Your SlideShare is downloading. ×
0
La rete virale - Viral Marketing, Buzz e Word of mouth. Prospettive del social Advertisement
La rete virale - Viral Marketing, Buzz e Word of mouth. Prospettive del social Advertisement
La rete virale - Viral Marketing, Buzz e Word of mouth. Prospettive del social Advertisement
La rete virale - Viral Marketing, Buzz e Word of mouth. Prospettive del social Advertisement
La rete virale - Viral Marketing, Buzz e Word of mouth. Prospettive del social Advertisement
La rete virale - Viral Marketing, Buzz e Word of mouth. Prospettive del social Advertisement
La rete virale - Viral Marketing, Buzz e Word of mouth. Prospettive del social Advertisement
La rete virale - Viral Marketing, Buzz e Word of mouth. Prospettive del social Advertisement
La rete virale - Viral Marketing, Buzz e Word of mouth. Prospettive del social Advertisement
La rete virale - Viral Marketing, Buzz e Word of mouth. Prospettive del social Advertisement
La rete virale - Viral Marketing, Buzz e Word of mouth. Prospettive del social Advertisement
La rete virale - Viral Marketing, Buzz e Word of mouth. Prospettive del social Advertisement
La rete virale - Viral Marketing, Buzz e Word of mouth. Prospettive del social Advertisement
La rete virale - Viral Marketing, Buzz e Word of mouth. Prospettive del social Advertisement
La rete virale - Viral Marketing, Buzz e Word of mouth. Prospettive del social Advertisement
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

La rete virale - Viral Marketing, Buzz e Word of mouth. Prospettive del social Advertisement

3,986

Published on

www.viralavatar.com - presentation of my MA thesis - feb 2008

www.viralavatar.com - presentation of my MA thesis - feb 2008

Published in: Economy & Finance
0 Comments
6 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
3,986
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
5
Actions
Shares
0
Downloads
156
Comments
0
Likes
6
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1.  
  • 2. Nel 2001, Barabási scoprì che le reti sociali ed in particolar modo internet, si basano secondo una legge di potenza ad invarianza di scala e non da una casuale come fino a questa scoperta si credeva. Qualsiasi tipo di rete è composta da un numero limitato di hub (nodi) collegati tra loro da un certo numero di link (collegamenti). Una tipica rete casuale si presenta con un numero di hub composti per la maggior parte da uno stesso numero di link, rendendo la rete omogenea che segue una curva a campana . Una rete a invarianza di scala secondo una legge di potenza prevede, invece, che la maggioranza dei nodi sia composta da pochi link, tenuti insieme da un numero esiguo di hub altamente connessi tra di loro. L'importanza delle reti
  • 3. <ul><li>Barabàsi ed il suo team scoprono, attraverso un robot, che la rete internet è divisa in quattro grandi continenti, ciascuno con regole di navigazione diverse. </li></ul><ul><li>I continenti sono: </li></ul><ul><li>Corpo centrale </li></ul><ul><li>Continente IN . </li></ul><ul><li>Continente OUT </li></ul><ul><li>Tentacoli , Tubi e Isole separate . </li></ul>Risultati: Le reti sono dei sistemi competitivi I ricchi sono sempre più ricchi - Barabàsi Nella reti ci sono pochi che comandano, tutti gli altri inseguono t L'importanza di internet
  • 4. Nell'articolo “Web 2.0 Compact Definition: Trying Again” del 2006, Tim O'Reilly, fondatore della O'Really Media, afferma che il Il web 2.0 <ul><li>Troy Angrignon insieme ad un team di esperti spiegano come il web 2.0 è rappresentato da un insieme di </li></ul><ul><li>Collaborazione </li></ul><ul><li>Conversazione </li></ul><ul><li>Community </li></ul><ul><li>Connessione </li></ul><ul><li>Creazione dei contenuti </li></ul><ul><li>Istruzione comulativa </li></ul><ul><li>Intelligenza collettiva </li></ul><ul><li>Cambiamento di scala </li></ul><ul><li>Core values </li></ul><ul><li>Cheap e Fast </li></ul>“ Web 2.0 is the business revolution in the computer industry caused by the move to the internet as platform, and an attempt to understand the rules for success on that new platform.
  • 5. Un aspetto fondamentale del Web 2.0 è composto dagli User generated content (contenuto generato dall’utente o UGC). L'Internet advertising bureau (IAB) inglese definisce il fenomeno degli UGC come User Generated Content “ online content created by website users rather than media owners or publishers, either through reviews, blogging, podcasting or posting comments, pictures or video clips. Sites that encourage user generated content include MySpace, YouTube, Wikipedia and Flickr ”
  • 6. La differenza principale tra il marketing tradizionale e quello connesso riguarda principalmente la loro applicazione. Il Mktg tradizionale si basa su una logica di transazione, utilizzando una modalità unidirezionale. Spot televisivo, spot radiofonico o pubblicità per mezzo stampa. Il Mktg connesso si basa sulla relazione, attraverso una comunicazione bidirezionale. Con il connected marketing, pertanto, i brand e le aziende possono instaurare rapporti con gli users e con i consumers. Ciò induce le organizzazioni ad Ascoltare! Il concetto Connected Marketing è usato da Justin Kirby e da Paul Marsden, autori dell'omonimo testo, come termine ombrello per rappresentare le forme non convenzionali di viral marketing, buzz e word of mouth. Connected Marketing
  • 7. Secondo Justin Kirby il word of mouth è “the promotion of a company or its products and services through an initiative conceived and designed to get people talking positevely about that company, product or service” Il potere del passaparola è nei numeri! Ad esempio: il 67% dei consumatori ritiene che il word of mouth sia il primo fattore di influenza nelle scelte. Fonte: Mckinsey/Thompson Lightstone il 93% dei consumatori identifica nel passaparola la migliore risorsa per acquisire idee e informazioni su prodotti o servizi costosi come la casa, l'automobile o il computer. Fonte: NOP World. Word of Mouth
  • 8. Per Emanuel Rosen, il buzz è la rappresentazione di una rete in cui i nodi sono individui ed i collegamenti sono rappresentati dalle comunicazioni. Quando si è in presenza di una comunicazione che genera buzz, un numero elevato di utenti comunica e condivide una specifica informazione. Seguendo l'analisi di Gianluca Arnesano, autore del testo Viral Marketing, l'origine sociologica del buzz marketing risale alla teoria sulla comunicazione del Two step flow di Lazarsfeld del 1955. Questa teoria è una delle prime a tenere in considerazione gli utenti come canale per l'amplificazione del messaggio. Buzz Nel buzz online gli O.L. sono rappresentati non solo da persone ma anche da siti internet. Il plus valore del buzz online rispetto al passaparola è l'asincronicità del messaggio che rimane per sempre rintracciabile per qualsiasi utente
  • 9. <ul><li>Il viral marketing è secondo Justin Kirby “the promotion of a company or its products and services through a persuasive message designed to spread, tipically online, from person to person” </li></ul><ul><li>Per GoViral, viral agency leader in Europa: </li></ul><ul><li>ll VM consiste nel creare messaggi contagiosi attraverso del materiale che secondo una logica peer-to-peer incrementa la brand awareness, sia di organizzazioni che brand, ma anche organizzazioni non-profit come l'organizzazione oggetto di ricerca. </li></ul><ul><li>Secondo Kirby, ci sono tre componenti fondamentali nel viral </li></ul><ul><li>marketing durante il processo creativo: </li></ul><ul><li>l'ideazione </li></ul><ul><li>il seeding (inseminazione)‏ </li></ul><ul><li>il tracking (ricerca)‏ </li></ul>“ Viral marketing is consumer-driven marketing as opposed to traditional interruption marketing that is controlled and driven by the marketer. It is planned initiative where an advertiser or creative agency develop and spread online marketing messages that have qualities that motivate the receiver to become a sender... Viral marketing combines know-how, creativity and technical skills. Viral Marketing
  • 10. Il ruolo del seeder (inseminatore) è fondamentale nel connected marketing, specie nel viral marketing. Il seeder è colui che identifica quali sono i migliori hub (opinion leaders o siti) e quali sono i canali più veloci e con maggiore potenziale. Il ruolo del seeding
  • 11. La comunicazione ed il sociale La comunicazione per fini sociali è, in maniera crescente, uno dei soggetti che più utilizza la pubblicità per realizzare le proprie campagne Con l'avvento di internet e la sua maturità attraverso il web 2.0, oggi è possibile attivare flussi comunicativi estremamente efficaci nella rete. <ul><li>il fundraising ,”ciò che un organizzazione fa per creare rapporti di interesse fra chi chiede risorse economiche, materiali e umane e chi è potenzialmente disponibile a donarle”. (foundraising.it)‏ </li></ul><ul><li>l 'advocacy , ossia “l'atto di discutere in nome di un particolare problema, idea o persona” cercando di influenzare e modificare esiti politici, amministrativi o pubblici.(foundraising.it)‏ </li></ul><ul><li>la philantrophy , che secondo Wikipedia è “the act of donating money, goods, time, or effort to support a charitable cause. (wikipedia)‏ </li></ul>
  • 12. Il viral marketing e le sue potenzialità (anche nel sociale)‏ Analisi delle piattaforme online e le loro applicazioni più importanti. Approfondimento sulle potenzialità e le debolezze di ogni piattaforma nelle comunicazioni di tipo virale supportati da esempi e case history di campagne virali. Analisi su: <ul><li>Mail – focus sul viral rispetto allo spam </li></ul><ul><li>Forum – il più efficace strumento di viralizzazione in Italia </li></ul><ul><li>Blog - la blogosfera, potenzialità e rischi </li></ul><ul><li>Upload sites e file sharing – Emule,You tube, Flickr, Slideshare, Scribd </li></ul><ul><li>Social networks – Facebook, Myspace, Ning </li></ul><ul><li>Social bookmarks – Del.icio.us, Digg, Furl, The Hub (social), Sociabile (social)‏ </li></ul><ul><li>Mondi Sincretici – Secondlife, There, Habbo </li></ul>
  • 13. Terre des Hommes e la campagna Superegali Terre des hommes è una delle agenzie non governative più grandi al mondo che ha come scopo principale l’aiuto all’infanzia. La campagna di Terre des hommes per la raccolta fondi del Natale 2007 è stata chiamata Superegali ed ha avuto come obiettivo quello di riuscire a poter mandare a scuola più di 10.000 bambini di 22 Paesi del sud del mondo. E' stato deciso di provare un modo alternativo alla classica campagna di fundraising. Alla tipica donazione di denaro o all'acquisto di un regalo, nella campagna Superegali gli stessi donatori possono fare un regalo ai bambini di Perù, Costa D'Avorio e Zimbabwe. La mascotte di questa campagna è Superhero Tdh, un Paper Toy in 3D scaricabile gratuitamente online dal sito di superegali.org, un giocattolo costruito dagli utenti semplicemente stampandolo su un foglio A4.
  • 14. La campagna virale Superehero TDH L'idea : creare un video virale che riprendesse sia l'intento di TdH di aiutare i bambini bisognosi che costruire personalità alla campagna Superegali avendo un buon appeal virale. Superhero TDH protagonista di uno viral spoof (Dove Onslaught). url video url Seeding : target di potenziali donatori 20-55. Forum ad hoc, blogosfera, social networks, video sharing sites, seguendo logiche qualitative e non solo quantitative. Tracking : 10000 views in 50 giorni
  • 15. Risultati campagna Superegali La campagna virale Superhero TDH ha senz'altro portato visibilità a TdH ed in particolar modo alla campagna superegali.org. 10000 views in circa due mesi sono un numero esiguo per una campagna virale; il posizionamento strategico della campagna ha però generato: donazioni per oltre 25 mila euro solo nell'online. Oltre 1000 downloading del paper Toy in due mesi.

×