Carlo Reggiani al CowoCamp14: A Verona il coworking dell'Ordine degli Ingegneri

5,994 views
6,475 views

Published on

Presentazione tenuta da Carlo Reggiani a nome dell'Ordine degli Ingegneri di Verona al 5° Barcamp Nazionale sul Coworking - CowoCamp14, organizzato da Cowo a Milano il 28/6/2014.

Published in: Marketing
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
5,994
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
5,118
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • L’edificio appartiene al primo gruppo di costruzioni, realizzati tra il 1907 e il 1937, utilizzato per lo stivaggio delle merci e risale agli anni ’20.

    La struttura attuale, nonostante i danni subiti a seguito dei bombardamenti avvenuti nella seconda Guerra Mondiale, ha conservato la forma e la
    consistenza che aveva nel periodo prebellico.

    Alcune parti del piano terra e primo, sono rimaste utilizzate come deposito.
  • Carlo Reggiani al CowoCamp14: A Verona il coworking dell'Ordine degli Ingegneri

    1. 1. coworkING@Magazzino1 @carloreggiani @ilariasegala #cowocamp2014 Milano 28/6/2014
    2. 2. era il “lontano” 2011...
    3. 3. VERONA primo Ordine professionale ad aprire un coworking
    4. 4. Verona 250k in città 900k provincia 1 Università 4 coworking
    5. 5. Ora siamo nel foro romano
    6. 6. Spazi urbani da rigenerare
    7. 7. 2006 - 2014 Rigenerazione urbana ZAI storica
    8. 8. ex Magazzini Generali Realizzati dal 1907 Utilizzati fino ai ‘70 La più grande stazione di refrigeramento in Europa
    9. 9. 10.000 mq di celle refrigerate
    10. 10. Riqualificazione e recupero
    11. 11. Magazzino1 torna a vivere Realizzato negli anni ‘20, utilizzato per lo stivaggio delle merci. Bombardato nella seconda Guerra Mondiale, ha conservato la forma e la consistenza che aveva nel periodo prebellico. Alcune parti del piano terra e primo sono rimaste utilizzate come deposito.
    12. 12. Ingegneri “sotto-vetro”
    13. 13. la sola riqualificazione edilizia non basta per far rivivere il tessuto urbano delle città Coworking e rigenerazione urbana:
    14. 14. Una enorme “piazza” da far rivivere Oltre agli spazi coperti, progettato un parco pubblico di 40.000 mq Noi intanto portiamo il Wifi free! :)
    15. 15. coworkING@Magazzino1: 3 sale, 25 postazioni 1 sala riunione 1 auditorium 90 posti (eventi, hackathon, maker faire) 1 sala corsi 45 posti Multimedialità e Wifi e connessione ultra banda
    16. 16. Thanks to MontaggiVideo.it
    17. 17. Venite a trovarci, anche online! http://ingegneri.vr.it Twitter: @ingegnerivr Facebook Google+ Youtube
    18. 18. La storia La storia che i Magazzini Generali raccontano affonda le proprie radici nelle profonde trasformazioni che interessarono l’economia di Verona e della sua provincia nei decenni di snodo tra l’Ottocento ed il primo Novecento. I notevoli progressi nelle tecniche irrigue e la costituzione del Consorzio di Bonifica dell’Agro Veronese diedero un fortissimo impulso allo sviluppo di produzioni orticole e frutticole in un’area – quella della sterile campanea che circondava la città – da secoli abbandonata all’incolto improduttivo per la mancanza di primarie risorse idriche. La capillare diffusione dell’irrigazione potenziò nel torno di pochi decenni le produzioni ortofrutticole che, all’aprirsi degli anni ’20, cercavano sbocchi commerciali che sfruttassero la particolare posizione geografica della città, per molti aspetti strategicamente privilegiata negli accessi verso i mercati dell’Europa del Nord. Nel 1924, la nascita dei Magazzini Generali di Verona si configurò quindi come una concreta risposta alle istanze di un settore fortemente in crescita e bisognoso, di conseguenza, di strutture logistiche adeguate alle possibilità di affrontare nuovi mercati. I primi edifici vennero costruiti tra il 1925 e il 1927; di lì a pochi anni, il successo dell’iniziativa e il rapido incremento dei flussi commerciali europei (Germania, Inghilterra, Francia, Svizzera, Paesi Bassi), portarono alla progettazione e alla successiva realizzazione di una innovativa stazione frigorifera inaugurata nel 1930. Si trattava, per la sua imponenza (circa 10.000 mq. di celle refrigerate) della più grande stazione di refrigeramento in Europa. Va ricordato che, senza ombra di dubbio, proprio dal successo dell’iniziativa dei Magazzini Generali – destinata ad ulteriori incrementi fino alla forzata interruzione del secondo conflitto mondiale – mise solide radici il futuro del comparto agroalimentare, destinato nel secondo dopoguerra ad altri e ben più duraturi successi.

    ×