Loading…

Flash Player 9 (or above) is needed to view presentations.
We have detected that you do not have it on your computer. To install it, go here.

Like this presentation? Why not share!

Like this? Share it with your network

Share

Edemocracy - Un'opportunità per tutti? di Salvatore Marras

  • 1,237 views
Uploaded on

Presentazione del Manifesto dell'Opengovernment all' IGF 2010

Presentazione del Manifesto dell'Opengovernment all' IGF 2010

More in: Technology
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
1,237
On Slideshare
1,164
From Embeds
73
Number of Embeds
3

Actions

Shares
Downloads
6
Comments
0
Likes
0

Embeds 73

http://www.datagov.it 52
http://athanassioskollyris.blogspot.com 20
http://feeds.feedburner.com 1

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. E-democracy . Una opportunità per tutti ? Salvatore Marras [email_address]
  • 2. Trattare l’informazione come infrastruttura La PA libera i dati : strategie e strumenti I dati, chiari e leggibili, gestiti dalle Pubbliche Amministrazioni devono essere accessibili a tutti sul Web in formato aperto, gratuitamente ove possibile, e con licenze idonee a consentire la più ampia e libera utilizzazione. La disponibilità di dati aperti è, di fatto, l’infrastruttura digitale sulla quale sviluppare l’economia immateriale. Le Pubbliche Amministrazioni, liberando i dati che gestiscono per conto di cittadini e imprese, possono favorire lo sviluppo di soluzioni da parte di soggetti terzi e contribuire in modo strategico, allo sviluppo economico dei territori dalle stesse amministrati.
  • 3. Quali dati e chi decide biologici, filiera corta e Km 0 La PA libera i dati : strategie e strumenti Tutti i dati ( completi ), salvo dimostrate ragioni di sicurezza e riservatezza, devono essere disponibili, non aggregati, come sono raccolti all’origine ( primari ), nel momento stesso in cui sono generati ( tempestivi ), senza difficoltà di fruizione per chiunque ( accessibili ), leggibili da software di pubblico dominio ( processabili ), senza esclusività di proprietà o formato ( aperti ), senza restrizioni nel loro uso ( liberi )
  • 4. L’autostrada porta alle città La PA libera i dati : strategie e strumenti Il dato è struttura perché è il mattone con il quale si costruiscono edifici (informazioni) funzionali alla loro destinazione. Senza dati aperti ogni forma di fruizione è mediata e, inevitabilmente, contiene distorsione o, peggio, manipolazione. Liberare i dati è conveniente, produce nuova economia, ha un saldo costi benefici positivo
  • 5. Perché è difficile capirlo ? Dobbiamo comunicare meglio con chi può decidere e liberare i dati ?
  • 6. Vuoi i dati o una interpretazione Caro Cittadino, Credi a tutto quello che ti dice chi governa e amministra la cosa pubblica? O preferisci che ogni dato elementare sia disponibile al controllo sociale e i risultati dell’amministrare chiaramente verificabili Avere informazioni o dati non è la stessa cosa, partendo dai dati primari, chi ha gli strumenti per farlo, può confermare o meno le informazioni, si rende praticabile il controllo dei cittadini sulla PA, si avvicina
  • 7. Bilanci o voci che formano il bilancio Caro Sindaco, se oltre al bilancio, dovuto atto pubblico, rendi disponibili i dati che lo hanno formato, i tuoi cittadini capiscono che l’amministrazione non ha niente da nascondere, le associazioni possono valutare meglio le politiche e spiegarle ai cittadini, le opposizioni evitano contestazioni generiche, i centri studi possono confrontare le tue prestazione con altri comuni e fornirti elementi di confronto, i dirigenti rispondono in modo responsabile dei loro budget…. Fare questo costa pochi giorni di lavoro dei tuoi tecnici
  • 8. Promesse o le performance degli eletti Caro Eletto, se oltre alle promesse elettorale rendi noto quanto hai lavorato per loro, i tuoi elettori capiscono se hai mantenuto le promesse, possono seguire le attività e continuare a sostenerti, soggetti no profit possono dimostrare che hai fatto di più di altri eletti, tu puoi misurare meglio la capacità dei tuoi oppositori, i tuoi oppositori devono fare altrettanto, spendereste meno in campagna elettorale…. Fare questo è un dovere che fa parte del mandato di rappresentanza
  • 9. Sicurezza nelle strade o nei giornali Care Agenzie per la Protezione Ambientale, liberate tutti i dati sulla salute ambientale e i cittadini vi aiuteranno a monitorare il territorio, le associazioni interpretando i dati pubblici possono evitare inutili allarmismi e garantire ai cittadini una corretta informazione, i dati ambientali incrociati con quelli sulla salute possono evidenziare i rischi reali, le altre amministrazioni che non intervengono e i privati che provocano danni ambientali sarebbero controllati puntualmente… Fare questo è possibile i dati ci sono e non sono sensibili
  • 10. Sicurezza nelle strade o nei giornali Care Forze dell’Ordine, se tutti i dati sui fatti criminosi, strada per strada, fossero resi pubblici gli articoli dei giornali impressionerebbero meno, i cittadini potrebbero meglio autotutelarsi, potrebbero essere meglio illuminate le strade insicure, i comuni potrebbero pianificare meglio gli interventi di recupero urbano, il mercato immobiliare ne risentirebbe, ma questo spingerebbe verso una migliore organizzazione delle azioni di prevenzione e di presidio del territorio… Fare questo è possibile i dati ci sono e non sono sensibili
  • 11. Cosa serve ? Quali strumenti facilitano la liberazione dei dati ?
  • 12. Un formato e una licenza La PA libera i dati : strategie e strumenti
    • Per un decisore della PA deve essere chiaro cosa si deve fare per rendere aperti i dati della sua Amministrazione:
    • che formato devono avere i dati
    • che licenza d’uso associare
    • Troppe opzioni confondono e creano disomogeneità. Si deve dare a chi decide una soluzione semplice, chiara e accettabile:
    • CSV, XML, Json, ….
    • IODL, Creative Commons…
  • 13. aborigeno Grazie dell'attenzione ;-) Questa presentazione, nelle sue parti originali, è coperta da licenza Creative Commons Attribuzione, Non commerciale, Condividi allo stesso modo http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/2.5/it/legalcode