Sintesi Progetto Sostenibilità Ambientale dell' AgroAlimentare

  • 769 views
Uploaded on

Progetto Sostenibilità Ambientale delle eccellenze agroalimentari dell'Agronocerino_sarnese. …

Progetto Sostenibilità Ambientale delle eccellenze agroalimentari dell'Agronocerino_sarnese.
www.manticora.it
www.widesolution.com

More in: Technology
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
769
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
5
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. LA CAMPANIA FELIX DA SALVAGUARDARE SALVAGUARDIA E VALORIZZAZIONE DELLE SPECIETRADIZIONALI E AUTOCTONE SUL TERRITORIO DELL’AGRO NOCERINO SARNESE dott. Domenico Dalia Resp.le area R&S
  • 2. Il Distretto Industriale Agroalimentare Nocera-Gragnano Il Distretto Industriale Agro Alimentare n 7 di Nocera Inferiore Agro-Alimentare n. Gragnano è ubicato in un’area composta da 20 comuni di cui 16 ricadenti nella provincia di Salerno e 4 in quella di Napoli . La nascita e lo sviluppo di questo Distretto hanno una denotazione decisamente spontanea dovuta soprattutto alla grande tradizione agro-alimentare dell’Agro Nocerino-Sarnese e della Valle dell’Irno e alla fertilità dei suoli di quest’area. Con il tempo, le aziende si sono concentrate i t i d i t t intorno a NNocera I f i Inferiore e G Gragnano i in modo da poter sfruttare la presenza di sinergie tra imprese operanti nello stesso settore. Le realtà produttive del Distretto sono multiple ad esempio dalla multiple, trasformazione del pomodoro (il Pomodoro di San Marzano, l’ORO ROSSO), alla realizzazione delle conserve, alla produzione della Pasta (Gragnano è nota come Città della pasta), al vino DOC (Lettere e Gragnano), al cipollotto Nocerino (DOP), all’olio (DOP), ecc.. dott. Domenico Dalia Resp.le area R&S
  • 3. AGROTECNOBIOVALORIZZAZIONE DELLE CULTIVAR LOCALI “Alcuni autori riportano che in certe zone della pianura della Alcuni Campania si fanno ogni anno due raccolti di farro, tre di panico e anche quattro di ortaggi……” Strabone da Geografia Gia in età Augustea si narravano le qualità del territorio Campano, attestazione questa che attribuisce di diritto UNA ECCELLENZA AGRICOLA millenaria al territorio dell’agro. Le qualità dei prodotti agroalimentari dell’Agro dell Agro Nocerino-Sarnese e del territorio distrettuale sono intrinseche e pertanto imprescindibili dal contesto geografico/ambientale. geografico/ambientale dott. Domenico Dalia Resp.le area R&S
  • 4. L’obiettivo primario del Distretto è di conferire al prodotto tipicolocale unadeguata visibilità internazionale legata principalmentealle indiscusse qualità nutraceutiche dei prodotti del TerritorioDistrettuale; è da notare che ben due prodotti agricoli hanno ilDOP della Comunità Europea e se si aggiungono i restantiprodotti IGP e STG possiamo definire questa come un’area dirilievo per l’intera comunità internazionale quale patrimonioda difendere.Le produzioni tipiche debbono assurgere ad aspetto didifferenziazione e di qualificazione dell’Agro Nocerino-Sarnesediventandone una delle risorse principali ed il vero fattore diattrattiva rilevante per le località turistiche che rivolgono le propriestrategie di marketing alle nuove tipologie di domanda turistica (ituristi del gusto o gastronauti, i turisti verdi, ecc..). g g , , )Le aziende agroalimentari trovano le basi dellaloro futura competitività internazionale nella valorizzazione deipprodotti tipici locali, ed in primis nei prodotti con sistemi di p , p ptracciabilità e sicurezza agroalimentare della filiera. dott. Domenico Dalia Resp.le area R&S
  • 5. La valenza culturale del Territorio Distrettuale qualeSTL- Sistema Turistico locale alias Il DISTRETTO TURISTICOIl contesto ambientale e culturale di tale territorio è dinotevole valenza per i numerosi reperti archeologici chevi si ritrovano, es. Il Battistero Paleocristiano di Nocerasuperiore, il Teatro ellenistico-Romano, ecc…Il nuovo modo di vivere e concepire il tempo libero eil turismo –• i percorsi enogastronomici nei termini di domanda eofferta sono motivo di un nuovo concept d l turismo ff i del iodierno concentrato appunto sulla scoperta dellebellezze architettoniche culturali. dott. Domenico Dalia Resp.le area R&S
  • 6. AGROTECNOBIOVALORIZZAZIONE DELLE CULTIVAR LOCALI “Cominceremo ora a trattare l’opera più grandiosa della natura: esporremo p p g p all’uomo i suoi cibi, e gli costringeremo ad ammettere che gli è sconosciuto ciò che lo fa vivere” …. Plinio. Naturalis Historia (libro XX) L’idea progettuale è il recupero del territorio dell’AGRO Nocerino-Sarnese attraverso uno sviluppo ecocompatibile volto alla difesa delle tipicità locali e all’ottimizzazione colturale d ll specie vegetali i esso presenti, esaltandone l l delle i li in i l d l’aspetto salutistico con lo studio delle proprietà farmacologiche e nutrizionali dei suoi prodotti agroalimentari (San Marzano DOP Super Pomodoro DOP, Pomodoro, Cipollotto Nocerino DOP, Pasta di Gragnano, etc…) e nel contempo garantirne la freschezza con un bio-packaging indigeno. dott. Domenico Dalia Resp.le area R&S
  • 7. Osservatorio Sicurezza agroalimentare O t i Si li tObiettivo• controllo della filiera agroalimentare – verifica del ciclo produttivoper la certificazione attraverso un bollino di qualità (BrandDistretto Industriale sulla sicurezza alimentare)AttivitàA à• Messa in sicurezza delle fasi produttiveaziendali di processo e di prodotto;•Applicazione del Brand SicurezzaAlimentare sul packaging dei prodotti finali finali. dott. Domenico Dalia Resp.le area R&S
  • 8. IL Distretto FormativoIl sistema formativo è una componente fondamentale dellosviluppo e può essere considerato come un settore di servizio dasviluppare e adattare ai bisogni formativi espressi dal tessutoproduttivo locale.LaL caratteristica d ll fili tt i ti della filiera f formativa è l’i t ti l’integrazione t it i l i territorialeche crea sinergia tra il sistema dell’istruzione, dell’istruzione‐formazione, quello del lavoro e quello della ricerca e soddisfa lespecifiche richieste dell’imprenditoria, corrisponde alle esigenze diristrutturazione del sistema produttivo locale, incorporando un piùalto tasso di innovazione tecnologica e organizzativa in grado dicogliere opportunità offerte dall’internazionalizzazione eglobalizzazione della produzione e dei mercati, facilita l’accesso adun mercato del lavoro complesso e frammentato che richiedesempre maggiore flessibilità, competenze trasversali, capacità di dott. Domenico Daliaautopromozione. Resp.le area R&S