Your SlideShare is downloading. ×
L'Occhio nel Paese, n.16, maggio 2010
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

L'Occhio nel Paese, n.16, maggio 2010

174
views

Published on

Published in: News & Politics

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
174
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. nel paese Pubblicazione di cultura, informazione ed opinione del Gruppo del Polo per Cordignano e UDC N 16 - maggio 2010 EDITORIALE gruppo consiliare di opposizione: Alleanza per Cordignano. Un assessore sempre trovare spazio: la verità unisce le persone, solo il malaffare logora eCordignanesi, giunge a Voi un nuovo ha, addirittura, abbandonato definitiva- disunisce.numero de L’Occhio nel Paese. mente il Consiglio Comunale! A questo punto, non è il caso che ilÈ un’edizione importante perché dà In via eccezionale, in questo numero, il Sindaco e la sua Giunta si dimettano?uno sguardo a vicende amministrative nostro foglio informativo dà spazio agravi: proprio perchè gravi, vengono questi consiglieri per esporre le vere Si ricorda inoltre che potete inviarci lemascherate o presentate sotto “altre motivazioni del loro agire, al di là di vostre richieste o segnalazioni allavesti” da chi ci amministra. quello raccontato dalla maggioranza. nostra casella di posta elettronica:Ecco dunque che noi, per dovere di Questo perché la verità, per noi, deve occhionelpaese@gmail.comtrasparenza e di informazione, le spie-ghiamo aggiungendo straordinariamen-te un altro foglio che illustra il bilanciopreventivo 2010-2012 e il bilancio Voti espressi nelle elezioni fatte a Cordignano negli ultimi quattro anniconsuntivo 2009 del Comune di Cordi-gnano. ComunaliOltre a ciò, vi è un’instabilità ammini- 2006strativa venutasi a creare proprio in oc-casione del voto al Bilancio di Previsio- Cordignano Insieme Polo per Cordignano C Dne 2010: l’attuale maggioranza ammi- Viva per Cordignano UDC no U 1703 (42.1%) 1304 (32.2%) ignanistrativa ha perso un altro consigliere 1040 (25.7%) Cordcomunale e, quindi, si trova ad ammini- perstrare con una risicata maggioranza di Polo9 voti; mentre l’opposizione, ora, può Comunalicontare ben 8 voti. Ricordiamo che PDLall’insediamento, Cordignano Viva 2011aveva 12 voti e l’opposizione 5 voti in CAMERA 2008 1031totale. Questi numeri rendono benel’idea di cosa sia successo? EUROPEE 2009 797 LOra, l’abbandono di tre assessori e di PDun consigliere crea una situazione di OLL EXIT P REGIONALI 2010 413malessere all’interno dei banchi dellastessa maggioranza, emersa in tutta lasua drammaticità nel Consiglio Comu-nale del 4 aprile 2010.Tre di loro hanno costituito il nuovo Un commento alle ultime elezioni re- elezioni comunali. Si è dimostrato che SOMMARIO: gionali considera l’eccezionalità della per governare a Cordignano ci vuole EDITORIALE, ELEZIONI ......................1 candidatura a Presidente del Veneto di conoscenza del territorio e delle esigenze una persona locale che ha catalizzato dei nostri cittadini ma, soprattutto, saper PICCOLE E GRANDI CREPE NEL MUNICIPIO ............................... 2-3 fiducia e voti al di fuori della lista che governare per tutti e non solo per una rappresentava. Tant’è che ha attratto parte. IL COSTO DEL FOLKLORE A CORDIGNANO................................ 4 gran parte dei voti del PDL! Quello che contano sono gli uomini, le Questo significa che le persone fanno la loro conoscenze, le loro competenze e il ALLEANZA PER CORDIGNANO.......... 4 differenza! loro spirito di sacrificio. Crediamo che in IN RICORDO DI GUIDO DE CARLO..... 4 Proprio per questo, noi crediamo che la una vera civica si possano aggregare più BILANCIO PREVENTIVO 2010/12.......5 nostra lista di centro, vista l’opposizione identità, al di sopra dei partiti nazionali, BILANCIO CONSUNTIVO 2009.......... 6 costruttiva svolta in questo quadriennio, che hanno l’unico scopo di far crescere potrà essere premiata alle prossime Cordignano. _ _ 1
  • 2. Non è stata rispettata la legge per il Bilancio Comunale …Come sentenziato dal Revisore dei conti, il Bilancio di Previsione Comunale per i prossimitre anni non rispetta il patto di stabilità! Solo Entrate non preventivate nei prossimi anni PICCOLE E GRpotranno salvare l’equilibrio finanziario del Comune. Altrimenti codesti amministratoris’inventeranno nuove tasse!!! NEL MUN… si potrebbe anche non rispettare il “patto di stabilità” …Purché si facciano importanti opere pubbliche per il Comune. Ovvero un investimentoche porterà un valore aggiunto a tutta la comunità. In questo caso anche noi saremmofavorevoli. Ma, sforare il patto di stabilità per il costo dei nuovi dipendenti assunti dacodesta Amministrazione è, quantomeno, demenziale.… è per questo che hanno allontanato il loro consigliere Pessot …Egli, come tesi di laurea, ha dimostrato che la nuova organizzazione del personale dipen-dente voluta da codesta Amministrazione è stata, a dir poco, disastrosa. Nuove assunzio-ni di responsabili di unità operative azzardate. Anziché snellire, hanno burocratizzato ilComune con spese del personale lievitate a dismisura, in cambio di poche e incerterisposte ai cittadini. Da tale studio, fatto in collaborazione con docenti universitari, hannoimparato qualcosa? No! Hanno preferito perdere il loro migliore consigliere.… spese del personale a scapito delle opere pubbliche …Cercate delle opere pubbliche significative nel 2010? Non ci sono! Poche e praticamen-te solo manutenzioni straordinarie.Nel 2010 sono previsti € 200.000 per la Caserma dei Carabinieri: ancora denari peruna struttura limitata che non potrà rispondere alle esigenze che la sicurezza oggirichiederebbe. Nel 2011 si porrà in sicurezza idraulica la zona tra Cordignano eSilvelletta. Nel 2012 ancora altri € 100.000 destinati all’ex magazzino comunale peradeguarlo ad archivio: ha forse scaffalature d’oro questo archivio? Auguriamoci almenoche riescano a rifare via Cadorna, la cui esecuzione era prevista due anni fa.… però, si sono accorti che fra un anno si andrà a votare …Non mancheranno infatti i denari per riasfaltare numerose strade comunali: tra queste levie Vittorio Veneto, Rovereto, Col di Lana, Montegrappa, Montenero, Cadore, MontePiana, Cazzani, Fiume, Nievo. Dovevano essere riasfaltate già da qualche anno. Lofaranno di sicuro per le elezioni. Anche se ne verranno ignorate alcune di importanti per icittadini, come via delle Roncadelle, per esempio. Ma ce ne sono anche altre! Così faceva-no gli amministratori sessant’anni fa: è cambiato qualcosa con questa amministrazione?… allora si aggiungono strane convenzioni e donazioni: dal Campardo …Sono stati inseriti in bilancio € 150.000 donati da una ditta che nel Campardo farà unimpianto di recupero rifiuti. Per fare questo era necessario che ottenesse il cambio di destina-zione d’uso, da allevamento agricolo ad attività produttiva: il nostro Comune lo rifiutò nel1998. Allora la ditta ricorse al TAR ma il ricorso venne bocciato nel 2008. Poco prima ditale bocciatura, però, la ditta stessa chiese direttamente l’autorizzazione alla Provinciasorpassando Cordignano ed ottenendo la concessione per dieci anni rinnovabili. Dov’è lapericolosa assurdità? Nel Consiglio Comunale del 4 maggio 2010 codesta Amministrazio-ne ha approvato tutto ciò e senza garantire il ripristino dell’area fra dieci anni! Come sispiega tutto ciò? Chi ci amministra è stato ignorato, però ha dato parere favorevole senzabatter ciglio e intanto ha preso € 150.000! Ci si chiede: è normale ed è legale tutto ciò?… a via Piave …Hanno modificato la destinazione d’uso di un terreno da agricolo a produttivo ad unaditta, in zona industriale, perchè ampli la propria fabbrica: costruirà un impianto dicogenerazione che brucerà residui del legno e ramaglie per produrre energia elettri-ca. In cambio la ditta allargherà via Piave dalla zona industriale al confine conGodega. Questo potrebbe essere anche positivo ma perché di tutto questo solo pochisanno? Gli accordi devono essere trasparenti, non solo chiari. Gli attuali amministrato-ri fanno di tutto per nascondere le carte. Anche agli stessi consiglieri comunali.… e si aggiungono lavori imperfetti: via Isonzo …Dicono che “riguarda un percorso ciclopedonale …percorrendo l’argine del fosso…”Noi l’avevamo proposto così, loro lo hanno rovinato. Metà alveo del fossato è statochiuso! E poi impongono ai nostri agricoltori di non chiudere i fossati!Non sarebbe stato ideale creare una passerella e una zona tutta a parcheggi, che avreb-be incentivato la sicurezza e anche le attività commerciali? Poi, mentre facevano i lavori,si sono resi conto che chiudevano gli accessi ai residenti. Poi, sempre poi! Mai prima. _ _ 2
  • 3. … e si aggiungono iniziative imperfette: black out improvviso per ilRANDI CREPE risparmio energetico ma luminarie accese fino a febbraio … Senza preavviso, a febbraio, hanno lasciato al buio gran parte del territorio doveNICIPIO risiedono anziani soli: parecchi hanno cercato spiegazioni presso gli amministratori che, però, non si trovavano. Molti hanno interpellato noi dell’opposizione. Poi gli amministratori hanno sostenuto di averlo fatto a simbolo del risparmio energeti- co: ricordiamo loro che prima sarebbe stato necessario togliere le luminarie natalizie che hanno brillato fin quasi al Martedì Grasso! … e gli introiti del Consorzio Fognature? Nel bilancio non è indicato alcun introito eppure sono circa € 100.000 che il Comune dovrà introitare. Che fine hanno fatto o faranno? Per noi l’avanzo di ammini- strazione annuale e gli introiti dal Consorzio Fognature dovevano e devono essere utilizzati per l’ampliamento delle sottoreti fognarie. Se ci avessero ascoltato in questi 4 anni, Cordignano avrebbe superato, alla grande, il problema delle fognature. … e la rotatoria di Ponte della Muda, Nuovo Piano Regolatore, Depurato- re, Cava del Valin…? Sbandierate ai quattro venti da vari anni, sono rimaste…aria fritta. Non si sa nulla di queste. Si dà la colpa all’ANAS, alla burocrazia, a Di Pietro. Neanche il regalo fatto ai cavatori va avanti! Il depuratore? Per loro non è più un proble- ma: lo gestiscono gli altri! Non si sono accorti che è ancora nel nostro territorio. … ma le bollette dei rifiuti aumentano … Ma se differenziamo i rifiuti, la bolletta non dovrebbe diminuire? Cioè non dovremmo essere premiati? Ad una nostra esplicita richiesta sulla cifra incassata dal CONAI e meritata dai Cordignanesi per aver ben differenziato i rifiuti, codesta Amministrazione ha dimostrato di non sapere neanche dell’esistenza del CONAI stesso. Figuriamoci dei rimborsi, che poi confluiscono al CIT/SAVNO! A proposito, hanno dato in gestione anche l’ecocentro ubicato in zona industriale al CIT o meglio alla SAVNO: aspettiamoci ulteriori costi….. E noi ricicliamo ma, anziché rispar- miare, paghiamo di più. … le cose semplici ed essenziali si complicano… Mense e trasporto scolastico: nel 2009 hanno aumentato le rette contro lo stesso regola- mento da loro approvato. Ora, nel 2010, vicino alle elezioni, cercano di riacquisire fiducia riducendo le rette che, invece, dovrebbero essere annullate. Intanto hanno compromesso la regolarità della copertura finanziaria scesa al 74%: è certezza che fra poco più di un anno dovranno aumentare di molto le tariffe. Nel frattempo, alla mensa vi sono circa 100 iscritti in meno e sul pulmino circa 50 bambini in meno: bel risultato per i nostri bambini, per i genitori, per la scuola o, come dicono loro, per la CULTURA. …e il regolamento sul sociale è davvero sociale?… Nel Consiglio Comunale di ottobre hanno votato il regolamento per gli interventi di assistenza sociale e di servizio sociale. Un regolamento che apre le porte alla discrezio- nalità dell’amministrazione nel valutare la gravità dei casi e la compartecipazione delle famiglie. Quali i criteri migliori per loro? L’amicizia, il colore politico… . E cosa gravissima, hanno approvato che una persona, che ha comprato regolarmente un bene da qualcuno, risulta obbligata ad aiutare economicamente quest’ultimo qualora diventasse bisognoso, pur non essendo vincolata da nessun legame di parentela. Assurdo e contro il Codice Civile, neanche in questo caso ci hanno ascoltato! … e il Museo Archeologico e le Associazioni Cordignanesi? … Faranno il Museo Archeologico con € 1.000, tra l’altro tolti alle spese per la cultura in generale, cioè alla biblioteca. Ma non hanno neanche interpellato il Gruppo Archeologico di Cordignano per fare lo statuto. Hanno appena approvato un regolamento per costituire la “Consulta delle Associazio- ni”: anche in questo caso non hanno recepito quanto indicato dalle stesse associazio- ni. In pratica andrebbero a sostituire la Pro Loco ma, non se ne rendono conto. In oltre sminuiscono un assessorato, quello all’associazionismo, che neanche loro stessi hanno in grande considerazione ma è solo…. “una carega in pì”. A proposito: chi avrà i ruoli direttivi della Consulta? Sempre la stessa associazione vicina all’Amministrazione e guidata dai familiari di un neoassessore. Il Comune non deve essere ridotto ad una gestione familiare tra alcuni viticoltori, vivaisti, falegnami, pensionati… _ _ 3
  • 4. IL COSTO DEL FOLKLORE A CORDIGNANONoi, cittadini di Cordignano, a gennaio ciazione “scelta” dall’Amministrazione. amministratori confondano i festeggia-siamo stati invitati ad un tour panoramico Eppure il bilancio è disastrato! Eppure menti delle tradizioni locali con unaper i vari Panevin del paese con un pul- codesta Amministrazione ha deciso seria politica per le famiglie, quella chemino messo a disposizione dall’ Ammini- ormai da un anno che i genitori debba- tanto hanno promesso durante la propa-strazione comunale. no pagare la tariffa intera del trasporto ganda elettorale!L‘iniziativa non era per gli anziani: così scolastico, anche nel caso in cui i loroha affermato qualcuno che si è impegna- figli usufruiscano della sola andata o delto a distribuire i volantini. solo ritorno. Non hanno nessuna vergo-Infatti sono stati favoriti coloro che vo- gna: dopo aver causato un danno similelevano divertirsi con pinza e tanto vin ai genitori, come nientebrulè senza paura dei “palloncini”. fosse, si sono permessiChi ha pagato? Tutti noi Cordignanesi! di sperperare tutto quelAnche coloro che non vi hanno parteci- denaro per Panevin e vinpato! Il folklore prenatalizio e il pulmino brulè.dei Panevin sono costati quasi € 5.000 Cosa pensare? Ci vienepressoché tutti devoluti ad una neoasso- da pensare che codesti UN NUOVO GRUPPO CONSILIARE DI OPPOSIZIONE Il capogruppo Davide Pessot presenta Alleanza per CordignanoÈ finalmente giunto il momento di presen- non poteva accettare il “ricatto” di di idee per la realizzazione della nuovatarci. Grazie allo spazio concessoci da dimissioni in bianco imposte loro dal piazza. Non ci sono importanti opere inL’Occhio nel Paese abbiamo la possibili- sindaco Campagna. Il mio pensiero è cantiere, tutto è improvvisato da un au-tà di riportare le verità che ci ha imposto stato invece più lungo ma, già un anno tentico dilettantismo!di intraprendere un cammino diverso da fa, ebbi modo di criticare pubblicamente E l’unica cosa che Campagna ripetequello di Cordignano Viva. gli “ingranaggi arrugginiti della macchi- come un ritornello mantrico è che “non ciSiamo i consiglieri Pessot, Benedet e na comunale”, mal guidata dal sindaco. sono i soldi!”Antoniazzi di Alleanza per Cordignano, Siamo nati in aperta polemica con Facile pretesto per zittire le istanze e legruppo che si è recentemente costituito in l’immobilismo e la poltroneria del Giunta richieste di quei pochi cittadini cheseno al Consiglio Comunale. Campagna ma, consapevoli di dover ancora si rivolgono a lui.Abbiamo scelto di annunciare la nostra gettare da subito le fondamenta per la Eppure fummo proprio noi di Cordigna-fuoriuscita dal gruppo di maggioranza in concretizzazione di una seria alternativa no Viva a criticare l’immobilismo delleoccasione della presentazione del politica per i nostri concittadini. Ci siamo precedenti amministrazioni, promettendoBilancio di Previsione 2010: un bilancio chiamati “Alleanza” perché vogliamo ai cittadini il cambiamento.che ha trascurato di raccogliere le neces- mettere insieme uomini e idee per costrui- Ebbene il tanto invocato cambiamentosità dei cittadini non rispettando la legge re una nuova Cordignano, nella convin- non c’è stato: la pochezza di idee edel “patto di stabilità”. zione che non abbiano fallito i partiti l’incapacità di realizzarle dei nostriSubito siamo stati accusati di farlo per le ma, le persone! amministratori hanno costretto molti a“poltrone”, per la “paghetta”. Cordignano è stata privata di molte cose ricredersi, facendo venir meno la fiduciaÈ bene quindi sottolineare come due in questi anni: servizi alla persona resi che avevano riposto nella squadra chemembri di Alleanza già cofondatori di inaccessibili da intollerabili aumenti, quattro anni fa vinse le elezioni.Cordignano Viva, ricoprissero già i amministratori non degni di essere Da questo momento, tutti i delusi darilevanti incarichi di assessore al bilancio chiamati con questo nome. Ma siamo Cordignano Viva sanno di poter contaree al sociale, ruoli a cui hanno rinunciato soprattutto stati privati della possibilità di su un altro punto di riferimento in seno alnel 2008, in coerenza con la visione sognare: cestinato il progetto del palaz- Consiglio Comunale: il gruppo di Allean-dell‘impegno amministrativo che aveva zotto dello sport, trascurata qualsiasi za per Cordignano.spinto la propria candidatura fra le fila iniziativa nel campo dell’edilizia scolasti- Davide Pessotdi Cordignano Viva e con un’etica che ca, è finito nel dimenticatoio il concorso capogruppo di Alleanza per Cordignano. GUIDO DE CARLO CONTINUA A ESSERE TRA NOIVogliamo che a chiudere questo numero de L’Occhio nel Paese, siano poche parole volte ROS PIERINAa onorare il legame che si era instaurato tra il nostro gruppo consiliare e la persona diGuido De Carlo. Rimane vivo in noi il patto umano che ci univa nel contrastare queldecadimento amministrativo di Cordignano che tanta sofferenza ci causava quando SINDACO I Consiglieri del Polo per Cordignanoeravamo insieme sulle sedie del Consiglio Comunale. Non dimentichiamo la sofferenza e UDC sono:di Guido, uomo di cultura, quando venne offeso più volte nei Consigli Comunali. Stride- • ROS PIERINA (Capogruppo)vano davvero le promesse di glorie postume, da parte di chi ci amministra, nell’ultimo • MENEGON TIZIANAsaluto in chiesa, solo per lavarsi la coscienza! A noi rimane il ricordo delle nostre amabiliconversazioni e rimane viva la promessa che gli abbiamo fatto, fino a poco prima C.I.P. - Bruno De Pindell’addio, di andare avanti con forza. Questo è e sarà il nostro modo di onorare Guido. Via Hermada, 24 - 31016 Cordignano (TV) _ _ 4

×