Progetto Ottimobility PMI padovane  SLIDE
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Progetto Ottimobility PMI padovane SLIDE

on

  • 486 views

 

Statistics

Views

Total Views
486
Views on SlideShare
483
Embed Views
3

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 3

http://ottimobility.wordpress.com 3

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Progetto Ottimobility PMI padovane SLIDE Presentation Transcript

  • 1. OTTIMOBILITY PMI PADOVANE “COME VADO AL LAVORO”INDAGINE PER MIGLIORARE L’ACESSIBILITÀ DELLE IMPRESE
  • 2. Comune Numero aziende L’indagine è rivolta alle aziende conPadova 280 più di 20 addetti con sede legale nei 35124 3 35126 3 seguenti comuni: Arzergrande, 35127 127 Brugine, Codevigo, Correzzola, 35128 12 Legnaro, Padova (la zona Sud-Est), 35129 103 Piove di Sacco, Pontelongo, 35131 32 SantAngelo di Piove di Sacco eArzergrande 7 Saonara.Brugine 8Codevigo 7 Il target di progetto riguarda quindiCorrezzola 1 una popolazione di circa 400 imprese:Legnaro 12Piove di Sacco 37 280 con sede legale nel comune diPolverara 2 Padova e 105 nella Saccisica.Pontelongo 2SantAngelo di Piove di Sacco 9Saonara 20Totale complessivo 385
  • 3. Le aziende che complessivamente hanno risposto alle domande sono 59 che sul totaledelle 385 coinvolte corrisponde al 15,3%; un livello soddisfacente considerando ilperiodo prenatalizio.Il campione è stato classificato per: numero di addetti, localizzazione territoriale,numero di unità locali e numero di operai/impiegati.
  • 4. Il tema dei costi di mobilità e diaccesso all’impresa assume unacerta rilevanza per più della metàdelle aziende: sommando infattile prime tre risposte si ottieneuna percentuale pari al 61,1% deirispondenti.Una leggera differenza si rilevaanche confrontando i dueterritori. Le aziende di Padova(circa il 20%) considerano il temaimportante, mentre lapercentuale per le aziende delPiovese si abbassa all’ 8,7%.
  • 5. Quali tra i seguenti servizi inerenti la mobilità potrebbero interessare alla sua impresa?
  • 6. Quali tra i seguenti servizi inerenti la mobilità potrebbero interessare alla sua impresa?Minimizzazione dei costi della flotta Controllo dei costi di viaggio prodottiaziendale da collaboratori / agenti
  • 7. Quanto riterrebbe opportuno investire per attivare servizi finalizzati allaminimizzazione dei costi di mobilità ed all’ottimizzazione dell’accessibilità, nel caso sidimostrassero efficaci ? 33,9 %
  • 8. Attività di Mobility ManagementAttualmente le attività di Mobility Managment non sono particolarmentediffuse, ma esiste la concreta possibilità di migliorare la situazione in quantoesistono diverse realtà interessate a nuove proposte nel campo.
  • 9. Attività di gestione dei parcheggi aziendaliAttualmente la gestione deiparcheggi è limitata e non èinfluenzata da particolari problemirelativi alla mancanza di spazi, anchese alcune aziende, soprattutto nellazona di Padova, lo ritiene unelemento critico. Ci sono problemi di parcheggio? 100% 90% 20,3% 30,6% 80% 70% 60% 50% 91,3% 40% 78,0% 69,4% 30% 20% 10% 0% Padova Saccisica Totale
  • 10. Agevolazioni per l’utilizzo dei servizi di trasporto pubblicoIn questo ambito le attività delle aziende risultano estremamente ridotte,solamente alcune forniscono agevolazioni per l’utilizzo dei mezzi pubblici. Leaziende che più si occupano di fornire agevolazioni risultano composte da unnumero ridotto di addetti.
  • 11. L’analisi compiuta permette di fare alcune considerazioni relative alle attività dimobilità delle aziende:• Le aziende considerano rilevante, ma non essenziale il tema dei costi della mobilità dei propri addetti.• Risultano aperte a nuove iniziative nel campo della mobilità richiedendo la fornitura dei servizi da parte di terzi e non pensano di organizzarlo in proprio.• Sono disposte a prevedere un budget di spesa mensile per ogni addetto per queste attività anche se di entità ridotta.• Le aziende nel padovano con più di 20 addetti sono circa 1700 si rileva una disponibilità del 33,9% a investire delle risorse per attivare servizi finalizzati alla minimizzazione dei costi, raggiungendo una disponibilità potenziale di circa 1 milione di euro.• Vengono richieste attività legate ai servizi di trasporto pubblico, settore attualmente carente di proposte.• Le imprese si dicono interessate a ricevere assistenza informativa sui temi della mobilità, sottolineando la presenza di lacune da colmare.