Mondo In Emergenza

841 views

Published on

Published in: Education, Spiritual
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
841
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
5
Actions
Shares
0
Downloads
34
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Mondo In Emergenza

  1. 1. Prof. David Alexander CESPRO – Università di Firenze Un mondo in emergenza: lo stato dell'arte Sydney, Australia 21-9-09
  2. 2. Sumatra, Mercoledì 30 settembre 2009
  3. 3. Samoa, Martedì 29 settembre 2009
  4. 4. Viet Nam, Lunedì 28 settembre 2009 (Tifone Ketsana)
  5. 5. Le Filippine, Sabato 26 settembre 2009
  6. 6. Valori medii annuali 1999-2008 Disastri: 719 Disastri naturali: 55% Disastri antropici: 45% Morti: 124.348 Disastri naturali: 92% Disastri antropici: 8% Persone colpite da disastro: 271 milioni Disastri naturali: 99% Disastri antropici: <1% Danni: US$108 miliardi
  7. 7. Due disastri al giorno!
  8. 8. Gestione degli incidenti Protezione della populazione (della comunità) Piani, procedure, protocolli Risorse umane e materiali Previsione e monitoraggio dei pericoli, ecc. Disaster risk reduction
  9. 9. Organizzazione Risorse Organizzazione della comunità Organizzazione imposta dall'esterno Volontarismo Pianificazione a livello della comunità Leggi, protocolli, direttive Standard, norme, linee guida Risorse della comunità Risorse governative Donazioni Risorse internazionali
  10. 10. Disastri e crisi Protezione civile domestica Assistenza umanitaria al mondo Assistenza di emergenza in Europa Volontariato Forze armate
  11. 11. Assistenza umanitaria Soccorso ai disastri domestici <ul><li>Istituzioni </li></ul><ul><li>civili domestici : </li></ul><ul><li>locali </li></ul><ul><li>regionali </li></ul><ul><li>nazionali </li></ul><ul><li>Istituzioni </li></ul><ul><li>civili stranieri : </li></ul><ul><li>locali </li></ul><ul><li>regionali </li></ul><ul><li>nazionali </li></ul>Organizzazioni internazionali ed ONG: ONU, IFRC, ecc. Assistenza governativa e militare all autorità e alle comunità civili
  12. 12. ....e in Europa....
  13. 13. <ul><li>non è possibile creare una </li></ul><ul><li>vera protezione civile europea </li></ul>Ma abbiamo il meccanismo comunitario per la protezione civile e il MIC – Centro di Monitoraggio e Informazione ─ forme di scambio tra gli stati membri ─ e ECHO – l'ufficio umanitario UE
  14. 14. La situazione mondiale
  15. 15. Assistenza umanitaria: <ul><li>diretta: distribuzione di materiali </li></ul><ul><li>e servizi direttamente ai beneficiari </li></ul><ul><li>indiretta: ad esempio, trasporto </li></ul><ul><li>di materiali e personale di soccorso </li></ul><ul><li>supporto all'infrastruttura: servizi </li></ul><ul><li>generali come riparazione delle </li></ul><ul><li>strade, gestione degli spazi aerei, </li></ul><ul><li>generazione dell'elettricità . </li></ul>
  16. 16. Il sistema internazionale di soccorso DONATORI PUBBLICI E PRIVATI ONG INTERNAZIONALI AGENZIE GOVERNATIVE DEI PAESI DONATORI AGENZIE GOVERNATIVE DEI PAESI BENEFICIARI DONATORI NEI PAESI CHE RICEVANO L'AIUTO ONG LOCALI LA POPOLAZIONE COLPITA E LE VITTIME AGENZIE DELL'ORG. DELLE NAZIONI UNITE Ufficio ONU per il Coodinamento degli Affari Umanitari (UN-OCHA) Squadra ONU Assistenza nei Disastri (UNDAC) Gruppo Internazionale Consiglio sulla ReS Alta Commissione ONU per i Profughi (UNHCR) Programma Mondiale per l'Alimentazione (WFP) Altre agenzie ONU SQUADRE DI RISPOSTA RAPIDA Squadre internazionale di ReS Disaster Assistance Response Teams (DARTs) CROCE / STELLA / MEZZALUNA ROSSA Comitato Internazionale della CR Federazione Internazionale delle Societ à CR Societ à nazionali - paesi donatori Societ à nazionali - paesi beneficiari
  17. 17. Nel paese assistito Coordinatore Residente ONU (UN-RC) Coordinatore Umanitario ONU (UN-HC) Coordinatore dei Soccorsi di Emergenza (UN-ERC) (Sottosegretario Generale per gli Affari Umanitari) Comitato Permanente Inter-Agenzia (UN-IASC) [agenzie umanitarie ONU; UNHCR, Croce Rossa, Banca Mondiale, varie ONG] Coordinamento Umanitario Civile-Militare (UN-CMCoord) Dipartimento degli Affari Umanitari (UN-DHA) Ufficio per il Coordinamento degli Affari Umanitari (UN-OCHA)
  18. 18. www.sphereproject.org Bisogna essere molto sensibile ai fattori culturali e ai dilemmi della neutralità
  19. 20. Dimensioni di ciascun paese in rapporto alla sua popolazione
  20. 21. Dimensioni di ciascun paese in rapporto al suo livello di ricchezza
  21. 22. Un doppio standard: $3.500.000.000 per salvare i mercati finanziari, $100.000.000 per salvare le vittime di Uragano Mitch
  22. 23. Nel 2005 i paesi ricchi hanno donato $4,5 miliardi per soccorsi dopo il maremoto asiatico Nello stesso tempo, l'ONU non è riuscito a raccogliere $30 milioni per la grave crisi in Dafur
  23. 24. Al convegno di Rio de Janeiro, 1992 i paesi donatori promisero di erogare lo 0,8% del PNL in assistenza internazionale per favorire lo sviluppo economico dei paesi poveri Da un alto nel 1995 il percentuale medio del PNL destinato allo sviluppo è calato di circa la metà allo 0,2%.
  24. 25. Globale Supernazionale Nationale Nazionale Regionale Locale Il soccorso dei disastri visto come mercato di contrattazione per le risorse DONARE RICHIEDERE ASSEGNARE RICHIEDERE
  25. 26. Emergenza complessa: &quot;una crisi umanitaria in un paese, una regione regione o una società dove esiste una notevole assenza di governo a causa di conflitto interno o esterno, la quale per essere ben affrontata, richiede più risorse di quelle offerte da qualsiasi singolo programma dell'ONU.&quot;
  26. 27. Le 'emergenze complesse': situazioni di collasso politico, economico, militare, dell'ordine pubblico, del tessuto sociale Aceh (Indonesia) Afghanistan Africa meridionale Angola Burundi Cecenia Colombia Corea del Nord Eritrea e Ethiopia Grandi Laghi Africani Haiti Il Caucaso Iraq Kenya Kosovo e i Balcani Liberia Pakistan settentrionale Palestina e Israele Rwanda Sierra Leone Somalia Sri Lanka il Sudan Timor Orientale Uganda
  27. 28. La &quot;Croce militare&quot; GUERRE E CONFLITTI DISASTRI NATURALI INSICUREZZA POVERTÀ VULNERABILITÀ E EMARGINAZIONE ASSISTENZA MILITARE ASSISTENZA UMANITARIA
  28. 29. Giustizia Imparzialità Umanitarismo Dirottamento dei soccorsi Soccorso Rapine e rapimento di persone Guerra totale Strumentazione degli aiuti Quale futuro?
  29. 30. Conclusioni
  30. 31. Fiume Buriganga: Bangladesh centrale ____________________ Livello normale dell'acqua Livello dell'acqua nelle alluvioni Per miliardi di persone elevati livelli di rischio sono un fatto quotidiano della vita....
  31. 32. Le Ande peruviane, Cordillera Orientale Smottamento di detriti rocciosi Case distrutte
  32. 33. Il sistema internazionale di soccorso dei disastri è molto inefficiente La preparazione locale è mancante e il sistema mondiale non sta facendo abbastanza per incoraggiarla La prevenzione dei disastri è materia che viene incastrata in un sistema di rapporti internazionali pieno di ambiguità .
  33. 34. Ma ci sono buoni esempi di validissime iniziative...
  34. 35. I paesi ricchi hanno esportato il rischio a quelli poveri: il terrorismo potrebbe essere visto come un tentativo di riesportarlo verso la sua origine.
  35. 36. Sfruttamento globale Economia nera e informale La scienza La comunità internazionale Assistenza militare Assistenza umanitaria Creazione di povertà, emarginazione e precarietà &quot;Capacity building&quot;: creazione di resilienza
  36. 37. <ul><li>robustezza : resistere lo stress </li></ul><ul><li>senza perdere la funzionalità </li></ul><ul><li>ridondanza : poter continuare </li></ul><ul><li>di funzionare durante </li></ul><ul><li>una fase di caos e danni </li></ul><ul><li>ingegnosità : capacità di conoscere </li></ul><ul><li>i problemi e mobilitare risorse </li></ul><ul><li>rapidità : capacità di raggiungere </li></ul><ul><li>obiettivi e soddisfare priorità in </li></ul><ul><li>modo tale da ridurre le perdite . </li></ul>Le quattro dimensioni della resilienza:
  37. 38. protezione-civile-italia.blogspot.com [email_address] www.slideshare.net/dealexander

×