1                                     Problem Solving                                       Ovvero                        ...
2                                                          Capitolo 1                                                Cosa ...
3                                                Cosa c’è da ricordare                  1) Tutti abbiamo dei problemi per ...
4                                                         Capitolo 2                                                  La p...
5     2.. Come superare lla rabbiia e llo scoraggiiamento     2. Come superare la rabbia e lo scoraggia mento     2 Come s...
6   Lev Tolstoj, autore di Guerra e pace, si ritirò dalluniversità.   Fu definito "incapace e non disposto a imparare", me...
7                                                         Capitolo 3                                              Passare ...
8                                                         Capitolo 4                                              Riisollv...
9   2. Larte di immaginare alternative   E stato condotto uno studio costruendo un piccolo recinto a forma di ferro di cav...
10                                           Profilo d’anatra o…coniglio?                                     C’è un modo ...
11                                                         Capitolo 5                                             Ill segr...
12   "Questo cosiddetto telefono ha troppi difetti per poterlo considerare seriamente come   mezzo di comunicazione. Il di...
13                                                         Capitolo 6                                             Consiide...
14   N.B. La formula è stata espressa graficamente utilizzando la tecnica delle Mappe Mentali che   saranno argomento di u...
15                                         Download Area!!!                                         Download Area!!!    Il...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Problem solving

361 views
289 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
361
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
10
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Problem solving

  1. 1. 1 Problem Solving Ovvero “L’arte di Risolvere i Problemi” A cura di Italo Pentimalli e Patrizia Salvini http://www.piuchepuoi.it http://www.permigliorare.com Capitoli 1) Cosa sono ii probllemii 1) Cosa sono prob em 2) La priima reaziione 2) La pr ma reaz one E’ normale arrabbiarsi e scoraggiarsi 3) Passare alllle solluziionii 3) Passare a e so uz on Il potere delle domande 4) Riisollvere ii probllemii 4) R so vere prob em La tecnica “al posto tuo” e l’arte di immaginare alternative 5) Ill segreto dii Tommasiino 5) I segreto d Tommas no La goccia sulla roccia e la paura di sbagliare 6) Consiideraziionii fiinallii 6) Cons deraz on f na La nostra formulaQuesto Manuale fa parte della grandissima biblioteca di Manualli Gratuiitii del Ciircuiito Posiitiivo piiù Grande dell Manualii Gratuit i Manua Gratu t Cir cuit o Posit iv o più Grande del C rcu to Pos t vo p ù Grande de Web ed è stato realizzato da: Web Web Italo Pentimalli e Patrizia Salvini http://www.piuchepuoi.it – http://www.permigliorare.com Puoi trovare tantissimi altri Manualli Gratuiitii all’indirizzo http://www.piuchepuoi.it/manuali.php Manualii Gratuit i Manua Gratu t http://www.piuchepuoi.it - http://www.permigliorare.com - http://www.autostima.eu - http://www.corsi- pnl.com - http://www.autostima.biz
  2. 2. 2 Capitolo 1 Cosa sono ii probllemii Cosa sono prob em Se ti chiedessimo: cosa sono i problemi? Cosa risponderesti? Delle tremende seccature!! E in fondo non hai tutti i torti! Sta di fatto però che sono qualcosa con cui dobbiamo convivere tutti quanti, ogni giorno. Tutti hanno dei problemi, i bambini hanno dei problemi, i grandi hanno dei problemi, i poveri li hanno, così come i ricchi. Problemi li hanno tutti, nessuno escluso, di tipo diverso, ma li hanno tutti. Per cui la prima cosa che dobbiamo metterci in testa è che sono qualcosa di assolutamente normale nella vita. Nasce però allora l’esigenza di “etichettare” la concezione del problema, perché è importante che ogni cosa venga concepita e recepita con le giuste parole,come al solito è la nostra testa a fare la differenza. Potremmo avere in testa il paradigma problema=seccatura, oppure… problema=opportunità Opportunità di cosa?!!! Di crescita, naturalmente. Per acquisire qualsiasi tipo di abilità nella vita bisogna superare delle prove. Per diventare avvocato bisogna studiare legge, per costruire una casa bisogna essere un buon muratore, per crescere nella vita…bisogna affrontare i problemi, tutto qui. Sappiamo che starai pensando…”ma io cresco anche senza problemi, te lo assicuro!!! Meglio evitarli!”, vero? Ed anche in questo caso non possiamo darti tutti i torti. A nessuno piace dover affrontare delle difficoltà, eppure…fanno parte del nostro cammino. Ma crescere attraverso i problemi è una delle solite frasi fatte? Oppure è un dato di fatto? La seconda ipotesi è quella esatta e ti spieghiamo anche il perché. Il nostro cervello, malgrado tutte le sue potenzialità, è un pigrone incredibile! Una volta che acquisisce un informazione la mette da parte in un luogo sicuro per non doverla ricercare in futuro o meglio per poterla ritrovare senza dover fare troppa fatica (che sfaticato!!). Ecco perché, quando da bambini abbiamo affrontato il problema del dover camminare stando in equilibrio su due piedi, poi non lo abbiamo più dimenticato. In realtà questa caratteristica del cervello è davvero importante perché ci permette di acquisire abilità, strategie che ci permettono di affrontare in futuro situazioni simili impiegando minor tempo e con risultati assolutamente più lusinghieri. Insomma, abbiamo sempre avuto problemi, sempre li avremo e possiamo tranquillamente considerarli come opportunità di crescita. E se sei d’accordo su questa breve premessa…allora continuiamo con la parte più interessante: come affrontare i problemi (e naturalmente come risolverli!) A cura di Italo Pentimalli e Patrizia SalviniQuesto manuale è stato scaricato dalle pagine di Più Che Puoi, il più grande Circuito Positivo sul Web : http://www.piuchepuoi.it Puoi scaricare tantissimi altri Manuali Gratuiti all’indirizzo http://www.piuchepuoi.it/manuali.php http://www.piuchepuoi.it – http://www.permigliorare.com – http://www.autostima.eu
  3. 3. 3 Cosa c’è da ricordare 1) Tutti abbiamo dei problemi per cui nella vita è una cosa assolutamente normale 2) Dobbiamo cominciare a considerare i problemi come opportunità di crescita perché ci permettono di acquisire abilità e strategie che potremo utilizzare in futuro in modo automatico quando si presenteranno situazioni simili A cura di Italo Pentimalli e Patrizia SalviniQuesto manuale è stato scaricato dalle pagine di Più Che Puoi, il più grande Circuito Positivo sul Web : http://www.piuchepuoi.it Puoi scaricare tantissimi altri Manuali Gratuiti all’indirizzo http://www.piuchepuoi.it/manuali.php http://www.piuchepuoi.it – http://www.permigliorare.com – http://www.autostima.eu
  4. 4. 4 Capitolo 2 La priima reaziione La pr ma reaz one “E’ normale arrabbiarsi e scoraggiarsi” 1. E normale arrabbiarsi e scoraggiarsi 2. Come superare la rabbia e lo scoraggiamento 1.. E normalle arrabbiiarsii e scoraggiiarsii 1. E normale arrabbia rsi e scoraggia rsi 1 E norma e arrabb ars e scoragg ars Se mettiamo dell’acqua dentro una pentola ed accendiamo il fuoco tenendo sopra la pentola il coperchio l’acqua brevemente comincerà a bollire ed a premere sul coperchio fino a quando, se non lo toglieremo, farà esplodere la pentola. La stessa cosa succede con le emozioni. Se non le lasciamo fluire, se continuiamo a tenerle dentro, prima o poi sfogheranno in qualcosa di ancora più profondo e potente. Per cui la prima regola è quella di accettare le proprie emozioni. C’è un detto zen che dice “se c’è una soluzione perché ti arrabbi? Se non c’è una soluzione perché ti arrabbi?”…molto bello, ma sfortunatamente non siamo macchine per cui è importante accettare quelle che sono le nostre reazioni e concedere loro lo spazio necessario per allentare le tensioni nervose. Il primo motivo per cui è necessario accettarle e lasciarle fluire già lo abbiamo detto, il secondo è ancora più importante: le migliori decisioni (soluzioni) si prendono solo quando il nostro stato d’animo è messo nelle migliori condizioni per decidere (quante volte hai sentito dire, oppure hai detto “l’ho detto solo perché ero arrabbiato…” ?). E come mettere il nostro stato d’animo nelle migliori condizioni? Togliendo il coperchio alla pentola naturalmente, lasciando sbollire l’acqua dalle negatività che potrebbero portare un eccesso di rabbia o di scoraggiamento. Solo dopo aver superato il primo passo, solo dopo aver riportato la temperatura a livello ottimale possiamo passare alla seconda fase, concentrarsi sulle soluzioni e prendere le nostre decisioni. Ricorda Quando arriva un problema accetta le tue reazioni e lasciale fluire Solo quando avrai recuperato la tranquillità passa alle decisioni! A cura di Italo Pentimalli e Patrizia SalviniQuesto manuale è stato scaricato dalle pagine di Più Che Puoi, il più grande Circuito Positivo sul Web : http://www.piuchepuoi.it Puoi scaricare tantissimi altri Manuali Gratuiti all’indirizzo http://www.piuchepuoi.it/manuali.php http://www.piuchepuoi.it – http://www.permigliorare.com – http://www.autostima.eu
  5. 5. 5 2.. Come superare lla rabbiia e llo scoraggiiamento 2. Come superare la rabbia e lo scoraggia mento 2 Come superare a rabb a e o scoragg amento Abbiamo detto che le emozioni devono essere accettate, lasciate fluire, ma tutto questo ha un perché: superarle. Ma come fare? Come superare la rabbia La rabbia si supera semplicemente togliendo il coperchio. Ognuno ha il suo modo per farlo: batti i pugni sulla scrivania, concediti una lunga corsa, fare in qualche modo uno sforzo fisico aiuta notevolmente a scoperchiare la pentola (n.b.: in caso di necessità qualche parolaccia in questi casi è ammessa!) Come superare lo scoraggiamento Lo scoraggiamento sopravviene spesso per la sensazione di essere soli, di essere “gli unici”, di non avere le capacità. Di averci già provato tante volte e di non esserci riusciti…Non preoccupatevi, è successo a tutti e i casi illustri sono molti: Albert Einstein Un recente studio canadese ha riscontrato nel cervello di Einstein delle anomalie, probabilmente genetiche. Il teorico della relatività non parlò fino a 3 anni e cominciò a leggere a 7. Non fu mai un bravo scolaro e nel 1895 fu bocciato allesame di ammissione al Politecnico di Zurigo (entrò dopo) poichè era preparato solo in matematica e fisica. Ludwig Van Beethoven Si tratta probabilmente del più grande compositore di ogni tempo e luogo, un titano del pensiero musicale, i cui traguardi artistici si sono rivelati di portata incalcolabile. Ma da bambino Ludwig Van Beethoven era timido e parlava a monosillabi, al di fuori della musica non aveva cognizione dei rapporti sociali. Varie biografie riportano che a scuola non era in grado di imparare nulla. Per tutta la vita, inoltre, non fu in grado di apprendere laritmetica al di là delladdizione. Pablo Picasso “Picasso non ha alcuna teoria”, affermava Jean Cocteau. “Latto creativo termina per lui allaltezza dei polsi. La sua mente non interviene, è tutto mano”. Oltre alla spiccata predisposizione per limmaginazione e la manualità , sembra che il grande Pablo Picasso non godesse di una particolare intelligenza. A comprovare questa tesi i suoi numerosi insuccessi scolastici: lo stesso Picasso sostenne di non aver imparato nulla sui banchi di scuola. Dopo il primo provino cinematografico di Fred Astaire, la nota del regista della MGM incaricato delle prove, datata 1933, diceva: “Non sa recitare! Leggermente calvo! Sa ballare un pò!” Astaire teneva quella nota sopra il caminetto nella sua casa di Beverly Hills. Charles Darwin, padre della teoria dellevoluzione, rinunciò a una carriera di medico e si sentì dire da suo padre: “Non ti interessa niente tranne la caccia, i cani e lacchiappare topi”. Nella sua autobiografia Darwin scrisse: “Ero considerato da tutti i miei maestri e da mio padre un ragazzo molto ordinario, piuttosto inferiore alla media per intelletto”. Diciotto case editrici rifiutarono il racconto di dieci mila parole di Richard Bach su un gabbiano “che si libra in aria”, Il gabbiano jonathan Livingston, prima che finalmente lo pubblicasse la Macrnillan nel 1970. Nel 1975 aveva ormai venduto sette milioni di copie nei soli Stati Uniti. A cura di Italo Pentimalli e Patrizia SalviniQuesto manuale è stato scaricato dalle pagine di Più Che Puoi, il più grande Circuito Positivo sul Web : http://www.piuchepuoi.it Puoi scaricare tantissimi altri Manuali Gratuiti all’indirizzo http://www.piuchepuoi.it/manuali.php http://www.piuchepuoi.it – http://www.permigliorare.com – http://www.autostima.eu
  6. 6. 6 Lev Tolstoj, autore di Guerra e pace, si ritirò dalluniversità. Fu definito "incapace e non disposto a imparare", mentre gli insegnanti di Thomas Edison dissero che era troppo stupido per imparare qualcosa. Walt Disney fu licenziato da un direttore di giornali per mancanza di idee ed inoltre andò in fallimento diverse volte prima di costruire Disneyland. Un ragazzino poliomelitico che aveva il sogno di diventare campione di nuoto non solo riuscì a vincere le Olimpiadi ma divenne addirittura il più celebre Tarzan del cinema: il suo nome era Johnny Weissmuller, mentre una persona che aveva cominciato a lavorare come raccoglitore di escrementi 40 anni dopo sarebbe diventato il fondatore del primo quotidiano nazionale dAmerica: Usa Today. Il suo nome è Al Neuhart. E questi sono solo alcuni, per cui…non perdere la fiducia, pensa a tutte queste persone (e a tutte quelle che neanche conosciamo). Ricorda, dietro ogni difficoltà c’è sempre un opportunità, anche se a volte facciamo fatica a vederla. Tiriamoci su le maniche dai, una volta ritrovata la tranquillità, una volta allentate le tensioni nervose puoi passare alla seconda fase, concentrarsi sulle soluzioni e prendere decisioni. A cura di Italo Pentimalli e Patrizia SalviniQuesto manuale è stato scaricato dalle pagine di Più Che Puoi, il più grande Circuito Positivo sul Web : http://www.piuchepuoi.it Puoi scaricare tantissimi altri Manuali Gratuiti all’indirizzo http://www.piuchepuoi.it/manuali.php http://www.piuchepuoi.it – http://www.permigliorare.com – http://www.autostima.eu
  7. 7. 7 Capitolo 3 Passare alllle solluziionii Passare a e so uz on “Il potere delle domande” Una volta ritrovata la tranquillità è giunto il momento di passare alle soluzioni, ora hai tutto il tempo di concentrarti sulle soluzioni. Ma prima di continuare ti poniamo un piccolo quesito, segui e poi dai la tua risposta: Dentro un autobus ci sono 12 persone, alla prima fermata scendono 3 persone e salgono 4, alla successiva scendono 5 e salgono 4, poi salgono 2 e scendono 5, poi non scende nessuno e salgono 3 persone, alla successiva salgono 7 persone e scendono in 2. Bene, la domanda è: quante fermate ha fatto l’autobus? Probabilmente non lo sai perché quasi sicuramente ti sei concentrato sul numero di persone che salivano e scendevano dal bus. Questo breve esperimento serve a dimostrare come il nostro cervello, malgrado la sua straordinaria potenza, sia in grado di concentrarsi su una sola cosa alla volta. Allora cosa decidi? Di concentrarti sul problema (continuando a lamentarti o a dire “perché è successo proprio a me..!”) oppure sulle soluzioni? (su entrambe le cose come hai visto è impossibile) Concentrarsi sulle soluzioni è sicuramente la miglior strada. Da una indagine condotta intervistando molti dei superstiti dei campi di sterminio di Auschwitz si è potuto notare come tutte le persone che riuscirono a salvarsi ebbero una cosa in comune. Tutte le persone, infatti, dichiarano che durante la prigionia non facevano altro che chiedersi “come posso fuggire?”, “come posso salvarmi?”. Ecco qui la frase magica, la domanda magica: come posso. Le domande che ci poniamo hanno un potere grandissimo: quello di focalizzare la nostra attenzione (e, siccome abbiamo visto che riusciamo a concentrarci su una sola cosa alla volta, sarebbe meglio porci le domande giuste). Come posso? Ricorda Una volta allentata la tensione nervosa la cosa più importante è porsi le giuste domande. La domanda magica è: COME POSSO? A cura di Italo Pentimalli e Patrizia SalviniQuesto manuale è stato scaricato dalle pagine di Più Che Puoi, il più grande Circuito Positivo sul Web : http://www.piuchepuoi.it Puoi scaricare tantissimi altri Manuali Gratuiti all’indirizzo http://www.piuchepuoi.it/manuali.php http://www.piuchepuoi.it – http://www.permigliorare.com – http://www.autostima.eu
  8. 8. 8 Capitolo 4 Riisollvere ii probllemii R so vere prob em “La tecnica ‘al posto tuo’ e l’arte di immaginare alternative” 1. La tecnica "al posto tuo" 2. Larte di immaginare alternative 1.. La tecniica "all posto tuo" 1. La tecnic a "al posto tuo" 1 La tecn ca "a posto tuo" Se sei un appassionato di calcio di sarà sicuramente capitato di guardare una partita in tv e stare lì a gridare (o più semplicemente a pensare): tira in porta, passa lì, fai uscire quello e sostituiscilo con quell’altro… Se ti piacciono invece le telenovela o i film, ti sarà capitato di assistere con particolare partecipazione a qualche scena, suggerendo ai protagonisti: scappa, fuggi, baciala, fai così… Bene, non facevi altro che applicare il “Problem Solving”. Nel primo caso magari la tua squadra non segnava ed hai messo in moto la domanda magica “come posso aiutarla a farla segnare?”…togli quel difensore, metti un attaccante in più…ecco le soluzioni. Nel secondo caso magari il protagonista era inseguito da un killer, e allora la tua domanda (anche se inconscia) è stata “come posso fuggire?”. Ti sei concentrato sulle soluzioni. “Al posto tuo” , è proprio quello che fai con gli altri e che ora devi fare con te. Devi riuscire a guardarti dall’esterno, in Programmazione Neuro Linguistica si dice mettersi in terza posizione, ovvero guardare la scena come uno spettatore esterno. Come fare Non è difficile, mettiti in posizione comoda e chiudi gli occhi. Mentalmente allontanati dal tuo corpo e comincia ad esplorare la stanza in cui sei fino a volgere lo sguardo su di te, riuscirai a vederti. Analizza la situazione con occhio esterno. Cosa consiglieresti a quella persona? Come muoversi? Come può? Ricorda Guarda la situazione dall’esterno, mettiti in terza posizione e consigliati come faresti con un’altra persona A cura di Italo Pentimalli e Patrizia SalviniQuesto manuale è stato scaricato dalle pagine di Più Che Puoi, il più grande Circuito Positivo sul Web : http://www.piuchepuoi.it Puoi scaricare tantissimi altri Manuali Gratuiti all’indirizzo http://www.piuchepuoi.it/manuali.php http://www.piuchepuoi.it – http://www.permigliorare.com – http://www.autostima.eu
  9. 9. 9 2. Larte di immaginare alternative E stato condotto uno studio costruendo un piccolo recinto a forma di ferro di cavallo e mettendoci dentro prima una gallina e poi un cane. Il recinto aveva all’esterno una ciotola piena di cibo visibile dall’animale: Gallina C ib o Vedendo la ciotola di cibo davanti a se la maggiorparte delle galline ha continuato a cozzare contro la rete della recinzione. In fondo il cibo era lì e si trattava semplicemente di arrivarci. Quando è toccato ai cani, invece, una volta appurata la presenza della rete e quindi la difficoltà oggettiva nell’arrivare al cibo, molti di loro si sono messi a cercare un’alternativa, non impiegando troppo tempo a trovare la via d’uscita che portava al meritatissimo pasto. C ib o Cane A volte gli schemi mentali che abbiamo così radicati nel nostro cervello ci impediscono di vedere le alternative, come è successo in questo esperimento con le galline. Per questo motivo bisogna sempre cercare di sforzarsi e di tenere allenata la mente nell’arte di “trovare delle alternative”, ricordando sempre e comunque che..”C’è un modo diverso di vedere le cose” A cura di Italo Pentimalli e Patrizia SalviniQuesto manuale è stato scaricato dalle pagine di Più Che Puoi, il più grande Circuito Positivo sul Web : http://www.piuchepuoi.it Puoi scaricare tantissimi altri Manuali Gratuiti all’indirizzo http://www.piuchepuoi.it/manuali.php http://www.piuchepuoi.it – http://www.permigliorare.com – http://www.autostima.eu
  10. 10. 10 Profilo d’anatra o…coniglio? C’è un modo diverso di vedere le cose… A cura di Italo Pentimalli e Patrizia SalviniQuesto manuale è stato scaricato dalle pagine di Più Che Puoi, il più grande Circuito Positivo sul Web : http://www.piuchepuoi.it Puoi scaricare tantissimi altri Manuali Gratuiti all’indirizzo http://www.piuchepuoi.it/manuali.php http://www.piuchepuoi.it – http://www.permigliorare.com – http://www.autostima.eu
  11. 11. 11 Capitolo 5 Ill segreto dii Tommasiino I segreto d Tommas no “La goccia sulla roccia” 1. La goccia sulla roccia 2. Paura di sbagliare 1.. La gocciia sullla rocciia 1. La goccia sullla roccia 1 La gocc a su a rocc a “Non ho sbagliato, ho solo scoperto un altro modo in cui non si fa una lampadina” (Thomas Edison) Il potere della goccia sulla roccia, questo è il segreto di Tommasino….pardon, ci permettiamo di chiamare Thomas Edison simpaticamente “Tommasino” perché è stato talmente tante volte nei nostri pensieri che ora lo sentiamo come uno di famiglia! Il potere della goccia sulla roccia, dicevamo. Una goccia che batte ripetutamente su una roccia, con il tempo, segna comunque un solco. La tecnica di Edison era semplice quanto efficace: provava, vedeva quello che funzionava e quello che non funzionava, quello che funzionava lo teneva, quello che non funzionava lo cambiava, tutto qui. Ricorda Non aver paura di sbagliare, tutti possono farlo. Prova, vedi quello che funziona e quello che non funziona. Quello che funziona tienilo, quello che non funziona…cambialo! 2.. Paura dii sbaglliare 2. Paura di sbagliiare 2 Paura d sbag are La tecnica di Tommasino aveva una caratteristica importante: la gestione della paura di sbagliare. Tutti abbiamo paura di sbagliare, per questo tante volte nemmeno ci proviamo. Eppure…anche in questo caso storie illustri parlano chiaro: Non lasciamoci influenzare da chi ci mette addosso la paura di sbagliare! Le ultime parole famose (della serie...era meglio stare zitti! Le ultime parole famose che non hanno fatto la storia) "Oggi niente di nuovo." A parte la rivoluzione: così scrisse Luigi XVI nel suo diario il 14 Luglio del 1789, giorno della presa della Bastiglia. A cura di Italo Pentimalli e Patrizia SalviniQuesto manuale è stato scaricato dalle pagine di Più Che Puoi, il più grande Circuito Positivo sul Web : http://www.piuchepuoi.it Puoi scaricare tantissimi altri Manuali Gratuiti all’indirizzo http://www.piuchepuoi.it/manuali.php http://www.piuchepuoi.it – http://www.permigliorare.com – http://www.autostima.eu
  12. 12. 12 "Questo cosiddetto telefono ha troppi difetti per poterlo considerare seriamente come mezzo di comunicazione. Il dispositivo è intrinsecamente privo di valore, per quel che ci riguarda." 1876, comunicazione interna della Western Union. Frase originale: "This telephone has too many shortcomings to be seriously considered as a means of communication. The device is inherently of no value to us.". Fonte: Inaccurate Media Forecasts from the Past (http://www.hfac.uh.edu/MediaFutures/misses.html). "Non è pensabile che la cosiddetta scatola musicale senza fili abbia valore commerciale. Chi mai pagherebbe per un messaggio che non è inviato a una persona specifica?" Autore: i colleghi di David Sarnoff, pioniere della radiofonia e direttore generale della Radio Corporation of America (RCA) e della National Broadcasting Corporation (NBC), nonché primo al mondo a trasmettere via radio la notizia dellaffondamento del Titanic (aprile 1912). Frase originale: "The wireless music box has no imaginable commercial value. Who would pay for a message sent to nobody in particular?" Fonte: Inaccurate Media Forecasts from the Past (http://www.hfac.uh.edu/MediaFutures/misses.html). "Benché la televisione sia forse realizzabile dal punto di vista teorico e tecnico, dal punto di vista commerciale ed economico è impraticabile." Autore: Lee DeForest, inventore. Frase originale: "While theoretically and technically television may be feasible, commercially and financially it is an impossibility." Fonte: Bad Predictions (http://rinkworks.com/said/predictions.shtml) "A chi diavolo vuoi che interessi sentir parlare gli attori?" 1927, H. M. Warner, della Warner Bros. Frase originale: "Who the hell wants to hear actors talk?" Fonte: Bad Predictions (http://rinkworks.com/said/predictions.shtml) "in Italia non puo accadere (questo black-out) abbiamo impianti migliori" Andrea Bollino, presidente GRTN (rete elettrica italiana) a proposito del black-out negli USA un mese prima che succedesse in Italia. Quindi.. datti l’opportunità. Permettiti di sbagliare, perché sbagliare vuol dire avvicinarti alla soluzione! "Accettate le sfide se volete provare leccitazione e il gusto della vittoria." Generale George S. Patton A cura di Italo Pentimalli e Patrizia SalviniQuesto manuale è stato scaricato dalle pagine di Più Che Puoi, il più grande Circuito Positivo sul Web : http://www.piuchepuoi.it Puoi scaricare tantissimi altri Manuali Gratuiti all’indirizzo http://www.piuchepuoi.it/manuali.php http://www.piuchepuoi.it – http://www.permigliorare.com – http://www.autostima.eu
  13. 13. 13 Capitolo 6 Consiideraziionii fiinallii Cons deraz on f na “La nostra formula” Tutti i libri, i manuali e tutto il materiale per la crescita personale non è fatto per rimanere su un pc o su un foglio di carta. E’ fatto per essere vissuto, e condiviso. L’Arte di Risolvere i Problemi è un’arte che si può acquisire, è una formula. Andiamo in palestra e listruttore ci prepara e ci consegna la nostra scheda con la lista di tutti gli esercizi. Quella lista, lasciata lì, ci rimette in forma? No di sicuro! Quella scheda è una "formula" che dobbiamo applicare per ottenere i risultati che desideriamo. Quella che ti abbiamo fornito è una formula, applicala e condividila… LA NOSTRA FORMULA - Problem Solving in tre mosse: I PROBLEMI SONO Opportunità di crescita perché ci permettono di acquisire strategie in modo da poter affrontare in futuro problematiche simili in minor tempo e con migliori risultati 1 RISOLVERE I PROBLEMI Guardali dall’esterno e chiediti: “come posso?” Questo ti aiuta a concentrarti sulle soluzioni e ad allenarti nell’arte di immaginare alternative 3 PROBLEM SOLVING ovvero L’arte di risolvere i problemi 2 ACCETTA LE TUE REAZIONI …e lasciale fluire, ti aiuterà ad allentare la tensione nervosa e a metterti nello stato d’animo ottimale per concentrarti sulle soluzioni A cura di Italo Pentimalli e Patrizia SalviniQuesto manuale è stato scaricato dalle pagine di Più Che Puoi, il più grande Circuito Positivo sul Web : http://www.piuchepuoi.it Puoi scaricare tantissimi altri Manuali Gratuiti all’indirizzo http://www.piuchepuoi.it/manuali.php http://www.piuchepuoi.it – http://www.permigliorare.com – http://www.autostima.eu
  14. 14. 14 N.B. La formula è stata espressa graficamente utilizzando la tecnica delle Mappe Mentali che saranno argomento di uno dei prossimi manuali gratuiti di PerMigliorarePiùChePuoi Italo Pentimalli e Patrizia Salvini http://www.piuchepuoi.it http://www.permigliorare.com A cura di Italo Pentimalli e Patrizia SalviniQuesto manuale è stato scaricato dalle pagine di Più Che Puoi, il più grande Circuito Positivo sul Web : http://www.piuchepuoi.it Puoi scaricare tantissimi altri Manuali Gratuiti all’indirizzo http://www.piuchepuoi.it/manuali.php http://www.piuchepuoi.it – http://www.permigliorare.com – http://www.autostima.eu
  15. 15. 15 Download Area!!! Download Area!!! Il Manuale che hai appena finito di leggere fa parte della grandissima biblioteca di Manuali Gratuiti del Network PMPCP (PerMigliorarePiùChePuoi), il Circuito Positivo più Grande del Web. Puoi trovare tantissimi altri Manuali Gratuiti all’indirizzo : http://www.piuchepuoi.it/manuali.php e tantissimo altro materiale Audio e Video da scaricare gratuitamente all’indirizzo http://www.piuchepuoi.it/download.php Ill Ciircuiito Posiitiivo piiù grande dell Web! I C rcu to Pos t vo p ù grande de Web!Dal 2003 Più Che Puoi (http://www.piuchepuoi.it ) è il Circuito Positivo più grande del Web, un portalecon articoli sempre aggiornati, numerose collaborazioni e tantissimo materiale da scaricaregratuitamente.In collaborazione con PerMigliorare (www.permigliorare.com ) abbiamo dato vita alla più ampiaraccolta di Manuali Gratuiti in costante aggiornamento sullo Sviluppo Personale(http://www.piuchepuoi.it/manuali.php )Vieni a trovarci e scopri tutti i nuovi Manuali gratuiti che sono pronti per te!Alla prossima!!!Note LegaliQuesto Manuale proviene dalla libreria di Manuali Gratuiti del Circuito Positivo PMPCP(PerMigliorarePiùChePuoi), è stato scritto da Patrizia Salvini (http://www.permigliorare.com ) e ItaloPentimalli (http://www.piuchepuoi.it) pubblicato sotto una Licenza Creative Commons( http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/it/deed.it ).In particolare:1) NON puoi modificare il testo o attribuirne la paternità ad altre persone2) PUOI pubblicarlo a patto che venga riportato sempre ed in modo ben visibile l’autore ed il link al suo sito (in questo caso http://www.piuchepuoi.it e http://www.permigliorare.com )3) PUOI inviarlo e condividerlo con altre personePer qualsiasi informazione contatta direttamente gli autori agli indirizzi:italopentimalli@piuchepuoi.itpat@permigliorare.comoppure lo Staff di Più Che Puoi all’indirizzo: staff@piuchepuoi.it Vienici a trovare, tante novità ti aspettano ogni giorno! http://www.piuchepuoi.it - http://www.permigliorare.com - http://www.autostima.eu - http://www.corsi-pnl.com - http://www.autostima.biz Patrizia Salvini e Italo Pentimalli

×