igiene del lavoro - Gli infortuni sul lavoro
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

igiene del lavoro - Gli infortuni sul lavoro

on

  • 1,692 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,692
Views on SlideShare
1,692
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
21
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

igiene del lavoro - Gli infortuni sul lavoro igiene del lavoro - Gli infortuni sul lavoro Presentation Transcript

  • Corso di Igiene del Lavoro: Lezione sei Gli infortuni sul lavoro CORSO DI LAUREA IN TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL’AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO ANNO ACCADEMICO 2010-2011
  • INFORTUNIO SUL LAVORO L’infortunio lavorativo è il risultato di un evento avverso occorso in occasione di lavoro, improvviso e da causa violenta, che produce un effetto lesivo dell’integrità biopsichica dei Lavoratori L’infortunio è la conseguenza probabile, ma non necessaria, di un incidente L’incidente è la perdita di equilibrio delle parti di un sistema L’incidente è un evento prevedibile, ma non collocabile in una dimensione temporale definita La probabilità d’accadimento di un incidente è direttamente proporzionale all’instabilità del sistema
    • La probabilità d’accadimento di un infortunio aumenta:
    • Con la durata d’esposizione ad una situazione pericolosa
    • Con la reiterazione dell’esposizione
    • Con il modo dell’esposizione
    Soprattutto sui modi d’esposizione sono costruite ed articolate le strategie di prevenzione View slide
  • INFORTUNIO LAVORATIVO
    • sul posto di lavoro
    • durante l’espletamento dell’attività lavorativa
    • in occasione ad ogni modo legata al lavoro ( es., infortunio in itinere )
    View slide
  • CLASSIFICAZIONI DEGLI INFORTUNI LAVORATIVI In rapporto con la diffusione del rischio Infortuni specifici  derivano da fattori esclusivi dei luoghi e dei cicli di lavoro Infortuni genericii  derivano da fattori comuni, aggravati dalle occasioni di lavoro In rapporto con la natura del rischio Infortuni meccanici Infortuni energetici Infortuni chimici Infortuni biologici
  • In rapporto con la sede della lesione Infortuni localizzati  la lesione è limitata alla zona di contatto con la causa lesiva Infortuni a distanza  la lesione si manifesta in zone diverse da quella di contatto con la causa lesiva In rapporto con la gravità Infortuni lievi Infortuni medi Infortuni gravi o mortali
  • In rapporto con la diffusione della lesione Infortuni in sede Infortuni complicati Infortuni senza reliquati Infortuni con postumi In rapporto con la evoluzione In rapporto con la inabilità prodotta Inabilità temporanea assoluta  impedimento ad attendere al lavoro > 3 giorni Inabilità permanente parziale  riduzione capacità di lavoro > 15% Inabilità permanente assoluta  perdita totale capacità di lavoro
  • Generale 1994: 44,9 casi per 1000 addetti 2003: 32,3 casi per 1000 addetti Mortali 1994: 1065 1999: 1172 2003: 1229 Infortuni nei rami “Industria” e “Servizi” (circa il 95% degli occupati in Italia)
    • Le misure introdotte con il D. Lgs. 626/94 sembrano aver agito soprattutto sulle tipologie di infortunio che comportano conseguenze più lievi.
    • Non si è riusciti invece ad intaccare significativamente la frequenza di accadimento per gli infortuni più gravi e mortali, che comportano in realtà i maggiori costi umani e sociali.
  • Le iniziative ISPESL – Regioni e INAIL – Comitati paritetici
    • Obiettivo: sviluppo delle conoscenze sulle cause e dinamiche infortunistiche degli eventi gravi e mortali al fine di fornire nuovi e più efficaci spunti alle azioni di contrasto del fenomeno .
    • Fonte informativa: Informazioni raccolte dai Servizi di Prevenzione delle ASL e dalle sedi territoriali INAIL in occasione delle inchieste di infortuni.
    • Oggetto: casi di infortuni gravi o mortali occorsi da gennaio 2002 a dicembre 2004
    Le iniziative ISPESL – Regioni e INAIL – Comitati paritetici
  • Le iniziative ISPESL – Regioni e INAIL – Comitati paritetici
    • Progetti:
    • INAIL: modello ESAW; modalità di accadimento degli infortuni
    • ISPESL: modello “Sbagliando s’impara”; cause e dinamiche degli infortuni
  • IL DATABASE
    • 2398 infortuni gravi o mortali, ben rappresentativi per area geografica e comparto lavorativo
  • Attività economica Attività economica Infortunio mortale n. (%) Infortunio grave n. (%) Totale n. (%) Costruzioni 640 (42,7) 293 (33,4) 933 (39,3) Agricoltura, caccia 281 (18,7) 68 (7,8) 349 (14,7) Metalmeccanica / metallurgia 118 (7,9) 114 (13) 232 (9,8) Trasporti, magazzinaggio 98 (6,5) 40 (4,6) 138 (5,8)
  • Le dimensioni aziendali Numero addetti Infortunio mortale n. (%) Infortunio grave n. (%) Totale n. (%) 1-9 1108 (86,2) 586 (71,3) 1694 (80,4) 10-15 72 (5,6) 73 (8,9) 145 (6,9) 16-49 62 (4,8) 91 (11,1) 153 (7,3) 50-249 29 (2,4) 60 (7,3) 89 (4,2) Oltre 250 14 (1,1) 12 (1,5) 26 (1,2)
  • La provenienza
    • 39 nazionalità
      • Italia 85,63%
      • Romania 3.05%
      • Albania 2,97%
      • Marocco 1,65%
      • …… ..
  • La condizione lavorativa Condizione lavorativa Mortali Gravi Totale Dipendente 57,7% 82,3% 67,0% Autonomo senza dipendenti 15,1% 4,2% 11,0% Autonomo con dipendenti 5,2% 2,7% 4,3% Coadiuvante familiare 3,0% 0,8% 2,2% Socio (anche di cooperative) 7,8% 4,4% 6,5% Parasubordinato 1,3% 0,8% 1,1% Interinale 0,8% 3,1% 1,7% Irregolare 5,5% 1,3% 3,9% Pensionato 3,5% 0,5% 2,4%
  • L’anzianità lavorativa (Infortuni mortali)
    • 1 giorno: 7,6%
    • 2 giorni: 1,4%
    • 3-7 giorni: 3,2%
    • 8gg-1 mese: 4,2%
    • 1-6 mesi: 11,9%
    • 6 mesi-1 anno: 10,2%
    • 1-5 anni: 27,3%
    • Oltre 5 anni: 34,3%
  • Il tipo di luogo
    • Luogo di produzione, officina, laboratori: 22,97%
    • Cantiere, fabbricato in demolizione: 13,93%
    • Cantiere, fabbricato in costruzione: 13,75%
    • Luogo di magazzinaggio, carico, scarico: 9,41%
    • Luogo di attività agricola: 3,22%
    • Mezzo di trasporto: 2,91%
    • … ..
  • L’attività fisica specifica Attività fisica Mortali Gravi Totale Camminare, salire, scendere… 15,6 10,6 13,8 Condurre mezzo di trasporto/movimentazione 12,2 2,9 9,3 Lavorare con utensili a mano 7,4 7,0 7,26 Impugnare, afferrare, strappare, deporre su piano orizzontale 7,8 6,2 7,2 Sorvegliare funzionamento macchina 5,2 8,5 6.3 (Dis)/Alimentare macchina 2,6 12,4 6,0
  • La “deviazione ” Deviazione Mortali Gravi Totale Caduta di persona dall’alto 26,4 20 24,2 Caduta di agente sulla vittima 15,1 8,0 12,6 Perdita controllo mezzo di trasporto/ movimentazione 12,7 6,7 10,6 Perdita controllo macchina 4,0 13,3 7,3 Caduta di agente sotto la vittima 5,4 4,6 5,1 Esplosione 1,8 1,0 1,5 Incendio 0,7 0,5 0,6
  • La sequenza dell’infortunio Incidente Scambio d’energia Danno Determinanti (stati/processi) (in serie/parallelo) } Modulatori
  • La dinamica infortunistica Mortali Gravi 83,8% 16,2% 61,7% 38,3%
  • Tipologia di determinanti Determinanti Mortali Gravi Attività dell’infortunato 38,4 42,0 Utensili, macchine, impianti 23,3 28,9 Ambiente 17,2 11,8 Attività di terzi 11,9 10,5 Materiali 7,3 5,0 Abbigliamento e DPI 1,8 1,8
  • Problemi di sicurezza dei determinanti Attività dell’infortunato Errore di procedura ( ~50%) Utensili, macchine, impianti Problemi di assetto ( ~65% ; princ. assenza / inadeguatezza / rimozione / manomissione protezioni)
  • METODI DI VALUTAZIONE DEI MOMENTI DETERMINISTI DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO
  • IL SISTEMA A LISCA Numero e dimensione dei pericoli Rischio potenziale Occasioni incidentogene Sicurezza intrinseca dei sistemi Formazione Comportamenti individuali Probabilità degli eventi
  • IL DIAGRAMMA D’ARIA R. potenziale Occasioni Sic. intrinseca Formazione
  • IL DIAGRAMMA D’ARIA R. potenziale Occasioni Sic. intrinseca Formazione nero rosso celeste giallo
  • IL DIAGRAMMA D’ARIA R. potenziale Occasioni Sic. intrinseca Formazione rosso nero giallo celeste
  • IL DIAGRAMMA D’ARIA R. potenziale Occasioni Sic. intrinseca Formazione Bianco/rosso giallo celeste
  • IL DIAGRAMMA D’ARIA R. potenziale Occasioni Sic. intrinseca Formazione % Bianco/rosso