Your SlideShare is downloading. ×

Fonti rinnovabili termiche

338

Published on

Opportunità e problematiche legate alle fonti rinnovabili termiche

Opportunità e problematiche legate alle fonti rinnovabili termiche

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
338
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Agi Energia - Analisi http://www.agienergia.it/Analisi.aspx?idd=105&id=68&ante=0 AGI Energia direttore responsabile: Giuliano De Risi Fonti rinnovabili termiche: prospettive e sfide mercoledì 2 dicembre 2009 di Dario Di Santo (FIRE) Come ormai risaputo l’Unione Europea si è posta obiettivi molto stringenti relativamente allo sviluppo di pratiche legate all’efficienza energetica, alle fonti rinnovabili e alla riduzione delle emissioni di CO2. La prima voce al momento non è gravata da obblighi specifici, sebbene si stia pensando di introdurne a breve, anche perché risulta fondamentale per raggiungere quelli relativi alle altre due voci nel modo più efficiente ed efficace. In questo articolo si fanno alcune considerazioni sulle fonti rinnovabili, e in particolare su quelle termiche, in termini di prospettive e di problematiche da superare. A tal fine si riportano alcuni dati relativi alla Regione Lombardia, anche per rendere merito a chi si è attivato in termini propositivi prima della definizione dei criteri di burden sharing regionale. Per l’Italia si tratta di raggiungere al 2020 il 17,0% di produzione da fonti rinnovabili rispetto ai consumi finali lordi, passando per un 7,6% al 2011-2012 e un 8,8% al 2015-2016 e partendo da un 5,2% al 2005 (direttiva 28/2009/CE). Quanto questo obiettivo sia ambizioso dipende dalle condizioni al contorno e in particolare dall’andamento della domanda finale di energia. La crisi finanziaria del 2008 se da un lato ha tolto risorse e serenità, dal punto di vista degli obiettivi del 20-20-20 ha dato una mano. La figura 1 mostra come nella regione in cui si concentra il 20% dei consumi nazionali (la Lombardia) il consumo in fonti primarie abbia iniziato a calare già dal 2006, mentre la figura 2 evidenzia gli effetti pratici di questo andamento. Sarebbe interessante valutare quanto abbiano contribuito a ciò gli inverni miti, le installazioni di impianti energetici efficienti, l’ammodernamento del parco veicoli e le vicissitudini del comparto industriale, ma la carenza di dati rende difficili tali valutazioni, soprattutto a livello nazionale. Comunque è evidente che l’efficienza energetica, oltre ad avere benefici diretti in termini energetici, ambientali ed economici, va perseguita anche per i vantaggi che comporta nel soddisfacimento degli obblighi sulle rinnovabili e sulle emissioni. La riduzione dei consumi non è l’unico modo di rendere più facile e vantaggioso il raggiungimento degli obiettivi sulle fonti rinnovabili: la nuova direttiva ha avuto il merito di portare in evidenza le cosiddette rinnovabili termiche (solare termico, pompe di calore e usi termici di biomasse e 1 di 5 03/12/09 10.35
  • 2. Agi Energia - Analisi http://www.agienergia.it/Analisi.aspx?idd=105&id=68&ante=0 geotermia). A parte le pompe di calore, che finora non erano state conteggiate in questo ambito, le altre soluzioni non costituiscono certo delle novità, ma l’assenza di un quadro di incentivazione forte le aveva mantenute in ombra rispetto alle cugine elettriche, ben più note e discusse. L’utilizzo termico delle fonti rinnovabili presenta però dei vantaggi innegabili, che ne suggeriscono una maggiore considerazione: - hanno un potenziale maggiore (come mostra ad esempio il caso della Regione Lombardia in figura 3); - costano meno a parità di benefici forniti (figura 4); - garantiscono un migliore sfruttamento della risorse disponibili. Due esempi. Con un 1 kg di cippato di legna si possono ottenere circa 1 kWh elettrico o 4 kWh termici, con un rendimento che passa dal 10-20% del primo caso al 70-90% del secondo. Con un metro quadro di pannelli solari termici si riescono a produrre circa 600-800 kWh termici, mentre lo stesso metro quadro di fotovoltaico non supera i 100-200 kWh elettrici, con un rendimento che passa all’incirca dal 60% al 15%. Il tutto a costi minori. Questo non vuol dire che non siano da promuovere gli usi elettrici delle fonti rinnovabili, che sono peraltro essenziali e inevitabili (anche in considerazione delle caratteristiche della domanda e della comodità d’uso del vettore elettrico), ma che attraverso un uso accorto degli usi termici si possono raggiungere gli obiettivi a costi inferiori e, soprattutto, si promuoverebbero tecnologie nelle quali l’industria italiana ha una produzione importante, al contrario di quanto riguarda le fonti rinnovabili elettriche e il nucleare. Per trasformare in opportunità gli obblighi del pacchetto clima dell’Unione occorre porre attenzione ai seguenti punti, tenendo presente che le biomasse rappresentano lo zoccolo duro delle fonti rinnovabili termiche (il rapporto con le altre soluzioni è di circa 4 a 1): - è necessario istituire un’agenzia dedicata agli usi termici delle fonti rinnovabili per monitorare il mercato, promuovere le buone pratiche, gestire al meglio gli incentivi collegati e supportare le istituzioni nelle scelte di politica energetica; - è essenziale sostituire gli usi inefficienti delle fonti (e.g. caminetti per le biomasse) con le tecnologie più efficienti oggi disponibili, per migliorare l’utilizzo di risorse che comunque sono limitate, per fare uscire dal nero quantità considerevoli di legna (circa 4,4 Mtep secondo un’indagine ENEA del 2000) e per migliorare gli aspetti ambientali; - occorre promuovere la diffusione di combustibili tipizzati e con caratteristiche omogenee (e.g. pellet di qualità) per il mercato dei piccoli impianti, sia per migliorare l’efficienza di combustione, sia per ridurre i problemi legati alle diossine e ai metalli (che con i caminetti costituiscono un problema); - i 9 Mtep di biomasse, come evidenziato dal Presidente dell’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas di recente, nel residenziale si possono confrontare con i circa 20 Mtep di consumi di gas; ciò significa che anche una destinazione del 50% alle utenze domestiche dovrebbe comportare il coinvolgimento dei distributori di gas e gasolio, pena un probabile ostruzionismo; tale coinvolgimento si accompagnerebbe bene con l’esigenza per tale settore di passare da un’offerta artigianale ad una industriale di servizi per la fornitura di calore da biomasse (installazione e manutenzione caldaie, distribuzione del pellet, raccolta ceneri, etc); - bisogna sviluppare le filiere nazionali, dal recupero boschivo alle colture dedicate, come la short rotation forestry, dalle potature ai residui agricoli. Quello che più conta, in un mercato che ha evidenziato una forte crescita negli ultimi anni, è stabilire un quadro di regole chiare e stabili, basate su obiettivi credibili. Ciò aiuterà a raggiungere i risultati attesi molto più degli incentivi cospicui finora profusi dal legislatore in varie occasioni, ma poco efficaci perché utilizzati più per compensare le barriere burocratiche e di sistema che per coprire gli extracosti delle tecnologie. 2 di 5 03/12/09 10.35
  • 3. Agi Energia - Analisi http://www.agienergia.it/Analisi.aspx?idd=105&id=68&ante=0 Figura 1 (Fonte: Regione Lombardia) Figura 2 (Fonte: Regione Lombardia) 3 di 5 03/12/09 10.35
  • 4. Agi Energia - Analisi http://www.agienergia.it/Analisi.aspx?idd=105&id=68&ante=0 Figura 3 (Fonte: Regione Lombardia) Figura 4 (Fonte: ENEA) Notizie collegate Meccanismi incentivanti e autorizzatori per le FER I “facilitatori” e i margini delle rinnovabili Biomasse: piccoli impianti 4 di 5 03/12/09 10.35
  • 5. Agi Energia - Analisi http://www.agienergia.it/Analisi.aspx?idd=105&id=68&ante=0 5 di 5 03/12/09 10.35

×