Your SlideShare is downloading. ×
Scheda presentazione  Distretto per federazione
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Introducing the official SlideShare app

Stunning, full-screen experience for iPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Scheda presentazione Distretto per federazione

443
views

Published on

Agroalimentare, a short summary about the agrifood district Nocera Gragnano and the project proposal conceiving, designing and writing by Domenico Dalia …

Agroalimentare, a short summary about the agrifood district Nocera Gragnano and the project proposal conceiving, designing and writing by Domenico Dalia
www.manticora.it
www.widesolution.com


0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
443
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Denominazione: Distretto Industriale Agro‐Alimentare n°7 Nocera Inferiore Gragnano.Sede del Distretto Piazza Papa Giovanni XXIII c/o Palazzo Marciani  / P l M i i84086   Casali di Roccapiemonte (Salerno) Tel.: 081.933113 – Fax 0819368466P.IVAP IVA 04465150656segrteria@distrettoindustrialenocera.itwww.distrettoindustrialenocera.itPresidenteAniello Pietro Torino dott. Domenico Dalia  Resp.le Area Ricerca & Sviluppo    
  • 2. Il distretto Agro‐Alimentare campano si estende g p in un’area compresa tra il cono vulcanico del Vesuvio e le montagne di Sarno a Nord ed i g Monti Lattari a Sud. Le realtà produttive del Distretto sono multiple, ad esempio dalla trasformazione del pomodoro (il Pomodoro di San Marzano detto l’ORO l ORO ROSSO), alla realizzazione delle conserve, alla produzione della Pasta di Gragnano IGP (Gragnano è nota come Città della pasta), al vino DOC (Lettere e Gragnano), al cipollotto Nocerino (DOP), all’olio (DOP), ecc.. dott. Domenico Dalia Resp.le Area Ricerca & Sviluppo    
  • 3. Ente di riferimento Regione Campania www.regione.campania.it Provincia di Salerno www.provincia.salerno.it Provincia di Napoli www provincia napoli it www.provincia.napoli.it Riconoscimento regionale e Normativa di Riferimento Il Distretto Industriale Agro‐Alimentare n.7 di Nocera Inferiore Gragnano è stato individuato dalla delibera della Giunta Regionale g g n°59 del 02 giugno 1997:“Individuazione dei Distretti Industriali. Approvazione degli indirizzi, criterie priorità per la promozione e la realizzazione dei “Programmi dei distretti industriali” dott. Domenico Dalia Resp.le Area Ricerca & Sviluppo    
  • 4. Delibere della Giunta Regionale Campania • Delibera Consiglio Regionale del 15 novembre 1999, n. 25 “Individuazione dei distretti industriali. Approvazione degli indirizzi, criteri Individuazione e priorità per la promozione e la realizzazione dei “Programmi dei distretti industriali”; • Delibera della Giunta Regionale N. 999 del 02 marzo 2001 –Istituzione del comitato distrettuale del Distretto n°7 di Nocera Inferiore ‐ Gragnano ; n7 • Delibera Giunta Regionale del 12 aprile 2001, n. 1539 “Por Campania 2000/2006 – Misura 4.2 – Finanziamento azioni mirate della Legge 488/92 annualità 2000, bando Industria – determinazione quota regionale”; • Delibera della Giunta Regionale N. 1158 del 8 maggio 2001 – Istituzione tavolo di concertazione del Distretto n° 7 di Nocera Inferiore – Gragnano; • Delibera della Giunta Regionale N. 1503 del 29 luglio 2004 ‐POR Campania 2000/2006 ‐ P I T Distretto Industriale di Nocera Inferiore ‐ P.I.T. Gragnano”. Presa d’atto del parere del N.V.V.I.P. e approvazione; • Delibera della Giunta Regionale N.1813 Del 09 Dicembre 2005‐ Rifunzionalizzazione ex pastificio Garofalo a centro servizi alle imprese a sostegno d ll’ dell’area i d industriale di S. Antonio Abate”. i l i b ” dott. Domenico Dalia Resp.le Area Ricerca & Sviluppo    
  • 5. Dati quantitativi N. N Imprese (2009) 606 Var.% Var % Imprese (2009/2007) +89,97 +89 97 N. Imprese fino a 49 306 (91,62%) Var.% Imprese fino a 49 addetti +4,44 addetti (2008) (2008/2007) N. Addetti (2008) 7.522 Var.% Addetti (2008/2007) +5,62 Export 2009 (Ml Euro) 1.167 1 167 Var.% Var % Export 2009/2008 +6,48 +6 48 dott. Domenico Dalia Resp.le Area Ricerca & Sviluppo    
  • 6. Dati qualitativi  Breve presentazione e descrizione del Distretto Il Distretto Industriale Agroalimentare sostiene lo sviluppo del territorio e la valorizzazione del tessuto economico e produttivo locale verso un processo di integrazione strettamente correlato a nuove forme d’interazione e integrazione tra formazione e valorizzazione delle risorse umane, ricerca,, , innovazione e trasferimento tecnologico. dott. Domenico Dalia Resp.le Area Ricerca & Sviluppo    
  • 7. Il contesto ambientale del territorio distrettuale è di notevole valenza sia per il complesso sistema orografico e idrografico del bacino del Sarno che lo attraversa, sia per i numerosi reperti archeologici (alcuni di recente rinvenimento) che si incontrano lungo tutto lasse principale del fiume. Allinterno di tale ambito ricadono, inoltre, due Siti di Importanza Comunitaria proposti per la designazione a Zone Speciali di Conservazione per la valenza dei valori ecosistemici e floro faunistici ivi presenti: Monti di Lauro e D L Dorsale d i M ti L tt i e d neo i tit iti l dei Monti Lattari due istituiti Parchi Regionali: Fiume Sarno e Monti Lattari. dott. Domenico Dalia Resp.le Area Ricerca & Sviluppo    
  • 8. Le attività principali del Distretto Industriale • Centro di servizio alle imprese; • Internazionalizzazione delle imprese, commercializzazione e promozione; • Assistenza alle PMI di eccellenza (in primis alle PMI di qualità che non riescono a finanziarsi in proprio) per sostenerle in politiche di internazionalizzazione e nell’attuazione/partecipazione a bandi di R&S nazionali e comunitari; • Gestione dei servizi comuni alle imprese consorziate per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti; • Sportello di assistenza alle imprese per l’utilizzo ottimale delle l utilizzo agevolazioni ed incentivi derivanti da interventi regionali, nazionali e comunitari; • Strutture e laboratori di supporto per la promozione/certificazione di qualità, per l’attività di R&S, ecc.; • Formazione in ambito agroalimentare (per inserimenti professionali nel mondo d l l d del lavoro), percorsi f ) i formativi su i ti i innovazione t i tecnologica, l i sull’internazionalizzazione e gestione delle imprese agroalimentari, ecc… dott. Domenico Dalia Resp.le Area Ricerca & Sviluppo    
  • 9. Le strategie future del Distretto1.1 Consolidamento della ricerca e trasferimento tecnologico in relazione alle necessità e alle aspettative espresse dalle realtà produttive aziendali nei settori agroalimentari e agroindustriali;2. Partecipazione a b di nazionali ed europei per l competitività,2 P t i i bandi i li d i la titi ità linnovazione e lo sviluppo sostenibile, anche attraverso la costituzione di laboratori di ricerca e sviluppo, in compartecipazione con le aziende leader nei rispettivi settori;3. Interazione tra mondo della ricerca, mondo della produzione di beni e di servizi, mondo del credito e territorio distrettuale, in modo da favorire i processi di investimento investimento;4. Sostegno e promozione delle competenze scientifiche e tecnologiche presenti nel territorio Distrettuale volta a favorire laccesso degli utilizzatori alle conoscenze ed ai prodotti d ll ricerca, il t tt mirato alla costituzione di ll d i d tti della i tutto i t ll tit i un Osservatorio Distrettuale;5. Distretto Formativo per la promozione della formazione continua e dell’alta formazione per l’i f i l’inserimento di risorse umane altamente qualificate nelle i i l lifi ll imprese della filiera del pomodoro, della pasta e del vino; dott. Domenico Dalia Resp.le Area Ricerca & Sviluppo    
  • 10. Progetti L’elenco che segue comprende le principali Attività e progettualitàposte in essere dal Distretto Industriale nell’ultima annualità 2010/11.• Progetto “HERMES ‐ la promozione e la comunicazione del Territorio, una HERMES prospettiva di sviluppo nellinternazionalizzazione dei prodotti agroalimentari ed enogastronomici del Distretto”(scambi b2b con la Polonia);• Sottoscrizione di un Protocollo d’intesa con Confidi Provincie Lombarde e d intesa Confindustria sede di Salerno al fine di facilitare l’accesso al credito per le imprese aderenti al Territorio Distrettuale;• Visita studio di una Delegazione Polacca di 50 Imprenditori in uno con i referenti istituzionali della Regione del Voivodato Warmińsko‐Mazurskie presso il Distretto Industriale Agroalimentare (ottobre 2010);• Partecipazione con proprio Stand in uno con le aziende del territorio Stand, distrettuale, all’evento Komen Race for the Cure finalizzato alla raccolta di fondi per la lotta ai tumori del seno. L’evento è organizzato da anni a livello internazionale e nazionale dall’associazione Susan G Komen – Onlus (ottobre dall associazione G. 2010); dott. Domenico Dalia Resp.le Area Ricerca & Sviluppo    
  • 11. • Progetto AGROTIPICITÀ 2010 (Dicembre 2010) – La Promozione del Territorio, una prospettiva di sviluppo nellinternazionalizzazione dei prodotti agroalimentari (mercato Lituano) – visita della di S E Kazys Starkevicius Ministro S.E. dell’Agricoltura Lituano; • Partecipazione, con proprio Stand, in uno con le aziende del Territorio Distrettuale alla Neapolis New Marathon ‐ XIII^ Distrettuale, XIII Edizione 30 Gennaio 2011 all’interno del Villaggio Maratona allestito in P.zza Plebiscito dal 27 al 30 Gennaio 2011; • Collaborazione con Enti e/o Associazioni di rilievo internazionale in aree di comune interesse a carattere culturale, sociale, commerciale e turistico (Giffoni Film Festival e Ravello Festival ‐ lo sfruttamento dei flussi turistici internazionali per la valorizzazione dei prodotti della filiera agro alimentare in uno agro‐alimentare con la scoperta delle bellezze architettoniche‐culturali della provincia di Salerno); • Stipula di un piano di consolidamento con Italia Lavoro per la diffusione di progetti formativi sul territorio; dott. Domenico Dalia Resp.le Area Ricerca & Sviluppo    
  • 12. • Sottoscrizione di un Protocollo d’intesa con l’Unione Nazionale dei Consumatori” con l’ bi tti d i C t i” l’obiettivo di creare un sistema di it informazione sulla sicurezza agro alimentare che tenga conto dell’etica d’impresa, delle responsabilità della produzione alimentare, l’attenzione verso le problematiche emergenti ed il dovere di comunicazione ai consumatori, il protocollo prevede l’apertura di uno sportello all’interno della sede del Distretto Industriale (Palazzo Marciani a Roccapiemonte); • Sviluppo della fiscalità di vantaggio (art. 1 commi 366‐ 375 Legge 266‐05 Legge Finanziaria 2006 e s s Legge 133/2008 e D L 5/2009) a s.s. D.L. favore delle aziende del territorio distrettuale; • Progetto GEOENERGY PTI ‐ la Produzione di Energia Elettrica ottenuta attraverso tecnologie altamente innovative di GEOSCAMBIO TERMICO che utilizzano esclusivamente il calore del sottosuolo – PON Ricerca e Competitività 2007‐2013 Area Energia e Risparmio Energetico ‐ annualità 2010; dott. Domenico Dalia Resp.le Area Ricerca & Sviluppo    
  • 13. • Progetto “GUSTIBUS La promozione del Territorio del DISTRETTO oge o GUS US a p o o o e de e o o de S O INDUSTRIALE AGROALIMENTARE Nocera inf. – Gragnano” – Dipartimento dello Sviluppo e la Competitività del Turismo; • Proposta progettuale “FEBO ‐ interventi a sostegno della produzione di energia da fonti rinnovabili nell’ambito dell’efficientamento energetico degli edifici” ‐ installazione di moduli fotovoltaici sulle due f f falde di copertura delle pensiline auto‐ creazione sistema di riscaldamento/condizionamento della Sede del Distretto Palazzo Marciani nell’ambito del MISE bando POI "Energie Rinnovabili e risparmio energetico" 2007 ‐2013 ‐ linea 1.3 annualità 2010; • Proposta progettuale “PEGASO – LA BANDA LARGA nel Distretto PEGASO Industriale n° 7 Nocera‐Gragnano” ‐ Reti di nuova generazione per i Distretti Industriali della Campania ‐ Decreto 7 maggio 2010 del MISE; dott. Domenico Dalia Resp.le Area Ricerca & Sviluppo    
  • 14. • Proposta progettuale “I prodotti tipici del Distretto Agroalimentare Nocera – Gragnano” Regolamento CE del CONSIGLIO del 17 Dicembre 2007 n° 3/2008 e 501/2008 ‐ Informazione e Promozione d prodotti agricoli nei PAESI f dei d l TERZI; • Definizione di due proposte progettuali nellambito della priorità PRODOTTI ALIMENTARI, AGRICOLTURA, BIOTECNOLOGIE nellambito del programma specifico “COOPERAZIONE del VII Programma Quadro di RST della Comunità E C ità Europea”; ” • Proposta di collaborazione con il DISES Dipartimento di Scienze Statistiche ed Economiche dell’Università degli Studi di Salerno per l’i tit i S l l’istituzione e il fi finanziamento di una b i t borsa di studio su “Analisi e Dati sul Distretto Industriale Agroalimentare Nocera‐Gragnano”; dott. Domenico Dalia Resp.le Area Ricerca & Sviluppo    
  • 15. • In corso di Accreditamento per la Formazione Professionale ‐ambiti Formazione Superiore e Continua ai sensi della DELIBERA Continua,Regionale 226/2006 “Accreditamento degli Organismi di Formazione edi Orientamento”, per la formazione di professionalità in ambitoagroalimentare e (i li t (inserimenti professionali nel mondo d l l i ti f i li l d del lavoro) )percorsi formativi sulle tematiche di innovazione tecnologica eorganizzativa, sull’internazionalizzazione delle imprese e gestioned’impresa, ecc.;• Realizzazione nel marzo 2011 di un seminario di lavoro B2B perscambi commerciali relativamente ai prodotti tipici agroalimentaridell’Area Distrettuale con i manager dellArea‐ Food della catena HEB(www.heb.com) catena che conta 40 Ipermercati in Messico e 360Ipermercati negli U S A; U.S.A;• Gestione e partecipazione con proprio stand in uno con le aziende delterritorio al SIAL Salone dellAgroalimentare – Toronto (CANADA) 11‐ 13MAGGIO 2011; dott. Domenico Dalia  Resp.le Area Ricerca & Sviluppo    
  • 16. • Proposta progettuale “ GULLIVER ‐ LEDUCAZIONE AMBIENTALE Attraverso Nuovi Applicativi Comunicativi ‐ I SOCIAL NETWORK” bando del Ministero d ll’AMBIENTE ‐ avviso pubblico per b d d l Mi i dell’AMBIENTE i bbli l’attribuzione di contributi economici a enti pubblici, soggetti privati singoli o associati, fondazioni ed associazioni per iniziative ed interventi in materia ambientale; • Proposta progettuale “FEBO I” a valere sul Programma Operativo Interregionale (POI) “Energie Rinnovabili e risparmio energetico” 2007‐ 2013, linea di attività 1.3 annualità 2011 g , “Interventi a sostegno della produzione di energia da fonti rinnovabili nell’ambito dell’efficientamento energetico degli edifici pubblici; • Proposta Progettuale “ REA Riqualificazione Eco‐ambientale Archeologica” ll’ bit del Bando A h l i ” nell’ambito d l B d “LA RIQUALIFICAZIONE PER LA FRUIZIONE TURISTICA DEI CASTELLI E DEI BENI DI PREGIO DELLA PROVINCIA DI SALERNO” dott. Domenico Dalia Resp.le Area Ricerca & Sviluppo    
  • 17. • Presentazione di TRE (3) studi di fattibilità nell’ambito del PONMIUR Programma Operativo Nazionale "Ricerca e Competitività" Ricerca Competitività2007‐2013 (PON R&C) per le Regioni della Convergenza (Calabria,Campania, Puglia, Sicilia) CREAZIONE DI NUOVI DISTRETTITECNOLOGICI e "L b t i pubblico‐privati e relative reti": "Laboratori bbli i ti l ti ti" 1.Distretto Tecnologico ASCLePIO (Analisi, Sicurezza, Controllo Logistico e Protezione Informatizzata Oriented) ‐ “‐ nell’ambito di Reti per il rafforzamento del potenziale scientifico‐tecnologico della Logistica Integrata”; 2.“Laboratorio ad Alta Tecnologia CO.BIOM.AGRO (“COmpostaggio delle BIOmasse di scarto dell’Agroindustria nell’Agro Nocerino‐Sarnese”; costituzione di un laboratorio pubblico privato per la razionale gestione delle biomasse di scarto Agroindustriale; 3.LABORATORIO AD ALTA TECNOLOGIA “GEOENERGY ESAP – ENERGIA DAL SOTTOSUOLO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE”) incentrato sullo sfruttamento delle risorse geotermiche del sottosuolo, per la Produzione di Energia Elettrica ottenuta attraverso tecnologie altamente innovative di geoscambio termico che utilizzano il calore del sottosuolo.dott. Domenico Dalia – resp.le R&S
  • 18. Proposta Progettuale “ REA Riqualificazione Eco‐ambientaleArcheologica nell ambitoArcheologica” nell’ambito del Bando “LA RIQUALIFICAZIONE PER LA LAFRUIZIONE TURISTICA DEI CASTELLI E DEI BENI DI PREGIO DELLAPROVINCIA DI SALERNO”dott. Domenico Dalia – resp.le R&S