Your SlideShare is downloading. ×
Open Innovation
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Saving this for later?

Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime - even offline.

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Open Innovation

4,409
views

Published on

Presentazione sulla Open Innovation - Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale - Reggio Emilia

Presentazione sulla Open Innovation - Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale - Reggio Emilia

Published in: Technology

0 Comments
8 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
4,409
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
8
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Open Innovation www.diplod.it Università degli studi di Modena e Reggio Emilia – sede di Reggio Emilia Corso di laurea specialistica in Ingegneria Gestionale II anno Presentazione per il corso di Gestione dell’Innovazione e dei progetti prof. Pier Paolo Veroni
  • 2. Di cosa si parla?
    • In un mondo come quello attuale dove la conoscenza viene largamente diffusa e distribuita, le aziende non possono basarsi solo sui propri centri di ricerca interni,
    • ma dovrebbero
    Comprare innovazione dall’esterno attraverso scambi con le altre aziende Concedere in licenza le proprie innovazioni Le invenzioni sviluppate internamente ma non utilizzate nel proprio business dovrebbero essere date all'esterno (attraverso contratti di licenza, joint ventures, spin-offs).
  • 3. Modello di “ Closed Innovation ” progetti di ricerca completati ma mai sviluppati Progetti di ricerca completati e sviluppati all’interno dell’azienda
    • LIMITI DELLA CLOSE INNOVATION:
    • SPRECO DI RISORSE : i progetti mai sviluppati vengono accantonati in attesa di una occasione di mercato, che può anche non presentarsi.
    • INTEGRAZIONE VERTICALE DELLA RICERCA : la ricerca veniva affidata a grandi laboratori interni che sviluppavano nuovi prodotti e sfruttavano gli alti margini di profitto che essi producevano per finanziarsi.
    • Le ditte che non potevano permettersi tale ricerca erano in posizione sfavorevole.
    i confini dell’azienda sono chiusi
  • 4. Modello di “ Open Innovation ” i confini dell’azienda sono aperti I progetti sviluppati all’interno dell’azienda possono basarsi su: progetti di ricerca interni progetti di ricerca esterni Vengono sfruttati progetti di aziende esterne che nel modello di “Closed Innovation” sarebbero inutilizzati (linee rosse del modello precedente) Progetti di ricerca interni all’azienda possono essere sfruttati da altri MIGLIOR SFRUTTAMENTO DELLE RISORSE
  • 5.
    • Open innovation = strumento per il crowdsourcing
    “ un neologismo per un modello di business nel quale un’azienda o un’istituzione prende un lavoro tradizionalmente fatto da un agente designato (di solito un impiegato) e lo esternalizza verso un gruppo indefinito e generalmente grande di persone attraverso un appello aperto su Internet. Nella maggior parte dei casi il crowdsourcing si basa sul lavoro di volontari ed appassionati che dedicano il loro tempo libero a creare contenuto, risolvere problemi, o anche fare R&S aziendali”. [ Wikipedia ] outsourcing (esternalizzazione di alcune attività dell’azienda) + crowd (folla, ovvero la comunità globale).
  • 6. DA R&S a C&S
  • 7. Vantaggi “Open Innovation”
    • PER LE AZIENDE:
    • facilitare la risoluzione di problemi nell’ambito della Ricerca e Sviluppo;
    • ampliare il know-how aziendale;
    • trovare soluzioni innovative attraverso investimenti a rischio nullo ;
    • minori tempi e costi di ricerca;
    • sfruttare conoscenze e tecnologie a disposizione;
    • sondare il mercato e le esigenze dei consumatori;
    • unire il mondo imprenditoriale a quello dei ricercatori e degli appassionati in generale;
    • ottenere visibilità e pubblicità.
  • 8. Vantaggi “Open Innovation”
    • PER GLI UTENTI:
    • dare sfogo alla conoscenza tacita ;
    • ottenere un canale diretto con il mondo imprenditoriale;
    • ottenere premi e ricompense ;
    • usufruire di una piattaforma di collaborazione on-line.
  • 9. Alcuni esempi reali Giorgia Sgargetta è un esempio di “winner Solver”. Il risultato della sua ricerca è stato scelto come migliore proposta alla risoluzione di un problema pubblicato tramite Innocentive . Il “Seeker” utilizzerà tali idee per le proprie innovazioni.
  • 10. Joint Venture - Symbian
    • Symbian è il sistema operativo dei più moderni cellulari. Symbian OS è utilizzato nei Nokia 9200 Communicators, Nokia 7650, Nokia 3650 e nella serie N-Gage.
    • Gli shareholders sono Nokia, Psion, Motorola, Samsung, Siemens, Sony Ericsson, Ericsson e Panasonic.
    • E’ stato istituito un network con il relativo wiki dove si invitano gli sviluppatori di Symbian a contribuire ai contenuti utili per la comunità.
  • 11. Goldcorp Inc. - Wikinomics
    • Goldcorp è un’azienda di estrazione mineraria che tra gli anni 2000 e 2001 si trovava in una situazione di crisi, decise così di divulgare i dati geologici in suo possesso promuovendo sul web una gara aperta a tutti, per individuare nuove riserve di oro.
    • A tal proposito Rob McEwen , CEO of Goldcorp Inc. dichiarò : ”I’d like to take all of our geology, all the data we have that goes back to 1948, and put it into a file and share it with the world. Then we’ll ask the world to tell us where we’re going to fund the next six million ounces of gold.”
    Questa mossa strategica portò l’azienda da un fatturato di 100 milioni di dollari a 9 bilioni di dollari
  • 12. Bibliografia e sitografia
    • Open Innovation su Wikipedia: http://it.wikipedia.org/wiki/Open_innovation
    • Innocentive: http://www.innocentive.com
    • Symbian: http://www.symbian.com/
    • Goldcorp: http://www.goldcorp.com/ http://www.goldcorpchallenge.com/
    • Wikinomics, Don Tapscott – Anthony D. Williams: http://www.wikinomics.com/