Copenaghen Nel Lazio Def
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Copenaghen Nel Lazio Def

on

  • 398 views

Relazione di Corrado Truffi all'incontro "Copenaghen nel Lazio", tenuto presso la sede nazionale del PD il 3 marzo 2010, con la partecipazione di Gaetano Benedetto del WWF, Cristiana Alicata, Luca ...

Relazione di Corrado Truffi all'incontro "Copenaghen nel Lazio", tenuto presso la sede nazionale del PD il 3 marzo 2010, con la partecipazione di Gaetano Benedetto del WWF, Cristiana Alicata, Luca Iozzino, Ivan Scalfarotto e Gianluca Baccarini. I video degli interventi sono qui: http://www.imille.org/2010/03/video-degli-incontri-di-roma-e-venezia-sullenergia/

Statistics

Views

Total Views
398
Views on SlideShare
398
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
3
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Copenaghen Nel Lazio Def Copenaghen Nel Lazio Def Presentation Transcript

  • Copenaghen nel Lazio 
    Riscaldamento globale ed azione locale
    1
    Corrado Truffi, Filippo Zuliani
    Marzo 2009
  • Questo intervento, iMille Energia
    iMille Energia
    Tre crisi
    Tre soluzioni
    Copenhagen
    Nucleare e/o rinnovabili
    Il cittadino e il risparmio
    La politica
    2
  • Tre crisi
    La crisi climatica
    La crisi delle risorse energetiche e minerarie
    La crisi finanziaria
    3
  • Fa caldo …
    4
  • Fa caldo:gli obiettivi di Copenhagen
    Riduzione gas serra.
    Paesi industrializzati ed emergenti: responsabilità comune ma differenziata.
    Obiettivo: contenere l’aumento di temperatura.
    Attori fondamentali: USA, UE, Cina.
    5
  • Fa caldo:come è finita a Copenhagen
    Problema mondiale.
    Innalzamento temperatura sotto i due gradi. No cap emissioni.
    Cina e Brasile si impegnano (prima negavano il problema).
    UE ignorata: accordo raggiunto da USA e Cina.
    Manca struttura sovranazionale.
    Attori protagonisti: cittadini e politica.
  • Senza benzina
    Le fonti fossili (carbone, petrolio, gas) sono in via di esaurimento.
    Rendono sempre meno.
    Costano sempre di più.
    Producono gas serra.
    E fanno male alla salute
    7
    … anche se ci hanno dato ricchezza e benessere per due secoli …
  • Senza benzina:qualche dato
    Il consumo odierno: 86 milioni di barili al giorno.
    La previsione al 2030: 106 milioni barili al giorno.
    Riserve accertate col consumo odierno:
    42 anni di petrolio
    64 anni di gas
    (versione ottimista: 60 e 122 anni)
    8
    … sempre che convenga cercare ed estrarre …
    … sempre che i paesi emergenti siano così gentili da non voler consumare come noi …
  • Senza lavoro
    Crisi finanziaria
    Distruzione di posti di lavoro
    Tensioni sui mercati delle materie prime
    La crescita non c’è, ma se ci fosse farebbe male all’ambiente
    Un circolo vizioso
    9
  • Tre soluzioni
    La riduzione delle emissioni
    Il cambiamento di mix energetico: energie rinnovabili
    Il risparmio e l’efficienza energetica
    Determinanti anche per la crisi finanziaria
    10
  • Qualche dato
    Da dove viene l’energia che consumiamo?
    11
  • Qualche dato (2)
    È sempre stato così?
    NO: meno petrolio e più gas
    12
  • Qualche dato (3)
    Chi consuma?
    13
  • Qualche dato (4)
    Ma il consumo cresce o diminuisce?
    14
  • Rinnovabili e/o nucleare?
    15
    Produce solo energia elettrica
    Non è rinnovabile (combustibile uranio)
    Dipendenza dai produttori della materia prima
    Esternalità (scorie, dismissione, acqua)
    Centralismo
    Costo per KWh sottostimato o ignoto
    Non producibile dal privato senza sovvenzione pubblica
    Il nucleare
  • Rinnovabili e/o nucleare?
    16
    Solare e geotermico: energia elettrica o termica
    Eolico: energia elettrica
    Rinnovabile, distribuito, costo per Kwh noto e decrescente, producibile da privati con piccola sovvenzione pubblica decrescente
    EROEI ancora troppo basso
    • Solare
    • Geotermico
    • Eolico
  • Energia rinnovabile
    Abbondanza energetica, non miseria.
    Nuove soluzioni, rendimenti elevati: eolico d’alta quota, geotermico di terza generazione, biomasse.
    17
  • Il cittadino cosa può fare?
    Fermiamoci un attimo a pensare
    Abbiamo parlato di scenari globali
    La sensazione di impotenza è dietro l’angolo
    Ma è sbagliata
    Perché si può chiedere alla politica
    Perché si può fare molto anche per se
    Anche per “egoismo”: per risparmiare
    18
  • La miglior scelta per il cittadino
    L’efficienza energetica.
    Vuol dire mantenere lo stesso tenore di vita con meno energia.
    Risparmio: bollette meno care.
    Crescita: risorse a disposizione.
    19
  • Un piccolo catalogo dell’efficienza
    Per produrre energia
    Solare termico
    Solare fotovoltaico
    Geotermico a bassa entalpia
    Eolico
    Per risparmiare
    Coibentare, coibentare, coibentare
    Finestre
    Circolazione d’aria
    Costruire bene
    Progettare/ristrutturare
    20
  • Chiedere alla politica
    Promuovere efficienza energetica: detrazioni 55%, conto energia
    Controllo mercato energetico: niente bolle fotovoltaiche.
    Promuovere soluzioni verdi per l’industria: produrre e crescere in modo sostenibile.
    Politiche europee unite: UE primo attore mondiale.
    Fare sistema per il risparmio
    Riforma fiscale per l’energia
    21
  • Chiedere alla politica:la buona politica (1)
    Etichetta Scarsità materiali
    22
  • Chiedere alla politica:la buona politica (2)
    23
    • rete elettrica intelligente.
    • Incrociare domanda e offerta.
  • Chiedere alla politica:la buona politica (3)
    24
    • Consulenza energetica gratuita per i cittadini: l’esempio olandese.
  • Vi lascio con la mappa delle zone più inquinate d’Europa, così abbiamo di che preoccuparci
    25