Your SlideShare is downloading. ×
Corporate drum circle - DRUM POWER
Corporate drum circle - DRUM POWER
Corporate drum circle - DRUM POWER
Corporate drum circle - DRUM POWER
Corporate drum circle - DRUM POWER
Corporate drum circle - DRUM POWER
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Corporate drum circle - DRUM POWER

450

Published on

Team building a suon di tamburi! …

Team building a suon di tamburi!
Scopri la bellezza e la forza di un drum circle, coinvolgendo tutti i partecipanti in una vera e propria orchestra di percussioni, ascoltandosi e improvvisando con la guida di Diana Tedoldi.
www.drumpower.net

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
450
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Diana Tedoldi CORPORATE DRUM CIRCLED.ssa Diana Tedoldidiana@drumpower.net, cell. 347 4664415 – Materiali originali creati da Diana Tedoldi – vietato copiare! ©
  • 2. Diana Tedoldi CORPORATE DRUM CIRCLECos’è:- è un evento aziendale nel quale un formatore (il Drum Circle facilitator) guida i partecipanti a creare insieme ritmi e armonie attraverso l’uso di tamburi e altri strumenti a percussionePer chi:- Gruppi di ogni tipo e dimensione, da un minimo di 4 partecipanti a infinito.A cosa serve:Un Drum Circle può avere funzioni diverse in base agli obiettivi da raggiungere:- Evento formativo (una tantum) o percorso formativo (più drum circle nell’arco di un certo lasso di tempo), in funzione di obiettivi specifici per un determinato gruppo;- Energizer o Ice breaker nell’ambito di convention, meeting, incontri di vario tipo, per sviluppare spirito di gruppo, senso di appartenenza, motivazione;- Team builder, all’inizio di percorsi di gruppo, nell’ambito di Incentives o per inaugurare il lancio di progetti, strategie, obiettivi;- Nell’ambito di percorsi di Change management all’interno delle Organizzazioni (ristrutturazioni, merger ecc), per facilitare i passaggi e le trasformazioni, creare motivazione e committment.Utilizzato all’inizio di percorsi di gruppo, il Drum Circle può aiutare ad aprire i canali relazionali,emotivi e partecipativi delle persone, mentre a chiusura lavori l’obiettivo sarà maggiormentecelebrativo di quanto discusso nell’ambito del meeting, consolidando lo spirito di gruppo,lasciando le persone cariche di entusiasmo e motivazione.Dove nasce:- negli Stati Uniti, dove nasce come filosofia di team e community building oltre 20 anni fa. Da allora, in tutto il mondo la rete di Drum Circle facilitator è cresciuta in modo esponenziale, portando il Drum Circle nelle più grandi aziende del mondo e in contesti di ogni tipo (corporate, clinico, terapeutico, sociale, pedagogico, formativo).Esempi illustri:- Toyota e Apple hanno una Drum Room con un Drum Circle facilitator assunto in pianta stabile, per creare periodici eventi energizer e team builder con il personale- Altri esempi, fra gli innumerevoli, di aziende che fruiscono stabilmente di Drum Circle: Mercedes Benz, BMW, Google, Mircrosoft, IBM, Bank of America, Università di Los Angeles in California (e quasi tutte le principali Università americane), Oxford University, Apple Computer e Microsoft, Motorola, The Wall Street Journal, Exxon Mobile, Oracle, Unilever, World Bank, Sony, Andersen Consulting.D.ssa Diana Tedoldidiana@drumpower.net, cell. 347 4664415 – Materiali originali creati da Diana Tedoldi – vietato copiare! ©
  • 3. Diana TedoldiCosa si fa in un Drum Circle:- Si suona insieme! Non è necessario avere alcuna competenza musicale. La qualità della creazione musicale del gruppo dipenderà dalle sue competenze di relazione, ascolto, comunicazione.- Il clima positivo e divertente che si instaura subito facilita l’allentamento dello stress mentale e delle tensioni emotive, favorendo la fiducia nel gruppo e la possibilità di un’esperienza positiva.Perché funziona:- È una tecnica formativa basata sull’esperienza e sul pieno coinvolgimento psico-corporeo, cognitivo ed emozionale. Rivolgendosi alla totalità della persona, permette quindi una più efficace integrazione delle competenze-obiettivo- dimostra operativamente l’aspetto sistemico del gruppo (il singolo influenza il tutto, il tutto è superiore alla somma dei singoli)- la metafora formativa alla base dell’efficacia di un Drum Circle è quella dell’orchestra, intesa come modello di funzionamento di un gruppo- Gli esercizi e le tecniche proposte al gruppo mirano a creare situazioni analoghe a quelle che i partecipanti vivono in ambito organizzativo, rendendo sempre possibili parallelismi e collegamenti con l’operatività quotidiana e quindi l’integrazione delle esperienze e delle competenze esplorate nel proprio ruolo lavorativo.Obiettivi raggiungibiliGli strumenti a percussione, grazie alla loro facilità eimmediatezza di apprendimento e uso, sono gli strumenti idealiper raggiungere una serie di importanti obiettivi sul pianopersonale e relazionale, attraverso la facilitazione delconduttore.Gli obiettivi più frequenti su cui Drum Power ha sviluppatopercorsi di formazione sono di seguito elencati. Gli obiettivispecifici del drum circle vengono ogni volta messi a fuoco con ilcliente, scegliendo i più opportuni in vista della specificasituazione all’interno della quale si collocherà il drum circle (momento della storia aziendale,obiettivi formativi di un macro percorso, caratteristiche del target ecc.). Sviluppo della capacità di teamship (grooving) e di leadership (soloing & improvising) Consolidamento del senso di appartenenza e dell’identità di gruppo Esplorazione della dialettica team/leader e uno/tutti, rinforzando di conseguenza: o La percezione della forza del gruppo o La percezione che questa forza viene dallo spirito costruttivo e dalla qualità di interazione, comunicazione e ascolto fra i membri del gruppo e dalla piena espressione del potenziale individuale in armonia con il gruppoD.ssa Diana Tedoldidiana@drumpower.net, cell. 347 4664415 – Materiali originali creati da Diana Tedoldi – vietato copiare! ©
  • 4. Diana Tedoldi Percepire il gruppo come una risorsa dove ognuno, in base al proprio livello e al proprio potenziale, può trovare il proprio spazio e la propria possibilità di azione, riconoscendo la propria unicità e preziosità in seno al gruppo. Empowerment individuale e di gruppo Fiducia nella propria originalità creativa, autostima Capacità di riconoscere, rispettare, valorizzare e integrare le competenze presenti e le diversità in nome di uno scopo comune Superamento della competizione e dei conflitti in nome dell’apprezzamento e della fiducia reciproci Sviluppo della capacità di ascolto e attenzione, a 360°,imparando ad adattare e rimodulare in ogni momento la propria azione in relazione alle variabili in gioco (contesto, direzioni impartite dal leader, feeling all’interno del gruppo ecc…) Sviluppare la capacità di prendersi rischi, organizzarsi, confrontarsi con la realtà, adattarsi ai cambiamenti, cooperare con gli altri; Comprendere operativamente le regole di base che portano alla costruzione di un gruppo ben funzionante Esplorare e sviluppare le proprie capacità espressive, comunicative e creative Sviluppare la capacità di coordinamento sensomotorio e psicomotorio, e di conseguenza migliorare il funzionamento cerebrale, integrando le funzioni dell’emisfero destro e sinistro e quindi facilitando l’emergere del pensiero creativo e laterale, migliorando problem solving e decision making Sviluppare capacità di resistenza e concentrazione Stress management: rilassamento, scarica delle tensioni, riattivazione energetica e creativa (individuale e di gruppo), condivisione emotiva Change management: sviluppo della capacità di adattamento, integrazione dei cambiamenti e flessibilità di ruoli. Sviluppare la propria capacità di osservazione, ascolto ed empatia, comprendendone l’importanza ai fini di una comunicazione con gli altri chiara, semplice ed efficace Attraverso il potere strutturante e disciplinante del ritmo, favorire l’interiorizzazione del principio normativo e auto-regolante Favorire la comunicazione transculturale.A questi risultati sul piano personale e relazionale si aggiungono alcuni significativi effettineurofisiologici indotti dal tamburo in virtù delle onde sonore che si producono suonandolo:queste onde sonore entrano infatti in risonanza con le onde cerebrali che esprimono l’attivitàelettrica del cervello e le trascinano su frequenze più lente (stati di coscienza ditipo alfa), e per ciò stesso in grado di allentare lo stress e i suoi correlati sulpiano psicofisiologico (ansia, mancanza di concentrazione, difficoltà diapprendimento, conflittualità relazionale ecc.).La ricerca scientifica ha dimostrato che risultano quindi sufficienti 40 minuticontinuativi di tamburo per indurre i seguenti benefici effetti: - Aumento della produzione di Endorfine, dopamine, norepinefrine, alla base della sensazione di benessere, piacere, allentamento controllo mentaleD.ssa Diana Tedoldidiana@drumpower.net, cell. 347 4664415 – Materiali originali creati da Diana Tedoldi – vietato copiare! ©
  • 5. Diana Tedoldi - Riduzione dell’ansia, dello stress, dei disturbi dell’umore - Attivazione dell’immaginario, sincronizzazione dell’attività dei due emisferi cerebrali (logico e analogico), facilitazione dell’integrazione cognitivo-emozionale - Miglioramento della capacità di concentrazione e apprendimentoPer maggiori informazioni, consultare le fonti medico-scientifiche citate nel libro di Diana Tedoldi“L’Albero della Musica – Tamburo, Stati di coscienza, Drum Therapy”, Milano 2006).MetodoTipicamente un intervento di formazione aziendale attraverso il drum circle include: 1) Esperienza: drum circle facilitato da Diana Tedoldi (eventualmente supportata da assistenti Drum Power, per gruppi di dimensione superiore a 120 persone) 2) Debriefing dell’esperienza: cosa abbiamo fatto? Come ci siamo sentiti? Cosa ha funzionato? Perché ha funzionato ciò che ha funzionato? 3) Esperienza: drum circle facilitato da volontari fra i membri del gruppo 4) Debriefing e dialogo maieutico: rintracciare gli assi di senso formativo che fondano l’esperienza del drum circle nei suoi collegamenti con la realtà lavorativa dei partecipanti. La metafora del drum circle viene svelata e ricondotta alle tematiche organizzative e alle competenze obiettivo dell’intervento formativo. 5) Conclusioni concettuali: agganci teorici eventuali, in base alle tematiche formative rintracciate nell’esperienza. 6) Conclusione celebrativa: drum circle finale, con libera facilitazione da parte dei membri del gruppo in formazione e di Drum Power.Cosa serve per fare un Drum Circle- uno spazio sufficientemente ampio per permettere a tutti i partecipanti di sedersi in cerchio su sedie senza braccioli- tamburi e altri strumenti verranno forniti dal Drum Circle Facilitator- colloquio preliminare con il referente organizzativo interno (responsabile formazione, Direzione, manager pertinente) per: o individuare i partecipanti o definire gli obiettivi formativi su cui si lavorerà o definire il quando e come dell’evento o definire come comunicare l’evento ai partecipantiAlcuni clienti che hanno provato il drum circle con Drum Power:Cartier, Nacanco, Young Presidents Organisation (YPO.org), Vorwerk, Associazione ItalianaFormatori, Comune di Bergamo, Comune di Milano, Idroscalo di Milano spa, Sony Italia spa,Gottardo spa, Alberto Guardiani, Silvestrin e Associati, Vital Aire (Gruppo Air Liquide), UniversitàBocconi di Milano, Università di Cassino.D.ssa Diana Tedoldidiana@drumpower.net, cell. 347 4664415 – Materiali originali creati da Diana Tedoldi – vietato copiare! ©
  • 6. Diana TedoldiRiferimenti:Diana TedoldiLaureata in Filosofia a indirizzo Etno-Antropologico, specializzata in Formazione Formatori (2004), inDanzaMovimentoTerapia (2002, corso di formazione professionale triennale riconosciuto dall’Associazioneprof.le italiana DanzaMovimentoTerapia), drum circle facilitation (2008, 2009, 2010, oltre 30 giornate diformazione negli USA con i maestri riconosciuti a livello internazionale Arthur Hull, Layne Redmond eChristine Stevens).Esploro e sperimento dal 1993, l’utilizzo di suono, musica, voce, ascolto e pratiche esperienziali in natura inrelazione allo sviluppo del proprio potenziale umano e relazionale.Ho vissuto a Los Angeles, Arabia Saudita, Dubai, Lugano, Genova, Napoli e Bergamo, dove ora risiedo.Ho oltre 10 anni di esperienza in ruoli manageriali nei settori comunicazione, pianificazione strategica,ottimizzazione organizzativa, people management e team building.Parallelamente alla mia carriera aziendale, ho sviluppato progetti sociali di musica e danzamovimento conpazienti psichiatrici, scuole, adolescenti a rischio e disabili; da 3 anni gestisco con il Comune di Bergamoprogetti di inclusione sociale attraverso l’uso del drum circle.Nel 2006 ho pubblicato il mio primo libro: “L’albero della Musica” un saggio di ricerca etno-antropologicasull’utilizzo del ritmo in ambito terapeutico, educativo e formativo.Nel 2008 nasce Drum Power (www.drumpower.net): un network internazionale di professionisti del ritmo,con la missione di utilizzare il suono e il ritmo per community building, ascolto, comunicazione, relazione edespressione.Nel 2010 nasce Experientia (www.experientia.org.uk): esperienze di ascolto profondo in Natura (deserto,vulcano, mare, alberi, città), declinate su tematiche organizzative specifiche (pianificazione strategica,creatività enhancement, change management, stress management, gestione della complessità).Siti web di Diana Tedoldi:www.experientia.org.uk Experientia – Listen Experience Changewww.drumpower.net Drum Power – From Community to CoSmunity.diana@drumpower.netexperience@experientia.org.ukMob: +39 393 7573058Entra nel mio network!Cerca Diana Tedoldi su LinkedIn e Facebook.Cerca Drum Power su Twitter, Facebook e Myspace.D.ssa Diana Tedoldidiana@drumpower.net, cell. 347 4664415 – Materiali originali creati da Diana Tedoldi – vietato copiare! ©

×