Elpis 25
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Elpis 25

on

  • 4,274 views

 

Statistics

Views

Total Views
4,274
Views on SlideShare
4,274
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
2
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Elpis 25 Document Transcript

  • 1. A CURA DEL GRUPPO “ELPIS ZEROUNO” SANT’ANDREA IONIO (CZ) 2 AGOSTO 2009 25 DISTRIBUZIONE GRATUITA Afferra nelle note il sublime della Musica Cogli nell’Arte il bello senza tempo * * * Riconosci nell’amico l’unico sostegno della vita
  • 2. Pagina 2 ELPIS ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI n. 1 - 22 DICEMBRE 2002 n. 8 - 6 GIUGNO 2004 - INCIPIT - ELPIS ZEROUNO - LIBERO E GIOCONDO (1935-1943) di - ‘U POSTIARI - GLI AMICI DI ELPIS - SANT’ANDRIA ASSETTATU di Angelo Jorfida - ‘U GAU - ‘U TIAMPU CHI FU’ di Vincenzo Andracchio Salvatore Mongiardo - CARNEVALE A TAVOLA di Francesco Corapi - - IL TESORO DEGLI ANDREOLESI di Giuseppe Palaia - I NOVANTANO- MADRE GIOCONDA di Mario Dominijanni - ELPIS: I NUMERI PRECE- VE DI COMPARE CICCIO di Antonio Seracini - PESANTE COME UN DENTI - IL VENTENNALE DI DON ALBERTO di Enrico Armogida - OTTO MACIGNO di Armando Vitale - DON ANTONIO JANNONE DI SANT’AN- MARZO di Laura Cosentino - STAVA IN QUELLA “RUGA” di Pietro Voci DREA E I MOTI RIVOLUZIONARI DI 1848 IN CALABRIA di Marziale - ‘U CACATURI di Alfredo Varano - CATARINI ‘E PICA di Angelo Jorfida - Mirarchi - LA MEMORIA NELL’IMMAGINE 1783: LA TERRA TREMA - LA MARCIA DELL’U.S. ANDREOLESE - LA MEMORIA NELL’IMAGINE n. 2 - 9 MARZO 2003 n. 9 - 8 AGOSTO 2004 - ’U POSTIARI - UNO, CENTO, MILLE SBARCHI (1943-1946) di Angelo - ‘U POSTIARI - GLI AMICI DI ELPIS - ‘U CIUCCIU un animale d’altri Jorfida - VIAGGIO A GERUSALEMME TENTATIVO MINIMALE DI RIFLES- tempi di Enrico Armogida -ELPIS. I NUMERI PRECEDENTI - AGHI SOT- SIONE SULL’ULTIMO LAVORO DI SALVATORE MONGIARDO di Luciano TILI DI LUCE - DICONO DI NOI... - ANGIALU MIO, GUARDIANU MIO di Mirarchi - ZENOBI, SILVIA &CCETERA RENZO ZENOBI A SANT’ANDREA Pietro Voci - COME MAMMELLE VIZE - CONCERTINO ALLA PORTA di di Giuseppe Stillo - ‘U RRE’ ‘E BRUANZU di Alfredo Varano - L’ALBA Salvatore Mongiardo - COSI’ DICEVANO... - SAGGEZZA ANDREOLESE TETRA DOPO L’ASSALTO di Giuseppe Cosentino - JUAVI E CARNALAVA- di Mario Dominijanni - ‘A GLUARIA di Angelo Jorfida - VINCENZO RI di Enrico Armogida - TECIA CUMMARA SANT’ANDREA IONIO GIOR- CARIOTI ricordo di un giovane del dopoguerra di Andrea Lijoi - U.S. NO DOPO GIORNO a cura di Armando Vitale - LA FLORA DI SANT’AN- ANDREOLESE IN SECONDA CATEGORIA - LE MANI IN TESTA di DREA: IL LENTISCO E IL MIRTO - CANTI RELIGIOSI A SANT’ANDREA - LA Domenico Cosentino - LA MEMORIA NELL’IMMAGINE MEMORIA NELL’IMMAGINE n. 3 - 20 APRILE 2003 n. 10 - 20 NOVEMBRE 2004 - ‘U POSTIARI - A CUMPRUNTA A SANT’ANDREA APOSTOLO DELLO - ‘U POSTIARI - DOVE TROVARE ELPIS - GLI AMICI DI ELPIS - C’ERA JONIO FRUTTO DI UN SINCRETISMO RELIGIOSO FRA UNA REMO- UNA VOLTA...! di Armando Vitale - LE CASTAGNE TRA STORIA, TRADI- TA LITURGIA PAGANA E UNA PIU’ RECENTE TRADIZIONE CRISTIA- ZIONI E GASTRONOMIA di Franco Corapi - DICONO DI NOI - I SOGNI NA di Enrico Armogida - PASQUA A SANT’ANDREA di Pietro Voci - DI MARIUZZA di Salvatore Mongiardo - SCARABOCCHI di Antonio LA FAMIGLIA ARMOGIDA di Angelo Jorfida - IL SITO DEGLI Seracini - DIPLOMA SI’, DIPLOMA NO... di Pietro Voci - COSI’ LONTA- ANDREOLESI - NICOLA “L’ANARCHICU” di Alfredo Varano - LA NI... COSI’ VICINI di Bruno Stillo - N’INSONNAI ATTIA di Bruno Stillo - MEMORIA NELL’IMMAGINE DON PEPPE ADDINO, GENIO MANCATO di Mario Dominijanni - DON PIAPPI: SEMPLICITA’ E ALTRUISMO di Angelo Jorfida - IL CERUSICO BRUNO CALABRETTI di Marziale Mirarchi - COSI’ DICEVANO - L’AN- DREOLESE NEGLI ANNI ‘60 - SUPRAGNUAMI di Alfredo Varano - ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI - LA MEMORIA NELL’IMMAGINE n. 4-5 - 10 AGOSTO 2003 n. 11 - 24 DICEMBRE 2004 - ‘U POSTIARI - A.A.A. 100 AMICI CERCASI - 10 AGOSTO: IL SISSIZIO A ‘U POSTIARI - DOVE TROVARE ELPIS - GLI AMICI DI ELPIS - SINDACO DI ISCA - STATUTO DELL’ARCICONFRATERNICA DEL SS. SACRAMENTO DI SANT’ANDREA di Salvatore Mongiardo - DICONO DI NOI - LA MODA SANT’ANDREA JONIO di Enrico Armogida- I 108 DI NONNA ANGELA - DELLE PANCE NUDE di Bruno Stillo - DON VITO GASPARRE di Angelo L’ALTRA BARONESSA - MATRIMONI D’ALTRI TEMPI di Pietro Voci- Jorfida - CANCELLO CHIUSO di Pietro Voci - RICORDO DI VINCENZO QUANDO NON C’ERA ANCORA IL FRIGO di Mario Dominijanni - SANTA CARIOTI di Antonio Pillucci - NATALE, IL MONDO HA FRETTA di Laura BARBARA di Salvatore Mongiardo - 1958: L’INCORONAZIONE DELL’IM- Casentino - IL NATALE E LA VIGILIA, SUONI RICORDI E AROMI di MACOLATA - ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI - SENTIRE IL CARRO TRAI- Francesco Corapi - NEL MONDO ANIMALE PAESANO, RESIDUI DIALET- NATO DAI BUOI di Pietro Voci - LA MONACHELLA DI SAN BRUNO A TALI DI SUONI “ONOMATOPEICI” E DI “MUTEVOLI VOCI AFFETTIVE” di CINQUANT’ANNI DALLA MORTE di Enrico Armogida - LA GRAN MADRE Enrico Armogida - SIGINO CARIOTI E LA SPINA NEL CUORE - ELPIS: I A CAMPO PRIMA DELL’ASSUNTA? di Giuseppe Palaia - “DON” FRAN- NUMERI PRECEDENTI - LA MEMORIA NELL’IMMAGINE CESCO CAPANO di Alfredo Varano - ‘A ‘MPETRATA E L’ANIMO DEL POETA di Francesco Mirarchi - IL TEATRO A SANT’ANDREA di Angelo Jorfida - LA MEMORIA NELL’IMMAGINE n. 6 - 16 NOVEMBRE 2003 n. 12 - 27 MARZO 2005 - LA MADONNA DI CAMPO ASSUNTA DUE VOLTE, ANZI TRE - COSI’ GLI AMICI DI ELPIS - LE ELEZIONI PROVINCIALI DEL 1919 (o del DICEVANO... - GLI AMICI DI ELPIS - CICCU E I “CUCUGGHJABBIRI” di 1909?) di Enrico Armogida - ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI - IL FUTU- Angelo Jorfida - UNA CUPA SERATA D’INVERNO di Pietro Voci - COME RO DI SANT’ANDREA di Mario Dominijanni - NUOVI DI STAMPA - ‘U SUL TITANIC di Mario Dominijanni - IL DOLORE DELLO STRAPPO di PUARCU: TRADIZIONI, USI, BISOGNI E GASTRONOMIA di Francesco Laura Cosentino - MALA NOTTATA, E FIMMANA FICIA! di Enrico Corapi - SCARABOCCHI di Antonio Seracini - DOVE TROVARE ELPIS - Armogida - ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI - LA NUOVA PARROCCHIA DI CRAPOGHIDDHI di Bruno Stillo - IL CALENDARIO DEL 1940 di Pietro S. RAFFAELE ARCANGELO - A PROPOSITO DI “LA GRAN MADRE A Voci - DICONO DI NOI - DON CICCIO COSENTINO di Angelo Jorfida - CAMPO PRIMA DELL’ASSUNTA” DI G. PALAIA di Don Alberto Vitale - LO COSI’ DICEVANO - LA MIA SPIAGGIA di Bruno Stillo - LA MEMORIA STATO DI CONSERVAZIONE DELLE CHIESE DI S. ANDREA di Marziale NELL’IMMAGINE Mirarchi - SUPRAGNUAMI di Alfredo Varano - ‘U POSTIARI - LA MEMO- RIA NELL’IMMAGINE n. 7 - 31 DICEMBRE 2003 n. 13 - 31 LUGLIO 2005 - ‘U POSTIARI - GLI AMICI DI ELPIS - DOLCE CREPUSCOLO DI DICEM- ‘U POSTIARI - DOVE TROVARE ELPIS - GLI AMICI DI ELPIS - LA VOCE BRE di Pietro Voci - VIAGGIO GASTRONOMICO NEI PAESI DELLA VALLE DEL VENTO di Enrico Armogida - ‘U CUGNUAMU di Bruno Stillo - DELL’ALACA di Francesco Corapi - I PADRI REDENTORISTI UNA MIS- MORTE DI UN EMIGRANTE di Bruno Stillo - IL IV NOVEMBRE di Angelo SIONE LUNGA UN SECOLO di Luciano Mirarchi - ‘A CRUCI E CIANZU E Jorfida - SESSO E PARADISO (prima parte) di Salvatore Mongiardo - COLINU di Angelo Jorfida - L’ATTACCO FRANCESE A SANT’ANDREA: COSI’ DICEVANO - ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI - CONCERTO D’AU- IPOTESI SUL CORREA di Luigi Fusto - PROFILO BIOGRAFICO DI SAVE- TUNNO di Pietro Voci - SCARABOCCHI di Antonio Seracini - ODORI E RIO MATTEI di Enrico Armogida - ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI - SAPORI di Francesco Corapi - IL BUSTO DI GERACE NELLA RITRATTI- OLIOE SAPONE: DUE PRODOTTI TIPICI DELL’ECONOMIA FAMILIARE di STICA BORBONICA di Maria Carmela Monteleone - MICU VITALE: Mario Dominijanni - LA MEMORIA NELL’IMAGINE FAIER di Alfredo Varano - CRUCIVERBA ‘NDIALETTU di Domenico Cosentino - U.S. ANDREOLESE: OBIETTIVO RAGGIUNTO di Vincenzo Corasaniti - LA MEMORIA NELL’IMMAGINE Segue a pag. 31
  • 3. ELPIS Pagina 3 GLI AMICI DI ELPIS in questo numero 1) ALFREDO VARANO Sant’Andrea Jonio 2) ARMANDO VITALE Sant’Andrea Jonio 3 GIUSEPPE PALAIA Viterbo pag. 2 ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI 4) LUCIANO MIRARCHI Sant’Andrea Jonio pag. 3 GLI AMICI DI ELPIS 5) MARIO DOMINIJANNI Roma pag. 4 LA RICETTA DI ALFREDO: “’A COCCIATA” DI FAGIOLI FRESCHI 6) ANTONIO CALABRETTA Milano 7) PIETRO VOCI Roma di Bruno Stillo 8) MAURIZIO FRUSTACI Roma pag. 5 L’AMICIZIA di Francesco Mirarchi 9) ANDREA SAMÁ Roma pag. 5 VECCHIO PIOPPO! VECCHIO PINO! degli alunni della classe V 10) CLAUDIO LIJOI Baltimora (Usa) 11) DOMENICO COSENTINO Sant’Andrea Jonio della Scuola Primaria di S.Andrea Marina 12) ROBERTO PAPALEO Cornaredo (MI) pag. 6 LO ZIO D’AMERICA di Pietro Voci 13) BRUNO FRUSTACI Roma pag. 9 ‘A PAROLA di Francesco Mirarchi 14) FRANCO IORFIDA Roma 15) BRUNO VARANO Sant’Andrea Jonio pag. 10 NI VIDIMU ARA GIARRA di Armando Vitale 16) VINCENZO CARIOTI Sant’Andrea Jonio pag. 10 ELEGIA DEGLI EMIGRANTI di Enrico Armogida 17) ANTONIO SERACINI Verona pag. 11 PASQUINALE versi in romanesco di Paolo Mongiardo 18) VITO SCINO Sant’Andrea Jonio pag. 11 DOVE TROVARE ELPIS 19) MAURIZIO LIJOI Sant’Andrea Jonio 20) BERNARDO PROCOPIO Sant’Andrea Jonio pag. 12 SUARMA racconto di Beppe Calabretta 21) MAURIZIO MIRARCHI Olmedo (SS) pag. 13 LINA E MARIA GRAZIA: INSIEME 22) PASQUALE GRECO Florida (USA) pag. 14 ETYMON 23) FRANK BETRÒ Brooklyn (USA) 24) ANGELO JORFIDA Canton (USA) pag. 15 ARCHIVIO STORICO 25) GINA MISURACA Saronno (VA) pag. 16 CU’ POTA E CCU’ NON POTA di Enrico Armogida 26) VITO MIRIJELLO Isca Jonio pag. 17 SCARABOCCHI di Antonio Seracini 27) LUIGI FUSTO Cologno M. (MI) 28) ALDO NESTICÒ Firenze pag. 18 IL PREMIO LETTERARIO SI RINNOVA di Salvatore Mongiardo 29) ASS.CULT. ”LA RADICE” Badolato pag. 18 ‘U PARADISU di Francesco Mirarchi 30) ANDREA LIJOI Roma pag. 19 MONACHELLA DI SAN BRUNO - ULTIME NOTIZIE di Dora Samà 31) SALVATORE MONGIARDO Milano 32) ROBERTO MARINELLI Milano pag. 19 IL TUO TEMPO di Laura Cosentino 33) ANDREA CORAPI Milano pag. 20 IL SISSIZIO DEL 2009 di Salvatore Mongiardo 34) GIUSEPPE VARANO Sant’Andrea Jonio pag. 20 NUOVI DI STAMPA 35) SALVATORE VOCI Roma 36) BRUNO CODISPOTI Zagarolo (RM) pag. 21 DONNU PETRU DE CAPANU di Francesco Corapi 37) MARIO VITALE Baltimora (USA) pag. 22 ‘I LABBRUTI di Alfredo Varano 38) ANDREA DOMINIJANNI Roma pag. 23 PILLOLE DI RIFLESSIONI di Francesco Mirarchi 39) MARIO ARENA Anguillara 40) BRUNO STILLO Roma pag. 24 ATTO DI DOLORE PER IL PINO CADUTO di Armando Vitale 41) ANDREA CODISPOTI Milano pag. 25 COSÌ DICEVANO 42) GIUSEPPE STILLO Sant’Andrea Jonio pag. 26 IL PORTALE DELLA CAPPELLA DELLE BEATITUDINI 43) TONINO CODISPOTI Roma 44) ANDREA CODISPOTI Roma di Giuseppe Palaia 45) GIUSEPPE COSENTINO Cinisello B. (MI) pag. 27 OCCHI DEL SUD di Bruno Stillo 46) ALESSANDRA FERRARO Sant’Andrea Jonio pag. 28 ‘U POSTIARI 47) MARZIALE MIRARCHI Isca Jonio 48) CLAUDIO BETRÒ Roma pag. 30 PREMIO TROPEA A CARMINE ABATE 49) BRUNO CARIOTI Roma pag. 32 LA MEMORIA NELL’IMMAGINE 50) ADRIANO CODISPOTI Roma 51) BRUNO FRUSTACI Guidonia 52) NICOLA ASPRO CARIOTI Roma 91) JOE LOMBARDO North Haledon (USA) 53) BRUNO RAMOGIDA Roma 92) MARIA COLUCCI Roma 54) ADOLFO PALAIA Roma 93) ALFREDO CALABRETTA Genzano (RM) 55) SALVATORE NESTICÒ Sant’Andrea Jonio 94) GENNARINO DE FRANCO Brugherio (MI) 56) MARIETTA RAMOGIDA Roma 95) MAURIZIO COSENTINO Sant’Andrea Jonio 57) CATERINA NESTICÒ Sant’Andrea Jonio 96) BRUNO MARIA VITALE Livorno 58) ANDREA RAMOGIDA Roma 97) ANTONIO FRUSTACI Yardeville (USA) 59) VITTORIA LIJOI Soverato 98) MARIO FRUSTACI Sersale 60) VINCENZO CODISPOTI Soverato 99) DOMENICO BETRÒ Roma 61) M.TERESA MURATORE Viterbo 100) VILLA DELLA FRATERNITÁ Sant’Andrea Jonio 62) NICOLA MARIA VOCI Omegna (VB) 101) TITINA SAMÁ Roma 63) VINCENZO ROMEO Sant’Andrea Jonio 102) FRANCO FRUSTACI Sant’Andrea Jonio 64) VINCENZO DOMINIJANNI Torino 103) LINA MORETTI NESTICÒ Lastra a Signa (FI) 65) DOMENICO PAPALEO Haledon (USA) 104) ANTONIETTA DOMINIJANNI GRECO Soverato 66) GIUSEPPE SAMÁ Roma 105) VITTORIA VITALE IN GRECO Brooklyn (USA) 67) DORA SAMÁ Napoli 106) MARIANNA VITALE Cava dei Tirreni (SA) 68) SILVANA CARIOTI Roma 107) ANTONELLA CODISPOTI Roma 69) GINO GRECO Roma 108) MARIO CODISPOTI Roma 70) ANGELO SAMÁ Wayne (USA) 109) BRUNO ADDINO Pampton Plain (USA) 71) JOSEPH NESTICO Woodbridge (USA) 110) TIZIANA BETRO’ Roma 72) ANTONELLA FRUSTACI Masate (Mi) 111) ALESSANDRO VOCI Roma 73) GERARDO SAMÁ Sant’Andrea Jonio 112) ARTURO BEVIVINO Roma 74) GIUSEPPE BRESSI Sant’Andrea Jonio 113) GERARDO STILLO Milano 75) GREGORIO SANTORO Chiaravalle C.le 114) DOMINIC BETRÒ N.Caldwell (USA) 76) MARIO LIJOI Roma 115) BRUNO SAMÁ Roma 77) ALDO VITALE Baltimore 116) VINCENZO DOMINIJANNI Roma 78) DOM BETRÒ Riverside (USA) 117) BRUNO COSENTINO Roma 79) LUIGI BETRÒ New York (USA) 118) GIUSEPPE RAMOGIDA Roma 80) GIUSEPPE MIRIJELLO Milano 119) FRANCO MONSALINA Sant’Andrea Jonio 81) ARDUINO DE ROSI Roma 120) S.ANDREA SOCIAL CLUB oronto (CANADA) 82) PAOLA DE ROSI Savigliano (Cn) 121) IRENE VOCI Roma 83) FRANCESCO BEVIVINO Roma 122) FRANCESCO LIJOI Legnano (MI) 84) BRUNO CARIOTI Rho (MI) 123) LUIGI STILLO Milano 85) VITTORIA D’ALÒ Sant’Andrea Jonio 124) NICOLA ROMEO Roma 86) BRUNO CALABRETTA Genova 125) ENZO COSENTINO Elicott City (USA) 87) LAURA COSENTINO Crotone 126) NINO STEFANUCCI Sant’Andrea Jonio 88) ANDREA ALPIMONTE Roma 127) SOVERATOWEB.IT Soverato 89) VINCENZO RAMOGIDA Roma 128) ANTONIETTA SAMÀ Red Bank (USA) 90) ASS.CULT.OLIVADESE Olivadi 129) ENZO SEMINAROTI Roma
  • 4. Pagina 4 ELPIS LA RICETTA DI ALFREDO: “’A COCCIÀTA” DI FAGIOLI FRESCHI di Bruno Stillo Ingredienti e luoghi dove fagioli liberati dai baccelli devono pietanza l’aveste mangiata sul serio! trovarli: essere messi dentro ’a pignata ‘a Se poi gli date corda e vi racconterà ’Na cannistra di fagioli con i ‘nu cuacciu a vota, per evitare ’u si come fa il vino lui, vi troverete ubria- baccelli striati color amaranto, però è ‘ntruzzunu l’unu cu l’attu, come chi senza neanche averlo assaggiato. difficile trovarli al mercato… potete avverrebbe versandoli tutti insieme: A me è capitato di più e di peggio: invece trovarli nell’orticello non da questo procedimento deriva il avevo avuto la pazienza di ascoltarlo, recintato in cui Alfredo li coltiva nome della ricetta ’a cocciata. mentre parlava con dire enigmatico e amorevolmente; un peperoncino Se ‘il procedimento’ per ‘a indecifrabile della sua ricetta e del sempre del suo orto, che è migliore di cocciata è per voi di difficile attua- suo vino, mi aveva ipnotizzato, e quello di Soverato; una cipolla rossa zione… o forse troppo sleale nei con- quasi sentivo godimento nell’ascol- di Tropea, coltivata a tarlo. Appena Alfredo finì S. Andrea sempre da quella specie di sermone, lui, come pure i suoi andai a casa e mia moglie famosi pomodori (ne mi disse: “Oggi cosa vuoi occorrono due) di per pranzo?” “Mangiai e color azzurrino che, vippa” dissa io, e lei striz- guarda caso, lui dice zandomi l’occhio replicò: abbiano “un sapore “Allora andiamo a letto!” marino”. Io, ancora inebriato dal discorso di Alfredo, con Condimento: un sorriso un po’ da scimu- un cucchiaio di nito gli risposi: “Sugnu a strutto fatto con la ricet- puastu puru e chiddhu”. ta della sua bisnonna ’Ni volau‘nu cinculiri, chi gelosamente custodita si ci ripiannzu ‘ni dola ’nto casciuni. Ma della ancora a facci. ricetta a noi non ce ne importa niente, perché Altra ricetta in breve: lo strutto non è altro che i frisulimiti fronti di Alfredo, potrete bussare alla Fagioli addamurati ripieni (senza che lui tiene ’ntò catuaju dalla sua porta e, se lo troverete di buon effetti collaterali). porta facilmente apribile. Infine, ’na umore, forse ve la farà assaggiare… Ricetta per cui solo Alfredo sa chiccareddha d’olio appena spremuto sempre che indoviniate il giorno in come aprire e poi chiudere i fagioli dalle olive del suo albero (che cui cucina questa pietanza! In caso dopo averci messo dentro il ripieno. incredibilmente “ha una produzione contrario, se avrete la pazienza di Se volete sapere questo segreto rivol- continua”!); anche l’olio è riposto ascoltarlo per un’ora (tanto dura la getevi direttamente a lui, che vi farà con cura accanto ’a lanceddhuzza de cottura della cocciata), lui vi una descrizione idilliaca di questa frisulimiti. spiegherà filosoficamente minuto pietanza e alla fine dirà: “Dopo averla Tutti gli ingredienti vanno cotti in dopo minuto l’andamento della mangiata, è come morire e vedere una delle tante pignate accatastate cottura. Sicuramente non capirete subito il paradiso!” Risposta anonima: sempre ’ntò catuaju, che anche lui, nulla di quello che dirà; ma alla “’Nculu ara poseddha! Mangiatila tu, come tanti ’Ndruali discendenti da fine vi sentirete sazi come se quella io ombuagghiu u muaro”. antichi pignatari, avrà ereditato; se L’AMICIZIA non disponete della pignata, sicura- mente lui non si offenderebbe se fosse privato di alcuni esemplari ingombranti. Per l’acqua di cottura di Francesco Mirarchi va benissimo quella del mare, così si evita di comprare il sale e pure per Quant’è bella l’amicizia cucinare il fuoco migliore è quello si t’a scangi cu ll’anima e ru cora! fatto con la legna, che si trova dappertutto. Cui paruali e ra malizia Come avrete capito, questa è una prima ca un ‘ncumìncia ricetta a costo zero! La cosa più finìscia l’amicizia! importante nella preparazione è che i
  • 5. ELPIS Pagina 5 VECCHIO PIOPPO ! VECCHIO PINO! Alcuni mesi fa, abbiamo studiato la poesia “Vecchio pioppo” di Federico Garcia Lorca. In questa poesia si racconta con nostalgia la storia di un pioppo morto, caduto in uno stagno. La maestra ci ha raccontato una storia simile a questa: quella del pino della curva de “i pignari”, due pini molto cari agli andreolesi e che, da sempre, sono stati il simbolo di questo paese. Uno dei pini, purtroppo, è caduto, nonostante i diversi interventi, i vari tentativi per salvarlo. Noi abbiamo potuto osservarlo durante un’ uscita didattica: che tristezza vedere quell’albero secolare senza vita, ai piedi del suo gemello! Allora la maestra ci ha proposto di scrivere una poesia dedicata al vecchio pino, seguendo il modello del poeta F. G. Lorca. Alcuni di noi ci hanno provato: ecco il risultato. Gli alunni della classe V della Scuola Primaria di S.Andrea Marina VECCHIO PIOPPO! Vecchio pioppo! Sei caduto nello specchio dello stagno addormentato. Non sarai più la culla della luna né il magico sorriso della brezza, né il bastone di una stella a cavallo. Sarai nido di rane e di formiche. Avrai per capelli le ortiche, e un giorno la corrente porterà via la tua corteccia tristemente. Vecchio pioppo! Sei caduto nello specchio dello stagno addormentato. F. Garcia Lorca VECCHIO PINO! Vecchio pino! Sei caduto tristemente sul pendio della collina addormentata. Sei caduto una notte in cui il vento troppo forte accarezzava i tuoi rami ormai stanchi. Ora sei lì, abbattuto e inerme come un soldato che ha perso la sua corazza e tuo fratello ti guarda, triste. Vecchio pino! Non sarai più raffigurato nelle cartoline, non guarderai più il paese né il mare calmo o mosso, non starai più insieme a tuo fratello: per anni siete stati il simbolo di S.Andrea, volendovi e volendoci bene. Sarai nido di formiche, per capelli non avrai più la chioma, ma l’ erba, le ortiche, le piante spinose e, forse, un giorno, gli uomini porteranno via i tuoi rami per farne legna per il camino. Caro vecchio pino! Sei caduto tristemente sul pendio della collina addormentata, ma in una piccola parte del nostro cuore tu vivrai e non cadrai mai.
  • 6. Pagina 6 ELPIS LO ZIO D’AMERICA di Pietro Voci C’era una volta uno “zio lettere, scriveva sull’indirizzo: “Nicola sartina) forse perché mi vide con la d’America”. Non è una favola ma una P. Voci”. C’era quella P puntata, cosa faccia interrogativa, mostrandomi una storia vera, e siccome sembra una voleva dire? Non osavo chiederlo, lettera che stava per spedire, mi cosa impossibile, m’è venuto sponta- quindi il problema era solo mio, ero io disse: “Lo sai cosa vuol dire questa P neo cominciare come si trattasse di puntata dopo Nicola?” Non aspettò la una favola. mia risposta ma proseguì “Vuol dire Sono passati ormai più di Patrizio, Nicola Patrizio”. Lo disse cinquant’anni da quando, sotto il cielo con tanto di punto esclamativo, ma di S. Andrea, accadde quanto segue. tanto esagerato che io, adesso, per L’aria era piena di promesse che riparare, faccio a meno di metterlo. aspettavano ancora d’essere mantenu- Feci finta di saperlo ma dentro di me te, poiché la seconda guerra mondiale esclamai, anch’io esageratamente era terminata da pochi anni. In paese esclamai: “Accidenti! Come ho fatto a c’erano fermento e tanta voglia di non pensarci?” In effetti, però, non mettere una pietra sopra il passato e potevo pensarci, perché a S. Andrea pensare intensamente al futuro. Il non c’era traccia di “Patrizio”. Ricordo futuro non si vide mai così carico quel nome, volto al femminile, nella di responsabilità come in quel periodo vicina San Sostene. Si trattava di una e si doveva dar da fare per non signora anziana che veniva spesso a deludere, volgendo un occhio di S. Andrea per vendere ricotte, erano riguardo verso i giovani. ottime le ricotte di Patrizia di San A pochi passi dall’olmo della Sostene. A S. Andrea, oltre che di Chiesa Matrice c’era la cooperativa Patrizia, si parlava di “Patrizi”come di consumo “La Rinascita” e sullo appartenenti a famiglie Patrizie. Come stipite della porta di sinistra veniva mai il mio bisnonno pensò di chiamare installata la prima insegna al neon così un figlio? Questo è rimasto un Maria Rosa e Nicola P. Voci del paese, che diceva: “Coop La all’aeroporto di Ciampino mistero perché zia Maria Rosa non mi Rinascita”. Io, di quelle insegne, ne disse altro, lei era fiera di avere un avevo già viste anni prima a Roma e fratello “Patrizio”. Ebbi modo, così, credevo si trattasse di tubi di vetro che me lo creavo non chiedendo di arricchire il mio vocabolario ma con dentro tante piccole lampadine spiegazioni. Mi piaceva fantasticarci continuai a fantasticare, forse più di vicinissime tra loro da rendere il tubo su, formulare delle ipotesi. Con quale prima perché, dicevo, con quel nome, uniformemente illuminato. Così lo altro nome che cominciasse con la P lui è proprio uno “zio d’America”, non spiegavo agli amici al ritorno da poteva fare buona lega quel Nicola? può che essere ricco, non come di Roma, ma questi non mi credevano Forse Pietro… forse Paolo… forse solito si dice “ricco dentro” ma ricco di perché, dicevano, fosse impossibile Pasquale, oppure Peppino… ma no, soldi, di dollari. Beato lui! metterci tante lampadine vicinissime quello si pronuncia Giuseppe… Il mio Il mio modo di pensare mi portò a dentro un tubo, con tanto di portalam- vocabolario non era ricco di nomi cantare vittoria qualche tempo dopo, pada ognuna. comincianti con la P, perciò, scartan- avevo azzeccato il pronostico: Lo zio Avevano ragione loro, ma il fatto do Pietro che era già il nome di d’America, il “Patrizio” confermò il è che io, quei benedetti tubi li mio nonno, cioè il fratello di Nicola, mio pensiero con il modo in cui si avevo visti davvero completamente scartando Pasquale che non era espresse. Intanto, in quei giorni di per- illuminati, e pure io avevo ragione. appartenente alla famiglia Voci ma ai manenza a S. Andrea, si premurò a fare La Cooperativa di consumo “La Romeo della mia cara nonna paterna, qualcosa di veramente positivo. Vide Rinascita” affidò l’incarico all’elettri- scartando Peppino, non restava che che zia Maria Rosa non aveva il cista Rosaio Codispoti che, installando Paolo. A dire il vero, però, non mi gabinetto in casa ma in altro locale da quell’insegna, ci diede l’occasione di piaceva Nicola Paolo, e appunto per qualche tempo abbandonato e distante esaminare bene come andavano le questo pensavo che fosse quello il almeno cento metri. Così, zia, ogni cose di quei tubi al neon, con buona nome giusto, perché, come non mattina, col sole o con la pioggia pace mia e dei miei amici. piaceva a me, non piaceva a nessuno, doveva fare un bel pezzo di strada per Fu in quei giorni che, dalla e, vergognandosi di quel nome, lo le esigenze corporali. Oltre a non avere lontana America del nord, tornava a mettevano solo puntato. Sì, doveva bagno, non aveva acqua corrente in S. Andrea il fratello del mio nonno essere proprio così. Invece no. casa. Visto come stavano le cose, lo zio paterno morto a Baltimora qualche Zia Maria Rosa, un giorno, forse Americano provvide subito portando anno prima. Tornava in paese Nicola perché era una bella giornata, forse in casa di zia l’acqua e il gabinetto. Voci. Quando zia Maria Rosa, sorella perché arrivava il Vescovo dai Padri Inoltre, visitò la falegnameria di dello zio americano, gli spediva le Liguorini, (per i quali lavorava come mio padre, dove c’ero anch’io come
  • 7. ELPIS Pagina 7 apprendista. Ci vide lavorare a mano di zio in America furono per lui brevi Mentre aiutavo così, lavorando il legno delle nostre montagne, il ma per me lunghi, considerando che, come potevo e soprattutto come mio castagno, che è facile da lavorare solo le macchine di falegnameria nella padre m’indirizzava, nessuno mi quando è ancora “verde”, quando, bottega di mio padre erano legate vietava di pensare, ed io… pensavo cioè, non è stagionato e non è consi- (non chiedemmo perché) al suo che quel lavoro pesante, di lì a poco gliabile metterlo in opera. Quello che rientro in USA. sarebbe finito per mio padre, perché si stava lavorando era stagionato e lo zio d’America, quel Nicola quindi duro e faticoso. Patrizio, accelerava i tempi del Zio Nicola vide mio padre sudare progresso. Finiva, così, il tempo di copiosamente e gli dispiacque. Si portare i tavoloni di castagno dai mise così a parlare da “Americano”: fratelli Vitale (Francesco e Gerardo) “Nipote carissimo, ma come… che avevano la falegnameria “elettri- continui a lavorare a mano? Siamo nel ca”, per poterli “smacchinare” (era ventesimo secolo e ormai ci sono le questo il termine per indicare le macchine per fare il lavoro pesante… tavole lavorate con i macchinari). mi dispiace vederti così! Ci penso io! Francesco e Gerardo Vitale furono i Tornando in America, la prima cosa primi ad avere, a S. Andrea, le mac- che farò è di comprarti i macchinari chine per la lavorazione del legno, ed necessari. Tu lavorerai senza più io li guardavo come si guardano due sudare perché il lavoro pesante lo industriali. Era facile pensare che farai con le macchine”. quello fosse il futuro, e che noi ormai Mio padre gli rispose che ci aveva lo potevamo considerare prossimo. già pensato ma che non era ancora Pensavo allo zio Nicola Patrizio, giunto il momento (disponibilità e davo ragione a chi diceva che il finanziaria), ci voleva ancora qualche nome ha la forza di condizionare il anno. Lo ringraziava ma, diceva, non comportamento di una persona. Lui, era il caso che ci pensasse lui dicevo, si chiama Patrizio, così come dall’America, avrebbe risolto da solo. viene chiamato chi è appartenente a Ma zio, di rimando, continuò: “Perché famiglia nobile, aristocratica. Prende aspettare? Ti dico che ci penso io, il nome di un Santo Vescovo, poiché tu sei figlio di mio fratello e ti Apostolo dell’Irlanda molto conside- voglio bene come a un figlio”. Mio rato in America. A New York, la padre a questo punto si arrese. chiesa più importante è dedicata a L’affetto non si può respingere, e San Patrizio, il Santo dalla croce con quello era l’affetto del fratello di suo doppia traversa. Per questo “pensa in padre. Di tutta questa scena io non fui grande”. Non era sempre vivace e per niente meravigliato perché, lo allegra la Suora Riparatrice, la carissi- avevo già detto, “quello era lo zio San Patrizio - bassorilievo ma Madre “Gioconda”? E non era d’America”, era Patrizio. Roma - Chiesa di San Patrizio Pztrizio caritatevole, modesta e Santa la Il problema come fare per accon- Superiora di quelle Suore che si tentare gli altri nipoti, volendoli Lo zio, però, non mi era simpatico chiamava Madre “Pia”? E poteva mai trattare allo stesso modo, era affare per le promesse fatte, ma perché era il “volare basso” nella vita uno che suo e ci avrà pensato, altrimenti non si fratello di mio nonno. Provavo per lui portava il nome di “Falcone” come “il sarebbe espresso con tanta generosità. quello che già provavo per il fratello nostro” don Falcone Lucifero? No che È qui la favola del mio “c’era una dell’altro mio nonno: zio Bruno non poteva; e divenne Ministro volta” iniziale? No. La favola non è qui. Mongiardo (Brunu ‘e gàrgia). Da que- dell’Agricoltura nel primo gabinetto Nella favola c’è qualcosa d’incre- sto lato non sono stato per niente for- Badoglio dopo l’otto settembre del dibile che si avvera, mentre qui, in tunato, perché non ho conosciuto i ’43, e poi diventò primo ministro fondo, con una somma magari consi- miei nonni, chiamati prematuramente della Casa Reale. E quando il Re derevole, lo zio poteva accontentare dal Creatore, ma solo i loro fratelli, ai Umberto II° andò in esilio, consegnò allo stesso modo tutti gli altri nipoti, quali volevo molto bene perché mi a don Falcone il Tesoro della Corona e (come già aveva fatto con la sorella ricordavano il sangue del mio sangue. lo delegò a rappresentarlo in Italia. portandole l’acqua e il gabinetto in Intanto, in bottega, aiutavo mio Che dire, poi, di Giacomo, il disce- casa) guadagnandosi la loro gratitudi- padre che mi affidava le cose più polo che Gesù chiamò “Figlio del ne e l’iscrizione nell’albo d’oro delle leggere, mentre al resto ci pensava lui tuono”? Ci sarà tra noi chi ricorda persone generose. Anche se il fatto e lo faceva senza farsi accorgere, mi l’esuberanza, la vivacità, la voce non rientrava nella categoria del “non risparmiava i lavori pesanti e, a una come saetta dell’insegnante Giacomina sappia la sinistra quello che fa la certa ora, mi diceva di pulire il banco Stillo, femminile di Giacomo “figlio destra”, (come ci insegnava don da lavoro e di andare via, dai miei del tuono”. Sono stato a Santiago de Ciccio all’Oratorio), la cosa si doveva amici, con i quali mi recavo quasi Compostela e, sebbene camuffato da ritenere molto ammirevole. I pochi sempre all’oratorio. Lui continuava a Santiago, altri non è che l’Apostolo giorni che passarono prima del rientro lavorare ancora per un paio d’ore. del Signore Giacomo il maggiore.
  • 8. Pagina 8 ELPIS Quel Giacomo scatta come saetta arrivò al 1968. Sorvolò su quello che dell’orologio a pendolo appeso alla prepotente nell’esuberanza delle sarebbe stato il famoso sessantotto e parete. Quel ticchettio era per me decorazioni di quel Santuario, meta di sui sessantottini. familiare perché a casa abbiamo pellegrinaggi. E non mi voglio Che cosa pensò di fare? sempre avuto l’orologio a pendolo, e inoltrare con altri “Giacomi” del Programmò il mondo in modo da quindi lo sentivo più leggero del paese, citando i quali, salterebbe fuori indurre i responsabili a intitolare a respiro e del battito del cuore. Quei quel “Figlio del tuono” che Gesù San Patrizio quella che doveva essere tic-tac erano apparentemente tutti diede al Discepolo che, però, amava la mia nuova parrocchia. Ecco spiega- uguali, ma se stavi attento, capivi che tanto. Questo per parlare solo di to il perché, finché non andai ad abi- quelli appena sentiti erano diversi da alcuni dei “nostri” nomi. Devo dire tare dove abito, non c’era ancora a quelli in precedenza passati, e che ne che c’era un’eccezione che conferma- annunciavano altri ancora più giovani va la regola: Si tratta di Felice, il e diversi. Posso dire che solo io riu- fratello di Jolanda, mio vicino di casa scivo a distinguere la differenza dei che, contrariamente a quello che dice tic-tac, grazie all’esperienza vissuta in il suo nome, non vidi mai sorridere, casa mia, nelle lunghe notti d’inverno, non lo sentii mai “felice”. quando ogni mezz’ora il pendolo rin- Una mia certezza: sin dalla notte toccava le ore, ed io, sveglio, contavo dei tempi, il Buon Dio pensava a me e quei tic-tac tra una mezz’ora e l’altra. a come avrei preso a cuore il nome di Quei battiti non segnavano solo il Patrizio. Infatti, L’Onnisciente sapeva tempo ma, se vogliamo dirla tutta, mi che sulla terra, a Roma, nell’anno del facevano compagnia ed erano pieni di Signore 1968, avrei definitivamente gratitudine verso me, che ogni setti- cambiato casa andando a vivere in mana gli davo la carica azionando la una zona nuova, appena costruita. chiavetta e gli consentivo di funziona- Girando veloce la manopola program- re. Questo per me, ma per tutti gli matrice della Terra vide quello che altri, i battiti del pendolo dicevano che doveva accadere nel mondo dei Chiesa dei Liguorini il tempo passava inesorabilmente Faraoni, dei Greci e dell’Impero La finestra della sagrestia inducendo a comportamento Cristiano Romano. Andò subito oltre perché (quella quadrata a sinistra) nella vita di tutti i giorni. Pensare tutto riteneva che quelli fossero in grado di questo dentro quella sagrestia non cavarsela da soli. Roma la parrocchia di San Patrizio. E portava a tristezza ma a pace interiore. Arrivò alla scoperta dell’America e dal 1968, sotto la protezione del Santo L’avesse saputo zia Maria Rosa… via via al Rinascimento Italiano. Si d’Irlanda, io vivo. sarebbe venuta lì dentro a pregare. compiacque per quello che doveva Intanto, finirono i giorni di zio E per tornare al signore elegante “creare” Michelangelo nella Cappella Nicola a S. Andrea, e quando partì, della sagrestia: avrei voluto essere Sistina e, quasi, peccò d’invidia perché non fummo molto tristi perché ormai come quelli che portano il cappello, in per un istante gli era sfuggito che dall’America si andava e tornava con modo che, incontrandolo per strada, Lui stesso dava la genialità a più facilità. Chi non riuscì a non non lo avrei salutato col solo semplice Michelangelo. Poi, la manopola gli essere triste fu zia Maria Rosa. Con “buon giorno – buona sera” come indicò Napoleone, esitò un po’ ma lei, posso certamente immaginare tri- facevo con tutti, ma, levandomi il andò oltre. Continuando col dicianno- sti anche i Padri Liguorini, (dove lei si cappello, avrei dato al saluto quella vesimo secolo, vide l’Italia del Sud recava tutti i giorni) perché contagiati nota in più che la persona meritava. posta su un vassoio d’argento che dalla sua tristezza, che contagiò a “Benvenuta Dora, che tu sia benedet- veniva da due braccia donata e da altre catena anche i fedeli assidui frequen- ta”, avrà detto quando gli nacque due ricevuta. Gli piacque che il tatori di quella Chiesa. Come il la figlia che da grande avrebbe scritto “donatore” si chiamasse Giuseppe, signore elegante che ricordo fra tutti il libro dedicato alla Monachella di come “Il Giusto” che doveva essere perché assisteva alle funzioni dalla San Bruno. Padre Putativo del Suo Figliolo Diletto, sagrestia dei Liguorini. Inginocchiato Quel signore era “il Maresciallo” ed ebbe un cenno di moderata appro- non per terra, ma su un inginocchia- (“Marasciallu ‘e Pilucca” veniva vazione quando vide che il ricevente toio, era così assorto, che non osavo simpaticamente chiamato). Samà era aveva un doppio nome, il secondo dei avvicinarmi a lui, in quei momenti, il suo cognome, ma il nome…il nome quali voleva dire “Dio con noi”. per non disturbarlo col mio respiro e credo di non averlo mai saputo. E Si cominciò d’allora a lavorare per col battito del mio cuore, poiché per allora, poiché prima ho detto che il fare gli Italiani, ma vide pure che amore batte più forte, anche se non nome condiziona il comportamento quei lavori erano ancora in corso nel lo fa capire. Questo lo so perché degli uomini, in questo caso il com- ventunesimo secolo. Vide gli orrori l’esperienza mi ha insegnato che quel portamento mi condiziona il nome, e della prima e della seconda guerra battito, a volte è stato inutile, però mai questo non può essere che “Santo”. mondiale e non credette opportuno sprecato, perché voler bene, è un lusso Sì, Santo è un nome abbastanza metterci mano lasciando il tutto al che nessuno ci può togliere. ricorrente nel meridione, e a me piace benedetto libero arbitrio. Vide il Il silenzio di quel dolce ambiente credere che così si chiamasse. boom economico degli anni cinquanta che era la sagrestia dei Liguorini Comunque, sono certo che il suo del ventesimo secolo… e finalmente veniva comunque rotto dal tic-tac nome, qualunque esso sia, non è
  • 9. ELPIS Pagina 9 che conferma la regola come già feci stilare una lettera lunga, non a quelle con “Felice”. condizioni. Scrisse poche righe che Due anni dopo, però, successe volevano dire più o meno questo: qualcosa: il silenzio dello zio fu inter- “Caro zio, volevo da voi una cartoli- rotto da una lettera indirizzata a mio na, un saluto, un pensiero, subito. padre. Zio voleva sapere di quali mac- Avrei voluto che vi foste ricordato di chinari mio padre avesse bisogno, tor- me e della mia famiglia. Siccome nando su quell’argomento che stava questo non lo avete fatto, non voglio ormai sbiadendosi col tempo, come i altro. Rifiuto il dono dei macchinari manifesti dell’ultimo giorno della che mi vorreste fare, non ne ho campagna elettorale, che non interes- bisogno”. E terminò con una specie di sano più e non vengono nemmeno addio per sempre. coperti da altri manifesti o strappati. C’era una volta uno zio d’America Nel corso di quei due anni anche la che voleva regalare ori al nipote, ma radio cambiava musica, e al posto di questi rifiutò perché preferiva saluti e “Vecchio scarpone” e “Vola colomba” affetto, i veri ori, le vere ricchezze. Il mandava in onda quella ventata di nome di quel nipote, pur cominciando gioventù che era, “Aprite le finestre”. con P, non era Patrizio ma Pasquale. Mio padre, calmo e deciso, prese Voci era il suo cognome. carta, penna, astuccio e calamaio, con È qui la favola? Sì. È qui la favola tanto di carta assorbente vicina e si del “c’era una volta” iniziale di questo mise a scrivere in risposta allo zio. Ho racconto. detto calmo e deciso, ma al momento Samà era il suo cognome d’incominciare a scrivere era solo Roma, Giugno 2009 deciso, non calmo. Non ce la faceva a pietro.voci@libero.it seguito da una consonante puntata come in zio Nicola P. ma preceduto da consonante: una S. puntata. Avere gli occhi umidi dall’emozione ricordando talune persone, è bello. Passò qualche giorno da quando lo zio Americano partì dall’aeroporto di Ciampino in Roma. Non più con la nave ma con l’aereo, e questo ci portò a ricevere subito il buon esito del viaggio, del quale era stata avvisata solo zia Maria Rosa. Mio padre, anche lui aspettava una cartolina, un saluto dallo zio che tanto affetto gli aveva dimostrato pochi giorni prima. Zia Maria Rosa intanto passava tutti i giorni davanti casa mia per andare dai Liguorini e, puntuale, ogni dieci giorni ci diceva che zio Nicola aveva scritto e che andava tutto bene. Insomma, zia riceveva notizie Pietro Voci: Sant’Andrea Jonio - panorama con la Chiesa del Santo Patrono rassicuranti quasi settimanalmente ma mio padre niente. E ne passarono di mesi… e mio padre continuava a sudare lavorando pesantemente a mano. Per la verità, il “suo” program- ma continuava regolarmente poiché lo ‘A PAROLA di Francesco Mirarchi aveva già deciso tempo prima che dopo qualche anno i macchinari ‘A parola data adatti li avrebbe comprati, e non vàcia rispettata. parlava mai di quella che aveva tutta Si ti ripìanti da parola data, l’aria di essere una promessa mancata. ti pota jìra bena, cùamu Io, invece, ogni tanto ci pensavo a Nicola Patrizio, al nome che influenza ti pota jìra mala. il comportamento ecc. A causa ‘e st’incògnita Dopo un anno non ci pensai più, parola ‘on da dunàra! relegando il “Patrizio” ad eccezione
  • 10. Pagina 10 ELPIS NI VIDÌMU ARA GIARRA di Armando Vitale Per moltissimo tempo, fu il Prescindendo dal suo valore artistico, deduce e ci auguriamo che non faccia principale toponimo di S. Andrea su cui non osiamo mettere lingua, la fine della “carcara”, altro cimelio Marina. Un luogo per appuntamenti esiste sicuramente un valore affettivo dimenticato o in totale abbandono che certi ed inequivocabili. La Prima che meriterebbe di essere custodito dir si voglia..! che avrebbe potuto fontana pubblica nella quale si con maggiore cura ed attenzione. rappresentare, se ben tenuto, il abbeveravano e vi trovavano ristoro Purtroppo attualmente è “perciata” da monumento storico alle fatiche ed non solo i “marinuati” (abitanti un buco profondo che fa bella mostra alla operosità degli andreolesi di della Marina) ma anche i numerosi di se da oltre un anno, per come evi- un tempo. animali da soma che vi pascolavano denziato dalla foto che segue. Se ne S. Andrea Marina, 1° luglio 2009 nelle marine. Veniva usata anche da Gianni Pirelli, dipendente comunale, per annaffiare le bellissime aiuole di rose e fiori da lui amorevolmente curate su tutto il viale F. Armogida. Un luogo quindi, di incontri tra per- sone con cui scambiarsi le opinioni ed anche quattro chiacchere. In una parola, l’agorà, la prima piazza di Sant’Andrea Marina. Così è ricordata da coloro che la videro sorgere e dagli abitanti pioneri degli anni cin- quanta e sessanta. Miracolosamente scampata all’ul- timo intevento pubblico eseguito su via A. Campagna nella seconda metà degi anni novanta, la fontana, di autore ignoto o in cerca di autore, ha subito, nel tempo, numerose manomissioni e mutilazioni. Tuttavia conserva ancora una sua funzione e, se vogliamo, un suo fascino, se non fosse altro per il fatto che custodisce i segreti di chissà quanti discorsi, quante discussioni, quanti amori. ELEGIA DEGLI EMIGRANTI di Enrico Armogida Erano tristi i tempi del passato: Ma nel silenzio religioso della sera le famiglie eran “ricche di sangue”, la memoria degli affetti era sempre tenace ma il lavoro spesso mancava. e rivivevan tante pene segrete. Perciò, un giorno, come rondini a sera, Allora un mesto pensiero migrammo verso mondi ignoti. si univa a una preghiera, Recisi, si spensero i vincoli più sacri, e ci sorprendevamo e nacquero altre vite... d’essere ancor legati alle “radici”.
  • 11. ELPIS Pagina 11 PASQUINALE DOVE TROVARE ELPIS CHIOSCO BAR NESTICÒ Versi in romanesco Piazza Berlinguer di Paolo Mongiardo BAR PIANCASTELLO Via Arc.Mongiardo UN CASO DE GIUSTIZZIA MAGAZZINI LIJOI Corso Umberto I Un omo timorato da’ giustizzia CAFFÉ DEL CORSO vide quarcosa de poco pulito Corso Umberto I e annò dritto dritto a dar notizia indove credeva d’esse’ gradito. ALIMENTARI COSENTINO Corso Umberto I “Che v’ha spinto a venì qua da noi?” - EDICOLA NESTICÒ je chiese er quisturino prevenuto - Via Regina Elena “c’é forse quarche cosa che riguarda voi BAR VARANO e credete che ve damo er benvenuto?” Via Cassiodoro “Nun cercate le notizzie de reato ALIMENTARI D’ALÒ Via Trieste p’ er fa che sempre trionfi la giustizzia?” - je disse er cittadin civilizzato - Gran Bazar - Edicola ”nun perseguite li casi de nequizzia?” FRANCO E RITA Via Aldo Moro Er quisturino a lui: “Chi denunzzia un caso EDICOLA DANTE BETRÒ spesso se scopre che puro lui è inguaiato; Via Nazionale ma sete sicuro ch’ avete avuto naso PARRUCHIERE EMANUELE o quer che dite ve lo sete inventato?” Via Nazionale “Ho udito e visto con li propi occhi JOLLY BLUE BAR er passaggio d’un pacco assai sospetto, Via Nazionale ma voi pensate a famme li malocchi TABACCHI DANTE BETRÒ invece de core’ da queli a prenneli de petto”. Via Nazionale BAR SANT’ANDREA Er quisturino p’er raccorciar li tempi, in un lampo, Via Nazionale dato ch’ un semprice cristiano nun valesse un corno, sapete ch’ idea genial fu messa in campo? BAR SPORT Tanto pe’ comincià’, lo fermorno e l’ arrestorno. Via Nazionale MACELLERIA VARANO LA REDAZIONE INFORMA Davoli Marina A partire dal numero scorso ELPIS è disponibile anche in formato PDF BAR MARTELLI per la trasmissione via e.mail. Argusto Chiunque lo volesse ricevere può richiederlo al nostro indirizzo di posta: elpiszerouno@virgilio.it ENOTECA FRUSTAGLI Via Acqua Bullicante, 249 - Roma
  • 12. Pagina 12 ELPIS SÙARMA Racconto di Beppe Calabretta «Mo’» tutti mi chiedono «e battenti: «Si mi spuajju, riastu nudu» e vacche stava cacando (si può dire?) e lì suàrma.» Come, hai una sorella? Sì, ho lei facendo spallucce: «Chi ti frica, si infranse in una schizofrenia di gesti una sorella, perché? Beh, non ne hai simu suli». “Ma tu si fimmana”, dice- il quadro fino ad allora tranquillo. mai parlato. E allora? Neanche di mio vano i miei occhi muti e lei capì e “Fràtamma” gonfiò il suo scoppiettio fratello ho parlato. Neanche di mia lasciandomi per un attimo si sfilò il suo in un rombar di tuono e partì a razzo madre e di mio padre ho parlato, vuol vestitino a fiori azzurri e girandosi me scomparendo d’un fiato oltre il carro; dire che non ho padre, che non ho lo porse e io sotto la coperta mi spogliai “suàrma” si bloccò, invece, proprio di madre? Che c’entra, un padre e una e me lo infilai e lei si rigirò e: «Oh, fianco al carro e si tese sulla punta di madre uno ce l’ha per forza. E chi l’ha cuamu ti stacia, para u tua» e tutti e due un piede e il braccio in alto a rubare un detto? Ne conosco tanti io che non scoppiare a ridere e rincorrerci, lei in grappolo di uva; la mia palletta hanno né padre né madre. Orfani di sottoveste e io col suo vestitino da rimbalzò male e mi sfuggì rotolando guerra e di malaria, figli di N.N. Ne donna e sotto nudo. veloce verso il tombino. Io la seguii conosco tanti io. Sì, va be’, però non Un’altra volta sono stato io a sal- d’istinto, ma con la coda dell’occhio divagare, vogliamo sapere di tua varle un piede. Fu alla fine di un’estate vidi lo schiocco della frusta del carret- sorella, com’è, dov’è, che fa? tiere mentre ancora nella pupilla avevo «Suàrma, suàrma...» il piede di lei davanti alla grande ruota Me la ricordo con le treccine col cerchione di ferro. Allora abbando- bionde e gli occhi celesti e scintillanti, nai la palletta al suo destino, con uno scontrosa con tutti, gentile solo con me. scarto deviai e le fui subito addosso, Forse perché ero il solo a dirle che era con un braccio sotto le ascelle la trassi bella. Ed era bella davvero agli occhi a me dicendole: «Scanzati, Catarì, ca ti miei. Ma lei era convinta di essere brut- mpitta u peda» e feci appena in tempo tina. Capita a tutti a quell’età. Anche a che proprio in quell’istante il carro si me. Ma io ero un uomo. Oddio un mosse ed era tanto carico che le sue uomo, ero bambino a quel tempo, però, ruote lasciarono l’impronta. Lei si girò insomma, ero maschio e per i maschi si ansante e mi guardò negli occhi coi sa non conta la bellezza. Basta non suoi sgranati, ma non mi disse niente, essere brutti brutti. Ma le donne? Le solo mi abbracciò stretto stretto e poi si donne se non sono belle che donne sciolse riprendendo il cammino a testa sono? E lei, ancora bambina, soffriva bassa. Quella volta non ci furono scop- perché era convinta di essere bruttina. pi di risa. Sentivamo in quel momento Me la ricordo una volta inginoc- che la vita ci era cresciuta dentro e che chiata su una “gurna” che immobile si calda e lunga. Nuvole bianche grandi e qualcosa tra di noi era cambiato. Per la specchiava e poi d’improvviso con la rade davano al cielo un che di morbido prima volta mi accorsi che la mia forza manina a pugno chiuso dare due e di mosso e frangevano il sole in fasci fisica aveva rotto l’equilibrio e che ora cazzotti all’acqua a spezzar la sua di luce. Non si vedeva più il pulviscolo avrei potuto facilmente vincerla in uno immagine ed io, con un balzo a fianco sospeso della calura. Nell’aria si respi- di quei corpo a corpo che avevamo a lei, stringerle il polso, carezzarle la rava già l’odore fresco dell’autunno e sempre concluso in parità. Inoltre, fronte, sussurrarle con voce calma e noi camminavamo in tre lungo i margi- ghermendola dal carro, avevo sentito ferma: «On fara accussì, on fara accus- ni stopposi della statale. Davanti a me contro il braccio la durezza morbida sì ca s’incunu ti vida, ti pijja pe’ pac- “fràtamma” col suo “rollo” di canna e dei batuffoli che stavano crescendo sul cia» e tutti e due perdere l’equilibrio e ruote di arance verdi spernacchiando suo petto. Insomma io stavo diventan- rotolare nell’acqua e poi alzarci riden- con la bocca il rombo di una moto; in do ragazzo e lei ragazza. Non avremmo do e con piedi e mani schizzarci addos- mezzo lei che imitava a saltelli il gioco potuto più giocare come prima. so. Per fortuna che era estate. Ma del “permesso” (o “passetto”?), ultimo Infatti giocammo ancora ma, sia un’altra volta no, era inverno e io io, che con una mano sola rimbalzavo pur sempre gentili tra di noi, ci scivolai “nta fiumara” e ancora non mi una palletta di gomma sull’asfalto. mettemo quel poco di furbizia e di rendevo conto di come era successo e Ognuno col suo gioco e perso in chissà superbia che serve a ognuno per vince- già ero intirizzito e livido, e lei lesta mi quali pensieri. Tutti e tre scalzi con i re sull’altro senza più quello sciogliersi allungò una mano e mi aiutò a uscire e sandali penzoloni dalla mano, eravamo improvviso che lascia indefinito un poi sempre lesta, a balzi come una a spasso, in quell’ora strana e mite tra gioco per cominciarne subito un altro. capretta, correre correre fino a non so la fine dei compiti di scuola e l’arrivo Eravamo al mare un giorno. dove e ritornare con una coperta e dei genitori dalla marina. All’alba il sole era spuntato rosso di coprirmi e stringermi e dirmi: «spojjati Poi giungemmo di fianco a un carro fuoco come in un tramonto e alle Pe’, ca ti pijji na pormuniti» e io a denti carico di uva, fermo perché una delle undici il caldo si palpava.
  • 13. ELPIS Pagina 13 Papà aveva comprato un cocomero alla pari. Non avevamo più neanche la ultime tremende fette, sotterrandola e grosso e lungo che sarà stato dodici o forza di sospirare e stavo per abbando- mangiucchiando il fondo delle scorze tredici chili e scherzando ci disse: “Si nare quando lei ebbe un guizzo negli per darle a intendere che le avevo vi fiditi u vu mangiati tutto, vi dugnu occhi come di chi si ricorda qualcosa mangiate io. Ma lo sguardo sornione di ciantu liri l’unu». “Fràtamma” scosse all’improvviso e alzandosi disse: papà lasciò l’intento a livello di pensie- la testa: «Io on sugnu pacciu» disse e se «Aspetta nu minutu, c’ aiu u fazzu na ro e rimasi lì ad aspettare con la pancia ne andò a giocare a carte coi suoi cosa» e scomparve dietro la baracca. che si gonfiava sempre più e diventava amici. Noi, invece, anche se in due tesa come la pelle di un tamburo. l’impresa era più ardua, ci affrettammo Finalmente tornò e mentre io entra- alla sfida. Spaccato il cocomero e vo quasi in coma con le viscere che mi tagliatolo a fette stabilimmo: «Cu scoppiavano, lei invece appariva giuli- vincia, si pijja tutti i sordi.» va e piatta, negli occhi una malizia Nostra madre si preoccupò come di chi ne aveva combinata una e conoscendoci, ma papà invece disse: sedendosi cominciò la sua fetta svelta e «Tantu acqua è, cuamu trasa nescia» calma come fosse ancora la prima. e ci diede il via. La mia non tentai neanche di Le prime fette le mangiammo con prenderla in mano e vinse lei. Solo gusto ed eleganza togliendo con la dopo aver intascato i soldi confessò punta del coltello i semi neri. Poi nella ch’era andata a vuotarsi la vescica. fregola di superarci le divorammo Non è che me la presi, perché direttamente con la bocca sputando i non c’era malanimo tra noi e perché altre semi e se anche ci veniva voglia di volte avevo vinto io con la forza o ridere di fronte a quello sputa sputa ci l’astuzia. Ma rise solo lei e io compresi trattenemmo per tema che l’uno appro- Mi sentivo pieno come un uovo ch’era finito quel tempo in cui avremmo fittasse di una pausa dell’altro. Intanto sodo, un senso di nausea incipiente in lasciato le ultime due fette, magari ci rendevamo conto di quanto difficile gola, le guance appiccicose, eppure lo attratti da un gioco più allettante, come fosse l’impresa. Comunque arrivammo stesso mi passò per la mente l’idea di sputarci addosso i semi e poi rincorrerci alle ultime due fette ed eravamo ancora fregarla, tagliando la polpa di quelle due e azzuffarci fino a finire in mare. LINA E MARIA GRAZIA: INSIEME Si è tenuta dal 9 al 17 maggio a Villa Vogel (Firenze) la mostra d’arte antica e contemporanea “INSIEME” della nostra amica Lina Moretti Nesticò e della sorella Maria Grazia Moretti (nella foto in basso). La mostra è stata presentata dai critici Giampaolo Trotta e Miriam Parrìcchi, alla presenza del presidente del quartiere 4 del Comune di Firenze Giuseppe D’Eugenio. Lina ha ripercorso alcune pagine della psicologa Clarissa Pinkola Estès, che nel volume “Donne che corrono con i lupi” (1992) aveva estrapolato dalle fiabe popolari alcuni archetipi di tipologie femminili interpretandoli in un’analisi psicoanalitica. Maria Grazia ha proposto invece una selezione di 40 opere che raffigurano immagini di santi o personaggi divini. Tra di esse spiccano la splendida Icònostasi (ispirata alle icòne di Rublev) le icòne della Vergine Maria, la Maestà del Cristo Salvatore, e poi santi, angeli e profeti. Ci congratuliamo viva- mente con le due arti- ste sperando di potere offrire, nei prossimi numeri, una sintesi più ampia dell’importante evento. (la breve sintesi proposta è stata realizzata con le notizie attinte dai servizi pubblicati in “Incontri con l’Arte” dell’8 maggio 2009) La locandina della mostra Lina Moretti Nesticò e Maria Grazia Moretti
  • 14. Pagina 14 ELPIS ETYMON dal “Dizionario Andreolese-Italiano” di Enrico Armogida Vinu (s. m.) = vino - Sin.: Acquàta - Fr.: Vinu russu o jàncu = vino rosso o bianco (cioè di uva nera o bianca) - Vinu nùavu o vvìacchju = vino nuovo (d’annata) o invecchiato (e conservato nelle damigiane in cantina) - Vinu strapùntu o strapuntà- tu = vino che tende a guastarsi (assumendo un sapore acidulo) - Vinu ‘e ricìna = vino di uva, genuino - Vinu ‘e vastùni = vino miscelato, manipolato, artefatto - ‘On è né vinu né acitu = è un miscuglio ibrido, che non sa né di vino né di aceto - Mbumbulèdd!a, cannàta, bicchìari d’o vinu = recipiente, caraffa, bicchiere per il vino - Vinu ‘e Niforìu, ‘e Lipajjàra, ‘e Tralò, ! de’ Vombacàti, ‘e Sadd!àda, ‘e Martà = vino ottimo, di uva prodotta nelle soleggiate colline di Niforio, Lipagliari, Tralò, ! Vombacati, Sellada e Martà - Facìmuni nu bicchìari ‘e vinu = beviamo insieme un bicchier di vino (espressione usuale tra amici nelle visite domestiche, nelle bettole o nelle casette rurali) - Acqua e bbìnu = vino annacquato, diluito con acqua (si dava talora ai bambini) - Viviti nu biccherìadd!u d’acqua e bbinu, ca t’asciùchi i sudùri = bevi un bicchier di vino diluito, ! leggero, ché ti si asciuga il sudore - Detti: P’o vìacchju, vinu; latta p’o bambìnu = per il vecchio occorre vino, per il bambino latte - Vinu, sozzìzzu e ppana: ‘o mpò morìra nu cristiànu = (se possiede) vino, salsiccia e pane, è impossibile che una persona muoia - Vinu vìacchju e ùajju nùavu = il vino invecchiato è buono come l’olio d’annata (invece, l’olio vecchio di qualche anno un tempo “si sentiva alla gola” per qualche grado di acidità, in quanto i frantoi non eran muniti ancora di “separatori” centrifuganti e al fondo dei recipienti rimaneva come residuo parecchia morchia, che col tempo deteriorava il prodotto) - U vinu è ssalùti (papà) = il vino è salutifero, è fonte di salute - U vinu è llàgrima ‘e Cristu = il vino è prezioso (come il sangue di Cristo) - Provv.: A ccu’ ti duna u sula d’agùstu, tu hai u l ‘u rìandi a jjannàru; e a ccu ‘ ti duna nu variddu ‘e mustu, hai u l’u tùarni ‘e vinu chjàru = a chi ti regala il sole in estate (= periodo di abbondanza), tu ! ! devi restituirlo in inverno (= periodo di scarsità); e a chi ti regala un barile di mosto, tu devi restituirne uno di vino già buono; cioè il favore va reso al momento del bisogno e dev’essere superiore a quello ricevuto - A cumpagnìa ti fa cuntìantu, u vinu ti fa fforta, ‘a fimmana ti fa ffessu = la compagnia ti rende allegro, il vino ti rende forte, la donna ti rende scemo - A ssantu Martìnu (11 nov.) ogni mustu è vvinu = per san Martino ogni mosto è vino (e, perciò, si può bere) - Catàrru?... Vinu cur’u carru = Vuoi vincere il raffreddore? Tracanna vino in abbondanza - Fijjùali fimmini e ggutti ‘e vinu cacciatili quantu primu = delle figlie femmine (come del vino della botte) occorre sbarazzarsi appena possibile (se rimangono a lungo in casa, posson perdere il loro fascino giovanile e rimanere nubili [= inutilizzate] per sempre) - Òmani ‘e vinu cìantu a carrìnu = lavoratori ubriaconi ne trovi quanti ne vuoi con poca spesa (1 carlino = moneta di scarso valore, che corrispondeva a 110 di ducato) - Quandu la gutti mia currìa vinu, tutti l’amici mia currìanu dd!à; mo’ chi lla gutti mia non cuna cchjù, ! tutti l ‘amici mia s ‘alluntanàru = quando la botte di vino scorreva, tutti gli amici miei accorrevan qua; or che la botte mia non scorre più, tutti gli amici miei sono scomparsi (vedi: L’amìcu tipo’ vvìdara quand’hai...: detto di sapore pessimistico, volto a rilevare come l’amicizia per lo più sia interessata) - Potighàru avanti ‘a porta (var.: quandu u potighàru è avànti ‘a porta), u vinu è acìtu = se il bettoliere sta a riposo, davanti alla porta (della bottega), è segno che non ci sono avventori, perché il suo vino non è buono - Si bbùa u vàcia ‘a casa avànti, pana tùastu e vvinu spuntu = se vuoi che la casa progredisca, (devi nutrirti di) pane duro e vino strapunto, cioè devi far risparmio sul cibo - U bùanu vinu fin’ar’a fezza, ‘a bona rrobba fin’ar’a pezza, ‘a bbona fimmana fin ‘a cchi mbècchja = il vino buono rimane inalterato fino all’ultima goccia, il buon vestito fino al rammendo, la donna onesta fino alla vecchiaia - U mìajju vinu si ficia acìtu = il miglior vino diventa spesso aceto - U vinu bùanu, fin’ar’a fezza; l’ùamu malu, fin’ar’a morta = il vino buono rimane tale fino alla feccia; l’uomo malvagio fino alla morte - U vinu, cchjù mbècchja, cchjù è bbùanu = il vino, più invecchia, più diventa buono - Canzone per la mietitura: Meta, cumpàgnu, meta allègrucòra, ca cullu vinu si meta lu ranu; cull ‘acqua macinànnu lu mulìnu = mieti, compagno, mieti allegramente, ché col vino si miete il grano; con l’acqua si aziona il mulino - Inno al vino: Si’ ssangu, si’ vvita, ti pìanzu ogni jùarnu, si’ ggiòja ncarnàta, ti ggiru ntùarnu; pe nna nzurcàta io vàju e vvìagnu e ssempa a ttìa tùarnu; si’ rrussu o jàncu, allìagru cantu, cu ttia ar’u jhàncu... M’asciucàsti quand’era sudàtu, mi dunàsti sempa allegrìa, mi scarfàsti quand’era njelàtu, mi tenìsti cumpagnìa, mi sullevàsti s’affatigàtu, mi carricàsti d’energia (Sig. Carioti) = Sei sangue, sei vita, ti penso ogni giorno; sei gioia incarnata, ti giro dintorno: per un sorso, vado e vengo, ma sempre a te torno; sia rosso o bianco, canto festoso, sempre al tuo fianco ... M’hai terso il sudore quand’ero sudato, mi hai infuso sempre tanta allegria, m’hai scaldato quand’ero gelato, m’hai tenuto compagnia, m’hai rinfrancato se affaticato, m’hai caricato d’energia - Postilla critica - Tali versi sono carichi di una particolare energia - oltre che di una certa sensualità idolatrica per il vino - e, quasi con la stessa intensità e incisività, richiamano quelli che il grande Plauto in una sua commedia mette in bocca ad una vecchia mezzana (v. Curtulio, vv. 98-103 - trad. Monaco): “Ti saluto, anima mia, seduzione di Bacco. Come sono bramosa di te vecchio, io vecchia! L’effluvio di tutti i profumi è puzza di sentina a confronto col tuo; tu per me sei mirra, tu cannella, tu rosa, tu sei olio di zafferano ed erba di lavanda, tu essenza di fieno greco; dove sei stato versato tu, lì io vorrei tanto star sepolta ...” - Iscrizione pop.: E mmo’ chi tti vivìsti u vinu d’a casèdd!a, abbùzzati a ‘sta ceramèdd!a, o Benedìttu = ed ora che hai esaurito il vino della casetta ! ! rurale, attaccati a questa ciannamella, o Benedetto (detto icastico, a valenza sia orale che mimetico-gestuale) - Cred. pop.: Ervicèdd!a ‘e santu Martìnu, càcciami sangu e mmèntami vinu = erbetta di S. Martino (= setaria), levami sangue e ! mettimi vino (Tali versetti li recitavano i ragazzi, dopo aver inserito nel naso un rametto di tale erba, nella convinzione di poter sentire il piacere inebriante dell’alcool) - Alter.: Vinèllu (dim., con val. dispr.) - Deriv.: Vigna; Vignàla; Vinàzza; Vinazzàta; Vindìgna; Vindignàra; Avvinazzàtu; Sbignàra; Sbindignàra.
  • 15. ELPIS Pagina 15 ARCHIVIO STORICO DELIBERAZIONE COMUNALE DEL 1865 Il ladroneccio, si sa, esiste da sempre sul pianeta terra e forse anche oltre. Talune volte, però, le piccole ruberie avvengono per vero e proprio bisogno, soprattutto una volta, quando si campava di olive salate, castagne, fichi secchi, ecc. È accaduto da noi, nell’ ‘800, che un gruppo di paesani rimediava come poteva il pasto quotidiano, rubacchiando il neces- sario nelle campagne. In una delibera Comunale del 1865, ecco come venivano trattati e considerati i piccoli ladruncoli: “L’anno 1865 il giorno 15 ottobre in assicurate tutte le rendite dei proprieta- costoro le misure del domicilio coatto, e Santandrea al Jonio il consiglio ri, ha dichiarato che i veri ladri e non solo, ma benignarsi disporre provvi- Municipale del Comune suddetto nocivi di predetto Comune sono i soriamente che i medesimi venissero essendosi riunito in sessione ordinaria di seguenti in tutti i riflessi. ristretti nel carcere mandamentale di autunno e sotto presidenza del signor 1° - Giuseppe Papaleo Davoli fino alla totale raccolta degli Parise Paolo funzionante da Sindaco, 2° - Nicola Mongiardo ulive onde così cessare i furti ed i giusti il medesimo ha proposto che atteso 3° - Andrea Lijoi reclami di questi proprietari. tanti clamori di tutti i naturali di questo 4° - Bruno Calabretta E si sono sottoscritti: medesimo Comune, relativamente ai furti 5° - Giuseppe Stillo Paolo Parise che continuamente si commettono nei 6° - Andrea Andracchio Giuseppe Antonio Lijoi Consigliere fondi dei proprietari vi necessitava un 7° - Andrea Arena …(?) Bruno Maria Stillo ” mezzo onde venir soppresso un tale 8° - Angelo Mirarci Bruno Nesticò ” abuso. Perlocché ha proposto al Consiglio 9° - Nicola Stillo Nicola Mongiardo ” che venissero dettagliate le persone che 10° - Giuseppe Mazzotta Pietro Domenico Corapi ” realmente sono veri ladri, come vagabon- 11° - Bruno Nesticò Saverio Calabretta ” di, oziosi e nocivi al pubblico. 12° - Andrea Mazzotta Paolo Dominijanni ” Il Consiglio intesa la proposta di Pietro Voci ” esso Sig. Sindaco, conoscendo vera- ed all’unanimità deliberando fa’ norma- Francesco Saverio Jannone ” mente essere ottima la sua proposta, le istanza e prega l’autorità del Signor Giuseppe Dominijanni ” anzi necessaria, onde così venire Prefetto benignarsi promuovere contro Bruno Calabretta ”
  • 16. Pagina 16 ELPIS CU’ POTA E CCU’ NON POTA... di Enrico Armogida Ricordo ancora chiaramente, viaggi], o in forma assoluta, intransi- pugni chiusi, paziente come un bove, quasi fosse ieri, tanti spensierati tiva, col significato di aver la ostinato come un mulo”, alla fine ci pomeriggi di giornate adolescenziali forza, la capacità o la possibilità riesce e bene, ottenendo dal maestro (festive o prefestive, invernali o [Fr.: Fatìga cu’ pota; ’O nda potìmu un pubblico elogio (Bravo!), perché estive) trascorsi - sul finire degli anni cchjùi], a volte, invece, - e più “chi la dura, la vince”. 1 ’50 o l’inizio degli anni ’60 - con cari spesso - era usato col valore servile Ma ancor più orgogliosi si era amici (come Alfonso, Salvatore, di potere, che naturalmente assume- dell’“avìra”, perché l’avìra ti fa Cicciarìadd!u u jèmudd!u) a fare in ! ! va il suo significato dall’infinito sapìra, cioè la cultura, (che era - e coppia le nostre lunghe e piacevoli che reggeva [Fr.: Teh, cummàra, pe rimane tuttora - un grosso potere in partite a carte su un tavolinetto a ddomàna non pùazzu venìra]. mano ad alcune categorie!) è legata a 4 sedie posto all’aria aperta, quello che uno possiede, sicchè il all’esterno del Bar dei Prìncipi, sapere è proporzionato all’avere e il lungo Piazza Castello, e attorniato saper fare alla quantità dei beni pos- quasi sempre da curiosi avventori, seduti: perciò, cu’ cchjù sapa, cchjù che, sbirciando le carte dalle spalle vala e c’u sapìra fara e ccull’eco- dei vari giocatori, si davan poi tante nomìa si mantèna ’a signorìa, cioè volte l’aria profetica di “esperti” o di con l’industriosità e col risparmio si “saggi” consiglieri o commentatori. mantiene la nobiltà - E si commisera- Tali partite, che si concludevano va chi - ed eran tanti...! - non aveva quasi sempre all’imbrunire del Il centrale Bar de’ Principi o Voci, alcun bene e - di conseguenza - non giorno con la consumazione di una lungo Piazza Castello. aveva alcun potere (Amàru cu’ ’on frizzante gassosa o di un fresco ava e ttintu cu’ ’on pota): gelato, si avviavano talora alla fine In senso intransitivo il termine Anzi, nella II metà dell’Ottocento, con esito incerto; sicchè ciascuna potìra era sinonimo di “forza, il rev. cosentino Vincenzo Padula delle parti, per arrivare all’agognata capacità, possibilità”, contrapposto (Acri 1819-93), uomo di vasta e vittoria, si dava spesso coraggio a “debolezza, impossibilità, incapa- profonda cultura oltre che di grande esaltando (o fingendo di esaltare) a cità”, ed era a volte associato sensibilità umana e sociale, in una voce alta l’abilità strategica messa in (in funzione completiva) a “fara”, amara quanto realistica novella arri- atto (Ccà vìncia cu’ sapa!) o, più [Fr.: Cu’ pota, fàcia; cu’ sapa, dìcia vava alla paradossale conclusione ancora, il valore delle carte possedu- = Chi può opera, chi sa parla], spes- che la vocale “a” alfabeticamente si te (“Ccà vìncia cu’ pota!). so anche a “volìra”, ma, soprattutto, trova prima della “e”, perché “chi à, Si era orgogliosi soprattutto di ad “avìra”. è; chi non à, non è”. “potìra”, un verbo che, nel nostro “Volìra è potìra” si diceva una Questa convinzione, divenuta nel dialetto, segnava la discriminante volta con convinzione e orgoglio; e tempo sempre più diffusa, correva il fra 2 grandi categorie della gente si esaltava la “volontà” quasi fosse rischio di trasformarsi in una forma paesana: da una parte i ricchi e i una specie di agente occulto, una di palese ingiustizia sociale, causata benestanti (cu’ pota) e dall’altra i qualità positiva di natura mentale, spesso da motivazioni di fortuite poveri i nullatenenti e gli handicap- che provocava i nostri comporta- origini familiari (nobiliari, borghesi pati (cu’ non pota), e generalmente menti e che risultava azionabile dal o contadine), sicchè trovò presto si ritenevano fortunati i primi singolo individuo come una specie di negli strati popolari un possente (Mbiàtu cu’ pota) e commiserandi i telecomando. E ava na volontà ’e argine in alcuni proverbi popolari, secondi (Tintu cu’ ’on pota). fìarru, si diceva di uno studente, che, che invitavano a star guardinghi dai Tale verbo assumeva un tempo pur non avendo brillanti capacità, palazzi signorili (v. A ppùarti larghi, funzioni varie, perché a volte era anzi benché fosse “duro di compren- fatti arràsu = sta’ lontano dai palazzi usato con valore predicativo (in donio”, un vero “testone”, suppliva nobiliari - opp. Duva ’a porta è llar- forma transitiva, col significato di con un impegno sovrumano ai ga, trasa ’e cùazzu = in una casa che reggere, riuscire a portare [Fr.: Ih u suoi limiti congeniti, sì da colmarli ha un portone signorile, entra di stri- pùa ’su sportùni? - Sì c’o pùazzu, abbondantemente. L’alunno Stardi scio), perché in tante case contrasse- ma’! - Detto icastico e commiseran- del Cuore di De Amicis è divenuto gnate da stemmi araldici e maestosi te (di persona malridotta): ’On pota nel recente passato la personificazio- portali granitici artigianalmente l’ànima a ddu’ viàggi = È così ne del ragazzo che, studiando “di lavorati la ricchezza era più maliosa fiaccoa che non riesce a trasportare giorno, di notte, a casa, in iscuola, a apparenza che effettiva realtà (Duva la sua anima neppure facendo due passeggio, coi denti stretti e coi ti para vìdara ca lu gràssu spanda,
  • 17. ELPIS Pagina 17 a mmalipìna lu càvulu si cunda), e in della mano destra sotto il palmo violenze e che spingeva un benestan- vari detti che tutti iniziavano con l’e- aperto della mano sinistra - come te a rivolgere alla Madonna queste spressione impersonale ’On pua diceva la buonanima del dott. sadiche parole: “Chjòva, Madònna opp.’On si po’... D’Amica) che l’interessato è al mìa, chjòva pe nn’annu, mu mi li I beni, in realtà, sono transitori e sicuro da ogni evento e non sarà mai màngiu tri ppani lu jòrnu: unu la legati spesso al vento mutevole della sorpreso e colpito da una improvvisa sira, unu lu matìnu e nn’atru quan- fortuna, quando non alla disonestà e e violenta burrasca (’On pùa dira: du sona mezzijòrnu, pur sapendo al dolo personale. Perciò, nella “Ccà ssutta (var.: sutta ’sta manu) che la pioggia prolungata, per tanta forma impersonale, che riguarda ’on chjòva”); oppure disprezzare manovalanza contadina che viveva a indistintamente tutti, e nel tempo del della roba amaramente sudata - per giornata, significava condanna presente “astorico”, che permette quanto cruda o guasta -, dicendo forzata al riposo e, perciò, alla fame di enunciare come “attuali” verità sprezzantemente “’E chist’acqua ’o per sé e per l’intera famiglia. “eterne”, si esprimevano nella forma nda vivu”: si potrebbe essere Pòvari chidd!i chi ssu’ suli! suo- ! negativa propria del” divieto mora- necessitati a farlo da lunga siccità o nava un detto; ma più frequentemen- le” garbate nozioni di buonsenso: carestia naturale; te Pòvari i pòvari! recitava un altro, non si può fare una lite per ogni e, nonostante tutta la buona con una efficace tautologia apparen- nonnulla (’On pùa pigghjàra tutti volontà, non si può fare l’impossibi- temente insignificante, in cui però il i pìatri ’e punta): in ogni caso ci le, come la moltiplicazione dei pani e primo termine ha valore figurato (= vuole capacità di discernimento e di dei pesci operata da Gesù in favore infelici, disgraziati, miserandi) e il tolleranza; della folla affamata (’On pùa fara ’e secondo valore proprio (= persone non si possono affidare tutti gli pìatri pana), né fare progetti superio- sprovviste di beni, costrette spesso a oneri ad una sola persona: essi vanno ri alle proprie forze e possibilità (’On viver di elemosina), anche se il pove- adeguatamente ripartiti e ciascuno pùa fara u passu cchjù lùangu [var.: ro si era per lo più rassegnato alla sua deve assumersi la parte che gli spet- randa] d’a gamba): ogni cosa va triste condizione e talora trovava ta o che gli compete, perché ’on si commisurata e rapportata alla “realtà addirittura la forza di raccomandare po’ mpendìra tuttu a nnu chjùavu; effettuale delle cose”. al Signore i ricchi (- è il colmo! -) non si può pretendere di ottenere Tali detti richiamano tutti alla con questa accorata preghiera: una cosa senza mettere in atto i coscienza e al senso della fragilità e Signùri mìu, provìda i provvidùti, ca mezzi adeguati (’On pùa volìra del limite che accomuna ogni uomo, i pòvari su’ mparàti (= Signore mio, [var.: avìra] linu e cculu cardu); ciascun uomo, e condannano l’alteri- aiuta il ricco ad affrontare i tremendi non si può nascondere con le gia, l’arroganza, la boria, la strafot- momenti di bisogno, poiché il parole una verità palese, come ’on si tenza e la sprezzante tracotanza di povero è avvezzo da sempre). po’ accoppàra u sula c’u maccatùri tanta gente, che talora si manifestava (16 luglio ’09). (Badolato); variamente in sfarzo appariscente, in non si può pensare e asserire con presunzione verbale, in paternalismo 1 v. Edm. De Amicis: Cuore - Einaudi, tronfia sicumera (mettendo l’indice populistico, in raggiri soprusi o 1972: La volontà - pgg.102-04. SCARABOCCHI Una vecchietta scalza, bianca di capelli e vestita tutta di nero venne sulla porta della mia sala giochi, mi chiamò tendendo la sua mano tutta solchi ma pulita, perché le dessi qualcosa, cento-duecento lire diceva che le sarebbero bastate. Le misi sul palmo della mano cinquecento lire e la vidi sorridere. Quel nero che portava addosso era il segno del lutto che le nostre donne calabresi d’una certa età non levano mai, esse se lo portano fino alla tomba. I cimiteri della provincia di Reggio Calabria, pensai, sono pieni di giovani morti, e forse lei ne aveva alcuni... Quella minuta vecchietta mi accarezzò la mano, e prima di andarsene mi disse: “Giovanottino avrai fortuna, ma devi stare sempre dentro l’onestà, con gente che ti vuole veramente bene, e sta’ attento ai soldi che non sono sudati, non toccare mai un coltello, una pistola, non urtare nessuno, non scegliere corte strade per la tua felicità, pensa mille volte prima di fare una cosa e spòsati, quando sarà ora, una donna onesta, anche povera, ma onesta”. Guardandola, mentre se ne andava, pensai che i suoi consigli erano buoni.
  • 18. Pagina 18 ELPIS IL PREMIO LETTERARIO DI RINNOVA di Salvatore Mongiardo PREMIO LETTERARIO Paliaddhu, Cenzuddhu ecc.: scrivete La manifestazione di premiazione SANT’ANDREA tutto quello che ricordate o che i si svolgerà nella serata del 13 agosto vostri vecchi ricordano. Nessuno deve 2009 presso il Chiostro delle Suore 10° EDIZIONE pensare che vogliamo deridere Riparatrici nel Centro Storico del qualcuno, anzi, desideriamo ricordare paese. La Pro Loco Sant’Andrea ha deci- con affetto personaggi che hanno La giuria composta da: Salvatore so di rivolgere gli sforzi e l’attenzione segnato la nostra storia. Mongiardo (presidente); Filippo alla cultura andreolese che è come una miniera ancora in gran parte da Esempi: sogno premonitore era il Veltri; Ida Dominijanni; Antonio valorizzare. A questo fine bandisce fuoco che bruciava verso la casa dove Seracini; Antonio De Stefano la decima edizione con due premi poi succedeva una disgrazia; anime (Segretario), assegnerà i premi che distinti: del Purgatorio che si vedevano e consisteranno in trofei d’argento. ricordavano di avere bisogno di Condurrà la serata: Francesco 1 premio unico per una breve suffraggio; il ritrovamento del vitello Ranieri (Giornalista). poesia lirica inedita in lingua italiana, d’oro,che però scompariva appena lo riguardante in qualunque modo il Si prega per ogni racconto di si nominava; l’eremita che morì nella nostro paese, nel presente o nel specificare il nome e un recapito grotta e se ne accorsero perché non passato, nel vissuto o nel ricordo. della fonte di informazioni con la data aveva ritirato il cibo per giorni; u 1 premio unico per poesia in di nascita e di morte se avvenuta. lupuminariu; la notte del 1940 quando dialetto di autori anonimi del Per esempio, questo lo raccontava mia comparve nel cielo del paese la trave passato, come storielle, filastrocche, zia che si chiamava… ed è morta… di fuoco; cosa faceva il pastore per ninne nanne, racconti in versi, ecc. intavellare il montone e impedirgli L’invito a raccogliere i racconti Ovviamente il premio sarà dato a l’accoppiamento con le pecore, viene rivolto ai giovani che hanno più chi la ricorda e la presenta. ecc. ecc. facilità con l’uso del computer, ma 3 premi per il primo, secondo e anche agli anziani che possono farsi Tutto il materiale raccolto, terzo (ex aequo) classificato per un aiutare dai nipoti o amici. premiato o no, verrà elaborato e racconto di fatti di Sant’Andrea, come sistemato in forma di libro. personaggi, sogni, apparizioni di Gli scritti, poesie o racconti, morti, favole, racconti del braciere, vanno inoltrati per e mail ad entrambi novelle riguardanti gli animali, detti gli indirizzi sotto indicati: celebri di andreolesi ecc. manuangy1984@tiscali.it; Lo scopo di questa raccolta è di creare col tempo una ANTOLOGIA graziellacommodari@yahoo.it; ANDREOLESE da pubblicare come volume contenente la cultura del ENTRO IL 2 AGOSTO 2009 nostro popolo che appare più evidente nella forma del racconto popolare, Un’immagine I vincitori saranno avvertiti in della scorsa edizione perché esprime le ansie, le paure, le tempo dell’assegnazione del premio; da: www.flickr.com speranze, tutto il mondo immaginario che accompagnò la vita dei nostri padri: l’identità andreolese alla quale ‘U PARADISU anche noi siamo fortemente legati, anche se non ce ne rendiamo conto. Non c’è nessun obbligo di stile, salvo l’uso dell’italiano, ma con di Francesco Mirarchi facoltà di usare anche parole e modi di dire andreolesi. ‘On cercàra ‘u paradisu Un personaggio famoso, per si paci hai supa sta terra esempio, fu il Sordo di Cacca, ma e si ‘ncunu ti vola mala personaggi eccellenti furono l’arci- dilli na missa prete Mongiardo, don Peppe Addino, prima ca u mora. Mastru Vincenzo Gargia, quello di mini tu o minu eu, Ntoniciaddhu ’e
  • 19. ELPIS Pagina 19 MONACHELLA DI SAN BRUNO ULTIME NOTIZIE di Dora Samà Mi fa piacere poter condividere L’intera documentazione è ora a Manca poco, invece, per la con i lettori di questa rivista la gioia Roma presso la Congregazione per le chiusura del Tribunale Ecclesiastico per la chiusura della prima fase del Cause dei Santi. costituito a Genova il 1° novembre processo di canonizzazione della 2008 da Sua Eminenza Cardinale Serva di Dio, Mariantonia Samà, nata Angelo Bagnasco per il processo sul a Sant’Andrea Jonio (CZ) il 2 marzo presunto miracolo ivi avvenuto ed 1875 ed ivi deceduta il 27 maggio attribuito all’intercessione della Serva 1953, conosciuta quale “Monachella di Dio, Mariantonia Samà. di San Bruno”. Ad avvenuta consegna della Se Mariantonia è rimasta immo- perizia da parte dei due medici “ab bile nel letto per oltre sessant’anni, inspectione”, formalizzatasi la chiusura l’inchiesta diocesana per la sua del Tribunale, anche quest’ulteriore canonizzazione si è svolta, invece, documentazione sarà depositata alla rapidamente. Congregazione per le Cause dei Santi. Nella Chiesa Parrocchiale di Sembra proprio, che la Serva di Sant’Andrea Jonio, infatti, il Vescovo Dio, Mariantonia Samà, rimasta della diocesi di Catanzaro-Squillace, immobile per lungo tempo, voglia ora, Sua Eccellenza Monsignor Antonio “correre”, per raggiungere in breve Cantisani, ne aveva annunziato tempo il traguardo della Santità e degli l’apertura in data 5 agosto 2007, altari. mentre in data 2 marzo 2009 ne ha poi formalizzato la chiusura. Sant’Andrea Jonio, 10 luglio 2009 IL TUO TEMPO di Laura Cosentino Afferri affannosamente Breve è il “tuo tempo” Afferra nelle note il presente come la luce improvvisa il sublime della Musica. ed è già passato. del lampo Cogli nell’Arte Sparisce per sempre che ferisce l’aria il bello senza tempo. disarmato l’anno vecchio e scompare. Riconosci nell’amico all’arrivo del nuovo. l’unico sostegno della vita. Fermati un po’. Un giorno eri bambino, Solo così avrai carpito il giorno dopo con l’anima l’eterno. ti ritrovi adulto. Elpis è una pubblicazione a carattere locale avente finalità culturali. La redazione è composta da: Luciano Mirarchi, Giuseppe Palaia, Alfredo Varano, Armando Vitale. La distribuzione è realizzata attraverso le edicole e i pubblici esercizi di Sant’Andrea Ionio che intendono offrire gratuitamente la propria collaborazione. Tutte le collaborazioni alla rivista sono rese a titolo completamente gratuito e volontario. Il presente numero di “Elpis” è stato stampato presso la Tipografia Sudgrafica di Davoli Marina in 1.000 esemplari. Tutti gli interventi dovranno pervenire in redazione possibilmente su dischetto o al seguente indirizzo di posta elettronica: elpiszerouno@virgilio.it. in copertina: dipinto di Gerardo Betrò
  • 20. Pagina 20 ELPIS IL SISSIZIO DEL 2009 di Salvatore Mongiardo SISSIZIO DI DOMENICA essere superata, perché è incapace za. Il nostro invito a ognuno, 23 AGOSTO 2009 - ORE 13 di governare il mondo, come anche soprattutto agli scienziati, è di stu- FAGGIO GRANDE le recenti crisi dimostrano. Perciò diare la morte in tutti i suoi aspetti MONTAGNA DI BADOLATO noi vogliamo tornare all’amicizia per strapparle di mano la falce che come valore fondante del genere terrorizza l’uomo. Care Amiche, cari Amici, umano, rifiutando le catalogazioni Quest’anno faremo una breve Quest’anno ci riuniamo di nuovo di religione, razza, nazionalità e recitazione del mio testo Italia nella montagna di Badolato che altre sesso. L’amico è un altro te stesso, Italia. È la rappresentazione del volte ci ha visto insieme. Avremo il diceva Pitagora, e sull’amicizia re Sissizio col Bue di Pane pitagorico Bue di Pane pitagorico, simbolo Italo fondò l’Italia in queste terre. con canti composti da don Mario della fine del versamento di sangue L’altra riflessione è sulla morte Migliarese. Questo scritto, unito in ogni parte della terra. Molti diran- e sulla fine del suo dominio sull’u- all’altro mio scritto Perché la no che è una utopia, come si disse manità. Tutti abbiamo paura della violenza, edito dall’editrice Città del volo umano e della sconfitta del morte. Ma la grande filosofia cala- del Sole di Reggio Calabria, sarà vaiolo, della tubercolosi e di altre brese oggi vuole scardinare questa offerto a tutti i partecipanti. malattie. Eppure un giorno si paura. Presso gli antichi fenici, Auguriamo a ogni essere viven- visiteranno i macelli degli animali quando c’era una eclisse, i genitori te tanta amicizia e solo amicizia. come oggi visitiamo i campi di immolavano il primogenito agli Da Badolato Marina salire per sterminio nazisti. dèi per ottenere che il sole ritornas- 5 km e prendere a destra per Serra Per questo sissizio propongo se, come possiamo vedere nel tofet San Bruno-Madonna della Sanità due riflessioni. La prima è il vive- di Cartagine, il cimitero dei bambi- prima di arrivare a Badolato re assieme non su base politica, ma ni arsi vivi. Oggi l’eclisse non fa Superiore. Continuare fino a Elce di amicizia. La storia ci dimostra paura perché si è capito il fenome- della Vecchia e fermarsi dopo altri quanti lutti e quante lotte la politi- no. Ugualmente, la morte ci sarà 2 km dove c’è l’acqua. Per ogni ca ha generato nel corso dei secoli. sempre, ma non metterà più paura informazione telefonate al La politica come concetto deve quando sarà capita nella sua essen- 348 78 20 212. NUOVI DI STAMPA segnalazione di libri ricevuti in redazione BEPPE CALABRETTA IL PESCATORE DI SASSI pagine148 - Euro 13,00 Bonaccorso Editore - aprile 2009 Era quasi la fine di giugno. A quell’ora del mattino in cui il sole comparen- do all’orizzonte sembra un lecca lecca che si alza lento per essere succhiato, con quel suo colore rosso arancio e il contorno pulito e nitido senza l’alone che nei mesi più caldi lo sfoca. A quell’ora di fine giugno c’era un’aria frizzantina che veniva dal mare e ne esaltava gli odori. Bruno Carcade passeggiava lungo la riva di quel mare a lui tanto caro, con i calzoni rimboccati fino al ginocchio, godendo di quell’aria, di quegli odori, del tepore dell’acqua che ad ogni ondata gli bagnava i piedi, della rena compatta che non riusciva a trattenere le sue orme. Era solo e il silenzio era accompagnato soltanto dal rumore delle onde. Era tornato lì dove tutto era cominciato... Beppe Calabretta
  • 21. ELPIS Pagina 21 DONNU PETRU DE CAPANU di Francesco Corapi È quello più famoso tra i tradizionali sansostenesi, che ha saputo DONNU PETRU DE CAPANU nel tempo suscitare tantissime fantasie, sia nel nostro paese che nel comprensorio. E sansosti era l’amicu, Questa sorta di filastrocca un poco piccante e fantasiosa è stata chi sapia fara lu ntricu presumibilmente composta come farsetta di carnevale, dove si prendeva- era nu prevati joculano, no per i fondelli i vari personaggi sansostenesi. donnu Petru de Capanu Non si sa per certo se realmente è esistito un prete con il nome di Donna Giulia chi facisti! don Pietro Capano, ma, nome e cognome sono tipicamente sansostari U ti parti de Stajanu per tanto, la cosa si può ritenere veritiera o quantomeno verosimile, u li fai a cammarera considerato che tali farse si costruivano con fantasia su nomi certi in a Donnu Petru de Capanu situazioni fantastiche. La farsa tratta di un prete che è di San Sostene, che aveva la Era megghiu u vai a ru mulinu peculiarità di essere un stallone superlativo, che ebbe l’unica debolezza di u ti li macini comu lu ranu portarsi a casa una perpetua da lontano, forse realmente innamorato, ma ca u ti pigghia ara fra Ntonina che non aveva tenuto conto della sensibilità di donna Giulia (cosi viene ca era lu spassu dominicanu indicata la perpetua). Tra le altre cose nella farsa si fa riferimento a ad un mulino dove si era O chi botta o chi vajana soliti portare le granaglie da macinare, ma, oltre, a questo che appare una Oh…. chi ficia chidda puttana ovvietà, vi e anche una parte che indica la tipologia di posizione di lu tagghiau comu ricotta accoppiamento che era praticata, e che portava anche il nome di un frate. u vattagghiu da campana La povera perpetua dopo le lunge scorribande del nostro prete si stanco e tranciò, di netto il membro come se si fosse trattato di un pezzo Donnu Petru on ciangira di ricotta, che in questo modo si trovò deriso da tutta la popolazione. si u suppostu tagghiatu hai Naturalmente ci furono anche persone che cercarono di consolarlo vena maghiu e torna a fjurira dicendoli di non preoccuparsi, tanto, ad ogni primavera i fiori tornano a e nda facia vroccula assai fiorire, riferendosi naturalmente al suo arnese. Qualcuno gli aggiunge che era meglio che facesse le solite cose senza Era megghiu u vai a ra vineddra continuare ad andare in giro ad importunare tutte le donne, perché questa u ti ammogghi tutti i guanti situazione lo ha portato a crearli questo grosso problema, e dunque ormai cu t’acchiappi sta ciaramedda si deve arrangiare. che era u spassu e tutti quanti Alla fine, ridotto don Pietro Capano a spasso senza più il suo “potere”, tutte la ragazze sono libere di andare in giro per i boschi che comunque Cotrarelle e Satrianu il pericolo ormai e scomparso. jati liberi per i boschi Tutta questa interpretazione nasce dalla lettura della farsa che può ca moriu Petru Capanu essere anche rivisitata e diversamente interpretata. lu staddruni de sansosti. Alcuni particolari di micro-mosaici in pasta filata di vetro realizzati da Silvia Vitale
  • 22. Pagina 22 ELPIS ‘I LABBRUTI di Alfredo Varano Tantu, tanto tempo fa, in un piccolo qualche crapa e l’inseparabile asino di quell’epoca, le crescevano per la centro abitato della Calabria Ultra, che che chiamavano Sesè. produzione del latte e di qualche nomava come il primo apostolo Come molti asini, anche Sesè era vitello. L’unica vacca riproduttiva chiamato da Gesù, provvedeva alla vizziùsu; un pomeriggio di fine aprile che aveva, Francesco la faceva propria esistenza la famiglia dei Taresa e il marito erano rimasti a montare dal tàvuru di Liberata, a Labbruti, gestita e guidata dagli ordini casa per cagione della pioggia che San Sostene marina. rigidi e indiscutibili del burbero continuava a cadere a catinelle già Si racconta che quando Liberata capofamiglia, che di nome andava dalla prima mattina. Per non rimanere prese in mano il mandala del suo toro Francesco e di cognome Frustaci. con le mani in mano, scesero al catoio per accostarlo alla francisa della vacca Taresa, la moglie, era una santa e cominciarono a mettere in ordine i di Francesco gli disse: «Mastru Cìcciu, donna e, fisicamente, una buona jhu- bagattelli lasciati in giro dai figli. oh benadica, guardate chi zucutuzzù menta. Si era maritata a sedici anni e a Mentre Francesco rumbava e sanizzu; l’avìssa marìtumma ‘sta poco meno dei quaranta era già canda- imprecava per il troppo disordine, saluti!!» lijàta e stremata dai troppi parti e dal Taresa, vestita con la sola sottoveste Lavoravano tutti, in quella casa, e pesante lavoro quotidiano che compiva. ‘e vivillò, si avvicinò all’asino e si faticavano duro. Le ragazze si interes- Aveva partorito dieci figli nei soli abbassò per sistemargli una manciata savano perlopiù delle faccende di casa primi undici anni di matrimonio e tre gli di fave nella mangiatoia. ‘U bèstia, e dei piccoli lavori di campagna: quasi erano morti ancor prima che compissero vedendo la padrona in quella posizione sempre si trattava di raccogliere la il primo compleanno. Erano rimasti provocante, cominciò in primis a frutta o di annaffiare l’orto, che posse- quindi con sette figli, di cui tre maschi e pestare gli zoccoli sul pavimento e a devano ara Suvarara, lungo il Salubro, quattro femmine e abitavano nel rione jhujjhiàra con le grosse labbra e poi, dalla parte del comune di Isca. Sutta-Schjòcca, nelle vicinanze della infine, impostare un’ambigua e infida Da qui, nel mese di luglio, le chiesa del Santo Patrono, in una piccola ragliata: “Vrrruuuuuhhh… Uuuuuhhh… pargole andavano e venivano tutti i casetta a due piani più l’àriu. Iiiiiihhh… Ooooohhh!!!”. giorni, con sporte piene di melanzane, Il piano terra dell’abituro era «Oh Francì, ma chi ava oja ‘u peperoni e pomodori. Era già da adibito in parte a catùaiu e in parte a ciucciu, ‘a zirra?» qualche settimana che un gruppo di residenza per il ciuccio; al primo piano «‘U sacc’ io chi vola ‘u nimala, mo’ giovinastri di quel paese, che possede- c’era la camera da letto dei genitori e al fazz’ io ‘u li passa ‘u scilu!» E giù botte va alcuni animali in una mandria nelle secondo, sottotetto, raggiungibile attra- da orbi, col marrùggiu di una vecchia vicinanze del loro orto, le infastidiva verso una robusta scala ‘ncasciata in zappa che già aveva afferrato al primo con parole e atteggiamenti volgari e legno, c’era il focolare per la cottura ‘ntinnu dell’asino. di poco gusto. Un giorno, mentre dei cibi e un traballante tavolo da pran- Le vacche, oltre a tirare il famoso tornavano a casa, uno di loro tirò una zo; c’era poi il cocipana e un saccuni carro, unico mezzo di trasporto a ruota naschjàta così lunga e acuta che ‘i buffi unico, sull’astrico, per i figli maschi. Questo piano era illuminato da un piccolo occhijalùni e da un paio di fanò posti sulle falde del tetto. Le femmine dormivano con la nonna materna Vittoria, che alloggiava lungo la strada del vallo di jherbaro, in un enorme letto costruito da Francesco, in tavolato di castagno. L’asino, dunque, era quello che stava meglio di tutti, poiché era il solo ad avere mangiatura bassa, commidità e largasìa. Giacchè possedevano diversi appezzamenti di terreno da coltivare, praticamente stavano in marina da mattina a sera e, per evitare il disagio del salire e scendere quotidiano, all’inizio dell’estate si trasferivano a Pezzùddhu, in una piccola casetta di campagna con adiacente mandra, dove tenevano vacche, maiali, conigli, polli,
  • 23. ELPIS Pagina 23 del passo dell’acqua risposero in coro col loro stridulo gracidare. Col tempo la cosa diventò troppo PILLOLE fastidiosa e lo sfottò quasi quotidiano. Alla fine decisero di raccontare tutto ai DI familiari e gli uomini affrontarono e discussero il problema in una riunione che terminò con la risoluzione di RIFLESSIONI rispondere con una spedizione puniti- di Francesco Mirarchi va, unico rimedio all’offesa subita. Giunto il giorno opportuno, dopo svariati appostamenti per controllare le 52 - Poveri di spirito sono tutti coloro che non creano nulla e non si sforzano abitudini dei giovinastri, si armarono di più di tanto. tutto punto e a notte fonda guadarono ‘a 53 - A forza di paragonarti agli altri finisci per non essere più tu. jhumara. Sfondarono la porta d’ingres- so della mandria e, una volta entrati, 54 - Passare le giornate senza nessun impegno, senza un po’ di creatività, cominciarono a vibrare violenti colpi si diventa vulnerabili nel tempo. 55 - La fiducia si conquista un po’ alla volta, importante è volerla, con pazienza la otterrai. 56 - Onestà e gratitudine sono delle virtù indispensabili per la formazione di un uomo. 57 - Opinioni diverse ne abbiamo tutti ma bisogna fare in modo che tutto possa convergere per evitare i conflitti. 58 - Perdonare è possibile e utile, perchè ti liberi da tutte quelle scorie che ti infettano il cuore e l’anima. 59 - Per una buona crescita ci vuole una buona educazione di base. 60 - L’armonia degli uomini è come i colori di tanti fiori messi insieme, basta che tu ne togli uno e si spezza l’armonia. 61 - Tutti gli uomini tendono ad elevarsi tranne colui che è già elevato. 62 - Non sfidare mai il tempo, accarezzalo con la massima importanza, tutti i d’ascia alle gambe delle vacche che vi giorni. Mettersi contro otterrai il risultato di un grande stress. erano custodite e le decimarono, tran- ciando di netto i loro tendini. Salirono 63 - Quando giunge la sera ricordati di analizzare con serenità la giornata poi, inferociti, al piano superiore del fie- trascorsa. nile e appiccarono il fuoco al foraggio. 64 - Rabbia e collera sono due sinonimi. Trovare l’antidoto per combatterli non Al riverbero delle fiamme si è una cosa di poco conto. accorsero che alcune persone si erano rannicchiate in un angolo, terrificate 65 - Quando conversi fai bene a non parlare se non sai bene quello che dalla paura, e senza ripensamenti spa- vorresti dire. rarono alla cieca e ne ammazzarono 66 - Quello che sei è importante. Ma più importante è quello che tu vorresti due. Si salvò solo un bambino, il quale essere. testimoniò che il dialetto degli assalitori era andreolese e che ne aveva 67 - Il tradimento è un atto da vigliacchi! Farai bene a non tadire mai. riconosciuto uno, nella figura di Bruno 68 - Le diverse impurità degli uomini si smaltiscono con la verità. Frustaci, primogenito di Francesco. ‘I Labbruti uscirono assolti dal 69 - Le esigenze nella vita sono tante! È importante non emulare quelle degli processo dopo aver venduto tutte le altri. proprietà per pagare gli avvocati. Per 70 - Cercare di essere un grande ti fa ridicolo agli occhi di chi ti osserva. Ma la ferocia e la brutalità con cui fu se tu vuoi, nel tuo piccolo, il tuo cuore può diventare grande. compiuto tale atto, i componenti della famiglia di Francesco Frustaci furono 71 - Siate generosi. La generosità è una virtù che pochi possiedono. Chi la soprannominati li Bruti e per alterazio- possiede è un uomo sublime. ne, ‘I Labbruti: sopragnome ancora in 72 - Possiamo essere sereni solo se riusciamo a rimuovere l’ostacolo che ci uso, nell’antico abitato che ha preso impedisce la serenità. nome dal protocleto di Gesù.
  • 24. Pagina 24 ELPIS ATTO DI DOLORE PER IL PINO CADUTO di Armando Vitale “Mio Dio mi pento e mi dolgo con dell’articolo incriminato), è a disposizio- sue esternazioni a tutto campo, ancorché tutto il cuore, ...”. Non pensavo che una ne di chiunque abbia intenzione di di parte, sono comunque un corposo semplice doglianza per la caduta di un approfondire l’argomento. contributo alla discussione. Chi ne ha pino potesse scatenare un vero e proprio Non è la prima e forse neanche voglia e, soprattutto, i dati e i mezzi per putiferio. Anche perché, da cronista, l’ultima reprimenda che ricevo. Ma prefe- farlo può raccoglierne la sfida. intendevo semplicemente esprimere risco questa ai colpevoli silenzi. A lui va il Intanto, dal capogruppo di maggio- il mio commiato o, se vogliamo, un mio “atto di dolore” se ho urtato la sua ranza, ho ricevuto qualche carta “coccodrillo” per l’anziano quanto nobi- suscettibilità. Ma non volevo sparare nel sull’argomento. Ne riporto il contenuto le albero che, volente o nolente, era un mucchio e fare di tutta l’erba un fascio. lasciando ai lettori ogni commento. patriarca, un simbolo per Sant’Andrea. Al contrario intendevo stimolare Telegramma prot. n. 3462 del Sicuramente, non intendevo scrivere un’autocritica. Perché anch’io penso 15.06.2005 indirizzato al Corpo o riscrivere la storia di Sant’Andrea, il che le responsabilità politiche ed Forestale dello Stato: cui compito è riservato agli addetti ai amministrative siano, come quelle “Comunicasi che due piante pini lavori e non certo ai semplici testimoni penali, individuali, personali. E come secolari siti via Emigranti questo centro, come me. tali andrebbero difese in prima persona di grande pregio ambíentale et simbolo Sicuramente non volevo distribuire, senza ricorrere ad avvocati d’ufficio. Le questo poese, presentano segni evidenti in egual misura, la responsabilità agli “Amministratori che si sono avvicendati nell’ultimo trentennio?”, ma semplice- mente dire che, visto l’esito, non hanno fatto abbastanza per evitarlo. A loro spetta il compito di precisare chi ha fatto cosa e chi non ha fatto niente! Forse in quell’affermazione c’è un errore: il trentennio potrebbe dilatarsi al quarantennio o cinquantennio. Ma il discorso non cambia perché gli eucaliptus qualcuno li ha piantati; qualcuno li ha tolti (mi chiedo il perché?). Gli incendi, qualcuno li ha appiccati, altri li hanno favoriti e cosi via. O basta la semplice ordinanza Sindacale ad evitare gli incendi? Voler andare oltre è un esercizio di letteratura ma non coglie quel senso di cordoglio e di vergogna assai diffuso fra gli andreolesi che, all’improwiso, si sono scoperti incapaci di badare alle piccole cose; quelle, appunto, insignificanti..! Se poi è vietato persino di condolersi ed esprimerlo con proprie parole senza anda- re troppo per il sottile, senza dover sop- pesare le parole, preoccupandosi di non urtare la suscettibilità di qualcuno, siamo non alla frutta ma morti che camminano. E comunque, quell’articolo sulla sorte del pino, quel requiem, un merito l’ha avuto: stimolare non già sensi di colpa, come ci si poteva aspettare, ma la scrittura di un poema: “l’Immacolata Narrazione” - di Pasquale Cosentino, amico e cugino che, forse, ha equivoca- to le mie parole attribuendo ad esse un significato che va molto oltre le mie intenzioni. Pubblicato sul blog di Civitas per Sant’Andrea, domenica 19 luglio La copertina di Elpis n. 24, 2009 (quattro mesi dopo l’uscita contente l’articolo incriminato (a pag.22)
  • 25. ELPIS Pagina 25 di deperimento. Chiedesi urgente sopralluogo at fine verificare stato piante et stabilire idonei interventi COSI’ DICEVANO... risanamento et mantenimento”. - geom Giuseppe Calabretta - Responsabile del Il dialetto smarrito, ritrovato sul dizionario di Bruno Voci Servizio LL.PP. Ecco la risposta del Corpo acconzara accomodare, aggiustare, rifare, sistemare oggetti. Forestale dello Stato in data 16.09.2005 n.7458 di protocollo: annervara irritarsi, scattare, innervosirsi. “In riferimento al telegramma del 16.06.2005 ed in base al sopralluogo di gigghiara germogliare di semi, bulbi, tuberi. verifica effettuato dal Personale del Comando Forestale competente per sàssula sèssola: arnese da commercianti. territorio, è stato accertato che effettivamente, vi sono due esemplari travacca sostegno di assi o reti da letto. di Pino Domestico danneggiati dai ripetuti incendi. siculeddha uccello variopinto con coda lunga: coditrèmola. Una pianta può considerarsi dan- neggiata per il l0%, mentrela seconda sguttaturi gocciolatoio, sgocciolìo. maggiormente danneggiata si presenta con la chioma per 80% secca; entrambi pilijara petulare, essere in attesa o in apprensione. radicate in zona esclusa dal vincolo idrogeologico di cui al R.D. 3267/23. lajenda tiritèra, protesta petulante; rimprovero, ramanzina. Pertanto, per i danni provocati dagli annosi incendi, non è possibile ricorrere càntaru pitale, vaso da notte a sedere. ad alcun rimedio; in questo momento c’è solo da aspettare la ripresa vegetativa, gàlipu garbo, destrezza, abilità. fine marzo 2006 ed accertarsi se detta pianta da segni di ripresa; in caso negati- prejandola detto di ragazza civettuola, vanitosa. vo, si dovrà procedere all’abbattimento al fine di evitare pericolo per pubblica priguri priore di frati o di confraternita. incolumità.” Firmato Dr. Salvatore Spanò - Comandante Provinciale. prescia fretta. Segue una nota del Sindaco indirizzata alle associazioni: WWF liccardu ghiotto, buongustaio. e Legambiente in data 23.05.2006 n. 3406 di protocollo: pilucca parrucca, zazzera. “Questo Ente, giusta segnalazione effettuata dal Corpo Forestale dello sgarrunatu di calzari logori, scalcagnato, meschino. Stato - Comando Provinciale di Catanzaro, deve procedere all’abbattimento di una sputazza saliva. secca pianta di pino secolare radicata in via degli Emigranti di questo Comune. vojana bacca di fave, di carrubo, e sim. Pertanto si invita le associazioni in indirizzo ad effettuare apposito sopral- surfarera scatola cilindrica con coperchio bucherellato luogo al fine di verificare ed indicare la per inzolfare viti. modalità di taglio o, eventualmente, di riduzione della stessa. Il sopralluogo scorciara spellare, scorticare. richiesto riveste carattere di estrema urgenza atteso che l’intervento di taglio potassa soda caustica: per sapone da bucato. o riduzione è finalizzato alla salvaguar- dia della pubblica incolumità.” ‘natantarijara intrattenere qualcuno con facezie. A novembre 2008 una tempesta di vento ha evitato il mesto rito con minnuta detto di donna con seno abbondante. risparmio di fatica e di risorse per le casse Comunali! Questo è l’ultimo atto longuri languore, lamento prolungato, della storia. Chi conosce i precedenti, se strascico di canto melanconico, guaìto. ne ha voglia, si faccia avanti. carusiaddhu salvadanaio Sant’Andrea Jonio. 22.07.2009
  • 26. Pagina 26 ELPIS IL PORTALE DELLA CAPPELLA DELLE BEATITUDINI di Giuseppe Palaia Volendo dare risalto a una preziosa opera di Gerardo Samà, abbiamo pensato di riproporre la descrizione fatta da Giuseppe Palaia esattamente dieci anni fa, all’interno della “Breve guida turistica” voluta dal Circolo del PRC di Sant’Andrea. ... la Cappella delle Beatitudini col “Un ribatte le pòrche con sua marra portale decorato da formelle in rilievo paziente”, l’altro è ripreso mentre stiacciato dello scultore Gerardo Samà. scaglia con forza il suo attrezzo contro Sviluppato su un breve ciclo il terreno. La plasticità e la vigorosa iconografico in sei episodi, il tema complessione delle due figure rendono dominante, che conferisce anche quasi più potenti i loro gesti. Si intravvede, custodita all’ombra di un cespuglio, una brocca, relegata in secondo piano dalla composizione ma dotata, in questo contesto, di un forte valore evocativo; un messaggio che è quasi un pietoso monito: la breve pausa per dissetarsi era l’unico momento di sollievo e di ristoro in questa durissima occupazione dei contadini. Riaffiora allattando mentre vigila sui giochi della anche il ricordo di un cupo verso della bambina che regge in mano una palla di “Genesi”: ‘o...sia maledetta la terra... pezza. La donna con il recipiente sulla con fatica trarrai da essa il nutrimento testa, che sullo sfondo attraversa la via, per tutto il tempo di tua vita;”. rende ancora più familiare l’immagine e L’attività artigianale in paese, la più aggiunge una nota di realismo alla importante in passato dopo l’agricoltu- scena. Si riconosce qui anche l’eco unitarietà all’intera opera, è il lavoro, ra, è simboleggiata dal contenuto del dell’abitudine degli andreolesi di tra- questione secolare dell’intero meridio- scorrere i momenti di pausa pomeridiani ne; tuttavia il pannello con il vasaio che discorrendo, seduti davanti all’uscio nella bottega modella sul tornio la sua delle abitazioni, con i familiari e con i argilla riporta in ambito andreolese vicini di casa. Questa consuetudine è l’ambientazione e i motivi ispiratori dei ancora viva in paese, sono cambiate momenti di vita rappresentati. solo le sedie che non sono più quelle Per i contadini il mese di luglio era impagliate di una volta. il più impegnativo; sotto un sole Sul battente di destra la narrazione dardeggiante preparavano la terra alla continua con la rappresentazione di coltura maggesata autunno-primaverile. un altro aspetto dello stesso tema, Si trattava di ridare fertilità a terreni l’emigrazione. costituiti spesso dalle aduste e tenaci glebe argillose che affiorano in molte aree del nostro territorio. Il lavoro, faticoso e spossante, era riservato agli riquadro in basso dov’è rappresentato uomini e si eseguiva con la sola zappa. il più andreolese dei mestieri, quello Quando non c’era disponibilità di mano del vasaio. d’opera maschile in famiglia, si ricorre- Le parallele occupazioni delle va alle prestazioni di chi per necessità donne sono sintetizzate nel sereno e svolgeva quest’ attività dietro compen- palpitante momento di vita in una ruga, so. Queste consuetudini agronomiche reso con genuina sensibilità dall’autore hanno ispirato la scena (che però ha un che fa emergere dalla memoria immagi- significato più ampio) del pannello con ni lontane ma non rimosse: una madre i due contadini che dissodano la terra. contempla il figlio in fasce che sta
  • 27. ELPIS Pagina 27 L’emigrato riappare nell’ultimo sembra più bello del faldistorio che brano del racconto, chino e operoso in ci saremmo aspettati di osservare in una scena di cantiere, con la mente un’opera di questo genere. Le decora- volta verso i soggetti delle altre formel- zioni dei portali istoriati delle chiese le e poco preoccupato del movimento attingono quasi sempre dai fatti del della cazzuola che sta adoperando; Vecchio o del Nuovo Testamento i temi sullo sfondo un inameno paesaggio con da illustrare, oppure si rifanno ai testi ciminiere. Il contrasto fra l’ambiente dell’agiografia cristiana. Qui l’autore ha industriale di questo riquadro e l’archi- invece il merito di una scelta originale e tettura minima delle prospettive prece- coraggiosa, agevolata forse dal clima denti, è quasi una misura della distanza culturale dell’epoca: egli evita le fisica, economica e socio-culturale fra “superbe fole” per far spazio a storie i due mondi. vere, reali, a figure sociali che racconta- Il lavoro nei campi, quello artigia- no la propria vita e a situazioni che Nel riquadro in basso è descritta la nale, le occupazioni delle donne, il simboleggiano i valori e i problemi di dolorosa circostanza della partenza dramma dell’emigrazione: sono mirabil- un’intera comunità. I risultati, sorretti dell’emigrante; le due donne sullo mente condensate in poche immagini la dalla sincerità dell’ispirazione, sono sfondo, apparentemente in disparte, vita, le principali risorse e la storia commoventi nel pannello centrale del partecipano mute e impietrite allo recente del paese. Per una volta un battente di destra, il più ricco di pathos, di struggente momento della separazione rustico scanno di tavole inchiodate ci valori simbolici e di contenuti espressivi. fra i familiari. La figura femminile seduta, assorta in una pensosità mesta e dolente, esprime con efficacia l’ango- scia della solitudine dopo la scena della OCCHI DEL SUD partenza. Anche le altre due donne di Bruno Stillo sono sole; quella in primo piano, dal- Chi nasce nel sud d’istinto volge la testa a oriente guarda il sole nascere e poi tramontare non lo vede ridente fa il suo mestiere scalda la terra e ciò che gli gira intorno dà vita ma non lavoro l’aspetto austero e matronale è rappre- sentata con un paniere in mano, l’altra, gli occhi della gente spalancati a questa meraviglia sullo sfondo, incede lenta e sicura della captano i suoi raggi stabilità del barile che porta sul capo: nel simbolismo delle immagini è palese il riferimento al lavoro anche gravoso delle tanti di loro malinconicamente li riflettono verso il nord donne, al loro insostituibile contributo insieme ai loro pensieri alle necessità della famiglia in cui sono ormai l’unica guida. cuore e sentimenti non possono trattenerli C’è anche una vaga, malinconica angoscia e speranza si sovrappongono nota d’autunno in questa elegia delle un lungo sospiro vedove bianche. Viene in mente, osservando, la chiusa di ”Lavandare”: “...i1 vento soffia e nevica la frasca, / e la rassegnazione all’emigrazione riesce a predominare tu non torni ancora al tuo paese!/ quando partisti, come son rimasta!/ una vita diversa sta per cominciare. come l’aratro in mezzo alla maggese.”
  • 28. Pagina 28 ELPIS IL PDF DI ELPIS Con il numero scorso di Elpis abbiamo inaugurato l’invio del giornale via ‘U e.mail in formato PDF. Numerose le risposte e i ringraziamenti registrati. Bruno Mongiardo ci ringrazia perchè, non tornando spesso in paese “ha sempre fatto fatica a trovare Elpis”. Charles Cronin ci risponde in francese ma il significato è molto chiaro. Apprezza la rivista e “sourtout le coers qui y battaient et qui battent encore ou aux USA et toujurs”. Gli amministratori del sito “Soverato Web” hanno ospitato il nostro annuncio chiedendoci di annoverarli tra i nostri “amici. Salvatore Mongiardo ci ringrazia segnalandoci che “il pino morto non è un pino marittimo ma ad ombrello o solitario”. Anche il prof. Squillacioti (presidente dell’associazione “La Radice”) si rallegra per ogni numero che portiamo a termine: “so quanto vi costa, perciò è più meritorio”. Ringraziamenti anche da Saverio Rotella, Lorenzo Viscido e tanti, tanti altri che lo hanno ricevuto per la prima volta. la redazione PO LA CHIESA DEMOLITA Riceviamo e pubblichiamo una lettera indirizzata ai signori Arch. Varano Alfredo e Sig. Vitale Armando nel 2001 a firma Bruno Nesticò, ex assessore ai LL.PP, unitamente ad un altro suo intervento che ci ha recapitato nel ST giugno scorso. S. Andrea Jonio 29 agosto 2001 Con la presente si plaude alla vostra encomiabile iniziativa tendente al ÌA recupero dei resti umani finiti nella discarica di “faballino” a seguito della demolizione della Chiesa Matrice del nostro paese dove a suo tempo avevano avuto dignitosa sepoltura. Encomiabile inoltre l’idea di recuperare almeno parte di elementi architettonici di pregevole fattura finiti nella stessa discarica da utilizzare per l’arredamento di uno spazio cimiteriale da destinare a Sacrario dove ospitare RI dignitosamente i resti umani dei nostri avi. La demolizione della Chiesa Matrice è stata: - Fortemente voluta dalle autorità ecclesiastiche locali e provinciali dell’epoca. - Sostenuta con disinteresse dagli intellettuali e professionisti dell’epoca, a parte alcune voci vibranti che gridavano allo scandalo (Don Tito Voci, Saverio Stillo e famiglie) nonché qualche emigrato carico di sensibilità che aveva nei suoi ricordi e nella sua memoria la bellissima Chiesa settecentesca. - Agevolata con indifferenza dal tacito consenso dell’amministrazione comu- nale dell’epoca, della quale il sottoscritto Bruno Nesticò era assessore ai LL.PP. Nessuno ha mosso un dito o sollevato una discussione in merito, come si usa in una società civile e democratica, per frenare la demolizione della Chiesa ritenuta pericolante da superficiali, frettolosi e avidi tecnici vicini alla Curia, SCRIVETE A: incuranti di cancellare 300 anni di storia del nostro paese. ELPISZEROUNO Tutti siamo stati indifferenti, tutti abbiamo sbagliato, tutti dovremmo avere il Via Aldo Moro, 54 coraggio civile di assumerci le responsabilità di tale scempio. 88060 Sant’Andrea Jonio (Cz) - autorità ecclesiastiche locali e provinciali - amministrazione comunale dell’epoca oppure: - Intellettuali, uomini di cultura e professionisti del nostro paese. elpiszerouno@virgilio.it Ritengo, per correttezza morale, che non sia il caso, oggi, di nascondersi dietro un dito per dare inutili e sterili giustificazioni addebitando solo ad altri, che
  • 29. ELPIS Pagina 29 stanno più in alto, la responsabilità dello scempio. Da ricor- ve ricostruzioni. Forse le persone più vicine alla Curia sape- dare che subito dopo, a scempio avvenuto, si è scoperto che vano ma non hanno ritenuto opportuno dare l’imbeccata né c’era tutto un disegno preparato dalle autorità superiori per all’amministrazione comunale, né alla popolazione, facendo abbattere non una, ma più strutture ecclesiali nel circondario invece passare il tutto per una normale operazione di ammo- e a tale proposito un famoso giornale scandalistico dell’epo- dernamento con la eliminazione del discutibile pericolo. ca “A B C” titolava: “ la santissima trinità del mattone” con Oggi è il caso che tutti noi facciamo il “MEA CULPA”. evidente riferimento alla Curia e al giro di interessi economi- ci che si generavano attorno alle demolizioni e alle successi- Bruno Nesticò, ex assessore LL.PP S. Andrea Jonio 1° giugno 2009 Quale persona informata dei fatti desidero rendere anziani, da studiare e realizzare sul lato “casa Maestra pubblico il documento inviato all’Arch. Varano nel 2001 Stillo”. Inoltre, un intervento di re-styling all’interno ed perché la popolazione di S.Andrea sia messa a conoscenza all’esterno della Chiesa avrebbe dato lustro alla Chiesa delle persone e delle istituzioni responsabili della demoli- medesima e gioia a tutti, incluso il richiamo turistico per la zione della bellissima Chiesa Matrice, autorizzata senza bellezza architettonica della struttura settecentesca. alcuna valida motivazione tecnica e in totale assenza di Cose sempre dette alle autorità ecclesiastiche e mai pericolo di crolli o altro. ascoltate. Tale decisione è stata voluta e imposta dalle autorità Il sottoscritto quale responsabile del settore lavori ecclesiastiche locali e provinciali di allora. pubblici dell’epoca era troppo giovane (26 anni) per Inoltre desidero evidenziare l’indifferenza della popola- imporsi alle autorità civili ed ecclesiastiche per far valere il zione di allora e della autorità comunali nell’accettazione di concetto conservativo della Chiesa. tale scempio, giustificato con superficialità e quasi con Inoltre il disinteresse, il disimpegno generale della menefreghismo da una parte e, dall’altra, con l’animo in pace popolazione, degli uomini di cultura e degli intellettuali ha per la prospettiva di far scaturire lavoro per i disoccupati. completato il quadro, dando forza alla decisione delle Le autorità ecclesiastiche invece giustificavano la autorità ecclesiastiche. demolizione con il pericolo che le strutture portanti della E’ stato assente anche il nutrito clero locale, a parte la chiesa rappresentavano, nonché la difficoltà e la fatica cui voce di Don Tito e della sua famiglia. E’ così che si è arri- andavano incontro gli anziani fedeli per raggiungere le vati alla demolizione della bellissima Chiesa settecentesca navate della chiesa attraverso le bellissime gradinate rimasta nel cuore e nella mente di tutti gli Andreolesi. rivestite di granito locale. Tutte giustificazioni inesatte, sbagliate e prive di ogni Bruno Nesticò ex assessore LL.PP supporto tecnico; la realtà era un’altra: bisognava demolire per ricostruire in maniera più moderna. Questi erano i det- tami dell’autorità ecclesiale locale e della Curia vescovile. Quindi si diede inizio alle operazioni di demolizione. Man mano che si procedeva si capiva che le strutture portanti erano integre e ben conservate, (dichiarazioni spontanee fatte di volta in volta dal responsabile del cantiere e dagli addetti ai lavori). I contrafforti esistenti, in pietre e mattoni, bene in vista da Corso Umberto I e dal lato “casa Maestra Stillo”, tenevano ingabbiati come in una morsa le pareti longitudi- nali della Chiesa, annullando così qualsiasi sollecitazione spingente causata dalla volta e dal tetto. Allora c’era questa mania di distruggere il vecchio per dare spazio al nuovo e le autorità ecclesiastiche ci sono riu- scite bene, perché nessuno ha posto alcuno impedimento. Errore grande da parte di tutti! Un’ipotesi di recupero è stata sempre scartata con decisione dalle autorità ecclesiastiche, mentre con una modesta spesa si sarebbe potuto mantenere la struttura esistente, migliorala e adeguarla alle nuove esigenze. Un intervento di recupero si sarebbe reso necessario solo nel tetto, nella sottostante volta e nella costruzione di LA CHIESA MATRICE un adeguato e comodo camminamento per la delizia degli dipinto di Bruno Voci del 1947
  • 30. Pagina 30 ELPIS PREMIO TROPEA A CARMINE ABATE Lo scorso 25 giugno abbiamo ricevuto l’invito al Premio Tropea dalla sua coordinatrice Maria Faragò. Ci sembra doveroso ricambiare la gentilezza proponendo un breve resoconto (tratto dal sito ufficiale del premio) dell’importante manifestazione che si è tenuta dal 3 al 5 luglio. Cala il sipario sul premio Tropea risposto: “Non dobbiamo salvare nuovo sindaco di Soveria Mannelli. 2009. Il verdetto, da molti già prono- panda e non dobbiamo sottostare alle Poi interviene Francesco De Nisi che sticato, è stato chiaro: Carmine logiche delle quote rosa. La terna è ciò ribadisce ancora una volta l’impegno Abate, il calabrese, è il terzo detento- che ci è piaciuto. Non esiste differen- della provincia di Vibo a voler fare re del Premio città di Tropea per il za in letteratura oramai tra uomini e della cultura un asse portante dell’e- libro “Gli anni veloci” (Mondadori). donne perché loro fanno oramai la conomia locale al pari del turismo. stessa vita, hanno quasi le stesse Poi l’onorevole Giamborino per abitudini, così come non esiste il Consiglio Regionale della Calabria differenza tra il Nord ed il Sud, insiste sul concetto che investire in almeno per ciò che riguarda i libri”. cultura è utile perché è una scommes- Salgono poi i tre scrittori per sa vincente. un breve intervento. Oggi si parla di E poi, ancora una volta, Domenico stile. E se Abate ama mischiare Cersosimo per l’esecutivo calabrese dialetto calabrese e italiano nel libro che, portando i saluti di Loiero, dice finalista per creare una lingua colori- che, in una società dove si è perso il ta fatta di parole che aumentano senso della comunità e della società, l’espressività dei personaggi e Di dove imperversano le crisi delle È stato Gennaro Tarallo per Stefano in “Nel cuore che ti cerca” relazioni sociali, i libri “sono la Asmenet-Asmez ha proclamare il scrive a più voci, come in un coro soluzione”. vincitore premiato dal vicepresidente polifonico, affinché una voce richia- È poi la volta del presidente della Regione Calabria, Domenico mi un’altra, Desiati invece è molto di SPI, main sponsor del Premio Cersosimo, con la splendida realizza- più crudo, più diretto, come i giovani Tropea, Francesco Mangione che zione artigiana dell’orafo T. Belvedere protagonisti della storia, ragazzi alla giudica positivamente il Premio di Tropea e con un assegno di 10.000 ricerca di una moralità. Tropea 2009 ed osserva come i euro. I tre rappresentanti delle Università tre finalisti abbiano guardato con Secondo classificato con 53 voti, calabresi, il prof. Barni per attenzione al mondo dell’impresa il 15% dei totali, Paolo Di Stefano Catanzaro, il magnifico Rettore La nelle pagine degli stessi volumi. con “Nel cuore che ti cerca” Torre per Cosenza e il prorettore Sale poi Giuseppe Meligrana, (Rizzoli); il premio, un trofeo e un Tamburino per Reggio parlano di segretario del Premio Tropea che in assegno di 5.000 euro, è stato conse- cultura e dei luoghi adatti a questa: nome dell’Accademia degli Affaticati gnato dal Presidente della Provincia ogni luogo - è il giudizio comune - è ringrazia il patron del Premio, di Vibo Valentia, Francesco De Nisi. utile alla promozione della stessa, Pasqualino Pandullo, per il lavoro Terzo posto per Mario Desiati anche di quella non prettamente svolto alla buona riuscita del Tropea con “Il paese delle spose infelici” accademica, purché sia di alta livello 2009. Infine i ringraziamenti e poi il (Mondadori) che ha ottenuto 32 voti e fatta bene. verdetto, Carmine Abate, il vincitore. totali pari al 9% dei consensi. Il E mentre Eugenio Masciari premio, anche per lui un trofeo e recita egregiamente uno spezzone del un assegno di 5.000 euro, è stato suo spettacolo su Pasolini il tempo consegnato dalla Presidente della sembra volare al ritmo delle sue paro- Giuria tecnico-scientifica del Premio, le; sale sul palco Gilberto Floriani, Isabella Bossi Fedrigotti. direttore del Sistema Bibliotecario La serata, aperta ancora dagli stra- Vibonese, nonché membro della vaganti, eclettici e sempre itineranti Giuria Tecnica del Premio, che parla Binghillo, oramai amati dal pubblico dell’importanza delle biblioteche per tropeano, era incominciata con la la società; queste sono il simbolo Bossi Fedrigotti che, invitata sul della cultura perchè conservano palco da Pandullo e dalla Blasi ha documenti e libri per disporli a tutti. ancora una volta affermato che il La Calabria non è una terra di Tropea, per fortuna, sceglie i libri che biblioteche efficienti e funzionali ma gli piacciono, senza costrizioni o con- la realtà di Vibo è un’eccellenza. dizionamenti editoriali. Di fronte alla Ancora la Binghillo sul palco e domanda a riguardo dell’esclusione subito dopo si aprono gli interventi CARMINE ABATE dalla terna di una penna femminile, ha istituzionali: parla Mario Caligiuri, vincitore del Premio Tropea
  • 31. ELPIS Pagina 31 Segue da pag. 2 n. 14 - 31 DICEMBRE 2005 N. 20 - 23 DICEMBRE 2007 GLI AMICI DI ELPIS - IL LIMITE di Bruno Stillo - VITA di Bruno Stillo - L’I- ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI -‘U POSTIARI - GLI AMICI DI ELPIS - IL DIRITTO DI NASCE- POCRITA di Angelo Jorfida - IL NOSTRO CARO ANGELO da www.sanso- RE di Francesco Bevivino - 4 GENNAIO 1999 di Antonella Cosentino - DISCORSO AL SIS- stene.com - SESSO E PARADISO (seconda parte) di Salvatore Mongiardo SIZIO di Salvatore Mongiardo - MEMORIE DELLA GRANDE GUERRA (seconda parte) di - COSI’ DICEVANO - ANDREA ALPIMONTE: EMIGRANTE DI LUSSO di Francesco Armogida - RIPARTE L’A.R.A. di Mario Dominijanni - PERCHE’ LA VIOLANZA? Mario Dominijanni - IL NOSTRO CARO FRANK di Alfredo Varano - PER IL di Salvatore Mongiardo - TUTTU ‘U MUNDU E’ PAJISI di Bruno Stillo - RICORDO D’IN- I° CENTENARIO DELLA NASCITA DELL’ARCH. FRANCESCO ARMOGIDA FANZIA di Laura Cosentino - IL BAMBINELLO MALTRATTATO di Pietro Voci - VITTORIA! di Enrico Armogida - ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI - L’ARGAGNARI O IN NOME DI UN SORRISO di Marcello Cento - DOVE TROVARE ELPIS - IL CONTRIBUTO STOVIGLIAI A S. ANDREA JONIO di Enrico Armogida - ARIA DI FUTURO RELIGIOSO, CULTURALE E SOCIALE DEI “MONACI BIZANTINI” NEL TERRITORIO DI ROSEO di Pietro Voci - NUOVI DI STAMPA - VANNO, VENGONO, RITOR- S.ANDREA JONIO di Enrico Armogida - APPUNTI E SPUNTI di Gregorino Capano - VISTI NANO di Melissa Mongiardo - LINA MORETTI NESTICO’: UN PERCORSO SUL WEB - LA DONNA ALLA CONQUISTA DELLA PARITA’ di Simona Samà - CC’ERA NA ARTISTICO FRA TRADIZIONE E RINNOVAMENTO di Giampaolo Trotta - VOTA... ’A “ROTA” D’O VRASCIARI di Enrico Armogida - SAN SOSTENE E DAVOLI NEL DOVE TROVARE ELPIS - DALLA FAMIGLIA AL LAVORO: UN EXCURSUS VOCABOLARIO di Gregorino Capano - SANT’ANDREA: RITORNANO GLI ARCANGELI di DELLA DONNA ITALIANA DALL’UNITA’ AD OGGI di Simona Samè - CRU- Armando Vitale - NUOVI DI STAMPA - EPOLENEP racconto di Beppe Calabretta - LA CIVERBA di Antonella Cosentino - LA MEMORIA NELL’IMMAGINE MEMORIA NELL’IMMAGINE N. 15 16 APRILE 2006 N. 21 - 23 MARZO 2008 GLI AMICI DI ELPIS - ‘U POSTIARI - SESSO E PARADISO (terza parte) di ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI - GLI AMICI DI ELPIS - ‘U POSTIARI - Salvatore Mongiardo - COSI’ DICEVANO - CIO’ CHE SI PERDE, CIO’ MEMORIE DELLA GRANDE GUERRA (terza parte) di Francesco CHE RESTA di Gennaro Dattilo - L’OGGETTO di Bruno Stillo - SOLITU- Armogida - “CUNTU CUNTUZZU:CUNTALU TU CA IO NON PUAZZU DINE di Bruno Stillo - STORIA DI UN INSUCCESSO di Pietro Voci - IL di Enrico Armogida - DOVE TROVARE ELPIS - MUGNANA E SCALUNI PRIMO MULINO AD ACQUA di Gregorino Capano - DOVE TROVARE di Bruno Stillo - LA COLOMBA PACIOCCONA di Pietro Voci – ATLETA ELPIS - PER IL I° CENTENARIO DELLA NASCITA DELL’ARCH. FRANCE- GENUINO SANSOSTENESE di Gregorino Capano - IL MIO PAESE di SCO ARMOGIDA di Enrico Armogida - L’UCCISIONE DEL MAIALE: IL Laura Casentino - VIAGGIO TRA LE CONGREGHE di Aldo Dominijanni REALITY ANDREOLESE di Mario Dominijanni - LA CONDIZIONE FEM- - L’UFFICIU DI SANT’ANDREA APOSTOLO di Alfredo Varano - LINA MINILE IN ITALIA NEGLI ANNI DEL MIRACOLO ECONOMICO di MORETTI NESTICÒ, MARZODONNA - LA MEMORIA NELL’IMMAGINE Simona Samà - UN ILLUSTRE ANDREOLESE DIMENTICATO di Bruno Codispoti - BRUNINU di Nicola Lijoi - LA RELIQUIA RITROVATA di Alfredo Varano - IGNORANZA, CULTURA, OPPORTUNITA’ di Angelo Jorfida - CAPODANNO 2006 di Laura Cosentino - LA MEMORIA NEL- L’IMMAGINE N. 16 - 6 AGOSTO 2006 N. 22 - 3 AGOSTO 2008 GLI AMICI DI ELPIS - NOMI E STORIE INCONSUETE di Duino Bressi - ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI - GLI AMICI DI ELPIS - IL DETTO: “P’O LAZZU D’O SESSO E PARADISO (quarta parte) di Salvatore Mongiardo - ANCORA JUACU”... di Enrico Armogida - IL BAR DELLA COOPERATIVA racconto di Beppe VERGOGNE di Alfredo Varano - COSI’ DICEVANO - I CUMPARA (prima Calabretta - UNA GRANDE MISTICA DEL NOSTRO TEMPO di Dora Samà - LET- parte) di Bruno Stillo - SCARABOCCHI di Antonio Seracini - GIUGNO, TERA ALLA MONACHELLA DI S.BRUNO - di Dora Dominijanni - ITALIA! ITALIA! IL MESE DEI SOGNI E DELLE SPERANZE… di Angelo Jorfida - FRESCHI atto unico di Salvatore Mongiardo - MEMORIE DELLA GRANDE GUERRA (quar- DI STAMPA - MAMMA LI TURCHI! di Luigi Fusto - LA BISNONNA CRI- ta parte) di Francesco Armogida - IL BULLISMO, FATTISPECIE AUTONOMA di SCIADASCIA di Gregorino Capano - CALABRIA di Gregorino Capano - Francesco Bevivino - PRIMAVERA di Bruno Stillo - PILLOLE DI RIFLESSIONI di NEL MONDO DEI MINORI intervista al dott. Aldo Nesticò - I PERCOR- Francesco Mirarchi - AGOSTO: MERCATINO A S.ANDREA MARINA di Bruno SI DI CRESCITA DELLA CONDIZIONE FEMMINILE NEGLI ANNI ’60-’80 Stillo - ALL’ARRANTUATU ‘E SADDADA di Enrico Armogida - RICORDO DI GIU- di Simona Samà - NOI CHE RESTIAMO di Giuseppe Stillo - PLAY BOY SEPPE RANIERI di Aldo Dominijanni - DUE DATE di Pietro Voci - IL DESIDERIO A SANT’ANDREA di Mario Dominijanni - LACRIME E TRUCIOLI di DI RECITARE di Laura Cosentino - SCARABOCCHI di Antonio Seracini - LA Pietro Voci - I DITTERI ‘E L’ANTICHI – PROVERBI, DETTI E MODI DI DIRE MEMORIA NELL’IMMAGINE DIALETTALI di Enrico Armogida - DOVE TROVARE ELPIS - ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI - LA MEMORIA NELL’IMMAGINE N. 17 - 31 DICEMBRE 2006 N. 23 - 21 DICEMBRE 2008 GLI AMICI DI ELPIS - I CUMPARA (seconda e ultima parte) di Bruno GLI AMICI DI ELPIS - RICORDI DI IERI (ed è passato mezzo secolo...) di Stillo - UN MONDO MORTO E SEPOLTO di Pietro Voci - SUL FUTURO Nicola Lijoi - cridìtimi ca mùaru di Pietro Voci - LA FESTA DEL 30 NOVEM- TURISTICO DI SANT’ANDREA di Bruno Nesticò - PETRIZZIA E LA “PIE- BRE 2008: IMMAGINI - BIBLIOGRAFIA ANDREOLESE - TEMA: ‘U CIUCCIU DIMOBILE” di Angelo jorfida - APPUNTI E SPUNTI di Gregorino di Bruno Stillo - COSI’ DICEVANO - FESTEGGIAMENTI E “ANDREOLESITA’” Capano - RICORDO DI TOTO’ DE ROSI di Bruno Maria Carioti - ANNI di Mario Dominijanni - IL SOCIAL CLUB DI TORONTO: UN PO’ DI STORIA di OTTANTA: LA NUOVA CONDIZIONE FEMMINILE di Simona Samà - Vincenzo Lijoi - A S.ANDREA UN “FORTUNATO” RITROVAMENTO: ‘a pijjà- MANI CADDUSI/MANI VIRTUSI di Enrico Armogida - COSI’ DICEVANO ta d’o trentatrì di Enrico Armogida - ‘a pijjàta di Vincenzo Samà - FRA’ - DONNA VARVARA di Alfredo Varano - RICORDI DI GUERRA di Duino VERALDO di Alfredo Varano - MEMORIE DELLA GRANDE GUERRA (quinta Bressi - NUOVI DI STAMPA - PASSO ANDREOLESE di Domenico Betrò e ultima parte) di Francesco Armogida - IL DIZIONARIO DI ENRICO di - SCARABOCCHI di Antonio Seracini - VINCENZO RAMOGIDA UN Salvatore Mongiardo - ‘u pappù racconto di Beppe Calabretta - PILLOLE DI ANDREOLESE CON LA CISL NEL CUORE intervista di Ivo Camerini - RIFLESSIONI di Francesco Mirarchi - LA MONACHELLA DI S.BRUNO E DOVE TROVARE ELPIS - PAESE MORENTE di Francesco Frustagli - LA ANNAMARIA di Dora Dominijanni - DICONO DI NOI... - DOVE TROVARE MEMORIA NELL’IMMAGINE ELPIS - DAI SALESIANI AGLI ANDREOLESI di Mario Dominijanni - SCARA- BOCCHI di Antonio Seracini - LA MEMORIA NELL’IMMAGINE N. 18 - 8 APRILE 2007 N. 24 - 12 APRILE 2009 ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI - GLI AMICI DI ELPIS - COSE CHE CAM- ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI - GLI AMICI DI ELPIS - ALBA E TRAMONTO BIANO di Pietro Voci - APPUNTI E SPUNTI di Gregorino Capano - SCA- DI UN GIORNO DI APRILE di Pietro Voci - PILLOLE DI RIFLESSIONI di RABOCCHI di Antonio Seracini - IL MONACHESIMO BASILIANO un Francesco Mirarchi - ‘U RICRIJU D’O MIRIJU di Bruno Stillo - LA DONNA IN seminario e un libro - NUOVI DI STAMPA - LA DONNA ITALIANA TRA CALABRIA IERI E OGGI di Maria Elena Cosentino - NUOVI DI STAMPA - INDUSTRIA E TERZIARIO di Simona Samà - U CUSTURIARI di Enrico SUL DIZIONARIO DI ENRICO di Salvatore Mongiardo - SCARABOCCHI di Armogida - FORTUNA di Bruno Stillo - GLORIA NEI CIELI E SUSSU- Antonio Seracini - PASQUINALE versi in romanesco di Paolo Mongiardo - DEO di Salvatore Mongiardo - BALDASSARRE CODISPOTI di Alfredo SCATTI DI CARNEVALE foto di Mariella Lijoi - ARCHIVIO STORICO - PIAP- Varano - DICONO DI NOI - LA COOPERATIVA DI CONSUMO “LA RINA- PI ‘E PUDDHARA di Alfredo Varano - ‘U PACCU racconto di Beppe SCITA” di Enrico Armogida - COSÌ DICEVANO - SUPRAGNUAMI di Calabretta - QUAND’ERUMU... di Francesco Mirarchi - BRUNO VOCI: ULTI- Alfredo Varano - ZZAPPUNIADDHU E MÈTARA di Angelo Jorfida - LA MI TRATTEGGI - DOVE TROVARE ELPIS - ADDIO PIGNARI di Armando PASSIONE, MORTE E RESSURRZIONE DI GESÙ - UN NUOVO ANNO Vitale - MARTITIO DELL’APOSTOLO ANDREA - ETYMON - COSI’ DICEVANO (2007) di Laura Cosentino - COME ERAVAMO... il nostro paese in un - MIA MADRE di Laura Cosentino - L’IMMACOLATA IN CD-ROM - ‘U articolo del 1940 - LA MEMORIA NELL’IMMAGINE POSTIARI - LA MEMORIA NELL’IMMAGINE N. 19 - 5 AGOSTO 2007 ELPIS: I NUMERI PRECEDENTI - ‘U POSTIARI - GLI AMICI DI ELPIS - SISSI- ZIO DELLA RIFONDAZIONE DELL’ITALIA - SCARABOCCHI di Antonio Seracini - IL MIGLIOR VINO E’ DIVENTATO ACETO di Pietro Voci - LA DOLCE VITA A SANT’ANDREA di Mario Dominjanni - COSI’ DICEVANO - DI SAN- GUE GIALLO racconto di Andrea Lijoi - LE NOSTRE DONNE di Antonio Pillucci - NUOVI DI STAMPA - I MULINI AD ACQUA E I MULINI A LLETTRI- CA di Enrico Armogida - ANALISI ILLOGICA: VIZI VIRTU’ E... “CAZZUNAG- GINI” di Bruno Stillo - APPUNTI E SPUNTI di Gregorino Capano - MEMO- RIE DELLA GRANDE GUERRA (1) di Francesco Armogida - OMAGGIO A SANT’ANDREA JONIO poesia di Lina Moretti Nesticò - UNA PAGINA DA NON DIMENTICARE: A SANT’ANDREA LO SCIOPERO “DE’ FIMMANI E L’OLIVI” di Enrico Armogida - LA MEMORIA NELL’IMMAGINE
  • 32. La memoria nell’immagine PRIMA COMUNIONE SCALA “GRANDE” DELLA CHIESA MATRICE - ANNI ‘50 (foto ricevuta da Totò Carioti) SudGrafica - Marina di Davoli (CZ) - Tel. 0967.70297