11 bianchi

630 views

Published on

www.fukushimaaccident.net

Nadia Bianchi:
"L’organizzazione adottata dalle Autorità Locali in emergenza: l’esempio della Provincia di Varese"


L'incidente avvenuto alla centrale nucleare di FUKUSHIMA, in Giappone, l'11 Marzo 2011, a differenza degli incidenti di Three Mile Island e di Chernobyl, ha scatenato un acceso dibattito sull'accettabilità pubblica dell'energia nucleare, anche in Paesi che sono stati storicamente fra i maggiori promotori di questa tecnologia.


Le ansie generate dai rilasci di radioattività nell'ambiente e dalla presenza di contaminazione negli alimenti, così come l'esito dell'incidente stesso, che sembrò -per diverse settimane- non dovesse risolversi mai positivamente, sono state amplificate dai mezzi di comunicazione di massa, oscurando perfino le enormi conseguenze umane e sociali del terremoto e dello tsunami.

La popolazione, e non solo quella giapponese, si è interrogata sui rischi dell'esposizione alle radiazioni, indirizzando alla comunità scientifica la propria legittima preoccupazione sui pericoli reali e sui rischi, e pretendendo dai tecnici e dagli scienziati risposte chiare e comprensibili, anche in merito alle possibili conseguenze sulle future generazioni.

Ma qual è stata l'entità del rilascio di radiazioni dalla centrale nucleare di FUKUSHIMA? quale è stata l'estensione della contaminazione terrestre e marina? che impatto sulla popolazione hanno avuto le restrizioni alimentari imposte dal Governo Giapponese? quali sono le dosi ricevute dagli Operatori della centrale e dalla popolazione circostante? quali le conseguenze sanitarie osservate ed ipotizzabili? e quali sono le lezioni principali che la comunità internazionale di Radioprotezione ha tratto da questo evento, per aiutare a sviluppare una percezione del rischio sempre più vicina alle legittime aspettative della popolazione?

Per rispondere a queste e ad altre domande, le quattro Associazioni italiane che si occupano di protezione dalle radiazioni, l'Associazione Italiana di Fisica Medica (AIFM), l'Associazione Italiana di Radioprotezione Medica (AIRM), l’Associazione Italiana di Radioprotezione (AIRP) e l'Associazione Nazionale Professionale Esperti Qualificati nella sorveglianza fisica di radioprotezione (ANPEQ) hanno organizzato un convegno, che avrà luogo il 14 settembre 2012 alla Villa Napoleonica nel Centro Congressi delle Ville PONTI, a Varese.



L'obbiettivo del Convegno, la cui partecipazione è aperta anche ai non addetti ai lavori (www.fukushimaaccident.net) è di trattare gli aspetti radioprotezionistici dell'incidente, indicando anche una linea per possibili futuri sviluppi del sistema della Radioprotezione, che si rendono necessari anche nei Paesi -come l'Italia- che non utilizzano più l'energia nucleare, ma che fanno tuttora vasto uso di sostanze radioattive per la medicina, l'industria e la ricerca.

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
630
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
156
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

11 bianchi

  1. 1. L’incidente alla Centrale nucleare di Fukushima: aspetti di protezione dalle radiazioni – Varese, ville Ponti - 14 settembre 2012L’organizzazione adottata dalle Autorità Localiin emergenza: l’esempio della Provincia diVareseNadia Bianchi - Responsabile U.O. Radioprotezione e AttivitàTerritoriali Correlate – ASL della Provincia di Varese
  2. 2. L’incidente alla Centrale nucleare di Fukushima: aspetti di protezione dalle radiazioni – Varese – ville Ponti 14 settembre 2012 Assenza di conoscenze e di organizzazione per fronteggiare l’emergenza ?L’organizzazione adottata dalle Autorità Locali in emergenza: l’esempio della Provincia di Varese –Nadia Bianchi -
  3. 3. L’incidente alla Centrale nucleare di Fukushima: aspetti di protezione dalle radiazioni – Varese – ville Ponti 14 settembre 2012 conoscenza puntuale delle situazioni di possibile criticità sia come pratiche, che come localizzazioneL’organizzazione adottata dalle Autorità Locali in emergenza: l’esempio della Provincia di Varese –Nadia Bianchi -
  4. 4. L’incidente alla Centrale nucleare di Fukushima: aspetti di protezione dalle radiazioni – Varese – ville Ponti 14 settembre 2012L’organizzazione adottata dalle Autorità Locali in emergenza: l’esempio della Provincia di Varese –Nadia Bianchi -
  5. 5. L’incidente alla Centrale nucleare di Fukushima: aspetti di protezione dalle radiazioni – Varese – ville Ponti 14 settembre 2012 La ASL della Provincia di Varese ha predisposto in questi anni archivi informatizzati al fine di un aggiornamento continuo della conoscenza della situazione territoriale di impiego di sorgenti radioattive con finalità sanitaria, industriale, di ricerca.L’organizzazione adottata dalle Autorità Locali in emergenza: l’esempio della Provincia di Varese –Nadia Bianchi -
  6. 6. L’incidente alla Centrale nucleare di Fukushima: aspetti di protezione dalle radiazioni – Varese – ville Ponti 14 settembre 2012 DIREZIONE SANITARIA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO U.O. Radioprotezione e Attività Territoriali Correlate Il Territorio Varesino e le Sorgenti di radiazioni – Analisi territoriale e ruolo dell’attività di Radioprotezione condotta dall’ ASL della Provincia di Varese. Marzo 2011L’organizzazione adottata dalle Autorità Locali in emergenza: l’esempio della Provincia di Varese –Nadia Bianchi -
  7. 7. L’incidente alla Centrale nucleare di Fukushima: aspetti di protezione dalle radiazioni – Varese – ville Ponti 14 settembre 2012 Anno 2004-2005 Dialogo promosso dalla Prefettura di Varese Unità Territoriale del Governo l’ASL. l’ AREU 118, il Comando Provinciale dei VV.F. l’Arpa, La Questura (Polizia di Stato e Polizia Stradale), il Corpo dei Carabinieri, la Guardia di Finanza, la GuardiaForestale e il JRC di Ispra che è inserito nei Piani Prefettizi come consulente. Da ultimo, in termini temporali, si sono avviati rapporti con le Autorità Aeroportuali (SEA, ENAC, Polizia Aerea). L’organizzazione adottata dalle Autorità Locali in emergenza: l’esempio della Provincia di Varese – Nadia Bianchi -
  8. 8. L’incidente alla Centrale nucleare di Fukushima: aspetti di protezione dalle radiazioni – Varese – ville Ponti 14 settembre 2012 La Regione Lombardia Direzione Sanità con l’emanazione di una corposa normativa: D.G.R. VII/12200 del 21.02.2003; D.G.R. VII/16485 del 23.2.2004;D.D.G.S. 23058 del 21.12.2004; D.D.G.S. 11514 del 21.7.2005 Ha predisposto l’ organizzazione sanitaria in emergenza Con un ruolo definito anche per le Aziende Ospedaliere, identificando delle AA.OO. di riferimentoL’organizzazione adottata dalle Autorità Locali in emergenza: l’esempio della Provincia di Varese –Nadia Bianchi -
  9. 9. L’incidente alla Centrale nucleare di Fukushima: aspetti di protezione dalle radiazioni – Varese – ville Ponti 14 settembre 2012 Documento “La Gestione Sanitaria delle emergenze Radiologiche” Elaborato dal Gruppo di lavoro S.S.U.Em 118 ( dr Claudio Mare, dr Guido Garzona ,ip.Toni Occhiuzzi, ot.Luca Santopolo) A.O. di Circolo e Fondazione Macchi Varese (dr Antonio Triarico, prof Leopoldo Conte, prof Alberto Battaglia), A.O. di Circolo di Busto Arsizio ( dr Giuseppe Brazzoli, dr Emilio Lualdi, dr Lorenzo Bianchi), ASL della Provincia di Varese (dr Fabio Banfi, dr Enzo Tiso, dr.ssa Nadia Bianchi).L’organizzazione adottata dalle Autorità Locali in emergenza: l’esempio della Provincia di Varese –Nadia Bianchi -
  10. 10. L’incidente alla Centrale nucleare di Fukushima: aspetti di protezione dalle radiazioni – Varese – ville Ponti 14 settembre 2012 Partecipazione Annuale ad Esercitazione di EmergenzaL’organizzazione adottata dalle Autorità Locali in emergenza: l’esempio della Provincia di Varese –Nadia Bianchi -
  11. 11. L’incidente alla Centrale nucleare di Fukushima: aspetti di protezione dalle radiazioni – Varese – ville Ponti 14 settembre 2012 Disponibilità corso FAD http://fadaslvarese.cbim.itL’organizzazione adottata dalle Autorità Locali in emergenza: l’esempio della Provincia di Varese –Nadia Bianchi -
  12. 12. L’incidente alla Centrale nucleare di Fukushima: aspetti di protezione dalle radiazioni – Varese – ville Ponti 14 settembre 2012 L’auspicio ed il Messaggio: Condividere e sviluppare il know-how acquisito bianchin@asl.varese.itL’organizzazione adottata dalle Autorità Locali in emergenza: l’esempio della Provincia di Varese –Nadia Bianchi -
  13. 13. L’incidente alla Centrale nucleare di Fukushima: aspetti di protezione dalle radiazioni – Varese – ville Ponti 14 settembre 2012 GRAZIE, Buon ritorno a casa e Proficuo lavoro !L’organizzazione adottata dalle Autorità Locali in emergenza: l’esempio della Provincia di Varese –Nadia Bianchi -

×