5_internet

784 views

Published on

Storia di Internet

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
784
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
492
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • Esempi di siti web: www.noip.com e www.dynu.com
  • IPv6  2128 ≈ 3.40x1038 indirizzi disponibili
  • Nota. Oltre all’autenticazione del server, è anche possibile effettuare l’autenticazione del client (browser).
  • 5_internet

    1. 1. INTERNET 1A cura di Jacques Bottel
    2. 2. Storia di Internet: ARPANET 1969 - Nasce ARPANET, una rete che connette tra loro quattro università americane. La rete ha una struttura decentrata in modo tale che sia possibile distruggerla solamente bombardando tutti i nodi. La rete può essere vista come una rete simile a quella dei telefoni, dove come terminale c’era un computer. 2A cura di Jacques Bottel
    3. 3. Storia di Internet: il Web 3A cura di Jacques Bottel 1991 - Nasce il World Wide Web Al CERN (Centro Europeo per la Ricerca Nucleare) nasce il WWW per condividere informazioni nel campo della fisica nucleare. Grazie al linguaggio HTML e il protocollo HTTP sviluppati da Tim Berners-Lee, in pochi anni la Rete può essere vista come un gigantesco ipertesto.
    4. 4. Che cos’è un ipertesto? 4A cura di Jacques Bottel
    5. 5. Ipertesto e ipermedia Un testo è un insieme di contenuti organizzato in maniera rigida, unidirezionale. Un ipertesto è un insieme di micro-testi (nodi) legati tra loro attraverso dei collegamenti (link). I nodi non sono ordinati in sequenza, quindi possono essere letti in qualsiasi ordine. Per questo un ipertesto non ha un inizio e non ha una fine. La struttura ipertestuale è ideale per la condivisione delle informazioni. NB. Quando un ipertesto include contenuti multimediali come immagini, video, ecc. prende il nome di ipermedia. 5A cura di Jacques Bottel
    6. 6. Storia di Internet: il Web 2.0  2000-2005, nasce il Web 2.0 Evoluzione profonda dei modi di accesso alla rete:  Accesso da dispositivi mobile (smartphone, tablet) con connessione a Internet always-on, alta velocità di download e upload dei dati Accesso a nuovi servizi 6A cura di Jacques Bottel
    7. 7. Storia di Internet: il Web 2.0 Cambia il modo di usare la Rete:  L’utente diventa protagonista: da consumatore diventa produttore di contenuti attraverso siti wiki (Wikipedia), siti per la con divisione di contenuti multimediali (Youtube, Flickr, Picasa, Google+), social network (Facebook, LinkedIn, Twitter), blog (Wordpress).  Cloud computing: utilizzo di servizi on-line, diffusione del modello di distribuzione SaaS (Software as a Service) La Rete può essere vista come una rete di persone. 7A cura di Jacques Bottel
    8. 8. Storia di Internet: il Web 3.0 Non si sa ancora che direzione prenderà l’evoluzione di Internet nel prossimo decennio:  Semantic Web. I motori di ricerca saranno in grado di capire il significato delle parole e sarà possibile effettuare ricerche molto sofisticate. In quest’ottica il web sarà service-oriented.  Web 3D. Si abbandona il concetto pagina web e ci si immerge in uno spazio interattivo tridimensionale. 8A cura di Jacques Bottel
    9. 9. Pratica: usare il browser Impostare la home page La barra di ricerca La barra degli indirizzi I preferiti La cronologia 9A cura di Jacques Bottel
    10. 10. Pratica: usare Gmail  Grande capacità della casella di posta (oltre i 7 GB)  Filtro anti-spam  Rubrica  Etichette per gestire al meglio i contatti  Drive  Calendario INTEGRATO CON IL SISTEMA OPERATIVO ANDROID! 10A cura di Jacques Bottel
    11. 11. Pratica: navigare su Internet Siti web: Wikipedia, enciclopedia on-line Trenitalia, per consultare gli orari dei treni e acquistare i biglietti Expedia, per prenotare voli e viaggi 11A cura di Jacques Bottel
    12. 12. Verifica se hai capito… Domande di verifica:  Ripercorri le tappe che hanno caratterizzato l’evoluzione della Rete fino ai giorni nostri.  Qual è la limitazione che viene eliminata utilizzando le etichette al posto delle cartelle? 12A cura di Jacques Bottel
    13. 13. L’ARCHITETTURA DI INTERNET 13A cura di Jacques Bottel
    14. 14. Client e server Una rete è costituita da almeno due host:  Il server è un computer molto potente acceso 24h/24 allo scopo di fornire dei servizi. Nello speci- fico, il web server ospita le pagine web dei siti.  Il client chiede un servizio al server (per es. può chiedere al server una pagina web o di caricarvi dei dati nella memoria). 14A cura di Jacques Bottel Oggi Internet è costituito da milioni di host connessi tra loro
    15. 15. Architettura client/server 15A cura di Jacques Bottel
    16. 16. L’Open Systems Interconnection (OSI) - meglio conosciuto come modello di riferimento ISO/OSI - è uno standard per reti di calcolatori Model reference 16A cura di Jacques Bottel formalizzato nel 1978 dal- l’International Organization for Standardization (ISO).
    17. 17. Stack ISO/OSI - 7 layer 17A cura di Jacques Bottel
    18. 18. L’architettura TCP/IP L’architettura di rete indica con quali protocolli si implementa il modello astratto di riferimento. L’architettura modulare (architettura a strati) garantisce lo sviluppo della rete in maniera semplice e trasparente. Infatti, ogni layer può evolvere in maniera indipendente dagli altri! I SAP (Service Access Point) sono le interfacce che consentono a un PDU (Protocol Data Unit) di livello n (n-PDU) di accedere allo strato inferiore o superiore. 18A cura di Jacques Bottel
    19. 19. Layer 1 - Fisico I mezzi trasmissivi possono essere: 1. Elettrici, per mezzo di cavi in cui la trasmissione avviene grazie all’elettricità. Esempio: doppino di rame 2. Wireless con i quali la trasmissione dei dati avviene grazie alle onde elettromagnetiche. Esempio: onde radio 3. Ottici, per mezzo di cavi in cui la trasmissione dei dati avviene grazie alla luce. Esempio: fibra ottica 19A cura di Jacques Bottel
    20. 20. La commutazione Commutazione di circuito (circuit switching) Il sistema stabilisce una connessione fisica dedicata. Commutazione di pacchetto (packet switching) Non viene stabilita una connessione fisica dedicata. I dati vengono spezzettati in pacchetti e inviati. I pacchetti arrivano al destinatario non necessariamente seguendo il medesimo percorso, quindi, una volta giunti a destinazione, devono essere riordinati. 20A cura di Jacques Bottel
    21. 21. Commutazione di pacchetto 21A cura di Jacques Bottel
    22. 22. Commutazione di pacchetto: pro e contro Nelle reti a commutazione di pacchetto, la connessione non è esclusiva, per cui abbiamo:  Possibili problemi di congestione  Costo minore Protocolli:  ADSL (Asymmetric Digital Subscriber Line)  Wi-fi  IEEE 802 (standard Eternet) 22A cura di Jacques Bottel
    23. 23. Layer 2 - Data link Il layer 2 (data link) funge da “tubo digitale”, cioè assicura che tutti i bit arrivino a destinazione nello stesso ordine di come erano partiti. Difficoltà da superare:  Diverso ritardo nel trasferimento dei dati. I frame vengono numerati e riordinati una volta giunti a destinazione.  Errori di trasmissione, per esempio dovuti a inter- ferenze. Vengono trattati con algoritmi di correzione o rilevazione dell’errore. 23A cura di Jacques Bottel
    24. 24. Layer 2 - Checksum Checksum (rilevazione d’errore) 24A cura di Jacques Bottel 1001011100 Checksum (4) Se viene rilevato un errore, si chiede al server di rispedire i dati. Questo comporta una notevole perdita di tempo e aggrava la congestione nelle reti dove il segnale è disturbato. invio dati 1011011101 Checksum (5)
    25. 25. Layer 2 - Checksum Checksum (correzione d’errore) 25A cura di Jacques Bottel 1100101 4 0010011 3 0010010 2 0101001 3 1221123 L’errore viene corretto in loco, quindi non è necessario chiedere al server di ritrasmettere i dati corrotti. 1100101 4 0010011 3 1010010 3 0101001 3 2221123 invio dati
    26. 26. Layer 2 - MAC address Il MAC address, chiamato anche indirizzo fisico, è un numero univoco di 48 bit (6 coppie di cifre esadecimali) assegnato dal produttore ad ogni scheda di rete, scheda wireless o router wireless commercializzato nel mondo. Il MAC address è modificabile a livello software (spoofing). 26A cura di Jacques Bottel
    27. 27. Layer 2 - MAC address Il MAC address è formato da 6 coppie di cifre esadecimali:  Le prime tre coppie, chiamate OUI (Organizationally Unique Identifier), identificano il produttore.  Le ultime tre coppie identificano univocamente l’hardware di rete. Per conoscere il MAC address del proprio hardware di rete, sui sistemi Windows, basta digitare ipconfig /all sul prompt dei comandi. 27A cura di Jacques Bottel
    28. 28. Layer 3 - Rete L’indirizzo IP è un numero che identifica la macchina (host). Gli indirizzi IP possono essere:  Statici, utilizzati dai server  Dinamici, generalmente utilizzati dai client. Alcuni siti web hanno un DB che consente di associare un nome a un indirizzo IP dinamico che, di volta in volta, verrà aggiornato da un applicazione installata sul client. Così facendo abbiamo una sorta di indirizzo IP statico. 28A cura di Jacques Bottel
    29. 29. Layer 3 - IPv4 e IPv6 L’indirizzo IP è un numero di 32 bit, rappresentato da 4 triplette di cifre decimali, con numeri che vanno da da 0 a 255. Esempio: Essendo un numero a 32 bit, gli IP possono essere 232 ≈ 4.3x109, un numero insufficiente già in un prossimo futuro. Il problema della satura- zione degli IP si risolverà con l’adozione del protocollo IPv6 che gestirà indirizzi IP a 128 bit. 29A cura di Jacques Bottel 66.249.67.127
    30. 30. Layer 4 - Trasporto (TCP) Il protocollo TCP (Transmission Control Protocol):  È orientato alla connessione;  Supporta le connessioni multiple;  Effettua la rilevazione di errori mediante checksum;  Effettua il controllo sul flusso e sulla congestione;  È un protocollo statefull. 30A cura di Jacques Bottel
    31. 31. Connessione affidabile Il protocollo TCP garantisce una connessione affidabile, garantisce cioè che tutti i segmenti arrivino a destinazione nell’ordine di come sono partiti, senza ripetizioni e senza errori. In altre parole, il protocollo TCP garantisce che il messaggio inviato dal mittene arrivi integro al destinatario. 31A cura di Jacques Bottel 10010110111 10010110111 destinatariomittente
    32. 32. Layer 4 - Trasporto (UDP) Il protocollo UDP (User Datagram Protocol):  Non è orientato alla connessione (connection-less);  Supporta le connessioni multiple  Effettua la rilevazione di errori mediante checksum (può essere disattivata, per es. in caso di trasmissioni audio/video in tempo reale); 32A cura di Jacques Bottel
    33. 33. Layer 4 - Trasporto (UDP)  Non effettua alcun controllo sul flusso e sulla congestione;  È un protocollo stateless. 33A cura di Jacques Bottel IL PROTOCOLLO UDP NON GARANTISCE UNA CONNESSIONE AFFIDABILE È QUINDI UN PROTOCOLLO “RIDOTTO ALL’OSSO”, QUINDI RAPIDO ED EFFICIENTE
    34. 34. Layer 5 - Sessione Il layer 5, presente nel modello di riferimento ISO/OSI, è sostanzialmente assente nell’architettura TCP/IP. 34A cura di Jacques Bottel
    35. 35. Layer 6 - Presentazione Il layer 6 converte i dati forniti dalle applicazioni in un formato standard e offre servizi di base come la crittografia. Protocollo per la sicurezza: SSL (Secure Sockets Layer)  Autenticazione del server attraverso certificati digitali per scoraggiare i truffatori;  Trasmissione dei dati crittografati per prevenirne la lettura (sniffing) da parte di soggetti non autorizzati;  Integrità e autenticità del messaggio 35A cura di Jacques Bottel
    36. 36. Layer 7 - Applicazione Principali protocolli:  HTTP (HyperText Transfert Protocol) alla base del World Wide Web (WWW)  POP3 (Post Office Protocol) e SMTP (Simple Mail Transfer Protocol) per gestire la porta elettronica  FTP (File Transfer Protocol) per caricare i dati su un server  DNS (Domain Name System) per convertire il nome del sito nell’indirizzo IP del server sui cui è ospitato. 36A cura di Jacques Bottel
    37. 37. Verifica se hai capito… Domande di verifica:  Qual è la differenza tra modello di riferimento e architettura di rete?  Descrivi lo stack ISO/OSI  Che così il MAC address?  Che cos’è l’indirizzo IP? Chiarisci la differenza tra IP dinamico e statico.  Illustra il problema della saturazione degli indirizzi IP e come verrà risolto. 37A cura di Jacques Bottel
    38. 38. Verifica se hai capito… Domande di verifica:  Che cos’è SSL?  Elenca i protocolli dello livello “applicazione”, con una breve spiegazione. 38A cura di Jacques Bottel
    39. 39. E ora che avete capito… memorizzate! 39A cura di Jacques Bottel

    ×