• Like
Denunce, multe e sequestri della Polizia Ambientale - Novembre - Dicembre 2013
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

Denunce, multe e sequestri della Polizia Ambientale - Novembre - Dicembre 2013

  • 1,027 views
Published

L'attiva svolta dagli agenti della Polizia Ambientale di Napoli. Il dettaglio delle attività è relativo all'individuazione di discariche abusive, allacci fognari non autorizzati, multe a cittadini per …

L'attiva svolta dagli agenti della Polizia Ambientale di Napoli. Il dettaglio delle attività è relativo all'individuazione di discariche abusive, allacci fognari non autorizzati, multe a cittadini per deposito fuori orario, sanzioni per deposito fuori dai cassonetti, mancato utilizzo delle palette per la deiezione di animali domestici.

Published in News & Politics
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
1,027
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. In generale le competenze del Reparto riguardano la tutela dell’ambiente e del territorio, inteso come gestione delle risorse naturali. Nello specifico le attività operative sono volte alla salvaguardia del territorio e dei beni ambientali, alla tutela della sicurezza ed alla salute del cittadino, fino al rispetto di tutta la normativa locale. Le attività operative riguardano principalmente Controlli sullo Smaltimento dei rifiuti Controlli sugli Scarichi e sulle Immissioni Controlli sul Decoro Urbano Il Reparto ha operato in questi mesi su diversi fronti contrastando il fenomeno con molteplici attività di indagine e di controllo. Il controllo alla “fonte” consente di sanzionare quelle attività produttive che sono obbligate dalla legge ad avere contratti di smaltimento dei rifiuti speciali e non vi ottemperano, e che potenzialmente si vedrebbero costrette a miscelare i rifiuti speciali con i rifiuti solidi urbani o addirittura ad abbandonarli. Aziende ed Attività Commerciali Il 14.11 durante le ordinarie attivittà di controllo del territorio in Viale Traiano, una pattuglia nota due persone che, munite di una lunga scala, sono intente a 1
  • 2. recuperare i frutti dei numerosi Pini Domestici siti lungo la strada. I due, fermati ed identificati, avevano già raccolto quattro grossi sacchi di strobili ed un quinto sacco era in fase di riempimento ( per un peso complessivo di un quintale ): inoltre per recuperare i frutti avevano tagliato, aiutandosi con una motosega, alcuni rami in maniera rudimentale ed arbitraria. I responsabili sono stati denunciati ( sia per il furto delle pigne che per il danneggiamento delle piante), i frutti e le attrezzature adoperate per commettere i reati sono state sequestrate . Il 20.11, in Via Montagna Spaccata, in seguito ad una segnalazione telefonica gli agenti denunciano un uomo che, senza essere in possesso neanche della patente di guida, effettuava il trasporto di rifiuti ingombranti ( costituiti da frigoriferi, computer e arredamenti ) senza essere in grado di riferire come poi intendesse smaltire tali rifiuti ( magari abbandonandoli in strada ). Sia l’autocarro che i rifiuti sono stati sottoposti a sequestro, anche per scongiurare ulteriori tentativi di smaltirli illegalmente. Il 29.11, durante le attività di pattugliamento nel Centro storico di Napoli, una pattuglia ferma, in Via del Chiostro, un furgoncino carico di materiale derivante da lavori di demolizione edile, sprovvisto dell’autorizzazione a trasportare i rifiuti e soprattutto privo del formulario che accerta che quei rifiuti sarebbero stati smaltiti lecitamente. Il conducente ed il committente sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Napoli ed il veicolo sottoposto a sequestro. NATALE SOSTENIBILE Un recente sondaggio IPSOS-COMIECO: 8 italiani su 10 fanno regolarmente la raccolta differenziata di carta e cartone. In occasione del Natale Comieco stila una lista di indicazioni utili per il cenone delle feste: antipasto, a base di affettati o formaggi: la carta oleata va gettata nell’indifferenziata( errore che fa 1 italiano su 2 ) il primo, la pasta al forno: le carte per il forno vanno gettate nell’indifferenziato (come tutti i tovaglioli sporchi di cibo ) il secondo, cotechino ed il dolce, pandoro o panettone: separare la carta dagli altri materiali ( errore che fa il 40% degli italiani. Infine gli scontrini: vanno gettati nell’indifferenziato ( il 75% degli italiani li getta nella carta ). www.comieco.org Fonte: www.corriere.it 2
  • 3. Una mappatura costante dei siti con maggiore criticità e la programmazione di controlli serrati, effettuati in collaborazione con le altre Unità Operative Territoriali della Polizia locale di Napoli, hanno consentito a questo reparto di sanzionare 53 violazioni alle modalità di conferimento dei rifiuti, perpetrate principalmente da “pendolari” ed imprese. Contrasto all’Abbandono Durante le operazioni di routine atte a reprimere il fenomeno dell’abbandono di rifiuti, il 04.11 gli agenti fermano un autocarro, i cui occupanti erano intenti ad abbandonare rifiuti in Via Brecce a S. Erasmo, nella zona periferica ad est di Napoli. All’interno dell’autocarro vengono rinvenuti altri 11 sacchi colmi di rifiuti provenienti da scarti di lavorazione di un’azienda tessile. Le due persone fermate ammettevano di essere dipendenti di una ditta tessile, alla quale è risultato essere intestato anche l’autocarro: i due sono stati denunciati ed il mezzo sequestrato. Conseguenze di natura penale anche per il rappresentante legale dell’azienda dove le due persone fermate erano impiegate. Il 07.11 gli agenti rinvenivano in Via De Gasperi un sacco abbandonato sulla strada, dal quale fuoriusciva copioso liquido rosso, presumibilmente di natura ematica. Da un foro nel sacco era possibile riconoscere i corpi di alcuni animali: pertanto veniva allertato il Servizio Veterinario dell’Asl Napoli 1. I sanitari intervenuti sul posto recuperavano dal sacco il corpo di un cane maschio di colore nero, i corpi di tre anatre e di otto polli, tutti deceduti in maniera violenta. Disposto l’esame autoptico sui poveri resti ( onde accertare la causa della morte e per scongiurare la presenza di qualche malattia infettiva) sono tuttora in corso le indagini per risalire ai colpevoli dell’orribile gesto. Il 15.11, su segnalazione della Direzione Asia, gli agenti rinvengono in Via Brin rifiuti abbandonati sul suolo pubblico, consistenti in toner esausti per stampanti, depositati all’interno di imballaggi risalenti ad una nota azienda di produzione di stampanti e prodotti per la stampa: inoltre venivano riportati il destinatario e la ditta incaricata del trasporto e della consegna. Le indagini hanno rivelato che i toner provenivano da una sede Equitalia di Salerno, che ha in corso un contratto di smaltimento con un’azienda con sede legale nella zona est di Napoli. Sono in corso ulteriori accertamenti per risalire all’autore materiale dell’illecito. 3
  • 4. Il 25.11, durante le normali attività di controllo del territorio, gli agenti notano in Piazza Carolina un cumulo di rifiuti, contenuti in grossi sacchi neri abbandonati sulla pubblica via. Immediatamente, grazie all’intervento di personale Asia, vengono aperti i sacchi, onde ricercare indizi che potessero far risalire all’autore dell’illecito: vengono identificate e sanzionate due notissime attività commerciali allocate nelle immediate vicinanze. Come spesso accade, dal ritrovamento di materiali di risulta smaltiti illecitamente si risale al locale, all’appartamento doce vengono svolti lavori edili di ristrutturazione. Così il 05.11 una pattuglia, avendo rinvenuto rifiuti abbandonati, ha scoperto la realizzazione di lavori di ristrutturazione non autorizzati in Via Manzoni 50, per i quali è stata denunciata la proprietaria ( il cantiere è stato sequestrato ed i lavori sono stati sospesi ). Allo stesso modo, il 27.11 in Piazza Vittoria una pattuglia ferma una persona intenta a depositare nei cassonetti r.s.u. tre grossi sacchi in orario non consentito. Ispezionando il contenuto dei sacchi gli agenti rinvengono scarti di lavorazione edile: i rifiuti provengono da un locale dove sono in atto lavori di ristrutturazione non autorizzati. Il responsabile è stato deferito all’Autorità Giudiziaria, i lavori immediatamente interrotti ed i rifiuti sequestrati, sia quelli che stavano per essere gettati nel cassonetto sia quelli che gli agenti hanno rinvenuto nel locale in risttrutturazione imbustati, presumibilmente già pronti per essere smaltiti illecitamente. GOOD NEWS Sportello Turismo Accessibile è un progetto per facilitare l’accessibilità delle strutture sociali, culturali e turistiche della Città di Napoli attraverso la pubblicazione di una guida multilungue, l’aggiornamento del portale turismoaccessibile.it, la gestione di un sportello nel centro storico di Napoli, in Vico San Nicola a Nilo ( ven dalle 10 alle 13. www.comune.napoli.it 4
  • 5. Una collaborazione ordinaria e proficua con chi opera quotidianamente sul territorio hanno consentito la bonifica di diverse aree della città. Il coordinamento serve al Reparto prima della bonifica per cercare tracce dei responsabili e successivamente per prevenire ulteriori sversamenti. Assistenza alle Bonifiche UNITA’ OPERATIVE TERRITORIALI Nell’ottica della collaborazione sinergica tra tutti i reparti della Polizia Locale sono stati intensificati i controlli su tutto il territorio cittadino, che ha visto gli agenti tutti impegati nella repressione delle modalità illecite di conferimento dei rifiuti. In collaborazione con la , il Reparto ha effettuato un sopralluogo in Via Nuova S. Rocco 165, dove alcuni esposti segnalavano la presenza di un’officina meccanica che operava in maniera illecita. All’atto del controllo l’attività ( che si sviluppava in appena 30 mq, composta da un locale, privo del sistema di aspirazione dei fumi e dei gas prodotti dai veicoli in riparazione ) risultava priva di qualsiasi tipo di autorizzazione amministrativa e sanitaria, e priva di contratti di smaltimento dei rifiuti speciali. Per garantire il corretto smaltimento dei rifiuti rinvenuti nell’officina e per interrompere l’attività esercitata abusivamente, gli agenti sottoponevano a sequestro i rifiuti e le attrezzature. Proseguono le attività di monitoraggio, controllo e sanzioni nel quartiere “Vergini”, coadiuvati da personale della . Le operazioni, svolte principalmente a ridosso dell’area mercatale di Via Vergini, riguardano anche gli smaltimenti illeciti in Piazza Cavour: sanzioni per privati cittadini e per un’attività commerciale che smaltivano i rifiuti in orari e con modalità non consentite dalle ordinanze sindacali del Comune di Napoli. 5
  • 6. Attività congiunte con la che hanno portato all’intensificazione dei controlli nei Quartieri Spagnoli, distribuiti sulle 24h, prevedendo anche controlli in orari notturni, in vista dell’attuazione del nuovo Piano di rifiuti che interesserà la zona. Inoltre il Reparto ha operato in collaborazione con la Al Corso Malta gli agenti dell'Unità Operativa Tutela Ambientale e dell'Unità Operativa Poggioreale, organizzano una serie di appostamenti per verificare alcune segnalazioni che denunciano lo smaltimento illecito di rifiuti da parte di attività produttive della zona. Durante la sorveglianza gli agenti bloccano due persone intente a depositare, nel primo pomeriggio, diversi sacchi neri nei cassonetti dei rifiuti urbani. Dal controllo emergono rifiuti derivanti dalla lavorazione di pellami: i due dichiarano di essere dipendenti di un'azienda, quindi i controlli si spostano nella fabbrica. Vengono sequestrati 10mc di rifiuti e denunciato il titolare dell'attività produttiva per i reati ambientali. ASL – NAPOLI 1 In collaborazione con la ASL Napoli 1 Centro – Area Sanità Pubblica Veterinaria – Presidio Ospedaliero Veterinario, l’Assessorato all’Ambiente del Comune di Napoli ha dato il via ad un importante progetto per combattere la fecalizzazione del territorio, promuovendo un controllo serrato sulle deiezioni canine abbandonate al suolo. Il progetto appare per la prima volta nel 2005 negli USA e in Israele, ottenendo risultati insperati e prevede la possibilità di risalire, attraverso la catalogazione ed il confronto del Dna effettuata ai possessori di animali con microchip, all’animale e quindi al proprietario. Le analisi saranno eseguite dall’Istituto Profilattico Sperimentale del Mezzogiorno di Portici, con il quale il Comune di Napoli ha stipulato una convenzione. L’iniziativa sarà lanciata nel quartiere Vomero Arenella, quello con più alta concentrazione di escrementi al suolo: tutti i proprietari di cani a qualsiasi titolo residenti nel territorio del Comune di Napoli saranno obbligati a  Sottoporre il proprio cane alla registrazione in banca dati regionale Anagrafe canina Campania  Sottoporre il proprio cane a prelievo ematico per l’esame del Dna 6
  • 7.  Sottoporre il proprio cane annualmente a prelievi ematici per la Leishmaniosi  Rimuovere immediatamente eventuali escrementi lasciati dal proprio animale  Condurre il proprio cane con guinzaglio (max 1.5 m.) e museruola da applicare all’occorrenza. Preziosa la collaborazione degli agenti della Polizia Locale, formati presso l’Asl Napoli 1, che in collaborazione con ASIA e con l’ASL Veterinaria promuoveranno una serie di interventi sul territorio. Il 13.11, su segnalazione di un cittadino, il quale dettagliatamente riferiva che alcuni dipendenti della Municipalità Bagnoli/Fuorigrotta ( nello specifico tre giardinieri ) stavano effettuando lavori di potatura sugli alberi siti in Via Leopardi, avvalendosi di attrezzature e veicoli di proprietà dell’Amministrazione Comunale. Gli agenti, giunti con celerità sul posto, accertavano la presenza degli operai intenti ad effettuare proprio le operazioni segnalate. Le conseguenti indagini hanno consentito di accertare che i tre dipendenti risultavano essere in licenza: inoltre gli interventi di potatura non erano stati né programmati né tantomeno autorizzati. Gli operai avevano arbitrariamente prelevato le attrezzature ed il furgone dal deposito comunale, facendone un uso improprio ed indebito. Sono tuttora in corso le indagini per chiarire i motivi che hanno spinto i tre dipendenti comunali ad appropriarsi, liberi dal servizio, dei mezzi dell’amministrazione e ad eseguire compiti d’istituto non autorizzati e potenzialmente dannosi anche per gli alberi . Il 14.11 viene denunciato, da parte del Responsabile Asia del Distretto Scampia, il furto di due cassonetti per la raccolta di rifiuti solidi urbani ed in uso presso una struttura sanitaria sita in Mugnano di Napoli. Una pattuglia, in collaborazione con la Polizia Locale di Mugnano, interviene per constatare quanto esposto dal denunciante. Sul posto gli agenti riscontravano la presenza di due 7
  • 8. cassonetti in ferro ( capacità 1.100 l. ) sui quali erano apposte le targhette identificative riportanti la serie numerica identificativa e la proprietà ( nello specifico Asia Napoli ), alloggiati nell’area privata interna della clinica . Identificati i responsabili della struttura, gli agenti predisponevano il recupero dei cassonetti da parte di Asia. Le accuse per la struttura sanitaria sono di furto e ricettazione e l’indagine è stata presa in carico dai colleghi di Mugnano di Napoli. In seguito alla denuncia presentata da un cittadino presso gli uffici del Reparto, una pattuglia effettua un sopralluogo in un’attività di rimessaggio per natanti in Via A. Righi: la struttura occupa un’area di circa 3000mq., con due capannoni di circa 800mq. L’azienda svolgeva la propria attività senza alcuna autorizzazione e senza alcun contratto di smaltimento dei rifiuti prodotti: inoltre all’interno dell’area sono state rinvenute trenta lastre in amianto depositate sul suolo senza alcuna precauzione. Le attrezzature, i rifiuti provenienti dalla verniciatura delle barche e le lastre contenenti amianto sono state sottoposte a sequestro ed il titolare dell’attività è stato denunciato. Il 26.11, in seguito ad un esposto telefonico, vengono rinvenuti in Piazza Leone, all’interno dei cassonetti r.s.u. pezzi voluminosi di amianto, abbandonati poco prima da alcuni operai impegnati in lavori di ristrutturazione in un condominio sito nelle immediate vicinanze. Gli agenti, individuato immediatamente il cantiere dal quale proveniva l’amianto, hanno denunciato la ditta responsabile della rimozione e dello smaltimento illecito dei rifiuti pericolosi e chi aveva commissionato l’opera di rimozione . 8
  • 9. Oltre le sanzioni delle violazioni all’O.S. 1563/2013, il Reparto è impegnato nella prevenzione generale e nel controllo del territorio, che ha portato all’elevazione di n°51 verbali non contestati ( volti principalmente a sanzionare la sosta selvaggia sulle piste ciclabili e davanti ai cassonetti della raccolta dei rifiuti ) e n°13 verbali contestati relativi a sanzioni conseguenti ai controlli di polizia stradale e che nella fattispecie riguardano la mancanza di copertura assicurativa, patenti di guida mai conseguite, l’esercizio abusivo dell’attività di parcheggiatore abusivo, l’occupazione abusiva di suolo pubblico. Sanzioni elevate - Novembre 2013 Luogo Quartiere Mun. Trasgressore Violazione Ora Via C. De Marco Stella III P F/O 16.35 Via C. De Marco Stella III P F/O 15.40 Via C. De Marco Stella III P F/O 15.15 Via Brecce a S. Erasmo Poggioreale IV A/C F/O 16.30 Via Orazio Chiaia I A/C a 13.05 Via F. del Carretto Avvocata II P F/O 09.45 Via S. Giacomo Avvocata II A/C F/O 10.35 Via Vecchia Poggioreale Poggioreale IV A/C CNC 15.00 Via Vecchia Poggioreale Poggioreale IV A/C CNC 15.45 Piazza Nazionale Poggioreale IV A/C CNC 18.10 Via B. Cavallino Vomero V P CNC 13.00 Via R. Ruggiero Agnano X P CNC 15.45 Via Manzoni Chiaia I A/C A 13.00 Via Romano Pianura IX P F/O 12.40 Via traversa Ippolito Avvocata II P F/O 08.40 Viale Augusto Fuorigrotta X A/C CNC 17.30 Via Cassano Secondigliano VII P F/O 08.27 Via Cassano Secondigliano VII P F/O 11.15 9
  • 10. Via F. del Carretto Avvocata II P F/O 11.10 Viale Colli Aminei Stella III A/C A 10.10 Via Montagna Spaccata Pianura IX P A 07.30 Via Montagna Spaccata Pianura IX P A 07.55 Via Montagna Spaccata Pianura IX P A 08.10 Via C. De Marco Stella III P F/O 12.35 Via Montagna Spaccata Pianura IX P A 08.52 Via Montagna Spaccata Pianura IX P A 08.15 Via Vergini Stella III A/C CNC 10.20 Via Vergini Stella III A/C CNC 09.10 Via Cerlone Fuorigrotta X P D 10.55 Via Cerlone Fuorigrotta X P F/O 11.10 Via Caravaggio Chiaia I P F/O 16.50 Via Caravaggio Chiaia I A/C F/O 17.30 Via nuova detta Casoria Secondigliano VII P F/O 11.10 Via Verrotti Vomero V A/C F/O 17.00 Via S. Maria del Pianto Poggioreale IV A/C CNC 18.50 Via Vergini Stella III P F/O 09.30 Via Vergini Stella III P F/O 09.40 Piazza Cavour Stella III P F/O 10.30 Galleria Umberto Chiaia I A/C A 10.15 Via Cassano Secondigliano VII P F/O 15.20 Piazza Trieste e Trento Chiaia I A/C A 11.00 Piazza Trieste e Trento Chiaia I A/C A 18.00 Piazza Carolina Chiaia I P F/O 17.20 Via Mascagni Chiaia I P D 09.30 Via Raffaele Stasi Vomero V P D Via De Nardis Vomero V P F/O 15.50 Via P. Tosti Vomero V P D 08.10 Via Ferrara S. Lorenzo IV A/C CNC 11.45 Via Coroglio Agnano X P F/O 12.35 10
  • 11. Via Depretis Avvocata II P CNC 13.00 Via Nuova del Campo Poggioreale IV A/C CNC 11.40 Via M. Campodisola Avvocata II A/C F/O 10.20 Via Calabritto Chiaia I A/C F/O 15.40 Piazza Vittoria Chiaia I A/C A 15.20 Legenda: ( A/C ) attività commerciali - ( P ) privato – ( F/O ) fuori orario – ( CNC ) conferimento non conforme – ( D / C ) deiezioni canine e museruola Ripartizione territoriale degli illeciti sanzionati Chiaia Avvocata Stella S. Lorenzo/Poggioreale Vomero/Arenella S.Giovanni S. Pietro/Secondigliano Scampia/Chiaiano Soccavo Tipologia Trasgressori attività commerciali/ enti Residenza del trasgressore Napoli Fuori comune privati I dati, da un’analisi accurata e relativa solamente al periodo preso in esame, rivelano che la maggiorparte dei conferimenti non conformi di rifiuti ( perché fuori orario, oppure perché effettuati con modalità non consentite, oppure perché 11
  • 12. trattasi di abbandoni su suolo pubblico ) vengono posti in essere principalmente dal privato cittadino (60%) residente a Napoli (79%). Si evidenzia ancora una volta la latente e permeata difficoltà del privato cittadino di elaborare le più elementari regole per un corretto smaltimento dei rifiuti: i dettagli sulle violazioni sanzionate dal Reparto ci raccontano di sversamenti a tutte le ore del giorno ( soprattutto nelle prime ore del mattino, quando la raccolta dei rifiuti da parte di ASIA è appena avvenuta ), o ancora di rifiuti sfusi gettati all’interno dei cassonetti o di lanci del sacchetto direttamente dall’automobile in corsa. Il dato territoriale ci dice che nel periodo di riferimento i controlli e le relative sanzioni hanno interessato approssimativamente tutti i quartieri della città in egual misura, con l’evidenza dei soliti punti sensibili costituiti dalla cintura periferica. Da sottolineare la progressiva e costante diminuzione del numero di trasgressori provenienti da altri Comuni: resta comunque il dato empirico e ci dice che c’è un flusso turistico legato anche a “sacchetto selvaggio”, che questo mese proviene da Salerno, S. Giorgio a Cremano, Acerra, Villaricca, Marano di Napoli, Giugliano, Montoro Inferiore (Av), Bacoli, S. Antimo, Massa Lubrense. Costituisce la qualificazione sia estetica che funzionale della città, considerata come bene primario delle comunità locali, con una particolare attenzione ai beni di interesse storico – artistico – ambientale – monumentale. Il dato che emerge dalle attività operative porta a considerare che il sistema funziona laddove si costituisce una rete di relazioni ed interventi funzionali e strutturali tra i principali attori, specificatamente: Amministrazione Comunale, Scuole, Associazioni, Cittadini, Ordini Professionali. Perché la partecipazione è la forza motrice di ogni cambiamento, l’unico modo per consentire ad un’idea innovativa di incidere positivamente sulla qualità della vita. Il Reparto si è dotato di personale specializzato, costituito da risorse interne al Corpo della Polizia Locale, per destinarlo con continuità alla repressione di 12
  • 13. comportamenti illeciti. Tale personale, già operativo questo mese, si è concentrato nei Parchi pubblici e nei siti indicati dalle numerose segnalazioni giunte. Principalmente il personale impiegato opera su i seguenti temi  Rifiuti : littering e deiezioni canine ( si rimanda a pag.6 )  Vandalismo e incuria zone verdi  Affissioni abusive GOOD NEWS CARTA E PRINCIPIO DI PROSSIMITA’: il riciclo in prossimità della sua raccolta. In occasione del seminario “Raccolta e Riciclo della Carta Made in Europe” tenuto ad Ecomondo, è stato fatto il unto sulle prospettive del settore. Tenuto conto dell’occupazione, dell’indotto, del valore della materia prima e dei mancati costi dello smaltimento il sistema ha prodotto in Europa 404.6 mln di euro. Emblematiche per il successo ottenuto le esperienze francesi e spagnole che hanno adottato il sistema di riciclare e recuperare dove si raccoglie, creando delle microstrutture distribuite sul territorio. www.comieco.org In linea generale, si segnala la crescita esponenziale delle segnalazioni riguardanti la commissione di illeciti ambientali o particolari situazioni di degrado di alcune zone cittadine. Il servizio di ordinaria comunicazione telefonica, a mezzo fax o a mezzo email è stato strutturato in modo da avere una precisa tracciabilità della problematica esposta dall’utente ( pubblico o privato ) accostando, al normale protocollo informatico, schede di ricezione che aiutino la completezza delle informazioni assunte e che servano da incipit all’intera procedura, consentendo un rapporto standardizzato con l’utente Proprio grazie alle numerose segnalazioni che il Reparto riceve spesso si riesce ad intervenire tempestivamente: intervenendo a difesa innanzitutto della salute pubblica ( si elimina sempre il pericolo ) e recuperando elementi di prova utili ad individuare i responsabili degli illeciti. 13
  • 14. Essere presenti ed attivi in un social network è stata una scelta ( non esiste infatti una norma che obblighi o spinga in tal senso un dipartimento della pubblica amministrazione ), dettata dall’esigenza di modificare la relazione con i cittadini, improntandola all’ascolto ed all’interazione. Come suggerito dal Ministero per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione nelle LINEE GUIDA PER I SITI WEB DELLA P.A. ( Dicembre 2011 ), è auspicabile un uso proficuo dei social media per fini istituzionali, specialmente nel campo della comunicazione. Infatti nel rapporto tra P.A. e cittadini il sito istituzionale non rappresenta più il punto principale di accesso alle informazioni: nel Web 2.0 il cittadino è alla ricerca di un dialogo diretto ed interattivo con il suo interlocutore, dando vita ad un meccanismo di comunicazione a due vie. In quest’ottica i social network costituiscono un’eccezionale prospettiva per raggiungere i seguenti obiettivi: EFFICACIA: si COSTI: più risultati a parità di spesa raggiungono più cittadini RAPP. DI costituisce al dialogo FIDUCIA: un’apertura MONITORAGGIO: attraverso le segnalazioni si controlla il territorio TRASPARENZA: da concetto astratto a strumento partecipazione di Nel caso specifico i dati della Pagina Facebook della Polizia Ambientale risultano confortanti, anche in considerazione del fatto che l’esperienza costituisce un’assoluta novità, con tutti i limiti di una sperimentazione: attraverso il social network i cittadini soprattutto segnalano le criticità dei loro territori, afferenti principalmente al decoro urbano. 14
  • 15. Qualche dato statistico. Tra i fan della Pagina Facebook il segmento più numeroso è costituito da uomini; analizzando l’età degli utenti il gruppo di sostenitori più nutrito è quello dei 35 – 44 per gli uomini e 25-34 per le donne. Il dato geografico ci dice che ci sono Fan nei Paesi Bassi, Irlanda, Regno Unito, Rep. Ceca, Ungheria, Albania, Spagna, Francia, Svizzera, Brasile, USA, Belgio, Germania, Malta, Repubblica Dominicana, Canada. In Italia per l’80% gli utenti sono cittadini napoletani, ma per il restante 20% i sostenitori sono nelle Province di Napoli, Roma e Milano. "Mi Piace" Totali Il nr. di persone a cui piace la pagina 2700 2650 2600 2550 2500 2450 2400 1/11 3/11 5/11 7/11 9/11 11/11 13/11 15/11 17/11 19/11 21/11 23/11 25/11 27/11 29/11 GOOD NEWS Il valore economico dell’attività svolta da questo Reparto con le sanzioni per le ordinanze sindacali ( escludendo quindi le violazioni al codice della strada ), nel solo periodo di Novembre, e secondo un metodo estremamente semplificato, è di circa 16.300 euro . Il presente Report è elaborato dal personale della Unità Operativa Tutela Ambientale ed è frutto della dedizione e della professionalità con cui gli agenti di questo Reparto quotidianamente affrontano le loro attività. 15