• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Comunicato Stampa Osservatorio della Montagna 2010-2011
 

Comunicato Stampa Osservatorio della Montagna 2010-2011

on

  • 399 views

 

Statistics

Views

Total Views
399
Views on SlideShare
399
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
2
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Comunicato Stampa Osservatorio della Montagna 2010-2011 Comunicato Stampa Osservatorio della Montagna 2010-2011 Document Transcript

    • OSSERVATORIO TURISTICO DELLA MONTAGNA - Rapporto previsionale inverno 2010/2011 -Una stagione di "sopravvivenza", così viene definita da esperti del settore eaddetti ai lavori la stagione invernale 2010-2011 - La difficile situazioneeconomica del Paese si farà sentire anche durante le festività natalizie -Diminuiscono in generale i numeri del turismo, ristagna lofferta ricettiva eterritoriale, aumentano i prezzi: 5,9 milioni di Italiani andranno in montagna inquesta stagione (-1,5% rispetto allo scorso anno); 2,8 milioni (-6%) lo farannodurante le festività di fine anno. Chi starà a casa lo farà principalmente per motivieconomici (il 45%) - Le vacanze sulla neve del resto restano privilegio di un targetmedio-alto di appassionati degli sport invernali che si possono permettere ditrascorrere il Natale o il Capodanno in montagna e farsi altri 4-5 week end sullaneve: la spesa media si aggira sui 115-130 euro al giorno – Prezzi di skipass etariffe alberghiere si confermano in salita – Chi sale e chi scende? Ai vertici ledestinazioni in grado di offrire ai loro ospiti qualcosa in più del “semplice”comprensorio sciistico: Corvara, Selva di Val Gardena e Ortisei su tutte, Madonnadi Campiglio, Moena (in crescita ed entrata a far parte del ristretto circuito “AlpinePearls”), Cortina, Courmayeur e infine Livigno.Un altro anno di difficoltà sociali ed economiche si fa sentire anche nelle vacanze inmontagna. Tra Natale ed Epifania 2,8 milioni di connazionali (il 6% in meno dello scorsoanno) partiranno comunque per le vacanze in montagna. Stabile il volume dellepresenze nelle seconde case.Dalle dichiarazioni di un solido campione di operatori interpellati da Trademark Italiaper l’Osservatorio Turistico della Montagna 2010/2011 emergono alcuni trendrilevanti, destinati a caratterizzare la stagione invernale in montagna:1. aumento dei soggiorni brevi e diminuzione delle settimane bianche. Questo genera difficoltà commerciali alle strutture ricettive e soprattutto determina nelle località un maggior carico antropico durante i week-end con repentini riempimenti ed altrettanto rapidi svuotamenti nei giorni feriali;2. richiesta da parte dei turisti di maggior libertà e flessibilità nelle strutture ricettive: orari più lunghi per i pasti, check-in e check-out più flessibili, minori imposizioni di date e servizi. Non è facile che questa richiesta venga esaudita vista la “caparbietà” di molti operatori alberghieri;3. crescita della divaricazione tra vacanze low cost e soggiorni luxury. A fronte di un aumento della ricerca di occasioni, sconti e promozioni, si assiste alla diffusione (ancora embrionale ma marcatamente richiesta) della formula “chalet resort” sul modello Megéve. Si richiedono soggiorni in unità di alloggio raccolte in piccoli e pittoreschi villaggi composti da chalet integrati in un ambiente assimilabile ad un antico villaggio di montagna: sembra garanzia di autenticità e comfort deluxe, con servizi upscale e luxury, possibilità di scegliere tra formula full service (modello 1
    • albergo) o self catering (modello residence), spazi più ampi e massima privacy. I primi esempi in Valle d’Aosta e a Livigno;4. diffusione di discipline alternative allo sci da discesa e allo snowboard: ciaspole, freeride, sci di fondo, sci alpinismo, telemark, sleddog, etc.. I NUMERI DEL “PIANETA NEVE” Stagione invernale Fatturato diretto Giro d’affari complessivo 2007-2008 4,8 mld. di euro 12,9 mld. di euro 2008-2009 4,35 mld. di euro 11,4 mld. di euro 2009-2010 4,30 mld. di euro 11,2 mld. di euro 2010-2011 4,31 mld. di euro 10,9 mld. di euro Elaborazione stime Trademark Italia su dati Assosport e Ac NielsenNel dettaglio dei singoli comprensori, in base alle indicazioni fornite dagli operatori,l’andamento previsto per i vari “distretti” è il seguente: L’ANDAMENTO DELLA STAGIONE INVERNALE 2010/2011 TRENTINO: ALTO ADIGE: VALLE D’AOSTA: LOMBARDIA: PIEMONTE: VENETO: FRIULI VENEZIA GIULIA: MONTAGNA APPENNINICA Fonte: l’Osservatorio della Montagna di Trademark Italia. Attivo dal 1995 monitora i comprensori turistici dell’arco alpino in Italia e all’estero attraverso interviste telefoniche e questionari auto-somministrati nel periodo 20 novembre-8 dicembre. Vengono mediamente interpellati 680 operatori del settore ricettivo (alberghi, residence, agenzie di affittanze turistiche). Nel 2010 sono stati intervistati direttamente 210 turisti italiani con almeno 5 anni di esperienza in fatto di vacanze in montagna. 2
    • Per quanto riguarda il “sentiment” degli operatori della montagna, i dati macro e le interviste indicano che: • il 3,9% degli operatori si attende una crescita del movimento; • il 64,6% degli operatori del Panel prevede una stagione all’insegna della stabilità; • il 31,5% prevede una flessione rispetto all’inverno 2009-2010; • per la prima volta gli operatori del Panel distinguono chiaramente le festività di Natale da quelle di Capodanno. Per le prime c’è forte preoccupazione: il 41,4% degli intervistati prevede una diminuzione di arrivi e presenze (soprattutto in Lombardia, Veneto e Trentino); • apatia e preoccupazione emergono tra gli operatori del Panel per i mesi di gennaio e febbraio: 3 operatori su 10 prevedono una diminuzione dei flussi turistici nel classico periodo delle settimane bianche. Su richieste, atteggiamenti e stili di consumo dei turisti, gli operatori del Panel hanno risposto fornendo tre indicazioni prevalenti: 1. si afferma definitivamente il trend verso la dotazione di servizi di benessere in albergo. Il 74,2% degli operatori afferma che per i turisti si tratta ormai di uno standard irrinunciabile: la presenza di un centro benessere con una piscina idromassaggiante e acqua calda è determinante se non discriminante nella scelta della struttura ricettiva; 2. cresce ulteriormente l’attenzione al prezzo (68,9%); 3. aumentano le richieste di soggiorni brevi (51,3%): la domanda di week end e short break è ostacolata dalla rigidità dei listini prezzi e dagli operatori (soggiorni brevi indisponibili nel periodo delle festività). I PREZZI NELLA STAGIONE INVERNALE 2010-2011 PREZZI SKIPASS NELLE PRINCIPALI LOCALITA’ E COMPRENSORI ITALIANI Prezzi B.S. Prezzi B.S. Var.% B.S. Prezzi A.S. Prezzi A.S. Var.% A.S. 09/10 10/11 10 su 09 09/10 10/11 10 su 09TESSERA GIORNALIERA 34,31 35,27 +2,8% 36,62 37,62 +2,7%TESSERA SETTIMANALE 157,42 164,73 +4,6% 181,00 186,08 +2,8%Elaborazioni Trademark Italia su dati Società di gestione impianti di risalita. I PREZZI ALBERGHIERI 2010/2011 NELLE PRINCIPALI LOCALITA’ ALPINE ITALIANE (prezzi medi giorno/persona in alberghi a 3 stelle in mezza pensione con sistemazione in camera doppia) Bassa Stag. Bassa Stag. Variaz. Alta Stag. Alta Stag. Variaz. 2009/2010 2010/11 % 2009/2010 2010/11 % 72,84 75,18 +3,2% 87,84 90,39 +2,9% Elaborazioni Trademark Italia su dati Uffici informazione turistica e Panel nazionale di operatori. 3