Your SlideShare is downloading. ×
0
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità

4,171

Published on

La comunicazione politica scopre i social media. Suggerimenti per costruire un gruppo di lavoro, quali strumenti scegliere, cosa dire e come farlo. All'interno, i case histories della comunicazione …

La comunicazione politica scopre i social media. Suggerimenti per costruire un gruppo di lavoro, quali strumenti scegliere, cosa dire e come farlo. All'interno, i case histories della comunicazione online di Michele Emiliano (sindaco di Bari) e Nichi Vendola (Presidente della Regione Puglia) - http://www.proformaweb.it - http://www.facebook.com/proformaweb

0 Comments
22 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
4,171
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
5
Actions
Shares
0
Downloads
222
Comments
0
Likes
22
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Strategia di comunicazione Gianni Florido e la Provincia di Taranto La politica nell’era dei social media: strumenti, strategie, possibilità Cesena, 6 novembre 2010 Duepuntozero – politica, democrazia e partito nel web Dino Amenduni, Proforma
  • 2. Chi parla? Mi chiamo Dino Amenduni Ho 26 anni, sono laureato in psicologia del lavoro (triennale), della comunicazione (specialistica) e ho un master in marketing Sono il responsabile dei nuovi media e consulente per la comunicazione politica a Proforma, agenzia di comunicazione di Bari, mia città natale, da cui non mi sono mai allontanato
  • 3. Chi parla? Sono il responsabile dei social media di Nichi Vendola (Link alla pagina FB di Nichi) Sono stato coordinatore di EmiLab, staff di 150 volontari under30 a supporto di Michele Emiliano, sindaco di Bari, (PD, Amministrative 2009) Nel poco tempo libero che mi rimane sono giornalista musicale, co-gestisco un collettivo di satira e mediattivismo (Quink) e lavoro in una radio locale
  • 4. Di che si parla? I social media in politica: chi può usarli e come Buone pratiche: cosa è necessario fare per non sbagliare La comunicazione sul web: la vera campagna elettorale permanente? L’inversione dei flussi: dal web ai media tradizionali Michele Emiliano e Nichi Vendola: le buone pratiche come esempio
  • 5. Questioni a. I social media sono per tutti i politici? b. Quanto costa esserci? c. E quanto costa non esserci? d. I social media sono strumenti efficaci solo per comunicare i singoli individui, o anche le organizzazioni e i partiti?
  • 6. Sommario Sui social media a tutti i costi?
  • 7. Facebookmania? Social media per tutti? Tutti usano Internet per fare campagna elettorale. Lo fanno perché convinti di trovare nuovi bacini elettorali o perché intuiscono le potenzialità di uno strumento che segue logiche indipendenti da quelle che regolano i media tradizionali. O lo fanno perché sono fruitori di questi strumenti e ne conoscono le dinamiche Qualunque sia il motivo per cui un politico usa i social media, non ci si può più limitare allo spontaneismo. Se tutti sono online bisogna fare di più e meglio per emergere
  • 8. Parliamoci onestamente Social media per tutti? I social media più popolari, per loro natura, sono strumenti egalitari. Ogni utente, che sia un capo di Stato o un ragazzo di 15 anni, ha la stessa interfaccia e le stesse opzioni. La retorica comunicativa è condivisa e questo comportamento è atteso dagli utenti: un partito o un politico non può rivendicare le gerarchie del mondo reale per marcare una distanza La richiesta di feedback e di comunanza è un’esplicita richiesta di onestà e di parità
  • 9. Parliamoci onestamente Social media per tutti? Non si può mentire perché tra amici o tra persone emotivamente affiliate ci si aspetta, con forza, l’onestà. Se un politico decide di comunicare sui social media, accetta questa regola. Se non sente il bisogno di comunicare in modo leale, franco, accettando critiche pubbliche (e l’onere della risposte a queste critiche), sarebbe più onesto se NON usasse i social media La censura, nel web 2.0 è non solo vietata, ma immediatamente controproducente
  • 10. Sommario Da dove si inizia?
  • 11. Per partire: i requisiti minimi e massimi coincidono Social media: Come partire Il caso italiano semplifica lo scenario L’accesso ai social media in Italia è piuttosto anomalo e comunque assai differente rispetto alle democrazie anglosassoni. Il quadro è infatti molto più semplificato: Facebook – 16 milioni di utenti (un italiano su 4, il 60% circa degli italiani che usano Internet) Youtube – un miliardo di video caricati nel mondo Twitter – un milione di iscritti in Italia (mondo: FB 500 milioni, TW: 100 milioni)
  • 12. Facebook, Twitter e Youtube sono sufficienti? Social media: Come partire Per il momento sì Conviene concentrare gli sforzi su questi tre strumenti, essendo gratuiti ed avendo raggiunto una massa critica o un livello di semplicità di utilizzo tale da non richiedere grossi sforzi cognitivi e organizzativi Vanno tenuti d’occhio, però, altri strumenti, più o meno emergenti: LinkedIn - social media che mete in rete professionisti) Foursquare – social media che geolocalizza la posizione dell’utente Flickr – social media dedicato alle foto Friendfeed – aggregatore di aggiornamenti su tutti i social media degli utenti
  • 13. Facebook, Twitter e Youtube: ma come? Social media: Lo scheletro Facebook – pagina pubblica (fanpage) A differenza del profilo personale, può essere amministrato da più persone in contemporanea. I nomi degli amministratori restano anonimi. Non esiste il limite massimo di 5000 contatti per profilo, così come accade per i profili personali Un utente di Facebook può diventare “fan” del candidato senza che quest’ultimo debba approvare una richiesta di amicizia
  • 14. Facebook, Twitter e Youtube: ma come? Social media: Lo scheletro Facebook – pagina pubblica (fanpage) La fanpage è lo strumento che Facebook ha creato per offrire i maggiori gradi di personalizzazione all’utente Su una pagina è possibile installare applicazioni (banner, giochi, plug-in) ed è possibile acquistare inserzioni pubblicitarie altamente personalizzate, con cui veicolare campagne web mirate a target definibili per sesso, età, città di residenza e di nascita, orientamento politico, religioso e sessuale, titolo di studio e stili di navigazione su FB (a quali pagine è già iscritto, ad esempio)
  • 15. Facebook, Twitter e Youtube: ma come? Social media: Lo scheletro Facebook – pagina pubblica (fanpage) Tutti i fan possono essere informati in contemporanea con un aggiornamento, un messaggio che giunge nelle caselle di posta di Facebook degli utenti in modo non invasivo. Non appare come messaggio di posta, ma come aggiornamento, la notifica è meno evidente e dunque raggiunge solo le persone realmente interessate Per il resto, una fanpage funziona esattamente come un profilo personale, compresa la funzione di aggiornamento di status
  • 16. Facebook, Twitter e Youtube: ma come? Social media: Lo scheletro Facebook – pagina pubblica Nichi Vendola
  • 17. Facebook, Twitter e Youtube: ma come? Social media: Lo scheletro Youtube – canale istituzionale Il mezzo video è probabilmente il più efficace nel mondo del web 2.0. È il più facile da fruire (specie se i video sono brevi) ed è tra più facili da realizzare. La qualità dell’immagine, su Youtube, non è una condizione determinante. È importante comunicare tanto ed in tempo reale Su questo spazio possono essere caricati video inediti, relativi all’attività del politico o dell’organizzazione, ma non solo: si possono ricavare estratti provenienti da altre fonti, in particolare spezzoni di trasmissioni TV e telegiornale. Il rapporto tra costi (nulli a livello economici, assai modesti per le risorse umane) e benefici è indiscutibilmente a favore
  • 18. Facebook, Twitter e Youtube: ma come? Social media: Lo scheletro Youtube – canale istituzionale Michele Emiliano
  • 19. Facebook, Twitter e Youtube: ma come? Social media: Lo scheletro Twitter – profilo personale certificato In Italia si parla molto di questo servizio di microblogging, ma è uno strumento ancora poco ed alto tasso di mortalità. Ma la gestione di un profilo su Twitter è quanto mai conveniente, per due motivi Il primo è legato alla possibilità di aggiornare automaticamente il profilo attraverso la gestione al “minimo” della fanpage di Facebook, senza nessuno sforzo di integrazione; il secondo è legato alla maggiore presenza sul web, a fronte di nessuno sforzo redazionale supplementare
  • 20. Facebook, Twitter e Youtube: ma come? Social media: Lo scheletro Twitter – profilo personale certificato Questo approccio “minimo” allo strumento si mostrerà, però, sempre meno efficace quanto più cresceranno gli iscritti a Twitter, dato che i “followers” si rivolgeranno in modo immediato (con un messaggio di 160 caratteri) al politico o all’organizzazione che, proprio per la semplicità di interazione, ha il “dovere morale” di rispondere e di seguire gli aggiornamenti degli iscritti alla pagina Alla crescita della complessità deve seguire una crescita della complessità del team di gestione dei social media
  • 21. Quanto costa comunicare sui social media? Social media: Lo scheletro Twitter – profilo personale certificato Vendola
  • 22. Prima dei social media: il gruppo di lavoro Social media: Lo scheletro Gestire la comunicazione web di un candidato richiede uno sforzo non dissimile dalla creazione di un ufficio stampa o di un team che si occupa di media planning ed organizzazione eventi Affidare tutto il peso di questo lavoro a una sola persona è dunque impossibile e talvolta nocivo. Allo stesso tempo un singolo coordinatore può gestire tutti i profili “2.0” di un candidato, sia dal punto di vista dei contenuti sia in termini di strategia politica. Bisogna, dunque, individuare una figura di coordinatore di questa area di lavoro Le risorse necessarie per comunicare sui nuovi media sono umane, non economiche
  • 23. Sommario Il social media team: chi, dove, come
  • 24. Un buon team sui social media Social media: L’organizzazione Un uomo solo al comando non è sufficiente. I social media vivono di contenuti ed aggiornamenti costanti, che spesso un politico o un’organizzazione può (e deve) creare internamente. Le figure indispensabili per comunicare in modo efficace sono: Responsabile video: deve essere in grado di girare ed editare gli interventi pubblici del candidato (comizi, iniziative), registrazioni di presenze in TV (dibattiti, TG, talk show). Non è necessario che abbia competenze politiche, specie se lavora in tandem col coordinatore: sarà quest’ultimo a suggerire le strategie per il montaggio e il caricamento dei video su Youtube
  • 25. Un buon team sui social media Social media: L’organizzazione Responsabile foto: può anche coincidere con il responsabile video o un’altra figura di staff. Deve dare testimonianza della vita quotidiana del partito o dei politici, quello che i media tradizionali non raccontano e quello di cui ha bisogno un’organizzazione politica per creare interesse attorno alle attività ed “umanizzare” il lavoro. Il mezzo fotografico è assai colorato emotivamente e questo può aiutare nel raggiungimento dell’obiettivo generale Un responsabile foto può anche gestire un profilo su Flickr o utilizzare foto di archivio o da fonti esterne. Può aiutare anche nella realizzazione di manifesti e campagne
  • 26. Un buon team sui social media Social media: L’organizzazione Responsabile web: deve essere in grado di costruire un sito e gestirne i contenuti. Se possibile, deve poter programmare applicazioni per Facebook (con il codice FBML), strumenti che possono favorire moltissimo la distribuzione dei contenuti, specie se associati a giochi o a elementi più “leggeri”, che semplifichino la complessità di certi argomenti. Possono essere videogiochi, quiz, premi, contest di creatività. All’occorrenza può essere anche web editor ed inserire contenuti redazionali sul sito di riferimento Le quattro figure devono avere competenze minime nei reparti che non sono di loro competenza diretta. Il coordinatore deve anche essere dotato di capacità di analisi politica per orientare lo sviluppo dei contenuti
  • 27. Sommario Cosa dire e cosa fare?
  • 28. Social media: buone pratiche per il successo Social media: Cosa dire e cosa fare Le parole chiave della comunicazione sui social media sono: Contenuti: il silenzio è più assordante sui social media. In un contesto dove tutti parlano, la politica che non dice (o che dice male) fa più rumore Feedback: Tutti parlano, tutti ci parlano, tutti si aspettano risposte. I social media non sono strumenti unidirezionali. L’onore e l’onere dell’interazione sono valori non discutibili né negoziabili
  • 29. Social media: buone pratiche per il successo Social media: Cosa dire e cosa fare 1. Comunicare con costanza e frequenza È importante tenere l’attenzione sempre viva sulla Rete Gli spazi di un politico o di un’organizzazione sul web corrispondono ad un mezzo di comunicazione istituzionale o personale. Non parlare, dunque, vuol dire non avere niente da dire Se non ci sono contenuti o opinioni fresche, cercarle fuori dalla nostra organizzazione. Articoli di giornale, stimoli per il dibattito e la discussione, contenuti di altre organizzazioni a noi prossime. Così facendo è possibile costruire e descrivere il nostro universo valoriale di riferimento
  • 30. Social media: buone pratiche per il successo Social media: Cosa dire e cosa fare 2. Non pubblicare contenuti esclusivamente politici Gli utenti dei social media si aspettano di parlare con altri utenti, che siano direttamente i politici o persone del loro staff o appartenenti a partiti e organizzazioni Così come ognuno di noi condivide gusti, passioni e interessi sui social media, ci si aspetta che le persone che compongono le organizzazioni con cui interagiamo facciano lo stesso. Anche la condivisione di una passione, di un hobby, persino di una debolezza, di un singolo o di un gruppo di lavoro può generare attenzione e consenso
  • 31. Social media: buone pratiche per il successo Social media: Cosa dire e cosa fare 2. Non pubblicare contenuti esclusivamente politici
  • 32. Social media: buone pratiche per il successo Social media: Cosa dire e cosa fare 3. Citare esplicitamente (o taggare) i nostri interlocutori Taggare una persona vuol dire associarla ad un contenuto. Molti social media permettono agli amministratori dei profili di taggare o linkare altri profili personali, gruppi ed altre fanpage quando si pubblica un contenuto o un aggiornamento di stato Taggare un contenuto ha due vantaggi: includere le persone o i gruppi taggati all’interno della comunità creata attorno al candidato; auto-includersi nella comunità che viene taggata, duplicando la quantità di lettori di un contenuto. Per questo motivo è importante che chi si occuperà dell’amministrazione della fanpage si iscriva ai profili, ai gruppi e alle pagine vicini politicamente, oppositori o co-protagonisti di iniziative
  • 33. Social media: buone pratiche per il successo Social media: Cosa dire e cosa fare 3. Citare esplicitamente (o taggare) i nostri interlocutori
  • 34. Social media: buone pratiche per il successo Social media: Cosa dire e cosa fare 4. Gestire i due flussi di feedback Vuol dire gestire e interpretare la comunicazione che giunge dall’utente al candidato, al politico o all’organizzazione, al fine di rimodulare agenda e proposta politica e socializzare le innovazioni con i nostri sostenitori Questa attività di monitoraggio costante ha due vantaggi: il primo è l’anticipazione dei tempi della politica e la possibilità di correggere la strategia in corsa; la seconda è la creazione di link sui profili, le pagine o i gruppi con cui è stata stabilita un’interazione. Questo aumenta la visibilità della pagina e la rende più facilmente rintracciabile, oltre a generare meccanismi di networking e di costruzione del consenso
  • 35. Social media: buone pratiche per il successo Social media: Cosa dire e cosa fare 5. Evitare censure La tracciabilità e la memorabilità l’attività sul web rende impossibile una rimozione totale e indolore dei contenuti. Se cancelliamo un contenuto scomodo, gli utenti lo denunceranno pubblicamente Sono da evitare anche rimproveri e punizioni ufficiali. Se avremo costruito una comunità solida di sostenitori, saranno gli stessi utenti a stigmatizzare i comportamenti spiacevoli, ribattendo agli attacchi in nostra difesa fino alla segnalazione di comportamenti inappropriati a Facebook che, in caso di numerose indicazioni, sospenderà provvisoriamente l’accesso alla pagina all’utente molesto
  • 36. Social media: buone pratiche per il successo Social media: Cosa dire e cosa fare 6. Coltivare e crescere la propria rete di relazione Stimolare la maggior quantità possibile di meccanismi di networking: con i grandi elettori, con gli stakeholders, con gli altri candidati alle Primarie, con i competitors e i loro sostenitori. Non esistono molti modi altrettanto efficaci per provare a muovere il consenso in tempo reale Per ottenere questo obiettivo è sufficiente stringere relazioni, scambiare contenuti, condividerli in contemporanea, tributare i meriti di iniziative o attaccare un avversario. O più semplicemente, posizionandosi politicamente e avendo cura delle reazioni generate dalle nostre azioni In questo senso, Facebook è una risorsa chiave: permettere di fare tutto questo in tempi brevi e in modo pressochè gratuito
  • 37. Social media: buone pratiche per il successo Social media: Cosa dire e cosa fare 7. Tutto online, per tutti Rendere disponibili tutti i contenuti e le informazioni sulla campagna elettorale: dai manifesti alle brochure, dalle indicazioni sul come si vota alle sedi elettorali, bisogna mettere ogni sostenitore nelle condizioni di poter auto-gestire una campagna elettorale a sostegno del candidato, del partito o dell’organizzazione politica, senza complicare i processi con meccanismi di controllo ed approvazione dall’alto I flussi di comunicazione sono tali e tanti da impedirne un controllo metodico e totale, che sarebbe comunque controproducente perché contrario alle retoriche “orizzontali” di Facebook. Perché, allora, non delegare i processi di creazione del contenuto alla Rete? Spesso gli utenti sono più bravi di noi
  • 38. Social media: buone pratiche per il successo Social media: Cosa dire e cosa fare 7. Tutto online, per tutti
  • 39. Social media: buone pratiche per il successo Social media: Cosa dire e cosa fare 8. Trarre vantaggio sui media tradizionali Se le condizioni di questa analisi sono soddisfatte per la maggior parte, usare Facebook e i social network come strumento esplicito di comunicazione politico/elettorale anche sui media tradizionali (manifesti, locandine, apparizioni televisive) Questo principio è ancora più solido nei sistemi mediatici locali, dove si può approfittare della relativa scarsezza di informazioni “autonome” (che non provengono da uffici stampa e altre redazioni) per veicolare contenuti di comunicazione nati sul web e che lì hanno ottenuto un buon successo (in particolare video e dichiarazioni, mediante comunicati stampa)
  • 40. Social media: buone pratiche per il successo Social media: Cosa dire e cosa fare 8. Trarre vantaggio sui media tradizionali – videolettera sul Corriere della Sera
  • 41. Sommario Come comunicare? La gestione quotidiana
  • 42. Social media: come costruire contenuti interessanti Social media: Come comunicare 1. Costruire un racconto, una storia, una narrazione I contenuti, quando coerenti tra loro devono inseguirsi l’un l’altro nella proposta, nei temi e nello stile di comunicazione Devono assecondare l’attualità quando possibile, devono andare in “alto” e spostarsi sui temi nazionali quando se ne ha competenza, devono andare in “basso” e occuparsi delle emozioni e dei sentimenti delle persone quando il mittente ha genuinamente empatizzato con questo genere di contesti
  • 43. Social media: come costruire contenuti interessanti Social media: Come comunicare 2. Comunicare tutto in diretta Il modo migliore per comunicare sui social media è usarlo esattamente come tutti gli altri. Così come tutti noi aggiorniamo lo status raccontando episodi della nostra vita, carichiamo le foto di una festa o di un luogo che ci ha emozionato, allo stesso modo dobbiamo amministrare una pagina. Se una persona non entra in sintonia con noi, se non gli comunichiamo umanità ed empatia, il progetto politico non basterà a convincerci La qualità dei contenuti prodotti è meno importante del timing scelto per proporli. Una foto realizzata con un iPhone e caricata durante un incontro pubblico è da preferire ad una foto professionale condivisa a distanza di giorni (per quanto un contenuto non escluda l’altro)
  • 44. Social media: come costruire contenuti interessanti Social media: Come comunicare 2. Comunicare tutto in diretta
  • 45. Social media: come costruire contenuti interessanti Social media: Come comunicare 3. Evitare la routine I contenuti vanno alternati sia per tipologia sia per stile comunicativo. Anche in questo caso, si tratta di usare Facebook così come lo usano i nostri interlocutori, il nostro modo di usare lo strumento. A intervalli di tempo compresi tra i 60 e i 120 minuti la pagina dovrebbe essere aggiornata. Si può inserire un aggiornamento di stato su un evento, poi un articolo di giornale, poi una foto del passato, poi un link su una delibera, poi un video Youtube del proprio canale, poi un aggiornamento di stato sul calcio, e così via Bisogna offrire di tutto seguendo dei fili logici e narrativi ben riconoscibili che garantiscono la coerenza dello strumento senza sacrificare l’eterogeneità dei contributi proposti
  • 46. Social media: come costruire contenuti interessanti Social media: Come comunicare 3. Evitare la routine – fanpage di Vendola il 5 novembre
  • 47. Social media: come costruire contenuti interessanti Social media: Come comunicare 4. Editare i contenuti Il successo di un’azione sui social media può dipendere da 30 secondi di lavoro in più. Ogni contenuto può essere personalizzato nel titolo e nella descrizione e può essere inserito un commento a qualsiasi contenuto, anche a un link esterno L’importanza di un lavoro preciso di editing è forse ancora più determinante per Youtube, dove il titolo e la descrizione sono i primi elementi che un utente osserva. Inoltre bisogna preparare un contenuto pensando che questo verrà condiviso da persone anche molto lontane da noi. Suggeriamo, dunque, di inserire sempre il nome del mittente nel titolo e sempre i link del sito e di Facebook all’interno della descrizione
  • 48. Social media: come costruire contenuti interessanti Social media: Come comunicare 5. Comunicare le esclusive Nel 2008 Obama comunicò il nome del suo candidato vicepresidente attraverso un SMS agli iscritti alla sua newsletter e solo dopo fece pervenire la notizia alla stampa. Lo ha fatto per far sentire la propria comunità parte di un percorso politico e di vita Dobbiamo fare nostro questo principio: il rapporto con i media tradizionali è fondamentale, ma chi si deve attivare per raccogliere i voti sono le persone e sono loro il nostro interlocutore privilegiato. Tutto ciò che può essere condiviso prima con gli utenti e poi con la stampa (a partire dai racconti in diretta degli eventi) è da preferire nella scelta dei contenuti da veicolare sui social media
  • 49. Social media: come costruire contenuti interessanti Social media: Come comunicare 5. Comunicare le esclusive – videolettera di Vendola ai fan di Facebook (link Youtube)
  • 50. Social media: come costruire contenuti interessanti Social media: Come comunicare 6. Far dialogare vecchi media e nuovi media Tutti gli interventi sui media tradizionali devono diventare contenuti per il web. Se si interviene in televisione, l’intervento deve finire su Youtube; se parla in radio si deve caricare e condividere il suo contributo audio. I social media sono come il maiale: non si butta via niente Questo è vero sia per non disperdere i contenuti, sia perché è possibile creare affiliazione e condivisione da parte di chi ha visto l’intervento sui media tradizionali, lo ha trovato convincente, lo vorrebbe condividere con i suoi amici e, se viene messo nelle condizioni di poterlo fare, si attiva per farlo conoscere
  • 51. Social media: come costruire contenuti interessanti Social media: Come comunicare 7. Far dialogare nuovi media e vecchi media La transizione vecchi-nuovi media richiede solo un lavoro redazionale. Il passaggio inverso, ben più affascinante, non è poi così impossibile. Spesso i media locali hanno “fame” di storie da raccontare. Un comunicato stampa ben confezionato, un video corto e di alta qualità, una curiosità o un aneddoto possono entrare nell’agenda setting dei giornali e delle TV senza sforzo Inoltre i social media permettono di testare contenuti video prima che diventino “ufficiali”. Se il miglior video prodotto durante la campagna (per visualizzazioni e feedback) è stato prodotto da un utente/sostenitore, perché non si può immaginare che diventi il video ufficiale?
  • 52. Social media: come costruire contenuti interessanti Social media: Come comunicare 7. Far dialogare nuovi media e vecchi media Video – problemi di elezione (campagna Emiliano 2009): da spot web a spot ufficiale - Link al video - Youtube
  • 53. Social media: come costruire contenuti interessanti Social media: Come comunicare 8. Parlare alle nicchie La comunità virtuale di sostenitori o di semplici appassionati di politica è fatta di esperienze diverse, di tante piccolissime nicchie di pubblico: gli ambientalisti, gli architetti, gli abitanti del centro, i commercianti, gli sportivi, gli omosessuali, gli amici del Sindaco, i nemici del Segretario Per questo bisogna sforzarsi di cogliere le occasioni per dire una cosa a ognuna di queste categorie, seguendo l’attualità o una richiesta esplicita di attenzione. La gestione del feedback è la chiave del successo della comunicazione sui social media. Dare feedback a tutti vuol dire mostrarsi attento agli interessi di tutti, dunque essere un garante della comunità, dunque essere credibile come amministratore
  • 54. Social media: come costruire contenuti interessanti Social media: Come comunicare 9. Parlare quando c’è gente online Un aggiornamento di stato illuminante scritto in piena notte rischia di non essere valorizzato pienamente perché non c’è nessuno online che può condividerlo in tempo reale e può generare l’effetto palla di neve e il passaparola anche fuori dalla Rete Per questo motivo va contemplata l’ipotesi di scrivere una scaletta quotidiana dei contenuti da condividere per poter gestire tutto e far uscire i contenuti migliori quando il pubblico potenziale è più ricettivo
  • 55. Social media: come costruire contenuti interessanti Social media: Come comunicare 10. Essere flessibili in caso di crisi comunicative Se un contenuto offre lo spunto per critiche e controversie, non è un immorale proporre in breve tempo (e non aspettare, dunque, la cadenza canonica di pubblicazione) un altro stimolo per distrarre i fan della pagine e riattivarli positivamente Questa regola è valida, al contrario, in caso di intervento comunicativo particolarmente riuscito. Se un aggiornamento esalta i sostenitori, forse è il caso di tenerlo in evidenza per più tempo, salvo necessità di caricare contenuti nuovi perché sono tanti, perché c’è un evento o perché l’attualità impone un intervento o una correzione di strategia
  • 56. Il “delitto perfetto”: la videolettera di Vendola a Berlusconi Social media: Come comunicare Il video politico più di successo in Italia sul web (750mila visualizzazioni) è ripreso da tutti i giornali e le televisioni italiane ed internazionali: Videolettera di Nichi a Berlusconi (Youtube)
  • 57. Grazie! Un grande abbraccio Dino Amenduni Facebook: http://www.facebook.com/dinoamenduni Twitter: http://www.twitter.com/doonie LinkedIn: http://www.linkedin.com/dinoamenduni Slideshare: http://www.slideshare.net/doonie (qui si può scaricare la presentazione) Proforma Sito: http://www.proformaweb.it Facebook: http://www.facebook.com/proformaweb Twitter: http://www.twitter.com/proformaweb Youtube: http://www.youtube.com/proformaweb

×