Loading…

Flash Player 9 (or above) is needed to view presentations.
We have detected that you do not have it on your computer. To install it, go here.

Like this presentation? Why not share!

Like this? Share it with your network

Share
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
  • Grazie!
    Are you sure you want to
    Your message goes here
  • Complimenti ragazzi per il lavoro che avete fatto! Oggi l'ho scaricato per i miei alunni di quinta che inizieranno i Greci. Vi riporterò a breve le loro impressioni e , sicuramente, anche i loro complimenti.
    Grazie ancora,
    francesca
    Are you sure you want to
    Your message goes here
No Downloads

Views

Total Views
2,489
On Slideshare
2,489
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
34
Comments
2
Likes
1

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1.  
  • 2. GRECIA IERI OGGI CAOS DIVINITÀ GRECHE E ROMANE CAMPANIA BASILICATA SICILIA CALABRIA PUGLIA MAGNA GRECIA MITOLOGIA COMMERCIO TURISMO COLONIE ATENE SPARTA GENEALOGIA POLIS GIOCHI OLIMPICI GRANDI DEI TEMPLI
  • 3. Lo Stato greco comprende oggi la Grecia vera e propria, parte del territorio dell'antica Macedonia e gran parte delle isole del mare Egeo. È uno Stato divenuto indipendente lottando per liberarsi dal dominio turco. Anche internamente ha subìto profondi mutamenti passando dalla monarchia alla repubblica. Oggi è una repubblica parlamentare . LA GRECIA OGGI
  • 4. IL COMMERCIO La sua principale attività è costituita dal commercio marittimo che trasporta merci in tutto il mondo. Le navi però sono proprietà di pochi, ricchi armatori ed il popolo non ricava benefici da questo traffico. Considerando che il territorio non offre grandi possibilità di lavoro in campo agricolo o in altri settori, è logico pensare che parecchi degli abitanti siano costretti, ancor oggi, ad emigrare.
  • 5. IL TURISMO In questo Stato è molto praticato il turismo, poiché la Grecia conserva meravigliosi resti della sua passata civiltà.
  • 6. LA GRECIA ANTICA
  • 7. LA SITUAZIONE La Grecia è una penisola che si protende nel Mediterraneo; le numerose catene di monti che l’attraversano formano delle valli assai strette. Le coste sono frastagliate e le insenature favoriscono la navigazione, resa più facile anche da numerose isole sparse lungo il litorale.
  • 8. LE REGIONI Fin dall’antichità, la Grecia è stata suddivisa in tante regioni; la difficoltà di comunicazione e la diversità fra un popolo e l’altro sono all’origine della caratteristica organizzazione greca, formata da tante unità politiche indipendenti: le città-stato .
  • 9. Ben presto, si avviò la rinascita e si crearono organismi politici nuovi: le città-stato che governavano ciascuna una parte del territorio circostante ed avevano a capo prima un re (monarchia), poi un gruppo di nobili (aristocrazia). Le città più importanti furono: Sparta e Atene .
  • 10. SPARTA Sparta, al centro della regione montuosa chiamata Lacònia , fu l'esempio dello Stato aristocratico, conservatore, fondato sulla forza militare e sulla divisione delle classi sociali. A capo del governo c'erano due re controllati da un consiglio di 28 anziani chiamati senatori ( gherusìa ) e da 5 ispettori o éfori . Gli abitanti di Sparta divennero schiavi delle armi perché dovevano sempre vivere sul piede di guerra. Il lavoro dei campi veniva svolto da una classe sociale considerata inferiore, gli ilòti .
  • 11. Le leggi che governavano Sparta erano estremamente rigide. Per esempio, si prevedeva che fin da piccoli i bambini dovessero imparare a sopportare le fatiche senza lamentarsi. Essi impara-vano anche la lotta corpo a corpo con la spada, scagliavano giavellotti, dormivano sulla nuda terra, dovevano procurarsi il cibo anche rubando e vivere lontani dalle famiglie. La vita militare durava dai 20 ai 60 anni. Le donne dovevano essere madri di uomini forti e combattivi; per questo, la loro educazione era molto severa.
  • 12. ATENE La città, sorta poco lontano dal mare presso cui fu costruito il porto del Pirèo, fu spinta al commercio dalle caratteristi-che geografiche e si servì del mare via di comunicazione, raggiungendo il benesse-re. In un primo tempo, Atene fu una mo-narchia; più tardi, passò ad un governo aristocratico retto da 9 nobili chiamati arconti . Infine, attraverso varie riforme, si creò uno Stato in cui tutti i cittadini potevano ricoprire le massime cariche pubbliche: nacque così la democrazia .
  • 13. COME VIVEVANO GLI ATENIESI Gli uomini si dedicavano alla politica e allo studio e trascorre-vano la maggior parte del loro tempo nella piazza o nei luoghi pubblici di ritrovo. Le donne invece si dedicavano alla casa e all'educazione dei figli fino a che questi compivano sette anni. Dopo questa età i bambini erano educati dal pedagogo, il primo maestro che insegnava a leggere, scrivere, fare i conti. Imparavano la musica e frequentavano le palestre.
  • 14. LA TERRA E IL MARE Il terreno, oggi come allora, è scarsamente coltivabile, povero d’acqua e di ricchezze del sottosuolo. I contadini di allora dovevano lavorare rudemente, ma accontentarsi di poco. La povertà del territorio spinse gli antichi Greci verso il mare anche perché, per loro, era facile costruire le navi con il legname fornito dalle foreste: si sviluppò così il commercio e l’emigrazione portò alla fondazione delle colonie .
  • 15. LE COLONIE Le continue lotte fra le città-stato non favorirono il lavoro e chi si trovava in difficoltà preferiva emigrare. I Greci, animati anche da spirito di avventura, iniziarono così ad allontanarsi dalla patria, dopo aver consultato “l'oracolo” di Delfi per avere l'amicizia e il favore degli dèi. I greci divennero abili marinai e commercianti. Navigarono tra le isole della Grecia e in tutto il Mar Mediterraneo, raggiungendo l’Asia, l’Italia, la Spagna e le coste dell’Africa.
  • 16. Alle popolazioni di queste regioni vendevano vino, olio e vasi in ceramica che scambiavano con frumento, tessuti, minerali e metalli, diffondendo ovunque l’uso della moneta. Lungo le coste del Mediterraneo fondevano numerose colonie: vere e proprie città simili a quelle della loro patria, abbellita con templi, teatri e palazzi. Le colonie greche, nell’Italia meridionale erano così numerose e popolate che la regione fu chiamata Magna Grecia (grande Grecia).
  • 17. L’EMIGRAZIONE Prima di scegliere la meta dei viaggi, i Greci chiedevano informazioni ai mercanti che gettavano l'ancora nei loro porti. Per fondare le nuove colonie, sceglievano alture adatte lungo le coste, luoghi sicuri alla foce dei fiumi e non lontani da terreni coltivabili, per avere facilità di commercio e comunicazioni. Per questo, le colonie greche sorsero tutte lungo le sponde del Mediterraneo.
  • 18. LA MAGNA GRECIA L'insediamento di coloni greci nel territorio dell'Italia meridionale definito Magna Grecia era già iniziato nel XV e nel XIV secolo a.C.. La ricerca di nuovi territori a scopi commerciali, l'incremento demografico e i rivolgimenti politici che avevano interessato le città greche causarono una serie di flussi migratori di popolazioni greche verso la penisola italiana: iniziarono i calcidesi, che si insediarono in Campania e nella zona dello stretto di Messina fondando colonie come Cuma, Velia e Reggio tra le altre; i dori colonizzarono la Sicilia (Siracusa e Agrigento), gli achei del Peloponneso la costa ionica della Calabria (Sibari, Crotone) e della Basilicata (Metaponto), gli spartani il golfo di Taranto in Puglia .
  • 19. Sottomesse o assimilate le popolazioni indigene, i greci fondarono colonie e subcolonie che furono rette da regimi oligarchici e in seguito da tirannie. L'apice della potenza e dello splendore artistico e culturale (testimoniato da grandiosi templi come quelli di Agrigento, Selinunte, Segesta, e dalle scuole filosofiche che fiorirono in Magna Grecia) fu raggiunto tra il VI e il V secolo, dopodiché iniziò il declino delle colonie greche, in lotta tra loro per la supremazia e perennemente in guerra con cartaginesi e italici e infine con Roma, che nel corso del III secolo portò a termine la sua progressiva conquista dell'Italia meridionale.
  • 20. SAGRE E FESTE: Castrovillari, il Carnevale è diventato l’occasione per far rivivere le tradizioni del passato. Per le strade sfilano perso-naggi con costumi tradizionali, si ascoltano gli antichi strumenti musi-cali e si può assistere ad alcune danze. LA CULTURA: Dal punto di vista culturale, la Calabria possiede im-portanti siti archeologici, che risalgo-no ai tempi della Magna Grecia . Alcuni di questi sono organizzati co-me Parchi Archeologici, come a Sibari, a Capo Colonna (Crotone) e a Locri Cheggio Calabria. A Reggio Calabria si trova poi il Museo Nazio-nale della Magna Grecia, che ospita tra gli altri reperti, le due statue dei BRONZI DI RIACE.
  • 21. Le possenti colonne scanalate, realiz-zate con il travertino estratto nella re-gione, costituiscono un significativo esempio di ordine dorico. Alte 8,9 metri, hanno diametro alla base di cir-ca 2,7 metri e all'estremità superiore di circa 1,46 metri. A metà dello sviluppo verticale presentano il tipico rigonfiamento, detto éntasi , atto a correggere l'illusione ottica di uno "snellimento" centrale nelle colonne disposte in fila. Colonne doriche, Paestum
  • 22. Il tempio di Nettuno (o Posei-dònion ), a Paestum, risale alla metà del V secolo a. C. Dedicato in realtà a Hera Ar-giva, dea della fecondità, co-stituisce uno splendido esem-pio di architettura templare di ordine dorico. Le 36 colonne scanalate del portico, con ac-centuato rigonfiamento a circa metà del fusto (detto éntasi ), sono coronate da capitelli quasi integri. Notevoli per il buono stato di conservazione sono inoltre i frontoni triango-lari, sui lati corti nel tempio. Fronte del tempio di Nettuno, Paestum
  • 23. Tempio di Cerere, Paestum Dedicato ad Atena, in base ai più recenti rinvenimenti archeologici, l'edificio magnogreco generalmente indicato come tempio di Cerere, a Paestum, fu eretto alla fine del VI secolo a.C. Del complesso originario si sono conservati il portico di 34 colonne doriche, l'architrave della trabeazione e parte dei frontoni.
  • 24. Tempio di Era, Paestum Noto anche come Basilica, il tempio di Era a Paestum risale alla metà circa del VI secolo a.C. Caduto il tetto e i frontoni, il monumento conserva quasi integro il porticato, composto di 50 colonne doriche fortemente rastremate nella parte superiore.
  • 25. Antro della sibilla, Cuma La galleria scavata nella roccia che conduce alla grotta della leggendaria sibilla cumana. Fondata intorno al 730 a.C. sulla costa campana, Cuma è la più antica colonia greca in Italia.
  • 26. Scavi di Velia, Cilento Preziose testimonianze della civiltà ellenica sul territorio campano, le rovine dell’antica Elea documentano l’esistenza di una città prospera, di cui sono state individuate l’acropoli e due distinti quartieri collegati da un ampio tratto viario. Notevoli in particolare i resti del tempio probabilmente dedicato ad Atena.
  • 27. Teatro greco di Segesta Fondata da una popolazione indigena, l'antica città siciliana di Segesta divenne presto uno dei principali centri della Magna Grecia. Il teatro risale al III secolo a.C.
  • 28. Tempio di Segesta Monumento tra i più significativi della Magna Grecia, il tempio di Segesta risale al V secolo a.C. Lasciato incompiuto, sorge su una collina a ovest della città. Le sue pure forme doriche testimoniano dell'avvenuta ellenizzazione degli Elimi, la popolazione locale, che pure aveva opposto resistenza alla colonizzazione greca.
  • 29. DIVINITÀ GRECHE E ROMANE Per gli uomini dell'antichità non ancora in grado di spiegarsi il perché delle cose, i fenomeni della natura dovettero apparire come qualcosa di potente e di misterioso insieme. Nasceva così la religione (dal latino religare, legare) il sentimento di venerazione che lega l'uomo alla divinità. Anche i Greci più antichi adorarono le forze della natura sotto forma di divinità . Essi però, per sentirli più vicini alla loro vita, dettero loro figura e qualità umane. Intorno a queste divinità, gli artisti greci si sbizzarrirono a comporre le più straordinarie leggende, che formarono poi la cosiddetta mitologia .
  • 30. GENEALOGIA DEGLI DÈI CAOS
  • 31. Dopo Caos nacque Gea (Gaia), la Terra. Ella concepì le montagne e Urano, cioè il Cielo. Si unì poi a quest’ultimo e generò, Crono, il Tempo, che diede inizio alla seconda generazione divina, quella di Zeus e dei grandi dèi che regnano sul mondo. Gli dei avevano la loro sede sui picchi dell'Olimpo, il monte più alto della Grecia. Si credeva che si cibassero di nèttare e ambrosia, due sostanze che avevano il potere di dare l'immortalità.
  • 32. Afrodite - Venere: Dea dell’amore; era la più bella tra le dee. Apollo - Apollo: Dio della luce, della medicina e della poesia. Ares - Marte: Dio della guerra, sanguinario e brutale, era antipatico a tutti gli dèi, compreso suo padre Zeus. Artemide - Diana: Dea della caccia e sorella di Apollo. Il suo tempio più famoso è nella città di Efesto. Asclepio - Esculapio: Dio della medicina. Atena - Minerva: Dea delle arti, della guerra e della saggezza. Crono - Saturno: Per i greci, padre di Zeus. Nella mitologia romana, anche dio dell’agricoltura. Demetra - Cerere: Dea delle messi. Dioniso - Bacco: Dio del vino, della fertilità e della sfrenatezza. Efesto - Vulcano: Fabbro degli dei e dio del fuoco e della lavorazione dei metalli. Nelle sue fucine fabbricava armi invinci- bili per gli “dèi” e per gli “eroi”
  • 33. Era - Giunone: Protettrice del matrimonio, sorella e moglie di Zeus. Ermete - Mercurio: Dio della scienza; protettore dei viaggiatori, dei ladri e dei vagabondi. Eros - Cupido : Dio dell’amore. Estia - Vesta: Dea del focolare domestico. Gea - Tellus: Simbolo della Terra e madre e moglie di Urano. Hipnos - Sonno: Dio del sonno Plutone/Ade - Dite: Dio degli inferi. Poseidone - Nettuno: Dio del mare. Nella mitologia anche dio dei terremoti e dei cavalli. Rea - Opi: Sposa e sorella di Crono. Urano - Urano: Figlio e sposo di Gea e padre dei Titani. Zeus - Giove : Sovrano degli dei, regna sull’Olimpo.
  • 34. Molte volte anche le divinità come ogni qualunque mortale soffrono di molti dolori come il gran dolore provato da Zeus, gran padre degli dei, alla testa alla nascita di Atena, questa dea divenne anche la protettrice di Atene; dopo poco tempo divenne molto famosa per la sua saggezza e la sua conoscenza delle armi. Atena era anche molto abile a tessere la tela tanto che era decise di farle tessere la sua tunica nuziale per il matrimonio con Zeus. Come tutte le dee, Atena aveva un difetto: credeva che non esistesse nessuno più brava di lei a tessere. ATENA ED ARACNE
  • 35. Ma molto sfortunatamente c’era una donna mortale che non la pensava cosi. Questa si chiamava Aracne e veniva da un piccolo villaggio chiamato Colofone. Quando Atena sentì che Aracne aveva detto che era più brava persino della grande dea Atena a tessere la tela, decise di organizzare una gara contro lei. Quando Atena annunciò la sfida ad Aracne ella accettò e quando il lavoro fu finito la tela di Aracne era molto più bella di quella di Atena. Atena essendo gelosa di Aracne la trasformò in un ragno cosicché potesse tessere la tela per sempre senza essere ammirata da nessuno perché si rompeva subito.
  • 36. I greci eressero splendidi templi in onore degli dei. Alcuni erano grandi santuari a cui giungevano in pellegrinaggio persone da tutta la Grecia e dalle colonie. Il santuario di Delfi, costruito in onore dio Apollo, era famoso per il suo oracolo, un sacerdote che parlava a nome del dio e sosteneva di saper prevedere il futuro. Governanti, generali e semplici cittadini andavano da lui a chiedere consigli. A Olimpia si trovava un santuario dedicato a Zeus. In suo onore si svolgevano i giochi olimpici (i primi della storia). Erano gare a cui partecipavano tutti i cittadini maschi delle polis. Per l’occasione tutte le guerre cessavano e veniva rispettata una tregua sacra.
  • 37. I GIOCHI OLIMPICI Ed ecco i giochi di Olimpia, di importanza superiore a tutti gli altri. Le loro origini storiche non sono ben note; la tradizione vuole che siano stati istituiti da Ercole. Furono diverse volte interrotti e poi ripristinati. La loro celebrazione regolare iniziò con l’anno 776 a.C.; da allora furono regolarmente celebrati ogni quattro anni, nel periodo compreso fra il solstizio d’estate e il plenilunio (ossia fra la fine di giugno e la prima metà di luglio; un mese più tardi negli anni bisestili). Questo periodo era detto “mese sacro”.
  • 38. OLIMPIADI Le Olimpiadi sono un complesso di gare che, al tempo dell’antica Grecia, si disputavano ogni 4 anni presso il santuario di Olimpia, da cui presero il nome. Questi giochi decaddero verso la fine del IV secolo dopo cristo. Alla fine del XIX secolo furono ripresi e da allora, salvo le interruzioni imposte delle due guerre mondiali, si celebrano ogni quattro anni, in una diversa città della Terra.
  • 39. Durante il tempo dei Giochi Olimpici, si verificava un fatto straordinario: in tutto il Peloponneso cessavano le guerre fra le varie città e gli stessi che fino a pochi giorni erano stati nemici si recavano assieme ad assistere ai giochi di Olimpia. All’inizio, ai giochi, erano ammessi solo i Greci nati nel Pelopon-neso; poi fu concessa la partecipazione anche ai cittadini di altri Stati greci e, dalla quarantesima Olimpiade in avanti vi poterono partecipare anche tutti i nati nelle colonie della Magna Grecia, purché potessero provare che il loro padre era greco.
  • 40. LO SVOLGIMENTO DEI GIOCHI
    • I giochi si svolgevano in cinque giorni:
      • Il primo giorno si celebravano i riti religiosi davanti all’altare di Zeus, con una solenne processione a cui partecipavano i sacerdoti, i giudici, gli atleti, i parenti e la massa degli spettatori. Alla fine del sacrificio propiziatorio, gli atleti e i giudici compivano il loro giuramento; i primi giuravano di combattere con lealtà, i secondi di giudicare equamente;
      • Il secondo giorno si disputavano le gare dei giovani dai diciassette ai vent’anni;
  • 41.
      • Il terzo giorno cominciavano le competizioni degli adulti: la corsa , nelle sue tre specialità, la lotta , il pugilato e il pancrazio ;
      • Il quarto giorno si svolgevano le corse dei cavalli e delle bighe , il pentathlon e l’ oplitòdromo ;
      • Il quinto giorno venivano premiati i vincitori, annunciandone il nome e quello della città a cui appartenevano. L’atleta vincitore veniva incoronato con una corona d’olivo selvatico e il suo nome veniva scritto su un apposito registro. Alla fine si tenevano le processioni di ringraziamento agli dèi.
  • 42. STADIO: gara di velocità, disputata sulla distanza di uno "stadio", che era una misura di lunghezza dei Greci, pari a circa 192 metri. Fino alla 14° Olimpiade fu questa l'unica gara in programma. DIÀULO: gara di velocità compiuta sulla distanza di due "stadi". DÒLICO: corsa di resistenza su una lunghezza da sette a ventiquattro "stadi". Si facevano delle specie di eliminatorie fra gruppi di quattro o cinque atleti. LE COMPETIZIONI OLIMPICHE
  • 43. PENTATHLON: competizione che compren-deva cinque prove: salto, corsa, lotta, lancio del disco e lancio del giavellotto, o pugilato. Si crede che fosse considerato il vincitore chi usciva primo in almeno tre prove. LE COMPETIZIONI OLIMPICHE
  • 44. LOTTA: la tecnica di questa competizione era abbastanza simile a quella odierna. Veniva dichiarato vincitore chi riusciva a gettare a terra tre volte il rivale o a costringerlo a dichiararsi vinto. LE COMPETIZIONI OLIMPICHE
  • 45. LE COMPETIZIONI OLIMPICHE PANCRAZIO: la più dura delle competizioni olimpiche consisteva in un misto di lotta e di pugilato. Veniva disputata con i pugni nudi ed erano ammessi tutti i colpi tranne i morsi.
  • 46. COMPETIZIONI EQUESTRI: consistevano in corse a cavallo, con bighe o quadrighe. Le corse si svolgevano su un percorso pari a 12 giri dello stadio, cioè circa 4600 metri. La vittoria era valida anche se il fantino veniva disarcionato, purché il cavallo raggiungesse il traguardo. La palma della vittoria non spettava all’auriga (il conducente della biga) ma al proprietario. LE COMPETIZIONI OLIMPICHE
  • 47. LE COMPETIZIONI OLIMPICHE PUGILATO: i pugilatori antichi si fasciavano le mani e l’avambraccio con delle strisce di cuoio guarnite di piombo, chiamate “cesti”. Il combattimento proseguiva finché uno dei due rivali veniva abbattuto o rinunciava alla lotta.
  • 48. LE COMPETIZIONI OLIMPICHE OPLITÒDROMO: corsa in cui gli atleti indossavano l’armatura, l’elmo.
  • 49. OLIMPIADI ANTICHE I greci usavano le Olimpiadi come uno dei loro metodi per contare gli anni. I giochi persero gradualmente importanza con l'aumentare del potere Romano in Grecia. Quando il cristianesimo divenne la religione ufficiale dell'Impero Romano, i Giochi Olimpici vennero visti come una festa “pagana", e nel 393, l'imperatore Teodosio li vietò, ponendo fine a una storia durata 1000 anni.
  • 50. RINASCITA DEI GIOCHI OLIMPICI I Giochi Olimpici non morirono. Già nel XVII secolo un festival sportivo che prendeva il nome dalle Olimpiadi si teneva in Inghilterra. Nei secoli seguenti eventi simili vennero organizzati in Francia e in Grecia, ma si trattava di manifestazione su piccola scala e sicuramente non internazionali.
  • 51. LA RINASCITA DELLE OLIMPIADI Oltre 1500 anni dopo gli ultimi Giochi Olimpici dell'antica Grecia, il barone francese Pierre De Coubertin concepì l'idea di riportare in vita questo grande evento e ne propose il progetto alla conferenza internazionale sullo sport che si tenne a Parigi nel 1894. La proposta fu accolta con entusiasmo e subito seguita dall'istituzione del Comitato Internazionale Olimpico (CIO), di cui faceva parte lo stesso De Coubertin. Dopo soli due anni, nell'aprile del 1896, il re di Grecia inaugurava ad Atene le prime Olimpiadi dell'età moderna. Nei cento anni successivi i Giochi si sono gradualmente sviluppati nella favolosa manifestazione sportiva che oggi tutti conosciamo.