Tv Popolare
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Tv Popolare

on

  • 1,219 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,219
Views on SlideShare
1,203
Embed Views
16

Actions

Likes
1
Downloads
4
Comments
0

3 Embeds 16

http://www.linkedin.com 13
https://www.linkedin.com 2
http://www.slideshare.net 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Tv Popolare Presentation Transcript

  • 1. TV popolare Come realizzare una TV indipendente nell’epoca del 2.0
  • 2. Obiettivo
    • Realizzare una televisione indipendente ed innovativa , a partecipazione popolare e con ampio sostegno da altri gruppi , tra cui associazioni, movimenti, imprese, in grado di produrre e aggregare format in un unico palinsesto multicanale, valorizzando le specializzazioni e le competenze nonché salvaguardando le identità di ogni singolo soggetto promotore.
    • Principi irrinunciabili sono la funzione di servizio e la propositività all'azione interattiva.
  • 3. Overview
    • E' necessario costituire un gruppo promotore da soggetti produttori di informazione e contenuto che sottoscrivano .
    • Poi si potrà creare una cooperativa che raccolga le persone attive nel progetto. La
    • cooperativa verrà finanziata dai soci fondatori che saranno parte attiva del progetto tv e
    • collaboratori o stakeholders generici.
    • Questo passaggio è indispensabile per avere almeno una risorsa attiva quotidianamente sul
    • progetto. L'obiettivo di coperura iniziale è di 10K che i soci dovranno conferire in pari
    • misura. E' ipotizzabile l'apertura di una sottoscrizione interna ai gruppi.
    • Appena costituita la coop. verrà formalizzato un organo operativo che avrà il compito di
    • definire e monitorare il programma delle attività e il master plan. Dovrà inoltre essere
    • incaricata una persona di seguire il progetto a tempo pieno. Gli skill richiesti sono
    • organizzativi, tecnici generici, commerciali. Questa persona sarà il riferimento operativo per i
    • primi mesi ed avrà il principale compito di coordinare e monitorare l'andamento delle attività.
    • In seguito, quando ci si avvicinerà alla concretizzazione della fase di start-up (ovvero almeno
    • aver concluso accordi con tv analogiche e digitali per la diffusione) si creerà una SPA ad
    • azionariato diffuso che rappresenti l’interesse comune, che svolga la funzione di editore, che
    • detenga la proprietà di eventuali strutture e che ha la funzione di mettere in rete e coordinare
    • le risorse dei soggetti proponenti l'iniziativa.
    • La SPA deve prevedere un codice etico, limitazione al concentramento delle azioni (anche
    • per soggetti collegati).
    • Dopo la creazione si procederà alla campagna di sottoscrizione per l'azionariato diffuso.
    • La cooperativa si adopererà per avere una quota importante nella compagine.
  • 4. Condizione Iniziale
    • Tutti i soggetti sostenitori condivideranno una carta dei valori che rappresenterà la
    • condivisione degli intenti.
    • Sui principi espressi in questa carta, verranno valutate tutte le
    • proposte di iniziative e il metro di misura per le attività svolte.
    • I soggetti partecipanti possono avere diverse posizioni politiche, diverso credo religioso e
    • diverse forme di azione, ma tutte condividono la necessità di fare fronte comune per
    • contrastare una nuova dittatura che basa il suo potere sul controllo dei mezzi di
    • comunicazione di massa .
    • I principi su cui possiamo basarci nel progetto specifico possono forse non essere
    • completamente condivisi dalle organizzazioni che ne faranno parte, ma saranno accettate per
    • quanto riguarda la collaborazione all'interno del progetto.
    • I principi proposti su cui vale la pena interscambiare sono: la non violenza, il pluralismo, la non discriminazione,
  • 5. Organizzazione
    • La tv non avrà “padroni” ma sarà organizzata ed opererà attraverso un’assemblea eletta da tutti gli associati al progetto.
    • Questa assemblea, oltre a svolgere la funzione di comitato editoriale, è incaricata di rendere operativi i processi che portano alla produzione, all’aggregazione, alla valutazione ed all’emissione del contenuto.
    • Verrà effettuato un censimento delle risorse condivisibili per ogni soggetto e saranno messe in rete ed organizzate.
  • 6. Finanziamento
    • Finanziamento : La tv sarà finanziata attraverso 3 principali voci di ricavo :
    • 1. Partecipazione popolare e azionariato diffuso. Sarà effettuata una campagna di
    • raccolta fondi nazionale promossa da tutti i soggetti partecipanti per la sottoscrizione
    • di azioni o abbonamenti o tessere associative
    • 2. Gruppo d'acquisto. Sarà stabilito un costo al minuto, calcolato dalla somma delle
    • spese di produzione (studi condivisi), organizzative e di emissione; chiunque desideri
    • trasmettere sul palinsesto della piattaforma dovrà sostenere un costo orario
    • 3. Sponsor e Fund Raising (istituzionali e privati)
    • Deve essere garantita la trasparenza e l'indipendenza finanziaria attraverso strumenti
    • elettronici.
  • 7. Produzione
    • Produzione : Il contenuto dovrà essere di qualità televisiva. La tv metterà a disposizione dei
    • suoi sostenitori la consulenza e gli strumenti necessari al raggiungimento di tale fine.
    • Ogni produzione dovrà cercare almeno una parte di autofinanziamento.
    • Ogni produzione cerca una "reazione" dell'utente. Non format monodirezionali ma
    • biderezionali in grado di offrire uno spunto concreto per l'attivazione dopo la fruizione
    • dell'informazione. Generare Azione.
  • 8. Diffusione
    • Diffusione : occorre pensare a un percorso di diffusione che preveda l'inserimento del canale in un circuito televisivo conosciuto", l'utilizzo di forme di diffusione "non convenzionali“ qualcosa come "radio Londra" in tempo di guerra, una forma che richiami la lotta partigiana e l'aiuto degli alleati potrebbe essere carino e facile da fare.
  • 9. Credibilità
    • Sostegno di testimonial, sostegno ideologico dal basso ma soprattutto impegno concreto dal basso.
  • 10. Road Map
    • FASE 0 - DEFINIZIONE MISSIONE, PIANO OPERATIVO, PARTECIPANTI
    • Definire la road map fin nel dettaglio, avere una scaletta precisa di azioni da compiere almeno per la fase 0
    • Censimento dei fornitori di contenuto tematici in grado di produrre contenuto e impegno a produrre contenuto in autonomia per X ore settimana; importante segnare i bacini potenziali già acquisiti (umanisti, laika, wow, ermes, liblab, teatripossibili, arcoiris,..)
    • Creare una presentazione del progetto tv con "codice etico per l'informazione nella produzione televisiva"
    • AZIONE A - DEFINIZIONE PARTNER DIFFUSIONE
    • Decisione sull'incarico interno o esterno per la gestione dei primi accordi
    • Contattare una tv "amica" e testare la tattica commerciale con una minima proposta;
    • OBIETTIVO : ottenere un costo annuale per la gestione del canale digitale terrestre sulla
    • lombardia
    • Creazione accordo editore/operatore di rete per la gestione di un canale digitale, necessario avvocato tecnico
    • Con l'accordo andare da altri partner nelle zone in cui siamo coperti da autorizzazione ed avere costi emissione su network nazionale
    • AZIONE B - CREAZIONE ORGANIZZAZIONE
    • Costituzione della cooperativa (o associazione) composta dai soggetti fondatori che abbia per statuto l'obiettivo di creare la nuova tv
    • L'assemblea costituente da vita ad un comitato organizzativo
    • Creazione ed adesione ad una carta di principi a cui tutti i partecipanti dovranno attenersi nella produzione dei contenuti e nelle modalità operative (?)
    • Censimento risorse umane, tecniche e logistiche disponibili dai gruppi aderenti
    • Creazione comitati : legale, editoriale, tecnico, emissione, promozione
    • AZIONE C - IMPOSTAZIONE TECNOLOGIA, PIATTAFORMA DI ARCHIVIAZIONE E TEST DIFFUSIONE
    • Creazione sito web di riferimento informativo e lavoro di prima promozione su social media
    • Censimento ed Archiviazione tematica del contenuto su server condiviso (ftp o peer to peer)
    • Test di comunicazione per le messa in onda con operatore di rete
    • AZIONE D - RICERCA ALTRI PARTNER DI DIFFUSIONE E PREPARAZIONE PROMOZIONE
    • Censimento di altri partner di emissione amici ed a cui proporre l'iniziativa del network (web tv, tv sat, tv locali analogiche, tv locali digitali terrestre, ip-tv)
    • Creazione di un accordo tra editore e gli altri partner di diffusione in grado di veicolare il contenuto sui loro canali.
    • Campagna di adesione per gli operatori
    • Ricerca Testimonial
    • Creazione del palinsesto condiviso multicanale
    • Inizio trasmissioni di test
    • FASE 1 - ASSETTO, PROMOZIONE E CAMPAGNA AZIONARIATO POPOLARE
    • Creazione SPA
    • Campagna di azionariato popolare