Denunce, multe e sequestri della Polizia Ambientale - Marzo 2013

320 views

Published on

L'attiva svolta dagli agenti della Polizia Ambientale di Napoli. Il dettaglio delle attività è relativo all'individuazione di discariche abusive, allacci fognari non autorizzati, multe a cittadini per deposito fuori orario, sanzioni per deposito fuori dai cassonetti, mancato utilizzo delle palette per la deiezione di animali domestici.

Published in: News & Politics
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
320
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Denunce, multe e sequestri della Polizia Ambientale - Marzo 2013

  1. 1. REPORT 3/2013 Premessa La presente relazione rappresenta le attività svolte dall’Unità Operativa Tutela Ambientale nel periodo di riferimento nell’ambito delle competenze ad essa attribuite dalla normativa vigente. Tali competenze riguardano in generale la tutela dell’ambiente e del territorio, inteso come gestione delle risorse naturali, comprese tutte le attività di vigilanza connesse a tali materie. In particolare la salvaguardia del territorio e dei beni ambientali, la tutela della sicurezza e della salute del cittadino, il rispetto della normativa locale. Gli interventi effettuati dal reparto in epigrafe si possono suddividere in: • Attività di Polizia Amministrativa svolte prevalentemente su segnalazione di diversi uffici del Comune di Napoli ( Assessorato all’Ambiente, URP, Municipalità ), • Attività di Polizia Giudiziaria svolte di iniziativa in forza delle proprie competenze e qualifiche • Attività delegate dalla Procura della Repubblica di Napoli. Le risultanze di tali attività si concretizzano nella rilevazione di illeciti amministrativi e/o illeciti penali, spesso associati a fattispecie tipizzate nel Codice Penale o ad altri illeciti ( ad esempio violazioni al Codice della Strada ). In tale contesto generalmente la fattispecie penale è di natura contravvenzionale e riferita alla normativa nazionale, mentre gli illeciti amministrativi fanno riferimento anche ad ordinanze e regolamenti comunali. Questo elaborato mensile è redatto anche come strumento di riferimento per la progressiva modulazione delle migliori strategie operative da applicare nell’azione di prevenzione e repressione dei fenomeni illegali. Partendo dalla raccolta delle informazioni derivanti dalle attività operative e dalle segnalazioni indirizzate a questo ufficio e mediante l’analisi delle stesse si potranno evidenziare le differenti problematiche esistenti, distinguendole per tipologia e territorialità. Mediante l’analisi delle informazioni raccolte e tenuto conto della caratterizzazione dei singoli fenomeni si potranno quindi predisporre mirate azioni di contrasto, a vantaggio della efficacia ed efficienza del servizio reso con le risorse disponibili. Periodici confronti fra i dati raccolti ed i risultati ottenuti nel tempo potranno evidenziare le variazioni delle tendenze dei fenomeni trattati ed insieme ai dati statistici certificare la qualità del servizio reso ed indicare i punti di forza o di debolezza dell’azione condotta.
  2. 2. Competenze I settori operativi più significativi nei quali si estrinseca l’attività dell’U.O.T.A. sono: • Disciplina e controllo dello smaltimento dei rifiuti . La normativa di riferimento è formata dal D. Lgs. 152/2006 s.m.i. , dal R.G.C. n° 12/2006 e più recentemente dall’O.S. 1121 del 30/10/2012 e l’attività si sostanzia principalmente in prevenzione e repressione di : • Smaltimento e abbandono dei rifiuti • Smaltimento e abbandono degli imballaggi • Smaltimento e abbandono degli ingombranti • Smaltimento degli oli vegetali, animali e minerali esausti • Smaltimento e abbandono di amianto e rifiuti pericolosi • Controllo smaltimento dei rifiuti da parte delle attività e monitoraggio della regolare tenuta dei registri • Attività di supporto all’ASIA • Attività su esposti e segnalazioni del cittadino • Disciplina e controllo degli scarichi reflui . La normativa di riferimento è sempre il D. Lgs. 152/2006 ed il servizio prevede: • Controllo degli scarichi civili • Controllo degli scarichi negli insediamenti per il mancato adeguamento • Controllo e verifica sugli allacci alla rete fognaria pubblica già esistente • Controllo degli scarichi reflui in ambienti protetti ( art. 734 C.P. ) • Controlli su richiesta dell’A.G. • Esposti e segnalazioni • Decoro urbano. La normativa di riferimento passa attraverso diverse fattispecie costituite da illeciti amministrativi e/o illeciti penali, in particolare il servizio prevede: • Controllo sul decoro delle aree mercatali • Controllo sull’abbandono delle deiezioni canine (O.S. 456 del 07.05.2012) • Controllo sul decoro delle strade e delle piazze (art.15 CdS–Artt.635 e 674 C.P.) • Controllo sull’ uso e il decoro dei giardini e di parchi pubblici • Disciplina e controllo delle immissioni nell’ambiente . La materia è regolata dalla legge quadro nazionale sull’inquinamento acustico ( L. 447/1995 ) e dal regolamento comunale sulle immissioni di fumi e rumori molesti, nonché dal codice penale laddove si ravvisi la sussistenza della fattispecie prevista dall’art. 674 e il servizio prevede il controllo di tali immissioni principalmente su segnalazioni ed esposti dei cittadini.
  3. 3. ATTIVITÀ SVOLTE I FOCUS Per illustrare le attività svolte dall’Unità Operativa Tutela Ambientale nel periodo che va dal 01 al 31 Marzo si è optato per una trattazione del report che metta in risalto alcune specificità del lavoro svolto quotidianamente da Agenti ed Ufficiali. Infatti, accanto alla ordinaria attività sul territorio, consistente nel controllo e nella vigilanza sugli sversamenti illeciti di rifiuti, negli accertamenti esperiti su segnalazione degli organi istituzionali e dei cittadini, nel controllo sul trasporto e sullo stoccaggio dei rifiuti, nel controllo delle attività commerciali e produttive, nel controllo e nella vigilanza sulla fruibilità dei Parchi cittadini, il Reparto mette in campo operazioni mirate, volte ad approfondire dei focus tematici. Tali focus sono tesi ad affrontare problematiche ambientali che rivestono una funzione di particolare rilievo, rifiuti speciali, reati ambientali e abbandono di amianto. FOCUS : ATTIVITA’ PRODUTTIVE / RIFIUTI SPECIALI Necessita innanzitutto chiarire che per rifiuti speciali si intendono quei rifiuti provenienti dalla produzione di beni e servizi, dalla attività dei comparti quali il commercio, nonché quelli derivanti da processi di disinquinamento. Più precisamente sono speciali: • I rifiuti da attività agricole ed agro industriali • I rifiuti derivanti da attività di demolizione e di scavo • I rifiuti da lavorazione industriale • I rifiuti da lavorazioni artigianali • I rifiuti da attività commerciali • I rifiuti da attività di servizio • I rifiuti derivanti dall’attività di recupero e smaltimento di rifiuti • I rifiuti da attività sanitarie • I macchinari e apparecchiature deteriorate ed obsolete • I veicoli a motore fuori uso e le loro parti Quindi le realtà economiche e produttive sono tutte potenzialmente produttrici di rifiuti speciali, e nei confronti di queste si concentrano i controlli degli operatori di Polizia. Per dare il senso e la portata della materia, è utile sottolineare che la produzione di rifiuti speciali sull’intero territorio nazionale si è attestata nel 2010 a circa 137,9 milioni di tonnellate, con un incremento del 2,4% rispetto ai dati dell’anno precedente, ed in particolare in Campania sono stati generati 7,3 milioni di
  4. 4. tonnellate di rifiuti speciali, pari al 22,5% della produzione totale al sud ( dati pubblicati nel “Rapporto rifiuti urbani 2012”, a cura dell’ISPRA). Partendo dal dato reale ben si comprende l’interesse di questo Reparto per il controllo sulla gestione e sullo smaltimento dei rifiuti speciali. Come si è avuto modo di sviluppare anche nei precedenti report, il personale operativo monitora le attività produttive del territorio, muovendosi per lo più su esposti e segnalazioni, focalizzando periodicamente l’attenzione su una determinata categoria merceologica del rifiuto, che in questo mese ha riguardato le attività artigianali degli autoriparatori. Nel periodo di tempo qui analizzato i controlli si sono così sviluppati: In Via Sartania veniva sottoposta a sequestro un auto-carrozzeria sprovvista di qualsiasi autorizzazione, ubicata in locali non idonei a tale attività, senza essere in possesso dei contratti di smaltimento delle sostanze residuali delle lavorazioni. In Via Agnano agli Astroni agenti di questo reparto sottoponevano a sequestro un’area attigua ai contenitori della raccolta differenziata, dove sul suolo pubblico venivano rinvenuti nove sacchi neri, contenenti rifiuti indifferenziati, riconducibili senza dubbio alle attività di ristorazione adiacenti al sito. In particolare all’interno dei sacchi venivano rinvenute e repertate numerose ricevute fiscali ( anche ad uso interno ) riportanti la ragione sociale delle attività commerciali. I rifiuti venivano sequestrati e sanzionati gli illeciti. In Via Nicolardi, su segnalazione dei cittadini, venivano sequestrati contenitori affidati dall’ASIA ad un’attività di officina meccanica, il cui titolare era responsabile della miscelazione dei rifiuti speciali, derivanti dalla sua attività, con i rifiuti urbani.
  5. 5. In Via Carlo Franza, su segnalazione dell’Assessorato all’Ambiente, personale di questo Reparto effettuava un controllo in un’attività di officina meccanica, scoprendo in un locale attiguo una vera e propria discarica. Vi erano accumulati infatti una gran quantità di rifiuti, taluni poggiati direttamente sul terreno, con un’importante fuoriuscita di non meglio identificati liquidi. In Via E. Giannini, durante un accertamento su un’attività artigianale di lavorazione di ferro ed alluminio, si procedeva al sequestro di un’area sulla quale insistevano 3 mc di rifiuti. All’atto del controllo la ditta non esibiva alcuna autorizzazione e non esibiva alcun contratto di smaltimento dei rifiuti. Le operazioni di controllo e di vigilanza sulle attività produttive si muovono nella consapevolezza che solo una corretta gestione dei rifiuti può consentire oltre alla tutela delle condizioni ambientali e della salute pubblica, anche il recupero di materie prime secondarie e di energia. In tale ottica il reparto promuove una serie di accertamenti sulle società che recuperano i rifiuti speciali per accertare l’assenza di discrepanze tra i formulari e l’effettivo smaltimento dei rifiuti nelle discariche autorizzate, ed allo stesso tempo per impedire irregolarità negli adempimenti obbligatori in tema di smaltimento da parte dei produttori. FOCUS :REATI AMBIENTALI E VINCOLI URBANISTICI Proseguono, in maniera continuativa ed in linea con gli obiettivi prefissati nei precedenti report, le attività di controllo sugli autocarri che effettuano il trasporto di rifiuti, con particolare attenzione verso quei mezzi che trasportano rifiuti provenienti da attività di costruzione e demolizione. Spesso dall’effettuazione del fermo di Polizia stradale di tali mezzi prosegue l’indagine di Polizia giudiziaria onde accertare la provenienza dei calcinacci.
  6. 6. Proseguendo così a ritroso le indagini arrivano fino al locale, all’appartamento, o al manufatto in genere dove si effettuano le attività di costruzione, andando a rilevare altre illiceità legate al mancato rispetto dei vincoli ambientali e degli strumenti urbanistici. Durante le attività di vigilanza della zona Decumani una pattuglia di questo Reparto notava la presenza di un autocarro carico di sacchi neri in sosta in Via L. Settembrini, e di due operai intenti a caricare tali sacchi da un locale terraneo. Una volta ripartito l’autocarro veniva intercettato e fermato, dall’ispezione visiva i sacchi erano pieni di materiale da risulta. Dai controlli conseguenti l’autocarro è risultato sprovvisto di autorizzazione al trasporto di rifiuti ed il locale dal quale provenivano i rifiuti era in fase di ristrutturazione. Tale attività di ristrutturazione era condotta senza alcuna autorizzazione in un edificio sottoposto a vincolo dalla Soprintendenza dei Beni Culturali. Dall’esito degli accertamenti effettuati si è provveduto al sequestro dell’autocarro e del locale commerciale, ed al deferimento all’Autorità Giudiziaria di due persone. Successivamente in Piazza L. Settembrini, devastata dalla presenza di un enorme cumulo di rifiuti su suolo pubblico, le pattuglie hanno provveduto al controllo dei locali prospicienti la piazza, individuando due appartamenti interessati da lavori di ristrutturazione. Dall’ispezione dei cantieri emergevano gravi irregolarità che comportavano il sequestro dei due siti, con il conseguente deferimento all’A.G. dei responsabili. Immediatamente personale di questo reparto diffidava le ditte responsabili alla rimozione del materiale edile. (prima) (dopo)
  7. 7. L’esito di tali operazioni ha determinato il convincimento di dover effettuare controlli preventivi nei cantieri per monitorare le attività di smaltimento. Mediante l'acquisizione dei dati riportati nei progetti e nei capitolati si è in grado di conoscere i volumi dei materiali da risulta prodotti. Risulta intuitivo il nesso tra i controlli in merito al trasporto di materiali da demolizione e l’attività di controllo sulle opere abusive (o comunque non autorizzate), quindi il nesso funzionale tra normativa ambientale in tema di rifiuti e la salvaguardia ed il rispetto dei vincoli urbanistici appare imprescindibile, facendo auspicare una più efficace sinergia tra le varie attività di controllo. Tale sinergia riuscirebbe ad imporre un circolo virtuoso tra i vari organi di polizia, gli uffici amministrativi ed i cittadini. FOCUS : AMIANTO Continuano le attività svolte da questo Reparto per la prevenzione, la repressione e l’assistenza allo smaltimento dell’amianto, dando continuità al lavoro di monitoraggio intrapreso già nel 2012. L’attenzione nei confronti di questo tema deriva dalla consapevolezza che l’amianto è oramai “un’emergenza nazionale”, così come affermato dallo stesso Ministero della Salute, il quale nell’affrontare la comprovata correlazione tra l’esposizione all’amianto e l’insorgere di patologie tumorali, ha sottolineato che, nell’evoluzione del fenomeno, i processi di rimozione e smaltimento rappresentano un elemento di rischio importante, anche per la popolazione, di esposizione sia outdoor che indoor. Proprio in tale ottica rivestono particolare importanza i controlli atti ad evitare lo smaltimento illegale dell’amianto, ma anche l’illecita rimozione, a tutela degli stessi lavoratori impegnati nelle predette opere. Tra le operazioni portate a termine dagli agenti operanti vale la pena segnalare le attività svolte in Via S. Maria a Cubito, laddove veniva sequestrato un cantiere e venivano denunciate due persone per la rimozione di una tettoia in amianto, senza aver redatto un piano lavori preventivo da sottoporre all’ASL. Inoltre la ditta impiegata nella rimozione dell’amianto non risultava tra quelle autorizzate.
  8. 8. In Via Ruggiero il Normanno venivano denunciate due persone perché responsabili di aver commissionato lavori di sostituzione di tubazioni in m.c.a. senza la preventiva predisposizione di apposito piano di lavoro. L’intervento tempestivo ha consentito innanzitutto di procedere al sequestro del materiale contenente amianto e di altri rifiuti edili (già contenuti in grossi sacchi neri) ma principalmente ha prodotto nei confronti del proprietario una diffida a rimuovere il materiale secondo la normativa vigente, e a comunicarne gli esiti all'organo di Polizia. Nel periodo interessato il reparto è intervenuto promuovendo la rimozione dell’amianto da n° 17 siti, segnalando e fornendo assistenza operativa alle attività di rimozione. In particolare si segnala la bonifica di alcuni siti in seguito all'intervento del Reparto: Via Cupa Tierzo ( nei pressi della Motorizzazione Civile ). Onde evitare l’indiscriminato abbandono di amianto le attività di controllo hanno privilegiato le aree periferiche della città ( Ponticelli – S. Giovanni a Teduccio ) oltraggiate da uno sversamento costante e copioso di rifiuti contenenti amianto, concentrando le operazioni nelle ore serali e notturne. 2. ANALISI DELLE ATTIVITA’ OPERATIVE Nel periodo di riferimento l’Unità Operativa Tutela Ambientale ha comunque continuato l’attività di controllo sullo smaltimento dei rifiuti, in riferimento alle specifiche competenze ad essa attribuite, operando nei siti individuati come di maggiore interesse per l’elevato tasso di criticità in relazione all’abbandono indiscriminato di rifiuti, elevando n° 68 processi verbali, ai sensi dell’O.S. 1121/2012. Dall’analisi della tipologia degli illeciti sanzionati si evidenzia una rilevante preponderanza della tipologia dell’abbandono del rifiuto in strada, sia per le utenze private che per le attività commerciali. Per queste ultime urge sottolineare come sia ancora radicata la cultura imprenditoriale che promuove l'analisi e la scelta “maccheronica” delle strategie legate all'impatto ambientale della propria attività produttiva. I dati raccolti dall'elaborazione dei processi verbali elevati raccontano di una evidente difficoltà nella raccolta differenziata degli imballaggi, che vengono depositati nei rifiuti indifferenziati ( impedendone di fatto la possibilità di avviarli al riciclo ) o addirittura abbandonati sulla sede stradale, in violazione delle disposizioni in materia. Si segnala inoltre che questo reparto ha provveduto a dare seguito a n°26 esposti riguardanti l’abbandono di rifiuti, provenienti da privati cittadini, Enti, Urp ed altri uffici comunali. Le pattuglie intervenute sui vari siti hanno provveduto ad accertare le problematiche segnalate e, laddove necessario e possibile, a reprimere i comportamenti illeciti.
  9. 9. Sempre nell’ambito delle attività svolte su segnalazione, il reparto ha condotto operazioni complesse e diversificate, tra tutte si evidenziano : • su segnalazione dell'Assessorato all'Ambiente, attività di controllo e repressione dei conferimenti illeciti in zona Decumani, particolarmente in Piazza Gerolomini • l'attività d'indagine effettuata, su segnalazione della Procura della Repubblica, in Via Gianturco, dove è stato sequestrato un autocarro e denunciato l'autista, resosi responsabile dell'abbandono di rifiuti speciali in un'area privata. • i controlli sullo stato di degrado e sull’abbandono di rifiuti nel territorio di Agnano, laddove esistono strade pubbliche divenute vere e proprie discariche. In particolare sono state oggetto di controllo Via Murata, Via Raffaele Ruggiero, Via A. Righi e Via Agnano Astroni • i controlli e le contestazioni di illeciti in Via C. Bussola, su segnalazione dell'Assessorato all'Ambiente, dove la Scuola Elementare “4 Giornate” è stata costretta a chiedere l'intervento dell'organo di Polizia per reprimere il fenomeno dei conferimenti illeciti proprio a ridosso dell'edificio. • i controlli e le relative contestazioni di illeciti, su segnalazione dell'Assessorato all'Ambiente in Via Cappella Vecchia, a carico di attività commerciali che conferivano illecitamente gli imballaggi ed i rifiuti sul suolo pubblico • i controlli e le relative contestazioni di illeciti in Piazza Municipio e Via Medina, a carico di attività commerciali.  I controlli e le relative contestazioni di illecito abbandono di rifiuti in Via C. Poerio e Via Ferrigni, a carico di privati cittadini e di attività commerciali sorpresi ad abbandonare rifiuti. • Gli accertamenti e la bonifica, in collaborazione con ASIA, di Via B. Telesio, interessato da conferimenti illeciti e deposito di ingombranti sulla sede stradale.
  10. 10. •La vigilanza periodica in Via P. Castellino, dove, su segnalazione dei cittadini, vi è un continuo sversamento di rifiuti in orari non consentiti, riscontrando nel tempo notevoli miglioramenti della zona. •I controlli e la contestazione di illeciti in Via dell'Epitaffio, su segnalazione della VII Municipalità che denunciava la presenza in zona di autocarri carichi di materiali pericolosi. In seguito ai controlli effettuati veniva sequestrato un autocarro e denunciata una persona. •I controlli e la contestazione di illeciti in Piazza Margherita, per conferimento illecito di rifiuti •Gli accertamenti e la bonifica in collaborazione con ASIA in Via Giusso, dove residenti depositano rifiuti sulla sede stradale, dando vita ad una discarica. •Gli accertamenti di illeciti in Via San Giacomo, dove personale di una nota struttura alberghiera veniva sorpreso ad abbandonare rifiuti sulla sede stradale 3. ATTIVITA' SINERGICHE Nell'ottica di un efficace sinergia con ASIA, continuano le attività svolte in collaborazione che vanno dall'assistenza alle operazioni di bonifica dei siti alle attività di controllo operate congiuntamente, anche per consentire un miglioramento dell'offerta del servizio al cittadino. Sono proseguite le attività di repressione e controllo denominate “in cassonetto veritas” che hanno visto il Reparto impegnato nelle contestazioni degli illeciti soprattutto al Centro Direzionale, nella zona Decumani, in Piazza Fuga, in Via Foria, in Piazza Margherita. In tale prospettiva di collaborazione proseguono gli interventi con ASIA per monitorare le aree mercatali cittadine, per consentire un regolare ed ordinato svolgimento dei mercati, anche in relazione al conferimento dei rifiuti da parte degli operatori mercatali. Il progetto tende ad ottenere le aree mercatali pulite e sgombre da rifiuti ad attività cessata.
  11. 11. Nel mese di Marzo le operazioni del Reparto si sono concentrate sull'area mercatale di Piazza Leone, vigilando sull'esatto adempimento da parte degli operatori commerciali dei regolamenti comunali, e sanzionando gli illeciti riscontrati. I risultati ottenuti sono di estremo conforto poiché rivelano la pacifica accettazione da parte degli operatori commerciali di metodiche ed abitudini nuove ed ecosostenibili, che migliorano le condizioni generali del servizio. Da questo mese sono attive una pagina Facebook ed un profilo Twitter gestiti dall'Unità Operativa Tutela Ambientale, con l'intenzione di dare vita ad un dialogo, diretto e multimediale, con i cittadini e le associazioni al fine di collaborare con il Reparto in una prospettiva di cittadinanza attiva. I primi dati di tale sperimentazione sono molto confortanti: nel rilevamento dei dati dell'ultima settimana si segnala un +67% di contatti a cui piace la pagina facebook, 568 contatti che interagiscono con i post pubblicati, 29.000 contatti che hanno visualizzato i contenuti della pagina, più di 3.000 contatti che hanno visualizzato uno spot, realizzato da questo Reparto, per sensibilizzare gli utenti sul tema ambientale ed, allo stesso tempo, esortare i cittadini a denunciare gli abusi ambientali. Infine tra le attività svolte in collaborazione si segnala il contributo operativo dato da questo Reparto in occasione della “Giornata Internazionale di sensibilizzazione e pulizia spiagge, scogliere e fondali” organizzata dal CSI Gaiola Onlus il 24 marzo 2013 nel Parco sommerso di Gaiola, che ci ha visti impegnati nell'assistenza alle operazioni di pulizia svolte dai volontari.
  12. 12. Schema riepilogativo interventi effettuati dal 01.03.2013 al 31.03.2013 Aree sequestrate per abusi edilizi 4 Aree sequestrate adibite a discarica exD.Lgs. 152/2006 6 Persone deferite all’A.G. Veicoli sequestrati exD.Lgs. 152/2006 4 Violazioni all’ordinanza sindacale sui rifiuti per inottemperanza alle modalità di conferimentoO.S. 1121/2012 68 Violazioni all’ordinanza sindacale sui parcheggiatori abusivi O.S. 200/2013 2 Violazioni al D.L. 122/92 2 Violazioni alla L.109/92 2 Violazioni al C.d.s. 14 Esposti espletati per segnalazioni di abbandono di rifiuti 26 Esposti espletati per segnalazioni abbandono di amianto 17 Controlli attività commerciali 30 VIOLAZIONI ORDINANZA N. 1121 DEL 30/10/12 DATA LUOGO TRASGRESSORE ORARIO ILLECITO COMMESSO 02/03/13 VIA S. CARLO Attività commerciale 16,30 Fuori Orario 05/03/13 PIAZZA MUNICIPIO Attività commerciale 22,30 Abbandono 05/03/13 VIA F.LLI CERVI Privato 12,00 Fuori Orario 05/03/13 VIA SAN JOSE MARIA ESCRIVA Attività commerciale 15,30 Fuori Orario 05/03/13 VIA DELLE BUSSOLE Privato 18.05 Fuori Orario 07/03/13 VIALE DELLA COSTITUZIONE Privato 8,30 Fuori Orario 07/03/13 CENTRO DIREZIONALE IS. E4 Privato 10,00 Fuori Orario 07/03/13 PIAZZA GARIBALDI Attività commerciale 12,00 Imballaggi 07/03/13 CENTRO DIREZIONALE Privato 8,10 Fuori Orario 07/03/13 CORSO GARIBALDI Privato 8,30 Differenziata 07/03/13 CORSO GARIBALDI Privato 9,10 Differenziata 08/03/13 VIA C. CONSOLE Attività commerciale 18,45 Imballaggi 09/03/13 VIA FERRIGNI Privato 12,00 Fuori Orario 09/03/13 VIA FERRIGNI Attività commerciale 12,10 Imballaggi 09/03/13 VIA FERRIGNI Privato 12,30 Fuori Orario 11/03/13 PIAZZA FUGA Attività commerciale 18,45 Imballaggi 11/03/13 VIA CIMAROSA Attività commerciale 18,40 Fuori Orario 12/03/13 VIA R. RUGGIERO Privato 17,54 Abbandono 13/03/13 VIA ANGOGNA Privato 8,45 Fuori Orario 13/03/13 PIAZZA CAVOUR Attività commerciale 18,00 Imballaggi 13/03/13 VIA E. SCAGLIONE Privato 11,40 Fuori Orario 14/03/13 VIA G.A. CAMPANO Privato 8,50 Fuori Orario 14/03/13 VIA G.A. CAMPANO Attività commerciale 9,40 Imballaggi 14/03/13 VIA E. SCAGLIONE Privato 12,00 Fuori Orario 14/03/13 PIAZZA FUGA Attività commerciale 11,30 Imballaggi 14/03/13 VIA G.A. CAMPANO Privato 9,40 Abbandono 14/03/13 VIA G.A. CAMPANO Attività commerciale 10,15 Imballaggi
  13. 13. 14/03/13 CUPA SPINELLI Privato 9,30 Fuori Orario 14/03/13 CUPA SPINELLI Privato 9,00 Fuori Orario 14/03/13 PIAZZA FUGA Attività commerciale 11,30 Imballaggi 15/03/13 VIA CAPPELLA VECCHIA Attività commerciale 17,20 Imballaggi 15/03/13 VIA SARTANIA Privato 12,00 Fuori Orario 16/03/13 VIA BRIN Privato 8,30 Fuori Orario 16/03/13 VIA BRIN Privato 8,40 Fuori Orario 16/03/13 VIA BRIN Privato 8,30 Fuori Orario 18/03/13 VIA A. RIGHI Attività commerciale 10,45 Imballaggi 18/03/13 VIA AGNANO ASTRONI Attività commerciale 10,30 Abbandono 18/03/13 VIA AGNANO ASTRONI Attività commerciale 11,30 Abbandono 18/03/13 VIA R. RUGGIERO Privato 7,35 Abbandono 18/03/13 VIA TERRACINA Attività commerciale 11,20 Abbandono 19/03/13 VIA NICOLARDI Attività commerciale 17,00 Differenziata 20/03/13 VIA AGNANO ASTRONI Privato 16,50 Imballaggi 20/03/13 VIA FICO A S. BRIGIDA Attività commerciale 10,50 Area in concessione 20/03/13 VIA AGNANO ASTRONI Privato 16,50 Imballaggi 21/03/13 VIA G. FIORELLI Attività Commerciale 10,35 Abbandono 21/03/13 VIA S. GIACOMO Attività Commerciale 18,00 Fuori Orario 22/03/13 VIALE DELLE METAMORFOSI Privato 9,35 Fuori Orario 22/03/13 VIALE DELLE METAMORFOSI Privato 9,25 Fuori Orario 22/03/13 VIALE DELLE METAMORFOSI Privato 9,00 Fuori Orario 22/03/13 VIALE DELLE METAMORFOSI Privato 9,15 Fuori Orario 22/03/13 VIA CASANOVA Attività Commerciale 14,30 Fuori Orario 22/03/13 VIA CONSALVO Attività Commerciale 10,30 Differenziata 23/03/13 PIAZZA S. DIGIACOMO Privato 14,00 Differenziata 23/03/13 VIA S. CHIARA Attività Commerciale 17,50 Imballaggi 25/03/13 VIA MONTAGNA SPACCATA Privato 11,20 Fuori Orario 25/03/13 VIA MONTAGNA SPACCATA Privato 11,40 Imballaggi 25/03/13 VIALE AUGUSTO Privato 17,45 Abbandono 25/03/13 CORSO IV NOVEMBRE Privato 12,10 Fuori Orario 26/03/13 VIA TORRICELLI Privato 15,15 Fuori Orario 26/03/13 VIA SARTANIA Privato 16,00 Fuori Orario 27/03/13 VIA AGNANO ASTRONI Privato 19,08 Abbandono 27/03/13 VIA C. DI TOCCO Attività Commerciale 17,40 Imballaggi 28/03/13 VIA ORSINI Attività Commerciale 9,15 Fuori Orario 28/03/13 CENTRO DIREZIONALE Privato 7,45 Fuori Orario 28/03/13 CENTRO DIREZIONALE Privato 8,40 Fuori Orario 29/03/13 VIA SARTANIA Privato 18,15 Fuori Orario 29/03/13 VIA SARTANIA Privato 18,05 Fuori Orario 30/03/13 VIA MIROBALLO AL P. Attività Commerciale 17,40 Imballaggi Alla stesura di questo REPORT hanno collaborato: A.C. Monte Aricò Mario e A.C. De Santis Salvatore, raccolta dati Ag.S. Morlando Luigi e A.C. Paciello Beniamino, elaborazione dati Ag.S Esposito Carla, analisi dei dati e sviluppo dei contenuti Ag.S. Carrara Dario, elaborazione grafica Ten. del Gaudio Enrico, coordinamento

×