• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Comunicare attraverso il Web2.0
 

Comunicare attraverso il Web2.0

on

  • 291 views

Le nuove frontiere della comunicazione 2.0: i social network.

Le nuove frontiere della comunicazione 2.0: i social network.
Seminario tenutosi il 5 novembre per Ascom Padova

Statistics

Views

Total Views
291
Views on SlideShare
291
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
7
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Comunicare attraverso il Web2.0 Comunicare attraverso il Web2.0 Presentation Transcript

    • LE NUOVE FRONTIERE DELLA COMUNICAZIONE ONLINE: I SOCIAL NETWORK A cura di Claudia Zarabara – scrivi@claudiazarabara.it 5 novembre 2013
    • L’obiettivo di questo incontro • Farvi conoscere questo mondo! http://www.youtube.com/watch?v=XLgM1UAiRXU
    • Dal Web 1.0 al Web 2.0 WEB 1.0 USO LA RETE WEB 2.0 SONO IN RETE WEB 2.0 SIAMO IN RETE WEB 2.0 SIAMO LA RETE “Col termine Web 2.0 generalmente ci si riferisce ad una seconda generazione di servizi disponibili sul WWW che consentono di collaborare e condividere informazioni online” tratto daWikipedia.com
    • Quindi? • Oggi non si comunica: si CONDIVIDE • Si condivide sui SOCIAL NETWORK • Social Network: esserci o non esserci? ESSERCI NEL MODO GIUSTO! • Ma soprattutto, COSA CONDIVIDIAMO?
    • L’evoluzione dell’informazione • Web 1.0: sono pagine create “istituzionalmente” per fornire informazioni • Web 2.0: fornisce le informazioni in modo tale che gli utenti le possano prendere e modificare. L’informazione viaggia in modo destrutturato. • User generated data: le informazioni sono create, rimaneggiate, condivise, distribuite dagli utenti.
    • Cosa sono i Social Network? Social Network sono siti permettono di condividere interessi, reti di relazioni e di amicizia, i contenuti più diversi… • Relazioni professionali (reti informali e formali di contatti, lobby): Linkedin, Viadeo, Xing etc. • Amicizia (ricerca/contatto amici, scambio informazioni, link…): FaceBook, Google+, Diaspora, etc. • Foto/Video: Flickr, Picasa, YouTube etc Cosa sono i Social Network? Su cosa si basano? Sui TOT (QUANTI?) gradi di separazione: quante persone che si conoscono l’una con l’altra ci sono tra te ed un emerito sconosciuto dall’altra parte del mondo?
    • Alcuni esempi… • A livello tecnologico questi strumenti non richiedono alcuna competenza. C’e’ un solo ingrediente strategico…
    • Il contenuto!
    • Il rischio… E’ più rischioso esserci o non esserci? Se non ci sei, altri parleranno di te anche se questa non è una tua iniziativa Se ci sei sarai in grado di controllare/gestire la comunicazione, il reclamo, i commenti positivi e negativi. Occorre reinventare la comunicazione! Non solo dire, ma ascoltare. Occorre imparare a dialogare
    • Alcuni strumenti
    • Perché Facebook • • • • • • • • • Perché Facebook: Economico Universale Internazionale Facile da utilizzare Facile da aggiornare Indicizzato da Google Diffuso sui dispositivi mobili Ideale per raccontare una storia
    • Come funziona aziendalmente? • http://youtu.be/ZQEmT_GUXfg
    • Prima di cominciare: • Alcuni errori tipici delle aziende: – – – – – Attivarsi su Facebook senza avere una strategia da seguire! Non monitorare se già si parla di loro su Facebook Aprire il profilo e non la pagina aziendale Mescolare pubblico e privato Non rispettare le regole di Facebook (immagine di copertina ad esempio) – Non dare un URL definitivo alla pagina Facebook
    • Profilo e pagina • • • • • PROFILO E’ della persona, secondo il regolamento Ha gli amici Solo gli amici possono vedere i contenuti Non è visibile da chi non accede a Facebook Ha un limite massimo di amici (max 5000 ad oggi) • • • • • • PAGINA E’ aziendale/ politico/ causa sociale/ personaggio pubblico Non ha gli amici ma i FAN Pertanto è visibile anche da chi non accede a Facebook E’ letto da Google Non ha limiti di Fan Offre maggiori possibilità di promozione a pagamento. L’azienda DEVE scegliere la pagina aziendale
    • Twitter: il micro blogging • • • • • • Oltre 15 miliardi di tweet Lo usano per lo più le donne (55% contro 45%) Età: 18-34 anni: 45% Etnie: caucasica il 69% Giorno più trafficato: mercoledi’ e giovedi Iscrizione gratuita: – Attenzione alla scelta dello user secondo la logica www.twitter.com/nomeutente – personalizzazione della pagina user (foto, biografia, sfondo) Twitter è una piattaforma di comunicazione che aiuta le aziende a rimanere in contatto con i loro clienti. Come azienda, puoi utilizzarlo per condividere rapidamente informazioni con utenti interessati alla tua azienda, raccogliere informazioni sul mercato e feedback in tempo reale, e costruire relazioni con clienti, partner e altre persone alle quali la tua azienda sta a cuore. Come utente individuale, puoi utilizzare Twitter per dire a un'azienda (o a chiunque altro) che con loro hai avuto una esperienza fantastica o deludente, per offrire idee sui prodotti, e apprendere dell'esistenza di grandi offerte. (Fonte Twitter)
    • Anatomia di un tweet Parte il corso per diventare cuoco professionista! #padova #formazione #cucina http://bit.ly/pD5ldF Parole chiavi attraverso le quali un utente può rintracciare il tweet Link corto, cliccando sul quale si arriva alla pagina di che intendiamo promuovere (corso cuochi). Serve a monitorare i click sul link. www.bit.ly
    • Linkedin • Oltre 250 milioni di professionisti registrati nel mondo, da 23 milioni in Europa, Italia 2 milioni • Usato più da uomini 58.9% che da donne 41.1% • Profili medi-alti in Italia, negli USA anche profili bassi • Fascia d’età più alta: 25-54 (71%) • Fonte: http://www.slideshare.net/amover/linked-in-demographics-andstatistics-2011
    • Linkedin • Usare la rete per creare rete • Ideale per le strutture business • Ci sono due usi: – Quello personale – Quello aziendale
    • A cosa serve? • Mantenere contatti • Cercare nuovi clienti • Cercare nuovi fornitori e soci in affari • Rendersi visibili per nuove opportunità di lavoro • Trovare risposte ai problemi • Partecipare e promuovere eventi • Restare aggiornati su temi di interesse
    • Come fare? • Creare un profilo: e’ la nostra brochure • Tenerlo aggiornato: ogni cambiamento del profilo viene comunicato alla tua rete • L’aggiornamento quindi aumenta le connessioni al sito • Inserisci le parole giuste nel tuo profilo per essere più rintracciabile • Collega il tuo profilo a Slideshare, Blog, Twitter etc.: devi guadagnare visibilità! • Iscriviti ai gruppi di interesse • Intervieni nelle discussioni (fatti notare) • Partecipa agli eventi • Create tu stesso un gruppo se hai tempo e materiale per poterlo gestire • Controlla chi ti guarda! • Raccomandazioni: si o no?
    • Linkedin per l’azienda • Esistono le “Company pages” . • Si tratta di pagine statiche con logo, link al sito e breve presentazione dell’azienda. Automaticamente Linkedin collega alla pagina aziendale tutti i professional registrati a Linkedin che dichiarano di lavorare per quell’azienda. Includono anche: – Pagina aziendale – Scheda di presentazione dei prodotti in generale (max 25) – Il valore di queste pagine sono le segnalazioni dei prodotti da parte degli utilizzatori – Ottimo per trovare nuovi distributori • La pagina interpreta a livello statistico i cv degli utenti fornendo dei dati collegati alla pagina. Sono questi dati a dare “autorevolezza” all’azienda!
    • E cos’altro?