Your SlideShare is downloading. ×
0
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Epidemiologia dei terremoti
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Epidemiologia dei terremoti

739

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
739
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
17
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Epidemiologiadei terremoti Prof. David AlexanderCESPRO - University of Florence
  • 2. Impatto medio annuale dei terremoti (2000-2009 data)• 29 disastri (compresi maremoti)• 45,355 morti (varia da un anno ad un altro da 2 ordini di magnitudine)• 8.3 milioni di persone colpite• $18,3 miliardi di danni (in secondo posto agli uragani)• il 60% dei disastri in Asia. Asia.
  • 3. Il quadro della mortalità edella morbosità (il ferimento)
  • 4. Mortalità nei terremotiIstantanea:Istantanea:• ferite da schiacciamento• ferite al cranio o alla thorace• emoraggia interna. interna.Rapida (da minuti ad ore):• asfissia, shock, ipotermia rapidaRitardata (ore a giorni): giorni):• assideramento• ipotermia o ipertermia• sindrome di schiacciamento• infezione o sepsi post operativa. operativa.
  • 5. Mortalità nei terremoti• concentrata negli eventi più grossi• concentrata in luoghi particolari• può raggiungere il 10-85% della 10- popolazione dellarea epicentrale• rapporto morti/feriti 1:3 (ipotetico)• gli infortuni calano con crescente distanza dallepicentro. dallepicentro.
  • 6. Comportamento attivo:• viaggio a lavoro e in dietro• attività ricreative ecc. à ricreative,• pasti e vita in famigliaComportamento passivo:• il sonno notturno• ruolo dellefficienza e la rapidità à di ricerca e salvataggio dopo il terremoto e dellassistanza medica.
  • 7. Quadro delle persone ferite morti ferite multiple gravi fratture semplici ferite minori: lacerazioni, ecc.Rapporto di ferite gravi a lievi: da 1:9 a 1:30
  • 8. Tipi di ferimento• sindrome di schiacciamento• frattura della clavicola o degli arti• lacerazioni e contusioni• casi chirurgici e ortopedici• infarto miocardico acuto. acuto.
  • 9. Tipi di ferimento• danno neurologico• paraplegia• cancrene, amputazione cancrene,• ARDS: ARDS: adult respiratory distress syndrome• ustioni e morsi di animale, animale, scosse elettriche. elettriche.
  • 10. Dati da diversi terremoti
  • 11. Il rapporto di morti ad edifici crollati varia da 8:100 a 32:100 Lintrappolamento aumenta il rischio di morire 35-100 volte 35-• difficoltà respiratoria causata da pressione sul torace di oggetti caduti, o da ingestione di grandi quantità di polvere• 2-6 ore dopo il terremoto meno della metà delle persone intrappolate saranno ancora vive. vive.
  • 12. Percentuale di persone intrappolate vive sotto edifici crollati 0 50 100 0.5 Ore 1 3 12 Periodo critico 1 GiorniTempo di sopravvivenza 2 3 4 5 7 10 15
  • 13. Il ruolo degli edifici
  • 14. Nei terremoti il principalerischio alle personeè causato dalcrollo degli edifici. edifici.Integrità strutturale:ladeguatezza di unedificio per lusoa cui è destinato.Fallimento:Fallimento: il totale o parzialecrollo, la distruzione oppurela non funzionalità delledificio. delledificio.
  • 15. Nei terremoti, il danno agli edifici avviene in funzione a:• il rilascio di energia sismica magnitudo e durata dello scuotimento massima accelerazione• distanza dallepicentro dallepicentro• geologia in superficie (sedimenti sciolti ampificano le onde) onde)• tipo di costruzione e regolarità della forma delledificio• stato di manutenzione delledificio. delledificio.
  • 16. Danni ai piani intermedi di un condominio Effetto inerziale Interazione = danno Mancanza di rigidità nella strutturaAccelerazione alla base
  • 17. A livello mondiale, nei terremotici sono più infortuni di notte:• una persona che dorme non ha una pronta reazione• le case sono particolarmente a rischio• 50-90% della mortalità è notturna. 50- notturna.
  • 18. Comunque, incide molto il comportamento di massa, un fenomeno che cambia massa, con il giorno e lorario.
  • 19. La casa:principalefonte dirischio
  • 20. Una scala livello di danno/livello di rischioLivello di danno: [1] danno minimoa muri, rivestimenti e mobili.Rischio personale: un comportamentoprudente minimizza i rischi.
  • 21. Una scala livello di danno/livello di rischioLivello di danno: [2] dannisignificativi a strutture e rivestimenti.Rischio personale: rischio diferita ma in genere non di morte. .
  • 22. Una scala livello di danno/livello di rischioLivello di danno: [3] danni generalie crollo di elementi architettonici.Rischio personale: il rischio di ferita èsignificativo ma quello di morte è basso.
  • 23. Una scala livello di danno/livello di rischioLivello di danno: [4]gravi danni e crollo parziale.Rischio personale: forte rischio diferita e significativo rischio di morte.
  • 24. Una scala livello di danno/livello di rischioLivello di danno: [5]crollo di più del 50% della struttura.Rischio personale: la probabilitàdi sopravvivenza è limitata.
  • 25. Q E Bassa qualità ProssimitàFeriti edilizia (bassa all’epicentroQ resistenza e alla rottura E Morti sismica) di faglia Concentrazione T S dei feriti Amplificazione AmplificazioneT topografica sedimentaria S CC = f { E,Q,S,T }
  • 26. Qualità delledilizia e resistenza sismica: • fattori di sito
  • 27. Qualità delledilizia e resistenza sismica:• tipo di edificio e materiali di costruzione [Pietrame] [Cemento armato]
  • 28. Qualità delledilizia e resistenza sismica: • piano e elevazione delledifico
  • 29. Qualità delledilizia e resistenza sismica: • fattori della forma urbana della città [abbattimento da edifici adiacenti]
  • 30. Qualità delledilizia e resistenza sismica: • costruzione mista? [pietrame e blocchi di cemento]
  • 31. Qualità delledilizia e resistenza sismica: • stato di manutenzione
  • 32. Qualità delledilizia e resistenza sismica: • fattori di occupanza
  • 33. n=202 6-25 deaths 3-5 deaths 1-2 deaths Uno o due persone Zero morti Casi di mortalità multipla Città dellAquila
  • 34. Distribuzione dei morti nel centro dellAquila • 20-25% dei casi di morte sono 20- avvenuti in sette edifici soltanto • i morti erano raggruppati in zone di amplificazione topografica e cattiva qualità edilizia • eccetto le case degli studenti, i raggruppamenti di mortalità non erano differenziati per età • lubicazione dei casi di morte corrisponde bene con quello del crollo parziale o totale degli edifici. edifici.
  • 35. Tutti Terremoto del 6 aprile 2009 Blù: mortalità registrata Rosso: mortalità prevista in base ad una proporzionalità per gruppo di etàMaschi Femmine
  • 36. Zero morti:gli edifici erano in condizione relativamentebuona e il dannonon era grandeScala di dannoe rischio: 1-2 1-
  • 37. Uno o due morti:la gente è corsafuori ed è stata ammazzata dacrolli di facciata Scala di danno e rischio: 3-4 3-
  • 38. ... oppure nelcrollo delle scale.
  • 39. Raggruppamenti dimortalità multipla:crolli spettacolari di condomini con fino a25 morti ciascuno: fattore aggiunto amplificazione topografica. topografica. Scala di danno e rischio: 5
  • 40. Terremoto imprevisto Impatto Impatto Impatto leggero grave catastrofico Danni Caduta Crollo Crollo assai di oggetti parziale totale limitati pesanti Rimanere Infilarsi in situ in un buco Cercare Correre rifugio fuori Ferito Ferito Illeso Ammazzato leggermente gravementeImmobilità assoluta Disperata fuga
  • 41. ...e nel mondo ...
  • 42. Istanbul, popolazione 13 milioni - magnitudo 7,6 -
  • 43. Teheran, popolazione 11-16 milioni 11- - magnitudo 7,1 -
  • 44. Tokio, popolazione 13 milioni - magnitudo 8,3 -
  • 45. Kathmandu, popolazione 1.6 milioni - magnitudo 7,4 -
  • 46. Sumatra occidentale 30-09-2010 30-09-1,150 morti
  • 47. www.microdis-eu.be
  • 48. Grazie per il gentile ascolto!protezione-civile-italia.blogspot.com www.slideshare.net/dealexander D.Alexander@alice.it

×