Verbale 1°fg area_economia_societa_cd_f_tordino_11_12_2013

153 views
83 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
153
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Verbale 1°fg area_economia_societa_cd_f_tordino_11_12_2013

  1. 1. Via G. Milli,2 – 64100 TERAMO –Tel.0861331407 / 238 – politiche.comunitarie@provincia.teramo.it; ercip@provincia.teramo.it www.provincia.teramo.it 1 CONTRATTO DI FIUME TORDINO FOCUS GROUP AREA ECONOMIA E SOCIETÀ TERAMO 11 DICEMBRE 2013 Il Lavoro di approfondimento dei Focus Group ha l’obiettivo di individuare le sensibilità e gli elementi di criticità territoriali del bacino idrico del Tordino, fino a delineare quelli che potranno essere gli obiettivi strategici generali ed i relativi indicatori. I FGs lavoreranno in questa fase attraverso la metodologia della Swot Analisi come strumento di pianificazione strategica, dove valutare i punti di forza (Strengths) e di debolezza (Weaknesses); successivamente verranno evidenziate le opportunità (Opportunities) e le minacce (Threats) dello stato di fatto e delle idee progettuali del contratto di Fiume . Fig. 1 Analisi SWOT Ogni Focus Group lavorerà su aree tematiche specifiche, in particolare questo dell’Economia e Società focalizzerà i lavori su: AREE TEMATICHE DI LAVORO - Qualità della vita - Fruizione ambiti fluviali - Agricoltura - Aree produttive - Turismo - Attività sportive - Altri usi sul/del Fiume - Inquinamento acque
  2. 2. Via G. Milli,2 – 64100 TERAMO –Tel.0861331407 / 238 – politiche.comunitarie@provincia.teramo.it; ercip@provincia.teramo.it www.provincia.teramo.it 2 PARTECIPANTI CALILLI DORIANA Provincia di Teramo Settore B7 – Politiche Comunitarie CALISTI CLAUDIO WWF Teramo CAPUANI ROBERTA Provincia di Teramo CIOCI CLORINO Ordine Dottori Agronomi Teramo D’ALESSIO RENATO FIPSAS – Federazione italiana pesca sportiva e attività subacquee DE SANTIS MARIA RITA Provincia di Teramo DI BERARDO MARA Provincia di Teramo DI CESARE IVAN Spinning club Italia - Teramo DI GAETANO GIULIANO Legambiente – Scuola Verde MONALDI M. VERENA Pro Natura Laga Onlus POLISINI MANRICO Te.Am. S.p.A. RONCI MAURILIO Provincia di Teramo SERRINI MERI Ordine Dottori Agronomi Teramo FACILITATORE: VIRNA VENERUCCI Fig. 2 Un’immagine del Focus Group Area Economia e Società – CdF Tordino
  3. 3. Via G. Milli,2 – 64100 TERAMO –Tel.0861331407 / 238 – politiche.comunitarie@provincia.teramo.it; ercip@provincia.teramo.it www.provincia.teramo.it 3 ANALISI SWOT PUNTI DI FORZA - Biodiversità ancora presente in vari tratti , soprattutto a monte - Parco fluviale tra i due fiumi Vezzola – Tordino - Progetto di Pista ciclabile, da rivedere , ma ottima idea di fruibilità del fiume - Conoscenza del Fiume Tordino da parte degli Enti - Monitoraggio sulla qualità delle acque ( punti da implementare) - Presenza e disponibilità di ampie zone demaniali su cui lavorare - Zone di archeologia industriale – La ramiera 1857, il vivaio forestale - Le associazioni presenti per far rivivere il fiume. - Educazione al fiume e rispetto - Ripristinare l’orto botanico - Potenzialità della zona di Teramo ai fini della pesca sportiva PUNTI DI DEBOLEZZA Il fiume come risorsa sociale dovrebbe essere utilizzato non solo per una passeggiata o una corsa in bicicletta, ma per esempio come un laboratorio didattico con aiuole con le erbe medicinali autoctone. Mancanza di conoscenza dei ragazzi : alle scuole medie i ragazzi non distinguono un fiore di camomilla da una margherita e non conoscono i nomi dei fiori più diffusi sul territorio. E’ importante, inoltre, ri-usare il fiume per la pesca sportiva controllata . Poca vegetazione ripariale, che rafforza gli argini . Compromissione del paesaggio a causa di ponti e strade ( infrastrutture in genere). Errata progettazione delle infrastrutture sugli argini o addirittura sul letto crea danni notevoli e mette in pericolo la cittadinanza. Elevati costi per il ripristino e la manutenzione delle strutture danneggiate. Aree urbanizzate ed aree produttive troppo vicino al fiume. Mancanza di un monitoraggio costante sulla qualità delle acque e del suolo . Leggi e politica hanno abusato del fiume. Prelievi indiscriminati di ghiaia, senza un piano di coordinamento e tutela del fiume . Pulizia incontrollata del genio civile in alveo, hanno trasformato il letto del fiume.
  4. 4. Via G. Milli,2 – 64100 TERAMO –Tel.0861331407 / 238 – politiche.comunitarie@provincia.teramo.it; ercip@provincia.teramo.it www.provincia.teramo.it 4 Depurazione delle acque inadeguate Discariche a cielo aperto lo hanno inquinato anche visibilmente. Controlli mancati dei Comuni e degli altri Enti di vigilanza hanno favorito l’abusivismo ( scarichi abusivi – discariche, costruito , ecc). Mancanza di controlli puntuali e di vigilanza . Il consumo di suolo e la mancata conservazione delle aree a esondazioni hanno messo in difficoltà il bacino. L’ecosistema è svilito. Impoverimento culturale verso il concetto di Fiume Tordino. Manca il valore collettivo. Impermeabilizzazione suoli di pianura come sottrazione ad un’agricoltura redditizia. Perdita suolo di valore per erosione tradotta in perdita economica e produttiva. Difficoltà di valorizzazione dell’attività agricola come custode dell’ambiente. Scarso rinnovo dell’imprenditoria agricola, anche per età e potenzialità di reddito. Mancanza di spirito imprenditoriale degli agricoltori che per problemi economici, burocratici i sociali non credono nella valorizzazione e nelle varie certificazioni di qualità. Abbandono di aree o scarse pratiche agricole causano anche problemi di stabilità dei versanti. Potenzialità non espressa che diventa criticità in quanto il fiume non è il soggetto principale su cui deve ruotare il sistema economico e sociale. Qualità della vita: “Poco controllo” implica l’insorgere di inquinamento, stato di abbandono nei casi estremi e tutto questo comporta la presenza di un fiume “statico” e non “dinamico” per i cittadini i quali non traggono nessun vantaggio da esso. La scarsa fruizione degli ambiti fluviali, conduce ad basso livello della qualità della vita. Aree produttive: Una errata edificazione, a volte superficiale, porta ad avere innumerevoli danni ambientali ed ecologici su quasi il 50% del tratto del fiume Tordino, con corsi d’acqua obbligati, presenza di disastri in occasione delle piene. Bassa qualità della vita lungo il fiume: il fiume è altamente inquinato. “Frequento l’intera asta per la pesca ed è raro incontrare altra persona al di fuori dei pescatori e cacciatori.” Troppe prese d’acqua lungo il fiume per usi irrigui. L’acqua è inquinata, e gli ortaggi?
  5. 5. Via G. Milli,2 – 64100 TERAMO –Tel.0861331407 / 238 – politiche.comunitarie@provincia.teramo.it; ercip@provincia.teramo.it www.provincia.teramo.it 5 Una delle criticità più importanti oltre agli insediamenti industriali è quella delle attività di cava che hanno in alcuni tratti alterato il corso naturale del fiume. Captazione e prelievo delle acque che impoveriscono la portata naturale del fiume. Il fiume versa in uno stato di quasi abbandono . Le attività sportive, inclusa la pesca, sono limitate dalla limitata portata. Sarebbe il caso, in deroga alla normativa regionale, incrementare il deflusso minimo vitale. Turismo: per la situazione attuale non è pensabile, almeno per il tratto in questione, fruire il prospettiva turistica del fiume. Per i tratti a monte di Teramo è invece possibile. Assenza di attrezzature utili alla fruizione del fiume. L’abbandono culturale del fiume non è più riconosciuto come luogo di valore collettivo, si è persa la memoria storica del fiume e non si riesce più immaginare un futuro diverso. Non ci sono programmazioni altre se non quelle ingegneristiche ed idrauliche. Il messaggio che i media danno del fiume ha creato nell’opinione pubblica la convinzione che il fiume è solo fonte di problemi. Non ci sono progetti e/o politiche che interessano ad un rilancio anche economico dell’ambito fluviale. Fig. 3 Un’altra immagine del Focus Group Area Economia e Società – CdF Tordino Slogan - Un fiume più vissuto è un fiume più sicuro

×