Rapporto finale Chiandotto
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Rapporto finale Chiandotto

on

  • 1,237 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,237
Views on SlideShare
1,237
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
6
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Rapporto finale Chiandotto Rapporto finale Chiandotto Document Transcript

    • MINISTERO DELL’UNIVERSITÀ E DELLA RICERCAComitato Nazionale per la Valutazione del Sistema Universitario CONDIZIONE ATTUALE E PROSPETTIVE OCCUPAZIONALI DEI DOTTORI DI RICERCA - 30 Novembre 2010 -
    • Composizione del gruppo di ricerca:Prof. Bruno Chiandotto (coordinatore), Università degli Studi di FirenzeProf.ssa Matilde Bini, Università Europea di RomaProf. Leonardo Grilli, Università degli Studi di FirenzeDott. Bruno Bertaccini, Università degli Studi di FirenzeCollaborazioniDott. Lucio MasseriniIl Comitato ha individuato il tema da approfondire, ha definito il programma di lavoro e ne ha affidato lo svolgimento al gruppo diricerca. La responsabilità del contenuto del presente rapporto è degli autori.
    • INDICEPRESENTAZIONE ................................................................................................................. 11  LA DOMANDA E L’OFFERTA FORMATIVA DI TERZO LIVELLO .................... 5 1.1  L’offerta formativa di terzo livello .................................................................................. 5  1.1.1  Il numero dei corsi di dottorato di ricerca ...................................................................................5  1.1.2  Il numero di corsi, di posti disponibili e delle borse di studio..................................................... 6  1.1.3  Le aree disciplinari ...................................................................................................................... 7  1.1.4  Gli Atenei .................................................................................................................................. 11  1.1.5  La longevità dei corsi di dottorato ............................................................................................. 18 1.2  La domanda formativa di terzo livello .......................................................................... 19  1.2.1  Il numero di presenti alla prova di ammissione......................................................................... 19  1.2.2  Le aree disciplinari .................................................................................................................... 19  1.2.3  Gli Atenei .................................................................................................................................. 22 1.3  Il rapporto tra domanda e offerta formativa .................................................................. 25  1.3.1  Le aree disciplinari .................................................................................................................... 26  1.3.2  Gli Atenei .................................................................................................................................. 26 1.4  I dottori di ricerca .......................................................................................................... 282  CONDIZIONE OCCUPAZIONALE DEI DOTTORI DI RICERCA ....................... 29 2.1  Panorama internazionale ............................................................................................... 29 2.2  Situazione in Italia ......................................................................................................... 31  2.2.1  Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) e Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali (MLSPS) ............................................................ 31  2.2.2  Comitato Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario (CNVSU) ................................ 32  2.2.3  Iniziative di Ateneo ................................................................................................................... 33  2.2.4  Altri Enti .................................................................................................................................... 37  2.2.5  Consorzi Interuniversitari .......................................................................................................... 38  2.2.6  ISTAT........................................................................................................................................ 393  INDAGINE SULLA CONDIZIONE OCCUPAZIONALE DEI DOTTORI DI RICERCA DEL 1998, 2003 E 2008 ................................................................... 41 3.1  La pianificazione dell’indagine ..................................................................................... 41 3.2  L’intervista e il software utilizzato ................................................................................ 47 3.3  I dati raccolti .................................................................................................................. 55 3.4  Confronto di struttura per area disciplinare ................................................................... 63 i
    • 4  LA CONDIZIONE OCCUPAZIONALE DEI DOTTORI DI RICERCA DEL 1998, 2003 E 2008 ................................................................................................ 67 4.1  Condizione occupazionale delle coorti 2003 e 2008 ..................................................... 67  4.1.1  Le motivazioni dell’iscrizione al corso di dottorato .................................................................. 67  4.1.2  La valutazione dell’esperienza formativa .................................................................................. 69  4.1.3  L’esperienza lavorativa durante gli studi .................................................................................. 72  4.1.4  Il periodo di studi ...................................................................................................................... 74  4.1.5  La condizione occupazionale attuale ......................................................................................... 75 4.2  Occupati: coorti 2003 e 2008 ........................................................................................ 78  4.2.1  Il lavoro attuale.......................................................................................................................... 78  4.2.2  Tempi e modalità di ingresso nel mondo del lavoro ................................................................. 83  4.2.3  La tipologia del lavoro attuale ................................................................................................... 84  4.2.4  Le mansioni di ricerca ed innovazione ...................................................................................... 85  4.2.5  Il profilo giuridico del lavoro dipendente .................................................................................. 88  4.2.6  Le caratteristiche dell’attività di ricerca .................................................................................... 89  4.2.7  Le caratteristiche del contesto di lavoro .................................................................................... 93  4.2.8  L’utilità sul lavoro della formazione ricevuta durante il corso di dottorato .............................. 94  4.2.9  Il livello di soddisfazione per il lavoro attuale .......................................................................... 96  4.2.10  Il livello di retribuzione attuale ................................................................................................. 98  4.2.11  La ricerca di un nuovo lavoro.................................................................................................. 101 4.3  Chi attualmente non lavora ma ha lavorato dopo il conseguimento del titolo: coorti 2003 e 2008 ....................................................................................................... 102  4.3.1  L’ultimo lavoro e gli aspetti migliorati dopo il conseguimento del titolo ............................... 102  4.3.2  L’interruzione dell’ultima attività lavorativa .......................................................................... 104  4.3.3  La ricerca di un nuovo lavoro.................................................................................................. 105 4.4  Chi non ha mai lavorato dopo il conseguimento del titolo: coorti 2003 e 2008 ......... 107  4.4.1  La ricerca del primo lavoro ..................................................................................................... 107  4.4.2  I motivi della non ricerca......................................................................................................... 109 4.5  Condizione occupazionale della coorte 1998 .............................................................. 1105  L’UTILIZZO DELLA FORMAZIONE RICEVUTA ............................................... 123 5.1  Analisi descrittiva ........................................................................................................ 124 5.2  Scelta del modello di regressione: risposta ordinale o binaria? .................................. 126 5.3  Struttura multilivello ................................................................................................... 128 5.4  Modello logistico a intercetta casuale per l’utilizzo della formazione (livello 2: corsi di dottorato) ........................................................................................................ 129 5.5  Analisi basata sulla classificazione dei dottorati in 23 aree ........................................ 134  ii
    • 5.6  Modello logistico a intercetta casuale per l’utilizzo della formazione (livello 2: aree di dottorato).......................................................................................................... 139 5.7  Profilo occupazionale e utilizzo della formazione: confronto tra le aree di dottorato ....................................................................................................................... 142 5.8  Analisi per i dottori di ricerca del 2003 ....................................................................... 1476  PROSPETTIVE OCCUPAZIONALI .......................................................................... 153 6.1  Over-qualification e over-education ............................................................................ 153 6.2  Il contesto di riferimento ............................................................................................. 163  6.2.1  Evoluzione del personale docente dal 1998 al 2008................................................................ 163  6.2.2  Uscite effettive e uscite previste del personale docente dal 1998 al 2008............................... 169CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE .............................................................................. 175RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI .................................................................................. 181APPENDICE A – SCHEDE DI RILEVAZIONE ............................................................... 189 APPENDICE B – MODELLI MULTILIVELLO................................................................ 253 APPENDICE C – SPOGLI PER I CAMPIONI RELATIVI AI DOTTORI DI RICERCA DEL 2003 E DEL 2008 .................................................................... 257  iii
    • iv
    • INDICE DELLE TABELLETabella 1.1 – Bilancio demografico dei corsi di dottorato per ciclo ................................................................................... 6 Tabella 1.2 – Numero di corsi, di posti disponibili, di borse e di presenti alla prova per ciclo di dottorato ....................... 6 Tabella 1.3 – Numero di dottorati per area e ciclo. Valori assoluti .................................................................................... 8 Tabella 1.4 – Numero di dottorati per area e ciclo. Percentuali di colonna ........................................................................ 9 Tabella 1.5 – Numero di dottorati per area e ciclo. Numeri indici a base fissa (base ciclo XVII = 100) ......................... 10 Tabella 1.6 – Numero di dottorati per ateneo e ciclo. Valori assoluti............................................................................... 12 Tabella 1.7 – Numero di dottorati per ateneo e ciclo. Percentuali di colonna .................................................................. 14 Tabella 1.8 – Numero di posti disponibili per area e ciclo. Valori assoluti ...................................................................... 16 Tabella 1.9 – Numero di posti disponibili per area e ciclo. Percentuali di colonna .......................................................... 17 Tabella 1.10 – Numero di posti disponibili per area e ciclo. Numeri indici a base fissa (base ciclo XVII = 100) ........... 18 Tabella 1.11 – Numero di dottorati per ciclo e durata. Valori percentuali........................................................................ 19 Tabella 1.12 – Presenti alla prova di ammissione per area e ciclo di dottorato. Valori assoluti ....................................... 20 Tabella 1.13 – Presenti alla prova di ammissione per area e ciclo di dottorato. Valori percentuali ................................. 21 Tabella 1.14 – Presenti alla prova di ammissione per area e ciclo di dottorato. Numeri indici a base fissa (base cicli XVII = 100) ............................................................................................................................................. 22 Tabella 1.15 – Presenti alla prova di ammissione per ateneo e ciclo di dottorato. Valori assoluti ................................... 23 Tabella 1.16 – Rapporto tra numero di presenti alla prova di ammissione e posti disponibili per area e ciclo. Valori percentuali ............................................................................................................................................ 25 Tabella 1.17 – Rapporto tra numero di presenti alla prova di ammissione e posti disponibili per ateneo e ciclo. Valori percentuali ............................................................................................................................................ 26 Tabella 1.18 – Numero di dottori di ricerca per anno di conseguimento del titolo e genere ............................................ 28 Tabella 3.1 – Informazioni anagrafiche inviate dagli Atenei coinvolti nell’indagine, per anno solare di conseguimento del titolo di Dottorato.............................................................................................................. 42 Tabella 3.2 – Lista degli Atenei che hanno rilasciato titoli di Dottore di Ricerca negli anni 1998 o 2003 o 2008 ........... 42 Tabella 3.3 – Informazioni anagrafiche inviate dagli Atenei coinvolti nell’indagine al 1 novembre 2009, per Ateneo e anno solare di conseguimento del titolo di Dottorato ....................................................................... 45 Tabella 3.4 – Consistenza delle liste dei Dottori inviate dagli Atenei, Dottori effettivamente contattabili e interviste effettuate (valori assoluti) ................................................................................................................ 57 Tabella 3.5 – Consistenza delle liste dei Dottori inviate dagli Atenei, Dottori effettivamente contattabili e interviste effettuate (valori percentuali) ........................................................................................................... 60 Tabella 3.6 - Dottori di ricerca 1998 contattabili vs intervistati per area del dottorato .................................................... 63 Tabella 3.7 - Dottori di ricerca 2003 contattabili vs intervistati per area del dottorato .................................................... 64 Tabella 3.8 - Dottori di ricerca 2008 contattabili vs intervistati per area del dottorato .................................................... 65 Tabella 4.1 – Motivo principale per cui ha deciso di iscriversi al Corso di Dottorato in cui ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca .............................................................................................................................. 68 Tabella 4.2 - Motivo principale per cui ha deciso di iscriversi al Corso di Dottorato in cui ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca, per aree disciplinari. Coorte 2008 (percentuali di riga) ................................................ 68 Tabella 4.3 - Aspetti della formazione ricevuta durante il Corso di Dottorato. Coorte 2008 ........................................... 70 Tabella 4.4 – Domanda: se potesse tornare indietro, si iscriverebbe di nuovo ad un Corso di Dottorato? ....................... 70 Tabella 4.5 - Se potesse tornare indietro, si iscriverebbe di nuovo ad un Corso di Dottorato? Coorte 2008 (per aree disciplinari, percentuali di riga) ............................................................................................................... 71 Tabella 4.6 - Durante il Corso di Dottorato ha svolto una qualche attività lavorativa (inclusi co.co.co. e co.co.pro.)? ...................................................................................................................................................... 72 Tabella 4.7 - Durante il Corso di Dottorato ha svolto una qualche attività lavorativa (inclusi co.co.co. e co.co.pro.)? Coorte 2008 (per aree disciplinari, percentuali di riga)................................................................ 73 Tabella 4.8 - Lei lavorava al momento del conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca? ........................................... 73  v
    • Tabella 4.9 - Lei lavorava al momento del conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca? Coorte 2008 (per aree disciplinari, percentuali di riga) ............................................................................................................... 74 Tabella 4.10 – Titolarità di un dottorato durante il Dottorato di Ricerca.......................................................................... 75 Tabella 4.11 - Durante il Corso di Dottorato ha compiuto periodi di studio allestero?.................................................... 75 Tabella 4.12 - Durante il Corso di Dottorato ha compiuto periodi di studio allestero? Coorte 2008 (per aree disciplinari, percentuali di riga) ....................................................................................................................... 76 Tabella 4.13 - Motivo principale per cui ha deciso di iscriversi al Corso di Dottorato in cui ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca .............................................................................................................................. 76 Tabella 4.14 - Lei lavorava al momento del conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca? Coorte 2008 (per aree disciplinari, percentuali di riga) ............................................................................................................... 77 Tabella 4.15 - Il lavoro attuale è lo stesso che svolgeva al momento del conseguimento del titolo di Dottore? .............. 79 Tabella 4.16 - Il lavoro attuale è lo stesso che svolgeva al momento del conseguimento del titolo di Dottore? Coorte 2008 (per aree disciplinari, percentuali di riga) ................................................................................... 79 Tabella 4.17 - Il conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca ha comportato un miglioramento nel suo lavoro? ............................................................................................................................................................. 80 Tabella 4.18 – Miglioramento del lavoro (rispetto ad aspettative e ideali)....................................................................... 80 Tabella 4.19 – Aspetti del lavoro migliorati ..................................................................................................................... 81 Tabella 4.20 - In base a quale canale ha trovato l’attuale lavoro? Coorte 2008 ............................................................... 83 Tabella 4.21 - In base a quale canale ha trovato l’attuale lavoro? Coorte 2008 (per aree disciplinari, percentuali di riga).............................................................................................................................................................. 85 Tabella 4.22 - Il suo attuale lavoro è di tipo autonomo o dipendente? ............................................................................. 86 Tabella 4.23 - Con che tipo di contratto è regolato il lavoro da Lei attualmente svolto? ................................................. 86 Tabella 4.24 - Nel suo lavoro svolge mansioni di ricerca e sviluppo?.............................................................................. 86 Tabella 4.25 - Nel suo lavoro svolge attività di innovazione? .......................................................................................... 87 Tabella 4.26 - Nel suo lavoro svolge attività di innovazione? Coorte 2008 (per aree disciplinari, percentuali di riga).................................................................................................................................................................. 87 Tabella 4.27 - Può qualificarmi sotto il profilo giuridico il suo lavoro attuale? Coorte 2008 (per aree disciplinari, percentuali di riga) ....................................................................................................................... 89 Tabella 4.28 - Può qualificarmi sotto il profilo giuridico il suo lavoro attuale? ............................................................... 90 Tabella 4.29 - Presso quale sede universitaria presta servizio .......................................................................................... 90 Tabella 4.30 - Le attività di ricerca svolte nella posizione attuale sono coerenti con la formazione acquisita nel Corso di Dottorato in cui ha conseguito il titolo? ............................................................................................ 90 Tabella 4.31 - Le attività di ricerca svolte nella posizione attuale sono coerenti con la formazione acquisita nel Corso di Dottorato in cui ha conseguito il titolo? (per aree disciplinari, percentuali di riga) .......................... 91 Tabella 4.32 - Pubblicazioni e partecipazione a progetti di ricerca. Coorti 2003 e 2008 ................................................. 92 Tabella 4.33 - Luogo in cui lavora .................................................................................................................................... 93 Tabella 4.34 - Luogo in cui lavora (per aree disciplinari, percentuali di riga) .................................................................. 93 Tabella 4.35 - Quanti dipendenti ha lazienda per cui lavora? .......................................................................................... 94 Tabella 4.36 - Può indicarmi il ramo di attività economica dellazienda per cui lavora?.................................................. 95 Tabella 4.37 - Quanto le è utile sul lavoro la formazione ricevuta durante il corso di dottorato? .................................... 95 Tabella 4.38 - Quanto le è utile sul lavoro la formazione ricevuta durante il corso di dottorato? (per area disciplinare, percentuali di riga) ...................................................................................................................... 96 Tabella 4.39 - Può esprimere su una scala da 1 a 10 (dove 1 = per niente e 10 = moltissimo) il suo livello di soddisfazione per i seguenti aspetti del lavoro attuale? Coorti 2003 e 2008.................................................... 97 Tabella 4.40 - Può indicare il reddito mensile netto medio da Lei percepito? .................................................................. 99 Tabella 4.41 - Può indicare il reddito mensile netto medio da Lei percepito? (per area disciplinare, percentuali di riga)............................................................................................................................................................ 100 Tabella 4.42 - Negli ultimi tre mesi Lei ha cercato attivamente un nuovo lavoro? ........................................................ 101 Tabella 4.43 - Qual è la principale motivazione che l’ha indotta ad avviare la ricerca di un nuovo lavoro?.................. 102 Tabella 4.44 - L’ultimo lavoro svolto era lo stesso che svolgeva al momento del conseguimento del titolo? ............... 103  vi
    • Tabella 4.45 - Il conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca ha comportato un miglioramento nel suo lavoro? ........................................................................................................................................................... 103 Tabella 4.46 - Quali aspetti del suo lavoro sono migliorati? .......................................................................................... 103 Tabella 4.47 - Per quale motivo è stata interrotta la sua ultima attività lavorativa? ....................................................... 105 Tabella 4.48 - Negli ultimi tre mesi Lei ha cercato attivamente un lavoro? Coorti 2003 e 2008 ................................... 105 Tabella 4.49 - Su una scala da 1 a 10 (dove 1 = per niente e 10 = moltissimo) quanto sono importanti per Lei i seguenti aspetti nella ricerca di un lavoro? .................................................................................................... 106 Tabella 4.50 - Lei attualmente cerca lavoro? .................................................................................................................. 108 Tabella 4.51 - Quale tipo di lavoro cercava? .................................................................................................................. 108 Tabella 4.52 - Su una scala da 1 a 10 (dove 1 = per niente e 10 = moltissimo) quanto sono importanti per Lei i seguenti aspetti nella ricerca di un lavoro? .................................................................................................... 109 Tabella 4.53 - Per quale motivo non cerca lavoro?......................................................................................................... 109 Tabella 4.54 - Qual è il motivo principale per cui ha deciso di iscriversi al Corso di Dottorato in cui ha conseguito il titolo? (dottori di ricerca 1998)................................................................................................. 110 Tabella 4.55 – Titolarità di borsa durante il Dottorato in cui ha conseguito il titolo (dottori di ricerca 1998) ............... 111 Tabella 4.56 – Se potesse tornare indietro, si iscriverebbe di nuovo ad un Corso di Dottorato? (dottori di ricerca 1998) .............................................................................................................................................................. 111 Tabella 4.57 – Sintesi dei giudizi su scala 1-10 relativi ad alcuni aspetti del dottorato frequentato (dottori di ricerca 1998) .................................................................................................................................................. 111 Tabella 4.58 – Durante il Corso di Dottorato ha compiuto periodi di studio allestero? (dottori di ricerca 1998) .......... 112 Tabella 4.59 – Durante il Corso di Dottorato ha svolto una qualche attività lavorativa (inclusi co.co.co. e co.co.pro.)? (dottori di ricerca 1998) ............................................................................................................. 112 Tabella 4.60 – Lei lavorava al momento del conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca? (dottori di ricerca 1998) .............................................................................................................................................................. 112 Tabella 4.61 - Condizione occupazionale a 1 anno, a 5 anni e attuale (dottori di ricerca 1998)..................................... 113 Tabella 4.62 - Principali percorsi occupazionali (numerosità ≥10): condizione a 1 anno, a 5 anni e attuale (dottori di ricerca 1998) ................................................................................................................................. 113 Tabella 4.63 – Storia occupazionale dei dottori di ricerca che attualmente lavorano (dottori di ricerca 1998) .............. 114 Tabella 4.64 – Il suo lavoro attuale coincide con il primo lavoro iniziato dopo il conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca? (dottori di ricerca 1998) ................................................................................................. 114 Tabella 4.65 – In base a quale canale ha trovato l’attuale lavoro? (dottori di ricerca 1998)........................................... 115 Tabella 4.66 – Il suo attuale lavoro è di tipo autonomo o dipendente? (dottori di ricerca 1998).................................... 115 Tabella 4.67 – Tipo di contratto dei dottori occupati come dipendenti (dottori di ricerca 1998) ................................... 115 Tabella 4.68 – Ha fatto avanzamenti di carriera nell’ambito del lavoro attualmente svolto? (dottori di ricerca 1998) .............................................................................................................................................................. 115 Tabella 4.69 – Profilo giuridico dei dottori occupati come dipendenti (dottori di ricerca 1998) .................................... 116 Tabella 4.70 – Ateneo di appartenenza dei dottori occupati come universitari (dottori di ricerca 1998) ....................... 116 Tabella 4.71 – Pubblicazioni e partecipazione a progetti di ricerca (dottori di ricerca 1998)......................................... 117 Tabella 4.72 – Numero medio di pubblicazioni su riviste internazionali per le coorti 1998, 2003 e 2008 e calcolo dei tassi medi di crescita .................................................................................................................... 118 Tabella 4.73 – Le attività di ricerca svolte nella posizione attuale sono coerenti con la formazione acquisita nel Corso di Dottorato in cui ha conseguito il titolo? (dottori di ricerca 1998) ................................................... 119 Tabella 4.74 – Nazione in cui viene prevalentemente svolto il lavoro attuale (dottori di ricerca 1998) ......................... 119 Tabella 4.75 – Quanto le è utile sul lavoro la formazione ricevuta durante il corso di dottorato? (dottori di ricerca 1998) .................................................................................................................................................. 119 Tabella 4.76 – Oltre allattività principale Lei svolge un’altra attività retribuita? (dottori di ricerca 1998) ................... 120 Tabella 4.77 – Reddito mensile netto medio percepito (dottori di ricerca 1998) ............................................................ 120 Tabella 4.78 – Sintesi dei giudizi su scala 1-10 relativi ad alcuni aspetti del lavoro attuale (dottori di ricerca 1998) .............................................................................................................................................................. 121 Tabella 4.79 – Negli ultimi tre mesi Lei ha cercato attivamente lavoro? (dottori di ricerca 1998) ................................ 121  vii
    • Tabella 5.1 – Dottori 2008 occupati e percentuale di occupati per macro-area del dottorato ......................................... 124 Tabella 5.2 - Utilizzo della formazione per storia occupazionale (percentuali di colonna) ............................................ 125 Tabella 5.3 – Percentuale di dottori che ritengono fondamentale la formazione ricevuta, per area del dottorato e storia occupazionale....................................................................................................................................... 126 Tabella 5.4 – Storia occupazionale per area del dottorato (percentuali di riga) .............................................................. 126 Tabella 5.5 – Struttura multilivello del campione........................................................................................................... 129 Tabella 5.6 – Variabili esplicative a livello di dottore per area del dottorato (percentuale di dottori che presentano la caratteristica denotata dalla variabile binaria) ......................................................................... 130 Tabella 5.7 – Risultati del modello logistico a intercetta casuale per l’analisi dell’utilizzo della formazione ricevuta durante il dottorato (livello 2: corsi di dottorato): modello con variabili esplicative a livello di dottore. ....................................................................................................................................................... 131 Tabella 5.8 – Giudizi medi per macro-area del dottorato ............................................................................................... 133 Tabella 5.9 – Risultati del modello logistico a intercetta casuale per l’analisi dell’utilizzo della formazione ricevuta durante il dottorato (livello 2: corsi di dottorato): modello con variabili esplicative a livello di dottore e a livello di corso di dottorato. ..................................................................................................... 133 Tabella 5.10 – Classificazione per area di dottorato del numero di occupati, della percentuale di occupati e della percentuale di lavoratori che ritengono fondamentale la formazione ricevuta (dottori di ricerca del 2008) ........................................................................................................................................................ 136 Tabella 5.11 – Storia occupazionale per area del dottorato – coorte 2008 (percentuali di riga, classificazione a 23 aree) .......................................................................................................................................................... 137 Tabella 5.12 – Variabili esplicative a livello di dottore per area del dottorato – coorte 2008 (percentuale di dottori che presentano la caratteristica denotata dalla variabile binaria, classificazione a 23 aree) ............... 139 Tabella 5.13 – Risultati del modello logistico a intercetta casuale per l’analisi dell’utilizzo della formazione ricevuta durante il dottorato – coorte 2008 (livello 2: aree di dottorato; modello con variabili esplicative a livello di dottore) ....................................................................................................................... 140 Tabella 5.14 – Graduatorie di efficacia delle aree in base alle medie a posteriori degli effetti casuali – coorte 2008 (valori standardizzati, posizione riferita alla graduatoria da modello nullo) ......................................... 141 Tabella 5.15 – Profilo occupazionale dei dottori 2008 e percentuale di coloro che ritengono fondamentale la formazione ricevuta ....................................................................................................................................... 142 Tabella 5.16 – Profilo occupazionale dei dottori 2008 per area del dottorato (modalità aggregate, percentuali di riga)................................................................................................................................................................ 143 Tabella 5.17 – Profilo occupazionale dei dottori 2008 per area del dottorato (modalità originali, percentuali di colonna) ......................................................................................................................................................... 145 Tabella 5.18 – Classificazione per area di dottorato del numero di occupati, della percentuale di occupati e della percentuale di lavoratori che ritengono fondamentale la formazione ricevuta (dottori di ricerca del 2003) ........................................................................................................................................................ 148 Tabella 5.19 – Percentuale di occupati e percentuale di lavoratori che ritengono fondamentale la formazione ricevuta: dottori di ricerca 2003 vs dottori di ricerca 2008 ............................................................................ 149 Tabella 5.20 – Profilo occupazionale e percentuale di coloro che ritengono fondamentale la formazione ricevuta: dottori di ricerca 2003 vs dottori di ricerca 2008 ............................................................................ 150 Tabella 5.21 – Variabili esplicative del modello di regressione – dottori 2003 vs dottori 2008 ..................................... 151 Tabella 5.22 – Risultati del modello logistico a intercetta casuale per l’analisi dell’utilizzo della formazione ricevuta durante il dottorato – coorte 2003 (livello 2: aree di dottorato; modello con variabili esplicative a livello di dottore) ....................................................................................................................... 151 Tabella 5.23 – Graduatorie di efficacia delle aree in base alle medie a posteriori degli effetti casuali – coorte 2003 (valori standardizzati, posizione riferita alla graduatoria da modello nullo) ......................................... 152 Tabella 6.1 - Sequenza dei bandi concorsuali dalla prima applicazione della legge 210/98 .......................................... 163 Tabella 6.2 - Personale docente e ricercatore dal 31 dicembre 1998 e al 31 dicembre 2008 per qualifica (valori assoluti e percentuali) .................................................................................................................................... 164 Tabella 6.3 - Personale docente e ricercatore dal 1998 al 2008 per ruolo e area scientifico disciplinare ....................... 165  viii
    • Tabella 6.4 - Personale docente e ricercatore dal 1998 al 2008 per ruolo e area scientifico disciplinare (variazioni assolute e percentuali) ................................................................................................................. 166 Tabella 6.5 - Assegnisti in servizio per area scientifico-disciplinare .............................................................................. 166 Tabella 6.6 - Idonei (ad agosto 2007), primi idonei chiamati e chiamati successivamente nel ruolo di professori ordinari e professori associati ........................................................................................................................ 167 Tabella 6.7 – Chiamate a professore ordinario: posizioni precedentemente occupate nei ruoli dei docenti ................... 167 Tabella 6.8 - Chiamate a professore associato: posizioni precedentemente occupate nei ruoli dei docenti ................... 168 Tabella 6.9 - Concorsi per ricercatore ............................................................................................................................ 168 Tabella 6.10 - Distribuzione degli ex assegnisti di ricerca ora inquadrati nei ruoli del personale universitario al 1 luglio 2006 e al 1 luglio 2007 ..................................................................................................................... 168 Tabella 6.11 - Uscite effettive e uscite previste per raggiunti limiti di età del personale docente (2000-2008) ............. 169 Tabella 6.12 - Uscite previste per raggiunti limiti di età del personale docente per area scientifica nei periodi 2009-2016 ...................................................................................................................................................... 170 Tabella 6.13 - Uscite previste per raggiunti limiti di età del personale docente per area scientifica nei periodi 2009-2013 ...................................................................................................................................................... 171  ix
    • x
    • INDICE DELLE FIGUREFigura 5.1 - Utilizzo della formazione per storia occupazionale .................................................................................... 125 Figura 5.2 - Modello di regressione logistica ordinale per l’utilizzo della formazione ricevuta durante il dottorato ........................................................................................................................................................ 127 Figura 5.3 – Aree di dottorato: percentuale di coloro che ritengono fondamentale la formazione ricevuta versus percentuale di occupati ......................................................................................................................... 137 Figura 5.4 – Aree di dottorato: percentuale di coloro che ritengono fondamentale la formazione ricevuta versus percentuale di coloro che hanno mantenuto lo stesso lavoro................................................................ 138 Figura 6.1 - Uscite effettive e uscite previste per raggiunti limiti di età del personale docente (2000-2008) ................................................................................................................................................................... 170 Figura 6.2 - Uscite previste per raggiunti limiti di età del personale docente per area scientifica nei periodi 2009-2016 ......................................................................................................................................................... 171  xi
    • xii
    • PresentazioneLa normativa che attualmente regola il Sistema Universitario Italiano attribuisce al Ministerodell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) il compito di definire gli obiettivi principalie le strategie generali di sviluppo del sistema universitario, riconoscendo agli Atenei un’ampiaautonomia finanziaria, manageriale ed organizzativa, anche se parte dei finanziamenti accordati èvincolata al soddisfacimento di specifici requisiti. Ciò ha determinato la necessità della definizionedi un sistema di valutazione a struttura piramidale, articolato in livelli decisionali distinti: all’apicesono collocati gli organi di valutazione di primo livello rappresentati dal Comitato Nazionale per laValutazione del Sistema Universitario (CNVSU) 1 e dal Comitato di Indirizzo per la Valutazionedella Ricerca (CIVR), mentre gli organi di valutazione di secondo livello si identificano nei Nucleidi Valutazione Interna (NVI) dei singoli atenei; ai livelli inferiori si collocano le facoltà ed i corsi distudio. Il tema della valutazione interna nelle università in Italia è stato introdotto dalle leggi 168/89 e537/93; la prima legge prevede l’attuazione di forme di controllo interno sull’efficienza e suirisultati della gestione nelle università; la seconda legge prevede l’istituzione nelle università deiNuclei di Valutazione Interna (NVI). Una nuova legge (l. 19 ottobre, n. 370 – G.U. n. 252 del 26/10/1999) dispone norme volte adisciplinare, più compiutamente, la valutazione del sistema universitario: “Le università adottanoun sistema di valutazione interna della gestione amministrativa, delle attività didattiche e diricerca, degli interventi di sostegno al diritto allo studio …” (art. 1, comma 1). Ulterioriprecisazioni sulla riforma sono contenute nel D.M. n.270/04 contenente le modifiche alregolamento recante le norme concernenti l’autonomia didattica degli atenei. Una specificazione del ‘cosa e come valutare’ i Corsi di Dottorato è contenuta nelRegolamento in materia di Dottorato di Ricerca (D.M. 30 aprile 1999, n. 224, art. 3, comma 2) emeglio specificato nell’RDR 01/06: “Progetto per la ricognizione, raccolta e analisi dei datiesistenti sul dottorato di ricerca e per l’indagine sull’inserimento professionale dei dottori diricerca” del Comitato Nazionale per la Valutazione del Sistema Universitario (CNVSU) e nella notaMinisteriale: “Relazione 2009 dottorati di ricerca” del 23 gennaio 2009.1 Al riguardo si segnala il contributo Definizione di criteri di classificazione e la valutazione delle caratteristiche dell’offerta formativa universitaria del CNVSU (RdR 01/08). 1
    • In un recente documento della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (CRUI):“Criteri per la revisione del dottorato di ricerca” 2 si afferma che: “Il Dottorato costituisce il terzolivello di formazione universitaria ed è il grado più alto di specializzazione offerto dalle Universitàsia per le carriere accademiche e di ricerca sia per quelle nel mondo produttivo, in particolare diquello attento all’innovazione. …..Il Dottorato si svolge nelle Scuole di Dottorato. L’istituzione diuna Scuola di Dottorato deve rispondere a precisi requisiti di dimensione e di qualità. … Tra gliindicatori di qualità per la valutazione periodica delle Scuole dovranno avere particolarerilevanza: …..14. Condizione occupazionale dei dottori di ricerca entro cinque anni dalconseguimento del titolo (misura del raggiungimento dell’obbiettivo principale del dottorato)…”. Su questo tema è stato realizzata la ricerca dal titolo CONDIZIONE ATTUALE E PROSPETTIVEOCCUPAZIONALI DEI DOTTORI DI RICERCA, finanziata dal CNVSU a seguito di una convenzione trail CNVSU e il Dipartimento di Statistica “G. Parenti” dell’Università degli Studi di Firenze,formalizzata in data 31 Marzo 2009. L’utilità di un approfondimento conoscitivo sulle prospettive occupazionali dei dottori diricerca, da sempre sentita, assume rilevanza ancora maggiore in questa fase particolare ditrasformazione del sistema universitario italiano e del manifestarsi in modo sempre più accentuatodel fenomeno dell’over-education. L’obiettivo principale di questa nota è quello di fornire spunti di riflessione che si possanorivelare di qualche utilità nell’attività di programmazione e gestione della formazione a livello didottorato in Italia attraverso una prima analisi delle loro prospettive occupazionali. La formazione dei dottori di ricerca è finalizzata all’acquisizione di competenze destinateall’utilizzo nel settore della ricerca che, nella generalità dei casi, i dottorandi ritengono o sperano dipoter svolgere in ambito universitario. Purtroppo, tali aspettative, come si avrà modo di evidenziarenelle pagine successive, non sembrano trovare un confortante riscontro. Il Rapporto è articolato in 7 capitoli, nel primo capitolo si procede ad un esamesufficientemente dettagliato delle caratterizzazioni più rilevanti del sistema universitario italiano intermini di domanda e di offerta formativa di terzo livello; nel secondo capitolo viene fornita unaparziale sintesi dei contributi più recenti forniti, sia a livello internazionale che nazionale, sul temadella condizione occupazionale dei dottori di ricerca; il terzo capitolo è dedicato alla illustrazionedella indagine condotta; il quarto capitolo è interamente dedicata alla illustrazione dei risultaticonseguiti attraverso una puntuale analisi descrittiva dei dati raccolti mentre nel quinto capitolo siprocede ad un approfondimento conoscitivo, attraverso limpiego della modellistica multilivello,sullutilità e lutilizzo della formazione ricevuta nel contesto lavorativo; il sesto capitolo, contieneuna sintesi della letteratura più recente sul tema dellover-education ed alcune indicazioni sulleprospettive occupazionali dei dottori di ricerca; le conclusioni e 3 appendici completano ilRapporto.2 http://www.bda.unict.it/Public/Uploads/article/DOTTORATO(1).pdf. 2
    • La realizzazione della ricerca non sarebbe stata possibile senza la fattiva collaborazione degliAtenei sede di dottorato che, nei limiti delle loro possibilità, hanno fornito i nominativi e gliindirizzi dei dottori che hanno conseguito il titolo negli anni 1998, 2003 e 2008; a tutto il personalepreposto agli uffici competenti presso i diversi atenei va un sentito ringraziamento del gruppo dilavoro. Analogo ringraziamento è rivolto alling. Guido Fiegna, membro del CNVSU, alla dott.ssaEnza Setteducati, della segreteria del CNVSU, e al dott. Lucio Masserini, dottorando in Statisticaapplicata presso il Dipartimento di Statistica "G. Parenti" dellUniversità di Firenze. Unapprezzamento, infine, alla Società Valmon s.r.l. che, in un contesto particolarmente difficile, èriuscita a portare a termine lindagine in modo encomiabile.Firenze, 30 Novembre 2010 3
    • 4
    • 1 La domanda e l’offerta formativa di terzo livelloIntroduzioneL’analisi si riferisce ai dottorati di ricerca che costituiscono il terzo livello di formazione delsistema universitario nazionale. In particolare, sono state analizzate l’offerta e la domandaformativa e il rapporto tra queste. In conclusione è stato tracciato un profilo sintetico dei dottori diricerca. L’offerta è stata misurata, dal numero di corsi di dottorato, dal numero di posti disponibili edal numero di borse di studio. Il numero di corsi, insieme alle aree disciplinari, definiscono lavarietà e l’ampiezza dei contenuti formativi, il numero di posti disponibili e il numero di borse distudio quantificano la concreta possibilità di accesso ai corsi di alta formazione. La domanda è statainvece misurata considerando il numero di presenti alla prova di ammissione. La caratterizzazionedell’offerta e della domanda è stata fatta considerando l’area disciplinare dei corsi di dottorato e gliatenei che hanno attivato i corsi. L’analisi prende in considerazione i cicli di dottorato XVII, XVIII, XIX, XX e XXI poiché diquesti sono disponibili tutte le caratteristiche osservate (area disciplinare, ateneo, numero di corsi,numero di posti disponibili, numero di borse di studio, numero di presenti alla prova di ammissione,numero di ammessi per genere e numero di ammessi stranieri per genere). Per un sottoinsieme diqueste (ateneo, numero di corsi, numero di posti disponibili, numero di ammessi per genere enumero di ammessi stranieri per genere) i dati sono disponibili dal ciclo XIV. Per talicaratteristiche, l’evoluzione dell’intero periodo (cicli dal XIV al XXI) è stata riportata in nota. I dati sono stati acquisiti dall’Ufficio di Statistica del MIUR e si riferiscono all’ “IndaginesullIstruzione Universitaria” (http://www.miur.it).1.1 L’offerta formativa di terzo livello1.1.1 Il numero dei corsi di dottorato di ricercaLa dinamica dell’offerta formativa dal lato del numero dei corsi di dottorato di ricerca si puòcomprendere considerando il saldo della differenza tra il numero di nuove istituzioni e il numero dicessazioni dei corsi attivi nell’anno precedente Tabella 1.1. Nel periodo considerato, le istituzioni dinuovi corsi sono state 1894 mentre le cessazioni sono state 1502 originando un saldo complessivopositivo di 392 unità. In conseguenza di questa dinamica, il numero di corsi attivati negli ateneiitaliani è passato da 1861 del ciclo XVII a 2253 del ciclo XXI, pari ad un incremento complessivodel 21,1%, corrispondente ad un tasso medio di crescita del 4,9% ad ogni ciclo . 5
    • La maggior parte di questo incremento si è però consumato con il ciclo XVII quando si sonoregistrate 600 nuove istituzioni, 222 unità in più rispetto al numero di cessazioni.Tabella 1.1 – Bilancio demografico dei corsi di dottorato per ciclo Ammontare Movimento Ammontare Ciclo iniziale Attivazioni Cessazioni Saldo finale14 1346 727 398 329 167515 1675 537 410 127 180216 1802 489 430 59 186117 1861 600 379 221 208218 2082 445 434 11 209319 2093 423 370 53 214620 2146 426 319 107 225321 2253 n.d. n.d. n.d. n.d.Totale 3647 2740 9071.1.2 Il numero di corsi, di posti disponibili e delle borse di studioIl numero di posti disponibili è cresciuto più velocemente rispetto a quello dei corsi. Nel periodoconsiderato, i posti sono infatti passati da 10770 del ciclo XVII a 15463 del ciclo XXI, facendoregistrare un incremento del 43,6%. In conseguenza dei diversi ritmi di crescita, il numero di postiper ciascun corso di dottorato è salito da 5,8 del ciclo XVII a 6,9 del ciclo XXI (Tabella 1.2). Nello stesso periodo, il numero di borse di studio è aumentato ad un ritmo più lento rispetto aquello dei posti disponibili, passando da 6122 del ciclo XVII a 8297 del ciclo XXI, pari ad unincremento del 35,5%. La quota di offerta retribuita è così diminuita dal 56,8% del ciclo XVII al53,7% del ciclo XXI.Tabella 1.2 – Numero di corsi, di posti disponibili, di borse e di presenti alla prova, per ciclo di dottorato Numero Numero posti Numero borse di Numero presenti Ciclo dottorati disponibili studio alla prova XIV 1346 4865 - - XV 1675 8245 5291 - XVI 1802 9984 6059 - XVII 1861 10770 6122 18051 XVIII 2082 12668 7012 24380 XIX 2093 13489 7340 28457 XX 2146 14498 7897 27458 XXI 2253 15463 8297 25743 6
    • 1.1.3 Le aree disciplinariLa distribuzione dei corsi di dottorato e dei posti disponibili per area disciplinare (Tabella 1.3,Tabella 1.4) sembra evidenziare una certa concentrazione dell’offerta formativa nelle “scienzemediche” che al termine del periodo considerato (ciclo XXI) comprendono il 17,8% dei corsi e il15,1% dei posti disponibili. Tra le altre aree disciplinari si possono segnalare le “scienze giuridiche”(9,3% dei corsi e 8,3% dei posti disponibili), le “scienze dell’antichità e filologico-letterarie” (8,4%dei corsi e 6,9% dei posti disponibili), le “scienze biologiche” (8,2% dei corsi e 9,0% dei postidisponibili), l’“ingegneria civile e architetture” (7,8% dei corsi e 7,4% dei posti disponibili) el’“ingegneria industriale” (6,0% dei corsi e 7,5% dei posti disponibili). Per tutte queste aree simantiene un certo equilibrio tra numero di corsi e numero di posti disponibili. La crescita più significativa nel periodo considerato (cicli dal XVII al XXI), tra le areedisciplinari che ricoprono un certa importanza in termini dimensionali, è stata registrata dalle“scienze politiche e sociali” (+47,4% dei corsi e +85,2% dei posti disponibili) e dalle “scienzegiuridiche” (+42,1% dei corsi e +74,1% dei posti disponibili) mentre in ambito scientifico si puòsegnalare il progresso delle “scienze matematiche”, il cui incremento sembra più proporzionato(+37,1% dei corsi e +29,7% dei posti disponibili). Le “scienze fisiche” sono invece le uniche chehanno fatto registrare una tendenza di segno opposto dal lato dei corsi (-1,8%) alla quale siaggiunge un progresso inferiore rispetto alla media nei posti disponibili (+17,7%). Le “scienze fisiche” (60,5%), le “scienze statistiche” (59,7%) e l’“ingegneriadell’informazione” (58,3%) sono le aree con la quota di offerta retribuita più elevata, mentre nelle“scienze politiche e sociali” (47,5%), nelle “scienze pedagogiche” (47,8%) e nelle “scienzepsicologiche, geografiche e demo-etno-antropologiche” (48,6%) le borse di studio sono meno dellametà dei posti disponibili. 7
    • Tabella 1.3 – Numero di dottorati per area e ciclo (valori assoluti) CicloArea XVII XVIII XIX XX XXIIngegneria civile e Architettura 148 155 168 163 173Ingegneria dellinformazione 57 69 71 75 74Ingegneria industriale 117 130 119 129 133Scienze agrarie 97 101 94 100 107Scienze biologiche 154 181 174 181 183Scienze chimiche 77 84 81 83 86Scienze della terra 43 45 46 46 43Scienze dellantichità e filologico-letterarie 160 203 175 185 186Scienze delle attività motorie e delle discipline sportive 1 1 3 4 5Scienze economiche (aziendali) 58 66 70 77 71Scienze economiche (socio-politiche) 47 55 68 68 58Scienze fisiche 57 59 65 59 56Scienze giuridiche 145 181 183 189 206Scienze informatiche 14 14 13 18 19Scienze matematiche 35 41 42 42 48Scienze mediche 326 358 357 361 395Scienze pedagogiche 20 18 25 32 36Scienze politiche e sociali 57 78 74 75 84Scienze psicologiche, geografiche e demoetnoantropologiche 38 39 48 47 53Scienze statistiche 18 25 27 18 23Scienze storiche e filosofiche 111 118 112 109 111Scienze storico-artistiche 19 25 36 36 32Scienze veterinarie 34 34 38 39 41Totale validi 1833 2080 2089 2136 2223Non definita 28 2 4 10 30Totale assoluto 1861 2082 2093 2146 2253 8
    • Tabella 1.4 – Numero di dottorati per area e ciclo (percentuali di colonna) CicloArea XVII XVIII XIX XX XXIIngegneria civile e Architettura 8,1 7,5 8,0 7,6 7,8Ingegneria dellinformazione 3,1 3,3 3,4 3,5 3,3Ingegneria industriale 6,4 6,3 5,7 6,0 6,0Scienze agrarie 5,3 4,9 4,5 4,7 4,8Scienze biologiche 8,4 8,7 8,3 8,5 8,2Scienze chimiche 4,2 4,0 3,9 3,9 3,9Scienze della terra 2,3 2,2 2,2 2,2 1,9Scienze dellantichità e filologico-letterarie 8,7 9,8 8,4 8,7 8,4Scienze delle attività motorie e delle discipline sportive 0,1 0,0 0,1 0,2 0,2Scienze economiche (aziendali) 3,2 3,2 3,4 3,6 3,2Scienze economiche (socio-politiche) 2,6 2,6 3,3 3,2 2,6Scienze fisiche 3,1 2,8 3,1 2,8 2,5Scienze giuridiche 7,9 8,7 8,8 8,8 9,3Scienze informatiche 0,8 0,7 0,6 0,8 0,9Scienze matematiche 1,9 2,0 2,0 2,0 2,2Scienze mediche 17,8 17,2 17,1 16,9 17,8Scienze pedagogiche 1,1 0,9 1,2 1,5 1,6Scienze politiche e sociali 3,1 3,8 3,5 3,5 3,8Scienze psicologiche, geografiche e demoetnoantropologiche 2,1 1,9 2,3 2,2 2,4Scienze statistiche 1,0 1,2 1,3 0,8 1,0Scienze storiche e filosofiche 6,1 5,7 5,4 5,1 5,0Scienze storico-artistiche 1,0 1,2 1,7 1,7 1,4Scienze veterinarie 1,9 1,6 1,8 1,8 1,8Totale validi 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 9
    • Tabella 1.5 – Numero di dottorati per area e ciclo (numeri indici a base fissa: base ciclo XVII = 100) CicloArea XVII XVIII XIX XX XXIIngegneria civile e Architettura 100,0 104,7 113,5 110,1 116,9Ingegneria dellinformazione 100,0 121,1 124,6 131,6 129,8Ingegneria industriale 100,0 111,1 101,7 110,3 113,7Scienze agrarie 100,0 104,1 96,9 103,1 110,3Scienze biologiche 100,0 117,5 113,0 117,5 118,8Scienze chimiche 100,0 109,1 105,2 107,8 111,7Scienze della terra 100,0 104,7 107,0 107,0 100,0Scienze dellantichità e filologico-letterarie 100,0 126,9 109,4 115,6 116,3Scienze delle attività motorie e delle discipline sportive 100,0 100,0 300,0 400,0 500,0Scienze economiche (aziendali) 100,0 113,8 120,7 132,8 122,4Scienze economiche (socio-politiche) 100,0 117,0 144,7 144,7 123,4Scienze fisiche 100,0 103,5 114,0 103,5 98,2Scienze giuridiche 100,0 124,8 126,2 130,3 142,1Scienze informatiche 100,0 100,0 92,9 128,6 135,7Scienze matematiche 100,0 117,1 120,0 120,0 137,1Scienze mediche 100,0 109,8 109,5 110,7 121,2Scienze pedagogiche 100,0 90,0 125,0 160,0 180,0Scienze politiche e sociali 100,0 136,8 129,8 131,6 147,4Scienze psicologiche, geografiche e demoetnoantropologiche 100,0 102,6 126,3 123,7 139,5Scienze statistiche 100,0 138,9 150,0 100,0 127,8Scienze storiche e filosofiche 100,0 106,3 100,9 98,2 100,0Scienze storico-artistiche 100,0 131,6 189,5 189,5 168,4Scienze veterinarie 100,0 100,0 111,8 114,7 120,6Totale validi 100,0 113,5 114,0 116,5 121,3Non definita 100,0 7,1 14,3 35,7 107,1Totale assoluto 100,0 111,9 112,5 115,3 121,1 10
    • 1.1.4 Gli AteneiNelle Tabelle 2.6 e 2.7 sono riportati i dati sui dottorati distinti per ateneo e ciclo mentre i datirelativi al numero di posti disponibili per area e ciclo sono riportati nella Tabella 1.8, Tabella 1.9 eTabella 1.10. L’offerta formativa dell’Università degli Studi di Bologna, al termine del periodoconsiderato (ciclo XXI), è quella più numerosa con 122 corsi di dottorato di ricerca (5,4%) e 756posti disponibili (4,9%), a conferma della vocazione universitaria della città. Tra gli altri atenei sipossono segnalare l’Università degli Studi di Padova (4,3% dei corsi e 4,4% dei posti disponibili),l’Università degli Studi di Catania (4,3% dei corsi ma 2,8% dei posti disponibili), l’Università degliStudi di Firenze (4,0% dei corsi e 3,9% dei posti disponibili) e l’Università degli Studi “Federico II”di Napoli (3,6% dei corsi e 4,5% dei posti disponibili). In queste università il numero di corsi didottorato è di poco inferiore alle cento unità. Tra gli atenei che avevano un certa rilevanza in termini dimensionali all’inizio del periodo(ciclo XVII), la crescita più significativa è stata registrata dall’Università degli Studi di Modena eReggio-Emilia (+63,2% dei corsi e +76,2% dei posti disponibili), dall’Università degli Studi RomaIII (+34,8% dei corsi e +25,5% dei posti disponibili) e dall’Università degli Studi di Messina(+32,7% dei corsi e +44,3% dei posti disponibili) . In direzione opposta sono andate invece l’Università degli Studi di Siena (-43,9% dei corsi ma+22,9% dei posti disponibili), il Politecnico di Torino (-31,4% dei corsi e -0,4% dei postidisponibili), l’Università degli Studi di Ferrara (-30,4% dei corsi ma +29,1% dei posti disponibili) el’Università degli Studi di Bari (-7,9% dei corsi ma +15,4% dei posti disponibili) . L’oppostadinamica di crescita osservata nel numero di corsi rispetto al numero di posti disponibili in alcune diqueste università ha portato ad una maggiore concentrazione di posti disponibili nei corsi didottorato rimasti attivi. 11
    • Tabella 1.6 – Numero di dottorati per ateneo e ciclo (valori assoluti) Ciclo Ateneo XIV XV XVI XVII XVIII XIX XX XXIAncona - Università Politecnica delle Marche 15 14 19 21 20 21 20 22Arcavacata di Rende - Università della Calabria 14 22 19 30 31 30 30 32Bari - Politecnico 4 6 10 12 12 12 14 14Bari - Università degli studi 62 76 67 76 67 65 68 70Benevento - Università degli Studi del Sannio 1 4 4 4 4 4 4 4Bergamo - Università degli studi 2 2 2 3 5 6 8 9Bologna - Università degli studi 14 110 111 112 115 115 119 122Bolzano - Libera Università 2 2Brescia - Università degli studi 14 13 12 13 13 12 14 14Cagliari - Università degli studi 18 16 21 21 27 31 32 31Camerino - Università degli studi 7 8 6 7 7 8 9 11Campobasso - Università degli Studi del Molise 9 7 8 9 12 10 15 14Cassino - Università degli studi 1 3 6 8 11 12 13 16Castellanza - Università "Carlo Cattaneo" 1 1 1 1 2 1 1 1Catania - Università degli studi 60 67 75 76 80 85 86 98Catanzaro - Università degli Studi "Magna Grecia" 5 4 5 6 6 7 5 6Chieti e Pescara - Università degli Studi Gabriele DAnnunzio 18 22 25 31 24 39 31 30Ferrara - Università degli studi 20 25 25 23 17 15 15 16Firenze - Università degli studi 84 76 85 88 90 85 88 89Foggia - Università degli studi 4 9 9 14 17 20 22Genova - Università degli studi 57 56 60 57 24 27 27 60LAquila - Università degli studi 16 10 17 17 18 17 21 23Lecce - Università del Salento 24 33 34 39 38 38 39Macerata - Università degli studi 5 19 18 20 20 24 23 27Messina - Università degli studi 61 48 55 45 59 60 73Milano - Libera Università di Lingue e Comunicazione (IULM) 1 1 3 4 4 4 4 4Milano - Politecnico 27 27 30 30 30 29 30 30Milano - Università Cattolica del "Sacro Cuore" 39 37 43 44 43 50 48 50Milano - Università commerciale "Luigi Bocconi" 4 5 6 6 6 6 6Milano - Università degli studi 87 73 66 67 70 73 73 75Milano - Università Vita-Salute San Raffaele 2 2 2 2Milano-Bicocca - Università degli studi 12 18 23 28 26 28 28Modena e Reggio Emilia - Università degli studi 31 23 25 19 25 24 23 31Napoli - Istituto Universitario "Suor Orsola Benincasa" 1 3 1 3 6 3Napoli - Seconda Università degli studi 29 31 34 42 55 50 53 53Napoli - Università degli Studi "Federico II" 106 103 120 79 77 87 85 81 12
    • Ciclo Ateneo XIV XV XVI XVII XVIII XIX XX XXINapoli - Università degli Studi "L Orientale" 11 15 17 7 19 16 20 20Napoli - Università degli Studi "Parthenope" 4 4 5 5 5 5 5 8Padova - Università degli studi 66 55 72 83 86 85 100 96Palermo - Università degli studi 58 77 78 87 100 81 73 85Parma - Università degli studi 25 33 41 41 44 39 44 44Pavia - Università degli studi 34 38 39 37 37 36 38 37Perugia - Università degli studi 46 32 34 39 39 44 47 48Pisa - Università degli studi 70 56 55 57 57 59 58Potenza - Università degli Studi della Basilicata 8 11 9 10 12 8 8 14Reggio Calabria - Università degli Studi Mediterranea 6 12 15 15 21 21 24 24Roma - III Università degli studi 18 24 20 23 20 27 29 31Roma - Libera Università degli Studi San Pio V 1 1 1 1 1 1Roma - Libera Università internazionale studi sociali (LUISS) 1 2 3 5 5 7 9 10Roma - Libera Università Maria SS.Assunta (LUMSA) 2 2 3 2 2Roma - Università "Campus Bio-Medico" 1 1 3Roma - Università degli Studi "La Sapienza" nd nd nd nd 162 149 149 149Roma - Università degli Studi del "Foro Italico" 1 1 1Roma - Università degli Studi di "Tor Vergata" 46 44 46 55 58 63 64 64Salerno - Università degli studi 21 22 23 19 24 29 28 28Sassari - Università degli studi 17 18 18 14 17 15 20 20Siena - Università degli studi 43 44 48 57 60 42 37 32Siena - Università per stranieri 2 2 2 2 2 2 2 2Teramo - Università degli studi 4 3 5 8 8 13 12 13Torino - Politecnico 21 27 26 35 34 33 30 24Torino - Università degli studi 52 51 55 54 63 66 69 69Trento - Università degli studi 15 18 19 17 19 16 12 13Trieste - Università degli studi 31 29 28 29 32 32 28 30Udine - Università degli studi 15 19 20 21 17 19 19 19Urbino - Università degli Studi "Carlo Bo" 12 11 19 21 23 12 11 12Varese - Università dell Insubria 5 9 9 9 11 12 14Venezia - Università degli Studi "Cà Foscari" 10 12 16 18 22 17 16 17Venezia - Università IUAV 4 4 4 4 3 5 5 6Vercelli - Università degli Studi del Piemonte orientale "A. Avogadro" 3 3 6 8 6 3 6 8Verona - Università degli studi 17 16 19 23 28 29 32 28Viterbo - Università della Tuscia 4 10 14 10 11 11 13 15Totale 1346 1675 1802 1861 2082 2093 2146 2253 13
    • Tabella 1.7 – Numero di dottorati per ateneo e ciclo (percentuali di colonna) Ciclo Ateneo XIV XV XVI XVII XVIII XIX XX XXIAncona - Università Politecnica delle Marche 1,1 0,8 1,1 1,1 1,0 1,0 0,9 1,0Arcavacata di Rende - Università della Calabria 1,0 1,3 1,1 1,6 1,5 1,4 1,4 1,4Bari - Politecnico 0,3 0,4 0,6 0,6 0,6 0,6 0,7 0,6Bari - Università degli studi 4,6 4,5 3,7 4,1 3,2 3,1 3,2 3,1Benevento - Università degli Studi del Sannio 0,1 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2Bergamo - Università degli studi 0,1 0,1 0,1 0,2 0,2 0,3 0,4 0,4Bologna - Università degli studi 1,0 6,6 6,2 6,0 5,5 5,5 5,5 5,4Bolzano - Libera Università 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,1 0,1Brescia - Università degli studi 1,0 0,8 0,7 0,7 0,6 0,6 0,7 0,6Cagliari - Università degli studi 1,3 1,0 1,2 1,1 1,3 1,5 1,5 1,4Camerino - Università degli studi 0,5 0,5 0,3 0,4 0,3 0,4 0,4 0,5Campobasso - Università degli Studi del Molise 0,7 0,4 0,4 0,5 0,6 0,5 0,7 0,6Cassino - Università degli studi 0,1 0,2 0,3 0,4 0,5 0,6 0,6 0,7Castellanza - Università "Carlo Cattaneo" 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1 0,0 0,0 0,0Catania - Università degli studi 4,5 4,0 4,2 4,1 3,8 4,1 4,0 4,3Catanzaro - Università degli Studi "Magna Grecia" 0,4 0,2 0,3 0,3 0,3 0,3 0,2 0,3Chieti e Pescara - Università degli Studi Gabriele DAnnunzio 1,3 1,3 1,4 1,7 1,2 1,9 1,4 1,3Ferrara - Università degli studi 1,5 1,5 1,4 1,2 0,8 0,7 0,7 0,7Firenze - Università degli studi 6,2 4,5 4,7 4,7 4,3 4,1 4,1 4,0Foggia - Università degli studi 0,0 0,2 0,5 0,5 0,7 0,8 0,9 1,0Genova - Università degli studi 4,2 3,3 3,3 3,1 1,2 1,3 1,3 2,7LAquila - Università degli studi 1,2 0,6 0,9 0,9 0,9 0,8 1,0 1,0Lecce - Università del Salento 0,0 1,4 1,8 1,8 1,9 1,8 1,8 1,7Macerata - Università degli studi 0,4 1,1 1,0 1,1 1,0 1,1 1,1 1,2Messina - Università degli studi 0,0 3,6 2,7 3,0 2,2 2,8 2,8 3,2Milano - Libera Università di Lingue e Comunicazione (IULM) 0,1 0,1 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2Milano - Politecnico 2,0 1,6 1,7 1,6 1,4 1,4 1,4 1,3Milano - Università Cattolica del "Sacro Cuore" 2,9 2,2 2,4 2,4 2,1 2,4 2,2 2,2Milano - Università commerciale "Luigi Bocconi" 0,3 0,3 0,3 0,3 0,0 0,3 0,3 0,3Milano - Università degli studi 6,5 4,4 3,7 3,6 3,4 3,5 3,4 3,3Milano - Università Vita-Salute San Raffaele 0,0 0,0 0,0 0,0 0,1 0,1 0,1 0,1Milano-Bicocca - Università degli studi 0,0 0,7 1,0 1,2 1,3 1,2 1,3 1,2Modena e Reggio Emilia - Università degli studi 2,3 1,4 1,4 1,0 1,2 1,1 1,1 1,4Napoli - Istituto Universitario "Suor Orsola Benincasa" 0,0 0,1 0,2 0,0 0,0 0,1 0,3 0,1Napoli - Seconda Università degli studi 2,2 1,9 1,9 2,3 2,6 2,4 2,5 2,4Napoli - Università degli Studi "Federico II" 7,9 6,1 6,7 4,2 3,7 4,2 4,0 3,6Napoli - Università degli Studi "L Orientale" 0,8 0,9 0,9 0,4 0,9 0,8 0,9 0,9Napoli - Università degli Studi "Parthenope" 0,3 0,2 0,3 0,3 0,2 0,2 0,2 0,4Padova - Università degli studi 4,9 3,3 4,0 4,5 4,1 4,1 4,7 4,3Palermo - Università degli studi 4,3 4,6 4,3 4,7 4,8 3,9 3,4 3,8Parma - Università degli studi 1,9 2,0 2,3 2,2 2,1 1,9 2,1 2,0Pavia - Università degli studi 2,5 2,3 2,2 2,0 1,8 1,7 1,8 1,6Perugia - Università degli studi 3,4 1,9 1,9 2,1 1,9 2,1 2,2 2,1Pisa - Università degli studi 0,0 4,2 3,1 3,0 2,7 2,7 2,7 2,6 14
    • Ciclo Ateneo XIV XV XVI XVII XVIII XIX XX XXIPotenza - Università degli Studi della Basilicata 0,6 0,7 0,5 0,5 0,6 0,4 0,4 0,6Reggio Calabria - Università degli Studi Mediterranea 0,4 0,7 0,8 0,8 1,0 1,0 1,1 1,1Roma - III Università degli studi 1,3 1,4 1,1 1,2 1,0 1,3 1,4 1,4Roma - Libera Università degli Studi San Pio V 0,1 0,1 0,0 0,1 0,0 0,0 0,0 0,0Roma - Libera Università internazionale studi sociali (LUISS) 0,1 0,1 0,2 0,3 0,2 0,3 0,4 0,4Roma - Libera Università Maria SS.Assunta (LUMSA) 0,0 0,0 0,1 0,1 0,0 0,1 0,1 0,1Roma - Università "Campus Bio-Medico" 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,1Roma - Università degli Studi "La Sapienza" nd nd nd nd 7,8 7,1 6,9 6,6Roma - Università degli Studi del "Foro Italico" 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0Roma - Università degli Studi di "Tor Vergata" 3,4 2,6 2,6 3,0 2,8 3,0 3,0 2,8Salerno - Università degli studi 1,6 1,3 1,3 1,0 1,2 1,4 1,3 1,2Sassari - Università degli studi 1,3 1,1 1,0 0,8 0,8 0,7 0,9 0,9Siena - Università degli studi 3,2 2,6 2,7 3,1 2,9 2,0 1,7 1,4Siena - Università per stranieri 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1Teramo - Università degli studi 0,3 0,2 0,3 0,4 0,4 0,6 0,6 0,6Torino - Politecnico 1,6 1,6 1,4 1,9 1,6 1,6 1,4 1,1Torino - Università degli studi 3,9 3,0 3,1 2,9 3,0 3,2 3,2 3,1Trento - Università degli studi 1,1 1,1 1,1 0,9 0,9 0,8 0,6 0,6Trieste - Università degli studi 2,3 1,7 1,6 1,6 1,5 1,5 1,3 1,3Udine - Università degli studi 1,1 1,1 1,1 1,1 0,8 0,9 0,9 0,8Urbino - Università degli Studi "Carlo Bo" 0,9 0,7 1,1 1,1 1,1 0,6 0,5 0,5Varese - Università dell Insubria 0,0 0,3 0,5 0,5 0,4 0,5 0,6 0,6Venezia - Università degli Studi "Cà Foscari" 0,7 0,7 0,9 1,0 1,1 0,8 0,7 0,8Venezia - Università IUAV 0,3 0,2 0,2 0,2 0,1 0,2 0,2 0,3Vercelli - Università degli Studi del Piemonte orientale 0,2 0,2 0,3 0,4 0,3 0,1 0,3 0,4Verona - Università degli studi 1,3 1,0 1,1 1,2 1,3 1,4 1,5 1,2Viterbo - Università della Tuscia 0,3 0,6 0,8 0,5 0,5 0,5 0,6 0,7Totale 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 15
    • Tabella 1.8 – Numero di posti disponibili per area e ciclo (valori assoluti) CicloArea XVII XVIII XIX XX XXIIngegneria civile e Architettura 840 950 1020 1054 1129Ingegneria dellinformazione 506 567 667 749 748Ingegneria industriale 800 971 901 1112 1149Scienze agrarie 525 565 552 656 713Scienze biologiche 920 1138 1145 1252 1367Scienze chimiche 621 695 706 799 839Scienze della terra 288 314 317 321 272Scienze dellantichità e filologico-letterarie 746 986 947 1050 1047Scienze delle attività motorie e delle discipline sportive 4 3 18 18 25Scienze economiche (aziendali) 344 379 458 507 498Scienze economiche (socio-politiche) 319 348 477 466 412Scienze fisiche 566 621 651 664 666Scienze giuridiche 729 960 1047 1134 1269Scienze informatiche 118 123 110 154 165Scienze matematiche 269 340 316 307 349Scienze mediche 1550 1869 1968 2080 2304Scienze pedagogiche 104 99 153 216 230Scienze politiche e sociali 297 435 467 476 550Scienze psicologiche, geografiche e demoetnoantropologiche 194 216 293 256 313Scienze statistiche 100 143 163 104 134Scienze storiche e filosofiche 560 645 655 607 639Scienze storico-artistiche 91 123 208 218 200Scienze veterinarie 164 170 214 213 223Totale validi 10655 12660 13453 14413 15241Non definita 115 8 36 85 222Totale assoluto 10770 12668 13489 14498 15463 16
    • Tabella 1.9 – Numero di posti disponibili per area e ciclo (percentuali di colonna) CicloArea XVII XVIII XIX XX XXIIngegneria civile e Architettura 7,9 7,5 7,6 7,3 7,4Ingegneria dellinformazione 4,7 4,5 5,0 5,2 4,9Ingegneria industriale 7,5 7,7 6,7 7,7 7,5Scienze agrarie 4,9 4,5 4,1 4,6 4,7Scienze biologiche 8,6 9,0 8,5 8,7 9,0Scienze chimiche 5,8 5,5 5,2 5,5 5,5Scienze della terra 2,7 2,5 2,4 2,2 1,8Scienze dellantichità e filologico-letterarie 7,0 7,8 7,0 7,3 6,9Scienze delle attività motorie e delle discipline sportive 0,0 0,0 0,1 0,1 0,2Scienze economiche (aziendali) 3,2 3,0 3,4 3,5 3,3Scienze economiche (socio-politiche) 3,0 2,7 3,5 3,2 2,7Scienze fisiche 5,3 4,9 4,8 4,6 4,4Scienze giuridiche 6,8 7,6 7,8 7,9 8,3Scienze informatiche 1,1 1,0 0,8 1,1 1,1Scienze matematiche 2,5 2,7 2,3 2,1 2,3Scienze mediche 14,5 14,8 14,6 14,4 15,1Scienze pedagogiche 1,0 0,8 1,1 1,5 1,5Scienze politiche e sociali 2,8 3,4 3,5 3,3 3,6Scienze psicologiche, geografiche e demoetnoantropologiche 1,8 1,7 2,2 1,8 2,1Scienze statistiche 0,9 1,1 1,2 0,7 0,9Scienze storiche e filosofiche 5,3 5,1 4,9 4,2 4,2Scienze storico-artistiche 0,9 1,0 1,5 1,5 1,3Scienze veterinarie 1,5 1,3 1,6 1,5 1,5Totale 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 17
    • Tabella 1.10 – Numero di posti disponibili per area e ciclo. (numeri indici a base fissa: base ciclo XVII = 100) Ciclo Area XVII XVIII XIX XX XXI Ingegneria civile e Architettura 100,0 113,1 121,4 125,5 134,4 Ingegneria dellinformazione 100,0 112,1 131,8 148,0 147,8 Ingegneria industriale 100,0 121,4 112,6 139,0 143,6 Scienze agrarie 100,0 107,6 105,1 125,0 135,8 Scienze biologiche 100,0 123,7 124,5 136,1 148,6 Scienze chimiche 100,0 111,9 113,7 128,7 135,1 Scienze della terra 100,0 109,0 110,1 111,5 94,4 Scienze dellantichità e filologico-letterarie 100,0 132,2 126,9 140,8 140,3 Scienze delle attività motorie e delle discipline sportive 100,0 75,0 450,0 450,0 625,0 Scienze economiche (aziendali) 100,0 110,2 133,1 147,4 144,8 Scienze economiche (socio-politiche) 100,0 109,1 149,5 146,1 129,2 Scienze fisiche 100,0 109,7 115,0 117,3 117,7 Scienze giuridiche 100,0 131,7 143,6 155,6 174,1 Scienze informatiche 100,0 104,2 93,2 130,5 139,8 Scienze matematiche 100,0 126,4 117,5 114,1 129,7 Scienze mediche 100,0 120,6 127,0 134,2 148,6 Scienze pedagogiche 100,0 95,2 147,1 207,7 221,2 Scienze politiche e sociali 100,0 146,5 157,2 160,3 185,2 Scienze psicologiche, geografiche e demoetnoantropologiche 100,0 111,3 151,0 132,0 161,3 Scienze statistiche 100,0 143,0 163,0 104,0 134,0 Scienze storiche e filosofiche 100,0 115,2 117,0 108,4 114,1 Scienze storico-artistiche 100,0 135,2 228,6 239,6 219,8 Scienze veterinarie 100,0 103,7 130,5 129,9 136,0 Totale validi 100,0 118,8 126,3 135,3 143,0 Non definita 100,0 7,0 31,3 73,9 193,0 Totale assoluto 100,0 117,6 125,2 134,6 143,61.1.5 La longevità dei corsi di dottoratoLa durata in vita dei corsi di dottorato di ricerca sembra essere piuttosto breve, almeno per unaquota significativa di questi (Tabella 1.11). Il primo triennio che segue l’istituzione di un corso didottorato è anche il più critico per la sopravvivenza. Se si considera la coorte più anziana (cicloXIV), i cui corsi hanno un periodo di osservazione potenziale di sette anni, il 29,6% di questi è statodisattivato dopo il primo anno, meno della metà sono attivi dopo quattro anni mentre poco più di un 18
    • quarto sono ancora in vita dopo otto anni. I corsi di dottorato del ciclo XIV sono quelli che hannofatto registrare il tasso di cessazione più elevato poiché la permanenza in vita dei corsi dei ciclisuccessivi sembra aumentare progressivamente, forse anche per effetto della selezione avvenuta aicorsi dei cicli precedenti. I corsi di dottorato del ciclo XX cessati dopo il primo anno sono “appena”il 14,9%, percentuale quasi dimezzata rispetto a quella del ciclo XIV.Tabella 1.11 – Numero di dottorati per ciclo e durata (valori percentuali) Durata (anni) Ciclo 1 2 3 4 5 6 7 8 XIV 100,0 70,4 55,1 43,8 38,5 32,4 29,6 26,9 XV 100,0 75,5 59,9 51,7 43,7 39,8 36,3 - XVI 100,0 76,1 64,2 54,4 49,2 45,0 - - XVII 100,0 79,7 66,4 58,6 53,7 - - - XVIII 100,0 79,1 69,0 62,5 - - - - XIX 100,0 82,2 73,4 - - - - - XX 100,0 85,1 - - - - - - XXI 100,0 - - - - - - -1.2 La domanda formativa di terzo livello1.2.1 Il numero di presenti alla prova di ammissioneIl numero di presenti alla prova di ammissione è aumentato allo stesso ritmo dei posti disponibili.Nel periodo considerato, i presenti sono passati da 18051 del ciclo XVII a 25743, pari ad unincremento del 42,6%.1.2.2 Le aree disciplinariLa distribuzione del numero di presenti alla prova di ammissione secondo l’area disciplinare sembraessere meno concentrata rispetto a quella dell’offerta (Tabella 1.12, Tabella 1.13, Tabella 1.14). Le“scienze mediche” prevalgono anche dal lato della domanda ma alla fine del periodo considerato(ciclo XXI) i presenti alla prova di ammissione sono stati 2897, pari all’11,4% del totale e ladifferenza rispetto alle altre aree prevalenti non è così accentuata come per l’offerta. La domanda èinfatti molto elevata anche nelle “scienze giuridiche” (2596 presenti alla prova pari al 10,2% deltotale) e nelle “scienze dell’antichità e filologico-letterarie” (2592 presenti alla prova pari al 10,2%del totale) ma anche nell’”ingegneria civile e architetture” (2048 presenti alla prova pari all’8,1%del totale) e nelle “scienze storiche e filosofiche” (presenti alla prova e 7,6% del totale). Le aree in cui la domanda è cresciuta di più sono state, invece, le “Scienze politiche e sociali”(+99,8%), le “scienze economiche (socio-politiche)” (+81,9%), le “scienze storico-artistiche 19
    • (+78,6%), le “scienze informatiche” (+72,7%), le “scienze mediche (+70,6%) e l’”ingegneriadell’informazione” (+62,1%). La domanda ha invece fatto registrare un calo significativo soprattutto nelle “scienzestatistiche” (-7,1%) mentre nelle “scienze fisiche” (-2,0%) e nelle “scienze della terra” (-0,7%) èrimasta quasi invariata.Tabella 1.12 – Presenti alla prova di ammissione per area e ciclo di dottorato (valori assoluti) Ciclo Area XVII XVIII XIX XX XXI Ingegneria civile e Architettura 1739 2064 2156 1950 2048 Ingegneria dellinformazione 671 974 1070 1090 1088 Ingegneria industriale 967 1293 1348 1512 1412 Scienze agrarie 780 901 889 1046 986 Scienze biologiche 1141 1611 1713 1842 1839 Scienze chimiche 708 870 945 924 913 Scienze della terra 456 519 544 585 453 Scienze dellantichità e filologico-letterarie 1750 2849 3174 3063 2592 Scienze delle attività motorie e delle discipline sportive 7 6 28 23 42 Scienze economiche (aziendali) 486 635 904 958 713 Scienze economiche (socio-politiche) 376 569 1160 940 684 Scienze fisiche 1104 1322 1506 1328 1082 Scienze giuridiche 1633 2383 3121 2857 2596 Scienze informatiche 110 260 224 268 190 Scienze matematiche 374 627 612 581 471 Scienze mediche 1698 2231 2605 2541 2897 Scienze pedagogiche 287 337 429 507 500 Scienze politiche e sociali 658 1095 1325 1131 1315 Scienze psicologiche, geografiche e demoetnoantropologiche 495 609 897 706 656 Scienze statistiche 168 226 262 166 156 Scienze storiche e filosofiche 1657 2244 2376 2152 1920 Scienze storico-artistiche 351 497 770 793 627 Scienze veterinarie 161 253 290 258 226 Totale validi 17777 24375 28348 27221 25406 Non definita 274 5 109 237 337 Totale assoluto 18051 24380 28457 27458 25743 20
    • Tabella 1.13 – Presenti alla prova di ammissione per area e ciclo di dottorato. (valori percentuali) Ciclo Area XVII XVIII XIX XX XXI Ingegneria civile e Architettura 9,8 8,5 7,6 7,2 8,1 Ingegneria dellinformazione 3,8 4,0 3,8 4,0 4,3 Ingegneria industriale 5,4 5,3 4,8 5,6 5,6 Scienze agrarie 4,4 3,7 3,1 3,8 3,9 Scienze biologiche 6,4 6,6 6,0 6,8 7,2 Scienze chimiche 4,0 3,6 3,3 3,4 3,6 Scienze della terra 2,6 2,1 1,9 2,1 1,8 Scienze dellantichità e filologico-letterarie 9,8 11,7 11,2 11,3 10,2 Scienze delle attività motorie e delle discipline sportive 0,0 0,0 0,1 0,1 0,2 Scienze economiche (aziendali) 2,7 2,6 3,2 3,5 2,8 Scienze economiche (socio-politiche) 2,1 2,3 4,1 3,5 2,7 Scienze fisiche 6,2 5,4 5,3 4,9 4,3 Scienze giuridiche 9,2 9,8 11,0 10,5 10,2 Scienze informatiche 0,6 1,1 0,8 1,0 0,7 Scienze matematiche 2,1 2,6 2,2 2,1 1,9 Scienze mediche 9,6 9,2 9,2 9,3 11,4 Scienze pedagogiche 1,6 1,4 1,5 1,9 2,0 Scienze politiche e sociali 3,7 4,5 4,7 4,2 5,2 Scienze psicologiche, geografiche e demoetnoantropologiche 2,8 2,5 3,2 2,6 2,6 Scienze statistiche 0,9 0,9 0,9 0,6 0,6 Scienze storiche e filosofiche 9,3 9,2 8,4 7,9 7,6 Scienze storico-artistiche 2,0 2,0 2,7 2,9 2,5 Scienze veterinarie 0,9 1,0 1,0 0,9 0,9 Totale validi 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 21
    • Tabella 1.14 – Presenti alla prova di ammissione per area e ciclo di dottorato (numeri indici a base fissa: base cicli XVII = 100) Ciclo Area XVII XVIII XIX XX XXIIngegneria civile e Architettura 100,0 118,7 124,0 112,1 117,8Ingegneria dellinformazione 100,0 145,2 159,5 162,4 162,1Ingegneria industriale 100,0 133,7 139,4 156,4 146,0Scienze agrarie 100,0 115,5 114,0 134,1 126,4Scienze biologiche 100,0 141,2 150,1 161,4 161,2Scienze chimiche 100,0 122,9 133,5 130,5 129,0Scienze della terra 100,0 113,8 119,3 128,3 99,3Scienze dellantichità e filologico-letterarie 100,0 162,8 181,4 175,0 148,1Scienze delle attività motorie e delle discipline sportive 100,0 85,7 400,0 328,6 600,0Scienze economiche (aziendali) 100,0 130,7 186,0 197,1 146,7Scienze economiche (socio-politiche) 100,0 151,3 308,5 250,0 181,9Scienze fisiche 100,0 119,7 136,4 120,3 98,0Scienze giuridiche 100,0 145,9 191,1 175,0 159,0Scienze informatiche 100,0 236,4 203,6 243,6 172,7Scienze matematiche 100,0 167,6 163,6 155,3 125,9Scienze mediche 100,0 131,4 153,4 149,6 170,6Scienze pedagogiche 100,0 117,4 149,5 176,7 174,2Scienze politiche e sociali 100,0 166,4 201,4 171,9 199,8Scienze psicologiche, geografiche e demoetnoantropologiche 100,0 123,0 181,2 142,6 132,5Scienze statistiche 100,0 134,5 156,0 98,8 92,9Scienze storiche e filosofiche 100,0 135,4 143,4 129,9 115,9Scienze storico-artistiche 100,0 141,6 219,4 225,9 178,6Scienze veterinarie 100,0 157,1 180,1 160,2 140,4Totale validi 100,0 137,1 159,5 153,1 142,9Non definita 100,0 1,8 39,8 86,5 123,0Totale assoluto 100,0 135,1 157,6 152,1 142,61.2.3 Gli AteneiLa distribuzione della domanda nei vari atenei non sembra essere troppo diversa da quelladell’offerta, misurata in termini di posti disponibili (Tabella 1.15). L’Università degli Studi di Bologna prevale anche dal lato della domanda. Al termine delperiodo considerato (ciclo XXI), i presenti alle prove di ammissione erano 1422, pari al 5,5% deltotale. La domanda era piuttosto elevata anche all’Università degli Studi “Federico II” di Napoli 22
    • (4,8%), all’Università degli Studi di Padova (4,8%), all’Università degli Studi di Firenze (4,7%) eall’Università degli Studi di Palermo (4,5%). L’incremento più elevato si è registrato invece all’Università degli Studi di Trento (+211,1%)e al Politecnico di Torino (+63,9%) mentre l’Università degli Studi “Federico II” di Napoli (-16,7,8%), l’Università degli Studi di Torino (-10,8%) e l’Università degli Studi di Pisa (-7,7%)hanno avuto una flessione significativa.Tabella 1.15 – Presenti alla prova di ammissione, per ateneo e ciclo di dottorato (valori assoluti) Ciclo Ateneo XVII XVIII XIX XX XXIAncona - Università Politecnica delle Marche 138 189 228 184 248Arcavacata di Rende - Università della Calabria 0 498 322 390 348Bari - Politecnico 98 145 120 230 200Bari - Università degli studi 853 967 941 887 904Benevento - Università degli Studi del Sannio 93 108 190 66 47Bergamo - Università degli studi 39 69 152 121 137Bologna - Università degli studi 1023 1144 1420 1353 1422Bolzano - Libera Università 38 27Brescia - Università degli studi 145 71 88 82 94Cagliari - Università degli studi 282 367 364 429 364Camerino - Università degli studi 70 49 73 76 0Campobasso - Università degli Studi del Molise 92 83 74 165 121Cassino - Università degli studi 160 99 141 363 185Castellanza - Università "Carlo Cattaneo" 11 11 23 16 11Catania - Università degli studi 568 642 700 677 607Catanzaro - Università degli Studi "Magna Grecia" 83 130 89 63 98Chieti e Pescara - Università degli Studi Gabriele DAnnunzio 255 192 306 309 312Ferrara - Università degli studi 197 239 176 210 300Firenze - Università degli studi 835 1299 1210 1347 1214Foggia - Università degli studi 97 183 194 214 216Genova - Università degli studi 488 489 385 501 581LAquila - Università degli studi 129 151 203 201 205Lecce - Università del Salento 500 537 462 586 762Macerata - Università degli studi 188 573 820 394 291Messina - Università degli studi 367 314 442 434 444Milano - Libera Università di Lingue e Comunicazione (IULM) 33 33 50 58 41Milano - Politecnico 385 762 764 708 631Milano - Università Cattolica del "Sacro Cuore" 425 252 464 375 444Milano - Università commerciale "Luigi Bocconi" 65 358 339 281Milano - Università degli studi 0 618 675 668 0Milano - Università Vita-Salute San Raffaele 47 40 55 289Milano-Bicocca - Università degli studi 0 326 378 384 419Modena e Reggio Emilia - Università degli studi 130 191 140 148 221 23
    • Ciclo Ateneo XVII XVIII XIX XX XXINapoli - Istituto Universitario "Suor Orsola Benincasa" 36 71 104 78Napoli - Seconda Università degli studi 315 471 362 337 268Napoli - Università degli Studi "Federico II" 1468 1336 2585 1566 1223Napoli - Università degli Studi "L Orientale" 100 610 395 233 233Napoli - Università degli Studi "Parthenope" 33 63 61 36 65Padova - Università degli studi 952 913 1545 1164 1242Palermo - Università degli studi 911 1058 1072 1016 1166Parma - Università degli studi 251 315 295 305 298Pavia - Università degli studi 334 521 491 442 394Perugia - Università degli studi 304 360 248 410 401Pisa - Università degli studi 893 1034 964 1045 824Potenza - Università degli Studi della Basilicata 144 152 98 133 137Reggio Calabria - Università degli Studi Mediterranea 113 326 0 148 227Roma - III Università degli studi 436 515 652 893 653Roma - Libera Università degli Studi San Pio V 9 9 4 36Roma - Libera Università internazionale degli studi sociali (LUISS) 72 85 116 130 153Roma - Libera Università Maria SS.Assunta (LUMSA) 58 160 15 29Roma - Università "Campus Bio-Medico" 4 14 13Roma - Università degli Studi "La Sapienza" 0 1195 1195 934Roma - Università degli Studi del "Foro Italico" 11 11 21Roma - Università degli Studi di "Tor Vergata" 574 571 766 748 753Salerno - Università degli studi 182 454 471 392 254Sassari - Università degli studi 143 394 205 267 133Siena - Università degli studi 573 765 800 799 585Siena - Università per stranieri 22 39 30 43 34Teramo - Università degli studi 82 53 141 116 140Torino - Politecnico 370 379 300 309 330Torino - Università degli studi 618 795 811 932 944Trento - Università degli studi 289 397 475 455 610Trieste - Università degli studi 0 196 196 178 210Udine - Università degli studi 161 414 478 432 311Urbino - Università degli Studi "Carlo Bo" 173 247 144 155 130Varese - Università dell Insubria 67 72 105 82 110Venezia - Università degli Studi "Cà Foscari" 269 492 479 459 448Venezia - Università IUAV 77 76 125 93 121Vercelli - Università degli Studi del Piemonte orientale "A. Avogadro" 73 78 38 71 59Verona - Università degli studi 162 256 462 506 514Viterbo - Università della Tuscia 74 120 110 153 198Totale 18051 24380 28457 27458 25743 24
    • 1.3 Il rapporto tra domanda e offerta formativaIl rapporto tra il numero di presenti alla prova di ammissione e il numero di posti disponibili, puòessere considerato un indicatore dell’attrazione esercitata dai corsi di dottorato offerti, dagli ateneinelle diverse aree disciplinari sugli studenti potenziali, indipendentemente dai fattori che lo possonoaver determinato. Al termine del periodo considerato, il numero di studenti interessati ad iscriversi ad un corsodi dottorato di ricerca ha superato significativamente il numero di posti disponibili (+66,5%).L’eccesso di domanda sull’offerta è rimasto comunque invariato rispetto al ciclo XVII dopo averraggiunto il picco con il ciclo XIX (+111,0%). Se si considera come offerta esclusivamente quellafinanziata, lo squilibrio tra domanda e offerta è ancora più evidente (+210,3%).Tabella 1.16 – Rapporto tra numero di presenti alla prova di ammissione e posti disponibili per area e ciclo (valori percentuali) CicloArea XVII XVIII XIX XX XXIIngegneria civile e Architettura 207,0 217,3 211,4 185,0 181,4Ingegneria dellinformazione 132,6 171,8 160,4 145,5 145,5Ingegneria industriale 120,9 133,2 149,6 136,0 122,9Scienze agrarie 148,6 159,5 161,1 159,5 138,3Scienze biologiche 124,0 141,6 149,6 147,1 134,5Scienze chimiche 114,0 125,2 133,9 115,6 108,8Scienze della terra 158,3 165,3 171,6 182,2 166,5Scienze dellantichità e filologico-letterarie 234,6 288,9 335,2 291,7 247,6Scienze delle attività motorie e delle discipline sportive 175,0 200,0 155,6 127,8 168,0Scienze economiche (aziendali) 141,3 167,5 197,4 189,0 143,2Scienze economiche (socio-politiche) 117,9 163,5 243,2 201,7 166,0Scienze fisiche 195,1 212,9 231,3 200,0 162,5Scienze giuridiche 224,0 248,2 298,1 251,9 204,6Scienze informatiche 93,2 211,4 203,6 174,0 115,2Scienze matematiche 139,0 184,4 193,7 189,3 135,0Scienze mediche 109,5 119,4 132,4 122,2 125,7Scienze pedagogiche 276,0 340,4 280,4 234,7 217,4Scienze politiche e sociali 221,5 251,7 283,7 237,6 239,1Scienze psicologiche, geografiche e demoetnoantropologiche 255,2 281,9 306,1 275,8 209,6Scienze statistiche 168,0 158,0 160,7 159,6 116,4Scienze storiche e filosofiche 295,9 347,9 362,7 354,5 300,5Scienze storico-artistiche 385,7 404,1 370,2 363,8 313,5Scienze veterinarie 98,2 148,8 135,5 121,1 101,3Totale validi 166,8 192,5 210,7 188,9 166,7Non definita 238,3 62,5 302,8 278,8 151,8Totale assoluto 167,6 192,5 211,0 189,4 166,5 25
    • 1.3.1 Le aree disciplinariL’eccesso di domanda sull’offerta è piuttosto variabile nelle diverse aree disciplinari (Tabella 1.16).In particolare, tale eccesso è risultato più elevato nelle “scienze storico-artistiche” (+213,5%), nelle“scienze storiche e filosofiche” (+200,5%) e nelle “scienze dell’antichità e filologico-letterarie”(+147,6%). Il rapporto tra domanda e offerta è quasi in equilibrio nelle “scienze veterinarie”(+1,3%), nelle “scienze chimiche” (+8,8%), nell’”ingegneria industriale” (+22,9%) e nelle “scienzemediche” (+25,7%).1.3.2 Gli AteneiIl grado di attrazione più elevato (Tabella 1.17) si è registrato, al termine del periodo considerato(ciclo XXI), dall’Università degli Studi Roma III (+240,1%), dall’Università del Salento di Lecce(+227,0%), dall’Università degli Studi “Ca’ Foscari” di Venezia (+220,0%) e dall’Università degliStudi di Trento (+216,1%).Tabella 1.17 – Rapporto tra numero di presenti alla prova di ammissione e posti disponibili per ateneo e ciclo (valori percentuali) Ciclo Ateneo XVII XVIII XIX XX XXIAncona - Università Politecnica delle Marche 110,4 132,2 153,0 115,7 122,2Arcavacata di Rende - Università della Calabria 0,0 301,8 189,4 242,2 207,1Bari - Politecnico 138,0 195,9 230,8 328,6 281,7Bari - Università degli studi 209,1 235,9 231,2 205,8 191,9Benevento - Università degli Studi del Sannio 281,8 348,4 593,8 206,3 156,7Bergamo - Università degli studi 243,8 255,6 370,7 302,5 258,5Bologna - Università degli studi 164,5 182,5 207,6 184,3 188,1Bolzano - Libera Università - - - 158,3 112,5Brescia - Università degli studi 302,1 147,9 183,3 141,4 116,0Cagliari - Università degli studi 296,8 206,2 182,9 258,4 206,8Camerino - Università degli studi 148,9 122,5 149,0 152,0 0,0Campobasso - Università degli Studi del Molise 155,9 145,6 168,2 235,7 163,5Cassino - Università degli studi 500,0 202,0 201,4 541,8 212,6Castellanza - Università "Carlo Cattaneo" 183,3 137,5 164,3 266,7 183,3Catania - Università degli studi 163,2 181,4 191,3 173,6 141,5Catanzaro - Università degli Studi "Magna Grecia" 345,8 541,7 189,4 175,0 245,0Chieti e Pescara - Università degli Studi Gabriele DAnnunzio 158,4 176,1 166,3 194,3 195,0Ferrara - Università degli studi 179,1 171,9 127,5 153,3 211,3Firenze - Università degli studi 164,0 248,4 214,9 239,3 203,4Foggia - Università degli studi 210,9 240,8 188,3 191,1 153,2Genova - Università degli studi 148,3 152,3 144,2 151,8 138,3LAquila - Università degli studi 124,0 160,6 220,7 197,1 168,0Lecce - Università del Salento 228,3 237,6 214,9 247,3 327,0Macerata - Università degli studi 280,6 447,7 616,5 294,0 183,0Messina - Università degli studi 166,1 177,4 171,3 158,4 139,2Milano - Libera Università di Lingue e Comunicazione (IULM) 100,0 110,0 147,1 128,9 95,3 26
    • Ciclo Ateneo XVII XVIII XIX XX XXIMilano - Politecnico 121,1 267,4 213,4 145,7 139,3Milano - Università Cattolica del "Sacro Cuore" 211,4 131,3 170,0 136,4 153,1Milano - Università commerciale "Luigi Bocconi" 92,9 - 453,2 429,1 355,7Milano - Università degli studi 0,0 118,4 118,6 108,3 0,0Milano - Università Vita-Salute San Raffaele - 174,1 166,7 183,3 825,7Milano-Bicocca - Università degli studi 0,0 176,2 221,1 176,1 153,5Modena e Reggio Emilia - Università degli studi 123,8 155,3 115,7 124,4 119,5Napoli - Istituto Universitario "Suor Orsola Benincasa" - 900,0 591,7 260,0 709,1Napoli - Seconda Università degli studi 144,5 186,9 170,0 156,7 133,3Napoli - Università degli Studi "Federico II" 222,8 204,6 396,5 232,7 174,5Napoli - Università degli Studi "L Orientale" 357,1 802,6 589,6 310,7 332,9Napoli - Università degli Studi "Parthenope" 122,2 225,0 217,9 120,0 197,0Padova - Università degli studi 197,5 183,3 264,1 177,2 184,5Palermo - Università degli studi 240,4 199,6 220,6 229,3 212,0Parma - Università degli studi 133,5 159,1 171,5 166,7 176,3Pavia - Università degli studi 162,9 231,6 230,5 165,5 152,1Perugia - Università degli studi 142,1 183,7 113,8 150,7 140,7Pisa - Università degli studi 180,8 207,2 166,8 207,3 164,8Potenza - Università degli Studi della Basilicata 221,5 211,1 178,2 237,5 167,1Reggio Calabria - Università degli Studi Mediterranea 194,8 350,5 0,0 180,5 283,8Roma - III Università degli studi 285,0 378,7 364,2 451,0 340,1Roma - Libera Università degli Studi San Pio V 180,0 180,0 80,0 - 720,0Roma - Libera Università internazionale degli studi sociali Guido Carli (LUISS) 225,0 265,6 236,7 228,1 250,8Roma - Libera Università Maria SS.Assunta (LUMSA) 644,4 0,0 800,0 187,5 362,5Roma - Università "Campus Bio-Medico" - - 133,3 175,0 130,0Roma - Università degli Studi "La Sapienza" - - 116,5 119,0 88,7Roma - Università degli Studi del "Foro Italico" - - 183,3 183,3 262,5Roma - Università degli Studi di "Tor Vergata" 209,5 166,0 201,6 192,3 182,8Salerno - Università degli studi 178,4 304,7 275,4 186,7 112,4Sassari - Università degli studi 234,4 317,7 207,1 218,9 107,3Siena - Università degli studi 161,9 214,9 215,6 182,8 134,5Siena - Università per stranieri 244,4 433,3 375,0 537,5 425,0Teramo - Università degli studi 221,6 123,3 235,0 170,6 189,2Torino - Politecnico 132,6 133,0 103,4 115,7 118,7Torino - Università degli studi 178,1 190,2 186,4 177,2 193,4Trento - Università degli studi 217,3 259,5 304,5 255,6 316,1Trieste - Università degli studi 0,0 69,0 69,0 58,4 59,7Udine - Università degli studi 154,8 339,3 351,5 175,6 144,0Urbino - Università degli Studi "Carlo Bo" 174,7 194,5 225,0 242,2 173,3Varese - Università dell Insubria 159,5 160,0 201,9 146,4 148,6Venezia - Università degli Studi "Cà Foscari" 258,7 296,4 383,2 417,3 320,0Venezia - Università IUAV 213,9 292,3 347,2 244,7 302,5Vercelli - Università degli Studi del Piemonte orientale "A. Avogadro" 178,0 195,0 172,7 136,5 118,0Verona - Università degli studi 148,6 184,2 342,2 349,0 273,4Viterbo - Università della Tuscia 172,1 179,1 186,4 173,9 194,1Totale 167,6 192,5 211,0 189,4 166,5 27
    • 1.4 I dottori di ricercaNel corso degli anni considerati il numero di dottori di ricerca è più che quadruplicato passando da2803 del 1998 a 12136 del 2008 (Tabella 1.18). Tra questi, si osserva una prevalenza femminileche, al 2006, era di circa 100 femmine contro 94 maschi. La maggior parte dei dottori ha un’etàcompresa tra 30 e 34 anni (61,7%) mentre i dottori con meno di 30 anni sono poco più di un quinto(21,3%). Il settore con il maggior numero di dottori è quello delle “scienze mediche” (13,9%), seguitodalle “scienze biologiche” (9,8%), entrambi però in leggero calo rispetto agli anni precedenti. La crescita più significativa è stata registrata dalle “scienze politiche e sociali” (+218,6%) edalle “scienze economiche (aziendali)” (+186,7%).Tabella 1.18 – Numero di dottori di ricerca per anno di conseguimento del titolo e genere Anno Maschi Femmine Totale 1998 1528 1275 2803 1999 1638 1862 3500 2000 1942 2035 3977 2001 1890 2034 3924 2002 1993 2146 4139 2003 3066 3183 6249 2004 4028 4318 8346 2005 4556 4921 9477 2006 4880 5177 10057 2007 4940 5436 10376 2008 5751 6385 12136 28
    • 2 Condizione occupazionale dei dottori di ricercaIntroduzioneL’analisi sulla condizione occupazionale dei dottori di ricerca è un tema relativamente nuovo.Tradizionalmente, il fine del dottorato è di preparare i giovani alla carriera accademica. Tuttavia,negli ultimi decenni il dottorato di ricerca è cresciuto enormemente in termini di iscritti ed haampliato le sue finalità, rendendo necessaria un’attenta valutazione degli sbocchi occupazionali. Laletteratura sul tema è però, come si avrà modo di chiarire nelle righe successive, relativamentescarsa, specialmente se comparata con l’enorme letteratura relativa al mercato del lavoro deilaureati.2.1 Panorama internazionaleA livello internazionale tra i contributi che hanno avuto come oggetto gli esiti occupazionali deidottori di ricerca si segnalano, tra gli altri: Martinelli (1999) che esamina gli sbocchi occupazionalidei dottori di ricerca francesi; Nerad and Cerny (1999) che analizzano gli esiti occupazionali deidottori di ricerca degli USA con riferimento all’indagine “Ph.D.’s – Ten Years Later”; Mangematin(2000) valuta il mercato del lavoro per i dottori di ricerca usando i dati di un’indagine su alcunidottori di ricerca di un ateneo francese; Enders (2002) esamina gli esiti occupazionali dei dottori diricerca in Germania; Auriol (2007) confronta gli esiti occupazionali dei dottori di ricerca in settepaesi dell’OECD; Western et al. (2007) analizzano gli esiti occupazionali dei dottori di ricerca inAustralia; Raddon e Sung (2009) sintetizzano la letteratura e gli studi empirici relativi ai dottori diricerca britannici. Da un punto di vista della tipologia di indagine, lo sviluppo della carriera può essere studiatoin modo ottimale ricorrendo ad un’indagine longitudinale su una coorte di dottori, tuttavia, lapianificazione e realizzazione di un’indagine longitudinale è talmente complessa e costosa cheusualmente l’evoluzione temporale viene colta dalla comparazione di alcune coorti di dottori, comenell’indagine utilizzata da Enders (2002); si veda anche la rassegna di Raddon e Sung (2009). L’articolo di Enders (2002) merita di essere descritto con qualche dettaglio perché riporta irisultati di una ricerca ampia e ben condotta. L’autore utilizza i dati di una indagine sui dottori diricerca tedeschi in sei discipline (biologia, economia, ingegneria elettrica, letteratura tedesca,matematica e scienze sociali). L’indagine, condotta nel 1999, si riferisce a tre coorti (1979/1980,1984/1985, 1989/1990), in modo da analizzare i cambiamenti e gli esiti nel lungo periodo. Ilquestionario, a cui hanno risposto 2244 dottori di ricerca (tasso di risposta del 52%), si compone dicinque aree tematiche: formazione durante il dottorato; transizione verso il lavoro; carriera emobilità lavorativa; occupazione attuale; curriculum degli studi e caratteristiche socio- 29
    • demografiche. Al fine di studiare le differenze in termini di occupazione tra dottorato di ricerca elaurea, sono stati intervistati anche 1895 laureati nelle stesse sei discipline. Venendo ai principali risultati, Enders (2002) rileva che durante gli studi molti dottori diricerca svolgono un’attività lavorativa, che circa un terzo di loro mantiene anche successivamente.Il processo di acquisizione di un nuovo lavoro riguarda quindi circa due terzi dei dottori e avvienein modo piuttosto rapido, poiché generalmente si conclude entro un anno dal conseguimento deltitolo (con tempi appena più lunghi per letteratura tedesca e scienze sociali). In molti casi il primolavoro non è quello definitivo, ma spesso determina, nel bene o nel male, gli sviluppi futuri. Adesempio, il settore del primo impiego di solito rimane invariato nel lungo periodo. Inoltre, solo unaminoranza dei dottori che accettano un primo lavoro modesto riescono successivamente ad invertirela tendenza e ottenere un lavoro pienamente soddisfacente. Dopo un anno dal conseguimento del titolo il settore di occupazione prevalente è quellopubblico per i dottori in biologia, letteratura tedesca, matematica e scienze sociali (circa il 60%), manon per i dottori in economia e ingegneria elettrica (circa il 30%). A parità di disciplina,l’occupazione nel settore pubblico è più frequente per le femmine. Inoltre, comparando le tre coortidel campione, il ruolo del settore pubblico sembra diminuire negli anni, soprattutto per i dottori inletteratura e matematica (per i quali l’impiego nel settore pubblico è spesso un impiego dainsegnante). Lo sbocco naturale per un dottore di ricerca dovrebbe essere il settore dell’altaformazione o quello della Ricerca e Sviluppo: ciò accade per quasi due terzi dei dottori iningegneria elettrica e matematica, ma per meno della metà dei dottori nelle altre disciplineconsiderate (questa situazione è simile nelle tre coorti). Il livello di coerenza tra formazione ricevutae mansioni svolte, valutato dai rispondenti su scala ordinale, è alto per l’83% di coloro che lavoranonell’alta formazione e per il 62% di coloro che lavorano nella Ricerca e Sviluppo. Al di fuori diquesti due settori la coerenza è alta per circa la metà dei dottori di ricerca (addirittura in due casi sutre l’intervistato afferma che una laurea sarebbe stata più appropriata). Questo non significa, però,che i dottori che lavorano al di fuori dell’alta formazione e della ricerca siano poco soddisfatti delloro lavoro: infatti, coloro che si dichiarano insoddisfatti sono appena il 15%. Uno dei motivi diquesto apparente paradosso va ricercato nel fatto che le posizioni apparentemente inappropriatesono spesso scelte volontariamente per motivi professionali (lavoro interessante, o con buoneprospettive di carriera o con buona retribuzione) o personali (es. vicinanza alla famiglia). Per quanto riguarda il confronto tra dottori di ricerca e laureati, il dottorato sembra forniremaggiori opportunità in termini di probabilità di trovare lavoro e, nel lungo periodo, di fare carriera,ma le differenze in termini salariali sono modeste. Comunque, per molti aspetti i comportamenti e idestini dei dottori di ricerca nel mercato del lavoro sono simili a quelli dei laureati della stessadisciplina, per cui le maggiori differenze non sono tra dottori di ricerca e laureati, ma tra individuiche hanno un certo tipo di formazione piuttosto che un altro (in particolare, la differenza piùmarcata in termini di esiti occupazionali si nota tra coloro che hanno una formazione ingegneristicae coloro che hanno una formazione letteraria). 30
    • 2.2 Situazione in ItaliaLa ricerca sulla condizione occupazionale dei dottori di ricerca in Italia è, al momento, abbastanzacarente, anche se negli ultimi anni non sono mancate iniziative al riguardo. Tali iniziative hannoperò interessato, nella quasi totalità dei casi, singoli atenei o specifici corsi di dottorato, e sono staterealizzate soprattutto dai Nuclei di Valutazione delle università. La loro validità è quindi limitata aicasi analizzati e non può essere considerata rappresentativa della situazione nazionale. La rassegna sulle indagini che hanno avuto come oggetto l’accertamento della condizioneoccupazionale dei dottori di ricerca di seguito riportata, peraltro non esaustiva, è stata fattadistinguendo le iniziative in base al soggetto proponente che, in alcuni casi, è diverso dal soggettoche ha realizzato l’indagine. Per ciascuna iniziativa, sono state riportate le informazioni necessarie acaratterizzarle, cercando di assicurare, laddove possibile, una certa omogeneità e completezzarispetto a quanto è stato possibile raccogliere.2.2.1 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) e Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali (MLSPS)Il 26 giugno 2003, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) e ilMinistero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali (MLSPS) hanno siglato un accordo perpromuovere un’indagine retrospettiva sui percorsi di studio e di lavoro di giovani che hannopartecipato a percorsi di alta formazione (dottorati di ricerca e master) cofinanziati dal FondoSociale Europeo (FSE) nelle Regioni Obiettivo 1 3 nell’ambito del Programma Operativo Nazionale(PON) “Ricerca, sviluppo tecnologico e alta formazione” programmazione 2000-2006. A seguito ditale intesa, si è costituito un gruppo di lavoro congiunto – Ministero dell’Istruzione, dell’Universitàe della Ricerca, Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali e Struttura nazionale divalutazione FSE ISFOL. L’indagine è stata realizzata in due fasi successive. La prima fase dell’indagine è stata condotta a 6 mesi dalla conclusione degli interventiformativi. I risultati sono confluiti in un rapporto presentato al Comitato di Sorveglianza del PON“Ricerca, sviluppo tecnologico e alta formazione” dell’8 giugno 2007 che è stato successivamentepubblicato (ISFOL, 2007). La rilevazione ha interessato un campione di 5000 laureati che tra il1999 e il 2004 hanno fatto richiesta di partecipare ad interventi formativi post-lauream finanziati dalFSE, indipendentemente dalla loro effettiva partecipazione alle attività stesse. Ciò al fine di potervalutare l’efficacia degli interventi di alta formazione posti in essere, comparando gli esitioccupazionali dei “formati” con quelli dei soggetti che non hanno partecipato alla formazione, ilcosiddetto “gruppo di controllo”. Nel complesso sono state eseguite 3507 interviste, di cui 2591 ai“formati” e 916 ai soggetti facenti parte del “gruppo di controllo”. La seconda fase dell’indagine è stata realizzata allo scopo di consentire un’ulteriore e piùcompleta verifica degli esiti occupazionali conseguiti e la loro evoluzione nel tempo. L’indagine èstata quindi effettuata a 18 mesi dalla fine dei percorsi di alta formazione sugli stessi soggetti già3 Le Regioni interessate dall’intervento sono: Basilicata, Campania, Calabria, Puglia, Sardegna e Sicilia. 31
    • contattati nella prima fase. I due Ministeri hanno quindi rinnovato l’incarico alla StrutturaNazionale di Valutazione FSE dell’ISFOL che ha proceduto ad un supplemento di indagine. L’obiettivo dell’indagine era quello di valutare l’efficacia della formazione erogata a 18 mesie di proporre un confronto con i dati rilevati a 6 mesi, evidenziando le maggiori differenze intermini occupazionali, in termini di tutela contrattuale e di reddito. Il rapporto offre un’analisi e unavalutazione del loro inserimento lavorativo in termini non solo quantitativi ma anche qualitativi,approfondisce le caratteristiche del lavoro trovato, gli aspetti contrattuali e retributivi e le transizioninella condizione occupazionale. Una riflessione viene inoltre sviluppata sul tema della formazionedel capitale umano di eccellenza, analizzata in termini di qualità. La popolazione di riferimento era composta da 3241 individui, di cui 1378 riguardano ildottorato e 1863 i corsi post laurea. La rilevazione dei dati, effettuata nel corso del 2006, a 18 mesidi distanza dal conseguimento del titolo, è stata realizzata mediante interviste telefoniche. Leinterviste sono state effettuate in parte con il metodo CATI (Computer Assisted TelephoneInterviewing) e in parte con il metodo CAWI (Computer Assisted Wireless Interviewing). Nel complesso sono state condotte in questa fase 2000 interviste complete, di cui 814 (59,1%)per il dottorato e le restanti 1186 (63,7%) per i corsi post laurea. Il tasso di risposta iniziale, chemisura la proporzione di individui effettivamente intervistati rispetto a quelli appartenenti alcampione, è stato relativamente basso (62,4%) rispetto alla prima indagine.2.2.2 Comitato Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario (CNVSU)Il Comitato Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario (CNVSU), alla fine del 2003 haapprovato e finanziato il “Progetto per la ricognizione, raccolta e analisi dei dati esistenti suldottorato di ricerca e per l’indagine sull’inserimento professionale dei dottori di ricerca”.L’indagine è stata svolta da un gruppo di lavoro ADI (Associazione Dottorandi e dottori di ricercaItaliani) 4 con il supporto del dipartimento di Scienze Antropologiche di Genova. I risultati sonoriportati nell’RdR 01/06 5 (rapporti di ricerca prodotti da altri per conto del Comitato). Il progetto era composto da due fasi. Nella prima fase il gruppo ha proposto un insieme diindicatori e variabili per il monitoraggio e la valutazione dei dottorati. Nella seconda fase è statasvolta l’indagine sull’inserimento professionale dei dottori di ricerca. Gli obiettivi dell’indagine erano la valutazione della formazione ricevuta, la descrizione delprofilo scientifico e professionale dei dottori di ricerca, la descrizione del percorso formativo eprofessionale seguito dopo il conseguimento del titolo, la caratterizzazione del segmento di mercatodel lavoro svolto dai dottori di ricerca e la realizzazione e sperimentazione di metodologie estrumenti per la valutazione dei processi formativi di alta qualificazione (indicatori, variabili,strumenti e procedure di raccolta dati, modelli interpretativi).4 Il gruppo di lavoro era composto da Marco Bianchetti, Francesca della Ratta, Monica Lanzoni, Vincenzo Pischedda,Rocco Rizzo e Maria Carmen Usai.5 Il report sintetico è disponibile sul sito del CNVSU tra i documenti del comitato relativi all’anno 2006(http://www.cnvsu.it/publidoc/comitato/default.aspde). Il report completo è invece disponibile sul sito dell’ADIhttp://www.dottorato.it/qualita/. 32
    • La popolazione di riferimento era costituita dai dottori di ricerca che hanno conseguito iltitolo nel periodo 1998-2003 nei 4 atenei che hanno aderito all’iniziativa: Pavia, Pisa, Siena eSalerno. I dottori di ricerca sono stati invitati dal loro ateneo a compilare un questionario on-linemediante identificativo e password personale. L’indagine è stata condotta nel periodo 20 giugno - 1ottobre 2005. I rispondenti sono stati 464, pari al 19,5% dei 2383 dottori appartenenti alla popolazione diriferimento. Il tasso di risposta molto basso e la popolazione troppo limitata non consentono di farassumere all’indagine una validità generale.2.2.3 Iniziative di AteneoLe indagini sono state realizzate principalmente dai Nuclei di Valutazione dei diversi Atenei, piùraramente da altri servizi o strutture interne o esterne all’ateneo. I Nuclei di Valutazione svolgonoogni anno una relazione sullo stato dei corsi di dottorato attivi e una relazione sull’accreditamentodelle scuole e dei corsi di dottorato di ricerca per l’attivazione dei cicli ma, ad eccezione dei casiriportati di seguito, non svolgono indagini sugli esiti occupazionali dei dottori di ricerca.Nuclei di Valutazione delle Università di Milano, Milano Bicocca e TrentoL’indagine è stata progettata congiuntamente dai nuclei di valutazione dei tre atenei e riguarda gliesiti occupazionali dei dottori di ricerca che hanno ottenuto il titolo tra il 1998 e il 2005, compresi idottori dei cicli di studi VIII e XVII. La popolazione di riferimento era costituita da 1784 dottori di ricerca che hanno conseguito iltitolo nelle tre Università nel periodo considerato. I rispondenti sono stati 1221 soggetti (68,4%). La rilevazione è stata effettuata dal Centro Cati del Dipartimento di Sociologia e RicercaSociale dell’Università di Milano Bicocca secondo la metodologia CATI.Nucleo di Valutazione della LUISSL’indagine è stata realizzata nel 2007 ed aveva la finalità analizzare il destino professionale, intermini di esiti occupazionali e di studio, dei dottori di ricerca ed affianca quella già condottaperiodicamente dal Nucleo di Valutazione sull’inserimento professionale dei laureati. La popolazione di riferimento era costituita da coloro che, alla fine del 2006, avevanofrequentato e terminato tutti i corsi di dottorato di cui la LUISS era sede amministrativa dal 1995,quando i corsi sono stati istituiti. La numerosità assoluta, era pari a 75 soggetti, 60 dei quali sonostati raggiunti telefonicamente (80,0%). La rilevazione è stata effettuata mediante intervista telefonica attraverso un questionario semi-strutturato (domande “chiuse” e domande “aperte”).Nucleo di Valutazione dell’Università di BolognaL’indagine sugli esiti occupazionali dei dottori di ricerca dell’ateneo di Bologna è statacommissionata al Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA su richiesta del Magnifico Rettoree del Presidente del Nucleo di Valutazione dell’Ateneo di Bologna. L’intento dell’ateneo era quello 33
    • di realizzare un sistema di rilevazione che consentisse di investigare, con continuità e in dettaglio, idestini occupazionali dei dottori di ricerca negli anni successivi al conseguimento del titolo. Taleobiettivo ha trovato riscontro nel progetto, già in fase avanzata, del Consorzio InteruniversitarioAlmaLaurea di realizzare il monitoraggio per i dottori di ricerca di tutti gli Atenei consorziati. L’indagine ha coinvolto 1.492 dottori, 565 dell’anno 2007, 527 del 2005 e 400 del 2003,intervistati, rispettivamente, ad uno, tre e cinque anni dalla conclusione del loro percorso di altaformazione. L’indagine è stata realizzata attraverso interviste telefoniche secondo il metodo CATI, svoltedal 6 maggio al 3 giugno 2008 dalla società SWG. L’interesse dei dottori nei confronti dell’indagineè stato elevato, se si considera che il tasso di risposta ottenuto è stato superiore, complessivamente,all’80,0% (84% ad un anno, oltre 78% a tre e cinque anni). Il questionario utilizzato per leinterviste, sviluppato a partire dall’esperienza decennale acquisita nel campo delle indaginisull’inserimento professionale dei laureati dal Consorzio AlmaLaurea, e la professionalità deglioperatori della società di rilevazione SWG, hanno favorito il buon esito della fase di rilevazione.Nucleo di Valutazione dell’Università di PaviaIl Nucleo di valutazione dell’Università di Pavia ha realizzato due indagini sulla soddisfazione e glisbocchi professionali dei dottori di ricerca dell’Ateneo di Pavia, la prima nel 2007, la seconda nel2008. L’obiettivo delle indagini era quello di tracciare un primo bilancio dell’esperienza formativa edi raccogliere informazioni sui percorsi lavorativi che hanno caratterizzato il periodo successivo ilconseguimento del titolo. Per raggiungere questi obiettivi, sono state raccolte le opinioni e lepercezioni dei dottori di ricerca intervistati sulle tematiche della soddisfazione rispetto al corso didottorato (attività didattica frequentata, attività di ricerca, attività didattica svolta, strutture eattrezzature), sui tempi e le modalità di inserimento occupazionale e sulla soddisfazione rispetto allavoro svolto. L’indagine del 2007 aveva una popolazione di riferimento costituita dai dottori di ricerca cheavevano conseguito il titolo negli anni 2004, 2005 e 2006, pari rispettivamente a 79, 91 e 90 unità.Il tasso di risposta complessivo è stato del 55,0%. L’indagine del 2008, condotta via web nel periodo compreso tra maggio a settembre 2008,aveva una popolazione di riferimento costituita dai dottori di ricerca che avevano conseguito iltitolo nel 2007, pari a 122 unità. In questo caso il tasso di risposta ha raggiunto il 71,8%.Nucleo di Valutazione dell’Università di CamerinoL’Università degli Studi di Camerino, a partire dall’anno 2005, ha avviato un’indagine per valutarel’impatto che il dottorato di ricerca ha nei confronti del mondo del lavoro e sugli sbocchioccupazionali dei neo dottori di ricerca. L’indagine viene realizzata dal Nucleo di Valutazioneattraverso interviste telefoniche. Il questionario è articolato in tre sezioni (dati strutturali del dottore,sbocchi occupazionali e valutazione complessiva dell’esperienza da dottorando). L’indagine del 2005 è stata condotta sulla popolazione dei “dottori di ricerca” dall’anno 2000,costituita da 65 unità distribuite in 5 cicli e 11 corsi di dottorato di ricerca. Le interviste telefonichevalide sono state 24, pari al 36,9% della popolazione di riferimento. 34
    • L’indagine del 2006 è stata condotta sulla popolazione dei “dottori di ricerca” ad uno e dueanni dal conseguimento del titolo ed era costituita dai dottori licenziati nel 2003 e 2004: 45 unità,distribuite in 3 cicli e 10 corsi di dottorato di ricerca. Le interviste telefoniche valide sono state 31pari, al 68,9% della popolazione di riferimento. L’indagine del 2007 è stata condotta sulla popolazione dei “dottori di ricerca” a un anno dalconseguimento del titolo, quindi i dottori licenziati nel 2003 e 2004 sono stati intervistati a gennaio2005 e 2006 mentre i dottori licenziati nel 2005 sono stati intervistati a gennaio 2007: 86 unità,distribuite in 4 cicli e 12 corsi di dottorato di ricerca. Le interviste telefoniche valide sono state 63,pari al 72,3% della popolazione di riferimento. L’indagine del 2008 è stata condotta sulla popolazione dei “dottori di ricerca” ad un anno dalconseguimento del titolo, quindi i dottori licenziati nel 2004 e 2005 e 2006 sono stati intervistatirispettivamente a gennaio 2006, 2007 e 2008: 90 unità, distribuite in 3 cicli e 10 corsi di dottorato diricerca. Le interviste telefoniche valide nei 3 anni sono state 68, pari al 75% della popolazione diriferimento.Comitato Statistico dell’Ateneo di FerraraIl Comitato Statistico dell’ateneo di Ferrara ha realizzato due indagini di tipo campionario suglisbocchi occupazionali dei dottori di ricerca del proprio ateneo, la prima realizzata nel 2005, laseconda nel 2007. In particolare, gli aspetti indagati sono stati la condizione occupazionale, larelazione tra lavoro e formazione universitaria e la soddisfazione per il lavoro svolto. L’indagine realizzata nel 2005 aveva una popolazione di riferimento costituita da 288 dottoridi ricerca con titolo conseguito dal 2001 al 21 aprile 2004. Il campione era costituito da 120 dottoridi ricerca, 30 estratti casualmente da ciascuna delle 4 coorti annuali (2001, 2002, 2003, 2004) constratificazione per area dottorato (allocazione proporzionale). La rilevazione dei dati è stata fattasecondo il metodo CATI. L’indagine realizzata nel 2005 aveva una popolazione di riferimento costituita da 249 dottoridi ricerca con titolo conseguito nel 2004 e nel 2006. Gli obiettivi dell’indagine eranosostanzialmente gli stessi della precedente anche se nella seconda si è dato particolare risalto alconfronto con i risultati ottenuti nell’indagine precedente. Il campione era costituito da 60 dottori diricerca estratti casualmente dalle due coorti (2004 e 2006), con stratificazione per macroarea didottorato (allocazione proporzionale). In particolare, la coorte 2004 è stata rilevata a 3 anni dalconseguimento del titolo mentre la coorte 2006 ad un anno. La rilevazione dei dati è stata fattanell’aprile 2007 secondo il metodo CATI.Nucleo di Valutazione dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di MilanoIl Nucleo di Valutazione di Ateneo, ha promosso e condotto due indagini sugli sbocchioccupazionali di coloro che hanno conseguito il titolo di dottore di ricerca presso l’UniversitàCattolica. La prima, realizzata nel 2005, ha riguardato i dottori di ricerca che hanno conseguito iltitolo al termine dei cicli dal primo al quindicesimo (I-XV). La seconda, realizzata nel 2007, hariguardato i dottori che hanno conseguito il titolo al termine dei cicli dal sedicesimo al diciottesimo 35
    • (XVI-XVIII). L’obiettivo primario delle indagini era la conoscenza degli sbocchi occupazionali edil giudizio sul livello di formazione ricevuto. L’indagine realizzata nel 2005 aveva una popolazione di riferimento costituita da 812 dottoridi ricerca, valore di circa il 10% inferiore rispetto al numero accertato di nominativi. L’intervallotemporale di interesse dell’indagine partiva dal 1987, anno in cui hanno conseguito il titolo ifrequentanti il primo ciclo di dottorato, al primo semestre 2004, durante il quale si sono addottoratigli ultimi frequentanti il quindicesimo ciclo. I rispondenti sono stati 365, pari al 45% del totale,anche se non tutti hanno risposto alla totalità delle domande proposte. La rilevazione è statarealizzata tra il mese di novembre del 2003 e il primo semestre del 2004. Data l’ampiezza dellarilevazione, è stato fatto ricorso al metodo dell’autocompilazione del questionario. L’invio delquestionario è stato accompagnato da una lettera a firma della Direzione di supporto al Nucleo diValutazione, che comunicava le ragioni dell’iniziativa. L’organizzazione della rilevazione è statacurata direttamente dalla Direzione di Supporto al Nucleo di Valutazione. L’indagine realizzata nel 2007 ha riguardato un campione di 370 dottori di ricerca, irispondenti sono stati 285, con una risposta pari al 79,2%.Servizio Formazione alla Ricerca e Servizio Ricerca dell’Università di PadovaL’indagine sugli esiti professionali dei dottori di ricerca realizzata dal Servizio Formazione allaRicerca e Servizio Ricerca dell’Università di Padova 6 si inserisce in un quadro di valutazione delleiniziative di Ateneo per la formazione alla ricerca. Tale valutazione e stata avviata nel 2001 con laprima indagine sugli esiti professionali degli assegnisti di ricerca (prendendo in considerazione tuttii contratti stipulati a partire dal 1999) ed è continuata nel 2003 con le seguenti indagini volte aesaminare gli esiti professionali dei dottori di ricerca (che avevano iniziato la loro formazionedottorale nei cicli XIII-XV), gli esiti professionali degli assegnisti di ricerca (che avevano conclusoi contratti tra la fine del 2001 e la fine del 2003) e gli esiti professionali dei borsisti post-dottorato(che avevano ottenuto le borse nei bandi 1998-2001). Più in particolare, l’indagine si inserisce allaconclusione del primo triennio di sperimentazione delle Scuole di Dottorato avviate nel 2005 erappresenta un quadro di sintesi che consente una prima valutazione delle azioni intraprese nellaformazione alla ricerca dall’Ateneo di Padova. La rilevazione effettuata nel 2008 è stata promossadai Delegati del Rettore alla Formazione alla Ricerca su invito del Magnifico Rettore. L’iniziativa aveva una pluralità di obiettivi, la valutazione degli esiti professionali conseguitidai dottori di ricerca, la stima del numero di dottori di ricerca che operano all’estero, la valutazionedell’utilizzo delle competenze acquisite durante il dottorato di ricerca e la valutazione ex post dellasoddisfazione dei dottori di ricerca. La popolazione, composta da 1496 dottori di ricerca, è stata preliminarmente informatadell’avvio e degli scopi dell’indagine mediante una lettera di presentazione del Delegato del Rettoree del Responsabile del Servizio Ricerca. I dottori di ricerca coinvolti erano coloro che avevanoterminato il dottorato negli anni 2004, 2005, 2006 e 2007 (cicli XVI – XIX, gli ultimi prima delpassaggio da Corsi a Scuole di Dottorato). In questi anni erano attivi 86 corsi di dottorato.6 LUfficio Dottorati di ricerca fa capo al servizio Formazione alla Ricerca dell’Ateneo. 36
    • I rispondenti all’indagine sono stati 1078, pari al 72,0% della popolazione, rappresentando inmaniera significativa ed omogenea tutte le 7 macro-aree (Matematica e fisica, Chimica e scienzedella terra, Biologia, agraria e medicina veterinaria, Medicina e psicologia, Ingegneria, Disciplineumanistiche e pedagogia e Discipline sociali). La rilevazione è stata effettuata tramite un questionario elettronico con il metodo CAWIintegrata con metodologie di tipo CATI, con una struttura analoga alla precedente indagine del2003. Le interviste sono state svolte nel mese di maggio 2008.Università di SienaL’indagine si inserisce nell’ambito del Progetto “Valutazione e meta-valutazione del sistemauniversitario: metodi, indicatori e modelli statistici” finanziato dal piano di Ateneo per la Ricercadell’Università di Siena ed è stata curata dal prof. Giulio Ghellini. La finalità dell’indagine era laricostruzione delle principali esperienze di vita (in particolare di lavoro e di alta formazione) chehanno caratterizzato il periodo successivo al completamento della esperienze formativa deldottorato di ricerca, con particolare attenzione al ruolo giocato dalla formazione ricevuta.L’indagine era di tipo retrospettivo e censuario. La popolazione di riferimento complessiva era costituita dai dottori di ricerca dei cicli dal XVal XVIII (titolo conseguito entro gennaio 2006) ed aveva una numerosità di 760 unità. Lapopolazione di riferimento considerata ai fini dell’indagine era, invece, di 726 unità perché sonostati esclusi i 34 dottori di nazionalità non italiana. La rilevazione dei dati è stata effettuata nei mesi di giugno e luglio del 2007 secondo ilmetodo CAWI ed è stata organizzata prevedendo innanzitutto un primo invio e due successivisolleciti, tutti da effettuare via posta elettronica, in cui si invitavano i dottori di ricerca allacompilazione del questionario CAWI, era programmato un ulteriore tentativo di contatto telefonicoper i non rispondenti ed infine l’invio tramite posta di una lettera di invito alla compilazione per isoggetti che ancora non avevano risposto. Il numero totale dei rispondenti è stato di 565, il tasso di risposta complessivo è stato di pocoinferiore all’80% ed è risultato decisamente più elevato per i dottori dei cicli più recenti (si passadal 70% del XV ciclo al 87% del XVIII).2.2.4 Altri EntiIndagine sui dottorati di ricerca in CampaniaL’indagine (cfr. Gallo, 2009) aveva la finalità di individuare i punti di forza e di debolezza dellaformazione dottorale erogata in Campania da parte dei cinque Atenei aderenti al progetto UniCampania (all’ATS Uni Campania): l’Università degli Studi di Napoli - L’Orientale (U.N.O.),l’Università degli Studi di Napoli - Suor Orsola Benincasa (S.O.B.), l’Università degli Studi delSannio (SANNIO), l’Università degli Studi di Napoli "Parthenope" (PARTHENOPE) e la SecondaUniversità degli Studi di Napoli (S.U.N.). In particolare, l’indagine era organizzata in due partidistinte, la prima per valutare la qualità dei servizi erogati dai dottorati di ricerca, la seconda ilplacement degli stessi. Relativamente al placement, l’obiettivo era quello di verificare se i percorsi 37
    • formativi dei dottorati erano in grado di formare giovani ricercatori che potevano essereefficientemente integrati nel tessuto economico. Da questo punto di vista è stata posta particolareattenzione alla coerenza dell’occupazione rispetto al tempo impiegato per trovarla e la permanenzao meno nella Regione Campania. Il questionario prendeva in esame alcuni aspetti in particolare, glisbocchi professionali, la coerenza e le attività intraprese per la ricerca di un lavoro coerente con laformazione ricevuta. La popolazione di riferimento era composta di 690 dottori, in quanto non è stato possibilericevere i dati della S.U.N. relativamente ai cicli XV, XVI, XVII, XVIII e XIX in uno degli Ateneiche aderisce al progetto Uni Campania. L’indagine, di tipo censuario. Nel complesso sono stati raggiunti il 49,4% dei dottori di ricerca, di questi però 42 si sonorifiutati di rispondere, quindi i questionari raccolti sono stati 299, pari al 43,3% della popolazione. La raccolta dei dati, iniziata il 15 gennaio 2008, ha riguardato gli ultimi cinque cicli deidottorati svolti presso gli atenei che fanno parte di UniCampania. La strategia utilizzata per larilevazione dei dati prevedeva la scelta tra la compilazione telefonica o via e-mail del questionario.2.2.5 Consorzi InteruniversitariIniziativa Interuniversitaria STELLAL‘Iniziativa Interuniversitaria STELLA (Statistiche sul TEma Laureati & Lavoro in Archivio on-line) svolge ormai da alcuni anni un’attività di monitoraggio dei percorsi formativi e lavorativi deipropri laureati ma ha deciso di affrontare per la prima volta un’indagine sui dottori di ricerca solonel 2009. Tale indagine, considerata dagli autori stessi ancora sperimentale, aveva una duplicefinalità, da un lato quella di completare il quadro conoscitivo delle indagini occupazionali deilaureati triennali, specialistici/magistrali e a ciclo unico, dall’altro quella di valutare i corsi didottorato nell’ottica di supporto alla definizione delle relative strategie universitarie. I risultati sonostati presentati il giorno 7 luglio 2009 a Milano. L’indagine ha riguardato i dottori di ricerca di 7 dei 14 Atenei che già lo scorso anno avevanoaderito all’iniziativa STELLA partecipando all’indagine sugli sbocchi occupazionali dei laureati: 4del Nord (Università degli Studi di Bergamo, di Brescia, di Milano, di Milano-Bicocca) 2 delCentro (Università di Pisa e Scuola Superiore di Studi Universitari e Perfezionamento S. Anna diPisa) e 1 del Sud (Palermo). L’Università di Pavia, aderente a STELLA, non ha partecipato allarilevazione perché aveva già effettuato negli anni precedenti una rilevazione autonoma sui propridottori di ricerca. La popolazione di riferimento era costituita da 3980 dottori di ricerca di nazionalità italianache hanno conseguito il titolo negli anni solari 2005, 2006 e 2007. La rilevazione dei dati, in formacensuaria, è stata realizzata in modalità CAWI nel primo trimestre 2009. I rispondenti sono stati 1968, pari al 49,4% del totale. A causa del numero elevato di nonrispondenti, peraltro non uniformemente distribuiti nei diversi atenei, sui non rispondenti CAWI èstato estratto un campione casuale stratificato (10%) per area disciplinare ed ateneo, con l’eccezionedell’Università del Studi di Milano Statale, ateneo che aveva ottenuto una partecipazione moltomaggiore all’indagine web. A tali intervistati è stato chiesto se avessero ricevuto il questionario ed 38
    • il motivo della mancata compilazione, oltre ad una descrizione dell’eventuale attività lavorativa e lapossibilità di ripetere lo stesso percorso formativo.2.2.6 ISTATL’ISTAT ha svolto, nel corso del 2005, un’indagine pilota a livello nazionale sulle carriere deidottori di ricerca. Tale esperienza può essere considerata la prima italiana finalizzata ad offrire unapanoramica sull’inserimento professionale di due leve di dottori di ricerca (2000 e 2002) che hannoconseguito il titolo in una qualunque sede universitaria e settore disciplinare. In particolare, lafinalità dell’indagine era quella di analizzare la loro condizione occupazionale e le esperienze dimobilità per lavoro a tre e a cinque anni di distanza dal conseguimento del titolo. La popolazione di riferimento era costituita dai dottori di ricerca in tutte le sedi universitarieitaliane che hanno conseguito il titolo negli anni solari 2000 e 2002, pari rispettivamente a 2903 e4291 unità. L’indagine, di tipo campionario, prevedeva un disegno di campionamento a uno stadiostratificato per area disciplinare, ripartizione geografica, dimensione dell’ateneo e sesso (nelcomplesso 168 strati) per numerosità campionaria pari a 1518, per i dottori del 2000 e 1535, per idottori del 2002. Inoltre, per cogliere il maggior numero possibile di esperienze di mobilitàinternazionale, sono stati estratti due campioni indipendenti, uno per ciascuna leva di dottoristranieri censiti (circa il 2% del totale). L’indagine aveva come domini di stima il sesso, le 14 areedisciplinari di appartenenza dei corsi e le tre ripartizioni geografiche di collocazione degli atenei(Nord, Centro e Mezzogiorno).Il tasso di risposta complessivo è stato pari al 56,7%, leggermentepiù basso per i dottori del 2000 (55,4%) rispetto ai dottori del 2002 (58,4%). Per il 2009 l’Istituto nazionale di statistica ha pianificato una seconda indaginesull’inserimento professionale dei dottori di ricerca, con l’obiettivo di conoscere i tempi e lemodalità di collocamento nel mondo del lavoro di chi ha concluso un corso di dottorato di ricerca inuna università italiana. La rilevazione prevede di intervistare tutti coloro che hanno conseguito iltitolo di dottore di ricerca nel 2004 e nel 2006, rispettivamente a cinque e a tre anni di distanza dalconseguimento del titolo. La rilevazione dei dati prevede due fasi distinte. La prima, che coinvolgegli Atenei, ha l’obiettivo di censire l’intera popolazione dei dottori di ricerca degli anni solari 2004e 2006 e consente di costruire l’archivio completo dei nominativi da contattare. La seconda, rivoltaai dottori di ricerca, è finalizzata alla raccolta dei dati relativi ai singoli percorsi universitari e post-dottorato e realizzata con l’ausilio del sistema CATI (Computer Assisted Telephone Interview). 39
    • 40
    • 3 Indagine sulla condizione occupazionale dei dottori di ricerca del 1998, 2003 e 2008IntroduzioneLa Popolazione obiettivo dell’indagine sulla condizione occupazionale dei dottori di ricerca ad uno,cinque e dieci anni dal conseguimento del titolo ha i dottori di ricerca che hanno conseguito il titoloin un Ateneo italiano, negli anni solari 1998, 2003 e 2008. Come noto, ai fini della conduzione diuna qualsiasi indagine (sia essa censuaria o campionaria), una volta definita la popolazioneobiettivo è necessario verificare la disponibilità di una lista che le corrisponda. Purtroppo,soprattutto in campo economico e sociale, rari sono i casi in cui tale corrispondenza può essereconsiderata perfetta; per questo motivo si dice che le unità presenti sulla lista definiscono lacosiddetta Popolazione di selezione.3.1 La pianificazione dell’indagineL’individuazione della Popolazione di selezione è stato il primo problema che il Gruppo di Ricercaha dovuto risolvere. A tal fine, il CNVSU ha inviato in data 31 luglio 2009, a tutti i Rettori e ai Presidenti deiNuclei di Valutazione degli Atenei coinvolti, una lettera di presentazione dell’indagine a firma delPresidente del Comitato. Contestualmente il Gruppo di Ricerca ha richiesto al CNVSU l’elenco deinominativi (con relativi recapiti) dei referenti degli Uffici di Supporto ai Nuclei a cui inviare le e-mail di richiesta delle informazioni necessarie alla costituzione della lista.Il Gruppo di Ricerca ha ritenuto necessario che alle informazioni fornite fossero garantiti elevatilivelli di protezione della trasmissione dati via internet, livelli di protezione del tutto inesistenti segli Uffici di Supporto avessero provveduto al loro invio tramite posta elettronica. Il Gruppo diRicerca ha pertanto provveduto alla definizione e allo sviluppo di un’apposita piattaforma web peril popolamento da remoto (upload) dell’anagrafica dei Dottori da intervistare. Ciascun Ufficio diSupporto è stato quindi contattato mediante una prima e-mail personalizzata inviata direttamentedalla piattaforma web il 15 settembre 2009. Un secondo sollecito è stato spedito a chi ancora nonaveva provveduto all’invio dei dati il 15 ottobre 2009. Tutte le e-mail inviate contenevanol’indirizzo web della piattaforma, tutte le istruzioni necessarie alla sottomissione degli archivirichiesti e le credenziali d’accesso per l’autenticazione dell’Ateneo che provvede all’invio. Unulteriore sollecito è previsto per il 10 novembre 2009. Ad oggi, hanno provveduto all’invio delleinformazioni richieste il 74,6% degli Atenei coinvolti (cfr. Tabella 3.1 e Tabella 3.2). 41
    • Tabella 3.1 – Informazioni anagrafiche inviate dagli Atenei coinvolti nell’indagine, per anno solare di conseguimento del titolo di Dottorato Anno Dottori 1998 683 2003 3979 2008 7745 Al fine di realizzare l’indagine oggetto del Bando sul Placement dei Dottori di Ricerca 7, èstato necessario costituire la lista dei Dottori di Ricerca che hanno conseguito il titolo negli Ateneiitaliani negli anni 1998, 2003 e 2008, contattando le 71 amministrazioni universitarie (si veda laseguente Tabella 3.2) che hanno rilasciato titoli di Dottore di Ricerca negli anni d’interesse.Tabella 3.2 – Lista degli Atenei che hanno rilasciato titoli di Dottore di Ricerca negli anni 1998 o 2003 o 2008 Bari - Università degli studi Bari - Politecnico Potenza - Università degli Studi della Basilicata Bergamo - Università degli studi Bologna - Università degli studi Bolzano - Libera Università Brescia - Università degli studi Cagliari - Università degli studi Arcavacata di Rende - Università della Calabria Camerino - Università degli studi Cassino - Università degli studi Castellanza - Università "Carlo Cattaneo" Catania - Università degli studi Catanzaro - Università degli Studi "Magna Grecia" Chieti e Pescara - Università degli Studi Gabriele DAnnunzio Ferrara - Università degli studi Firenze - Università degli studi Foggia - Università degli studi Genova - Università degli studi Varese - Università dell Insubria LAquila - Università degli studi Macerata - Università degli studi Ancona - Università Politecnica delle Marche Messina - Università degli studi Milano - Università degli studi7 Bando emesso dal Dip.to di Statistica “G. Parenti” come da delibera della giunta del dipartimento in data 28/07/2009, di cui VALMON s.r.l. si è aggiudicata l’appalto come da contratto stipulato il giorno 18 maggio 2010 con l’Università degli Studi di Firenze. 42
    • Milano-Bicocca - Università degli studiMilano - Università commerciale "Luigi Bocconi"Milano - Università Cattolica del "Sacro Cuore"Milano - Libera Università di Lingue e Comunicazione (IULM)Milano - PolitecnicoMilano - Università Vita-Salute San RaffaeleModena e Reggio Emilia - Università degli studiCampobasso - Università degli Studi del MoliseNapoli - Seconda Università degli studiNapoli - Università degli Studi "Federico II"Napoli - Università degli Studi "L Orientale"Napoli - Università degli Studi "Parthenope"Napoli - Istituto Universitario "Suor Orsola Benincasa"Padova - Università degli studiPalermo - Università degli studiParma - Università degli studiPavia - Università degli studiPerugia - Università degli studiVercelli - Università degli Studi del Piemonte orientale "A. Avogadro"Pisa - Università degli studiReggio Calabria - Università degli Studi MediterraneaRoma - Università degli Studi "La Sapienza"Roma - Università degli Studi di "Tor Vergata"Roma - III Università degli studiRoma - Università "Campus Bio-Medico"Roma - Università degli Studi del "Foro Italico"Roma - Libera Università internazionale degli Studi Sociali "Guido Carli" (LUISS)Roma - Libera Università Maria SS.Assunta (LUMSA)Roma - Libera Università degli Studi San Pio VLecce - Università del SalentoSalerno - Università degli studiBenevento - Università degli Studi del SannioSassari - Università degli studiSiena - Università degli studiSiena - Università per stranieriTeramo - Università degli studiTorino - Università degli studiTorino - PolitecnicoTrento - Università degli studiTrieste - Università degli studiViterbo - Università della TusciaUdine - Università degli studiUrbino - Università degli Studi "Carlo Bo"Venezia - Università degli Studi "Cà Foscari"Venezia - Università IUAVVerona - Università degli studi 43
    • Il Gruppo di Ricerca aveva autonomamente provveduto a creare un apposito sito web dedicatoalla rilevazione (http://valmon.ds.unifi.it/DottRicerca). Una specifica area di tale sito è stata messa adisposizione di VALMON s.r.l. che ha provveduto alla definizione ed implementazione di uninterfaccia web ad accesso protetto da password deputata alla popolazione da remoto della lista deisoggetti da contattare (piattaforma di upload). A tale fine, ai Responsabili degli Uffici di supporto al Nucleo di ciascun Ateneo è stata inviatauna email di invito alla trasmissione della lista dei Dottori coinvolti nell’indagine. Il Gruppo diRicerca, accedendo previa autenticazione ad un’Area Privata dedicata, ha potuto costantementemonitorare gli accessi alla piattaforma ed inviare eventuali solleciti alle Amministrazioni che nonavevano provveduto a fornire i dati nei tempi indicati (sono stati invitati al massimo due solleciti).In particolare, ad ogni Ateneo è stato richiesto di predisporre i file con lanagrafica dei dottori diricerca che hanno conseguito il titolo negli anni 1998, 2003 e 2008, segnalando come necessaria lapredisposizione di file distinti per ciascun anno di conseguimento del titolo. Tutte le istruzioni sucome comporre il tracciato record dei file da inviare e sul loro formato (entrambi concordati con ilGruppo di Ricerca) sono state inserite sul sito web dedicato alla rilevazione, alla pagina contenete lapiattaforma di upload. Le istruzioni fornite per la sottomissione delle informazioni richieste sono le seguenti: laprima riga dei file è di intestazione, cioè riporta i nomi dei campi sottomessi; il primo campo,richiesto come obbligatorio, è lanno di conseguimento del titolo di dottorato (campo Anno); laprocedura, oltre al campo Anno, riconosce i tracciati record composti da campi con le seguentidenominazioni: Cognome, Nome, CodiceFiscale, TitoloDottorato, Ciclo (ovvero il ciclo diDottorato), DataEsame (ovvero la data di discussione dell’elaborato di tesi davanti allacommissione ministeriale, da intendersi come data finale di conseguimento del Titolo di Dottorato),ProvinciaNascita (solo per i nati in Italia, dal codice fiscale è ricavabile la nazione di nascita),DataNascita, IndirizzoResidenza, StatoResidenza, IndirizzoDomicilio, Laurea, DataLaurea,UnivLaurea, VotoLaurea, Telefono1, Telefono2, Telefono3, Email; altre denominazioni di camposono state ignorate dalla procedura. In caso di indisponibilità di parte delle informazioni presenti nel tracciato (come prontamentesegnalatoci da alcune amministrazioni), la procedura è stata appositamente predisposta per accettarela sottomissione di file con tracciato record parziale. È stato infine attivato un apposito indirizzo e-mail (valdottric@ds.unifi.it) tramite il quale leamministrazioni universitarie hanno potuto contattare il Gruppo di Ricerca per chiarimenti suicontenuti dell’indagine e la VALMON s.r.l. (esclusivamente per supporto tecnico relativo allaprocedura di upload implementate). Il Gruppo di Ricerca ha chiesto a VALMON s.r.l. di interrompere le funzionalità del pannellodi upload il giorno 9 aprile 2010. A tale data, alcuni atenei non avevano ancora caricato archivi,oppure avevano caricato archivi con nominativi privi di informazioni utili per il contatto. Taliatenei, quindi, non hanno preso parte all’indagine: 44
    • Catania - Università degli studi Catanzaro - Università degli Studi "Magna Grecia" Napoli - Università degli Studi "L Orientale" Perugia - Università degli studi Reggio Calabria - Università degli Studi Mediterranea Roma - Università "Campus Bio-Medico" La tabella successiva (Tabella 3.3) illustra, per ciascuna università, la consistenza delle listericevute (numero di nominativi inviati), distinte per i tre anni di interesse dell’indagine. Nell’ultimacolonna sono inoltre quantificati i dottori i ricerca che ad un successivo controllo sono risultati condata di conseguimento del titolo incongruente rispetto agli anni d’interesse.Tabella 3.3 – Informazioni anagrafiche inviate dagli Atenei coinvolti nell’indagine al 1 novembre 2009, per Ateneo e anno solare di conseguimento del titolo di Dottorato Atenei 1998 2003 2008 <>Ancona - Università Politecnica delle Marche 33 42 128Arcavacata di Rende - Università della Calabria 35 173Bari - Politecnico 42Bari - Università degli studi 229 355Benevento - Università degli Studi del Sannio 8 28Bergamo - Università degli studi 4 4 32Bologna - Università degli studi 388 561Bolzano - Libera Università 12Brescia - Università degli studi 19 41 47Cagliari - Università degli studi 8 69 149 1Camerino - Università degli studi 8 15 5Campobasso - Università degli Studi del Molise 43Cassino - Università degli studi 6 5 57Castellanza - Università "Carlo Cattaneo" 2 5Chieti e Pescara - Università degli Studi Gabriele DAnnunzio 35 60 127Ferrara - Università degli studi 60 121Firenze - Università degli studi 314 407Foggia - Università degli studi 4 85Genova - Università degli studi 203 229LAquila - Università degli studi 17 95Lecce - Università del Salento 62 216Macerata - Università degli studi 12 81Messina - Università degli studi 136 239Milano - Libera Università di Lingue e Comunicazione (IULM) 6 21Milano - Politecnico 64 115 260Milano - Università Cattolica del "Sacro Cuore" 44 100 212Milano - Università commerciale "Luigi Bocconi" 10 25 43 45
    • Atenei 1998 2003 2008 <>Milano - Università degli studi 89 248 497Milano - Università Vita-Salute San Raffaele 17Milano-Bicocca - Università degli studi 33 159Modena e Reggio Emilia - Università degli studi 35 104Napoli - Istituto Universitario "Suor Orsola Benincasa" 9Napoli - Seconda Università degli studi 6 110 196Napoli - Università degli Studi "Federico II" 374 468Napoli - Università degli Studi "Parthenope" 1 15Padova - Università degli studi 263 505Palermo - Università degli studi 393Parma - Università degli studi 53 73 170Pavia - Università degli studi 18 113 201Pisa - Università degli studi 166 370Potenza - Università degli Studi della Basilicata 7 37 53Roma - III Università degli studi 2 5 85Roma - Libera Università degli Studi San Pio V 3Roma - Libera Università internazionale studi sociali (LUISS) 2 10 42Roma - Università "Campus Bio-Medico" 8Roma - Università degli Studi "La Sapienza" 660Roma - Università degli Studi del "Foro Italico" 6Roma - Università degli Studi di "Tor Vergata" 135 265 64Salerno - Università degli studi 35Sassari - Università degli studi 44 100Siena - Università degli studi 129 280Siena - Università per stranieri 8 6Teramo - Università degli studi 1 38Torino - Politecnico 108 150 2Torino - Università degli studi 95 218 401Trento - Università degli studi 34 65 143Trieste - Università degli studi 60 121 157Udine - Università degli studi 3 57 119 2Urbino - Università degli Studi "Carlo Bo" 9 29 61Varese - Università dell Insubria 10 49Venezia - Università degli Studi "Cà Foscari" 21 44 88Venezia - Università IUAV 12 33 22Vercelli - Università degli Studi del Piemonte orientale 9 30Verona - Università degli studi 18 41 101Viterbo - Università della Tuscia 12 26 60 La lista finale di nominativi acquisiti dagli Atenei è pari a 15078. Da questa lista sono statieliminati nel corso dell’indagine alcuni nominativi riferiti a soggetti non coinvolgibili nell’indagine(decessi e soggetti che non hanno conseguito il titolo di Dottore di ricerca); la consistenza finaledella lista, prima dell’avvio delle varie fasi d’indagine, è quindi di 15063 Dottori di Ricerca. 46
    • Molti dei record trasmessi sono risultati incompleti: i dati mancanti sono spesso dovuti agliAtenei che non avevano attivato corsi di dottorato tali da consentire il conseguimento del titolonegli anni oggetto di indagine oppure all’impossibilità per alcuni Atenei di recuperare leinformazioni richieste dalle loro anagrafiche (in particolare per gli anni più lontani). Le carenzemaggiori riguardano il profilo di laurea dei dottori di ricerca, cioè l’università di conseguimento deltitolo di laurea, il titolo della laurea ed il voto di laurea.3.2 L’intervista e il software utilizzatoScopo principale dell’indagine è la somministrazione di un apposito questionario predisposto dalGruppo di Ricerca. Dal tracciato record dei dati acquisiti, i campi utili a contattare i soggetti daintervistare sono l’indirizzo di residenza/domicilio, il recapito telefonico ed il recapito di postaelettronica. Per realizzare nel complesso il maggior numero di interviste nei tempi a disposizione, siè deciso di privilegiare i contatti tramite posta elettronica e telefono (fisso o cellulare) escludendo ilcontatto tramite posta ordinaria che notoriamente produce tassi di risposta molto bassi econseguentemente una notevole distorsione nelle stime statistiche (a causa dell’alta selettività deirispondenti). Inizialmente, dei 15063 nominativi si disponeva di: di almeno un recapito telefonico (fisso o mobile) valido per 12448 casi; di almeno un recapito di posta elettronica per 9386 casi. VALMON s.r.l. ha sottoposto tutti i nominativi raccolti ad un processo di ripulitura deirecapiti forniti. Particolare attenzione è stata data alla validità dell’indirizzo e-mail e dei numeritelefonici, ricavando i prefissi di telefonia fissa per i numeri che ne erano sprovvisti e ricostruendo iprefissi di telefonia cellulare che iniziavano con la cifra 0. In caso di assenza sia dell’indirizzo e-mail che del recapito telefonico, si è cercato di integrare l’informazione mancante effettuando unaricerca ad hoc tramite internet, ma solo in relazione a nominativi a bassissimo rischio di omonimia. Alla conclusione della fase preliminare di costituzione dell’anagrafica, VALMON s.r.l. hapredisposto tutte le informazioni raccolte in un apposito database, nei formati Excel, Access eMySQL. VALMON s.r.l. ha costantemente aggiornato il Gruppo di Ricerca sull’evoluzione della fasedi costituzione della lista. I sensibili ritardi con i quali gli Atenei hanno fornito le informazionirichieste hanno indotto il Gruppo di Ricerca a riorganizzare la conduzione dell’indagine secondo leseguenti fasi: 1) fase pilota di verifica del questionario; 2) conduzione preliminare delle interviste secondo la modalità CASI-web (web based Computer Aided Self Interviewing), invitando per e-mail i dottori di ricerca a partecipare all’indagine (ovviamente solo quelli per i quali si dispone inizialmente di un indirizzo di posta elettronica valido). 47
    • 3) successivo avvio della fase di indagine telefonica procedendo al contatto dei nominativi presenti sulla lista per i quali è disponibile il solo recapito telefonico. Ai nominativi contattati viene chiesto di scegliere tra la compilazione immediata con assistenza dell’intervistatore (modalità CATI - Computer Assisted Telephone Interviewing) e la compilazione; qualora si accetti di partecipare all’indagine secondo quest’ultima modalità, si invita a fornire un indirizzo e-mail valido sul quale ricevere le credenziali d’accesso al questionario e tutte le indicazioni necessarie alla sua compilazione; 4) estensione del contatto telefonico a tutti i nominativi presenti nella lista per i quali è disponibile anche un indirizzo email e che non hanno provveduto a compilare il questionario in modalità CASI-web. Contestualmente alla fase preliminare di raccolta delle informazioni anagrafiche, VALMONs.r.l. si è impegnata a verificare la correttezza dei percorsi e dei filtri presenti nel questionariofornito dal Gruppo di Ricerca. A tale proposito è stata condotta un’indagine pilota su alcuninominativi indicati dal Gruppo di Ricerca. Tale fase ha evidenziato alcuni difetti nella formulazionelogica dei salti del questionario, difetti che sono stati prontamente segnalati al Gruppo di Ricerca ecorretti dallo stesso. Per la realizzazione sia della fase pilota che delle due successive fasi di intervista (CASI-webe CATI), VALMON s.r.l. si è avvalsa del software VALMON-CATIweb; tale software, sviluppatocon tecnologie open-source (pagine PHP, database MySQL), è stato appositamente ideato esviluppato da VALMON s.r.l. per la conduzione di interviste via internet, siano esse in modalitàself-interviewing (CASI) o gestite tramite intervistatore (CATI). Il software è stato sviluppato in maniera modulare. Il modulo principale è dedicato allaerogazione di una intervista web sulla base di un qualsiasi questionario impostato sulla piattaforma:a tal fine, VALMON s.r.l. ha predisposto un apposito codice di strutturazione per l’interpretazionedi un qualsiasi di questionario le cui componenti (domande e loro ordine, obbligatorietà delledomande, risposte e loro ordine, filtri, salti logici, percorsi, automatismi per l’inserimento di campifissi, ecc.) devono essere memorizzate su database. Il modulo principale interpreta il codice distrutturazione e propone i quesiti all’utente, visualizzando l’elenco delle risposte fornite econtrollandone la coerenza. Un modulo secondario del software è deputato all’autenticazione degli accessi. VALMON-CATIweb distingue tre livelli di autenticazione: supervisori, intervistatori e intervistati. I supervisori hanno la facoltà di: impostare il questionario sul database, specificandone lecomponenti ed il codice di strutturazione; impostare la lista dei soggetti da contattare con levariabili di recapito (e-mail e n° telefonico), eventuali variabili di stratificazione e le relative chiavidi autenticazione; impostare i tempi di validità delle chiavi di autenticazione dei soggetti daintervistare e la fascia oraria nella quale condurre le interviste telefoniche; impostare la lista degliintervistatori con le relative chiavi d’accesso ed il loro periodo di validità; impostare il numeromassimo di tentativi di chiamata telefonica per ogni soggetto da intervistare; controllare l’attivitàdegli intervistatori mediante un pannello di sintesi delle interviste effettuate (numero di contattigiornalieri e loro esiti, tempi relativi alle interviste telefoniche, ecc.) e/o controllare le intervistesvolte o in corso di conduzione. 48
    • Gli intervistatori hanno la facoltà di: gestire in totale autonomia le interviste nel rispetto deitempi impostati dai supervisori, controllare la loro attività pregressa, gestire gli stati di chiamata edaccedere ad un’agenda degli appuntamenti. In caso di avvio dell’intervista telefonica, gliintervistatori hanno la facoltà di retrocedere ad uno qualsiasi dei quesiti precedenti, rettificando lerisposte senza dover scorrere l’intero elenco delle risposte già fornite. Gli intervistati possono soltanto accedere e compilare il questionario via-web per la durata delperiodo di validità delle loro chiavi d’autenticazione. Un ulteriore modulo del software è quello deputato alla selezione casuale dei soggetti daintervistare alla loro assegnazione casuale agli intervistatori. Le probabilità di selezione dei soggettida intervistare sono inizialmente paritarie, successivamente, dipendono dal numero dei contattiandati a vuoto. Le formule per il calcolo di queste probabilità possono essere modificate daisupervisori. Infine, un modulo è deputato alla predisposizione di rapporti giornalieri sulle interviste svolte. Tutti i dati sulla conduzione delle interviste e tutte le riposte raccolte sono facilmenteesportabili verso altre piattaforme sulla base dei tracciati richiesti. Il software è già stato utilizzato in passato in piani d’indagine simili e ha sempre garantitoottimi risultati dal punto di vista dell’usabilità complessiva e della gestione delle funzionalitàriservate sia all’intervistatore che all’intervistato. Alla conclusione delle fase preliminare di raccolta delle informazioni anagrafiche edell’indagine pilota, è stata avviata la fase CASI-web per la somministrazione via internet delquestionario definitivo fornito dal Gruppo di Ricerca. Durante questa fase di indagine, iniziata il 12aprile 2010, sono state spedite email a tutti i nominativi con almeno un recapito di posta elettronicavalido. A tale contingente di persone sono state inviate una prima e-mail di richiesta dipartecipazione all’indagine, più eventuali solleciti (fino ad un massimo di 3) spediti con cadenzaquindicennale. Sia nella prima email che negli eventuali solleciti sono sempre state illustrate le finalitàdell’indagine ed è stato sempre comunicato l’indirizzo web dal quale acquisire informazioni sullacomposizione del Gruppo di Ricerca, sugli Atenei coinvolti e sulle modalità di erogazione delquestionario. Nelle stesse email è stato indicato l’indirizzo web della piattaforma disomministrazione del questionario (http://valmon.ds.unifi.it/CATIweb/) e le relative chiavipersonalizzate d’accesso. Tutte le email precisavano che “… il titolare del trattamento dei dati personali è il Dip.to diStatistica dell’Università degli Studi di Firenze, limitatamente alla durata dellindagine. Alla finedella stessa, tutte le informazioni acquisite saranno raccolte in un database e inviate al ComitatoNazionale di Valutazione del Sistema Universitario, promotore dellindagine e titolare finale deltrattamento dei dati. Il Gruppo di Ricerca del Dip.to di Statistica dell’Università degli Studi diFirenze garantisce il Segreto Statistico, la Tutela della Riservatezza e i Diritti degli interessatisecondo quanto esplicitato nel: Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia diprotezione dei dati personali”- artt. 2 (finalità), 4 (definizioni), 7-10 (diritti dell’interessato), 13(informativa), 28-30 (soggetti che effettuano il trattamento), 104-110 (trattamento per scopistatistici o scientifici).” 49
    • Le email infine segnalavano l’esistenza di apposito indirizzo di posta elettronica(valdottric@ds.unifi.it) da utilizzare per eventuali di richieste di chiarimento sulle finalità e lemodalità dellindagine, o per supporto tecnico in sede di compilazione. Nel prospetto seguente è riportato il contenuto integrale della prima email: Gentile Dr. [Nome] [Cognome],    nell’ambito delle proprie attività, il Comitato Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario (CNVSU) ha avviato  un’indagine censuaria ‐ affidata ad un Gruppo di Ricerca del Dipartimento di Statistica “G.Parenti” dell’Università  degli Studi di Firenze, coordinato dal Prof. Bruno Chiandotto ‐ che ha come oggetto l’accertamento e l’analisi della  condizione occupazionale dei Dottori di Ricerca ad uno, cinque e dieci anni dal conseguimento del titolo.L’utilità di  un approfondimento conoscitivo sulla condizione attuale e sulle prospettive occupazionali dei Dottori di Ricerca,  da  sempre  sentita,  assume  rilevanza  ancora  maggiore  in  questa  fase  particolare  di  trasformazione  del  sistema  universitario italiano.  Ulteriori informazioni sulle finalità della ricerca potranno essere acquisite allindirizzo web:  http://valmon.ds.unifi.it/DottRicerca/   A tal fine, il Gruppo di Ricerca ha predisposto un apposito questionario compilabile allindirizzo web:  http://valmon.ds.unifi.it/CATIweb/   I suoi personali codici di accesso alla procedura web di somministrazione del questionario sono:    codice utente: [Nick]  password: [Pws]    Nellinserire  tali  codici  nel  pannello  di  accesso  della  procedura,  La  preghiamo  di  prestare  attenzione  al  corretto  impiego di maiuscole, minuscole e segni di punteggiatura, rispettando le sequenze di caratteri comunicate.   La  sua  collaborazione  sarà  preziosa  per  la  buona  riuscita  della  rilevazione;  La  preghiamo  pertanto  di  voler  procedere alla sua compilazione entro 15 giorni dal ricevimento della presente comunicazione.  Se  al  termine  dei  15  giorni  non  avrà  ancora  provveduto  alla  sua  compilazione  non  avendo  segnalato  esplicita  rinuncia, un nostro intervistatore provvederà a contattarLa telefonicamente in un orario compreso tra le ore 9:00  e le 21:00 nei giorni feriali, e dalle 9:00 alle 15:00 nel sabato e prefestivi. Se la telefonata dovesse arrivare in un  momento poco opportuno potrà fissare un nuovo appuntamento telefonico.  Ringraziandola in anticipo per la preziosa collaborazione che vorrà fornirci, Le porgiamo i nostri più cordiali saluti.    Il Responsabile del Gruppo di Ricerca    Prof. Bruno Chiandotto  Dip.to di Statistica "G. Parenti"  Università degli Studi di Firenze  ‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐‐  Titolare  del  trattamento  dei  dati  personali  è  il  Dip.to  di  Statistica  dell’Università  degli  Studi  di  Firenze,  limitatamente alla durata dellindagine. Alla fine della stessa, tutte le informazioni acquisite saranno raccolte in un  database  e  inviate  al  Comitato  Nazionale  di  Valutazione  del  Sistema  Universitario,  promotore  dellindagine  e  titolare finale del trattamento dei dati.  Il Gruppo di Ricerca del Dip.to di Statistica dell’Università degli Studi di Firenze garantisce il Segreto Statistico, la  Tutela della Riservatezza e  i Diritti degli interessati secondo quanto esplicitato nel:  Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”‐ artt. 2 (finalità), 4  (definizioni), 7‐10 (diritti dell’interessato), 13 (informativa), 28‐30 (soggetti che effettuano il trattamento), 104‐110  (trattamento per scopi statistici o scientifici).    Per ogni ulteriore informazioni sulle finalità e le modalità dellindagine è possibile inviare una e‐mail rispondendo  al presente indirizzo di posta elettronica (valdottric@ds.unifi.it). 50
    • I solleciti si sono differenziati dalla prima email per la frase contenuta nell’oggetto della email(iniziante con la parola “SOLLECITO”, preceduta dal numero progressivo del sollecito) e per unafrase aggiuntiva nel corpo del messaggio che indicava la possibilità di poter segnalare l’intenzionedi non voler partecipare all’indagine immediatamente dopo aver completato la procedura diautenticazione. La tabella sottostante illustra le date di spedizione della prima email e dei solleciti ed ilnumero degli invii effettuati (si osservi che il messaggio di invito alla compilazione è stato inviato atutti gli indirizzi di posta elettronica memorizzati nel sistema, anche se talvolta più di un indirizzo èriconducibile allo stesso individuo). Data di spedizione Numero email spedite 12 aprile 2010 9453 30 aprile 2010 (1° sollecito) 7709 17 maggio 2010 (2° sollecito) 6734 5 luglio 2010 (3° sollecito) 4310 Gli esiti di tutti gli invii effettuati sono stati memorizzati sul sistema in modo da consentirel’eliminazione dalla lista degli indirizzi non validi o non più attivi (ovviamente la depurazionemaggiore è stata effettuata a seguito del primo invio). Le parole chiave inviate per email ai Dottori di Ricerca hanno avuto una durata limitata neltempo e hanno consentito l’accesso al questionario web fino al 15 settembre 2010 (data comunicatadal Gruppo di Ricerca e specificata come parametro all’interno dell’Area Privata dedicata delsoftware VALMON-CATIweb). Tali parole chiave consentivano di accedere alla scheda personalizzata dell’intervistato. Laprima pagina della scheda riportava le informazioni relative al profilo formativo dell’intervistato percome risultava comunicato dagli Atenei, le pagine successive erano invece interamente dedicateall’erogazione del questionario. L’intervistato che ha compilato il questionario in modalità CASI-web ha potuto gestire il processo di intervista in totale libertà ed autonomia, avendo la possibilità direcuperare/correggere le informazioni già inserite e completare la compilazione durante glieventuali accessi successivi. Il 30 maggio è stata avviata la fase di interviste telefoniche. Come detto, la popolazioneobiettivo di questa fase d’indagine era costituita tutti i Dottori per i quali era disponibile il solorecapito telefonico. Questa fase è stata condotta in modalità CATI, ricorrendo al softwareVALMON-CATIweb, mediante l’ausilio di 25 intervistatori appositamente istruiti, alla cuiformazione (fase di briefing) hanno assistito alcuni membri del Gruppo di Ricerca. Gli intervistatoriutilizzati sono prevalentemente collaboratori di VALMON s.r.l. con esperienza pregressa inindagini similari (sia in modalità CASI che CATI). Ciascun intervistatore ha avuto accesso adun’area riservata della piattaforma web, previa inserimento delle proprie parole chiave,limitatamente alla durata del periodo d’indagine. La piattaforma web appositamente implementataper l’erogazione delle interviste in modalità CATI ha offerto agli intervistatori la possibilità digestire in totale autonomia – presso qualunque struttura dotata di computer collegato ad internet e di 51
    • linea telefonica – lo svolgimento delle interviste, senza alcuna preassegnazione del volume dicontatti da realizzare. Il tutto ovviamente sempre nel rispetto dei tempi di intervista definiti dalGruppo di Ricerca ed impostati sulla piattaforma. Il software sviluppato offre a VALMON s.r.l. lapossibilità di potersi avvalere di un elevato numero di intervistatori senza doversi preoccupare dellagestione di postazioni fisse CATI presso la propria struttura, consentendo al contempo il controllosia di tutte le azioni compiute dagli intervistatori sia dell’interazione intervistatore-intervistato. Il Gruppo di Ricerca del Dipartimento di Statistica ha potuto costantemente monitorare lostato d’avanzamento delle varie fasi dell’intervista. Il Gruppo di Ricerca ha avuto in particolare lapossibilità di controllare l’operato degli intervistatori accedendo all’Area Privata dedicata: infatti,per ciascun intervistatore registrato, la piattaforma provvede alla pubblicazione di alcuni indici disintesi delle interviste effettuate (numero di contatti giornalieri e loro esiti, tempi relativi alleinterviste telefoniche, ecc.) ed eventuale supervisori, che non possono ascoltare l’intervista, di fattopossono seguirne l’esecuzione, consultando in tempo reale la scheda di rilevazione. La flessibilità della piattaforma ha inoltre consentito di condurre le interviste telefoniche inmodi diversi, lasciando possibilità di scelta all’intervistato: a) dopo una breve presentazione dell’indagine, è stato chiesto all’intervistato se possiede un indirizzo e-mail e la sua disponibilità a partecipare all’indagine riempiendo il questionario via web senza l’ausilio dell’intervistatore; in caso affermativo, l’intervistatore ha provveduto ad inviare via e-mail l’indirizzo web della piattaforma e le chiavi d’accesso al questionario; b) qualora l’intervistato non possedesse un indirizzo e-mail ma si sia dichiarato disponibile a partecipare all’indagine riempiendo il questionario via web, l’intervistatore è stato autorizzato a fornire a voce l’indirizzo web della piattaforma e le chiavi d’accesso al questionario; c) solo nel caso in cui l’intervistato si sia dichiarato non disponibile ad compilare il questionario via web prediligendo l’intervista telefonica, allora il questionario è stato somministrato in modalità CATI. Gli intervistati che hanno optato per il riempimento del questionario via web, hanno comedetto dovuto indicare il proprio recapito di posta elettronica; a tale recapito sono state spedite laemail di presentazione dell’indagine e gli eventuali solleciti, analogamente a quanto fatto per idottori appartenenti al contingente d’indagine coinvolto nella prima fase. L’ultima fase di intervista ha previsto l’estensione del contatto telefonico a tutti i nominativipresenti nella lista per i quali era inizialmente disponibile un indirizzo email che, alla data del 15luglio non avevano ancora provveduto a compilare il questionario in modalità CASI-web. Taliinterviste sono state condotte secondo le stesse modalità descritte per la terza fase del processo diindagine. Come detto, per tutta la durata dell’indagine è stato creato un apposito indirizzo di postaelettronica (valdottric@ds.unifi.it) a cui ha avuto accesso sia VALMON s.r.l. che i titolari delGruppo di Ricerca. Tale indirizzo è stato utilizzato dai Dottori per richieste di chiarimento sullefinalità e le modalità dellindagine, o per supporto tecnico in sede di compilazione. Alla fine del 52
    • periodo d’indagine sono state inviate 273 e-mail in risposta alle richieste di chiarimento e supportopervenute. Le quattro fasi descritte in precedenza rispecchiano fedelmente quanto previsto in sedepresentazione dell’offerta tecnica necessaria alla partecipazione alla gara per l’aggiudicazionedell’indagine. In aggiunta a quanto inizialmente promesso, per aumentare il numero dei questionaricompilati e al contempo anticipare le finalità della rilevazione, VALMON s.r.l. ha deciso diestendere la prima fase d’indagine contattando tutti i nominativi dotati di recapito di telefoniamobile tramite la tecnologia SMS (Short Message Service). A tale proposito VALMON s.r.l. hasviluppato un apposito software in grado di inviare SMS personalizzati tramite il provider ditelefonia internet Skype. Negli SMS inviati, si invitavano i Dottori a compilare il questionario viaweb fornendo l’indirizzo internet del progetto di ricerca e della piattaforma di erogazione deiquestionari e le chiavi personali d’accesso (username e password) alla tale piattaforma. Tramite lostesso software, capace di memorizzare gli esiti dei vari invii, è stato possibile depurare la lista deinominativi da tutti quei numeri di telefonia mobile errati o non più attivi. Per i numeri ancora attiviassegnati a Dottori che non avevano ancora provveduto a compilare la scheda, il sistema haprovveduto ad inviare fino a 3 sms a distanza di 15 giorni l’uno dall’altro. VALMON s.r.l. si era inizialmente impegnata a completare il maggior numero possibile diinterviste, sulla base dei contatti disponibili, entro e non oltre il 31 maggio 2010. I ritardiaccumulati nella fase di costituzione della lista di soggetti da intervistare hanno indotto il Gruppo diRicerca a prorogare tale termine di 60 giorni. Le interviste si sono concluse il 30 luglio 2010. Alla conclusione delle quattro fasi diintervista tutti i Dottori presenti nella lista dotati di recapito di posta elettronica e/o telefonico sonostati contattati almeno una volta. Sono state spedite un totale di 29903 e-mail, inviati 11385 sms edeseguite 11015 telefonate. Le tabelle sottostanti riepilogano le attività di intervista distinguendo tra email inviate, smsspediti e telefonate effettuate. Si osservi che il numero di email spedite per nominativo varia tra uno e nove: uno per coloroche hanno immediatamente compilato, totalmente o parzialmente, il questionario a seguito delricevimento della prima email; numeri superiori sono attribuibili innanzitutto agli eventuali solleciti(massimo tre), alla presenza di più recapiti di posta elettronica per lo stesso individuo, eall’eventuale fornitura di email alternativa a seguito dei contatti telefonici con gli intervistatori.Analoghe considerazioni possono essere fatte per il numero di sms spediti: solleciti e cellularimultipli. Per i contatti telefonici, invece, il numero di telefonate per individuo è motivato daireiterati tentativi di chiamata a seguito del processo casuale di estrazione dei nominativi operato dalsistema e dagli eventuali appuntamenti per la conduzione / prosecuzione dell’indagine presi con gliintervistatori. 53
    • n° e-mail per numero totale e-mail spedite nominativo nominativi 1 2405 2405 2 1256 2512 3 2583 7749 4 3865 15460 5 313 1565 6 22 132 7 9 63 8 1 8 9 1 9 totale 29903 n° sms per numero totale sms inviati nominativi nominativi 1 1623 1623 2 2171 4342 3 1576 4728 4 120 480 5 19 95 6 18 108 9 1 9 totale 11385n° chiamate per numero totale chiamate nominativo nominativi effettuate 1 2475 2475 2 1593 3186 3 784 2352 4 319 1276 5 146 730 6 46 276 7 24 168 8 15 120 9 10 90 10 3 30 11 8 88 12 3 36 15 4 60 16 1 16 17 1 17 18 1 18 22 1 22 24 1 24 31 1 31 totale 11015 54
    • 3.3 I dati raccoltiAlla scadenza delle fasi di intervista, VALMON s.r.l. ha rilasciato al Gruppo di Ricerca undatabase, nei formati ACCESS, Excel e MySQL, contenente tutte le informazioni sui contattieffettuati, sul loro esito e sulle risposte fornite per i vari questionari compilati. I questionari interamente compilati sono stati 4796, quelli parzialmente compilati solo 682(per un totale di 5478 questionari raccolti). Il tasso finale di partecipazione all’indagine è stato del37,5%. Il numero di questionari interamente compilati è prossimo al numero di tutti i questionariraccolti durante l’indagine, in altre parole circa 90% di coloro che hanno deciso di partecipareall’indagine lo ha fatto con una motivazione tale da completare tutte le sezioni del questionario. La tabella successiva illustra la distribuzione dei questionari per anno di conseguimento deltitolo; la numerosità rilevata per i Dottori che hanno conseguito il titolo nel 1998 è dovuta allascarsa numerosità della popolazione, ma anche alla qualità dei recapiti forniti dagli Atenei, la qualetende a degenerare man mano che ci si allontana dal periodo d’indagine. Quest’ultimo aspettomotiva il valore dell’indice di partecipazione all’indagine, che per il 1998 non raggiunge il 19%. numerosità tasso di totale anno della lista dei partecipazione questionari Dottori contattabili (%) 1998 673 126 18,7 2003 4462 1129 25,3 2008 9696 4223 43,6 Totale 14831 5478 36,9 Si osservi che la consistenza effettiva della lista, una volta esaurite tutte le fasi d’indagine, èscesa a 14831 individui. Questa diminuzione è da ascrivere all’intervento dei soggetti intervistatiche hanno provveduto a correggere le informazioni anagrafiche fornite dagli Atenei. In particolare,variazioni dell’anno di conseguimento del titolo hanno prodotto l’esclusione automatica dei soggettiintervistati dalla piattaforma di somministrazione del questionario. La Tabella 3.4 e la Tabella 3.5 riepilogano (in valori assoluti e percentuali), per ciascunAteneo, la consistenza delle liste inviate dagli Atenei, i Dottori effettivamente contattabili in quantodotati di almeno un recapito valido (telefonico o di posta elettronica) e il numero di intervisteeffettuate. Nell’ultima colonna sono inoltre quantificati i Dottori di ricerca che hanno dichiarato unadata di conseguimento del titolo diversa da quella comunicata dagli Atenei e incongruente rispettoagli anni d’interesse. Si osservi che, in rare situazioni, le correzioni apportata dai Dottori in sede diintervista hanno portato ad ottenere interviste per contingenti di persone inizialmente noncontattabili (si vedano gli intervistati che hanno conseguito il titolo di Dottore alla Università diBologna e Ferrara nel 1998). Data la complessità della procedura implementate durante le vari fasi d’indagine è impossibileeffettuare una separazione netta degli esiti delle diverse fasi delle interviste; in generale è infattiimpossibile stabilire con precisione se un questionario compilato via web lo è stato a seguito delricevimento di una e-mail, oppure a seguito di un sms oppure a seguito di una chiamata telefonica 55
    • dato che potrebbe essere stato riempito in uno qualsiasi dei giorni di apertura della piattaforma web,ovvero durante tutta l’estensione del periodo di indagine. VALMON s.r.l. ha infine predisposto tutti gli archivi in formato proprietario, richiesti dalGruppo di Ricerca per consentire la stima dei modelli statistici utilizzati nel Rapporto di ricerca. 56
    • Tabella 3.4 – Consistenza delle liste dei Dottori inviate dagli Atenei, Dottori effettivamente contattabili e interviste effettuate (valori assoluti) 1998 2003 2008 Totale inviati contat interviste inviati contat interviste inviati contat interviste inviati contat interviste <> tabili tabili tabili tabiliAncona - Università Politecnica delle Marche 33 33 9 42 42  7 128 128 66 203 203 82   Arcavacata di Rende - Università della Calabria 32 0 1 43 0  2 136 35 11 211 35 14  173 Bari - Politecnico 11 0 0 18 0  0 42 42 22 71 42 22   Bari - Università degli studi   232 229  39 355 355 103 587 584 142   Benevento - Università degli Studi del Sannio   8 8  2 28 28 12 36 36 14   Bergamo - Università degli studi 4 4 1 4 4  1 32 32 13 40 40 15   Bologna - Università degli studi   1 400 388  100 565 561 314 965 949 415   Bolzano - Libera Università   12 12 5 12 12 5   Brescia - Università degli studi 19 19 3 41 41  15 47 47 27 107 107 45   Cagliari - Università degli studi 25 8 1 75 69  17 149 149 94 249 226 112  1 Camerino - Università degli studi 20 8 0 20 15  5     0 40 23 5  5 Campobasso - Università degli Studi del Molise 4 0 0 24 0  0 44 43 8 72 43 8   Cassino - Università degli studi 6 6 2 5 5  1 57 57 14 68 68 17   Castellanza - Università "Carlo Cattaneo" 2 2  0 5 5 3 7 7 3   Catania - Università degli studi 25 0 0 213 0  1 310 0 1 548 0 2   Chieti e Pescara - Università degli Studi GabrieleDAnnunzio 35 35 3 69 60  13 127 127 43 231 222 59   Ferrara - Università degli studi 1 61 60  15 121 121 51 182 181 67   Firenze - Università degli studi 316 314  67 415 407 176 731 721 243   Foggia - Università degli studi   4 4  2 86 85 42 90 89 44   Genova - Università degli studi   203 203  45 229 229 114 432 432 159   LAquila - Università degli studi   37 17  6 96 95 50 133 112 56   Lecce - Università del Salento   66 62  17 216 216 107 282 278 124   Macerata - Università degli studi 6   1 12 12  6 81 81 31 99 93 38   Messina - Università degli studi   139 136  24 242 239 68 381 375 92   Milano - Libera Università Lingue e Comunicazione(IULM)   6 6  2 21 21 10 27 27 12   Milano - Politecnico 64 64 4 116 115  32 260 260 134 440 439 170   
    • 1998 2003 2008 Totale inviati contat interviste inviati contat interviste inviati contat interviste inviati contat interviste <> tabili tabili tabili tabiliMilano - Università Cattolica del "Sacro Cuore" 55 44 12 102 100  27 212 212 89 369 356 128   Milano - Università commerciale "Luigi Bocconi" 11 10 2 25 25  7 44 43 19 80 78 28   Milano - Università degli studi 90 89 7 264 248  47 497 497 177 851 834 231   Milano - Università Vita-Salute San Raffaele       19 17 2 19 17 2   Milano-Bicocca - Università degli studi   33 33  8 159 159 72 192 192 80   Modena e Reggio Emilia - Università degli studi   76 35  11 105 104 41 181 139 52   Napoli - Istituto Universitario "Suor Orsola Benincasa"       9 9 4 9 9 4   Napoli - Seconda Università degli studi 8 6 0 152 110  23 202 196 61 362 312 84   Napoli - Università degli Studi "Federico II"   375 374  103 568 468 135 943 842 238   Napoli - Università degli Studi "Parthenope"   1 1  1 15 15 4 16 16 5   Padova - Università degli studi   263 263  50 505 505 254 768 768 304   Palermo - Università degli studi       393 393 143 393 393 143   Parma - Università degli studi 54 53 4 74 73  17 170 170 82 298 296 103   Pavia - Università degli studi 100 18 7 114 113  34 201 201 89 415 332 130   Perugia - Università degli studi 22 0 0 124 0  0 197 0 0 343 0 0   Pisa - Università degli studi   1 169 166  55 371 370 169 540 536 225   Potenza - Università degli Studi della Basilicata 8 7 2 40 37  11 53 53 26 101 97 39   Roma - III Università degli studi 12 2 2 60 5  5 87 85 33 159 92 40   Roma - Libera Università degli Studi San Pio V       0 3 3 1 3 3 1   Roma - Libera Università internazionale studi sociali(LUISS) 3 2 1 11 10  3 42 42 12 56 54 16   Roma - Università "Campus Bio-Medico"       0 8 8 7 8 8 7   Roma - Università degli Studi "La Sapienza"       0 753 660 185 753 660 185   Roma - Università degli Studi del "Foro Italico"       6 6 0 6 6 0   Roma - Università degli Studi di "Tor Vergata"   149 135  53 316 265 141 465 400 194  64 Salerno - Università degli studi 13 0 0 117 0  0 163 35 11 293 35 11   Sassari - Università degli studi   62 44  10 100 100 42 162 144 52   Siena - Università degli studi 67 0 1 129 129  38 280 280 141 476 409 180    58
    • 1998 2003 2008 Totale inviati contat interviste inviati contat interviste inviati contat interviste inviati contat interviste <> tabili tabili tabili tabiliSiena - Università per stranieri   8 8  4 6 6 3 14 14 7   Teramo - Università degli studi 1 1 0 8 0  0 43 38 9 52 39 9   Torino - Politecnico   109 108  42 152 150 72 261 258 114  2 Torino - Università degli studi 127 95 17 220 218  38 404 401 225 751 714 280   Trento - Università degli studi 34 34 5 68 65  24 143 143 75 245 242 104   Trieste - Università degli studi 62 60 12 122 121  21 157 157 82 341 338 115   Udine - Università degli studi 12 3 1 65 57  11 121 119 75 198 179 87  2 Urbino - Università degli Studi "Carlo Bo" 11 9 3 29 29  11 61 61 35 101 99 49   Varese - Università dell Insubria   10 10  3 50 49 16 60 59 19   Venezia - Università degli Studi "Cà Foscari" 42 21 5 44 44  13 88 88 44 174 153 62   Venezia - Università IUAV 14 12 3 33 33  11 22 22 13 69 67 27   Vercelli - Università degli Studi del Piemonte orientale   9 9  4 30 30 12 39 39 16   Verona - Università degli studi 18 18 3 41 41  9 101 101 54 160 160 66   Viterbo - Università della Tuscia 13 12 10 26 26  15 60 60 41 99 98 66   altra università dichiarata all’intervista     1   1 8 10   Totale complessivo 1061 673 126 5288 4462  1129 10720 9696 4223 17069 14831 5478  247  59
    • Tabella 3.5 – Consistenza delle liste dei Dottori inviate dagli Atenei, Dottori effettivamente contattabili e interviste effettuate (valori percentuali) 1998 2003 2008 Totale interviste interviste interviste interviste contat interviste contat interviste contat interviste contat interviste su contat su contat su contat su contat tabili su inviati tabili su inviati tabili su inviati tabili su inviati tabili tabili tabili tabili (%) (%) (%) (%) (%) (%) (%) (%) (%) (%) (%) (%)Ancona - Università Politecnica delle Marche 100,0 27,3 27,3 100,0 16,7  16,7 100,0 51,6 51,6 100,0 40,4 40,4 Arcavacata di Rende - Università della Calabria 0,0 3,1 0,0 0,0 4,7  25,7 8,1 31,4 16,6 6,6 40,0 Bari - Politecnico 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0  100,0 52,4 52,4 59,2 31,0 52,4 Bari - Università degli studi 98,7 16,8  17,0 100,0 29,0 29,0 99,5 24,2 24,3 Benevento - Università degli Studi del Sannio 100,0 25,0  25,0 100,0 42,9 42,9 100,0 38,9 38,9 Bergamo - Università degli studi 100,0 25,0 25,0 100,0 25,0  25,0 100,0 40,6 40,6 100,0 37,5 37,5 Bologna - Università degli studi 97,0 25,0  25,8 99,3 55,6 56,0 98,3 43,0 43,7 Bolzano - Libera Università   100,0 41,7 41,7 100,0 41,7 41,7 Brescia - Università degli studi 100,0 15,8 15,8 100,0 36,6  36,6 100,0 57,4 57,4 100,0 42,1 42,1 Cagliari - Università degli studi 32,0 4,0 12,5 92,0 22,7  24,6 100,0 63,1 63,1 90,8 45,0 49,6 Camerino - Università degli studi 40,0 0,0 0,0 75,0 25,0  33,3 57,5 12,5 21,7 Campobasso - Università degli Studi del Molise 0,0 0,0 0,0 0,0  97,7 18,2 18,6 59,7 11,1 18,6 Cassino - Università degli studi 100,0 33,3 33,3 100,0 20,0  20,0 100,0 24,6 24,6 100,0 25,0 25,0 Castellanza - Università "Carlo Cattaneo" 100,0 0,0  0,0 100,0 60,0 60,0 100,0 42,9 42,9 Catania - Università degli studi 0,0 0,0 0,0 0,5  0,0 0,0 0,3 0,0 0,0 0,4 0,0 Chieti e Pescara - Università degli Studi Gabriele 100,0 8,6 8,6 87,0 18,8  21,7 100,0 33,9 33,9 96,1 25,5 26,6 DAnnunzioFerrara - Università degli studi 98,4 24,6  25,0 100,0 42,1 42,1 99,5 36,8 37,0 Firenze - Università degli studi 99,4 21,2  21,3 98,1 42,4 43,2 98,6 33,2 33,7 Foggia - Università degli studi 100,0 50,0  50,0 98,8 48,8 49,4 98,9 48,9 49,4 Genova - Università degli studi 100,0 22,2  22,2 100,0 49,8 49,8 100,0 36,8 36,8 LAquila - Università degli studi 45,9 16,2  35,3 99,0 52,1 52,6 84,2 42,1 50,0 Lecce - Università del Salento 93,9 25,8  27,4 100,0 49,5 49,5 98,6 44,0 44,6  60
    • 1998 2003 2008 Totale interviste interviste interviste interviste contat interviste contat interviste contat interviste contat interviste su contat su contat su contat su contat tabili su inviati tabili su inviati tabili su inviati tabili su inviati tabili tabili tabili tabili (%) (%) (%) (%) (%) (%) (%) (%) (%) (%) (%) (%)Macerata - Università degli studi 0,0 16,7 100,0 50,0  50,0 100,0 38,3 38,3 93,9 38,4 40,9 Messina - Università degli studi 97,8 17,3  17,6 98,8 28,1 28,5 98,4 24,1 24,5 Milano - Libera Università Lingue e Comunicazione 100,0 33,3  33,3 100,0 47,6 47,6 100,0 44,4 44,4 (IULM)Milano - Politecnico 100,0 6,3 6,3 99,1 27,6  27,8 100,0 51,5 51,5 99,8 38,6 38,7 Milano - Università Cattolica del "Sacro Cuore" 80,0 21,8 27,3 98,0 26,5  27,0 100,0 42,0 42,0 96,5 34,7 36,0 Milano - Università commerciale "Luigi Bocconi" 90,9 18,2 20,0 100,0 28,0  28,0 97,7 43,2 44,2 97,5 35,0 35,9 Milano - Università degli studi 98,9 7,8 7,9 93,9 17,8  19,0 100,0 35,6 35,6 98,0 27,1 27,7 Milano - Università Vita-Salute San Raffaele   89,5 10,5 11,8 89,5 10,5 11,8 Milano-Bicocca - Università degli studi 100,0 24,2  24,2 100,0 45,3 45,3 100,0 41,7 41,7 Modena e Reggio Emilia - Università degli studi 46,1 14,5  31,4 99,0 39,0 39,4 76,8 28,7 37,4 Napoli - Istituto Universitario "Suor Orsola Benincasa"   100,0 44,4 44,4 100,0 44,4 44,4 Napoli - Seconda Università degli studi 75,0 0,0 0,0 72,4 15,1  20,9 97,0 30,2 31,1 86,2 23,2 26,9 Napoli - Università degli Studi "Federico II" 99,7 27,5  27,5 82,4 23,8 28,8 89,3 25,2 28,3 Napoli - Università degli Studi "Parthenope" 100,0 100,0  100,0 100,0 26,7 26,7 100,0 31,3 31,3 Padova - Università degli studi 100,0 19,0  19,0 100,0 50,3 50,3 100,0 39,6 39,6 Palermo - Università degli studi   100,0 36,4 36,4 100,0 36,4 36,4 Parma - Università degli studi 98,1 7,4 7,5 98,6 23,0  23,3 100,0 48,2 48,2 99,3 34,6 34,8 Pavia - Università degli studi 18,0 7,0 38,9 99,1 29,8  30,1 100,0 44,3 44,3 80,0 31,3 39,2 Perugia - Università degli studi 0,0 0,0 0,0 0,0  0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 Pisa - Università degli studi 98,2 32,5  33,1 99,7 45,6 45,7 99,3 41,7 42,0 Potenza - Università degli Studi della Basilicata 87,5 25,0 28,6 92,5 27,5  29,7 100,0 49,1 49,1 96,0 38,6 40,2 Roma - III Università degli studi 16,7 16,7 100,0 8,3 8,3  100,0 97,7 37,9 38,8 57,9 25,2 43,5 Roma - Libera Università degli Studi San Pio V   100,0 33,3 33,3 100,0 33,3 33,3 Roma - Libera Università internazionale studi sociali 66,7 33,3 50,0 90,9 27,3  30,0 100,0 28,6 28,6 96,4 28,6 29,6 (LUISS)Roma - Università "Campus Bio-Medico"   100,0 87,5 87,5 100,0 87,5 87,5 Roma - Università degli Studi "La Sapienza"   87,6 24,6 28,0 87,6 24,6 28,0  61
    • 1998 2003 2008 Totale interviste interviste interviste interviste contat interviste contat interviste contat interviste contat interviste su contat su contat su contat su contat tabili su inviati tabili su inviati tabili su inviati tabili su inviati tabili tabili tabili tabili (%) (%) (%) (%) (%) (%) (%) (%) (%) (%) (%) (%)Roma - Università degli Studi del "Foro Italico"   100,0 0,0 0,0 100,0 0,0 0,0 Roma - Università degli Studi di "Tor Vergata" 90,6 35,6  39,3 83,9 44,6 53,2 86,0 41,7 48,5 Salerno - Università degli studi 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0  21,5 6,7 31,4 11,9 3,8 31,4 Sassari - Università degli studi 71,0 16,1  22,7 100,0 42,0 42,0 88,9 32,1 36,1 Siena - Università degli studi 0,0 1,5 0,0 100,0 29,5  29,5 100,0 50,4 50,4 85,9 37,8 44,0 Siena - Università per stranieri 100,0 50,0  50,0 100,0 50,0 50,0 100,0 50,0 50,0 Teramo - Università degli studi 100,0 0,0 0,0 0,0 0,0  88,4 20,9 23,7 75,0 17,3 23,1 Torino - Politecnico 99,1 38,5  38,9 98,7 47,4 48,0 98,9 43,7 44,2 Torino - Università degli studi 74,8 13,4 17,9 99,1 17,3  17,4 99,3 55,7 56,1 95,1 37,3 39,2 Trento - Università degli studi 100,0 14,7 14,7 95,6 35,3  36,9 100,0 52,4 52,4 98,8 42,4 43,0 Trieste - Università degli studi 96,8 19,4 20,0 99,2 17,2  17,4 100,0 52,2 52,2 99,1 33,7 34,0 Udine - Università degli studi 25,0 8,3 33,3 87,7 16,9  19,3 98,3 62,0 63,0 90,4 43,9 48,6 Urbino - Università degli Studi "Carlo Bo" 81,8 27,3 33,3 100,0 37,9  37,9 100,0 57,4 57,4 98,0 48,5 49,5 Varese - Università dell Insubria 100,0 30,0  30,0 98,0 32,0 32,7 98,3 31,7 32,2 Venezia - Università degli Studi "Cà Foscari" 50,0 11,9 23,8 100,0 29,5  29,5 100,0 50,0 50,0 87,9 35,6 40,5 Venezia - Università IUAV 85,7 21,4 25,0 100,0 33,3  33,3 100,0 59,1 59,1 97,1 39,1 40,3 Vercelli - Università degli Studi del Piemonte orientale 100,0 44,4  44,4 100,0 40,0 40,0 100,0 41,0 41,0 Verona - Università degli studi 100,0 16,7 16,7 100,0 22,0  22,0 100,0 53,5 53,5 100,0 41,3 41,3 Viterbo - Università della Tuscia 92,3 76,9 83,3 100,0 57,7  57,7 100,0 68,3 68,3 99,0 66,7 67,3 Totale complessivo 63,4 11,9 18,7 84,4 21,4  25,3 90,4 39,4 43,6 86,9 32,1 36,9  62
    • 3.4 Confronto di struttura per area disciplinareNelle tabelle successive sono riportati i confronti di struttura tra popolazione (definita dainominativi inviati dagli atenei) e campione per area disciplinare del dottorato, distintamente peranno di conseguimento del titolo (1998: Tabella 3.6; 2003: Tabella 3.7; 2008: Tabella 3.8). I totalisono leggermente inferiori a quelli della Tabella 3.4 in quanto per alcuni dottori non è statopossibile identificare la denominazione e quindi l’area del dottorato. Per i dottori 1998 il tasso complessivo è basso (intorno al 12%) e molte aree hanno tassiinferiori al 10%. Per i dottori 2003 il tasso complessivo sale a circa il 22% e i tassi di risposta perarea sono abbastanza vicini, ma per due aree molto piccole non vi sono dati sufficienti (si tratta diScienze delle attività motorie e discipline sportive e Scienze informatiche). Per i dottori 2008 iltasso complessivo è quasi 42%, con un minimo di 30,8% di Scienze Pedagogiche e un massimo di50,4% di Scienze Agrarie. Nel complesso il campione relativo al 2008 consente un’analisi per areadisciplinare poiché vi è un congruo numero di dottori intervistati in ogni area e i tassi di rispostanon presentano differenze eccessive.Tabella 3.6 - Dottori di ricerca 1998: contattabili vs intervistati, per area del dottorato Popolazione Campione Tasso N % N %Ingegneria civile e Architettura 54 5,4 8 6,8 14,8Ingegneria dellinformazione 42 4,2 5 4,2 11,9Ingegneria industriale 41 4,1 3 2,5 7,3Scienze agrarie 40 4,0 9 7,6 22,5Scienze biologiche 102 10,2 13 11,0 12,7Scienze chimiche 73 7,3 7 5,9 9,6Scienze della terra 56 5,6 5 4,2 8,9Scienze dellantichità e filologico-letterarie 96 9,6 9 7,6 9,4Scienze delle attività motorie e discipline sportive 1 0,1 0 0,0Scienze economiche (aziendali) 15 1,5 4 3,4 26,7Scienze economiche (socio-politiche) 36 3,6 1 0,8 2,8Scienze fisiche 67 6,7 8 6,8 11,9Scienze giuridiche 54 5,4 8 6,8 14,8Scienze matematiche 22 2,2 7 5,9 31,8Scienze mediche 128 12,8 12 10,2 9,4Scienze pedagogiche 6 0,6 1 0,8Scienze politiche e sociali 42 4,2 6 5,1 14,3Scienze psicol., geogr. e demoetnoantropol. 22 2,2 1 0,8 4,5Scienze statistiche 13 1,3 2 1,7 15,4Scienze storiche e filosofiche 53 5,3 4 3,4 7,5Scienze storico-artistiche 17 1,7 3 2,5 17,6Scienze veterinarie 20 2,0 2 1,7 10,0Totale 1000 100,0 118 100,0 11,8 63
    • Tabella 3.7 - Dottori di ricerca 2003: contattabili vs intervistati per area del dottorato Popolazione Campione Tasso N % N %Ingegneria civile e Architettura 263 5,4 58 5,3 22,1Ingegneria dellinformazione 192 3,9 50 4,6 26,0Ingegneria industriale 299 6,1 78 7,1 26,1Scienze agrarie 181 3,7 49 4,5 27,1Scienze biologiche 570 11,6 112 10,2 19,6Scienze chimiche 398 8,1 80 7,3 20,1Scienze della terra 243 5,0 62 5,7 25,5Scienze dellantichità e filologico-letterarie 323 6,6 86 7,8 26,6Scienze delle attività motorie e discipline sportive 1 0,0 0 0,0Scienze economiche (aziendali) 138 2,8 33 3,0 23,9Scienze economiche (socio-politiche) 148 3,0 34 3,1 23,0Scienze fisiche 335 6,8 82 7,5 24,5Scienze giuridiche 317 6,5 55 5,0 17,4Scienze informatiche 5 0,1 2 0,2Scienze matematiche 115 2,3 25 2,3 21,7Scienze mediche 659 13,4 140 12,8 21,2Scienze pedagogiche 31 0,6 8 0,7 25,8Scienze politiche e sociali 119 2,4 26 2,4 21,8Scienze psicol., geogr. e demoetnoantropol. 105 2,1 23 2,1 21,9Scienze statistiche 55 1,1 14 1,3 25,5Scienze storiche e filosofiche 242 4,9 34 3,1 14,0Scienze storico-artistiche 71 1,4 20 1,8 28,2Scienze veterinarie 98 2,0 25 2,3 25,5Totale 4908 100,0 1096 100,0 22,3 64
    • Tabella 3.8 - Dottori di ricerca 2008: contattabili vs intervistati per area del dottorato Popolazione Campione Tasso N % N %Ingegneria civile e Architettura 569 6,1 231 6,0 40,6Ingegneria dellinformazione 317 3,4 136 3,5 42,9Ingegneria industriale 483 5,2 204 5,3 42,2Scienze agrarie 345 3,7 174 4,5 50,4Scienze biologiche 1038 11,2 504 13,1 48,6Scienze chimiche 619 6,7 231 6,0 37,3Scienze della terra 445 4,8 179 4,7 40,2Scienze dellantichità e filologico-letterarie 606 6,5 297 7,7 49,0Scienze delle attività motorie e discipline sportive 44 0,5 20 0,5 45,5Scienze economiche (aziendali) 190 2,0 77 2,0 40,5Scienze economiche (socio-politiche) 349 3,8 132 3,4 37,8Scienze fisiche 522 5,6 234 6,1 44,8Scienze giuridiche 688 7,4 241 6,3 35,0Scienze informatiche 49 0,5 21 0,5 42,9Scienze matematiche 153 1,6 67 1,7 43,8Scienze mediche 1361 14,7 486 12,6 35,7Scienze pedagogiche 130 1,4 40 1,0 30,8Scienze politiche e sociali 289 3,1 127 3,3 43,9Scienze psicol., geogr. e demoetnoantropol. 254 2,7 106 2,8 41,7Scienze statistiche 56 0,6 20 0,5 35,7Scienze storiche e filosofiche 456 4,9 183 4,8 40,1Scienze storico-artistiche 184 2,0 81 2,1 44,0Scienze veterinarie 128 1,4 57 1,5 44,5Totale 9275 100,0 3848 100,0 41,5 65
    • 66
    • 4 La condizione occupazionale dei dottori di ricerca del 1998, 2003 e 2008IntroduzioneIn questo capitolo si presentano i risultati dell’indagine condotta sui dottori di ricerca di tutte e tre lecoorti considerate nello studio. La sequenza nella presentazione e il commento sui dati rispecchiaquella prevista nelle schede di rilevazione utilizzate (riportate integralmente in Appendice A). Irisultati e i commenti sono tuttavia articolati nel seguente modo: prima si commentano il 2008 e sievidenziano le principali differenze con il 2003, poi si commenta la coorte del 1998; ciò in quantoquest’ultima ha un’esigua numerosità del campione, contrariamente alle coorti 2003 e 2008 chesono più numerose e per le quali il confronto tra esse può essere più ragionevole. In questo secondo caso, dalla lettura delle tabelle si nota che quasi sempre il comportamentodegli individui nel dare le risposte è molto simile tra le due coorti. Un’ulteriore avvertenza riguarda la lettura delle specifiche tabelle: i valori relativi ai risultatiaggregati presentano delle discrepanze più o meno marcate con quelli disaggregati per areedisciplinari, data la presenza di dati mancati in alcuni dottorati dovuta all’impossibilità diidentificare i medesimi. Infine, qui di seguito vengono presentate e commentate solo una parte, quella ritenuta piùsignificativa ai fini dell’analisi, delle elaborazioni (spoglio e descrittive) fatte che sono inveceriportate tutte completamente in Appendice C.4.1 Condizione occupazionale delle coorti 2003 e 20084.1.1 Le motivazioni dell’iscrizione al corso di dottoratoIl motivo principale (Tabella 4.1) di iscrizione al corso di dottorato è il desiderio di svolgere attivitàdi ricerca (41,4%). Tale motivazione è più diffusa tra i dottori 2008 (Tabella 4.2) appartenenti alle areedisciplinari delle scienze informatiche (61,9%) e delle scienze fisiche (58,8%) mentre è decisamentelimitata tra i dottori in scienze statistiche (16,7%) e in scienze giuridiche (19,4%). Per quantoriguarda il genere, sono interessati all’attività di ricerca più le femmine (43,8%) dei maschi(38,7%). 67
    • Tabella 4.1 – Motivo principale per cui ha deciso di iscriversi al Corso di Dottorato in cui ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca 2003 2008 Totale N % % cum N % % cum N % % cumPer completare/arricchire la mia formazione 169 15,2 15,2 817 19,5 19,5 986 18,6 18,6Per conseguire un titolo dal più alto potere professionalizzante 86 7,7 22,9 436 10,4 29,9 522 9,8 28,5Interesse per lo studio 78 7,0 29,9 268 6,4 36,3 346 6,5 35,0Per fare attività di ricerca 505 45,4 75,3 1735 41,4 77,8 2240 42,3 77,2Per l’interesse nei confronti di una futura carriera accademica 257 23,1 98,4 849 20,3 98,0 1106 20,9 98,1Altro 18 1,6 100,0 82 2,0 100,0 100 1,9 100,0Totale validi 1113 100,0 4187 100,0 5300 100,0Mancanti 16 36 52Totale assoluto 1129 4223 5352Tabella 4.2 - Motivo principale per cui ha deciso di iscriversi al Corso di Dottorato in cui ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca, per aree disciplinari. Coorte 2008 (percentuali di riga) Per Per Per l’interesse completar conseguir nei e/ e un titolo Interesse Per fare confrontiArea disciplinare arricchire dal più per lo attività di di una Altro la mia alto studio ricerca futura formazion potere carriera e profess. accademi caIngegneria civile e Architettura 24,2 10,0 7,4 37,2 19,9 1,3Ingegneria dellinformazione 26,0 12,3 2,1 41,8 13,7 4,1Ingegneria industriale 25,2 10,0 4,8 38,6 16,7 4,8Scienze agrarie 18,7 12,3 3,5 48,0 12,9 4,7Scienze biologiche 19,8 12,2 5,4 49,6 11,6 1,4Scienze chimiche 18,6 12,1 2,2 47,6 16,5 3,0Scienze della terra 19,1 11,8 4,5 50,0 12,4 2,2Scienze dellantichità e filologico-letterarie 14,4 7,0 6,7 39,3 32,2 0,3Scienze delle attività motorie e delle discipline sportive 15,0 25,0 0,0 40,0 20,0 0,0Scienze economiche (aziendali) 10,5 17,1 7,9 26,3 36,8 1,3Scienze economiche (socio-politiche) 17,6 13,0 7,6 31,3 28,2 2,3Scienze fisiche 13,6 4,1 6,2 58,8 16,9 0,4Scienze giuridiche 20,2 11,6 13,2 19,4 35,1 0,4Scienze informatiche 9,5 9,5 4,8 61,9 14,3 0,0Scienze matematiche 11,8 4,4 19,1 45,6 19,1 0,0Scienze mediche 32,0 13,1 2,5 36,7 13,7 2,0Scienze pedagogiche 22,5 15,0 5,0 45,0 12,5 0,0Scienze politiche e sociali 21,4 9,5 10,3 32,5 23,8 2,4Scienze psicologiche, geografiche e demoetnoantropologiche 9,4 9,4 9,4 50,9 18,9 1,9Scienze statistiche 20,8 16,7 16,7 16,7 20,8 8,3Scienze storiche e filosofiche 9,9 4,7 12,0 41,1 31,3 1,0Scienze storico-artistiche 12,5 3,8 8,8 52,5 21,3 1,3Scienze veterinarie 21,4 12,5 3,6 41,1 16,1 5,4Totale 19,9 10,5 6,3 41,7 19,6 1,9 68
    • Da un’attenta lettura delle due tabelle si nota che più di un quinto dei dottori (2008) è statospinto ad intraprendere gli studi per l’interesse nei confronti di una futura carriera universitaria(20,3%) che sembra quindi essere ancora attraente, in particolare per i dottori delle scienzeeconomiche (aziendali) (36,8%), delle scienze giuridiche (35,1%) e delle scienze dell’antichità efilologico-letterarie (32,2%) e, per quanto riguarda il genere, per i maschi (22,7%) più che per lefemmine (18,2%). La decisione di iscriversi è sufficientemente motivata anche dalla possibilità dicompletare/arricchire la formazione (19,5%), soprattutto per i dottori delle scienze mediche(32,0%). Pochi dottori hanno deciso di iscriversi ad un corso di dottorato per conseguire un titolo dalpiù alto potere professionalizzante (10,4%), a conferma che il titolo di dottore di ricerca sembraessere poco desiderabile per chi vuole accrescere la propria formazione a fini professionali. Il valoreprofessionalizzante del titolo è apprezzato soprattutto dai dottori in scienze delle attività motorie edelle discipline sportive (25,0%) e da quelli nelle scienze economiche (aziendali) (17,1%) ma quasiper niente dai dottori in scienze fisiche (4,1%), scienze matematiche (4,4%) e scienze storiche efilosofiche (4,7%). Coloro che sono stati spinti ad intraprendere questa scelta solo dall’interesse per lo studiorappresentano invece una minoranza (6,4%). Questi sono soprattutto dottori in scienze matematiche(19,1%), scienze statistiche (16,7%) e scienze giuridiche (13,2%). In generale, il grado di associazione tra il motivo dell’iscrizione e l’area disciplinare del corsodi dottorato di ricerca è piuttosto moderato (V di Cramer: 0,154; gdl: 110; p < 0,001) e limitato alleeccezioni descritte. Il motivo dell’iscrizione si differenzia appena per genere (V di Cramer: 0,066;gdl: 5; p = 0,003).4.1.2 La valutazione dell’esperienza formativaIl livello di soddisfazione riguardo la formazione ricevuta è stato valutato rispetto ad una serie diaspetti ritenuti rilevanti, misurati su una scala ordinale a dieci modalità di risposta (Tabella 4.3). Ladistribuzione di frequenze degli aspetti considerati presenta un certo grado di asimmetria negativaed indica che le modalità più frequenti sono quelle centrali ed elevate. L’aspetto che ha ricevuto la valutazione migliore è stato la qualità scientifica diprofessori/ricercatori (mediana: 8; asimmetria: -1,10). Lo sviluppo/addestramento della capacità di fare ricerca (mediana: 7; asimmetria: -0,66), laqualità della didattica del personale docente (mediana: 7; asimmetria: -0,68) e la possibilità dipubblicare (articoli, volumi, …) (mediana: 7; asimmetria: -0,80) hanno ricevuto una valutazionebuona ma inferiore. Il contenuto degli insegnamenti ha ricevuto invece una valutazione appena sufficiente(mediana: 6; asimmetria: -0,46). 69
    • Tabella 4.3 - Aspetti della formazione ricevuta durante il Corso di Dottorato (coorte 2008) 2008 Manc Media Asim Quart. Quart. N anti Media na Moda SQM m. Curt. 1 3Contenuto degli insegnamenti 4207 16 5,88 6 8 2,49 -0,46 -0,66 4 8Qualità della didattica del personale docente 4206 17 6,31 7 8 2,46 -0,68 -0,34 5 8Qualità scientifica di professori/ricercatori 4211 12 7,32 8 8 2,08 -1,10 1,08 6 9Sviluppo / addestramento della capacità di fare ricerca 4207 16 6,58 7 8 2,48 -0,66 -0,33 5 8Possibilità di pubblicare (articoli, volumi, …) 4210 13 6,08 7 8 2,69 -0,44 -0,80 4 8 Sembra che la scelta di iscriversi ad un corso di dottorato non sia sempre stata fatta in manieraconvinta (Tabella 4.4). Infatti, solo poco più della metà dei dottori, se potesse tornare indietro, siiscriverebbe allo stesso corso nella stessa sede universitaria (52,9%). In generale, ripeterebbero lastessa scelta i maschi (57,4%) più delle femmine (48,9%). Una possibile motivazione, fatta però aposteriori, potrebbe essere dovuta non tanto al tipo di dottorato scelto quanto piuttostoall’esperienza del dottorato fatta in uno specifico ateneo. Sembrerebbe perciò dare ragione allateoria che un buon dottorato dipenda dal buon funzionamento sotto il profilo organizzativo e deirapporti tra docenti e dottoranti.Tabella 4.4 – Se potesse tornare indietro, si iscriverebbe di nuovo ad un Corso di Dottorato? 2003 2008 Totale N % % cum N % % cum N % % cumSì, allo stesso Corso nella stessa sede universitaria 634 57,7 57,7 2170 52,9 52,9 2804 53,9 53,9Sì, allo stesso Corso ma in altra sede universitaria 188 17,1 74,8 772 18,8 71,7 960 18,4 72,3Sì ma ad altro Corso 134 12,2 87,0 479 11,7 83,3 613 11,8 84,1No 143 13,0 100,0 684 16,7 100,0 827 15,9 100,0Totale validi 1099 100,0 4105 100,0 5204 100,0Mancanti 30 118 148Totale assoluto 1129 4223 5352 Invece, per quanto riguarda le aree disciplinari delle coorte 2008 (Tabella 4.5), i più convintisono i dottori in ingegneria industriale (63,2%), scienze giuridiche (63,1%), scienze pedagogiche(62,5%) ed ingegneria dell’informazione (61,4%) mentre quelli meno convinti sono i dottori inscienze politiche e sociali (45,1%), scienze biologiche (45,7%) e scienze economiche (socio-politiche) (46,2%). 70
    • Tabella 4.5 - Se potesse tornare indietro, si iscriverebbe di nuovo ad un Corso di Dottorato? (coorte 2008, per aree disciplinari, percentuali di riga) Sì, allo stesso Sì, allo stesso Corso nella Corso ma in Sì ma ad altroArea disciplinare No stessa sede altra sede Corso universitaria universitariaIngegneria civile e Architettura 51,5 24,2 12,3 11,9Ingegneria dellinformazione 61,4 15,7 3,6 19,3Ingegneria industriale 63,2 11,8 8,3 16,7Scienze agrarie 47,1 14,7 15,9 22,4Scienze biologiche 45,7 16,8 17,4 20,1Scienze chimiche 55,5 14,8 8,7 21,0Scienze della terra 48,3 18,8 14,2 18,8Scienze dellantichità e filologico-letterarie 54,8 21,6 8,6 15,1Scienze delle attività motorie e delle discipline sportive 25,0 10,0 25,0 40,0Scienze economiche (aziendali) 52,7 27,0 13,5 6,8Scienze economiche (socio-politiche) 46,2 29,2 13,1 11,5Scienze fisiche 59,1 21,9 5,5 13,5Scienze giuridiche 63,1 17,8 10,0 9,1Scienze informatiche 52,4 38,1 9,5Scienze matematiche 59,1 19,7 4,5 16,7Scienze mediche 53,3 11,2 14,7 20,8Scienze pedagogiche 62,5 17,5 10,0 10,0Scienze politiche e sociali 45,1 26,2 14,8 13,9Scienze psicologiche, geografiche e demoetnoantropologiche 49,0 22,1 9,6 19,2Scienze statistiche 52,2 30,4 4,3 13,0Scienze storiche e filosofiche 52,7 25,5 7,4 14,4Scienze storico-artistiche 52,5 25,0 11,3 11,3Scienze veterinarie 52,6 10,5 19,3 17,5Totale 53,1 18,7 11,6 16,6 Gli altri dottori che si iscriverebbero di nuovo ad un corso di dottorato di ricerca lo farebberoinvece allo stesso corso ma in un’altra sede universitaria (18,8%) o ad un altro corso (11,7%). Un sesto dei dottori di ricerca ha dichiarato invece che non si iscriverebbe di nuovo ad uncorso di dottorato (16,7%). Questi sono soprattutto i dottori in scienze agrarie (22,4%), scienzechimiche (21,0%), scienze mediche (20,9%) e scienze biologiche (20,1%). Invece, per quantoriguarda il genere, sono femmine (18,8%) più che maschi (14,1%). In definitiva, la decisione di iscriversi di nuovo presenta un grado di associazione piuttostomoderato con l’area disciplinare del corso di dottorato (V di Cramer: 0,131; gdl: 66; p < 0,001) econ il genere (V di Cramer: 0,102; gdl: 5; p < 0,001), limitato alle sole eccezioni descritte. 71
    • 4.1.3 L’esperienza lavorativa durante gli studiPiù della metà dei dottori ha svolto qualche attività lavorativa durante gli studi (58,4%), comeriportato nella Tabella 4.6.Tabella 4.6 - Durante il Corso di Dottorato ha svolto una qualche attività lavorativa (inclusi co.co.co. e co.co.pro.)? 2003 2008 Totale N % % cum N % % cum N % % cumSì, attività attinente allattività di ricerca del dottorato 344 30,6 30,6 1435 34,3 34,3 1779 33,5 33,5Sì, attività non attinente allattività di ricerca del dotto 215 19,1 49,7 1007 24,1 58,4 1222 23,0 56,6No 566 50,3 100,0 1738 41,6 100,0 2304 43,4 100,0Totale validi 1125 100,0 4180 100,0 5305 100,0Mancanti 4 43 47Totale assoluto 1129 4223 5352 Per più della metà di loro appartenenti alla coorte 2008 si è trattato di un’attività lavorativaattinente all’attività di ricerca del corso (34,3%) mentre per più di un terzo si è trattato di un’attivitànon attinente (24,1%). Come si può notare, una situazione simile con una differenza un po’ piùmarcata tra il sì attinente e il no, si presenta per la coorte 2003. I dottori nelle varie aree disciplinari (Tabella 4.7) che hanno condiviso l’esperienza di studiocon quella lavorativa sono stati soprattutto quelli appartenenti alle scienze economiche (aziendali)(84,2%), scienze politiche e sociali (78,0%), scienze economiche (socio-politiche) (76,0%),ingegneria civile e architettura (73,0%) e scienze informatiche (71,4%). Invece, i dottori che si sono dedicati esclusivamente agli studi sono in prevalenza quelli dellescienze biologiche (55,2%), scienze chimiche (53,2%), scienze fisiche (53,1%), scienze veterinarie(48,2%) e scienze matematiche (45,6%). In generale, svolgere una qualche attività lavorativa presenta un grado di associazione debolecon l’area disciplinare del corso di dottorato (V di Cramer: 0,192; gdl: 44; p < 0,001) e nulla con ilgenere (V di Cramer: 0,029; gdl: 2; p = 0,169). Al momento di conseguimento del titolo, la percentuale di chi ha dichiarato di lavorare(Tabella 4.8) è risultata significativamente inferiore (46,7%), a dimostrazione che l’iscrizione aldottorato ha spinto una parte dei dottori a dedicarsi completamente agli studi. Per quanto riguarda le singole aree disciplinari (Tabella 4.9), in generale si rileva nellamaggior parte dei casi una situazione equilibrata tra quelli che già lavoravano e quelli senza attivitàlavorativa prima del conseguimento del titolo; emerge solo la notevole percentuale di dottori nellescienze psicologiche che già lavorava (70%) in contrapposizione alla situazione dei dottori inscienze statistiche (75%). 72
    • Tabella 4.7 - Durante il Corso di Dottorato ha svolto una qualche attività lavorativa (inclusi co.co.co. e co.co.pro.)? (coorte 2008, per aree disciplinari, percentuali di riga) Sì, attività Sì, attività attinente non attinenteArea disciplinare allattività di allattività di No ricerca del ricerca del dottorato dottoratoIngegneria civile e Architettura 39,2 34,1 26,7Ingegneria dellinformazione 49,0 13,8 37,2Ingegneria industriale 44,7 22,6 32,7Scienze agrarie 27,5 23,4 49,1Scienze biologiche 30,4 14,4 55,2Scienze chimiche 29,0 17,7 53,2Scienze della terra 40,4 15,7 43,8Scienze dellantichità e filologico-letterarie 25,4 34,4 40,1Scienze delle attività motorie e delle discipline sportive 20,0 30,0 50,0Scienze economiche (aziendali) 57,9 26,3 15,8Scienze economiche (socio-politiche) 51,9 24,0 24,0Scienze fisiche 30,9 16,0 53,1Scienze giuridiche 36,9 28,3 34,8Scienze informatiche 42,9 28,6 28,6Scienze matematiche 32,4 22,1 45,6Scienze mediche 36,6 21,1 42,4Scienze pedagogiche 50,0 20,0 30,0Scienze politiche e sociali 39,4 38,6 22,0Scienze psicologiche, geografiche e demoetnoantropologiche 29,2 30,2 40,6Scienze statistiche 52,2 8,7 39,1Scienze storiche e filosofiche 23,0 40,8 36,1Scienze storico-artistiche 26,3 37,5 36,3Scienze veterinarie 28,6 23,2 48,2Totale 34,9 24,0 41,1Tabella 4.8 - Lei lavorava al momento del conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca? 2003 2008 Totale N % % cum N % % cum N % % cumSì 451 39,9 39,9 1968 46,7 46,7 2419 45,2 45,2No 678 60,1 100,0 2249 53,3 100,0 2927 54,8 100,0Totale validi 1129 100,0 4217 100,0 5346 100,0Mancanti 6 6Totale assoluto 1129 4223 5352 73
    • Tabella 4.9 - Lei lavorava al momento del conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca? (coorte 2008, per aree disciplinari, percentuali di riga)Area disciplinare Sì NoIngegneria civile e Architettura 53,0 47,0Ingegneria dellinformazione 43,2 56,8Ingegneria industriale 51,0 49,0Scienze agrarie 42,0 58,0Scienze biologiche 43,9 56,1Scienze chimiche 38,1 61,9Scienze della terra 46,9 53,1Scienze dellantichità e filologico-letterarie 44,7 55,3Scienze delle attività motorie e delle discipline sportive 40,0 60,0Scienze economiche (aziendali) 58,4 41,6Scienze economiche (socio-politiche) 50,0 50,0Scienze fisiche 35,2 64,8Scienze giuridiche 52,4 47,6Scienze informatiche 57,1 42,9Scienze matematiche 32,4 67,6Scienze mediche 59,1 40,9Scienze pedagogiche 70,0 30,0Scienze politiche e sociali 54,3 45,7Scienze psicologiche, geografiche e demoetnoantropologiche 48,1 51,9Scienze statistiche 25,0 75,0Scienze storiche e filosofiche 43,0 57,0Scienze storico-artistiche 40,0 60,0Scienze veterinarie 45,6 54,4Totale 47,3 52,74.1.4 Il periodo di studiLa Tabella 4.10 mostra i risultati relativi alla titolarità di una borsa durante gli studi. Più della metàdei dottori è stata titolare di una borsa di studio finanziata dall’università/MIUR (57,9%) o da altrienti pubblici o privati (11,7%). Quasi un quinto dei dottori ha avuto un dottorato senza borsa studio e non coperto da assegnodi ricerca (18,0%) mentre gli altri, pur non avendo la borsa, hanno ricevuto almeno un assegno diricerca (6,1%). La percentuale di coloro che sono stati titolari di una borsa di studio sale in manierasignificativa tra coloro che non hanno svolto alcuna attività lavorativa durante il corso (72,4%) escende tra coloro che hanno svolto un’attività lavorativa attinente (47,1%) o non attinente (48,2%)all’attività di ricerca del corso.La maggioranza dei dottori non ha compiuto studi all’estero (60,4%) durante il corso di dottorato ( Tabella 4.11). 74
    • Tabella 4.10 – Titolarità di un dottorato durante il Dottorato di Ricerca 2003 2008 Totale N % % cum N % % cum N % % cumUn dottorato con borsa finanziata dallUniversità/MIUR 821 72,7 72,7 2442 57,9 57,9 3263 61,0 61,0Un dottorato con borsa finanziata da enti pubblici 59 5,2 77,9 275 6,5 64,4 334 6,2 67,2Un dottorato con borsa finanziata da enti privati 44 3,9 81,8 220 5,2 69,6 264 4,9 72,2Un dottorato senza borsa ma coperto da assegno di ricerca 58 5,1 87,0 258 6,1 75,7 316 5,9 78,1Un dottorato senza borsa e non coperto da assegno di ricerca 100 8,9 95,8 758 18,0 93,7 858 16,0 94,1Altro 47 4,2 100,0 268 6,3 100,0 315 5,9 100,0Totale validi 1129 100,0 4221 100,0 5350 100,0Mancanti 2 2Totale assoluto 1129 4223 5352Tabella 4.11 - Durante il Corso di Dottorato ha compiuto periodi di studio allestero? 2003 2008 Totale N % % cum N % % cum N % % cumSì 415 37,5 37,5 1644 39,6 39,6 2059 39,2 39,2No 693 62,5 100,0 2507 60,4 100,0 3200 60,8 100,0Totale validi 1108 100,0 4151 100,0 5259 100,0Mancanti 21 72 93Totale assoluto 1129 4223 5352 In particolare, come riportato in Tabella 4.12, questi sono soprattutto i dottori nelle scienzestorico-artistiche (76,9%), scienze mediche (76,8%), scienze biologiche (67,7%) e scienzepedagogiche (67,6%). Invece, hanno avuto un’esperienza di studi all’estero soprattutto i dottorinelle scienze statistiche (69,6%), scienze economiche (socio-politiche) (55,8%), scienze politiche esociali (53,2%) e scienze psicologiche, geografiche e demoetnoantropologiche (52,4%).4.1.5 La condizione occupazionale attualeAd un anno dal conseguimento del titolo, la maggior parte dei dottori del 2008 ha dichiarato disvolgere un’attività lavorativa retribuita (83,8% - Tabella 4.13). Questa percentuale sale al 90% nelcaso dei dottori del 2003. 75
    • Tabella 4.12 - Durante il Corso di Dottorato ha compiuto periodi di studio allestero? (coorte 2008, per aree disciplinari, percentuali di riga)Area disciplinare Sì NoIngegneria civile e Architettura 33,3 66,7Ingegneria dellinformazione 44,4 55,6Ingegneria industriale 40,6 59,4Scienze agrarie 49,1 50,9Scienze biologiche 32,3 67,7Scienze chimiche 41,0 59,0Scienze della terra 37,3 62,7Scienze dellantichità e filologico-letterarie 50,2 49,8Scienze delle attività motorie e delle discipline sportive 20,0 80,0Scienze economiche (aziendali) 48,1 51,9Scienze economiche (socio-politiche) 55,8 44,2Scienze fisiche 44,4 55,6Scienze giuridiche 39,0 61,0Scienze informatiche 35,0 65,0Scienze matematiche 48,5 51,5Scienze mediche 23,1 76,9Scienze pedagogiche 32,5 67,5Scienze politiche e sociali 53,2 46,8Scienze psicologiche, geografiche e demoetnoantropologiche 52,4 47,6Scienze statistiche 69,6 30,4Scienze storiche e filosofiche 49,7 50,3Scienze storico-artistiche 23,1 76,9Scienze veterinarie 49,1 50,9Totale 39,9 60,1Tabella 4.13 - Motivo principale per cui ha deciso di iscriversi al Corso di Dottorato in cui ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca 2003 2008 Totale N % % cum N % % cum N % % cumLavoro con assegno di ricerca, borsa post-doc o altra borsa 109 9,8 9,8 1476 35,4 35,4 1585 30,0 30,0Lavoro con altra forma contrattuale a tempo determinato (con 176 15,8 25,6 896 21,5 56,8 1072 20,3 50,3Lavoro a tempo indeterminato / autonomo effettivo 720 64,6 90,2 1124 26,9 83,8 1844 34,9 85,1Attività di formazione post-dottorato retribuita 7 0,6 90,8 77 1,8 85,6 84 1,6 86,7Attività di formazione post-dottorato non retribuita 3 0,3 91,1 69 1,7 87,3 72 1,4 88,1Periodo di studio in preparazione a concorsi pubblici/esame 5 0,4 91,6 47 1,1 88,4 52 1,0 89,1Ricerca di un lavoro 43 3,9 95,4 239 5,7 94,1 282 5,3 94,4Altra condizione di inattività (non lavora e non cerca lavor 2 0,2 95,6 19 0,5 94,6 21 0,4 94,8Altro 49 4,4 100,0 226 5,4 100,0 275 5,2 100,0Totale validi 1114 100,0 4173 100 5287 100,0Mancanti 15 50 65Totale assoluto 1129 4223 5352 76
    • In particolare (Tabella 4.14), si tratta dei dottori appartenenti all’area delle scienze fisiche(92,7%, somma delle prime tre colonne), scienze statistiche (91,7%), ingegneria dellinformazione(91,1%), scienze politiche e sociali (90,6%), ingegneria industriale (90,3%), scienze informatiche(90,0%) e scienze economiche (aziendali) (89,3%). Invece, per quanto riguarda il genere, sonohanno dichiarato di svolgere un’attività lavorativa i maschi (86,4%) più che le femmine (81,5%).Tabella 4.14 - Lei lavorava al momento del conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca? (coorte 2008, per aree disciplinari, percentuali di riga) (non lavora e non cerca lavoro) Lavoro con assegno di ricerca, Lavoro a tempo indeterminato/ borsa post-doc o altra borsa Altra condizione di inattività Attività di formazione post- Attività di formazione post- preparazione a concorsi dottorato non retribuita Lavoro con altra forma contrattuale a tempo Ricerca di un lavoro Periodo di studio in autonomo effettivo dottorato retribuita pubblici/esame determinato AltroArea disciplinareIngegneria civile e Architettura 30,3 18,2 35,1 0,9 0,4 0,9 5,2 0,9 8,2Ingegneria dellinformazione 38,4 16,4 36,3 4,1 0,7 0,0 1,4 0,0 2,7Ingegneria industriale 35,7 12,1 42,5 1,0 1,4 0,0 1,4 0,0 5,8Scienze agrarie 50,3 16,4 18,1 1,8 1,2 0,0 6,4 0,0 5,8Scienze biologiche 44,1 20,0 19,8 2,2 1,4 0,8 5,2 0,4 6,2Scienze chimiche 39,3 21,4 27,9 4,4 1,3 0,4 2,2 0,4 2,6Scienze della terra 37,7 22,9 25,1 1,1 0,6 0,0 6,9 0,6 5,1Scienze dellantichità e filologico-letterarie 21,5 34,2 18,8 1,7 3,0 2,3 12,1 0,3 6,0Scienze delle attività motorie e delle discipline sportive 55,0 25,0 10,0 0,0 0,0 0,0 10,0 0,0 0,0Scienze economiche (aziendali) 22,7 18,7 48,0 0,0 0,0 2,7 2,7 0,0 5,3Scienze economiche (socio-politiche) 35,4 26,2 28,5 1,5 0,8 0,0 5,4 0,0 2,3Scienze fisiche 57,5 16,6 18,6 1,6 0,8 0,4 2,8 0,4 1,2Scienze giuridiche 21,7 14,3 42,2 2,0 3,3 3,3 4,5 0,8 7,8Scienze informatiche 25,0 40,0 25,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 10,0Scienze matematiche 61,2 11,9 14,9 0,0 0,0 0,0 6,0 0,0 6,0Scienze mediche 33,1 23,6 28,5 2,5 1,7 0,6 4,5 0,8 4,8Scienze pedagogiche 25,6 15,4 43,6 2,6 2,6 2,6 2,6 0,0 5,1Scienze politiche e sociali 43,3 26,8 20,5 0,0 1,6 3,1 3,1 0,0 1,6Scienze psicologiche, geografiche e demoetnoantropologiche 37,5 24,0 26,9 1,0 0,0 1,9 2,9 1,0 4,8Scienze statistiche 41,7 20,8 29,2 0,0 0,0 0,0 8,3 0,0 0,0Scienze storiche e filosofiche 25,7 28,3 19,9 2,6 2,6 2,6 13,6 0,5 4,2Scienze storico-artistiche 21,3 23,8 30,0 0,0 5,0 6,3 8,8 0,0 5,0Scienze veterinarie 36,4 20,0 23,6 0,0 1,8 0,0 7,3 3,6 7,3Totale 36,3 21,3 27,1 1,8 1,5 1,2 5,4 0,5 5,0 77
    • I dottori ancora alla ricerca di un lavoro (5,7%) o che si trovano in un’altra condizione diinattività (non lavora e non cerca lavoro) (0,5%) sono invece in pochi, in prevalenza appartenentiall’area delle scienze storiche e filosofiche (13,6%) e scienze dell’antichità e filologico-letterarie(12,1%). Una quota quasi trascurabile dei dottori ha dichiarato invece di svolgere ancora un’attività diformazione, post-dottorato retribuita (1,6%), post-dottorato non retribuita (1,3%) o si trovavano inun periodo di studio in preparazione a concorsi pubblici/esame (1,0%). Nel complesso, questi sonosoprattutto i dottori nelle scienze storico-artistiche (11,3%) e scienze giuridiche (8,6%). La condizione occupazionale prevalente dichiarata è il lavoro con assegno di ricerca, borsapost-doc o altra borsa (35,4%), tipica per un dottore di ricerca. I ricercatori sono soprattutto dottorinelle aree delle scienze matematiche (61,2%), delle scienze fisiche (57,5%) e delle scienze agrarie(50,3%), indifferentemente maschi (35,3%) o femmine (35,4%). Il lavoro a tempo indeterminato/autonomo effettivo riguarda invece poco meno di un terzo deidottori di ricerca (26,9%). I lavoratori con una forma contrattuale stabile sono in prevalenza maschi(31,3%) rispetto a femmine (23,3%) mentre per quanto riguarda le aree disciplinari appartengonosoprattutto alle scienze economiche (aziendali) (48,0%), scienze pedagogiche (43,6%), ingegneriaindustriale (43,6%) e scienze giuridiche (42,2%). Il lavoro con altra forma contrattuale a tempo determinato (contratto formazione lavoro,collaborazione, altro contratto atipico, ecc) riguarda una percentuale di dottori significativamenteinferiore (21,5%), in particolare quelli delle scienze informatiche (40,0%) e delle scienzedellantichità e filologico-letterarie (34,2%). In generale, il grado di associazione tra la condizione occupazionale è piuttosto moderato conl’area disciplinare del corso di dottorato di ricerca (V di Cramer: 0,130; gdl: 176; p < 0,001) e congenere (V di Cramer: 0,112; gdl: 8; p < 0,001).4.2 Occupati: coorti 2003 e 20084.2.1 Il lavoro attualeDalla Tabella 4.15 si nota che più di due terzi dei dottori del 2008 hanno dichiarato di svolgere lostesso lavoro che svolgevano al momento del conseguimento del titolo (69,3%). La proporzioneaumenta fino a quasi il 50% dei casi per i dottori del 2003.Per la maggior parte degli individui che hanno il conseguimento del titolo di dottore di ricerca nel2008 non ha comportato un miglioramento del lavoro attuale (62,2%) (Tabella 4.17). Un quadropoco confortante ma che potrebbe modificarsi in futuro, considerato il poco tempo trascorso dalconseguimento del titolo e l’attuale rigidità del mercato del lavoro. 78
    • Tabella 4.15 - Il lavoro attuale è lo stesso che svolgeva al momento del conseguimento del titolo di Dottore? 2003 2008 Totale N % % cum N % % cum N % % cumPer completare/arricchire la mia formazione 195 48,9 48,9 1195 69,3 69,3 1390 65,5 65,5Per conseguire un titolo dal più alto potere professionalizzante 204 51,1 100,0 529 30,7 100,0 733 34,5 100,0Totale validi 399 100,0 1724 100,0 2123 100,0Mancanti 601 1764 2365Totale assoluto 1000 3488 4488 Per quanto riguarda le aree disciplinari (Tabella 4.16), si osserva che in tutte le disciplineabbiamo che la maggior parte degli individui continua lo stesso lavoro che svolgeva al momento delconseguimento del titolo (per scienze statistiche il dato è riferito a soli 5 individui).Tabella 4.16 - Il lavoro attuale è lo stesso che svolgeva al momento del conseguimento del titolo di Dottore? (coorte 2008, per aree disciplinari, percentuali di riga)Area disciplinare Sì NoIngegneria civile e Architettura 74,8 25,2Ingegneria dellinformazione 58,2 41,8Ingegneria industriale 55,1 44,9Scienze agrarie 76,2 23,8Scienze biologiche 68,3 31,7Scienze chimiche 64,6 35,4Scienze della terra 65,3 34,7Scienze dellantichità e filologico-letterarie 66,7 33,3Scienze delle attività motorie e delle discipline sportive 75,0 25,0Scienze economiche (aziendali) 76,3 23,7Scienze economiche (socio-politiche) 62,5 37,5Scienze fisiche 65,8 34,2Scienze giuridiche 79,3 20,7Scienze informatiche 70,0 30,0Scienze matematiche 52,6 47,4Scienze mediche 73,6 26,4Scienze pedagogiche 80,8 19,2Scienze politiche e sociali 49,2 50,8Scienze psicologiche, geografiche e demoetnoantropologiche 72,3 27,7Scienze statistiche 100,0 0,0Scienze storiche e filosofiche 70,0 30,0Scienze storico-artistiche 88,9 11,1Scienze veterinarie 86,4 13,6Totale 69,0 31,0 79
    • I dottori che hanno dichiarato di aver avuto un miglioramento del lavoro attuale dopo ilconseguimento del titolo (Tabella 4.17) rappresentano comunque una percentuale non trascurabile(450 su 1192, pari al 37,8%).Tabella 4.17 - Il conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca ha comportato un miglioramento nel suo lavoro? 2003 2008 Totale % % % N % cum N % cum N % cumSì 94 48,5 48,5 450 37,8 37,8 544 39,2 39,2No 100 51,5 100,0 742 62,2 100,0 842 60,8 100,0Totale validi 194 100,0 1192 100,0 1386 100,0Mancanti 1 3 4Totale assoluto 195 1195 1390 Il miglioramento del lavoro attuale non presenta un’associazione significativa con l’areadisciplinare (V di Cramer: 0,154; gdl: 22; p = 0,229) mentre la relazione con il genere è moltodebole (V di Cramer: 0,058; gdl: 1; p = 0,046). A chi ha dichiarato di aver avuto un miglioramento nel proprio lavoro, è stato chiesto diindicare quali fossero gli aspetti migliorati, tra quelli loro elencati . In generale, l’effetto del titolo di dottore è risultato piuttosto moderato se valutato in relazioneal miglioramento generale rispetto alle aspettative iniziali (57,5%) e al miglioramento generalerispetto all’attività lavorativa ideale (44,6%).Tabella 4.18 – Miglioramento del lavoro (rispetto ad aspettative e ideali)Miglioramento generale rispetto alle aspettative iniziali 2003 2008 Totale N % % cum N % % cum N % % cumSì 36 48,0 48,0 226 57,5 57,5 262 56,0 56,0No 39 52,0 100,0 167 42,5 100,0 206 44,0 100,0Totale validi 75 100,0 393 100,0 468 100,0Mancanti 19 57 76Totale assoluto 94 450 544Miglioramento generale rispetto allattività lavorativa ideale 2003 2008 Totale N % % cum N % % cum N % % cumSì 44 59,5 59,5 174 44,6 44,6 218 47,0 47,0No 30 40,5 100,0 216 55,4 100,0 246 53,0 100,0Totale validi 74 100,0 390 100,0 464 100,0Mancanti 20 60 80Totale assoluto 94 450 544 80
    • In particolare, i dottori hanno riscontrato un miglioramento significativo (Tabella 4.19)soprattutto nell’acquisizione di professionalità (91,2%) e nell’utilizzo delle competenze acquisite(90,4%) e, sebbene in maniera minore, anche nella rispondenza ai propri interessi culturali (85,0%)e nella coerenza con gli studi fatti (80,9%). Per questi dottori il titolo sembra aver avuto effettidecisamente positivi nello svolgimento dell’attività lavorativa. Il titolo di dottore ha contribuito anche ad incrementare le possibilità di carriera (70,7%),l’indipendenza e autonomia sul lavoro (66,2%) ed il coinvolgimento nei processi decisionali(56,2%). Non si registrano effetti positivi sulla stabilità/sicurezza sul lavoro (21,1%), sullalocalizzazione della sede di lavoro (18,1%) e sul tempo libero (12,2%).Tabella 4.19 – Aspetti del lavoro miglioratiCoerenza con studi fatti 2003 2008 Totale N % % cum N % % cum N % % cumSì 75 90,4 90,4 335 80,9 80,9 410 82,5 82,5No 8 9,6 100,0 79 19,1 100,0 87 17,5 100,0Totale validi 83 100,0 414 100,0 497 100,0Mancanti 11 36 47Totale assoluto 94 450 544Utilizzo delle competenze acquisite 2003 2008 Totale N % % cum N % % cum N % % cumSì 75 94,9 94,9 388 90,4 90,4 463 91,1 91,1No 4 5,1 100,0 41 9,6 100,0 45 8,9 100,0Totale validi 79 100,0 429 100,0 508 100,0Mancanti 15 21 36Totale assoluto 94 450 544Acquisizione di professionalità 2003 2008 Totale N % % cum N % % cum N % % cumSì 76 92,7 92,7 383 91,2 91,2 459 91,4 91,4No 6 7,3 100,0 37 8,8 100,0 43 8,6 100,0Totale validi 82 100,0 420 100,0 502 100,0Mancanti 12 30 42Totale assoluto 94 450 544 81
    • Rispondenza ai propri interessi culturali 2003 2008 Totale N % % cum N % % cum N % % cumSì 72 88,9 88,9 345 85,0 85,0 417 85,6 85,6No 9 11,1 100,0 61 15,0 100,0 70 14,4 100,0Totale validi 81 100,0 406 100,0 487 100,0Mancanti 13 44 57Totale assoluto 94 450 544Indipendenza e autonomia sul lavoro 2003 2008 Totale N % % cum N % % cum N % % cumSì 54 68,4 68,4 261 66,2 66,2 315 66,6 66,6No 25 31,6 100,0 133 33,8 100,0 158 33,4 100,0Totale validi 79 100,0 394 100,0 473 100,0Mancanti 15 56 71Totale assoluto 94 450 544Coinvolgimento nei processi decisionali 2003 2008 Totale N % % cum N % % cum N % % cumSì 42 55,3 55,3 219 56,2 56,2 261 56,0 56,0No 34 44,7 100,0 171 43,8 100,0 205 44,0 100,0Totale validi 76 100,0 390 100,0 466 100,0Mancanti 18 60 78Totale assoluto 94 450 544Tempo libero 2003 2008 Totale N % % cum N % % cum N % % cumSì 12 15,6 15,6 47 12,2 12,2 59 12,7 12,7No 65 84,4 100,0 339 87,8 100,0 404 87,3 100,0Totale validi 77 100,0 386 100,0 463 100,0Mancanti 17 64 81Totale assoluto 94 450 544Localizzazione sede di lavoro 2003 2008 Totale N % % cum N % % cum N % % cumSì 13 17,1 17,1 72 18,7 18,7 85 18,4 18,4No 63 82,9 100,0 314 81,3 100,0 377 81,6 100,0Totale validi 76 100,0 386 100,0 462 100,0Mancanti 18 64 82Totale assoluto 94 450 544 82
    • 4.2.2 Tempi e modalità di ingresso nel mondo del lavoroIl tempo necessario per trovare il primo lavoro iniziato dopo il conseguimento del titolo di dottoredi ricerca è stato generalmente limitato. Quasi la metà dei dottori ha impiegato meno di un mese(47,8%), più di tre quarti ci sono riusciti entro sei mesi (78,2%) mentre quasi tutti avevano unlavoro dopo un anno (93,2%) o dopo un anno e mezzo (97,4%). Nel complesso, la distribuzione deitempi di inserimento nel mondo del lavoro è asimmetrica a destra e leptocurtica (mediana: 1;asimmetria: 1,91; curtosi: 2,85) e significa che la maggior parte delle frequenze è addensata neiprimi mesi dopo il conseguimento del titolo mentre poche risposte si trovano su valori più elevati edistanti da queste. I più rapidi ad inserirsi nel mondo del lavoro sono stati i dottori delle scienze informatiche(mediana: 0; asimmetria: 3,32; curtosi: 11,00), ingegneria dell’informazione (mediana: 0;asimmetria: 2,70; curtosi: 7,29), ingegneria industriale (mediana: 0; asimmetria: 2,72; curtosi: 8,35)e delle scienze fisiche (mediana: 0; asimmetria: 1,83; curtosi: 2,73). Tempi di inserimento piùlunghi si registrano invece per i dottori nelle aree delle scienze storiche e filosofiche (mediana: 5;asimmetria: 0,58; curtosi: -0,59), delle scienze statistiche (mediana: 5; asimmetria: 1,77; curtosi:3,64), delle scienze giuridiche (mediana: 3,5; asimmetria: 1,20; curtosi: 1,39), delle scienzedell’antichità e filologico-letterarie (mediana: 3; asimmetria: 1,22; curtosi: 0,85) e delle scienzestorico-artistiche (mediana: 3; asimmetria: 1,40; curtosi: 1,37). Invece, per quanto riguarda ilgenere, i maschi hanno impiegato meno tempo (mediana: 0; asimmetria: 1,82; curtosi: 3,00) rispettoalle femmine (mediana: 2; asimmetria: 1,69; curtosi: 2,64). Il canale prevalentemente utilizzato per trovare lavoro (Tabella 4.20) per i dottori del 2008 èstato la domanda o partecipazione a concorsi pubblici (33,0%), modalità tipica necessaria perl’accesso ad un’attività in enti pubblici di ricerca. Altrettanto vale, anche con una quota maggioreper i dottori del 2003.Tabella 4.20 - In base a quale canale ha trovato l’attuale lavoro? (coorte 2008) 2003 2008 Totale % % % N % cum N % cum N % cumLettura di offerte impiego sui giornali 12 1,6 1,6 14 0,6 0,6 26 0,9 0,9Risposta a inviti a partecipare a colloqui da parte di aziende 10 1,3 3,0 33 1,5 2,2 43 1,5 2,4Contatti con datori di lavoro su segnalazione università/docenti 78 10,5 13,4 368 17,1 19,2 446 15,4 17,8Contatti con datori di lavoro su iniziativa personale o altra iniziativa 86 11,6 25,0 359 16,6 35,9 445 15,3 33,1Domande o partecipazione a concorsi pubblici 406 54,6 79,6 711 33,0 68,8 1117 38,5 71,6Proseguendo unattività familiare già esistente 3 0,4 80,0 15 0,7 69,5 18 0,6 72,2Domande a provveditorati o presidi di insegnamento 21 2,8 82,8 61 2,8 72,4 82 2,8 75,0Tramite siti internet e/o motori di ricerca 31 4,2 87,0 161 7,5 79,8 192 6,6 81,7Altro 97 13,0 100,0 435 20,2 100,0 532 18,3 100,0Totale validi 744 100,0 2157 100,0 2901 100,0Mancanti 256 1331 1587Totale assoluto 1000 3488 4488 83
    • Questa percentuale è risultata naturalmente maggiore per chi ha dichiarato di svolgere unlavoro con assegno di ricerca, borsa post-doc o altra borsa (40,4%) rispetto a chi svolge un lavorocon altra forma contrattuale a tempo determinato (18,0%). Il dottorato ha avuto un ruolo nontrascurabile anche come canale per trovare lavoro, considerato che una percentuale significativa didottori ha avuto contatti con datori di lavoro su segnalazione di università/docenti (17,1%). I contatti con datori di lavoro su iniziativa personale o altra iniziativa hanno riguardato inveceun sesto dei dottori (16,6%) mentre gli altri si sono serviti delle modalità più diverse, siti internete/o motori di ricerca (7,5%), risposta a inviti a partecipare a colloqui da parte di aziende (1,5%) edaltre ancora per un totale che supera un quinto del totale (20,4%). Osservando distintamente le singole aree disciplinari (Tabella 4.21), si nota che moltiindividui hanno utilizzato come modalità per trovare lavoro le domande o partecipazione a concorsipubblici. Questo vale soprattutto per le scienze matematiche e statistiche per le quali lo sboccooccupazione è prevalentemente caratterizzato dal settore pubblico. Seguono Contatti con datori dilavoro su segnalazione università/docenti, Contatti con datori di lavoro su iniziativa personale oaltra iniziativa e altro.4.2.3 La tipologia del lavoro attualeLa quasi totalità dei dottori ha un lavoro dipendente (inclusi contratti di collaborazione) (87,2%). Ilavoratori autonomi rappresentano invece una quota marginale (12,8%), come di evince dallaTabella 4.22. In particolare, i lavoratori dipendenti appartengono soprattutto all’ambito disciplinare dellescienze matematiche (96,6%), delle scienze chimiche (95,6%), delle scienze fisiche (95,2%) e dellescienze biologiche (94,2%) mentre i lavoratori autonomi sono soprattutto quelli degli ambiti tipicidella libera professione, scienze giuridiche (39,5%), ingegneria civile e architettura (32,8%) escienze economiche (aziendali) (27,7%). Non si osservano differenze significative dovute al genere(V di Cramer: 0,059; gdl: 1; p < 0,032). Dallo spoglio dei dati rispetto al tipo d contratto (Tabella 4.23), risulta che i lavoratoridipendenti hanno in prevalenza la forma contrattuale dell’assegno di ricerca o la borsa di studio(37,3%) anche se più di un quarto dei dottori ha un impiego a tempo pieno e indeterminato (27,9%)mentre quasi un sesto ha un impiego a tempo pieno, a termine (14,9%). Il rimanente si divide tra lealtre forme contrattuali cosiddette atipiche, collaborazione a progetto (7,5%), collaborazionecoordinata e continuativa (4,6%), part-time a termine (2,3%), collaborazione occasionale (1,1%),prestazione d’opera (0,8%) ed altro (1,5%). Una quota trascurabile di dottori svolge un’attività nonregolata da contratto (0,6%). I lavoratori autonomi sono in prevalenza liberi professionisti iscritti all’albo (57,6%) o noniscritti all’albo (36,4%) mentre gli imprenditori costituiscono una quota marginale (6,1%). 84
    • Tabella 4.21 - In base a quale canale ha trovato l’attuale lavoro? (coorte 2008, per aree disciplinari, percentuali di riga) Domande o partecipazione a concorsi pubblici Proseguendo unattività familiare già esistente Contatti con datori di lavoro su segnalazione Risposta a inviti a partecipare a colloqui da Contatti con datori di lavoro su iniziativa Tramite siti internet e/o motori di ricerca Domande a provveditorati o presidi di Lettura di offerte impiego sui giornali personale o altra iniziativa università/docenti parte di aziende insegnamento AltroArea disciplinareIngegneria civile e Architettura 0,0 1,0 12,6 16,5 35,0 1,9 1,9 3,9 27,2Ingegneria dellinformazione 0,0 3,2 18,1 16,0 25,5 0,0 1,1 12,8 23,4Ingegneria industriale 0,0 4,0 23,0 11,9 32,5 0,8 0,0 7,9 19,8Scienze agrarie 0,0 1,1 12,0 14,1 35,9 0,0 1,1 9,8 26,1Scienze biologiche 0,4 1,9 18,5 22,7 24,2 0,0 2,3 8,5 21,5Scienze chimiche 2,8 1,4 16,2 22,5 26,1 0,7 2,8 12,0 15,5Scienze della terra 1,0 4,2 12,5 11,5 36,5 0,0 6,3 6,3 21,9Scienze dellantichità e filologico-letterarie 0,7 0,7 14,9 14,2 39,7 0,7 9,2 4,3 15,6Scienze delle attività motorie e delle discipline sportive 9,1 0,0 9,1 0,0 36,4 0,0 0,0 18,2 27,3Scienze economiche (aziendali) 2,9 0,0 5,9 20,6 47,1 0,0 0,0 2,9 20,6Scienze economiche (socio-politiche) 1,4 1,4 18,9 17,6 36,5 1,4 0,0 6,8 16,2Scienze fisiche 0,0 1,2 22,9 14,5 31,9 0,6 1,8 9,6 17,5Scienze giuridiche 1,0 3,0 13,9 9,9 38,6 3,0 2,0 2,0 26,7Scienze informatiche 0,0 9,1 27,3 9,1 9,1 0,0 0,0 0,0 45,5Scienze matematiche 0,0 0,0 23,3 7,0 58,1 0,0 4,7 0,0 7,0Scienze mediche 0,5 0,5 17,1 18,0 32,7 0,5 1,9 9,5 19,4Scienze pedagogiche 0,0 0,0 8,3 16,7 41,7 0,0 8,3 0,0 25,0Scienze politiche e sociali 0,0 0,0 16,3 16,3 40,0 1,3 0,0 7,5 18,8Scienze psicologiche, geografiche e demoetnoantrop. 0,0 0,0 19,3 24,6 29,8 0,0 0,0 3,5 22,8Scienze statistiche 7,7 7,7 7,7 7,7 61,5 0,0 0,0 7,7 0,0Scienze storiche e filosofiche 0,0 0,0 12,9 20,0 34,1 0,0 5,9 9,4 17,6Scienze storico-artistiche 0,0 0,0 17,1 22,9 28,6 2,9 2,9 0,0 25,7Scienze veterinarie 0,0 0,0 26,1 17,4 30,4 0,0 4,3 0,0 21,7Totale 0,6 1,5 17,0 16,8 33,2 0,6 2,6 7,4 20,24.2.4 Le mansioni di ricerca ed innovazioneI dottori con lavoro autonomo o dipendente che non sono ricercatori, non svolgono mansioni diricerca e sviluppo (43,7%) o, se la svolgono, questa non costituisce l’attività prevalente (42,4%)mentre la ricerca e lo sviluppo costituiscono l’attività prevalente solo in casi limitati (13,9% -Tabella 4.24). 85
    • Tabella 4.22 - Il suo attuale lavoro è di tipo autonomo o dipendente? 2003 2008 Totale N % % cum N % % cum N % % cumAutonomo 104 10,5 10,5 444 12,8 12,8 548 12,3 12,3Dipendente inclusi contratti di collaborazione 887 89,5 100,0 3017 87,2 100,0 3904 87,7 100,0Totale validi 991 100,0 3461 100,0 4452 100,0Mancanti 9 27 36Totale assoluto 1000 3488 4488Tabella 4.23 - Con che tipo di contratto è regolato il lavoro da Lei attualmente svolto? 2003 2008 Totale % % % N % cum N % cum N % cumTempo pieno e indeterminato 615 69,4 69,4 840 27,9 27,9 1455 37,3 37,3Part-time, tempo indeterminato 16 1,8 71,2 51 1,7 29,6 67 1,7 39,1Tempo pieno, a termine 97 10,9 82,2 441 14,6 44,2 538 13,8 52,9Part-time, a termine 15 1,7 83,9 68 2,3 46,5 83 2,1 55,0Collaborazione coordinata e continuativa 26 2,9 86,8 140 4,6 51,1 166 4,3 59,3Collaborazione a progetto 33 3,7 90,5 226 7,5 58,7 259 6,6 65,9Collaborazione occasionale 2 0,2 90,7 34 1,1 59,8 36 0,9 66,8Prestazione dopera 2 0,2 91,0 24 0,8 60,6 26 0,7 67,5Assegno di ricerca o borsa di studio 67 7,6 98,5 1124 37,3 97,9 1191 30,6 98,0Non è regolato da contratto 8 0,9 99,4 19 0,6 98,5 27 0,7 98,7Altro 5 0,6 100,0 44 1,5 100,0 49 1,3 100,0Totale validi 886 100,0 3011 100,0 3897 100,0Mancanti 1 6 7Totale assoluto 887 3017 3904Tabella 4.24 - Nel suo lavoro svolge mansioni di ricerca e sviluppo? 2003 2008 Totale % % % N % cum N % cum N % cumSì, come attività principale 40 20,5 20,5 100 13,9 13,9 140 15,3 15,3Sì, ma non come attività principale 85 43,6 64,1 306 42,4 56,3 391 42,7 58,0No 70 35,9 100,0 315 43,7 100,0 385 42,0 100,0Totale validi 195 100,0 721 100,0 916 100,0Mancanti 108 443 551Totale assoluto 303 1164 1467 I dottori che svolgono attività di ricerca in modo prevalente sono quelli appartenentiall’ambito disciplinare di ingegneria industriale (31,4%), ingegneria dell’informazione (26,3%) e, inmisura minore, scienze chimiche (21,8%) e scienze della terra (21,2%). L’attività di innovazione è invece più diffusa (45,6%). In particolare (Tabella 4.25), si tratta diinnovazione di processo e di prodotto (19,4%) o innovazione di processo (17,1%) mentrel’innovazione di prodotto è più rara (9,2%). 86
    • Tabella 4.25 - Nel suo lavoro svolge attività di innovazione? 2003 2008 Totale % % % N % cum N % cum N % cumSì, sia innovazione di processo che innovazione di prodotto 65 33,9 33,9 137 19,4 19,4 202 22,4 22,4Sì, innovazione di processo 26 13,5 47,4 121 17,1 36,4 147 16,3 38,8Sì, innovazione di prodotto 21 10,9 58,3 65 9,2 45,6 86 9,6 48,3No 80 41,7 100,0 385 54,4 100,0 465 51,7 100,0Totale validi 192 100,0 708 100,0 900 100,0Mancanti 111 456 567Totale assoluto 303 1164 1467Tabella 4.26 - Nel suo lavoro svolge attività di innovazione? (coorte 2008, per aree disciplinari, percentuali di riga) Sì, sia innovazione Sì, Sì, di processoArea disciplinare innovazione innovazione No che di processo di prodotto innovazione di prodottoIngegneria civile e Architettura 20,0 7,5 10,0 62,5Ingegneria dellinformazione 15,8 5,3 42,1 36,8Ingegneria industriale 35,3 15,7 17,6 31,4Scienze agrarie 10,5 15,8 0,0 73,7Scienze biologiche 18,8 24,6 7,2 49,3Scienze chimiche 29,1 12,7 7,3 50,9Scienze della terra 18,2 15,2 6,1 60,6Scienze dellantichità e filologico-letterarie 15,2 9,1 6,1 69,7Scienze delle attività motorie e delle discipline sportive 50,0 0,0 0,0 50,0Scienze economiche (aziendali) 11,1 38,9 5,6 44,4Scienze economiche (socio-politiche) 11,5 19,2 7,7 61,5Scienze fisiche 34,4 12,5 21,9 31,3Scienze giuridiche 5,0 20,0 0,0 75,0Scienze informatiche 33,3 16,7 0,0 50,0Scienze matematiche 20,0 40,0 0,0 40,0Scienze mediche 17,7 18,6 5,3 58,4Scienze pedagogiche 0,0 0,0 100,0 0,0Scienze politiche e sociali 16,0 16,0 4,0 64,0Scienze psicologiche, geografiche e demoetnoantropologiche 25,0 37,5 0,0 37,5Scienze statistiche 33,3 50,0 0,0 16,7Scienze storiche e filosofiche 8,6 11,4 5,7 74,3Scienze storico-artistiche 15,4 46,2 7,7 30,8Scienze veterinarie 50,0 16,7 0,0 33,3Totale 19,6 17,4 9,3 53,7 87
    • L’innovazione di processo e di prodotto (Tabella 4.26) riguarda soprattutto i dottori iningegneria industriale (35,3%), scienze fisiche (34,4%) e scienze chimiche (29,1%). L’innovazione di processo riguarda soprattutto i dottori in scienze economiche (aziendali)(38,9%) e scienze biologiche (24,6%). L’innovazione di prodotto riguarda invece i dottori ingegneria dell’informazione (42,1%) e, inmisura molto minore, i dottori in scienze fisiche (21,9%).4.2.5 Il profilo giuridico del lavoro dipendenteI dottori che hanno un lavoro dipendente appartengono in prevalenza all’area della ricerca (59,1%),nelle sue diverse forme giuridiche. Questi sono soprattutto i dottori delle scienze fisiche (77,2%),delle scienze agrarie (76,1%), delle scienze veterinarie (73,7%), delle scienze biologiche (69,3%),delle scienze informatiche (66,7%) e delle scienze psicologiche, geografiche e demoetno-antropologiche (66,7%). Invece, per quanto riguarda le differenze di genere, i maschi prevalgonoappena (60,4%) rispetto alle femmine (57,9% - Tabella 4.27). La forma contrattuale più rappresentata è quella di assegnista/borsista (39,5%) mentre idottori già inseriti a vario titolo in modo più stabile in ambito universitario rappresentano una quotasignificativamente minore ma non trascurabile (9,3% - Tabella 4.28). In particolare, si tratta diricercatori universitari a tempo determinato (5,4%), ricercatori universitari di ruolo (3,5%) e,sebbene rappresentino una quota marginale, anche di professori universitari associati (0,3%) eprofessori universitari ordinari (0,1%). Tra le altre forme contrattuali di lavoro dipendente, quasi unquarto sono dirigenti (5,0%), direttivi/quadri (3,5%) e impiegati o intermedi (15,6%). In prevalenza si tratta di dottori appartenenti all’ambito delle scienze economiche (aziendali)(38,3%), delle scienze giuridiche (38,1%), delle scienze mediche (34,3%), delle scienzeinformatiche (33,3%) e dell’ingegneria dellinformazione (33,0%) e, per quanto riguarda il genere,di maschi (26,7%) più che di femmine (21,8%). Il resto dei lavoratori dipendenti lavora in ambito scolastico, e sono docenti alle scuole medieinferiori (2,2%) o docenti alle scuole medie superiori (4,6%). Questi sono soprattutto dottorinell’ambito delle scienze dell’antichità e filologico-letterarie (27,3%), delle scienze storiche efilosofiche (21,3%), delle scienze pedagogiche (20,7%) e delle scienze storico-artistiche (17,6%). In generale, il grado di associazione tra il profilo giuridico del lavoro dipendente è piuttostodebole con l’area disciplinare del corso di dottorato di ricerca (V di Cramer: 0,180; gdl: 308; p<0,001) e con il genere (V di Cramer: 0,150; gdl: 14; p < 0,001). 88
    • Tabella 4.27 - Può qualificarmi sotto il profilo giuridico il suo lavoro attuale? (coorte 2008, per aree disciplinari, percentuali di riga) Dirigente di ricerca (settore Ricercatore universitario di Docente alle scuole medie Docente alle scuole medie pubblico non universitario) pubblico non universitario) pubblico non universitario) Ricercatore universitario a Primo ricercatore (settore Professore universitario Professore universitario Impiegato o intermedio Ricercatore nel settore Ricercatore (settore Assegnista/borsista tempo determinato Direttivo/quadro associato Dirigente ordinario superiori inferiori privato ruolo AltroArea disciplinareIngegneria civile e Architettura 0,8 3,2 27,8 1,6 38,1 3,2 1,6 0,0 0,8 4,0 0,0 0,0 3,2 4,8 11,1Ingegneria dellinformazione 0,0 5,2 27,8 7,0 38,3 5,2 3,5 0,0 0,0 6,1 0,0 0,0 0,9 0,9 5,2Ingegneria industriale 1,8 3,0 26,2 6,7 35,4 5,5 7,9 0,0 0,6 6,1 0,6 0,0 0,0 2,4 3,7Scienze agrarie 0,7 1,5 11,9 5,2 51,5 6,7 1,5 0,0 0,0 10,4 0,7 0,0 1,5 1,5 6,7Scienze biologiche 3,9 1,6 12,4 5,9 48,1 5,2 1,3 0,0 0,3 8,0 0,0 0,5 2,1 1,3 9,6Scienze chimiche 4,1 2,1 22,3 10,9 36,8 5,7 2,6 0,0 0,0 4,7 0,0 0,0 0,5 1,0 9,3Scienze della terra 0,0 5,1 20,4 3,6 40,1 3,6 2,2 0,0 0,0 9,5 0,7 0,7 3,6 3,6 6,6Scienze dellantichità e filologico-letterarie 0,5 2,5 13,6 2,0 26,8 4,5 3,0 1,0 0,0 1,0 0,0 0,0 7,6 19,7 17,7Scienze delle attività motorie e dellediscipline sportive 12,5 0,0 0,0 0,0 62,5 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 6,3 0,0 18,8Scienze economiche (aziendali) 2,1 10,6 25,5 2,1 25,5 6,4 17,0 4,3 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 2,1 4,3Scienze economiche (socio-politiche) 2,0 6,1 19,2 5,1 39,4 7,1 4,0 2,0 0,0 4,0 0,0 0,0 1,0 0,0 10,1Scienze fisiche 0,5 1,4 13,5 2,8 50,2 11,2 2,3 0,0 0,0 10,7 0,0 0,0 0,5 3,7 3,3Scienze giuridiche 4,4 15,9 17,7 1,8 30,1 2,7 8,0 0,9 0,9 2,7 0,9 0,0 1,8 0,9 11,5Scienze informatiche 0,0 11,1 22,2 11,1 16,7 11,1 5,6 0,0 0,0 22,2 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0Scienze matematiche 1,8 0,0 7,0 3,5 61,4 7,0 3,5 0,0 0,0 3,5 0,0 0,0 3,5 5,3 3,5Scienze mediche 27,5 1,8 5,3 3,8 36,8 3,8 3,5 0,0 0,0 6,1 0,3 0,0 1,2 2,0 7,9Scienze pedagogiche 3,4 0,0 0,0 0,0 31,0 3,4 3,4 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 20,7 37,9Scienze politiche e sociali 2,0 5,1 18,2 6,1 40,4 6,1 4,0 0,0 0,0 2,0 0,0 1,0 0,0 1,0 14,1Scienze psicologiche, geografiche edemoetnoantropologiche 1,4 0,0 10,8 4,1 47,3 6,8 6,8 0,0 0,0 1,4 0,0 0,0 0,0 5,4 16,2Scienze statistiche 0,0 10,5 21,1 0,0 47,4 5,3 5,3 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 10,5Scienze storiche e filosofiche 0,8 4,7 20,5 1,6 30,7 3,1 0,0 0,8 0,0 1,6 0,0 0,0 6,3 15,0 15,0Scienze storico-artistiche 0,0 7,8 17,6 2,0 29,4 3,9 2,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 5,9 11,8 19,6Scienze veterinarie 7,9 2,6 5,3 5,3 50,0 7,9 7,9 0,0 0,0 2,6 0,0 0,0 0,0 0,0 10,5Totale 5,1 3,5 15,9 4,5 39,9 5,4 3,4 0,3 0,1 5,5 0,2 0,1 2,1 4,3 9,64.2.6 Le caratteristiche dell’attività di ricercaPiù della metà dei dottori che lavorano in ambito universitario (Tabella 4.29) presta servizio nellostesso ateneo in cui ha svolto il dottorato (64,4%) mentre gli altri sono in un altro ateneo italiano(20,9%) o in un ateneo estero (14,7%). La percentuale di quanti prestano servizio nello stessoateneo è maggiore tra gli assegnisti/borsisti (70,0%) e minore tra i ricercatori universitari a tempodeterminato (32,0%) che, in prevalenza, si trovano a fare ricerca all’estero (54,9%) mentre iricercatori universitari di ruolo si trovano soprattutto nello stesso ateneo in cui hanno conseguito iltitolo di dottore. 89
    • Tabella 4.28 - Può qualificarmi sotto il profilo giuridico il suo lavoro attuale? 2003 2008 Totale % % % N % cum N % cum N % cumDirigente 56 6,3 6,3 149 5,0 5,0 205 5,3 5,3Direttivo/quadro 43 4,9 11,2 105 3,5 8,5 148 3,8 9,1Impiegato o intermedio 100 11,3 22,5 466 15,6 24,1 566 14,6 23,8Ricercatore nel settore privato 25 2,8 25,3 133 4,5 28,6 158 4,1 27,8Assegnista/borsista 80 9,0 34,4 1180 39,5 68,1 1260 32,6 60,4Ricercatore universitario a tempo determinato 55 6,2 40,6 161 5,4 73,5 216 5,6 66,0Ricercatore universitario di ruolo 297 33,6 74,2 104 3,5 77,0 401 10,4 76,4Professore universitario associato 19 2,1 76,4 8 0,3 77,3 27 0,7 77,0Professore universitario ordinario 1 0,1 76,5 4 0,1 77,4 5 0,1 77,2Ricercatore (settore pubblico non universitario) 56 6,3 82,8 164 5,5 82,9 220 5,7 82,9Primo ricercatore (settore pubblico non universitario) 3 0,3 83,1 5 0,2 83,0 8 0,2 83,1Dirigente di ricerca (settore pubblico non universitario) 3 0,3 83,5 4 0,1 83,2 7 0,2 83,3Docente alle scuole medie inferiori 25 2,8 86,3 67 2,2 85,4 92 2,4 85,6Docente alle scuole medie superiori 61 6,9 93,2 136 4,6 90,0 197 5,1 90,7Altro 60 6,8 100,0 299 10,0 100,0 359 9,3 100,0Totale validi 884 100,0 2985 100,0 3869 100,0Mancanti 3 32 35Totale assoluto 887 3017 3904Tabella 4.29 - Presso quale sede universitaria presta servizio 2003 2008 Totale % % % N % cum N % cum N % cumNello stesso Ateneo in cui ha svolto il dottorato 253 60,1 60,1 874 64,4 64,4 1127 63,4 63,4In un Ateneo diverso ma nella stessa regione 32 7,6 67,7 84 6,2 70,5 116 6,5 69,9In un Ateneo diverso di altra regione italiana 110 26,1 93,8 200 14,7 85,3 310 17,4 87,3Allestero 26 6,2 100,0 200 14,7 100,0 226 12,7 100,0Totale validi 421 100,0 1358 100,0 1779 100,0Mancanti 31 100 131Totale assoluto 452 1458 1910Tabella 4.30 - Le attività di ricerca svolte nella posizione attuale sono coerenti con la formazione acquisita nel Corso di Dottorato in cui ha conseguito il titolo? 2003 2008 Totale % % % N % cum N % cum N % cumPienamente coerente 367 72,4 72,4 1150 67,3 67,3 1517 68,5 68,5Parzialmente coerente 120 23,7 96,1 482 28,2 95,5 602 27,2 95,6Non coerente 20 3,9 100,0 77 4,5 100,0 97 4,4 100,0Totale validi 507 100,0 1709 100,0 2216 100,0Mancanti 157 461 618Totale assoluto 664 2170 2834 90
    • I dottori che svolgono un’attività di ricerca, lo fanno prevalentemente (Tabella 4.30) in unambito pienamente coerente con la formazione acquisita nel dottorato di ricerca (67,3%) o in unambito parzialmente coerente (28,2%). L’attività di ricerca è pienamente coerente soprattutto per i ricercatori universitari di ruolo(78,8%) e per gli assegnisti/borsisti (70,1%) mentre lo è molto meno per i ricercatori del settoreprivato (37,5%). Invece, tra gli ambiti disciplinari, quelli in cui l’attività di ricerca è pienamentecoerente sono quelli delle scienze storico-artistiche (94,1%), delle scienze dellantichità e filologico-letterarie (81,4%), delle scienze storiche e filosofiche (77,1%) e delle scienze politiche e sociali(76,7% - Tabella 4.31).Tabella 4.31 - Le attività di ricerca svolte nella posizione attuale sono coerenti con la formazione acquisita nel Corso di Dottorato in cui ha conseguito il titolo? (per aree disciplinari, percentuali di riga) Pienamente Parzialmente NonArea disciplinare coerente coerente coerenteIngegneria civile e Architettura 57,6 39,0 3,4Ingegneria dellinformazione 64,6 32,3 3,1Ingegneria industriale 70,7 26,3 3,0Scienze agrarie 72,0 25,0 3,0Scienze biologiche 64,6 26,5 8,8Scienze chimiche 53,5 39,5 7,0Scienze della terra 62,7 31,3 6,0Scienze dellantichità e filologico-letterarie 81,4 17,1 1,4Scienze delle attività motorie e delle discipline sportive 90,0 10,0 0,0Scienze economiche (aziendali) 61,5 38,5 0,0Scienze economiche (socio-politiche) 58,3 38,3 3,3Scienze fisiche 69,8 25,2 5,0Scienze giuridiche 73,6 26,4 0,0Scienze informatiche 100,0 0,0 0,0Scienze matematiche 63,6 31,8 4,5Scienze mediche 62,8 32,8 4,4Scienze pedagogiche 72,7 27,3 0,0Scienze politiche e sociali 76,7 21,7 1,7Scienze psicologiche, geografiche e demoetnoantropologiche 69,6 26,1 4,3Scienze statistiche 55,6 44,4 0,0Scienze storiche e filosofiche 77,1 18,8 4,2Scienze storico-artistiche 94,1 5,9 0,0Scienze veterinarie 77,8 18,5 3,7Totale 67,2 28,2 4,5 91
    • Dopo il conseguimento del titolo di dottore di ricerca, la maggior parte dei dottori non hapubblicato lavori su riviste scientifiche a diffusione nazionale (52,1%) mentre la percentuale dicoloro che non hanno pubblicato lavori su riviste scientifiche a diffusione internazionale è statanotevolmente inferiore (16,2%), probabilmente a causa del minor prestigio e della minorediffusione delle prime rispetto alle ultime.Tabella 4.32 - Pubblicazioni e partecipazione a progetti di ricerca (coorti 2003 e 2008) 2003 N Manc. Media SQM Min Q1 Med. Q3 MaxIndichi il numero di lavori da Lei pubblicati su 426 238 6.08 11.40 0 0 2 7 100riviste Scientifiche a diffusione nazionaleIndichi il numero delle Sue monografie 414 250 1.01 2.21 0 0 0 1 23pubblicate da editore nazionaleIndichi il numero di lavori da Lei pubblicati su 456 208 13.39 16.18 0 4 9 19.75 200riviste Scientifiche a diffusione internazionaleIndichi il numero delle Sue monografie 382 282 0.81 4.75 0 0 0 0 61pubblicate da editore internazionaleA quanti progetti di ricerca nazionali ha 432 232 3.47 5.53 0 1 3 4 100partecipatoA quanti progetti di ricerca internazionali (cioèfinanziati da enti pubblici europei o comunque 411 253 1.44 1.97 0 0 1 2 15non italiani) ha partecipato 2008 N Manc. Media SQM Min Q1 Med. Q3 MaxIndichi il numero di lavori da Lei pubblicati su 1461 709 1.61 2.92 0 0 0 2 25riviste Scientifiche a diffusione nazionaleIndichi il numero delle Sue monografie 1385 785 0.30 0.83 0 0 0 0 11pubblicate da editore nazionaleIndichi il numero di lavori da Lei pubblicati su 1573 597 3.92 5.88 0 1 3 5 92riviste Scientifiche a diffusione internazionaleIndichi il numero delle Sue monografie 1325 845 0.40 2.52 0 0 0 0 74pubblicate da editore internazionaleA quanti progetti di ricerca nazionali ha 1455 715 1.28 1.93 0 0 1 2 56partecipatoA quanti progetti di ricerca internazionali (cioèfinanziati da enti pubblici europei o comunque 1409 761 0.80 1.26 0 0 0 1 15non italiani) ha partecipato In generale, il numero medio di lavori pubblicati dottori (Tabella 4.32) è risultato più di uno emezzo (1,61) su riviste scientifiche a diffusione nazionale e di quasi quattro (3,92) su rivistescientifiche a diffusione internazionale. In particolare, sulle riviste scientifiche a diffusionenazionale i più attivi sono stati i ricercatori universitari di ruolo (2,55) mentre sulle rivistescientifiche a diffusione internazionale i ricercatori del settore pubblico non universitario (4,81) ed iricercatori universitari di ruolo (4,60). Svolgere un’attività di ricerca coerente con la formazioneacquisita nel corso di dottorato contribuisce ad incrementare leggermente solo il numero medio dipubblicazioni su riviste scientifiche a diffusione internazionale (4,32) ma non sulle rivistescientifiche a diffusione nazionale (1,71). La maggior parte dei dottori non ha pubblicato monografie da editore nazionale (81,4%) o daeditore internazionale (81,4%) mentre più di due terzi hanno partecipato a progetti di ricercanazionali (69,7%) e poco più della metà a progetti di ricerca nazionali (48,0%). 92
    • 4.2.7 Le caratteristiche del contesto di lavoroI dottori che non lavorano in ambito universitario, della scuola o negli enti pubblici di ricerca, sonoimpiegati (Tabella 4.33) soprattutto negli enti pubblici (44,3%) o nelle aziende private italiane(anche se in filiale all’estero) (31,9%) mentre gli altri si dividono tra le aziende private straniere(anche se in filiale in Italia) (11,5%) e le aziende a partecipazione pubblica (9,0%) mentre in pochisono nelle organizzazioni no-profit (3,4%).Tabella 4.33 - Luogo in cui lavora 2003 2008 Totale % % % N % cum N % cum N % cumEnte pubblico 105 53,0 53,0 316 44,3 44,3 421 46,2 46,2Azienda a partecipazione pubblica 12 6,1 59,1 64 9,0 53,2 76 8,3 54,5Azienda privata italiana(anche se in filiale allestero) 49 24,7 83,8 228 31,9 85,2 277 30,4 84,9Azienda privata straniera(anche se in filiale in Italia) 29 14,6 98,5 82 11,5 96,6 111 12,2 97,0Organizzazione no-profit 3 1,5 100,0 24 3,4 100,0 27 3,0 100,0Totale validi 198 100,0 714 100,0 912 100,0Mancanti 1 6 7Totale assoluto 199 720 919Tabella 4.34 - Luogo in cui lavora (per aree disciplinari, percentuali di riga) partecipazio (anche se in (anche se in ne pubblica Organizzazi Azienda a allestero) straniera pubblico Azienda Azienda filiale in one no- italiana privata privata Italia) filiale profit EnteArea disciplinareIngegneria civile e Architettura 35,9 10,3 46,2 7,7Ingegneria dellinformazione 7,9 10,5 52,6 28,9Ingegneria industriale 15,7 13,7 52,9 15,7 2,0Scienze agrarie 52,6 36,8 10,5Scienze biologiche 39,7 8,8 38,2 11,8 1,5Scienze chimiche 30,2 3,8 43,4 22,6Scienze della terra 47,1 5,9 38,2 8,8Scienze dellantichità e filologico-letterarie 45,5 3,0 30,3 15,2 6,1Scienze delle attività motorie e delle discipline sportive 100,0Scienze economiche (aziendali) 27,8 11,1 50,0 11,1Scienze economiche (socio-politiche) 55,6 3,7 25,9 14,8Scienze fisiche 27,3 6,1 42,4 24,2Scienze giuridiche 74,4 9,3 11,6 2,3 2,3Scienze informatiche 33,3 16,7 16,7 16,7 16,7Scienze matematiche 40,0 20,0 40,0Scienze mediche 68,6 16,1 11,9 1,7 1,7Scienze pedagogiche 100,0Scienze politiche e sociali 56,0 12,0 8,0 4,0 20,0Scienze psicologiche, geografiche e demoetnoantrop. 44,4 22,2 33,3Scienze statistiche 50,0 16,7 16,7 16,7Scienze storiche e filosofiche 39,4 45,5 9,1 6,1Scienze storico-artistiche 61,5 7,7 23,1 7,7Scienze veterinarie 50,0 33,3 16,7Totale 44,3 8,8 32,3 11,5 3,1 93
    • Per quanto riguarda le singole aree disciplinari (Tabella 4.34), alcuni settori come Ingegneriacivile, Ingegneria dell’informazione, Ingegneria industriale e Scienze economiche hanno più dellametà dei dottori impiegati nelle azienda private; questi sono seguiti dai chimici, fisici e biologi conappena poco meno della metà. Negli enti pubblici lavorano soprattutto i dirigenti (78,9%) ed i direttivi/quadri (53,3%)mentre nelle aziende private italiane (anche se in filiale allestero) lavorano prevalentemente gliimpiegati o intermedi (43,1%). I dottori lavorano prevalentemente (Tabella 4.35) in enti (aziende o in organizzazioni no-profit) di grandi dimensioni, con più di 250 dipendenti (45,4%), mentre gli altri si dividonoabbastanza equamente tra le altre tipologie dimensionali, fino a 10 dipendenti (17,1%), da 11 a 50dipendenti (17,3%) e da 51 a 250 dipendenti (20,2%). Le aziende di grandi dimensioni sonoprevalentemente quella a partecipazione pubblica (79,4%) o le aziende private straniere (anche se infiliale in Italia) (69,5%). Il ramo di attività economica più diffuso (Tabella 4.36) è quello della sanità che impiegaquasi un quarto dei dottori di ricerca (23,6%). Gli altri sono impiegati nell’istruzione, ricerca esviluppo (13,0%) o nella Pubblica Amministrazione, Forze Armate (12,8%) mentre una quotaminore ma non trascurabile sono impiegati nella chimica (6,9%), nell’informatica, elaborazione dati(4,7%) o nel credito e assicurazioni (4,1%).4.2.8 L’utilità sul lavoro della formazione ricevuta durante il corso di dottoratoLa formazione ricevuta durante il corso di dottorato è stata giudicata fondamentale (Tabella 4.37)per le mansioni svolte (39,6%) o utile per il proprio lavoro anche se non ne fa un uso specifico(38,7%). Invece, chi ne fa un uso piuttosto limitato (12,4%) o non ne fa alcun uso (9,3%)rappresenta una minoranza non trascurabile. Per quanto riguarda gli ambiti disciplinari, la formazione ricevuta durante il corso di dottoratoè ritenuta fondamentale (Tabella 4.38) per i dottori delle scienze informatiche (58,8%), dellescienze matematiche (58,2%), delle scienze agrarie (50,4%), delle scienze statistiche (50,0%),dell’ingegneria industriale (49,7%) e delle scienze fisiche (49,5%). Invece, per quanto riguarda ilgenere, la formazione ricevuta durante il corso di dottorato è ritenuta fondamentale dai maschi(42,9%) più che dalle femmine (39,6%).Tabella 4.35 - Quanti dipendenti ha lazienda per cui lavora? 2003 2008 Totale N % % cum N % % cum N % % cumFino a 10 dipendenti 7 7,8 7,8 67 17,1 17,1 74 15,4 15,4Da 11 a 50 dipendenti 10 11,1 18,9 68 17,3 34,4 78 16,2 31,5Da 51 a 250 dipendenti 32 35,6 54,4 79 20,2 54,6 111 23,0 54,6Più di 250 dipendenti 41 45,6 100,0 178 45,4 100,0 219 45,4 100,0Totale validi 90 100,0 392 100,0 482 100,0Mancanti 3 6 9Totale assoluto 93 398 491 94
    • Tabella 4.36 - Può indicarmi il ramo di attività economica dellazienda per cui lavora? 2003 2008 Totale % % % N % cum N % cum N % cumAgricololtura - foreste - caccia - pesca 6 2,7 2,7 18 2,2 2,2 24 2,3 2,3Stampa ed editoria 1 0,5 3,2 10 1,2 3,4 11 1,1 3,3Energia, Gas, Acqua 8 3,7 6,8 34 4,1 7,5 42 4,0 7,4Estrazione mineraria 1 0,5 7,3 0 0,0 7,5 1 0,1 7,5Chimica 16 7,3 14,6 57 6,9 14,4 73 7,0 14,4Metalmeccanica e Mecc. precisione 13 5,9 20,5 32 3,9 18,3 45 4,3 18,8Alimentari e Tabacchi 5 2,3 22,8 9 1,1 19,4 14 1,3 20,1Tessile, Abbigl, Cuoio, Calzature 0 0,0 22,8 5 0,6 20,0 5 0,5 20,6Legno, Arredamento 0 0,0 22,8 5 0,6 20,6 5 0,5 21,1Carta, Gomma, Plastica 1 0,5 23,3 1 0,1 20,7 2 0,2 21,2Costruz.- istalla. dimpianti 2 0,9 24,2 19 2,3 23,0 21 2,0 23,3Elettronica e Elettrotecnica 9 4,1 28,3 27 3,3 26,3 36 3,4 26,7Manifattura varia 1 0,5 28,8 1 0,1 26,4 2 0,2 26,9Commercio, Alberghi, Esercizi Pubbl. 4 1,8 30,6 9 1,1 27,5 13 1,2 28,1Trasporti 5 2,3 32,9 18 2,2 29,7 23 2,2 30,3Comunicazioni e Telecomunicazioni 2 0,9 33,8 13 1,6 31,2 15 1,4 31,8Credito e Assicurazioni 8 3,7 37,4 34 4,1 35,4 42 4,0 35,8Consulenza legale, amm.va, contabile 1 0,5 37,9 12 1,5 36,8 13 1,2 37,0Pubblicità, pubbliche relazioni 1 0,5 38,4 1 0,1 36,9 2 0,2 37,2Informatica, elaborazione dati 8 3,7 42,0 39 4,7 41,6 47 4,5 41,7Servizi alle imprese 6 2,7 44,7 30 3,6 45,3 36 3,4 45,2Servizi ricreativi e culturali 1 0,5 45,2 13 1,6 46,9 14 1,3 46,5Pubblica Amministrazione, Forze Armate 22 10,0 55,3 106 12,8 59,7 128 12,2 58,8Istruzione, ricerca e sviluppo 32 14,6 69,9 107 13,0 72,6 139 13,3 72,1Sanità 62 28,3 98,2 195 23,6 96,2 257 24,6 96,7Altri Servizi Sociali 4 1,8 100,0 31 3,8 100,0 35 3,3 100,0Totale validi 219 100,0 826 100,0 1045 100,0Mancanti 5 27 32Totale assoluto 224 853 1077Tabella 4.37 - Quanto le è utile sul lavoro la formazione ricevuta durante il corso di dottorato? 2003 2008 Totale N % % cum N % % cum N % % cumÈ fondamentale per le mansioni che svolgo 380 41,7 41,7 1291 39,6 39,6 1671 40,0 40,0È utile per il mio approccio al lavoro, anche se non ne faccio uso 351 38,5 80,2 1264 38,7 78,3 1615 38,7 78,7Ne faccio un uso piuttosto limitato 98 10,7 90,9 406 12,4 90,7 504 12,1 90,8Non ne faccio alcun uso 83 9,1 100,0 303 9,3 100,0 386 9,2 100,0Totale validi 912 100,0 3264 100,0 4176 100,0Mancanti 88 224 312Totale assoluto 1000 3488 4488 95
    • Tabella 4.38 - Quanto le è utile sul lavoro la formazione ricevuta durante il corso di dottorato? (per area disciplinare, percentuali di riga) lavoro, anche se È utile per il mio È fondamentale per le mansioni Non ne faccio non ne faccio uso piuttosto Ne faccio un approccio al che svolgo alcun uso limitatoArea disciplinareIngegneria civile e Architettura 32,4 43,9 11,6 12,1Ingegneria dellinformazione 41,8 37,7 13,1 7,4Ingegneria industriale 49,7 34,7 9,2 6,4Scienze agrarie 50,4 30,5 9,9 9,2Scienze biologiche 42,9 38,0 11,6 7,5Scienze chimiche 36,8 42,6 12,1 8,4Scienze della terra 41,4 35,9 15,9 6,9Scienze dellantichità e filologico-letterarie 34,3 41,4 12,9 11,4Scienze delle attività motorie e delle discipline sportive 44,4 38,9 5,6 11,1Scienze economiche (aziendali) 34,4 39,3 24,6 1,6Scienze economiche (socio-politiche) 42,3 31,5 14,4 11,7Scienze fisiche 49,5 33,3 9,0 8,1Scienze giuridiche 36,9 44,9 11,9 6,3Scienze informatiche 58,8 23,5 17,6Scienze matematiche 58,2 29,1 5,5 7,3Scienze mediche 26,8 43,5 19,3 10,4Scienze pedagogiche 43,8 28,1 18,8 9,4Scienze politiche e sociali 40,9 40,9 6,4 11,8Scienze psicologiche, geografiche e demoetnoantropologiche 40,2 34,5 18,4 6,9Scienze statistiche 50,0 35,0 10,0 5,0Scienze storiche e filosofiche 33,3 40,3 9,3 17,1Scienze storico-artistiche 29,6 35,2 13,0 22,2Scienze veterinarie 48,8 34,1 12,2 4,9Totale 39,6 38,4 12,7 9,3 La formazione ricevuta durante il corso di dottorato è ritenuta fondamentale per le mansionisvolte soprattutto per chi lavora in ambito universitario, professore ordinario (75,0%), professoreassociato (75,0%), ricercatore universitario di ruolo (67,3%) e assegnista/borsista (63,8%). Invece,non ne fanno alcun uso prevalentemente gli impiegati o intermedi (26,3%), i docenti delle scuolemedie inferiori (26,2%) ed i direttivo/quadri (16,5%).4.2.9 Il livello di soddisfazione per il lavoro attualeIl livello di soddisfazione per il lavoro attuale è stato valutato rispetto ad una serie di aspetti ritenutirilevanti misurati su una scala ordinale a dieci modalità di risposta (Tabella 4.39). 96
    • Tabella 4.39 - Può esprimere su una scala da 1 a 10 (dove 1 = per niente e 10 = moltissimo) il suo livello di soddisfazione per i seguenti aspetti del lavoro attuale? (coorti 2003 e 2008) 2003 N Manc. Media SQM Min Q1 Med. Q3 MaxLivello di retribuzione attuale 953 47 5.38 2.33 1 4 6 7 10Prospettive di guadagno 950 50 4.99 2.51 1 3 5 7 10Possibilità di carriera 951 49 4.86 2.51 1 3 5 7 10Stabilità/sicurezza sul lavoro 953 47 6.53 2.88 1 5 7 9 10Coerenza con studi fatti 952 48 7.89 2.12 1 7 8 10 10Utilizzo delle competenze acquisite 952 48 7.80 2.06 1 7 8 9 10Acquisizione di professionalità 953 47 7.68 1.90 1 7 8 9 10Rispondenza ai propri interessi culturali 952 48 8.04 1.92 1 7 8 10 10Indipendenza e autonomia sul lavoro 953 47 7.72 1.97 1 7 8 9 10Coinvolgimento nei processi decisionali 951 49 6.55 2.46 1 5 7 8 10Flessibilità dell’orario di lavoro 952 48 7.57 2.35 1 6 8 9 10Tempo libero 950 50 5.87 2.32 1 4 6 8 10Localizzazione sede di lavoro 948 52 7.19 2.37 1 6 8 9 10Rapporti coi colleghi 949 51 7.61 1.82 1 7 8 9 10Rispetto alle aspettative iniziali 949 51 6.57 2.28 1 5 7 8 10Rispetto alle mansioni svolte 949 51 7.10 1.97 1 6 7 8 10Rispetto al titolo di Dottore di Ricerca 945 55 6.33 2.63 1 5 7 8 10E nel suo complesso 944 56 7.11 1.69 1 6 7 8 10 2008 N Manc. Media SQM Min Q1 Med. Q3 MaxLivello di retribuzione attuale 3351 137 5.60 2.33 1 4 6 7 10Prospettive di guadagno 3347 141 5.04 2.55 1 3 5 7 10Possibilità di carriera 3343 145 4.84 2.62 1 3 5 7 10Stabilità/sicurezza sul lavoro 3347 141 4.72 3.05 1 2 5 7 10Coerenza con studi fatti 3349 139 7.44 2.25 1 6 8 9 10Utilizzo delle competenze acquisite 3349 139 7.42 2.14 1 6 8 9 10Acquisizione di professionalità 3344 144 7.40 1.99 1 6 8 9 10Rispondenza ai propri interessi culturali 3346 142 7.64 2.08 1 7 8 9 10Indipendenza e autonomia sul lavoro 3344 144 7.43 2.08 1 6 8 9 10Coinvolgimento nei processi decisionali 3343 145 6.49 2.43 1 5 7 8 10Flessibilità dell’orario di lavoro 3345 143 7.33 2.39 1 6 8 9 10Tempo libero 3347 141 5.89 2.41 1 4 6 8 10Localizzazione sede di lavoro 3346 142 7.12 2.35 1 6 8 9 10Rapporti coi colleghi 3339 149 7.67 1.84 1 7 8 9 10Rispetto alle aspettative iniziali 3339 149 6.40 2.32 1 5 7 8 10Rispetto alle mansioni svolte 3331 157 6.92 2.04 1 6 7 8 10Rispetto al titolo di Dottore di Ricerca 3326 162 5.98 2.73 1 4 6 8 10E nel suo complesso 3324 164 6.75 1.79 1 6 7 8 10 97
    • Il livello di soddisfazione per il lavoro attuale è stato giudicato discreto nel suo complesso(mediana: 7; asimmetria: -0,81; curtosi: 0,93), rispetto alle mansioni svolte (mediana: 7;asimmetria: -0,92; curtosi: 0,78) e rispetto alle aspettative iniziali (mediana: 7; asimmetria: -0,67;curtosi: -0,12) ma appena sufficiente rispetto al titolo di dottore di ricerca (mediana: 6; asimmetria:-0,44; curtosi: -0,87). Gli aspetti che hanno ricevuto una valutazione migliore sono quelli che caratterizzanol’attività lavorativa ed il rapporto tra questa e la formazione acquisita nel corso di dottorato. Tra iprimi si segnalano l’acquisizione di professionalità (mediana: 8; asimmetria: -1,06; curtosi: 1,26),l’indipendenza e autonomia sul lavoro (mediana: 8; asimmetria: -1,09; curtosi: 1,14), i rapporti coicolleghi (mediana: 8; asimmetria: -1,12; curtosi: 1,61), la flessibilità dell’orario di lavoro (mediana:8; asimmetria: -1,05; curtosi: 0,51) e la localizzazione della sede di lavoro (mediana: 8; asimmetria:-0,79; curtosi: 0,01). Tra gli altri si evidenziano, in particolare, la coerenza con gli studi fatti(mediana: 8; asimmetria: -1,02; curtosi: 0,63), l’utilizzo delle competenze acquisite (mediana: 8;asimmetria: -1,04; curtosi: 0,89) e la rispondenza ai propri interessi culturali (mediana: 8;asimmetria: -1,18; curtosi: 1,35). La distribuzione di frequenze di tutti questi aspetti è caratterizzatada un moderato grado di asimmetria negativa ed è indicativa di un addensamento di frequenze versole modalità di risposta più elevate. Gli aspetti che hanno ricevuto una valutazione peggiore sono quelli descrivono le aspettativeper il futuro, in termini di prospettive di guadagno (mediana: 5; asimmetria: -0,07; curtosi: -0,98),possibilità di carriera (mediana: 5; asimmetria: +0,01; -1,07) e stabilità/sicurezza sul lavoro(mediana: 5; asimmetria: +0,22; curtosi: -1,29), le cui distribuzioni risultano abbastanzasimmetriche, e indicano un addensamento di frequenze verso le modalità di risposta centrali.4.2.10 Il livello di retribuzione attualeAd un anno dal conseguimento del titolo, il reddito mensile nominale netto dichiarato è stato di1.592,87 euro con uno scarto quadratico medio di 912,41 euro (Tabella 4.40). La maggior parte dei dottori di ricerca ha dichiarato un reddito mensile nominale nettoinferiore a 1.500 euro (61,0%). In prevalenza, questi si collocano nella classe di reddito compresatra 1.000 e 1.500 euro (48,6%) ma la percentuale dei redditi inferiori a 1.000 euro riguarda quasi unsesto del totale (12,1%) e non può considerarsi trascurabile mentre i redditi inferiori a 500 eurorappresentano una quota marginale (3,4%). I redditi mensili di almeno 2.000 euro sono poco menodi un quinto (18,4%) mentre quelli oltre i 3.000 euro sono soltanto uno su venti (4,8%). 98
    • Tabella 4.40 - Può indicare il reddito mensile netto medio da Lei percepito? 2003 2008 Totale % % % N % cum N % cum N % cumMeno di € 500 15 1,7 1,7 106 3,4 3,4 121 3,0 3,0€ 500 - € 1000 37 4,1 5,8 275 8,7 12,1 312 7,7 10,7€ 1001 - € 1500 283 31,4 37,2 1538 48,9 61,0 1821 45,0 55,7€ 1501 - € 2000 344 38,2 75,4 649 20,6 81,6 993 24,5 80,2€ 2001 - € 2500 96 10,7 86,1 270 8,6 90,2 366 9,0 89,3€ 2501 - € 3000 48 5,3 91,4 157 5,0 95,2 205 5,1 94,3€ 3001 - € 3500 28 3,1 94,6 65 2,1 97,2 93 2,3 96,6€ 3501 - € 4000 19 2,1 96,7 31 1,0 98,2 50 1,2 97,9€ 4001 - € 6000 19 2,1 98,8 31 1,0 99,2 50 1,2 99,1Oltre € 6000 11 1,2 100,0 25 0,8 100,0 36 0,9 100,0Totale validi 900 100,0 3147 100,0 4047 100,0Mancanti 100 341 441Totale assoluto 1000 3488 4488 Nel complesso, la distribuzione del reddito presenta un certo grado di asimmetria positiva(mediana: classe € 1.001 - € 1.500; asimmetria: +1,59; curtosi: +3,87) ed è indicativa di unaconcentrazione di frequenze nelle modalità di risposta medio basse e della contemporanea presenzadi poche frequenze nelle classi di reddito più distanti da queste. Differenze retributive significative si osservano per genere, area disciplinare e profilogiuridico del lavoro. Le differenze retributive di genere sono a vantaggio dei maschi (1.731,30 euro)rispetto alle femmine (1.465,01 euro). Per quanto riguarda le macro aree disciplinari (Tabella 4.41), i dottori che guadagnano piùdella media sono quelli delle scienze economiche (aziendali) (2.179,25 euro), delle scienzegiuridiche (2072,49 euro) e delle scienze mediche (1.953,68 euro). Livelli retributivi inferiori allamedia si osservano invece tra i dottori delle scienze storico-artistiche (1.213,64 euro), delle scienzedell’antichità e filologico-letterarie (1.266,01 euro) e delle scienze storiche e filosofiche (1.278,69euro). Infine, per quanto riguarda il profilo giuridico, i lavoratori autonomi (1.720,67 euro) hannomigliori retribuzioni dei lavoratori dipendenti (1.576,41 euro). Tuttavia, tra questi ultimi, lavariabilità nelle retribuzioni è piuttosto elevata. Livelli retributivi superiori alla media si registranotra i dirigenti (2.782,37 euro) ed i direttivi/quadri (2.172,68 euro) mentre livelli inferiori alla mediasi osservano tra i docenti delle scuole medie inferiori (1250,00 euro), i docenti delle scuole mediesuperiori (1.270,16 euro) e gli assegnisti/borsisti (1.365,84 euro). La fascia di reddito 1000-1500 contiene i valori percentuali più elevati per tutte le areedisciplinari, ad eccezione dell’area informatica per la quale il reddito è superiore. 99
    • Tabella 4.41 - Può indicare il reddito mensile netto medio da Lei percepito? (per area disciplinare, percentuali di riga) € 1001 - € 1500 € 1501 - € 2000 € 2001 - € 2500 € 2501 - € 3000 € 3001 - € 3500 € 3501 - € 4000 € 4001 - € 6000 Meno di € 500 € 500 - € 1000 Oltre € 6000Area disciplinareIngegneria civile e Architettura 9,4 8,8 43,1 26,9 6,3 3,1 1,9 0,6Ingegneria dellinformazione 1,7 50,8 24,2 10,8 5,8 2,5 3,3 0,8Ingegneria industriale 0,6 2,4 49,7 28,5 8,5 5,5 2,4 0,6 0,6 1,2Scienze agrarie 2,2 7,3 64,2 16,8 5,1 1,5 1,5 0,7 0,7Scienze biologiche 1,9 10,1 57,9 15,2 8,0 4,3 0,3 0,8 0,5 1,1Scienze chimiche 1,6 7,0 58,9 23,2 4,9 3,2 0,5 0,5Scienze della terra 2,1 9,0 57,2 18,6 9,0 2,1 1,4 0,7Scienze dellantichità e filologico-letterarie 8,4 20,2 50,2 15,8 2,5 1,0 0,5 1,0 0,5Scienze delle attività motorie e delle discipline sportive 17,6 52,9 17,6 5,9 5,9Scienze economiche (aziendali) 3,8 34,0 24,5 17,0 7,5 3,8 5,7 3,8Scienze economiche (socio-politiche) 5,7 9,5 39,0 22,9 6,7 4,8 4,8 1,9 2,9 1,9Scienze fisiche 1,0 2,9 48,3 25,9 12,2 4,9 2,4 2,0 0,5Scienze giuridiche 1,2 7,7 34,3 23,1 14,8 8,3 2,4 1,2 2,4 4,7Scienze informatiche 11,8 23,5 47,1 11,8 5,9Scienze matematiche 3,7 3,7 57,4 14,8 11,1 5,6 1,9 1,9Scienze mediche 0,8 5,4 37,1 16,5 15,4 13,6 6,0 2,7 1,9 0,5Scienze pedagogiche 3,1 9,4 65,6 21,9Scienze politiche e sociali 4,5 12,7 46,4 20,0 6,4 5,5 2,7 1,8Scienze psicologiche, geografiche e demoetnoantropologiche 9,6 3,6 50,6 25,3 7,2 3,6Scienze statistiche 55,6 22,2 16,7 5,6Scienze storiche e filosofiche 9,0 13,9 49,2 18,9 8,2 0,8Scienze storico-artistiche 12,7 16,4 47,3 18,2 3,6 1,8Scienze veterinarie 2,4 14,6 58,5 14,6 4,9 2,4 2,4Totale 3,3 8,3 49,0 20,5 8,8 5,2 2,0 1,0 1,0 0,8 Il grado di soddisfazione rispetto al livello di retribuzione attuale è stato giudicato appenasufficiente (mediana: 6; asimmetria: -0,39; curtosi: -0,59). I più soddisfatti sono i dottori dellescienze matematiche (mediana: 7; asimmetria: -0,83; curtosi: -0,39), quelli meno soddisfatti sono idottori ingegneria civile e architettura (mediana: 5; asimmetria: -0,19; curtosi: -0,72), scienzepsicologiche, geografiche e demoetno-antropologiche (mediana: 5; asimmetria: -0,13; curtosi: -1,01) e delle scienze storico-artistiche (mediana: 5; asimmetria: -0,20; curtosi: -0,69). Nonostante il livello di soddisfazione rispetto alla retribuzione sia piuttosto limitato, coloroche svolgono un’altra attività retribuita oltre all’attività principale sono poco più di un quinto(21,7%), in particolare si tratta di lavoratori autonomi (35,0%) più che di lavoratori dipendenti(19,9%) mentre non si osservano differenze di genere significative (V di Cramer: 0,001; gdl: 1; p =0,939). 100
    • 4.2.11 La ricerca di un nuovo lavoroNegli ultimi tre mesi hanno cercato attivamente lavoro (Tabella 4.42) poco meno di un terzo deidottori di ricerca (29,1%).Tabella 4.42 - Negli ultimi tre mesi Lei ha cercato attivamente un nuovo lavoro? 2003 2008 Totale % % % N % cum N % cum N % cumSì 159 16,8 16,8 954 29,1 29,1 1113 26,3 26,3No 786 83,2 100,0 2328 70,9 100,0 3114 73,7 100,0Totale validi 945 100,0 3282 100,0 4227 100,0Mancanti 55 206 261Totale assoluto 1000 3488 4488 Questa percentuale è risultata maggiore per i dottori in scienze informatiche (41,2%), scienzedella terra (39,0%) e scienze economiche (socio-politiche) (38,2%) ed inferiore per i dottori inscienze statistiche (5,3%), scienze pedagogiche (12,5%), scienze giuridiche (15,5%) ed ingegneriaindustriale (22,4%). Nel complesso, il grado di associazione tra la ricerca di un nuovo lavoro e l’area disciplinaredel corso di dottorato è piuttosto moderata (V di Cramer: 0,139; gdl: 22; p < 0,001) mentre non siosservano differenze di genere significative (V di Cramer: 0,005; gdl: 1; p < 0,791). In generale, il livello di soddisfazione nel complesso per il lavoro svolto è risultato più bassotra chi ha cercato attivamente un lavoro negli ultimi tre mesi (mediana: 6; asimmetria: -0,50;curtosi: -0,14) rispetto a chi non ha cercato lavoro (mediana: 7; asimmetria: -0,71; curtosi: +1,24).Tuttavia, se si considera il livello di soddisfazione rispetto alle mansioni svolte, la differenza tra chiha cercato lavoro (mediana: 6; asimmetria: -0,57; curtosi: -0,32) e chi non ha cercato lavoro(mediana: 8; asimmetria: -0,97; curtosi: +1,35) è ancora più evidente. Tra gli aspetti specifici, la differenza più accentuata tra chi ha cercato lavoro e chi non hacercato lavoro negli ultimi tre mesi si è registrata invece per la stabilità/sicurezza sul lavoro(mediana: 3; asimmetria: +0,76; curtosi: -0,67 contro mediana: 5; asimmetria: -0,02; curtosi: -1,30),le possibilità di carriera (mediana: 4; asimmetria: +0,43; curtosi: -0,90 contro mediana: 6;asimmetria: -0,16; curtosi: -0,96) e le prospettive di guadagno (mediana: 4; asimmetria: +0,36;curtosi: -0,87 contro mediana: 6; asimmetria: -0,22; curtosi: -0,83). Il motivo principale che ha indotto ad avviare la ricerca di un nuovo lavoro (Tabella 4.43) èstato la stabilità del posto di lavoro (44,7%). Tale motivo è risultato più diffuso tra i dottori dellescienze veterinarie (71,4%), scienze matematiche (60,0%), scienze fisiche (58,3%), scienze agrarie(56,4%) e scienze della terra (56,1%) e tra le femmine (56,9%) rispetto ai maschi (43,1%). 101
    • Tabella 4.43 - Qual è la principale motivazione che l’ha indotta ad avviare la ricerca di un nuovo lavoro? 2003 2008 Totale % % % N % cum N % cum N % cumStabilità del posto di lavoro 48 30,2 30,2 418 44,7 44,7 466 42,6 42,6Insoddisfazione per il livello di retribuzione 25 15,7 45,9 124 13,2 57,9 149 13,6 56,2Più elevata possibilità di carriera 19 11,9 57,9 113 12,1 70,0 132 12,1 68,2Maggiore coerenza con gli studi fatti 12 7,5 65,4 56 6,0 76,0 68 6,2 74,4Maggiore rispondenza al titolo posseduto 8 5,0 70,4 48 5,1 81,1 56 5,1 79,5Possibilità di acquisire maggiore professionalità 17 10,7 81,1 65 6,9 88,0 82 7,5 87,0Maggiore rispondenza ai propri interessi culturali 14 8,8 89,9 38 4,1 92,1 52 4,7 91,8Maggiore indipendenza e autonomia sul lavoro 6 3,8 93,7 18 1,9 94,0 24 2,2 94,0Localizzazione della sede di lavoro 10 6,3 100,0 49 5,2 99,3 59 5,4 99,4Per avere più tempo libero 0 0,0 100,0 7 0,7 100,0 7 0,6 100,0Totale validi 159 100,0 936 100,0 1095 100,0Mancanti 0 18 18Totale assoluto 159 954 1113 Per quanto riguarda le altre motivazioni, una percentuale significativa è stata raggiunta solodall’insoddisfazione per il livello di retribuzione (13,2%) e dalla più elevata possibilità di carriera(12,1%) mentre il rimanente è distribuito tra la possibilità di acquisire maggiore professionalità(6,9%), la maggiore coerenza con gli studi fatti (6,0%), la localizzazione della sede di lavoro(5,2%), la maggiore rispondenza al titolo posseduto (5,1%), la maggiore rispondenza ai propriinteressi culturali (4,1%) ed altre motivazioni ancora (2,6%).4.3 Chi attualmente non lavora ma ha lavorato dopo il conseguimento del titolo: coorti 2003 e 20084.3.1 L’ultimo lavoro e gli aspetti migliorati dopo il conseguimento del titoloL’ultimo lavoro svolto da chi non lavora attualmente ma ha lavorato dopo il conseguimento deltitolo (Tabella 4.44) è stato, in prevalenza, lo stesso che svolgevano al momento del conseguimentodel titolo (54,5%). Questa percentuale è risultata maggiore soprattutto per i dottori nelle scienzegiuridiche (94,1%). Il conseguimento del titolo di dottore di ricerca ha comportato (Tabella 4.45) unmiglioramento nel proprio lavoro per poco più di un quarto dei dottori (28,7%). Gli aspetti che hanno fatto registrare un miglioramento significativo dopo il conseguimentodel titolo di dottore sono stati (Tabella 4.46) l’acquisizione di professionalità (86,2%). L’utilizzodelle competenze acquisite (92,9%), la rispondenza ai propri interessi culturali (92,9%). Non siregistrano effetti positivi sul tempo libero (3,7%), sulla stabilità/sicurezza sul lavoro (11,1%) e sullalocalizzazione della sede di lavoro (22,2%). 102
    • Tabella 4.44 - L’ultimo lavoro svolto era lo stesso che svolgeva al momento del conseguimento del titolo? 2003 2008 Totale N % % cum N % % cum N % % cumSì 11 39,3 39,3 126 54,5 54,5 126 54,5 54,5No 17 60,7 100,0 105 45,5 100,0 105 45,5 100,0Totale validi 28 100,0 231 100,0 231 100,0MancantiTotale assolutoTabella 4.45 - Il conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca ha comportato un miglioramento nel suo lavoro? 2003 2008 Totale N % % cum N % % cum N % % cumSì 6 54,5 54,5 33 28,7 28,7 39 31,0 31,0No 5 45,5 100,0 82 71,3 100,0 87 69,0 100,0Totale validi 11 100,0 115 100,0 126 100,0MancantiTotale assolutoTabella 4.46 - Quali aspetti del suo lavoro sono migliorati?Acquisizione di professionalità 2003 2008 Totale % % % N % cum N % cum N % cumSì 5 100,0 100,0 25 86,2 86,2 30 88,2 88,2No 0 0,0 100,0 4 13,8 100,0 4 11,8 100,0Totale validi 5 29 100,0 34 100,0Mancanti 1 4 5Totale assoluto 6 33 39Utilizzo delle competenze acquisite 2003 2008 Totale % % % N % cum N % cum N % cumSì 4 100,0 100,0 26 92,9 92,9 30 93,8 93,8No 0 0,0 100,0 2 7,1 100,0 2 6,3 100,0Totale validi 4 28 100,0 32 100,0Mancanti 2 5 7Totale assoluto 6 33 39 103
    • Rispondenza ai propri interessi culturali 2003 2008 Totale % % % N % cum N % cum N % cumSì 3 75,0 75,0 26 92,9 92,9 29 90,6 90,6No 1 25,0 100,0 2 7,1 100,0 3 9,4 100,0Totale validi 4 100,0 28 100,0 32 100,0Mancanti 2 5 7Totale assoluto 6 33 39Stabilità/sicurezza sul lavoro 2003 2008 Totale N % % cum N % % cum N % % cumSì 1 33,3 33,3 3 11,1 11,1 4 13,3 13,3No 2 66,7 100,0 24 88,9 100,0 26 86,7 100,0Totale validi 3 100,0 27 100,0 30 100,0Mancanti 3 6 9Totale assoluto 6 33 39Tempo libero 2003 2008 Totale N % % cum N % % cum N % % cumSì 0 0,0 0,0 1 3,7 3,7 1 3,3 3,3No 3 100,0 100,0 26 96,3 100,0 29 96,7 100,0Totale validi 3 100,0 27 100,0 30 100,0Mancanti 3 6 9Totale assoluto 6 33 39Localizzazione sede di lavoro 2003 2008 Totale N % % cum N % % cum N % % cumSì 0 0,0 0,0 6 22,2 22,2 6 20,0 20,0No 3 100,0 100,0 21 77,8 100,0 24 80,0 100,0Totale validi 3 27 100,0 30 100,0Mancanti 3 6 9Totale assoluto 6 33 394.3.2 L’interruzione dell’ultima attività lavorativaIl motivo principale dell’interruzione dell’ultima attività lavorativa è stato (Tabella 4.47) lascadenza regolare di un contratto a tempo determinato o termine di un lavoro occasionale ostagionale che ha riguardato quasi la metà dei dottori (49,9%). Una quota significativa di dottori ha invece dichiarato di essersi dimesso (12,1%), inparticolare perché non soddisfatto di quel tipo di lavoro/contratto (5,8%), perché non soddisfatto deltrattamento economico (3,1%), per motivi personali (2,5%) o perché non soddisfatto della sede dilavoro (0,7%). 104
    • Per quanto riguarda le altre motivazioni, uno su dieci ha dichiarato di aver interrotto l’attivitàlavorativa per iniziare un’attività di formazione post-dottorato (9,2%) o per maternità (5,6%). Un quarto dei dottori ha dichiarato la modalità “altro motivo” (21,1%).Tabella 4.47 - Per quale motivo è stata interrotta la sua ultima attività lavorativa? 2003 2008 Totale % % % N % cum N % cum N % cumPer iniziare unattività di formazione post-dottorato 5 5,7 5,7 41 9,2 9,2 46 8,6 8,6Dimesso perché non soddisfatto del trattamento economico 2 2,3 8,0 14 3,1 12,4 16 3,0 11,6Dimesso perché non soddisfatto di quel tipo di lavoro/contratto 4 4,5 12,5 26 5,8 18,2 30 5,6 17,3Dimesso perché non soddisfatto della sede di lavoro 2 2,3 14,8 3 0,7 18,9 5 0,9 18,2Dimesso per motivi personali 4 4,5 19,3 11 2,5 21,3 15 2,8 21,0Licenziamento da parte del datore di lavoro o altra interruzioneda lei non voluta 5 5,7 25,0 9 2,0 23,4 14 2,6 23,6Scadenza regolare di un contratto a tempo determinato otermine di un lavoro occasionale o stagionale 42 47,7 72,7 222 49,9 73,3 264 49,5 73,2Maternità 1 1,1 73,9 25 5,6 78,9 26 4,9 78,0Altro 23 26,1 100,0 94 21,1 100,0 117 22,0 100,0Totale validi 88 100,0 445 100,0 533 100,0Mancanti 13 97 110Totale assoluto 101 542 6434.3.3 La ricerca di un nuovo lavoroNegli ultimi tre mesi hanno cercato attivamente un lavoro (Tabella 4.48) poco più della metà deidottori che hanno perso il posto (58,4%). I più attivi nella ricerca di un nuovo lavoro sono stati idottori delle scienze economiche (socio-politiche) (88,9%), scienze storiche e filosofiche (67,6%),scienze storico-artistiche (66,7%) e scienze agrarie (65,2%) e, per quanto riguarda il genere, lefemmine (60,1%) rispetto ai maschi (39,9%).Tabella 4.48 - Negli ultimi tre mesi Lei ha cercato attivamente un lavoro? (coorti 2003 e 2008) 2003 2008 Totale N % % cum N % % cum N % % cumSì 57 57.0 57.0 316 58.4 58.4 373 58.2 58.2No 43 43.0 100.0 225 41.6 100.0 268 41.8 100.0Totale validi 100 100.0 541 100.0 641 100.0Mancanti 1 1 2Totale assoluto 101 542 643 105
    • Il tipo di lavoro cercato è stato in prevalenza quello di ricercatore o docente universitario(31,6%) ma più di un quarto dei dottori ha dichiarato di non avere preferenze (26,4%). Il rimanente dei dottori ha cercato un lavoro da libero professionista (iscritto albo) (11,1%),docente alle scuole medie (inferiori o superiori) (9,4%), ricercatore nel settore pubblico nonuniversitario (6,5%), lavoro autonomo (5,2%), impiegato o intermedio (5,2%), direttivo/quadro(2,9%) o dirigente (1,6%). Gli aspetti ritenuti più importanti nella ricerca del lavoro (Tabella 4.49) sono stati lastabilità/sicurezza sul lavoro (mediana: 9; asimmetria: -1,54; curtosi: 3,75), l’utilizzo dellecompetenze acquisite (mediana: 9; asimmetria: -0,61; curtosi: -0,51) e l’acquisizione diprofessionalità (mediana: 9; asimmetria: -1,01; curtosi: +0,36).Tabella 4.49 - Su una scala da 1 a 10 (dove 1 = per niente e 10 = moltissimo) quanto sono importanti per Lei i seguenti aspetti nella ricerca di un lavoro? 2003 N Manc. Media SQM Min Q1 Med. Q3 MaxProspettive di guadagno 52 5 6.90 1.64 2 6 7 8 10Possibilità di carriera 52 5 6.98 1.77 2 6 7 8 10Stabilità/sicurezza sul lavoro 52 5 8.58 1.64 2 8 9 10 10Coerenza con studi fatti 53 4 8.13 1.84 1 7 8 10 10Utilizzo delle competenze acquisite 52 5 8.62 1.35 5 8 9 10 10Acquisizione di professionalità 52 5 8.75 1.40 5 8 9 10 10Rispondenza ai propri interessi culturali 52 5 8.42 1.54 5 7 8 10 10Indipendenza e autonomia sul lavoro 52 5 7.94 1.59 5 7 8 9 10Coinvolgimento nei processi decisionali 51 6 7.53 2.03 1 6 8 9 10Flessibilità dell’orario di lavoro 52 5 6.69 1.77 1 6 7 8 10Tempo libero 52 5 6.37 1.94 1 5 6 7 10Localizzazione sede di lavoro 51 6 6.43 2.48 1 5 7 8 10Rapporti coi colleghi 52 5 7.21 1.63 3 6 8 8 10Riconoscimento del titolo di Dottore di Ricerca 49 8 7.37 2.51 1 6 8 10 10 2008 N Manc. Media SQM Min Q1 Med. Q3 MaxProspettive di guadagno 310 6 7.35 1.68 1 6 7 8 10Possibilità di carriera 310 6 7.72 1.74 1 7 8 9 10Stabilità/sicurezza sul lavoro 311 5 8.54 1.60 1 8 9 10 10Coerenza con studi fatti 309 7 7.83 2.02 1 7 8 9 10Utilizzo delle competenze acquisite 309 7 8.00 1.92 1 7 8 10 10Acquisizione di professionalità 307 9 8.59 1.40 1 8 9 10 10Rispondenza ai propri interessi culturali 308 8 8.16 1.76 1 7 8 10 10Indipendenza e autonomia sul lavoro 307 9 7.78 1.79 1 7 8 9 10Coinvolgimento nei processi decisionali 308 8 7.68 1.76 1 7 8 9 10Flessibilità dell’orario di lavoro 309 7 7.08 2.20 1 6 7 9 10Tempo libero 308 8 6.74 2.10 1 6 7 8 10Localizzazione sede di lavoro 307 9 6.39 2.49 1 5 7 8 10Rapporti coi colleghi 307 9 7.34 2.09 1 6 8 9 10Riconoscimento del titolo di Dottore di Ricerca 310 6 7.52 2.43 1 6 8 10 10 106
    • 4.4 Chi non ha mai lavorato dopo il conseguimento del titolo: coorti 2003 e 20084.4.1 La ricerca del primo lavoroLa maggior parte dei dottori che non hanno mai lavorato dopo il conseguimento del titolo di dottoredi ricerca ha dichiarato (Tabella 4.50) di essere attualmente alla ricerca di un lavoro (81,1%).Il tipo di lavoro cercato è stato in prevalenza ( Tabella 4.51) quello di ricercatore o docente universitario (50,5%) ma quasi un terzo deidottori ha dichiarato di non avere preferenze (29,5%). Gli aspetti ritenuti più importanti nella ricerca del lavoro sono stati (Tabella 4.52) lastabilità/sicurezza sul lavoro (mediana: 9; asimmetria: -0,72; curtosi: -0,27), l’utilizzo dellecompetenze acquisite (mediana: 9; asimmetria: -0,71; curtosi: -0,25), l’acquisizione diprofessionalità (mediana: 9; asimmetria: -1,52; curtosi: +3,60), la coerenza con gli studi fatti(mediana: 9; asimmetria: -0,55; curtosi: -0,92), la rispondenza ai propri interessi culturali (mediana:9; asimmetria: -0,66; curtosi: -0,62) ed il riconoscimento del titolo di dottore di ricerca (mediana: 9;asimmetria: -1,29; curtosi: +1,48). 107
    • Tabella 4.50 - Lei attualmente cerca lavoro? 2003 2008 Totale % % % N % cum N % cum N % cumSì 4 57,1 57,1 99 81,1 81,1 103 79,8 79,8No 3 42,9 100,0 23 18,9 100,0 26 20,2 100,0Totale validi 7 100,0 122 100,0 129 100,0MancantiTotale assolutoTabella 4.51 - Quale tipo di lavoro cercava? 2003 2008 Totale % % % N % cum N % cum N % cumDirigente 0 0,0 0,0 2 2,1 2,1 2 2,0 2,0Direttivo/Quadro 0 0,0 0,0 3 3,2 5,3 3 3,0 5,1Impiegato o intermedio 0 0,0 0,0 1 1,1 6,3 1 1,0 6,1Ricercatore o Docente universitario 4 100,0 100,0 48 50,5 56,8 52 52,5 58,6Ricercatore settore pubblico non universitario 0 0,0 0,0 6 6,3 63,2 6 6,1 64,6Docente Scuole Medie (Inferiori o Superiori) 0 0,0 0,0 5 5,3 68,4 5 5,1 69,7Lavoro autonomo 0 0,0 0,0 2 2,1 70,5 2 2,0 71,7Libero professionista (iscritto albo) 0 0,0 0,0 0 0,0 70,5 0 0,0 71,7Non ha preferenze 0 0,0 0,0 28 29,5 100,0 28 28,3 100,0Totale validi 4 100,0 95 100,0 99 100,0Mancanti 0 4 4Totale assoluto 4 99 103 108
    • Tabella 4.52 - Su una scala da 1 a 10 (dove 1 = per niente e 10 = moltissimo) quanto sono importanti per Lei i seguenti aspetti nella ricerca di un lavoro? 2008 Asimmetria Quartile 1 Quartile 3 Mancanti Mediana Curtosi Media Mode SQM NProspettive di guadagno 99 0 6,90 7 8 2,02 -0,57 0,25 6 8Possibilità di carriera 99 0 7,42 8 8 2,15 -0,82 0,35 6 9Stabilità/sicurezza sul lavoro 97 2 8,49 9 10 1,53 -0,72 -0,27 7,5 10Coerenza con studi fatti 99 0 8,30 9 10 1,63 -0,55 -0,92 7 10Utilizzo delle competenze acquisite 99 0 8,54 9 10 1,43 -0,71 -0,25 8 10Acquisizione di professionalità 99 0 8,52 9 10 1,62 -1,52 3,60 8 10Rispondenza ai propri interessi culturali 99 0 8,51 9 10 1,49 -0,66 -0,62 7 10Indipendenza e autonomia sul lavoro 99 0 7,91 8 8 1,49 -0,20 -0,77 7 9Coinvolgimento nei processi decisionali 99 0 7,46 8 8 1,82 -0,17 -0,99 6 9Flessibilità dell’orario di lavoro 99 0 7,22 7 7 1,99 -0,71 0,68 6 9Tempo libero 99 0 6,78 7 7 2,27 -0,70 0,25 5 8Localizzazione sede di lavoro 99 0 6,60 7 8 2,64 -0,73 -0,42 5 8Rapporti coi colleghi 98 1 7,51 8 8 2,14 -1,48 2,31 7 9Riconoscimento del titolo di Dottore di Ricerca 98 1 8,19 9 10 2,07 -1,29 1,48 7 104.4.2 I motivi della non ricercaLa maggior parte dei dottori che non hanno cercato lavoro lo hanno fatto (Tabella 4.53) per motividi studio o di formazione post-dottorato (56,5%) o per motivi personali (casalinga/o, maternità,assistenza figli o parenti, problemi di salute, pensione, ecc.) (21,7%). Il rimanente non hanno cercato lavoro perché in preparazione ad un concorso pubblico(8,7%), perché in attesa di avviare un’attività in proprio (8,7%) o perché in attesa di chiamata dopoaver superato prova / concorso / selezione (4,3%).Tabella 4.53 - Per quale motivo non cerca lavoro? 2003 2008 Totale % % % N % cum N % cum N % cumMotivi di studio o di formazione post-dottorato 1 33,3 33,3 13 56,5 56,5 14 53,8 53,8Preparazione ad un concorso pubblico 1 33,3 66,7 2 8,7 65,2 3 11,5 65,4Servizio civile nazionale volontario 0 0,0 66,7 0 0,0 65,2 0 0,0 65,4In attesa di chiamata dopo aver superato prova / concorso 0 0,0 66,7 1 4,3 69,6 1 3,8 69,2In attesa di avviare unattività in proprio 0 0,0 66,7 2 8,7 78,3 2 7,7 76,9Motivi personali (casalinga/o, maternità, ecc.) 0 0,0 66,7 5 21,7 100,0 5 19,2 96,2Mancanza di opportunità di lavoro 0 0,0 66,7 0 0,0 100,0 0 0,0 96,2Altri motivi 1 33,3 100,0 0 0,0 100,0 1 3,8 100,0Totale validi 3 100,0 23 100,0 26 100,0Mancanti 0 0 0Totale assoluto 3 23 26 109
    • 4.5 Condizione occupazionale della coorte 1998In Italia sono 2803 dottori di ricerca che hanno conseguito il titolo nel 1998. A causa delle carenzenegli archivi amministrativi solo 673 nominativi contattabili sono stati ottenuti dagli atenei e diquesti 126 hanno compilato il questionario (18,7%). Tra i contattabili gran parte delle mancaterisposte sono dovute all’obsolescenza delle informazioni per il contatto (e-mail, numero ditelefono). In definitiva, la frazione di campionamento sulla popolazione è del 4,5%. In unasituazione come questa il campione non può essere utilizzato per trarre conclusioni inferenziali sullapopolazione. Inoltre, la dimensione campionaria è modesta anche in termini assoluti e preclude lapossibilità di effettuare analisi significative in domini quali l’area scientifica del dottorato. L’analisidei dati relativi ai dottori 1998 è stata pertanto effettuata con modalità diverse da quelle per i dottori2003 e 2008. In questa sezione riportiamo gli spogli solo per le domande sottoposte ad un congruonumero di dottori, ad esempio sono escluse tutte le domande dei blocchi relativi a coloro cheattualmente non lavorano (4 dottori nel blocco B e 1 dottore nel blocco C), così come le domanderelative ai 21 dottori che lavorano nel privato. Il campione dei dottori 1998 utilizzato per l’analisi descrittiva è costituito da 124 unità (2dottori sono stati esclusi perché risultati fuori coorte in base all’anno di nascita e all’anno diconsegna della tesi). Le femmine prevalgono di poco (53,2%). La condizione occupazionaleanalizzata in dettaglio si riferisce al momento dell’intervista e quindi a circa 12 anni dalconseguimento del titolo. La Tabella 4.54 riporta il motivo principale di iscrizione al dottorato: quasi la metà per fareattività di ricerca e circa un quinto per interesse nei confronti della carriera accademica (quote nonmolto diverse da quelle dei dottori 2003 e 2008). Per quanto riguarda la titolarità di borsa di studio, il 91,1% dei dottori ha goduto di borsa distudio durante il dottorato (Tabella 4.55), quota che è andata a diminuire nelle coorti successive(81,8% nel 2003, 69,6% nel 2008). L’84,8% dei dottori di ricerca si iscriverebbe di nuovo ad un corso di dottorato (Tabella 4.56),in particolare il 59,3% si iscriverebbe allo stesso corso nella stessa sede (valori vicini a quelli dellecoorti 2003 e 2008).Tabella 4.54 - Qual è il motivo principale per cui ha deciso di iscriversi al Corso di Dottorato in cui ha conseguito il titolo? (coorte 1998) N %Per completare/arricchire la mia formazione 10 8,3Per conseguire un titolo dal più alto potere professionalizzante 9 7,4Interesse per lo studio 18 14,9Per fare attività di ricerca 57 47,1Per l’interesse nei confronti di una futura carriera accademica 24 19,8Altro 3 2,5Totale 121 100,0 110
    • Tabella 4.55 – Titolarità di borsa durante il Dottorato in cui ha conseguito il titolo (coorte 1998) N %Un posto con borsa finanziata dallUniversità/MIUR 103 83,1Un posto con borsa finanziata da enti pubblici 6 4,8Un posto con borsa finanziata da enti privati 4 3,2Un posto senza borsa ma coperto da assegno di ricerca 2 1,6Un posto senza borsa e non coperto da assegno di ricerca 6 4,8Altro 3 2,4Totale 124 100,0Tabella 4.56 – Se potesse tornare indietro, si iscriverebbe di nuovo ad un Corso di Dottorato? (coorte 1998) N %Sì, allo stesso Corso nella stessa sede universitaria 70 59,3Sì, allo stesso Corso ma in altra sede universitaria 12 10,2Sì ma ad altro Corso 18 15,3No 18 15,3Totale 118 100,0Tabella 4.57 – Sintesi dei giudizi su scala 1-10 relativi ad alcuni aspetti del dottorato frequentato (coorte 1998) N Media SQM % suffContenuto degli insegnamenti 122 5.97 2.62 64.8Qualità della didattica del personale docente 122 6.36 2.76 69.7Qualità scientifica di professori/ricercatori 122 7.56 2.13 85.3Sviluppo / addestramento della capacità di fare ricerca 123 6.98 2.33 79.7Possibilità di pubblicare (articoli, volumi, …) 123 6.57 2.53 70.7 La Tabella 4.57 sintetizza i giudizi espressi dai dottori 1998 su alcuni aspetti del dottoratofrequentato. Gli aspetti meno soddisfacenti sono quelli relativi alla didattica: il giudizio sulcontenuto degli insegnamenti è appena sufficiente (media = 5,97; percentuale di sufficienti =64,8%) e di poco superiore è quello sulla qualità della didattica (media = 6,36; percentuale disufficienti = 69,7%). Gli aspetti relativi all’attività di ricerca sono migliori, in particolare losviluppo della capacità di fare ricerca riceve in media 6,98 con 79,7% di giudizi sufficienti. Ilgiudizio più elevato riguarda la qualità scientifica di professori/ricercatori (media = 7,56;percentuale di sufficienti = 85,3%). La discrepanza tra i giudizi sulla qualità del personale e quellisulla qualità del dottorato lasciano supporre l’esistenza di carenze organizzative. I giudizi mediespressi dai dottori 1998 sono praticamente identici a quelli espressi dai dottori 2003, mentre idottori 2008 danno valutazioni inferiori in media di 0,25 punti: pertanto, la riduzione della qualitàpercepita dei dottorati sembra essere avvenuta a partire dal 2003. 111
    • Il 44,1% dei dottori di ricerca ha compiuto un periodo di studio all’estero (Tabella 4.58),mentre quasi la metà dei dottori ha svolto un’attività lavorativa durante il dottorato (Tabella 4.59),frazione simile a quella della coorte 2003, poi cresciuta al 58,4% nella coorte 2008. Il 35,5% deidottori lavorava al momento del conseguimento del titolo (Tabella 4.60), percentuale che è andata asalire negli anni successivi (46,7% nella coorte 2008).Tabella 4.58 – Durante il Corso di Dottorato ha compiuto periodi di studio allestero? (coorte 1998) N %Sì 52 44,1No 66 55,9Totale 118 100,0Tabella 4.59 – Durante il Corso di Dottorato ha svolto una qualche attività lavorativa (inclusi co.co.co. e co.co.pro.)? (coorte 1998) % N % cumSì, attività attinente allattività di ricerca del dottorato 33 26,6 26,6Sì, attività non attinente allattività di ricerca del dotto 28 22,6 49,2No 63 50,8 100,0Totale 124 100,0Tabella 4.60 – Lei lavorava al momento del conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca? (coorte 1998) N %Sì 44 35,5No 80 64,5Totale 124 100,0 La Tabella 4.61 riporta la condizione occupazionale dei dottori di ricerca 1998 a 1 anno, a 5anni e attuale (al momento dell’intervista e quindi a circa 12 anni dal conseguimento del titolo). Almomento dell’intervista quasi tutti i dottori risultano occupati, in particolare l’88,6% svolge unlavoro a tempo indeterminato (inclusi gli autonomi) e il 6,5% svolge un lavoro con contratto atempo determinato. La condizione prevalente di lavoro a tempo indeterminato viene raggiuntaprogressivamente: era 28,5% a 1 anno e 65,6% a 5 anni. Si noti che a 1 anno la condizioneprevalente era quella di assegnista/borsista (42,3%). La convergenza verso il lavoro a tempoindeterminato è simile a quella registrata per la coorte 2003, mentre la coorte 2008 mostra segni dirallentamento (a circa 2 anni dal conseguimento del titolo il 26,9% dei dottori ha un lavoro a tempoindeterminato). 112
    • Tabella 4.61 - Condizione occupazionale a 1 anno, a 5 anni e attuale (coorte 1998) 1 anno 5 anni attuale N % N % N %Lavoro con assegno di ricerca, borsa post-doc o altra borsa 52 42,3 20 16,4 1 0,8Lavoro con altra forma contrattuale a tempo determinato 19 15,5 15 12,3 8 6,5Lavoro a tempo indeterminato / autonomo effettivo 35 28,5 80 65,6 109 88,6Attività di formazione post-dottorato retribuita 5 4,1 3 2,5 0 0,0Attività di formazione post-dottorato non retribuita 2 1,6 0 0,0 0 0,0Periodo di studio in preparazione a concorsi pubblici/esame 3 2,4 2 1,6 0 0,0Ricerca di un lavoro 5 4,1 0 0,0 2 1,6Altra condizione di inattività (non lavora e non cerca lavoro) 1 0,8 1 0,8 1 0,8Altro 1 0,8 1 0,8 2 1,6Totale 123 100,0 122 100,0 123 100,0Tabella 4.62 - Principali percorsi occupazionali (numerosità ≥10): condizione a 1 anno, a 5 anni e attuale (coorte 1998)Percorso* N % % cum3 3 3 34 27,9 27,91 3 3 27 22,1 50,01 1 3 12 9,8 59,82 3 3 11 9,0 68,9Tutti gli altri percorsi 38 31,1 100,0Totale 122 100,0* Codifica dei percorsi: 1: Lavoro con assegno di ricerca, borsa post-doc o altra borsa 2: Lavoro con altra forma contrattuale a tempo determinato 3: Lavoro a tempo indeterminato / autonomo effettivo La Tabella 4.62 riporta i percorsi occupazionali più comuni (seguiti da almeno 10 dottori) neitre momenti in esame (1 anno, 5 anni, intervista). Il percorso più comune (27,9%) è quello deidottori che già ad un anno svolgono un lavoro a tempo indeterminato e lo mantengonosuccessivamente. Il secondo percorso (22,1%) è quello dei dottori che ad un anno sonoassegnisti/borsisti e a cinque anni conquistano un lavoro a tempo indeterminato e lo mantengonosuccessivamente. Il terzo percorso (9,8%) è quello dei dottori che sono assegnisti/borsisti sia ad unanno che a cinque anni e conquistano successivamente un lavoro a tempo indeterminato. Consideriamo adesso in dettaglio la condizione occupazionale attuale dei 117 dottori diricerca del 1998 che all’intervista risultano occupati ed hanno risposto alle domande del blocco A. Il66,4% degli occupati all’intervista non era occupato al titolo, il 20,4% era occupato ma ha cambiatolavoro, il 13,3% ha mantenuto lo stesso lavoro (Nel 49,6% dei casi il lavoro attuale coincide con ilprimo lavoro svolto dopo il titolo (Tabella 4.64, da cui sono esclusi coloro che hanno mantenuto illavoro che avevano al titolo). Pertanto, le scelte di breve periodo sembrano esercitare una notevoleinfluenza sul destino occupazionale nel lungo periodo. Per coloro che hanno trovato il lavoro attuale dopo il conseguimento del titolo, il canaleutilizzato (Tabella 4.65) è stato in larga misura quello dei concorsi pubblici (62,8%). 113
    • La maggior parte dei dottori 1998 (88,9%) lavora come dipendente (Tabella 4.66),analogamente a quanto accade per le coorti successive. La Tabella 4.67 riporta il tipo di contratto, che è in gran parte a tempo indeterminato, nellemodalità a tempo pieno (85,6%) e part-time (4,8%). Tabella 4.63). Nella coorte 2008 la storia occupazionale appare diversa: la percentuale di nonoccupati al titolo scende al 49,4%, mentre la percentuale di coloro che svolgono lo stesso lavorosale al 35,0%. Naturalmente, i dottori 2008 hanno avuto meno anni a disposizione per tentare dicambiare lavoro, ma è verosimile che nel lungo periodo la percentuale di coloro che svolgono lostesso lavoro sarà ben al di sopra di quella dei dottori 1998. Nel 49,6% dei casi il lavoro attuale coincide con il primo lavoro svolto dopo il titolo (Tabella4.64, da cui sono esclusi coloro che hanno mantenuto il lavoro che avevano al titolo). Pertanto, lescelte di breve periodo sembrano esercitare una notevole influenza sul destino occupazionale nellungo periodo. Per coloro che hanno trovato il lavoro attuale dopo il conseguimento del titolo, il canaleutilizzato (Tabella 4.65) è stato in larga misura quello dei concorsi pubblici (62,8%). La maggior parte dei dottori 1998 (88,9%) lavora come dipendente (Tabella 4.66),analogamente a quanto accade per le coorti successive. La Tabella 4.67 riporta il tipo di contratto, che è in gran parte a tempo indeterminato, nellemodalità a tempo pieno (85,6%) e part-time (4,8%).Tabella 4.63 – Storia occupazionale dei dottori di ricerca che attualmente lavorano (coorte 1998) N %Non occupato al titolo 75 66,4Occupato al titolo, ora lavoro diverso 23 20,4Occupato al titolo, ora stesso lavoro 15 13,3Totale 113 100,0Tabella 4.64 – Il suo lavoro attuale coincide con il primo lavoro iniziato dopo il conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca? (coorte 1998) N %Sì 46 46,9No 52 53,1Totale 98 100,0 114
    • Tabella 4.65 – In base a quale canale ha trovato l’attuale lavoro? (coorte 1998) N %Lettura di offerte impiego sui giornali 3 3,2Risposta a inviti a partecipare a colloqui da parte di aziende 2 2,1Contatti con datori di lavoro su segnalazione università/docenti 3 3,2Contatti con datori di lavoro su iniziativa personale o altra iniziativa 8 8,5Domande o partecipazione a concorsi pubblici 59 62,8Proseguendo unattività familiare già esistente 0 0,0Domande a provveditorati o presidi di insegnamento 3 3,2Tramite siti internet e/o motori di ricerca 2 2,1Altro 14 14,9Totale 94 100,0Tabella 4.66 – Il suo attuale lavoro è di tipo autonomo o dipendente? (coorte 1998) N %Autonomo 13 11,1Dipendente (inclusi contratti collaborazione) 104 88,9Totale 117 100,0Tabella 4.67 – Tipo di contratto dei dottori occupati come dipendenti (coorte 1998) N %Tempo pieno e indeterminato 89 85,6Part-time, tempo indeterminato 5 4,8Tempo pieno, a termine 3 2,9Part-time, a termine 0 0,0Collaborazione coordinata e continuativa 1 1,0Collaborazione a progetto 2 1,9Collaborazione occasionale 0 0,0Prestazione dopera 0 0,0Assegno di ricerca o borsa di studio 1 1,0Non è regolato da contratto 2 1,9Altro 1 1,0Totale 104 100,0Tabella 4.68 – Ha fatto avanzamenti di carriera nell’ambito del lavoro attualmente svolto? (coorte 1998) N %Sì 42 44,7No 52 55,3Totale 94 100,0 115
    • Avanzamenti di carriera sono stati compiuti dal 44,7% dei dipendenti (Tabella 4.68). Talepercentuale è nettamente maggiore di quella rilevata per le coorti 2003 e 2008 (rispettivamente23,6% e 20,1%). Il 60,6% dei dottori occupati come dipendenti lavora nell’università (Tabella 4.69),prevalentemente come ricercatore di ruolo (39,4%) o come professore associato (18,3%). Uno sucinque lavora nel privato, ma solo uno su cento come ricercatore, gli altri sono in prevalenzadirettivi o quadri. I docenti della scuola sono 1,0% (inferiore) e 10,6% (superiore). Rispetto allecoorti successive, la coorte 1998 ha più occupati nell’università e meno nel privato. Tuttavia, il datorelativo alla coorte 1998 va interpretato con cautela poiché verosimilmente gli universitari sonosovra-rappresentati nel campione in quanto a dodici anni di distanza sono più facilmente reperibilidegli altri.Tabella 4.69 – Profilo giuridico dei dottori occupati come dipendenti (coorte 1998) N %Dirigente 4 3,9Direttivo/quadro 13 12,5Impiegato o intermedio 3 2,9Ricercatore nel settore privato 1 1,0Assegnista/borsista 1 1,0Ricercatore universitario a tempo determinato 1 1,0Ricercatore universitario di ruolo 41 39,4Professore universitario associato 19 18,3Professore universitario ordinario 1 1,0Ricercatore (settore pubblico non universitario) 2 1,9Primo ricercatore (settore pubblico non universitario) 2 1,9Dirigente di ricerca (settore pubblico non universitario) 0 0,0Docente alle scuole medie inferiori 1 1,0Docente alle scuole medie superiori 11 10,6Altro 4 3,9Totale 104 100,0Tabella 4.70 – Ateneo di appartenenza dei dottori occupati come universitari (coorte 1998) N % % cumNello stesso Ateneo in cui ha svolto il dottorato 35 57,4 57,4In un Ateneo diverso ma nella stessa regione 8 13,1 70,5In un Ateneo diverso di altra regione italiana 15 24,6 95,1Allestero 3 4,9 100,0Totale 61 100,0 Tra i dottori di ricerca che lavorano nell’università, il 57,4% lavora nello stesso ateneo in cuiha svolto il dottorato (Tabella 4.70). Tale quota sale di qualche punto percentuale nelle coorti 116
    • successive (60,1% e 64,4%), ma ciò non pare indicare una variazione del fenomeno della mobilitàperché è spiegabile dal maggior peso degli assegnisti/borsisti (i quali lavorano nello stesso ateneopiù frequentemente degli strutturati). Ai dottori che lavorano nel settore della ricerca (che è prevalentemente svolta nell’università)è stato chiesto di indicare il numero di pubblicazioni e la partecipazione a progetti di ricerca (Per lepubblicazioni su riviste internazionali, ovvero la categoria più numerosa, possiamo studiare lacrescita temporale del numero medio di pubblicazioni unendo le informazioni tratte dalle tre coortidisponibili (Tabella 4.72). I tassi di crescita riportati in tabella sono calcolati come se si disponessedi un’unica coorte seguita nel tempo e si basano pertanto sull’ipotesi che non vi sia un effetto dicoorte (calendario). Il numero medio di pubblicazioni su riviste internazionali cresce ad un ritmo dicirca 2 all’anno nei primi sette anni dal conseguimento del titolo, mentre nei successivi cinque annivi è un rallentamento, con un tasso di circa 1 pubblicazione all’anno. Verosimilmente questa “crisidel settimo anno” è in parte attribuibile ad un effetto di coorte, poiché ai dottori 1998 per l’accessoalla carriera universitaria era richiesta un’intensità di pubblicazione su rivista inferiore a quella deidottori successivi. Tabella 4.71). Alcune distribuzioni presentano una forte asimmetria positiva, per cui oltre allamedia è stata riportata la mediana. In particolare, le pubblicazioni su riviste scientifiche a diffusionenazionale hanno una media di 12,0 e una mediana di 5,5. Per le riviste a diffusione internazionale lamedia è 18,6 e la mediana 11. Le monografie sono in numero limitato e prevalgono quellepubblicata da editore nazionale. Ogni dottore ha partecipato in media a circa 7 progetti di ricerca(con prevalenza di quelli nazionali). Per le pubblicazioni su riviste internazionali, ovvero la categoria più numerosa, possiamostudiare la crescita temporale del numero medio di pubblicazioni unendo le informazioni tratte dalletre coorti disponibili (Tabella 4.72). I tassi di crescita riportati in tabella sono calcolati come se sidisponesse di un’unica coorte seguita nel tempo e si basano pertanto sull’ipotesi che non vi sia uneffetto di coorte (calendario). Il numero medio di pubblicazioni su riviste internazionali cresce adun ritmo di circa 2 all’anno nei primi sette anni dal conseguimento del titolo, mentre nei successivicinque anni vi è un rallentamento, con un tasso di circa 1 pubblicazione all’anno. Verosimilmentequesta “crisi del settimo anno” è in parte attribuibile ad un effetto di coorte, poiché ai dottori 1998per l’accesso alla carriera universitaria era richiesta un’intensità di pubblicazione su rivista inferiorea quella dei dottori successivi. 117
    • Tabella 4.71 – Pubblicazioni e partecipazione a progetti di ricerca (coorte 1998) N Media SQM Mediana Min MaxIndichi il numero di lavori da Lei pubblicati su 58 12,0 15,3 5,5 0 84riviste Scientifiche a diffusione nazionaleIndichi il numero delle Sue monografie 55 2,0 4,8 1 0 35pubblicate da editore nazionaleIndichi il numero di lavori da Lei pubblicati su 59 18,6 19,9 11 0 84riviste Scientifiche a diffusione internazionaleIndichi il numero delle Sue monografie 51 1,1 2,9 0 0 15pubblicate da editore internazionaleA quanti progetti di ricerca nazionali ha 59 4,4 3,8 3 0 18partecipatoA quanti progetti di ricerca internazionali (cioèfinanziati da enti pubblici europei o comunque 56 2,7 4,5 1,5 0 30non italiani) ha partecipatoTabella 4.72 – Numero medio di pubblicazioni su riviste internazionali per le coorti 1998, 2003 e 2008 e calcolo dei tassi medi di crescita Numero Tasso Tasso Tasso medio di medio di medio di medio di Anni dal Coorte pubblicazioni crescita crescita crescita titolo su riviste da 0 a 2 da 2 a 7 da 7 a 12 internazionali anni anni anni 2008 2 3,92 1,96 2003 7 13,39 1,89 1998 12 18,63 1,05 I dottori che lavorano nel settore della ricerca tipicamente svolgono un’attività coerente con laformazione acquisita durante il dottorato (Tabella 4.73), il 71,2% pienamente e il 24,2%parzialmente. 118
    • Concludiamo l’analisi dei dati relativi ai dottori 1998 con le domande dell’ultima parte delblocco A del questionario, che sono rivolte a tutti i dottori occupati al momento dell’intervista. LaTabella 4.74 mostra che l’87,4% dei dottori lavora prevalentemente in Italia (percentuale simile aquella registrata nelle coorti successive).Tabella 4.73 – Le attività di ricerca svolte nella posizione attuale sono coerenti con la formazione acquisita nel Corso di Dottorato in cui ha conseguito il titolo? (coorte 1998) N % % cumPienamente coerente 47 71,2 71,2Parzialmente coerente 16 24,2 95,5Non coerente 3 4,6 100,0Totale 66 100,0Tabella 4.74 – Nazione in cui viene prevalentemente svolto il lavoro attuale (coorte 1998) N %In Italia 97 87,4Allestero 7 6,3In parte in Italia e in parte allestero 7 6,3Totale 111 100,0 Il 50,5% dei dottori di ricerca 1998 ritiene che la formazione ricevuta durante il corso didottorato sia fondamentale per le mansioni attualmente svolte (Tabella 4.75), mentre il 30,8%ritiene che sia utile per l’approccio al lavoro ma non ne fa un uso specifico. Le coorti successiveoffrono un quadro peggiore poiché la percentuale di dottori che rispondono “Fondamentale” èintorno al 40%. Tale riduzione è in parte dovuta al fatto che i campioni 2003 e 2008 hanno unaminore quota di occupati nel settore in cui più si usano le competenze acquisite, cioè l’ università(intorno al 50% contro 60,6% nel campione 1998).Tabella 4.75 – Quanto le è utile sul lavoro la formazione ricevuta durante il corso di dottorato? (coorte 1998) N % % cum È fondamentale per le mansioni che svolgo 54 50,5 50,5 È utile per il mio approccio al lavoro, anche 33 30,8 81,3 se non ne faccio un uso specifico Ne faccio un uso piuttosto limitato 16 15,0 96,3 Non ne faccio alcun uso 4 3,7 100,0 Totale 107 100,0 119
    • Tabella 4.76 – Oltre allattività principale Lei svolge un’altra attività retribuita? (coorte 1998) N %Sì 19 18,1No 86 81,9Totale 105 100,0Tabella 4.77 – Reddito mensile netto medio percepito (coorte 1998) N % % cumMeno di € 500 1 1,0 1,0€ 500 - € 1000 3 3,0 4,0€ 1001 - € 1500 16 15,8 19,8€ 1501 - € 2000 34 33,7 53,5€ 2001 - € 2500 23 22,8 76,2€ 2501 - € 3000 11 10,9 87,1€ 3001 - € 3500 7 6,9 94,1€ 3501 - € 4000 1 1,0 95,1€ 4001 - € 6000 5 5,0 100,0Oltre € 6000 0 0,0 100,0Totale 101 100,0 Il 18,1% dei dottori svolge, oltre all’attività principale, un’altra attività retribuita (Tabella4.76), valore intermedio rispetto a quelli rilevati nelle coorti successive. Il reddito mensile nettopercepito dai dottori è riportato in Tabella 4.77. La classe 1501–2000 euro è sia la classe modaleche la classe mediana. Circa l’80% guadagna più di 1500 euro mensili. Usando i valori centralidelle classi, il reddito medio è 2133 euro. Nelle coorti successive il reddito è decisamente inferiore:ad esempio, i dottori che guadagnano più di 1500 euro mensili sono il 62,8% nella coorte 2003 e il39,0% nella coorte 2008, mentre il reddito medio è 1855 nella coorte 2003 e 1585 nella coorte2008. Sulla base del reddito medio delle tre coorti e trascurando l’effetto di calendario (cioèoperando come per calcolare i tassi riportati in Tabella 4.72) si ottiene che il reddito medio mensilecresce ad un tasso di 54 euro l’anno tra il 3° e il 7° anno dal conseguimento del titolo e ad un tassodi 56 euro l’anno tra l’8° e il 12° anno. La Tabella 4.78 sintetizza i giudizi su scala 1-10 espressi dai dottori 1998 in merito ad alcuniaspetti del lavoro attuale. Gli aspetti critici sono le prospettive di guadagno (media = 4,88), lapossibilità di carriera (4,69) e il livello di retribuzione attuale (5,61). Gli aspetti migliori sonoinvece la rispondenza ai propri interessi culturali (8,48), l’indipendenza e autonomia sul lavoro(8,35) e l’acquisizione di professionalità (8,14). Anche la coerenza con studi fatti riceve in mediauna buona valutazione (8,07). Considerando le coorti 1998, 2003 e 2008 si osserva una riduzione della soddisfazionecomplessiva (7,33 7,11 6,75). I giudizi sugli aspetti legati alla retribuzione e alla carrieravariano di poco, mentre la stabilità/sicurezza sul lavoro mostra il trend più negativo (7,43 6,53 4,72). Questo andamento rispecchia quello della quota di occupati con contratto a tempoindeterminato (90.4 71.2 29.6). 120
    • Infine, è importante rilevare come gran parte dei dottori 1998 abbia raggiunto una stabilità nellavoro (Tabella 4.79). Infatti, solo il 7,5% degli occupati ha dichiarato di aver cercato lavoro negliultimi tre mesi, contro il 16,8% della coorte 2003 e il 26,3% della coorte 2008.Tabella 4.78 – Sintesi dei giudizi su scala 1-10 relativi ad alcuni aspetti del lavoro attuale (coorte 1998) N Media SQMLivello di retribuzione attuale 114 5,61 2,26Prospettive di guadagno 113 4,88 2,48Possibilità di carriera 114 4,69 2,63Stabilità/sicurezza sul lavoro 114 7,43 2,32Coerenza con studi fatti 114 8,07 2,24Utilizzo delle competenze acquisite 114 7,98 2,19Acquisizione di professionalità 113 8,14 1,77Rispondenza ai propri interessi culturali 112 8,48 1,57Indipendenza e autonomia sul lavoro 113 8,35 1,68Coinvolgimento nei processi decisionali 113 6,83 2,34Flessibilità dell’orario di lavoro 113 8,09 2,07Tempo libero 112 6,21 2,31Localizzazione sede di lavoro 112 7,70 2,10Rapporti coi colleghi 112 7,80 1,80Rispetto alle aspettative iniziali 112 6,91 2,26Rispetto alle mansioni svolte 112 7,28 2,04Rispetto al titolo di Dottore di Ricerca 112 6,78 2,75E nel suo complesso 112 7,33 1,62Tabella 4.79 – Negli ultimi tre mesi Lei ha cercato attivamente lavoro? (coorte 1998) N %Sì 8 7,5No 99 92,5Totale 107 100,0 121
    • 122
    • 5 L’utilizzo della formazione ricevutaIntroduzioneQuesta parte del rapporto è dedicata ad un approfondimento relativo al grado di utilizzo dellaformazione ricevuta durante per il dottorato per l’attività lavorativa attualmente svolta. Il grado diutilizzo è valutato dal rispondente tramite la domanda A29 che riportiamo di seguito: Domanda A29: Quanto le è utile sul lavoro la formazione ricevuta durante il corso di dottorato? È fondamentale per le mansioni che svolgo È utile per il mio approccio al lavoro, anche se non ne faccio un uso specifico Ne faccio un uso piuttosto limitato Non ne faccio alcun uso L’obiettivo dell’analisi è di studiare la relazione tra l’utilizzo e le caratteristiche del dottoratofrequentato e le scelte del dottorando in merito a formazione e lavoro. L’analisi si basa su tabelledescrittive e su modelli di regressione per risposta ordinale (la risposta è l’utilizzo nella scala aquattro modalità della domanda A29) o risposta binaria (utilizza sì o no, dopo un opportunoaccorpamento delle modalità). I modelli utilizzati includono anche effetti casuali per i dottorati, cioèsi tratta di modelli multilivello in cui le unità di livello 1 sono i rispondenti e le unità di livello 2sono i dottorati. L’analisi si riferisce a coloro che hanno ottenuto il titolo di dottore nell’anno 2008.Considerando gli intervistati che hanno risposto ad almeno uno dei blocchi A, B e C delquestionario, i dottori 2008 rispondenti sono 4152, di cui 3484 (83.9%) hanno dichiarato di essereattualmente occupati. Nella prima parte dell’analisi consideriamo una classificazione dei dottoratinelle 7 macro-aree riportate in Tabella 5.1, mentre nella seconda parte approfondiamo l’esame delledifferenze usando una classificazione a 23 aree. Il tasso di occupazione presenta una certa variabilità tra le macro-aree disciplinari deidottorati, come evidenziato dalla Tabella 5.1: il tasso oscilla tra il 78% dell’area E (umanistica) e il92% dell’area A (matematica e fisica). Per 234 lavoratori non è nota l’area perché la denominazione del dottorato non era presentenei dati forniti dagli atenei. Ai fini dell’analisi tali record vengono eliminati, così come altri 214record relativi a lavoratori che non hanno risposto alla domanda A29 sull’utilizzo della formazione.Il dataset per l’analisi risulta dunque composto da 3036 dottori. 123
    • Tabella 5.1 – Dottori 2008 occupati e percentuale di occupati per macro-area del dottorato Numero Tasso di Area Discipline occupati occupaz. A Scienze matematiche e informatiche + Scienze fisiche 257 92,1% B Scienze chimiche + Scienze della Terra 319 87,9% C Scienze biologiche + Scienze mediche + Scienze agrarie e 1032 84,7% veterinarie D Ingegneria civile ed Architettura + Ingegneria industriale e 582 88,0% dellinformazione E Scienze dellantichità, filologico-letterarie e storico-artistiche + 554 78,0% Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche F Scienze giuridiche 188 79,0% G Scienze economiche e statistiche + Scienze politiche e sociali 318 88,6%5.1 Analisi descrittivaLa maggioranza dei dottori occupati (39,7%) dichiara che la formazione ricevuta durante ildottorato è fondamentale, mentre una percentuale poco inferiore (38,3%) dichiara un utilizzogenerico (utile per l’approccio al lavoro senza uso specifico). Coloro che ne fanno un uso limitatosono il 12,7%, mentre il 9,3% dichiara nessun uso. La distribuzione dell’utilizzo della formazione dipende in primo luogo dalla storiaoccupazionale, che sintetizziamo con una variabile a tre categorie: coloro che non erano occupati almomento del conseguimento del titolo di dottore (49,4%), coloro che erano occupati maattualmente svolgono un lavoro diverso (15,6%) e coloro che erano occupati e hanno continuato asvolgere lo stesso lavoro (35,0%). La Tabella 5.2 mostra che la percentuale di dottori per i quali la formazione è fondamentale siriduce notevolmente passando da coloro che hanno iniziato a lavorare dopo il dottorato (49,8%) acoloro che hanno mantenuto lo stesso lavoro (26,9%). Questa riduzione è in buona partecompensata dall’aumento della percentuale di quelli che fanno un uso generico della formazione,per cui la percentuale di quelli che usano la formazione in modo limitato o nullo cresce in misuramodesta (si veda anche la Figura 5.1). Pertanto, la modalità più discriminante sembra essere laquarta (“Fondamentale”). D’altra parte il fine del dottorato di ricerca è quello di fornire unaformazione altamente specializzata, che non può ritenersi raggiunto se la formazione viene usatasolo in modo generico. Per questi motivi trattiamo l’utilizzo della formazione come una variabilebinaria che indica se è o non è fondamentale. 124
    • Tabella 5.2 - Utilizzo della formazione per storia occupazionale (percentuali di colonna) Non occupato al Occupato al titolo, Occupato al titolo,Utilizzo Tutti titolo ora lavoro diverso ora stesso lavoroNessuno 7,7 11,7 10,6 9,3Limitato 10,1 16,9 14,5 12,7Generico 32,4 35,4 48,0 38,3Fondamentale 49,8 36,0 26,9 39,7Figura 5.1 - Utilizzo della formazione per storia occupazionale Non occupato al titolo 7.7 10.1 32.4 49.8 Occupato al titolo, 11.7 16.9 35.4 36.0 ora lavoro diverso Occupato al titolo, 10.6 14.5 48.0 26.9 ora stesso lavoro 0% 20% 40% 60% 80% 100% Nessuno Limitato Generico Fondamentale L’utilizzo della formazione ricevuta è diversa nelle macro-aree di dottorato. La Tabella 5.3riporta, per ogni combinazione di storia occupazionale e area del dottorato, la percentuale di dottoriche ritengono fondamentale la formazione ricevuta. Le differenze sono notevoli: si va dal 34,3%dell’area E (umanistica) al 52,8% dell’area A (matematica e fisica). In particolare, le differenzesono ampie fra coloro che hanno mantenuto lo stesso lavoro che avevano al termine del dottorato: lapercentuali più basse sono il 15,2% dell’area E, il 21,5% dell’area F (giuridica) e il 27,3% dell’areaC (bio-medica). Queste basse percentuali pesano molto sul risultato globale di queste tre areeperché si tratta di aree in cui mantenere il lavoro pregresso è tutt’altro che raro: come evidenziatodalla Tabella 5.4, nell’area E quasi la metà dei dottori mantiene il lavoro pregresso. 125
    • Tabella 5.3 – Percentuale di dottori che ritengono fondamentale la formazione ricevuta, per area del dottorato e storia occupazionale Non occupato al Occupato al titolo, Occupato al titolo, Area dottorato Tutti titolo ora lavoro diverso ora stesso lavoro A 58,1 44,0 41,8 52,8 B 44,5 35,6 37,6 41,3 C 49,0 25,2 27,3 37,2 D 49,2 39,0 29,5 40,9 E 47,2 42,9 15,2 34,3 F 56,2 33,3 21,5 37,6 G 52,0 46,3 30,6 44,0Tabella 5.4 – Storia occupazionale per area del dottorato (percentuali di riga) Non occupato al Occupato al titolo, Occupato al titolo, Area dottorato titolo ora lavoro diverso ora stesso lavoro A 66,0 10,6 23,4 B 57,1 14,9 28,1 C 47,0 14,7 38,3 D 48,5 18,7 32,8 E 45,5 16,3 38,2 F 42,2 12,1 45,7 G 49,3 18,0 32,7 Tutte 49,4 15,6 35,0 Oltre alla storia lavorativa e all’area del dottorato, l’utilizzo della formazione ricevuta dipendeda altri fattori individuali, quali lo svolgimento di un periodo all’estero, e altri fattori relativi aldottorato, quali l’addestramento a fare ricerca (valutato dagli stessi dottori). Per delineare un quadrocomplessivo è dunque opportuno utilizzare un modello di regressione in cui l’utilizzo dellaformazione è la variabile di risposta.5.2 Scelta del modello di regressione: risposta ordinale o binaria?L’utilizzo della formazione ricevuta durante il dottorato è una variabile misurata su scala ordinale aquattro modalità. Tuttavia, le frequenze relative in Figura 5.1 segnalano una difficoltà nell’usodell’intera scala poiché le due modalità principali (“fondamentale” e “generico”) appaiono in largamisura complementari. Nell’ambito dei modelli di regressione, la scelta tra la scala originale aquattro modalità e la scala binaria (“fondamentale” vs “non fondamentale”) corrisponde alla sceltatra un modello per risposta ordinale e un modello per risposta binaria. Per quanto riguarda la risposta ordinale, il modello più noto è il modello di regressionelogistica ordinale o modello a odds proporzionali (Agresti 2002): 126
    • ⎛ γ i( c ) ⎞ log ⎜ (c ) ⎟ = α c − βxi c = 1,… , C − 1 ⎝ 1− γ i ⎠dove l’indice i si riferisce all’individuo (nel caso in esame i= 1,…,3036), l’indice c si riferisce allacategoria della risposta (nel caso in esame c= 1,2,3, poiché C=4) e γ i( c ) è la probabilità cumulatafino alla categoria c, cioè la probabilità che la risposta dell’individuo i appartenga ad una categoriainferiore o uguale a c. Nella parte destra dell’equazione vi sono le intercette α c , specifiche dellecategorie, e i coefficienti di regressione β , che invece sono comuni a tutte le categorie.L’invarianza dei coefficienti di regressione tra le categorie viene detta ipotesi delle regressioniparallele e determina la proprietà di odds proporzionali che facilita notevolmente l’interpretazionedei risultati. Vedremo tra breve che nell’applicazione relativa all’utilizzo della formazione l’ipotesidi regressioni parallele non trova riscontro empirico e quindi questo semplice modello non puòessere adottato. In prima battuta il modello di regressione logistica ordinale è stato impiegato per studiarecome l’utilizzo della formazione dipenda dalla storia lavorativa, per la quale la modalità “Nonoccupato al titolo” è stata assunta come categoria di riferimento, mentre le altre due categorie sonorappresentate da due variabili dummy. La stima di massima verosimiglianza, effettuata con ilsoftware Stata 11, produce i risultati riportati in Figura 5.2. I parametri denominati /cut1, /cut2e /cut3 sono le intercette delle categorie, _Ioccup_2 è il coefficiente relativo allo stato di“Occupato al titolo, ora lavoro diverso”, mentre _Ioccup_3 è il coefficiente relativo allo stato di“Occupato al titolo, ora stesso lavoro”. I segni dei coefficienti di regressione sono nel verso attesopoiché indicano una riduzione dell’utilizzo della formazione passando dai non occupati al titolo aglioccupati al titolo. Tuttavia, il test di Brant (1990) segnala un’evidente violazione dell’ipotesi diregressioni parallele relativamente al coefficiente _Ioccup_3 (la statistica test chi quadrato vale30,98 con 2 gradi di libertà), confermando le impressioni derivate dalla Figura 5.1 sullacomplementarietà delle due modalità principali (“fondamentale” e “generico”).Figura 5.2 - Modello di regressione logistica ordinale per l’utilizzo della formazione ricevuta durante il dottoratoOrdered logistic regression Number of obs = 3036 LR chi2(2) = 114.53 Prob > chi2 = 0.0000Log likelihood = -3639.873 Pseudo R2 = 0.0155 usatit Coef. Std. Err. z P>|z| [95% Conf. Interval] _Ioccup_2 -.6163362 .0994628 -6.20 0.000 -.8112797 -.4213928 _Ioccup_3 -.7626603 .0746188 -10.22 0.000 -.9089105 -.6164102 /cut1 -2.696228 .0755372 -2.844279 -2.548178 /cut2 -1.675374 .0601293 -1.793225 -1.557523 /cut3 .0600123 .0506924 -.039343 .1593675 127
    • La violazione dell’ipotesi di regressioni parallele può essere risolta in vari modi, ad esempioescludendo dall’analisi i dottori che hanno mantenuto lo stesso lavoro (_Ioccup_3 = 1) oppureaggiungendo parametri al modello in modo da renderlo più flessibile (modello a odds parzialmenteproporzionali). Tuttavia, la prima soluzione comporta una inaccettabile perdita di informazione,mentre la seconda soluzione porta ad un modello molto complesso la cui interpretazione risultadifficile (Agresti 2002). Adottiamo quindi una terza soluzione che consiste nella trasformazionedella variabile di risposta da ordinale a binaria in modo da poter utilizzare il modello di regressionelogistica binaria, il quale non richiede ipotesi di regressioni parallele. La trasformazione da ordinalea binaria richiede di scegliere quali categorie accorpare: date le categorie 1:Nessuno, 2:Limitato,3:Generico e 4:Fondamentale, i due tipi di accorpamento più sensati appaiono [3+4] contro [1+2] e[4] contro [1+2+3]. Tuttavia, i dati in Figura 5.1 portano a favorire senz’altro il secondo tipo diaccorpamento, in quanto la quarta categoria da sola ha una capacità discriminante nettamentesuperiore all’unione della terza e quarta categoria. Questa evidenza è confermata dal confronto traalcuni modelli di regressione logistica che differiscono per il tipo di accorpamento della variabile dirisposta (stime non riportate in questa sede). In definitiva, la regressione logistica per la rispostabinaria “Fondamentale” versus “Non fondamentale” consente di analizzare le determinantidell’utilizzo della formazione in modo efficace e di semplice interpretazione, giustificandoampiamente la modesta perdita informativa dovuta all’accorpamento delle prime tre categorie.5.3 Struttura multilivelloI dati sui dottori di ricerca hanno una struttura multilivello poiché i dottori sono raggruppati in corsidi dottorato. Analogamente a quanto accade per gli studenti di una stessa scuola, è lecito attendersiche i dottori di uno stesso corso presentino risultati positivamente correlati in quanto condividonouna serie di fattori legati alla qualità degli insegnamenti e dell’addestramento alla ricerca, nonchéagli effetti dei compagni di corso (peer effects). Nei modelli di regressione alcuni di questi fattoripossono essere inclusi come variabili esplicative, riducendo così il grado di correlazione, matipicamente la correlazione residua rimane statisticamente significativa e quindi il modello ne devetener conto in modo esplicito attraverso l’inserimento di effetti casuali. I modelli a effetti casuali, detti anche modelli multilivello, hanno una lunga storia nell’ambitodella valutazione dei risultati degli studenti di scuole elementari o medie (Aitkin & Longford 1986)e sono stati usati con successo anche nell’analisi agli esiti occupazionali degli studenti universitari(Biggeri, Bini & Grilli, 2001), mentre non ci risultano applicazioni nell’ambito dei dottorati diricerca. La teoria dei modelli multilivello viene delineata in vari libri di testo, fra cui Snijders &Bosker (1999) e Raudenbush & Bryk (2002), mentre l’utilizzo a fini di valutazione di efficacia èdescritta, ad esempio, in Chiandotto & Bacci (2006), Chiandotto, Bini & Bertaccini (2006),Chiandotto (2008) e Grilli & Rampichini (2009a). L’Appendice B descrive il modello linearemultilivello, il modello logistico standard e il modello logistico multilivello (ovvero il modelloutilizzato nell’applicazione in esame). Nell’analisi sull’utilizzo della formazione ricevuta durante il dottorato la struttura multilivelloè rappresentata dai 3036 dottori di ricerca (unità di livello 1) raggruppati in 1331 corsi di dottorato(unità di livello 2). I corsi di dottorato tipicamente sono composti da poche unità e in molti casi 128
    • qualche unità non entra nel campione a causa del fatto che il dottore non ha risposto oppure non èoccupato. Nel campione il numero mediano di dottori per corso è pari a 2. La struttura multilivello èsintetizzata dalla distribuzione in Tabella 5.5, da cui evince che il 42% dei corsi è rappresentato nelcampione da un solo dottore. In generale, la presenza di gruppi di una sola unità crea problemi aglialgoritmi di stima, ma nel caso in esame la stima del modello logistico a intercetta casuale avvienecon successo. Naturalmente l’evidenza empirica sulle relazioni entro e tra gruppi risulta scarsa ed èquindi preclusa la possibilità di esplorare modelli più complessi, come quelli a pendenza casuale.Tabella 5.5 – Struttura multilivello del campione Numero di Numero Percentuale dottori di corsi di corsi 1 559 42,0 2 367 27,6 3 191 14,4 4 92 6,9 5 52 3,9 6 29 2,2 7 12 0,9 8 9 0,7 9 12 0,9 10+ 8 0,6 Totale 1331 100,05.4 Modello logistico a intercetta casuale per l’utilizzo della formazione (livello 2: corsi di dottorato)Le considerazioni presentate in precedenza suggeriscono di analizzare l’utilizzo della formazionericevuta durante il dottorato come variabile di risposta binaria (“Fondamentale” versus “Nonfondamentale”). Data la struttura multilivello, uno strumento metodologico appropriato è il modellodi regressione logistico a intercetta casuale. Denotiamo con Pij la probabilità che per il dottore i delcorso j la sua formazione sia fondamentale per il lavoro attualmente svolto e indichiamo latrasformazione logit con logit(Pij)= log(Pij/(1−Pij)). Il modello di regressione logistico a intercettacasuale è logit ( Pij ) = α + βxij + γw j + u jdove xij è il vettore delle variabili esplicative a livello di dottore, wj è il vettore delle variabiliesplicative a livello di corso e uj è un effetto casuale a livello di corso con distribuzione normale dimedia nulla e deviazione standard σu. I parametri stimabili sono l’intercetta α, i vettori deicoefficienti di regressione β e γ e la deviazione standard a livello di corso σu. 129
    • La strategia di selezione del modello si compone dei seguenti passi: (i) stima del modellonullo, ovvero senza variabili esplicative; (ii) scelta delle variabili esplicative di livello 1, ovveroriferite al dottore; (iii) scelta delle variabili esplicative di livello 2, ovvero riferite al corso. La sceltadelle variabili avviene in base a considerazioni teoriche ed è validata con gli usuali test statisticisulla significatività al 5% dei parametri. Per quanto riguarda le variabili del dottore, il criterio cheguida la scelta è quello di considerare gli aspetti che hanno caratterizzato l’esperienza del dottorato,ad esempio se il dottorando disponeva di una borsa di studio, se ha trascorso un periodo all’estero,se svolgeva un’attività lavorativa. Abbiamo dunque escluso le variabili riferite all’attività post-dottorato e al tipo di lavoro svolto perché sono esse stesse influenzate dall’esperienza del dottorato,ed abbiamo altresì escluso le variabili di background, che sarebbero fondamentali in un’analisi ditipo sociologico ma sarebbero inutili (se non potenzialmente fuorvianti) in un’analisi, come quellain esame, che mira a valutare la performance complessiva del sistema dei dottorati. Il modello nullo ha lo scopo di quantificare la variabilità tra gruppi o, in altri termini,l’eterogeneità non osservabile indotta dal raggruppamento degli individui. La deviazione standard alivello di corso σu è ampiamente significativa, con una stima pari a 0,564 che corrisponde ad uncoefficiente di correlazione intraclasse ICC= 0,088. Tale valore è piuttosto elevato se comparatocon i valori usuali delle applicazioni del modello logistico a intercetta casuale. Consideriamo adesso il modello con variabili esplicative a livello di dottore. La distribuzionedella storia occupazionale rispetto all’area del dottorato è già stata riportata in Tabella 5.4, mentrel’analoga distribuzione delle altre variabili esplicative è riportata in Tabella 5.6.Tabella 5.6 – Variabili esplicative a livello di dottore per area del dottorato (percentuale di dottori che presentano la caratteristica denotata dalla variabile binaria) Lavoro non Lavoro attinente Non titolare di Periodo allestero Area dottorato attinente durante durante dottorato borsa per dottorato durante dottorato dottorato A 28,1 16,6 18,7 48,5 B 33,3 16,8 27,4 40,9 C 32,5 19,2 32,3 31,0 D 44,8 23,5 26,1 38,1 E 30,0 35,5 37,8 45,7 F 38,7 30,6 29,5 41,6 G 49,7 27,3 29,3 56,3 Tutte 36,0 23,7 30,1 40,2 I risultati del modello con variabili esplicative a livello di dottore sono riportati nella Tabella5.7. Il profilo di base, corrispondente a un valore nullo di tutte le variabili esplicative, corrispondead un dottore non occupato al titolo, che durante il dottorato è stato titolare di borsa di studio, nonha svolto attività lavorative non pertinenti e non ha trascorso periodi all’estero. Segnaliamo che lavariabile relativa allo svolgimento di attività lavorative attinenti al corso di dottorato è stata omessain quanto non significativa: quindi svolgere un’attività lavorativa durante il dottorato diminuisce laprobabilità di utilizzo della formazione solo se si tratta di attività non pertinente. Il profilo di baserappresenta un dottorando “esemplare”, cioè che si dedica a tempo pieno all’attività del dottorato. Ineffetti, tutti gli scostamenti da questa situazione hanno un effetto negativo. Discorso a parte merita 130
    • il periodo all’estero durante il dottorato, che è sintomatico di un percorso di dottorato di alto livelloe che ha un effetto positivo. L’ultima colonna della Tabella 5.7 riporta le probabilità che la formazione sia fondamentale,calcolate con le stime dei parametri del modello. La probabilità 48,2% in corrispondenzadell’intercetta è quella del profilo di base, mentre, ad esempio, la probabilità 35,7% si riferisce adun dottore che si discosta dal profilo di base per aver svolto un lavoro non pertinente durante ildottorato.Tabella 5.7 – Risultati del modello logistico a intercetta casuale per l’analisi dell’utilizzo della formazione ricevuta durante il dottorato (livello 2: corsi di dottorato): modello con variabili esplicative a livello di dottore.Parametri del modello Stima Err.Std. p-value Prob.Intercetta (profilo di base) -0,070 0,073 0,340 48,2%VARIABILI ESPLICATIVE DEL DOTTORE Non occupato al titolo cat.rif. Occupato al titolo, ora lavoro diverso -0,411 0,119 0,001 38,2% Occupato al titolo, ora stesso lavoro -0,772 0,096 0,000 30,1% Lavoro non attinente durante dottorato -0,714 0,104 0,000 31,3% Non titolare di borsa per dottorato -0,520 0,097 0,000 35,7% Periodo allestero durante dottorato 0,575 0,084 0,000 62,4%DEVIAZIONE STANDARD A LIVELLO DI CORSO 0,488 0,002 Corso inefficace (-2 deviazioni std.) 26,0% Corso efficace (+2 deviazioni std.) 71,2% La deviazione standard a livello di corso σu è ampiamente significativa. Si noti che il p-value0,002 riportato in tabella non deriva (come per gli altri parametri) dal test di Wald, ma dal piùappropriato test del rapporto di verosimiglianza basato sulla distribuzione chi-quadrato barrato (peri dettagli si può consultare il manuale del software Stata oppure un libro di testo sui modellimultilivello, es. Snijders & Bosker 1999). La stima della deviazione standard a livello di corso è0,488, che corrisponde a un ICC pari a 0,067. Il ruolo dell’eterogeneità non osservata tra i corsi puòessere meglio apprezzata confrontando la probabilità 48,2% del profilo di base (per il quale l’effettocorso è nullo, ovvero uj=0) con gli ultimi due valori di probabilità in Tabella 5.7. In particolare, ilvalore 26,0% si riferisce ad un dottore con profilo base che ha frequentato un corso che, dal puntodi vista dell’utilizzo della formazione, è particolarmente inefficace poiché ha un valore dell’effettocasuale pari a meno due volte la deviazione standard stimata, cioè uj= −2 ×0,488 (poiché ladistribuzione dell’effetto casuale è normale a media nulla, tale valore corrispondeapprossimativamente al percentile 2,5 della distribuzione nella popolazione dei corsi).Analogamente, il valore 71,2% si riferisce ad un dottore con profilo base che ha frequentato uncorso che, dal punto di vista dell’utilizzo della formazione, è particolarmente efficace (percentile97,5). Le differenze di efficacia tra i vari corsi sono dunque notevoli ed è quindi interessanteintrodurre variabili esplicative a livello di corso che possano spiegare in parte tale variabilità. I dati a nostra disposizione contengono variabili relative ai dottori di ricerca, ma non ai corsidi dottorato. Tuttavia, alcune informazioni sui corsi possono essere desunte in modo indiretto: 131
    • innanzitutto, la denominazione del corso consente di classificarlo in una delle macro-aree definite inTabella 5.1; inoltre, i giudizi espressi dai dottori su alcuni aspetti del corso possono essere aggregatiper fornire delle misure di qualità del corso stesso. In particolare, le cinque domande da Z03A aZ03E chiedono al dottorando di esprimere un giudizio, su scala da 1 a 10, relativo ai seguentiaspetti del corso: Contenuto dei corsi, Qualità dellinsegnamento, Livello scientifico dei ricercatori,Addestramento alla ricerca, Possibilità di pubblicare. I primi due aspetti si riferiscono alla didattica,gli altri alla ricerca. Per ognuno dei cinque aspetti, i giudizi sono stati aggregati calcolando la mediaper corso di dottorato. La Tabella 5.8 mostra i giudizi medi per area: l’area A presenta ottimi giudizisu ogni aspetto, mentre le aree E e G hanno giudizi sopra la media per la didattica e sotto la mediaper la ricerca (soprattutto l’area G). Il modello con le variabili a livello di dottore viene integrato con le variabili indicatricidell’area del corso di dottorato e con i giudizi medi sul corso, ottenendo i risultati riportati inTabella 5.9. Il profilo di base è adesso caratterizzato anche dall’aver conseguito il titolo in undottorato dell’area A (di conseguenza i giudizi medi sono stati scartati rispetto ai valori medidell’area A). L’introduzione delle variabili a livello di corso ha modificato in modo trascurabile le stime deicoefficienti delle variabili a livello di dottore, mentre ha comportato un’apprezzabile riduzionedell’ICC da 0,067 a 0,040. L’eterogeneità non osservata tra i corsi di dottorato rimane comunquesignificativa (il p-value del test sulla deviazione standard a livello di corso è 0,040). I giudizi sulla didattica hanno effetto negativo ma non statisticamente significativo, alcontrario dei giudizi sulla ricerca, che hanno effetto positivo e statisticamente significativo.L’effetto più forte è quello dell’Addestramento alla ricerca: un punto in più nel giudizio medio delcorso su tale aspetto è associato ad un incremento di 0,190 su scala logit, ovvero la probabilità diutilizzo della formazione per il profilo di base passa da 56,5% a 61,1% 8. I coefficienti delle aree catturano le differenze che permangono tra le aree dopo avercontrollato per le variabili individuali e i giudizi medi. Molte delle differenze residuali tra le areesono statisticamente non significative: dunque le variabili introdotte spiegano buona parte delledifferenze che si osservano nei dati grezzi. I coefficienti maggiori sono quelli delle aree A (che è 0in quanto categoria di riferimento) e G (+0,160). Queste due aree (A: Scienze matematiche einformatiche + Scienze fisiche; G: Scienze economiche e statistiche + Scienze politiche e sociali)hanno i più alti tassi di utilizzo della formazione (Tabella 5.3: 52,8% e 44,0%, rispettivamente).Benché l’analisi sia condotta sugli occupati, è importante notare che le aree A e G hanno anche i piùalti tassi di occupazione, ovvero 92% e 89% (Tabella 5.1), per cui i due aspetti fondamentalidell’efficacia esterna, ovvero possibilità occupazionale e utilizzo della formazione, sonoconcordanti.8 I coefficienti dei giudizi medi sono verosimilmente stimati in modo distorto a causa del noto fenomeno dell’attenuazione dovuta all’errore di misura. Infatti, il giudizio medio su un certo aspetto di un certo corso è una misura imperfetta del vero valore, il quale è inosservabile e quindi non può essere usato come variabile esplicativa. Nell’applicazione in esame l’attenuazione potrebbe essere rilevante in quanto i corsi sono tipicamente rappresentati da pochi dottori (ricordiamo che i corsi nel campione oggetto di analisi hanno una dimensione mediana pari a 2) e quindi l’errore di misurazione è potenzialmente elevato. Per approfondimenti sull’argomento rimandiamo a Grilli & Rampichini (2009b). Poiché la soluzione al problema dell’attenuazione non è immediata, nell’applicazione in esame ci limitiamo a notare il problema e suggeriamo di interpretare le stime dei coefficienti dei giudizi medi come stime attenuate (cioè distorte verso lo zero) dei veri coefficienti. 132
    • Tabella 5.8 – Giudizi medi per macro-area del dottorato Qualità Livello Contenuto dei Addestramento Possibilità di Area dottorato dellinsegna- scientifico dei corsi alla ricerca pubblicare mento ricercatori A 6,2 6,9 7,9 7,1 7,2 B 5,7 6,2 7,3 7,1 6,5 C 5,5 5,9 7,1 6,8 6,3 D 5,9 6,4 7,3 6,7 6,5 E 6,1 6,5 7,3 6,3 5,5 F 7,1 7,5 8,1 6,7 6,2 G 6,1 6,5 7,2 5,7 5,1 Tutte 5,9 6,3 7,3 6,6 6,1Tabella 5.9 – Risultati del modello logistico a intercetta casuale per l’analisi dell’utilizzo della formazione ricevuta durante il dottorato (livello 2: corsi di dottorato): modello con variabili esplicative a livello di dottore e a livello di corso di dottorato.Parametri del modello Stima Err.Std. p-value Prob.Intercetta (profilo di base) 0,261 0,158 0,098 56,5%VARIABILI ESPLICATIVE DEL DOTTORE Non occupato al titolo cat.rif. Occupato al titolo, ora lavoro diverso -0,338 0,119 0,005 48,1% Occupato al titolo, ora stesso lavoro -0,761 0,096 0,000 37,8% Lavoro non attinente durante dottorato -0,622 0,105 0,000 41,1% Non titolare di borsa per dottorato -0,465 0,098 0,000 44,9% Periodo allestero durante dottorato 0,560 0,085 0,000 69,4%VARIABILI ESPLICATIVE DEL DOTTORATO Giudizi medi espressi dai dottori Contenuto dei corsi -0,013 0,048 0,779 56,2% Qualità dellinsegnamento -0,083 0,052 0,114 54,5% Livello scientifico dei ricercatori 0,112 0,048 0,019 59,2% Addestramento alla ricerca 0,190 0,039 0,000 61,1% Possibilità di pubblicare 0,061 0,031 0,047 58,0% Area del dottorato A - Scienze matematiche e informatiche + Scienze fisiche cat.rif. B - Scienze chimiche + Scienze della Terra -0,368 0,200 0,066 47,3% C - Scienze biologiche + Scienze mediche + Scienze agrarie e -0,341 0,170 0,045 48,0% veterinarie D - Ingegneria civile ed Architettura + Ingegneria industriale e -0,222 0,179 0,216 51,0% dellinformazione E - Scienze dellantichità, filologico-letterarie e storico-artistiche + -0,287 0,186 0,121 49,3% Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche F - Scienze giuridiche -0,168 0,235 0,475 52,3% G - Scienze economiche e statistiche + Scienze politiche e sociali 0,160 0,205 0,435 60,4%DEVIAZIONE STANDARD A LIVELLO DI CORSO 0,368 0,040 Corso inefficace (-2 deviazioni std.) 38,3% Corso efficace (+2 deviazioni std.) 73,1% 133
    • Tuttavia, l’area A ha migliori caratteristiche in termini di storia occupazionale e formativa deidottori, eccetto per il periodo all’estero (Tabella 5.4 e Tabella 5.6). Per quanto riguarda la qualitàdei corsi, le due aree hanno situazioni opposte, in particolare il giudizio medio sull’addestramentoalla ricerca (Tabella 5.8) è massimo per l’area A (7,1) e minimo per l’area G (5,7). I dottoratidell’area A si confermano dunque i migliori sia in termini di qualità che di efficacia esterna, mentrei dottorati dell’area G mostrano una buona efficacia esterna a cui non corrisponde una qualitàeccellente, soprattutto in merito all’addestramento alla ricerca. Una spiegazione plausibile è che ilmercato del lavoro corrispondente all’area G sia particolarmente favorevole: lo svolgere un lavorocoerente con la formazione non pare dipendere in modo cruciale dall’addestramento alla ricerca,verosimilmente perché l’attività di ricerca in senso stretto è meno rilevante che in altri settori erichiede una minore specializzazione tecnica (si pensi alla differenza delle modalità di ricerca insociologia e in fisica sperimentale). In base ai dati grezzi l’area con minore efficacia esterna è la E (Scienze dellantichità,filologico-letterarie e storico-artistiche + Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche),con il 78% di occupati e il 34,3% di occupazione pienamente coerente con la formazione. Questorisultato è in gran parte spiegato dalle variabili esplicative del modello poiché il coefficiente diregressione in Tabella 5.9 non è tra i più bassi e comunque non è significativo. I giudizi medi sullaqualità dei dottorati dell’area E (Tabella 5.8) non presentano particolari criticità, se non nellapossibilità di pubblicare (che peraltro è il meno rilevante tra gli aspetti legati alla ricerca). I motividella scarsa efficacia dei dottorati dell’area E vanno dunque ricercati nella storia occupazionale eformativa dei dottori (Tabella 5.4 e Tabella 5.6): il dato più eclatante è che il 35,5% dei dottoridell’area E svolgeva, durante il corso, un attività lavorativa non attinente al corso di dottorato,contro una media del 23,7%. A ciò si collega l’elevata percentuale di coloro che non erano titolaridi borsa di studio (37,8% contro una media del 30,1%). Nel complesso l’efficacia esterna dei dottorati di ricerca sembra dipendere essenzialmente dadue fattori chiave: 1) la capacità di attrarre studenti a tempo pieno che non siano già occupati e cheintendano investire appieno le loro energie nell’esperienza del dottorato; 2) la capacità di addestrarealla ricerca, più che la capacità di trasmettere conoscenze in astratto. Ai fini delle politiche diprogrammazione dei dottorati è però importante notare che questi due fattori giocano un ruolodiverso nelle varie aree scientifiche: ad esempio, l’ottimo risultato dei dottorati dell’area A èimputabile ad entrambi i fattori, mentre l’insoddisfacente risultato dei dottorati dell’area E è in largamisura attribuibile al primo fattore.5.5 Analisi basata sulla classificazione dei dottorati in 23 areeNell’analisi multilivello fin qui condotta i dottori sono stati considerati unità di livello 1 e i corsi didottorato unità di livello 2, mentre le macro-aree da A a E sono state inserite come variabiliindicatrici. Questa strategia è appropriata per studiare gli effetti delle caratteristiche individuali e deigiudizi medi, ma non consente di approfondire l’esame delle differenze tra le aree disciplinari:infatti, ciascuna delle 7 macro-aree include varie aree che potrebbero avere effetti diversi. Unaclassificazione più fine è, ad esempio, quella adottata dal MIUR, che prevede 23 aree. In tal casol’approccio ideale è quello di usare un modello a tre livelli in cui le 23 aree si aggiungono come 134
    • terzo livello gerarchico. Tale approccio non è però perseguibile nell’applicazione in esame a causadella scarsa dimensione campionaria delle unità di secondo livello (i corsi di dottorato), per cuiproponiamo un modello a due livelli in cui i dottori sono raggruppati nelle 23 aree. In questo modopossiamo studiare le differenze tra le aree prima e dopo l’inserimento delle caratteristicheindividuali confrontando i valori assegnati agli effetti casuali tramite il metodo della “media aposteriori” o “Empirical Bayes” (Skrondal & Rabe-Hesketh 2009): il valore assegnato all’effettocasuale dell’area j riflette la performance media dei dottori dell’area j, che è interpretabile comeefficacia dei dottorati dell’area j, ad esempio un valore negativo e grande indica una pessimaefficacia. Il metodo della “media a posteriori” è ampiamente usato nelle valutazioni di efficacia diistituzioni (Grilli & Rampichini 2009) e gode dell’importante proprietà di “shrinkage”, cioè ilvalore assegnato è automaticamente aggiustato per la dimensione campionaria dell’area e quindi inun’area con pochi dottori il valore (che sia positivo o negativo) è sostanzialmente spostato verso lozero. Dunque, valori prossimi a zero indicano che l’efficacia dell’area in esame è prossimaall’efficacia media oppure che la dimensione dell’area è modesta e vi è quindi poca evidenzaempirica sull’efficacia. In questo modo le aree con valori estremi hanno non solo un’efficaciacampionaria estrema, ma anche una dimensione campionaria che supporta adeguatamente talerisultato. Nelle valutazioni di efficacia è proprio la proprietà di “shrinkage” fa preferire lamodellizzazione a effetti casuali piuttosto che a effetti fissi (quella che consiste nell’inserire le areecome variabili indicatrici). La Tabella 5.10 riporta, per ognuna delle 23 aree, il numero e la percentuale di occupati tra idottori del 2008, nonché la percentuale degli occupati che ritengono fondamentale la formazionericevuta durante il dottorato. Come per l’analisi svolta in precedenza con le 7 macro-aree, sono statieliminati i record relativi ai dottori per i quali non è nota l’area del dottorato o che non hannorisposto alla domanda A29 sull’utilizzo della formazione, per cui il dataset per l’analisi risultacomposto da 3036 dottori. Alcune aree hanno numerosità scarsa (non più di 20 unità per le aree 9,14 e 20): per tali aree l’evidenza empirica sull’utilizzo del titolo è modesta e quindi la stima diefficacia sarà prossima allo zero per la proprietà di “shrinkage” (ma è comunque opportuno noneliminare tali aree perché le loro unità contribuiscono alla stima dei coefficienti di regressione). Le aree con minor percentuale di occupati sono Scienze storiche e filosofiche, Scienze storico-artistiche e Scienze dellantichità e filologico-letterarie, con valori del 74-75%. Tali aree hannoanche pochi occupati che ritengono fondamentale la formazione ricevuta (30-34%), ma in questoaspetto sono affiancate da Scienze economiche-aziendali (34,4%) e Ingegneria civile e Architettura(32,6%), mentre la percentuale minore è quella di Scienze mediche (26,8%). L’area con maggiore percentuale di occupati è Scienze fisiche (93,1%) seguita da Scienzestatistiche, Scienze politiche e sociali, Ingegneria dell’informazione e Ingegneria industriale e altrea breve distanza. Le aree con maggiore percentuale di occupati che ritengono fondamentale laformazione ricevuta sono invece Scienze informatiche e Scienze matematiche (58-59%), seguite daScienze agrarie (51,1%). 135
    • Tabella 5.10 – Classificazione per area di dottorato del numero di occupati, della percentuale di occupati e della percentuale di lavoratori che ritengono fondamentale la formazione ricevuta (coorte 2008) Numero % fonda- Codice Area % occupati occupati mentale 1 Ingegneria civile e Architettura 172 83,4% 32,6% 2 Ingegneria dellinformazione 122 91,1% 41,8% 3 Ingegneria industriale 173 90,3% 49,7% 4 Scienze agrarie 139 86,1% 51,1% 5 Scienze biologiche 389 84,2% 42,9% 6 Scienze chimiche 190 88,6% 36,8% 7 Scienze della terra 145 85,6% 41,4% 8 Scienze dellantichità e filologico-letterarie 210 75,0% 34,3% 9 Scienze delle attività motorie e discipline sport. 18 90,0% 44,4% 10 Scienze economiche (aziendali) 61 89,2% 34,4% 11 Scienze economiche (socio-politiche) 111 90,0% 42,3% 12 Scienze fisiche 210 93,1% 49,5% 13 Scienze giuridiche 173 79,0% 37,6% 14 Scienze informatiche 17 90,0% 58,8% 15 Scienze matematiche 55 88,1% 58,2% 16 Scienze mediche 381 85,3% 26,8% 17 Scienze pedagogiche 32 84,6% 43,8% 18 Scienze politiche e sociali 110 90,6% 40,9% 19 Scienze psicol., geogr. e demoetnoantropol. 87 88,6% 39,1% 20 Scienze statistiche 20 91,7% 50,0% 21 Scienze storiche e filosofiche 127 73,8% 33,9% 22 Scienze storico-artistiche 53 75,0% 30,2% 23 Scienze veterinarie 41 80,0% 48,8% Tutte le aree 3036 83,9% 39,7% La Figura 5.3 rappresenta la aree in base alla percentuale di occupati e alla percentuale dicoloro che ritengono fondamentale la formazione ricevuta. La retta di regressione ha pendenzapositiva con un indice R-quadro pari a 0,25. La correlazione positiva tra occupazione e utilizzodelle competenze è un risultato interessante e tutt’altro che scontato: infatti, l’utilizzo è calcolatosugli occupati e quindi le aree con una maggiore quota di occupati sarebbero svantaggiate in terminidi tasso di utilizzo se il surplus di occupati fosse dovuto allo svolgimento di lavori poco coerenti.Ma questa ipotesi è chiaramente smentita dai dati: i dottori con elevata specializzazione non solohanno una maggiore probabilità di utilizzare le competenze nel caso che lavorino, ma hanno ancheuna maggiore probabilità di trovare lavoro. 136
    • Figura 5.3 – Aree di dottorato: percentuale di coloro che ritengono fondamentale la formazione ricevuta vs percentuale di occupati 100% 75% % fondamentale y = 0,7422x - 0,2153 50% R² = 0,2514 25% 25% 50% 75% 100% % occupatiTabella 5.11 – Storia occupazionale per area del dottorato – coorte 2008 (percentuali di riga, classificazione a 23 aree) Occupato Occupato Non al titolo, al titolo, Codice Area occupato ora lavoro ora stesso al titolo diverso lavoro 1 Ingegneria civile e Architettura 45,4 12,8 41,9 2 Ingegneria dellinformazione 57,4 17,2 25,4 3 Ingegneria industriale 46,8 24,9 28,3 4 Scienze agrarie 57,6 10,1 32,4 5 Scienze biologiche 51,2 15,4 33,4 6 Scienze chimiche 58,4 14,7 26,8 7 Scienze della terra 52,4 15,2 32,4 8 Scienze dellantichità e filologico-letterarie 49,1 17,1 33,8 9 Scienze delle attività motorie e discipline sport. 55,6 11,1 33,3 10 Scienze economiche (aziendali) 44,3 9,8 45,9 11 Scienze economiche (socio-politiche) 46,0 19,8 34,2 12 Scienze fisiche 63,8 12,4 23,8 13 Scienze giuridiche 42,8 12,1 45,1 14 Scienze informatiche 47,1 17,7 35,3 15 Scienze matematiche 65,5 16,4 18,2 16 Scienze mediche 38,3 16,3 45,4 17 Scienze pedagogiche 18,8 15,6 65,6 18 Scienze politiche e sociali 40,9 30,0 29,1 19 Scienze psicol., geogr. e demoetnoantropol. 48,3 14,9 36,8 20 Scienze statistiche 75,0 0,0 25,0 21 Scienze storiche e filosofiche 46,5 15,0 38,6 22 Scienze storico-artistiche 56,6 3,8 39,6 23 Scienze veterinarie 48,8 7,3 43,9 Tutte le aree 49,4 15,6 35,0 137
    • La storia occupazionale dei dottori, fortemente legata all’utilizzo delle competenze (cfr.Tabella 5.2), varia nelle aree come mostrato dalla Tabella 5.11. La percentuale di coloro che eranooccupati al titolo e hanno mantenuto lo stesso lavoro è massima per Scienze pedagogiche (65,6%),seguita a distanza da Scienze economiche-aziendali, Scienze giuridiche e Scienze mediche convalori intorno al 45%. I valori minimi sono quelli di Scienze matematiche (18,2%) e Scienze fisiche(23,8%). La relazione negativa tra utilizzo della formazione e mantenimento dello stesso lavoro èevidenziata dalla Figura 5.4. Per quanto riguarda le altre caratteristiche dei dottori da inserire come variabili esplicative nelmodello di regressione per l’utilizzo della formazione, la Tabella 5.12 replica la struttura dellaTabella 5.6 (eccetto per lo svolgimento di un lavoro attinente) per le 23 aree in esame. Come attesola percentuale di coloro che hanno svolto un lavoro non attinente durante il dottorato è correlatapositivamente alla percentuale di dottori senza borsa di studio (ρ = 0,528). Invece la percentuale didottori che hanno trascorso un periodo all’estero è correlata negativamente con la percentuale didottori senza borsa di studio (ρ = −0,506) e quasi incorrelata con la percentuale di lavoratori nonattinenti (ρ = −0,068). I dottori di ricerca senza borsa di studio sono rari in Scienze matematiche (5,5%) e pocofrequenti in Scienze fisiche, Ingegneria dell’informazione e Scienze statistiche (20-22%), mentre lepercentuali maggiori sono quelle di Scienze delle attività motorie e discipline sportive (55,6%) eScienze storico-artistiche (50,9%).Figura 5.4 – Aree di dottorato: percentuale di coloro che ritengono fondamentale la formazione ricevuta versus percentuale di coloro che hanno mantenuto lo stesso lavoro 75% y = -0,3533x + 0,5465 R² = 0,1756 50% % fondamentale 25% 0% 0% 25% 50% 75% % mantenuto stesso lavoro 138
    • Tabella 5.12 – Variabili esplicative a livello di dottore per area del dottorato – coorte 2008 (percentuale di dottori che presentano la caratteristica denotata dalla variabile binaria, classificazione a 23 aree) Lavoro Non Periodo non titolare di allestero Codice Area attinente borsa per durante durante dottorato dottorato dottorato 1 Ingegneria civile e Architettura 32,0 30,8 33,7 2 Ingegneria dellinformazione 13,1 22,1 43,4 3 Ingegneria industriale 20,8 23,7 39,9 4 Scienze agrarie 25,9 29,5 48,9 5 Scienze biologiche 14,1 30,8 32,4 6 Scienze chimiche 17,9 25,3 41,1 7 Scienze della terra 15,9 31,0 39,3 8 Scienze dellantichità e filologico-letterarie 37,6 31,4 52,4 9 Scienze delle attività motorie e discipline sport. 27,8 55,6 22,2 10 Scienze economiche (aziendali) 23,0 29,5 50,8 11 Scienze economiche (socio-politiche) 24,3 27,0 55,0 12 Scienze fisiche 14,8 21,9 44,8 13 Scienze giuridiche 30,6 29,5 41,0 14 Scienze informatiche 17,6 23,5 41,2 15 Scienze matematiche 25,5 5,5 50,9 16 Scienze mediche 20,7 33,1 22,6 17 Scienze pedagogiche 25,0 40,6 37,5 18 Scienze politiche e sociali 39,1 40,0 53,6 19 Scienze psicol., geogr. e demoetnoantropol. 31,0 42,5 50,6 20 Scienze statistiche 10,0 20,0 70,0 21 Scienze storiche e filosofiche 40,9 38,6 48,0 22 Scienze storico-artistiche 35,8 50,9 20,8 23 Scienze veterinarie 24,4 29,3 46,3 Tutte le aree 23,7 30,1 40,25.6 Modello logistico a intercetta casuale per l’utilizzo della formazione (livello 2: aree di dottorato)Per valutare le differenze tra le 23 aree di dottorato in merito all’utilizzo della formazioneutilizziamo un modello logistico a intercetta casuale in cui le aree sono le unità di secondo livello.Si tratta di replicare l’analisi già svolta con le stesse variabili esplicative ma una diversa strutturagerarchica. Tuttavia, è opportuno limitare l’analisi alle variabili esplicative a livello di dottore (cfr.Tabella 5.7) senza il successivo inserimento di variabili di secondo livello (cfr. Tabella 5.9). Ilmotivo è che adesso le aree non possono essere inserite come variabili esplicative in quantocostituiscono le unità di secondo livello e quindi le differenze tra aree sono modellate dagli effetticasuali. Quanto ai giudizi medi, nel modello di cui alla Tabella 5.9 si trattava di giudizi medi dicorso di dottorato e quindi interpretabili come indicatori della qualità del corso, mentre nell’attualemodello sarebbero giudizi medi di area e quindi sarebbero difficilmente interpretabili a causa della 139
    • correlazione con varie caratteristiche non osservate dell’area. Abbiamo comunque provato a inserirei giudizi medi di area come variabili esplicative e nessuno si avvicina alla significatività statistica. Il modello nullo fornisce una deviazione standard a livello di area ampiamente significativa,con una stima pari a 0,262 che è poco meno della metà della deviazione standard a livello di corsodi dottorato fornita dal modello precedente (0,564). Dunque, in merito all’utilizzo della formazione,circa metà dell’eterogeneità tra i corsi è dovuta alle aree. La Tabella 5.13 riporta i risultati del modello con variabili individuali, da cui si evince che icoefficienti sono simili a quelli dell’analogo modello con la gerarchia definita dai corsi di dottorato(cfr. Tabella 5.7).Tabella 5.13 – Risultati del modello logistico a intercetta casuale per l’analisi dell’utilizzo della formazione ricevuta durante il dottorato – coorte 2008 (livello 2: aree di dottorato; modello con variabili esplicative a livello di dottore)Parametri del modello Stima Err.Std. p-value Prob.Intercetta (profilo di base) -0,029 0,085 0,735 49,3%VARIABILI ESPLICATIVE DEL DOTTORE Non occupato al titolo cat.rif. Occupato al titolo, ora lavoro diverso -0,401 0,114 0,000 39,4% Occupato al titolo, ora stesso lavoro -0,727 0,092 0,000 32,0% Lavoro non attinente durante dottorato -0,675 0,100 0,000 33,1% Non titolare di borsa per dottorato -0,492 0,093 0,000 37,3% Periodo allestero durante dottorato 0,536 0,081 0,000 62,4%DEVIAZIONE STANDARD A LIVELLO DI AREA 0,199 0,000 Area inefficace (-2 deviazioni std.) 39,5% Area efficace (+2 deviazioni std.) 59,1% Il modello nullo e quello con variabili esplicative possono essere usati per stilare graduatoriedi efficacia delle aree, rispettivamente al lordo e al netto delle variabili esplicative. La Tabella 5.14riporta i valori assegnati agli effetti casuali con il metodo della media a posteriori, ordinando le areein base al modello nullo. I valori sono standardizzati per cui vanno considerati anomali i valoriminori di -2 o maggiori di +2: in questa accezione risulta anomala solo l’area di Scienze mediche,con valori pari a -2,21 (lordo) e -2,13 (netto). Tale area, inoltre, ha valori ben lontani dagli altri equindi si pone come un caso peculiare di scarsa efficacia. Il passaggio dagli effetti lordi a quelli netti, dovuto all’aggiustamento per le variabiliesplicative a livello individuale, in alcuni casi comporta delle variazioni di rilievo: ad es. Scienzestorico-artistiche migliora, passando da -1,19 (penultimo posto) a -0,67, mentre Scienze chimichepeggiora, passando da -0,55 a -1,12. Queste variazioni sono dovute al fatto che i dottorandi diScienze storico-artistiche hanno un profilo sfavorevole (molti senza borsa, che lavorano ecc.),mentre i dottorandi di Scienze chimiche hanno un profilo favorevole. Nelle valutazioni di efficaciaspesso si preferiscono gli effetti netti, ma in questo contesto è bene esaminare entrambi i tipi dieffetto in quanto le variabili di aggiustamento sono solo in minima parte sotto il controllo deidocenti che coordinano i corsi di dottorato: in particolare, lo status occupazionale dei dottorandi non 140
    • è modificabile, mentre qualche controllo può essere esercitato sull’ammissione di dottorandi senzaborsa e sullo svolgimento di periodi all’estero. In ogni caso, l’interpretazione della differenza traeffetti lordi e netti è chiara: ad esempio, i dottorati dell’area Scienze storico-artistiche hanno unabassa efficacia in termini assoluti, ma, in considerazione del profilo dei dottorandi, il risultato – purnegativo – è un po’ meno deludente. L’area di Scienze matematiche ha di gran lunga il miglior effetto lordo (+1.87), mapossedendo studenti dal profilo molto favorevole, l’effetto netto è attenuato (secondo dopo Scienzeagrarie).Tabella 5.14 – Graduatorie di efficacia delle aree in base alle medie a posteriori degli effetti casuali – coorte 2008 (valori standardizzati, posizione riferita alla graduatoria da modello nullo) Effetti netti Effetti lordi (modello con Posiz. Area (modello var. nullo) esplicative) 23 Scienze mediche -2,21 -2,13 22 Scienze storico-artistiche -1,19 -0,67 21 Ingegneria civile e Architettura -1,16 -0,89 20 Scienze dellantichità e filologico-letterarie -0,93 -1,05 19 Scienze storiche e filosofiche -0,93 -0,68 18 Scienze economiche (aziendali) -0,73 -0,90 17 Scienze chimiche -0,55 -1,12 16 Scienze giuridiche -0,44 -0,14 15 Scienze psicol., geogr. e demoetnoantropol. -0,21 -0,03 14 Scienze politiche e sociali 0,01 0,39 13 Scienze della terra 0,08 -0,05 12 Ingegneria dellinformazione 0,13 -0,42 11 Scienze economiche (socio-politiche) 0,20 0,05 10 Scienze pedagogiche 0,27 1,08 9 Scienze delle attività motorie e discipline sportive 0,27 0,72 8 Scienze biologiche 0,32 0,39 7 Scienze statistiche 0,72 -0,05 6 Scienze veterinarie 0,80 1,00 5 Ingegneria industriale 1,20 1,40 4 Scienze fisiche 1,20 0,78 3 Scienze informatiche 1,32 1,39 2 Scienze agrarie 1,34 1,49 1 Scienze matematiche 1,87 1,44 141
    • 5.7 Profilo occupazionale e utilizzo della formazione: confronto tra le aree di dottoratoL’analisi dell’utilizzo della formazione ricevuta durante il dottorato ha evidenziato importantidifferenze tra le 23 aree di dottorato. Nell’analisi tramite modello logistico sono state consideratesolo variabili legate al profilo dei dottorandi e quindi antecedenti al lavoro svolto. Le caratteristichedel lavoro svolto sono parte integrante del risultato e quindi non è opportuno inserirle comevariabili esplicative al fine di ottenere misure di efficacia netta. Tuttavia è importante esaminarecome le caratteristiche del lavoro sono associate all’utilizzo della formazione, al fine di capirealcuni dei meccanismi che stanno alla base di un’alta o bassa efficacia. La Tabella 5.15 mostra ilprofilo occupazionale dei dottori e, per ogni tipologia di lavoro, la percentuale di coloro cheritengono fondamentale la formazione ricevuta. L’occupazione più frequente è quella diricercatore/docente in ambito universitario (42,2%), con le modalità di assegnista/borsista (34,3%),ricercatore universitario a tempo determinato (4,5%) e ricercatore universitario di ruolo (3,0%),mentre i professori di ruolo sono pochissimi. Lo sbocco principale è dunque quello universitario,con una netta prevalenza di posizioni precarie: ciò è comprensibile alla luce del breve lasso ditempo considerato (circa due anni) e dello scarso numero di concorsi per posizioni di ruolo svoltisinegli anni 2009-2010. Agli universitari, che per definizione svolgono attività di ricerca, siaggiungono coloro che svolgono attività di ricerca nel privato (4,0%) o nel pubblico (5,2%), per cuila percentuale complessiva di dottori che lavorano come ricercatori (inclusi gli assegnisti e iprofessori universitari) è del 51,4%.Tabella 5.15 – Profilo occupazionale dei dottori 2008 e percentuale di coloro che ritengono fondamentale la formazione ricevuta Numero Percent. di % fonda- Profilo occupazionale a occupati colonna mentale lavoratore autonomo 376 12,5% 26,9% dirigente 138 4,6% 12,3% direttivo / quadro 94 3,1% 13,8% impiegato o intermedio 430 14,3% 11,6% ricercatore nel settore privato 122 4,0% 36,1% assegnista / borsista 1036 34,3% 64,0% ricercatore universitario a tempo determinato 137 4,5% 62,0% ricercatore universitario di ruolo 89 3,0% 68,5% professore universitario associato 8 0,3% professore universitario ordinario 4 0,1% ricercatore (settore pubblico non univ.) 151 5,0% 52,3% primo ricercatore (settore pubblico non univ.) 3 0,1% dirigente di ricerca (settore pubblico) 4 0,1% docente alle scuole medie inferiori 56 1,9% 0,0% docente alle scuole medie superiori 110 3,6% 1,8% altro 260 8,6% 25,0% Totale 3018 100,0% a Percentuale omessa qualora il sottoinsieme abbia numerosità inferiore a 10 142
    • L’utilizzo della formazione ricevuta è più elevato fra i dottori inquadrati come ricercatori(inclusi gli assegnisti e i professori universitari), anche se vi sono differenze notevoli a seconda chel’attività sia svolta presso l’università (tra 62,0% e 68,5% utilizzano la formazione), presso entipubblici non universitari (52,3%) o presso privati (36,1%). L’attività di ricerca si conferma dunquelo sbocco ideale, anche se l’utilizzo della formazione non è molto alto ed è insoddisfacente nelsettore privato. L’utilizzo è basso per i lavoratori autonomi (26,9%), molto basso per le posizionidirigenziali/impiegatizie al di fuori della ricerca (intorno al 12%) e praticamente nullo per i docentidi scuola media.Tabella 5.16 – Profilo occupazionale dei dottori 2008 per area del dottorato (modalità aggregate, percentuali di riga) universitariob pubblico non ricercatore ricercatore impiegatoa autonomo lavoratore dirigente/ Area docente d privato scuola univ.c altro Ingegneria civile e Architettura 30,4 22,8 1,2 29,2 2,9 5,9 7,6 Ingegneria dellinformazione 10,8 30,8 6,7 40,0 5,8 1,7 4,2 Ingegneria industriale 11,1 27,9 6,4 43,6 6,4 2,3 2,3 Scienze agrarie 5,8 13,7 5,0 55,4 10,8 2,9 6,5 Scienze biologiche 5,2 17,0 5,9 51,3 8,3 3,1 9,3 Scienze chimiche 4,7 28,4 11,1 40,0 4,7 1,6 9,5 Scienze della terra 7,6 22,8 3,5 42,8 10,4 6,9 6,2 Scienze dellantichità e filologico-letterarie 8,3 15,7 2,0 31,9 1,0 24,5 16,7 Scienze delle attività motorie e discipline sport. 5,9 11,8 0,0 58,8 0,0 5,9 17,7 Scienze economiche (aziendali) 24,6 29,5 1,6 41,0 0,0 0,0 3,3 Scienze economiche (socio-politiche) 13,5 24,3 4,5 44,1 3,6 0,9 9,0 Scienze fisiche 4,8 15,2 2,9 61,0 10,0 2,9 3,3 Scienze giuridiche 40,7 23,8 1,2 25,0 1,7 1,7 5,8 Scienze informatiche 0,0 35,3 11,8 29,4 23,5 0,0 0,0 Scienze matematiche 3,6 9,1 3,6 69,1 3,6 7,3 3,6 Scienze mediche 15,3 29,7 2,6 36,8 5,5 2,9 7,1 Scienze pedagogiche 12,5 3,1 0,0 31,3 0,0 18,8 34,4 Scienze politiche e sociali 12,8 22,0 5,5 43,1 2,8 0,9 12,8 Scienze psicol., geogr. e demoetnoantropol. 19,8 10,5 3,5 46,5 1,2 4,7 14,0 Scienze statistiche 15,0 30,0 0,0 50,0 0,0 0,0 5,0 Scienze storiche e filosofiche 6,4 24,6 1,6 30,2 1,6 20,6 15,1 Scienze storico-artistiche 9,4 24,5 0,0 32,1 0,0 15,1 18,9 Scienze veterinarie 12,5 15,0 5,0 55,0 2,5 0,0 10,0 Tutte le aree 12,5 21,9 4,0 42,2 5,2 5,5 8,6 a aggregazione di “dirigente”, “direttivo / quadro”, “impiegato o intermedio” b aggregazione di “assegnista / borsista”, “ricercatore universitario a tempo determinato”, “ricercatore universitario di ruolo”, “professore universitario associato”, “professore universitario ordinario” c aggregazione di “ricercatore (settore pubblico non univ.)”, “primo ricercatore (settore pubblico non univ.)”, “dirigente di ricerca (settore pubblico non univ.)” d aggregazione di “docente alle scuole medie inferiori”, “docente alle scuole medie superiori” 143
    • In considerazione della forte relazione tra utilizzo della formazione e profilo occupazionale, èinteressante analizzare il profilo occupazionale dei dottori delle 23 aree. La Tabella 5.16 riporta, perogni area, la distribuzione percentuale dei profili considerando un’aggregazione delle modalità,mentre la Tabella 5.17 considera le modalità originali del questionario. La tabella con le modalitàaggregate è utile per avere un quadro d’insieme, difficilmente percepibile con le 16 modalitàoriginali. In termini di efficacia, misurata dall’utilizzo della formazione ricevuta (cfr. Tabella 5.14),l’area critica è quella di Scienze mediche, il cui profilo occupazionale è caratterizzato da unacospicua quota di dirigenti (23,7% contro una media di 4,6%), una categoria che in generale fascarso uso della formazione (cfr. Tabella 5.15). Si noti, però, che l’utilizzo della formazione èsimile per i tre profili dirigenziali/impiegatizi (“dirigente”, “direttivo/quadro”, “impiegato ointermedio”) e che nelle Scienze mediche l’eccesso di dirigenti è in parte compensato dalla scarsitàdegli altri due profili: nel complesso i profili dirigenziali/impiegatizi sono in media 21,9%, mentreper Scienze mediche sono 29,7% ma altre aree hanno valori più elevati, ad esempio Ingegneriadellinformazione (30,8%) e Scienze informatiche (35,3%). Quest’ultima area ha un’alta efficaciaper cui le posizioni dirigenziali/impiegatizie non sono sempre associate ad uno scarso utilizzo dellaformazione. In conclusione, la scarsa efficacia dell’area di Scienze mediche dipende in parte dal tipodi lavoro che svolgono i molti dottori di ricerca di tale area che lavorano come dirigenti, ma questoaspetto può essere indagato solo con interviste ad hoc sulle mansioni svolte. L’area con maggiore efficacia è quella di Scienze matematiche, che è caratterizzata dalla piùalta percentuale di dottori che lavorano nel settore universitario (Tabella 5.16: 69,1% contro unamedia di 42,2%): ciò è coerente con l’alto utilizzo della formazione da parte degli universitari(Tabella 5.15). I profili di Tabella 5.16 offrono altri interessanti spunti di riflessione. L’area di Scienzeinformatiche presenta una minore percentuale di universitari (29,4%), nessun lavoratore autonomo enessun docente nella scuola, a fronte di percentuali molto al di sopra della media nei profilidirigenziali/impiegatizi (35,3% contro una media di 21,9%) e soprattutto nella ricerca nonuniversitaria, sia privata (11,8% contro una media di 4,0%) che pubblica (23,5% contro una mediadi 5,2%). Un’altra area particolare è quella di Scienze giuridiche, con la maggiore percentuale dilavoratori autonomi (40,7%) e la minore percentuale di universitari (25,0%). L’occupazione nella scuola media è molto elevata per Scienze dellantichità e filologico-letterarie (24,5%), Scienze storiche e filosofiche (20,6%), Scienze pedagogiche (18,8%) e Scienzestorico-artistiche (15,1%). Questi valori segnalano un problema di coerenza nelle aree umanistiche,poiché il dottorato di ricerca non ha tra gli obiettivi la preparazione all’insegnamento nella scuola. Un’ultima considerazione riguarda l’occupazione in attività di ricerca nel settore privato, chesegnala la capacità di un dottorato di perseguire il proprio fine al di fuori del settore pubblico che,almeno in Italia, gestisce in larga misura l’attività di ricerca. In generale il risultato è deludente, conuna percentuale media di occupati nella ricerca privata del 4,0%. Le aree con le percentualimaggiori sono Scienze informatiche (11,8%) e Scienze chimiche (11,1%), seguite da Ingegneriadell’informazione (6,7%) e Ingegneria industriale (6,4%). 144
    • Tabella 5.17 – Profilo occupazionale dei dottori 2008 per area del dottorato (modalità originali, percentuali di colonna) Scienze della (socio-polit.) dellinforma- Sc. antichità economiche economiche Architettura e filologico- disc. sport. Ingegneria Ingegneria Ingegneria industriale biologiche Sc. attività (aziendali) motorie e chimiche letterarie Scienze Scienze Scienze Scienze Scienze Scienze Profilo occupazionale civile e agrarie fisiche zione terra lavoratore autonomo 30,4 10,8 11,1 5,8 5,2 4,7 7,6 8,3 5,9 24,6 13,5 4,8 dirigente 0,6 0,0 1,7 0,7 3,6 4,2 0,0 0,5 11,8 1,6 1,8 0,5 direttivo / quadro 2,3 5,0 2,9 1,4 1,6 2,1 4,1 2,0 0,0 8,2 5,4 1,4 impiegato o intermedio 19,9 25,8 23,3 11,5 11,9 22,1 18,6 13,2 0,0 19,7 17,1 13,3 ricercatore nel settore privato 1,2 6,7 6,4 5,0 5,9 11,1 3,5 2,0 0,0 1,6 4,5 2,9 assegnista / borsista 25,7 32,5 32,0 47,5 45,4 33,2 37,2 23,5 58,8 19,7 32,4 48,1 ricercatore universitario a tempo determinato 1,8 4,2 4,7 6,5 4,4 4,2 3,5 4,4 0,0 4,9 6,3 10,5 ricercatore universitario di ruolo 1,2 3,3 6,4 1,4 1,3 2,6 2,1 2,9 0,0 13,1 3,6 2,4 professore universitario associato 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 1,0 0,0 3,3 1,8 0,0 professore universitario ordinario 0,6 0,0 0,6 0,0 0,3 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 ricercatore (settore pubblico non univ.) 2,9 5,8 5,8 10,1 7,7 4,7 9,0 1,0 0,0 0,0 3,6 10,0 primo ricercatore (settore pubblico non univ.) 0,0 0,0 0,6 0,7 0,0 0,0 0,7 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 dirigente di ricerca (settore pubblico) 0,0 0,0 0,0 0,0 0,5 0,0 0,7 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 docente alle scuole medie inferiori 2,3 0,8 0,0 1,4 1,8 0,5 3,5 7,4 5,9 0,0 0,9 0,5 docente alle scuole medie superiori 3,5 0,8 2,3 1,4 1,3 1,1 3,5 17,2 0,0 0,0 0,0 2,4 altro 7,6 4,2 2,3 6,5 9,3 9,5 6,2 16,7 17,7 3,3 9,0 3,3
    • Tabella 5.18 – (segue) demoetnoant pedagogiche matematiche informatiche Tutte le aree Sc. psicol., veterinarie filosofiche politiche e statistiche giuridiche storiche e artistiche mediche geogr. e Scienze Scienze Scienze Scienze Scienze Scienze Scienze Scienze Scienze Scienze storico- Profilo occupazionale sociali ropol. lavoratore autonomo 40,7 0,0 3,6 15,3 12,5 12,8 19,8 15,0 6,4 9,4 12,5 12,5 dirigente 2,9 0,0 1,8 23,7 3,1 1,8 1,2 0,0 0,8 0,0 7,5 4,6 direttivo / quadro 9,9 11,8 0,0 1,6 0,0 4,6 0,0 10,0 4,8 7,6 2,5 3,1 impiegato o intermedio 11,1 23,5 7,3 4,5 0,0 15,6 9,3 20,0 19,1 17,0 5,0 14,3 ricercatore nel settore privato 1,2 11,8 3,6 2,6 0,0 5,5 3,5 0,0 1,6 0,0 5,0 4,0 assegnista / borsista 18,0 11,8 58,2 31,1 25,0 34,9 36,1 40,0 26,2 26,4 42,5 34,3 ricercatore universitario a tempo determinato 1,7 11,8 7,3 3,4 3,1 4,6 4,7 5,0 3,2 3,8 5,0 4,5 ricercatore universitario di ruolo 4,1 5,9 3,6 2,4 3,1 3,7 5,8 5,0 0,0 1,9 7,5 3,0 professore universitario associato 0,6 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,8 0,0 0,0 0,3 professore universitario ordinario 0,6 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,1 ricercatore (settore pubblico non univ.) 1,7 23,5 3,6 5,5 0,0 1,8 1,2 0,0 1,6 0,0 2,5 5,0 primo ricercatore (settore pubblico non univ.) 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,1 dirigente di ricerca (settore pubblico) 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,9 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,1 docente alle scuole medie inferiori 1,2 0,0 1,8 1,1 0,0 0,0 0,0 0,0 6,4 5,7 0,0 1,9 docente alle scuole medie superiori 0,6 0,0 5,5 1,8 18,8 0,9 4,7 0,0 14,3 9,4 0,0 3,6 altro 5,8 0,0 3,6 7,1 34,4 12,8 14,0 5,0 15,1 18,9 10,0 8,6
    • 5.8 Analisi per i dottori di ricerca del 2003L’analisi condotta fino ad ora ha fatto riferimento ai dottori 2008. Consideriamo ora, brevemente, lasituazione dei dottori 2003 allo scopo di individuare eventuali differenze di rilievo. Va detto che idottori 2003 sono in numero sostanzialmente inferiore ai dottori 2008 e quindi l’evidenza empiricasulla loro condizione occupazionale è minore. Ad esempio, alcune aree sono così scarsamenterappresentate nel campione 2003 che la loro efficacia non può essere stimata in modo affidabile.Esiste inoltre un problema di fondo che rende incerta l’interpretazione dei risultati del confronto frale coorti 2003 e 2008: infatti, le due coorti differiscono sia per l’aspetto longitudinale, cioè ilperiodo trascorso tra l’ottenimento del titolo e la valutazione della condizione occupazionale (per lacoorte 2003 il periodo post-titolo è di 5 anni più lungo), sia per l’aspetto di calendario, cioè per ladiversa situazione congiunturale (la coorte 2003 è entrata nel mercato del lavoro nel 2003, e lacoorte 2008 è entrata nel 2008). La differenza longitudinale porta a due effetti contrastanti: da unlato, al crescere del periodo post-titolo aumenta la possibilità che il dottore trovi un occupazionecoerente; dall’altro lato, è verosimile che il dottore diventi più severo nel giudicare la coerenza tratitolo e occupazione. Quanto alla differenza dovuta al calendario, a parte la congiuntura economica– peraltro piuttosto negativa in entrambi gli anni – occorre sottolineare che nel 2003 e annisuccessivi si è tenuto un buon numero di concorsi per l’accesso ai ruoli universitari, cherappresentano il tipo di occupazione più coerente, mentre dal 2008 l’accesso ai profili universitari èavvenuto quasi esclusivamente nella forma di posizioni a termine. Inoltre, i dottori del 2003 eranoin numero sostanzialmente inferiore a quelli del 2008 e quindi soggetti a minore concorrenza.Trattandosi di due coorti distinte gli effetti longitudinali e di calendario non possono essere separatie quindi ogni differenza tra le coorti è suscettibile di più interpretazioni. Il campione dei dottori di ricerca del 2003 è costituito da 1129 individui, di cui 53 eliminatiperché hanno un valore mancante nell’area del dottorato o nella condizione lavorativa. Suirimanenti 1076 dottori il tasso di occupazione è del 90,6%. L’analisi sull’utilizzo del titolo ècondotta sul sottoinsieme di coloro che lavorano, escludendo coloro che hanno valori mancantinella domanda A29 sull’utilizzo del titolo (84 unità) o per quanto riguarda la condizioneoccupazionale al momento del titolo (10 unità). Il campione di analisi è dunque composto da 881unità. La Tabella 5.19 mostra, per ogni area, il tasso di occupazione e la percentuale di occupati cheritengono fondamentale la formazione ricevuta. Il tasso di occupazione globale è del 90,6%, con unminimo di 82,6% per Scienze storiche e filosofiche. La percentuale di fondamentale è 41,5% condifferenze notevoli: si va dal 27,8% di Scienze veterinarie al 71,4% di Scienze storico-artistiche. La Tabella 5.20 confronta i dottori 2003 e 2008 in base alla percentuale di occupati e allapercentuale di coloro ritengono fondamentale la formazione ricevuta. Passando dal 2003 al 2008 iltasso di occupazione globale si è ridotto dal 90,6% all’83,9%, una riduzione che potrebbe esseregiustificata dal minor tempo speso nel mercato del lavoro da parte dei dottori 2008. Tuttavia, ladifferenza di quasi 7 punti percentuali è notevole e lascia pensare che siano all’opera anche fattoricongiunturali. Questa ipotesi è supportata dal fatto che l’89,7% dei dottori 2003 era occupato già adun anno dal conseguimento del titolo (domanda Z08B). Per quanto riguarda le aree, le percentuali dioccupazione 2003 e 2008 hanno una correlazione positiva pari a 0,54. Le aree che hanno fatto 147
    • registrare le maggiori riduzione nella percentuale di occupati sono Scienze storico-artistiche (−14,5punti) e Scienze dellantichità e filologico-letterarie (−12,7 punti), mentre l’unico incremento dirilievo è quello di Scienze politiche e sociali (+6,0 punti). In merito all’uso della formazione, la Tabella 5.20 mostra che la percentuale globale di coloroper i quali la formazione è fondamentale scende al 41,5% del 2003 al 39,7% del 2008. Si tratta diuna variazione modesta, verosimilmente dovuta al fatto che i dottori del 2008 hanno avuto menotempo per trovare un’occupazione coerente. Il risultato sorprendente è che per le aree lacorrelazione tra le percentuali 2003 e 2008 è quasi nulla (+0.07): in altri termini, l’efficacia dellearee nel 2003 è scarsamente legata a quella del 2008 e quindi la comparazione di efficacia tra areedella coorte 2008 non può essere considerata un risultato stabile nel tempo. Per citare i due casi piùclamorosi, Scienze storico-artistiche passa dalla prima posizione nel 2003 (71,4%) alla penultimaposizione nel 2008 (30,2%), mentre Scienze veterinarie passa dall’ultimo posto del 2003 (27,8%) alsettimo posto del 2008 (48,8%). Esistono, però, anche delle aree con un andamento stabile: inparticolare Scienze matematiche si trova nelle prime tre posizioni sia nel 2003 (59,1%) che nel 2008(58,2%), mentre Scienze mediche si conferma l’area critica (penultimo posto nel 2003 con 29,7%;ultimo posto nel 2008 con 26,8%).Tabella 5.19 – Classificazione per area di dottorato del numero di occupati, della percentuale di occupati e della percentuale di lavoratori che ritengono fondamentale la formazione ricevuta (coorte 2003) Numero % fonda- Codice Area % occupati occupati mentale 1 Ingegneria civile e Architettura 55 90,9% 31,9% 2 Ingegneria dellinformazione 49 95,9% 53,5% 3 Ingegneria industriale 77 93,5% 36,4% 4 Scienze agrarie 49 83,7% 39,5% 5 Scienze biologiche 111 91,0% 35,9% 6 Scienze chimiche 80 97,5% 56,8% 7 Scienze della terra 61 83,6% 36,2% 8 Scienze dellantichità e filologico-letterarie 81 87,7% 45,9% 9 Scienze delle attività motorie e discipline sport. 0 10 Scienze economiche (aziendali) 34 88,2% 60,0% 11 Scienze economiche (socio-politiche) 34 100,0% 35,5% 12 Scienze fisiche 82 91,5% 49,3% 13 Scienze giuridiche 52 86,5% 31,6% 14 Scienze informatiche 2 100,0% 50,0% 15 Scienze matematiche 25 96,0% 59,1% 16 Scienze mediche 137 92,7% 29,7% 17 Scienze pedagogiche 8 87,5% 33,3% 18 Scienze politiche e sociali 26 84,6% 57,9% 19 Scienze psicol., geogr. e demoetnoantropol. 22 86,4% 37,5% 20 Scienze statistiche 13 100,0% 50,0% 21 Scienze storiche e filosofiche 34 82,4% 32,1% 22 Scienze storico-artistiche 19 89,5% 71,4% 23 Scienze veterinarie 25 84,0% 27,8% Tutte le aree 1076 90,6% 41,5% 148
    • Tabella 5.20 – Percentuale di occupati e percentuale di lavoratori che ritengono fondamentale la formazione ricevuta (coorte 2003 vs coorte 2008) a % occupati % fondamentale a Area 2003 2008 Diff. 2003 2008 Diff. Ingegneria civile e Architettura 90,9% 83,4% -7,5% 31,9% 32,6% 0,7% Ingegneria dellinformazione 95,9% 91,1% -4,8% 53,5% 41,8% -11,7% Ingegneria industriale 93,5% 90,3% -3,2% 36,4% 49,7% 13,3% Scienze agrarie 83,7% 86,1% 2,4% 39,5% 51,1% 11,6% Scienze biologiche 91,0% 84,2% -6,8% 35,9% 42,9% 7,0% Scienze chimiche 97,5% 88,6% -8,9% 56,8% 36,8% -20,0% Scienze della terra 83,6% 85,6% 2,0% 36,2% 41,4% 5,2% Scienze dellantichità e filologico-letterarie 87,7% 75,0% -12,7% 45,9% 34,3% -11,6% Scienze delle attività motorie e discipline sport. 90,0% 44,4% Scienze economiche (aziendali) 88,2% 89,2% 1,0% 60,0% 34,4% -25,6% Scienze economiche (socio-politiche) 100% 90,0% -10,0% 35,5% 42,3% 6,8% Scienze fisiche 91,5% 93,1% 1,6% 49,3% 49,5% 0,2% Scienze giuridiche 86,5% 79,0% -7,5% 31,6% 37,6% 6,0% Scienze informatiche 90,0% 58,8% Scienze matematiche 96,0% 88,1% -7,9% 59,1% 58,2% -0,9% Scienze mediche 92,7% 85,3% -7,4% 29,7% 26,8% -2,9% Scienze pedagogiche 84,6% 43,8% Scienze politiche e sociali 84,6% 90,6% 6,0% 57,9% 40,9% -17,0% Scienze psicol., geogr. e demoetnoantropol. 86,4% 88,6% 2,2% 37,5% 39,1% 1,6% Scienze statistiche 100% 91,7% -8,3% 50,0% 50,0% 0,0% Scienze storiche e filosofiche 82,4% 73,8% -8,6% 32,1% 33,9% 1,8% Scienze storico-artistiche 89,5% 75,0% -14,5% 71,4% 30,2% -41,2% Scienze veterinarie 84,0% 80,0% -4,0% 27,8% 48,8% 21,0% Tutte le aree 90,6% 83,9% -6,7% 41,5% 39,7% -1,8% a Percentuale omessa qualora il sottoinsieme abbia numerosità inferiore a 10 La Tabella 5.21 mette a confronto il profilo occupazionale 2003 con quello 2008,evidenziando una notevole stabilità: infatti, le percentuali dei vari settori sono simili e le variazionidi rilievo sono interne ai settori e legate alla diversa posizione gerarchica. Ad esempio, gliuniversitari sono il 44,7% nella coorte 2003 e il 42,2% nella coorte 2008, ma la composizione è bendiversa: mentre i dottori 2003 che lavorano nell’università sono in prevalenza ricercatori di ruolo(pochi, comunque, i professori), i dottori 2008 sono in prevalenza assegnisti o borsisti. La miglioreposizione dei dottori 2003 è compatibile con il maggior periodo di tempo trascorso dalconseguimento del titolo. Praticamente invariata è la quota di dirigenti, quadri o impiegati (21,6%tra i dottori 2003 e 21,9% tra i dottori 2008), ma anche in questo caso cambia la composizione (tra idottori 2008 vi sono più impiegati e meno dirigenti e quadri). Non vi sono variazioni di rilievo nellaquota di dottori che lavorano come ricercatori nel settore pubblico non universitario. Da segnalare,infine, che passando dai dottori 2003 ai dottori 2008 aumentano i lavoratori autonomi (da 10,4% a12,5%) e i ricercatori nel settore privato (da 2,5% a 4,0%), mentre diminuiscono i docenti dellascuola (da 8,5% a 5,5%). 149
    • Tabella 5.21 – Profilo occupazionale e percentuale di coloro che ritengono fondamentale la formazione ricevuta (coorte 2003 vs coorte 2008) a Percent. di colonna % fondamentale Profilo occupazionale 2003 2008 Diff.a 2003 2008 Diff. lavoratore autonomo 10,4% 12,5% 2,1% 15,4% 26,9% 11,5% dirigente 5,9% 4,6% -1,4% 23,1% 12,3% -10,8% direttivo / quadro 4,8% 3,1% -1,7% 21,4% 13,8% -7,6% impiegato o intermedio 10,9% 14,3% 3,3% 15,6% 11,6% -4,0% ricercatore nel settore privato 2,5% 4,0% 1,5% 36,4% 36,1% -0,3% assegnista / borsista 8,4% 34,3% 25,9% 56,8% 64,0% 7,2% ricercatore universitario a tempo determinato 5,7% 4,5% -1,2% 62,0% 62,0% 0,0% ricercatore universitario di ruolo 28,6% 3,0% -25,6% 68,1% 68,5% 0,4% professore universitario associato 2,1% 0,3% 66,7% professore universitario ordinario 0,0% 0,1% ricercatore (settore pubblico non univ.) 5,2% 5,0% -0,2% 45,7% 52,3% 6,6% primo ricercatore (settore pubblico non univ.) 0,3% 0,1% dirigente di ricerca (settore pubblico) 0,3% 0,1% docente alle scuole medie inferiori 2,5% 1,9% -0,6% 9,1% 0,0% -9,1% docente alle scuole medie superiori 6,0% 3,6% -2,4% 5,7% 1,8% -3,9% Altro 6,4% 8,6% 2,2% 41,1% 25,0% -16,1% Totale 100% 100% 41,5% 39,7% -1,8% a Percentuale omessa qualora il sottoinsieme abbia numerosità inferiore a 10 In merito alla percentuale di coloro che ritengono fondamentale la formazione ricevuta,passando dai dottori 2003 ai dottori 2008 si ha una modesta riduzione (da 41,5% a 39,7%). I profilida ricercatore universitario (a tempo determinato o di ruolo) hanno valori stabili. Al contrario,aumenta la percentuale di fondamentale tra gli assegnisti/borsisti (da 56,8% a 64,0%): il più bassovalore dei dottori 2003 potrebbe essere legato al fatto che, dopo sette anni, una posizione precaria èanomala. Concludiamo l’analisi sui dottori 2003 replicando il modello di regressione logisticamultilivello, dove le unità di secondo livello sono le aree. Il modello nullo fornisce una deviazionestandard a livello di area ampiamente significativa, con una stima pari a 0,309, che è vicina allastima 0,262 ottenuta dalla coorte 2008. La Tabella 5.22 mette a confronto le distribuzioni delle variabili esplicative nel 2003 e nel2008. I dottori già occupati al conseguimento del titolo passano dal 41,2% al 50,6% e analogamentei dottorandi senza borsa passano dal 17,4% al 30,1%. Questi valori suggeriscono che l’espansionein termini numerici dei dottorati di ricerca è andata in parte a scapito della qualità degli stessi, inquanto le analisi condotte in questa sede hanno mostrato che i risultati migliori, in termini diutilizzo della formazione ricevuta, sono ottenuti da studenti tradizionali che non lavorano eusufruiscono di una borsa. In particolare, appare preoccupante la percentuale di coloro che 150
    • attualmente hanno lo stesso lavoro che svolgevano al conseguimento del titolo, passata dal 20,3%della coorte 2003 al 35,0% della coorte 2008. Ad eccezione dello svolgimento di un periodo all’estero (passato dal 36,9% al 40,2%), lacoorte 2008 è caratterizzata da valori più sfavorevoli delle variabili esplicative e quindi la minorpercentuale di utilizzo della formazione (passata dal 41,5% al 39,7%) potrebbe essere interamentespiegata dalla diversa struttura della coorte. A questa domanda possiamo rispondere confrontando irisultati del modello logistico a intercetta casuale per la coorte 2008 (Tabella 5.13) con icorrispondenti risultati per la coorte 2003 (Tabella 5.23). Per il profilo di base (dottore nonoccupato al titolo, che durante il dottorato è stato titolare di borsa di studio, non ha svolto attivitàlavorative non pertinenti e non ha trascorso periodi all’estero), la probabilità di utilizzare in modofondamentale la formazione ricevuta passa dal 48,8% della coorte 2003 al 49,3% della coorte 2008:dunque, una volta controllato per le variabili esplicative, le due coorti hanno percentuali moltosimili.Tabella 5.22 – Variabili esplicative del modello di regressione (coorte 2003 vs coorte 2008) Dottori 2003 Dottori 2008Variabile esplicativa (N=881) (N=3036)Non occupato al titolo 58,8% 49,4%Occupato al titolo, ora lavoro diverso 20,9% 15,6%Occupato al titolo, ora stesso lavoro 20,3% 35,0%Lavoro non attinente durante dottorato 19,6% 23,7%Non titolare di borsa per dottorato 17,4% 30,1%Periodo allestero durante dottorato 36,9% 40,2%Tabella 5.23 – Risultati del modello logistico a intercetta casuale per l’analisi dell’utilizzo della formazione ricevuta durante il dottorato – coorte 2003 (livello 2: aree di dottorato; modello con variabili esplicative a livello di dottore)Parametri del modello Stima Err.Std. p-value Prob.Intercetta (profilo di base) -0,197 0,132 0,137 48,8%VARIABILI ESPLICATIVE DEL DOTTORE Non occupato al titolo cat.rif. Occupato al titolo, ora lavoro diverso -0,358 0,182 0,050 40,0% Occupato al titolo, ora stesso lavoro -0,824 0,203 0,000 29,5% Lavoro non attinente durante dottorato -0,411 0,192 0,032 38,7% Non titolare di borsa per dottorato -0,168 0,202 0,405 44,6% Periodo allestero durante dottorato 0,545 0,148 0,000 62,2%DEVIAZIONE STANDARD A LIVELLO DI AREA 0,263 0,032 Area inefficace (-2 deviazioni std.) 36,0% Area efficace (+2 deviazioni std.) 61,7% 151
    • Gli effetti delle variabili esplicative hanno lo stesso segno nelle due coorti, ma nella coorte2003 lo svolgimento di un lavoro non attinente durante il dottorato e l’assenza di borsa di studiohanno effetti attenuati (addirittura non significativo quello relativo alla borsa). Dunque, passandodalla coorte 2003 alla coorte 2008 si registra da un lato un aumento dei senza borsa (da 17,4% a30,1%), dall’altro un incremento dell’effetto negativo dell’assenza di borsa (meno 4,2 puntipercentuali nella coorte 2003, che diventano meno 12 punti nella coorte 2008). Questi valoriconfermano che l’aumento della quota di dottorandi senza borsa è uno degli aspetti negatividell’espansione numerica dei dottorati. Il modello nullo e quello con variabili esplicative possono essere usati per stilare graduatoriedi efficacia delle aree, rispettivamente al lordo e al netto delle variabili esplicative. La Tabella 5.24riporta le graduatorie relative alla coorte 2003 (le graduatorie relative alla coorte 2008 sono inTabella 5.14). Gli effetti lordi confermano i risultati già commentati sulla base delle statistiche descrittive.Anche nella coorte 2003 l’area critica è quella delle Scienze mediche, sebbene il valore lordo −1,49non scenda al di sotto di −2 e quello netto sia attenuato (−1,12).Tabella 5.24 – Graduatorie di efficacia delle aree in base alle medie a posteriori degli effetti casuali – coorte 2003 (valori standardizzati, posizione riferita alla graduatoria da modello nullo) Effetti netti Effetti lordi (modello con Posiz. Area (modello var. nullo) esplicative) 22 Scienze mediche -1,49 -1,12 21 Scienze veterinarie -1,09 -1,27 20 Ingegneria civile e Architettura -1,04 -0,81 19 Scienze giuridiche -1,01 -0,98 18 Scienze storiche e filosofiche -0,88 -1,04 17 Scienze biologiche -0,73 -1,02 16 Ingegneria industriale -0,63 -0,35 15 Scienze della terra -0,61 -0,74 14 Scienze economiche (socio-politiche) -0,61 -1,02 13 Scienze pedagogiche -0,43 -0,15 12 Scienze psicol., geogr. e demoetnoantropol. -0,35 -0,25 11 Scienze agrarie -0,27 -0,10 10 Scienze informatiche 0,21 0,21 9 Scienze dellantichità e filologico-letterarie 0,36 0,64 8 Scienze statistiche 0,47 0,14 7 Scienze fisiche 0,72 0,40 6 Ingegneria dellinformazione 1,04 0,61 5 Scienze politiche e sociali 1,14 1,34 4 Scienze matematiche 1,28 1,37 3 Scienze economiche (aziendali) 1,41 1,44 2 Scienze chimiche 1,50 1,63 1 Scienze storico-artistiche 1,90 2,13 152
    • 6 Prospettive occupazionaliIntroduzioneCome sottolineato nell’introduzione di questo Rapporto, la carriera accademica ha rappresentato, erappresenta ancora oggi, lo sbocco occupazionale privilegiato dei dottori di ricerca. Da taleconstatazione emerge la necessità, quando si vuol trattare di prospettive occupazionali dei dottori diricerca, di fornire un quadro della situazione attuale e della possibile evoluzione del sistemauniversitario italiano quale mercato di assorbimento dei dottori di ricerca. Prima di affrontare il tema si ritiene comunque utile richiamare lattenzione sul fenomenodellover-education riprendendo sinteticamente alcuni tra i contributi più significativi forniti daglistudiosi negli anni più recenti. Una problematica, quella dellover-education, che travalica i confininazionali e che interessa ormai la quasi totalità dei Paesi industrializzati.6.1 Over-qualification e over-educationL’educational mismatch indica la situazione in cui il lavoratore possiede un livello di istruzione,rappresentato dagli anni di studio o dal titolo conseguito, diverso da quello richiesto dall’attivitàlavorativa svolta. In particolare, si parla di under-education quando il livello di istruzione èinferiore a quello richiesto e di over-education quando è superiore. Tra i due tipi di mismatchl’over-education è quello oggetto di maggiore ricerca teorica ed empirica, in quanto più interessanteper le implicazioni in termini di teoria del capitale umano e allocazione delle risorse (terminialternativi, meno utilizzati ma forse più appropriati, sono over-qualification e over-schooling) 9. Gli studi empirici si basano su un collettivo di lavoratori o su un collettivo di individui con undeterminato titolo di studio, spesso un collettivo di laureati. Solitamente gli studi empirici hanno ilduplice obiettivo di stimare il tasso di over-education e le sue conseguenze su uno o più dei seguentiaspetti: salario (l’aspetto di gran lunga più studiato), carriera, soddisfazione, produttività. Nella maggior parte delle indagini i lavoratori sovra-qualificati sono tra il 15% e il 35% e ilrischio tende a crescere con il livello di istruzione. In particolare, i laureati sovra-qualificati sonointorno al 30% e questo tasso sembra aver risentito poco del notevole incremento del numero dilaureati registrato negli anni ’90.I due principali modi di definire e misurare il livello di istruzione richiesto per il lavoro svolto sono(Hartog, 2000): a. l’analisi delle mansioni lavorative da parte di analisti del lavoro (Job Analysis); b. l’auto-valutazione da parte del lavoratore (Worker self-Assessment).9 Molto interessante al riguardo è un recente contributo di Trivedi (2006). 153
    • Il primo approccio è oggettivo ed in principio preferibile. Tuttavia, l’analisi accurata dellemansioni lavorative è un’operazione lunga e complessa e necessita di continui aggiornamenti, percui in pratica è raro poter disporre di un’analisi completa ed aggiornata. Inoltre, una limitazionedella Job Analysis è che all’interno delle tipologie lavorative esiste spesso un grado di eterogeneitànelle mansioni effettivamente svolte dai lavoratori. Le misure soggettive basate sull’auto-valutazione da parte del lavoratore sono facilmenteottenibili e sono caratterizzate da una flessibilità che consente di cogliere il fenomeno della sovra-qualificazione in ogni situazione, al di là degli aspetti formali. Naturalmente, come per ognivalutazione soggettiva, esistono molte possibili scale di misurazione. Inoltre, la valutazione dellacongruenza tra mansioni lavorative e titolo di studio può dipendere dalle aspettative e dallaformazione culturale del soggetto. Un ulteriore problema è legato alla differenza tra titolo richiestoper svolgere il lavoro e titolo richiesto per accedere al lavoro: infatti, quando vi è abbondanza dicandidati sovra-qualificati, le aziende tendono ad aumentare i requisiti per l’assunzione comemodalità per selezionare candidati migliori. Nella valutazione soggettiva alcuni lavoratoripotrebbero confondere i requisiti effettivi con quelli formalmente richiesti per l’assunzione. In letteratura si trovano altre misure di over-education, di utilizzo poco frequente mainteressanti perché forniscono altri punti di vista del fenomeno. Una misura statistica introdotta daVerdugo e Verdugo (1989) si basa sugli abbinamenti osservati tra tipo di lavoro e livello diistruzione (Realized Matches), in cui il livello di istruzione richiesto per un certo tipo di lavoro èdeterminato in base ai livelli di istruzione effettivi dei lavoratori (ad es. la media della distribuzionedel numero di anni di istruzione di tutti coloro che svolgono un certo tipo di lavoro). Un’altramisura di over-education si basa sul confronto tra il salario reale e il salario potenziale determinatoin base alla frontiera di produzione (Jensen, 2003, Guironnet e Peypoch, 2007). Per quanto riguarda gli effetti dell’over-education sul salario, gli studi empirici tipicamentemirano a stimare i coefficienti del modello ORU (O=over-educated, R=required, U=under-educated) di Duncan e Hoffman (1981): log Salario = X β + γ R S R + γ O SO + γ U SU + erroredove SR sono gli anni di studio richiesti per il lavoro svolto, mentre SO e SU sono, rispettivamente,gli anni in eccesso e in deficit. I regressori X includono altre determinanti del salario qualil’esperienza e varie caratteristiche socio-demografiche. Quasi tutte le analisi empiriche hanno trovato che il rendimento degli anni in eccesso γO èpositivo ma inferiore al rendimento degli anni richiesti γR (usualmente si va da 1/2 a 2/3). L’effettodell’istruzione in eccesso sul salario si presta dunque a due interpretazioni: 1) confrontati con coloroche svolgono lo stesso tipo di lavoro, i lavoratori sovra-qualificati hanno un salario maggiore(premio salariale); 2) confrontati con coloro che hanno lo stesso tipo di istruzione, i lavoratorisovra-qualificati hanno un salario inferiore (penalità salariale). Dal punto di vista metodologico si rileva che gli studi empirici sono quasi esclusivamentebasati su dati cross-section, per cui risulta difficile analizzare l’evoluzione temporale degli effettidell’over-education e, più in generale, controllare in modo soddisfacente l’eterogeneità individuale. 154
    • A questo proposito è emblematico l’articolo di Bauer (2002) che analizza dati panel relativi allaGermania: applicando modelli per dati panel in grado di controllare l’eterogeneità individuale nonosservata, l’autore ottiene risultati sostanzialmente diversi da quelli usuali derivati da dati cross-section. In particolare, il rendimento degli anni in eccesso γO non è significativamente diverso dalrendimento degli anni richiesti γR. La letteratura sulla sovra-qualificazione può essere fatta risalire a Freeman (1976) cheevidenzia il calo delle remunerazioni per i diplomati nei college statunitensi durante gli anni ’70rispetto ai periodi precedenti, discutendone le implicazioni per la decisione di investire inistruzione. L’analisi delle conseguenze sul salario inizia con il cosiddetto modello ORU (Over,Required and Under-education) di Duncan e Hoffman (1981), che estendono l’equazione salarialedi Mincer (1974). Mentre nell’equazione minceriana il salario dipende dal titolo di studio edall’esperienza, nel modello ORU l’investimento in formazione è scomposto in due parti: il titolo distudio richiesto e il surplus o il deficit di conoscenze determinato dal confronto rispetto al titolo distudio posseduto. A partire dall’articolo di Duncan e Hoffman (1981) la letteratura sull’over-education è si ènotevolmente arricchita con contributi sia teorici che, soprattutto, empirici. Infatti, le peculiarità deisistemi educativi e dei mercati del lavoro dei vari paesi richiedono analisi empiriche separate, cheusualmente confermano gli aspetti fondamentali pur in presenza di stime di diverso ordine digrandezza.Per un quadro d’insieme del fenomeno è utile far riferimento ad alcune edizioni speciali di riviste dieconomia quali Economics of Education Review (Oosterbeek, 2000) e Australian Economic Review(Mavromaras e McGuinness , 2007). In particolare, Hartog (2000) fornisce un quadrometodologico, mentre Groot e Maassen van den Brink (2000) comparano 25 studi empirici con unameta-analisi, rivista ed estesa da Rubb (2003). La letteratura sull’over-education è molto vasta e in parte interdisciplinare: effettuando unaricerca con la parola “over-education” e limitatamente agli ultimi 5 anni, il Social Sciences CitationIndex (ISI) fornisce un elenco di 70 documenti, di cui 46 appartenenti alla categoria “Business &Economics” ed altri riconducibili a sociologia, scienze dell’educazione e psicologia. Di seguito si procede ad una rassegna la letteratura economica più recente, individuandoalcuni filoni di ricerca.Over-education e salarioGli autori Mendes de Oliveira, Santos e Kiker (2000) intendono verificare due ipotesicontrapposte che riguardano l’impatto dell’over-education e under-education sui salari.La prima tesi asserisce che la condizione di under-education è il risultato di un processo in cui ilcapitale acquisito nel mercato sostituisce le insufficienti qualifiche fornite dal livello educativo,mentre la condizione di over-education è associata ad un eccesso di istruzione. La seconda tesi sostiene che i cambiamenti nel livello tecnologico della produzione e delmarketing spiegano perché alcuni lavoratori finiscono per avere un livello educativo inadeguatorispetto alle mansioni che essi devono svolgere, mentre allo stesso tempo altri con le stessemansioni ma più istruiti sono considerati over-educated. 155
    • Attraverso la stima di un modello di regressione lineare per il logaritmo delle ore lavorate, suun campione di imprese portoghesi raccolto nel 1991 dal Ministero dell’Impiego Portoghese,trovano che la prima ipotesi è coerente con la situazione economica del paese, caratterizzata da fortispinte atte a promuovere la crescita economica, a modernizzare la struttura industriale e aaggiornare il livello educativo alle richieste del mercato del lavoro. Nel suo lavoro Vahey (2000) studia la discrepanza tra le richieste di competenze da parte delmondo del lavoro e il livello educativo dei lavoratori. Lo studio viene svolto attraverso l’impiego diun modello di regressione sui livelli di guadagno, utilizzando dati provenienti dall’indaginenazionale della “Class Strucuture e Labour Process del Canada”. L’autore intende stimate i profittisul mismatch educativo. L’analisi evidenzia un effetto positivo sull’over-education per i maschi neilavori che richiedono una laurea universitaria, mentre effetti non significativi per gli altri livellieducativi. Inoltre esiste una correlazione positiva tra pagamenti per i maschi under-educated e ilavori che richiedono un livello educativo più basso. Per il genere femminile i profitti sull’over eunder-education non sono affatto significativi per nessuno dei livelli di educazione richiesta. Voon e Miller (2005) affrontano il problema del mismatch tra il livello educativo deilavoratori e il livello di competenze richieste nelle attività lavorative svolte dai lavoratori stessilimitatamente al mercato del lavoro in Australia, e utilizza un campione estratto dal censimentodella popolazione condotto nel 1996. Questo studio analizza anche il problema degli effetti delmismatch nei confronti dei livelli stipendiali e in particolare sul grado di incidenza nelle differenzesalariali presenti tra il genere maschile e quello femminile. Dall’analisi emerge che circa il 15,8% degli uomini e il 13,6% delle donne sono over-educated, mentre circa il 18,5% delle donne e il 13,7% degli uomini sono under-educated. Una grossa incidenza sulle differenze nei guadagni sono dovute alla presenza del mismatch, eil livello di istruzione superiore conduce a miglioramenti relativamente contenuti. Dai risultatiemerge che nel mercato del lavoro Australiano le differenze nei salari tra lavoratori maschi efemmine non dipendono tanto del mismatch quanto piuttosto da regole discriminatorie dettate dalmercato stesso. Nel lavoro di Wirz e Erdal (2005) viene affrontato il problema delle determinanti dell’ over-education (over-qualification) in un assetto macroeconomico in cui è presente un accesso didomanda di lavoro qualificato. L’analisi riguarda un caso studio del paese Svizzero, analizzatoutilizzando un modello probit. Dai risultati dell’analisi emerge che l’over-qualification nel mercato del lavoro svizzero nonpuò essere spiegato da eventuali rigidità e discriminazioni presenti nel mercato. La presenza dirigidità nelle regolamentazioni del mercato non limita l’efficienza allocativa dell’offerte di capitaleumano specialmente per coloro che hanno un livello educativo adeguato al lavoro che svolgono. Il mercato del lavoro in Svizzera deve essere considerato in generale efficiente. La presenza dieterogeneità non osservata dovrebbe invece tenere conto del fenomeno del over-qualification / over-education. L’analisi è stata eseguita su un panel del 1999 di famiglie Svizzere. Van der Meer (2006) propone un nuovo metodo per validare e confrontare due misure divalutazione del livello educativo richiesto già esistenti sviluppate dagli analisti del lavoro. Unamisura meno recente è quella del codice di livello del lavoro proposta da Conen, Huijgen e 156
    • Riesewijk (1983); essi hanno utilizzato informazioni dettagliate sull’occupazione fornite dalMinistero Tedesco degli Affari Sociali e dell’Impiego. L’altra misura più nuova è basata su unsistema di classificazione dell’occupazione sviluppato dall’Istituto Statistico Olandese nel 1992 eche racchiude informazioni sul livello del lavoro che può essere ricondotto al livello di educazionerichiesto. La proposta si basa sull’impiego di un modello di regressione ORU stimato per tre differentigruppi: un gruppo di individui il cui livello di istruzione coincide perfettamente con il livelloeducativo richiesto dal mercato; mentre gli altri due gruppi formati rispettivamente da individuiover-educated e under-educated. Quinn e Rubb (2006) affrontano il problema del rapporto tra livello di istruzione e livello dioccupazione nei paesi in via di sviluppo. Poiché i livelli di istruzione dei lavoratori e il livello dieducazione richiesto dalle loro posizioni occupazionali influiscono sui salari, potrebbe essere utileai decisori politici sapere se esiste discrepanza tra queste due situazioni se essa influenza sui salari ese sia possibile evitarla. Gli autori mediante un’analisi di regressione svolta su dati cross section relativi agli anni1987 - 1999 raccolti nell’ambito di un progetto sulla migrazione messicana, dimostrano che perottenere i massimi benefici economici dall’incremento nei livelli educativi un paese in via disviluppo deve necessariamente incrementare anche i livelli occupazionali. Inoltre dimostrano chenel mercato del lavoro Messicano esiste una correlazione positiva tra livello educativo e livellosalariale. I risultati dell’analisi suggeriscono l’impiego delle misure adottate dell’Istituto StatisticoOlandese che sono più adatte a stimare l’ammontare e l’incidenza dell’over e under education. Budria e Moro-Egido (2008) analizzano l’effetto dell’over-education sul salario dei laureatiricorrendo ai dati dell’European Community Household Panel per la Spagna (1994-2001). I risultatidella regressione quantilica mostrano che ad un più elevato livello di istruzione è associata unamaggiore dispersione dei salari e che l’over-education contribuisce ad allargare i differenzialisalariali. Dolton e Silles (2008) usano i dati relativi ai laureati di una università del Regno Unito perstudiare le determinanti dell’over-education e l’effetto sul salario. Gli autori impiegano diversemisure di over-education in modo da controllare l’errore di misurazione e concludono che la sovra-stima degli stimatori dei minimi quadrati ordinari è compensata da un’analoga sotto-stima risultantedall’errore di misurazione. Hong (2008) utilizza i dati di un’indagine sul cambiamento sociale a Taiwan (1997 e 2002)per analizzare le conseguenze dell’over-education sul salario, ottenendo risultati in linea con quellirelativi ai paesi occidentali, e sulla carriera, rilevando una penalizzazione per i lavoratori che siauto-classificano come sovra-qualificati. Nel suo lavoro Messinis (2008) vuole valutare le performance della seconda generazione diGreci-Australiani e di Italiani-Australiani nel mercato del lavoro Australiano. L’analisi si concentrasull’effetto sui guadagni settimanali dei lavoratori a tempo pieno, non solo dell’over-education eunder-education ma anche della conoscenza di una seconda lingua oltre all’inglese, dellecaratteristiche etniche diverse che si portano appresso questi individui di doppia nazionalità. 157
    • L’analisi viene svolta tramite l’impiego di un modello di regressione sui salari, utilizzando dei datiprovenienti da un’indagine condotta nel 2001 sul reddito e sul lavoro delle famiglie australiane. Irisultati mettono in luce che tra gli over-educated i greci australiani sono moltissimi; lo status diover-education è dovuto alla mancanza di nuove competenze che il lavoro richiede, alle condizionilavorative dei genitori, al fatto di non sapere parlare inglese perché nati fuori dal paese, e dacaratteristiche non osservate nel genere femminile. La conoscenza di un’altra lingua non sembradare particolari contributi ai guadagni dei singoli lavoratori; viene sempre meno l’uso della linguastraniera nella seconda generazione. Robst (2008) estende il concetto del mis-match dell’istruzione per includere sia la quantitàche il tipo di istruzione in una misura di distanza tra istruzione e lavoro. Gli effetti sui salariaumenta quando la distanza tra istruzione e lavoro aumenta, e ciò suggerisce la presenza diun’eterogeneità sia dell’istruzione che dei lavoratori tra gli over-educated. Questo lavoro analizzaanche il problema della trasferibilità delle abilità tra disciplina e occupazione e le motivazioni cheinducono ad accettare una certa posizione nel lavoro. Gli autori Romanov, Tur-Sinai e Eizman (2008) utilizzando un panel di dati che combinadue coorti di laureati universitari israeliani con i dati amministrativi di fonti relative al lavoro e aisalari, propongono un’analisi sull’effetto del turn over, delle capacità conoscitive e dalla continuitàdegli studi sulla possibilità di verificarsi una condizione di over-education e sulle dinamichesalariali. Lo studio produce diversi risultati interessanti: il primo è che il rapido cambiamento deltipo di lavoro ha un effetto negativo sull’incremento salariale del lavoratore e inoltre esiste unacorrelazione negativa tra il ruolo da impiegato e il numero degli impieghi negli anni successivi alcompletamento degli studi, e la probabilità di essere over-educated. Il secondo risultato evidenziache il contributo delle capacità conoscitive e delle competenze di reasoning quantitativo sullaprobabilità di diventare over-educated è negativo. Come terzo risultato gli autori ottengono che isalari degli impiegati over-educated sono circa dell’11% più bassi e crescono più lentamente diquelli di coloro il cui livello di istruzione è corrispondente ai requisiti richiesti dal lavoro chesvolgono. Infine, i lavoratori over-educated hanno meno propensione a continuare in studiaccademici di livello superiore rispetto a quello acquisito. Brynin e Longhi (2009) analizzano i dati di quattro paesi europei per stimare l’effettodell’over-education sul salario, distinguendo tra la durata dell’istruzione e il titolo ottenuto. Ilrisultato saliente è che il possesso di un titolo superiore a quello richiesto per il lavoro svoltousualmente genera un premio salariale, mentre non si rileva un premio associato al tempo speso inistruzione. Cainarca e Sgobbi (2009) studiano il fenomeno dell’educational mismatch in Italiautilizzando la banca dati OAC dell’ISFOL contenente i dati delle interviste, effettuate nel 2004 conla tecnica CAPI, di oltre 3600 lavoratori. In Italia l’abbinamento tra titolo di studio e caratteristichedel lavoro è migliore rispetto agli altri paesi dell’Europa continentale, ma vi è una prevalenzadell’under-education rispetto all’over-education. L’esame dei salari evidenzia una penalizzazione intermini relativi dell’over-education e una penalizzazione in termini assoluti dell’under-education,con andamenti variabili in base all’età. In particolare, solo per i lavoratori più anziani l’esperienzadi lavoro nell’azienda rappresenta un buon sostituto dell’istruzione formale. 158
    • Chevalier e Lindley (2009) analizzano gli effetti sul mercato del lavoro legati alconsiderevole aumento del numero di laureati registrato negli anni novanta nel Regno Unito, conparticolare attenzione al fenomeno dell’over-education. Gli autori propongono di definire l’over-education combinando una misura oggettiva basata sul tipo di lavoro e una misura soggettiva basatasu una auto-stima della congruenza tra titolo di studio e lavoro, giungendo ad una classificazione intre categorie di laureati: matched, over-educated apparenti (ovvero con un mismatch solo rispettoalla misura oggettiva) e over-educated genuini (ovvero con un mismatch rispetto ad entrambe lemisure). Confrontando le coorti precedenti e successive all’espansione degli anni novanta, laproporzione di laureati con titolo eccessivo è raddoppiata, ma la penalità sul salario è rimasta stabileed è sostanziale solo per gli over-educated genuini, che sembrano essere carenti soprattutto nellecompetenze non accademiche. Korpi e Tahlin (2009) utilizzano dati cross-sectional e panel tratti dalle indagini sul livello divita in Svezia negli anni 1974-2000. I risultati mostrano che i lavoratori over-educated, nella faseiniziale della loro carriera, subiscono una penalizzazione di salario che tende a permanere neltempo. Lin e Yang (2009) analizzano gli effetti dell’incremento del livello di istruzione a Taiwan,mostrando che l’incidenza dell’over-education è cresciuta notevolmente. Nel lavoro di Mavromaras, McGuinness e Fok (2009) viene studiata l’incidenza e gli effettisul salario della sovra capacità dei lavoratori in Australia. Dai risultati emerge che circa il 30%degli impiegati pensano di essere moderatamente sovra capaci e l’11% di essere fortementesuperiori nelle capacità. L’incidenza della discrepanza tra capacità e lavoro varia molto pocoquando si tratta di un insieme di lavoratori tutti suddivisi in classi secondo la tipologia diformazione ricevuta. Tenendo sotto controllo le caratteristiche del lavoro e la potenziale distorsionedovuta alla presenza di eterogeneità non osservata dell’individuo , si osserva che i lavoratori sovracapaci hanno una penalizzazione sul salario media di circa 10,2 %, con valori che variano dal 6%per gli impiegati con una formazione professionale fino ad un massimo del 20% per i laureati. McGuinness e Wooden (2009) svolgono un’analisi longitudinale su dati relativi a lavoratoriAustraliani per studiare quanto la sovra capacità e l’abilità sono utilizzate negli impieghi. I risultatimostrano che i lavoratori sovra capaci hanno maggiore probabilità di desiderare di lasciare i loroattuali lavori, ma sono anche sfiduciati nel cercare un tipo di lavoro migliore consono alle lorocapacità. Inoltre, alcune delle principali mobilità nel lavoro osservate tra i lavoratori sovra capacisono dovuti a separazioni dal lavoro involontarie, e anche la dove le separazioni sono volontarie lamaggior parte degli spostamenti non danno abbinamenti con le maggiori capacità. Van der Meer (2009) affronta il seguente tema: il livello ottimale degli investimentinell’educazione possono essere contraddistinti da due differenti approcci. Il primo tenta di spiegaree misurare gli effetti esterni al sistema educativo, mentre il secondo cerca di spiegare e misurare glieffetti dell’over-education. Entrambi gli approcci sono stati empiricamente valutati con equazionisalariali individuali. L’educazione oltre a comportare benefici personali ha anche effetti esterni chesono l’incremento della produttività dei lavoratori con livelli educativi inferiori, cioè coloro menoistruiti aumentano la loro produttività quando collaborano individui più istruiti. Questo effetto èconosciuto anche con il nome di spill over. 159
    • Questo lavoro ha dimostrato che equazioni sui salari simili possono essere formulate dainterpretazioni opposte in letteratura. Si tratta di un’analisi comparativa tra due approcci diversi.Una parte della letteratura sostiene che l’effetto del livello medio di educazione in una regione o inuna impresa può essere interpretato come un effetto esterno mentre un’altra posizione in letteraturasostiene che l’effetto del livello medio dell’educazione in un lavoro è interpretabile come tasso diprofitto proprio dell’individuo. Dai risultati dell’analisi empirica svolta basata su equazioni sulsalario emerge che l’approccio basato sugli effetti esterni e quello sull’over-education utilizzano lestesse equazioni empiriche sui salari per verificare implicazioni empiriche ma uno dei due non ècorretto per validare le sue implicazioni.Over-education e carrieraPer quanto riguarda la carriera e la mobilità, Sloane, Battu e Seaman (1999) hanno rilevatoretrospettivamente la carriera di un campione di lavoratori: i lavoratori over-educated fannoregistrare un maggior numero di cambiamenti di lavoro, senza peraltro beneficiare appieno delleopportunità offerte dalla mobilità. Con un approccio diverso, Groeneveld e Hartog (2004) hannoimpiegato i dati del personale di una grande impresa del settore energia e telecomunicazioni perstimare l’effetto di over e under-education (rispetto agli standard dell’azienda) su stipendio eprogressione di carriera. Nel mercato del lavoro interno all’azienda l’over-education migliora leprospettive di carriera, ma questo effetto positivo diminuisce all’aumentare dell’età del lavoratore.Inoltre, l’over-education sembra indurre una maggiore mobilità in quanto gli over-educated sonopresenti in percentuale maggiore tra i lavoratori che lasciano l’azienda rispetto a quelli che restanoin azienda. Van Smoorenburg e Van der Velden (2000) affrontano il problema della complementarietào sostituibilità tra le competenze acquisite durante la formazione scolastica e quelle acquisitedurante la formazione professionale. Gli autori stimano un modello di regressione logistica per laprobabilità di partecipare ad un addestramento nell’impresa su un campione di individui che entranoper la prima volta nel mercato del lavoro. I dati provengono da un indagine (STOA =Schoolverlaters tussen onderwijs en arbeidsmarkt) che studia i flussi uscita dal sistema educativo eingresso nel mercato del lavoro. I risultati sono diversi e piuttosto interessanti: 1. I lavoratori a tempo parziale e i nuovi diplomati o laureati che lavorano con contratti a termine hanno meno probabilità di partecipare a corsi di formazione professionale dell’azienda rispetto ai lavoratori a tempo pieno e quelli con un lavoro fisso. Questo risultato vale esattamente per entrambi i generi maschile e femminile. 2. Gli individui over-educated hanno meno probabilità di partecipare a corsi di formazione. Gli under-educated hanno probabilità più elevata, ma il loro tasso di partecipazione è comunque basso. 3. Coloro che lavorano in un settore diverso dalla loro formazione scolastica hanno più probabilità di partecipazione ai corsi di formazione aziendale di coloro che invece hanno un tipo di lavoro più consono alla loro formazione di base. 160
    • 4. Gli individui con formazioni simili che svolgono la stesso tipo di lavoro hanno sono più probabili di seguire un corso di formazione rispetto a lavoratori con formazioni dissimili tra loro. Ortiz e Kucel (2005) dimostrano che la tipologia di studio influenza la probabilità di essereover-educated, almeno nei paesi come la Spagna e la Germania. L’analisi viene svolta stimando unmodello di regressione logistica per la probabilità di essere over-educated definita secondo le varietipologie introdotte da Hartog (2000), su un campione di individui proveniente da un indagineeuropea sulle forze di lavoro per gli anni 2003-2005. La tipologia di studio deve essere un elemento da tenere in considerazione quando siaffrontano temi come la mobilità nello studio e mobilità sociale in generale.Over-education e soddisfazioneGarcia-Aracil e Van der Velden (2008) studiano il salario e il livello di soddisfazione di uncampione di giovani laureati europei, evidenziando che i lavori che richiedono competenzemetodologiche più elevate sono meglio pagati e danno origine ad una maggiore soddisfazione. Fleming e Kler (2008) usano i dati della prima intervista del panel australiano Household,Income and Labour Dynamics per studiare la relazione tra over-education e soddisfazione sullavoro, usando diverse misure di soddisfazione. I risultati mostrano che, sebbene i livelli disoddisfazione siano in generale elevati, i lavoratori over-educated mostrano livelli di soddisfazioneminori. Il lavoro di Verhaest e Omey (2008) esamina la relazione tra la condizione di over-educatione la soddisfazione nel lavoro applicando l’approccio del prezzo “ombra”. Lo scopo principale dellavoro è quello di valutare fino a che punto l’over-education è una condizione scelta e le eventualiconseguenze negative sulla produttività del lavoro. Per consentire di valutare meglio il significatoeconomico della relazione tra soddisfazione del lavoro e over-education vengono computati i prezziombra e i costi ombra. Il prezzo ombra dell’over-education è definito come l’incremento di salarionecessario per compensare i costi psicologici sostenuti per essere nella condizione di over-education. Il costo ombra è definito come l’incremento di salario necessario per compensare ladifferenza di utilità tra lavoratori over-educated e lavorati con un livello educativo adeguato in tipidi lavori con simili requisiti richiesti. Gli autori mediante un’analisi di regressione con un campione di dati su Flemish schoolleavers, dimostrano che le conseguenze dell’utilità dell’over-education sono molte e non possonoessere compensate da un consistente incremento stipendiale agli inizi del primo impiego. Almomento dell’ingresso del mercato del lavoro la condizione di over-educated è involontaria e tendea indurre costi sulla produttività. Le conseguenze negative dell’over-education diminuiscono conl’aumentare degli anni di esperienza lavorativa. 161
    • Over-education e produttivitàGli studi sulla produttività dei lavoratori sovra-qualificati sono pochi. Dopo l’articolo di Tsang(1987), il tema viene ripreso da Büchel (2000), che studia sia il livello di soddisfazione che laproduttività usando dati relativi alla Germania. I lavoratori sovra-qualificati hanno miglioricondizioni di salute, sono più orientati al lavoro e alla carriera, hanno maggiore probabilità dipartecipare alla formazione sul lavoro e tendono ad avere rapporti di lavoro di durata maggiore,mentre non emergono differenze significative in merito alla soddisfazione per il lavoro svolto. Nelcomplesso i risultati sono coerenti con il fatto che i lavoratori sovra-qualificati ricevono un premiosalariale per gli anni di istruzione in eccesso e spiegano la tendenza dei datori di lavoro ad assumeresistematicamente una parte di lavoratori sovra-qualificati. McGuinness (2008) utilizza la tecnica del Propensity Score Matching (PSM) per valutarequanto i costi dell’over-education sono stati sovra stimati come risultato di un’eterogeneità nonosservata della capacità in studi che adottano modelli di regressione OLS per i salari. Dallo studioemerge che le stime PSM sono molto più in linea con quelle ottenute con il metodo OLS, esuggeriscono che il fenomeno dell’over-education influenza il livello dei salari i costi diproduttività sugli individui e l’economia più in generale. Ramos, Suriñach e Artís (2009) analizzano il rapporto tra capitale umano e crescitaeconomica nei paesi dell’unione Europea. Utilizzando differenti indicatori del capitale umano gliautori stimano un modello di regressione sul PIL regionale. Dai risultati dell’analisi emerge che la performance economica delle diverse regioni europee èfortemente correlata con il fenomeno dell’over-education, rispetto ad altre misure sul capitaleumano. L’effetto dell’over-education sul guadagno di un individuo è ben noto: il guadagno èinferiore rispetto a quanto dovrebbe prendere per quel livello di educazione. Da questo studioemerge che i ritorni sull’istruzione sono negativamente correlati al livello di istruzione di unapopolazione e questo si verifica in tutti i paesi dell’Unione Europea. Inoltre, i lavoratori over-educated sono un’opportunità di essere un vantaggio rispetto a una generazione di lavori piùqualificati.Over-education e immigrazioneFernandez e Ortega (2008) studiano le caratteristiche dei lavori svolti dalle persone recentementeimmigrate in Spagna utilizzando i dati dell’Indagine sulle Forze Lavoro per il periodo 1996-2006.Rispetto ai nativi, nei primi cinque anni dall’arrivo gli immigrati mostrano tassi di partecipazione,di disoccupazione e di over-education più elevati; successivamente la differenza nei tassi dipartecipazione e di disoccupazione tende a svanire, mentre la maggiore incidenza dell’over-education sembra persistere. Nel lavoro di Wald e Fang (2008) si affronta il problema dell’over-education degliimmigranti nel mercato del lavoro canadese. L’analisi si svolge su dati provenienti da un indaginesugli impieghi e posti di lavoro condotta nel 1999 in Canada. Il lavoro presenta le prime stimecanadesi dei ritorni sugli anni di istruzione che dipendono dalle esigenze percepite nel lavoro.Rispetto ai lavoratori nati in Canada, i recenti immigrati hanno un’incidenza di over-education 162
    • relativamente più elevata e hanno profitti relativamente più bassi per quanto concerne gli eccessi diistruzione rispetto al lavoro. Lindley (2009) studia l’incidenza dell’over-education e l’effetto sul salario per nativi eimmigrati che hanno conseguito un titolo nel Regno Unito, separatamente per alcuni gruppi etniciminoritari. I risultati mostrano che, rispetto ai nativi, gli immigrati hanno una maggiore probabilitàdi essere sovra-qualificati.6.2 Il contesto di riferimento6.2.1 Evoluzione del personale docente dal 1998 al 2008I Rapporti sullo Stato del Sistema Universitario predisposti dal CNVSU presentano, tra laltro, unquadro molto articolato del personale docente delle università; in questa sede verranno ripresisoltanto alcuni dati finalizzati allindividuazione delle potenzialità di assorbimento dei dottori diricerca da parte del Sistema stesso Nella Tabella 6.1 sono riportati i dati relativi ai concorsi banditi successivamenteall’emanazione della legge 210/98; legge che ha cominciato a produrre i suoi effetti a partire dal1999. L’evoluzione della docenza per le singole aree scientifico-disciplinari nel periodo 1998-2008è riportata nelle Tabelle Tabella 6.2, Tabella 6.3, e Tabella 6.4, mentre nella Tabella 6.5 sonoriportati gli assegnisti di ricerca in servizio suddivisi per area disciplinare negli anni 2006, 2007 e2008.Tabella 6.1 - Sequenza dei bandi concorsuali dalla prima applicazione della legge 210/98 Sessioni Vincitori Chiamati dei bandi Bandi Posti a concorso Idonei PO+PA+R concorsuali U PO+PA di cui non accademici 1999 3847 3990 8009 3917 4092 320 2000 4914 5300 9544 5167 4376 475 2001 3416 4072 5169 3952 1215 138 2002 3855 4059 5559 3954 1591 184 2003 2129 2220 3033 2162 837 102 2004 3609 3793 5079 3688 1311 155 2006 1996 2070 2053 1991 40 2 2007 2893 2999 1116 1114 0 0 2008 2707 2718 0 0 0 0 Totale 34026 45815 30555 14864 1532Fonte: CNVSU (2009) e MIUR (2010) 163
    • Osservando i dati riportati nelle tabelle si rileva che dal 31 dicembre 1998 al 31 dicembre2008 il numero complessivo dei docenti di ruolo è aumentato di 12.842 unità (+ 25,7%) e riguardatutte le categorie dei docenti: + 5833 ordinari, + 163 associati, + 6.846 ricercatori, gli incrementipiù consistenti hanno riguardato i professori ordinari (+ 44,5%) e i ricercatori (+36,5%).Un’espansione questa che risulta, non solo fortemente squilibrata avendo determinato unaproporzione irragionevole tra le categorie di docenti 10, ma che è stata anche fortementecondizionata da elementi di contesto che hanno di fatto favorito, per un verso i cosi detti “candidatilocali”, per altro verso le progressioni di carriera a scapito dei nuovi ingressi. Per avere unaconferma del tutto evidente di quanto affermato basta osservare i dati riportati nelle tabelle Tabella6.6, Tabella 6.7 e Tabella 6.8.Tabella 6.2 - Personale docente e ricercatore dal 31 dicembre 1998 e al 31 dicembre 2008 per qualifica (valori assoluti e percentuali) 31.12.1998 31.12.2008 Ordinari Associati Ricercatori Totale Ordinari Associati Ricercatori Totale 13102 18102 18743 49947 18929 18256 25583 62768 incrementi 1999-2008 incrementi % 1999-2008 5830 159 6826 12725 44,5 0,9 36,5 25,7Fonte: CNVSU (2009)Le aree scientifico-disciplinari che hanno registrato gli incrementi più consistenti sono state: quelle di Scienze politiche e sociali (+93,4%), Scienze economiche e statistiche (+85,6%) e di Scienze storiche, filosofiche e pedagogiche (+80,2%), relativamente ai professori ordinari; quelle di Scienze Giuridiche (+36,6%), Scienze politiche e sociali (+16,4%), Scienze economiche e statistiche (+18,5%), mentre hanno registrato una riduzione le aree di Scienze chimiche (-18,8%), Scienze della terra (-14,2%), Ingegneria industriale e dell’informazione (-8,5%), Scienze fisiche (-7,4%) e Ingegneria civile e architettura (-6,2%), per i professori associati; quelle di Ingegneria industriale e dell’informazione (+78,1%), Scienze biologiche (+54,0%), Scienze politiche e sociali (+42,5%) e Scienze chimiche (+45,1%), per i ricercatori.10 Molto più ragionevole risulta essere la proporzione: 1 professore ordinario, 2 professori associati, 3 ricercatori. 164
    • Tabella 6.3 - Personale docente e ricercatore dal 1998 al 2008 per ruolo e area scientifico disciplinare Situazione al 31dicembre 1998 Situazione al 31dicembre 2008Area scientifico disciplinare peso peso PO PA RU Totale PO PA RU Totale area areaIngegneria civile e architettura 789 1281 1169 3239 6,5 1146 1201 1599 3946 5,5Ingegneria industr. e dellinformaz. 1127 1631 1092 3850 7,7 1817 1493 1945 5255 4,1Scienze agrarie e veterinarie 780 921 989 2690 5,4 1002 939 1325 3266 5,2Scienze biologiche 1198 1570 1521 4289 8,6 1490 1517 2342 5349 2,0Scienze chimiche 766 1280 887 2933 5,9 943 1040 1287 3270 8,5Scienze della terra 335 493 378 1206 2,4 363 423 474 1260 17,9Scienze antichità, filologico-letterarie e 1235 1739 2160 5134 10,3 1850 1795 2371 6016 5,2storico-artististicheScienze economiche e statistiche 974 1132 1173 3279 6,6 1808 1341 1761 4910 6,3Scienze fisiche 651 962 778 2391 4,8 804 891 888 2583 8,4Scienze giuridiche 1142 856 1468 3466 6,9 1846 1169 2066 5081 9,6Scienze matematiche e informatiche 768 1077 937 2782 5,6 1060 1092 1279 3431 8,5Scienze mediche 2121 3314 3948 9383 18,8 2584 3297 5384 11265 8,1Scienze politiche e sociali 271 439 530 1240 2,5 524 511 755 1790 7,8Scienze storiche, filosofiche, 939 1398 1707 4044 8,1 1692 1547 2107 5346 2,9pedagogiche e psicologicheTotale 13096 18093 18737 49926 100,0 18929 18256 25583 62768 100,0 Fonte: MIUR (2010) 165
    • Tabella 6.4 - Personale docente e ricercatore dal 1998 al 2008 per ruolo e area scientifico disciplinare (variazioni assolute e percentuali) Variazioni assolute Variazioni % Area scientifico disciplinare dicembre 2008 /dicembre 1998 dicembre 2008 /dicembre 1998 peso PO PA RU Totale PO PA RU Totale areaIngegneria civile e architettura 357 -80 430 707 5,5 45,2 -6,2 36,8 21,8Ingegneria industriale e dellinformazione 690 -138 853 1405 10,9 61,2 -8,5 78,1 36,5Scienze agrarie e veterinarie 222 18 336 576 4,5 28,5 2,0 34,0 21,4Scienze biologiche 292 -53 821 1060 8,3 24,4 -3,4 54,0 24,7Scienze chimiche 177 -240 400 337 2,6 23,1 -18,8 45,1 11,5Scienze della terra 28 -70 96 54 0,4 8,4 -14,2 25,4 4,5Sc. antichità, filologico-letterarie, storico-artistis. 615 56 211 882 6,9 49,8 3,2 9,8 17,2Scienze economiche e statistiche 834 209 588 1631 12,7 85,6 18,5 50,1 49,7Scienze fisiche 153 -71 110 192 1,5 23,5 -7,4 14,1 8,0Scienze giuridiche 704 313 598 1615 12,6 61,6 36,6 40,7 46,6Scienze matematiche e informatiche 292 15 342 649 5,1 38,0 1,4 36,5 23,3Scienze mediche 463 -17 1436 1882 14,7 21,8 -0,5 36,4 20,1Scienze politiche e sociali 253 72 225 550 4,3 93,4 16,4 42,5 44,4Scienze storiche, filosof., pedag. epsicologiche 753 149 400 1302 10,1 80,2 10,7 23,4 32,2Totale 5833 163 6846 12842 100,0 44,5 0,9 36,5 25,7Fonte: MIUR (2010)Tabella 6.5 - Assegnisti in servizio per area scientifico-disciplinareArea scientifico disciplinare 2006 2007 2008Ingegneria industriale e dellinformazione 1494 1873 1987Scienze mediche 1247 1487 1624Scienze biologiche 978 1143 1179Ingegneria e architettura 647 811 845Scienze agrarie e veterinarie 694 766 764Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche 612 733 758Scienze economiche e statistiche 585 712 702Scienze chimiche 616 713 687Scienze fisiche 547 655 651Scienze giuridiche 552 662 625Scienze dellantichità, filologico-letterarie e storico-artistiche 569 613 610Scienze matematiche e informatiche 375 426 404Scienze politiche e sociali 267 331 353Scienze della terra 315 328 315Area non specificata 336 256 282Totale 9834 11509 11786 Fonte: CNVSU (2009) 166
    • Tabella 6.6 - Idonei (ad agosto 2007), primi idonei chiamati e chiamati successivamente nel ruolo di professori ordinari e professori associati di cui nei di cui nei Idonei Anno Primi ruoli dei ruoli dei Idonei chiamati del Idonei docenti dello % docenti dello % al 17.08.07 successivam bando chiamati stesso stesso ente ateneo ateneo Professori ordinari 1999 3520 1168 1037 88,8 2352 2088 88,8 2000 2537 837 767 91,6 1700 1511 88,9 2001 851 401 357 89,0 432 389 90,0 2002 1176 565 535 94,7 588 538 91,5 2003 656 306 275 89,9 316 295 93,4 2004 1060 487 459 94,3 473 450 95,1 2005 1338 586 538 91,8 351 335 95,4 2006 170 146 134 91,8 3 3 100,0 Totale 11308 4496 4102 91,2 6215 5609 90,2 Professori associati 1999 2646 882 651 73,8 1741 1291 74,2 2000 4043 1317 ,059 80,4 2675 1958 73,2 2001 1484 704 524 74,4 763 566 74,2 2002 1940 943 712 75,5 974 732 75,2 2003 1026 497 373 75,1 495 376 76,0 2004 1574 746 562 75,3 722 523 72,4 2005 1911 940 731 77,8 548 397 72,4 2006 206 179 146 81,6 2 1 50,0 Totale 14830 6208 4758 76,6 7920 5844 73,8 Fonte: CNVSU (2007)Tabella 6.7 – Chiamate a professore ordinario: posizioni precedentemente occupate nei ruoli dei docenti PA RU Nessuna Totale Valori assolutiPrimi Idonei Chiamati 4377 52 67 4496Idonei Chiamati successivamente 5924 183 108 6215Idonei non chiamati al 17,08,07 499 13 34 546Totale 10800 248 209 11257 Valori percentualiPrimi Idonei Chiamati 97,4 1,2 1,5 100,0Idonei Chiamati successivamente 95,3 2,9 1,7 100,0Idonei non chiamati al 17,08,07 91,4 2,4 6,2 100,0 Fonte: CNVSU (2007) 167
    • Tabella 6.8 - Chiamate a professore associato: posizioni precedentemente occupate nei ruoli dei docenti RU Nessuna Totale Valori assolutiPrimi Idonei Chiamati 5248 960 6208Idonei Chiamati successivamente 6555 1365 7920Idonei non chiamati al 17,08,07 529 173 702Totale 12332 2498 14830 Valori percentualiPrimi Idonei Chiamati 84,5 15,5 100,0Idonei Chiamati successivamente 82,8 17,2 100,0Idonei non chiamati al 17,08,07 75,4 24,6 100,0 Fonte: CNVSU (2007)Tabella 6.9 - Concorsi per ricercatore Anno di cui riservati a Posti a di cui riservati a Concorsi del bando tecnici laureati concorso tecnici laureati 1999 1754 140 1893 152 2000 2689 933 3075 1220 2001 2248 535 2888 1058 2002 2273 284 2477 338 2003 1265 73 1354 83 2004 2283 125 2467 164 2005 2941 8 3078 12 2006 1556 4 1630 5 2007 1253 1 1309 1 2008 248 0 252 0 Totale 18510 2103 20423 3033 Fonte: CNVSU (2007), MIUR (2010)Tabella 6.10 - Distribuzione degli ex assegnisti di ricerca ora inquadrati nei ruoli del personale universitario al 1 luglio 2006 e al 1 luglio 2007 Ex – assegnisti nei ruoli Ex – assegnisti nei ruoliQualifica % % al 1 luglio 2006 al 1 luglio 2007Professore Ordinario 38 0,7 63 0,9Professore Associato 722 12,9 1010 14,6Ricercatori 4549 81,4 5415 78,2Tecnici e Amministrativi 282 5,0 435 6,3Totale 5591 100,0 6923 100,0 Fonte: CNVSU (2007) 168
    • Riguardo ai ricercatori (Tabella 6.9) il “localismo” a livello del tutto teorico sembra essersimanifestato ed esaurito nel corso del triennio 2000-2002; in realtà, son davvero rari i casi divincitori di concorso provenienti da sede diversa da quella che ha bandito il concorso. Significativial riguardo sono i dati emersi dallindagine: per la coorte dei dottori 1998 il 57,4% degli occupati avario titolo nelle università ha conseguito il dottorato nello stesso ateneo dimpiego; le percentualicorrispondenti per la coorte 2003 e 2008 sono, rispettivamente, pari a 60,1% e 64,4%. Sarebbeinteressante poter disporre di una tabella nella quale viene evidenziata la provenienza dei ricercatorise assegnisti o meno e, nel secondo caso, se già in sevizio nella stessa università. Tabella questa nonpredisposta dal CNVSU che fornisce, invece, dati altrettanto significativi (Tabella 6.10) dai qualiemerge in modo molto evidente un aspetto cui dedicare particolare attenzione, e cioè che, con iltrascorrere del tempo, l’assegno di ricerca, assume con sempre maggiore consistenza la natura dicanale preferenziale di reclutamento del personale docente dell’università. Canale questo chepresenta indubbi vantaggi, collegati soprattutto alla possibilità di una verifica delle potenzialità deigiovani che intendono dedicarsi all’attività di ricerca in ambito accademico, ma i cui svantaggi sonoanche del tutto evidenti: precariato, ingresso nel corpo docente in età avanzata e localismo.6.2.2 Uscite effettive e uscite previste del personale docente dal 1998 al 2008L’andamento delle uscite effettive di personale docente dalle università dal 2000 fino a luglio 2008sono riportate nella Tabella 6.11 e riproposte nella Figura 6.1, nella stessa figura sono evidenzianoanche le uscite “teoriche”, per raggiunti limiti di età. Se si osservano le due serie di dati (uscite effettive e uscite teoriche), si rileva che le usciteeffettive sono state sempre superiori (circa il doppio) di quelle previste.Tabella 6.11 - Uscite effettive e uscite previste per raggiunti limiti di età del personale docente (2000-2008) 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 Totale Uscite effettive 1023 1053 1073 1238 1101 1119 1368 1590 1819 11384 Uscite previste 386 406 423 432 473 560 596 743 729 4748 (regime ante 2008) Fonte: CNVSU (2009) Sulla base del quadro complessivo delle età del personale in servizio sono state stimare leuscite per raggiunti limiti di età fino al 2016 (Tabella 6.12 e Figura 6.2) del personale docente,mentre nella Tabella 6.13 è riportata la distribuzione percentuale del personale in uscita per areascientifica nel periodo 2009-2013. 169
    • Figura 6.1 - Uscite effettive e uscite previste per raggiunti limiti di età del personale docente (anni 2000 - 2008)Tabella 6.12 - Uscite previste per raggiunti limiti di età del personale docente per area scientifica nel periodo 2009-2016 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 Totale Uscite previste (regime ante 890 1131 1298 1464 1741 1934 1970 2456 12884 2008) Uscite previste (senza fuori 2074 2574 1586 1630 2237 2475 2454 2333 17363 ruolo e senza biennio) Uscite previste (con opzioni 1286 1162 1213 1408 1599 1479 1784 2317 12248 Legge 230/2005 - biennio) Fonte: CNVSU (2009) 170
    • Figura 6.2 - Uscite previste per raggiunti limiti di età del personale docente per area scientifica nei periodi 2009-2016 Fonte: CNVSU (2009)Tabella 6.13 - Uscite previste per raggiunti limiti di età del personale docente per area scientifica nel periodo 2009-2013N.B: Le percentuali sono state calcolate considerando il personale di ruolo presente al 30-04 2009.Fonte: CNVSU (2009) 171
    • Se si tiene conto delle differenze riscontrate, nel periodo 2000-2008, tra uscite previste perraggiunti limiti di età ed uscite effettive, si può ragionevolmente presumere, ipotizzando ilpermanere dei rapporti registrati nel periodo 2000-2008, che il dato relativo alle uscite previsto dalCNVSU rappresenti la soglia teorica minima di uscita: a partire dall’anno 2009, le uscite effettivedovrebbero collocarsi ad un livello decisamente più elevato fino a raddoppiarsi. Per il 2008 e per il 2009, tale ipotesi non è sostenibile trattandosi di anni di transizione consovrapposizioni della vecchia e della nuova normative; infatti, il dato sulle uscite effettive registratonel 2008 è risultato pari a 1819 unità rispetto 729 unità in uscita per raggiunti limiti di età previstesecondo la normativa ante 2008, 701 secondo la normativa con opzioni Legge 230/2005 e 1890 coneliminazione del fuori ruolo e del biennio opzionale per tutti. Se si ipotizzasse un turn-over integrale e, a partire dal 2009, un incremento di 1/3 delle usciteeffettive rispetto a quelle previste per raggiunti limiti di età le possibilità di occupazione per i neo-dottori sarebbero rappresentate da circa 2800 posti nel 2009, 3400 nel 2010, 2200 nel 2011, pocopiù di 3000 all’anno nel quadriennio 2012-2015 e 2300 nel 2016. Purtroppo, gli interventi legislativi più recenti vanificano le aspettative dei dottori di ricercariguardo alle prospettive d’ingresso nel mondo universitario. Infatti, se per un verso l’abolizionedella figura del professore fuori ruolo e l’eliminazione sostanziale della possibilità di rinviare di 2anni l’uscita dall’Università dei professori al raggiungimento del 70-esimo anno di età anticipano itempi di uscita, per altro verso, si deve sottolineare che gli interventi legislativi più recenti(riduzione del fondo di finanziamento ordinario, turn-over contenuto al 20%) riducono in manieradrastica il numero di possibili nuovi ingressi nel corpo docente. Al riguardo si segnala che nel 2008,a fronte di 1819 uscite effettive sono stati emanati solo 248 bandi per 252 posti di ricercatore, nel2009 i bandi sono stati 1333 per 1354 posti e nel 2010 (al 30 novembre) i bandi sono stati 586 per597 posti. Come si può ragionevolmente concludere, le prospettive occupazionali dei neo-dottori inambito universitario sono tutt’altro che rosee. Anche ipotizzando un turn-over integrale enell’ipotesi di uscita sopra richiamate, nel periodo 2011-2016, a fronte di circa 16000 posti che sirendono disponibili in ambito universitario si collocano circa 90000 dottori di ricerca. Infatti, allostato attuale delle conoscenze, il prevedibile numero di soggetti che conseguirà il titolo di dottorenel periodo 2010-2016 può ragionevolmente collocarsi sul livello di 13000 unità all’anno, a cui sidevono sommare gli oltre 12000 assegnisti attualmente in servizio presso le università e tutti coloroche hanno conseguito il titolo di dottore di ricerca anteriormente al 2010 pur non avendo trovatocollocazione in ambito universitario, come docenti od assegnisti, non hanno abbandonato ilproposito di intraprendere la carriera universitaria. Ma, come sottolineato ripetutamente nelle sedi più diversificate, anche se è vero che il titolo didottore di ricerca è finalizzato allo svolgimento di una attività di ricerca, questa non è caratteristicaesclusiva del mondo universitario; la ricerca viene svolta anche negli enti di ricerca pubblici eprivati e nel mondo delle imprese dove è attivo il settore ricerca e sviluppo. Non disponendo di dati sulle potenzialità di assorbimento dei dottori di ricerca in questicontesti, si può soltanto fare riferimento a quanto accertato in sede di indagine i cui risultati sonostati illustrati nelle pagine precedenti. Al riguardo si segnala, comunque, un dato molto significativo 172
    • sulle possibilità (potenziali ed effettive) di assorbimento da parte del mondo delle imprese.Nell’edizione 2010 del Rapporto Excelsior di Unioncamere le assunzioni previste di soggetti conformazione post laurea (master di 2° livello o dottorato) ammontano a 1648 nel settoredell’industria e 4938 nel settore dei servizi, a fronte di tali dati dalla rilevazione effettuata risultache tra coloro che hanno conseguito il titolo nel 2008 solo il 4,5% svolge attività di ricercatore nelsettore privato; per i dottori che hanno conseguito il titolo nel 2003 la percentuale scende al 2,8%. 173
    • 174
    • Considerazioni conclusiveIl dottorato di ricerca è stato introdotto nel sistema universitario italiano, quale terzo livello diformazione superiore, nel 1980 dal DPR dell11 luglio n. 382; la gestione dei dottorati erainteramente demandata a decreti ministeriali. Con lintroduzione dellautonomia universitaria (legge del 3 luglio 1998 n. 210 e decretoministeriale del 30 aprile 1999 n. 224), si perviene ad una abrogazione quasi integrale dellanormativa preesistente, assegnando alle singole università la potestà di decidere sulla istituzione deicorsi di dottorato, sulla fissazione degli obiettivi formativi, le modalità di accesso, laprogrammazione, la ripartizione del numero di dottorati e di borse, la costituzione dellecommissioni per la valutazione dei dottorandi e il conferimento del titolo. La nuova normativa, come si è avuto modo di illustrare nelle pagine precedenti, ha determinatouna eccessiva proliferazione e frammentazione dei corsi di dottorato, per sede e per disciplina (3124corsi di dottorato attivi nella.a. 2008/09), accompagnata da un incremento nel numero dei soggettiche conseguono il titolo di dottore di ricerca (da 2803 nel 1998 a 12136 nel 2008) che appareeccessivo, sia rispetto alle potenzialità del sistema universitario italiano di offrire corsi di livelloadeguato sia, soprattutto, se valutato alla luce della capacità di assorbimento del mercato (nazionaleed internazionale) del lavoro. A trenta anni dallistituzione, la valutazione che si può esprimere, anche sulla base di quanto èemerso dallanalisi qui condotta, non può che essere complessivamente negativa. Infatti, a fronte dipunte di indubbia eccellenza, poche, si collocano esperienze, molte, che non raggiungono il livellodella sufficienza. Inoltre, se si tiene conto della capacità di assorbimento del mercato del lavoroitaliano, soprattutto universitario, delle figure professionali di livello elevato, anche il giudizio piùche positivo sulle punte di eccellenza deve essere attenuato, poiché si tratta in molti casi di unaalimentazione del così detto “serbatoio dei cervelli in fuga”. A sostegno, seppure molto parziale, di quanto affermato si riportano di seguito in elenco ipunti critici più rilevanti, emersi dalle conclusioni cui si è pervenuti attraverso lanalisi dei datiraccolti. Problematiche su cui soffermare lattenzione e sulle quali, in molti casi, è possibileintervenire attivando politiche correttive finalizzate, se non alleliminazione, quantomenoallattenuazione delle criticità riscontrate. • Eccessiva proliferazione e frammentazione dei corsi di dottorato, accompagnata da un numero di soggetti che conseguono il titolo di dottore di ricerca che appare eccessivo rispetto alle capacità attuale di assorbimento del mercato, nazionale e internazionale, del lavoro. • A ragione degli obiettivi di formazione di eccellenza dei corsi di dottorato, i giudizi espressi dai rispondenti non si possono considerare del tutto soddisfacenti: se buono è il profilo dei professori e ricercatori, appena sufficiente è giudicata la didattica e discreta la preparazione alla ricerca. I giudizi simili nelle coorti 1998 e 2003, e scendono in media di circa 0,25 punti (su scala 1-10) nella coorte 2008, segnalando un peggioramento della qualità a fronte di un forte incremento del numero di soggetti che conseguono il titolo. 175
    • • Diminuzione relativa del numero di dottori titolari di borsa di studio (nelle tre coorti 1998, 2003 e 2008, si ha rispettivamente: 91% 82% 70%), associato ad un incremento di coloro che lavoravano al momento del conseguimento del titolo (36% 40% 47%). Molti dottori mantengono il lavoro che avevano al conseguimento del titolo (35% nella coorte 2008). Lincremento del numero dei dottorati ha interessato in larga misura dottorandi senza borsa già impegnati in attività lavorative per i quali il conseguimento del titolo ha evidenziato una valenza molto limitata.• Nella coorte 2008 il tasso di occupazione complessivo è pari all84% con rilevanti diversificazioni settoriali: le aree umanistiche registrano valori intorno al 75%, mentre fisica raggiunge il 93%. In generale, il tasso di occupazione non è soddisfacente ed assume valori preoccupanti per le aree umanistiche.• L’utilizzo della formazione ricevuta da parte dei dottori di ricerca è spesso generico e costituisce un elemento di criticità dei dottorati date le loro caratteristiche di alta specializzazione. Gli occupati che ritengono la formazione ricevuta fondamentale per l’attività svolta rappresentano circa il 40% del totale, con un minimo di 27% per le scienze mediche e un massimo di 58-59% per le scienze matematiche e informatiche.• L’utilizzo della formazione è associata ad alcune caratteristiche del percorso del dottorando. In particolare, hanno una minore probabilità di utilizzare la formazione i dottorandi che erano già occupati al momento del conseguimento del titolo (in specifico quelli che hanno mantenuto lo stesso lavoro), coloro che durante il dottorato svolgevano un lavoro non attinente, coloro che non sono stati titolari di borsa di studio e coloro che non hanno effettuato periodi all’estero durante il dottorato. In altri termini, l’utilizzo della formazione ricevuta è più elevata tra dottorandi tradizionali, cioè studenti a tempo pieno, che non svolgono alcuna attività lavorativa e che intendono investire interamente le loro energie nell’esperienza del dottorato.• L’utilizzo della formazione è debolmente legata alla qualità del dottorato, così come giudicata dai dottori intervistati. Coloro che provengono da dottorati che addestrano bene alla ricerca hanno maggior probabilità di utilizzare la formazione, mentre non vi è relazione con la qualità della didattica.• Nella generalità dei casi, i corsi di dottorato con scarso utilizzo della formazione sono quelli delle aree umanistiche: tale risultato non dipende dalla qualità dei corsi, ma dalla storia formativa e occupazionale dei dottorandi, i quali sono spesso senza borsa e/o svolgono attività lavorative non attinenti. Tuttavia, l’area con il più basso tasso di utilizzo della formazione è quella delle scienze mediche. Tale risultato è in parte spiegato dal profilo dei dottorandi (quasi la metà ha mantenuto il lavoro che svolgeva al momento del titolo), ma vi sono certamente altri motivi legati al peculiare percorso formativo dei medici, con la scuola di specializzazione che rappresenta il percorso post-laurea naturale, per cui il dottorato di ricerca ha un ruolo diverso rispetto a quello svolto nelle altre discipline. Al riguardo si sottolinea che il profilo occupazionale dei dottori in medicina è caratterizzato da una cospicua quota di dirigenti (23,7% contro una media di 4,6%), una categoria che in generale fa scarso uso della formazione ricevuta durante il dottorato. 176
    • • I corsi con maggior utilizzo della formazione ricevuta sono quelli di matematica, fisica e informatica: tale risultato dipende sia dalla buona qualità dei corsi sia dal profilo dei dottorandi, che tipicamente sono studenti a tempo pieno. E’ interessante osservare che i corsi di dottorato di area socio-economica presentano un buon tasso di utilizzo della formazione nonostante un giudizio negativo sulla capacità di addestrare alla ricerca. Una spiegazione plausibile è che il mercato del lavoro corrispondente all’area socio-economica sia particolarmente favorevole: lo svolgere un lavoro coerente con la formazione non pare dipendere in modo cruciale dall’addestramento alla ricerca, verosimilmente perché l’attività di ricerca in senso stretto è meno rilevante che in altri settori e richiede una minore specializzazione tecnica (si pensi alla differenza delle modalità di ricerca in sociologia e in fisica sperimentale).• I dottori di ricerca sono moderatamente soddisfatti del lavoro svolto, ma la soddisfazione complessiva mostra un trend decrescente nelle tre coorti (7,33 7,11 6,75). Gli aspetti che registrano i livelli più elevati di soddisfazione sono la rispondenza ai propri interessi culturali, l’indipendenza e autonomia sul lavoro e l’acquisizione di professionalità. Gli aspetti critici sono le prospettive di guadagno, il livello di retribuzione, la possibilità di carriera. Anche se il salario medio aumenta con il passare degli anni (1.585 a 2 anni 1.855 a 7 anni 2.133 a 12 anni dal conseguimento del titolo) il livello di soddisfazione per la retribuzione si mantiene su livelli bassi (intorno a 5,5), segno che i dottori di ricerca sono insoddisfatti del ritorno economico del loro investimento in formazione. La soddisfazione per la stabilità/sicurezza sul lavoro ha un andamento decrescente nelle tre coorti (7,43 6,53 4,72) legato a quello della quota di occupati con contratto a tempo indeterminato (90% 71% 30%), che riflette una tendenza generale del mercato del lavoro.• Nonostante i molti aspetti critici relativi all’esperienza del dottorato e del lavoro, gran parte dei dottori di ricerca è complessivamente soddisfatto della scelta del dottorato poiché in tutte le coorti esaminate otre l’80% si iscriverebbe di nuovo ad un dottorato. Evidentemente vi sono degli aspetti culturali e di rapporti interpersonali, difficilmente misurabili, che danno valore all’esperienza del dottorato. Particolare attenzione deve, comunque, essere dedicata a quei corsi di dottorato che fanno registrare un’elevata percentuale di dottori che si iscriverebbero di nuovo alla stessa tipologia di dottorato ma presso altro ateneo.• Nelle coorti 2003 e 2008 circa il 60% degli occupati svolge attività di ricerca e tra questi circa l80% la svolge nelluniversità. Al riguardo si segnala la possibile presenza di distorsione nei dati in quanto è ragionevole presumere che gli universitari siano sovra- rappresentati nel campione a causa di un maggior tasso di risposta. I dottori della coorte 2008 che svolgono attività di ricerca nel privato sono il 4% circa (intorno al 10% per i dottori in discipline informatiche e discipline chimiche), mentre i ricercatori nel pubblico non universitario sono circa 6%. Ovviamente, la maggioranza degli occupati che svolge attività di ricerca la ritiene coerente con il titolo conseguito.• Il settore universitario è decisamente prevalente tra gli occupati che dichiarano di svolgere attività di ricerca (83,8% nel 2003, 82,6% nel 2008). Al riguardo si deve comunque 177
    • segnalare laccentuata presenza di attività precarie: infatti, tra coloro che svolgono attività di ricerca in ambito universitario, la quota di assegnisti/borsisti è pari al 17,7% nella coorte 2003 e 80,9% nella coorte 2008. Questo ultimo dato risulta decisamente preoccupante sia perché sembra essere la soluzione occupazionale quasi esclusiva dei dottori che intendono svolgere, coerentemente con il titolo conseguito, attività di ricerca, sia per le prospettive occupazionali, decisamente non entusiasmanti, offerte dal sistema universitario: nel triennio 2008-2010 i bandi di concorso per ricercatore universitario sono stati complessivamente pari a 1967 per 2203 posti. A fronte delle criticità sopra elencate si deve richiamare lattenzione sulla correlazionepositiva tra tasso di occupazione e tasso di utilizzo della formazione ricevuta. Si tratta di un risultatointeressante e tutt’altro che scontato; infatti, le aree scientifiche con una maggiore quota di occupatisarebbero svantaggiate in termini di tasso di utilizzo se il surplus di occupati fosse dovuto allosvolgimento di lavori poco coerenti. Ma questa ipotesi è chiaramente smentita dai dati: i dottori conelevata specializzazione non solo hanno una maggiore probabilità di utilizzare le competenze nelcaso in cui lavorino, ma hanno anche una maggiore probabilità di trovare lavoro. La conclusione più rilevante cui si perviene da quanto sopra riportato è la difficoltà crescented’inserimento nel mondo del lavoro, soprattutto accademico, da parte dei dottori di ricerca. Si trattadi difficoltà interamente ascrivibili al processo evolutivo che ha caratterizzato il sistemauniversitario italiano negli ultimi anni: una normativa sul reclutamento che, favorendo leprogressioni di carriera ed il “localismo”, ha determinato scompensi ed inefficienze del tuttoevidenti nella struttura del corpo docente e, come già segnalato, gli interventi legislativi più recentiche si muovono nella direzione opposta a quella auspicabile. Inoltre, tenendo conto del numerodavvero esiguo di dottori di ricerca impegnati in attività coerenti con il titolo conseguito in ambitonon accademico, appare necessario intraprendere azioni, sia sul versante normativo sia su quelloorganizzativo, per promuovere un’adeguata “valorizzazione” del titolo. La “valorizzazione” del titolo sul piano degli interventi legislativi dovrebbe comportare: • una nuova regolamentazione dei Corsi di Dottorato che ne consenta l’attivazione o la permanenza solo nelle sedi dove sussistono condizioni tali da garantire una elevata qualità della formazione; • la riduzione del numero di dottorandi senza borsa di studio, i quali tipicamente svolgono altra attività lavorativa che limita il loro impegno nel dottorato e per i quali sembrano più appropriate altre tipologie di formazione come i master; • il ridimensionamento delle tre categorie di docenza universitaria, prevedendo un numero molto consistente di nuovi ricercatori in modo tale da pervenire ad una ragionevole proporzione tra le tre diverse categorie di docenza; • il ritorno a procedure concorsuali su base nazionale con un numero di vincitori pari al numero dei posti banditi, in modo da garantire il prevalere del merito sulle “esigenze locali”; 178
    • • l’incentivazione e lo sviluppo delle strutture di ricerca non universitarie, sia pubbliche che private, in modo da renderle valide alternative alla carriera universitaria. Sul piano organizzativo è auspicabile un monitoraggio continuo della condizioneoccupazionale dei dottori di ricerca, analogamente a quanto viene fatto annualmente per i laureati a1, 3 e 5 anni dal conseguimento del titolo. Tale tipo di monitoraggio, realizzato efficacemente dalConsorzio AlmaLaurea, potrebbe essere utilmente esteso dal Consorzio stesso alla condizioneoccupazionale dei dottori di ricerca. 179
    • 180
    • Riferimenti bibliograficiAllen J., van der Velden R. (2001) Educational Mismatches vs. Skill Mismatches: Effects of Wages, Job Satisfaction and On-the-job Search. Oxford Economic Papers, 3, 434–52.Agresti A. (2002) Categorical Data Analysis, 2nd edn. Wiley, New York.Aitkin M., Longford N. (1986) Statistical modelling issues in school effectiveness studies. Journal of the Royal Statistical Society A 149, 1–43.Auriol L. (2007) Labour Market Characteristics and International Mobility of Doctorate Holders: Results for Seven Countries. OECD Science, Technology and Industry Working Papers 2007/2, OECD Publishing.Baker J. (1998) Gender, Race, and Ph.D. Completion in Natural Science and Engineering. Economics of Education Review, 17, 178-188.Bauer T. K. (2002) Education mismatch and wages: A panel analysis. Economics of Education Review, 21, 221-229.Bianchetti M., Della Ratta F., Lanzoni M., Pischedda V., Rizzo R., Usai M.C. (2007) Indagine sull’inserimento professionale dei dottori di ricerca. Rapporto di Ricerca, Versione 1.9. Dipartimento di Scienze Antropologiche, Università degli Sudi di Genova.Biggeri L., Bini M., Grilli L. (2001) The transition from university to work: a multilevel approach to the analysis of the time to obtain the first job. Journal of the Royal Statistical Society A 164, 293–305.Boud D., Tennant M. (2006) Putting doctoral education to work: challenges to academic practice, Higher Education Research & Development, 25, 293–306.Brant R. (1990) Assessing proportionality in the proportional odds model for ordinal logistic regression. Biometrics 46, 1171–1178.Brynin M., Longhi S. (2009) Overqualification: Major or minor mismatch? Economics of Education Review, 28, 114–121.Büchel F. (2000) The Effects of Overeducation on Productivity in Germany - The Firms Viewpoint. IZA Discussion Paper No. 216.Budria S., Moro-Egido A.I. (2008) Education, educational mismatch, and wage inequality: Evidence for Spain. Economics of Education Review, 27, 332–341. 181
    • Budria S., Moro-Egido A.I. (2009) The overeducation phenomenon in Europe. Revista internacional de sociologia, 67, 329–345.Cainarca G.C., Sgobbi F. (2009) How long to study: the relationship between education and earnings in Italy. Economia Politica, 26, 53–83.Cerny J., Nerad M. (1987) The PhD: Passport to Multiple Destinations. Baltimore: Johns Hopkins University Press.Chevalier A., Lindley J. (2009) Overeducation and the skills of UK graduates. Journal of the Royal Statistical Society A, 172, 307-337.Chiandotto B., Bacci S. (2006). Measurement of University External Effectiveness Based on the Use of the Acquired Skills. In Fabbris L. (ed) Effectiveness of University Education in Italy: Employability, Competences, Human Capital. Physica - VerlagChiandotto B., Bini M., Bertaccini B. (2006). Evaluating the quality of the university educational process: an application of the ECSI model. In Fabbris L. (ed) Effectiveness of University Education in Italy: Employability, Competences, Human Capital. Physica - Verlag.Chiandotto B. (2008). Formazione universitaria e “valore” del capitale umano: un’analisi multilivello. In Cammelli A., Vittadini G. (eds) Capitale umano: esiti dell’istruzione universitaria. Il Mulino, Bologna.CNVSU (2006) Progetto per la ricognizione, raccolta e analisi dei dati esistenti sul dottorato di ricerca e per l’indagine sull’inserimento professionale dei dottori di ricerca. RdR 1/06, MUR, Roma.CNVSU (2007) Ottavo Rapporto sullo Stato del Sistema Universitario, MUR, Roma.CNVSU (2008) Nono Rapporto sullo Stato del Sistema Universitario, MUR, Roma.CNVSU (2009) Decimo Rapporto sullo Stato del Sistema Universitario, MIUR, Roma.Conen, G.J.M., Huijgen F., and Riesewijk B.J.P. (1983) De kwalitatieve structuur van de werkgelegenheid in 1960 en 1971 en 1977, deel I, II, en III, EconomischStatistiche Berihcten, 361–369, 416–422, 464–469.Dolton P., Vignoles A. (2000) The incidence and the effects of overeducation in the UK graduate labour market. Economics of Education Review, 19, 179–198.Dolton P.J., Silles M.A. (2008) The effects of over-education on earnings in the graduate labour market. Economics of Education Review, 27, 125–139. 182
    • Duncan J., Hoffman S. (1981) The Incidence and Wage Effects of Overeducation. Economics of Education Review, 1, 75-86.Enders J. (2002) Serving many masters: The Ph.D. on the labour market, the everlasting need of inequality, and the premature death of Humboldt. Higher Education, 44, 493–517.Fernandez C., Ortega C. (2008) Labor market assimilation of immigrants in Spain: employment at the expense of bad job-matches? Spanish Economic Review, 10, 83–107.Fleming C.M., Kler P. (2008) Im too clever for this job: a bivariate probit analysis on overeducation and job satisfaction in Australia. Applied Economics, 40, 1123–1138.Freeman R.B. (1976) The Overeducated American, NewYork, Academic Press.Gallo M. (2009) Indagine sui dottorati di ricerca in Campania: Valutazione degli sbocchi occupazionali e della qualità dei servizi. UniCampania, Centro Interuniversitario di Orientamento per l’Alta formazione.Garcia-Aracil A., Van der Velden R. (2008) Competencies for young European higher education graduates: labor market mismatches and their payoffs. Higher Education, 55, 219–239.Grilli L., Rampichini C. (2009a) Multilevel models for the evaluation of educational institutions: a review. In Bini M, Monari P, Piccolo D, Salmaso L (Eds) Satistical methods for the evaluation of educational services and quality of products. Physica-Verlag, 61–80.Grilli L., Rampichini C. (2009b) Measurement error in multilevel models with sample cluster means. Electronic Working Papers 6/2009, Department of Statistics – University of Florence.Groeneveld S., Hartog J. (2004) Overeducation, wages and promotions within the firm. Labour Economics, 11, 701–714.Groot W., Maassen van den Brink H. (2000) Overeducation in the labor market: A meta-analysis. Economics of Education Review, 19, 149–158.Guironnet J.-P., Peypoch N. (2007) Human capital allocation and overeducation: A measure of French productivity (1987, 1999). Economic Modelling, 24, 398–410.Gupta D., Nerad M., J. Cerny (2003) The Road Home: Exploring the Choice to Stay or Return of International Ph.D.s. International Higher Education, 31, Center for International Higher Education. Boston, Massachusetts.Hartog J. (2000) Over-education and earnings: where are we, where should we go? Economics of Education Review, 19, 131–147. 183
    • Hung C.-Y. (2008) Overeducation and undereducation in Taiwan. Journal of Asian Economics, 19, 125–137.ISFOL (2007) Struttura nazionale di valutazione FSE. Gli esiti occupazionali dell’alta formazione nel Mezzogiorno, Collana I libri del Fondo Sociale Europeo.Jensen U. (2003) Measuring overeducation with earnings frontiers and panel data. In: Büchel F., de Grip A., Mertens A. (Eds.), Overeducation in Europe: Current Issues in Theory and Policy. Edward Elgar, 155–169.Kivinen, O., Ahola, S., Kaipainen, P. (eds.) (1999) Towards the European Model of Postgraduate Training. Turku: Research Unit for the Sociology of Education, Research Report, 50.Korpi T., Tahlin M. (2009) Educational mismatch, wages, and wage growth: Overeducation in Sweden, 1974-2000. Labour Economics, 16, 183–193.Lin C.H.A., Yang C.H. (2009) An Analysis of Educational Inequality in Taiwan After the Higher Education Expansion. Social Indicators Research, 90, 295–305.Lindley J. (2009) The over-education of UK immigrants and minority ethnic groups: Evidence from the Labour Force Survey. Economics of Education Review, 28, 80–89.Mangematin V. (2000) Ph.D. job market: Professional trajectories and incentives during the Ph.D., Research Policy, 29, 741–756.Martinelli D. (1999) Labour market performance of French Ph.D.s: a statistical analysis, Céreq, Marseille, France.Mavromaras K, McGuinness S, Fok YK (2009) Assessing the Incidence and Wage Effects of Overskilling in the Australian Labour Market. Economic Record, 85, 60–72.Mavromaras K., McGuinness S. (2007) Education and skill mismatches in the labour market: Editors introduction. Australian Economic Review, 40, 279–285.McGuinness S, Wooden M (2009) Overskilling, Job Insecurity, and Career Mobility. Industrial Relations, 48, 265–286.McGuinness S. (2008) How biased are the estimated wage impacts of overeducation? A propensity score matching approach. Applied Economics Letters, 15, 145-149.Mendes de Oliveira M., Santos M.C., Kiker B.F. (2000) The role of human capital and technological change in overeducation. Economics of Education Review, 19, 199–206. 184
    • Messinis G. (2008) Overeducation and overskilling in Australia: Second generation Greek- Australians and Italian-Australians. Working Paper No. 37, Centre for Strategic Economic Studies, Victoria University, Melbourne, 1–21.Mincer J. (1974) Schooling, Experience and Earnings, New York, Columbia University Press.MIUR (2010) Indagine sullIstruzione Universitaria – Formazione post-laurea. Pagina Web del MIUR: http://statistica.miur.it/scripts/postlaurea/vpostlaurea.asp.Nerad M., Cerny J. (1999) Postdoctoral patterns, career advancement and problems. Science, 285, 1533–1535.Oosterbeek H. (2000) Editorial: Introduction to special issue on overschooling. Economics of Education Review, 19, 129–130.Ortiz L., Kucel A. (2008) Do Fields of Study Matter for Over-education? The Cases of Spain and Germany. International Journal of Comparative Sociology, 49, 305–327.Quinn M. A., Rubb S. (2006) Mexico’s labor market: The importance of education-occupation matching on wages and productivity in developing countries. Economics of Education Review, 25, 147–156.Radon A., Sung J. (2009) The Career Choices and Impact of PhD Graduates in the UK: A Synthesis Review. Report prepared for the Economic and Social Research Council (ESRC) “Science in Society” Team and Research Councils UK (RCUK) Research Careers and Diversity Unit.Ramos R., Suriñach J., Artís M. (2009) Regional economic growth and human capital: the role of overeducation. Working Papers 2009/04, Research Institute of Applied Economics.Raudenbush S., Bryk A. (2002) Hierarchical Linear Models. Second Edition. Sage Publications, Thousand Oaks.Robst J. (2008) Overeducation and college major: Expanding the definition of mismatch between schooling and jobs. Manchester School, 76, 349–368.Romanov D., Tur-Sinai A., Eizman G. (2008) Overeducation, Job Mobility, and Earnings Mobility among Holders of First Degrees in Israel. Working Paper n. 39, Central Bureau Statistics Israel, 1–35.Rubb S. (2003) Overeducation in the labor market: a comment and re-analysis of a meta-analysis. Economics of Education Review, 22, 621–629.Skrondal A., Rabe-Hesketh S. (2009) Prediction in multilevel generalized linear models. Journal of the Royal Statistical Society Series A 172, 659–68. 185
    • Sloane P. J., Battu H., Seaman P. T. (1999) Overeducation, undereducation and the British labour market. Applied Economics, 31, 1437–1453.Snijders T., Bosker R. (1999) Multilevel Analysis. An introduction to basic and advanced multilevel modelling. Sage, London.Snijders T.A.B., Bosker R.J. (1999) Multilevel Analysis: An Introduction to Basic and Advanced Multilevel Modeling. London etc.: Sage Publishers.Stephan P., Levin S. (1991) Ph.D. Supply, Issues in Science and Technology, 7, 28–29.Stirati A., Cesarotto S. (1995) The Italian Ph.D. ten years on: Educational, scientific and occupational outcomes. Higher Education 30, 37–61.Trivedi B.P. (2006). Are we training too many scientist? The Scientist, 20.Tsang M.C. (1987) The impact of underutilization of education on productivity: A case study of the U.S. Bell companies. Economics of Education Review, 6, 239–254.Vahey S.P. (2000) The great Canadian training robbery: evidence on the returns to educational mismatch. Economics of Education Review, 19, 219–227.van der Meer P.H. (2006) The validity of two education requirement measures. Economics of Education Review, 25, 211–219.van der Meer P.H. (2009) Investments in education: Too much or not enough? Economics Letters 102, 195–197.van Smoorenburg M.S.M., van der Velden R.K.W. (2000) The training of school-leavers Complementarity or substitution? Economics of Education Review, 19, 207–217.Verdugo R.R., Verdugo N.T. (1989) The impact of surplus schooling on earnings: some additional findings. The Journal of Human Resources, 24, 629–643.Verhaest D., Omey E. (2008) Objective overeducation and worker well-being: a shadow price approach. Working Paper, April 2008/514, Universiteit Gent, 1–32.Voon D., Miller P. W. (2005) Undereducation and Overeducation in the Australian Labour Market. Economic Record, 81, 22–33.Wald S., Fang T. (2008) Overeducated Immigrants in the Canadian Labour Market: Evidence from the Workplace and Employee Survey. Canadian Public Policy-Analyse de Politiques, 34, 457–479. 186
    • Western M., Boreham P., Kubler M., Laffan W., Western J., Lawson A., Clague D. (2007) PhD Graduates 5 to 7 Years Out: Employment Outcomes, Job Attributes and the Quality of Research Training. The University of Queensland Social Research Centre (UQSRC).Wirz A., Erdal A. (2005) An analysis of perceived overqualification in the Swiss labor market. Economics Bulletin, 9, 1–10. 187
    • 188
    • Appendice ASchede di rilevazione 189
    • 190
    • Condizione occupazionale degli Dottori di Ricerca (Ph.D.) Questionario per i dottori 2008 191
    • inizio Blocco Z Z08Blocco A Blocco B Blocco C Blocco D Blocco E fine 192
    • *************************************************** Domande del Blocco Z (tutti) ***************************************************Z00 Verifica dei dati d’archivio Anno di nascita Genere Diploma di scuola media superiore Università di conseguimento del titolo di laurea Denominazione della laurea Anno di laurea e voto di laurea (compresa lode) Anno solare e mese di consegna della tesi Anno solare e mese di conseguimento del titolo [fare riferimento all’esame finale]Z01 UNI3_BO Qual è il motivo principale per cui ha deciso di iscriversi al Corso di Dottorato in cui ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca? 1 per completare/arricchire la mia formazione 2 per conseguire un titolo dal più alto potere professionalizzante 3 interesse per lo studio 5 per fare attività di ricerca 6 per l’interesse nei confronti di una futura carriera accademica 7 AltroZ02 A7_ADI Durante il Dottorato in cui ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca Lei è stato titolare di: 1 un posto con borsa finanziata dall’Università / MIUR 2 un posto con borsa finanziata da enti pubblici 3 un posto con borsa finanziata da enti privati 5 un posto senza borsa ma coperto da assegno di ricerca 6 un posto senza borsa e non coperto da assegno di ricerca 7 altroZ03 D1b_BO Di seguito Le vengono elencati una serie di aspetti della formazione ricevuta durante il Corso di Dottorato. Per ciascuno mi dovrebbe dire quanto è soddisfatto, su una scala da 1 a 10 (dove 1 = per niente e 10 = moltissimo). 1 contenuto degli insegnamenti [1 … 10] [no corsi] 2 qualità della didattica del personale docente [1 … 10] [no corsi] 3 qualità scientifica di professori/ricercatori [1 … 10] 4 sviluppo / addestramento della capacità di fare ricerca [1 … 10] 5 possibilità di pubblicare (articoli, volumi, …) [1 … 10]Z04 Z02_SSSUP Se potesse tornare indietro si iscriverebbe di nuovo ad un Corso di Dottorato? 1 sì, allo stesso Corso nella stessa sede universitaria 2 sì, allo stesso Corso ma in altra sede universitaria 3 sì ma ad altro Corso 4 noZ05 Z03_SSSUP Durante il Corso di Dottorato ha compiuto periodi di studio allestero? 1 sì 2 no 193
    • Z06 Z03bis Durante il Corso di Dottorato ha svolto una qualche attività lavorativa _SSSUP (inclusi co.co.co. e co.co.pro.)? 1 Sì, attività attinente all’attività di ricerca del dottorato 2 Sì, attività non attinente all’attività di ricerca del dottorato 3 NoZ07 1_BO Nel periodo successivo al conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca Lei ha proseguito la sua formazione svolgendo ulteriori attività? Consideri solo: attività sostenuta da borsa o assegno di studio o di ricerca collaborazione volontaria non retribuita con docenti, esperti, professionisti, ecc., tirocinio, praticantato finalizzato all’iscrizione ad un albo, scuola di specializzazione, master, stage / borsa di lavoro / tirocinio formativo in azienda, corso di formazione professionale promosso da enti pubblici, … 1 sì, portata a termine (→ Z09) 2 sì, in corso (→ Z08) 3 no (o interrotta prima del termine) (→ Z09)Z08 2_BO (solo se Z07 = 2) Lei percepisce un reddito o qualsiasi altra forma di retribuzione (borsa di studio, salario, stipendio, rimborso spese,…) per questa attività? 1 sì 2 noZ09 4_BO Lei attualmente lavora o ha lavorato nel periodo successivo al conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca? Ai nostri fini si considera lavoro qualsiasi attività continuativa (anche di formazione) purché retribuita e, se non autonoma, regolata da una forma contrattuale. Sono esclusi i lavori stagionali e occasionali. In caso di contemporaneità tra più attività lavorative continuative, fare riferimento a quella prevalente. (NB: se, per qualsiasi motivo - cassa integrazione, maternità, ferie, malattia, ecc. - al momento l’intervistato non lavora ma ha comunque un contratto di lavoro allora deve considerarsi come attualmente occupato). 1 sì, attualmente lavora 2 ha lavorato dopo il conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca, ma non lavora attualmente 3 non ha mai lavorato dopo il dottorato 194
    • *************************************************** Domande del Blocco A (chi attualmente lavora Z08 = 1) ***************************************************A01 A1a_BO (solo se Z08 = 1 e Z06 = 2) Lei ha detto che attualmente lavora e sta contemporaneamente continuando la sua formazione. Il suo lavoro coincide con questa attività di formazione? 1 sì, si tratta della medesima attività (→ A02) 2 no, si tratta di attività distinte (→ A03)A02 A1b_BO (solo se A01 = 1) Di quale attività si tratta? 1 tirocinio, praticantato finalizzato all’iscrizione ad un albo (→ A28) scuola di specializzazione (→ A28) 2 (NB: anche SSIS; non corso di laurea specialistica alluniversità) 3 master universitario (o corso di perfezionamento) di I o II livello (→ A28) 4 altro tipo di master o corso di perfezionamento (anche all’estero) (→ A28) 5 stage / borsa di lavoro / tirocinio formativo in azienda (→ A28) corso di formazione professionale promosso da enti pubblici (→ A28) 6 (Regione o Provincia, comunque non svolto internamente ad aziende) 7 borsa o assegno di studio o di ricerca in ambito universitario (→ A28) 8 borsa o assegno di studio o di ricerca in altro ente pubblico (→ A28) altra attività, diversa dalle precedenti, sostenuta da borsa o assegno di studio (→ A28) 9 o di ricercaA03 A1_BO (solo se A01 = 2) Lei lavorava al momento del conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca? 1 sì (→ A04) 2 no (→ A07)A04 A3_BO (solo se A03 = 1) Il lavoro attuale è lo stesso che svolgeva al momento del conseguimento del titolo? 1 sì 2 no (→ A07)A05 A4_BO (solo se A04 = 1) Il conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca ha comportato un miglioramento nel suo lavoro? 1 sì (→ A11) 2 no, (→ A11) 195
    • A06 (solo se A05 = 1) Quali aspetti del suo lavoro sono migliorati? 1 Possibilità di guadagno (→ A11) 2 Possibilità di carriera (→ A11) 3 Stabilità/sicurezza lavoro (→ A11) 4 Coerenza con studi fatti (→ A11) 5 Acquisizione di professionalità (→ A11) 6 Rispondenza ai propri interessi culturali (→ A11) 7 Indipendenza e autonomia sul lavoro (→ A11) 8 Tempo libero (→ A11) 9 Rapporti coi colleghi (→ A11)A07 Quante attività lavorative ha svolto fino ad oggi (inclusa l’attuale), che siano iniziate dopo il conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca? 1 1 (→ A09) 2 2 3 3 4 4 5 5 o piùA08 A5_BO (solo se A07 > 1) Dopo quanti mesi dal conseguimento del titolo ha trovato il primo lavoro iniziato dopo conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca? 0 meno di un mese dopo il conseguimento del titolo … numero di mesiA09 Dopo quanti mesi dal conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca ha trovato il suo attuale lavoro? (Non tenga conto degli eventuali avanzamenti di carriera) 0 meno di un mese dopo il conseguimento del titolo … numero di mesi 196
    • A10 Z06_SSSUP In base a quale canale ha trovato l’attuale lavoro? 1 iscrizione presso Ufficio di Collocamento o Centri per l’Impiego 2 inserzione sui giornali 3 lettura di offerte impiego sui giornali 4 risposta a inviti a partecipare a colloqui da parte di aziende 5 contatto con agenzie di collocamento interinale 6 contatti con datori di lavoro su iniziativa personale 7 contatti con datori di lavoro su segnalazione università/docenti 8 contatti con datori di lavoro su segnalazione di parenti amici 9 contatti con datori di lavoro su segnalazione prec. datori lavoro 10 richieste a parenti amici di segnalazioni a datori di lavoro 11 domande o partecipazione a concorsi pubblici 12 proseguendo un’attività familiare già esistente 13 predisposizione di mezzi per esercitare un lavoro in proprio 14 domande a provveditorati o presidi di insegnamento 15 via internet: proponendosi con bacheche elettr. sito personale 16 via internet: rispondendo a notizie diffuse da datori di lavoro 17 agenzie private del lavoro 18 motori di ricerca (monster, agenzia del lavoro, AlmaLaurea, ecc.) 19 altroA11 Z07_SSSUP Il suo attuale lavoro è di tipo autonomo o dipendente? 1 autonomo (→ A15) 2 dipendente inclusi contratti di collaborazione (→ A12)A12 Z08_SSSUP (solo se A11 = 2) Con che tipo di contratto è regolato il lavoro da Lei attualmente svolto? 1 tempo pieno e indeterminato 2 part time, tempo indeterminato 3 tempo pieno, a termine 4 part time, a termine 5 collaborazione coordinata e continuativa 6 collaborazione a progetto 7 collaborazione occasionale 8 prestazione dopera 9 assegno di ricerca o borsa di studio 10 non e regolato da contratto 11 altroA13 Z10_SSSUP (solo se A11 = 2 e A12 <= 2) Se ha fatto avanzamenti di carriera nell’ambito del lavoro attualmente svolto, da quanto tempo ricopre la posizione giuridica attuale? (ad es: in ambito universitario, se attualmente è professore associato indichi da quanto tempo ricopre tale ruolo) … numero di mesi (tra 0 e 132) 99 nessun avanzamento di carriera 197
    • A14 Z09A (solo se A11 = 2) _SSSUP Può qualificarmi sotto il profilo giuridico il suo lavoro attuale? 1 dirigente (→ A16) 2 direttivo / quadro (→ A16) 3 impiegato o intermedio (→ A16) 4 ricercatore nel settore privato (→ A20) 5 assegnista / borsista (→ A18) 6 ricercatore universitario a tempo determinato (→ A18) 7 ricercatore universitario di ruolo (→ A18) 8 professore universitario associato (→ A18) 9 professore universitario ordinario (→ A18) 10 ricercatore (settore pubblico non universitario) (→ A18) 11 primo ricercatore (settore pubblico non universitario) (→ A18) 12 dirigente di ricerca (settore pubblico non universitario) (→ A18) 13 docente alle scuole medie inferiori (→ A24) 14 docente alle scuole medie superiori (→ A24)A15 Z09B (solo se A11 = 1) _SSSUP Può qualificarmi sotto il profilo giuridico il suo lavoro attuale? 1 Imprenditore (→ A27) 2 Libero professionista iscritto albo (→ A27) 3 Libero professionista non iscritto albo (→ A24)A16 Istat (solo se A14 <= 3 o A11 = 1) Nel suo lavoro svolge mansioni di ricerca e sviluppo? 1 Sì, come attività principale 2 Sì, ma non come attività principale 3 NoA17 (solo se A14 <= 3 o A11 = 1) Nel suo lavoro svolge attività di innovazione? 1 Sì, sia innovazione di processo che innovazione di prodotto (→ A24) 2 Sì, innovazione di processo (→ A24) 3 Sì, innovazione di prodotto (→ A24) 4 No (→ A24)A18 E9_ADI (solo se A14 >= 5 e A14 <= 9) Presso quale sede universitaria presta servizio? 1 nello stesso Ateneo in cui ha svolto il dottorato 2 in un ateneo diverso ma nella stessa città 3 in un ateneo diverso ma nella stessa regione 4 in un ateneo diverso di altra regione italiana 5 all’estero 198
    • A19 Z11_SSSUP (solo se (A14 >= 4 e A14 <= 12) o A16 <= 2) Le attività di ricerca svolte nella posizione attuale sono coerenti con la formazione acquisita nel Corso di Dottorato in cui ha conseguito il titolo? 1 pienamente coerente 2 parzialmente coerente 3 non coerenteA20 Z16_SSSUP (solo se (A14 >= 4 e A14 <= 12) o A16 <= 2) Indichi il numero di lavori da Lei pubblicati su riviste Scientifiche nazionali dopo il conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca? … NumeroA21 Z17_SSSUP (solo se (A14 >= 4 e A14 <= 12) o A16 <= 2) Indichi il numero di lavori da Lei pubblicati su riviste Scientifiche internazionali dopo il conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca? … NumeroA22 Z21_SSSUP (solo se (A14 >= 4 e A14 <= 12) o A16 <= 2) A quanti progetti di ricerca nazionali ha partecipato dopo il conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca? … NumeroA23 Z22_SSSUP (solo se (A14 >= 4 e A14 <= 12) o A16 <= 2) A quanti progetti di ricerca internazionali (cioè finanziati da enti pubblici europei o comunque non italiani) ha partecipato dopo il conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca? … NumeroA24 Z26_SSSUP (solo se A14 < 4) Lavora in: 1 Ente pubblico (→ A26) 2 Azienda a partecipazione pubblica 3 Azienda privata italiana (anche se in filiale all’estero) 4 Azienda privata straniera (anche se in filiale in Italia)A25 Z27_SSSUP (solo se A24 > 1) Quanti dipendenti ha lazienda per cui lavora? 1 fino a 10 dipendenti 2 da 11 a 50 dipendenti 3 da 51 a 250 dipendenti 4 più di 250 dipendenti 199
    • A26 Z28_SSSUP (solo se A14 < 5) Può indicarmi il ramo di attività economica della azienda per cui lavora: 1 Agricol.- foreste – caccia - pesca 14 Commercio, Alberghi, Esercizi Pubbl. 2 Stampa ed editoria 15 Trasporti 3 Energia, Gas, Acqua 16 Comunicazioni e Telecomunicazioni 4 Estrazione mineraria 17 Credito e Assicurazioni 5 Chimica 18 Consulenza legale, amm.va, contabile 6 Metalmecc. e Mecc. precisione 19 Pubblicità, pubbliche relazioni 7 Alimentari e Tabacchi 20 Informatica, elaborazione dati 8 Tessile, Abbigl, Cuoio, Calzature 21 Servizi alle imprese 9 Legno, Arredamento 22 Servizi ricreativi e culturali 10 Carta, Gomma, Plastica 23 Pubblica Amministrazione, Forze Armate 11 Costruz.- installaz. dimpianti 24 Istruzione, ricerca e sviluppo 12 Elettronica e Elettrotecnica 25 Sanità 13 Manifattura varia 26 Altri Servizi SocialiA27 Z30_SSSUP Numero di ore settimanali dedicate abitualmente per questa attività lavorativa … Numero di oreA28 Z31_SSSUP (solo se A11 = 1 o A14 < = 5) Il suo lavoro si svolge prevalentemente: 1 in Italia (indicare regione e provincia) 2 all’estero (indicare stato) 3 in parte in Italia e in parte all’esteroA29 Siena E.3 Quanto le è utile sul lavoro la formazione ricevuta durante il corso di dottorato? 1 È fondamentale per le mansioni che svolgo 2 È utile per il mio approccio al lavoro, anche se non ne faccio un uso specifico 3 Ne faccio un uso piuttosto limitato 4 Non ne faccio alcun usoA30 Z32_SSSUP Può esprimere su una scala da 1 a 10 (dove 1 = per niente e 10 = moltissimo) il suo livello di soddisfazione per i seguenti aspetti del lavoro attuale? (Rispondere a tutti i quesiti) Moltissimo Per niente Livello di retribuzione attuale 10 … … … 1 Prospettive di guadagno 10 … … … 1 Possibilità di carriera 10 … … … 1 Stabilità/sicurezza lavoro 10 … … … 1 Coerenza con studi fatti 10 … … … 1 Acquisizione di professionalità 10 … … … 1 Rispondenza ai propri interessi culturali 10 … … … 1 Indipendenza e autonomia sul lavoro 10 … … … 1 Tempo libero 10 … … … 1 Localizzazione sede di lavoro 10 … … … 1 Rapporti coi colleghi 10 … … … 1 E nel suo complesso 10 … … … 1 200
    • A31 Z34_SSSUP Oltre allattività principale Lei svolge un’altra attività retribuita? 1 sì 2 noA32 Z33_SSSUP Può indicare il reddito mensile netto medio da Lei percepito? Consideri tutte le attività retribuite. (Le ricordiamo che i dati sono protetti dalla normativa sulla privacy e non possono essere divulgati, né comunicati a terzi) 1 meno di € 500 2 € 500 - € 1000 3 € 1001 - € 1500 4 € 1501 - € 2000 5 € 2001 - € 3000 6 € 3001 - € 4000 7 € 4001 - € 6000 8 oltre € 6000A33 Z34bis Negli ultimi tre mesi Lei ha cercato attivamente un nuovo lavoro? _SSSUP 1 Sì (→ A34) 2 no (→ blocco D)A34 Z34ter (solo se A33 = 1) _SSSUP Qual è la principale motivazione che l’ha indotta ad avviare la ricerca di un nuovo lavoro? 1 Stabilità del posto di lavoro 2 Maggiore introito 3 Più elevata possibilità di carriera 4 Maggiore coerenza con gli studi fatti 5 Maggiore rispondenza al titolo posseduto 6 Possibilità di acquisire maggiore professionalità 7 Maggiore rispondenza ai propri interessi culturali 8 Maggiore indipendenza e autonomia sul lavoro 9 Localizzazione della sede di lavoro 10 Per avere più tempo libero 201
    • ******************************************************************************** Domande del Blocco B (chi attualmente non lavora ma ha lavorato dopo il conseguimento del titolo Z08 = 2) ********************************************************************************B01 B1_BO Lei lavorava al momento del conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca? 1 sì (→ B02) 2 no (→ B05)B02 B2_BO (solo se B01 = 1) L’ultimo lavoro svolto era lo stesso che svolgeva al momento del conseguimento del titolo? 1 sì (→ B03) 2 no (→ B04)B03 (solo se B02 = 1) Il conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca aveva comportato un miglioramento nel suo lavoro? 1 sì 2 noB04 (solo se B03 = 1) Quali aspetti del suo lavoro erano migliorati? 1 Possibilità di guadagno (→ B06) 2 Possibilità di carriera (→ B06) 3 Stabilità/sicurezza lavoro (→ B06) 4 Coerenza con studi fatti (→ B06) 5 Acquisizione di professionalità (→ B06) 6 Rispondenza ai propri interessi culturali (→ B06) 7 Indipendenza e autonomia sul lavoro (→ B06) 8 Tempo libero (→ B06) 9 Rapporti coi colleghi (→ B06)B05 B4_BO (solo se B01 = 2 o B02 = 2) Dopo quanti mesi dal conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca aveva trovato l’ultimo lavoro svolto? 0 meno di un mese dopo il conseguimento del titolo … numero di mesi 202
    • B06 B5_BO Per quale motivo è stata interrotta la sua ultima attività lavorativa? 1 per iniziare un’attività di formazione post-dottorato 2 Dimesso perché non soddisfatto del trattamento economico 3 Dimesso perché non soddisfatto di quel tipo di lavoro/contratto 4 Dimesso perché non soddisfatto della sede di lavoro 5 Dimesso per motivi personali Licenziamento da parte del datore di lavoro o altra interruzione da lei non voluta 6 (es. chiusura attività) Scadenza regolare di un contratto a tempo determinato o termine di un lavoro 7 occasionale o stagionale 8 Maternità 9 Per iniziare il servizio civile nazionale volontario 10 AltroB07 Z34bis Negli ultimi tre mesi Lei ha cercato attivamente un lavoro? _SSSUP 1 sì (→ B08) 2 no (→ blocco D)B08 Z36 (solo se B07 = 1) _SSSUP Quale tipo di lavoro cerca? 1 Dirigente 2 LAVORATORE Direttivo/Quadro DIPENDENTE 3 Impiegato o intermedio 4 Ricercatore o Docente universitario 5 Ricercatore nel settore pubblico non universitario 6 Docente alle Scuole Medie (Inferiori o Superiori) 7 Lavoro autonomo MO NO AU TO 8 Libero professionista (iscritto albo) 9 Non ha preferenze 203
    • B09 Z37 (solo se B07 = 1) _SSSUP Che cosa ha fatto, o cosa sta facendo, in concreto per cercare lavoro? 1 iscrizione presso Ufficio di Collocamento o Centri per l’Impiego 2 inserzione sui giornali 3 lettura di offerte impiego sui giornali 4 risposta a inviti a partecipare a colloqui da parte di aziende 5 contatto con agenzie di collocamento interinale 6 contatti con datori di lavoro su iniziativa personale 7 contatti con datori di lavoro su segnalazione università/docenti 8 contatti con datori di lavoro su segnalazione di parenti amici 9 contatti con datori di lavoro su segnalazione prec. datori lavoro 10 richieste a parenti amici di segnalazioni a datori di lavoro 11 domande o partecipazione a concorsi pubblici 12 proseguendo un’attività familiare già esistente 13 predisposizione di mezzi per esercitare un lavoro in proprio 14 domande a provveditorati o presidi di insegnamento 15 via internet: proponendosi con bacheche elettr. sito personale 16 via internet: rispondendo a notizie diffuse da datori di lavoro 17 agenzie private del lavoro 18 motori di ricerca (monster, agenzia del lavoro, AlmaLaurea, ecc.) 19 altroB10 (solo se B07 = 1) Su una scala da 1 a 10 (dove 1 = per niente e 10 = moltissimo) quanto sono importanti per Lei i seguenti aspetti nella ricerca di un lavoro? (Rispondere a tutti i quesiti) Moltissimo Per niente Possibilità di guadagno 10 … … … 1 Possibilità di carriera 10 … … … 1 Stabilità/sicurezza lavoro 10 … … … 1 Coerenza con studi fatti 10 … … … 1 Acquisizione di professionalità 10 … … … 1 Rispondenza ai propri interessi culturali 10 … … … 1 Indipendenza e autonomia sul lavoro 10 … … … 1 Tempo libero 10 … … … 1 Localizzazione sede di lavoro 10 … … … 1 Rapporti coi colleghi 10 … … … 1 204
    • ******************************************************************************** Domande del Blocco C (chi non ha mai lavorato dopo il conseguimento del titolo Z08 = 3) ********************************************************************************C01 C1_BO Lei lavorava al momento del conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca? 1 sì 2 noC02 C2_BO Lei attualmente cerca lavoro? 1 sì (→ C03) 2 no (→ C06)C03 (solo se C02 = 1) Quale tipo di lavoro cerca? 1 Dirigente 2 LAVORATORE Direttivo/Quadro DIPENDENTE 3 Impiegato o intermedio 4 Ricercatore o Docente universitario 5 Ricercatore nel settore pubblico non universitario 6 Docente alle Scuole Medie (Inferiori o Superiori) 7 Lavoro autonomo MO NO AU TO 8 Libero professionista (iscritto albo) 9 Non ha preferenzeC04 (solo se C02 = 1) Che cosa ha fatto, o cosa sta facendo, in concreto per cercare lavoro? 1 iscrizione presso Ufficio di Collocamento o Centri per l’Impiego 2 inserzione sui giornali 3 lettura di offerte impiego sui giornali 4 risposta a inviti a partecipare a colloqui da parte di aziende 5 contatto con agenzie di collocamento interinale 6 contatti con datori di lavoro su iniziativa personale 7 contatti con datori di lavoro su segnalazione università/docenti 8 contatti con datori di lavoro su segnalazione di parenti amici 9 contatti con datori di lavoro su segnalazione prec. datori lavoro 10 richieste a parenti amici di segnalazioni a datori di lavoro 11 domande o partecipazione a concorsi pubblici 12 proseguendo un’attività familiare già esistente 13 predisposizione di mezzi per esercitare un lavoro in proprio 14 domande a provveditorati o presidi di insegnamento 15 via internet: proponendosi con bacheche elettr. sito personale 16 via internet: rispondendo a notizie diffuse da datori di lavoro 17 agenzie private del lavoro 18 motori di ricerca (monster, agenzia del lavoro, AlmaLaurea, ecc.) 19 altro 205
    • C05 (solo se C02 = 1) Su una scala da 1 a 10 (dove 1 = per niente e 10 = moltissimo) quanto sono importanti per Lei i seguenti aspetti nella ricerca di un lavoro? (Rispondere a tutti i quesiti) Moltissimo Per niente Possibilità di guadagno 10 … … … 1 Possibilità di carriera 10 … … … 1 Stabilità/sicurezza lavoro 10 … … … 1 Coerenza con studi fatti 10 … … … 1 Acquisizione di professionalità 10 … … … 1 Rispondenza propri interessi culturali 10 … … … 1 Indipendenza e autonomia sul lavoro 10 … … … 1 Tempo libero 10 … … … 1 Localizzazione sede di lavoro 10 … … … 1 Rapporti coi colleghi 10 … … … 1C06 (solo se C02 = 2) Per quale motivo non cerca lavoro? 1 motivi di studio o di formazione post-dottorato 2 preparazione ad un concorso pubblico 3 servizio civile nazionale volontario 4 in attesa di chiamata dopo aver superato prova / concorso / selezione 5 in attesa di avviare un’attività in proprio 6 motivi personali (casalinga/o, maternità, assistenza figli o parenti, problemi di salute, pensione, ecc.) 7 mancanza di opportunità di lavoro 8 altri motivi 206
    • ******************************************************************************** Domande del Blocco D (riepilogo attività svolte) ********************************************************************************D01 E1_BO Sarebbe in grado di ricostruire il percorso compiuto dalla conclusione del dottorato ad oggi? Per ogni periodo dovrebbe dirmi se stava lavorando (stabilmente o meno), studiando, svolgendo un’attività di formazione post-dottorato o cercando un lavoro. Per ogni semestre indichi l’attività prevalente. (NB: una risposta per ogni periodo; si parte dal primo semestre dell’anno di conseguimento del dottorato) 1 conclusione del dottorato 2 attività di formazione post-dottorato 3 lavoro con assegno di ricerca, borsa post-doc o altra borsa 4 lavoro con altro contratto a tempo determinato / contratto formazione lavoro / collaborazione / altro contratto atipico / senza contratto 5 lavoro a tempo indeterminato / autonomo effettivo 6 periodo di studio in preparazione a concorsi pubblici/esame di stato 7 ricerca di un lavoro 8 altra condizione di inattività (non lavora e non cerca lavoro) diversa dallo studio 9 altro 10 non ricorda