Your SlideShare is downloading. ×
English Menu
English Menu
English Menu
English Menu
English Menu
English Menu
English Menu
English Menu
English Menu
English Menu
English Menu
English Menu
English Menu
English Menu
English Menu
English Menu
English Menu
English Menu
English Menu
English Menu
English Menu
English Menu
English Menu
English Menu
English Menu
English Menu
English Menu
English Menu
English Menu
English Menu
English Menu
English Menu
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

English Menu

2,088

Published on

Published in: Business, Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
2,088
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. A CURA DEL GRUPPO “ELPIS ZEROUNO” SANT’ANDREA IONIO (CZ) 12 APRILE 2009 24 DISTRIBUZIONE GRATUITA “...ara curva de pignari...”
  • 2. Pagina 2 ELPIS ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI n. 8 - 6 GIUGNO 2004 n. 1 - 22 DICEMBRE 2002 - ‘U POSTIARI - GLI AMICI DI ELPIS - SANT’ANDRIA ASSETTATU di - INCIPIT - ELPIS ZEROUNO - LIBERO E GIOCONDO (1935-1943) di Salvatore Mongiardo - CARNEVALE A TAVOLA di Francesco Corapi - Angelo Jorfida - ‘U GAU - ‘U TIAMPU CHI FU’ di Vincenzo Andracchio MADRE GIOCONDA di Mario Dominijanni - ELPIS: I NUMERI PRECE- - IL TESORO DEGLI ANDREOLESI di Giuseppe Palaia - I NOVANTANO- DENTI - IL VENTENNALE DI DON ALBERTO di Enrico Armogida - OTTO VE DI COMPARE CICCIO di Antonio Seracini - PESANTE COME UN MARZO di Laura Cosentino - STAVA IN QUELLA “RUGA” di Pietro Voci MACIGNO di Armando Vitale - DON ANTONIO JANNONE DI SANT’AN- - ‘U CACATURI di Alfredo Varano - CATARINI ‘E PICA di Angelo Jorfida - DREA E I MOTI RIVOLUZIONARI DI 1848 IN CALABRIA di Marziale 1783: LA TERRA TREMA - LA MARCIA DELL’U.S. ANDREOLESE - LA Mirarchi - LA MEMORIA NELL’IMMAGINE MEMORIA NELL’IMAGINE n. 2 - 9 MARZO 2003 n. 9 - 8 AGOSTO 2004 - ’U POSTIARI - UNO, CENTO, MILLE SBARCHI (1943-1946) di Angelo - ‘U POSTIARI - GLI AMICI DI ELPIS - ‘U CIUCCIU un animale d’altri Jorfida - VIAGGIO A GERUSALEMME TENTATIVO MINIMALE DI RIFLES- tempi di Enrico Armogida -ELPIS. I NUMERI PRECEDENTI - AGHI SOT- SIONE SULL’ULTIMO LAVORO DI SALVATORE MONGIARDO di Luciano TILI DI LUCE - DICONO DI NOI... - ANGIALU MIO, GUARDIANU MIO di Mirarchi - ZENOBI, SILVIA &CCETERA RENZO ZENOBI A SANT’ANDREA Pietro Voci - COME MAMMELLE VIZE - CONCERTINO ALLA PORTA di di Giuseppe Stillo - ‘U RRE’ ‘E BRUANZU di Alfredo Varano - L’ALBA Salvatore Mongiardo - COSI’ DICEVANO... - SAGGEZZA ANDREOLESE TETRA DOPO L’ASSALTO di Giuseppe Cosentino - JUAVI E CARNALAVA- di Mario Dominijanni - ‘A GLUARIA di Angelo Jorfida - VINCENZO RI di Enrico Armogida - TECIA CUMMARA SANT’ANDREA IONIO GIOR- CARIOTI ricordo di un giovane del dopoguerra di Andrea Lijoi - U.S. NO DOPO GIORNO a cura di Armando Vitale - LA FLORA DI SANT’AN- ANDREOLESE IN SECONDA CATEGORIA - LE MANI IN TESTA di DREA: IL LENTISCO E IL MIRTO - CANTI RELIGIOSI A SANT’ANDREA - LA Domenico Cosentino - LA MEMORIA NELL’IMMAGINE MEMORIA NELL’IMMAGINE n. 3 - 20 APRILE 2003 n. 10 - 20 NOVEMBRE 2004 - ‘U POSTIARI - A CUMPRUNTA A SANT’ANDREA APOSTOLO DELLO - ‘U POSTIARI - DOVE TROVARE ELPIS - GLI AMICI DI ELPIS - C’ERA JONIO FRUTTO DI UN SINCRETISMO RELIGIOSO FRA UNA REMO- UNA VOLTA...! di Armando Vitale - LE CASTAGNE TRA STORIA, TRADI- TA LITURGIA PAGANA E UNA PIU’ RECENTE TRADIZIONE CRISTIA- ZIONI E GASTRONOMIA di Franco Corapi - DICONO DI NOI - I SOGNI NA di Enrico Armogida - PASQUA A SANT’ANDREA di Pietro Voci - DI MARIUZZA di Salvatore Mongiardo - SCARABOCCHI di Antonio LA FAMIGLIA ARMOGIDA di Angelo Jorfida - IL SITO DEGLI Seracini - DIPLOMA SI’, DIPLOMA NO... di Pietro Voci - COSI’ LONTA- ANDREOLESI - NICOLA “L’ANARCHICU” di Alfredo Varano - LA NI... COSI’ VICINI di Bruno Stillo - N’INSONNAI ATTIA di Bruno Stillo - MEMORIA NELL’IMMAGINE DON PEPPE ADDINO, GENIO MANCATO di Mario Dominijanni - DON PIAPPI: SEMPLICITA’ E ALTRUISMO di Angelo Jorfida - IL CERUSICO BRUNO CALABRETTI di Marziale Mirarchi - COSI’ DICEVANO - L’AN- DREOLESE NEGLI ANNI ‘60 - SUPRAGNUAMI di Alfredo Varano - ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI - LA MEMORIA NELL’IMMAGINE n. 11 - 24 DICEMBRE 2004 n. 4-5 - 10 AGOSTO 2003 ‘U POSTIARI - DOVE TROVARE ELPIS - GLI AMICI DI ELPIS - SINDACO DI - ‘U POSTIARI - A.A.A. 100 AMICI CERCASI - 10 AGOSTO: IL SISSIZIO A SANT’ANDREA di Salvatore Mongiardo - DICONO DI NOI - LA MODA ISCA - STATUTO DELL’ARCICONFRATERNICA DEL SS. SACRAMENTO DI DELLE PANCE NUDE di Bruno Stillo - DON VITO GASPARRE di Angelo SANT’ANDREA JONIO di Enrico Armogida- I 108 DI NONNA ANGELA - Jorfida - CANCELLO CHIUSO di Pietro Voci - RICORDO DI VINCENZO L’ALTRA BARONESSA - MATRIMONI D’ALTRI TEMPI di Pietro Voci- CARIOTI di Antonio Pillucci - NATALE, IL MONDO HA FRETTA di Laura QUANDO NON C’ERA ANCORA IL FRIGO di Mario Dominijanni - SANTA Casentino - IL NATALE E LA VIGILIA, SUONI RICORDI E AROMI di BARBARA di Salvatore Mongiardo - 1958: L’INCORONAZIONE DELL’IM- Francesco Corapi - NEL MONDO ANIMALE PAESANO, RESIDUI DIALET- MACOLATA - ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI - SENTIRE IL CARRO TRAI- TALI DI SUONI “ONOMATOPEICI” E DI “MUTEVOLI VOCI AFFETTIVE” di NATO DAI BUOI di Pietro Voci - LA MONACHELLA DI SAN BRUNO A Enrico Armogida - SIGINO CARIOTI E LA SPINA NEL CUORE - ELPIS: I CINQUANT’ANNI DALLA MORTE di Enrico Armogida - LA GRAN MADRE NUMERI PRECEDENTI - LA MEMORIA NELL’IMMAGINE A CAMPO PRIMA DELL’ASSUNTA? di Giuseppe Palaia - “DON” FRAN- CESCO CAPANO di Alfredo Varano - ‘A ‘MPETRATA E L’ANIMO DEL POETA di Francesco Mirarchi - IL TEATRO A SANT’ANDREA di Angelo Jorfida - LA MEMORIA NELL’IMMAGINE n. 12 - 27 MARZO 2005 n. 6 - 16 NOVEMBRE 2003 GLI AMICI DI ELPIS - LE ELEZIONI PROVINCIALI DEL 1919 (o del - LA MADONNA DI CAMPO ASSUNTA DUE VOLTE, ANZI TRE - COSI’ 1909?) di Enrico Armogida - ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI - IL FUTU- DICEVANO... - GLI AMICI DI ELPIS - CICCU E I “CUCUGGHJABBIRI” di RO DI SANT’ANDREA di Mario Dominijanni - NUOVI DI STAMPA - ‘U Angelo Jorfida - UNA CUPA SERATA D’INVERNO di Pietro Voci - COME PUARCU: TRADIZIONI, USI, BISOGNI E GASTRONOMIA di Francesco SUL TITANIC di Mario Dominijanni - IL DOLORE DELLO STRAPPO di Corapi - SCARABOCCHI di Antonio Seracini - DOVE TROVARE ELPIS - Laura Cosentino - MALA NOTTATA, E FIMMANA FICIA! di Enrico CRAPOGHIDDHI di Bruno Stillo - IL CALENDARIO DEL 1940 di Pietro Armogida - ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI - LA NUOVA PARROCCHIA DI Voci - DICONO DI NOI - DON CICCIO COSENTINO di Angelo Jorfida - S. RAFFAELE ARCANGELO - A PROPOSITO DI “LA GRAN MADRE A COSI’ DICEVANO - LA MIA SPIAGGIA di Bruno Stillo - LA MEMORIA CAMPO PRIMA DELL’ASSUNTA” DI G. PALAIA di Don Alberto Vitale - LO NELL’IMMAGINE STATO DI CONSERVAZIONE DELLE CHIESE DI S. ANDREA di Marziale Mirarchi - SUPRAGNUAMI di Alfredo Varano - ‘U POSTIARI - LA MEMO- RIA NELL’IMMAGINE n. 13 - 31 LUGLIO 2005 n. 7 - 31 DICEMBRE 2003 ‘U POSTIARI - DOVE TROVARE ELPIS - GLI AMICI DI ELPIS - LA VOCE - ‘U POSTIARI - GLI AMICI DI ELPIS - DOLCE CREPUSCOLO DI DICEM- DEL VENTO di Enrico Armogida - ‘U CUGNUAMU di Bruno Stillo - BRE di Pietro Voci - VIAGGIO GASTRONOMICO NEI PAESI DELLA VALLE MORTE DI UN EMIGRANTE di Bruno Stillo - IL IV NOVEMBRE di Angelo DELL’ALACA di Francesco Corapi - I PADRI REDENTORISTI UNA MIS- Jorfida - SESSO E PARADISO (prima parte) di Salvatore Mongiardo - SIONE LUNGA UN SECOLO di Luciano Mirarchi - ‘A CRUCI E CIANZU E COSI’ DICEVANO - ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI - CONCERTO D’AU- COLINU di Angelo Jorfida - L’ATTACCO FRANCESE A SANT’ANDREA: TUNNO di Pietro Voci - SCARABOCCHI di Antonio Seracini - ODORI E IPOTESI SUL CORREA di Luigi Fusto - PROFILO BIOGRAFICO DI SAVE- SAPORI di Francesco Corapi - IL BUSTO DI GERACE NELLA RITRATTI- RIO MATTEI di Enrico Armogida - ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI - STICA BORBONICA di Maria Carmela Monteleone - MICU VITALE: OLIOE SAPONE: DUE PRODOTTI TIPICI DELL’ECONOMIA FAMILIARE di FAIER di Alfredo Varano - CRUCIVERBA ‘NDIALETTU di Domenico Mario Dominijanni - LA MEMORIA NELL’IMAGINE Cosentino - U.S. ANDREOLESE: OBIETTIVO RAGGIUNTO di Vincenzo Corasaniti - LA MEMORIA NELL’IMMAGINE Segue a pag. 31
  • 3. Pagina 3 ELPIS GLI AMICI DI ELPIS in questo numero 1) ALFREDO VARANO Sant’Andrea Jonio 2) ARMANDO VITALE Sant’Andrea Jonio 3 GIUSEPPE PALAIA Viterbo pag. 2 ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI 4) LUCIANO MIRARCHI Sant’Andrea Jonio pag. 3 GLI AMICI DI ELPIS 5) MARIO DOMINIJANNI Roma pag. 4 ALBA E TRAMONTO DI UN GIORNO DI APRILE 6) ANTONIO CALABRETTA Milano 7) PIETRO VOCI Roma di Pietro Voci 8) MAURIZIO FRUSTACI Roma pag. 7 PILLOLE DI RIFLESSIONI di Francesco Mirarchi 9) ANDREA SAMÁ Roma pag. 8 ‘U RICRIJU D’O MIRIJU di Bruno Stillo 10) CLAUDIO LIJOI Baltimora (Usa) pag. 9 LA DONNA IN CALABRIA IERI E OGGI 11) DOMENICO COSENTINO Sant’Andrea Jonio 12) ROBERTO PAPALEO Cornaredo (MI) di Maria Elena Cosentino 13) BRUNO FRUSTACI Roma pag. 9 NUOVI DI STAMPA 14) FRANCO IORFIDA Roma pag. 10 SUL DIZIONARIO DI ENRICO di Salvatore Mongiardo 15) BRUNO VARANO Sant’Andrea Jonio 16) VINCENZO CARIOTI Sant’Andrea Jonio pag. 13 SCARABOCCHI di Antonio Seracini 17) ANTONIO SERACINI Verona pag. 14 PASQUINALE versi in romanesco di Paolo Mongiardo 18) VITO SCINO Sant’Andrea Jonio pag. 14 SCATTI DI CARNEVALE 19) MAURIZIO LIJOI Sant’Andrea Jonio 20) BERNARDO PROCOPIO Sant’Andrea Jonio pag. 15 ARCHIVIO STORICO 21) MAURIZIO MIRARCHI Olmedo (SS) pag. 16 PIAPPI ‘E PUDDHARA di Alfredo Varano 22) PASQUALE GRECO Florida (USA) pag. 18 ‘U PACCU racconto di Beppe Calabretta 23) FRANK BETRÒ Brooklyn (USA) pag. 19 QUAND’ERUMU... di Francesco Mirarchi 24) ANGELO JORFIDA Canton (USA) 25) GINA MISURACA Saronno (VA) pag. 20 BRUNO VOCI: ULTIMI TRATTEGGI 26) VITO MIRIJELLO Isca Jonio pag. 21 DOVE TROVARE ELPIS 27) LUIGI FUSTO Cologno M. (MI) pag. 22 ADDIO PIGNARI di Armando Vitale 28) ALDO NESTICÒ Firenze 29) ASS.CULT. ”LA RADICE” Badolato pag. 24 MARTIRIO DELL’APOSTOLO ANDREA 30) ANDREA LIJOI Roma pag. 25 ETYMON 31) SALVATORE MONGIARDO Milano pag. 26 COSI’ DICEVANO 32) ROBERTO MARINELLI Milano 33) ANDREA CORAPI Milano pag. 27 MIA MADRE di Laura Cosentino 34) GIUSEPPE VARANO Sant’Andrea Jonio pag. 29 L’IMMACOLATA IN CD-ROM 35) SALVATORE VOCI Roma pag. 30 ‘U POSTIARI 36) BRUNO CODISPOTI Zagarolo (RM) pag. 32 LA MEMORIA NELL’IMMAGINE 37) MARIO VITALE Baltimora (USA) 38) ANDREA DOMINIJANNI Roma 39) MARIO ARENA Anguillara 83) FRANCESCO BEVIVINO Roma 40) BRUNO STILLO Roma 84) BRUNO CARIOTI Rho (MI) 41) ANDREA CODISPOTI Milano 85) VITTORIA D’ALÒ Sant’Andrea Jonio 42) GIUSEPPE STILLO Sant’Andrea Jonio 86) BRUNO CALABRETTA Genova 43) TONINO CODISPOTI Roma 87) LAURA COSENTINO Crotone 44) ANDREA CODISPOTI Roma 88) ANDREA ALPIMONTE Roma 45) GIUSEPPE COSENTINO Cinisello B. (MI) 89) VINCENZO RAMOGIDA Roma 46) ALESSANDRA FERRARO Sant’Andrea Jonio 90) ASS.CULT.OLIVADESE Olivadi 47) MARZIALE MIRARCHI Isca Jonio 91) JOE LOMBARDO North Haledon (USA) 48) CLAUDIO BETRÒ Roma 92) MARIA COLUCCI Roma 49) BRUNO CARIOTI Roma 93) ALFREDO CALABRETTA Genzano (RM) 50) ADRIANO CODISPOTI Roma 94) GENNARINO DE FRANCO Brugherio (MI) 51) BRUNO FRUSTACI Guidonia 95) MAURIZIO COSENTINO Sant’Andrea Jonio 52) NICOLA ASPRO CARIOTI Roma 96) BRUNO MARIA VITALE Livorno 53) BRUNO RAMOGIDA Roma 97) ANTONIO FRUSTACI Yardeville (USA) 54) ADOLFO PALAIA Roma 98) MARIO FRUSTACI Sersale 55) SALVATORE NESTICÒ Sant’Andrea Jonio 99) DOMENICO BETRÒ Roma 56) MARIETTA RAMOGIDA Roma 100) VILLA DELLA FRATERNITÁ Sant’Andrea Jonio 57) CATERINA NESTICÒ Sant’Andrea Jonio 101) TITINA SAMÁ Roma 58) ANDREA RAMOGIDA Roma 102) FRANCO FRUSTACI Sant’Andrea Jonio 59) VITTORIA LIJOI Soverato 103) LINA MORETTI NESTICÒ Lastra a Signa (FI) 60) VINCENZO CODISPOTI Soverato 104) ANTONIETTA DOMINIJANNI GRECO Soverato 61) M.TERESA MURATORE Viterbo 105) VITTORIA VITALE IN GRECO Brooklyn (USA) 62) NICOLA MARIA VOCI Omegna (VB) 106) MARIANNA VITALE Cava dei Tirreni (SA) 63) VINCENZO ROMEO Sant’Andrea Jonio 107) ANTONELLA CODISPOTI Roma 64) VINCENZO DOMINIJANNI Torino 108) MARIO CODISPOTI Roma 65) DOMENICO PAPALEO Haledon (USA) 109) BRUNO ADDINO Pampton Plain (USA) 66) GIUSEPPE SAMÁ Roma 110) TIZIANA BETRO’ Roma 67) DORA SAMÁ Napoli 111) ALESSANDRO VOCI Roma 68) SILVANA CARIOTI Roma 112) ARTURO BEVIVINO Roma 69) GINO GRECO Roma 113) GERARDO STILLO Milano 70) ANGELO SAMÁ Wayne (USA) 114) DOMINIC BETRÒ N.Caldwell (USA) 71) JOSEPH NESTICO Woodbridge (USA) 115) BRUNO SAMÁ Roma 72) ANTONELLA FRUSTACI Masate (Mi) 116) VINCENZO DOMINIJANNI Roma 73) GERARDO SAMÁ Sant’Andrea Jonio 117) BRUNO COSENTINO Roma 74) GIUSEPPE BRESSI Sant’Andrea Jonio 118) GIUSEPPE RAMOGIDA Roma 75) GREGORIO SANTORO Chiaravalle C.le 119) FRANCO MONSALINA Sant’Andrea Jonio 76) MARIO LIJOI Roma 120) S.ANDREA SOCIAL CLUB oronto (CANADA) 77) ALDO VITALE Baltimore 121) IRENE VOCI Roma 78) DOM BETRÒ Riverside (USA) 122) FRANCESCO LIJOI Legnano (MI) 79) LUIGI BETRÒ New York (USA) 123) LUIGI STILLO Milano 80) GIUSEPPE MIRIJELLO Milano 124) NICOLA ROMEO Roma 81) ARDUINO DE ROSI Roma 125) ENZO COSENTINO Elicott City (USA) 82) PAOLA DE ROSI Savigliano (Cn)
  • 4. Pagina 4 ELPIS ALBA E TRAMONTO DI UN GIORNO D’APRILE di Pietro Voci Quella mattina, la mia discoteca, fari dell’automobile, altrimenti non si conseguito la patente di guida e ora sta non molto ricca di motivi d’oltreoceano, vedeva nulla, era quasi buio come il mio facendo costruire una nicchia per la mi portava a inserire in ascolto “Que cuore. “Madonna della strada”. Venni a cono- serà serà” di Doris Day. Non capivo tutti Quei fari squarciarono il sipario scenza, così, di quel nuovo appellativo i versi in inglese di quella canzone ma nero della notte, che mi nascondeva, della Vergine. Il dottore fece pure già dal titolo non mi sembrava l’ideale appena lasciato l’abitato della marina, imprimere sul marmo: “Madonna della per quella giornata. E allora, se dovevo la fontana della “Giara” costruita con- strada guida il mio cammino”. Poco scegliere solo dal titolo, preferivo temporaneamente alle palazzine dopo dopo, sulla destra, vedevo la rampa “Magic moments” di Perry Cuomo l’alluvione dei primi anni cinquanta. d’accesso per la “mpetràta”, scorciatoia oppure “Love and marriage” di Frank Mio padre, che in marina lavorò tutto il molto ripida che passando da “lipontà- Sinatra. Ma Doris Day rispuntava fuori na”, dov’era sito il famoso abbeveratoio, prepotente, e ciò non mi piaceva. portava a piedi in paese percorrendo Quella stessa sera, 18 aprile 1959, il meno strada. Ma, poiché nessuno dà sole, dopo aver percorso tutta la volta niente per niente, in cambio richiedeva celeste godendo dall’alto ogni particola- uno sforzo maggiore di muscoli che re della giornata, tramontò aldilà dei lasciava senza fiato. Tutto questo lo monti di S. Andrea non prima di aver comprese chi pensò di far erigere, in allungato al massimo le ombre degli due punti strategici di quella salita, le alberi, delle case, degli uomini e di tutto nicchie contenenti immagini di Santi: “i ciò che affiora e che si lascia baciare da Madonnìaddhi”, che avevano la forza di lui. Quel sole si portò via, oltre che la tirare su spiritualmente, invitando a una luce, l’allegria che avevo in cuore. preghiera che riusciva a sollevare dallo Caspita... era stata una bella giornata!... sforzo fisico. Altri, invece, pensarono al Saluti, abbracci, auguri: la mia famiglia sollievo materiale immediato, costruen- era in festa. Il sole si era alzato do un muretto ad altezza d’uomo dove sull’orizzonte del mare Jonio, un sole vi si potevano posare i pesanti bagagli. incontenibile di calda primavera che Muretto chiamato “riposatùri”. distribuiva oro a destra e a manca col Quella sera, però, la ripida scorcia- suo sfavillare sull’acqua salata. Era il toia non mi riguardava. Proseguivo, su sole giusto, quello dell’alba, che allunga un’automobile, per la strada asfaltata. Marina di Sant’Andrea solo momentaneamente le ombre di chi Forse, l’aiuto de “i Madonnìaddhi” mi LA GIARA bacia, poi le ritira, in un crescendo ci voleva per sollevare il mio spirito di luce che culmina a mezzogiorno, che sentivo oscurato. L’automobile, tempo che ci volle per quelle costruzio- quando inverte la rotta e volge inesora- guidata non ricordo da chi (forse ni, parlava sempre delle novità di quel bilmente verso il tramonto. Era il sole Andrea Jorfida) percorreva la via nera cantiere, e un giorno disse che si stava giusto, dell’alba sul mare, mentre altra di catrame dove, più oltre, aspettava costruendo una bella fontana a forma di cosa è quando il sole tramonta sul mare: tranquilla la curva detta “Regina”. Giara, qualcosa di monumentale, anche in quel caso non distribuissce oro ma se Attraversandola, anche le automobili se semplice. Appresi con soddisfazione lo porta via. divenivano tranquille perché dovevano quella notizia perché una fontana è Ora, perché in me quella sera tanto assolutamente rallentare per via sempre un bell’arredo per una città. scoramento? Non era il sole, tramontato dell’impegnativa curva. Così facendo, Quella sera, però, l’acqua della come sempre dai monti? Lo scintillio gli uomini di buona volontà, avevano Giara non scintillava, non sentiva la dell’oro non distribuito dal sole, era un più tempo per un saluto alla Madonnina luminosità dei fari, non aveva imparato problema della Calabria tirrenica, non di quella piccola icona che troneggiava la lezione dal mare, oppure, più sempli- jonica. Ma il sole per quel giorno era da Regina. cemente, i fari non sono come il sole. Il ormai andato via e per ottenere il bis Quando i fari illuminarono la segna- sipario nero ridiscese sulla fontana c’era d’aspettare ventiquattro ore; non letica che diceva “S. Andrea Apostolo quando l’automobile curvò per andare era come in teatro, altrimenti avrei dello Jonio”, quando cioè arrivammo oltre. Dopo alcune curve, riuscivo a chiesto la ripetizione per cercare di alle prime case di S. Andrea superiore, il vedere l’icona con la “Madonna della capire meglio. tempo di pensare “siamo arrivati” ed strada” fatta erigere, pochi anni prima, Per “colpa” di quel tramonto, poco ecco apparire la forgia di zio Vincenzo, dal dottor Giuseppe D’Amica. dopo calò un sipario scuro sulla marina fratello di mia madre, sita là dove Anche di quest’opera ne sentii di S. Andrea e quindi, la strada che porta termina quella ripida ‘mpetràta che parlare prima di vederla, perché in paese in paese doveva essere illuminata dai passa da lipontàna. Sicuramente una si diceva: “Il dottore D’Amica ha
  • 5. Pagina 5 ELPIS forgia benedetta da molti perché il suo dirige verso la circonvallazione dei pini perché sposava chi le voleva bene e da apparire diceva che la salita faticosa era per arrivare dove si trova l’altra famosa quel giorno, suo marito diventava mio finita. Da quel punto e per tutta la curva curva: quella di “Nicola ‘e Lisu” dove fratello maggiore. Lei cambiava vita, e “d’a Vanti” un pensiero mi “turbinava un giglio, figlio di colui che diede il pure questo rientrava nelle normalità. il cervello”: “Piccola Olandese, dov’è nome a quella curva, anni dopo, fu reciso Da quel giorno finivano le preoccupa- la Piccola Olandese?”. I fari, subendo e raccolto quando era in pieno sboccio zioni di mia madre che insisteva su mia per i miei occhi una metamorfosi, perché ogni tanto, l’Onnipotente, pare sorella perché mangiasse. “Mangia, diventavano riflettori e riuscivano a illu- abbia bisogno di far bella mostra, in mangia, altrimenti deperisci e muori”. minare il vicino balcone come fosse un quel Regno, di ciò che di bello ha Io non riuscivo a concepire come mai palcoscenico, ma la “Piccola Olandese” profuso sulla terra, e questo lo può c’era qualcuno al mondo che avesse non c’era. far vedere agli abitanti dell’aldilà bisogno di essere invitato per mangiare. Non molti anni erano passati da “cogliendo” tra la bella gioventù. Lavoravo abbastanza sodo e quindi quando, la più bella bambina del paese, Nel 1940 lo fece a spese di nonna consumavo calorie, non mi si doveva dai riccioli biondi, figlia del fratello di Marianna, quando decise di raccogliere dire “buon appetito” e mangiavo qual- mia madre, interpretò, lei per prima, la un “giglio” di ventisette anni. Questo è siasi cosa, fosse verde, gialla, rossa, parte principale dell’operetta musicale uno sfogo, e spero che Lui non me lo mezza cruda o stracotta. In verità, a casa di Romolo Corona “La piccola olande- passi per bestemmia. Sarebbe molto mia non mancava niente. Un giorno se” messa in scena dalle scuole al teatro simile a quella che, in un momento di accadde che, vedendo mia madre insi- dell’Oratorio. Parte che, negli anni che scoramento, fece Paolo VI il 13 maggio stere per quelle cose a me inconcepibili, del ’78, quando, facendo finta di ignorare mi rivolgessi verso mia sorella, dicen- il “sia fatta la Tua volontà”, “rimpro- dole: “E mangia!.. Smettila di dire no!” verò” il Signore per non aver esaudito la e dicendo quelle parole diedi una spinta richiesta di salvare la vita di Aldo Moro. energica alla sua sedia che scivolò La curva di Nicola ‘e Lisu non era inter- in malo modo trascinando con se mia minabile e fu lasciata dall’automobile sorella rovinosamente. Al che mia assieme al giglio non ancora raccolto. madre gridò: “Adesso l’hai ammazzata Il Pian Castello, intanto, era ormai del tutto”. Per fortuna non fu così, non vicino e quando vi arrivammo le prime si fece alcun male e si sfogò con un cose che vidi furono il palazzo Jannoni pianto. Ma non smise di dire no, non col suo glicine gigante e le “Tre fontane”. cominciò a mangiare. Io mi arresi e, Dalle tre cannelle non scendeva acqua guardando l’orologio, dovetti scappare perché funzionavano a pulsante, altri- perché a poco cominciava la mia menti avrebbero risposto alla luce dei seconda mezza giornata di lavoro. fari sfavillando oro quasi come faceva il Questo appena raccontato è un mare in quell’alba appena trascorsa… episodio di poco rilevante importanza, altro che fontana della Giara che stava ma l’ho voluto fare perché si veda di in marina! Mi guardai intorno. Mi tor- quali piccole, semplici cose, era fatto il nava in mente il motivetto d’oltreocea- nostro mondo. Intanto… quel giorno LA MADONNA DELLA STRADA no di quella mattinata che scacciavo, mia sorella si era sposata e il mio scora- aiutato dalla cugina dai riccioli biondi mento, allora, a cosa era dovuto? Sì, seguirono, fu affidata ad altra bella che riusciva a sconfiggere Doris Day, lo capii finalmente quando vidi il ragazza che abitava a un solo passo di canticchiando dentro di me, “…tra distanza dal cinema-teatro “Domenico giardini di gigli e viole”. Savio” e che andò sposa al caro amico Mi accorsi che ancora una volta i Peppe, che oggi, per starle fisicamente miei occhi trasformavano i fari in vicino, si reca tutti i giorni al cimitero. riflettori. Ancora un palcoscenico, il più E intanto, mentre i fari-riflettori illumi- bello di tutti, che non stava in marina navano il balcone-palcoscenico della ma qui, a S. Andrea superiore. In quel bellissima cugina dai riccioli biondi, mentre (sabato sera) c’era in televisione rammentavo un bel motivetto di quella la trasmissione “Il musichiere” e tutti gli rappresentazione che faceva così: “Girano ospiti erano entusiasti di partecipare a laggiù i mulini – tra giardini di gigli e quel programma TV. Ma io non li viole”…quando i gigli, ancora in boc- invidiavo, io ero innamorato di quel ciolo, erano notevolmente più numerosi “palcoscenico”, che aveva la forza di delle viole. Dio volle che in futuro, portare gli Andreolesi ad attraversarlo quella ragazza avesse il destino segnato come fosse una passerella. Quella di successi. Ogni suo successo mi passerella non stava in marina ma qui, a regala il lusso della felicità. E intanto, le S. Andrea superiore. Capii finalmente il luci della macchina, tornati a essere perché del mio scoramento: quel giorno soltanto fari, continuavano a illuminare si era sposata mia sorella. Ma questo il tratto che, dalla curva “d’a Vanti” fatto non mi portava a essere triste LA FORGIA di zio Vincenzo
  • 6. Pagina 6 ELPIS “palcoscenico” di Pian Castello. Era Il contadino era quello che salutava sguardo. E mia sorella era rimasta lì dovuto al fatto che... andava ad abitare per primo, forse perché il suo fisico era vicino, ma lontana, lontana dall’animato in marina, quella frazione marina delle “chino”, abituato com’era a zappare la paese. prime palazzine, buie, paradossalmente terra. “Ava ‘a Jiumba” (ha la gobba) Intanto, gli orologi di tutto il mondo mi sembrava fuori dal mondo, anche se, dicevamo. Sì che aveva la gobba! continuavano a camminare e quindi, tra invece, era più collegata col resto del Lavorando la terra, con essa era abitua- essi, c’erano anche quelli di S. Andrea mondo per via della litoranea e della to a parlare, benediva e malediva marina e S. Andrea superiore. L’orologio ferrovia. S. Andrea superiore, allora, era cedendo a essa parte di se stesso, perché del vecchio paese, evidentemente, come una grande città (così appariva ai il sudore che gli grondava cadeva in segnava le ore pomeridiane che portano miei occhi). La marina, con deboli luci terra e si confondeva con essa. Un inesorabilmente alla sera, alla notte, al vantaggio il contadino di S. Andrea lo tramonto dietro i monti e a quello della aveva: per attraversare il Pian Castello costa tirrenica della Calabria, che non non aveva bisogno di nascondersi con regala oro. Il paese si dissangua sempre paramenti a festa. Noi sì. più, si parte per altri mondi in cerca di Fu per questo che mio padre, quel fortuna. Quel corso, quel Pian Castello, giorno, un istante prima della nostra comincia a essere sempre meno animato “entrata in scena” di Pian Castello, mi di prima e finisce di essere mostra disse: “Ecco, prendi questa zappa e permanente del paese perché venivano portala, solo fino all’edificio scolastico, a mancare “espositori” e “visitatori”. (via Roma) poi la dai a me”. Ma io, che Cominciava a spuntare tra una pietra e ero già pregno di quelle abitudini, gli l’altra del selciato, della timida erbetta, risposi: “No! Portatelo voi fino all’edi- perché non c’erano abbastanza piedi a ficio, poi lo porterò sempre io”. Per impedirne la crescita con il loro cammi- quanto oggi possa sembrare incredibile, nare. Quell’erbetta restò sempre timida allora si sentiva un forte disagio nell’at- per non infierire molto con la sua presen- traversare il Pian Castello con la zappa za, perché lei stessa non vuol credere che in mano, mettersi in mostra vestiti da quel Corso abbia “chiuso l’esposizione”. contadini. A quel punto mio padre non Per provare una ventata di novità ebbe il coraggio di replicare, “mi capì”, cominciavo a guardare verso la marina. e zitto zitto se la portò lui la zappa fino L’orologio della marina segnava a Lipogghiàra, attraversando in disagio le ore del mattino, quella marina comin- Sant’Andrea superiore quel corso che era la vetrina del paese. ciava a piacermi, c’era un certo dinami- PALAZZO JANNONI Ora, quel corso, non stava in marina smo che andava molto bene a braccetto notturne, era abitata da poche anime, perché lì c’era la litoranea, strada con la mia gioventù. Succedeva così che molte delle quali provenienti da “terra presciolosa, macchine che scappavano tutte le occasioni erano buone per recar- straniera” (paesi vicini). L’impressione via, che andavano verso sud, e poi, altre mi in marina, dove c’era mia sorella di aver lasciato mia sorella ai margini sfrecciavano verso nord e mi sembravano (sarà stata lei, inconsapevolmente, a del mondo era forte. Dov’era quel le stesse di prima che, come impazzite, portare quella ventata di dinamismo?). corso, quel Pian Castello, quel palcosce- volessero tornare indietro. C’era, sì, la via E’ così, non vedevo l’ora di scendere in nico sempre animato e come mostra che dalla stazione portava al paese, ma marina e quindi invidiavo mia sorella permanente del paese? Non era in mari- occorreva percorrere cinque chilometri che invece ci abitava. Quanta bella na ma a S. Andrea superiore. per arrivarci, per arrivare là dove c’erano differenza da quel diciotto aprile del Potevo avere otto anni quando mio le tre colline illuminate da luci come cinquantanove… padre mi portò con sé a Lipogghiàra, stelle, perché con esse si confondevano contrada collinare dove avevamo un quando il cielo di notte era terso che appezzamento di terra coltivato a vite, sembrava “ca ‘u liccàru ‘i gatti” (leccato non sufficiente da fare il vino ma dai gatti = limpido e stellato). abbastanza da fare la marmellata d’uva Arrivato in paese, nessuno mi (confettura), della quale eravamo ghiotti. vietava di guardare verso la marina, ma, Per andare a Lipogghiàra dovevamo se non c’era la luna era meglio non attraversare tutto il Pian Castello e farlo, perché quello che appariva erano quindi dovevamo “apparire” decente- delle fioche, piccole luci provenienti mente vestiti. Questo era fuori dubbio dall’abitato, e poi tutto nero, perché il che lo fossimo, ma… se oltre ai vestiti mare, di notte, senza luna è una distesa “indossavi” la zappa, questa aveva la buia. Insomma, le luci della marina non forza di trasformare i tuoi decenti vestiti si potevano mai e poi mai confondere in trasandati. Tutto ciò, però, riguardava con le stelle del cielo, perché c’era la noi facenti parte degli artigiani, mentre i distesa buia del mare in mezzo. contadini non avevano problemi, loro Quel mare aveva distribuito ormai vestivano e si dichiaravano per quello durante la giornata quell’oro regalato Sant’Andrea superiore che erano. dal sole e non aveva nulla da offrire allo LE TRE FONTANE
  • 7. Pagina 7 ELPIS Ai miei occhi, le automobili che PILLOLE sfrecciavano lungo la litoranea non erano più impazzite, non erano sempre le stesse che andavano verso sud e DI tornavano a nord. Ormai quelle macchi- ne sfrecciavano “razionalmente” per RIFLESSIONI quell’arteria, perché avevano fretta di sbrigare lavoro. Tutto quel mondo, il mondo della marina, aveva imparato la di Francesco Mirarchi lezione usufruendo di quell’oro che il sole distribuiva a destra e a manca mentre si alzava sull’orizzonte. Era chia- 31 - Dementi sono coloro che sfidano il fato perchè non sanno che, alla lunga ro che l’orologio della marina segnava le ci cascano sotto! ore dell’alba e dell’aurora guardando verso il futuro. Le case popolari costrui- 32 - Costernati si diventa quando riceviamo un’offesa, tanto vale ignorarla... te nei primi anni cinquanta, già vecchie, o perdonare. diventavano “centro storico” mentre 33 - Dubbitare che una persona ha commesso un reato è lecito. Non è lecito erano affiancate da nuove costruzioni azzardarsi a condannarla. più moderne e più luminose. Cominciavo a “internazionalizzar- 34 - Se vuoi essere un uomo virtuoso devi imparare a conoscere i vizi che hai. mi” perché venivo a conoscere quegli “stranieri” che abitavano la marina. 35 - Farai bene a preoccuarti sempre dei tuoi problemi e non di quelli degli Brava gente che lavorava sodo e che altri. proveniva dalla Calabria stessa o 36 - Esistere è anche sopravvivere. L’importante è trovare il giusto equilibrio. comunque dal sud. Mi arricchivo sapendo di esperienze diverse. C’era la 37 - Tutti aspirano alla felicità. Ma non tutti sanno fare i conti con gli signora Tilde, che mi commissionava ostacoli della vita quotidiana. lavori su misura, voglio dire quei lavori da me preferiti, come il dipingere la 38 - Droga, alcool e fumo sono sostanze nocive, intossicanti, distruttive, da cappa del camino con una specie di combattere con tutti i mezzi possibili. affresco. E ancora, eseguire un bel 39 - Gioisci sempre dei tuoi risultati, ma accetta i consigli delle persone che quadro di scena di caccia sullo sportello ritieni intelligenti. dei contatori che altrimenti appariva come cosa ingombrante e mal posto. 40 - Hanno tutto e non hanno niente. Sono i giovani dell’era moderna, che C’era Luigi, che insisteva gli dipingessi ignorano il sapore del pane bagnato col sudore della fronte. un quadro di San Luigi Gonzaga e me lo ripeteva tante volte che ritenni opportu- 41 - Libero è colui che combatte tutti i giorni per la propria dignità e la libertà no dargli la precedenza per farlo stare di esistere. zitto. Ma i miei conti si rivelarono 42 - L’immaginazione ti può tormentare. Sfuggigli e vivi il reale. sbagliati, poiché non lo zittii per nulla, perché dopo, ogni volta, mi parlava 43 - Se sei una persona retta l’invidia non ti coglie. Piuttosto corrode l’anima sempre del San Luigi , di com’era venu- di chi t’invidia. to bene. Ancora oggi, quando lo incontro, mi ricorda il quadro di quegli anni. 44 - Facile innamorarsi. Difficile rimanerlo per sempre. Era piacevole andare in marina, anche a piedi. Ormai mi sembrava 45 - La libertà te la puoi conquistare solo se lotti per la libertà. molto chiaro come stavano le cose. 46 - “Signori si nasce e non si diventa”. Ignoranti si nasce, colti si diventa. Quelli della marina usufruivano dello sfavillio di quell’oro che il sole del 47 - Ci vuole tanto tanto amore per salvare il nostro pianeta e per la nostra mattino elargiva attraverso il mare. E salvezza! poi, c’era dell’altro: c’era mia sorella che abitava in marina, e Lei non scher- 48 - L’amicizia nasce spontanea, non la si cerca. Bada a saperla coltivare. zava, faceva a gara col sole nell’elargire 49 - Non essere testardo nella conversazione. Se non condividi un’opinione il suo oro, che erano i sorrisi. può essere utile tacere. Per ben quarant’otto anni, sei mesi e cinque giorni quei sorrisi, a volte velati, 50 - Male ti tratta chi t’invidia, perchè vuol sempre vederti prostrato ai sui furono “irradiati” in quella marina, dalla piedi. sera del diciotto aprile 1959. 51 - Megalomane è colui che crede di saper tutto e poi si perde in bicchier Roma, febbraio 2009 d’acqua. pietro.voci@libero.it
  • 8. Pagina 8 ELPIS ‘U RICRÌJU D’O MIRÌJU di Bruno Stillo Oggi giorno la parola d’ordine è to al prossimo? A queste due domande mano in tasca, tirate fuori qualcosa globalizzazione. Bisogna essere globa- tutti risponderanno “NOooo…”, ma da sgranocchiare, tipo ‘na castagna lizzati a ogni costo, altrimenti si è nei fatti poi molti si comportano come ‘mpurnata, ‘nu favu russu, ‘nu ficu tagliati fuori dal sistema produttivo e se avessero detto “SIiii…”. siccu… da consumare lentamente, per competitivo. non disturbare il vostro rilassamento. Se la massima è “chi rinnega il Un’ora di questa apparente semico- Questo modello di sviluppo deve passato non ha futuro”, dobbiamo scienza vi farà raggiungere l’apice essere stato escogitato da un cervello ricordarci che non molto tempo fa i della soddisfazione che rasenta la diabolico: è sufficiente che l’America nostri antenati non sapevano neanche beatitudine. faccia una flatulenza perché la puzza si cosa significasse la parola consumismo; propaghi in tutto il mondo. La cosa che per loro mangiare tutti i giorni era Perseguendo l’idea di avere sem- ritengo più allarmante non sono le quello che li faceva stare bene, contenti pre di più, a costo di fare il doppio definizioni di globalizzazione, produ- e felici. A quei tempi, la parola d’ordine lavoro o lo straordinario, non si avrà zione e competizione, ma l’imperativo era risparmiare e mettere da parte per mai tempo disponibile per provare e “a ogni costo”! eventuali carestie. Io non dico che gustare la condizione che ho descritto dovremmo tornare indietro, ma tenerne sopra e che io definisco: ‘u ricriju ‘do conto per costruirci un futuro migliore. miriju. Forse a questo punto il lettore si Qualcuno potrebbe dire che questa starà chiedendo: che ci azzeccano condizione corrisponde al piacere di queste considerazioni con il titolo “‘u oziare ed io, mio malgrado, la sua ricriju d’o miriju…”. Ci azzeccano… opinione posso pure accettarla, anche ci azzeccano… rispondo io! Mi spiego. se la trovo inesatta e molto riduttiva. Immaginate di sdraiarvi su una scali- Però, se mi si dice che ho descritto uno nata all’aperto, inclinati di circa 60 stato di vacabunderia, beh… allora gradi rispetto alla perpendicolare, i m’incazzo di brutto!!! gomiti appoggiati sul terzo o quarto gradino, la testa un poco sollevata; le La globalizzazione fa sì che un gambe, semi distese e leggermente individuo, durante la sua la vita, debba divaricate, devono essere adagiate con lavorare sempre di più, per abbassare il la parte esterna a lambire gli spigoli prezzo di produzione e vendere il pro- dei gradini sottostanti, in modo da dotto battendo la concorrenza. Bisogna formare una sorta di rombo allungato. guadagnare e consumare di più, anche Abbandonati nel corpo e nella mente, le cose superflue. “Contribuire ad vi fate baciare dai raggi del sole calan- aumentare il P.I.L. della propria te, che danno tepore, appagamento e nazione” è il motto, così si evita la corroborano lo spirito - l’inclinazione recessione, questo mostro invisibile giusta è sempre quella di 60 gradi sulla che terrorizza tutto il mondo. perpendicolare -. L’egoismo di non accontentarsi Gli occhi sfiorati da questi raggi, mai non porta alla felicità; pensare alternandosi, si ‘ngriddhunu compia- solo al proprio tornaconto prima o poi ciuti e osservano passivamente tutto ti si ritorce contro. La concorrenza non ciò che vi circonda; vi fate avvolgere è una parola astratta, è gente come noi, dalla sordità assoluta per non sentire le che ha bisogno di vendere il prodotto voci di chi vi sta intorno e le cazzate del proprio lavoro per poter campare. che inevitabilmente fioccano da tutte E’ questo il modello di civiltà che le parti. Di tanto in tanto allungate la vogliamo perseguire? Fare lo sgambet- Elpis è una pubblicazione a carattere locale avente finalità culturali. La redazione è composta da: Luciano Mirarchi, Giuseppe Palaia, Alfredo Varano, Armando Vitale. La distribuzione è realizzata attraverso le edicole e i pubblici esercizi di Sant’Andrea Ionio che intendono offrire gratuitamente la propria collaborazione. Tutte le collaborazioni alla rivista sono rese a titolo completamente gratuito e volontario. Il presente numero di “Elpis” è stato stampato presso la Tipografia Sudgrafica di Davoli Marina in 700 esemplari. Tutti gli interventi dovranno pervenire in redazione possibil- mente su dischetto o al seguente indirizzo di posta elettronica: elpiszerouno@virgilio.it. in copertina: un disegno di Alfredo Varano
  • 9. Pagina 9 ELPIS LA DONNA IN CALABRIA IERI E OGGI di Maria Elena Cosentino Maria Elena Al calar della sera torna a casa Cosentino la donna stanca, nella sua veste nera; deposita la sporta del bucato e pensa al pranzo quotidiano tanto atteso. Nel 2008, in occasione della ricorrenza della FESTA DELLA DONNA, la Comunità Montana Con poveri ingredienti e tanto amore “Versante Jonico” ha bandito un con- prepara una minestra che arriva dritta al cuore: corso di poesia sul tema: LA DONNA a lume di candela, intorno al focolare, IN CALABRIA IERI E OGGI, per tutti quanti son pronti a desinare. ricordare le dure lotte che il mondo femminile ha condotto per la conqui- sta dei propri diritti, per il lavoro e La donna d’oggi veste i panni dei mestieri, l’emancipazione. lavori maschili fino a ieri; Sono stati esaminati 50 componi- rincorre il tempo sempre preoccupata, menti poetici presentati dagli alunni è stanca e non è mai appagata. di cinque Istituti Comprensivi rica- denti nella stessa Comunità Montana. La commissione giudicante ha Posa le sue cose sul tavolino assegnato il terzo premio a questa e si mette a giocare col piccino. poesia di Maria Elena Cosentino, Solo così le passa il malumore alunna della 3 media statale di e stringe il suo bambino forte al cuore. Sant’Andrea Jonio. NUOVI DI STAMPA segnalazione di libri ricevuti in redazione Federica Ciani IL MIO PRIMO MADAGASCAR appunti di viaggio pagine 73 - Euro 11,00 Bonaccorso Editore - dicembre 2008 ... Allora, se è vero che il sacrificio di tre eroi - don Raffaello, suor Anna e suor Marta, che incontrerete leggendo queste pagine - così come l’iniziativa dei due medici veronesi intesa a lenire le sofferenze drammati- che di pochi esseri umani, rappresentano interventi “atomistici” rispetto all’enormità di un problema difficilmente commensurabile, è altrettanto vero che oguno può e deve mettere a disposizione di chi soffre un “atomo” di bene. Più numerosi saranno codesti atomi, meno vasto sarà il il pelago dei diseredati che languono su questa stessa nostra terra. Grazie a Federica per le vibranti testimonianze che, forse, potranno indurre noi tutti a qualche riflessione e a qualche impegno concreto, nella consapevolezza che anche le distese delle sabbie delle coste malgasce - e non solo - in definitiva sono costituite da tanti granelli che stanno fitti l’uno accanto al’altro... Gian Paolo Marchini
  • 10. Pagina 10 ELPIS SUL DIZIONARIO DI ENRICO: di Salvatore Mongiardo A SANT’ANDREA... Discorso di presentazione del “Dizionario Andreolese-Italiano” tenuto da Salvatore Mongiardo lo scorso 28 dicembre nell’aula consiliare del municipio di Sant’Andrea. Signor Sindaco, gentili signore e I filologi e i linguisti si occuperan- signori, no della parte scientifica di questo sono veramente lieto di presentarvi Dizionario, che è sostanziosa. A me il Dizionario Andreolese-Italiano del preme piuttosto dare una risposta a una caro amico Enrico Armogida. I latini domanda che questo Dizionario mi ha avrebbero detto: Hanc diem numera posto. Cosa spinge una persona a spen- meliore lapillo. Cioè, segna questo dere energie enormi per trenta anni nel giorno tra quelli fortunati, perché oggi compilare una tale opera? Il desiderio vede la luce quest’opera durata trenta di gloria? Non mi sembra il caso di anni, iniziata con un foglio di carta e Enrico, anche se alla gloria siamo tutti penna e terminata al computer con ben sensibili. Il desiderio di salvare il sal- 1.302 pagine. Enrico l’ha chiamato vabile di una cultura in estinzione per Dizionario ma, secondo me, sarebbe consegnarla ai posteri? E’ quello che più giusto chiamarlo Dizionario comunemente si pensa, e che anche Enciclopedico. Difatti, non ci sono solo Enrico pensa. A me sembra però che le parole con la loro etimologia greca, salvare la conoscenza per i posteri sia latina, araba, ma anche le biografie di solo la ragione apparente. La ragione personaggi andreolesi come, per esem- vera, profonda non viene detta per pio, Saverio Mattei, la Monachella di pudore e si chiama semplicemente San Bruno e l’architetto Armogida. E amore. L’origine di questo Dizionario è poi le cronache di alluvioni e terremo- l’amore del suo autore per le persone, ti, i nomi dei fondi: Pajhò, Pastaticò, le piante, i cieli, le campagne, gli albe- Bassariaci, Cuccumìaddhu, Santu Lìa, ri, le botteghe artigiane, i contadini con Fimmana schjetta. I modi di dire, i le zappe, i canali dell’acqua, gli orti e le proverbi: Su tri cuasi si funda a casa, vigne in mezzo ai quali Enrico si è cre- spaddha pilusa, petra bucata e chjrica sciuto. Enrico ama disperatamente tutte rasa. Le favole, i racconti, gli usi e i le cose che hanno fatto parte della sua scere i termini di ogni cosa che i vasai, costumi, le arti e i mestieri, le cronolo- esistenza e li riporta a nuova vita, i famosi argagnari di Sant’Andrea, gie dei sindaci, dei parroci, dei maestri anche se erano pumiceddha e maju o usavano? Per ogni termine troverete di scuola e molto, molto altro. Per garici o curgejjha. A ognuna di queste significato e corrispondente in italiano. esempio, se guardiamo alla parola cose Enrico consegna il passaporto L’italiano, appunto. A me piace vombacaru, vediamo che era lo per l’eternità perché non si rassegna immaginare che questo Dizionario sia scardassatore del cotone, cioè quello all’idea che possano scomparire. È la rivolta di Enrico, concepita negli che toglieva i semi, i vambacùaspura incondizionato il suo amore per quel anni intorno al 1945, quando lui inizia- dalla bambagia prima della filatura. mondo che fu semplice in apparenza. va a frequentare le scuole elementari Ho ancora nelle orecchie il rumore che In realtà fu terribilmente difficile, e nel nell’Edificio Scolastico qui vicino. faceva l’ultimo vombacaru, il padre di breve spazio che va dallo Ionio alla Non si dice pitta, ma focaccia! Non si Italo e Delina, che emigrarono in Lacina, dal fiume Alaca a Saluro, fece deve dire currijùazzu, ma cinghia! Argentina. da scena di rappresentazione della Cosa è questo faddala, si deve dire storia del mondo con il suo carico di Io non conosco in tutta Italia grembiule, ci sgridavano i maestri. Con bene e di male: U mundu, ca’ cui u un’opera così completa e ampia che questa opera è come se Enrico, e cangia u mundu! U mundu è mpamu, confronti la lingua parlata di un paese noi tutti assieme a lui, ci fossimo riap- dicìa Caramanti. con l’italiano. Questo miracolo si propriati dei nostri territori linguistici compie per l’andreolese, lingua nostra Enrico vorrebbe conservare per dentro i quali siamo stati allevati dai e del nostro popolo, sparso per l’Italia e sempre anche l’elemento più inafferra- genitori e dalla ruga. Dirò di più. le Americhe. bile, il vento, sia che soffi come vuc- Enrico ha risolto quello che Freud chjata, rispiru, rijhatu da menzajornata, Non sapete come si chiamavano le definì il primo problema di ogni perso- spiffaru, refulata, o quando rinforza e parti di un carro tirato dai buoi? Aprite na, quello dell’identificazione: chi diventa fischiu, ngusciu, jhujjhalora. il Dizionario e vedrete cosa erano lettè- sono io? Enrico risponde senza dubbi: Cerco di immaginare cosa diranno fra ra, tramenzuni e stamigni. Volete cono- io sono e sempre sarò andreolese.
  • 11. Pagina 11 ELPIS cento anni gli specialisti di filologia me, u fusu, a lampa, a chiccareddha’e nella crisi e nella paura del domani, di qualche università del mondo con- l’ùajjhu. Ogni elemento della natura, Enrico ci presenta in quest’opera un sultando questo Dizionario. E penso ogni persona che ci è stata compagna di mondo che seppe vivere con poco e che potranno trovare una risposta a viaggio, anche se erano i reietti o gli sicuramente visse con meno angoscia, qualche termine, ma sarà come una scemi. E’ quindi una lezione di aderenza felice se c’era un pezzo di pane e un luce rarefatta, lontana. Non sarà u vam- alla realtà che fu contadina e povera, ma bicchiere di vino. bacaru che io ho visto, con la bottega anche buona e generosa. La lezione di E’ per questo che a nome mio per- piena di fiocchi di bambagia come se Enrico è quella di una persona che mai si sonale, di tutti gli andreolesi sparsi per nevicasse, e il rumore dell’attrezzo per è mossa dal suolo natio, pur affrontando il mondo, di voi tutti presenti, ringrazio scardassare: mba mba mba… Per noi studi, famiglia e tutti i cambiamenti che Enrico e mi felicito con lui per aver presenti, per me oggi, da questo negli ultimi decenni sono arrivati a raggiunto questo grande traguardo. E Dizionario viene invece una lezione di valanga uno dopo l’altro. termino con un augurio in andreolese: vita. E cioè che senza finzioni e senza Nella grande confusione del mondo vergogna si possono amare le cose mini- attuale che si globalizza in tutto, anche Avanti mìagghu! ... E A ROMA Discorso di presentazione del “Dizionario Andreolese-Italiano” tenuto da Salvatore Mongiardo lo scorso 30 marzo al Campidoglio. Gentili signore e signori, predominanza di anziani. Un paese come Betrò, Carioti, Codispoti, Lijoi, che ha visto più di 500 suoi giovani Samà. questo Dizionario è nato pochi partecipare alla prima guerra mondiale mesi fa, ma è cresciuto così rapidamen- Per brevità di tempo non posso e altrettanti nella seconda, pagando te che oggi ho il piacere e l’onore di dilungarmi sull’opera dal punto di vista un grave tributo di sangue. Già dal presentarlo a voi nel Campidoglio. letterario o filologico, anche perché a 1870 in poi il paese si è svenato con Quest’opera è stata concepita e iniziata me preme indagare le motivazioni l’emigrazione verso gli Stati Uniti e dall’autore intorno al 1970 con carta e profonde che sono all’origine del l’Argentina, e dopo la seconda guerra penna e la sua compilazione è termina- Dizionario. L’Autore stesso, l’amico ta al computer nel 2008, dopo circa Enrico Armogida, ha detto che avverti- trenta anni di ricerche. va chiaramente la fine di quel mondo andreolese e voleva salvarlo per le Nelle 1.300 pagine del Dizionario, generazioni future. E non c’è dubbio ogni parola della lingua andreolese è che l’Autore abbia compiuto questo registrata così come veniva parlata, spettacolare salvataggio in extremis per e in parte ancora viene parlata, a l’amore che porta a persone, luoghi, Sant’Andrea Ionio; è tradotta poi in cieli e campagne della sua infanzia e italiano e inoltre è spiegata nella sua della sua vita: in ogni pagina dell’ope- etimologia greca, latina, araba, o ra è vivo il rimpianto per quel mondo francese, inglese, spagnola. Ci sono definitivamente avviato sul viale del poi proverbi, modi di dire, racconti, tramonto. L’autore ne è lucidamente aneddoti, personaggi famosi o singo- cosciente e sembra rassegnato in lari che si muovono tra una folla di alcune pagine, ma poi in altre pagine il contadini, artigiani, preti, monache. rimpianto sale di intensità fino a C’è anche la descrizione dettagliata diventare inconsolabile. dell’arte dei vasai, dei sarti, dei carrettieri, delle tessitrici, dei contadi- Ho voluto allora riflettere sul ni, con i termini usati per indicare fenomeno del rimpianto, cosa che tutti l’arte, gli attrezzi e i processi lavorati- temono tanto che si dice comunemente: vi. E rivivono le feste religiose, il culto meglio rimorsi che rimpianti, mai dei morti, i canti della mietitura, il avere rimpianti! Invece, stimolato suono delle zampogne a Natale. Dalle da quest’opera, sono arrivato alla sue pagine balza un mondo variegato conclusione che il rimpianto è una che si muoveva secondo le vicende delle grandi risorse dell’uomo perché politiche e militari, o secondo le buone richiama verso una situazione del pas- mondiale, anche verso il Canada, e cattive annate dei raccolti. sato per indicare fenomeni non ancora Milano e soprattutto qui a Roma, dove compresi. Il rimpianto che emana da Andreolese, l’avrete intuito, è vive il nucleo più importante di circa questo Dizionario è come il segnale di l’aggettivo che indica gli abitanti e la cinquemila andreolesi originari, figli e un contatore Geiger che indica un lingua di Sant’Andrea Ionio, un paese nipoti. Tutti i vostri cognomi e sopran- tesoro nascosto. affacciato sul golfo di Squillace, che fu nomi, carissimi concittadini andreolesi, di circa 5.000 abitanti intorno al 1950 Ma è possibile che in un paese della sono riportati nel Dizionario e spiegati ed è oggi ridotto a circa 2.500 con una Calabria ci sia un tesoro? Cercando una nella loro origine, spesso magnogreca,
  • 12. Pagina 12 ELPIS risposta a questa domanda, ho sfogliato solcato dalle navi da guerra che morì nel 1953 all’età di circa 80 anni. La il Dizionario alla parola mara, il nostro Pompeo e Cesare, Augusto e Marco sua straordinaria vicenda si intreccia con glauco Ionio. Il Dizionario, a proposito Antonio armarono per lottare gli uni Papa Leone XIII, presso il quale la baro- di mare, racconta di pagliai rivestiti di contro gli altri. nessa Enrichetta Scoppa venne da canne, rami di pioppo o ginestre profu- Sant’Andrea per ottenere il privilegio di Continuando nella lettura, ho visto mate, dove gli andreolesi passavano visitare nel 1886 la Certosa di Serra, che il Dizionario contiene la biografia di l’estate per godere i bagni e l’aria di sempre vietata alle donne. La baronessa personaggi di Sant’Andrea come lo mare in serenità e amicizia. E parla maturò così il progetto di portare con la scrittore e poeta Saverio Mattei nel anche di piccoli capanni di frasche per sua lettiga la piccola Mariantonia a Millesettecento, e la Monachella di San le galline, per il focolare, per far svesti- Serra, dove fu guarita. Bruno, per la quale è avviato il processo re le donne sulla battigia e indossare il di beatificazione: l’istruttoria del pro- Se ho decifrato correttamente il camicione da bagno: u pojjharìaddhu cesso è stata chiusa il 2 marzo scorso. Il segnale del rimpianto del mondo ’e l’unda, si chiamava in andreolese. suo nome era Mariantonia Samà, nata andreolese, il Dizionario sembra voler Quel mare non era certamente il mare nel 1875 a Sant’Andrea, dove visse e dire che la grande storia, quella del Il Dizionario Andreolese-Italiano di Enrico Armogida è il risultato di oltre trenta anni di studi e ricerche. In più di 1.300 pagine egli ha raccolto migliaia di parole così come venivano pronunziate dal popolo di Sant’Andrea Jonio (CZ), il Comune che si affaccia sul Golfo di Squillace e i cui abitanti si chiamano Andreolesi. È il paese dove l’autore è nato e ha sempre vissuto. Egli ha conseguito la laurea in Lettere Classiche presso l’Università di Messina e ha insegnato per decenni nei Licei di Soverato. La sua lingua materna è appunto l’andreolese, e questo ha consentito ad Armogida di decifrare un cosmo all’apparenza solo agricolo, che però nasconde una A.R.A. ONLUS civiltà stratificata e preziosa. Un piccolo grande mondo che ha inizio col mitico Re L’Associazione Romana Andreolesi Italo, che in quelle terre fondò la prima Italia, e che subì arricchimenti e apporti dalla ONLUS Magna Grecia, dalle infinite invasioni di Annibale, Romani, Bizantini, e poi Con il patrocinio del Comune di Roma Normanni, Arabi, Turchi, Saraceni e Spagnoli. Di questi passaggi una traccia è rimasta nell’andreolese sotto forma di vocaboli, modi di dire, espressioni o gesti Presenta mimici, racconti, favole, miti. Armogida ha osato guardare alla cultura andreolese IL DIZIONARIO senza finzioni o pudori, e così ha scoperto tesori insospettati dell’arte del saper ANDREOLESE-ITALIANO vivere, quella che nella cultura andreolese è considerata l’arte delle arti. di Enrico Armogida L’opera è piuttosto un dizionario enciclopedico per la vastità e la ricchezza di Il giorno 30 marzo 2009 alle ore 18,30 dettagli che raccoglie. Dalle sue pagine rinasce una umanità variegata di contadini, Presso la Sala della Protomoteca in fabbri, sarti, falegnami, bovari, gente del popolo, monache e preti. Campidoglio Ma anche di personaggi nobili e colti nelle famiglie Mattei, Scoppa e Lucifero. Un piccolo paese che seppe dare due Ministri di Case Reali: lo scrittore, poeta e Presiede: avvocato Saverio Mattei, Ministro della Real Casa Borbonica sotto Ferdinando IV a Mario Codispoti, Napoli, e l’avvocato Falcone Lucifero, Ministro della Real Casa di Savoia a Roma fino Presidente A.R.A. ONLUS ai nostri tempi. Presenta l’opera : Il Dizionario riporta anche una storia al limite del credibile, quella della Salvatore Mongiardo, scrittore Monachella di San Bruno, una ragazzina di nome Mariantonia Samà, ritenuta indemoniata intorno al 1886, guarita miracolosamente da San Bruno a Serra, poi Interventi: vissuta in estrema povertà, per 60 anni paralizzata a letto e morta nel 1953. • On. Alfredo Antoniozzi Della Monachella, nata, vissuta e morta a Sant’Andrea, il 2 marzo 2009 si è chiusa Assessore del Comune di Roma l’istruttoria del processo per la sua canonizzazione. e Deputato Europeo Questo Dizionario appare come una quercia solitaria nel panorama della cultu- • On. Agazio Loiero ra italiana; in un solo volume raduna storie, leggende, fatti, aneddoti, filastrocche, Presidente della Regione Calabria modi di vivere e morire in pace e in guerra. Soprattutto è un’opera che mostra come la grande storia del mondo si intreccia nella storia minima di un mondo contadino. • Prof. Antonio Catricalà Apprendiamo così che i papi Pio IX e Leone XIII ricevevano la baronessa Scoppa, che Presidente Autorità Garante Don Bosco e Pio X intrattenevano corrispondenza con lei, che don Rua e don Orione della Concorrenza e del Mercato venivano a trovarla a Sant’Andrea. Dal punto di vista strettamente linguistico, colpisce la ricchezza di etimologie • Ing. Maurizio Lijoi Sindaco del Comune di greche e latine, e in misura minore anche ebraiche ed arabe, e la registrazione S. Andrea Apostolo dello Jonio puntuale e metodica dei termini semplici, dei derivati, dei sinonimi, omonimi e allotropi. E non sempre Armogida concorda con i migliori cultori della lingua Conclusioni: calabrese, anzi a volte dissente da autorità indiscusse come il Rolfs. Prof. Enrico Armogida Dall’opera traspare il rimpianto di un mondo che non c’è più e che sopravvisse Autore del in condizioni di estrema difficoltà perché ebbe regole migliori di quelle di oggi. Dizionario Andreolese -Italiano
  • 13. Pagina 13 ELPIS potere, delle guerre, della politica, Porfirio, non per la ricchezza delle menti grandi e piccoli. Le prime pagi- non aiutano più di tanto l’uomo a città e dei commerci, ma per l’altezza ne di questo Dizionario furono scritte vivere, anzi spesso lo danneggiano del pensiero, la giustizia sociale e all’incirca quando vennero scoperti i con il loro carico di violenza e san- l’onestà di vita che Pitagora diffuse Bronzi di Riace. A me sembra che ci gue. Al contrario, la storia minuscola nelle nostre contrade. E parliamo della sia un legame tra i due avvenimenti. dei contadini e dei pagliai andreolesi stessa terra di Calabria dove re Italo Allora l’archeologia restituì dalla riusciva a dare più qualità alla vita fondò l’Italia non su base politica, ma Calabria al mondo statue di sublime perché quel popolo viveva con una sullo spirito di amicizia, come riporta bellezza. Ora, questo Dizionario, con forte tensione etica, come testualmente testualmente e ripetutamente Aristotele una esplorazione dell’anima andreole- riporta l’Autore. C’era insomma un nella sua Politica, dove descrive il se, porta alla luce le regole d’oro che orizzonte alto che aiutava gli andreo- banchetto comune, il sissizio, che Italo aiutarono i calabresi a vivere. lesi a non rimanere schiacciati dal istituì e che si diffuse in tutto il E allora mi preme una domanda peso della vita, che spesso fu difficile Mediterraneo. che sono convinto di avere intravisto e al limite dell’impossibile, con Al mondo odierno, carico di paure tra le righe del Dizionario, e che gravi ingiustizie sociali, analfabeti- per il domani, il mondo andreolese rivolgo al Presidente Loiero, quale smo, povertà e fame che portarono manda a dire da questo Dizionario che rappresentante di tutta la stirpe all’emigrazione di massa. la vita è difficile oggi come fu difficile a calabra: la Calabria è destinata a finire Quel mondo andreolese ci permet- Sant’Andrea. Che però un orizzonte, nelle pagine dei libri, o peggio nelle te di capire che la decadenza di alto dentro l’anima, aiutava gli cronache criminali? La terra dei grandi Sant’Andrea, della Calabria e del andreolesi a vivere meglio e a morire visionari come Gioacchino da Fiore, Meridione d’Italia è soprattutto un serenamente. Quell’orizzonte non si San Francesco di Paola e Tommaso problema di natura etica, non tanto un apriva per caso, ma era frutto di una Campanella, è ancora capace di genera- problema di natura politica, e ciò vita vissuta secondo regole precise re una nuova civiltà? E’ una domanda spiegherebbe perché nessun tentativo che erano la fedeltà incondizionata tra molto ardua che rivolgo anche a me della politica l’ha potuto risolvere. I sposi, parenti e amici, l’onestà e stesso e credo che la risposta si trovi greci chiamarono il Meridione Magna l’onore di vita e la fiducia in Dio, che nella nostra passione per la vita e nella Grecia, come scrivono Giamblico e sovrastava e guidava tutti gli avveni- nostra capacità di sognare in grande. SCARABOCCHI È andata via col “Torino”. Io, seminascosto dietro a una colonna della stazione l’ho guardata, l’ho fruita nell’attesa del treno. Con lei c’erano i suoi genitori (non superano singolarmente i quarant’anni), un suo fratellino e una sorellina con una treccina di cavallo e tante lentiggini sul visetto deliziosa- mente paffutello, le loro valigie, i molti pacchi. Tutta la famiglia in partenza era circondata da pochi parenti, visi consunti, e potevano essere i nonni di Lisa, visi arrostiti dal sole, forse le sorelle, i fratelli di suo padre e di sua madre. Lisa mi guardava senza farsi notare e quei suoi occhi teneri, bagnati, dolci, sembrava mi stessero baciando e accarezzando, profondamente mi risucchiavano, e non ero più seminascosto dietro la colonna della tettoia ma tutto allo scoperto, appoggiato ad essa e tuttavia lontano, con l’anima a stringere Lisa. Avrei voluto dirigermi verso i suoi genitori e dir loro: “Voglio vostra figlia per fidanzata, Lisa ed io ci amiamo, lasciatemi il vostro indirizzo di Torino, che appena mi sarà possibile verrò a trovarvi con i miei cari per ufficializzare il mio e il desiderio di vostra figlia”. Quella sera, dopo la scomparsa dell’ultimo vagone di quel treno, tornando verso la mia sala giochi, ho intuito che Lisa ed io, in quella stazione ferroviaria (così simile a tantissime altre di questa regione scalognata) da tempo abituata a battezzare emigranti, ci siamo detti addio a fior di labbra per colpa delle necessità della vita, dell’economia dei più forti, dell’assenteismo della nostra - nazionale e regionale - classe politica così deficitaria di programmi decenti per lo sviluppo di questa Calabria, sempre più soggetta alla dittatura d’una sola forma di capitalismo reale; e ho visto un mostro dal volto ipocritamente umano, che con tremila braccia séguita indisturbato nelle sue rapine quotidiane, séguita a terrorizzare la gente onesta - e ce n’è tantissima - che lavora, ma oltre un certo limite di ricchezza non può andare, e si sa benissimo perché. Perché, se appena appena si azzarda a non pagare, muore. A un quarto a mezzanotte ho chiuso poi la sala, e percorrendo a piedi la via verso casa ho pianto per Lisa, per me, per la mia terra che ancora non ce la fa a tenersi tutti i suoi figli e per il mio vago futuro, così privo di certezze, ma di sicura solitudine a breve distanza.
  • 14. Pagina 14 ELPIS PASQUINALE SCATTI DI CARNEVALE (da www.flickr.com) foto di Mariella Lijoi Versi in romanesco di Paolo Mongiardo LA SCHOLA E LA FAMIJA Da quanno che la schola s’è cambiata con l’ingresso de le famije nei consij n’è sorta de sicuro ‘na bbojata, perché der gemellaggio che ce piji? ‘Na vorta er genitore annanno a schola domannava solo er fijio come annava e li docenti come prelati co’ la stola je daveno er responso e salutava. Or la famija nun domanna com’ er fijo va, ce va decisa a contestà’ er docente, baccajanno ch’è sbajato quer che fa, quanno che sottovaluta un fijio intelligente. E’ corpa de la guera ch’ha fatto arzà’ la cresta a tanta gente rifatta e baldanzzosa assai, ch’ha dato ai propi fij commodi e agi con la cesta, che vò fa’ de lor quer che er padre nun è stato mai. E’ corpa der progresso e de’ telefoni portatili, che li studenti a schola se porteno in saccoccia pe’ stassene a gioca senza ascortà le cose utili, e se je domanni perché, te risponne che se scoccia. Da quanno la famija invece de vigilà te fa caciara, criticanno sol chi insegna e li fij nun consija, la cosa che sortisce molto chiara è che nun c’è più né schola né famija.
  • 15. Pagina 15 ELPIS ARCHIVIO STORICO Si tratta della richiesta di contributo da parte dell’Arc. Don Raffaele Spasari, parroco di S. Andrea, inoltrata all’Amministrazione Comunale del 1848, per il ripristino del cimitero comunale (‘U Cimitìaddhu), allora situato in un locale adiacente all’attuale Torre dell’Orologio, parzialmente crollato a causa delle eccessive piogge di quell’inverno. ‘U Cimitìaddhu era l’ossario esterno della Chiesa Matrice, che aveva sostituito quello più antico della Torre dell’Orologio, dove venivano definitivamente deposte le ossa riesumate dalle fosse interne della chiesa. Questo lavoro veniva esercitato dagli Scarramùarti, antichi becchini che, solitamente, venivano dai paesi vicini, a scadenze periodiche. L’anno 1848 il giorno 18 febbraio in S. Andrea. Riunitosi il Decurionato nella solita Casa Comunale sotto la presidenza del Signor Sindaco, il medesimo rappresentò che dal Riverendo Arciprete di questo comune li si fece conoscere che il cimiterio accanto alla Chiesa Matrice di questo Comune trovasi scoperto, e perciò da i cadaveri che ivi si trovano esala un tal fetore che minaccia la pubblica salute. Quindi perché ad ovviare tale inconveniente vi bisogna una spesa, ha presentato l’analoga perizia. Vista la suddetta perizia dalla quale nasce che la spesa da erogarsi è di ducati 5,50. Considerando che la restaurazione di cui è parola è urgentissima attesoché i cadaveri ivi recentemente riposti dietro l’ultima politura delle sepolture tramandano un orribile fetore da cui la pubblica salute viene minacciata, e questo pericolo mag- giormente si aumenta se sopraggiungendo i calori della stagione trovassero il detto locale scoperto. E’ di avviso che il cimiterio di cui è discor- so venisse immediatamente coperto con la spesa giusta la perizia di ducati 5,70, da prelevarsi dall’art. 58 dello stato discusso di questo anno ammesso per ducati 8,00. E così deliberando si sono sottoscritti Saverio Mattei Sindaco Saverio Calabretta Decurione Giambattista Damiani di Pietro ” Giuseppe Coccari ” Saverio Procopio ” Domenico Dominijanni ” Giuseppe Samà ” Bruno Valente ” Domenico Voci ” LA REDAZIONE INFORMA A partire da questo numero ELPIS è disponibile anche in formato PDF per la trasmissione via e.mail. Chiunque lo volesse ricevere può richiederlo al nostro indirizzo di posta: elpiszerouno@virgilio.it
  • 16. Pagina 16 ELPIS PÌAPPI ‘E PUDDHARA di Alfredo Varano Giuseppe, o Peppino Codispoti, in sua, aveva tre figlie, come si dice, Ed un altro: «Dicono che sia scap- paese lo chiamavano semplicemente femmine. Dunque, gli toccava ancora pato in Argentina. … bella pippa… Pìappi ed era figlio di Antonio ‘e Cola sbattere per comprare la terza casa ed l’armàu bona ‘a tràstula!? » ‘e Puddhara e di Teresa Papaleo, detta evitare così che una delle figlie gli Tali erano le voci di popolo più ‘a Pinnata. Puddhara era ed è il rimanesse schjiétta, zitella in casa. insistenti. Di fatto, non si sa come, un soprannome d’appartenenza alla linea Con la guardianìa delle terre della giorno arrivò a Brooklyn e si presentò di parentela dei Codispoti e significa baronessa dunque, non gliela poteva a casa dei genitori, che nel frattempo Stella Polare: ‘a Puddhara, per fare, nonsi. Si presentò l’occasione si erano sistemati in un decente allog- l’appunto. e decise così di partire per gli gio della Piccola Italia. Quando il padre Secondo i racconti che ho sentito, Stati Uniti, su richiamo del cognato aprì la porta e se lo vide davanti, per il soprannome trae origine dalle poco non gli venne una botta di qualità straordinarie di una donna di sangue. bellezza celestiale, stellare, luminosa, «Vattene subito, ‘mpàmiu, corri via accecante come la Stella in riferimen- il più lontano possibile! Disgrazziàtu, to. Secondo gli invidiosi, invece, rovina della mia famiglia; solo qualche deriva da un gruppo familiare che not- ora fa la polizia è passata a cercarti… tetempo andava, diciamo per bisogno, chi cumbinasti, brutto sventurato! » ad alleggerire catòia, pollai, alberi da Ma non ebbero il coraggio di frutta ed orti altrui e rincasava prima denunciarlo e, come ulteriore manife- dell’alba: prima che ‘a Puddhara stazione d’affetto, lo nascosero in casa sparisse dietro le alture di Portella; di amici fidati, dove rimase un paio di insomma, ‘i Puddhari, “lavoravano” giorni, giusto il tempo per rifocillarsi. solo di notte, facendosi guidare e Cominciò cosi a vagare da una assistere dalla prediletta Stella. città all’altra, fermandosi a lavorare Peppino trascorre la gioventù in solo per brevi periodi; quando poi si Domenico. Preparò tutto in poco paese e si arrangia come può, svolgen- sentiva inseguito, ricominciava di tempo, ara-lampa ara-lampa, e s’im- do, raramente, lavoretti di poco conto. nuovo, facendo perdere le proprie barcò con un piroscafo, da Napoli, Inseguendo la sua grande passione per tracce. Un fuggiasco, un ramingo; ma portandosi dietro la moglie ed i figli la meccanica automobilistica, prende sapendo bene che ‘a mala lavandara Nicola e Antonio. la patente di guida ancora giovanissi- ‘on trova mai ‘a petra bona, continuò A Peppino, che aveva già un mo e alla fine degli anni trenta s’ar- a scappare fino a quando non arrivò discreto lavoro, il padre decise di ruffiana con i politici locali, che gli nel Michigan, dove trovò da lavorare lasciarlo in paese; ma questo a lui non fanno vincere l’appalto per il trasporto nell’ officina di un italiano. Qui incon- piacque per nulla e cominciò a pensare della posta: dalla stazione ferroviaria trò Andrea Frustaci do’ Monacu, altra e preparare un piano d’espatrio clande- di Sant’Andrea all’Ufficio Postale buona tinàgghja, che conosceva già da stino, aspettando il momento più di Isca Superiore. Per questo lavoro quando, bambini, giocavano a ‘nchin- opportuno. Col lavoro che svolgeva compra una Fiat 614 di terza mano, chirincòna, sulla scalinata del palazzo non tardò tanto a capire quali erano le insieme a Giuseppe Dominijanni ‘e Jannoni. Andrea era sempre stato un lettere che contenevano soldi, per lo Matalena, diventato suo socio. A quei avventuriero, un audace che metteva più dollari, che gli emigrati mandava- tempi la posta arrivava alla meta con il la vita in continuo pericolo; un solda- no, a scadenza quasi fissa, alle proprie treno proveniente da Roma e veniva to di ventura capace di qualsiasi famiglie. Un giorno, dal peso e dal smistata e selezionata alla stazione azione, che aveva raffinato la tecnica volume del sacco speciale, capì che ferroviaria d’arrivo. Quella destinata malavitosa nelle fila della Mano Nera era arrivato il momento tanto atteso. ad Isca, che non aveva stazione ferro- italo-americana. In America era Fu così che aprì il recipiente di tela, viaria, si scaricava a Sant’Andrea e divenuto uno specialista del malaffare, selezionò i dollari e bruciò tutto il Pìappi, tutte le mattine, la prendeva e tanto da finire tra coloro che Al resto, compreso il sacco, scomparendo la portava all’Ufficio del vicino paese. Capone riponeva grande stima e dalla circolazione senza neanche Antonio Pullara faceva il guardiano fiducia. tornare a casa. Sparì come le uova di per la baronessa Scoppa, ma con Giacché Peppino, ora diventato quaglia del timpone di Malarra. quello che la pia padrona gli retribuiva Joe, era un buon meccanico ed un «Cu sapa duva jhìu! Beato lui che non era in grado di apportare in dote ottimo autista, quale migliore occasio- con tutti quei soldi se la spassa ‘nculu una casa ad ogni figlia; in verità, non ne se non quella di farlo entrare a chi si è fidato delle Regie Poste se la passava tanto male poiché di case nell’Organizzazione, sotto la guida del Italiane! » ne possedeva già due, ma, sventura compagno d’infanzia? Ne parlarono
  • 17. Pagina 17 ELPIS dalla circolazione con l’intero incasso Scivolò con prudenza e quando arrivò insieme e la risposta fu univoca: ed i contabili lo stanno ancora al Gallipari, allora chiamato torrente «Occhéi, Orràjhitt, Orrajhittuni!» aspettando. Finocchio, una spalla del ponte crollò detto fatto e Pìappi, anzi Joe, comin- Solo dopo decenni si seppe che proprio nel momento in cui il treno cia a contrabbandare mari di Whisky era finito nel Kentucky, dove viveva lo stava attraversando. La motrice e da una parte all’altra del Grande sotto falso nome ed aveva anche preso la prima vettura finirono in acqua, Paese, per nome e per conto del più moglie e creato famiglia. Nessuno lo trascinate in mare dalla furia della grande mafioso di quel tempo. Andrea, aveva più cercato perché, nel frattem- piena. Alcuni viaggiatori risultarono nella chenga, era veramente diventato po, avevano incastrato e arrestato Al dispersi; non si trovò neanche il corpo un pezzo importante; entrava ed Capone. Inoltre, in Italia, per il furto dell’avvocato dello Stato, sparito insie- usciva dalle ville del capo quando e del sacco postale, nessuno investigava me alla valigia che si portava dietro. con chi voleva. Ogni tanto si raghava più su di lui; anche questa volta Per forza di cose il processo di dietro anche Joe e lo infilava tra gli Giuseppe Codispoti dovette fermarsi ospiti festeggianti. In una delle tanti ed il mandato di cattura internazionale occasioni Pìappi rimase impressiona- decadde automaticamente. Pìappi tor- to, sbalordito da tutto il ben di Dio che nava ad essere un uomo libero; ma lui si sprecava: piscine riscaldate, dolci non lo seppe mai e di lui non si seppe mai visti in vita sua, fiumi di champa- più nulla fino a quando, nel giugno del gne, donne di ogni colore pronte a 1946, un certo Giovanni Tedeschi, di soddisfare qualsiasi richiesta. Tutto S. Ilario, non arrivò in paese a bussare gratis, francu, free. Così, una sera, alla porta di casa di Vincenzo mentre festeggiavano, Andrea lo tirò Codispoti, fratello di Peppino, per da parte e gli disse: «Vedi, Joe. Se consegnare una lettera. Era Joe a scri- non ti cacherai sotto e mi darai una vere e spiegava di abitare a Luisville, mano ad ammazzare Al, un giorno, nel Kentucky, e che Giovanni era il tutto questo, sarà nostro e tu sarai il fidanzato della figlia, che si chiamava mio braccio destro. Yes?» accadde l’imponderabile, per sua Teresa. Giovanni era stato prigioniero «Yes, capa de’ cazzu!» Rispose, buona ventura. Essendo Pìappi un in USA ed a fine guerra era stato affi- senza esitare, l’amico fidato. comune imputato in stato di contuma- dato, come tanti altri, ad una famiglia Adesso, ditemi voi, se pensare di cia, a seguire il processo di Catanzaro, di origine italiana. Era finito in ammazzare Al Capone, così come si fu invitata la sorella Caterina, che casa sua e nel lungo soggiorno si era può fare con un delinquente qualsiasi, andava e veniva ogni volta che innamorato di Teresa. Spiegava ancora non è solo affare da sbalestrati. c’era un pubblico dibattito. Alla fine che la figlia aveva deciso di sposarsi Ecco cos’erano i due amici: pazzoidi, della diciassettesima udienza penale in Italia e che sarebbe venuta in fuori da ogni capacità di condurre Caterina stava ritornando a casa settembre per convogliare a nozze col ragionamenti connessi e corretti. con il solito treno, in terza classe. suo amato. Alla fine, le cose, non andarono Sulla prima vettura viaggiava anche E così avvenne. Teresa, ‘a mericana, secondo le loro previsioni e i loro l’avvocato dello Stato che seguiva il per il giorno del suo matrimonio aveva accordi e Joe, invece di dare la mano processo e che, come al solito, si preteso un tappeto rosso che da casa al suo amico, diede tutto il braccio al portava dietro tutto l’incartamento per dello zio, che abitava sotto la Rimessa, Capo. Fu così che avvenne il terribile studiarlo a dovere, visto che erano già proseguisse e si allungasse fino alla e dopo neanche una settimana Andrea arrivati alla fase finale e mancava Chiesa Matrice. “’Nda vola cazzi, fu ritrovato, riverso su un marciapie- poco alla sentenza. dissa Lìallu!” si chiesero i familiari. de, crivellato di colpi: «‘U fìarru malu Quel giorno il treno si fermò Logicamente fu impossibile, perché ara mola resta e ‘u malu passu è duva regolarmente, ed in perfetto orario, cinque o seicento metri di tappeto rosso cadi!» Così si disse in paese. Joe alla stazione di Sant’Andrea ed il solo non si trovavano neanche svaligiando divenne subito responsabile e garante passeggero che scese fu la sorella tutti i negozi della Provincia. Si optò per della squadra di una trentina di camion di Peppino. Prima di allontanarsi, la chiesa del Patrono ed ebbe un più che trasportavano whisky di contrab- Caterina guardò verso la vettura di ragionevole tappeto che ricoprì l’intera bando e cominciò a guadagnare testa e si accorse che l’avvocato dello scalinata di quella chiesa e che il cugino, ddòllari a non finire. Ogni tanto lo Stato, seduto dalla parte del finestrino, Totò Stratoti, andò a recuperare, a delegavano al trasporto di grosse stava consultando alcune carte che piedi, a San Sostene. Di Peppino, o quantità di denaro, da consegnare al teneva in mano; ebbe una fitta al cuore Pappi, oppure Joe, nessuno seppe contabile della sua zona. Come spesso ed il pensiero corse a quel fratello più nulla, nemmeno dove e quando avviene, la tentazione istiga al male e lontano, sparito nel nulla. Pioveva a morì. Ringrazio Totò Stratoti, nipote di a Joe, che non voleva ‘u panìculu, catinelle, già da qualche giorno, ed il Peppino Codispoti, che nelle linee gene- capita una nuova occasione, per tempo prometteva ancora peggio. Il rali, mi ha offerto la trama del racconto. l’ennesima volta. Dopo la vendita di veicolo si mosse lentamente e partì un’enorme partita di whisky, sparisce dopo un lungo fischio fumante vapore. Sant’Andrea Ionio, Agosto 2008
  • 18. Pagina 18 ELPIS U PACCU racconto di Beppe Calabretta Quando la sveglia suonò ero Poi il pranzo sul tavolo grande in avendo i soldi erano potuti entrare a immerso in un sogno nebuloso e mor- soggiorno. Le penne rosse bene al godersi la partita tutta intera. «Cuamu bido, di carezze leggere, sensuali e dente, di poi la carne con le patate al u ficia u primu? Cuamu u ficia?» «E languide e il turgore rigido, quasi sugo e un vinello leggero, sia pur con- c’u vitta! L’ arrivau a palla, si girau e doloroso, si era aperta la via e preme- fezionato, a liberar le labbra in un quandu a vittimu, a palla era già nta va forte contro le pesanti coperte. vocio confuso. Di fronte a me Rosa, reta! U purtiari fiarmu cuamu nu’ Stavo talmente bene che pigramente matura, è vero, ma quanto mai invitan- palu! » «E, u sicundu, cuamu u ficimu allungai il braccio e spensi quel suono te col suo sorriso tenue e indulgente e u sicundu?» «E carciu d’angulu! capriccioso e invadente. Neanche il soprattutto col suo bel petto a punta Piazzau u palluni, tirau e jiu drittu nta freddo rigido fuori le coperte ebbe la sotto il golfino azzurro fatto con le sue porta!» forza di svegliarmi e anche se un altro Ma già i cuori e le menti, saturi campanello insistente e interno conti- di pallone, rovesciate e lazzi, erano nuava a squillare in un angolo lontano rivolte altrove, pronte a immaginare il della mente, continuai per un po’ a nuovo svago. Strapieno e fitto, il coltivare, al calduccio, i postumi Corso era pronto quanto noi allo stru- del sogno. Poi, d’improvviso, il cam- scio domenicale. Per un’ora in su e in panello interno fu come liberato e giù, tra piazza dell’Immacolata e il bar squillò forte e chiaro e con un sopras- Guglielmo, a far la mano morta a illu- salto balzai seduto e ad alta voce derci di toccar qualcosa alle ragazze: mani seducenti e morbide. Potrebbe dissi: «Cazzu, u paccu!» un fianco, un sedere, qualche volta un essere mia madre per l’età, ma che Mi alzai e svelto svelto mi vestii gomito alzato per caso a bella posta, importanza ha? Il desiderio involonta- mentre la pelle mi diventava di galli- un seno quand’esso ci pareva prospe- rio è, e il sogno è bello proprio na. Andai in bagno e dal finestrino vidi roso. Era un’illusione, si sa, ché il quando è sogno perché si sa che non che era ancora quasi buio, il cielo nero freddo di maglie e cappotti infagottava s’avvera mai. di nuvoloni a perdivista, il vento che i corpi e tutt’al più le stoffe, morbide o Arrivano gli amici ad uno ad uno e tirava a staffilate. «Bella jornata» ruvide, ma sempre stoffe potevamo il sogno lascia il posto alla passione mormorai tra me un po’ incazzato pen- sfiorare con le dita. Ma forse era pro- vera. Insieme, a frotte come uccelli in sando al freddo, al vento, e a quello prio l’illusione a divertirci tanto e a volo, ce ne saliamo su per strade e che mi aspettava. Ma intanto i pensie- sfinirci in un desiderio inappagato che vicoli, fino allo stadio. Guadagnato un ri se ne andavano al giorno prima. Una sbolliva di notte in modo solitario terrazzo ce ne stiamo lì impalati e tesi, bella domenica dicembrina, fredda sì, sulla tazza del cesso o nei sogni vellu- incuranti del freddo, a guardarci un ma senza vento e con un solicino ch’e- tati e languidi come quello interrotto angolo di campo quasi sempre deserto. ra stato un piacere starselo a godere da dalla sveglia. Solo, in porta, Màsciari, alto e felino, dietro i vetri del balcone sul terrazzo, “Chi jornata!” ripetei tra me in un si mostra a noi saltellante tra i pali sbirciando Sara che di là nel bagno doppio senso pensando all’ieri e come un orango. Ogni tanto uno dei grande, in sottoveste quasi trasparente, all’oggi, mentre già, finite le abluzio- terzini indietreggiando compare un -”cuamu cazzu facia cu stu friddu?”- si ni, mi infilavo la giacchetta e uscivo di istante e poi sparisce. Per il resto, il metteva il trucco mirandosi allo spec- corsa contro il vento e il gelo. primo tempo passò senza nulla vedere chio. La porta socchiusa, si vedeva di Davanti al tribunale, alla fermata, e accontentar ci dovettimo di fischi e fianco contro il lavandino e una lama il bus era appena arrivato e i passegge- urla che comunque ci dicevano come di luce solare colpendola di spalle, ri stavano ancora scendendo coi volti andavano le cose. E andavano bene rivelava i contorni del suo corpo sodo. insonnoliti. Di fronte ai passeggeri, ché due volte sentimmo netto e chiaro Nell’aria un misto di caffé, ragù e altri tre come me, aspettavano, il l’urlo potente e quasi disumano: lavanda metteva in corpo un che di colletto della giacca rialzato. L’autista, “Gollu! Gollu!” Il secondo tempo avventuroso e una sana voglia di far sul retro, il portellone aperto, porgeva poi fu un’altra cosa con Fanello, qualche piccola pazzia. “Mo’ trasu e valigette e fagotti. Poi fece segno a noi Rambone, Scroccaro e qualche altro 1’ arzu a suttavesta!” Ma non è cosa, e quattro e a ciascuno degli altri tre dei nostri sempre in area a volteggiar mi accontento di guardarla ancora un consegnò dei pacchetti di una o due come giocolieri. Altre due volte la po’ prima di andare, vestito a festa, per scatole di scarpe. Al mio turno, indi- palla fu infilata e questa volta gli urli la città ancor quasi deserta. Letti i cando l’interno con un dito, disse: non udimmo, noi stessi a urlare, urlare giornali davanti alle edicole appesi, «Chi’dd’u è u tua, pìjjatilu!» Guardai a perdifiato “Gollu! Gollu!” con gli articoli di rosso e di verde e, in fondo, in un angolo, vidi un Scendemmo giù ch’era quasi buio sovraimpressi, una puntata a Bella grande scatolone dei biscotti BIS e il freddo irrigidiva le ginocchia. Ma Vista in fondo al corso, a veder da lon- legato con un robusto spago. noi eravamo caldi, caldi dentro, infer- tano il mare increspato di bianco, Con tutto il corpo mi immersi in vorati a corteggiare i fortunati che nostalgia dell’estate palpitante e calda. quell’antro che sapeva di gomma e di
  • 19. Pagina 19 ELPIS nafta e tirandolo e strusciandolo lo tra- pur di portare quel maledetto pacco mettersi sotto le coperte. Alzatomi, fino a casa. Lo riappoggiai sul muro, presi un coltello e troncai di netto lo scinai fino al bordo. Poi lo presi per lo mi tolsi la giacca, gliela avvolsi sopra spago. “Cu sapa cuamu si ncazza a spago e lo tirai giù per terra anche se e me lo ricaricai in spalla. Poi deciso, mamma quandu vida u spacu tajjatu!” sarebbe giusto dire che fu lui a tirare ripresi a camminare a testa bassa ma, in quel momento, passata la stan- me. Lo guardai sbigottito a schiena sudando e gelando sotto il maglione chezza e la rabbia, la smania di vedere china e tra le labbra a denti stretti quasi subito fradicio. cosa c’era dentro il pacco era troppo dissi: «E chi cazzu mi mandaru, sta Quando arrivai davanti l’uscio di forte per perdere tempo a snodare lo vota! Nu’ catuaju!» Comunque in casa ero veramente stremato e dovetti spago. “Mo’, vidimu chi ni mandaru” qualche modo dovevo portarlo via. appoggiarmi contro la porta, scivolare e aprii le bande del pacco. Chiamai l’autista e gli chiesi se poteva lentamente in ginocchio e far scivola- In cima, bella piegata in due, la darmi un’occhiata mentre io andavo in re il pacco tra il corpo e la porta per letterina di mia madre su carta a righe. cerca di due scatole più piccole. La misi da parte e cominciai a tirar Rispose di no. Doveva andare in alcuni fuori la roba: “nu’ panatundu, nu’ piaz- uffici a sbrigare delle pratiche. Non zu e pecurinu, nu’ boccacciu e mar- poteva perdere tempo a far da guardia- mellata e ricina, unu e frittulia’dd’i, no al mio pacco. Sgomento e incazzato, unu e mulingiani, dui e pumadora, dui gli chiesi allora di aiutarmi a caricarlo supprassati, n’attu boccaciu e olivi sulla spalla. Lui mi aiutò e quando rutti, na’ buttiglia e uajju, tri piazzi e l’ebbi in spalla, fu come se mi fossi carni salata, quattru pazzuatti, dui caricato “na’ rota e mulinu”. Vacillai e ricuatti mpurnati, na’ vintina e parta- dopo qualche passo ebbi quasi voglia galli” e in una scatola dello zucchero, di rovesciarlo a terra e abbandonarlo “sia ova”. lì. Ma se non era “nu’ catuaju” era cer- “Madonna do Carminu! Chi tamente il rifornimento per una quin- succedìu!” pensai sorpreso per tutta dicina di giorni. Quindi strinsi i denti e farlo giungere a terra senza sfasciarlo. quella grazia di dio. La fatica era stata barcollando proseguii verso casa. Ma, soddisfatto per aver vinto la sfida, ampiamente ripagata ma la curiosità Al peso enorme, spropositato per ebbi la forza di mormorare beffardo: per quell’avvenimento fuori del comu- le mie forze, si aggiungeva la furia del “Artu ca cutri, cca mazzari ava!” ne no. Mai mi era stata mandata tanta vento che per giunta mi soffiava con- Finalmente in casa, trascinai il roba tutta in una volta, né io l’avevo tro e io maledissi il pacco e il vento, pacco sul pavimento fino in camera, mai richiesta. Così presi la letterina con odio vero, mentre dalla strozza mi appesi la giacca su una sedia, così gli di mia madre e l’aprii ancora quasi uscivano parole di sfogo: «Chi cazzu altri indumenti mano mano che mi intontito. Con i suoi caratteri grandi e ava, cutri?» Ma avanzavo. Passo spogliavo, mi asciugai ben bene e contorti mia madre mi scriveva: passo, lentamente, ma avanzavo, e mi rivestii con abiti asciutti. Poi mi ‘Caro figlio, noi stiamo bene, così finalmente arrivai all’imboccatura sedetti sul lettino e restai lì, non so spero e tia. Ti mando questo paccu e della scesa, una strada dritta e aperta, quanto tempo, a guardare il pacco mi raccomando l’ova u ti vivi a mati- lunga un centinaio di metri. Qui il senza pensare a niente. Lo guardai con na che sono freschi. Come vanno gli vento era ancora più forte e ululante e tale intensità che a un certo punto non studi? Spero bene e che a robba ti mi sentii perso. Per fortuna c’era il lo vidi più. Naturalmente non era stato basta finu a Natala. Salutandoti ti muretto di protezione giusto alto il pacco a sparire ma io, che sfinito, mi faccio tanti auguri e buon compleannu quanto me e su quello potei poggiare il addormentai in un sonno breve ma e ti mandu un abbraccio forte forte e pacco e prendere un po’ di fiato. profondo. mia e papà, tua mamma’. Intanto, però, ero tutto sudato e basta- Fu il freddo a svegliarmi, credo. In Eh sì, era il mio primo complean- rono pochissimi secondi a ghiaccirami quella stanza, seminterrata e umida, no fuori casa, il quindicesimo, e io me il corpo intero. Bestemmiando come non c’era modo di scaldarsi senza l’ero scordato. Mia madre no. un turco mi ricaricai il pacco e ripartii rasente il muro. In quella proiettili di Quand’èrumu... ghiaccio mi mitragliarono e non potei trattenere lacrime di disperazione. A tutto il resto si aggiunse la paura di Francesco Mirarchi che la pioggia sfacesse il pacco di cartone e tutto mi cascasse a terra. Ma Quandu tutti èramu n’anima e nu pugnu si vede che anche la sfortuna ha un parìamu tanti povariaddhi punto limite oltre il quale non può ni sparìamu u ficu e ra castagna. andare. Di fronte a quel concatenarsi di sventura, la disperazione si tramutò Jìmma progredìandu in vero e proprio furore cieco. “O viu, u pugnu s’aparìu e diventàu na vrànca o io!” dissi, urlando come un ossesso, l’anima a perdìmma e ra cangìmu sempa. rivolto al pacco, al vento e alla piog- gia, pronto anche a lasciarci la pelle
  • 20. Pagina 20 ELPIS BRUNO VOCI: ULTIMI TRATTEGGI Brunino Voci non c’è più. Se ne è andato senza fragore, in sintonia con l’operosa riservatezza che ha caratterizzato i suoi ultimi anni di vita. I lettori di Elpis continueranno a ritrovarlo nell’apprezzata rubrica “Così dicevano”, costruita sin dai primi numeri attingendo dal suo “Com’ aru focularu”, prima (e per lunghi anni unica) raccolta di lemmi andreolesi. Olre alla famiglia, lo ricorderanno per sempre i numerosi alunni che lo hanno visto per anni dietro una cattedra scolastica; i cantori dell’Officium lo rivedranno seduto allo strumento che li accompagnava nelle funzioni religiose; tutti gli andreolesi lo ricorderemo come esponente di una famiglia che ha dato lustro al nostro paese, animata da rara sensibilità artistica espressa soprattuto nella musica, nella scrittura, nella poesia e nella ricerca storica. Bruno Voci (da sempre Brunino per gli andrelesi) ci ha lasciati tre mesi fa, non prima di aver assistito all’uscita del suo ultimo lavoro “Sant’Andrea Jonio - Tratteggi di memoria” (uscito nel novembre scorso per i tipi della PrimeGraf di Roma). Un altro tassello di storia andreolese ricco di argomenti nuovi e interessanti, ben raccontanti e commentati con la lucidità di sempre. Lo vogliamo salutare proponendovi la prefazione dell’autore, una recensione dell’opera e alcune immagini tratte dallo stesso volume. Tra i molti ricordi, quasi registra- Analogamente, il contadino, l’ar- aspetti di vita del passato, ma con ti nella mia memoria - da conoscenza tigiano, il carrettiere del passato che l’intento di guardare dentro alle diretta o acquisita - ve ne sono tanti costruivano da sé arnesi vari appro- cose, ai fatti, alle conseguenze, che che riguardano avvenimenti straordi- priati al loro lavoro, negli anni li possono interessare i volenterosi let- nari, ma sopratutto momenti di vita hanno perfezionati, ma non per que- tori di questo libro, ed eventualmente sto quegli strumenti hanno perduto il coinvolgerli nell’entusiasmo e nello valore di attrezzi per il loro tempo, stupore che si prova rievocando e (come non lo hanno perduto la genui- quasi rivivendo momenti di vita nità dei prodotti, oggi tanto ricercata pervasa di sapore antico. in “prodotti biologici”, e l’originalità Così ho inteso includere alcuni e intrinseca bontà dei manufatti, di approfondimenti di carattere riflessi- cui vanno matti gli antiquari e gli vo e qualche corollario attinente, pur intenditori). E ciò torna più evidente, presente nella cultura e nel buon se si considera, per esempio, la senso dei nostri antenati. grande adattabilità ambientale di Ché a pensare solo superficial- quella gente che operava senza mente sulla vita di tempi passati, in l’aiuto di energia elettrica o tecnolo- specie partendo dai numerosi e gie. Si pensi alla trebbiatura del sostanziali mutamenti di vita del grano mediante una grossa pietra nostro tempo, si potrebbe cadere trascinata da un bue, o al ventilare nella tentazione di tacciare di dei legumi per ripulirli all’aria ingenuità le passate generazioni, il d’a Sentineddha o `e Geraggiùati; si che sarebbe incongruo, oltre che pensi ai mulini ad acqua di Alaca e de ingeneroso. Saluru; si pensi alla mola per affilare, Sì, le ricerche scientifiche e le o al mantice a pedale d ‘a forgia, applicazioni tecnologiche nei vari Bruno Voci con l’arciprete suo all’arcolaio e al telaio a mano, aru campi procedono così febbrilmente omonimo (1935) troppitu, aru vurricìaddhu e ara leva che, almeno agli occhi della gente da vindigna ... Tutti espedienti e comune, sembrano sospingere la ordinaria, nel tessuto sociale del società odierna come in un caotico nostro paese. Riflettono situazioni e divenire, tanta è la frequenza delle mentalità, cultura e relazioni umane novità che si susseguono; ma è del passato e, proprio per questo, risaputo che ogni sviluppo proviene sono divenute materia storica, “pezzi dalle esperienze precedenti. Se, ad di storia del paese, da scrivere perché esempio, ripensiamo alle “macchine non vadano perduti”. semplici”, constatiamo ancora una Mosso dall’importanza dei temi e volta che provengono da un lontano delle loro implicazioni esistenziali, passato, ma la successiva e sviluppa- mi sono dedicato a scrivere, non ta tecnologia non le ha mai smentite, tanto per raccontare in modo pura- Al Trentennio dell’associazione le ha applicate. “Cristo Re” mente descrittivo o immaginoso,
  • 21. Pagina 21 ELPIS DOVE TROVARE ELPIS marchingegni del passato che eviden- ben fondato tra la gente e vissuto in ziano abbondantemente l’operosità ogni tempo con amore pari agli paziente e inventiva delle precedenti stessi interessi familiari. Vi è ampia generazioni, nelle attività quotidiane testimonianza nella tradizione e in rivolte al superamento delle necessità esplicazioni a noi più vicine. e alla soluzione dei sostanziali Riferendoci al passato, dobbiamo problemi familiari. dunque ribadire che ben meritano, gli Dalla famiglia, appunto, partono antenati, considerazione e apprezza- vari argomenti qui trattati, e ad essa mento, sulla base della conoscenza CHIOSCO BAR NESTICÒ si richiamano diramazioni riguardan- del loro operato, della riscoperta Piazza Berlinguer ti aspetti sociali o di cultura, più delle loro esperienze, nonché dei o meno di rilievo, economici, di valori morali e pratici che ci hanno BAR PIANCASTELLO amenità o folklore, secondo ricorren- tramandato. Via Arc.Mongiardo ze o eventi accaduti. A tale conoscenza, insieme ad Adeguata attenzione ho dato - MAGAZZINI LIJOI altre del nostro tempo, probabilmen- Corso Umberto I come si vedrà - all’aspetto religioso, te poco note perché poco diffuse, tende il presente - pur non esauriente CAFFÉ DEL CORSO -lavoro-. Corso Umberto I Roma, 6 dicembre 2004 Bruno Voci ALIMENTARI COSENTINO Corso Umberto I Con il fratello Giuseppe, EDICOLA NESTICÒ davanti a un quadro Via Regina Elena da loro dipinto per la chiesa della marina BAR VARANO Via Cassiodoro BRUNO VOCI ALIMENTARI D’ALÒ Via Trieste SANT’ANDREA JONIO Gran Bazar - Edicola TRATTEGGI DI MEMORIA FRANCO E RITA TRA IL CARATTERISTICO, Via Aldo Moro IL SENSAZIONALE, IL VISSUTO EDICOLA DANTE BETRÒ Via Nazionale Roma, 18 Novembre 2008 PARRUCHIERE EMANUELE Ed. PrimeGraf - Euro 12,00 Via Nazionale In questo libro sono riportati ricordi ordinari e straordinari, avvenimenti MIX & MAX e momenti di vita pervasi di sapore antico: pezzi di storia del paese da Via Nazionale scrivere perché non vadano perduti. L’intento che ha mosso l’Autore in questa opera è stato infatti non solo TABACCHI DANTE BETRÒ quello di raccontare ma anche di guardare dentro alle cose della vita del Via Nazionale passato in Sant’Andrea. Egli ha voluto valorizzare la semplicità della vita nei tempi passati che, BAR SANT’ANDREA guardandola oggi solo con superficialità, potrebbe indurre a considerare Via Nazionale quasi ingenue le passate generazioni: i nostri antenati, primi attori di questa opera, meritano invece molta considerazione e apprezzamento BAR SPORT per quanto sono riusciti a fare e per i valori morali e pratici che hanno Via Nazionale tramandato a noi contemporanei. MACELLERIA VARANO Lo stesso sviluppo tecnologico attuale certamente è cominciato dalle loro Davoli Marina esperienze. Al lettore meno giovane, anche se non è Andreolese, di certo sembrerà di BAR MARTELLI leggere la storia del suo paese: gli capiterà di trovarne molte similitudini, Argusto anche perché certi valori un tempo costituivano la base dell’esistenza ed il ritmo della vita quotidiana era subordinato alle conoscenze di allora. ENOTECA FRUSTAGLI Come per dire che “tutto il mondo è un paese”. Via Acqua Bullicante, 249 - Roma
  • 22. Pagina 22 ELPIS ADDIO PIGNARI (DE PROFUNDIS AD UNA PIANTA, UN SIMBOLO CHE CI HA LASCIATI) di Armando Vitale Nella nottata dell’ 11 dicembre te da costituire uno dei simboli più pale oggetto delle prime cartoline 2008, uno dei maestosi pini marittimi rappresentativi di Sant’Andrea. Sono panoramiche, non c’è cultore di che si stagliava da tempi immemori stati cosi imponenti da dare il toponi- fotografia o di pittura che non abbia “ara curva de pignari” crollava mo non solo alla strada provinciale tentato di cogliere una prospettiva rovinosamente al suolo! Si tratta di ma ad un intero quartiere. personale, al punto da poter afferma- piante secolari che si incastonavano, La loro stazza (per altezza e svi- re che i due gemelli siamesi sono come le tessere di un mosaico, nel luppo di chioma) li faceva accostare, stati i soggetti più fotografati dagli paesaggio urbano del capoluogo, senza temerne il confronto, ai due andreolesi e non solo. Anzi, frugando connotandolo in modo cosi pregnan- pini del golfo di Napoli. Già princi- nella memoria ricordiamo che, nel
  • 23. Pagina 23 ELPIS recente passato, furono anche scelti rispetto della legge naturale. Erano dai numerosi incendi anche a causa come simbolo di una associazione vecchi, dunque, potevano morire! della vegetazione circostante; le ambientalista locale denominata, Salvo qualche rimpianto tardivo o potature approssimative e la carenza appunto, “due pini” e di un movi- lacrima di coccodrillo allorquando di normale assistenza. In una parola, mento politico. uno di essi improvvisamente rinsec- l’assenza di attenzione! Un vecchio adagio dice: “a pian- chiva come ramoscello di origano. Adesso che giace riverso a terra gere un morto sono lacrime perse”! Era, per ironia della sorte, più o meno come “Carnalavari” incute rispetto. Ergo, bisognava pensarci prima. la primavera del 2007, quindi duran- Al punto che non si ha il coraggio di Ma chi doveva pensarci? Le ammini- te la settima “primavera andreolese”! rimuoverlo ovvero di farlo a fette da strazioni comunali che si sono Nessuno potrà dire che il pino sia destinare a legna da ardere. O lo si avvicendate nell’ultimo trentennio, in morto d’infarto. I segni c’erano e lascia per suscitare la pietà popolare? tutt’altre faccende affaccendate, non sotto gli occhi di tutti. Pensiamo, Un bel dilemma. si sono mai accorte che l’ennesimo invece, che sia morto di crepacuore! Ciò affinché resti memoria negli simbolo di Sant’Andrea (dopo la E qui mi fermo per non aprire un annali della storia di Sant’Andrea, Chiesa matrice e la Pineta), stava per tema delicato sul “fine vita” di con l’auspicio che si trovi il coraggio prendere congedo. Eppure la loro grande attualità. necessario per rimpiazzarli entrambi, sofferenza era evidente anche ai più La tesi della vecchiaia è sicura- magari con piante adulte di grosse profani. Bastava osservare il colore mente più rassicurante per tutti anche dimensioni, nella consapevolezza degli aghi, i monconi delle potature, perché aiuta a fugare ogni senso che, se un trisavolo della famiglia l’impianto radicale praticamente a di colpa. Ma non posso sottacere Peltrone (alias i Ricci) cui dobbiamo vista. Per essi non fu scomodato almeno tre cause che hanno concorso gratitudine, non li avesse piantati, alcun medico ne fu cercata o pratica- ad anticiparne il decesso: l’aver non li avremmo potuto godere per ta alcuna cura. Furono, semplicemen- impiantato nelle immediate vicinanze cosi tanto tempo. te, abbandonati al loro destino con alberi di eucaliptus anziché arbusti di facile rassegnazione, nel più rigoroso oleandro o simili; i danni provocati Sant’Andrea Jonio, 30 marzo 2009
  • 24. Pagina 24 ELPIS MARTIRIO DELL’APOSTOLO ANDREA ESPOSTO PER ISCRITTO DAI PRESBITERI E DAI DIACONI DELLE CHIESE DELL’ACAIA E DEL SIRIO Il testo della Lettera è stato accuratamente rivisto, corretto e tradotto in Italiano da Enrico Armogida durante l’estate del 1997. Io, sacerdote Francesco Samà, insegnato che codeste immagini non che sarebbe successo come se fosse già dottore in Diritto civile e canonico, ho sono divinità ma forze malvage e ostili avvenuto, e ci dimostrò ch’era stato tra- tratto questa Lettera, testualmente, da al genere umano, le quali insegnano agli dito liberamente, in quanto non solo non un grosso volume, che trovai nella uomini come offendere Dio, affinchè si era sottratto con la fuga al traditore, Biblioteca Angelica, durante una mia -una volta offeso- essi siano respinti e ma anzi era rimasto nel luogo in cui permanenza a Roma nel 1895. non siano ascoltati e - una volta respin- sapeva che costui sarebbe venuto”. ti senza essere ascoltati - diventino 1) Poiché noi tutti, presbìteri e dia- prigionieri del diavolo, in quanto non 4) Ma Egea proseguì: “Mi stupisce coni delle Chiese dell’Acaia, abbiamo portano con sé altro che peccati”. come mai tu, uomo saggio, voglia esser assistito coi nostri occhi al martirio seguace di costui, che, in ogni caso, dell’apostolo sant’Andrea, (con questa 3) Allora Egea esclamò: “Proprio spontaneamente o forzatamente, tu Lettera) lo vogliamo raccontare a tutte perché il vostro Gesù volle predicare stesso ammetti che fu inchiodato in una le Chiese che si trovano nelle varie parti codeste parole vuote e superstiziose, i croce”. Perciò Andrea soggiunse: “È del mondo, e che sono state costituite nel Giudei lo affissero ad un palo di croce”. ciò che, come tu ricordi, t’ho già detto nome di Cristo. Pace a voi ed a tutti Andrea rispose: “Oh se ci fosse in te il prima. Grande è il mistero della croce. coloro che credono in un unico Dio desiderio di conoscere il mistero della Se lo vuoi ascoltare, te lo racconterò”. perfetto nella SS.Trinità, vero Padre croce! Capiresti con quale cosciente e Ma Egea ribattè: “Non si può definire non-generato, vero Figlio unigenito e ardente atto d’amore il creatore del mistero, ma supplizio”. Andrea insistet- vero Spirito Santo che procede dal genere umano, per la nostra redenzione, te: “Se m’ascolti pazientemente, ammet- Padre e permane nel Figlio; affinché affrontò il palo della croce, e non per terai che è proprio il supplizio il mistero possa apparir chiaro che nel Padre e nel altrui costrizione ma per sua spontanea della redenzione umana”. Invece Egea Figlio c’è un solo Spirito e che il Figlio volontà”. Ed Egea di rimando: “Dal ribadì: “Certo, io ti ascolterò paziente- unigenito è ciò ch’è anche colui momento che vi si recò tradito da un mente, ma se tu non eseguirai il mio (= il Padre) che l’ha generato. Questa suo discepolo, arrestato dai Giudei, ordine, sperimenterai su te stesso il verità di fede l’abbiamo appresa condotto per ordine del Governatore e mistero della croce”. Allora Andrea da sant’Andrea, apostolo del nostro crocefisso dai suoi soldati su richiesta soggiunse: “Se io temessi il palo della Signore Gesù Cristo; e noi, secondo dei Giudei, come fai a dire ch’egli salì croce, non proclamerei la sua gloria ”. le nostre capacità, ci accingiamo ad sul palo della croce “di sua spontanea Ed Egea rincalzò: “Le tue insane parole esporre il suo martirio, al quale volontà”?. Andrea allora così replicò: proclamano la gloria del supplizio, per- abbiamo assistito da vicino. “Io dico “di sua spontanea volontà” ché la tua arroganza ti toglie ogni paura poiché mi trovavo insieme con lui della morte”. Ma Andrea di rimando: 2) Orbene, il proconsole Egea, quando fu tradito da un discepolo. In “A non farmi temere la morte, non è la appena entrato nella città di Patrasso, quella circostanza egli affermò che mia arroganza, ma la mia fede. Infatti, cominciò ad arrestare i seguaci di Cristo doveva esser tradito e crocefisso per la la morte dei giusti è meravigliosa, men- perché offrissero sacrifici alle immagini salvezza degli uomini, ma predisse che tre quella dei peccatori è orribile. Per di false divinità. Perciò sant’Andrea gli due giorni dopo sarebbe risuscitato. E questo io voglio che tu ascolti il mistero si fece incontro e gli disse: “Tu, che tutti poiché Pietro, mio fratello, gli diceva: - della croce, affinchè, una volta cono- riconoscono esser giudice degli uomini, Allontana da te una tale cosa, Signore -, sciutolo, possa tu credere in esso, e cre- dovresti conoscere il tuo giudice che egli, indignato, disse a Pietro: - Va’ via, dendo alla redenzione della tua anima, sta nel cielo, e, una volta conosciutolo, Satana, chè non sai quali siano i piani di possa ottenerla”. Egea allora aggiunse: dovresti onorarlo, e, onorando colui Dio” - E per mostrarci meglio con quan- “Si restaura solo ciò che si crede essere ch’è vero Dio, dovresti distogliere il tuo ta libertà avrebbe affrontato il martirio, già in rovina. Ma forse che è rovinata la animo da quelli che veri dei non sono”. ci diceva: “Io ho il potere di abbando- mia anima perché tu debba sostenere Ma Egea gli rispose chiedendogli: “Tu nare la vita e di riprenderla”. Alla che io otterrò non so come la sua sei quell’Andrea che distrugge i templi fine, mentre cenava con noi, ci disse: restaurazione in base alla tua fede?”. ed irretisce gli uomini in quella setta “Uno di voi mi tradirà”; e, poiché superstiziosa che i signori di Roma quell’asserzione ci fece turbare, 5) Ed Andrea concluse: “È questo hanno di recente scoperto ed ordinato affinché quel pensiero inquietante non ci che volevo farti comprendere, affinchè, di sterminare?”. Andrea puntualizzò: “I opprimesse, disse: “Quello al quale una volta che ti avrò mostrato che le signori di Roma non hanno ancora porgerò con la mia mano un pezzo di anime degli uomini sono già rovinate, appreso che il Figlio di Dio, venendo al pane, è il traditore”. E dopo averlo dato possa farti capire che la loro restaura- mondo per la salvezza degli uomini, ha ad uno di noi discepoli, ci rivelò quello zione (=redenzione) (potrà avvenire
  • 25. Pagina 25 ELPIS solo) mediante il mistero della croce. In sia stato immolato e mangiato, tuttavia glia al fumo, il quale, appena si è levato, realtà il primo uomo mediante l’albero rimane intero e immacolato nel suo già si dissolve. E se bisogna aver paura del peccato introdusse la morte; perciò regno”. Egea a questo punto riprese: dei dolori, bisogna preoccuparsi di al genere umano era necessario che la “Dal momento che - come tu asserisci - quelli che hanno inizio, ma non hanno morte, già in esso penetrata, fosse scac- è stato ucciso e mangiato da un popolo più fine. I dolori di qui, infatti, o son ciata da esso mediante l’albero della intero, come fa a restare intero e vivo?”. lievi e si posson sopportare, o son gravi passione. E come il primo uomo, il quale Ed Andrea rispose: “Se crederai di tutto e presto pongon fine alla vita. Invece i aveva portato al mondo la morte con cuore, potrai comprenderlo; se non dolori di lì sono eterni: là il pianto è l’albero del peccato, era stato fatto di crederai, assolutamente mai perverrai quotidiano, il lamento è profondo, ed il terra immacolata, era necessario che alla comprensione di questa verità”. tormento eterno; eppure il proconsole Cristo, l’uomo perfetto, ch’è Figlio di Egea non teme di andar via. Perciò Dio e che aveva creato il primo uomo, 7) Allora, adirato, Egea comandò di siate pronti soprattutto a raggiungere nascendo da una Vergine immacolata, gettarlo in carcere. Ma, quando Andrea con le sofferenze temporali la gioia recuperasse la vita eterna che gli uomi- vi si trovò rinchiuso, venne a trovarlo la dell’eternità, ove possiate esser sempre ni tutti avevan perduto e dall’alto del- gente di quasi tutta la provincia, la lieti, esser sempre floridi e regnare l’albero della croce scacciasse l’albero quale voleva uccidere Egea e, rompendo sempre con Cristo”. della concupiscenza; al posto delle mani le porte del carcere, liberare l’apostolo. smodatamente tese spiegasse sulla croce Perciò sant’Andrea riprese costoro in tal 8) Mentre l’apostolo sant’Andrea le sue mani immacolate ed al posto modo: “Non trasformate la pace del per tutta la notte rivolgeva al popolo del gustoso frutto dell’albero proibito Signor nostro Gesù Cristo in una rivolta queste ed altre simili parole in attesa che ingerisse un amaro-sorso di fiele; ed diabolica. Infatti il Signore, benché tra- la luce del sole si schiudesse, Egea fece accogliendo su di sé la nostra mortalità, dito, mostrò una somma sopportazione: condurre in sua presenza sant’Andrea e, offrisse a noi la sua immortalità”. non fece resistenza né clamore e sedendo dinanzi al tribunale, gli disse: nessuno lo sentì gridare per le piazze. “Io pensavo che grazie alla riflessione 6) Ma Egea urlò: “Tali ciance le Pertanto rimanete calmi, tranquilli e della notte tu riuscissi ad allontanare la devi raccontare a coloro che ti credono; sereni; non ostacolate il mio martirio, stoltezza dal tuo animo ed a smettere di io, invece, se non acconsenti ad offrire anzi tenete pronti voi stessi come atleti elogiare il tuo Cristo, perché potessi un sacrificio agli dei onnipotenti, ti farò del Signore, per vincer le minacce con come noi evitare di perdere le gioie della fustigare ed affiggere su quella croce animo intrepido e superare i flagelli cor- vita. E’ da stolto, infatti, che tu voglia ad che tu esalti”. Andrea allora disse: “ Io porali con la sopportazione. Se infatti ogni costo andare incontro al martirio ogni giorno a Dio onnipotente, ch’è il bisogna aver paura del terrore, bisogna della croce e condannarti alle terribili solo e vero Dio, offro non il fumo averla specialmente di quello che non ha fiamme del rogo”. Ma Andrea rispose: dell’incenso né le carni dei muggenti termine; giacchè la paura umana somi- “Io potrò gioire con te solo se tu crede- buoi né il sangue dei cinghiali, ma un agnello immacolato sull’altare della ETYMON croce perchè, dopo che l’intero popolo dei credenti avrà mangiato le sue carni e bevuto il suo sangue, l’Agnello ch’è dal “Dizionario Andreolese-Italiano” di Enrico Armogida stato immolato rimane intero e vivo. E Acciprèviti infatti, esso, benché sia stato sacrificato veramente e le sue carni siano state (s. m.) = arciprete - Fr.: L’acciprèviti donn’Andrìa Samà e ndon Cìcciu veramente mangiate ed il suo sangue Cosentìnu = gli arcipreti don Andrea Samà (1942-56) e don Francesco sia stato veramente bevuto dal popolo, Cosentino (1956-1981) - Fara ‘e prèviti e dde acciprèviti = riservarsi - nella tuttavia -come ho detto- resta intero, ripartizione di un pasto, di un cibo o di altra roba - le parti più buone e più immacolato e vivo”. Ma Egea chiese: abbondanti - L’acciprèviti ‘e Sant’Andrìa dal 1645 ad oggi (nota) - “Com’è possibile ciò?”. Andrea rispo- Inserisco qui l’elenco fornito dal prof Orazio Vitale (nel suo volume se: “Se vuoi capire come ciò sia possibi- S. Andrea sul Jonio attraverso i secoli - (pgg. 176-77) - 1625: don Francesco le, fatti discepolo e i tuoi dubbi saranno Fiducia - 1645: don Giuseppe Valente (di S. Andrea) - 1680: don Silvestro chiariti”. Ed Egea concluse: “Te lo Talotta (di S. Caterina) - 1698: don Giov. Andrea Damiani (di S. Andrea) - strapperò con la tortura tale segreto”. 1720: don Gius. Antonio Damiani (di S. Andrea) - 1750: don Teodoro Ma Andrea replicò: “Mi meravilia il Barbieri (di S. Andrea) - 1775: don Fr. Antonio Squillacioti (di S. Caterina) fatto che tu, uomo di saggezza, parli con tanta stoltezza. Dunque, tu pensi che io - 1786: don Gregorio Squillacioti (di S. Caterina) - 1803: don Giuseppe con la tortura possa svelare i divini Damiani (di S. Andrea) - 1835: don Nicola Celìa (di Gasperina) - 1846: don sacrifici? Hai ascoltato il mistero della Raffaele Spasari (di Badolato) - 1867: don Giuseppe M. Calabretta (di croce, hai ascoltato il mistero del sacri- S. Andrea) - 1872: don Antonio Mongiardo (di S. Andrea) - 1920: don Bruno ficio. Se credi che Cristo, il Figlio di Dio Voci fu Paolo (di S. Andrea) - 1942: don Francesco Samà fu Giuseppe (di ch’è stato crocefisso dai Giudei, è il vero S. Andrea) - 1954: don Francesco Cosentino (di S. Andrea) - 1981: don Dio, ti rivelerò in che modo viva Francesca Palaia (parroco attuale - di S. Andrea). l’Agnello ucciso; poiché esso, benché
  • 26. Pagina 26 ELPIS rai in Cristo e cesserai di adorare imma- COSI’ DICEVANO... gini idolatriche. E’ stato Cristo, infatti, ad inviarmi in questa Provincia, e già gli ho procurato un numero non piccolo di Il dialetto smarrito, ritrovato sul dizionario di Bruno Voci seguaci”. Egea allora imperioso sog- giunse: “Ti ordino di sacrificare proprio per questo, affinchè coloro che per parrarizzu loquacità, parlantìna, parlottìo opera tua sono stati tratti in inganno, possano abbandonare la tua vana dottri- ‘mballara fare balle, fagotti na ed offrire anch’essi libagioni gradite agli dei. Infatti, nell’Acaia non è rimasta ferruzza ama di coltello o di temperino; bisturi dei medici alcuna città nella quale i templi degli dei non siano stati trascurati e abbandona- caddu callo: cipolla, durone, occhio di pernice ti. Ora, dunque, tu devi fare in modo che sia ripresa il culto delle divinità, bufòdaru uomo corpulento dalla voce grave affinchè gli dei che sono adirati con te possano esser placati e tu possa conser- ajina avena vare la nostra amicizia. Altrimenti, per la tutela degli dei tu soffrirai supplizi di majidda madia per impastare il pane o preparare ogni genere e, alla fine, finirai sospeso le conserve di maiale al palo della croce della quale hai tessuto l’elogio”. E Andrea di rimando: malavitùatu chi o che conduce vita disonesta “Ascolta, figlio della morte e stoppia destinata alle fiamme eterne, ascolta me, servo del Signore ed Apostolo di ‘mpapinara impapinare, mescolare cose diverse; imbrogliarsi Gesù Cristo. Finora per la norma della fede ho avuto un comportamento troppo piliccu pezzetto di tralcio o rametto, con gamba mite, nella speranza che tu, essendo embrionale, per innesto dotato di ragione, divenissi difensore della verità, disprezzassi le immagini pitittu appetito, fame vane e adorassi Dio ch’è nei cieli. Ma poiché tu, persistendo nella tua rimijara remare, gesticolare impudenza, pensi che io possa aver paura delle tue minacce, inventa pure i scudiddara affaticare o rompersi la schiena supplizi che ti sembrano più gravi. Infatti tanto più sarò gradito al mio Re, scùarnu scorno, vergogna quanto più, per il suo nome, persisterò fra i tormenti a professar la mia fede”. scanigghiara sbriciolarsi 9) Allora Egea ordinò che fosse rifraci qualità di fichi steso a terra e flagellato. Ma, dopo ch’ebbe subito per ben sette volte il ‘ndolirata indolenzita, dolente numero di colpi previsto, Andrea fu leva- to in piedi e condotto in sua presenza. ‘ntinnu tintinnio, suono, timbro Quindi Egea gli disse: “Dammi ascolto, Andrea, e abbandona il proposito di perzicara il pesco spargere il tuo sangue. Se non lo farai, ti farò morire su un palo di croce”. Ma mazzu fascio, fascina Andrea calmo rispose: “Io sono servo della croce di Cristo, e il trofeo della cantuna grossa pietra croce lo devo desiderare più che temere. Tu, invece, il tormento eterno che ti àrculu alcool, spirito aspetta, potrai evitarlo solo se apprezze- rai la mia perseveranza e presterai fede abbolara volare a Cristo. Io, infatti, temo per la tua rovina e non mi spavento invece per il calanbredda uccello migratore mio martirio, giacchè la mia sofferenza potrà occupare l’arco di una giornata o due, al massimo; mentre il tuo tormento lìaccu adescamento non potrà estinguersi neppure dopo
  • 27. Pagina 27 ELPIS migliaia di anni. Perciò smettila di MIA MADRE accrescere le tue pene ed evita di accen- der di persona il fuoco eterno contro te stesso”. di Laura Cosentino 10) Allora indignato Egea ordinò Cerco ogni mattina che fosse crocefisso, e raccomandò ai carcerieri che, legatolo mani e piedi, lo il sorriso del tuo viso. stendessero come su un cavalletto di Con te, sempre, da bambina. tortura, in modo che non spirare subito sotto i colpi delle mazze, ma fosse La mano stretta nella mano. invece straziato da lunghe sofferenze. Sicura della tua forza. Mentre i carnefici lo conducevano per crocifiggerlo, si radunò una gran massa Forte del tuo animo. di gente che si chiedeva ad alta voce: “Un uomo giusto e amico di Dio cosa Ti colpiva il fascino può aver fatto per esser condotto sulla croce?”. Ma Andrea pregava il popolo profondo della parola. di non ostacolare il suo martirio; infatti Leggevi. procedeva gioioso ed esultante, senza smettere di dare insegnamenti. E quando Leggevi nell’ansia giunse nel posto in cui era stata prepa- di scoprire il sapere. rata la croce, scorgendola da lontano, esclamò ad alta voce: “Salve, o croce E parlavi e ripetevi le belle parole che sei stata consacrata dal corpo di imparate a memoria. Cristo ed ornata dalle perle delle sue membra! Prima che il Signore salisse su di te, tu accoglievi ogni paura umana; Ridevi alla vita ma ora che possiedi l’amore celeste, sei con la tua risata sonora. accettata come oggetto votivo. E’ noto, infatti, ai fedeli quante gioie, quanti Ridevi della vita doni siano racchiusi e riservati in te. col tuo sorriso irridente. Perciò vengo da te tranquillo e gioioso, in modo tale che anche tu mi accolga E vicina alla fine apprezzavi esultante come discepolo di colui che fu ancora appeso su di te, dal momento che io sono stato sempre innamorato di te e deside- i piaceri della gola. roso di abbracciarti. O valente croce, tu che hai accolto il fascino e la bellezza Cerco al mattino dalle membra del Signore e sei stata da me a lungo desiderata, profondamente al primo oscuro chiarore amata, ininterrottamente ricercata e del giorno talora preparata con animo bramoso, accoglimi sottraendomi agli uomini e cerco ancora la tua mano restituiscimi al mio maestro, affinchè per continuare per merito tuo mi possa accogliere colui che per mezzo tuo mi ha redento”. E il mio cammino. dicendo ciò, si spogliò e consegnò le vesti ai carnefici. Ed essi, avvicinatisi, lo sollevarono sulla croce e, stirandolo con le funi, come era stato ordinato sospese- seguaci di Cristo e li esortava alla maestro, pio, moderato, ragionevole, ro il suo corpo. sopportazione temporale, asserendo che dovrebbe non già esser sottoposto a nessun’ altra cosa aveva la stessa questo supplizio, ma esser deposto dalla 11) Presente c’era una folla di circa dignità del martirio per il conseguimen- croce, poiché, sebbene sia stato affisso ventimila persone, e tra queste c’era un to della ricompensa eterna. su di essa già da due giorni, non cessa di fratello di Egea, di nome Stratocle, il proclamare la verità”. quale insieme con la gente gridava che 12) Intanto tutto il popolo gridando un santo uomo era sottoposto a tale si recò al palazzo di Egea e tutti insieme, 13) Allora Egea, temendo la reazio- pena per un’ingiusta sentenza. Ma ad alta voce, dicevano: “Un uomo ne del popolo, promise di farlo deporre e sant’Andrea confortava l’animo dei santo, onesto, adorno di virtù, valente si mise in cammino con esso. Ma
  • 28. Pagina 28 ELPIS sant’Andrea, nel vederlo, gli chiese: e, con soddisfazione dei suoi, depose il anzi disse: “Non voglia il Signore mio “Che sei venuto a fare da me, Egea? Se corpo con la più profonda devozione, lo Gesù Cristo, nel quale ho creduto, che io vuoi credere in Cristo, per come ti ho cosparse di profumi e lo fece seppellire tocchi alcuno dei beni di mio fratello, promesso ti si schiuderà la via del per- nello stesso luogo ch’ella aveva desi- perché non mi contamini il suo delitto, dono. Se, invece, sei venuto soltanto per gnato per la propria sepoltura. Egea, giacchè per la sua venalità ha osato sciogliermi, io assolutamente non potrò intanto, sdegnato contro la folla, si uccidere un apostolo del Signore”. esser deposto da qui, da questa croce, preparava a promuovere una pubblica per vivere in un corpo. Già, infatti, vedo denuncia e ad inviare a Cesare un’accu- 16) Questo avvenne nella provincia il mio Re, già lo adoro, già mi trovo al sa contro Massimilla e contro il popolo. dell’Acaia, nella città di Patrasso, il suo cospetto. Invece mi dolgo per la tua Ma, mentre s’affrettava ad istruire il trenta novembre (del 63 d. Cr.); e ancora, sorte, giacchè ti aspetta già pronta la processo, sotto gli occhi dei suoi seguaci fino questo giorno, si segnalano colà i dannazione eterna. Cerca in fretta un fu avvinghiato da demonio e, dopo esser celesti benefici del santo. Il sentimento rimedio per te, povero sventurato, finchè rotolato in mezzo alla piazza della città, religioso che pervase l’animo della gente sei ancora in tempo, affinchè non debba spirò. La notizia fu riferita al fratello, che fu così profondo, che nessuno più fu cominciare a desiderarlo quando non ne si chiamava Stratocle. E questi inviò i restìo a credere in Dio, nostro Salvatore, avrai più la possibilità”. suoi servi con l’ordine che lo seppellisse- il quale desidera che tutti si salvino e ro tra le persone morte violentemente; giungano al possesso della verità. A lui 14) I carnefici protendevano le mani ma non volle per sè nulla dei suoi beni, gloria per tutti i secoli. Amen. verso la croce, ma non riuscirono affat- to a toccarlo. Successivamente anche Avvertenza altri si offrirono per slegarlo, ma nessu- Il testo latino qui proposto e tradotto (relativo alla passione e morte di S. Andrea) si no riusciva a sfiorarlo: infatti le braccia trova nel Panegirico che sulla Vita di S. Andrea scrisse - sul finire dell’800 o i primi di coloro che si protendevano per del ‘900 - mons. Francesco Samà (zio del nostro caro Arciprete don Andrea Samà liberarlo, rimanevano paralizzate. Allora - +1954), e di cui recentemente si è fatta una ristampa anastatica. Costui nacque a sant’Andrea ad alta voce gridò: “Non S. Andrea Ionio nel 1859, e, dopo esser pervenuto al Sacerdozio, continuò i suoi studi consentire, Signore Gesù Cristo, che il e conseguì il Dottorato in Diritto civile e e poi, sia per la profonda dottrina giuridica tuo servo, il quale per il nome tuo è (doctor utriusque iuris) che per doti di equilibrio e moderazione, necessarie per appeso sulla croce, possa essere sciolto e non permettere che uno il quale l’amministrazione ordinaria di una Diocesi, fu eletto Vicario Generale dal Vescovo mediante la tua croce ha conosciuto la di Oppido Mamertino, ove morì nel 1934, all’età di 75 anni. La sua salma (insieme tua grandezza, possa essere umiliato da al ritratto) riposa attualmente nel nostro Cimitero, nella tomba di famiglia, accanto Egea, essere mortale; ma accoglimi tu, a quella del nipote Arciprete. Le parole iniziali di questo Martirio (“Passiònem..., Cristo, Maestro mio, che ho amato, che quam òculis nostris vìdimus omnes presbyteri et diàcones Ecclesiàrum Achàiae, ho conosciuto, che -lo confesso- deside- scrìbimus”...; e “Hanc fidem didìcimus a Sancto Andrea, ..., cùius passiònem, ro vedere e su cui si fonda il mio essere. quam coram pòsiti vìdimus, pròut pòssumus explicàmus”), fanno pensare ad una Accogli nella pace la mia anima, lettera autentica, scritta dai presbiteri e diaconi di Acaia alle varie Chiese cristiane Signore Gesù Cristo, giacchè ormai è esistenti già poco dopo la morte di S. Andrea, avvenuta a Patrasso il 30 novembre tempo che venga da te, bramoso come del 63 d. Cr. Ma ad assegnare questo resoconto al I° secolo dopo Cristo, cioè ad sono di vederti. Accoglimi, Signore Gesù Cristo, buon Maestro, e ordina che io un’epoca quasi contemporanea agli avvenimenti narrati, ha contribuito anche la non sia deposto da questa croce prima lingua dei primi 9 capitoli, che appare piuttosto semplice e richiama quella degli che tu abbia accolto la mia anima”. E atti presidenziali o proconsolati degli antichi martirologi. In realtà, però, secondo il dopo queste parole, sotto lo sguardo di prof. Mario Erbetta della Pontificia Università Urbaniana, si tratta di una lettera tutti, uno splendore infinito, che scende- spuria, scritta verso l’inizio del VI secolo: ne sono - per lui - una prova convincente va dal cielo come quello di un fulmine, “l’introduzione dommatica e la magnifica esegesi del sacrificio eucaristico al cap. 6”, lo avvolse in modo tale che per il baglio- le quali confermano che ci si trova “di fronte ad un’invenzione”, di cui la parte più lunga re gli occhi delle persone non potevano è costituita da un lungo e drammatico dialogo fra Egea ed Andrea. Il Flamion, anzi, assolutamente scorgerlo. Tale splendore in base alla tendenza antiariana dello scritto, che sottolinea chiaramente la divinità durò una mezz’ora circa, e quando la luce cominciò a venir meno, il santo del Verbo creatore, ed alla calda esortazione ad affrontare pazientemente le esalò l’anima insieme con essa, dirigen- persecuzioni, trova come primo autore della Passio qualcuno fra i compagni di dosi verso il Signore, per il quale è di Fulgenzio da Ruspe, esiliati in Sardegna verso l’inizio del VI secolo. In essa - secondo onore e gloria nei secoli. Così sia. tale studioso - la figura di Egea può far pensare a quella del vandalo persecutore Trasamondo; come la corrispondenza di quegli esuli con gli ambienti gallo-romani e 15) Una nobildonna di nome la loro simpatia per la campagna dei monaci sciti, potrebbero spiegare sia l’uso Massimilla, che, pur essendo senatrice, della Lettera nella Gallia nel 550 che le due versioni della Lettera a noi pervenute viveva appartata in una grotta poiché (una latina e l’altra greca, di cui la prima è l’originale), che apparterrebbero agli amava la castità e la santità, non stessi monaci greci, stabilitisi a Roma dopo la conquista dell’Impero romano appena apprese che l’apostolo era tornato al Signore, si accostò alla croce d’Occidente da parte di Giustiniano (527 d. Cr.).
  • 29. Pagina 29 ELPIS L’IMMACOLATA IN CD-ROM Segnaliamo questa bella iniziativa Le immagini contenute nel CD com- che, negli anni passati, accompagnava le della Confraternita Maria Santissima pongono un prezioso album storico ancor numerose e sentite rappresentazio- Immacolata di Sant’Andrea (gestione della corale partecipazione di popolo ni religiose. 2008-2009), che ha ideato e curato un Cd-rom ricco di tante immagini d’epoca e di qualche immagine più recente. La 3DM di Roma ha progettato e realizzato il CD avvalendosi delle immagini di archivio della confraternita e di alcuni scatti effettuati da Raffaele Varano e Nicola Ranieri negli anni 2007 e 2008. Sul cofanetto appare la classica immagine della statua che si venera a Sant’Andrea, accompaganta sul retro da una “Canzoncina in onore di Maria Immacolata”. Canzoncina in onore di Maria Immacolata O Concetta Immacolata, Delle grazie sei ripiena; Il riparo tu apponesti Fosti eletta dal gran Padre, C:i sei scorta, alma Regina; Della prima madre al danno. Del suo figlio degna madre; Bella sei, saggia e divina, E per te da eterno affanno E perciò sempre illibata, Tutta pura ed illibata, Tutta gente fu salvata, O Concetta Immacolata. O Concetta Immacolata. O Concetta Immacolata. Con eterna provvidenza Piena sei di santitade, Sempre ognora, in ogni luogo Tale fosti, alma Maria, Ma ripiena in tal misura, D’Iddio Madre, Figlia e Sposa, Senza colpa qualsisia, Che non fúvvi mai creatura Tutta pura, ed amorosa Che a Dio ognor tornasti grata, Dopo Dio la più stimata, Sei d’ognuno proclamata, O Concetta Immacolata. O Concetta Immacolata. O Concetta Immacolata. Fosti libera ed esente, Il miglior rifugio, sei Ab eterno Immacolata Dal peccato originale, O Maria, dei peccatori: Pia credenza te adorava, Dal mortale e veniale, Tu il conforto nei dolori, Quando il Ciel a Pio ispirava, Fosti pure riservata, Della gente desolata- Ed un donna è diventata, O Concetta Immacolata. O Concetta Immacolata. O Concetta Immacolata. Destinata fosti ancora Tu da Dio prescelta fosti Dhe! Benigna a noi ti mostri, Per soccorso all’uom perduto, A redimer noi da morte, Vergina bella a Dio diletta; Ci dai vita, ci dai aiuto, Del peccato le ritorte E la prece ognor’accetta Ci sei guida ed Avvocata, Tu infrangesti o avventurata: Della gente a te prostata, O Concerta Immacolata. O Concetta Immacolata. O Concetta Immacolata.
  • 30. Pagina 30 ELPIS CONDOGLIANZE A LAURA Mia madre è venuta a mancare il 2 settembre 2008; le ho dedicato questa poesia (a pag. 21, ndr). ‘U Carissimi saluti. Laura Cosentino LA FOTO DI DOMENICO Roma, 27 dicembre 2008 Quale compartecipante, organizzatore degli eventi teatrali, circolo ricreativo dell'associazione cattolica culturale dei Gerardini. Allego alla presente un file jpg riguardante una fotografia che vorrei fosse pubblicata in un prossimo numero in uscita della rivista ELPIS nella rubrica quot;la memoria dell'immaginequot; e relativa a quanto segue: GRUPPO STORICO DEI PADRI REDENTORISTI LIGUORINI CREATO GUIDATO ANIMATO DA PADRE MATRONE. Si troverà, inoltre, un documento in formato excel relativo ai nominativi delle persone partecipanti all’evento descritto e, a quanti di coloro deside- PO rano avere una copia originale della fotografia, li invito a contattarmi, a mezzo lettera, al seguente indirizzo:Via Ponzo Comino, 56 - 00175 - Roma. Domenico Betrò ST ÌA RI SCRIVETE A: ELPISZEROUNO Via Aldo Moro, 54 SAGOMARIO 88060 Sant’Andrea Jonio (Cz) della foto pubblicata nella rubrica “la memoria nell’immagine” (ultima oppure: pagina), utile all’accoppiamento dei personaggi con i nomi riportati nella elpiszerouno@virgilio.it didascalia. Abbiamo preferito evitare l’affiancamento sagomario-immagi- ne per non togliere spazio alla bellezza della foto.
  • 31. Pagina 31 ELPIS Segue da pag. 2 n. 14 - 31 DICEMBRE 2005 N. 20 - 23 DICEMBRE 2007 GLI AMICI DI ELPIS - IL LIMITE di Bruno Stillo - VITA di Bruno Stillo - L’I- ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI -‘U POSTIARI - GLI AMICI DI ELPIS - IL DIRITTO DI NASCE- POCRITA di Angelo Jorfida - IL NOSTRO CARO ANGELO da www.sanso- RE di Francesco Bevivino - 4 GENNAIO 1999 di Antonella Cosentino - DISCORSO AL SIS- stene.com - SESSO E PARADISO (seconda parte) di Salvatore Mongiardo SIZIO di Salvatore Mongiardo - MEMORIE DELLA GRANDE GUERRA (seconda parte) di - COSI’ DICEVANO - ANDREA ALPIMONTE: EMIGRANTE DI LUSSO di Francesco Armogida - RIPARTE L’A.R.A. di Mario Dominijanni - PERCHE’ LA VIOLANZA? Mario Dominijanni - IL NOSTRO CARO FRANK di Alfredo Varano - PER IL di Salvatore Mongiardo - TUTTU ‘U MUNDU E’ PAJISI di Bruno Stillo - RICORDO D’IN- I° CENTENARIO DELLA NASCITA DELL’ARCH. FRANCESCO ARMOGIDA FANZIA di Laura Cosentino - IL BAMBINELLO MALTRATTATO di Pietro Voci - VITTORIA! di Enrico Armogida - ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI - L’ARGAGNARI O IN NOME DI UN SORRISO di Marcello Cento - DOVE TROVARE ELPIS - IL CONTRIBUTO STOVIGLIAI A S. ANDREA JONIO di Enrico Armogida - ARIA DI FUTURO RELIGIOSO, CULTURALE E SOCIALE DEI “MONACI BIZANTINI” NEL TERRITORIO DI ROSEO di Pietro Voci - NUOVI DI STAMPA - VANNO, VENGONO, RITOR- S.ANDREA JONIO di Enrico Armogida - APPUNTI E SPUNTI di Gregorino Capano - VISTI NANO di Melissa Mongiardo - LINA MORETTI NESTICO’: UN PERCORSO SUL WEB - LA DONNA ALLA CONQUISTA DELLA PARITA’ di Simona Samà - CC’ERA NA ARTISTICO FRA TRADIZIONE E RINNOVAMENTO di Giampaolo Trotta - VOTA... ’A “ROTA” D’O VRASCIARI di Enrico Armogida - SAN SOSTENE E DAVOLI NEL DOVE TROVARE ELPIS - DALLA FAMIGLIA AL LAVORO: UN EXCURSUS VOCABOLARIO di Gregorino Capano - SANT’ANDREA: RITORNANO GLI ARCANGELI di DELLA DONNA ITALIANA DALL’UNITA’ AD OGGI di Simona Samè - CRU- Armando Vitale - NUOVI DI STAMPA - EPOLENEP racconto di Beppe Calabretta - LA CIVERBA di Antonella Cosentino - LA MEMORIA NELL’IMMAGINE MEMORIA NELL’IMMAGINE N. 15 16 APRILE 2006 N. 21 - 23 MARZO 2008 GLI AMICI DI ELPIS - ‘U POSTIARI - SESSO E PARADISO (terza parte) di ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI - GLI AMICI DI ELPIS - ‘U POSTIARI - Salvatore Mongiardo - COSI’ DICEVANO - CIO’ CHE SI PERDE, CIO’ MEMORIE DELLA GRANDE GUERRA (terza parte) di Francesco CHE RESTA di Gennaro Dattilo - L’OGGETTO di Bruno Stillo - SOLITU- Armogida - “CUNTU CUNTUZZU:CUNTALU TU CA IO NON PUAZZU DINE di Bruno Stillo - STORIA DI UN INSUCCESSO di Pietro Voci - IL di Enrico Armogida - DOVE TROVARE ELPIS - MUGNANA E SCALUNI PRIMO MULINO AD ACQUA di Gregorino Capano - DOVE TROVARE di Bruno Stillo - LA COLOMBA PACIOCCONA di Pietro Voci – ATLETA ELPIS - PER IL I° CENTENARIO DELLA NASCITA DELL’ARCH. FRANCE- GENUINO SANSOSTENESE di Gregorino Capano - IL MIO PAESE di SCO ARMOGIDA di Enrico Armogida - L’UCCISIONE DEL MAIALE: IL Laura Casentino - VIAGGIO TRA LE CONGREGHE di Aldo Dominijanni REALITY ANDREOLESE di Mario Dominijanni - LA CONDIZIONE FEM- - L’UFFICIU DI SANT’ANDREA APOSTOLO di Alfredo Varano - LINA MINILE IN ITALIA NEGLI ANNI DEL MIRACOLO ECONOMICO di MORETTI NESTICÒ, MARZODONNA - LA MEMORIA NELL’IMMAGINE Simona Samà - UN ILLUSTRE ANDREOLESE DIMENTICATO di Bruno Codispoti - BRUNINU di Nicola Lijoi - LA RELIQUIA RITROVATA di Alfredo Varano - IGNORANZA, CULTURA, OPPORTUNITA’ di Angelo Jorfida - CAPODANNO 2006 di Laura Cosentino - LA MEMORIA NEL- L’IMMAGINE N. 16 - 6 AGOSTO 2006 N. 22 - 3 AGOSTO 2008 GLI AMICI DI ELPIS - NOMI E STORIE INCONSUETE di Duino Bressi - ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI - GLI AMICI DI ELPIS - IL DETTO: “P’O LAZZU D’O SESSO E PARADISO (quarta parte) di Salvatore Mongiardo - ANCORA JUACU”... di Enrico Armogida - IL BAR DELLA COOPERATIVA racconto di Beppe VERGOGNE di Alfredo Varano - COSI’ DICEVANO - I CUMPARA (prima Calabretta - UNA GRANDE MISTICA DEL NOSTRO TEMPO di Dora Samà - LET- parte) di Bruno Stillo - SCARABOCCHI di Antonio Seracini - GIUGNO, TERA ALLA MONACHELLA DI S.BRUNO - di Dora Dominijanni - ITALIA! ITALIA! IL MESE DEI SOGNI E DELLE SPERANZE… di Angelo Jorfida - FRESCHI atto unico di Salvatore Mongiardo - MEMORIE DELLA GRANDE GUERRA (quar- DI STAMPA - MAMMA LI TURCHI! di Luigi Fusto - LA BISNONNA CRI- ta parte) di Francesco Armogida - IL BULLISMO, FATTISPECIE AUTONOMA di SCIADASCIA di Gregorino Capano - CALABRIA di Gregorino Capano - Francesco Bevivino - PRIMAVERA di Bruno Stillo - PILLOLE DI RIFLESSIONI di NEL MONDO DEI MINORI intervista al dott. Aldo Nesticò - I PERCOR- Francesco Mirarchi - AGOSTO: MERCATINO A S.ANDREA MARINA di Bruno SI DI CRESCITA DELLA CONDIZIONE FEMMINILE NEGLI ANNI ’60-’80 Stillo - ALL’ARRANTUATU ‘E SADDADA di Enrico Armogida - RICORDO DI GIU- di Simona Samà - NOI CHE RESTIAMO di Giuseppe Stillo - PLAY BOY SEPPE RANIERI di Aldo Dominijanni - DUE DATE di Pietro Voci - IL DESIDERIO A SANT’ANDREA di Mario Dominijanni - LACRIME E TRUCIOLI di DI RECITARE di Laura Cosentino - SCARABOCCHI di Antonio Seracini - LA Pietro Voci - I DITTERI ‘E L’ANTICHI – PROVERBI, DETTI E MODI DI DIRE MEMORIA NELL’IMMAGINE DIALETTALI di Enrico Armogida - DOVE TROVARE ELPIS - ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI - LA MEMORIA NELL’IMMAGINE N. 17 - 31 DICEMBRE 2006 N. 23 - 21 DICEMBRE 2008 GLI AMICI DI ELPIS - I CUMPARA (seconda e ultima parte) di Bruno GLI AMICI DI ELPIS - RICORDI DI IERI (ed è passato mezzo secolo...) di Stillo - UN MONDO MORTO E SEPOLTO di Pietro Voci - SUL FUTURO Nicola Lijoi - cridìtimi ca mùaru di Pietro Voci - LA FESTA DEL 30 NOVEM- TURISTICO DI SANT’ANDREA di Bruno Nesticò - PETRIZZIA E LA “PIE- BRE 2008: IMMAGINI - BIBLIOGRAFIA ANDREOLESE - TEMA: ‘U CIUCCIU DIMOBILE” di Angelo jorfida - APPUNTI E SPUNTI di Gregorino di Bruno Stillo - COSI’ DICEVANO - FESTEGGIAMENTI E “ANDREOLESITA’” Capano - RICORDO DI TOTO’ DE ROSI di Bruno Maria Carioti - ANNI di Mario Dominijanni - IL SOCIAL CLUB DI TORONTO: UN PO’ DI STORIA di OTTANTA: LA NUOVA CONDIZIONE FEMMINILE di Simona Samà - Vincenzo Lijoi - A S.ANDREA UN “FORTUNATO” RITROVAMENTO: ‘a pijjà- MANI CADDUSI/MANI VIRTUSI di Enrico Armogida - COSI’ DICEVANO ta d’o trentatrì di Enrico Armogida - ‘a pijjàta di Vincenzo Samà - FRA’ - DONNA VARVARA di Alfredo Varano - RICORDI DI GUERRA di Duino VERALDO di Alfredo Varano - MEMORIE DELLA GRANDE GUERRA (quinta Bressi - NUOVI DI STAMPA - PASSO ANDREOLESE di Domenico Betrò e ultima parte) di Francesco Armogida - IL DIZIONARIO DI ENRICO di - SCARABOCCHI di Antonio Seracini - VINCENZO RAMOGIDA UN Salvatore Mongiardo - ‘u pappù racconto di Beppe Calabretta - PILLOLE DI ANDREOLESE CON LA CISL NEL CUORE intervista di Ivo Camerini - RIFLESSIONI di Francesco Mirarchi - LA MONACHELLA DI S.BRUNO E DOVE TROVARE ELPIS - PAESE MORENTE di Francesco Frustagli - LA ANNAMARIA di Dora Dominijanni - DICONO DI NOI... - DOVE TROVARE MEMORIA NELL’IMMAGINE ELPIS - DAI SALESIANI AGLI ANDREOLESI di Mario Dominijanni - SCARA- BOCCHI di Antonio Seracini - LA MEMORIA NELL’IMMAGINE N. 18 - 8 APRILE 2007 ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI - GLI AMICI DI ELPIS - COSE CHE CAM- BIANO di Pietro Voci - APPUNTI E SPUNTI di Gregorino Capano - SCA- RABOCCHI di Antonio Seracini - IL MONACHESIMO BASILIANO un seminario e un libro - NUOVI DI STAMPA - LA DONNA ITALIANA TRA INDUSTRIA E TERZIARIO di Simona Samà - U CUSTURIARI di Enrico Armogida - FORTUNA di Bruno Stillo - GLORIA NEI CIELI E SUSSU- DEO di Salvatore Mongiardo - BALDASSARRE CODISPOTI di Alfredo Varano - DICONO DI NOI - LA COOPERATIVA DI CONSUMO “LA RINA- SCITA” di Enrico Armogida - COSÌ DICEVANO - SUPRAGNUAMI di Alfredo Varano - ZZAPPUNIADDHU E MÈTARA di Angelo Jorfida - LA PASSIONE, MORTE E RESSURRZIONE DI GESÙ - UN NUOVO ANNO (2007) di Laura Cosentino - COME ERAVAMO... il nostro paese in un articolo del 1940 - LA MEMORIA NELL’IMMAGINE N. 19 - 5 AGOSTO 2007 ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI - ‘U POSTIARI - GLI AMICI DI ELPIS - SISSI- ZIO DELLA RIFONDAZIONE DELL’ITALIA - SCARABOCCHI di Antonio Seracini - IL MIGLIOR VINO E’ DIVENTATO ACETO di Pietro Voci - LA DOLCE VITA A SANT’ANDREA di Mario Dominjanni - COSI’ DICEVANO - DI SAN- GUE GIALLO racconto di Andrea Lijoi - LE NOSTRE DONNE di Antonio Pillucci - NUOVI DI STAMPA - I MULINI AD ACQUA E I MULINI A LLETTRI- CA di Enrico Armogida - ANALISI ILLOGICA: VIZI VIRTU’ E... “CAZZUNAG- GINI” di Bruno Stillo - APPUNTI E SPUNTI di Gregorino Capano - MEMO- RIE DELLA GRANDE GUERRA (1) di Francesco Armogida - OMAGGIO A SANT’ANDREA JONIO poesia di Lina Moretti Nesticò - UNA PAGINA DA NON DIMENTICARE: A SANT’ANDREA LO SCIOPERO “DE’ FIMMANI E L’OLIVI” di Enrico Armogida - LA MEMORIA NELL’IMMAGINE
  • 32. La memoria nell’immagine SULLA SCALA DELLA CHIESA DEL CONVENTO DEI PADRI LIGUORINI Anno 1944 (foto inviata da Domenico Betrò) Sagomario a pag. 30 1 FRUSTACI FRANCO 15 LIJOI ANTONIO 30 AVERSA MARIO 44 TAVANO MARIO 2 NON IDENTIFICATO 16 DOMINIJANNI FRANCESCO 31 COSENTINO FRANCO 45 CARIOTI FRANCESCO 3 AVERSA GIUSEPPE 17 SCICCHITANO VINCENZO 32 NON IDENTIFICATO 46 CARIOTI VINCENZO 4 AVERSA SAVERIO 18 RIVERSO VINCENZO 33 DOMINIJANNI DOMENICO 47 PAPALEO QUINTO 5 CALABRETTA GIUSEPPE 19 COCCARI VINCENZO 34 LIJOI FRANCESCO 48 BETRO' FRANCESCO 6 SAMA' ANDREA 20 AVERSA GIUSEPPE 35 NON IDENTIFICATO 49 TAVANO GINO 7 LOMBARDO NICOLA 21 CODISPOTI ANTONIO 36 NON IDENTIFICATO 50 RAMOGIDA BRUNO 8 PADRE MATRONE 22 NESTICO' ANTONIO 37 AVERSA VINCENZO 51 PALAIA GIUSEPPE 9 VARANO ANTONIO 23 LIJOI NICOLA 38 STILLO FRANCESCO 52 PAPALEO DOMENICO 10 BETRO' DOMENICO 24 LIJOI SAVERIO 39 COSENTINO VINCENZO 53 BETRO' NICOLA 11 TAVANO VINCENZO 25 FRUSTACI SAVINO 40 CODISPOTI VINCENZO 54 NON IDENTIFICATO 12 FOLINO MARIO 26 LIJOI ANTONIO 41 SAMA' MASSIMO 55 GRECO PASQUALE 13 LIJOI VINCENZO 27 STILLO GERARDO 42 DALO' BRUNO 56 PAPALEO FRANCO 14 JORFIDA ANDREA 28 NON IDENTIFICATO 43 NON IDENTIFICATO 57 MAGGISANO VINCENZO SudGrafica - Marina di Davoli (CZ) - Tel. 0967.70297

×