grandi eventi: il ruolo della protezione civile

1,780 views
1,617 views

Published on

l'esempio del carnevale di viareggio. Piano redatto dal disaster manager dr. giuliano pardini

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,780
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
18
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

grandi eventi: il ruolo della protezione civile

  1. 1. IL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE NELL’ORGANIZZAZIONE DI UN GRANDE EVENTO: L’ESEMPIO DEL CARNEVALE DI VIAREGGIO Elaborato dal Dott. Giuliano Pardini Disaster Manager Comune di Viareggio (Lu)
  2. 2. D.L. 343/01 art. 5 c.1 ……anche grandi eventi <ul><li>LA SCELTA DELL’ARGOMENTO PERMETTE DI SOTTOLINEARE COME OGGI, LA PC, POSSA ASSUMERE UN RUOLO ANCHE IN EVENTI NON NECESSARIAMENTE DI CARATTERE NATURALE O CATASTROFICO </li></ul>
  3. 3. D.L. 343/01 (conv. L.401/01) <ul><li>Organizzazione del Dip. di P. Civile </li></ul><ul><li>Art. 5 comma 1: </li></ul><ul><li>“ La P.C. tutela l’integrità della vita, dei beni, degli insediamenti e dell’ambiente dai danni derivanti da calamità naturali, catastrofi e altri grandi eventi” . </li></ul>
  4. 4. D.P.C.M. 12/12/2001 <ul><li>Organizzazione del Dip. Prot. Civile </li></ul><ul><li>Art. 3 ufficio Grandi Eventi </li></ul>
  5. 5. IL GRANDE EVENTO D.L. 343/01 Art. 5 comma 1 Sia in ambito di catastrofi Sia in ambito di grandi eventi Il ruolo del DPCM Stabilisce l’attività di protezione civile
  6. 6. IL CARNEVALE DI VIAREGGIO <ul><li>GRANDE EVENTO NON RICONOSCIUTO DA DPCM </li></ul>IL SINDACO DECIDE DI ATTIVARE LA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE CONTROLLA IL RISPETTO DELLE LEGGI IN MATERIA DI PUBBLICO SPETTACOLO IN COLLABORAZIONE CON IL PREFETTO
  7. 7. Il Piano Comunale di emerg. <ul><li>Ispirato al metodo Augustus: </li></ul><ul><li>NO mero censimento risorse </li></ul><ul><li>SI disponibilità delle risorse </li></ul><ul><li>SI funzioni di supporto che individuino una figura responsabile </li></ul><ul><li>..si trasforma l’imprevisto in previsto.. </li></ul>
  8. 8. Il Piano Comunale di emerg. <ul><li>EFFICACE SE </li></ul><ul><li>- Corretta individuazione delle azioni </li></ul><ul><li>- Rapidità di attivazione </li></ul>AGGIORNAMENTO TRASFORMAZIONI TERRITORIALI CAMBIAMENTI ORGANIZZATIVI ESERCITAZIONI
  9. 9. LA PROTEZIONE CIVILE NEL GRANDE EVENTO <ul><li>INTEGRA IL PIANO “INTERNO” CON UN PIANO ESTERNO DI EMERGENZA CHE: </li></ul><ul><li>FOCALIZZI I SITI SENSIBILI </li></ul><ul><li>DEFINISCA LA VIABILITA’ D’EMERGENZA </li></ul><ul><li>ATTUI MISURE DI SORVEGLIANZA </li></ul>
  10. 10. I RISCHI
  11. 11. I RISCHI
  12. 12. <ul><li>I RISCHI: LA FOLLA </li></ul>I RISCHI: LA FOLLA
  13. 13. LA PIRAMIDE SI ROVESCIA <ul><li>PRINCIPIO DI SUSSIDIARIETA’ </li></ul><ul><li>VENGONO DEFINITE LE COMPETENZE </li></ul>stato Ente Locale . . . Stato stato regione provincia comune
  14. 16. ORIENTAMENTO
  15. 19. INFORMAZIONE
  16. 20. IL MAXISCHERMO
  17. 21. SALA OPERATIVA SHELTER
  18. 22. MONITORAGGIO METEO

×