IPA - Nuovo Programma di Prossimità

1,639 views

Published on

Giovanna Andreola presenta il Nuovo Programma di Prossimità IPA in occasione del Seminario "Territori Innovativi per la Cooperazione Territoriale Europea", tenutosi a l'Aquila il 30 maggio 2008

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,639
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
11
Actions
Shares
0
Downloads
31
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

IPA - Nuovo Programma di Prossimità

  1. 1. Le linee prioritarie del Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA-Adriatico Seminario “ Territori Innovativi per la Cooperazione Territoriale Europea” L’Aquila, 30 Maggio 2008 Dr. Giovanna Andreola Regione Abruzzo Servizio Attività Internazionali Autorità di Gestione IPA Adriatico 2007-2013
  2. 2. Lo strumento finanziario IPA IPA: Instrument for Pre-Accession Assistance IPA 2007-2013 è diretto a supportare i Paesi Candidati e i Paesi Candidati Potenziali per il recepimento dell’ acquis communautaire, in vista della prossima adesione all’UE Regolamento (CE) n. 1085/2006 (Reg. IPA) Regolamento (CE) n. 718/2007, (Reg. implem. IPA) Base giuridica
  3. 3. Paesi Candidati Paesi Candidati Potenziali Croazia, Ex-Repubblica Jugoslava di Macedonia, Turchia Albania, Bosnia ed Erzogovina, Montenegro, Serbia (incluso Kosovo) Lo strumento finanziario IPA
  4. 4. PHARE SAPARD CARDS TACIS MEDA Lo strumento finanziario IPA 2000-2006 IPA/ENPI 2007-2013
  5. 5. Lo strumento finanziario IPA Le 5 componenti IPA I. Sostegno alla transizione e sviluppo istituzionale II. Cooperazione transfrontaliera III. Sviluppo regionale IV. Sviluppo delle risorse umane V. Sviluppo rurale
  6. 6. Componente IPA CBC è diretta a rafforzare la cooperazione transfrontaliera attraverso iniziative congiunte a livello locale e regionale, combinando gli obiettivi degli aiuti esterni con quelli di coesione economica e sociale. Promuovere lo sviluppo economico e sociale nelle aree di confine Obiettivi generali Lavorare insieme per indirizzare sfide comuni nei settori dell’ambiente, del patrimonio naturale e culturale, della sanità pubblica, della prevenzione e lotta alla criminalità. Assicurare frontiere efficienti e sicure Promuovere iniziative pilota coinvolgendo gli attori locali delle aree di confine
  7. 7. Componente IPA CBC Area di intervento di IPA CBC
  8. 8. Le aree eleggibili sono i territori a livello NUTS 3 (o livelli equivalenti) lungo i confini terrestri o marittimi (max 150 km distanza) La cooperazione transfrontaliera è attuata attraverso Programmi Operativi multiannuali congiunti tra i Paesi partecipanti, approvati con decisione della CE I Programmi sono gestiti ed implementati secondo l’ APPROCCIO INTERGRATO o secondo l’ APPROCCIO TRANSITORIO Il budget dei Programmi IPA CBC si compone di fondi FESR e fondi IPA, + quote di co-finanziamento degli Stati La Cooperazione transfrontaliera si può attuare tra almeno 1 Stato membro e 1 Stato beneficiario, oppure tra 2 o più Paesi beneficiari. 1 2 3 4 5 Componente IPA CBC Le caratteristiche principali di IPA CBC
  9. 9. Il Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico Il MARE ADRIATICO: una via di accesso, non una frontiera
  10. 10. L’area di cooperazione adriatica Il Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico
  11. 11. Il Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico L’area di cooperazione adriatica: Stati Membri UE Gorizia, Trieste, Udine, Padova, Rovigo, Venezia, Ferrara, Forlì-Cesena, Ravenna, Rimini, Ancona, Ascoli Piceno, Macerata, Pesaro-Urbino, Chieti, Pescara, Teramo, Campobasso, Bari, Brindisi, Foggia, Lecce, Pordenone, L’Aquila, Taranto , Isernia Obalno-kraška, Goriška regija, Notranjsko-kraška regija. Kerkyra, Thesprotia
  12. 12. L’area di cooperazione adriatica: Stati Extra-UE Fier, Durrës, Lezhë, Shkodër, Tiranë, Vlorë Dubrovnik-Neretva,Istra; Lika-Senj, Primorje-Gorski kotar; Šibenik-Knin; Split-Dalmatia and Zadar, Karlovac County. Bar, Budva, Cetinje, Danilovgrad, Herceg Novi, Kotor, Nikšić, Podgorica, Tivat, Ulcinj , Žabljak, Pljevlja, Bijelo Polje, Berane, Rožaje, Plav, Andrijevica, Kolašin, Mojkovac, Savnik, Žabljak, Plužine Bileća, Čapljina, Čitluk, Gacko, Grude, Jablanica, Konjic, Kupres, Livno, Ljubinje, Ljubuški, Mostar, Neum, Nevesinje, Posušje, Prozor/Rama, Ravno, Široki Brijeg, Stolac, Berkovići, Tomislavgrad, Trebinje and Istočni Mostar, Sarajevo Economic Region, North-West Economic Region, Central Bih Economic Region Intero territorio (in phasing out) Il Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico
  13. 13. Il Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico Il BUDGET del Programma…. Quota FESR + Quota IPA + Cof. Nazionali = 290 M€ circa
  14. 14. AUTORITA’ DI GESTIONE: Regione Abruzzo – Direzioni Affari Internazionali (AQ) AUTORITA’ DI CERTIFICAZIONE: Reg. Abruzzo –Serv. Aut. Cert. (AQ ) AUTORITA’ DI AUDIT: Serv. ispettivo e di certificazione dei progetti finanziati dall’UE (AQ) JOINT MONITORING COMMITTEE: Composto dai rappresentanti dei Paesi partecipanti Il Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico SEGRETARIATO TECNICO CONGIUNTO c/o Regione Abruzzo (AQ) La gestione del Programma ….
  15. 15. Il Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico Il Partenariato ……. Partenariato transfrontaliero minimo: 1 beneficiario UE + 1 beneficiario extra-UE <ul><li>ECCEZIONI: </li></ul><ul><li>Non è ammissibile una Partnership che comprenda SOLO beneficiari della Regione slovena di Obalno-kraška e della contea croata di Istria e/o della contea croata di Primorsko-goranska. </li></ul><ul><li>Non è ammissibile una Partnership che comprenda SOLO beneficiari della Prefettura greca di Thesproatia e/o della Prefettura di Corfù e la Regione albenese di Vlora . </li></ul>
  16. 16. Il Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico Le TIPOLOGIE DI PROGETTI … Progetti ordinari Approccio bottom up Approccio Top-down Approccio bottom up La selezione e l’approvazione di tutti i progetti è di competenza del Joint Monitoring Committee, che può delegare la selezione ad un Joint Steering Committee, col supporto del STC. Progetti strategici
  17. 17. Il Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico La presentazione e la selezione dei Progetti …. Progetti ORDINARI Progetti STRATEGICI Call for proposals Call for proposals Outiside call for proposals Open calls Restricted calls Procedure di selezione
  18. 18. OBIETTIVO GENERALE: Rafforzamento della capacità di sviluppo sostenibile della Regione Adriatica, attraverso una strategia di azione concordata tra i Partner dei territori eleggibili PRIORITA’ 1: Cooperazione economica, sociale e istituzionale PRIORITA’ 2: Risorse naturali e culturali e prevenzione dei rischi PRIORITA’ 3: Accessibilità e Network PRIORITA’ 4: Assistenza Tecnica Il Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico
  19. 19. MISURA 1.1 Ricerca e innovazione <ul><li>Istituti di ricerca </li></ul><ul><li>Università </li></ul><ul><li>Imprese </li></ul><ul><li>Organizzazioni pubbliche </li></ul>Il Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico Priorità 1 Cooperazione economica, sociale e istituzionale Migliorare la capacità di ricerca, anche attraverso l’incremento dei livelli di competenze, incoraggiando il trasferimento di innovazione, con la creazione di network tra imprese, istituzioni, mondo accademico, formazione e ricerca, soprattutto con la promozione di attività congiunte.
  20. 20. MISURA 1.1 Ricerca e innovazione <ul><li>Reti di cooperazione tra università, istituti di ricerca e altre organizzazioni qualificate </li></ul><ul><li>Strumenti di finanziamento per giovani ricercatori </li></ul><ul><li>Sostegno alla ricerca avanzata </li></ul><ul><li>Promuovere la mobilità dei ricercatori e lo scambio di ricercatori e tecnici tra università e imprese </li></ul><ul><li>Creazione di piattaforme tecnologiche internazionali </li></ul><ul><li>Capacity building e trasferimento di konw how </li></ul><ul><li>Disseminazione di best pratices </li></ul><ul><li>Creare reti scientifiche e tecnologiche per lo scambio di informazioni, dati ed esperienze </li></ul><ul><li>Creare strutture ICT a sostegno delle PMI e dei processi di start up e supporto alla creazione di cluster di eccellenza regionali e interregionali </li></ul><ul><li>Promuovere attività di ricerca congiunta tra imprese e università e sviluppo di partnership per l’innovazione </li></ul>Il Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico Priorità 1 Cooperazione economica, sociale e istituzionale
  21. 21. MISURA 1.2 Sostegno finanziario alle PMI innovative <ul><li>PMI, singole e associate </li></ul><ul><li>Enti pubblici </li></ul><ul><li>Agenzie di sviluppo </li></ul>Il Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico Priorità 1 Cooperazione economica, sociale e istituzionale Incentivare i sistemi territoriali e produttivi ad investire nella ricerca e nell’innovazione, attraverso offerte diversificate ed innovative di strumenti finanziari
  22. 22. MISURA 1.2 Sostegno finanziario alle PMI innovative <ul><li>Promuovere la creazione e la crescita di imprese basate sulla conoscenza, attraverso il supporto di processi di start up, la creazione di reti di incubatori di imprese, etc. </li></ul><ul><li>Sostegno agli investimenti in ricerca e innovazione, e al trasferimento tecnologico e scientifico. </li></ul><ul><li>Promuovere la creazione e il rafforzamento del sistema dei cluster, con attenzione alla cooperazione tra imprese, istituzioni, università e ricerca, nei settori pubblico e privato. </li></ul><ul><li>Processi congiunti di internazionalizzazione di PMI </li></ul><ul><li>Supporto alle PMI per la promozione di prodotti e processi produttivi eco-compatibili. </li></ul><ul><li>Facilitare l’accesso al finanziamento per le imprese </li></ul><ul><li>Promuovere la formazione e lo sviluppo di attività per il miglioramento delle imprese </li></ul>Il Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico Priorità 1 Cooperazione economica, sociale e istituzionale
  23. 23. MISURA 1.3 Network sociali, sanitari e occupazionali <ul><li>Organizzazioni di volontariato del settore socio-sanitario </li></ul><ul><li>Enti pubblici </li></ul>Il Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico Priorità 1 Cooperazione economica, sociale e istituzionale Creazione di nuove reti di cooperazione, e rafforzamento di quelle esistenti, nei settori delle politiche sociali, occupazioni e sanitarie.
  24. 24. MISURA 1.3 Network sociali, sanitari e occupazionali <ul><li>Scambio di esperienze e trasferimento di competenze nei settori socio-sanitario e occupazionali, anche attraverso l’uso di ICT. </li></ul><ul><li>Ottimizzare le strutture socio-sanitarie esistenti per migliorare la qualità e l’accessibilità ai servizi </li></ul><ul><li>Promuovere l’occupabilità e l’inclusione sociale degli immigrati </li></ul><ul><li>Promuovere la mobilità geografica e occupazionale dei lavoratori e l’integrazione dei mercati del lavoro transfrontalieri </li></ul><ul><li>Creazione di network internazionali (es. monitoraggio epidemiologico, scambio di informazione per fronteggiare le emergenze, etc.) </li></ul><ul><li>Creazione di network integrati per migliorare il mercato del lavoro </li></ul><ul><li>Promuovere servizi socio-sanitari attraverso l’assistenza domiciliare con l’utilizzo di ICT. </li></ul><ul><li>Scambio di esperienze e trasferimento di competenze nel mercato del lavoro e della formazione professionale </li></ul><ul><li>Armonizzazione dei titoli di studio </li></ul>Il Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico Priorità 1 Cooperazione economica, sociale e istituzionale
  25. 25. MISURA 1.4 Cooperazione istituzionale <ul><li>Enti pubblici </li></ul><ul><li>Org. e agenzie di supporto alle imprese </li></ul><ul><li>ONG </li></ul>Il Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico Priorità 1 Cooperazione economica, sociale e istituzionale Promuovere servizi innovativi per la cittadinanza, attraverso lo scambio di competenze tecniche e amministrative, e lo scambio di buone prassi tra amministrazioni centrali e autorità locali
  26. 26. MISURA 1.4 Cooperazione istituzionale <ul><li>Promozione di scambio di esperienze su competenze tecniche e gestionali, l’adozione di strumenti di governance che facilitano l’integrazione/cooperazione tra pubbliche amministrazioni </li></ul><ul><li>Promozione di network permanenti tra enti pubblici per servizi innovativi </li></ul><ul><li>Disseminazione di best pratices </li></ul><ul><li>Disseminazione di processi innovativi tra le amministrazioni (e-government) per migliorare l’erogazione dei servizi </li></ul><ul><li>Promozione di un’identità culturale europea in un contesto multietnico, con azioni indirizzate soprattutto ai giovani </li></ul>Il Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico Priorità 1 Cooperazione economica, sociale e istituzionale
  27. 27. MISURA 2.1 Protezione e rafforzamento dell’ambiente marino e costiero <ul><li>Enti pubblici </li></ul><ul><li>Centri di ricerca </li></ul>Il Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico Priorità 2 Risorse naturali e culturali e prevenzione dei rischi Miglioramento e protezione delle coste, anche attraverso la gestione congiunta dell’ambiente marittimo e costiero e la prevenzione dei rischi.
  28. 28. MISURA 2.1 Protezione e rafforzamento dell’ambiente marino e costiero Il Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico Priorità 2 Risorse naturali e culturali e prevenzione dei rischi <ul><li>Rafforzamento delle competenze delle Autorità Locali nella gestione congiunta dell’ambiente marino e costiero, anche attraverso la promozione di politiche di pianificazioni comuni. </li></ul><ul><li>Realizzazione di specifici studi sui sistemi ambientali costieri. </li></ul><ul><li>Sviluppo di strumenti congiunti per la gestione integrata delle zone costiere. </li></ul><ul><li>Monitoraggio dell’ambiente marino/costiero, anche attraverso un Geographical Information System (GIS) congiunto. </li></ul><ul><li>Progetti congiunti per la protezione delle acque interne dall’inquinamento, da specie estranee e invasive, e il controllo della qualità dell’acqua marina </li></ul><ul><li>Rafforzamento degli eco-sistemi e protezione della biodiversità, per migliorare la qualità dell’ambiente e la promozione di uno sviluppo economico e sociale sostenibile. </li></ul><ul><li>Prevenzione dell’erosione costiera. </li></ul><ul><li>Ricerche scientifiche per migliorare l’utilizzo sostenibile e responsabile delle risorse ittiche alimentari </li></ul><ul><li>Protezione dei siti NATURA 2000. </li></ul>
  29. 29. MISURA 2.2 Gestione delle risorse naturali e culturali, e prevenzione dei rischi naturali e tecnologici <ul><li>Enti pubblici </li></ul><ul><li>ONG </li></ul><ul><li>PMI </li></ul>Il Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico Priorità 2 Risorse naturali e culturali e prevenzione dei rischi Rafforzamento delle competenze istituzionali per proteggere e gestire le risorse naturali e culturali attraverso la cooperazione regionale
  30. 30. MISURA 2.2 Gestione delle risorse naturali e culturali, e prevenzione dei rischi naturali e tecnologici <ul><li>Rafforzamento delle competenze delle pubbliche amministrazioni nella definizione di strategia di medio-lungo termine per la gestione ambientale </li></ul><ul><li>Innovazione e diffusione di tecnologia nei sistemi di protezione e gestione delle risorse culturali e naturali </li></ul><ul><li>Scambio buone prassi sulla protezione e la gestione delle risorse culturali e ambientali </li></ul><ul><li>Attivazione di collaborazioni tra agenzie, organizzazioni e università per creare reti nel settore ambientale e della prevenzione dei rischi </li></ul><ul><li>Scambio di esperienze nella gestione dei siti NATURA 2000, delle risorse naturali e delle aree protette </li></ul><ul><li>Progetti congiunti per contrastare l’inquinamento </li></ul>Il Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico Priorità 2 Risorse naturali e culturali e prevenzione dei rischi
  31. 31. MISURA 2.3 Risparmio energetico e fonti di energia rinnovabili <ul><li>PMI </li></ul><ul><li>Enti pubblici </li></ul>Il Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico Priorità 2 Risorse naturali e culturali e prevenzione dei rischi Sviluppo di fonti di energia rinnovabile e di sistemi di risparmio energetico
  32. 32. MISURA 2.3 Risparmio energetico e fonti di energia rinnovabili <ul><li>Promozione di centri di eccellenza per lo sviluppo di fonti energetiche rinnovabili (utilizzo sostenibile delle acque, dell’energia solare, di biomasse e biogas, etc.) </li></ul><ul><li>Disseminazione di buone prassi per il risparmio energetico e le fonti energetiche rinnovabili </li></ul><ul><li>Campagne di sensibilizzazione per il risparmio energetico e le fonti di energia rinnovabile </li></ul><ul><li>Preparazione di programmi regionali e locali per la produzione e il consumo sostenibile di energia </li></ul><ul><li>Progetti pilota e azioni dimostrative per l’utilizzo di energie rinnovabili, soprattutto attraverso la creazione di impianti per energia rinnovabile su piccola scala </li></ul>Il Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico Priorità 2 Risorse naturali e culturali e prevenzione dei rischi
  33. 33. MISURA 2.4 Turismo sostenibile <ul><li>Organizzazioni e uffici del turismo </li></ul><ul><li>Enti pubblici e privati per lo sviluppo o la gestione del turismo e/o di strutture turistiche </li></ul>Il Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico Priorità 2 Risorse naturali e culturali e prevenzione dei rischi Sviluppo sostenibile delle destinazioni turistiche adriatiche, attraverso il miglioramento della qualità e pacchetti turistici orientati al mercato, attraverso la valorizzazione delle risorse culturali e naturali
  34. 34. MISURA 2.4 Turismo sostenibile <ul><li>Promozione di centri naturali e culturali di eccellenza, rafforzando le reti tra musei, teatri, etc. </li></ul><ul><li>Creazione di reti per sviluppare infrastrutture turistiche e sportive </li></ul><ul><li>Rafforzamento della consapevolezza territoriale e paesaggistica, attraverso la promozione dell’identità culturale </li></ul><ul><li>Miglioramento nella gestione dei servizi turistici attraverso la cooperazione transfrontaliera (scambio di esperienze e know how) </li></ul><ul><li>Promozione e creazione di marchi di qualità dell’area </li></ul><ul><li>Promozione di nuovi prodotti culturali per turismo sostenibile </li></ul><ul><li>Azioni di marketing per il prolungamento della stagione turistica </li></ul><ul><li>Pacchetti turistici integrati </li></ul><ul><li>Integrazione dei servizi di informazione del turismo </li></ul><ul><li>Azioni congiunte per lo sviluppo del commercio di prodotti tipici, attraverso la creazione di consorzi e azioni integrate di marketing territoriale </li></ul><ul><li>Studi e strategie congiunti per la promozione delle aree interne come destinazioni turistiche. </li></ul>Il Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico Priorità 2 Risorse naturali e culturali e prevenzione dei rischi
  35. 35. MISURA 3.1 Infrastrutture materiali <ul><li>Enti pubblici e autorità equivalenti (autorità portuali e aeroportuali) </li></ul>Il Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico Priorità 3 Accessibilità e reti Sviluppo di sistemi portuali e aeroportuali, con i servizi connessi, garantendo l’interfunzionalità e l’integrazione tra le reti di trasporto esistenti
  36. 36. MISURA 3.1 Infrastrutture materiali <ul><li>Modernizzazione e rafforzamento delle strutture portuali e aeroportuali </li></ul><ul><li>Miglioramento delle condizioni di sicurezza dei beni e dei trasportatori </li></ul>Il Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico Priorità 3 Accessibilità e reti
  37. 37. MISURA 3.2 Sistemi di mobilità sostenibile <ul><li>Enti pubblici </li></ul><ul><li>Società pubbliche e private </li></ul>Il Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico Priorità 3 Accessibilità e reti Promuovere un sistema di servizi di trasporto sostenibili, per migliorare i collegamenti nell’Area Adriatica.
  38. 38. MISURA 3.2 Sistemi di mobilità sostenibile <ul><li>Sostegno alla gestione transfrontaliera di servizi di trasporto pubblico </li></ul><ul><li>Promozione di collegamenti tra porti e aree interne per migliorare le reti intermodali </li></ul><ul><li>Rafforzamento e promozione di servizi di trasporto di merci e persone </li></ul>Il Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico Priorità 3 Accessibilità e reti
  39. 39. MISURA 3.3 Reti di comunicazione <ul><li>Enti pubblici </li></ul><ul><li>ONG </li></ul>Il Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico Priorità 3 Accessibilità e reti Incremento e sviluppo delle reti di comunicazione e di informazione e della loro accessibilità.
  40. 40. MISURA 3.3 Reti di comunicazione <ul><li>Progetti innovativi per l’uso di ICT, in particolare per la sensibilizzazione e il miglioramento del territorio nella cultura e multimedialità </li></ul><ul><li>Promozione di ICT per l’accesso ai pubblici servizi (e-government, e-learning, e-procurement, etc.) </li></ul><ul><li>Uso di ICT per ridurre i movimenti transfrontalieri (es. videoconferenze, etc.) </li></ul><ul><li>Uso di ICT per lo sviluppo di sistemi di gestione dei traffici transfrontalieri e di sistemi di informazione sui flussi dei trasporti transfrontalieri </li></ul>Il Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico Priorità 3 Accessibilità e reti
  41. 41. Per informazioni, notizie e documenti sul Programma Transfrontaliero IPA Adriatico 2007-2013: www.interregadriatico.it [email_address] Il Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico
  42. 42. Grazie per l’attenzione

×