Italia 2.0 - L'inarrestabile corsa verso un nuovo Paese
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Italia 2.0 - L'inarrestabile corsa verso un nuovo Paese

on

  • 2,850 views

Politica, comunicazione, opinione pubblica:

Politica, comunicazione, opinione pubblica:
l’inarrestabile corsa verso un nuovo Paese (slideshow presentato al Collegio di Milano, 30 maggio, corso di cultura e innovazione digitale)

Statistics

Views

Total Views
2,850
Views on SlideShare
2,805
Embed Views
45

Actions

Likes
4
Downloads
96
Comments
0

6 Embeds 45

http://beta.partitodemocratico.it 31
http://www.partitodemocratico.it 10
http://twitter.com 1
http://www.twylah.com 1
https://twimg0-a.akamaihd.net 1
http://www.linkedin.com 1

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Italia 2.0 - L'inarrestabile corsa verso un nuovo Paese Presentation Transcript

  • 1. Strategia di comunicazione Gianni Florido e la Provincia di Taranto Italia 2.0 Politica, comunicazione, opinione pubblica: l’inarrestabile corsa verso un nuovo Paese Milano, 30 maggio - Collegio di Milano Corso in innovazione e cultura digitale Dino Amenduni, Proforma
  • 2. Chi è quel ragazzo coi bermuda? Mi chiamo Dino Amenduni Ho 27 anni, sono laureato in psicologia del lavoro (triennale), della comunicazione (specialistica) e ho un master in marketing Sono il responsabile dei nuovi media e consulente per la comunicazione politica a Proforma, agenzia di comunicazione di Bari, mia città natale, dove ho sempre studiato e lavorato e dove vivo tuttora
  • 3. Chi è quel ragazzo coi bermuda? Sono il coordinatore dello staff social media di Nichi Vendola ( Link alla pagina FB di Nichi ) Sono stato coordinatore di EmiLab , staff di 150 volontari under30 a supporto di Michele Emiliano, sindaco di Bari, (PD, Amministrative 2009) ( link alla pagina FB di Emiliano ) Nel poco tempo libero che mi rimane sono giornalista musicale, e blogger sul Fatto Quotidiano ( link al blog ) e tra i responsabili di Quink, collettivo di satira ( link alla pagina FB )
  • 4. Di che si parla? Più che un cambio di paradigma: cosa cambia con i social media Cause e conseguenze teoriche del passaggio al social media marketing Nichi Vendola e i social media: cronaca di una giornata di lavoro Amministrative 2011: il trionfo del surplus cognitivo Due best practices: i video di Ted
  • 5. Temi Quali sono le conseguenze , online e offline, della diffusione dei social media ? Qual è la situazione italiana ? Qual è il rapporto tra nuovi media e (comunicazione) politica nel nostro Paese? Quali sono le prospettive di sviluppo e le applicazioni possibili? Cosa resterà di queste Amministrative 2011?
  • 6. Ted – Video #1 Il momento critico dei social media secondo James Surowiecki
  • 7. TED, un’eccellenza del web-marketing Pr oviamo ad applicare queste tecniche su noi stessi Guardiamo insieme questo video tratto dall’archivio di Ted ( http://www.ted.com ) Ted è una conferenza multidisciplinare la cui missione è riassunta nella formula " ideas worth spreading " (idee degne di essere diffuse) e, in effetti, le migliori conferenze sono state pubblicate gratuitamente sul sito web del TED . Le lezioni abbracciano una vasta gamma di argomenti che include scienza, arte, politica, temi globali, architettura, musica e altri saperi
  • 8. TED, video #1 Pr oviamo ad applicare queste tecniche su noi stessi http://www.ted.com/talks/lang/ita/james_surowiecki_on_the_turning_point_for_social_media.html James Surowiecki individua il momento in cui i social media giocarono un ruolo primario a livello mondiale nella raccolta delle notizie: lo tsunami del 2005, quando i video di YouTube, i blog, la messaggistica istantanea e gli sms diffusero le notizie, preservando dalla tragedia toccanti storie personali.
  • 9. I nuovi nuovi media Web 2.0 e social media Cosa sono e perché nascono
  • 10. Il web 2.0 Trattazione teorica originale di Tim O’Reilly. Traduzione integrale qui Una breve definizione: Il Web 2.0 è un termine utilizzato per indicare genericamente uno stato di evoluzione di Internet (e in particolare del World Wide Web), rispetto alla condizione precedente. Si tende a indicare come Web 2.0 l'insieme di tutte quelle applicazioni online che permettono uno spiccato livello di interazione tra il sito e l'utente
  • 11. Il web 2.0 – modelli teorici di riferimento Legge di Pareto Modello Wikipedia Coda lunga Saggezza della folla
  • 12. A. Legge di Pareto 80/20 Secondo la "legge 80/20" (i valori 80% e 20% sono ottenuti mediante osservazioni empiriche di numerosi fenomeni e sono solo indicativi), in genere l'80% dei risultati dipende dal 20% delle cause
  • 13. A. Legge di Pareto 80/20 Questo principio può avere diverse applicazioni pratiche in diversi settori, ad esempio: Economia: l'80% delle ricchezze è in mano al 20% della popolazione (ma ovviamente i valori reali variano a seconda dei paesi e dei periodi). Oppure: il 20% dei venditori fa l'80% delle vendite, ed il restante 80% dei commerciali fa solo il 20% delle vendite Qualità: il 20% dei tipi possibili di guasto in un processo produttivo genera l'80% delle non conformità totali. Oppure: l'80% dei reclami proviene dal 20% dei clienti Informatica : l’80% del tempo di esecuzione è impiegato solo dal 20% delle istruzioni di un programma. Oppure: l'80% delle operazioni degli utenti sono dovute al 20% delle funzioni a disposizione di un applicativo. L'80% degli errori di codifica è riconducibile al 20% dei moduli (fonte: Wikipedia)
  • 14. B. Modello Wikipedia – divisione disorganizzata del lavoro
    • Creazione di una voce (ad es. la parola “carta”)
    • Prima bozza
    • La voce viene individuata da altri utenti che aggiungono o modificano la stessa voce perché competenti nella materia
    • Se sono riscontrate inesattezze (volontarie o meno, poco importa) vengono subito corrette
    • La voce sarà perfezionata con il contributo, anche minimo, di tanti utenti
    • Anche in Wikipedia è valido il principio di Pareto : il 20% degli utenti modificano l’80% delle voci totali presenti sul sito. Questa distribuzione vale, in media, anche per la singola voce
  • 15. C. La coda lunga La coda lunga è una teoria economica formulata da Chris Anderson (fondatore di Wired) nel 2004 È un modello che sembra poter spiegare i funzionamenti del mercato. È una teoria attuale per il mercato dei beni immateriali e “futuribile” perché pare essere in grado di teorizzare il cambiamento delle leggi che regolano il tradizionale meccanismo distributivo (produzione/stoccaggio/vendita al dettaglio)
  • 16. C. La coda lunga La diffusione di internet, il non-luogo dove chiunque in qualunque momento può consultare infiniti elenchi di prodotti, ha permesso di abbattere i costi di distribuzione e magazzino , spezzando il legame che vincolava il successo alla visibilità La possibilità di gestire un catalogo virtuale pressoché illimitato ha rivoluzionato il modello economico dominante : semplicemente, vendere anche solo poche copie al mese di migliaia di titoli è più redditizio che vendere migliaia di copie di pochi titoli Oggi: le corporazioni dei beni immateriali sono in profonda difficoltà (esempi: mercato discografico e pornografia)
  • 17. C. La coda lunga - cause Nuove tecnologie hardware e software a basso costo che permettono ai produttori di beni immateriali (grafica, musica, video, servizi) di farlo a costi contenuti o addirittura nulli Servizi (Internet, archiviazione dati) a costi contenuti che forniscono banda e hosting illimitato ai produttori di beni immateriali Possibilità di distribuire i propri prodotti a costo zero (es. attraverso Youtube), combinata alla possibilità che questi prodotti siano fruiti da chiunque attraverso Internet, anche senza pubblicità o senza conoscenza diretta del prodotto o dell’autore (es. attraverso Google o aggregatori di notizie)
  • 18. C. La coda lunga - cause Approcci di marketing e comunicazione più efficienti e misurati per la distribuzione di questi prodotti (niente più costi di stampa, di magazzino e di spedizione) Possibilità per tutti di entrare in questo mercato (finisce la divisione tra produttore e consumatore: si parla di prosumer , ovvero di un utente che fa entrambe le cose in contemporanea)
  • 19. C. La coda lunga - conseguenze Dal broadcasting al narrowcasting : da una platea con milioni di persone come pubblico a milioni di platee con poche persone come pubblico Questo modello economico, chiamato “coda lunga”, è economicamente sostenibile proprio perché non ha costi se non quelli (minimi) per produrre il contenuto e, in caso di contenuti professionali, ha costi nulli per la distribuzione Gli utenti, avendo molte più alternative di scelta, abbandonano il mainstream e si rivolgono alle nicchie di mercato che più soddisfano le loro necessità
  • 20. D. Saggezza della folla È una teoria dimostrata da James Surowiecki attraverso un’infinità di prove empiriche (2005). Secondo questa teoria, una variabile è misurata in modo più preciso da una massa di persone inesperte che da un gruppo di specialisti
  • 21. D. Saggezza della folla Esempio (1): durante una fiera, Surowiecki fece scommettere 100 persone sul peso di un vitello. Le 100 persone dichiararono il loro peso stimato. A seguire, fece ripetere l’esperimento a 10 allevatori Il peso del vitello fu indovinato con precisione assoluta dalla “massa” (il valore medio delle 100 valutazioni era precisamente il peso del vitello) Esempio (2) : prediction markets – un istituto di ricerca universitario permise ai cittadini di scommettere sul vincitore alle elezioni. Nelle scommesse, le quote variano sulla base dell’orientamento della giocata (sia sulla base di chi viene scelto, sia su quanto si punta) Il risultato del prediction market fu più affidabile di quello dei sondaggi nel misurare la distanza tra i vincitori
  • 22. Dal web 1.0 al web 2.0 – una mappa
  • 23. Dal web 2.0 alla classe Perché questo preambolo teorico? Per studiare quali sono i meccanismi di socializzazione e apprendimento dei giovani (e non solo) I nati dopo il 1976 appartengono infatti alla cosiddetta Millenial Generation , ossia a quel gruppo di persone, “nativi digitali”, che considerano Internet la prima fonte rilevante di reperimento delle informazioni Se Internet è più credibile di ogni altra cosa, non può che diventare un nostro alleato formativo/educativo
  • 24. La Millennial Generation oggi Se esiste un prima e un dopo nell’interazione tra giovani e modalità di accesso all’informazione, quella data è il 1976 Si assume, infatti, che i nati dopo il 1976 (24 anni nel 2000, 34 nel 2010, 39 nel 2015, 44 nel 2020) ritengano Internet come fonte potenzialmente determinante nella fruizione di informazioni di qualunque natura Dunque Internet risulta determinante nella socializzazione politica, nella formazione dell’opinione pubblica e nell’orientamento al voto ( http://en.wikipedia.org/wiki/Generation_Y )
  • 25. La Millennial Generation oggi Cittadini italiani di età compresa tra i 18 e i 34 anni (dati Istat)
  • 26. La Millennial Generation nel 2015 Stima dei cittadini italiani di età compresa tra i 18 e i 39 anni nel 2015 (13-34 anni oggi)
  • 27. La Millennial Generation nel 2020 Stima dei cittadini italiani di età compresa tra i 18 e i 44 anni nel 2020 (8-34 anni oggi)
  • 28. I giovani sono il futuro: solo retorica? “ I giovani sono il futuro di questo Paese ”: quante volte i politici hanno usato questa frase, (specie in campagna elettorale)? E quante volte avete tratto giovamento da politiche orientate al favorire l’accesso dei giovani alla politica, all’impresa, alla ricerca, al lavoro? Comunque sia andata fino a oggi, le tabelle ISTAT dimostrano che qualcosa sta cambiando: lo stabilisce la demografia
  • 29. I giovani sono il futuro: solo retorica? Millennial generation che vota oggi : 12 milioni di persone Millennial generation che vota nel 2015 : 15 milioni di persone Millennial generation che vota nel 2020 : 17,7 milioni di persone E se ognuno di loro convincesse un non-Millennial? 2020: gli under 35 di oggi hanno la maggioranza a un solo grado di separazione
  • 30. Siamo pronti? 2010: “Pensare di fare politica senza internet, oggi, è un suicidio” (Sam Graham-Felsen, direttore del blog di Obama nel 2008) 2015: Tutti i politici avranno usato Facebook per comunicare (e molti di loro, per fare campagna elettorale) 2020: La Millenial Generation ha un potenziale elettorale di 34 milioni di italiani. Questo è il gruppo sociale più trasversale, eterogeneo e contemporaneamente oggettivo che ci possa essere Il Premier del 2020, quasi certamente, apparterrà alla Millenial Generation perché dovrà rappresentarla
  • 31. Cosa fare in questi 10 anni? Aiutare organizzazioni, aziende, persone di cui abbiamo fiducia a vincere le loro sfide competitive Assumersi responsabilità (ovunque sia possibile, non importa il livello decisionale) Considerare lo studio dei nuovi media come modalità supplementare di formazione, qualsiasi sia l’ambito professionale Valutare una concezione post-ideologica (e non post-etica o post-morale) della gestione della cosa pubblica Diventare unici e decisivi
  • 32. Cosa si può fare da subito? Fare rete con tutte le persone di cui abbiamo fiducia e a cui riconosciamo una competenza , anche non politica Essere inclusivi e non pregiudizialmente di parte Lavorare coi nostri coetanei , quando possibile Non cercare subito i soldi , quando possibile Non scendere a compromessi di carriera , quando possibile Avere coraggio, idee, faccia tosta. Non avere paura
  • 33. Ted – Video #2 Clay Shirky: come il surplus cognitivo cambierà il mondo
  • 34. TED, video #2 http://www.ted.com/talks/lang/ita/clay_shirky_how_cognitive_surplus_will_change_the_world.html Clay Shirky indaga sul "surplus cognitivo", il lavoro condiviso online che eseguiamo con i nostri cicli mentali liberi. Mentre siamo occupati nel redarre Wikepedia, postare su Ushahidi (e sì, anche creando i lolcats), stiamo costruendo un mondo migliore e più cooperativo.
  • 35. Amministrative 2011 I perché di una campagna elettorale storica
  • 36. Amministrative 2011 Cosa ricorderemo di queste elezioni Amministrative? Se la risposta è: #morattiquotes #sucate Red Ronnie Satira politica Vuol dire che la comunicazione politica italiana è cambiata in modo irreversibile
  • 37. Verso la comunicazione politica generativa I processi comunicativi di maggior successo di questa campagna elettorale sono nati: In rete, in particolare, su Twitter. Poi sono diventate notizie e sono finiti sui mezzi tradizionali ; Grazie agli utenti e non nei comitati elettorali o nei partiti (che nel caso di Pisapia e De Magistris sono stati bravi a riprendere e valorizzare i processi spontanei) Non necessariamente nelle città dove si andava a votare : alla campagna elettorale ha partecipato tutta l’Italia. Come voleva Berlusconi, ma per la prima volta con effetti per lui nefasti A costo zero Quasi mai grazie al lavoro di attivisti politici “puri”
  • 38. Verso la comunicazione politica generativa
    • Per queste ragioni le campagne elettorali cambieranno irreversibilmente, in presenza di queste variabili:
    • Entusiasmo attorno alla candidatura;
    • Utilizzo esplicito della Rete come strumento di attivazione e organizzazione dei sostenitor i;
    • Ascolto e feedback sistematico delle istanze degli utenti (sia per la costruzione del programma che per creatività e scelte di comunicazione) il web visto non come raccatta-voti, ma come elemento di costruzione di senso di comunità
    • In presenza di queste condizioni, cambia anche il ruolo di chi fa lavora alle campagne elettorali
  • 39. La nuova comunicazione politica: da spin doctor a ricercatori I manager di campagna elettorale, i consulenti, i ghost writer, i creativi non dovranno più basare le loro scelte sulla base di precedenti esperienze , di intuito o attraverso presunte doti sciamaniche Le campagne saranno guidate dai dati , prodotti ogni giorno e in grande quantità dagli utenti della Rete che non faranno altro che continuare la loro attività di aggiornamento e condivisione dei contenuti Più che scrivere e pensare sarà importante leggere e interpretare La variabile decisiva (e non esistente fino a 10 anni fa) è la possibilità degli utenti di utilizzare il surplus cognitivo
  • 40. I nuovi comunicatori politici: tutti
    • Saltano alcuni schemi classici
    • dell’impegno politico
    • Per fare (comunicazione) politica bisogna essere esperti di politica
    • Per fare politica bisogna stare nei partiti o nelle associazioni
    • Per fare politica bisogna partecipare alle riunioni (magari fissate in orario d’ufficio, dunque inaccessibili)
    • Per fare politica bisogna assecondare i ritmi della politica
    • Il consenso è regolato solo dai mezzi tradizionali
  • 41. I nuovi comunicatori politici: tutti
    • Si fanno strada nuovi paradigmi
    • Si può fare (comunicazione) politica anche con un tweet;
    • Si fa politica scegliendo lo strumento più adatto alle proprie attitudini
    • Si fa politica a qualsiasi ora del giorno;
    • Si fa politica quando si ha un minuto libero;
    • Si fa politica anche parlando di altro, o usando altri linguaggi (la satira, ad esempio)
  • 42. Ma il web sostituirà la TV? Non è necessario Ogni programma sarà oggetto di una narrazione parallela sul web. Questo è già molto visibile nei programmi di approfondimento politico (Annozero, Ballarò, Exit) e nelle trasmissioni di maggior successo (Vieni via con me, Festival di Sanremo), seguiti con dirette su siti, blog, Facebook e Twitter Ogni diretta porta alla produzione di tantissimi contenuti, specie qualitativi, sui programmi : cosa piace, cosa no, cosa può essere migliorato (i social media come Auditel qualitativo?) La diretta web è un’evoluzione (o involuzione, a seconda dei gusti) della visione della TV a casa con la famiglia e con gli amici: l’esperienza di visione è più ricca ed emozionante
  • 43. Non più web versus tv, ma tv più web Il web, dunque, permette agli spettatori di analizzare ciò che accade in televisione, di valutarne l’attendibilità e di aumentare il valore dell’esperienza in termini di informazioni acquisite e divertimento Il web, inoltre, permette di vedere la TV senza vederla. Non è più necessario essere davanti al televisore per seguire un programma, se quest’ultimo è oggetto di una diretta web Queste opportunità, però, sono parimenti a portata di mano per chi costruisce programmi televisivi I dati possono entrare nel programma: sovraimpressione di tweets, infografiche in tempo reale su ciò che è detto in diretta, feedback della Rete con possibili colpi di scena
  • 44. Da politica pop a pop politico I programmi cosidetti di ‘ infotainment ’, ritenuti da molti alla base dei modelli di costruzione del consenso di Silvio Berlusconi, sembrano i format ideali per ospitare questa nuova integrazione crossmediale tra vecchi e nuovi mezzi Un politico sbugiardato in diretta o una grandissima approvazione della Rete in seguito a un botta e risposta può regolare l’andamento del programma, rendendolo potenzialmente più spettacolare e certamente imprevedibile Questo potrebbe portare a una nuova stagione dell’informazione politica , ancora più soft e legata all’intrattenimento ma non per questo meno ricca di contenuti e approfondimento Se tutto è politica, quest’ultima entra nelle vite quotidiani di ognuno: è dunque ‘pop’ (nell’accezione classica del termine, popular)
  • 45. Berlusconi e l’obbligo del web Per tutte queste ragioni il controllo diretto o politico delle televisioni, per Silvio Berlusconi, non è più sufficiente I metodi e i linguaggi della televisione non potranno essere replicati in modo acritico sui nuovi media, che hanno logiche assai differenti e hanno una capacità di memoria sicuramente più alta dell’opinione pubblica tradizionale . Serviranno nuovi codici, nuovi linguaggi, nuova pianificazione: non basta copiare modelli di marketing già di successo altrove Letizia Moratti, fino al ballottaggio, non aveva comunicato in modo professionale sui nuovi media. Dopo il ballottaggio ha impostato una campagna elettorale “di prodotto” , come se il suo profilo identitario non esistesse, come se non fosse conosciuta Dalle auto coi vetri oscurati a Foursquare: un grave errore di comunicazione
  • 46. Gli hashtag, le parole chiave #politica #comunicazione (sempre dopo la politica) #interpretazione #motivazione #costanza #editing #ascolto #analisi #scientificità #entusiasmo #nicchie
  • 47. Grazie! Un grande abbraccio Dino Amenduni Tutti i riferimenti su: http://about.me/dinoamenduni Proforma Sito: http://www.proformaweb.it Facebook: http://www.facebook.com/proformaweb Twitter: http://www.twitter.com/proformaweb Youtube: http://www.youtube.com/proformaweb