"I libri parlano a casa e a scuola" a.s. 2011/12

478 views
278 views

Published on

Scuola dell'infanzia Benedetto da Rovezzano
Progetto biblioteca
a.s. 2011/12

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
478
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

"I libri parlano a casa e a scuola" a.s. 2011/12

  1. 1. SCUOLA DELL’INFANZIA “B. DA ROVEZZANO” PROGETTO BIBLIOTECA Anno scolastico 2011/12
  2. 2. ATTIVITA’: Catalogazione dei testi con simboli e loro collocazione negli scaffali in modo da rendere più facile per i bambini l’individuazione del libro desiderato. Individuazione di un argomento legato a determinate aree all’interno della nostra programmazione Lettura e visione di immagini in biblioteca sull’argomento scelto. Attività operative specifiche per gruppi età grafiche, logiche, linguistiche, scientifiche ed espressive. Rielaborazione verbale, in piccoli gruppi, dell’esperienza vissuta. Elaborazione e consegna ai genitori di una scheda tipo con domande stimolo utili per verificare nel bambino la comprensione, la memorizzazione e la capacità di trasmettere verbalmente il messaggio ricevuto in un contesto diverso. Favorire il prestito di un testo da riconsegnare entro 15 giorni in modo da consentire la circolarità della biblioteca.
  3. 3. MEDOTI E STRUMENTI: Schede con domande stimolo , prestito a casa del libro. TEMPI E SPAZI: in orario antimeridiano, Biblioteca – casa. TIPO DI ATTIVITA’ CON TEMPI PREVISTI PER: Programmazione prima parte attività specifica (scuola – casa) h.2 Verifica intermedia e eventuali aggiustamenti h.2 Programmazione in itinere h.2 Verifica finale h.2
  4. 4. Le varie fasi del lavoro: -Lettura di una storia, osservazione scientifica, drammatizzazione ,percorso motorio - Realizzazione di un “libro” con varie tecniche - Consegna ai genitori del libro realizzato dal bambino con allegata scheda di verifica - Il bambino racconta la storia ai genitori illustrando le pagine del libro - I genitori compilano la scheda nella quale riportano la storia come “vissuta” dal bambino - Rilettura in classe delle schede riportate
  5. 5. TITOLO: “I Libri parlano a scuola e a casa” DESTINATARI: Bambini – genitori – insegnanti INSEGNANTI COINVOLTE: Andreozzi Anna Lisa Barchi Giulietta Bellanti Maria Grazia Fezza Antonietta Sabatini Cristina Socci Lina
  6. 6. “I LIBRI PARLANO A SCUOLA E A CASA” Metodologia e percorso educativo Partendo da una lettura, da un’esperienza scientifica, da una visita didattica, da un percorso motorio si è teso a sviluppare l’attenzione del bambino e il suo spirito interpretativo dei fatti, dei racconti o delle “cose” viste o vissute. Si è tradotto nella stesura grafica di elaborati con varie tecniche e materiali (collage, china, acquerelli, tempere, spugne) che hanno impegnato il bambino nell’attività creativa. Questo è stato portato a casa, come “frutto” del proprio lavoro, illustrato e discusso con i genitori i quali sono stati impegnati all’attenzione verso il mondo infantile ed alla valorizzazione delle esperienze dei piccoli. Si è così determinato un coinvolgimento attivo dei genitori nella gestione di un processo formativo migliorando sia il ruolo della famiglia dove si racconta, ci si confronta e si dialoga e sia quello del rapporto scuola-famiglia con miglioramento delle relazioni interpersonali tra genitori ed insegnanti, ambedue impegnati nel complesso rapporto educativo.
  7. 7. FINALITA’: Accrescere nel bambino fantasia e creatività, incrementare e consolidare competenze logico-espressive attraverso l’uso del libro. Il libro come strumento di apprendimenti e di continuità fra scuola e famiglia. OBIETTIVI: Familiarizzare con il libro. Stimolare interesse verso un testo e immagini. Responsabilizzare il bambino alla cura ed al rispetto dello spazio “lettura” e del libro. Acquisire un linguaggio appropriato e corretto. Capacità di ascoltare , osservare, memorizzare e raccontare. Coinvolgere le famiglie nel piacere della lettura. Stimolare lo “spirito critico”nei confronti del testo.
  8. 8. ATTIVITA’ SVOLTE • IL PRESTITO LUNEDI’ 11.15-12.00 SEZ. A MARTEDI’ 11.15-12.00 SEZ. B MERCOLEDI’ 11.15-12.00 SEZ. C prestito: VENERDI’ una volta al mese ORGANIZZAZIONE BIBLIOTECA Attività di lettura e ricerca:
  9. 9. PERCORSI DIDATTICI REALIZZATI Gruppo 3 anni Gruppo 5 anni • TOPO GRATTUGIA - “IL NIDO DELLE VESPE”(attività scientifica) • IL PUPAZZO DI NEVE - GINGERBREAD MAN • RE ARTU’ - RE ARTU’ - Gruppo 4 anni • ELMER ,L’ELEFANTINO VARIOPINTO • IL MOSTRO PELOSO • GINGERBREAD MAN • RE ARTU’
  10. 10. ALCUNI ESEMPI DI PERCORSI Gruppo 3 anni TOPO GRATTUGIA Gruppo 4 anni GINGERBREAD MAN Gruppo 5 anni LA STORIA DI RE ARTU’
  11. 11. TOPO GRATTUGIA Gruppo 3 anni
  12. 12. GINGERBREAD MAN GRUPPO 4 ANNI
  13. 13. LA STORIA DI RE ARTU’ GRUPPO 5 ANNI
  14. 14. VERIFICA FINALE Il progetto biblioteca ha ormai assunto un ruolo fondamentale nel rapporto docenti , bambini e genitori. Attorno ai temi trattati si è consolidato il ruolo attivo nel processo di integrazione scuola – famiglia favorendo altresì lo sviluppo della personalità del bambino nei suoi momenti creativi, di fantasia e di espressione fornendo così alle insegnanti elementi cognitivi necessari per un monitoraggio delle azioni e degli obiettivi prefissati. Quest’anno i temi hanno riguardato le seguenti aree didattiche: · Linguistica – è stata favorita l’integrazione e la correlazione logico/espressiva nel racconto di storie di vario genere con un richiamo particolare ai contenuti storici del percorso “La spada nella roccia” del Polo Sud.( Alla scoperta del Medioevo). · Scientifica – osservazione della natura in genere ed in particolare la vita di alcuni insetti con esempi della loro laboriosità introducendo concetti di rispetto della vita animale da considerare complementare nell’equilibrio generale della natura · Inglese – ad integrazione del progetto inglese si è sviluppato un’attività che ha consolidato il processo di familiarizzazione della lingua nei bambini che hanno accettato nel lessico quotidiano l’uso di termini estranei alla lingua italiana ma che ormai rivestono un’importanza nella crescita e nella socializzazione

×