Your SlideShare is downloading. ×
0
La Comunicazione del Brand nell'era del Web2.0
La Comunicazione del Brand nell'era del Web2.0
La Comunicazione del Brand nell'era del Web2.0
La Comunicazione del Brand nell'era del Web2.0
La Comunicazione del Brand nell'era del Web2.0
La Comunicazione del Brand nell'era del Web2.0
La Comunicazione del Brand nell'era del Web2.0
La Comunicazione del Brand nell'era del Web2.0
La Comunicazione del Brand nell'era del Web2.0
La Comunicazione del Brand nell'era del Web2.0
La Comunicazione del Brand nell'era del Web2.0
La Comunicazione del Brand nell'era del Web2.0
La Comunicazione del Brand nell'era del Web2.0
La Comunicazione del Brand nell'era del Web2.0
La Comunicazione del Brand nell'era del Web2.0
La Comunicazione del Brand nell'era del Web2.0
La Comunicazione del Brand nell'era del Web2.0
La Comunicazione del Brand nell'era del Web2.0
La Comunicazione del Brand nell'era del Web2.0
La Comunicazione del Brand nell'era del Web2.0
La Comunicazione del Brand nell'era del Web2.0
La Comunicazione del Brand nell'era del Web2.0
La Comunicazione del Brand nell'era del Web2.0
La Comunicazione del Brand nell'era del Web2.0
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

La Comunicazione del Brand nell'era del Web2.0

5,009

Published on

Presentazione della mia tesi di laurea dal titolo "La comunicazione del brand nel web 2.0" che analizza le implicazioni del web 2.0 nel rapporto tra imprese e consumatori e nelle strategie di …

Presentazione della mia tesi di laurea dal titolo "La comunicazione del brand nel web 2.0" che analizza le implicazioni del web 2.0 nel rapporto tra imprese e consumatori e nelle strategie di comunicazione di marketing.

Published in: Technology, Business
0 Comments
10 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
5,009
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
307
Comments
0
Likes
10
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. LA COMUNICAZIONE DEL BRAND NELL’ERA DEL WEB 2.0 Presentazione Tesi dI Laurea di Dalila Piccoli
  • 2. LA RIVOLUZIONE DELLA RETE WEB 1.0 WEB 2.0 MEDIA AMBIENTE L’utente è Semplice FRUIZIONE PROTAGONISTA da parte dell’utente Partecipa, socializza, condivide AUDIENCE COMUNITÀ La Rete si sta trasformando in una PIATTAFORMA DI ARCHIVIAZIONE, ACCESSO E SCAMBIO DI RISORSE E CONOSCENZA CONDIVISIONE E PARTECIPAZIONE
  • 3. LA PARTE ABITATA DELLA RETE SOCIAL NETWORK WIKI CONDIVISIONE BLOG CONTENUTI SOCIAL MEDIA COMMUNITY FORUM PIATTAFORMA CONVERSAZIONALE Le persone si relazionano tra loro creando e condividendo contenuti
  • 4. ONE TO MANY MANY TO MANY Il brand è il Il consumatore è il protagonista protagonista
  • 5. LA COMUNICAZIONE DEL BRAND NELL’ERA DEL WEB 2.0 La comunicazione del brand nel Web 2.0 deve essere diversa da quella tradizionale Focus gestione di conversazioni e comunità in un’ottica consumer oriented da MONOLOGO a DIALOGO Siti vetrina Spazi di conversazione
  • 6. LA COMUNICAZIONE DEL BRAND NELL’ERA DEL WEB 2.0 Le aziende devono imparare a sfruttare le enormi potenzialità del Web 2.0 per: ASCOLTARE i consumatori CREARE UN LEGAME DIALOGARE con e tra i con i consumatori consumatori COINVOLGERE i consumatori
  • 7. 1. ASCOLTARE Viviamo in un epoca in cui ogni consumatore ha un megafono. Molti lo stanno usando e le aziende farebbero meglio ad ascoltare. (Anderson, 2006) L’utente Internet - è un PROSUMER, un soggetto attivo che contribuisce alla formazione della brand image - è sensibile a cosa pensano gli altri. Nei social media si diffonde all’ennesima potenza il PASSAPAROLA L’ASCOLTO dei consumatori attraverso il monitoraggio dei social media o community dedicate permette di: - comprendere la Web Reputation del brand - acquisire dai consumatori degli insight
  • 8. Corporate blog Canale su YouTube 2. DIALOGARE È necessario supportare spazi di conversazione anzichè spazi per monologhi L’azienda deve creare contenuti pensati per la Rete, che si Account su Flickr Fan page su Facebook orientano a imbastire un discorso, dove le persone diventano protagoniste e interlocutrici. Il Web 2.0 mette a disposizione delle aziende una grande varietà di strumenti di comunicazione. Attraverso i blog, i forum, i social network, le wiki, le aziende possono sviluppare un rapporto con i consumatori basato sulla Wikipedia Twitter conversazione dove i contenuti della comunicazione vengono arricchiti con il contributo reciproco di tutti gli utenti.
  • 9. Proporre idee 3. COINVOLGERE Il Web 2.0 facilita l’engagement del consumatore. Centralità del consumatore significa anche coinvolgerlo nella co-creazione quindi non solo ascoltarlo ma utilizzare anche le sue competenze. Realizzare pubblicità Il consumatore vuole partecipare, essere coinvolto nelle attività della marca, essere protagonista. È un ConsumATTORE. Egli in Rete può definire che cosa deve essere prodotto e in che termini ed essere coinvolto:  nelle fasi di generazione delle idee e progettazione del prodotto;  nelle attività di marketing e comunicazione;  nella co-produzione di offerte Creare il proprio prodotto personalizzate.
  • 10. Nel Mulino che vorrei
  • 11. Nel Mulino che vorrei. Spazio ai consumatori PROPORRE UN’IDEA VOTARE UN’IDEA CONDIVIDERE UN’IDEA COMMENTARE UN’IDEA
  • 12. Nel Mulino che vorrei IDEA IN FASE DI VALUTAZIONE Le dieci idee più votate dalla community vengono inserite all’interno di un processo interno a Mulino Bianco di valutazione e analisi di fattibilità che porta a renderle complete. DIARIO DELL’IDEA
  • 13. Nel Mulino che vorrei Risultati dopo quattro mesi e mazzo dal lancio (a luglio 2009): 1535 idee proposte dagli utenti; 12225 voti alle idee; 1497 commenti; 1966 nella fan page di Facebook Elevato buzz in Rete
  • 14. 4. CREARE UN LEGAME con e tra i consumatori Legame di fiducia condividere con i clienti la passione per una marca o per un prodotto, incentivando i consumatori entusiasti alla diffusione dei relativi valori presso i loro amici e le loro comunità. Il Web 2.0 permette l’istaurarsi di relazioni non solo tra il brand e i consumatori ma anche tra i consumatori stessi. il consumatore postmoderno è un ANIMALE SOCIALE spesso è alla ricerca più di legami, di relazioni piuttosto che di semplici prodotti. MARKETING TRIBALE da Relazione a Condivisione
  • 15. BRAND COMMUNITY piattaforma relazionale, agorà virtuale: luogo dove si incontrano individui che hanno in comune la passione per il brand. Brand Tramite per consentire lo scambio e l’interazione tra persone che hanno qualcosa in comune e possono così avere occasioni di dialogo, mettere in comune esperienze, creare legami, condividere opportunità. Opportunità per il BRAND Opportunità per il CONSUMATORE  condivide il patrimonio valoriale del brand  soddisfa il bisogno di comunità. al fine di rafforzare il senso di appartenenza  soddisfa il bisogno di protagonismo e fedeltà dei consumatori  fa vivere una brand experience virtuale al consumatore  attiva un dialogo con i propri consumatori
  • 16. Vodafone Lab
  • 17. Community di Pampers
  • 18. Strumenti di interazione in una brand community Corporate blog dove l’azienda può raccontarsi, inserire novità e nuovi prodotti allo scopo di confrontarsi con i membri e dare loro l’occasione di poterne discuterne;
  • 19. Strumenti di interazione in una brand community Forum o chat dove i membri possono parlare fra loro, scambiarsi pensieri sulla marca, pareri, dubbi, consigli, raccontare le proprie esperienze e intrattenere discussioni sui temi rilevanti.
  • 20. Strumenti di interazione in una brand community Sezioni dove i membri possono condividere foto e video mentre utilizzano il prodotto o dove possono mostrare agli altri utenti le proprie collezioni legate al prodotto.
  • 21. Strumenti di interazione in una brand community Un social network interno dove ogni membro può creare la propria pagina personale e interagire con gli amici.
  • 22. Strumenti di interazione in una brand community Una wiki dove gli utenti possono co-creare conoscenza e mettere in luce le proprie competenze
  • 23. Strumenti di interazione in una brand community Spazi dove i consumatori possono lasciare le proprie idee, suggerimenti, accorgimenti riguardanti i prodotti.
  • 24. CONCLUSIONI Il Web offre oggi ai brand opportunità di crescita e consolidamento importanti. Ma è necessario un CAMBIAMENTO culturale da parte delle aziende. Il Web non è un medium pubblicitario in cui i brand devono fare a gara per chi urla più forte. La natura del Web è legata alla struttura delle relazioni incentrate sulle conversazioni dove i protagonisti assoluti sono le persone.

×