I RE MAGI
Nelle visioni di suor Anne Catherine Emmerich
Traduzione dal francese e note di Cristoforo Andreoli
Le narrazion...
farina per assorbirne il sangue. La farina impregnata di sangue veniva poi mangiata
come un alimento sacro. Questo spavent...
accuse che i pagani, in specie Minucio Felice, muovevano contro i cristiani, anche
questo tipo di calunnia, ossia che essi...
Nell’ora della nascita di Gesù vidi l’apparizione meravigliosa che si presentò ai re
magi. Essi erano adoratori degli astr...
mettendosi in viaggio. Solo dopo qualche giorno si incontrarono. Negli ultimi giorni
che precedettero la nascita di Cristo...
alla quale planò un bambino luminoso. Dal lato destro del bambino uscì un ramo alla
cui estremità spuntò, simile a un fior...
Teokeno, il bianco, veniva dalla Media, un paese situato più in alto, fra due mari, e
risiedeva nella sua città, di cui ho...
1500 anni prima di Cristo, essi ancora formavano una sola tribù. Il profeta Balaam
era del loro paese. Uno dei discepoli d...
andarlo ad onorare portandogli dei doni. Essi presero la Gerusalemme celeste per il
suo regno terrestre, ed era lì che cre...
ne erano anche altri di paesi differenti), fece una spedizione in Egitto giungendo fino
alla contrada di Eliopoli. Non so ...
Con molta semplicità e sincerità essi raccontavano tutto ciò ai loro uditori,
affliggendosi di vedere che questi ultimi st...
La stella che li guidava era come un globo da cui, come da una bocca, usciva una luce
(forse ha usato questa espressione, ...
Figura 4. A proposito del luogo ove si sarebbero insediati i re dopo la visita al Bambino, si noti che S. Giustino,
nel I ...
…." S. Anna (la madre di Maria), partendo portò con sè molte cose donate dai re
magi, soprattutto stoffe e tessuti. Gran p...
Egli parlò anche della noncuranza circa la pienezza dei tempi, dicendo : « Solo
qualche uomo pio ricorda ancora che trenta...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

I re magi

499

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
499
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
9
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "I re magi"

  1. 1. I RE MAGI Nelle visioni di suor Anne Catherine Emmerich Traduzione dal francese e note di Cristoforo Andreoli Le narrazioni orientali da cui sono tratti i primi racconti sui re magi introdotti in occidente provengono, secondo Clemente di Alessandria, Giovanni Crisostomo e altri, dai Persiani mazdei, mentre secondo Massimo di Torino e altri da ambienti caldei. Entrambe le località geografiche sono, come vedremo, riconducibili alle origini reali dei tre re rivelate da suor Emmerich. Vidi che, dei tre re magi, i due che erano ancora in vita celebravano in questo periodo (8 dicembre) con la loro tribù una festa di tre giorni. In questa notte, quindici anni prima della nascita del Salvatore, essi avevano visto per la prima volta la stella annunciata da Balaam (Num XXIV, 17) e che con i loro antenati avevano atteso così a lungo osservando costantemente il cielo. Essi avevano percepito l’immagine di una vergine che aveva in una mano uno scettro e nell’altra una bilancia con una spiga di grano su uno dei suoi piatti e un grappolo d’uva sull’altro a fare da contrappeso. Dopo il loro ritorno da Betlemme, i re magi celebrarono ogni anno, a partire dall’8 dicembre, una festa di tre giorni. Vidi che, a seguito di questa conoscenza da essi ricevuta il giorno della Concezione di Maria quindici anni prima della nascita di Gesù Cristo, questi adoratori degli astri abolirono un orribile costume religioso da tempo in uso fra essi. A causa di rivelazioni mal comprese e oscurate da influenze maligne, essi praticavano un innominabile sacrificio di bambini. In vari tempi ed in diverse maniere, essi avevano sacrificato uomini e bambini. Vidi che, in un’epoca anteriore alla Concezione di Maria, essi avevano questa usanza: sceglievano il bambino di una fra le più caste e pie donne della loro religione, la quale era ben felice di offrire così il suo neonato, e lo scorticavano ricoprendolo di
  2. 2. farina per assorbirne il sangue. La farina impregnata di sangue veniva poi mangiata come un alimento sacro. Questo spaventoso pasto veniva ripetuto più volte finché tutto il sangue era esaurito. Dopodiché la carne del bambino era divisa in piccoli pezzi, distribuita e mangiata. Li vidi compiere questa innominabile cerimonia con la massima semplicità e devozione. Mi fu detto che erano giunti a compiere questo orribile rito a causa di alterazioni e false interpretazioni di certe tradizioni profetiche che prefiguravano la santa Cena. Vidi queste abominazioni in Caldea, nel paese di Mensor, uno dei tre re magi che, il giorno della Concezione di Maria ebbe una illuminazione dall’alto in forma di visione, a seguito della quale l’orribile culto fu abolito. Figura 1 La Caldea corrisponde pressappoco alla Mesopotamia, ossia la zona di colore verde che va da Aleppo, in Siria, a Bassora, in Iraq. E’ notevole il fatto che gli scrittori dei primi secoli della Chiesa riportavano, fra le
  3. 3. accuse che i pagani, in specie Minucio Felice, muovevano contro i cristiani, anche questo tipo di calunnia, ossia che essi presentavano ai loro iniziati un bambino ricoperto di farina per meglio nascondere l’omicidio di cui era stato vittima. Il neofita doveva ferire più volte il bambino con un coltello in modo che essi potessero bere il sangue che ne fuoriusciva. Poi essi tagliavano il bambino in piccoli pezzi e lo mangiavano interamente. Nel “Milione”, dettato a partire dal 1298 da Marco Polo a Rustichello, si cita una località le cui vicinanze possono essere identificate con Saveh, nell’attuale Iran, accanto a Qom (vedi quest’utlima località sulla carta sopra o su quella sottostante). Vicino Saveh, secondo Marco, vi sarebbe un castello o un villaggio chiamato Cala Ataperistan, ossia Qal- ‘a-yi Atashparastra, che in persiano vuol dire “Castello degli adoratori del fuoco”. Attualmente, a tre giornate da Saveh è visibile il villaggio di Qaryat al Mayus (“Villaggio dei Magi”, in arabo), nei cui pressi vi sono rovine zoroastriane. Questo villaggio è a una giornata di viaggio da Kashan, ricordata nella versione francese del Milione come sede di uno dei regni dei Magi. (F. Cardini, I Re Magi, p. 82.). Figura 2. Kashan, visibile qui poco a sud-est di Qom. Poco a nord-ovest di Qom è invece visibile Saveh.
  4. 4. Nell’ora della nascita di Gesù vidi l’apparizione meravigliosa che si presentò ai re magi. Essi erano adoratori degli astri e avevano innalzato su una montagna una torre a forma di piramide1 . Qui uno di essi, assieme a diversi sacerdoti, vi si recava per osservare le stelle. Le loro osservazioni venivano scritte e comunicate agli altri. In quella notte, credo di aver visto due dei re magi sulla torre. Il terzo, che abitava a oriente del mar Caspio2 , non era con loro. Essi osservavano sempre una certa costellazione, notandone di tanto in tanto i cambiamenti associati ad apparizioni nel cielo. Quella notte vidi l’immagine da essi osservata. Essa non si trovava in una stella, piuttosto, era composta da più corpi celesti fra cui si operava un certo movimento. Essi videro un bell’arcobaleno sopra la luna crescente. Sull’arcobaleno era seduta una Vergine. Il suo ginocchio destro era leggermente sollevato, mentre la gamba destra era più allungata col piede poggiato sulla luna. A sinistra della Vergine, sotto l’arcobaleno, apparve un ceppo di vite, mentre a destra si profilò un mazzo di spighe di grano. Dinanzi alla Vergine si levò un calice, simile a quello usato nella santa Cena. Da quel calice vidi uscire un bambino, al di sotto del quale vi era un disco luminoso simile ad un ostensorio vuoto, dal quale partivano dei raggi di luce come spighe di grano. Questo mi fece pensare al santo sacramento. A destra del bambino spuntò un ramo alla cui estremità apparve, come un fiore, una chiesa ottogonale con una gran porta dorata e due piccole porte laterali. Con la mano destra, la Vergine fece entrare il calice, il bambino e l’ostia nella chiesa, che appariva molto grande all’interno. Al fondo di essa, vidi una manifestazione della santa Trinità, dopodiché la chiesa si trasformò in una città brillante, simile alle rappresentazioni della Gerusalemme celeste. Mentre guardavo l’interno della chiesa, vidi molte cose nascere e avvicendarsi le une alle altre, per così dire, anche se non so più in quale ordine. Non ricordo neanche in che modo i re magi furono istruiti sul fatto che il bambino sarebbe nato in Giudea. Il terzo re, che abitava più distante, vide l’apparizione alla stessa ora degli altri due. Tutti e tre provarono una gioia inesprimibile. Essi raccolsero i loro tesori ed i doni 1 La funzione di questa montagna è attestata nella letteratura fiorita tra la Siria, l’Armenia e la Caldea nei primi secoli dell’era cristiana. Ad esempio, il Libro della Caverna dei tesori, da cui sono tratti il Kitab al –Magall arabo e il Gadla Adam etiopico, la Cronaca di Zuqnin, altro testo siriano, e l’Opus imperfectum in Matthaeum, tratto da un testo greco. In codesta letteratura, il monte ha la funzione di preservare la sapienza originale adamitica, rappresentata dalla figura di Seth, il terzo figlio di Adamo. Si tratta di una funzione simile a quella della “Montagna dei profeti” citata dalla Emmerich, e che lei stessa, in un luogo della sua narrazione dichiara essere somigliante al monte dove i magi osservavano gli astri. Il monte dei magi, chiamato in questi testi siriaci “Monte delle Vittorie”, è stato identificato dalla storiografia moderna nel monte Usidah, al confine tra la Persia e l’Afganistan. Ciò potrebbe tuttavia dipendere dal fatto che, dopo l’occupazione islamica della Persia, cristiani e mazdei si fossero rifugiati proprio in quella regione. 2 E’ singolare che Kitbuqa, generale nestoriano del re mongolo Hulagu Khan, si dichiarasse (almeno, nella apocrifa lettera a lui attribuita da Salimbene da Parma) discendente proprio da quest’ultimo re. D’altronde, durante l’avanzata (iniziata nel 1238) verso Occidente di Batu Khan, nipote di Genghiz Khan, si diceva (negli Annales Marbacenses e nella Chronique rimée di Philippe Mousket) che i Mongoli puntassero verso Colonia per recuperare le reliquie dei re magi, di cui si dichiaravano discendenti. Fra area sciamanica tartara e area culturale mazdaica vi sono state, nei secoli, numerose zone di scambio…(F. Cardini, I re magi).
  5. 5. mettendosi in viaggio. Solo dopo qualche giorno si incontrarono. Negli ultimi giorni che precedettero la nascita di Cristo, li vidi sul loro grande osservatorio, dove ebbero altre visioni. Quanto è stata grande la misericordia di Dio verso i pagani! Sapete come questa profezia giunse ai re magi? Ve ne dirò qualcosa, perché al momento non mi è presente tutto ciò che ho visto. Cinquecento anni prima la nascita del Messia (Elia visse circa ottocento anni prima di Cristo), gli antenati dei re magi erano ricchi e potenti più dei loro discendenti, essendo i loro possedimenti più estesi e la loro eredità meno frazionata in varie parti. Essi vivevano in tende, tranne l’antenato situato a oriente del mar Caspio, di cui ora vedo la città. Quest’ultima, essendo costruita sul mare, per evitare le mareggiate ha dei bastioni in pietra sopra i quali si elevano dei padiglioni. Vi sono delle montagne molto alte da cui vedo due mari, uno a destra e l’altro a sinistra. Quegli antenati erano adoratori degli astri, ma avevano anche un culto abominevole nel quale si sacrificavano vecchi, uomini malformati e bambini. La cosa più orribile era che questi bambini, vestiti di bianco, erano messi in caldaie dove venivano bolliti vivi. Tutto ciò venne poi abolito. Si trattava infatti di quei pagani cui con molto anticipo fu annunciata la nascita del Salvatore. Questi principi avevano tre figlie esperte conoscitrici degli astri e dotate dello spirito di profezia. Esse, attraverso una visione, seppero che una stella sarebbe uscita da Giacobbe e che una vergine avrebbe dato alla luce il Salvatore. Le vergini avevano lunghi mantelli e attraversavano il paese predicando una riforma dei costumi e annunciando che un giorno gli inviati del Redentore avrebbero introdotto quei popoli al culto del vero Dio. Esse fecero molte altre predizioni, anche relative alla nostra epoca e ad altre successive. Là in alto, a sud del mare, nel luogo dove i loro paesi si toccavano, i padri delle tre vergini elevarono un tempio alla futura madre di Dio, dove iniziarono ad offrire sacrifici. La profezia delle tre vergini parlava soprattutto di una costellazione e degli eventuali cambiamenti che avrebbe subito. Perciò, su una collina nei pressi del tempio, si iniziò ad osservare questa costellazione, modificando di volta in volta, sulla base di quelle osservazioni, qualcosa nel culto e negli ornamenti del tempio. Il padiglione del tempio fu a volte blu, a volte rosso, a volte giallo o di qualche altro colore. Ciò che mi parve notevole fu che essi, nel loro calendario, spostarono la loro festa settimanale, che prima era di venerdì, al sabato. Ricordo ancora come chiamavano quel giorno (qui la suora balbettò qualcosa come Tanna o Tanneda, senza pronunciare distintamente la parola). ( 25 novembre.) Ho già raccontato come vidi la nascita di Cristo annunciata ai tre re la notte prima di Natale. Vidi Mensor e Sair nel paese del primo di essi (ossia in Caldea). Tutti i preparativi del viaggio erano terminati ed essi osservavano gli astri, soprattutto la stella di Giacobbe, dall’alto di una torre piramidale. Questa stella aveva una coda, che si dilatò dinanzi ai loro occhi mostrando una vergine brillante dinanzi
  6. 6. alla quale planò un bambino luminoso. Dal lato destro del bambino uscì un ramo alla cui estremità spuntò, simile a un fiore, una piccola torre a più entrate, che infine divenne una città. Subito dopo questa visione, essi si misero in cammino. Teokeno, il terzo re, che viveva più a oriente, a due giorni di viaggio, vide la stessa cosa e partì in tutta fretta per riunirsi agli altri due, che finì per raggiungere. L’ultimo arrivato, Teokeno, aveva le tende tendenti al giallo. Lo riconobbi come colui che, trenta anni dopo, giaceva malato nella sua tenda quando Gesù visitò i re magi nella loro residenza nei pressi della terra promessa. Mensor il bruno, battezzato da san Tommaso dopo la morte del Salvatore, ricevette al battesino il nome di Leandro. Teokeno, il giallo, che era malato quando Gesù si recò in Arabia, fu battezzato dallo stesso Tommaso col nome di Leone3 . Il più scuro, che era già morto al tempo della visita del Salvatore, si chiamava Seir o Sair. Il confessore (della Emmerich) le chiese: “Come fu battezzato, dunque ? ”. Lei non si scompose e disse sorridendo: “era già morto. Dunque ebbe il battesimo del desiderio”. Il confessore allora disse : “Non ho mai sentito questi nomi. Come si accordano con quelli di Gaspare, Melchiorre e Baldassarre? ” La suora rispose: “Questi non sono i loro veri nomi, ma si riferiscono al loro carattere. Gaspare vuol dire: Colui che procede con amore. Melchiorre, Colui che gira attorno, che procede accarezzando, che si avvicina dolcemente. Baldassarre, Colui che coglie prontamente con la volontà, che unisce prontamente la sua volontà a quella di Dio ”. La tribù di Mensor aveva un piacevole colore bruno. Quella di Sair era di un bruno più scuro. Quella di Teokeno era di un colore radioso tendente al giallo. Nessuno aveva la pelle nera brillante, ad eccezione di qualche schiavo. Mensor, il bruno, era Caldeo Il nome della sua città suonava come Acaiaia ed era circondata da un fiume come un’isola. Egli risiedeva abitualmente sulla pianura, vicino alle sue greggi. Sair, lo scuro, la notte della natività era già dal primo, pronto a partire. Il suo paese aveva un nome simile a Partermo (forse si tratta di Partiene o Partomaspio), al di sopra del quale si trovava un lago. Lui e la sua tribù avevano la pelle di un colore molto scuro con le labbra rosse. Gli altri con lui erano bianchi. Nel loro paese non vi era che una città, grande quasi come Munster. Nel 1839, ossia 18 anni dopo la menzione del nome Acaiaia, chi scrive trovò nel Dizionario delle scuole industriali di Franke: “Achaiacula, fortezza sulle isole dell’Eufrate, in Mesopotamia” (Ammian., 2 i-2.). Speriamo si possa stabilire una relazione fra questi nomi4 . 3 Il testo più antico ove è riferito della predicazione di Tommaso in India e in Persia è La rivelazione di Adamo al figlio Seth (Liber nomine Seth), testo di origine siriana del III secolo. Questo testo, fra l’altro, sembra essere la fonte degli altri racconti di area cristiana sui re magi, compresi quelli citati qui in altre note. 4 Vedi anche la citazione della stessa città, con un nome leggermente diverso, alla fine della sezione sui re magi, quando si parla delle nozze di Cana.
  7. 7. Teokeno, il bianco, veniva dalla Media, un paese situato più in alto, fra due mari, e risiedeva nella sua città, di cui ho dimenticato il nome. La città era fatta di tende poggiate su fondazioni in pietra. Penso che Teokeno, che era il più ricco dei tre ed aveva rinunciato a più cose, avrebbe potuto raggiungere Betlemme per una via più diretta, ma aveva compiuto una deviazione per riunirsi agli altri. Credo che abbia dovuto passare dinanzi a Babilonia per raggiungerli5 . Figura 3. La Media corrispondeva alla parte nord orientale dell’odierno Iran. I paesi dei tre re, nel loro insieme, formavano come un triangolo6 . Gli antenati dei tre re erano della razza di Giobbe, che in origine aveva abitato nei pressi del mar Caspio ed aveva avuto possedimenti in altri paesi più lontani. Circa 5 Giovanni di Mandeville (XIII sec.) riferisce che Kashan, città già citata nel Milione (vedi il mio inserto più sopra), sarebbe stata la località ove i re si sarebbero riuniti prima di mettersi in viaggio. 6 Secondo Erodoto, i Magi erano una tribù sacerdotale, una delle sei tribù di cui era composto il popolo dei Medi, che si erano stabiliti fin dal IX secolo a. C. nel nord-ovest dell’attuale Iran.
  8. 8. 1500 anni prima di Cristo, essi ancora formavano una sola tribù. Il profeta Balaam era del loro paese. Uno dei discepoli di quest’ultimo vi aveva annunciato la sua profezia : « Un astro nascerà da Giacobbe », dando istruzioni in proposito. La sua dottrina si era molto diffusa ed avevano innalzato una torre su una montagna dove diversi sapienti astronomi vi risiedevano a turno. Questa torre, essa stessa simile ad una montagna, era larga alla base e terminava a punta. Tutto ciò che veniva osservato in cielo era annotato e passato di bocca in bocca. A più riprese, queste osservazioni furono interrotte a causa di avvenimenti di vario genere. Più tardi, essi si dettero ad empie abominazioni al punto di sacrificare bambini. Essi tuttavia credevano che il bambino promesso sarebbe nato. Circa cinque secoli prima della nascita di Cristo, le osservazioni degli astri erano cessate. Il regno era stato suddiviso in tre parti fra tre fratelli che vivevano separati con le loro famiglie. I fratelli avevano ciascuno tre figlie alle quali Dio aveva accordato il dono della profezia. Queste, vestite di lunghi mantelli, percorrevano il paese facendo predizioni sulla stella e sul bambino che sarebbero fuoriusciti da Giacobbe. Così, le osservazioni astronomiche furono riprese e, fra le tre tribù, l’attesa del bambino ridivenne molto viva. I tre re magi discendevano da quei tre fratelli da quindici generazioni che si erano succedute in linea diretta da circa cinquecento anni7 . A seguito di mescolanze con altre razze, il colore della loro pelle era cambiato fino a divenire molto differente l’uno dall’altro. Dopo cinque secoli, gli antenati dei re magi non avevano smesso di riunirsi di tanto in tanto per osservare gli astri. Tutti gli avvenimenti più importanti legati al futuro avvento del Messia furono loro indicati con segni meravigliosi del cielo. Ne vidi molti, durante il loro racconto, ma non posso più riferirne con precisione. Dopo la concezione della santa Vergine, dunque dopo quindici anni, questi segni ribadivano con più forza che la venuta del Bambino era prossima a verificarsi. Essi videro anche molti segni relativi alla Passione di Nostro Signore. Erano anche in grado di calcolare con precisione l’epoca nella quale sarebbe sorta la stella da Giacobbe profetizzata da Balaam. Essi infatti avevano visto la “scala di Giacobbe” e, contando i suoi scalini e la successione dei quadri che vi erano impressi, poterono calcolare la venuta del Salvatore come su un calendario. L’estremità della “scala” terminava con la stella, o meglio, questa era l’ultima immagine che vi si leggeva. All’epoca della concezione di Maria, essi avevano visto la Vergine con uno scettro e una bilancia sui cui piatti vi erano delle spighe di grano e dei grappoli di vite. Più tardi videro la Vergine col Bambino. Apparve loro Betlemme, simile ad un bel palazzo o una casa ove venivano accumulate e distribuite abbondanti benedizioni. Videro anche la Gerusalemme celeste e, fra queste due dimore, una strada oscura, piena di spine, di guerre e di sangue. Essi presero tutto ciò alla lettera, credendo che il re atteso fosse nato con grande pompa e che tutti i popoli gli avrebbero reso omaggio. Perciò essi stessi decisero di 7 Il più remoto testo di area cristiana che si può avvicinare a questo racconto è il Vangelo armeno dell’infanzia, dove si dice che i re magi fossero tre fratelli che regnavano su tre regni distinti: Melkon sui Persiani, Gaspar sugli Indiani e Balthasar sugli Arabi.
  9. 9. andarlo ad onorare portandogli dei doni. Essi presero la Gerusalemme celeste per il suo regno terrestre, ed era lì che credevano di recarsi. Quanto alla strada irta di ostacoli, pensavano che si trattasse del loro viaggio o di una guerra che minacciava il nuovo re. Essi non sapevano che era il simbolo della via dolorosa della Passione. In basso, sotto la scala di Giacobbe, essi videro, ed anch’io vidi, una torre costruita con arte, molto simile alla torre che vidi sulla montagna dei profeti, dove la Vergine si rifugiò una volta durante una tempesta. Non so più cosa significasse ciò (forse la fuga in Egitto). Su quella scala vi era una lunga serie di quadri, molti fra i quali erano simboli della santa Vergine (di cui qualcuno si trova nelle litanie lauretane), come la fontana sigillata, il giardino chiuso e anche le immagini dei re che avevano in mano, chi uno scettro, chi dei rami d’albero. Essi videro questi quadri apparire fra le stelle, e li videro di continuo durante le ultime tre notti. Perciò, il principale fra i re magi inviò messaggeri agli altri due. Quando ebbero la visione dei re che offrivano omaggi al nuovo sovrano, essi si misero in viaggio coi loro doni, non volendo essere fra gli ultimi a presentarsi al suo cospetto. Tutte le tribù degli adoratori degli astri avevano visto la stella, ma solo essi la seguirono. La stella che li guidava non era una cometa, ma una meteora brillante che portava un angelo. Furono queste visioni a persuaderli a partire aspettandosi grandi avvenimenti. Essi furono perciò sorpresi di non trovare nulla di ciò che avevano sperato. Essi furono molto colpiti dell’accoglienza di Erode e dell’ignoranza in cui tutti versavano circa la nascita del Bambino. Quando giunsero a Betlemme, vedendo una povera grotta al posto del bel palazzo visto nell’astro, furono assaliti da molti dubbi. Essi tuttavia restarono fermi nella loro fede, finché, alla vista del Bambino Gesù, riconobbero che ciò che avevano visto in cielo si era compiuto. Le loro osservazioni celesti erano accompagnate da digiuni, preghiere e cerimonie, oltre a tutta una serie di astinenze e purificazioni. Il culto degli astri aveva esercitato un’influenza perniciosa su persone che erano in rapporto con spiriti malvagi. Quando questi ultimi avevano le visioni, erano colti da violente convulsioni. Tramite essi furono introdotti gli abominevoli sacrifici di bambini. Altri, come i re magi, videro le stesse visioni con chiarezza e tranquillità, pieni di una dolce emozione, divenendo più pii e umani. Vidi i re fermarsi qui il giovedi 20 e il venerdi 21, rattristandosi perché anche in questa città, come nella precedente, nessuno sapeva nulla del re neonato. Tuttavia li vidi raccontare benevolmente agli abitanti del posto molte cose riguardanti il motivo della loro partenza, la lunghezza del cammino e le circostanze del loro viaggio. Ecco ciò che ne rammento: Il re neonato era stato loro annunciato da molto tempo, penso non molto dopo l’epoca di Giobbe e prima che Abramo andasse in Egitto (si tratta del 1500 a.C., di cui la suora parla più sopra, sempre a proposito della prima profezia sul Messia. Dunque, Giobbe ed Abramo sarebbero vissuti non prima del 2000 a.C). Infatti una truppa di circa tremila uomini provenienti dalla Media, in particolare dal paese di Giobbe (ve
  10. 10. ne erano anche altri di paesi differenti), fece una spedizione in Egitto giungendo fino alla contrada di Eliopoli. Non so ancora bene perché si erano spinti così lontano, ma era una spedizione militare, credo in soccorso di qualcuno. Nonostante ciò, la loro spedizione era biasimevole, perché diretta contro qualcosa di santo, non so se si trattasse di uomini santi o di un mistero religioso riguardante il compimento della promessa divina8 . Nei dintorni di Eliopoli a molti dei loro capi, per mezzo dell’apparizione di un angelo, fu rivelato di non andare oltre e fu loro annunciata la nascita di un Salvatore da una vergine, che sarebbe stato onorato dai loro discendenti. Non so più come accaddero queste cose, tuttavia essi si fermarono, tornarono alle loro terre e presero ad osservare gli astri. Li vidi stabilire in Egitto delle festività, elevando archi di trionfo ed altari che ornarono di fiori; dopodiché tornarono in patria. Erano popoli della Media, adoratori di astri, di gran taglia quasi come dei giganti e una bella pelle bruna tendente al giallo. Essi andavano con i loro greggi da un luogo all’altro e dominavano dappertutto con la loro forza superiore. Non ricordo più il nome del loro principale profeta. Essi erano al corrente di molte profezie e sapevano leggere i segni provenienti da certi animali. Talvolta gli animali si mettevano di traverso sulla loro strada preferendo lasciarsi uccidere piuttosto che fuggire. Per loro, ciò era il segno che dovevano ritornare sui loro passi9 . Secondo il racconto dei re magi, questi Medi, tornando dall’Egitto, avevano introdotto presso di loro l’arte della profezia iniziando l’osservazione degli astri. Questa scienza tuttavia cadde in disuso, finché non fu rinnovata da un discepolo di Barlaam e, mille anni dopo, dalle tre profetesse figlie degli antenati dei tre re. Cinquecento anni dopo, ossia all’epoca di cui stiamo parlando, la stella era apparsa ed i re magi la seguivano per andare ad adorare il nuovo re. 8 Da: Il Fisiologo, opera di un anonimo autore greco alessandrino vissuto nel II secolo d.C.: Esiste in India un uccello detto fenice: ogni cinquecento anni se ne va verso gli alberi del Libano, ed empie le sue ali di aromi, annunciandosi con un segno al sacerdote di Eliopoli, nel mese nuovo, Nisan o Adar, cioè nel mese di Famenòth o di Farmuthì. Il sacerdote, avvertito, giunge e carica l’altare di sarmenti di vite: l’uccello allora entra in Eliopoli, carico di aromi, e sale sull’altare, e il fuoco si accende da sé e lo consuma. L’indomani, il sacerdote frugando l’altare scopre nella cenere un verme; il secondo giorno lo trova divenuto un piccolo uccello, e il terzo, lo trova divenuto un uccello adulto; il quale saluta il sacerdote e se ne va nella propria dimora. Se dunque quest’uccello ha il potere di uccidersi e di rinascere, come possono gli insensati Giudei indignarsi contro le parole del Signore: “Ho il potere di deporre la mia anima, e il potere di riprenderla” [Giov., 10.18]? La fenice è un’immagine del Salvatore nostro: Egli è sceso infatti dai cieli, ha steso le sue due ali, e le ha portate cariche di soave odore, cioè delle virtuose parole celesti, affinché anche noi spieghiamo le mani in preghiera, e facciamo salire un profumo spirituale mediante buoni comportamenti. Ra, nella mitologia egizia, dio Sole raffigurato con il corpo di uomo e la testa di falco. Generalmente era considerato il creatore e reggitore dell'universo; i suoi simboli principali erano il disco solare e l'obelisco. Il culto di Ra fu inizialmente locale, ma durante l'Antico Regno si diffuse in tutto l'Egitto. Il tempio principale del dio si trovava nella città di Eliopoli, che divenne un importante centro quando il culto fu adottato come religione di stato. In seguito Ra fu associato ad altre divinità importanti, in particolare Ammone e Horus. 9 La storiografia attuale assegna ai magi della Media caratteri sciamanici che li differenziano dal successivo culto zoroastriano insediatosi in quella regione. Secondo alcuni, essi avrebbero conservato caratteri sciamanici pur avendo adottato la nuova religione. Secondo altri, quando Serse proibì qualsiasi culto non zoroastriano, questa tribù sacerdotale si disperse, attraverso la Caldea, per tutta l’Asia Minore. In Caldea essi avrebbero appreso il culto degli astri. In tutte queste teorie vi è sempre la compresenza dell’elemento medo (sapienza sciamanica) e quello caldeo (sapienza astrale), nonché le problematiche relative all’inserimento del culto astrale nella sapienza sciamanica, il primo visto evidentemente come elemento successivo al secondo.
  11. 11. Con molta semplicità e sincerità essi raccontavano tutto ciò ai loro uditori, affliggendosi di vedere che questi ultimi stentavano a credere a ciò che da duemila anni era stato l’oggetto di studio dei loro antenati. La più antica citazione dei tre doni dei re magi, oro, incenso e mirra, si trova nel Vangelo dello Pseudo-Matteo, un antico testo aramaico tradotto in latino solo verso il IX secolo d.C. …Mensor donò piccole barre di oro puro, perché era pieno di sincerità e di carità e perché cercava la verità con un ardore costante e incrollabile. Sair, il re più scuro di pelle, avanzò fra i suoi inginocchiandosi con profonda umiltà. Egli offrì il suo dono con parole toccanti: si trattava di una incensiera d’oro piena di grani di resina di colore verdastro che pose sulla tavola dinanzi a Gesù. Egli donò incenso, perché era un uomo che si conformava con rispetto e nel profondo del cuore alla volontà di Dio, seguendola con amore. Egli restò molto tempo inginocchiato con fervore, prima di ritirarsi. Dopo di lui, Teokeno, il più vecchio, per le membra irrigidite dall’età non riuscì ad inginocchiarsi, ma si mantenne in piedi, profondamente inclinato, ponendo sulla tavola un vaso d’oro con una pianta verde. Si trattava di un bell’arbusto dal fusto diritto con piccoli ciuffi arricciati sormontati da graziosi fiori bianchi. Era la mirra10 . Egli la offrì, perché era il simbolo della mortificazione e della vittoria sulle passioni. Egli infatti aveva sostenuto costanti lotte contro l’idolatria, la poligamia e le violente abitudini dei suoi compatrioti.11 10 Le fumigazioni di Mirra sono fortemente purificatrici e amplificano le vibrazioni positive. E’ inoltre utilissima per la meditazione e la contemplazione. Alcuni la usano per i sacchetti talismanici ed i rituali di guarigione. La Mirra è prettamente lunare anche se alcuni autori la vogliono sotto l’influenza di Marte e Saturno. Le divinità, ad essa associate sono Iside e Adone. 11 Iacopo da Varagine (Leggenda aurea) cita, fra i molti significati dei tre doni : oro, simbolo della carità; incenso, simbolo della preghiera; mirra, simbolo della mortificazione.
  12. 12. La stella che li guidava era come un globo da cui, come da una bocca, usciva una luce (forse ha usato questa espressione, perché spesso lei vedeva uscire luce dalla bocca del Signore e dei santi). Il globo sembrava sospeso a un filo luminoso e spinto da una mano. Durante il giorno vedevo dinanzi ai magi un corpo brillante il cui splendore sorpassava quello del sole. Vidi la santa Vergine in piedi presso di loro mentre prendevano congedo. Lei, con in braccio il Bambino Gesù avviluppato nel suo velo, fece qualche passo per ricondurre i re all’entrata della grotta, e lì si fermò in silenzio. Ad un tratto, per donare un ricordo a quegli uomini eccellenti, lei si tolse dalla testa il grande velo di stoffa gialla trasparente che avvolgeva anche il Bambino12 e lo donò a Mensor. I re accolsero il dono inchinandosi profondamente. Una gioia piena di rispetto li colse alla vista della Vergine priva del velo con in braccio il Bambino Gesù. Molte lacrime di dolcezza versarono lasciando la grotta. Quel velo fu per essi e i loro sudditi la reliquia più santa che avessero mai posseduto. ….Fra le altre cose, la suora Emmerich vide il Salvatore, dopo la resurrezione di Lazzaro, ritirarsi al di là del Giordano per sedici settimane. In quel periodo fece visita ai re magi, i quali, di ritorno da Betlemme, si erano stabiliti in un paese più vicino a quello della terra promessa. Mensor e Teokeno erano ancora vivi, mentre Sair, il re di colore, era già morto. 12 Nel Vangelo arabo-siriaco dell’infanzia si racconta che la Vergine fece dono ai magi di una delle fasce usate per accudire il Bambino. I Magi riportarono il dono in patria e, da adoratori del fuoco, lo gettarono nel fuoco sacro che era sempre acceso, ma la fascia non bruciò, sicché la adorarono e la riposero fra i loro tesori.
  13. 13. Figura 4. A proposito del luogo ove si sarebbero insediati i re dopo la visita al Bambino, si noti che S. Giustino, nel I secolo d.C., riferisce che i Magi sarebbero provenienti dalla"Arabia". Pare (si veda F. Cardini, I re magi, p.16) che “di solito, nella Bibbia per “Arabia” si intenda l’area tra il Higiaz e la Giordania attuali”. Come si vede dalla cartina, dove il Higiaz si trova nella parte inferiore a sinistra, l’area ipotizzata da Cardini si trova “al di là del Giordano” e a non molta distanza da Betlemme e dalla terra promessa, secondo il racconto della Emmerich. ...In quei giorni la suora Emmerich, nel dormiveglia, cantò più volte delle parole rimate con un motivo strano assai toccante. Interrogata a proposito, lei rispose: canto assieme a quei buoni re. Essi cantano così bene parole come queste: Vogliamo valicare i monti per inginocchiarci innanzi al nostro re. …Essi improvvisano quei versi cantandoli in modo alternato. Uno di loro inizia e tutti gli altri ripetono il verso che ha appena cantato. Poi un altro aggiunge un altro verso e continuano così cavalcando e cantando quelle dolci e toccanti melodie. …Ho visto molte volte i tre re in marcia. Camminavano in un percorso elevato valicando quei monti di cui ho già parlato, dove si trovano quelle pietre sottili simili a frammenti di vasi. Mi piacerebbe averne una, sono così belle e levigate. Là vi sono anche altre montagne dove fra la sabbia bianca sono disseminate pietre trasparenti simili ad uova di uccelli. Le vidi nella contrada dove essi si stabilirono più tardi e dove Gesù li visitò nel suo terzo anno di predicazione.
  14. 14. …." S. Anna (la madre di Maria), partendo portò con sè molte cose donate dai re magi, soprattutto stoffe e tessuti. Gran parte di quelle cose furono impiegate nei riti della chiesa delle origini e ne resta ancora qualcosa ai giorni nostri. Fra le mie reliquie ho un minuscolo pezzo di una tovaglia del tavolo ove erano disposti i doni dei tre re e un pezzo dei loro mantelli" . Nataniele, il figlio di mara, era uno dei bambini che s. Anna aveva riunito per festeggiare Gesù quando, all’età di dodici anni, insegnò al tempio per la prima volta. A quella festa Gesù raccontò la parabola di un matrimonio dove l’acqua veniva trasformata in vino e di un altro dove il vino era trasformato in sangue. Diceva anche al giovane Nataniele, come scherzando, che un giorno sarebbe intervenuto alle sue nozze. La fidanzata di Cana era di Betlemme ed apparteneva alla famiglia di Giuseppe. Dopo il miracolo di Cana, i due sposi fecero voto di continenza. Nataniele si unì ben presto ai discepoli di Gesù e ricevette il battesimo col nome di Amator. Più tardi, divenne vescovo. Giunse a Edessa e a Creta, vicino Carpi, poi andò in Armenia e avendovi compiuto numerose conversioni, fu arrestato ed inviato sulle rive del Mar Nero. Riavuta la libertà, si recò al paese di Mensor (uno dei re magi). Qui operò su una donna un miracolo di cui non ricordo i dettagli e battezzò un gran numero di persone. Fu messo a morte nella città di Acaiakuh, su un’isola dell’Eufrate. Vi erano lì (a Masfa) delle spie che, avendolo sentito parlare dei re magi e udendolo proclamare la sua intenzione di far entrare anche i pagani nel regno di Dio, vollero tendergli dei tranelli. Gesù predicò a loro in termini molto severi dicendo che il tempo della promessa era venuto e che chiunque fosse rinato nel battesimo credendo a colui che il Padre aveva inviato ed osservando i suoi comandamenti, avrebbe avuto parte al regno di Dio. Se dunque i Giudei non credevano, la promessa sarebbe stata loro ritirata per essere affidata ai gentili. Non so esprimermi bene, ma egli fece capire che non ignorava di essere spiato, dicendo ai suoi delatori di andare a Gerusalemme e riferire ciò che avevano inteso. Gesù disse anche qualcosa su Giuda maccabeo e su altri avvenimenti accaduti in quel luogo. Quando li sentì elogiare la magnificenza del tempio e la preminenza dei Giudei sui gentili, egli spiegò loro che il fine della elezione dei Giudei e del loro tempio era stato raggiunto, poiché colui che il Signore aveva promesso per bocca dei profeti era ormai giunto a fondare il regno e il tempio del Padre celeste. Egli parlò della vocazione dei gentili, della stella che apparve ai re magi e del viaggio da essi affrontato per vedere il Bambino. …Satana mostrò (a Gesù nel deserto) le caratteristiche di ciascun popolo indicando con particolare insistenza un paese abitato da uomini vestiti magnificamente e somiglianti a giganti. Credo fosse la Persia. Il demonio consigliò a Gesù di insegnare soprattutto colà.
  15. 15. Egli parlò anche della noncuranza circa la pienezza dei tempi, dicendo : « Solo qualche uomo pio ricorda ancora che trenta anni fa tre re dall’Oriente seguirono la mia stella con ingenua fiducia. Essi giunsero per vedere il figlio di un re e trovarono un bambino povero nato tra gente povera, restando tre giorni presso di lui. Se avessero conosciuto il bambino di un gran principe non li si sarebbe dimenticati così facilmente ». Tuttavia Egli non disse apertamente che il bambino era lui stesso.

×