server di Los Alamos in New Mexico, ArXiv è un archivio di preprint di carattere scientifico Attualmente contiene oltre 900.000 papers scientifici ad Accesso Aperto Nasce per venire incontro alla necessità di pubblicare e discutere rapidamente le ricerche scientifiche E’ considerato una milestone lungo la strada verso il movimento dell’Open Access •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL
  • 44. Cosa rende ArXiv una biblioteca digitale? Ricordate il manifesto IFLA/UNESCO? Caratteristiche di una digital library: Una biblioteca digitale è una raccolta online di oggetti digitali, di qualità garantita, raccolti e gestiti secondo principi accettati a livello internazionale per lo sviluppo delle collezioni; rese poi accessibili in modo coerente e sostenibile. E’ supportata dai servizi necessari al fine di consentire agli utenti di recuperare e sfruttare le risorse •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL
  • 45. Per quanto alcuni elementi non fossero ancora consolidati, ArXiv rientrava già allora nella definizione di DL Fu presto chiara allo stesso Ginsparg la portata dell’impatto socio-economico del modello ArXiv (all’epoca chiamato Archivio di Preprint) La prima DL nasce come esigenza di una comunità scientifica specifica (repository disciplinare) Ancora oggi sono le DL di carattere scientifico a indicare le best practices e gli orientamenti futuri del settore •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL
  • 46. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Il vaso di Pandora della digital library era stato aperto
  • 47. ArXiv e i primi repository (archivi digitali) erano caratterizzati da struttura e funzioni piuttosto semplici, fatto questo che ne agevolò lo sviluppo: 1996, USA: ETDS (Electronic Thesis and Dissertations repositories) 1997, UE: CogPrints (Cognitive Science e-print Archive) 1997, UE: RePec (Research Papers in Economics) Sono DL di carattere scientifico-tematico e/o istituzionale •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL
  • 48. ETDS, 1996 (Electronic Thesis and Dissertations repositories): Finanziato dal Dipartimento dell’Educazione USA nell’ambito di un progetto triennale al fine di creare una DL per tesi e dissertazioni (repository tematico) ETDS offre visibilità a contributi scientifici altrimenti destinati all’oblio, ed è un'alternativa ai canali editoriali tradizionali Nasce con fini dichiaratamente didattici, si rivolge agli studenti •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Modelli e teorie della biblioteca digitale (DL) Storia ed evoluzione della DL
  • 49. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Uno degli obiettivi dichiarati era infatti istruire gli studenti sulle procedure di pubblicazione elettronica al fine di diffondere l’uso delle biblioteche digitali e favorirne la diffusione Il progetto, di grande e ineguagliata lungimiranza, individua e istruisce gli utenti (processo di sottomissione e information literacy secondo uno schema ancor oggi attuale) Information Literacy, def.: la capacità di individuare, reperire, valutare, organizzare, utilizzare e comunicare le informazioni
  • 50. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL ETDS (Electronic Thesis and Dissertations repositories): Life cycle of an ETD: Per supportare il progetto la Virginia Tech. University Mise a disposizione 2 tera di spazio
  • 51. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Da quel progetto nacque un network e i digital repository di tesi e dissertazioni
  • 52. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Ad oggi esistono oltre 1400 repository che nel mondo conservano (anche) tesi e dissertazioni Persino in Italia, nel 2007 la CRUI (Conferenza dei Rettori) si è dimostrata sensibile approvando le Linee guida per il deposito delle tesi di dottorato In Sardegna nel 2008 l'Università di Sassari ha modificato il suo regolamento L'università di Cagliari ha introdotto l'obbligo di deposito nel 2010
  • 53. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL
  • 54. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL CogPrints, 1997 (Cognitive Science e-print Archive) Finanziato dal Joint Information Systems Commitee (JISC), ente pubblico Inglese che cura le linee guida sull’uso delle risorse ICT da indirizzare alle università e scuole inglesi CogPrints, ha l’obiettivo di migliorare la reperibilità ed economicità dei contributi scientifici
  • 55. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Realizzato dall’Università di Southampton è indirizzato agli scienziati cognitivisti (Ingegneria, informatica, psicologia, neuroscienze, biologia, linguistica, filosofia) ai quali consente l’autoarchiviazione (repository multidisciplinare) Nel 2000 viene reso pienamente interoperabile aderendo ai requisiti internazionali OAI (Open Archive Iniziative)
  • 56. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Per realizzarlo viene creato il software open access EPrints, ancora oggi uno standard mondiale, insieme a DSpace, per la realizzazione di digital repository Giunto alla versione 3.3 è sviluppato presso l'Università di Southampton vanta oltre 500 installazioni nel mondo Eprints è in regresso a causa dello scarso peso accordato agli sviluppatori indipendenti
  • 57. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL RePec 1997 (Research Papers in Economics) Nasce dall’esperienza del gruppo NetEc sostenuto dal JISC Repository disciplinare Rispetto agli altri repository contemporanei, presenta caratteristiche spiccatamente innovative
  • 58. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Gestione decentrata: il sistema si basa su diversi digital repository indipendenti ma interoperabili Anche per questo motivo viene data particolare attenzione ai metadati descrittivi, utilizzabili con diverse interfacce di ricerca Nuove tipologie di oggetti digitali: RePec è pensato per dare maggiore visibilità ai preprint, articoli e software di carattere economico
  • 59. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Servizi all'utente avanzati: attraverso moduli aggiuntivi Repec offre agli utenti servizi arricchiti: Il database completo di Repec Per ricostruire la carriera dei ricercatori economici Aggregatore di blog economici Statistiche d'uso per autore e item Elenco delle istituzioni economiche e ricercatori presenti in Repec
  • 60. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Attualmente Repec accoglie oltre un milione e mezzo di oggetti ospitati in 1.600 archivi in 80 paesi diversi E' gestito su base volontaria 35.000 gli autori che lo hanno utilizzato per depositare i propri lavori, spesso disponibili in fulltext E' il più vasto repository di materiale accademico online del mondo
  • 61. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL ARCHIVE INITIATIVE SUBMISSIO N MODEL PUBLICATI ON MODEL STORAGE NATIVE USER SERVICE 3rd PARTY USER SERVICE DISCIPLIN E ORIENTED Central Decentral Author Organizatio n Central Decentral Mirror Central Decentral Yes No   Yes No ArXiv C A C C Y Y CogPrints C A C C N Y NACA C O C C N Y NCSTRL D O D D => C N Y NDLTD D O D D, (C) N N RePEc D O D, M - Y Y Caratteristiche dei maggiori digital repository nel 2000
  • 62. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Qualche spunto di riflessione: Progetti finanziati da enti pubblici statali Ingenti dotazioni economiche Programmi pluriennali Obiettivi insieme didattici e di disseminazione Consapevolezza delle potenzialità del web e messa in discussione del modello distributivo editoriale tradizionale L'utente crea e deposita contenuti Responsabilizzazione dell'utente
  • 63. Parallelamente ai repository vengono create altre DL più orientate ai servizi all'utenza e al trattamento delle informazioni L'obiettivo è offrire un servizio che unisse le funzionalità della biblioteca tradizionale ai vantaggi del trattamento automatico delle informazioni (normalizzazione, conservazione, gestione, interoperabilità) Viene dato grande spazio alla ricerca e sviluppo di soluzioni innovative •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL
  • 64. Ancora una volta i due progetti più significativi vedono la luce sulle due sponde dell’Atlantico: DLI (Digital Library Iniziative), USA DELOS (Network of Excellence on Digital Libraries), UE •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL
  • 65. DLI (Digital Library Initiative), USA Il progetto nasce su iniziativa di NSF (National Science Fundation), agenzia governativa che sostiene ricerca e formazione non biomedica •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL
  • 66. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL DARPA (Defence Advanced Research Projects Agency), agenzia governativa del Dipartimento della Difesa che si occupa di nuove Tecnologie di ambito militare NASA (National Aeronautics and Space Administration), agenzia governativa Occupata nella ricerca aerospaziale E' evidente l'importanza strategica attribuita dagli USA alle DL
  • 67. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Dal 1994 al 1998 la DLI finanzia la realizzazione di 6 DL innovative: Alexandria DL (UCLA, Santa Barbara), approfondisce i temi relativi alla creazione di una DL di informazioni georeferenziate distribuite applica e condivide le ricerche teoriche in materia Curiosità: gli elaboratori in dotazione hanno 64-256 MB di RAM e HD da 1-18 GB
  • 68. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Illinois DL (UIUC), realizza il prototipo di una una DL editoriale funzionante, popolata da riviste elettroniche scientifiche (20 nel 1996) i cui testi sono realizzato con uno standard leggibile dagli elaboratori Curiosità: alcuni degli studenti provenienti da questa università hanno fondato fra gli altri PayPal, Youtube, Oracle, Netscape, Firefox
  • 69. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Berkeley DL (UCA Berkeley), realizza una DL popolata di dati ambientali eterogenei: immagini, documenti, mappe, dati grezzi provenienti da Sensori e da altri enti governativi (OPEN DATA) ecc. Contemporaneamente sviluppano ricerche nel campo GIS, del linguaggio naturale, conservazione e gestione di banche dati
  • 70. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL University of Michigan DL, realizza una DL editoriale di contenuti Parzialmente free. Elaborano modelli organizzativi e descrittivi delle risorse, utilizzano un client Z39,50 per lo scambio di metadati. L'obiettivo è sviluppare un modello di DL collaborativa sia scientifica che pubblica
  • 71. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Stanford DL, sviluppa una DL in collaborazione con altre Università californiane e il centro di supercalcolo di San Diego Gli sforzi si concentrano sull'omogeneizzazione delle informazioni e la messa a punto di efficienti meccanismi di recupero e filtraggio delle informazioni (inofrmation retrieval)
  • 72. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Mercury Project-Informedia Digital Video Library (Carnage Mellon, Un.), viene realizzata una DL bibliografica completa di indicizzazione di fulltext e TOC, e ne promuove la sostenibilità economica Utilizza lo standard Z39.50 e il protocollo TCP/IP In un momento successivo il progetto si concentra sul trattamento automatizzato di immagini e video Oltre che nella ricerca dei file video, il progetto elabora modelli di indicizzazione tramite linguaggio naturale
  • 73. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Molte soluzioni tecnologiche e organizzative adottate da questi progetti sono ancora valide Nell'ambito della DLI di Stanford due studenti iniziarono a collaborare su un progetto di recupero e filtraggio efficiente delle informazioni provenienti dal WWW con una missione dichiarata: organizzare le informazioni mondiali e renderle universalmente fruibili. Da quell'idea...
  • 74. DELOS (Network of Excellence on Digital Libraries), UE Nel 1996 prende il via il progetto DELOS, finanziato dalla Commissione Europea Appoggiato dal Consorzio Europeo di Informatica e Matematica (ERCIM), collabora con i progetti della DLI statunitense •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL
  • 75. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Gli obiettivi del progetto erano: stimolare la ricerca per lo sviluppo delle DL favorire la collaborazione fra i gruppo del consorzio stabilire legami fra le DL e il mondo imprenditoriale Coordinare e incentivare la ricerca europea nell’ambito delle DL e descrivere compiti e funzioni delle DL
  • 76. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL I progetti facenti capo a DELOS avevano carattere innovativo: network distribuiti, ricerca audio-video, estrazione automatizzata dei metadati, recupero delle informazioni, ecc. Tra i suoi risultati più significativi c'è il rilascio di linee guida per la realizzazione di digital libraries: “The DELOS digital library reference model. Fundations for digital libraries”
  • 77. La prima digital library operante su scala europea fu nel 1997 ETRDL (European Technical Report Digital Library) Il suo scopo era creare una DL della documentazione tecnica prodotta dai ricercatori ERCIM al fine di favorirne la diffusione La sua realizzazione permise di risolvere svariati problemi tecnici di connettività e di sviluppare il concetto di «collezione» di oggetti digitali •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL
  • 78. •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL Tutte queste iniziative, differenti per finalità e tecnologie applicate, vennero realizzate contemporaneamente e in modo spontaneo. Nonostante il modello di riferimento comune è anche per via delle loro peculiarità se ancora oggi non esiste una definizione univoca di biblioteca digitale
  • 79. Una delle caratteristiche delle DL è l’economicità I primi sistemi erano invece estremamente complessi e costosi L’affermarsi dell’interoperabilità (es. protocolli Z39,50, Dublin Core, OAI-PMH) ha permesso di abbattere i costi relativi alla gestione delle collezioni Un altro elemento di razionalizzazione è stato il successivo l’affermarsi dei DLMS (Digital Library Management System), software gestionali per le DL •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL
  • 80. Per chiudere il cerchio: Con gli anni le DL sono passate dall’essere sistemi relativamente semplici di gestione di dati a silos di informazioni complesse e interconnesse Le funzionalità delle DL mutano in funzione delle capacità tecnologiche Oggi il focus è sulla socialità e l’ambiente partecipativo Dal ruolo di mediazione editoriale le DL sono ora orientate alla facilitazione dell’apprendimento Le DL non si limitano a supportare la ricerca ma, grazie alla condivisione e ai servizi agli utenti, ne sono una delle componenti •Corso di specializzazione per bibliotecario digitale -- Cagliari -- Daniele Satta 2013 Storia ed evoluzione della DL