1) Il Bambino Libero

297 views
254 views

Published on

Primo episodi della saga "Tocci e la buba"

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
297
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
12
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

1) Il Bambino Libero

  1. 1. Le scienze naturali e l’emergenza ambientale Dalle lezioni di “ Storia delle Scienze Naturali ” del prof. Claudio Longo Giuseppe SABINO Specializzando IX Ciclo SILSIS Classe di concorso Scienze Naturali A060
  2. 2. IL BAMBINO LIBERO (Parte Prima)
  3. 14. Ascolta
  4. 15. Osserva con curiosità e stupore Scopri il mondo che ti circonda
  5. 16. Misura il nostro mondo comprendi le sue regole Non avere paura puoi gestire le leggi che lo regolano.
  6. 17. Dalle lezioni del prof. Longo PERCHÉ HO INSEGNATO COSÌ? <ul><li>Ma da sola l’ecologia non basta. È ancora conoscenza razionale che non coinvolge la nostra parte emotiva. Per non maltrattare la natura non basta conoscerne le grandi leggi; bisogna avere una certa confidenza con essa e sopratutto amarla per la sua bellezza che si manifesta a tutti i livelli: il grande cielo e il delicato profumo di miele dei fiori dell’acero. Le grandi leggi sono astratte – ancora conoscenza da esame; invece l’esperienza diretta della natura ti prende tutto: i sensi, la mente, il cuore, e, se cammini, anche i muscoli... </li></ul><ul><li>(C. Longo) </li></ul>
  7. 18. Ludwig Wittgenstein ( da: Pensieri diversi - Adelphi 1995 ) <ul><li>Quando dico che A. ha dei begli occhi, mi si può chiedere: “Cosa ci trovi di bello?” ed io potrò rispondere: “La forma a mandorla, le lunghe ciglia, le palpebre delicate” Cos’hanno in comune questi occhi con una chiesa gotica che ugualmente trovo bella? Devo dire che mi fanno un’impressione simile? E se invece dicessi: il carattere comune è che la mia mano avverte la tentazione di disegnarli ambedue? Questa sarebbe una definizione ristretta della bellezza. </li></ul><ul><li>Si potrà dire: chiediti i motivi per cui definisci qualche cosa buona o bella e ti diventerà evidente la particolare grammatica che ha in questo caso la parola “buona” o “bella”. (1933) </li></ul>

×