Your SlideShare is downloading. ×

Verbale 1°fg area_tecnica_cd_f_tordino_11_12_2013

30

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
30
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Via G. Milli,2 – 64100 TERAMO –Tel.0861331407 / 238 – politiche.comunitarie@provincia.teramo.it; ercip@provincia.teramo.it www.provincia.teramo.it 1 CONTRATTO DI FIUME TORDINO FOCUS GROUP AREA TECNICA TERAMO 11 DICEMBRE 2013 Il Lavoro di approfondimento dei Focus Group ha l’obiettivo di individuare le sensibilità e gli elementi di criticità territoriali del bacino idrico del Tordino, fino a delineare quelli che potranno essere gli obiettivi strategici generali ed i relativi indicatori. I FGs lavoreranno in questa fase attraverso la metodologia della Swot Analisi come strumento di pianificazione strategica, dove valutare i punti di forza (Strengths) e di debolezza (Weaknesses); successivamente verranno evidenziate le opportunità (Opportunities) e le minacce (Threats) dello stato di fatto e delle idee progettuali del Contratto di Fiume. Figura 1. Analisi SWOT Ogni Focus Group lavorerà su aree tematiche specifiche, in particolare questo dei Tecnici focalizzerà i lavori su: AREE TEMATICHE DI LAVORO - Rischio Idrogeologico - Qualità delle acque - Ecosistema fluviale - Pianificazione territoriale - Pianificazione paesaggistica - Infrastrutture - Piccola manutenzione ordinaria - Conoscenze
  • 2. Via G. Milli,2 – 64100 TERAMO –Tel.0861331407 / 238 – politiche.comunitarie@provincia.teramo.it; ercip@provincia.teramo.it www.provincia.teramo.it 2 PARTECIPANTI CALILLI DORIANA Provincia di Teramo Settore B7 Politiche Comunitarie CAPUANI ROBERTA Provincia di Teramo CAVAGLIÀ ADRIANA Ordine dei Geologi Regione Abruzzo CIOCI CLORINO Ordine Provinciale dottori Agronomi e Forestali di Teramo DE SANTIS MARIA RITA Provincia di Teramo DI BERARDO MARA Provincia di Teramo DI FLAVIO GIULIANO Provincia di Teramo. Settore B12 – Pianificazione urbanistica DI MARCELLO RAFFAELE Ordine degli Architetti P.P.C. FERRI NICOLA Istituto Zooprofilattico “G. Caporale” Teramo LEVA DIEGO Ordine Provinciale dottori Agronomi e Forestali di Teramo RANALLI ENZO Polizia Provinciale Teramo RONCI MAURILIO Provincia di Teramo RUGGIERI LINO AIPIN Abruzzo, Associazione italiana ingegneria naturalistica SACRIPANTE MAURIZIO Collegio dei Geometri Teramo SERRINI MERI Ordine Provinciale dottori Agronomi e Forestali di Teramo VALENTE AGREPPINO Ordine degli Ingegneri Teramo FACILITATORE: VIRNA VENERUCCI Fig. 2 Un’immagine del Focus Group Area Tecnica – CdF Tordino
  • 3. Via G. Milli,2 – 64100 TERAMO –Tel.0861331407 / 238 – politiche.comunitarie@provincia.teramo.it; ercip@provincia.teramo.it www.provincia.teramo.it 3 ANALISI SWOT PUNTI DI FORZA - Pianura ampia e vasta - Presenza di terreni per una agricoltura di qualità - Paesaggio di elevato valore anche ai fini turistici - Presenza di aree SIC lungo il Fiume Tordino - Presenza di una Riserva Regionale alla foce del Fiume - Si sta riconoscendo un’Altra Riserva Naturale nel Comune di Bellante - Aumento della Consapevolezza nelle Amministrazioni, sul Rischio Idrogeologico - Dimensione dei fiumi contenuta ed in particolate il Tordino rientra nei limiti della sola Provincia di Teramo - Presenza di aree industriali limitrofe al fiume, con superfici contenute PUNTI DI DEBOLEZZA Poco efficace applicazione della L.r. 16.09.98 n. 81 in particolare dell’ art. 1 comma 3, soprattutto per quanto riguarda l’accessibilità ai dati, la diffusione delle conoscenze e la partecipazione. Mancata applicazione, della Delibera 494/2000 della Regione Abruzzo, da parte dei vari Enti preposti ad intervenire in ambito fluviale. Tale delibera da indicazioni importanti ed indirizzi su come intervenire sui corsi d’acqua. Scarso recepimento delle indicazioni di P.R.P. (zone A), P.T.P. (Aree Art. 5 e 9), PSDA e PAI, negli strumenti urbanistici comunali. Troppo spesso le Amministrazioni locali ricorrono a deroghe e varianti. Localizzazione di strutture ed edifici produttivi, residenziali ecc. in aree a rischio (zone industriali in aree esondabili, centri abitati in prossimità degli argini, infrastrutture ed edifici localizzati in aree a rischio). Mancanza di casse di espansione. Elevata impermeabilizzazione dei suoli. Errata gestione dei versanti collinari con tecniche colturali che facilitano lo smottamento dei suoli. Attività di escavazione ai fini estrattivi, senza una politica di tutela. Interventi “ingegneristici” di vecchia concezione sull’asta fluviale che peggiorano le problematiche.
  • 4. Via G. Milli,2 – 64100 TERAMO –Tel.0861331407 / 238 – politiche.comunitarie@provincia.teramo.it; ercip@provincia.teramo.it www.provincia.teramo.it 4 Inefficienza degli impianti di depurazione e mancanza di tecnologie verdi, come ad esempio la fitodepurazione. Poca progettualità per la fruizione dell’ambiente fluviale (parchi fluviali, percorsi ciclabili e pedonali, ecc.), come invece avviene in tanti altri contesti. Presenza di discariche (attive e inattive) lungo gli argini del fiume. Consumo di suolo elevato. Minore superficie drenante, sottrazione di aree agricole di pianura. Aree industriali e abitative a ridosso o all’interno delle aree golenali con rischio di inquinamento delle falde superficiali. Mancanza di regimazione delle acque meteoriche provenienti dai versanti collinari. Erosione superficiale ed incanalata. Mancanza di una programmazione di rete tra vari soggetti. Necessità di definire azioni ed obiettivi di medio-lungo periodo. Mancanza della piccola manutenzione del territorio, ma è quella che garantisce la sicurezza idraulica. Mancanza di risorse. Con L.R. 81/98, parte delle competenze sulla rete fluviale sono state trasferite alla Provincia, con quali risorse? L’asta del Tordino è stata irrigidita nel tempo con la costruzione di infrastrutture, residenze ed insediamenti produttivi. Nella parte collinare del fiume, si assiste al dilavamento completo del materasso ghiaioso con erosione regressiva del substrato argilloso. Questo purtroppo fa si che il potere di erosione del fiume su un manto argilloso è 10 volte maggiore. La provincia in passato ha realizzato opere di macro-scabrezza tendenti a indirizzare artificialmente l’alveo. I danni che puntualmente si verificano ad ogni piccola alluvione sono ovvia conseguenza della cattiva realizzazione di messa in sicurezza degli argini; in questi tratti oltre alla difesa con opere di contenimento occorrerebbe prevedere delle aree esondabili.
  • 5. Via G. Milli,2 – 64100 TERAMO –Tel.0861331407 / 238 – politiche.comunitarie@provincia.teramo.it; ercip@provincia.teramo.it www.provincia.teramo.it 5 Nonostante il realizzando Contratto di Fiume, alcune opere invasive vengono ancora realizzate lungo l’asta fluviale, vedasi il progetto svincolo Gammarana lotto “0”. Come è possibile? Mancata laminazione lenta delle acque superficiali. Mancanza di casse di espansione e/o sistemazioni per il rallentamento delle acque. La carenza di vegetazione spontanea e non che favorisce la fragilità delle aree in frana. Mancanza di una corretta pianificazione comunale che deve farsi carico e ripensare al rapporto con il fiume e di modificare un modello di sviluppo urbano ormai superato. Affrontare il problema “Fiume” in maniera pluridisciplinare e integrata perché le problematiche sono molteplici. La mancata programmazione tra Enti causa interventi scollegati tra loro e soprattutto quello che si fa a monte e lungo il corso si ripercuote a valle. La pianificazione deve interessare maggiormente lo spazio aperto e quello progettato per l’uomo, deve inoltre adottare tipologie di insediamento a minore impatto, vedi il modello APEA per le zone industriali o degli insediamenti autosufficienti. Il rischio idrogeologico rappresenta una criticità del territorio. Il rischio deve essere inteso come prodotto della pericolosità, dell’esposizione e della vulnerabilità. La pericolosità è riconducibile alla presenza di diffusi fenomeni gravitativi ed erosivi che interessano il bacino idrografico. Le cause dei fenomeni gravitativi ed erosivi sono riconducibili, oltre che all’assetto geologico dei versanti, alla natura litologica, all’esposizione, alla pendenza dei versanti, anche alle attività agricole come, ad esempio, l’aratura dei terreni secondo la massima pendenza, mancanza di regimentazione delle acque. Esposizione: molto spesso manca una pianificazione che prende atto delle reali criticità del territorio. Manca una corretta informazione dei cittadini in merito ai rischi del proprio territorio. Le attività antropiche, impermeabilizzazione, cave, dighe, ecc. aumentano le debolezze. Assenza di cultura unitaria del corso d’acqua e prevalenza dell’approccio antropocentrico (cave in alveo, restringimento dell’alveo attivo con opere di difesa longitudinale, opere di infrastrutture lineari).
  • 6. Via G. Milli,2 – 64100 TERAMO –Tel.0861331407 / 238 – politiche.comunitarie@provincia.teramo.it; ercip@provincia.teramo.it www.provincia.teramo.it 6 Troppi interventi di ripristino puntiformi, localmente senza tener conto delle dinamiche fluviali e che spostano il problema a valle, invertendo la velocità di corrente ed innescano fenomeni erosivi. Slogan - Far diventare il Fiume da “presenza” a “risorsa” Fig. 3 Un’altra immagine del Focus Group Area Tecnica - CdF Tordino

×