English Menu

2,493 views
2,344 views

Published on

Published in: Business, Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
2,493
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

English Menu

  1. 1. A CURA DEL GRUPPO “ELPIS ZEROUNO” SANT’ANDREA IONIO (CZ) 12 APRILE 2009 24 DISTRIBUZIONE GRATUITA “...ara curva de pignari...”
  2. 2. Pagina 2 ELPIS ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI n. 8 - 6 GIUGNO 2004 n. 1 - 22 DICEMBRE 2002 - ‘U POSTIARI - GLI AMICI DI ELPIS - SANT’ANDRIA ASSETTATU di - INCIPIT - ELPIS ZEROUNO - LIBERO E GIOCONDO (1935-1943) di Salvatore Mongiardo - CARNEVALE A TAVOLA di Francesco Corapi - Angelo Jorfida - ‘U GAU - ‘U TIAMPU CHI FU’ di Vincenzo Andracchio MADRE GIOCONDA di Mario Dominijanni - ELPIS: I NUMERI PRECE- - IL TESORO DEGLI ANDREOLESI di Giuseppe Palaia - I NOVANTANO- DENTI - IL VENTENNALE DI DON ALBERTO di Enrico Armogida - OTTO VE DI COMPARE CICCIO di Antonio Seracini - PESANTE COME UN MARZO di Laura Cosentino - STAVA IN QUELLA “RUGA” di Pietro Voci MACIGNO di Armando Vitale - DON ANTONIO JANNONE DI SANT’AN- - ‘U CACATURI di Alfredo Varano - CATARINI ‘E PICA di Angelo Jorfida - DREA E I MOTI RIVOLUZIONARI DI 1848 IN CALABRIA di Marziale 1783: LA TERRA TREMA - LA MARCIA DELL’U.S. ANDREOLESE - LA Mirarchi - LA MEMORIA NELL’IMMAGINE MEMORIA NELL’IMAGINE n. 2 - 9 MARZO 2003 n. 9 - 8 AGOSTO 2004 - ’U POSTIARI - UNO, CENTO, MILLE SBARCHI (1943-1946) di Angelo - ‘U POSTIARI - GLI AMICI DI ELPIS - ‘U CIUCCIU un animale d’altri Jorfida - VIAGGIO A GERUSALEMME TENTATIVO MINIMALE DI RIFLES- tempi di Enrico Armogida -ELPIS. I NUMERI PRECEDENTI - AGHI SOT- SIONE SULL’ULTIMO LAVORO DI SALVATORE MONGIARDO di Luciano TILI DI LUCE - DICONO DI NOI... - ANGIALU MIO, GUARDIANU MIO di Mirarchi - ZENOBI, SILVIA &CCETERA RENZO ZENOBI A SANT’ANDREA Pietro Voci - COME MAMMELLE VIZE - CONCERTINO ALLA PORTA di di Giuseppe Stillo - ‘U RRE’ ‘E BRUANZU di Alfredo Varano - L’ALBA Salvatore Mongiardo - COSI’ DICEVANO... - SAGGEZZA ANDREOLESE TETRA DOPO L’ASSALTO di Giuseppe Cosentino - JUAVI E CARNALAVA- di Mario Dominijanni - ‘A GLUARIA di Angelo Jorfida - VINCENZO RI di Enrico Armogida - TECIA CUMMARA SANT’ANDREA IONIO GIOR- CARIOTI ricordo di un giovane del dopoguerra di Andrea Lijoi - U.S. NO DOPO GIORNO a cura di Armando Vitale - LA FLORA DI SANT’AN- ANDREOLESE IN SECONDA CATEGORIA - LE MANI IN TESTA di DREA: IL LENTISCO E IL MIRTO - CANTI RELIGIOSI A SANT’ANDREA - LA Domenico Cosentino - LA MEMORIA NELL’IMMAGINE MEMORIA NELL’IMMAGINE n. 3 - 20 APRILE 2003 n. 10 - 20 NOVEMBRE 2004 - ‘U POSTIARI - A CUMPRUNTA A SANT’ANDREA APOSTOLO DELLO - ‘U POSTIARI - DOVE TROVARE ELPIS - GLI AMICI DI ELPIS - C’ERA JONIO FRUTTO DI UN SINCRETISMO RELIGIOSO FRA UNA REMO- UNA VOLTA...! di Armando Vitale - LE CASTAGNE TRA STORIA, TRADI- TA LITURGIA PAGANA E UNA PIU’ RECENTE TRADIZIONE CRISTIA- ZIONI E GASTRONOMIA di Franco Corapi - DICONO DI NOI - I SOGNI NA di Enrico Armogida - PASQUA A SANT’ANDREA di Pietro Voci - DI MARIUZZA di Salvatore Mongiardo - SCARABOCCHI di Antonio LA FAMIGLIA ARMOGIDA di Angelo Jorfida - IL SITO DEGLI Seracini - DIPLOMA SI’, DIPLOMA NO... di Pietro Voci - COSI’ LONTA- ANDREOLESI - NICOLA “L’ANARCHICU” di Alfredo Varano - LA NI... COSI’ VICINI di Bruno Stillo - N’INSONNAI ATTIA di Bruno Stillo - MEMORIA NELL’IMMAGINE DON PEPPE ADDINO, GENIO MANCATO di Mario Dominijanni - DON PIAPPI: SEMPLICITA’ E ALTRUISMO di Angelo Jorfida - IL CERUSICO BRUNO CALABRETTI di Marziale Mirarchi - COSI’ DICEVANO - L’AN- DREOLESE NEGLI ANNI ‘60 - SUPRAGNUAMI di Alfredo Varano - ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI - LA MEMORIA NELL’IMMAGINE n. 11 - 24 DICEMBRE 2004 n. 4-5 - 10 AGOSTO 2003 ‘U POSTIARI - DOVE TROVARE ELPIS - GLI AMICI DI ELPIS - SINDACO DI - ‘U POSTIARI - A.A.A. 100 AMICI CERCASI - 10 AGOSTO: IL SISSIZIO A SANT’ANDREA di Salvatore Mongiardo - DICONO DI NOI - LA MODA ISCA - STATUTO DELL’ARCICONFRATERNICA DEL SS. SACRAMENTO DI DELLE PANCE NUDE di Bruno Stillo - DON VITO GASPARRE di Angelo SANT’ANDREA JONIO di Enrico Armogida- I 108 DI NONNA ANGELA - Jorfida - CANCELLO CHIUSO di Pietro Voci - RICORDO DI VINCENZO L’ALTRA BARONESSA - MATRIMONI D’ALTRI TEMPI di Pietro Voci- CARIOTI di Antonio Pillucci - NATALE, IL MONDO HA FRETTA di Laura QUANDO NON C’ERA ANCORA IL FRIGO di Mario Dominijanni - SANTA Casentino - IL NATALE E LA VIGILIA, SUONI RICORDI E AROMI di BARBARA di Salvatore Mongiardo - 1958: L’INCORONAZIONE DELL’IM- Francesco Corapi - NEL MONDO ANIMALE PAESANO, RESIDUI DIALET- MACOLATA - ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI - SENTIRE IL CARRO TRAI- TALI DI SUONI “ONOMATOPEICI” E DI “MUTEVOLI VOCI AFFETTIVE” di NATO DAI BUOI di Pietro Voci - LA MONACHELLA DI SAN BRUNO A Enrico Armogida - SIGINO CARIOTI E LA SPINA NEL CUORE - ELPIS: I CINQUANT’ANNI DALLA MORTE di Enrico Armogida - LA GRAN MADRE NUMERI PRECEDENTI - LA MEMORIA NELL’IMMAGINE A CAMPO PRIMA DELL’ASSUNTA? di Giuseppe Palaia - “DON” FRAN- CESCO CAPANO di Alfredo Varano - ‘A ‘MPETRATA E L’ANIMO DEL POETA di Francesco Mirarchi - IL TEATRO A SANT’ANDREA di Angelo Jorfida - LA MEMORIA NELL’IMMAGINE n. 12 - 27 MARZO 2005 n. 6 - 16 NOVEMBRE 2003 GLI AMICI DI ELPIS - LE ELEZIONI PROVINCIALI DEL 1919 (o del - LA MADONNA DI CAMPO ASSUNTA DUE VOLTE, ANZI TRE - COSI’ 1909?) di Enrico Armogida - ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI - IL FUTU- DICEVANO... - GLI AMICI DI ELPIS - CICCU E I “CUCUGGHJABBIRI” di RO DI SANT’ANDREA di Mario Dominijanni - NUOVI DI STAMPA - ‘U Angelo Jorfida - UNA CUPA SERATA D’INVERNO di Pietro Voci - COME PUARCU: TRADIZIONI, USI, BISOGNI E GASTRONOMIA di Francesco SUL TITANIC di Mario Dominijanni - IL DOLORE DELLO STRAPPO di Corapi - SCARABOCCHI di Antonio Seracini - DOVE TROVARE ELPIS - Laura Cosentino - MALA NOTTATA, E FIMMANA FICIA! di Enrico CRAPOGHIDDHI di Bruno Stillo - IL CALENDARIO DEL 1940 di Pietro Armogida - ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI - LA NUOVA PARROCCHIA DI Voci - DICONO DI NOI - DON CICCIO COSENTINO di Angelo Jorfida - S. RAFFAELE ARCANGELO - A PROPOSITO DI “LA GRAN MADRE A COSI’ DICEVANO - LA MIA SPIAGGIA di Bruno Stillo - LA MEMORIA CAMPO PRIMA DELL’ASSUNTA” DI G. PALAIA di Don Alberto Vitale - LO NELL’IMMAGINE STATO DI CONSERVAZIONE DELLE CHIESE DI S. ANDREA di Marziale Mirarchi - SUPRAGNUAMI di Alfredo Varano - ‘U POSTIARI - LA MEMO- RIA NELL’IMMAGINE n. 13 - 31 LUGLIO 2005 n. 7 - 31 DICEMBRE 2003 ‘U POSTIARI - DOVE TROVARE ELPIS - GLI AMICI DI ELPIS - LA VOCE - ‘U POSTIARI - GLI AMICI DI ELPIS - DOLCE CREPUSCOLO DI DICEM- DEL VENTO di Enrico Armogida - ‘U CUGNUAMU di Bruno Stillo - BRE di Pietro Voci - VIAGGIO GASTRONOMICO NEI PAESI DELLA VALLE MORTE DI UN EMIGRANTE di Bruno Stillo - IL IV NOVEMBRE di Angelo DELL’ALACA di Francesco Corapi - I PADRI REDENTORISTI UNA MIS- Jorfida - SESSO E PARADISO (prima parte) di Salvatore Mongiardo - SIONE LUNGA UN SECOLO di Luciano Mirarchi - ‘A CRUCI E CIANZU E COSI’ DICEVANO - ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI - CONCERTO D’AU- COLINU di Angelo Jorfida - L’ATTACCO FRANCESE A SANT’ANDREA: TUNNO di Pietro Voci - SCARABOCCHI di Antonio Seracini - ODORI E IPOTESI SUL CORREA di Luigi Fusto - PROFILO BIOGRAFICO DI SAVE- SAPORI di Francesco Corapi - IL BUSTO DI GERACE NELLA RITRATTI- RIO MATTEI di Enrico Armogida - ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI - STICA BORBONICA di Maria Carmela Monteleone - MICU VITALE: OLIOE SAPONE: DUE PRODOTTI TIPICI DELL’ECONOMIA FAMILIARE di FAIER di Alfredo Varano - CRUCIVERBA ‘NDIALETTU di Domenico Mario Dominijanni - LA MEMORIA NELL’IMAGINE Cosentino - U.S. ANDREOLESE: OBIETTIVO RAGGIUNTO di Vincenzo Corasaniti - LA MEMORIA NELL’IMMAGINE Segue a pag. 31
  3. 3. Pagina 3 ELPIS GLI AMICI DI ELPIS in questo numero 1) ALFREDO VARANO Sant’Andrea Jonio 2) ARMANDO VITALE Sant’Andrea Jonio 3 GIUSEPPE PALAIA Viterbo pag. 2 ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI 4) LUCIANO MIRARCHI Sant’Andrea Jonio pag. 3 GLI AMICI DI ELPIS 5) MARIO DOMINIJANNI Roma pag. 4 ALBA E TRAMONTO DI UN GIORNO DI APRILE 6) ANTONIO CALABRETTA Milano 7) PIETRO VOCI Roma di Pietro Voci 8) MAURIZIO FRUSTACI Roma pag. 7 PILLOLE DI RIFLESSIONI di Francesco Mirarchi 9) ANDREA SAMÁ Roma pag. 8 ‘U RICRIJU D’O MIRIJU di Bruno Stillo 10) CLAUDIO LIJOI Baltimora (Usa) pag. 9 LA DONNA IN CALABRIA IERI E OGGI 11) DOMENICO COSENTINO Sant’Andrea Jonio 12) ROBERTO PAPALEO Cornaredo (MI) di Maria Elena Cosentino 13) BRUNO FRUSTACI Roma pag. 9 NUOVI DI STAMPA 14) FRANCO IORFIDA Roma pag. 10 SUL DIZIONARIO DI ENRICO di Salvatore Mongiardo 15) BRUNO VARANO Sant’Andrea Jonio 16) VINCENZO CARIOTI Sant’Andrea Jonio pag. 13 SCARABOCCHI di Antonio Seracini 17) ANTONIO SERACINI Verona pag. 14 PASQUINALE versi in romanesco di Paolo Mongiardo 18) VITO SCINO Sant’Andrea Jonio pag. 14 SCATTI DI CARNEVALE 19) MAURIZIO LIJOI Sant’Andrea Jonio 20) BERNARDO PROCOPIO Sant’Andrea Jonio pag. 15 ARCHIVIO STORICO 21) MAURIZIO MIRARCHI Olmedo (SS) pag. 16 PIAPPI ‘E PUDDHARA di Alfredo Varano 22) PASQUALE GRECO Florida (USA) pag. 18 ‘U PACCU racconto di Beppe Calabretta 23) FRANK BETRÒ Brooklyn (USA) pag. 19 QUAND’ERUMU... di Francesco Mirarchi 24) ANGELO JORFIDA Canton (USA) 25) GINA MISURACA Saronno (VA) pag. 20 BRUNO VOCI: ULTIMI TRATTEGGI 26) VITO MIRIJELLO Isca Jonio pag. 21 DOVE TROVARE ELPIS 27) LUIGI FUSTO Cologno M. (MI) pag. 22 ADDIO PIGNARI di Armando Vitale 28) ALDO NESTICÒ Firenze 29) ASS.CULT. ”LA RADICE” Badolato pag. 24 MARTIRIO DELL’APOSTOLO ANDREA 30) ANDREA LIJOI Roma pag. 25 ETYMON 31) SALVATORE MONGIARDO Milano pag. 26 COSI’ DICEVANO 32) ROBERTO MARINELLI Milano 33) ANDREA CORAPI Milano pag. 27 MIA MADRE di Laura Cosentino 34) GIUSEPPE VARANO Sant’Andrea Jonio pag. 29 L’IMMACOLATA IN CD-ROM 35) SALVATORE VOCI Roma pag. 30 ‘U POSTIARI 36) BRUNO CODISPOTI Zagarolo (RM) pag. 32 LA MEMORIA NELL’IMMAGINE 37) MARIO VITALE Baltimora (USA) 38) ANDREA DOMINIJANNI Roma 39) MARIO ARENA Anguillara 83) FRANCESCO BEVIVINO Roma 40) BRUNO STILLO Roma 84) BRUNO CARIOTI Rho (MI) 41) ANDREA CODISPOTI Milano 85) VITTORIA D’ALÒ Sant’Andrea Jonio 42) GIUSEPPE STILLO Sant’Andrea Jonio 86) BRUNO CALABRETTA Genova 43) TONINO CODISPOTI Roma 87) LAURA COSENTINO Crotone 44) ANDREA CODISPOTI Roma 88) ANDREA ALPIMONTE Roma 45) GIUSEPPE COSENTINO Cinisello B. (MI) 89) VINCENZO RAMOGIDA Roma 46) ALESSANDRA FERRARO Sant’Andrea Jonio 90) ASS.CULT.OLIVADESE Olivadi 47) MARZIALE MIRARCHI Isca Jonio 91) JOE LOMBARDO North Haledon (USA) 48) CLAUDIO BETRÒ Roma 92) MARIA COLUCCI Roma 49) BRUNO CARIOTI Roma 93) ALFREDO CALABRETTA Genzano (RM) 50) ADRIANO CODISPOTI Roma 94) GENNARINO DE FRANCO Brugherio (MI) 51) BRUNO FRUSTACI Guidonia 95) MAURIZIO COSENTINO Sant’Andrea Jonio 52) NICOLA ASPRO CARIOTI Roma 96) BRUNO MARIA VITALE Livorno 53) BRUNO RAMOGIDA Roma 97) ANTONIO FRUSTACI Yardeville (USA) 54) ADOLFO PALAIA Roma 98) MARIO FRUSTACI Sersale 55) SALVATORE NESTICÒ Sant’Andrea Jonio 99) DOMENICO BETRÒ Roma 56) MARIETTA RAMOGIDA Roma 100) VILLA DELLA FRATERNITÁ Sant’Andrea Jonio 57) CATERINA NESTICÒ Sant’Andrea Jonio 101) TITINA SAMÁ Roma 58) ANDREA RAMOGIDA Roma 102) FRANCO FRUSTACI Sant’Andrea Jonio 59) VITTORIA LIJOI Soverato 103) LINA MORETTI NESTICÒ Lastra a Signa (FI) 60) VINCENZO CODISPOTI Soverato 104) ANTONIETTA DOMINIJANNI GRECO Soverato 61) M.TERESA MURATORE Viterbo 105) VITTORIA VITALE IN GRECO Brooklyn (USA) 62) NICOLA MARIA VOCI Omegna (VB) 106) MARIANNA VITALE Cava dei Tirreni (SA) 63) VINCENZO ROMEO Sant’Andrea Jonio 107) ANTONELLA CODISPOTI Roma 64) VINCENZO DOMINIJANNI Torino 108) MARIO CODISPOTI Roma 65) DOMENICO PAPALEO Haledon (USA) 109) BRUNO ADDINO Pampton Plain (USA) 66) GIUSEPPE SAMÁ Roma 110) TIZIANA BETRO’ Roma 67) DORA SAMÁ Napoli 111) ALESSANDRO VOCI Roma 68) SILVANA CARIOTI Roma 112) ARTURO BEVIVINO Roma 69) GINO GRECO Roma 113) GERARDO STILLO Milano 70) ANGELO SAMÁ Wayne (USA) 114) DOMINIC BETRÒ N.Caldwell (USA) 71) JOSEPH NESTICO Woodbridge (USA) 115) BRUNO SAMÁ Roma 72) ANTONELLA FRUSTACI Masate (Mi) 116) VINCENZO DOMINIJANNI Roma 73) GERARDO SAMÁ Sant’Andrea Jonio 117) BRUNO COSENTINO Roma 74) GIUSEPPE BRESSI Sant’Andrea Jonio 118) GIUSEPPE RAMOGIDA Roma 75) GREGORIO SANTORO Chiaravalle C.le 119) FRANCO MONSALINA Sant’Andrea Jonio 76) MARIO LIJOI Roma 120) S.ANDREA SOCIAL CLUB oronto (CANADA) 77) ALDO VITALE Baltimore 121) IRENE VOCI Roma 78) DOM BETRÒ Riverside (USA) 122) FRANCESCO LIJOI Legnano (MI) 79) LUIGI BETRÒ New York (USA) 123) LUIGI STILLO Milano 80) GIUSEPPE MIRIJELLO Milano 124) NICOLA ROMEO Roma 81) ARDUINO DE ROSI Roma 125) ENZO COSENTINO Elicott City (USA) 82) PAOLA DE ROSI Savigliano (Cn)
  4. 4. Pagina 4 ELPIS ALBA E TRAMONTO DI UN GIORNO D’APRILE di Pietro Voci Quella mattina, la mia discoteca, fari dell’automobile, altrimenti non si conseguito la patente di guida e ora sta non molto ricca di motivi d’oltreoceano, vedeva nulla, era quasi buio come il mio facendo costruire una nicchia per la mi portava a inserire in ascolto “Que cuore. “Madonna della strada”. Venni a cono- serà serà” di Doris Day. Non capivo tutti Quei fari squarciarono il sipario scenza, così, di quel nuovo appellativo i versi in inglese di quella canzone ma nero della notte, che mi nascondeva, della Vergine. Il dottore fece pure già dal titolo non mi sembrava l’ideale appena lasciato l’abitato della marina, imprimere sul marmo: “Madonna della per quella giornata. E allora, se dovevo la fontana della “Giara” costruita con- strada guida il mio cammino”. Poco scegliere solo dal titolo, preferivo temporaneamente alle palazzine dopo dopo, sulla destra, vedevo la rampa “Magic moments” di Perry Cuomo l’alluvione dei primi anni cinquanta. d’accesso per la “mpetràta”, scorciatoia oppure “Love and marriage” di Frank Mio padre, che in marina lavorò tutto il molto ripida che passando da “lipontà- Sinatra. Ma Doris Day rispuntava fuori na”, dov’era sito il famoso abbeveratoio, prepotente, e ciò non mi piaceva. portava a piedi in paese percorrendo Quella stessa sera, 18 aprile 1959, il meno strada. Ma, poiché nessuno dà sole, dopo aver percorso tutta la volta niente per niente, in cambio richiedeva celeste godendo dall’alto ogni particola- uno sforzo maggiore di muscoli che re della giornata, tramontò aldilà dei lasciava senza fiato. Tutto questo lo monti di S. Andrea non prima di aver comprese chi pensò di far erigere, in allungato al massimo le ombre degli due punti strategici di quella salita, le alberi, delle case, degli uomini e di tutto nicchie contenenti immagini di Santi: “i ciò che affiora e che si lascia baciare da Madonnìaddhi”, che avevano la forza di lui. Quel sole si portò via, oltre che la tirare su spiritualmente, invitando a una luce, l’allegria che avevo in cuore. preghiera che riusciva a sollevare dallo Caspita... era stata una bella giornata!... sforzo fisico. Altri, invece, pensarono al Saluti, abbracci, auguri: la mia famiglia sollievo materiale immediato, costruen- era in festa. Il sole si era alzato do un muretto ad altezza d’uomo dove sull’orizzonte del mare Jonio, un sole vi si potevano posare i pesanti bagagli. incontenibile di calda primavera che Muretto chiamato “riposatùri”. distribuiva oro a destra e a manca col Quella sera, però, la ripida scorcia- suo sfavillare sull’acqua salata. Era il toia non mi riguardava. Proseguivo, su sole giusto, quello dell’alba, che allunga un’automobile, per la strada asfaltata. Marina di Sant’Andrea solo momentaneamente le ombre di chi Forse, l’aiuto de “i Madonnìaddhi” mi LA GIARA bacia, poi le ritira, in un crescendo ci voleva per sollevare il mio spirito di luce che culmina a mezzogiorno, che sentivo oscurato. L’automobile, tempo che ci volle per quelle costruzio- quando inverte la rotta e volge inesora- guidata non ricordo da chi (forse ni, parlava sempre delle novità di quel bilmente verso il tramonto. Era il sole Andrea Jorfida) percorreva la via nera cantiere, e un giorno disse che si stava giusto, dell’alba sul mare, mentre altra di catrame dove, più oltre, aspettava costruendo una bella fontana a forma di cosa è quando il sole tramonta sul mare: tranquilla la curva detta “Regina”. Giara, qualcosa di monumentale, anche in quel caso non distribuissce oro ma se Attraversandola, anche le automobili se semplice. Appresi con soddisfazione lo porta via. divenivano tranquille perché dovevano quella notizia perché una fontana è Ora, perché in me quella sera tanto assolutamente rallentare per via sempre un bell’arredo per una città. scoramento? Non era il sole, tramontato dell’impegnativa curva. Così facendo, Quella sera, però, l’acqua della come sempre dai monti? Lo scintillio gli uomini di buona volontà, avevano Giara non scintillava, non sentiva la dell’oro non distribuito dal sole, era un più tempo per un saluto alla Madonnina luminosità dei fari, non aveva imparato problema della Calabria tirrenica, non di quella piccola icona che troneggiava la lezione dal mare, oppure, più sempli- jonica. Ma il sole per quel giorno era da Regina. cemente, i fari non sono come il sole. Il ormai andato via e per ottenere il bis Quando i fari illuminarono la segna- sipario nero ridiscese sulla fontana c’era d’aspettare ventiquattro ore; non letica che diceva “S. Andrea Apostolo quando l’automobile curvò per andare era come in teatro, altrimenti avrei dello Jonio”, quando cioè arrivammo oltre. Dopo alcune curve, riuscivo a chiesto la ripetizione per cercare di alle prime case di S. Andrea superiore, il vedere l’icona con la “Madonna della capire meglio. tempo di pensare “siamo arrivati” ed strada” fatta erigere, pochi anni prima, Per “colpa” di quel tramonto, poco ecco apparire la forgia di zio Vincenzo, dal dottor Giuseppe D’Amica. dopo calò un sipario scuro sulla marina fratello di mia madre, sita là dove Anche di quest’opera ne sentii di S. Andrea e quindi, la strada che porta termina quella ripida ‘mpetràta che parlare prima di vederla, perché in paese in paese doveva essere illuminata dai passa da lipontàna. Sicuramente una si diceva: “Il dottore D’Amica ha
  5. 5. Pagina 5 ELPIS forgia benedetta da molti perché il suo dirige verso la circonvallazione dei pini perché sposava chi le voleva bene e da apparire diceva che la salita faticosa era per arrivare dove si trova l’altra famosa quel giorno, suo marito diventava mio finita. Da quel punto e per tutta la curva curva: quella di “Nicola ‘e Lisu” dove fratello maggiore. Lei cambiava vita, e “d’a Vanti” un pensiero mi “turbinava un giglio, figlio di colui che diede il pure questo rientrava nelle normalità. il cervello”: “Piccola Olandese, dov’è nome a quella curva, anni dopo, fu reciso Da quel giorno finivano le preoccupa- la Piccola Olandese?”. I fari, subendo e raccolto quando era in pieno sboccio zioni di mia madre che insisteva su mia per i miei occhi una metamorfosi, perché ogni tanto, l’Onnipotente, pare sorella perché mangiasse. “Mangia, diventavano riflettori e riuscivano a illu- abbia bisogno di far bella mostra, in mangia, altrimenti deperisci e muori”. minare il vicino balcone come fosse un quel Regno, di ciò che di bello ha Io non riuscivo a concepire come mai palcoscenico, ma la “Piccola Olandese” profuso sulla terra, e questo lo può c’era qualcuno al mondo che avesse non c’era. far vedere agli abitanti dell’aldilà bisogno di essere invitato per mangiare. Non molti anni erano passati da “cogliendo” tra la bella gioventù. Lavoravo abbastanza sodo e quindi quando, la più bella bambina del paese, Nel 1940 lo fece a spese di nonna consumavo calorie, non mi si doveva dai riccioli biondi, figlia del fratello di Marianna, quando decise di raccogliere dire “buon appetito” e mangiavo qual- mia madre, interpretò, lei per prima, la un “giglio” di ventisette anni. Questo è siasi cosa, fosse verde, gialla, rossa, parte principale dell’operetta musicale uno sfogo, e spero che Lui non me lo mezza cruda o stracotta. In verità, a casa di Romolo Corona “La piccola olande- passi per bestemmia. Sarebbe molto mia non mancava niente. Un giorno se” messa in scena dalle scuole al teatro simile a quella che, in un momento di accadde che, vedendo mia madre insi- dell’Oratorio. Parte che, negli anni che scoramento, fece Paolo VI il 13 maggio stere per quelle cose a me inconcepibili, del ’78, quando, facendo finta di ignorare mi rivolgessi verso mia sorella, dicen- il “sia fatta la Tua volontà”, “rimpro- dole: “E mangia!.. Smettila di dire no!” verò” il Signore per non aver esaudito la e dicendo quelle parole diedi una spinta richiesta di salvare la vita di Aldo Moro. energica alla sua sedia che scivolò La curva di Nicola ‘e Lisu non era inter- in malo modo trascinando con se mia minabile e fu lasciata dall’automobile sorella rovinosamente. Al che mia assieme al giglio non ancora raccolto. madre gridò: “Adesso l’hai ammazzata Il Pian Castello, intanto, era ormai del tutto”. Per fortuna non fu così, non vicino e quando vi arrivammo le prime si fece alcun male e si sfogò con un cose che vidi furono il palazzo Jannoni pianto. Ma non smise di dire no, non col suo glicine gigante e le “Tre fontane”. cominciò a mangiare. Io mi arresi e, Dalle tre cannelle non scendeva acqua guardando l’orologio, dovetti scappare perché funzionavano a pulsante, altri- perché a poco cominciava la mia menti avrebbero risposto alla luce dei seconda mezza giornata di lavoro. fari sfavillando oro quasi come faceva il Questo appena raccontato è un mare in quell’alba appena trascorsa… episodio di poco rilevante importanza, altro che fontana della Giara che stava ma l’ho voluto fare perché si veda di in marina! Mi guardai intorno. Mi tor- quali piccole, semplici cose, era fatto il nava in mente il motivetto d’oltreocea- nostro mondo. Intanto… quel giorno LA MADONNA DELLA STRADA no di quella mattinata che scacciavo, mia sorella si era sposata e il mio scora- aiutato dalla cugina dai riccioli biondi mento, allora, a cosa era dovuto? Sì, seguirono, fu affidata ad altra bella che riusciva a sconfiggere Doris Day, lo capii finalmente quando vidi il ragazza che abitava a un solo passo di canticchiando dentro di me, “…tra distanza dal cinema-teatro “Domenico giardini di gigli e viole”. Savio” e che andò sposa al caro amico Mi accorsi che ancora una volta i Peppe, che oggi, per starle fisicamente miei occhi trasformavano i fari in vicino, si reca tutti i giorni al cimitero. riflettori. Ancora un palcoscenico, il più E intanto, mentre i fari-riflettori illumi- bello di tutti, che non stava in marina navano il balcone-palcoscenico della ma qui, a S. Andrea superiore. In quel bellissima cugina dai riccioli biondi, mentre (sabato sera) c’era in televisione rammentavo un bel motivetto di quella la trasmissione “Il musichiere” e tutti gli rappresentazione che faceva così: “Girano ospiti erano entusiasti di partecipare a laggiù i mulini – tra giardini di gigli e quel programma TV. Ma io non li viole”…quando i gigli, ancora in boc- invidiavo, io ero innamorato di quel ciolo, erano notevolmente più numerosi “palcoscenico”, che aveva la forza di delle viole. Dio volle che in futuro, portare gli Andreolesi ad attraversarlo quella ragazza avesse il destino segnato come fosse una passerella. Quella di successi. Ogni suo successo mi passerella non stava in marina ma qui, a regala il lusso della felicità. E intanto, le S. Andrea superiore. Capii finalmente il luci della macchina, tornati a essere perché del mio scoramento: quel giorno soltanto fari, continuavano a illuminare si era sposata mia sorella. Ma questo il tratto che, dalla curva “d’a Vanti” fatto non mi portava a essere triste LA FORGIA di zio Vincenzo
  6. 6. Pagina 6 ELPIS “palcoscenico” di Pian Castello. Era Il contadino era quello che salutava sguardo. E mia sorella era rimasta lì dovuto al fatto che... andava ad abitare per primo, forse perché il suo fisico era vicino, ma lontana, lontana dall’animato in marina, quella frazione marina delle “chino”, abituato com’era a zappare la paese. prime palazzine, buie, paradossalmente terra. “Ava ‘a Jiumba” (ha la gobba) Intanto, gli orologi di tutto il mondo mi sembrava fuori dal mondo, anche se, dicevamo. Sì che aveva la gobba! continuavano a camminare e quindi, tra invece, era più collegata col resto del Lavorando la terra, con essa era abitua- essi, c’erano anche quelli di S. Andrea mondo per via della litoranea e della to a parlare, benediva e malediva marina e S. Andrea superiore. L’orologio ferrovia. S. Andrea superiore, allora, era cedendo a essa parte di se stesso, perché del vecchio paese, evidentemente, come una grande città (così appariva ai il sudore che gli grondava cadeva in segnava le ore pomeridiane che portano miei occhi). La marina, con deboli luci terra e si confondeva con essa. Un inesorabilmente alla sera, alla notte, al vantaggio il contadino di S. Andrea lo tramonto dietro i monti e a quello della aveva: per attraversare il Pian Castello costa tirrenica della Calabria, che non non aveva bisogno di nascondersi con regala oro. Il paese si dissangua sempre paramenti a festa. Noi sì. più, si parte per altri mondi in cerca di Fu per questo che mio padre, quel fortuna. Quel corso, quel Pian Castello, giorno, un istante prima della nostra comincia a essere sempre meno animato “entrata in scena” di Pian Castello, mi di prima e finisce di essere mostra disse: “Ecco, prendi questa zappa e permanente del paese perché venivano portala, solo fino all’edificio scolastico, a mancare “espositori” e “visitatori”. (via Roma) poi la dai a me”. Ma io, che Cominciava a spuntare tra una pietra e ero già pregno di quelle abitudini, gli l’altra del selciato, della timida erbetta, risposi: “No! Portatelo voi fino all’edi- perché non c’erano abbastanza piedi a ficio, poi lo porterò sempre io”. Per impedirne la crescita con il loro cammi- quanto oggi possa sembrare incredibile, nare. Quell’erbetta restò sempre timida allora si sentiva un forte disagio nell’at- per non infierire molto con la sua presen- traversare il Pian Castello con la zappa za, perché lei stessa non vuol credere che in mano, mettersi in mostra vestiti da quel Corso abbia “chiuso l’esposizione”. contadini. A quel punto mio padre non Per provare una ventata di novità ebbe il coraggio di replicare, “mi capì”, cominciavo a guardare verso la marina. e zitto zitto se la portò lui la zappa fino L’orologio della marina segnava a Lipogghiàra, attraversando in disagio le ore del mattino, quella marina comin- Sant’Andrea superiore quel corso che era la vetrina del paese. ciava a piacermi, c’era un certo dinami- PALAZZO JANNONI Ora, quel corso, non stava in marina smo che andava molto bene a braccetto notturne, era abitata da poche anime, perché lì c’era la litoranea, strada con la mia gioventù. Succedeva così che molte delle quali provenienti da “terra presciolosa, macchine che scappavano tutte le occasioni erano buone per recar- straniera” (paesi vicini). L’impressione via, che andavano verso sud, e poi, altre mi in marina, dove c’era mia sorella di aver lasciato mia sorella ai margini sfrecciavano verso nord e mi sembravano (sarà stata lei, inconsapevolmente, a del mondo era forte. Dov’era quel le stesse di prima che, come impazzite, portare quella ventata di dinamismo?). corso, quel Pian Castello, quel palcosce- volessero tornare indietro. C’era, sì, la via E’ così, non vedevo l’ora di scendere in nico sempre animato e come mostra che dalla stazione portava al paese, ma marina e quindi invidiavo mia sorella permanente del paese? Non era in mari- occorreva percorrere cinque chilometri che invece ci abitava. Quanta bella na ma a S. Andrea superiore. per arrivarci, per arrivare là dove c’erano differenza da quel diciotto aprile del Potevo avere otto anni quando mio le tre colline illuminate da luci come cinquantanove… padre mi portò con sé a Lipogghiàra, stelle, perché con esse si confondevano contrada collinare dove avevamo un quando il cielo di notte era terso che appezzamento di terra coltivato a vite, sembrava “ca ‘u liccàru ‘i gatti” (leccato non sufficiente da fare il vino ma dai gatti = limpido e stellato). abbastanza da fare la marmellata d’uva Arrivato in paese, nessuno mi (confettura), della quale eravamo ghiotti. vietava di guardare verso la marina, ma, Per andare a Lipogghiàra dovevamo se non c’era la luna era meglio non attraversare tutto il Pian Castello e farlo, perché quello che appariva erano quindi dovevamo “apparire” decente- delle fioche, piccole luci provenienti mente vestiti. Questo era fuori dubbio dall’abitato, e poi tutto nero, perché il che lo fossimo, ma… se oltre ai vestiti mare, di notte, senza luna è una distesa “indossavi” la zappa, questa aveva la buia. Insomma, le luci della marina non forza di trasformare i tuoi decenti vestiti si potevano mai e poi mai confondere in trasandati. Tutto ciò, però, riguardava con le stelle del cielo, perché c’era la noi facenti parte degli artigiani, mentre i distesa buia del mare in mezzo. contadini non avevano problemi, loro Quel mare aveva distribuito ormai vestivano e si dichiaravano per quello durante la giornata quell’oro regalato Sant’Andrea superiore che erano. dal sole e non aveva nulla da offrire allo LE TRE FONTANE
  7. 7. Pagina 7 ELPIS Ai miei occhi, le automobili che PILLOLE sfrecciavano lungo la litoranea non erano più impazzite, non erano sempre le stesse che andavano verso sud e DI tornavano a nord. Ormai quelle macchi- ne sfrecciavano “razionalmente” per RIFLESSIONI quell’arteria, perché avevano fretta di sbrigare lavoro. Tutto quel mondo, il mondo della marina, aveva imparato la di Francesco Mirarchi lezione usufruendo di quell’oro che il sole distribuiva a destra e a manca mentre si alzava sull’orizzonte. Era chia- 31 - Dementi sono coloro che sfidano il fato perchè non sanno che, alla lunga ro che l’orologio della marina segnava le ci cascano sotto! ore dell’alba e dell’aurora guardando verso il futuro. Le case popolari costrui- 32 - Costernati si diventa quando riceviamo un’offesa, tanto vale ignorarla... te nei primi anni cinquanta, già vecchie, o perdonare. diventavano “centro storico” mentre 33 - Dubbitare che una persona ha commesso un reato è lecito. Non è lecito erano affiancate da nuove costruzioni azzardarsi a condannarla. più moderne e più luminose. Cominciavo a “internazionalizzar- 34 - Se vuoi essere un uomo virtuoso devi imparare a conoscere i vizi che hai. mi” perché venivo a conoscere quegli “stranieri” che abitavano la marina. 35 - Farai bene a preoccuarti sempre dei tuoi problemi e non di quelli degli Brava gente che lavorava sodo e che altri. proveniva dalla Calabria stessa o 36 - Esistere è anche sopravvivere. L’importante è trovare il giusto equilibrio. comunque dal sud. Mi arricchivo sapendo di esperienze diverse. C’era la 37 - Tutti aspirano alla felicità. Ma non tutti sanno fare i conti con gli signora Tilde, che mi commissionava ostacoli della vita quotidiana. lavori su misura, voglio dire quei lavori da me preferiti, come il dipingere la 38 - Droga, alcool e fumo sono sostanze nocive, intossicanti, distruttive, da cappa del camino con una specie di combattere con tutti i mezzi possibili. affresco. E ancora, eseguire un bel 39 - Gioisci sempre dei tuoi risultati, ma accetta i consigli delle persone che quadro di scena di caccia sullo sportello ritieni intelligenti. dei contatori che altrimenti appariva come cosa ingombrante e mal posto. 40 - Hanno tutto e non hanno niente. Sono i giovani dell’era moderna, che C’era Luigi, che insisteva gli dipingessi ignorano il sapore del pane bagnato col sudore della fronte. un quadro di San Luigi Gonzaga e me lo ripeteva tante volte che ritenni opportu- 41 - Libero è colui che combatte tutti i giorni per la propria dignità e la libertà no dargli la precedenza per farlo stare di esistere. zitto. Ma i miei conti si rivelarono 42 - L’immaginazione ti può tormentare. Sfuggigli e vivi il reale. sbagliati, poiché non lo zittii per nulla, perché dopo, ogni volta, mi parlava 43 - Se sei una persona retta l’invidia non ti coglie. Piuttosto corrode l’anima sempre del San Luigi , di com’era venu- di chi t’invidia. to bene. Ancora oggi, quando lo incontro, mi ricorda il quadro di quegli anni. 44 - Facile innamorarsi. Difficile rimanerlo per sempre. Era piacevole andare in marina, anche a piedi. Ormai mi sembrava 45 - La libertà te la puoi conquistare solo se lotti per la libertà. molto chiaro come stavano le cose. 46 - “Signori si nasce e non si diventa”. Ignoranti si nasce, colti si diventa. Quelli della marina usufruivano dello sfavillio di quell’oro che il sole del 47 - Ci vuole tanto tanto amore per salvare il nostro pianeta e per la nostra mattino elargiva attraverso il mare. E salvezza! poi, c’era dell’altro: c’era mia sorella che abitava in marina, e Lei non scher- 48 - L’amicizia nasce spontanea, non la si cerca. Bada a saperla coltivare. zava, faceva a gara col sole nell’elargire 49 - Non essere testardo nella conversazione. Se non condividi un’opinione il suo oro, che erano i sorrisi. può essere utile tacere. Per ben quarant’otto anni, sei mesi e cinque giorni quei sorrisi, a volte velati, 50 - Male ti tratta chi t’invidia, perchè vuol sempre vederti prostrato ai sui furono “irradiati” in quella marina, dalla piedi. sera del diciotto aprile 1959. 51 - Megalomane è colui che crede di saper tutto e poi si perde in bicchier Roma, febbraio 2009 d’acqua. pietro.voci@libero.it
  8. 8. Pagina 8 ELPIS ‘U RICRÌJU D’O MIRÌJU di Bruno Stillo Oggi giorno la parola d’ordine è to al prossimo? A queste due domande mano in tasca, tirate fuori qualcosa globalizzazione. Bisogna essere globa- tutti risponderanno “NOooo…”, ma da sgranocchiare, tipo ‘na castagna lizzati a ogni costo, altrimenti si è nei fatti poi molti si comportano come ‘mpurnata, ‘nu favu russu, ‘nu ficu tagliati fuori dal sistema produttivo e se avessero detto “SIiii…”. siccu… da consumare lentamente, per competitivo. non disturbare il vostro rilassamento. Se la massima è “chi rinnega il Un’ora di questa apparente semico- Questo modello di sviluppo deve passato non ha futuro”, dobbiamo scienza vi farà raggiungere l’apice essere stato escogitato da un cervello ricordarci che non molto tempo fa i della soddisfazione che rasenta la diabolico: è sufficiente che l’America nostri antenati non sapevano neanche beatitudine. faccia una flatulenza perché la puzza si cosa significasse la parola consumismo; propaghi in tutto il mondo. La cosa che per loro mangiare tutti i giorni era Perseguendo l’idea di avere sem- ritengo più allarmante non sono le quello che li faceva stare bene, contenti pre di più, a costo di fare il doppio definizioni di globalizzazione, produ- e felici. A quei tempi, la parola d’ordine lavoro o lo straordinario, non si avrà zione e competizione, ma l’imperativo era risparmiare e mettere da parte per mai tempo disponibile per provare e “a ogni costo”! eventuali carestie. Io non dico che gustare la condizione che ho descritto dovremmo tornare indietro, ma tenerne sopra e che io definisco: ‘u ricriju ‘do conto per costruirci un futuro migliore. miriju. Forse a questo punto il lettore si Qualcuno potrebbe dire che questa starà chiedendo: che ci azzeccano condizione corrisponde al piacere di queste considerazioni con il titolo “‘u oziare ed io, mio malgrado, la sua ricriju d’o miriju…”. Ci azzeccano… opinione posso pure accettarla, anche ci azzeccano… rispondo io! Mi spiego. se la trovo inesatta e molto riduttiva. Immaginate di sdraiarvi su una scali- Però, se mi si dice che ho descritto uno nata all’aperto, inclinati di circa 60 stato di vacabunderia, beh… allora gradi rispetto alla perpendicolare, i m’incazzo di brutto!!! gomiti appoggiati sul terzo o quarto gradino, la testa un poco sollevata; le La globalizzazione fa sì che un gambe, semi distese e leggermente individuo, durante la sua la vita, debba divaricate, devono essere adagiate con lavorare sempre di più, per abbassare il la parte esterna a lambire gli spigoli prezzo di produzione e vendere il pro- dei gradini sottostanti, in modo da dotto battendo la concorrenza. Bisogna formare una sorta di rombo allungato. guadagnare e consumare di più, anche Abbandonati nel corpo e nella mente, le cose superflue. “Contribuire ad vi fate baciare dai raggi del sole calan- aumentare il P.I.L. della propria te, che danno tepore, appagamento e nazione” è il motto, così si evita la corroborano lo spirito - l’inclinazione recessione, questo mostro invisibile giusta è sempre quella di 60 gradi sulla che terrorizza tutto il mondo. perpendicolare -. L’egoismo di non accontentarsi Gli occhi sfiorati da questi raggi, mai non porta alla felicità; pensare alternandosi, si ‘ngriddhunu compia- solo al proprio tornaconto prima o poi ciuti e osservano passivamente tutto ti si ritorce contro. La concorrenza non ciò che vi circonda; vi fate avvolgere è una parola astratta, è gente come noi, dalla sordità assoluta per non sentire le che ha bisogno di vendere il prodotto voci di chi vi sta intorno e le cazzate del proprio lavoro per poter campare. che inevitabilmente fioccano da tutte E’ questo il modello di civiltà che le parti. Di tanto in tanto allungate la vogliamo perseguire? Fare lo sgambet- Elpis è una pubblicazione a carattere locale avente finalità culturali. La redazione è composta da: Luciano Mirarchi, Giuseppe Palaia, Alfredo Varano, Armando Vitale. La distribuzione è realizzata attraverso le edicole e i pubblici esercizi di Sant’Andrea Ionio che intendono offrire gratuitamente la propria collaborazione. Tutte le collaborazioni alla rivista sono rese a titolo completamente gratuito e volontario. Il presente numero di “Elpis” è stato stampato presso la Tipografia Sudgrafica di Davoli Marina in 700 esemplari. Tutti gli interventi dovranno pervenire in redazione possibil- mente su dischetto o al seguente indirizzo di posta elettronica: elpiszerouno@virgilio.it. in copertina: un disegno di Alfredo Varano
  9. 9. Pagina 9 ELPIS LA DONNA IN CALABRIA IERI E OGGI di Maria Elena Cosentino Maria Elena Al calar della sera torna a casa Cosentino la donna stanca, nella sua veste nera; deposita la sporta del bucato e pensa al pranzo quotidiano tanto atteso. Nel 2008, in occasione della ricorrenza della FESTA DELLA DONNA, la Comunità Montana Con poveri ingredienti e tanto amore “Versante Jonico” ha bandito un con- prepara una minestra che arriva dritta al cuore: corso di poesia sul tema: LA DONNA a lume di candela, intorno al focolare, IN CALABRIA IERI E OGGI, per tutti quanti son pronti a desinare. ricordare le dure lotte che il mondo femminile ha condotto per la conqui- sta dei propri diritti, per il lavoro e La donna d’oggi veste i panni dei mestieri, l’emancipazione. lavori maschili fino a ieri; Sono stati esaminati 50 componi- rincorre il tempo sempre preoccupata, menti poetici presentati dagli alunni è stanca e non è mai appagata. di cinque Istituti Comprensivi rica- denti nella stessa Comunità Montana. La commissione giudicante ha Posa le sue cose sul tavolino assegnato il terzo premio a questa e si mette a giocare col piccino. poesia di Maria Elena Cosentino, Solo così le passa il malumore alunna della 3 media statale di e stringe il suo bambino forte al cuore. Sant’Andrea Jonio. NUOVI DI STAMPA segnalazione di libri ricevuti in redazione Federica Ciani IL MIO PRIMO MADAGASCAR appunti di viaggio pagine 73 - Euro 11,00 Bonaccorso Editore - dicembre 2008 ... Allora, se è vero che il sacrificio di tre eroi - don Raffaello, suor Anna e suor Marta, che incontrerete leggendo queste pagine - così come l’iniziativa dei due medici veronesi intesa a lenire le sofferenze drammati- che di pochi esseri umani, rappresentano interventi “atomistici” rispetto all’enormità di un problema difficilmente commensurabile, è altrettanto vero che oguno può e deve mettere a disposizione di chi soffre un “atomo” di bene. Più numerosi saranno codesti atomi, meno vasto sarà il il pelago dei diseredati che languono su questa stessa nostra terra. Grazie a Federica per le vibranti testimonianze che, forse, potranno indurre noi tutti a qualche riflessione e a qualche impegno concreto, nella consapevolezza che anche le distese delle sabbie delle coste malgasce - e non solo - in definitiva sono costituite da tanti granelli che stanno fitti l’uno accanto al’altro... Gian Paolo Marchini
  10. 10. Pagina 10 ELPIS SUL DIZIONARIO DI ENRICO: di Salvatore Mongiardo A SANT’ANDREA... Discorso di presentazione del “Dizionario Andreolese-Italiano” tenuto da Salvatore Mongiardo lo scorso 28 dicembre nell’aula consiliare del municipio di Sant’Andrea. Signor Sindaco, gentili signore e I filologi e i linguisti si occuperan- signori, no della parte scientifica di questo sono veramente lieto di presentarvi Dizionario, che è sostanziosa. A me il Dizionario Andreolese-Italiano del preme piuttosto dare una risposta a una caro amico Enrico Armogida. I latini domanda che questo Dizionario mi ha avrebbero detto: Hanc diem numera posto. Cosa spinge una persona a spen- meliore lapillo. Cioè, segna questo dere energie enormi per trenta anni nel giorno tra quelli fortunati, perché oggi compilare una tale opera? Il desiderio vede la luce quest’opera durata trenta di gloria? Non mi sembra il caso di anni, iniziata con un foglio di carta e Enrico, anche se alla gloria siamo tutti penna e terminata al computer con ben sensibili. Il desiderio di salvare il sal- 1.302 pagine. Enrico l’ha chiamato vabile di una cultura in estinzione per Dizionario ma, secondo me, sarebbe consegnarla ai posteri? E’ quello che più giusto chiamarlo Dizionario comunemente si pensa, e che anche Enciclopedico. Difatti, non ci sono solo Enrico pensa. A me sembra però che le parole con la loro etimologia greca, salvare la conoscenza per i posteri sia latina, araba, ma anche le biografie di solo la ragione apparente. La ragione personaggi andreolesi come, per esem- vera, profonda non viene detta per pio, Saverio Mattei, la Monachella di pudore e si chiama semplicemente San Bruno e l’architetto Armogida. E amore. L’origine di questo Dizionario è poi le cronache di alluvioni e terremo- l’amore del suo autore per le persone, ti, i nomi dei fondi: Pajhò, Pastaticò, le piante, i cieli, le campagne, gli albe- Bassariaci, Cuccumìaddhu, Santu Lìa, ri, le botteghe artigiane, i contadini con Fimmana schjetta. I modi di dire, i le zappe, i canali dell’acqua, gli orti e le proverbi: Su tri cuasi si funda a casa, vigne in mezzo ai quali Enrico si è cre- spaddha pilusa, petra bucata e chjrica sciuto. Enrico ama disperatamente tutte rasa. Le favole, i racconti, gli usi e i le cose che hanno fatto parte della sua scere i termini di ogni cosa che i vasai, costumi, le arti e i mestieri, le cronolo- esistenza e li riporta a nuova vita, i famosi argagnari di Sant’Andrea, gie dei sindaci, dei parroci, dei maestri anche se erano pumiceddha e maju o usavano? Per ogni termine troverete di scuola e molto, molto altro. Per garici o curgejjha. A ognuna di queste significato e corrispondente in italiano. esempio, se guardiamo alla parola cose Enrico consegna il passaporto L’italiano, appunto. A me piace vombacaru, vediamo che era lo per l’eternità perché non si rassegna immaginare che questo Dizionario sia scardassatore del cotone, cioè quello all’idea che possano scomparire. È la rivolta di Enrico, concepita negli che toglieva i semi, i vambacùaspura incondizionato il suo amore per quel anni intorno al 1945, quando lui inizia- dalla bambagia prima della filatura. mondo che fu semplice in apparenza. va a frequentare le scuole elementari Ho ancora nelle orecchie il rumore che In realtà fu terribilmente difficile, e nel nell’Edificio Scolastico qui vicino. faceva l’ultimo vombacaru, il padre di breve spazio che va dallo Ionio alla Non si dice pitta, ma focaccia! Non si Italo e Delina, che emigrarono in Lacina, dal fiume Alaca a Saluro, fece deve dire currijùazzu, ma cinghia! Argentina. da scena di rappresentazione della Cosa è questo faddala, si deve dire storia del mondo con il suo carico di Io non conosco in tutta Italia grembiule, ci sgridavano i maestri. Con bene e di male: U mundu, ca’ cui u un’opera così completa e ampia che questa opera è come se Enrico, e cangia u mundu! U mundu è mpamu, confronti la lingua parlata di un paese noi tutti assieme a lui, ci fossimo riap- dicìa Caramanti. con l’italiano. Questo miracolo si propriati dei nostri territori linguistici compie per l’andreolese, lingua nostra Enrico vorrebbe conservare per dentro i quali siamo stati allevati dai e del nostro popolo, sparso per l’Italia e sempre anche l’elemento più inafferra- genitori e dalla ruga. Dirò di più. le Americhe. bile, il vento, sia che soffi come vuc- Enrico ha risolto quello che Freud chjata, rispiru, rijhatu da menzajornata, Non sapete come si chiamavano le definì il primo problema di ogni perso- spiffaru, refulata, o quando rinforza e parti di un carro tirato dai buoi? Aprite na, quello dell’identificazione: chi diventa fischiu, ngusciu, jhujjhalora. il Dizionario e vedrete cosa erano lettè- sono io? Enrico risponde senza dubbi: Cerco di immaginare cosa diranno fra ra, tramenzuni e stamigni. Volete cono- io sono e sempre sarò andreolese.
  11. 11. Pagina 11 ELPIS cento anni gli specialisti di filologia me, u fusu, a lampa, a chiccareddha’e nella crisi e nella paura del domani, di qualche università del mondo con- l’ùajjhu. Ogni elemento della natura, Enrico ci presenta in quest’opera un sultando questo Dizionario. E penso ogni persona che ci è stata compagna di mondo che seppe vivere con poco e che potranno trovare una risposta a viaggio, anche se erano i reietti o gli sicuramente visse con meno angoscia, qualche termine, ma sarà come una scemi. E’ quindi una lezione di aderenza felice se c’era un pezzo di pane e un luce rarefatta, lontana. Non sarà u vam- alla realtà che fu contadina e povera, ma bicchiere di vino. bacaru che io ho visto, con la bottega anche buona e generosa. La lezione di E’ per questo che a nome mio per- piena di fiocchi di bambagia come se Enrico è quella di una persona che mai si sonale, di tutti gli andreolesi sparsi per nevicasse, e il rumore dell’attrezzo per è mossa dal suolo natio, pur affrontando il mondo, di voi tutti presenti, ringrazio scardassare: mba mba mba… Per noi studi, famiglia e tutti i cambiamenti che Enrico e mi felicito con lui per aver presenti, per me oggi, da questo negli ultimi decenni sono arrivati a raggiunto questo grande traguardo. E Dizionario viene invece una lezione di valanga uno dopo l’altro. termino con un augurio in andreolese: vita. E cioè che senza finzioni e senza Nella grande confusione del mondo vergogna si possono amare le cose mini- attuale che si globalizza in tutto, anche Avanti mìagghu! ... E A ROMA Discorso di presentazione del “Dizionario Andreolese-Italiano” tenuto da Salvatore Mongiardo lo scorso 30 marzo al Campidoglio. Gentili signore e signori, predominanza di anziani. Un paese come Betrò, Carioti, Codispoti, Lijoi, che ha visto più di 500 suoi giovani Samà. questo Dizionario è nato pochi partecipare alla prima guerra mondiale mesi fa, ma è cresciuto così rapidamen- Per brevità di tempo non posso e altrettanti nella seconda, pagando te che oggi ho il piacere e l’onore di dilungarmi sull’opera dal punto di vista un grave tributo di sangue. Già dal presentarlo a voi nel Campidoglio. letterario o filologico, anche perché a 1870 in poi il paese si è svenato con Quest’opera è stata concepita e iniziata me preme indagare le motivazioni l’emigrazione verso gli Stati Uniti e dall’autore intorno al 1970 con carta e profonde che sono all’origine del l’Argentina, e dopo la seconda guerra penna e la sua compilazione è termina- Dizionario. L’Autore stesso, l’amico ta al computer nel 2008, dopo circa Enrico Armogida, ha detto che avverti- trenta anni di ricerche. va chiaramente la fine di quel mondo andreolese e voleva salvarlo per le Nelle 1.300 pagine del Dizionario, generazioni future. E non c’è dubbio ogni parola della lingua andreolese è che l’Autore abbia compiuto questo registrata così come veniva parlata, spettacolare salvataggio in extremis per e in parte ancora viene parlata, a l’amore che porta a persone, luoghi, Sant’Andrea Ionio; è tradotta poi in cieli e campagne della sua infanzia e italiano e inoltre è spiegata nella sua della sua vita: in ogni pagina dell’ope- etimologia greca, latina, araba, o ra è vivo il rimpianto per quel mondo francese, inglese, spagnola. Ci sono definitivamente avviato sul viale del poi proverbi, modi di dire, racconti, tramonto. L’autore ne è lucidamente aneddoti, personaggi famosi o singo- cosciente e sembra rassegnato in lari che si muovono tra una folla di alcune pagine, ma poi in altre pagine il contadini, artigiani, preti, monache. rimpianto sale di intensità fino a C’è anche la descrizione dettagliata diventare inconsolabile. dell’arte dei vasai, dei sarti, dei carrettieri, delle tessitrici, dei contadi- Ho voluto allora riflettere sul ni, con i termini usati per indicare fenomeno del rimpianto, cosa che tutti l’arte, gli attrezzi e i processi lavorati- temono tanto che si dice comunemente: vi. E rivivono le feste religiose, il culto meglio rimorsi che rimpianti, mai dei morti, i canti della mietitura, il avere rimpianti! Invece, stimolato suono delle zampogne a Natale. Dalle da quest’opera, sono arrivato alla sue pagine balza un mondo variegato conclusione che il rimpianto è una che si muoveva secondo le vicende delle grandi risorse dell’uomo perché politiche e militari, o secondo le buone richiama verso una situazione del pas- mondiale, anche verso il Canada, e cattive annate dei raccolti. sato per indicare fenomeni non ancora Milano e soprattutto qui a Roma, dove compresi. Il rimpianto che emana da Andreolese, l’avrete intuito, è vive il nucleo più importante di circa questo Dizionario è come il segnale di l’aggettivo che indica gli abitanti e la cinquemila andreolesi originari, figli e un contatore Geiger che indica un lingua di Sant’Andrea Ionio, un paese nipoti. Tutti i vostri cognomi e sopran- tesoro nascosto. affacciato sul golfo di Squillace, che fu nomi, carissimi concittadini andreolesi, di circa 5.000 abitanti intorno al 1950 Ma è possibile che in un paese della sono riportati nel Dizionario e spiegati ed è oggi ridotto a circa 2.500 con una Calabria ci sia un tesoro? Cercando una nella loro origine, spesso magnogreca,
  12. 12. Pagina 12 ELPIS risposta a questa domanda, ho sfogliato solcato dalle navi da guerra che morì nel 1953 all’età di circa 80 anni. La il Dizionario alla parola mara, il nostro Pompeo e Cesare, Augusto e Marco sua straordinaria vicenda si intreccia con glauco Ionio. Il Dizionario, a proposito Antonio armarono per lottare gli uni Papa Leone XIII, presso il quale la baro- di mare, racconta di pagliai rivestiti di contro gli altri. nessa Enrichetta Scoppa venne da canne, rami di pioppo o ginestre profu- Sant’Andrea per ottenere il privilegio di Continuando nella lettura, ho visto mate, dove gli andreolesi passavano visitare nel 1886 la Certosa di Serra, che il Dizionario contiene la biografia di l’estate per godere i bagni e l’aria di sempre vietata alle donne. La baronessa personaggi di Sant’Andrea come lo mare in serenità e amicizia. E parla maturò così il progetto di portare con la scrittore e poeta Saverio Mattei nel anche di piccoli capanni di frasche per sua lettiga la piccola Mariantonia a Millesettecento, e la Monachella di San le galline, per il focolare, per far svesti- Serra, dove fu guarita. Bruno, per la quale è avviato il processo re le donne sulla battigia e indossare il di beatificazione: l’istruttoria del pro- Se ho decifrato correttamente il camicione da bagno: u pojjharìaddhu cesso è stata chiusa il 2 marzo scorso. Il segnale del rimpianto del mondo ’e l’unda, si chiamava in andreolese. suo nome era Mariantonia Samà, nata andreolese, il Dizionario sembra voler Quel mare non era certamente il mare nel 1875 a Sant’Andrea, dove visse e dire che la grande storia, quella del Il Dizionario Andreolese-Italiano di Enrico Armogida è il risultato di oltre trenta anni di studi e ricerche. In più di 1.300 pagine egli ha raccolto migliaia di parole così come venivano pronunziate dal popolo di Sant’Andrea Jonio (CZ), il Comune che si affaccia sul Golfo di Squillace e i cui abitanti si chiamano Andreolesi. È il paese dove l’autore è nato e ha sempre vissuto. Egli ha conseguito la laurea in Lettere Classiche presso l’Università di Messina e ha insegnato per decenni nei Licei di Soverato. La sua lingua materna è appunto l’andreolese, e questo ha consentito ad Armogida di decifrare un cosmo all’apparenza solo agricolo, che però nasconde una A.R.A. ONLUS civiltà stratificata e preziosa. Un piccolo grande mondo che ha inizio col mitico Re L’Associazione Romana Andreolesi Italo, che in quelle terre fondò la prima Italia, e che subì arricchimenti e apporti dalla ONLUS Magna Grecia, dalle infinite invasioni di Annibale, Romani, Bizantini, e poi Con il patrocinio del Comune di Roma Normanni, Arabi, Turchi, Saraceni e Spagnoli. Di questi passaggi una traccia è rimasta nell’andreolese sotto forma di vocaboli, modi di dire, espressioni o gesti Presenta mimici, racconti, favole, miti. Armogida ha osato guardare alla cultura andreolese IL DIZIONARIO senza finzioni o pudori, e così ha scoperto tesori insospettati dell’arte del saper ANDREOLESE-ITALIANO vivere, quella che nella cultura andreolese è considerata l’arte delle arti. di Enrico Armogida L’opera è piuttosto un dizionario enciclopedico per la vastità e la ricchezza di Il giorno 30 marzo 2009 alle ore 18,30 dettagli che raccoglie. Dalle sue pagine rinasce una umanità variegata di contadini, Presso la Sala della Protomoteca in fabbri, sarti, falegnami, bovari, gente del popolo, monache e preti. Campidoglio Ma anche di personaggi nobili e colti nelle famiglie Mattei, Scoppa e Lucifero. Un piccolo paese che seppe dare due Ministri di Case Reali: lo scrittore, poeta e Presiede: avvocato Saverio Mattei, Ministro della Real Casa Borbonica sotto Ferdinando IV a Mario Codispoti, Napoli, e l’avvocato Falcone Lucifero, Ministro della Real Casa di Savoia a Roma fino Presidente A.R.A. ONLUS ai nostri tempi. Presenta l’opera : Il Dizionario riporta anche una storia al limite del credibile, quella della Salvatore Mongiardo, scrittore Monachella di San Bruno, una ragazzina di nome Mariantonia Samà, ritenuta indemoniata intorno al 1886, guarita miracolosamente da San Bruno a Serra, poi Interventi: vissuta in estrema povertà, per 60 anni paralizzata a letto e morta nel 1953. • On. Alfredo Antoniozzi Della Monachella, nata, vissuta e morta a Sant’Andrea, il 2 marzo 2009 si è chiusa Assessore del Comune di Roma l’istruttoria del processo per la sua canonizzazione. e Deputato Europeo Questo Dizionario appare come una quercia solitaria nel panorama della cultu- • On. Agazio Loiero ra italiana; in un solo volume raduna storie, leggende, fatti, aneddoti, filastrocche, Presidente della Regione Calabria modi di vivere e morire in pace e in guerra. Soprattutto è un’opera che mostra come la grande storia del mondo si intreccia nella storia minima di un mondo contadino. • Prof. Antonio Catricalà Apprendiamo così che i papi Pio IX e Leone XIII ricevevano la baronessa Scoppa, che Presidente Autorità Garante Don Bosco e Pio X intrattenevano corrispondenza con lei, che don Rua e don Orione della Concorrenza e del Mercato venivano a trovarla a Sant’Andrea. Dal punto di vista strettamente linguistico, colpisce la ricchezza di etimologie • Ing. Maurizio Lijoi Sindaco del Comune di greche e latine, e in misura minore anche ebraiche ed arabe, e la registrazione S. Andrea Apostolo dello Jonio puntuale e metodica dei termini semplici, dei derivati, dei sinonimi, omonimi e allotropi. E non sempre Armogida concorda con i migliori cultori della lingua Conclusioni: calabrese, anzi a volte dissente da autorità indiscusse come il Rolfs. Prof. Enrico Armogida Dall’opera traspare il rimpianto di un mondo che non c’è più e che sopravvisse Autore del in condizioni di estrema difficoltà perché ebbe regole migliori di quelle di oggi. Dizionario Andreolese -Italiano
  13. 13. Pagina 13 ELPIS potere, delle guerre, della politica, Porfirio, non per la ricchezza delle menti grandi e piccoli. Le prime pagi- non aiutano più di tanto l’uomo a città e dei commerci, ma per l’altezza ne di questo Dizionario furono scritte vivere, anzi spesso lo danneggiano del pensiero, la giustizia sociale e all’incirca quando vennero scoperti i con il loro carico di violenza e san- l’onestà di vita che Pitagora diffuse Bronzi di Riace. A me sembra che ci gue. Al contrario, la storia minuscola nelle nostre contrade. E parliamo della sia un legame tra i due avvenimenti. dei contadini e dei pagliai andreolesi stessa terra di Calabria dove re Italo Allora l’archeologia restituì dalla riusciva a dare più qualità alla vita fondò l’Italia non su base politica, ma Calabria al mondo statue di sublime perché quel popolo viveva con una sullo spirito di amicizia, come riporta bellezza. Ora, questo Dizionario, con forte tensione etica, come testualmente testualmente e ripetutamente Aristotele una esplorazione dell’anima andreole- riporta l’Autore. C’era insomma un nella sua Politica, dove descrive il se, porta alla luce le regole d’oro che orizzonte alto che aiutava gli andreo- banchetto comune, il sissizio, che Italo aiutarono i calabresi a vivere. lesi a non rimanere schiacciati dal istituì e che si diffuse in tutto il E allora mi preme una domanda peso della vita, che spesso fu difficile Mediterraneo. che sono convinto di avere intravisto e al limite dell’impossibile, con Al mondo odierno, carico di paure tra le righe del Dizionario, e che gravi ingiustizie sociali, analfabeti- per il domani, il mondo andreolese rivolgo al Presidente Loiero, quale smo, povertà e fame che portarono manda a dire da questo Dizionario che rappresentante di tutta la stirpe all’emigrazione di massa. la vita è difficile oggi come fu difficile a calabra: la Calabria è destinata a finire Quel mondo andreolese ci permet- Sant’Andrea. Che però un orizzonte, nelle pagine dei libri, o peggio nelle te di capire che la decadenza di alto dentro l’anima, aiutava gli cronache criminali? La terra dei grandi Sant’Andrea, della Calabria e del andreolesi a vivere meglio e a morire visionari come Gioacchino da Fiore, Meridione d’Italia è soprattutto un serenamente. Quell’orizzonte non si San Francesco di Paola e Tommaso problema di natura etica, non tanto un apriva per caso, ma era frutto di una Campanella, è ancora capace di genera- problema di natura politica, e ciò vita vissuta secondo regole precise re una nuova civiltà? E’ una domanda spiegherebbe perché nessun tentativo che erano la fedeltà incondizionata tra molto ardua che rivolgo anche a me della politica l’ha potuto risolvere. I sposi, parenti e amici, l’onestà e stesso e credo che la risposta si trovi greci chiamarono il Meridione Magna l’onore di vita e la fiducia in Dio, che nella nostra passione per la vita e nella Grecia, come scrivono Giamblico e sovrastava e guidava tutti gli avveni- nostra capacità di sognare in grande. SCARABOCCHI È andata via col “Torino”. Io, seminascosto dietro a una colonna della stazione l’ho guardata, l’ho fruita nell’attesa del treno. Con lei c’erano i suoi genitori (non superano singolarmente i quarant’anni), un suo fratellino e una sorellina con una treccina di cavallo e tante lentiggini sul visetto deliziosa- mente paffutello, le loro valigie, i molti pacchi. Tutta la famiglia in partenza era circondata da pochi parenti, visi consunti, e potevano essere i nonni di Lisa, visi arrostiti dal sole, forse le sorelle, i fratelli di suo padre e di sua madre. Lisa mi guardava senza farsi notare e quei suoi occhi teneri, bagnati, dolci, sembrava mi stessero baciando e accarezzando, profondamente mi risucchiavano, e non ero più seminascosto dietro la colonna della tettoia ma tutto allo scoperto, appoggiato ad essa e tuttavia lontano, con l’anima a stringere Lisa. Avrei voluto dirigermi verso i suoi genitori e dir loro: “Voglio vostra figlia per fidanzata, Lisa ed io ci amiamo, lasciatemi il vostro indirizzo di Torino, che appena mi sarà possibile verrò a trovarvi con i miei cari per ufficializzare il mio e il desiderio di vostra figlia”. Quella sera, dopo la scomparsa dell’ultimo vagone di quel treno, tornando verso la mia sala giochi, ho intuito che Lisa ed io, in quella stazione ferroviaria (così simile a tantissime altre di questa regione scalognata) da tempo abituata a battezzare emigranti, ci siamo detti addio a fior di labbra per colpa delle necessità della vita, dell’economia dei più forti, dell’assenteismo della nostra - nazionale e regionale - classe politica così deficitaria di programmi decenti per lo sviluppo di questa Calabria, sempre più soggetta alla dittatura d’una sola forma di capitalismo reale; e ho visto un mostro dal volto ipocritamente umano, che con tremila braccia séguita indisturbato nelle sue rapine quotidiane, séguita a terrorizzare la gente onesta - e ce n’è tantissima - che lavora, ma oltre un certo limite di ricchezza non può andare, e si sa benissimo perché. Perché, se appena appena si azzarda a non pagare, muore. A un quarto a mezzanotte ho chiuso poi la sala, e percorrendo a piedi la via verso casa ho pianto per Lisa, per me, per la mia terra che ancora non ce la fa a tenersi tutti i suoi figli e per il mio vago futuro, così privo di certezze, ma di sicura solitudine a breve distanza.
  14. 14. Pagina 14 ELPIS PASQUINALE SCATTI DI CARNEVALE (da www.flickr.com) foto di Mariella Lijoi Versi in romanesco di Paolo Mongiardo LA SCHOLA E LA FAMIJA Da quanno che la schola s’è cambiata con l’ingresso de le famije nei consij n’è sorta de sicuro ‘na bbojata, perché der gemellaggio che ce piji? ‘Na vorta er genitore annanno a schola domannava solo er fijio come annava e li docenti come prelati co’ la stola je daveno er responso e salutava. Or la famija nun domanna com’ er fijo va, ce va decisa a contestà’ er docente, baccajanno ch’è sbajato quer che fa, quanno che sottovaluta un fijio intelligente. E’ corpa de la guera ch’ha fatto arzà’ la cresta a tanta gente rifatta e baldanzzosa assai, ch’ha dato ai propi fij commodi e agi con la cesta, che vò fa’ de lor quer che er padre nun è stato mai. E’ corpa der progresso e de’ telefoni portatili, che li studenti a schola se porteno in saccoccia pe’ stassene a gioca senza ascortà le cose utili, e se je domanni perché, te risponne che se scoccia. Da quanno la famija invece de vigilà te fa caciara, criticanno sol chi insegna e li fij nun consija, la cosa che sortisce molto chiara è che nun c’è più né schola né famija.

×