Come usare il web per vendere online - Anteprima food wine web
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Come usare il web per vendere online - Anteprima food wine web

on

  • 1,008 views

Come usare il web per vendere online

Come usare il web per vendere online

Statistics

Views

Total Views
1,008
Views on SlideShare
1,006
Embed Views
2

Actions

Likes
1
Downloads
21
Comments
0

1 Embed 2

http://www.linkedin.com 2

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Come usare il web per vendere online - Anteprima food wine web Come usare il web per vendere online - Anteprima food wine web Document Transcript

  • Come usare il web per vendere online
  • Comunikafood teamFood Wine WebCome usare il web per vendere online Dedicato a chi non si arrende mai. 3
  • ANTEPRIMASommarioIntroduzione alla lettura ................................................................... 6Prefazione ......................................................................................... 91. Il cibo ai tempi del web 2.0 ........................................................ . 111.1 Cosa è il web 2.0 in breve ................................................... 131.2 Blog come usarlo ................................................................ 181.3 Social media – Cosa sono .................................................... 261.3.1 Come usare Facebook ......................................................... 291.3.2 Come le aziende possono usare Twitter ............................ 381.3.3 Come usare piattaforme di condivisione ........................... 492. Come posizionarti online ........................................................ .542.1 SEO – Cosa serve e perché .................................................. 542.2 SEM – Come fare e perché farlo ......................................... 583. Come iniziare la tua attività online ......................................... .. 613.1 Piano strategico .................................................................. 613.1.1 Analisi del mercato ......................................................... 633.1.2 Piano di esecuzione ........................................................ 673.1.3 Scelta dei professionisti ................................................. 723.2 E-commerce – perché serve ............................................... 773.2.1 Come renderlo un elemento di business ........................ 794. Esempi commentati .................................................................... 874.1 Esempi Good ....................................................................... 884.2 No Good ............................................................................ 1015. Non conclusioni ........................................................................ 108Glossario .................................................................................... 109 Ringraziamenti ......................................................................... 113 4
  • Introduzione alla letturaQuesto lavoro è l’esempio concreto di un progetto web.Nato da un’idea, supportato da un team operativo edalimentato dalla passione ed aggiornamento per il settore.Come è possibile verificare, il libro non è un’enciclopedia sullepratiche di web marketing, semmai un insieme di contenutibasati sull’esperienza diretta di come è possibile utilizzare ilweb marketing per la propria attività.Il nostro auspicio è che questo scritto non finisca con questepagine, con suggerimenti ed esempi. Vorremmo spingercioltre, trasformando questo lavoro in un meta testo.Ogni sessione è infatti collegata con una pagina web dedicata,che sarà utile al lettore per approfondire l’argomentoattraverso le domande degli interessati. Questo sistema daràvita e continuità al lavoro, permetterà una crescita edaggiornamento costante dei contenuti stessi.Il web, infatti, è un contesto dinamico e altamente evolutivo.Quello che è valso finora potrebbe non valere tra qualche mese,anno o decennio.Da questo lavoro vorremmo si collegassero più persone, puntidi vista e connessioni contestuali, con lo scopo di generare unvero e proprio fermento di idee e partecipazione attiva,diventando un punto di ascolto e fermento partecipativo trachi cerca e chi offre soluzioni adatte. 5
  • Food 2.0 significa questo, un sistema dinamico di vivere ilsettore food. Per chi conosce il web e utilizza il marketing perla propria attività nel settore food & wine ha necessità diconfrontarsi costantemente con più operatori, più storie emantenere aperta la finestra del dialogo. 6
  • Possiamo costruire insieme il primo esperimento ditrasformazione di un libro cartaceo in una food communitycome punto di confronto attivo a partecipativo.Tutto questo accadrà se voi vorrete che accada, il cambiamentoè iniziato, sta a voi decidere se partecipare.Questa guida è suddivisa in quattro capitoli.Il primo capito descrive in maniera panoramica il web edalcuni suoi strumenti operativi, il blog ed i social media.Il secondo capito è più tecnico e indica le possibilità permigliorare ed ottimizzare la propria presenza in rete.Il terzo capitolo è dedicato alla costruzione di un e-commerce.Quali sono le attività di pianificazione e come ottimizzarel’aspetto funzionale del negozio online.Infine l’ultimo capito mostra alcuni esempi reali di e-commerce descrivendone i particolari eccellenti e indicando lecose che sarebbe meglio evitare.Buona lettura. Team Comunikafood 7
  • PrefazioneHo conosciuto Daniele nel 2008 al Master in Comunicazioned’Impresa dell’Università di Siena durante il quale si è distintocome professionista esperto di marketing del cibo.Abbiamo in comune una forte passione per la comunicazionedigitale e per questo scrivo volentieri qualche riga diintroduzione al suo manuale che ho letto, con piacere, inanteprima.“Food 2.0” è una guida rapida, informale e alla portata di tuttiper capire come promuovere un’attività online, in particolaresui social media, nel settore food & beverage.Riceverete tanti consigli sull’utilizzo quotidiano di blog,Facebook e Twitter, troverete tante pillole di SEO e SEM escoprirete informazioni sull’indispensabile piattaforma e-commerce.Infine, dopo la sezione del management e pianificazionestrategica, una carrellata di esempi vi accompagnerà verso le“Non-Conclusioni”.Siete incuriositi e volete un’anticipazione degli argomentitrattati? Ecco qui una tag cloud riepilogativa.Buona lettura! Jacopo Pasquini www.doctorbrand.it 8
  • Generata con http://www.wordle.net 9
  • 1. Il cibo ai tempi del web 2.0Parlare di cibo e web è un connubio vincente. Le personecercano sempre più spesso sul web contenuti culinari con loscopo di conoscere nuove ricette ma soprattutto per comprareprodotti alimentari a distanza. Il web ha fornito il modo piùsemplice per accorciare le distanze e stringere più facilmente icontatti con le persone. Il settore alimentare italiano gode diun prestigio naturale, costruito nel tempo grazie alla nostracultura mediterranea e alla promozione del brand “Made inItaly” come fornitore di prodotti di qualità.Pensa alla Toscana: tra i primi collegamenti semantici connessial nome della regione ci sono vino e cibo buono. È un caso? Èveramente così perché solo in Toscana si produce il vino buonoe si mangia bene?Ti sveliamo il primo segreto: il vino della Toscana è moltobuono ma quello che lo fa essere ancora più buono (e lo favendere meglio) è il fatto stesso che è venduto in Toscana.Notevole e degno di nota il lavoro fatto da Fondazione SistemaToscana per valorizzare il brand “Toscana” nel mondo. Questoha generato una serie di eventi dedicati sul marketingturistico, sul tema enogastronomico e di cultura del vino. Tuttoè stato fatto connettendosi anche a strumenti e operazioni dimarketing e comunicazione digitali davvero senza precedentiin Italia. Il web in questo caso ha offerto un panorama davveroimportante e di supporto a tutto l’apparato che ha promosso laToscana nel mondo.Uno dei fattori di maggior importanza per il commercio è larete di distribuzione e commerciale di vendita. È chiaro che chi 10
  • riesce a costruire una rete migliore usufruisce di un vantaggioeconomico superiore per via di un maggiore ciclo di vendita edi un giro di affari più grande.Chi tra tutti gli attori di questo sistema si è trovatoimpreparato è stato il piccolo produttore che nel tempo, nonreggendo la lotta ai prezzi, è stato costretto ad abbassare laqualità dei suoi prodotti. Questo ha determinato il fallimento ditanti piccoli produttori. L’alternativa alla diaspora di piccoleimprese è il web, soprattutto nel comparto alimentare.Il cibo è un elemento conviviale per natura, usato comestrumento di condivisione e come contesto di lavoro. Si puòfacilmente dire che il cibo è “2.0” perché facilita i rapporti trale persone, permette di conversare più facilmente esoprattutto perché viene scelto dalla maggior parte degliitaliani come oggetto di scambio e simbolo di stile di vita. Oggi,acquistare prodotti enogastronomici online significaselezionare gli stessi non solo in base al prezzo ma soprattuttosecondo ciò che rappresentano grazie alle informazioni che siacquisiscono. Il vino ad esempio è uno dei prodotti più vendutie acquistati online e i prodotti gastronomici sono moltovenduti all’estero, dove le il 75% dei prodotti è acquistatotramite il web1.Il cibo è in assoluto un bene che si presta perfettamente albusiness nel web 2.0.1 Dati 2010 riferiti agli USA presi dalla ricerca di marketingcharts.comrintracciabile all’indirizzo: www.marketingcharts.com/direct/online-research-takes-up-large-portion-of-shopping-time-19002/?utm_campaign=newsletter&utm_source=mc&utm_medium=textlink 11
  • 1.1 Cosa è il web 2.0 in breveFacciamo un viaggio immaginario per farti conoscere il web 2.0in poco tempo. Da oggi, se leggerai con attenzione quello che tistiamo per dire, avrai maggiore consapevolezza di cosa sia ilweb.Sei alla ricerca di un oggetto che si trova in un luogo che tunon conosci.Immagina di avere davanti una mappa grandissima dellemetropolitane di tutto il mondo. Questa mappa è composta datante “corsie” che collegano diversi “punti”.Figura 1 Rappresentazione di una mappa del web.Immagine originale all’indirizzo http://www.informationarchitects.jp/en/ia-trendmap-2007v2/La mappa che stai leggendo è solo il primo strumento perraggiungere l’oggetto perché ogni “punto” corrisponde a una o 12
  • più persone e ognuna di esse rappresenta l’informazionetradotta in un “sito web”.Tu, però, non sai quale sia il punto, o meglio la persona, chepuò aiutarti alla ricerca del tuo oggetto. Non hai quindi moltascelta per cercare il tuo oggetto: o entri in contatto con ognipersona prolungando i tempi di approfondimento oppure deviaffidarti ad un “motore di ricerca” che possa raccogliere le tuenecessità e filtrare le persone con cui sarebbe più utile entrarein contatto. Usando il “motore di ricerca”, ti accorgerai benpresto che non tutti i punti, quindi le persone di questoimmenso network, sono uguali.C’è chi ti permetterà di approfondire meglio l’informazione echi ti guiderà lungo un percorso più lungo aumentando lacomplessità della tua ricerca. Come quando sbagli la fermata diuna metropolitana, avrai la sensazione di perdere tempo per latua ricerca.Più la persona con cui entri in contatto ti può fornireinformazioni semplici, più ti relazionerai con altre persone.Conoscere tante persone sul web è un modo semplice percreare community, che sono ormai un sistema per instaurarerelazioni sociali attraverso il web. Ogni community è fonte diconoscenze grazie alle sue molteplici identità.Puoi scegliere quindi di seguire le conversazioni di altri,partecipare e iniziare a generare conversazioni coinvolgenti.Una volta entrato in confidenza con queste modalità diinterazione avrai la possibilità di diventare un attoreprotagonista . 13
  • Sei però ancora lontano dal tuo oggetto di ricerca, le personeche hai conosciuto ti sono state molto utili per avere un’ideapiù chiara sul come cercare l’oggetto, ma non sono andateoltre qualche consiglio o commento alle tue conversazioni.È utile, per raffinare la ricerca dell’oggetto che stai cercando,utilizzare sempre il “motore di ricerca” che ti ha guidatodurante il percorso.Sicuramente il motore ti consiglierà di usare un altro “mezzo”,in particolare ti orienterà verso uno strumento diinformazione più personale. Nel tuo viaggio, all’inizio, haiutilizzato la mappa della metro per muoverti ma adesso puoiutilizzare un mezzo come il taxi che ti permette di arrivaredirettamente alla persona che ti indirizzerà.Nel web il taxi è rappresentato dal blog, ottimo strumento diricerca, approfondimento e connessione.Con il blogger, così come con il tassista, avrai un dialogo suiluoghi che stai visitando e ti darà sicuramente delle indicazionipiù specifiche sull’oggetto della tua ricerca. I tassisti sono comei bloggers: parlano tanto e talvolta guadagnano dalle pubblicitàche hanno affisse nei loro taxi, o perché ti hanno consigliato unposto piuttosto che un altro.I bloggers, per loro natura, possono segnalarti delle strade maspesso l’oggetto delle loro indicazioni è condizionato da unloro interesse personale.Per farti comprendere la complessità del web ti mostriamo unarappresentazione grafica della blogosfera, cioè larappresentazione tridimensionale dei blog e dei bloggers comese fossero una vera e propria galassia. 14
  • Figura 2 Puoi aggiornarti sullo stato della blogosfera italiana seguendoil blog di Vincenzo Cosenza che ne studia l’evoluzione. Il link specificoper la mappa interattiva è: http://vincos.it/the-italian-blogosphere/Per ottenere ciò che ti serve, è chiaro che dovrai sempreutilizzare più strumenti e più modalità di interazione con lepersone. Questo perché il web è una piattaforma complessa dicomunicazione. Per facilitare le tue ricerche dovrai esserebravo nel selezionare le fonti e mantenere la relazione con lepersone che conoscerai con lo scopo di costruire nel tempo unatua mappa personalizzata che ti sarà utile anche per fornire tustesso le informazioni ad altre persone.È evidente che ciò che cerchiamo di rappresentarti è un mondomolto simile a quello che già conosci, e l’abbiamo fatto perdimostrati che il web 2.0 non è altro che un’etichetta, usata perdescrivere una popolazione di persone che si connettono,condividono, partecipano e guadagnano attraverso il web. 15
  • Se può esserti ancora utile per capire, il web è semplicementeun sistema di connessioni tra persone. Come una piattaformadigitale che permette alle persone di fare uno scambio, questopuò essere di natura informale e colloquiale o commerciale. Sevuoi fare business dovrai utilizzare il web e comporre uninsieme di informazioni, modelli e strumenti per vendere. 16
  • GlossarioAccount:Si chiama account l’identità virtuale definita per registrarsi aun servizio web. È utile per accedere ad un programma o ad unsoftware. È formato da un nome utente (username) e da unaparola d´ordine necessaria per accedere al sistema (password).Queste informazioni sono utili per riconoscere lutente epermettergli laccesso al servizio.Blog:Il blog non è un diario, come molti pensano. Tu condivideresti ituoi segreti con tutto il mondo? La definizione più corretta èche il blog è un sistema di editing che permette al lettore diinteragire con l’autore tramite più modalità. La particolaritàdel blog è che scorre i contenuti cronologicamente dandoquindi l’impressione dello scorrere del tempo e quindi dellacostruzione dei contenuti.E-commerce:Si tratta di software specifico per la vendita di prodotti online.La differenza tra un e-commerce ed un sito web è la tecnologiaofferta dal software, la struttura e le funzioni di gestione. Nellaversione e-commerce di un sito si può gestire la venditafornendo le specifiche della fatturazione, della gestione deiclienti e la modalità di gestione dei contenuti.Link:Si definisce link un collegamento ipertestuale. 17
  • Motore di Ricerca:Un motore di ricerca è un software che permette di effettuarericerche allinterno delle pagine web. Ha la funzione dicatalogare e fornire le ricerca ordinate secondo uno o piùcriteri.Il motore di ricerca basa principalmente il propriofunzionamento sullutilizzo di "parole chiave" che permettonoallutente di specificare gli argomenti da cercare allinterno deisiti.Piattaforma Sociale:Sono delle piattaforme di connessione dei contenuti. Icontenuti sono forniti dalle persone che una volte iscritte allapiattaforma possono condividere i propri contenuti o quelli dialtri. Possono commentare e pubblicare testi, immagini e foto.Posizionamento:È una tecnica che permette ad un sito web di trovarsi nelleprime pagine dei motori di ricerca.SEO:Letteralmente: Search Engine Optimization. È un sistema diottimizzazione che cerca di adattare un sito agli standard diuno o più motori di ricerca nel tentativo di aumentare lavisibilità e la qualità di una pagina o un sito. 18
  • SEM:Il Search engine marketing (SEM) è un insieme di metodologievolte allutilizzo del canale motori di ricerca per ilraggiungimento di obiettivi di marketing, come ad esempio ilmiglioramento del posizionamento di un sito allinterno dellepagine dei motori di ricerca per facilitarne la reperibilitàattraverso le ricerche online.SERP:Schermata delle ricerche di Google . La locuzione inglesesearch engine results page (abbreviata in SERP) significa"pagina dei risultati del motore di ricerca"Social Media:Si definiscono Social Media l’insieme di tecnologie web chepermettono la condivisione di contenuti. Un Social Network faparte della categoria dei Social media ma i Social Media nonsono necessariamente un Social Network. Social media è untermine generico che indica tecnologie e pratiche online chegli utenti adottano per condividere contenuti testuali,immagini, video e audio. Social network service è un “serviziofocalizzato nella costruzione di community on-line di personeche condividono interessi e/o attività. Molti servizi di socialnetwork sono web-based, accessibili attraverso un comunebrowser web, e forniscono ai loro utenti una serie distrumenti per interagire.Social Network:È un sistema di connessioni tra computer, prima, e tra personedopo. I Social Network senza i computer non esisterebbero cosìcome li conosciamo. La particolarità dei Social Network è che 19
  • permettono alle persone di interagire tra loro tramite unsistema di connessioni. Le connessioni in genere avvengono trale persone in base a delle similitudini, a degli interessi osemplicemente in base ad una volontà di interagire. Non puoifar parte di un Social Network attivamente se non ti connetticon altre persone.Software:È un programma che permette l’esecuzione di funzioni tramiteun’interfaccia utente.Web 2.0:Una modalità di usare il web. Si intende 2.0 tutto ciò chepermette una scambio simultaneo tra due persone, tra duecose o tra una persona ed una cosa. Molti parlano anche di 3.0,4.0 etc. La reale differenza che c’è tra il web prima maniera e lesue derivazioni è nello sviluppo di tecnologia e modalità diinterazione tra le persone. Il resto sono solo etichette. 20
  • RingraziamentiQuesta, guida, prontuario, date voi il nome più appropriato,nasce dalla voglia di rendere comune un sapere acquisitodurante la mia formazione sul campo. È un lavoro costruito conl’obiettivo di aiutare tutte quelle persone, imprenditori ecommercianti del settore enogastronomico, ma non solo, che siprestano ad avvicinarsi al mondo web cercando di capirne ivantaggi che esso può offrire per la propria attività. Vantaggiche sono commisurati in base alle proprie competenze, allavolontà di aggiornarsi ed alla capacità di capire il significatofunzionale che il web offre: la reale possibilità di connettersicon le persone in maniera trasversale.Il lavoro è stato scritto in base alle competenze di webmarketing acquisite negli anni. È uno strumento che nasce persupportare ed affiancare l’attività di promozione e diffusionedelle buone pratiche online conosciuta sul web comeComunikafood.A questo progetto hanno collaborato a vario titolo il team diComunikafood, Anna Costabile, Maria Luisa Bruschetini, SergioTrenna, Stefano Trenna, Giuseppe Famiani, Carlo Lucatelli aloro devo la pazienza e la voglia di ascoltare sempre le mie ideee di continuare a produrne insieme sempre di nuove.Ad Alessandro Banchelli riconosco la missione di avermiconvinto a scrivere e far conoscere ciò che so. Il suo ruolo,come web coach, è stato per me davvero importante.A Jacopo Pasquini devo un immenso grazie per aver investito ilsuo prezioso tempo come professionista, sottraendolo perqualche ora a quello di papà e marito. 21
  • Alla professoressa Maria Grazia Vigni, pur non conoscendola dipersona, dedico un grazie speciale per aver cercato diinterpretare il mio linguaggio e trasformarlo dove necessarioin lingua italiana.Ringrazio specialmente la mia ragazza per aver compreso lemie lunghe giornate davanti ad uno “stupido” computer, ma leho promesso che un giorno saremo ricchi, per questo mi hasempre abbonato qualche giornata di ferie non trascorsainsieme a lei.Ringrazio in maniera indiscutibile i miei genitori di avermidato la virtù più importante, quella di non arrendersi mai.Soprattutto ringrazio tutti voi che avete scelto di leggerequesto lavoro, che seguite Comunikafood, in tutte le sue forme,e che siete il reale motivo per cui tutto questo lavoro continuaa vivere. 22
  • Non finisce qui:Questa guida è stata pensata per farla vivere e renderlainterattiva tramite il web. Se vai sul sito www.foodwineweb.ittroverai una sezione dedicata ai lettori per porre domande erichieste di approfondimento sul tema.Lo scopo è quello di dare vita ad un community di personeinteressate al tema “enogastronomia online” e stimolare dalbasso la creazione di esperienze web concrete e funzionali.Non lasciarti scappare l’occasione di continuarel’aggiornamento, entra sul sito e dai vita ad una discussione.Segui il link: www.foodwineweb.itTi aspettiamo. 23