Loading…

Flash Player 9 (or above) is needed to view presentations.
We have detected that you do not have it on your computer. To install it, go here.

Like this presentation? Why not share!

Like this? Share it with your network

Share

Le media relations e i social media - Workshop 2

  • 744 views
Uploaded on

Secondo appuntamento del mio workshop alla Cattolica di Milano, nell'ambito del Master in Media Relations. Lezione sulle metriche e i sistemi di analisi per identificare gli influencers e dar loro......

Secondo appuntamento del mio workshop alla Cattolica di Milano, nell'ambito del Master in Media Relations. Lezione sulle metriche e i sistemi di analisi per identificare gli influencers e dar loro un valore

More in: Technology
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
744
On Slideshare
732
From Embeds
12
Number of Embeds
2

Actions

Shares
Downloads
28
Comments
0
Likes
0

Embeds 12

http://www.linkedin.com 9
https://www.linkedin.com 3

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Online media relations L’ufficio stampa e i social network Capire la galassia Social. Geografia, antropometrica, antropologia digitali
  • 2. Parliamone
    • chi ha scritto, quanto pesa, a chi si rivolge. Identificare con chi abbiamo a che fare. Misurare la viralità
    • principali criticità: accostamento lehmann brothers, rapporto diretto con gli stakeholders.
    • Gravi inesattezze nelle notizie
    • Reazione attendista, evitare di dargli importanza, circolare informazioni corrette, delegittimarlo.
  • 3. Media relations sui social media Il mondo sociale di Internet. Le regole di funzionamento. I New media non professionali. Perché entrarci in relazione? Capire la galassia Social. Geografia, antropometrica, antropologia digitali L’ufficio stampa social. Relazione, acquisto o querela? Il crisis management
  • 4. Chi, cosa, dove La mappa di Internet (Questa rappresenta solo il 30% delle connessioni)
  • 5. Conoscere il proprio ecosistema web Con quale velocità
    • Capire dove siamo nell’universo Internet
    • Qual è il perimetro di diffusione delle info su di noi
    • Quale sia l’habitat dei nostri stakeholders
    Identificare chi parla di noi e di temi per noi rilevanti Attraverso quali nodi si diffondono le info
  • 6. Come e dove Fissare una serie di keywords Individuare dove ricorrono più spesso
  • 7. Pesare il proprio ecosistema web Identificare gli influencers Valutarne la capacità di penetrazione e influenza 3 Parametri : • La dimensione della loro audience • Il loro livello di connettibilità • Il potere della loro voce
  • 8. Conosci il tuo influencers - Blog Numero di utenti unici, page views e commenti Numero di link in entrata e feed RSS Citazioni, partecipazioni a convegni, pubblicazioni Audience e capacità d’ingaggio Reputazione e popolarità online Autorevolezza presso altri influencers
  • 9. Utenti unici, page views e altre metriche Chi torna almeno due volte su un sito in un dato arco di tempo In realtà si conta come utente unico lo stesso browser che chiama il server almeno due volte in genere nell’arco di 24 ore Misura quali-quantitativa del valore percepito del sito Quanto il sito sia effettivamente “navigato” Quanto sia in grado d’interessare Unique users Numero di pagine del sito lette in un dato lasso di tempo Page views Numero di richieste di pagine ricevute dal server in un dato lasso di tempo – giornaliero, settimanale, mensile Il primo bacino d’impatto della news Bounce Rate Frequenza di rimbalzo. Quando l'utente abbandona il sito dopo aver preso visione di una sola pagina web entro i 30 secondi. In questo caso è definito disinteressato Tempo medio speso da ogni utente Quanto ogni utente rimane effettivamente sul sito Numero di commenti Non è un indice esatto ma visualizza la capacità d’ingaggio degli utenti
  • 10. Link Rate e feeder RSS Si linka solo ciò che si ritiene affidabile e di valore Un link verso un contenuto e un sito è un voto. E’ la base dell’algoritmo di Google Il Page Rank è la misura dell’autorevolezza e della reputazione che un dato sito si è conquistato online Per le online media relations sono una misura dell’autorevolezza di un blog I flussi RSS permettono di essere aggiornati su nuovi articoli o commenti pubblicati nei siti di interesse senza doverli visitare manualmente uno a uno. Gli RSS sono una forma di “abbonamento”. Il loro numero visualizza capacità di fidelizzazione, tasso d’interesse e autorevolezza
  • 11. Strumenti freeware Utili per crearsi un quadro ma faticosi e nessuno supporta query multiple
  • 12. 1.In che modo un’utente è connesso al suo Network? 2.Qual è la sua importanza all’interno del Network? 3.Quanto è attivo e quanti feedback ottiene? 4.Chi sono e qual è l’importanza dei componenti il suo network? 5.Quanto è centrale nel Network? 6.Che tipo di info fluisce all’interno del Network? Conosci il tuo influencers – Social media
  • 13. Metriche
    • Numero di amici
    • Tipologia amici (se sono influencers, se possono essere considerati nostri stakeholders)
    • Frequenza dei post
    • Esistenza o meno di una pagina
    • Numero di fans
    • Frequenza con la quale parlano di noi
    • N° Follower
    • Potenza dei Follower e coerenza con i nostri stakeholders
    • Aggiornamenti, numero tweet
    • Follower/Following
    • Engagement (N° retweet ottenuti)
    • Frequenza di nostre citazioni
    • N° contatti
    • livello dei contatti
    • Aggiornamenti
    • Gestione o meno di un gruppo
    • Numero di membri del gruppo
    • Influenza nel gruppo
    • Coerenza di contatti e membri del gruppo con i nostri stakeholders
  • 14. Influencer multipiattaforma Chi è sulla Rete spesso è presente su varie piattaforme collegate. E’ possibile ponderare le varie metriche per ottenere un unico indice che rappresenti il peso dell’ influencer Social Media Parametri Peso Blogs analisi del Google Rank, link in entrata, sottoscrittori rss, posizione alexa, focus sui contenuti, frequenza di aggiornamento,  numero di commenti 30% Multi-Format numero di amici in Facebook 20% Mini-Updates numero di amici, follower e aggiornamenti 25% Business Cards numero di contatti in LinkedIn 7% Visual numero di foto inserite dalla persona analizzata o che lo riguardano 3% Favourites analisi della presenza in Digg e delle persone che hanno valutato positivamente il nostro delicious 15%
  • 15. E’ pur sempre umano Un blogger o un influencers in genere, è pur sempre una persona Ha una sua reputazione offline, una sua storia professionale, una sua rete di relazioni, una sua visibilità che si riflettono nell’online e viceversa Capire con chi si ha a che fare Ricerche sui motori, sulla stampa, attraverso sondaggi diretti per capire la sua posizione professionale, se è chiamato in occasioni pubbliche, se e cosa abbia scritto, se ha collaborazioni o consulenze, qual è la sua specializzazione quanto e da chi venga citato. Identificare la sua sfera di relazioni, a che livello è, quanto sia ascoltato
  • 16. Strumenti freeware KLOUT utilizza più di 35 variabili di engagement su Facebook e Twitter per misurare: • True Reach (quante persone raggiungi realmente) • Probabilità di amplificazione (quanti retweettano i tuoi tweet) • Punteggio del Network (quanto è influente il tuo network)
  • 17. La viralità Voto – likes, +1, Condivido – sul mio profilo, via email Commento – direttamente in calce al post, sotto la mia condivisione o quella di altri La viralità si declina in atti virali che si misurano sulla base del time spending e dell’impegno e della partecipazione che richiedono I livelli di viralità sono un indice del tasso d’interesse di un contenuto
  • 18. La viralità: sociale e veloce La viralità si basa sulla condivisione di contenuti soprattutto sui social network e via email La velocità della diffusione virale è molto alta. Velocità che è alla base della peculiarità delle crisi digitali
  • 19. I sentieri della viralità Cluster e community hanno strutture abbastanza stabili L’autorevolezza è riconosciuta e il rapporto di fiducia sussiste anche fra influencers dello stesso cluster che si considerano vicendevolmente fonti I contenuti tenderanno a diffondersi seguendo uno schema prevedibile o comunque coinvolgendo gli stessi influencers e gli utenti più attivi
  • 20. Riassumendo… con alcune keywords All’interno del proprio universo Web identificare gli influencers e dare loro una ponderazione , che ne indichi il potere d’influenza e la visibilità E’ necessario identificare e delimitare il proprio ecosistema web , in rapporto ai propri stakeholders, individuando chi parla di noi, quanto e come Gli influencers vanno valutati sulla base di metriche precise, per fotografarne l’audience, la reputazione e la capacità di coinvolgimento Non bisogna mai dimenticare il fattore umano . Gli influencers vanno valutati anche per la loro reputazione e attività offline In un cluster gli schemi della viralità sono sostanzialmente prevedibili. Identificarli permette di gestire al meglio la relazione e la crisis Grazie