CONTROLLO DI GESTIONE AL  SIAF  VOLTERRA febbraio/marzo 2010
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

CONTROLLO DI GESTIONE AL SIAF VOLTERRA febbraio/marzo 2010

on

  • 2,000 views

Un percorso formativo completo che va dal controllo di gestione alla pianificazione finanziaria. Acquistabile sia per singoli moduli che per intero.

Un percorso formativo completo che va dal controllo di gestione alla pianificazione finanziaria. Acquistabile sia per singoli moduli che per intero.

Statistics

Views

Total Views
2,000
Views on SlideShare
1,874
Embed Views
126

Actions

Likes
1
Downloads
40
Comments
0

5 Embeds 126

http://www.direzionebp.com 105
http://www.siafvolterra.it 10
http://direzionebep.maximdesign.it 5
http://www.slideshare.net 4
http://webcache.googleusercontent.com 2

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment
  • 8

CONTROLLO DI GESTIONE AL  SIAF  VOLTERRA febbraio/marzo 2010 CONTROLLO DI GESTIONE AL SIAF VOLTERRA febbraio/marzo 2010 Presentation Transcript

  • La Gestione sotto controllo: dal Budget aziendale alla Finanza Strategica I 4 assi del Controllo di Gestione
  • Agenda MODULO 1: Il budget economico globale, 25 febbraio 2010 MODULO 2: Dal budget al controllo di gestione, 26 febbraio 2010 MODULO 3: Finanza e analisi di bilancio, 25 marzo 2010 MODULO 4: La gestione finanziaria, 26 marzo 2010 I corsi saranno tenuti nelle aule di SIAF – Scuola internazionale di alta formazione da docenti della Brogi & Pittalis srl La durata di ogni modulo è di 8 ore, con orario: 9 – 13; 14 – 18
  • CONTABILITA’ GENERALE CRM Contabilità analitica Altri Controllo di Gestione BUDGET REPORTING
  • ECONOMICI DI MERCATO FINANZIARI Il sistema degli obiettivi aziendali…
  • La mia azienda guadagna? Quanto? Il Flusso di Cassa è sufficiente a far fronte ai pagamenti? Il Giro di affari può crescere? Che cosa devo fare perché ciò avvenga? … le domande chiave
  • Budget e Controllo di Gestione Pianificazione Finanziaria Piano di Marketing … gli strumenti gestionali per ottenere una risposta
    • DA DOVE COMINCIO A COSTRUIRE IL MIO SISTEMA DI CONTROLLO???
  • La Balanced Scorecard MISSIONE OBIETTIVI E STRATEGIE DIMENSIONI STRATEGICHE CLIENTI ECONOMICO-FINANZIARIO PROCESSI INNOVAZIONE E APPRENDIMENTO INDICATORI DI PERFORMANCE FATTORI CRITICI DI SUCCESSO
  • BUDGET DELLE VENDITE PROGRAMMA DI PRODUZIONE POLITICA SCORTE PF E SL BUDGET COSTI VARIABILI DI FABBRICAZIONE BUDGET COSTO DEL VENDUTO BUDGET COSTI FISSI DI FABBRICAZIONE BUDGET LAVORAZIONI ESTERNE BUDGET APPROVVIGIONAMENTI BUDGET RIMANENZE PF E SEMILAVORATI BUDGET DEGLI INVESTIMENTI BUDGET DEL PERSONALE BUDGET DI CASSA BUDGET COSTI COMMERCIALI BUDGET ALTRI COSTI DI STRUTTURA BUDGET ECONOMICO POLITICHE DI BILANCIO POLITICHE DI CREDITO BUDGET ALTRI COSTI DISCREZIONALI BUDGET DEL PATRIMONIO FINALE BUDGET DI FONTI E IMPIEGHI POLITICHE DI FINANZIAMENTO
  • Finanza e analisi di bilancio Pianificazione finanziaria Analisi per indici Cash flow previsionali e analisi fonti impieghi Determinazione dei fabbisogni
  • 1 2 3 4 5 6 7 Capitale Circolante Commerciale Immobilizzazioni Fabbisogno Finanziario permanente Fabbisogno Finanziario temporaneo Il fabbisogno finanziario
  • Il fabbisogno finanziario
  • Dalla finanza alla gestione del rapporto con la banca La programmazione e la gestione del fabbisogni finanziario di fine mese Il controllo di gestione come strumento di pianificazione strategica I sistemi di monitoraggio periodico in uso presso le banche: Basilea 2. I metodi di controllo standard per la riduzione del rischio finanziario in azienda ed il miglioramento del rating. Il Piano dei conti in ottica bancaria Gli andamentali del rapporto con la banca. L’utilizzo e il costo degli affidamenti. La centrale rischi. Il monitoraggio periodico delle condizioni di accesso e di utilizzo del credito.
  • Migliore è il rating minore è il costo del denaro UN BASSO RATING RISCHIOSITA’ DELL’OPERAZIONE MAGGIORE E’ IL RISCHIO PIU’ ALTO IL COSTO DEL CREDITO NEGATO IL CREDITO indica… … se giudicata troppo rischiosa…
    • ASPETTI DIVERSI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO PRESI IN ESAME PER LA SUA DETERMINAZIONE:
      • FATTORI QUANTITATIVI
      • FATTORI QUALITATIVI
      • INFORMAZIONI ANDAMENTALI
    • I SINGOLI ASPETTI OGGETTO DI ANALISI, RAPPRESENTANO
    • I TRE PILASTRI DI BASILEA 2
    • DALL’ANALISI DI CIASCUN FATTORE DISCENDE UN RATING, OVVERO UN GIUDIZIO SINTETICO
    • LA SOMMA DEI SINGOLI RATING RAPPRESENTA LA VALUTAZIONE FINALE
    Come si determina il rating
  • Come organizzarsi
    • POTENZIANDO LA PROPRIA STRUTTURA FINANZIARIA E PATRIMONIALE NONCHE’ I PROPRI FLUSSI ECONOMICI
    • PROGRAMMANDO IN ANTICIPO LA NECESSITA’ DI RISORSE FINANZIARE
    • MIGLIORANDO LA QUANTITA’, LA QUALITA’ E LA TEMPESTIVITA’ DELLE INFORMAZIONI VERSO L’ESTERNO, OVVERO MIGLIORANDO LA COMUNICAZIONE GLOBALE
    • RIDUCENDO LA DIPENDENZA DAL SINGOLO FORNITORE “ BANCA ”
  • PROSPETTO FONTI E IMPIEGHI PIANO E RENDICONTO FINANZIARIO PIANO DEI CONTI E ANALISI PER INDICI ERRORI DA EVITARE GESTIONE DELLA COMUNICAZIONE FORMALE INFORMAZIONI DA ACQUISIRE STRUMENTI COMPORTAMENTI AUMENTO DEL CREDITO RIDUZIONE DEI COSTI FINANZIARI CONSOLIDA POZIONE PATRIMONIALE RISULTATI
  • 1° WEEK-END METODO OBIETTIVI ARGOMENTI 25/26 febbraio 2010 Lezioni in aula con videoproiezione e rilascio di dispense in originale, esercitazioni basate su casi pratici, rilascio di applicativi su Excel preimpostati ed utilizzati nel corso delle giornate. Fornire strumenti idonei ad indagare e comprendere le variabili in grado di condizionare il risultato economico e l’equilibrio finanziario, introducendo metodi e strumenti idonei a monitorare periodicamente i principali indicatori economici-finanziari e patrimoniali. Detto sistema potrà costituire la base per orientare la gestione strategica dell’impresa.
    • Fornire ai partecipanti gli strumenti e le tecniche più idonee per l’elaborazione del Budget economico e la costruzione del Cruscotto di Controllo Economico.
    • Determinare il Punto di Pareggio aziendale.
    • Le mappe strategiche
    • La balanced scorecard
    • Fenomeni economici e fenomeni finanziari della gestione.
    • Esempi di cruscotto di controllo
    • Il processo di controllo
    • L’analisi dell’attività aziendale
    • Concetti e criteri per l’analisi dei costi
    • Sistemi e tecniche di misurazione
    • L’analisi del reddito
    • L’analisi marginale del risultato aziendale
    • Interpretazione del bilancio in chiave finanziaria: riclassificazione Stato Patrimoniale e Conto Economico. Esercitazione.
    • L’analisi per indici. Esercitazione.
    • Introduzione al controllo di gestione.
    • Il concetto di obiettivo. Scelta e definizione.
    • Il ciclo della pianificazione.
    • Dal Piano al Budget Economico.
    • Interpretazione del bilancio in chiave gestionale.
    • La classificazione dei costi: esercitazione .
    • Tecnica del Break Even Point: esercitazione .
    • La determinazione del cruscotto di controllo economico: esercitazione .
    • Dal budget all’organizzazione.
    • La formulazione del budget globale e per divisione.
    • La mensilizzazione del budget.
    • Dal budget al controllo: l’analisi degli scostamenti.
    DAL BUDGET AL CONTROLLO DI GESTIONE L’impostazione di un sistema di controllo di gestione per la valutazione dell’efficienza aziendale complessiva IL BUDGET ECONOMICO GLOBALE Dalla riclassificazione del conto economico alla determinazione del Punto di Pareggio aziendale
  • 2° WEEK-END METODO OBIETTIVI ARGOMENTI 25/26 marzo 2010 Lezioni in aula con videoproiezione e rilascio di dispense in originale, esercitazioni basate su casi pratici, rilascio di applicativi su Excel preimpostati ed utilizzati nel corso delle giornate.
    • Fornire strumenti idonei ad indagare e comprendere le variabili in grado di condizionare l’imprenditore.
    • Fornire strumenti operativi necessari al conseguimento di concreti benefici economici e finanziari
    • Fornire dettagli sulle concrete possibilità di recuperare risorse finanziarie dalla gestione dei parametri di bilancio e informativi di cui tutte le aziende dispongono.
    • Consentire ai partecipanti di apprendere le potenzialità che l’attuazione ed impiego di un corretto e completo reporting direzionale possono avere per gli “attori” del sistema economico
    Fornire strumenti idonei ad indagare e comprendere le variabili in grado di condizionare il risultato economico e l’equilibrio finanziario, introducendo metodi e strumenti idonei a monitorare periodicamente i principali indicatori economici-finanziari e patrimoniali. Detto sistema potrà costituire la base per fornire un’informativa periodica nei confronti degli istituti di credito.
    • Strumenti per il monitoraggio della situazione finanziaria d’impresa
    • Gli andamentali del rapporto con la banca.
    • L’utilizzo e il costo degli affidamenti.
    • La centrale rischi.
    • Il Piano dei conti in ottica bancaria
    • Il monitoraggio periodico delle condizioni di accesso e di utilizzo del credito.
    • I metodi di controllo standard per la riduzione del rischio finanziario in azienda ed il miglioramento del rating
    • I sistemi di monitoraggio periodico in uso presso le banche: Basilea 2.
    • La programmazione e la gestione del fabbisogni finanziario di fine mese
    • Il controllo di gestione come strumento di pianificazione strategica
    • La pianificazione finanziaria.
    • Fenomeni economici e fenomeni finanziari della gestione.
    • Le relazioni tra conto economico e stato patrimoniale: il Rendiconto Finanziario. Esercitazione.
    • Il prospetto Fonti e Impieghi
    • Determinazione dei fabbisogni finanziari
    • Verifica dei cash flow prospettici
    • Il Budget di cassa
    • L’analisi per indici. Esercitazione.
    • Valutare il grado di equilibrio finanziario durevole con la Leva Finanziaria.
    • Gestire l’equilibrio finanziario corrente con il Capitale Circolante Netto.
    LA GESTIONE FINANZIARIA Dalla finanza alla gestione del rapporto con la banca. FINANZA E ANALISI DI BILANCIO L’analisi della struttura patrimoniale di impresa per la valutazione dell’efficienza aziendale complessiva
  • I moduli sono acquistabili singolarmente al prezzo di € 400,00 . I professionisti interessati ad approfondire le proprie competenze in materia di programmazione e controllo economico possono iscriversi alle due giornate del primo week end, con uno sconto del ……. sulla tariffa piena. Stessa tariffa è applicata a coloro che vorranno iscriversi solo al secondo week end, per perfezionare le tematiche connesse alle aree della pianificazione e gestione finanziaria. Il completamento dell’intero percorso formativo può essere acquistato al prezzo di € SCARICA LA BROCHURE E IL MODULO DI ISCRIZIONE SU: www.siafvolterra.it Budget economico Dal budget al controllo economico Finanza e analisi di bilancio La gestione finanziaria