Your SlideShare is downloading. ×
La gestione dei diritti nella digitalizzazione di massa: casi a confronto
La gestione dei diritti nella digitalizzazione di massa: casi a confronto
La gestione dei diritti nella digitalizzazione di massa: casi a confronto
La gestione dei diritti nella digitalizzazione di massa: casi a confronto
La gestione dei diritti nella digitalizzazione di massa: casi a confronto
La gestione dei diritti nella digitalizzazione di massa: casi a confronto
La gestione dei diritti nella digitalizzazione di massa: casi a confronto
La gestione dei diritti nella digitalizzazione di massa: casi a confronto
La gestione dei diritti nella digitalizzazione di massa: casi a confronto
La gestione dei diritti nella digitalizzazione di massa: casi a confronto
La gestione dei diritti nella digitalizzazione di massa: casi a confronto
La gestione dei diritti nella digitalizzazione di massa: casi a confronto
La gestione dei diritti nella digitalizzazione di massa: casi a confronto
La gestione dei diritti nella digitalizzazione di massa: casi a confronto
La gestione dei diritti nella digitalizzazione di massa: casi a confronto
La gestione dei diritti nella digitalizzazione di massa: casi a confronto
La gestione dei diritti nella digitalizzazione di massa: casi a confronto
La gestione dei diritti nella digitalizzazione di massa: casi a confronto
La gestione dei diritti nella digitalizzazione di massa: casi a confronto
La gestione dei diritti nella digitalizzazione di massa: casi a confronto
La gestione dei diritti nella digitalizzazione di massa: casi a confronto
La gestione dei diritti nella digitalizzazione di massa: casi a confronto
La gestione dei diritti nella digitalizzazione di massa: casi a confronto
La gestione dei diritti nella digitalizzazione di massa: casi a confronto
La gestione dei diritti nella digitalizzazione di massa: casi a confronto
La gestione dei diritti nella digitalizzazione di massa: casi a confronto
La gestione dei diritti nella digitalizzazione di massa: casi a confronto
La gestione dei diritti nella digitalizzazione di massa: casi a confronto
La gestione dei diritti nella digitalizzazione di massa: casi a confronto
La gestione dei diritti nella digitalizzazione di massa: casi a confronto
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

La gestione dei diritti nella digitalizzazione di massa: casi a confronto

172

Published on

Intervento al Seminario …

Intervento al Seminario
TUTELA DEI BENI CULTURALI E DIRITTO D'AUTORE
Un dialogo sperimentale tra saperi
Trento, 9 aprile 2013
Facoltà di Lettere e Filosofia (aula 110)
Nella giungla degli antichi diritti - d’autore, editoriali - tra diagrammi di flusso che calcolano aperture più o meno estese del pubblico dominio - da Paese a Paese – in mezzo alle opere orfane nelle terre di nessuno, tra i paradossi dei diritti nel digitale e relativi DRM posti ai contenuti, le biblioteche continuano ad erogare i loro servizi. Distribuzione di contenuti, interoperabilità tecnica e organizzativa, prestito digitale, e diritti di accesso ai contenuti creano potenziali aspettative nei netizen e nelle comunità che ruotano attorno alle biblioteche web 2.0. In bilico tra vecchi diritti e le comunità che premono verso nuove forme di e-democracy, le biblioteche evolvono e mutano.

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
172
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide
  • Nella giungla degli antichi diritti - d’autore, editoriali - tra diagrammi di flusso che calcolano aperture più o meno estese del pubblico dominio - da Paese a Paese – in mezzo alle opere orfane nelle terre di nessuno, tra i paradossi dei diritti nel digitale e relativi DRM posti ai contenuti, le biblioteche continuano ad erogare i loro servizi. Distribuzione di contenuti, interoperabilità tecnica e organizzativa, prestito digitale, e diritti di accesso ai contenuti creano potenziali aspettative nei netizen e nelle comunità che ruotano attorno alle biblioteche web 2.0. In bilico tra vecchi diritti e le comunità che premono verso nuove forme di e-democracy, le biblioteche evolvono e mutano.
  • Nell’ironico fotomontaggio in testa all’articolo (un’ipotetica foto di gruppo alla loro laurea)  vi troviamo anche i due padri fondatori dell'antropologia, il tedesco-statunitense Franz Boas e il polacco Bronisław Malinowski, l’inglese Sir Francis Younghusband ufficiale dell'esercito e scrittore mistico, tristemente famoso per il massacro di soldati e civili durante la Spedizione Inglese del 1904 in Tibet da lui guidata, il pittore Grant Wood noto per una delle immagini più iconiche d'America, Gotico Americano, in cui ritrae una coppia di agricoltori dallo sguardo fiero e austero davanti alla propria abitazione. Molti di loro sono morti in conseguenza, direttamente o indirettamente, della seconda guerra mondiale.
  • Nell’ultimo decennio, le piattaforme che forniscono e-book (digitalizzati o nati digitali) si sono modificate fino ad assumere caratteristiche e dimensioni nuove che si sono adattate alle esigenze dei mercati e delle comunità.
    Le linee di provenance iniziali degli e-book (iniziative volontarie, commerciali, progetti di digitalizzazione governativi, o di settore accademico) si modificano, si sdoppiano, alcune linee prevalgono su altre, sorgono nuove piattaforme ai limiti della legalità.
    Ottica commerciale:
    Investimenti nella digitalizzazione per creare nuovi canali di business
    diversi scenari per il delivery di contenuti o vendita streaming su piattaforma
    Sforzi collettivi da parte di varie e numerose iniziative di diverso spessore e condotte da soggetti diversi tendenti all’Open Access:
    locali, nazionali, europee, internazionali,
    aggregazioni di tipo collettore per materiale di dominio pubblico o OA
    governi, UE, istituzioni, fondi di privati, commerciali…
    Iniziative volontarie con coinvolgimento dei cittadini in modo partecipato (scan on demand)
    Piattaforme ove gli utenti caricano documenti di vari formati, poi condivisi con la comunità, incorporandoli in una pagina web usando formati come iPaper: Nessun controllo sui diritti
  • Michael Hart del Progetto Gutenberg ha annunciato di fornire in OA un miliardo di libri: 10 milioni di opere ora nel Pubblico Dominio tradotte in 100 lingue ciascuno.
  • Non c’è corrispondenza tra quanto presente in Internet Archive e i dati di Opne Library, iniziative scollegate
  • Solr is an open source enterprise search platform from the Apache Lucene project. Its major features include powerful full-text search, hit highlighting, faceted search, dynamic clustering, database integration, and rich document (e.g., Word, PDF) handling. Providing distributed search and index replication, Solr is highly scalable.
  • Un finanziamento della Digital World Library (WDL), ha consentito alla Biblioteca Nazionale dell’Uganda di lanciare il Centro di conversione digitale e la digitalizzazione di documenti storici e culturali ugandesi
  • Bandiera 150 anni ;-)
  • 2004 la svolta
  • Ritengono di non essere stati danneggiati dalla digitalizzazione delle loro opere oltre a sottolineare che molti loro (autori d ambito giuridico peraltro) ritengono che la digitalizzazione rientrasse nel FaiUse.
    Chiedono espressamente al Giudice di riflettere su un eventuale blocco delle digitalizzazioni delle collezioni
    http://www.law.berkeley.edu/files/Academic_authors_letter_to_Judge_Chin_021312_final.pdf
    A sostegno della tesi di Google il 13 febbraio 2012 Pamela Samuelson - docente di giurisprudenza di fama internazionale e direttore del Berkeley Center for Law & Technology oltre che  pioniere nelle materie che riguardano la proprietà intellettuale e le politiche dell’informazione - ha inviato una lettera al giudice Denny Chin. La lettera - Academic Author Objections to Plaintiff’s Motion for Class Certification - sottoscritta da decine di autori accademici, obietta e si dissocia dalla recente azione legale di richiesta danni (per violazione di copyright) intrapresa da Authors Guild contro Google. Come si evince dalle motivazioni esposte gli autori accademici non si sentono per niente rappresentati entro la nuova class action contro Google, proprio per le profonde differenze tra gli autori che hanno intrapreso l'azione legale e gli autori di testi scientifici. Ritengono di non essere stati danneggiati dalla digitalizzazione delle loro opere, anzi molti di loro (autori di ambito giuridico, peraltro) reputano che la digitalizzazione rientri nel FairUse. In sostanza la lettera chiedeva espressamente al giudice di riflettere su un eventuale blocco della digitalizzazione delle collezioni. Ma il giudice Chin – lo stesso che aveva rifiutato un anno prima il famoso Settlement di Google con l’AAP (Association of American Publishers) bloccando di fatto il progetto di digitalizzazione - aveva respinto l’obiezione decretando la class action «il metodo migliore per risolvere questa disputa», giacché Google «ha trattato i detentori di copyright come un gruppo, e come un gruppo essi hanno il diritto di difendersi».
  • Le biblioteche con le copie scansionate hanno messo in piedi un repository collettivo chiamato HathiTrust Digital Library, (pronuncia hah-TEE, parola indi che significa "elefante", animale simbolo della memoria) con tre obiettivi fondamentali: conservazione delle opere, implementazione di un motore di ricerca entro tutti i full-text e possibilità di accesso digitale per gli utenti con disabilità visive.
    L’archivio, gestito dalla University of Michigan, è il collettore delle digitalizzazioni presenti nelle istituzioni affiliate (3 grossi consorzi e 52 istituzioni accademiche tra le più prestigiose) e comprende le copie delle scansioni di differenti progetti di digitalizzazione, in gran parte provenienti dalle digitalizzazioni di Google.
    Ad oggi HathiTrust comprende oltre 10,5 milioni di testi relativi a 5,5 milioni di titoli. Il 31% di questo patrimonio è accessibile pubblicamente. Si tratta di opere i cui diritti sono scaduti e per la legge sul copyright negli Stati Uniti sono di pubblico dominio. Circa 20  membri dello staff sono impegnati in permanenza sul Copyright Review Project, attraverso un controllo minuzioso dello stato del copyright dei libri digitalizzati presenti nelle collezioni che compongono l’archivio. Quando i libri sono di pubblico dominio, il Trust li rende Open Access senza restrizioni. La restante parte del contenuto, poco più del 70% del totale, è accessibile ai soli partecipanti alla rete consortile HathiTrust, mentre per l’utente di rete sono visibili solo degli snippet(ritagli). Ed è qui, su questo terreno scivoloso, che si è incentrata la lite giudiziaria.
  • Il 10 ottobre scorso Harold Baer - giudice distrettuale dello Stato di New York - si è pronunciato nella controversia Authors Guild contro HathiTrust (Case 1:11-cv-06351-HB Document 137) in merito alla scansione dei libri e alla loro trasformazione in contenuti digitali che, secondo i ricorrenti, si configurava come violazione di copyright. Il giudice – nelle sue motivazioni espresse in un documento di 23 pagine (Case 1:11-cv-06351-HB Document 156) - si è schierato nettamente a favore delle biblioteche accademiche aderenti all’archivio digitale HathiTrust, chiamato in causa da Authors Guild, organizzazione statunitense no-profit di che difende gli interessi di autori ed editori.
  • Se le perplessità necessitano di un confronto con esperti di economia industriale che forniscano loro quegli elementi utili per ridimensionare sensibilmente la portata delle preoccupazioni, da un’analisi concorrenziale esaustiva sull’impatto del GBS emergono alcune considerazioni economiche di grande interesse in risposta ai vari dubbi e timori.
    Le ragioni e gli argomenti a favore sono altrettanto numerosi e puntano verso la possibilità di avere finalmente a disposizione una massa di contenuto digitale, immediatamente ricercabile, raggiungibile, consultabile, fruibile in varie forme e modi e utilizzabile ai fini della ricerca e della didattica.
    Questa massa di contenuto, che rappresenta il 70% del materiale presente fisicamente nelle biblioteche del mondo, ora è praticamente materia oscura.
    Utilissima per la ricerca scientifica, è una parte consistente di testi fuori dal mercato editoriale, spesso mandati al macero dagli stessi editori, ai quali evidentemente non è interessata fino ad oggi, probabilmente perché non costituiva fonte di lauto guadagno.
  • Transcript

    • 1. TUTELA DEI BENI CULTURALI E DIRITTO D'AUTORE Un dialogo sperimentale tra saperi Trento, 9 aprile 2013 Facoltà di Lettere e Filosofia (aula 110) La gestione dei diritti nella digitalizzazione di massa: casi a confronto Antonella De Robbio Centro di Ateneo per le Biblioteche Università degli Studi di Padova
    • 2. Testi posseduti dalle biblioteche [40 milioni] 20% Fuori diritti [8 milioni] (pubblico dominio) 100% Modello estrapolato dall’analisi del campione Progetto Google Libri 80% Coperti da diritti [32 milioni] (d’autore o/e editoriali) 70 anni dopo la morte autore UE USA pubbl. prima 1923 con diritti editoriali ma FUORI STAMPA (macero) [2 mil.] In print [7/9 milioni] Opt-IN In print [7/9 milioni] Circuito commerciale Circuito commerciale limbo Opt-OUT Fuori commercio [23/25 mil.] Fuori commercio [23/25 mil.] Con diritti d’autore Con diritti d’autore Diritti editoriali (20 anni) Accordi con editori (variabile nel tempo) 22-28% 72-78% Diritti d’autore (autori viventi o eredi) Non reperibili nel mercato Libri Orfani [2.5/5 mil.] Sottospecie dei fuori commercio, ma è incerta la situazione relativa ai diritti d’autore o eredi. Non trascorsi 70 p.m. Non reperibili gli aventi diritto
    • 3. "Classe 2013": Robert Musil, Bruno Schulz, Edith Stein liberi dal copyright
    • 4. http://www.librarycopyright.net/digitalslider/
    • 5. Mappa mondiale del Pubblico Dominio pubblicata a dicembre 2010 sul sito dell’european Public Domain webpage creata da Balfour Smith ( Duke University) La mappa riporta graficamente i differenti termini temporali nella durata del copyright previsti dalle diverse legislazioni che agiscono in ciascun paese come elencati da Wikipedia.
    • 6. La digitalizzazione e la messa a disposizione possono divenire impresa impossibile, a causa di alcuni aspetti non ben definiti sui diritti esclusivi di riproduzione e di messa a disposizione del pubblico delle opere, e delle norme che prevedono che queste operazioni siano possibili soltanto previo consenso del titolare dei diritti!!! La ricerca dei titolari dei diritti, volta ad individuare e rintracciare i titolari tramite consultazione delle fonti appropriate, dovrà pertanto essere condotta su fonti individuate dagli stati membri, di concerto con i titolari dei diritti e gli utenti, e i risultati dovranno essere registrati in una base di dati accessibile al pubblico. Se un'opera è stata indebitamente considerata orfana a seguito di una ricerca che non sia stata ragionevolmente diligente ed effettuata in buona fede, occorre che gli stati membri prevedano la responsabilità dell'utilizzatore per violazione del diritto d'autore. E l’ambiguità sta proprio nell’individuazione dei titolari dei diritti, procedura lunga e complessa e spesso con esiti incerti e, nella responsabilità di chi si carica dell’onere costoso di digitalizzare opere che magari sono ancora soggette a diritto d’autore. Per tutte queste ragioni sono stati numerosi, anche tra coloro che hanno votato a favore della proposta, quanti hanno criticato la direttiva. Oltre ai costi che una ricerca diligente comporta, sarebbe comunque troppo rischioso per le biblioteche e gli archivi accollarsi la responsabilità di eventuali richieste di risarcimento danni, al riapparire del titolare dei diritti.
    • 7. Le linee di provenance del digitale: business versus OA Progetti e iniziative di digitalizzazione volontari: da Gutenberg a OpenLibrary • • Progetti e iniziative di digitalizzazione nazionali, governativi, poi europei … internazionali Progetti e iniziativi di digitalizzazione: istituzionali, disciplinari Iniziative di aggregazione di materiale di pubblico dominio (HathiTrust) • • Spinte e servizi commerciali: Amazon, connessione a OPAC Progetti di digitalizzazione di massa: GoogleBooks, OCA,… • • Piattaforme editoriali web (modalità streaming) • Nascita dei dispositivi devices: dalle piattaforme web ai dispositivi mobili diversi (telefonini, reader, tablet…) Piattaforme pseudo pirata, con contenuto non controllato Iniziative editoriali ai limiti della legalità Motori di ricerca per e-books (commerciali o liberi) con indicazioni tecniche su modalità di fruizione
    • 8. Michael Hart del Progetto Gutenberg aveva annunciato di fornire in OA un miliardo di libri: 10 milioni di opere nel Pubblico Dominio tradotte in 100 lingue ciascuno. Ora sono 33mila gli e-book scaricabili per vari devices, 100mila nell’insieme dei progetti aggregati
    • 9. 1990: partnership tra Cornell University e Xerox Corporation Servizio vendita PoD Negli Stati Uniti i progetti di digitalizzazione sono spesso realizzati grazie a finanziamenti privati
    • 10. Creata il 13 ottobre 1994 con un finanziamento misto: il Congresso degli Stati Uniti nei primi 5 anni ha partecipato con $ 15milioni, il partenariato pubblico-privato di enti imprenditori e filantropi ha contribuito con oltre $ 45 dal 1994 al 2000. Totale $ 60milioni negli anni 1994-2000 Lanciata nel 1997 dopo 5 anni di lavoro dietro le quinte. Nel 2000 viene messa in linea una nuova versione Nel 2005 polemica contro il Progetto Google Nel 2007 alleanza con la Biblioteca Nazionale di Budapest e di Lisbona, dando vita al progetto Europeana che è diventato operativo a partire dalla primavera 2007 che si ripromette di espandersi al ritmo di 100.000 testi l'anno. BDI: origine 2001: funzione diversa rispetto alle altre iniziative nazionali (promuovere e coordinare le iniziative di digitalizzazione) Michael: descritte 3809 collezioni digitali da 1801 istituzioni.
    • 11. L'Open Content Alliance (OCA) è un consorzio di organizzazioni che ha come obiettivo la realizzazione permanente di un archivio pubblico di testi digitalizzati. La sua creazione è stata annunciata da Yahoo!, da Internet Archive, dall'University of California, dall'University of Toronto e da altre istituzioni.
    • 12. 4.403.738 texts Tre libri di Catellani con licenza CC dal progetto GoogleLibri Connessa alla OpenLibrary 1.6milioni provenienti da OCA
    • 13. Costruzione database con importazione dati: •dai cataloghi bibliotecari (LC e numerosi altri ma in USA principalmente) •dai cataloghi editoriali (ONIX) Grande lavoro di organizzazione dei volontari per individuare per compattare record (un sorta di catalogo unico, e per recuperare eventuali Opere e-book (su formati vari) Oltre 1milione di testi liberi su 23milioni di record La wikipedia dei libri di pubblico dominio Creata nel 2006 da Aaron Swartz e ridisegnata nel 2010 da George Oates Sw: Infobase, basato su PostgreSQL, Infogami, Wiki engine scritto in Python. Il codice sorgente sotto licenza Affero General Public License
    • 14. partecipazione finanziaria di Google nel 2005 (3 milioni di dollari) World Digital Library [2011] biblioteca digitale internazionale gestita dall'UNESCO e dalla Biblioteca del Congresso. Scopo: promuovere la comprensione internazionale ed interculturale, aumentare la quantità e la varietà di contenuti culturali su Internet, fornire risorse a docenti, studenti e gente comune e costruire capacità nelle istituzioni partner del progetto per restringere il divario digitale all'interno e tra le nazioni. Vasta collezione di manoscritti, libri rari, immagini, filmati e registrazioni sonore, culture orientali, ricercabili per area geografica, nazione e periodo storico in 7 lingue: arabo, cinese, francese, inglese, portoghese, russo e spagnolo. Un finanziamento della WDL, ha consentito alla Biblioteca Nazionale dell’Uganda di lanciare il Centro di conversione digitale per la digitalizzazione di documenti storici e culturali ugandesi.
    • 15. Due registi e un membro del parlamento olandese hanno lanciato il Great Book Robbery Project, con il compito di digitalizzare e mettere OA 60.000 libri di proprietà palestinese e sequestrati dall'esercito israeliano durante la guerra del 1948 arabo-israeliano. Nel progetto è previsto di rintracciare gli eredi delle opere che detengono la titolarità del copyright e di produrre un documentario sul tema. NewspaperCat è uno strumento(creato con il sw SobekCM/ Greenstone) che consente la ricerca entro un migliaio di giornali storici digitalizzati pubblicati Google sta digitalizzando il materiale negli Stati Uniti d’America e nei Caraibi. (University of del museo dell’Olocausto dello Yad Florida Digital Collections (UFDC) e Digital Library of Vashem (per ora 130mila foto) the Caribbean (dLOC) digital repositories)
    • 16. Dominio pubblico 15-20% Progetti Volontari, Nazionali Europei… Zona mobile varia da Paese a Paese Leggi sul Copyright Open Knowledge Foundation Project calculator Diritti editoriali: Area business 15-20% Twilight zone 70% Piattaforme Contenuti ora chiusi entro le Commerciali biblioteche fisiche – fuori Streaming commercio Libri orfani>: mobile Battaglia sulla “proprietà” Google è focalizzato qui ma non solo Migrazione dei Contenuti entro dispositivi Mobili (modelli diversi) Formati diversi
    • 17. Struttura del progetto GBS Google Book Search • Nascita il 14 dicembre 2004 • Scopo: scansione ai fini indicizzazione e ricerca • Dilemma negli USA (Lessig/Samuelson): è Fair Use ? Class Action • Divisione nei due attuali programmi paralleli: – il Partner Program o Programma Editori che si occupa delle opere fornite direttamente dagli editori, i quali scelgono a priori se aderire o meno al progetto [opt-in] – il Library Project o Programma Biblioteche che ha curato la digitalizzazione di libri provenienti dalle più prestigiose biblioteche pubbliche e universitarie [opt-out] Costi di digitalizzazione stabiliti tra i 50 e i 100 dollari per ciascun libro
    • 18. Il sostegno – tardivo – a GBS • EFF (Electronic Free Foundation) e le associazioni dei bibliotecari americane in difesa del progetto GoogleLibri e di HathiTrust, inviano una serie di documenti a supporto del progetto, in particolare: – Il documento Brief Of Amici Curiae American Library Association, Association of College and Research Libraries, Association of Research Libraries, and Electronic Frontier Foundation in support of Defendant’s Motion for Summary Judgment (Case 1:05-Cv-08136-Dc Document 1032) redatto da Johathan Band, consulente governativo sulle questioni relative al Digital Millennium Copyright Act a supporto di Google – il Memorandum in support of the Libraries’ Motion for Summary Judgment on Fair Use and Lack of Infringement Under Section 106 Of The Copyright Act a supporto di HathiTrust. • Per anni Google ha collaborato con le biblioteche per digitalizzare i libri da mettere a disposizione del pubblico ed è grazie a questa azione congiunta che Google Book Search (GBS) comprende ora oltre 12 milioni di opere che gli utenti possono cercare per parole chiave. I risultati includono titoli, numeri di pagina e piccoli frammenti di testo (snippet). GBS è diventato uno strumento di straordinario valore per i bibliotecari, studiosi e ricercatori amatoriali di ogni genere. Ma gli editori, che in tutti questi decenni hanno buttato al macero migliaia di titoli a stampa, stanno ora impedendo questa impresa di digitalizzazione. Sebbene tardivamente i bibliotecari hanno finalmente compreso la portata culturale ed economica del progetto.
    • 19. http://www.law.berkeley.edu/files/Academic_authors_letter_to_
    • 20. 3 consortial partners e 52 singoli partner istituzionali Collettore di digitalizzazioni di diversa origine: Google, Internet Archive, partner istituzionali 20 membri dello staff Trust sono dedicati allo stato dei diritti sui libri digitalizzati. Se di pubblico dominio, e privi di Copyright il Trust li rende OA senza restrizioni. Archivio gestito dall’Università Del Michigan 5milioni e mezzo di titoli (30% PD)
    • 21. • 10-10-12: Harold Baer, giudice distrettuale NY, si è pronunciato nella controversia Authors Guild vs HathiTrust Case 1:11-cv-06351-HB Document 137 • scansione e trasformazione in contenuti digitali: secondo i ricorrenti l’azione si configurava come violazione di copyright • motivazioni espresse in un documento di 23 pagine Case 1:11-cv-06351-HB Document 156 • Il giudice si è schierato nettamente a favore delle biblioteche accademiche aderenti all’archivio
    • 22. 3milioni di e-books free: scaricabili in PDF e ePub su 85 diversi devices Dominio pubblico
    • 23. La quantità di testo visualizzabile (i 4 diversi gradi di accesso) è a discrezione del titolare dei diritti o dell’editore che l'ha fornita a Google
    • 24. Opere zona grigia diritti d’autore Rimangono oscurate Oblio totale Snippet Solo metadato
    • 25. Europeana • • • • • • • • Biblioteca digitale europea nata nel 2008 che riunisce contributi già digitalizzati da diverse istituzioni dei 27 paesi membri dell'Unione Europea in 23 lingue. 20 milioni di documenti con licenza aperta di tipo Creative Commons (CC0) provenienti da oltre 2.200 istituzioni (pubbliche e private) che contribuiscono alla conservazione dei beni culturali di tutta Europa. Include libri, film, dipinti, giornali, archivi sonori, mappe,manoscritti ed archivi, tutte opere già di pubblico dominio. Provenienza: metà dalla Francia (Gallica), 10% UK, Università di Gent contribuisce a Europeana con libri digitalizzati da Google: oltre 100mila opere di pubblico dominio digitalizzate nel 2007 in accordo con GBS. Dopo mille polemiche nel 2009 accordo tra Google e la Biblioteca nazionale di Francia (per velocizzare la digitalizzazione, e a costo 0) Nel 2010: entra la Germania con 30.000 biblioteche La digitalizzazione è a carico delle istituzioni che si prendono in carico anche la responsabilità della gestione dei diritti e i metadati devono rispondere a un profilo specifico: va sottoscritto un accordo tra l’istituzione e Europeana
    • 26. Confronto con Europeana • • il GBS è percepito, a torto, come progetto concorrente e in competizione con Europeana, da un confronto su alcuni punti cruciali, emerge chiaramente come essi siano completamente diversi, nei fini, negli obiettivi, nella gestione dei diritti, nella dimensione economica, ma soprattutto nella risposta che ciascuno dei due può offrire alla comunità scientifica. Europeana GBS Servizio Materiale Digitalizzazione Costi Metadati Portale Offerte servizi Differenziato Tutelato da diritti Tutto a carico dell’ente Lavoro a carico di Google Gestione diritti Costi e rischi enormi a carico delle strutture (richiesta liberatoria) Conseguenza SOLO PUBBLICO DOMINIO Si evitano gli enormi costi di transazione derivati dal rintracciare i titolari di copyright di milioni di opere la cui attribuzione è spesso oscura Punti confronto Dominio Pub Metadati presi da WorldCat RECUPERO DELLA TWILIGHT ZONE Potenzialità degli Non-display uses
    • 27. “the twilight zone” ! 18.000.000 ©2009 Lawrence Lessig: The Google Book Search Settlement: Static Good, Dynamic Bad? ©2009 Lawrence Lessig: The Google Book Search Settlement: Static Good, Dynamic Bad?

    ×