Your SlideShare is downloading. ×
0
OSS II - Prima lezione
OSS II - Prima lezione
OSS II - Prima lezione
OSS II - Prima lezione
OSS II - Prima lezione
OSS II - Prima lezione
OSS II - Prima lezione
OSS II - Prima lezione
OSS II - Prima lezione
OSS II - Prima lezione
OSS II - Prima lezione
OSS II - Prima lezione
OSS II - Prima lezione
OSS II - Prima lezione
OSS II - Prima lezione
OSS II - Prima lezione
OSS II - Prima lezione
OSS II - Prima lezione
OSS II - Prima lezione
OSS II - Prima lezione
OSS II - Prima lezione
OSS II - Prima lezione
OSS II - Prima lezione
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

OSS II - Prima lezione

24,861

Published on

Published in: Education, Health & Medicine
0 Comments
5 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
24,861
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
339
Comments
0
Likes
5
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Corso di formazione per Operatore Socio Sanitario Centro di Formazione e di Studi Sanitari «Padre Luigi Monti» Elementi di legislazione nazionale e regionale Dott.ssa Daniela Ramaglioni
  • 2. Primo sentimento: PAURA Secondo sentimento: CURIOSITA ’ Fate prevalere il secondo sentimento! Siate curiosi, credeteci e…sarà più facile di quello che pensate!!
  • 3. Importante non è ciò che facciamo ma quanto amore mettiamo in ciò che facciamo; bisogna fare piccole cose con grande amore. Madre Teresa di Calcutta
  • 4. ORIGINE FIGURA OSS
  • 5. OSS ACCORDO CONFERENZA STATO REGIONI 22 FEBBRAIO 2001
  • 6. Conferenza stato-regioni Persegue l’obiettivo di realizzare una leale collaborazione tra Stato e Regioni Si riunisce in un’apposita sessione per affrontare le varie problematiche di interesse regionale
  • 7. Come si è arrivati alla figura di OSS 1925: nasce l’ordinamento delle professioni infermieristiche 1927: il legislatore delibera la figura dell’infermiere abilitato Negli anni nascono poi altre figure di supporto: portantino, ausiliario poi OTA, e altre professioni socio-sanitarie fino all’OSS ( 2001)
  • 8. OPERATORE SOCIO-SANITARIO Nasce dalla sintesi dei precedenti profili professionali, rispondendo in modo adeguato all’evoluzione dei servizi alla persona intesa nella globalità dei suoi bisogni ADEST OTA OSS
  • 9. ADEST Acronimo: assistente domiciliare e dei servizi tutelari. Svolge una funzione di aiuto per le persone in difficoltà (anziani, portatori di Handicap, malati cronici), nei loro bisogni quotidiani (aiuto domestico, assistenza alla persona, prestazioni igienico-sanitarie, etc..)
  • 10. OTA Svolge, sotto la diretta responsabilità dell’infermiere professionale, mansioni di pulizia e manutenzione di utensili, apparecchi medici usati dal paziente e dal personale medico per l’assistenza al malato
  • 11. OSS L’OSS dovrà quindi possedere competenze integrate sociali e sanitarie , sostituendo le precedenti figure di ADEST e OTA.
  • 12. Compiti dell’OSS Soddisfa i bisogni primari della persona in un contesto sia sociale che sanitario, favorendo il benessere e incoraggiando l’autonomia dell’utente Svolge la sua attività in collaborazione con gli altri operatori sanitari secondo il criterio del lavoro multiprofessionale, centrato sulla relazione d’aiuto
  • 13. Dove lavora l’OSS Settore sociale che sanitario, in servizi di tipo socio-sanitario che socio-assistenziale Strutture residenziali o semiresidenziali Ambiente ospedaliero e a domicilio dell’utente
  • 14. Mansioni OSS Assistenza diretta alla persona Aiuto domestico e alberghiero Interventi igienico-sanitari e di carattere sociale Supporto gestionale e organizzativo
  • 15. Assistenza diretta e aiuto domestico alberghiero Assiste la persona nelle attività quotidiane e di igiene personale Realizza attività semplice di supporto diagnostico e terapeutico Assiste il malato terminale e morente Cura la pulizia e l’igiene ambientale
  • 16. Intervento igienico sanitario e carattere sociale Collabora alla rilevazione dei bisogni utente Valuta, per quanto di competenza, gli interventi più appropriati da proporre Collabora all’attuazione degli interventi Mette in atto relazioni comunicazioni di aiuto con l’utente e la famiglia
  • 17. Supporto gestionale e organizzativo Collabora alla verifica della qualità del servizio Registra e riferisce al caposala quanto rilevato durante il servizio Collabora alla definizione dei propri bisogni di formazione e frequenta corsi di aggiornamenti
  • 18. Competenze tecniche Collabora con l’utente e la sua famiglia: Igiene dell’ambiente di vita e cambio della biancheria Sa curare: lavaggio, asciugatura e preparazione del materiale da sterilizzare Sa garantire la raccolta e lo stoccaggio corretto dei rifiuti e trasporto del materiale biologico- sanitario secondo protocolli stabiliti
  • 19. Competenze tecniche /2 Aiutare per la corretta assunzione di farmaci prescritti Osservare, riconoscere e riferire i più comuni sintomi di allarme Attuare interventi di primo soccorso Effettuare piccoli medicazioni o cambio delle stesse Collaborare e aiutare al movimento Provvedere al trasporto in barella o carrozzella
  • 20. Competenze relazionali Sa lavorare in equipe Sa rapportarsi con la famiglia dell’utente È in grado di interagire con il malato morente Partecipa all’accoglimento dell’utente È in grado di gestire la propria attività con la dovuta riservatezza ed eticità
  • 21. Ambito lavorativo dell’OSS Attualmente il titolo di OSS costituisce TITOLO DI BASE per l’accesso a : ENTI PUBBLICI STRUTTURE SOCIO SANITARIE PRIVATE AUTORIZZATE E PRIVATE AI SENSI DELLE LEGGI VIGENTI (centri di servizio anziani)
  • 22. Quanto dura il corso Il corso ha una durata complessiva di 1000 ore e la frequenza è obbligatoria Le materie d’insegnamento sono di natura sia teorica che pratica Possono accedere al corso, previo superamento di un corso di ammissione, cittadini italiani e stranieri L’obiettivo è di formare una professionalità polivalente, che metta in grado l’operatore di destreggiarsi con sicurezza nelle diverse situazioni che dovrà affrontare
  • 23. Esami finali Al termine del corso gli allievi sono sottoposti ad una prova teorica e ad una pratica. La formazione è di competenza delle Regioni che provvedono all’organizzazione dei corsi, ma la qualifica è riconosciuta a livello nazionale.

×