Brochure RoyalCamp

596 views
524 views

Published on

La brochure del RoyalCamp: http://dariosalvelli.com/2012/05/ricordi-royalcamp

Published in: Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
596
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Brochure RoyalCamp

  1. 1. Il più importante BarCamp del Sud Italia: levoluzione del mondo digitale attraverso il confronto conlantichità. Viaggiare sulla Rete che abbatte tutte le distanze, specie quelle culturali, in una cornicefantastica.
  2. 2. 1. BarCamp: cosa sono ?BarCamp (www.barcamp.org) è una rete internazionale di non conferenzeaperte, interattive ed informali, i cui contenuti sono proposti dai partecipantistessi e riguardano essenzialmente la sfera delle nuove tecnologie.La filosofia che sta alla base di questi eventi è quella di coinvolgere esperti,appassionati, cittadini e blogger, in una sede fisica e virtuale (attraverso uncollegamento con la Rete) per discutere insieme e contemporaneamente delleproblematiche concernenti il Web (World Wide Web) e linnovazionetecnologica.E da questa relazione interorganizzativa e di confronto che si sviluppanomeccanismi e processi tesi alla valorizzazione di progetti ed attività chepartendo da un interscambio reciproco hanno come obiettivo un miglioramentodella tecnica e delle condizioni sociali.Nato in America, il fenomeno dei BarCamp si è diffuso poi in vari paesi tra iquali anche lItalia. Alla prima edizione di Settembre 2006, nata a Milano, nesono susseguite altre, prevalentemente nelle maggiori città del Nord e delCentro Italia, come quelle di Torino, Bologna, Ancona e Roma.La presenza di una consolidata realtà tecnologica e culturale arricchita da unfermento di idee in queste aree geografiche ha favorito il proliferare di taliincontri e scambi, contrariamente a quanto è invece avvenuto nel Sud delpaese che ha assunto finora un ruolo marginale rimanendo poco partecipee completamente escluso da tali conferenze: testimonianza, quindi, di unevidente ritardo sul fronte dellinnovazione, delle infrastrutture edellalfabetizzazione tecnologica ed informatica.
  3. 3. 2. RoyalCamp: come e perchè ?La suddetta mancanza di una partecipazione comune e di un interesse per letematiche riguardanti le nuove tecnologie nel Sud Italia ha spinto allacreazione di un momento simile ai BarCamp, da realizzarsi in una location cheriunisca modernità ad antichità per meglio comprendere il processo evolutivo:una sorta di “Rinascimento 2.0” spinto dalla collisione di ricerca, innovazione ecreatività.Da questi affascinanti impulsi nasce lidea di realizzare il RoyalCamp(www.barcamp.org/RoyalCamp) nel mese di Settembre 2007: un passaggiodi competenze biunivoco tra esperti e pubblico senza alcun tipo di differenzasociale e culturale.Linterscambio deve essere alla pari e prevede solo alcuni panel fissati apriori resi necessari dalla volontà di portare figure di alto livello professionalea contatto con realtà degradate ed in forte ritardo culturale per un miglioreapproccio informativo: al RoyalCamp è invitato chiunque abbia voglia dicomprendere le problematiche di Internet fornendo spunti, ascoltando,argomentando mediante presentazioni di propri elaborati. Verranno considerateanche tematiche ambientali e relative al mondo dellintrattenimento.Il tentativo di colmare lacune su temi apparantemente complessi è uno deiprincipali obiettivi del RoyalCamp: non solo informare quindi ma allargare gliorizzonti della conoscenza realizzando una base di lavoro e dispirazioneche possa – mediante la condivisione – portare in futuro a nuove idee,progetti.Il momento degli interventi dei partecipanti (che non hanno bisogno di alcuninvito) sarà deciso a priori dagli stessi e comunque il giorno stesso delleventomediante semplici post it da inserire in una bacheca: in tal modo a secondadellesigenze e delle opportunità verrà seguito un sensato e produttivo filologico nel prosieguo dei lavori.
  4. 4. La scelta della Reggia di Caserta come luogo di confronto è dettata da unastrategica posizione geografica e dalla possibilità di utilizzare ampi spazi quali ilparco ed alcune stanze presenti nel complesso Vanvitelliano: si creerebbe cosìunesperienza nuova ed assolutamente inedita nel panorama mondiale.Lideazione del RoyalCamp è ad opera di Dario Salvelli (www.dariosalvelli.com)e di alcuni studenti universitari (vedi la parte relativa al Team organizzativo),stanchi di assistere ad una completa assenza sul proprio territorio diesperienze e realtà tecnologiche adeguate: va sottolineato che levento è noprofit ma supportato da sponsor necessari per la sua realizzazione.Inoltre sono state contattate anche le Istituzioni locali con preciso riferimentoalla Provincia di Caserta: si chiede infatti un appoggio non solo pubblico eformale ma un patrocinio concreto che porti al supporto non solo in termini dimediazione con gli organi interessati e coinvolti nella costruzione delRoyalCamp.Si prevede anche la realizzazione di un sito web completamente dedicato allaconferenza aperta che sostituisca lattuale ( www.barcamp.org/RoyalCamp ). 3. Fattibilità dellideaLa Reggia di Caserta è patrimonio storico e culturale dellumanità riconosciutodallUNESCO dal 1997 ( http://www.unesco.it/patrimonio/siti/siti.htm ) ed èquindi soggetto come monumento a precise e rigide regole disciplinate dalleIstituzioni Italiani quali le Soprintendenze dei Beni Culturali: in tal casolorgano competente al quale chiedere lautorizzazione per lo svolgimento delRoyalCamp è la BAAS di Caserta e Benevento.Nella fase di organizzazione si stanno cercando i relativi permessi e le giustezone dinteresse allinterno del Complesso monumentale affinchè venganosvolte le attività previste.
  5. 5. 4. Sessioni Proposte e PartecipantiPer quanto riguarda i temi proposti a priori alcune idee sono embrionali efunzione del positivo riscontro nella richiesta delle autorizzazioni per lutilizzodegli spazi concessi.Nei pochi giorni in cui è stato aperto il Wiki del RoyalCamp si sono già avuteuna decina di adesioni seppure non ci siano ancora certezze riguardo unafattiva e positiva risposta da parte degli organi competenti al rilascio delleautorizzazioni.Brevemente solo alcuni dei probabili temi che potranno essere trattati:– Panoramica sullo scenario del 2.0 in Italia e sulla Bay Area– Il futuro del Giornalismo sul Web,– Il WiMAX ridurrà il Digital Divide?– RItalia (www.ritalia.eu) come esempio di collaborazione partecipativa– Il nuovo Windows Vista e il suo impatto sugli utenti– Il VoIP: cosè e come utilizzarlo– Guida alla musica elettronica: software, hardware e concerti in digitale
  6. 6. 5. Team OrganizzativoDario Salvelli (www.dariosalvelli.com): Ideatore ed OrganizzatoreSebastiano Sacco (http://www.gringoire.wordpress.com): OrganizzatoreMassimo Palmieri (www.massimopalmieri.it): Collaboratore (Ideazione primologo, Grafica brochure dellevento)Inoltre collaborano attivamente e supportano tuttora il RoyalCamp: leassociazioni Casertamusica (http://www.casertamusica.com) ed Hacklab(http://81100.eu.org), lazienda agricola San Lorenzo (http://www.san-lorenzo.com) Brochure Informativa realizzata da Dario Salvelli con la collaborazione di Sebastiano Sacco

×