Your SlideShare is downloading. ×
  • Like
Livello di rischiosità delle aziende in Italia - giugno 2013
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Now you can save presentations on your phone or tablet

Available for both IPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Livello di rischiosità delle aziende in Italia - giugno 2013

  • 52 views
Published

The less risky italian companies in June 2013 are the 6,10% and they are placed in Nord West and Nord East of Italyl. The most risky, instead, are in Campania, Calabria and Lazio. For more update data …

The less risky italian companies in June 2013 are the 6,10% and they are placed in Nord West and Nord East of Italyl. The most risky, instead, are in Campania, Calabria and Lazio. For more update data check out out CRIBIS D&B Community on http://www.cribis.com/Pages/FormCommunity.aspx

Published in Business
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
52
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
3
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Livello di rischiosità delle aziende in Italia Dati aggiornati a Giugno 2013 Marketing CRIBIS D&B
  • 2. © 2013 Agenda • Analisi del livello di rischiosità - Italia • Analisi del livello di rischiosità - Nord Ovest • Analisi del livello di rischiosità - Nord Est • Analisi del livello di rischiosità - Centro • Analisi del livello di rischiosità - Sud e Isole •Company Profile • Gli Strumenti Utilizzati e Metodologia 2
  • 3. © 2013 Livello di rischiosità, Giugno 2013 Principali evidenze • Negli ultimi 6 anni la percentuale di aziende a bassa rischiosità è passata dal 9,53% del 2008 al 6,10% del 2013. • A Giugno 2013 le aree geografiche in cui si concentrano le aziende a bassa rischiosità sono il Nord Ovest (8,49%) e il Nord Est (8,42%). • Campania, Calabria e Lazio si confermano le regioni con la quota maggiore di imprese con alta rischiosità (oltre il 15%). • A livello settoriale, il commercio all’ingrosso è il settore con più alta rischiosità (17,87%), seguito dall'industria estrattiva (13,88%) e dal settore dell’edilizia (12,72%). Male anche i trasporti e la distribuzione, con solo il 2,45% di imprese affidabili. • Le micro realtà nei primi mesi del 2013 mostrano una maggiore rischiosità commerciale (10,14%); bene le medie e grandi imprese con oltre il 26% del totale in corrispondenza della classe "Rischiosità bassa". 3
  • 4. © 2013 Livello di rischiosità, Giugno 2013 4
  • 5. © 2013 Trend livello di rischiosità, Dicembre 2008 – Giugno 2013 5
  • 6. © 2013 Livello di rischiosità, Giugno 2013 Dettaglio Area geografica 6
  • 7. © 2013 Ranking regionale della rischiosità elevata Livello di rischiosità, Giugno 2013 7
  • 8. © 2013 Livello di rischiosità, Giugno 2013 Dettaglio Macrosettore merceologico 8
  • 9. © 2013 Livello di rischiosità, Giugno 2013 Dettaglio Dimensione azienda 9
  • 10. © 2013 Agenda • Analisi del livello di rischiosità - Italia • Analisi del livello di rischiosità - Nord Ovest •Analisi del livello di rischiosità - Nord Est • Analisi del livello di rischiosità - Centro • Analisi del livello di rischiosità - Sud e Isole •Company Profile • Gli Strumenti Utilizzati e Metodologia 10
  • 11. © 2013 Livello di rischiosità, Giugno 2013 Osservazioni sul confronto Italia/Nord Ovest • Il Nord Ovest è la macroarea in cui le imprese registrano la maggiore percentuale di aziende con bassa rischiosità (8,49%). • Il Piemonte è la regione italiana con la più alta percentuale di aziende poco rischiose (9,62%). • La Valle d’Aosta ha solo il 5,14% di imprese ad alta rischiosità (seconda solo al Trentino Alto Adige in Italia). • Le imprese large risultano quelle più affidabili (31,36%), mentre le imprese micro sono le più rischiose (8,08%). • A livello settoriale, l’edilizia registra solo l’1,72% di imprese affidabili. 11
  • 12. © 2013 Livello di rischiosità, Giugno 2013 Confronto Italia/Nord Ovest 12
  • 13. © 2013 Trend livello di rischiosità, Dicembre 2008 – Giugno 2013 13
  • 14. © 2013 Livello di rischiosità, Giugno 2013 Dettaglio Regione 14
  • 15. © 2013 Livello di rischiosità, Giugno 2013 Dettaglio Macrosettore merceologico 15
  • 16. © 2013 Livello di rischiosità, Giugno 2013 Dettaglio Dimensione azienda 16
  • 17. © 2013 Agenda • Analisi del livello di rischiosità - Italia • Analisi del livello di rischiosità - Nord Ovest • Analisi del livello di rischiosità - Nord Est • Analisi del livello di rischiosità - Centro • Analisi del livello di rischiosità - Sud e Isole • Company Profile • Gli Strumenti Utilizzati e Metodologia 17
  • 18. © 2013 Livello di rischiosità, Giugno 2013 Osservazioni sul confronto Italia/Nord Est • Nel Nord Est le aziende con bassa rischiosità ammontano all’8,42% (inferiore solo all’area del Nord Ovest). Il Nord Est presenta inoltre la minor percentuale di aziende ad alto rischio (6,02%). • In Emilia-Romagna si concentrano le aziende meno rischiose (8,65%), mentre nel Trentino-Alto Adige le imprese ad alto rischio ammontano solo al 3,88% (-6,15 punti rispetto al dato Italia). • Sono le micro imprese a mostrare una maggiore quota di aziende con rischiosità elevata (6,11%). Si tratta, comunque, di una migliore performance rispetto al dato aggregato nazionale (10,14%). • A livello settoriale, il commercio all’ingrosso mostra una percentuale più alta di partner commerciali non affidabili (11,34%). 18
  • 19. © 2013 Livello di rischiosità, Giugno 2013 Confronto Italia/Nord Est 19
  • 20. © 2013 Trend livello di rischiosità, Dicembre 2008 - Giugno 2013 20
  • 21. © 2013 Livello di rischiosità, Giugno 2013 Dettaglio Regione 21
  • 22. © 2013 Livello di rischiosità, Giugno 2013 Dettaglio Macrosettore merceologico 22
  • 23. © 2013 Livello di rischiosità, Giugno 2013 Dettaglio Dimensione azienda 23
  • 24. © 2013 Agenda • Analisi del livello di rischiosità - Italia • Analisi del livello di rischiosità - Nord Ovest • Analisi del livello di rischiosità - Nord Est • Analisi del livello di rischiosità - Centro • Analisi del livello di rischiosità - Sud e Isole • Company Profile • Gli Strumenti Utilizzati e Metodologia 24
  • 25. © 2013 Livello di rischiosità, Giugno 2013 Osservazioni sul confronto Italia/Centro • Il Centro Italia mostra una performance peggiore rispetto alla media nazionale: le aziende a basso rischio ammontano al 5,58% (vs 6,10% dato Italia) e le imprese altamente rischiose si assestano al 11,40% (vs 10,03% dato Italia). • Le Marche registrano la più bassa quota di aziende molto rischiose (7,85%), mentre è l’Umbria la regione con a più alta percentuale di aziende affidabili (7,28%). Male, invece, per il Lazio con oltre il 15% di aziende con alta rischiosità. • A livello dimensionale, il Centro si discosta dalla media nazionale: le imprese large con bassa rischiosità ammontano al 22,27% contro il 29,93% del dato Italia. 25
  • 26. © 2013 Livello di rischiosità, Giugno 2013 Confronto Italia/Centro 26
  • 27. © 2013 Trend livello di rischiosità, Dicembre 2008 – Giugno 2013 27
  • 28. © 2013 Livello di rischiosità, Giugno 2013 Dettaglio Regione 28
  • 29. © 2013 Livello di rischiosità, Giugno 2013 29
  • 30. © 2013 Livello di rischiosità, Giugno 2013 Dettaglio Dimensione azienda 30
  • 31. © 2013 Agenda •Analisi del livello di rischiosità - Italia • Analisi del livello di rischiosità - Nord Ovest • Analisi del livello di rischiosità - Nord Est • Analisi del livello di rischiosità - Centro • Analisi del livello di rischiosità - Sud e Isole • Company Profile • Gli Strumenti Utilizzati e Metodologia 31
  • 32. © 2013 Livello di rischiosità, Giugno 2013 Osservazioni sul confronto Italia/Sud e Isole • La macroarea geografica Sud e Isole si conferma il fanalino di coda nazionale in merito alla rischiosità delle imprese. • Le aziende a basso rischio dell’area ammontano al 2,70% (vs 6,10% dato Italia) e la percentuale di quelle fortemente rischiose è del 13,77% (vs 10,03% Italia). Valori particolarmente negativi in entrambe le classi estreme emergono in Calabria e Campania. • La Sardegna è la regione del Sud Italia con più imprese affidabili (4.14%), mentre il Molise quella con il minor numero di imprese ad alto rischio (10,38%). • Anche in questa macroarea, la quota di imprese large più affidabili è inferiore alla media nazionale (18,95% vs 29,93%). 32
  • 33. © 2013 Livello di rischiosità, Giugno 2013 Confronto Italia/Sud e Isole 33
  • 34. © 2013 Trend livello di rischiosità, Dicembre 2008 – Giugno 2013 34
  • 35. © 2013 Livello di rischiosità, Giugno 2013 Dettaglio Regione 35
  • 36. © 2013 Livello di rischiosità, Giugno 2013 Dettaglio Macrosettore merceologico 36
  • 37. © 2013 Livello di rischiosità, Giugno 2013 Dettaglio Dimensione azienda 37
  • 38. © 2013 Agenda • Analisi del livello di rischiosità - Italia • Analisi del livello di rischiosità - Nord Ovest • Analisi del livello di rischiosità - Nord Est • Analisi del livello di rischiosità - Centro • Analisi del livello di rischiosità - Sud e Isole • Company Profile • Gli Strumenti Utilizzati e Metodologia 38
  • 39. © 2013 Gruppo CRIF Leader in Italia nelle soluzioni a supporto dell’erogazione e gestione del credito retail, il primo gruppo nell’Europa continentale nel settore delle credit information bancarie e uno dei principali operatori a livello internazionale nei servizi integrati di business & commercial information e di credit & marketing management CRIBIS D&B è la società del Gruppo CRIF fortemente specializzata e con elevate competenze nella business information. CRIBIS D&B garantisce i più elevati standard qualitativi e la massima copertura nelle informazioni economiche e commerciali su aziende di tutto il mondo. CRIBIS D&B raccoglie milioni di esperienze di pagamento al fine di rilevare le abitudini di pagamento delle aziende italiane ed estere nei confronti dei propri fornitori, considerate singolarmente o raggruppate per settore. Forte presenza in tutto il mondo grazie al D&B Worldwide Network. 39 CRIBIS Teleservice è la società 4 del gruppo CRIF che da oltre 15 anni offre servizi per la risoluzione di problemi di pagamento, per la definizione di un workflow di attività in base alla tipologia di crediti fino ad un vero e proprio recupero crediti. CRIBIS Teleservice è iscritta a UNIREC (Unione nazionale Imprese a Tutela del Credito) e ne rispetta il codice deontologico.
  • 40. © 2013 La Mission di CRIBIS D&B • Offrire i più elevati standard qualitativi in termini di:      copertura dell’universo di riferimento, massimo approfondimento delle informazioni, flessibilità tecnologica, sistemi decisionali e modelli di scoring Tempestività nel rispondere esigenze del mercato. Per garantire il raggiungimento di questi standard, CRIBIS D&B è leader di mercato per investimenti in acquisizione di dati, innovazione delle procedure e sviluppo di nuovi prodotti 40
  • 41. © 2013 Agenda • Analisi del livello di rischiosità - Italia • Analisi del livello di rischiosità - Nord Ovest • Analisi del livello di rischiosità - Nord Est • Analisi del livello di rischiosità - Centro • Analisi del livello di rischiosità - Sud e Isole •Company Profile • Gli Strumenti Utilizzati e Metodologia 41
  • 42. © 2013 Le informazioni di CRIBIS.com Con investimenti per decine di milioni di euro, il lavoro quotidiano di oltre 100 persone e un patrimonio informativo sui pagamenti commerciali unico sul mercato, CRIBIS.com è mette a disposizione in tempo reale informazioni a valore aggiunto sul 100% delle imprese italiane. Le informazioni di CRIBIS.com si basano su un sistema di informazioni unico sul mercato: • Actionable Knowledge: non limitarsi a riportare solamente dei “fatti o avvenimenti”, ma avere la capacità di guidare la decisione verso gli obiettivi del processo di cui è parte, cioè di essere Actionable Knowledge, conoscenza “finalizzata.” • Relazioni tra informazioni: capacità di creare collegamenti tra i dati di fonti diverse al fine di identificare tutti i gli elementi rilevanti per decidere. • Un patrimonio unico di informazioni complete e affidabili perché, quando viene richiesta, l’informazione è già stata aggiornata, esaminata e valutata. • Un modello proattivo, dove le informazioni vengono adeguate quando cambia il dato alla fonte e prima ancora che vengano richieste dal cliente. • Il più ampio patrimonio informativo sui comportamenti di pagamento delle aziende italiane ed estere. 42
  • 43. © 2013 Le informazioni di CRIBIS.com • Un sistema flessibile, in grado di fornire informazioni singolarmente, all’interno degli strumenti di CRIBIS D&B o direttamente integrate nei sistemi ERP del cliente. • Soluzioni per tutte le fasi del business cycle dell’azienda: dalla valutazione del rischio di credito in Italia e all’estero, alla gestione del portafoglio, alle soluzioni marketing per individuare nuovi partner e mercati di sviluppo, fino alla fase di recupero crediti. • Oltre 100 analisti, che lavorano quotidianamente per arricchire l’enorme patrimonio informativo di CRIBIS D&B e creare valore per le aziende clienti. • Accesso al D&B Worldwide Network per le informazioni sulle imprese estere. DATI ACTIONABLE KNOWLEDGE 43
  • 44. © 2013 Il processo di creazione dell’informazione 2. Information Intelligence: sofisticati algoritmi di text mining, evolute procedure di data quality e l’intervento degli analisti, arricchiscono i dati grezzi completandoli con il patrimonio informativo di CRIBIS D&B 1. Data Collection: l’accesso ai dati “grezzi” provenienti dalle diverse fonti informative utilizzate da CRIBIS D&B per arricchire l’Ecosistema 4. Credit Scoring: è la fase finale del processo, in cui vengono elaborate valutazioni di sintesi e gli indici descrittivi e predittivi del comportamento dell’azienda 3. Credit Intelligence: le informazioni vengono valutate e viene creato il report quale strumento di supporto decisionale. 44
  • 45. © 2013 Metodologia Per l’analisi sono stati utilizzati i modelli di score di CRIBIS D&B che misurano la probabilità che un’azienda generi insoluti commerciali nei 12 mesi successivi. Per il calcolo vengono utilizzate numerose variabili, tra cui: • • • • • • • Informazioni anagrafiche, Area geografica, Indici di bilancio, Anzianità aziendale, Esperienze di pagamento, Forma giuridica, Informazioni negative. Il modello ordina le singole aziende su una scala da 1 a 100 (100 rappresenta la minore probabilità, 1 la maggiore probabilità). Per semplificare la fruizione dell’analisi, i punteggi sono stati raggruppati in 4 macro categorie: • • • • Rischiosità Rischiosità Rischiosità Rischiosità Bassa Medio-Bassa Media Alta. 45
  • 46. © 2013 Tipologia di analisi Nella sezione “Analisi del livello di rischiosità - Italia”, sono state realizzate le seguenti dimensioni di analisi: • Livello di rischiosità, Giugno 2013 • Trend livello di rischiosità, Dicembre 2008 - Giugno 2013 • Livello di rischiosità, Giugno 2013 - Dettaglio Area geografica • Livello di rischiosità, Giugno 2013– Incrementi regionali della rischiosità elevata • Livello di rischiosità, Giugno 2013 - Dettaglio Macrosettore merceologico • Livello di rischiosità, Giugno 2013 - Dettaglio Dimensione azienda 46
  • 47. © 2013 Tipologia di analisi Per ognuna delle altre quattro sezioni (Nord Est, Nord Ovest, Centro, Sud e Isole), sono state realizzate le seguenti dimensioni di analisi: • Livello di rischiosità, Giugno 2013 Confronto Italia/Area Geografica • Trend livello di rischiosità, Dicembre 2008 – Giugno 2013 • Livello di rischiosità, Giugno 2013 Dettaglio Regione • Livello di rischiosità, Giugno 2013 Dettaglio Macrosettore merceologico • Livello di rischiosità, Giugno 2013 Dettaglio Dimensione azienda 47
  • 48. © 2013 Grazie per l’attenzione CRIBIS D&B Community