antropologia
     del passaparola
communitycommunitycommunitycommunitycommunityco
nel linguaggio del marketing e dei
            media il passaparola è:

                 word of mouth
          social me...
per l’antropologia è:


                    un rumour
        un mito metropolitano
      una profezia sociologica
       ...
il wom è:
       la trasmissione di informazioni,
  considerazioni, opinioni che avviene
      da persona a persona attrav...
il rumour (voce) è:
un racconto non direttamente verificabile che
   è di interesse immediato per chi lo ascolta,
        ...
pratico -operativo:
             non mi interessa se è vero o falso
  mi basta che sia credibile e che mi serva per




  ...
cognitivo-emotivo:
  non mi chiedo se è vero o falso ho urgenza di
                               parlarne perché



     ...
scrive Marc Bloch nel 1921
      Falsi racconti hanno sollevato le folle. Le notizie false, in tutta la
             molte...
Il rumor non è né vero, né falso


 è una narrazione che ha autorevolezza
           e credibilità se ha un valore
       ...
Il rumor non è né vero, né falso
        è un’opera aperta collettiva che
  circola, si trasforma, si arricchisce di
     ...
Miti di guerra

    1938 - Marie Bonaparte, principessa psicoanalista,
       gira l’Europa in guerra e raccoglie un reper...
il mito del cadavere in automobile
              “Nel settembre 1938, un giovane che si aspettava di esser
    richiamato ...
………..e la coca-cola
          in molti stati degli USA le pattuglie ferroviarie caricano due
    galloni di Coca-Cola nel ...
………..e la coca-cola
      l'ingrediente attivo nella Coca-Cola è l'acido fosforico. Il suo PH
                            ...
………..e la coca-cola
     l’insieme dei rumor sulla coca-cola danno vita ad un
      vero e proprio cokelore…… non dite che...
per un passaparola efficace

      serve empatia per il sociale, per le sue paure e i
                                    ...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Antropologia del passaparola

890 views
809 views

Published on

Published in: Technology, Business
0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
890
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
59
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Antropologia del passaparola

  1. 1. antropologia del passaparola communitycommunitycommunitycommunitycommunityco
  2. 2. nel linguaggio del marketing e dei media il passaparola è: word of mouth social media strategy viral marketing buzz communication guerrilla marketing saparolapassarolapassaparolapassarolapassaparol
  3. 3. per l’antropologia è: un rumour un mito metropolitano una profezia sociologica un esorcismo collettivo saparolapassarolapassaparolapassarolapassaparol
  4. 4. il wom è: la trasmissione di informazioni, considerazioni, opinioni che avviene da persona a persona attraverso canali informali di comunicazione. Tipicamente considerata una forma di comunicazione verbale, il passaparola è oggi amplificato dalle tecnologie Internet saparolapassarolapassaparolapassarolapassaparol
  5. 5. il rumour (voce) è: un racconto non direttamente verificabile che è di interesse immediato per chi lo ascolta, rielabora e ritrasmette l’interesse può essere pratico-operativo o emotivo-cognitivo saparolapassarolapassaparolapassarolapassaparol
  6. 6. pratico -operativo: non mi interessa se è vero o falso mi basta che sia credibile e che mi serva per promuovere il mio status raggiungere i miei obiettivi perseguire i miei interessi saparolapassarolapassaparolapassarolapassaparol
  7. 7. cognitivo-emotivo: non mi chiedo se è vero o falso ho urgenza di parlarne perché gestisce vissuti ambivalenti regala un capro espiatorio esorcizza ansia e incertezza fa vivere un sogno trasforma il caso in causa saparolapassarolapassaparolapassarolapassaparol
  8. 8. scrive Marc Bloch nel 1921 Falsi racconti hanno sollevato le folle. Le notizie false, in tutta la molteplicità delle loro forme – semplici dicerie, imposture, leggende, hanno riempito la vita dell’umanità. Come nascono? da quali elementi traggono la loro consistenza? Come si propagano, guadagnando in ampiezza a mano a mano che passano di bocca in bocca o di scritto in scritto? (…) Una notizia falsa nasce sempre da rappresentazioni collettive che preesistono alla sua nascita; essa non è casuale se non in apparenza, o, più precisamente, tutto ciò che v’è di fortuito in essa è l’incidente iniziale, assolutamente casuale, che scatena il lavorio delle capacità d’immaginazione, ma questa messa in moto non ha luogo se non perché le immaginazioni sono già pronte e in silenzioso fermento. (...) la falsa notizia è lo specchio in cui «la coscienza collettiva» contempla le sue fattezze» saparolapassarolapassaparolapassarolapassaparol
  9. 9. Il rumor non è né vero, né falso è una narrazione che ha autorevolezza e credibilità se ha un valore pratico operativo e/o emotivo-cognitivo per i gruppi e i contesti in cui circola saparolapassarolapassaparolapassarolapassaparol
  10. 10. Il rumor non è né vero, né falso è un’opera aperta collettiva che circola, si trasforma, si arricchisce di nuove versioni è un teatro di emozioni che mette in scena utopie, dissenso politico, paura delle malattie o della globalizzazione saparolapassarolapassaparolapassarolapassaparol
  11. 11. Miti di guerra 1938 - Marie Bonaparte, principessa psicoanalista, gira l’Europa in guerra e raccoglie un repertorio straordinario di “miti di guerra” ricorrenti e diffusi. I suoi informatori sono colleghi ma anche autisti, portieri, massaggiatori di bagni turchi, parenti, amiche. Tra le narrazioni più diffuse quella del cadavere in automobile saparolapassarolapassaparolapassarolapassaparol
  12. 12. il mito del cadavere in automobile “Nel settembre 1938, un giovane che si aspettava di esser richiamato alle armi il giorno dopo, o nei giorni successivi viaggia in automobile con la fidanzata…. Offrono un passaggio ad una signora che dice alla fidanzata di non piangere: lui non sarà richiamato alle armi e Hitler morirà tra sei mesi. Ripete varie volte questa informazione. Una volta scesa, consiglia il giovane di non rimettersi in viaggio immediatamente, perché, se viaggiasse quella notte , si troverebbe con un cadavere in macchina. I due giovani non l’ascoltano e prima di ripartire danno un passaggio ad un altro giovane che si aspetta anch’egli di essere mobilitato. Giunti però a destinazione il conducente apre la portiera e trova il giovane morto….” nel racconto, che circola in diverse versioni, il desiderio che la guerra finisca diventa canto corale per la morte di Hitler, profezia come risposta all’impotenza, sacrificio simbolico per la salvezza (morto chiama morto) saparolapassarolapassaparolapassarolapassaparol
  13. 13. ………..e la coca-cola in molti stati degli USA le pattuglie ferroviarie caricano due galloni di Coca-Cola nel portabagagli per usarli nella rimozione di sangue sulla strada dopo un incidente se si mette un osso in un contenitore con Coca-Cola l'osso si dissolverà in 2 giorni per pulire il water: versare una lattina di Coca-Cola e lasciar "riposare" un'ora poi tirare l'acqua per togliere macchie di ruggine dal paraurti cromato delle auto strofinare il paraurti con un pezzo di foglio di alluminio, (quello che si usa per incartare gli alimenti), bagnato con la Coca-Cola per ripulire oggetti corrosi da perdite di batterie di automobili versarvi sopra una lattina di Coca-Cola e lasciarla sulla corrosione saparolapassarolapassaparolapassarolapassaparol
  14. 14. ………..e la coca-cola l'ingrediente attivo nella Coca-Cola è l'acido fosforico. Il suo PH è 2,8 e dissolve un'unghia in 4 giorni circa i distributori di Coca-Cola la usano per pulire i motori dei loro camion da almeno 20 anni la Coca Light è considerata sempre più da medici e ricercatori come una bomba ad effetto ritardato per colpa della combinazione Coca + Aspartame, sospettata di essere la causa del Lupus e dei dolori degenerativi del sistema nervoso e per finire, mia cognata che fa l'assistente ad un dentista, consiglia di NON lavarsi mai i denti dopo aver bevuto la Coca-Cola perché toglie tutto lo smalto, e lo toglie per sempre! saparolapassarolapassaparolapassarolapassaparol
  15. 15. ………..e la coca-cola l’insieme dei rumor sulla coca-cola danno vita ad un vero e proprio cokelore…… non dite che non credete ad almena una delle voci che circolano…… ll cokelore condensa la critica al mondo delle multinazionali e della globalizzazione, l’antiamericanismo, le paure alimentari, la chimica contro il biologico, l’artificiale contro il naturale, il rurale contro l’industriale saparolapassarolapassaparolapassarolapassaparol
  16. 16. per un passaparola efficace serve empatia per il sociale, per le sue paure e i suoi desideri per orecchiare il grande ronzio del sociale, bisogna conversare in rete ma anche andare al mercato, dal parrucchiere, in palestra, bisogna non pensarsi più come comunicatori ma come narratori saparolapassarolapassaparolapassarolapassaparol

×