Your SlideShare is downloading. ×

Mondo In Emergenza

687

Published on

Published in: Education, Spiritual
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
687
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
33
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Prof. David Alexander CESPRO – Università di Firenze Un mondo in emergenza: lo stato dell'arte Sydney, Australia 21-9-09
  • 2. Sumatra, Mercoledì 30 settembre 2009
  • 3. Samoa, Martedì 29 settembre 2009
  • 4. Viet Nam, Lunedì 28 settembre 2009 (Tifone Ketsana)
  • 5. Le Filippine, Sabato 26 settembre 2009
  • 6. Valori medii annuali 1999-2008 Disastri: 719 Disastri naturali: 55% Disastri antropici: 45% Morti: 124.348 Disastri naturali: 92% Disastri antropici: 8% Persone colpite da disastro: 271 milioni Disastri naturali: 99% Disastri antropici: <1% Danni: US$108 miliardi
  • 7. Due disastri al giorno!
  • 8. Gestione degli incidenti Protezione della populazione (della comunità) Piani, procedure, protocolli Risorse umane e materiali Previsione e monitoraggio dei pericoli, ecc. Disaster risk reduction
  • 9. Organizzazione Risorse Organizzazione della comunità Organizzazione imposta dall'esterno Volontarismo Pianificazione a livello della comunità Leggi, protocolli, direttive Standard, norme, linee guida Risorse della comunità Risorse governative Donazioni Risorse internazionali
  • 10. Disastri e crisi Protezione civile domestica Assistenza umanitaria al mondo Assistenza di emergenza in Europa Volontariato Forze armate
  • 11. Assistenza umanitaria Soccorso ai disastri domestici
    • Istituzioni
    • civili domestici :
    • locali
    • regionali
    • nazionali
    • Istituzioni
    • civili stranieri :
    • locali
    • regionali
    • nazionali
    Organizzazioni internazionali ed ONG: ONU, IFRC, ecc. Assistenza governativa e militare all autorità e alle comunità civili
  • 12. ....e in Europa....
  • 13.
    • non è possibile creare una
    • vera protezione civile europea
    Ma abbiamo il meccanismo comunitario per la protezione civile e il MIC – Centro di Monitoraggio e Informazione ─ forme di scambio tra gli stati membri ─ e ECHO – l'ufficio umanitario UE
  • 14. La situazione mondiale
  • 15. Assistenza umanitaria:
    • diretta: distribuzione di materiali
    • e servizi direttamente ai beneficiari
    • indiretta: ad esempio, trasporto
    • di materiali e personale di soccorso
    • supporto all'infrastruttura: servizi
    • generali come riparazione delle
    • strade, gestione degli spazi aerei,
    • generazione dell'elettricità .
  • 16. Il sistema internazionale di soccorso DONATORI PUBBLICI E PRIVATI ONG INTERNAZIONALI AGENZIE GOVERNATIVE DEI PAESI DONATORI AGENZIE GOVERNATIVE DEI PAESI BENEFICIARI DONATORI NEI PAESI CHE RICEVANO L'AIUTO ONG LOCALI LA POPOLAZIONE COLPITA E LE VITTIME AGENZIE DELL'ORG. DELLE NAZIONI UNITE Ufficio ONU per il Coodinamento degli Affari Umanitari (UN-OCHA) Squadra ONU Assistenza nei Disastri (UNDAC) Gruppo Internazionale Consiglio sulla ReS Alta Commissione ONU per i Profughi (UNHCR) Programma Mondiale per l'Alimentazione (WFP) Altre agenzie ONU SQUADRE DI RISPOSTA RAPIDA Squadre internazionale di ReS Disaster Assistance Response Teams (DARTs) CROCE / STELLA / MEZZALUNA ROSSA Comitato Internazionale della CR Federazione Internazionale delle Societ à CR Societ à nazionali - paesi donatori Societ à nazionali - paesi beneficiari
  • 17. Nel paese assistito Coordinatore Residente ONU (UN-RC) Coordinatore Umanitario ONU (UN-HC) Coordinatore dei Soccorsi di Emergenza (UN-ERC) (Sottosegretario Generale per gli Affari Umanitari) Comitato Permanente Inter-Agenzia (UN-IASC) [agenzie umanitarie ONU; UNHCR, Croce Rossa, Banca Mondiale, varie ONG] Coordinamento Umanitario Civile-Militare (UN-CMCoord) Dipartimento degli Affari Umanitari (UN-DHA) Ufficio per il Coordinamento degli Affari Umanitari (UN-OCHA)
  • 18. www.sphereproject.org Bisogna essere molto sensibile ai fattori culturali e ai dilemmi della neutralità
  • 19.  
  • 20. Dimensioni di ciascun paese in rapporto alla sua popolazione
  • 21. Dimensioni di ciascun paese in rapporto al suo livello di ricchezza
  • 22. Un doppio standard: $3.500.000.000 per salvare i mercati finanziari, $100.000.000 per salvare le vittime di Uragano Mitch
  • 23. Nel 2005 i paesi ricchi hanno donato $4,5 miliardi per soccorsi dopo il maremoto asiatico Nello stesso tempo, l'ONU non è riuscito a raccogliere $30 milioni per la grave crisi in Dafur
  • 24. Al convegno di Rio de Janeiro, 1992 i paesi donatori promisero di erogare lo 0,8% del PNL in assistenza internazionale per favorire lo sviluppo economico dei paesi poveri Da un alto nel 1995 il percentuale medio del PNL destinato allo sviluppo è calato di circa la metà allo 0,2%.
  • 25. Globale Supernazionale Nationale Nazionale Regionale Locale Il soccorso dei disastri visto come mercato di contrattazione per le risorse DONARE RICHIEDERE ASSEGNARE RICHIEDERE
  • 26. Emergenza complessa: &quot;una crisi umanitaria in un paese, una regione regione o una società dove esiste una notevole assenza di governo a causa di conflitto interno o esterno, la quale per essere ben affrontata, richiede più risorse di quelle offerte da qualsiasi singolo programma dell'ONU.&quot;
  • 27. Le 'emergenze complesse': situazioni di collasso politico, economico, militare, dell'ordine pubblico, del tessuto sociale Aceh (Indonesia) Afghanistan Africa meridionale Angola Burundi Cecenia Colombia Corea del Nord Eritrea e Ethiopia Grandi Laghi Africani Haiti Il Caucaso Iraq Kenya Kosovo e i Balcani Liberia Pakistan settentrionale Palestina e Israele Rwanda Sierra Leone Somalia Sri Lanka il Sudan Timor Orientale Uganda
  • 28. La &quot;Croce militare&quot; GUERRE E CONFLITTI DISASTRI NATURALI INSICUREZZA POVERTÀ VULNERABILITÀ E EMARGINAZIONE ASSISTENZA MILITARE ASSISTENZA UMANITARIA
  • 29. Giustizia Imparzialità Umanitarismo Dirottamento dei soccorsi Soccorso Rapine e rapimento di persone Guerra totale Strumentazione degli aiuti Quale futuro?
  • 30. Conclusioni
  • 31. Fiume Buriganga: Bangladesh centrale ____________________ Livello normale dell'acqua Livello dell'acqua nelle alluvioni Per miliardi di persone elevati livelli di rischio sono un fatto quotidiano della vita....
  • 32. Le Ande peruviane, Cordillera Orientale Smottamento di detriti rocciosi Case distrutte
  • 33. Il sistema internazionale di soccorso dei disastri è molto inefficiente La preparazione locale è mancante e il sistema mondiale non sta facendo abbastanza per incoraggiarla La prevenzione dei disastri è materia che viene incastrata in un sistema di rapporti internazionali pieno di ambiguità .
  • 34. Ma ci sono buoni esempi di validissime iniziative...
  • 35. I paesi ricchi hanno esportato il rischio a quelli poveri: il terrorismo potrebbe essere visto come un tentativo di riesportarlo verso la sua origine.
  • 36. Sfruttamento globale Economia nera e informale La scienza La comunità internazionale Assistenza militare Assistenza umanitaria Creazione di povertà, emarginazione e precarietà &quot;Capacity building&quot;: creazione di resilienza
  • 37.
    • robustezza : resistere lo stress
    • senza perdere la funzionalità
    • ridondanza : poter continuare
    • di funzionare durante
    • una fase di caos e danni
    • ingegnosità : capacità di conoscere
    • i problemi e mobilitare risorse
    • rapidità : capacità di raggiungere
    • obiettivi e soddisfare priorità in
    • modo tale da ridurre le perdite .
    Le quattro dimensioni della resilienza:
  • 38. protezione-civile-italia.blogspot.com [email_address] www.slideshare.net/dealexander

×