• Save
La Biblioteca Digitale come metafora
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

La Biblioteca Digitale come metafora

on

  • 1,666 views

Un excursus sulla fortuna della metafora della biblioteca digitale

Un excursus sulla fortuna della metafora della biblioteca digitale

Statistics

Views

Total Views
1,666
Views on SlideShare
1,651
Embed Views
15

Actions

Likes
3
Downloads
0
Comments
0

2 Embeds 15

http://mobileweblibrary.blogspot.com 11
http://www.slideshare.net 4

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

La Biblioteca Digitale come metafora La Biblioteca Digitale come metafora Presentation Transcript

  • CRESTAT Settembre 2006 Corso di formazione per tecnici qualificati nell’organizzazione tutela e fruizione del patrimonio librario e documentale Emiliano Degl’Innocenti la biblioteca digitale come nuovo paradigma culturale
  • Le biblioteche universali: un vecchio pallino
    • Lettera di Aristeo a Filocrate
      • Testo risalente al III – I sec. a. C.
      • Autore anonimo, matrice culturale ebraica (ed. P. Wendland, 1900)
      • The Universal Library: From Alexandria to the Internet
    • Tuttavia è reale la necessità di selezionare l’informazione
  • La metafora prescelta e la sua validità
    • Evocativa o fuorviante?
      • La consistenza ibrida delle BD
      • Perché nuoce rimanere fedeli ad una metafora anacronistica: dalla Biblioteca di Alessandria alla Biblioteca di Babele
  • Biblioteche reali vs biblioteche digitali, una prima caratterizzazione, in parte fuorviante
    • Biblioteche reali
      • limiti fisici, forte struttura, consolidati strumenti di catalogazione e gestione dell’informazione
    • Biblioteche digitali
      • Il mito del web illimitato e de-strutturato: la Biblioteca di Babele
  • Gli strumenti di ricerca
    • Strumenti di ricerca sul dato strutturato: gli OPAC
      • fanno esplicito riferimento alla collocazione fisica degli oggetti che descrivono
      • insistono su una biblioteca o su un gruppo di biblioteche
      • sono organizzati in record o campi
      • sono accessibili tramite chiavi di ricerca semplici (autore, titolo) oppure semantiche, a loro volta caratterizzate dalla descrizione libera del contenuto (catalogazione alfabetica per soggetto) o sistematica (ex: classificazione Dewey )
    • Sono finalizzati al reperimento di informazioni di carattere bibliografico
  • Gli strumenti di ricerca. Il dato strutturato: repertori sugli OPAC
    • Internazionali
      • http://directory.google.com/Top/reference/libraries/
      • http://www.yahoo.com/Reference/Libraries/
      • http://sunsite.berkeley.edu/Libweb/
      • http://www.hbz-nrw.de/produkte_dienstl/toolbox/
      • http://www.libdex.com/
    • Italiani
      • http://www.aib.it/aib/lis/opac1.htm
      • http://www.biblio.polito.it/it/documentazione/biblpoli.html
  • Gli strumenti di ricerca. Il dato strutturato: gli OPAC
    • Internazionali
      • Library of Congess: http://catalog.loc.gov/
      • Harvard University (Hollis): http://lib.harvard.edu/
      • MIT (Barton): http://libraries.mit.edu/
      • Dartmouth University: http://www.dartmouth.edu/library/
      • Yale Univeristy: http://orbis.library.yale.edu/
      • California State Library (Melvyl): http://www.dla.ucop.edu/
      • British Library: http://www.bl.uk/
      • Oxford University (OLIS): http://library.ox.ac.uk/
      • Bibliothèque Nationale de France: http://www.bnf.fr/
      • Biblioteca Vaticana: http://www.vaticanlibrary.vatlib.it/
      • Karlsruher Virtueller Katalog: http://www.ubka.uni-karlsruhe.de/kvk.html
    • Italiani
      • Sistema Bibliotecario Nazionale: http://opac.sbn.it/
      • http://sbnonline.sbn.it/
      • Catalogo Italiano dei Periodici (ACNP): http://www.cib.unibo.it/acnp/
  • Gli strumenti di ricerca. Il dato non strutturato
    • Motori di ricerca per termini:
    • Indici sistematici:
    • Liste di segnalibri ( Bookmarks )
  • Biblioteche informatizzate vs Biblioteche digitali
    • Biblioteche informatizzate: biblioteche reali dotate di OPAC
    • Biblioteche digitali: fornitura di accesso diretto ai documenti codificati in formato digitale
  • Gli antenati delle odierne biblioteche digitali, qualche nome
    • Gli ipertesti prima di internet
    • Memex (V. Bush As We May Think «The Atlantic Monthly» 176, 1 (1945) pp. 101-8 )
    • D. Engelbart: asynchronous collaboration among teams distributed geographically ( BYTE , 1988 )
    • Xanadu (T. Nelson)
  • Gli approcci dominanti
    • Sistema di pubblicazione on-line di documenti digitali
    • Ipertesto diffuso (Xanadu)
    • Necessità di una formulazione rigorosa, in grado di rendere conto della differenza fra gli approcci menzionati:
      • ? Cosa differenzia le biblioteche digitali dalle loro controparti fisiche?
      • ? Cosa, viceversa, le accomuna?
      • ? Come si caratterizza la Biblioteca digitale rispetto ad altre risorse disponibili sul web?
  • La biblioteca digitale come nuovo paradigma: dal caos all’ordine. La molteplicità delle definizioni
    • Un servizio on-line che produce, organizza e distribuisce sulla rete, in vario modo, versioni digitali di documenti e testi
    • Uso di tecnologie digitali per acquisire, immagazzinare,conservare e fornire l’accesso all’informazione e a materiali originariamente pubblicati in forma digitale o digitalizzati da formati preesistenti (British Library)
    • Creazione di strumenti d’accesso all’informazione ed alla conoscenza [...] sia (attraverso) la digitalizzazione delle raccolte che la fruizione e l’accesso a lungo termine agli oggetti digitali e ai prodotti dell’editoria elettronica
  • La biblioteca digitale come nuovo paradigma: dal caos all’ordine. GOOGOL
  • La biblioteca digitale come nuovo paradigma: la questione quantitativa
    • 1999: la quantità di «unique informations» prodotta da ciascun individuo in un anno, si attesta intorno ai 250 MB, equivalenti a circa 2 exabytes (10 18 bytes) su scala planetaria
    • 2002: si raggiungono gli 800 MB su base annua, corrispondenti a circa 5 exabytes, in riferimento all’intera popolazione mondiale
    • Aumento delle informazioni in circolazione quantificabile intorno al 36% su base annua, nel periodo dal 1999 al 2003
  • La biblioteca digitale come nuovo paradigma: altri fattori di accelerazione
    • Autonomizzazione e diffusione dei documenti digitali, che si pongono come possibili e/o futuribili sostituti dei documenti cartacei
      • Il problema della validazione scientifica
    • Sviluppo e diffusione delle reti telematiche
      • Necessità di formulare delle adeguate strategie di migrazione verso i supporti immateriali
  • La biblioteca digitale come nuovo paradigma: aspetti formali
    • Una biblioteca digitale è composta da
      • Infrastrutture hardware ( scanner , server , clients ecc.)
      • Software di stoccaggio dei dati
      • Interfacce utente
      • Sistemi di information retrieval
  • La biblioteca digitale come nuovo paradigma: aspetti contenutistici
    • Il contenuto di una biblioteca digitale è costituito da:
      • un sistema di documenti dotato di una organizzazione complessiva , dovuta ad un agente intenzionale distinto dai creatori dei singoli documenti
      • un sistema di metadati (informazioni di secondo livello) ad esso correlati
  • La biblioteca digitale come nuovo paradigma: i servizi erogati
    • Codifica
    • Reperimento
    • Conservazione
    • Gestione
    • Disseminazione
    • ... di documenti o sezioni di documenti
  • La biblioteca digitale come nuovo paradigma: tracciamo uno stemma
    • Le biblioteche digitali possono essere raggruppate in famiglie in base a:
      • Formato di archiviazione dei dati alla fonte e formato di distribuzione (i due formati possono anche NON coincidere)
      • Modalità di accesso e consultazione dei documenti
      • Tipologia «Ente» scientifico di riferimento
  • La biblioteca digitale come nuovo paradigma: i formati di codifica
    • Puro testo (7 oppure 8 bit)
      • *.txt
    • Codifiche proprietarie
      • *.RTF (Rich Text Format)
      • *.PDF (Portable Documents Format)
      • *.PS (Post Script)
    • Codifiche non proprietarie, ma legate a singoli applicativi
      • COCOA
      • DBT
    • HTML (linguaggi di markup formale )
    • SGML, XML (linguaggi di markup strutturale)
  • La biblioteca digitale come nuovo paradigma: le modalità di accesso
    • Distribuzione remota (Http, Ftp) di file in vari formati per la consultazione off-line .
    • Consultazione on-line di documenti in ambiente Web.
    • Consultazione avanzata di documenti mediante strumenti di information retrieval e/o sistemi dotati di funzionalità di analisi testuale
  • La biblioteca digitale come nuovo paradigma: l’ente di riferimento come garante
    • Bibliotecario
    • Accademico
    • Non istituzionale (a carattere volontario)
      • Soprattutto a questo livello si pone il problema dell’affidabilità scientifica dell’informazione.
      • Crisi delle categorie Autore / Auctoritas
  • La biblioteca digitale come nuovo paradigma: il problema della certificazione scientifica ed accademica delle pubblicazioni elettroniche
    • Necessità di conciliare le caratteristiche intrinseche delle tecnologie elettroniche
    • Necessità di rispettare i criteri imposti dagli stringenti standard scientifici
  • La biblioteca digitale come nuovo paradigma: il problema della certificazione scientifica ed accademica delle pubblicazioni elettroniche
    • Come si può far fronte a questo dilemma?
    • Analisi dell’evoluzione delle dinamiche di
      • Produzione
      • Diffusione
      • Autorialità
    • Analisi della frizione fra necessità di diffusione dell’opera e volontà di tutela della proprietà intellettuale
  • Conflitto fra necessità di diffusione dell’opera e tutela della proprietà: un vecchio problema, molte soluzioni
    • Soluzioni pre-moderne:
      • dono al mecenate
      • Spostamento fisico delle persone detentrici di un particolare tipo di sapere
    • Soluzione moderna:
      • la pubblicazione di riviste scientifiche
  • Perché non possiamo non dirci gutenberghiani
    • L’innovazione tecnica portata dalla stampa
      • introduce i concetti di misurabilità dell’impatto scientifico di una determinata pubblicazione (scientometria)
      • determina l’affermarsi del cosiddetto quadrato gutemberghiano
        • Ogni opera ha 1 ed 1 solo autore
        • Ogni testo è identico a se stesso
        • Ogni testo è identificabile in base al suo editore
        • L’anno di edizione (non già quello di composizione) colloca nel tempo l’opera e la sua diffusione
    • Ancora oggi la valutazione scientifica si appoggia su questi presupposti, che tuttavia iniziano a mostrare tutti i loro limiti
  • La biblioteca digitale come nuovo paradigma: le risorse in rete
    • Repertori di progetti
      • Digital Initiative Database: http://www.arl.org/did/
      • Directory of Electronic Text Centers: http://harvest.rutgers.edu/ceth/etext_directory/ (Center for Electronic Texts in the Humanities)
      • Text Encoding Initiative: http://www.tei-c.org/Applications/
      • XML Cover Pages: http://xml.coverpages.org/acadapps.html
      • Berkeley Digital Library SunSITE: http://sunsite.berkeley.edu/
    • Meta cataloghi di testi elettronici reperibili su internet
      • The On-Line Books Page (University of Pennsylvania) http://onlinebooks.library.upenn.edu/
      • Alex Catalogue of Electronic Texts http://www.infomotions.com/alex/
  • La biblioteca digitale come nuovo paradigma: le risorse in rete
    • Progetti di BD internazionali, a livello istituzionale
      • Digital Libraries Initiative: http://www.dli2.nsf.gov/
      • eLib: http://www.ukoln.ac.uk/services/elib/
      • Digital Heritage and Cultural Content: http://www.cordis.lu/ist/ka3/digicult/home.html
      • Gallica: http://gallica.bnf.fr/
      • American Memory: http://memory.loc.gov/
  • La biblioteca digitale come nuovo paradigma: le risorse in rete
    • Progetti di BD internazionali, a livello accademico
      • Oxford Text Archive (OTA): http://ota.ahds.ac.uk/
      • Electronic Text Center (ETC, University of Virginia) http://etext.lib.virginia.edu/
      • Center for Electronic Texts in the Humanities (CETH) http://scc01.rutgers.edu/ceth/
      • Institute for Advanced Technology in the Humanities (IATH,University of Virginia) http://jefferson.village.virginia.edu/
      • Humanities Text Initiative (HTI,University of Michigan) http://www.hti.umich.edu/
      • Perseus Project http://www.perseus.tufts.edu/
  • La biblioteca digitale come nuovo paradigma: le risorse in rete
    • Progetti di BD attivati in italia
      • TIL. Testi Italiani in Linea: http://til.scu.uniroma1.it/
      • CIBIT (Centro Interuniversitario Biblioteca Italiana Telematica): http://www.humnet.unipi.it/cibit/
      • Biblioteca Italiana: http://www.bibliotecaitaliana.it/ progetto nato presso l'unità locale CIBIT dell'Università di Roma La Sapienza
      • Biblioteca Digitale Italiana , promosso e finanziato nel 2001 dalla Direzione generale beni librari e dell'editoria del Ministero per i Beni Culturali
  • La biblioteca digitale come nuovo paradigma: l’esperienza della S.I.S.M.E.L.
    • Continuità con il lavoro svolto dal comitato guida del programma quadro BDI
    • Utilizzo della documentazione tecnica e scientifica messa a disposizione dal MBAC e da ICCU ( Studio di fattibilità e suoi aggiornamenti)
    • Utilizzo delle best practices (linee guida) codificate a livello nazionale ed internazionale (Lund Principles, Carta di Parma)
  • La biblioteca digitale come nuovo paradigma: l’esperienza della S.I.S.M.E.L.
    • Le necessità dell’istituto
      • Integrazione con la banca dati partecipata preesistente
      • Interazione con il progetto RICABIM
      • Garanzia di elevati standard qualitativi e scientifici
      • Creazione di un ambiente integrato, in grado di unire funzionalità di information retrieval ed image browsing
    • Impossibilità di utilizzare soluzioni precostituite
  • La biblioteca digitale come nuovo paradigma: l’esperienza della S.I.S.M.E.L. Aspetti strutturali
    • Il modello strutturale prescelto:
      • Infrastrutture hardware ( scanner , architettura server/client )
      • Software di stoccaggio dei dati
      • Interfacce utente (con annesso image server )
      • Sistemi di information retrieval
        • interrogazione della banca dati
        • pubblicazione dei risultati
  • La biblioteca digitale come nuovo paradigma: l’esperienza della S.I.S.M.E.L. Aspetti contenutistici
    • Un sistema di documenti (edizioni di inventari e cataloghi di manoscritti conservati in biblioteche medievali) ...
    • ... dotato di una organizzazione complessiva , dovuta ad un agente intenzionale (il curatore scientifico) distinto dai creatori dei singoli documenti (i singoli editori)
    • ... e di un sistema di metadati (le schede) ad esso correlati
  • La biblioteca digitale come nuovo paradigma: l’esperienza della S.I.S.M.E.L. Le modalità di accesso ai dati
    • Consultazione on-line di documenti in ambiente Web
  • La biblioteca digitale come nuovo paradigma: l’esperienza della S.I.S.M.E.L. I servizi erogati
    • Codifica
    • Reperimento
    • Conservazione
    • Gestione
    • Disseminazione
    • ... di documenti o sezioni di documenti
  • La biblioteca digitale come nuovo paradigma: l’esperienza della S.I.S.M.E.L. L’architettura
  • La biblioteca digitale come nuovo paradigma: l’esperienza della S.I.S.M.E.L. Il Workflow
  • La biblioteca digitale come nuovo paradigma: l’esperienza della S.I.S.M.E.L. Il Workflow
  • La biblioteca digitale come nuovo paradigma: l’esperienza della S.I.S.M.E.L.
    • Alcune questioni ancora aperte
      • Sicurezza
      • Copyright
  • La biblioteca digitale come nuovo paradigma: l’esperienza della S.I.S.M.E.L. Il futuro possibile
    • Dalla biblioteca di Babele alla città ideale
  • Gli antenati delle odierne biblioteche digitali, qualche nome: Xanadu
  • L’esattezza dell’ informazione in una banca dati partecipata La banca dati partecipata Lucia Pinelli (S.I.S.M.E.L.) Verona 28 Febbraio 2003