BOLLETTINO UFFICIALEDELLARCIDIOCESI METROPOLITANA        DI PESCARA-PENNE
periodico                                                    amministratore:della diocesi di pescara                      ...
INDICE      LA PAROLA DI BENEDETTO XVI      DISCORSI7     Alla veglia di preghiera per la beatificazione del Cardinale Joh...
INDICE 144     La Parrocchia dell’Immacolata Concezione della B.V. Maria diventa Cuore         Immacolato della B.V. Maria...
LA PAROLADI BENEDETTO XVI
LA PAROLA DI BENEDETTO XVI                                                                    DISCORSI     Alla veglia di ...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVIDISCORSI insegnamento autorevole nella Chiesa di Dio ed il suo zelo per il rin- novamento della ...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVI                                                                     DISCORSIquesto e fu il gran...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVIDISCORSI     Una delle più amate meditazioni del Cardinale contiene queste pa- role: “Dio mi ha ...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVI                                                                   DISCORSIgno dell’amore potent...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVIDISCORSI          All’incontro con i Vescovi d’Inghilterra,                       Galles e Scozi...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVI                                                                   DISCORSInati e gli abbandonat...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVIDISCORSI fra sacerdoti e i loro Vescovi, come pure fra le autorità della Chiesa e la gente. So b...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVI                                                                   DISCORSI   Infine vorrei parl...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVIDISCORSI           All’incontro con i sacerdoti, i religiosi,                  le religiose e i ...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVI                                                                   DISCORSIGesù, vi intrattenete...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVIDISCORSI vostre parrocchie ai giovani, perché possano aprire le porte del loro cuore a Cristo! M...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVI                                                                      DISCORSIInfatti, la vostra...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVIDISCORSI          All’incontro con i ragazzi e i giovanissimi                 dell’Azione Cattol...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVI                                                                   DISCORSIrono a Gesù, perché s...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVIDISCORSI Nell’adolescenza ci si ferma davanti allo specchio e ci si accorge che si sta cambiando...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVI                                                                    DISCORSIin parrocchia o in a...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVIDISCORSI videre non solo le difficoltà, ma anche le bellezze e le sorprese della vita di fede.  ...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVI                                                                 DISCORSIdi più”, la gioia della...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVIMESSAGGI                               Pasqua 2010           “CANTEMUS DOMINO: GLORIOSE ENIM MAG...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVI                                                                    MESSAGGI   Sì, fratelli, la ...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVIMESSAGGI tragedia del terremoto, compia il suo “esodo” dal lutto e dalla dispera- zione ad una n...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVI                                                                    MESSAGGI                 Per...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVIMESSAGGI ni Unite, in occasione del Vertice Mondiale per i Bambini. "Sono testi- mone - egli scr...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVI                                                                  MESSAGGIvolezza della sfida so...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVILETTERE                             Ai Seminaristi    Cari Seminaristi,    nel dicembre 1944, qu...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVI                                                                     LETTEREevidenziare – anche ...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVILETTERE no”, dicendo, tra l’altro, che “nostro” pane, il pane che possiamo rice- vere da cristia...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVI                                                                     LETTEREloro comune sentire ...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVILETTERE nella loro ultima semplicità: ogni singolo particolare è alla fine solo dispiegamento de...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVI                                                                     LETTEREsocietà. Di recente ...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVILETTERE una. Il seminario è il periodo nel quale imparate l’uno con l’altro e l’uno dall’altro. ...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVI                                                                      OMELIE          Nella sole...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVIOMELIE     Le parole del rituale dell’incoronazione in Israele, in verità, erano sempre soltanto...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVI                                                                       OMELIE    “Maria diede al...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVIOMELIE va in cui siamo la famiglia stessa di Dio. Questa nuova famiglia di Dio inizia nel moment...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVI                                                                       OMELIEsta non lo possiamo...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVIOMELIE              Nella Celebrazione dei Primi Vespri          della solennità di Maria SS.ma ...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVI                                                                       OMELIEte, ce la dona semp...
LA PAROLA DI BENEDETTO XVIOMELIE gelo affinché i cuori degli abitanti della nostra città si aprano all’incon- tro con quel...
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Bollettino (II/2010)
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Bollettino (II/2010)

771

Published on

Il semestrale di documenti ufficiali dell'arcidiocesi di Pescara-Penne.
Anno 2010, II semestre

Published in: Spiritual
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
771
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Bollettino (II/2010)

  1. 1. BOLLETTINO UFFICIALEDELLARCIDIOCESI METROPOLITANA DI PESCARA-PENNE
  2. 2. periodico amministratore:della diocesi di pescara can. antonio di giulioanno 62 - n° 2bollettino@diocesipescara.it editore: curia arcivescovile metropolitana pescara-pennepresidente: sede legale:s. e. r. mons. tommaso valentinetti curia arcivescovile metropolitana pescara-pennearcivescovo@diocesipescara.it piazza spirito santo, 5 65121 pescaradirettore responsabile:dott. ernesto grippo fotocomposizione e stampa: tipografia grafica ltddirettore: 65016 montesilvano (pe)dott.ssa lidia bastil.basti@diocesipescara.it rivista diocesana c..c.p. n° 16126658programma editoriale periodico registrato presso il tribunale di pescaraa cura del dott. simone chiappetta al n° 11/95 in data 24.05.1995s.chiappetta@diocesipescara.it spedizione in abb. postale 50% pescara curia metropolitana piazza spirito santo, 5 - 65121 pescara - tel. 085-4222571 - fax 085-4213149 www.diocesipescara.it arcivescovado piazza spirito santo, 5 - 65121 pescara - tel. 085-2058897
  3. 3. INDICE LA PAROLA DI BENEDETTO XVI DISCORSI7 Alla veglia di preghiera per la beatificazione del Cardinale John Henry Newman12 All’incontro con i Vescovi d’Inghilterra, Galles e Scozia16 All’incontro con i sacerdoti, i religiosi, le religiose e i seminaristi nella Cat- tedrale di Palermo20 All’ncontro con i ragazzi e i giovanissimi dell’Azione Cattolica Italiana MESSAGGI26 Pasqua 201029 Per la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato (2010) LETTERE32 Ai Seminaristi OMELIE39 Nella solennità del Natale del Signore44 Nella Celebrazione dei Primi Vespri della solennità di Maria SS.ma Madre di Dio Te Deum di ringraziamento VARIE48 Meditazione sulla Prima Congregazione Generale del Sinodo dei Vescovi all’Assemblea Speciale per il Medio Oriente53 Preghiera per la vita nascente LA PAROLA DEI VESCOVI ITALIANI CEI - ORIENTAMENTI PASTORALI57 Educare alla vita buona del Vangelo - Orientamenti pastorali dell’Episcopa- to Italiano per il decennio 2010-2020 MESSAGGI127 Per la giornata del Ringraziamento 43ª MARCIA PER LA PACE130 Cristo, nostra pace LA PAROLA DI MONS. VALENTINETTI NOMINE E DECRETI141 Nomine
  4. 4. INDICE 144 La Parrocchia dell’Immacolata Concezione della B.V. Maria diventa Cuore Immacolato della B.V. Maria IN DIOCESI 149 Necrologio NOTIZIE 150 Notizie in breve 151 Notizie in rassegna - La Caritas abruzzese dice stop alla povertà 152 “Sogno un mondo per tutti” - di Cristina Santonastaso 155 All’unisono per dare voce all’amore 156 Con Frisina per la “solidarietà sociale” - di Roberta Fioravante APPROFONDIMENTI 158 La questione antropologica: sfide e prospettive - di S. E. Mons. Ignazio San- na 175 La proposta morale oggi: “La carità nella verità... per la costruzione di una buona società e di un vero sviluppo integrale” (Caritas in veritate, n. 4) SPECIALE “laPorzione.it” 189 LaPorzione.it... nel frammento, tutto - L’Arcidiocesi sceglie l’informazione digitale ESEMPIO DI “EDITORIALE” 191 Borghezio e GF specchio di una Italia decadente - di Simone Chiappetta ESEMPIO DI “BIANCO E NERO” 194 La democrazia che cade in “basso” - di Simone Chiappetta ESEMPIO DI “INTERVISTA” 196 “Vorrei avere il buon umore di Wojtyla” - di Davide De Amicis ESEMPIO DI “LA PORZIONE” 199 Teologia della Porzione - di Giovanni Marcotullio ESEMPIO DI “TERZA WEB” 202 La verità rosa - di Giovanni Marcotullio
  5. 5. LA PAROLADI BENEDETTO XVI
  6. 6. LA PAROLA DI BENEDETTO XVI DISCORSI Alla veglia di preghiera per la beatificazione del Cardinale John Henry Newman Hyde Park - London Sabato, 18 settembre 2010 Cari Fratelli e Sorelle in Cristo, questa è una serata di gioia, di immensa gioia spirituale per tuttinoi. Siamo qui riuniti in questa veglia di preghiera per prepararci allaMessa di domani, durante la quale un grande figlio di questa Nazione,il Cardinale John Henry Newman, sarà dichiarato Beato. Quante per-sone, in Inghilterra e in tutto il mondo, hanno atteso questo momen-to! Anche per me personalmente è una grande gioia condividere que-sta esperienza con voi. Come sapete, Newman ha avuto da tanto tem-po un influsso importante nella mia vita e nel mio pensiero, come loè stato per moltissime persone al di là di queste isole. Il dramma dellavita di Newman ci invita ad esaminare le nostre vite, a vederle nelcontesto del vasto orizzonte del piano di Dio, e a crescere in comu-nione con la Chiesa di ogni tempo e di ogni luogo: la Chiesa degliApostoli, la Chiesa dei martiri, la Chiesa dei santi, la Chiesa che New-man amò ed alla cui missione consacrò la propria intera esistenza. Ringrazio l’Arcivescovo Peter Smith per le gentili parole di benve-nuto pronunciate a vostro nome, e sono particolarmente lieto di vede-re molti giovani presenti a questa veglia. Questa sera, nel contestodella preghiera comune, desidero riflettere con voi su alcuni aspettidella vita di Newman, che considero importanti per le nostre vite dicredenti e per la vita della Chiesa oggi.Permettetemi di cominciare ri-cordando che Newman, secondo il suo stesso racconto, ha ripercorsoil cammino della sua intera vita alla luce di una potente esperienza diconversione, che ebbe quando era giovane. Fu un’esperienza imme-diata della verità della Parola di Dio, dell’oggettiva realtà della rivela-zione cristiana quale era stata trasmessa nella Chiesa. Tale esperienza,al contempo religiosa e intellettuale, avrebbe ispirato la sua vocazionead essere ministro del Vangelo, il suo discernimento della sorgente di 7
  7. 7. LA PAROLA DI BENEDETTO XVIDISCORSI insegnamento autorevole nella Chiesa di Dio ed il suo zelo per il rin- novamento della vita ecclesiale nella fedeltà alla tradizione apostolica. Alla fine della vita, Newman avrebbe descritto il proprio lavoro come una lotta contro la tendenza crescente a considerare la religione come un fatto puramente privato e soggettivo, una questione di opinione personale. Qui vi è la prima lezione che possiamo apprendere dalla sua vita: ai nostri giorni, quando un relativismo intellettuale e morale minaccia di fiaccare i fondamenti stessi della nostra società, Newman ci rammenta che, quali uomini e donne creati ad immagine e somi- glianza di Dio, siamo stati creati per conoscere la verità, per trovare in essa la nostra definitiva libertà e l’adempimento delle più profonde aspirazioni umane. In una parola, siamo stati pensati per conoscere Cristo, che è Lui stesso “la via, la verità e la vita” (Gv 14,6). L’esistenza di Newman, inoltre, ci insegna che la passione per la verità, per l’onestà intellettuale e per la conversione genuina compor- tano un grande prezzo da pagare. La verità che ci rende liberi non può essere trattenuta per noi stessi; esige la testimonianza, ha bisogno di essere udita, ed in fondo la sua potenza di convincere viene da es- sa stessa e non dall’umana eloquenza o dai ragionamenti nei quali può essere adagiata. Non lontano da qui, a Tyburn, un gran numero di nostri fratelli e sorelle morirono per la fede; la testimonianza della loro fedeltà sino alla fine fu ben più potente delle parole ispirate che molti di loro dissero prima di abbandonare ogni cosa al Signore. Nella nostra epoca, il prezzo da pagare per la fedeltà al Vangelo non è tanto quello di essere impiccati, affogati e squartati, ma spesso implica l’es- sere additati come irrilevanti, ridicolizzati o fatti segno di parodia. E tuttavia la Chiesa non si può esimere dal dovere di proclamare Cristo e il suo Vangelo quale verità salvifica, la sorgente della nostra felicità ultima come individui, e quale fondamento di una società giusta e umana. Infine, Newman ci insegna che se abbiamo accolto la verità di Cri- sto e abbiamo impegnato la nostra vita per lui, non vi può essere se- parazione tra ciò che crediamo ed il modo in cui viviamo la nostra esistenza. Ogni nostro pensiero, parola e azione devono essere rivolti alla gloria di Dio e alla diffusione del suo Regno. Newman comprese 8
  8. 8. LA PAROLA DI BENEDETTO XVI DISCORSIquesto e fu il grande campione dell’ufficio profetico del laicato cristia-no. Vide chiaramente che non dobbiamo tanto accettare la verità co-me un atto puramente intellettuale, quanto piuttosto accoglierla me-diante una dinamica spirituale che penetra sino alle più intime fibredel nostro essere. La verità non viene trasmessa semplicemente me-diante un insegnamento formale, pur importante che sia, ma anchemediante la testimonianza di vite vissute integralmente, fedelmente esantamente; coloro che vivono della e nella verità riconoscono istinti-vamente ciò che è falso e, proprio perché falso, è nemico della bel-lezza e della bontà che accompagna lo splendore della verità, veritatissplendor. La prima lettura di stasera è la magnifica preghiera con la quale sanPaolo chiede che ci sia dato di conoscere “l’amore di Cristo che supe-ra ogni conoscenza” (cfr Ef 3,14-21). L’Apostolo prega affinché Cristodimori nei nostri cuori mediante la fede (cfr Ef 3,17) e perché possia-mo giungere a “comprendere con tutti i santi quale sia l’ampiezza, lalunghezza, l’altezza e la profondità” di quell’amore. Mediante la fedegiungiamo a vedere la parola di Dio come una lampada per i nostripassi e luce del nostro cammino (cfr Sal 119, 105). Come innumerevo-li santi che lo precedettero sulla via del discepolato cristiano, New-man insegnò che la “luce gentile” della fede ci conduce a renderciconto della verità su noi stessi, sulla nostra dignità di figli di Dio, e sulsublime destino che ci attende in cielo. Permettendo a questa lucedella fede di risplendere nei nostri cuori e abbandonandoci ad essamediante la quotidiana unione al Signore nella preghiera e nella par-tecipazione ai sacramenti della Chiesa, datori di vita, diventiamo noistessi luce per quanti ci stanno attorno; esercitiamo il nostro “ufficioprofetico”; spesso, senza saperlo, attiriamo le persone più vicino al Si-gnore ed alla sua verità. Senza la vita di preghiera, senza l’interioretrasformazione che avviene mediante la grazia dei sacramenti, nonpossiamo – con le parole di Newman – “irradiare Cristo”; diveniamosemplicemente un altro “cembalo squillante” (1Cor 13,1) in un mondogià pieno di crescente rumore e confusione, pieno di false vie checonducono solo a profondo dolore del cuore e ad illusione. 9
  9. 9. LA PAROLA DI BENEDETTO XVIDISCORSI Una delle più amate meditazioni del Cardinale contiene queste pa- role: “Dio mi ha creato per offrire a lui un certo specifico servizio. Mi ha affidato un certo lavoro che non ha affidato ad altri” (Meditations on Christian Doctrine). Vediamo qui il preciso realismo cristiano di Newman, il punto nel quale la fede e la vita inevitabilmente si incro- ciano. La fede è destinata a portare frutto nella trasformazione del no- stro mondo mediante la potenza dello Spirito Santo che opera nella vita e nell’attività dei credenti. Nessuno che guardi realisticamente al nostro mondo d’oggi può pensare che i cristiani possano continuare a far le cose di ogni giorno, ignorando la profonda crisi di fede che è sopraggiunta nella società, o semplicemente confidando che il patri- monio di valori trasmesso lungo i secoli cristiani possa continuare ad ispirare e plasmare il futuro della nostra società. Sappiamo che in tem- pi di crisi e di ribellioni Dio ha fatto sorgere grandi santi e profeti per il rinnovamento della Chiesa e della società cristiana; noi abbiamo fi- ducia nella sua provvidenza e preghiamo per la sua continua guida. Ma ciascuno di noi, secondo il proprio stato di vita, è chiamato ad operare per la diffusione del Regno di Dio impregnando la vita tem- porale dei valori del Vangelo. Ciascuno di noi ha una missione, cia- scuno è chiamato a cambiare il mondo, ad operare per una cultura della vita, una cultura forgiata dall’amore e dal rispetto per la dignità di ogni persona umana. Come il Signore ci insegna nel Vangelo appe- na ascoltato, la nostra luce deve risplendere al cospetto di tutti, così che, vedendo le nostre opere buone, possano dar gloria al nostro Pa- dre celeste (cfr Mt 5,16). Qui desidero dire una parola speciale ai molti giovani presenti. Cari giovani amici: solo Gesù conosce quale “specifico servizio” ha in mente per voi. Siate aperti alla sua voce che risuona nel profondo del vostro cuore: anche ora il suo cuore parla al vostro cuore. Cristo ha bisogno di famiglie che ricordano al mondo la dignità dell’amore umano e la bellezza della vita familiare. Egli ha bisogno di uomini e donne che dedichino la loro vita al nobile compito dell’educazione, prendendosi cura dei giovani e formandoli secondo le vie del Vange- lo. Ha bisogno di quanti consacreranno la propria vita al persegui- mento della carità perfetta, seguendolo in castità, povertà e obbedien- za, e servendoLo nel più piccolo dei nostri fratelli e sorelle. Ha biso- 10
  10. 10. LA PAROLA DI BENEDETTO XVI DISCORSIgno dell’amore potente dei religiosi contemplativi che sorreggono latestimonianza e l’attività della Chiesa mediante la loro continua ora-zione. Ed ha bisogno di sacerdoti, buoni e santi sacerdoti, uomini di-sposti a perdere la propria vita per il proprio gregge. Chiedete a Diocosa ha in mente per voi! Chiedetegli la generosità di dirgli di sì! Nonabbiate paura di donarvi interamente a Gesù. Vi darà la grazia neces-saria per adempiere alla vostra vocazione. Permettetemi di concluderequeste poche parole invitandovi ad unirvi a me il prossimo anno aMadrid per la Giornata Mondiale della Gioventù. Si tratta sempre diuna splendida occasione per crescere nell’amore per Cristo ed essereincoraggiati nella vostra gioiosa vita di fede assieme a migliaia di altrigiovani. Spero di vedere là molti di voi! Ed ora, cari amici, continuiamo questa veglia di preghiera prepa-randoci ad incontrare Cristo, presente fra noi nel Santissimo Sacra-mento dell’Altare. Insieme, nel silenzio della nostra comune adorazio-ne, apriamo le menti ed i cuori alla sua presenza, al suo amore, allapotenza convincente della sua verità. In modo speciale, ringraziamoloper la continua testimonianza a quella verità, offerta dal CardinaleJohn Henry Newman. Confidando nelle sue preghiere, chiediamo aDio di illuminare i nostri passi e quelli della società britannica, con laluce gentile della sua verità, del suo amore, della sua pace. Amen. 11
  11. 11. LA PAROLA DI BENEDETTO XVIDISCORSI All’incontro con i Vescovi d’Inghilterra, Galles e Scozia Cappella del Francis Martin House dell’Oscott College - Birmingham Domenica, 19 settembre 2010 Venerati Fratelli nell’Episcopato, questo è stato un giorno di grande gioia per la comunità cattolica in queste isole. Il Beato John Henry Newman, come ora lo possiamo chiamare, è stato elevato all’onore degli altari quale esempio di fe- deltà eroica al Vangelo ed un intercessore per la Chiesa in queste ter- re, che egli amò e servì così bene. Qui proprio in questa cappella nel 1852, diede voce alla nuova fiducia e vitalità della comunità cattolica in Inghilterra e Galles, dopo la restaurazione della gerarchia, e le sue parole possono essere applicate pure alla Scozia, venticinque anni do- po. La sua beatificazione odierna è un ricordo della continua azione dello Spirito Santo nell’elargire doni di santità su tutta la gente della Gran Bretagna, così che da est ad ovest e dal nord al sud, sia elevata una perfetta oblazione di lode e di ringraziamento alla gloria del no- me di Dio. Ringrazio il Cardinale O’Brien e l’Arcivescovo Nichols per le loro parole e, ciò facendo, mi viene alla mente quanto poco tempo è tra- scorso da quando mi è stato dato di accogliervi tutti a Roma per le vi- site Ad limina delle vostre rispettive Conferenze Episcopali. In quella occasione abbiamo parlato di alcune delle sfide che vi stanno innanzi nel vostro guidare la gente nella fede, particolarmente circa l’urgente necessità di proclamare il Vangelo di nuovo in un contesto altamente secolarizzato. Nel corso della mia visita mi è apparso chiaro come, fra i britannici, sia profonda la sete per la buona novella di Gesù Cristo. Siete stati scelti da Dio per offrire loro l’acqua viva del Vangelo, inco- raggiandoli a porre le proprie speranze non nelle vane lusinghe di questo mondo, bensì nelle solide rassicurazioni del mondo futuro. Mentre annunciate la venuta del Regno, con le sue promesse di spe- ranza per i poveri ed i bisognosi, i malati e gli anziani, i non ancora 12
  12. 12. LA PAROLA DI BENEDETTO XVI DISCORSInati e gli abbandonati, fate di tutto per presentare nella sua interezzail messaggio vivificante del Vangelo, compresi quegli elementi che sfi-dano le diffuse convinzioni della cultura odierna. Come sapete, è statodi recente costituito un Pontificio Consiglio per la Nuova Evangelizza-zione dei Paesi di lunga tradizione cristiana, e desidero incoraggiarviad avvalervi dei suoi servigi per affrontare i compiti che vi stanno in-nanzi. Inoltre, molti dei nuovi movimenti ecclesiali hanno un carismaparticolare per l’evangelizzazione e son certo che continuerete adesplorare vie appropriate ed efficaci per coinvolgerli nella missionedella Chiesa. Dalla vostra visita a Roma, i cambiamenti politici nel Regno Unitohanno concentrato l’attenzione sulle conseguenze della crisi finanzia-ria, che ha causato tante privazioni ad innumerevoli persone e tantefamiglie. Lo spettro della disoccupazione sta stendendo le proprie om-bre sulla vita di molta gente, ed il costo a lungo termine di pratiched’investimento dei tempi recenti, mal consigliate, sta diventandoquantomai evidente. In tali circostanze, vi saranno ulteriori appelli allacaratteristica generosità dei cattolici britannici, e sono certo che voisarete in prima linea per esortare alla solidarietà nei confronti dei bi-sognosi. La voce profetica dei cristiani ha un ruolo importante nelmettere in evidenza i bisogni dei poveri e degli svantaggiati, che pos-sono così facilmente essere trascurati nella destinazione di risorse li-mitate. Nel documento magisteriale Choosing the Common Good, i Ve-scovi d’Inghilterra e del Galles hanno sottolineato l’importanza dellapratica della virtù nella vita pubblica. Le circostanze odierne offronouna buona opportunità per rafforzare quel messaggio, e certamenteper incoraggiare le persone ad aspirare ai valori morali più alti in ognisettore della loro vita, contro un retroterra di crescente cinismo addi-rittura circa la possibilità di una vita virtuosa. Un altro argomento che ha ricevuto molta attenzione nei mesi tra-scorsi e che mina seriamente la credibilità morale dei responsabili del-la Chiesa è il vergogno abuso di ragazzi e di giovani da parte di sacer-doti e di religiosi. In molte occasioni ho parlato delle profonde feriteche tale comportamento ha causato, anzitutto nelle vittime ma anchenel rapporto di fiducia che dovrebbe esistere fra sacerdoti e popolo, 13
  13. 13. LA PAROLA DI BENEDETTO XVIDISCORSI fra sacerdoti e i loro Vescovi, come pure fra le autorità della Chiesa e la gente. So bene che avete fatto passi molto seri per portare rimedio a questa situazione, per assicurare che i ragazzi siano protetti in ma- niera efficace da qualsiasi danno, e per affrontare in modo appropria- to e trasparente le accuse quando esse sorgono. Avete pubblicamente fatto conoscere il vostro profondo dispiacere per quanto accaduto e per i modi spesso inadeguati con i quali, in passato, si è affrontata la questione. La vostra crescente comprensione dell’estensione degli abusi sui ragazzi nella società, dei suoi effetti devastanti, e della ne- cessità di fornire adeguato sostegno alle vittime, dovrebbe servire da incentivo per condividere, con la società più ampia, la lezione da voi appresa. In realtà, quale via migliore potrebbe esserci se non quella di fare riparazione per tali peccati avvicinandovi, in umile spirito di com- passione, ai ragazzi che soffrono anche altrove per gli abusi? Il nostro dovere di prenderci cura della gioventù esige proprio questo e niente di meno. Mentre riflettiamo sulla fragilità umana che questi tragici eventi ri- velano in maniera così dura, ci viene ricordato che, per essere guide cristiane efficaci, dobbiamo vivere nella più alta integrità, umiltà e santità. Come scrisse una volta il beato John Henry Newman: “Che Dio ci doni dei sacerdoti che sappiano sentire la propria debolezza di peccatori, e che il popolo li sappia compatire ed amare e pregare per la loro crescita in ogni buon dono di grazia” (Sermon, 22 marzo 1829). 191). Prego che fra le grazie di questa visita vi sia un rinnovato impegno da parte delle guide cristiane alla vocazione profetica che hanno ricevuto, e un nuovo apprezzamento da parte del popolo per il grande dono del ministero ordinato. Sgorgheranno così spontanea- mente le preghiere per le vocazioni, e possiamo esser fiduciosi che il Signore risponderà inviando operai che raccolgano l’abbondante mes- se che ha preparato in tutto il Regno Unito (cfr Mt 9,37-38). A tale proposito sono lieto di avere l’opportunità di incontrare fra poco i se- minaristi dell’Inghilterra, della Scozia e del Galles per rassicurarli delle mie preghiere, mentre si preparano a far la loro parte per raccogliere quella messe. 14
  14. 14. LA PAROLA DI BENEDETTO XVI DISCORSI Infine vorrei parlarvi di due materie specifiche che riguardano inquesto tempo il vostro ministero episcopale. Una è l’imminente pub-blicazione della nuova traduzione del Messale Romano. In questa cir-costanza desidero ringraziare tutti voi per il contributo dato, con cosìminuziosa cura, all’esercizio collegiale nella revisione e nell’approva-zione dei testi. Ciò ha fornito un immenso servizio ai cattolici di tuttoil mondo anglofono. Vi incoraggio a cogliere l’occasione che questanuova traduzione offre, per una approfondita catechesi sull’Eucaristiae per una rinnovata devozione nei modi in cui essa viene celebrata.“Quanto più viva è la fede eucaristica nel popolo di Dio, tanto piùprofonda è la sua partecipazione alla vita ecclesiale che Cristo ha affi-dato ai suoi discepoli” (Sacramentum caritatis, 6). L’altro punto losollevai in febbraio con i Vescovi dell’Inghilterra e del Galles, quandovi chiesi di essere generosi nel porre in atto la Costituzione apostolicaAnglicanorum coetibus. Questo dovrebbe essere considerato un gestoprofetico che può contribuire positivamente allo sviluppo delle rela-zioni fra anglicani e cattolici. Ci aiuta a volgere lo sguardo allo scopoultimo di ogni attività ecumenica: la restaurazione della piena comu-nione ecclesiale nel contesto della quale il reciproco scambio di donidai nostri rispettivi patrimoni spirituali, serve da arricchimento per noitutti. Continuiamo a pregare e ad operare incessantemente per affret-tare il lieto giorno in cui quel traguardo potrà essere raggiunto. Con tali sentimenti vi ringrazio cordialmente per la vostra ospitalitàdurante questi ultimi quattro giorni. Nell’affidare voi e il popolo cheservite all’intercessione di sant’Andrea, san Davide e san Giorgio, vo-lentieri imparto la Benedizione Apostolica a voi, al clero, ai religiosi eai laici dell’Inghilterra, della Scozia e del Galles. 15
  15. 15. LA PAROLA DI BENEDETTO XVIDISCORSI All’incontro con i sacerdoti, i religiosi, le religiose e i seminaristi Cattedrale di Palermo Domenica, 3 ottobre 2010 Venerati Fratelli nell’Episcopato, cari fratelli e sorelle! In questa mia visita pastorale nella vostra terra non poteva mancare l’incontro con voi. Grazie per la vostra accoglienza! Mi è piaciuto il parallelismo, nelle parole dell’Arcivescovo, tra la bellezza della Catte- drale e quella dell’edificio di “pietre vive” che siete voi. Sì, in questo breve ma intenso momento con voi io posso ammirare il volto della Chiesa, nella varietà dei suoi doni. E, come Successore di Pietro, ho la gioia di confermarvi nell’unica fede e nella profonda comunione che il Signore Gesù Cristo ci ha acquistato. A Mons. Paolo Romeo esprimo la mia gratitudine, e la estendo al Vescovo Ausiliare. A voi, cari pre- sbiteri di questa Arcidiocesi e di tutte le Diocesi della Sicilia, a voi, ca- ri diaconi e seminaristi, e a voi, religiosi e religiose, e laici consacrati, rivolgo il mio saluto più cordiale, e vorrei farlo arrivare a tutti i confra- telli e le consorelle della Sicilia, in modo speciale a quelli che sono malati e molto anziani. L’adorazione eucaristica, che abbiamo avuto la grazia e la gioia di condividere, ci ha svelato e ci ha fatto sentire il senso profondo di ciò che siamo: membra del Corpo di Cristo che è la Chiesa. Prostrato da- vanti a Gesù, qui in mezzo a voi, gli ho chiesto di infiammare i vostri cuori con la sua carità, così che siate assimilati a Lui e possiate imitar- lo nella più completa e generosa donazione alla Chiesa e ai fratelli. Cari sacerdoti, vorrei rivolgermi prima di tutto a voi. So che lavora- te con zelo e intelligenza, senza risparmio di energie. Il Signore Gesù, al quale avete consacrato la vita, è con voi! Siate sempre uomini di preghiera, per essere anche maestri di preghiera. Le vostre giornate siano scandite dai tempi dell’orazione, durante i quali, sul modello di 16
  16. 16. LA PAROLA DI BENEDETTO XVI DISCORSIGesù, vi intrattenete in colloquio rigenerante con il Padre. Non è faci-le mantenersi fedeli a questi quotidiani appuntamenti con il Signore,soprattutto oggi che il ritmo della vita si è fatto frenetico e le occupa-zioni assorbono in misura sempre maggiore. Dobbiamo tuttavia con-vincerci: il momento della preghiera è fondamentale: in essa, agiscecon più efficacia la grazia divina, dando fecondità al ministero. Tantecose ci premono, ma se non siamo interiormente in comunione conDio non possiamo dare niente neppure agli altri. Dobbiamo sempreriservare il tempo necessario per “stare con lui” (cfr Mc 3,14). Il Concilio Vaticano II a proposito dei sacerdoti afferma: “È nel cul-to eucaristico o sinassi che essi esercitano soprattutto il loro ministerosacro” (Cost. dogm. Lumen gentium, 28). L’Eucaristia è la sorgente e ilculmine di tutta la vita cristiana. Cari fratelli sacerdoti, possiamo direche lo è per noi, per la nostra vita sacerdotale? Quale cura poniamonel prepararci alla santa Messa, nel celebrarla, nel rimanere in adora-zione? Le nostre chiese sono veramente “casa di Dio”, dove la suapresenza attira la gente, che purtroppo oggi sente spesso l’assenza diDio? Il Sacerdote trova sempre, ed in maniera immutabile, la sorgentedella propria identità in Cristo Sacerdote. Non è il mondo a fissare ilnostro statuto, secondo i bisogni e le concezioni dei ruoli sociali. Ilprete è segnato dal sigillo del Sacerdozio di Cristo, per partecipare al-la sua funzione di unico Mediatore e Redentore. In forza di questo le-game fondamentale, si apre al sacerdote il campo immenso del servi-zio delle anime, per la loro salvezza in Cristo e nella Chiesa. Un servi-zio che deve essere completamente ispirato dalla carità di Cristo. Diovuole che tutti gli uomini siano salvi, che nessuno si perda. Diceva ilSanto Curato d’Ars: “Il sacerdote dev’essere sempre pronto a risponde-re ai bisogni delle anime. Egli non è per sé, è per voi”. Il sacerdote èper i fedeli: li anima e li sostiene nell’esercizio del sacerdozio comunedei battezzati, nel loro cammino di fede, nel coltivare la speranza, nelvivere la carità, l’amore di Cristo. Cari sacerdoti, abbiate sempre unaparticolare attenzione anche per il mondo giovanile. Come disse inquesta terra il Venerabile Giovanni Paolo II, spalancate le porte delle 17
  17. 17. LA PAROLA DI BENEDETTO XVIDISCORSI vostre parrocchie ai giovani, perché possano aprire le porte del loro cuore a Cristo! Mai le trovino chiuse! Il Sacerdote non può restare lontano dalle preoccupazioni quotidia- ne del Popolo di Dio; anzi, deve essere vicinissimo, ma da sacerdote, sempre nella prospettiva della salvezza e del Regno di Dio. Egli è te- stimone e dispensatore di una vita diversa da quella terrena (cfr Decr. Presbyterorum Ordinis, 3). Egli è portatore di una speranza forte, di una “speranza affidabile”, quella di Cristo, con la quale affrontare il presente, anche se spesso faticoso (cfr Enc. Spe salvi, 1). E’ essenziale per la Chiesa che l’identità del sacerdote sia salvaguardata, con la sua dimensione “verticale”. La vita e la personalità di san Giovanni Maria Vianney, ma anche di tanti Santi della vostra terra, come sant’Annibale Maria di Francia, il beato Giacomo Cusmano o il beato Francesco Spoto, ne sono una dimostrazione particolarmente illuminante e vigo- rosa. La Chiesa di Palermo ha ricordato recentemente l’anniversario del barbaro assassinio di Don Giuseppe Puglisi, appartenente a questo presbiterio, ucciso dalla mafia. Egli aveva un cuore che ardeva di au- tentica carità pastorale; nel suo zelante ministero ha dato largo spazio all’educazione dei ragazzi e dei giovani, ed insieme si è adoperato perché ogni famiglia cristiana vivesse la fondamentale vocazione di prima educatrice della fede dei figli. Lo stesso popolo affidato alle sue cure pastorali ha potuto abbeverarsi alla ricchezza spirituale di questo buon pastore, del quale è in corso la causa di Beatificazione. Vi esor- to a conservare viva memoria della sua feconda testimonianza sacer- dotale imitandone l’eroico esempio. Con grande affetto mi rivolgo anche a voi, che in varie forme ed istituti vivete la consacrazione a Dio in Cristo e nella Chiesa. Un parti- colare pensiero ai monaci e alle monache di clausura, il cui servizio di preghiera è così prezioso per la Comunità ecclesiale. Cari fratelli e so- relle, continuate a seguire Gesù senza compromessi, come viene pro- posto nel Vangelo, dando così testimonianza della bellezza di essere cristiani in maniera radicale. Spetta in particolare a voi tenere viva nei battezzati la consapevolezza delle esigenze fondamentali del Vangelo. 18
  18. 18. LA PAROLA DI BENEDETTO XVI DISCORSIInfatti, la vostra stessa presenza e il vostro stile infondono alla Comu-nità ecclesiale un prezioso impulso verso la “misura alta” della vita vo-cazione cristiana; anzi potremmo dire che la vostra esistenza costitui-sce come una predicazione, assai eloquente, anche se spesso silenzio-sa. Il vostro, carissimi, è un genere di vita antico e sempre nuovo, no-nostante la diminuzione del numero e delle forze. Ma abbiate fiducia:i nostri tempi non sono quelli di Dio e della sua provvidenza. E’ ne-cessario pregare e crescere nella santità personale e comunitaria. Il Si-gnore poi provvede! Con affetto di predilezione saluto voi, cari seminaristi, e vi esorto arispondere con generosità alla chiamata del Signore e alle attese delPopolo di Dio, crescendo nell’identificazione con Cristo, il Sommo Sa-cerdote, preparandovi alla missione con una solida formazione uma-na, spirituale, teologica e culturale. Il Seminario è quanto mai prezio-so per il vostro futuro, perché, attraverso un’esperienza completa e unlavoro paziente, vi conduce ad essere pastori d’anime e maestri di fe-de, ministri dei santi misteri e portatori della carità di Cristo. Vivetecon impegno questo tempo di grazia e conservate nel cuore la gioia elo slancio del primo momento della chiamata e del vostro “sì”, quan-do, rispondendo alla voce misteriosa di Cristo, avete dato una svoltadecisiva alla vostra vita. Siate docili alle direttive dei superiori e dei re-sponsabili della vostra crescita in Cristo, e imparate da Lui l’amore perogni figlio di Dio e della Chiesa. Cari fratelli e sorelle, mentre vi ringrazio ancora per il vostro affet-to, vi assicuro il mio ricordo nella preghiera, perché proseguiate conrinnovato slancio e con forte speranza il cammino di fedele adesionea Cristo e di generoso servizio alla Chiesa. Vi assista sempre la VergineMaria, nostra Madre; vi proteggano santa Rosalia e tutti i Santi patronidi questa terra di Sicilia; e vi accompagni anche la Benedizione Apo-stolica, che imparto di cuore a voi e alle vostre comunità. 19
  19. 19. LA PAROLA DI BENEDETTO XVIDISCORSI All’incontro con i ragazzi e i giovanissimi dell’Azione Cattolica Italiana Piazza San Pietro Sabato, 30 ottobre 2010 Domanda del ragazzo ACR: Santità, cosa significa diventare grandi? Cosa devo fare per crescere seguendo Gesù? Chi mi può aiutare? Cari amici dell’Azione Cattolica Italiana! Sono semplicemente felice di incontrarvi, così numerosi, su questa bella piazza e vi ringrazio di cuore per il vostro affetto! A tutti voi ri- volgo il mio benvenuto. In particolare, saluto il Presidente, Prof. Fran- co Miano, e l’Assistente Generale, Mons. Domenico Sigalini. Saluto il Cardinale Angelo Bagnasco, Presidente della Conferenza Episcopale Italiana, gli altri Vescovi, i sacerdoti, gli educatori e i genitori che han- no voluto accompagnarvi. Allora, ho ascoltato la domanda del ragazzo dell’ACR. La risposta più bella su che cosa significa diventare grandi la portate scritta voi tutti sulle vostre magliette, sui cappellini, sui cartelloni: “C’è di più”. Questo vostro motto, che non conoscevo, mi fa riflettere. Che cosa fa un bambino per vedere se diventa grande? Confronta la sua altezza con quella dei compagni; e immagina di diventare più alto, per sentir- si più grande. Io, quando sono stato ragazzo, alla vostra età, nella mia classe ero uno dei più piccoli, e tanto più ho avuto il desiderio di es- sere un giorno molto grande; e non solo grande di misura, ma volevo fare qualcosa di grande, di più nella mia vita, anche se non conosce- vo questa parola “c’è di più”. Crescere in altezza implica questo “c’è di più”. Ve lo dice il vostro cuore, che desidera avere tanti amici, che è contento quando si comporta bene, quando sa dare gioia al papà e alla mamma, ma soprattutto quando incontra un amico insuperabile, buonissimo e unico che è Gesù. Voi sapete quanto Gesù voleva bene ai bambini e ai ragazzi! Un giorno tanti bambini come voi si avvicina- 20
  20. 20. LA PAROLA DI BENEDETTO XVI DISCORSIrono a Gesù, perché si era stabilita una bella intesa, e nel suo sguardocoglievano il riflesso dell’amore di Dio; ma c’erano anche degli adultiche invece si sentivano disturbati da quei bambini. Capita anche a voiche qualche volta, mentre giocate, vi divertite con gli amici, i grandivi dicono di non disturbare… Ebbene, Gesù rimprovera proprio que-gli adulti e dice loro: Lasciate qui tutti questi ragazzi, perché hannonel cuore il segreto del Regno di Dio. Così Gesù ha insegnato agliadulti che anche voi siete “grandi” e che gli adulti devono custodirequesta grandezza, che è quella di avere un cuore che vuole bene aGesù. Cari bambini, cari ragazzi: essere “grandi” vuol dire amare tantoGesù, ascoltarlo e parlare con Lui nella preghiera, incontrarlo nei Sa-cramenti, nella Santa Messa, nella Confessione; vuole dire conoscerlosempre di più e anche farlo conoscere agli altri, vuol dire stare con gliamici, anche i più poveri, gli ammalati, per crescere insieme. E l’ACRè proprio parte di quel “di più”, perché non siete soli a voler bene aGesù - siete in tanti, lo vediamo anche questa mattina! -, ma vi aiutategli uni gli altri; perché non volete lasciare che nessun amico sia solo,ma a tutti volete dire forte che è bello avere Gesù come amico ed èbello essere amici di Gesù; ed è bello esserlo insieme, aiutati dai vo-stri genitori, sacerdoti, animatori! Così diventate grandi davvero, nonsolo perché la vostra altezza aumenta, ma perché il vostro cuore siapre alla gioia e all’amore che Gesù vi dona. E così si apre alla veragrandezza, stare nel grande amore di Dio, che è anche sempre amoredegli amici. Speriamo e preghiamo di crescere in questo senso, di tro-vare il “di più” e di essere veramente persone con un cuore grande,con un Amico grande che dà la sua grandezza anche a noi. Grazie. Domanda della giovanissima: Santità, i nostri educatori dell’Azione Cattolica ci dicono che per di- ventare grandi occorre imparare ad amare, ma spesso noi ci per- diamo e soffriamo nelle nostre relazioni, nelle nostre amicizie, nei nostri primi amori. Ma cosa significa amare fino in fondo? Come possiamo imparare ad amare davvero? Una grande questione. E’ molto importante, direi fondamentale im-parare ad amare, amare veramente, imparare l’arte del vero amore! 21
  21. 21. LA PAROLA DI BENEDETTO XVIDISCORSI Nell’adolescenza ci si ferma davanti allo specchio e ci si accorge che si sta cambiando. Ma fino a quando si continua a guardare se stessi, non si diventa mai grandi! Diventate grandi quando non permettete più allo specchio di essere l’unica verità di voi stessi, ma quando la lasciate dire a quelli che vi sono amici. Diventate grandi se siete capa- ci di fare della vostra vita un dono agli altri, non di cercare se stessi, ma di dare se stessi agli altri: questa è la scuola dell’amore. Questo amore, però, deve portarsi dentro quel “di più” che oggi gridate a tut- ti. “C’è di più”! Come vi ho già detto, anch’io nella mia giovinezza vo- levo qualcosa di più di quello che mi presentava la società e la men- talità del tempo. Volevo respirare aria pura, soprattutto desideravo un mondo bello e buono, come lo aveva voluto per tutti il nostro Dio, il Padre di Gesù. E ho capito sempre di più che il mondo diventa bello e diventa buono se si conosce questa volontà di Dio e se il mondo è in corrispondenza con questa volontà di Dio, che è la vera luce, la bellezza, l’amore che dà senso al mondo. E’ proprio vero: voi non potete e non dovete adattarvi ad un amore ridotto a merce di scambio, da consumare senza rispetto per sé e per gli altri, incapace di castità e di purezza. Questa non è libertà. Molto “amore” proposto dai media, in internet, non è amore, ma è egoismo, chiusura, vi dà l’illusione di un momento, ma non vi rende felici, non vi fa grandi, vi lega come una catena che soffoca i pensieri e i senti- menti più belli, gli slanci veri del cuore, quella forza insopprimibile che è l’amore e che trova in Gesù la sua massima espressione e nello Spirito Santo la forza e il fuoco che incendia le vostre vite, i vostri pensieri, i vostri affetti. Certo costa anche sacrificio vivere in modo ve- ro l’amore - senza rinunce non si arriva a questa strada - ma sono si- curo che voi non avete paura della fatica di un amore impegnativo e autentico, E’ l’unico che, in fin dei conti, dà la vera gioia! C’è una pro- va che vi dice se il vostro amore sta crescendo bene: se non escludete dalla vostra vita gli altri, soprattutto i vostri amici che soffrono e sono soli, le persone in difficoltà, e se aprite il vostro cuore al grande Ami- co che è Gesù. Anche l’Azione Cattolica vi insegna le strade per impa- rare l’amore autentico: la partecipazione alla vita della Chiesa, della vostra comunità cristiana, il voler bene ai vostri amici del gruppo di ACR, di AC, la disponibilità verso i coetanei che incontrate a scuola, 22
  22. 22. LA PAROLA DI BENEDETTO XVI DISCORSIin parrocchia o in altri ambienti, la compagnia della Madre di Gesù,Maria, che sa custodire il vostro cuore e guidarvi nella via del bene.Del resto, nell’Azione Cattolica, avete tanti esempi di amore genuino,bello, vero: il beato Pier Giorgio Frassati, il beato Alberto Marvelli;amore che arriva anche al sacrificio della vita, come la beata PierinaMorosini e la beata Antonia Mesina. Giovanissimi di Azione Cattolica, aspirate a mete grandi, perchéDio ve ne dà la forza. Il “di più” è essere ragazzi e giovanissimi chedecidono di amare come Gesù, di essere protagonisti della propria vi-ta, protagonisti nella Chiesa, testimoni della fede tra i vostri coetanei.Il “di più” è la formazione umana e cristiana che sperimentate in AC,che unisce la vita spirituale, la fraternità, la testimonianza pubblicadella fede, la comunione ecclesiale, l’amore per la Chiesa, la collabo-razione con i Vescovi e i sacerdoti, l’amicizia spirituale. “Diventaregrandi insieme” dice l’importanza di far parte di un gruppo e di unacomunità che vi aiutano a crescere, a scoprire la vostra vocazione e aimparare il vero amore. Grazie. Domanda dell’educatrice: Santità, cosa significa oggi essere educatori? Come affrontare le dif- ficoltà che incontriamo nel nostro servizio? E come fare in modo che siano tutti a prendersi cura del presente e del futuro delle nuove generazioni? Grazie. Una grande domanda. Lo vediamo in questa situazione del proble-ma dell’educazione. Direi che essere educatori significa avere unagioia nel cuore e comunicarla a tutti per rendere bella e buona la vita;significa offrire ragioni e traguardi per il cammino della vita, offrire labellezza della persona di Gesù e far innamorare di Lui, del suo stile divita, della sua libertà, del suo grande amore pieno di fiducia in DioPadre. Significa soprattutto tenere sempre alta la meta di ogni esisten-za verso quel “di più” che ci viene da Dio. Questo esige una cono-scenza personale di Gesù, un contatto personale, quotidiano, amore-vole con Lui nella preghiera, nella meditazione sulla Parola di Dio,nella fedeltà ai Sacramenti, all’Eucaristia, alla Confessione; esige di co-municare la gioia di essere nella Chiesa, di avere amici con cui condi- 23
  23. 23. LA PAROLA DI BENEDETTO XVIDISCORSI videre non solo le difficoltà, ma anche le bellezze e le sorprese della vita di fede. Voi sapete bene che non siete padroni dei ragazzi, ma servitori del- la loro gioia a nome di Gesù, guide verso di Lui. Avete ricevuto il mandato dalla Chiesa per questo compito. Quando aderite all’Azione Cattolica dite a voi stessi e a tutti che amate la Chiesa, che siete dispo- sti ad essere corresponsabili con i Pastori della sua vita e della sua missione, in un’associazione che si spende per il bene delle persone, per i loro e vostri cammini di santità, per la vita delle comunità cristia- ne nella quotidianità della loro missione. Voi siete dei buoni educatori se sapete coinvolgere tutti per il bene dei più giovani. Non potete es- sere autosufficienti, ma dovete far sentire l’urgenza dell’educazione delle giovani generazioni a tutti i livelli. Senza la presenza della fami- glia, ad esempio, rischiate di costruire sulla sabbia; senza una collabo- razione con la scuola non si forma un’intelligenza profonda della fe- de; senza un coinvolgimento dei vari operatori del tempo libero e del- la comunicazione la vostra opera paziente rischia di non essere effica- ce, di non incidere sulla vita quotidiana. Io sono sicuro che l’Azione Cattolica è ben radicata nel territorio e ha il coraggio di essere sale e luce. La vostra presenza qui, stamattina, dice non solo a me, ma a tutti che è possibile educare, che è faticoso ma bello dare entusiasmo ai ragazzi e ai giovanissimi. Abbiate il coraggio, vorrei dire l’audacia di non lasciare nessun ambiente privo di Gesù, della sua tenerezza che fate sperimentare a tutti, anche ai più bisognosi e abbandonati, con la vostra missione di educatori. Cari amici, alla fine vi ringrazio per aver partecipato a questo in- contro. Mi piacerebbe fermarmi ancora con voi, perché quando sono in mezzo a tanta gioia ed entusiasmo, anche io sono pieno di gioia, mi sento ringiovanito! Ma purtroppo il tempo passa veloce, mi aspet- tano altri. Ma col cuore sono con voi e rimango con voi! E vi invito, cari amici, a continuare nel vostro cammino, ad essere fedeli all’iden- tità e alla finalità dell’Azione Cattolica. La forza dell’amore di Dio può compiere in voi grandi cose. Vi assicuro che mi ricordo di tutti nella mia preghiera e vi affido alla materna intercessione della Vergine Ma- ria, Madre della Chiesa, perché come lei possiate testimoniare che “c’è 24
  24. 24. LA PAROLA DI BENEDETTO XVI DISCORSIdi più”, la gioia della vita piena della presenza del Signore. Grazie atutti voi di cuore! 25
  25. 25. LA PAROLA DI BENEDETTO XVIMESSAGGI Pasqua 2010 “CANTEMUS DOMINO: GLORIOSE ENIM MAGNIFICATUS EST”. “CANTIAMO AL SIGNORE: È VERAMENTE GLORIOSO!” (Liturgia delle Ore, Pasqua, Ufficio di Lettura, Ant. 1) Cari fratelli e sorelle! Vi reco l’annuncio della Pasqua con queste parole della Liturgia, che riecheggiano l’antichissimo inno di lode degli ebrei dopo il pas- saggio del Mar Rosso. Narra il Libro dell’Esodo (cfr 15,19-21) che quando ebbero attraversato il mare all’asciutto e videro gli egiziani sommersi dalle acque, Miriam – la sorella di Mosè e di Aronne – e le altre donne intonarono danzando questo canto di esultanza: “Cantate al Signore, / perché ha mirabilmente trionfato: / cavallo e cavaliere / ha gettato nel mare!”. I cristiani, in tutto il mondo, ripetono questo cantico nella Veglia pasquale, ed una speciale preghiera ne spiega il significato; una preghiera che ora, nella piena luce della Risurrezione, con gioia facciamo nostra: “O Dio, anche ai nostri tempi vediamo ri- splendere i tuoi antichi prodigi: ciò che facesti con la tua mano poten- te per liberare un solo popolo dall’oppressione del faraone, ora lo compi attraverso l’acqua del Battesimo per la salvezza di tutti i popoli; concedi che l’umanità intera sia accolta tra i figli di Abramo e parteci- pi alla dignità del popolo eletto”. Il Vangelo ci ha rivelato il compimento delle antiche figure: con la sua morte e risurrezione, Gesù Cristo ha liberato l’uomo dalla schia- vitù radicale, quella del peccato, e gli ha aperto la strada verso la vera Terra promessa, il Regno di Dio, Regno universale di giustizia, di amo- re e di pace. Questo “esodo” avviene prima di tutto dentro l’uomo stesso, e consiste in una nuova nascita nello Spirito Santo, effetto del Battesimo che Cristo ci ha donato proprio nel mistero pasquale. L’uo- mo vecchio lascia il posto all’uomo nuovo; la vita di prima è alle spal- le, si può camminare in una vita nuova (cfr Rm 6,4). Ma l’“esodo” spi- rituale è principio di una liberazione integrale, capace di rinnovare ogni dimensione umana, personale e sociale. 26
  26. 26. LA PAROLA DI BENEDETTO XVI MESSAGGI Sì, fratelli, la Pasqua è la vera salvezza dell’umanità! Se Cristo – l’A-gnello di Dio – non avesse versato il suo Sangue per noi, non avrem-mo alcuna speranza, il destino nostro e del mondo intero sarebbe ine-vitabilmente la morte. Ma la Pasqua ha invertito la tendenza: la Risur-rezione di Cristo è una nuova creazione, come un innesto che può ri-generare tutta la pianta. E’ un avvenimento che ha modificato l’orien-tamento profondo della storia, sbilanciandola una volta per tutte dallaparte del bene, della vita, del perdono. Siamo liberi, siamo salvi! Eccoperché dall’intimo del cuore esultiamo: “Cantiamo al Signore: è vera-mente glorioso!”. Il popolo cristiano, uscito dalle acque del Battesimo, è inviato intutto il mondo a testimoniare questa salvezza, a portare a tutti il fruttodella Pasqua, che consiste in una vita nuova, liberata dal peccato e re-stituita alla sua bellezza originaria, alla sua bontà e verità. Continua-mente, nel corso di duemila anni, i cristiani – specialmente i santi –hanno fecondato la storia con l’esperienza viva della Pasqua. La Chie-sa è il popolo dell’esodo, perché costantemente vive il mistero pa-squale e diffonde la sua forza rinnovatrice in ogni tempo e in ogniluogo. Anche ai nostri giorni l’umanità ha bisogno di un “esodo”, nondi aggiustamenti superficiali, ma di una conversione spirituale e mora-le. Ha bisogno della salvezza del Vangelo, per uscire da una crisi cheè profonda e come tale richiede cambiamenti profondi, a partire dallecoscienze. Al Signore Gesù chiedo che in Medio Oriente, ed in particolare nel-la Terra santificata dalla sua morte e risurrezione, i Popoli compianoun “esodo” vero e definitivo dalla guerra e dalla violenza alla pace edalla concordia. Alle comunità cristiane, che, specialmente in Iraq, co-noscono prove e sofferenze, il Risorto ripeta la parola carica di conso-lazione e di incoraggiamento che rivolse agli Apostoli nel Cenacolo:“Pace a voi!” (Gv 20,21). Per quei Paesi Latino-americani e dei Caraibi che sperimentano unapericolosa recrudescenza dei crimini legati al narcotraffico, la Pasquadi Cristo segni la vittoria della convivenza pacifica e del rispetto per ilbene comune. La diletta popolazione di Haiti, devastata dall’immane 27
  27. 27. LA PAROLA DI BENEDETTO XVIMESSAGGI tragedia del terremoto, compia il suo “esodo” dal lutto e dalla dispera- zione ad una nuova speranza, sostenuta dalla solidarietà internaziona- le. Gli amati cittadini cileni, prostrati da un’altra grave catastrofe, ma sorretti dalla fede, affrontino con tenacia l’opera di ricostruzione. Nella forza di Gesù risorto, in Africa si ponga fine ai conflitti che continuano a provocare distruzione e sofferenze e si raggiunga quella pace e quella riconciliazione che sono garanzie di sviluppo. In parti- colare, affido al Signore il futuro della Repubblica Democratica del Congo, della Guinea e della Nigeria. Il Risorto sostenga i cristiani che, per la loro fede, soffrono la per- secuzione e persino la morte, come in Pakistan. Ai Paesi afflitti dal ter- rorismo e dalle discriminazioni sociali o religiose, Egli conceda la for- za di intraprendere percorsi di dialogo e di convivenza serena. Ai re- sponsabili di tutte le Nazioni, la Pasqua di Cristo rechi luce e forza, perché l’attività economica e finanziaria sia finalmente impostata se- condo criteri di verità, di giustizia e di aiuto fraterno. La potenza salvi- fica della risurrezione di Cristo investa tutta l’umanità, affinché essa superi le molteplici e tragiche espressioni di una “cultura di morte” che tende a diffondersi, per edificare un futuro di amore e di verità, in cui ogni vita umana sia rispettata ed accolta. Cari fratelli e sorelle! La Pasqua non opera alcuna magia. Come al di là del Mar Rosso gli ebrei trovarono il deserto, così la Chiesa, dopo la Risurrezione, trova sempre la storia con le sue gioie e le sue spe- ranze, i suoi dolori e le sue angosce. E tuttavia, questa storia è cam- biata, è segnata da un’alleanza nuova ed eterna, è realmente aperta al futuro. Per questo, salvati nella speranza, proseguiamo il nostro pelle- grinaggio, portando nel cuore il canto antico e sempre nuovo: “Can- tiamo al Signore: è veramente glorioso!”. 28
  28. 28. LA PAROLA DI BENEDETTO XVI MESSAGGI Per la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato (2010) "I MIGRANTI E I RIFUGIATI MINORENNI" Cari fratelli e sorelle, la celebrazione della Giornata del Migrante e del Rifugiato mi offrenuovamente loccasione di manifestare la costante sollecitudine che laChiesa nutre verso coloro che vivono, in vari modi, lesperienza delle-migrazione. Si tratta di un fenomeno che, come ho scritto nellEncicli-ca Caritas in veritate, impressiona per il numero di persone coinvolte,per le problematiche sociali, economiche, politiche, culturali e religio-se che solleva, per le sfide drammatiche che pone alle comunità na-zionali e a quella internazionale. Il migrante è una persona umanacon diritti fondamentali inalienabili da rispettare sempre e da tutti (cfrn. 62). Il tema di questanno - "I migranti e i rifugiati minorenni" toc-ca un aspetto che i cristiani valutano con grande attenzione, memoridel monito di Cristo, il quale nel giudizio finale considererà riferito aLui stesso tutto ciò che è stato fatto o negato "a uno solo di questi piùpiccoli" (cfr Mt 25, 40.45). E come non considerare tra "i più piccoli"anche i minori migranti e rifugiati? Gesù stesso da bambino ha vissutolesperienza del migrante perché, come narra il Vangelo, per sfuggirealle minacce di Erode dovette rifugiarsi in Egitto insieme a Giuseppe eMaria (cfr Mt 2,14). Se la Convenzione dei Diritti del Bambino afferma con chiarezzache va sempre salvaguardato linteresse del minore (cfr art. 3), al qua-le vanno riconosciuti i diritti fondamentali della persona al pari della-dulto, purtroppo nella realtà questo non sempre avviene. Infatti, men-tre cresce nellopinione pubblica la consapevolezza della necessità diunazione puntuale e incisiva a protezione dei minori, di fatto tanti so-no lasciati in abbandono e, in vari modi, si ritrovano a rischio di sfrut-tamento. Della drammatica condizione in cui essi versano, si è fattointerprete il mio venerato Predecessore Giovanni Paolo II nel messag-gio inviato il 22 settembre del 1990 al Segretario Generale delle Nazio- 29
  29. 29. LA PAROLA DI BENEDETTO XVIMESSAGGI ni Unite, in occasione del Vertice Mondiale per i Bambini. "Sono testi- mone - egli scrisse - della straziante condizione di milioni di bambini di ogni continente. Essi sono più vulnerabili perché meno capaci di far sentire la loro voce" (Insegnamenti XIII, 2, 1990, p. 672). Auspico di cuore che si riservi la giusta attenzione ai migranti minorenni, biso- gnosi di un ambiente sociale che consenta e favorisca il loro sviluppo fisico, culturale, spirituale e morale. Vivere in un paese straniero sen- za effettivi punti di riferimento crea ad essi, specialmente a quelli privi dellappoggio della famiglia, innumerevoli e talora gravi disagi e diffi- coltà. Un aspetto tipico della migrazione minorile è costituito dalla situa- zione dei ragazzi nati nei paesi ospitanti oppure da quella dei figli che non vivono con i genitori emigrati dopo la loro nascita, ma li raggiun- gono successivamente. Questi adolescenti fanno parte di due culture con i vantaggi e le problematiche connesse alla loro duplice apparte- nenza, condizione questa che tuttavia può offrire lopportunità di spe- rimentare la ricchezza dellincontro tra differenti tradizioni culturali. È importante che ad essi sia data la possibilità della frequenza scolastica e del successivo inserimento nel mondo del lavoro e che ne vada faci- litata lintegrazione sociale grazie a opportune strutture formative e so- ciali. Non si dimentichi mai che ladolescenza rappresenta una tappa fondamentale per la formazione dellessere umano. Una particolare categoria di minori è quella dei rifugiati che chie- dono asilo, fuggendo per varie ragioni dal proprio paese, dove non ri- cevono adeguata protezione. Le statistiche rivelano che il loro numero è in aumento. Si tratta dunque di un fenomeno da valutare con atten- zione e da affrontare con azioni coordinate, con misure di prevenzio- ne, di protezione e di accoglienza adatte, secondo quanto prevede anche la stessa Convenzione dei Diritti del Bambino (cfr art. 22). Mi rivolgo ora particolarmente alle parrocchie e alle molte associa- zioni cattoliche che, animate da spirito di fede e di carità, compiono grandi sforzi per venire incontro alle necessità di questi nostri fratelli e sorelle. Mentre esprimo gratitudine per quanto si sta facendo con grande generosità, vorrei invitare tutti i cristiani a prendere consape- 30
  30. 30. LA PAROLA DI BENEDETTO XVI MESSAGGIvolezza della sfida sociale e pastorale che pone la condizione dei mi-nori migranti e rifugiati. Risuonano nel nostro cuore le parole di Gesù:"Ero forestiero e mi avete ospitato" (Mt 25,35), come pure il comanda-mento centrale che Egli ci ha lasciato: amare Dio con tutto il cuore,con tutta lanima e con tutta la mente, ma unito allamore al prossimo(cfr Mt 22,37-39). Questo ci porta a considerare che ogni nostro con-creto intervento deve nutrirsi prima di tutto di fede nellazione dellagrazia e della Provvidenza divina. In tal modo anche laccoglienza e lasolidarietà verso lo straniero, specialmente se si tratta di bambini, di-viene annuncio del Vangelo della solidarietà. La Chiesa lo proclamaquando apre le sue braccia e opera perché siano rispettati i diritti deimigranti e dei rifugiati, stimolando i responsabili delle Nazioni, degliOrganismi e delle istituzioni internazionali perché promuovano oppor-tune iniziative a loro sostegno. Vegli su tutti materna la Beata VergineMaria e ci aiuti a comprendere le difficoltà di quanti sono lontani dallapropria patria. A quanti sono coinvolti nel vasto mondo dei migranti erifugiati assicuro la mia preghiera e imparto di cuore la BenedizioneApostolica. Dal Vaticano, 16 ottobre 2009 31
  31. 31. LA PAROLA DI BENEDETTO XVILETTERE Ai Seminaristi Cari Seminaristi, nel dicembre 1944, quando fui chiamato al servizio militare, il co- mandante di compagnia domandò a ciascuno di noi a quale professio- ne aspirasse per il futuro. Risposi di voler diventare sacerdote cattoli- co. Il sottotenente replicò: Allora Lei deve cercarsi qualcos’altro. Nella nuova Germania non c’è più bisogno di preti. Sapevo che questa “nuova Germania” era già alla fine, e che dopo le enormi devastazioni portate da quella follia sul Paese, ci sarebbe stato bisogno più che mai di sacerdoti. Oggi, la situazione è completamente diversa. In vari mo- di, però, anche oggi molti pensano che il sacerdozio cattolico non sia una “professione” per il futuro, ma che appartenga piuttosto al passa- to. Voi, cari amici, vi siete decisi ad entrare in seminario, e vi siete, quindi, messi in cammino verso il ministero sacerdotale nella Chiesa Cattolica, contro tali obiezioni e opinioni. Avete fatto bene a farlo. Perché gli uomini avranno sempre bisogno di Dio, anche nell’epoca del dominio tecnico del mondo e della globalizzazione: del Dio che ci si è mostrato in Gesù Cristo e che ci raduna nella Chiesa universale, per imparare con Lui e per mezzo di Lui la vera vita e per tenere pre- senti e rendere efficaci i criteri della vera umanità. Dove l’uomo non percepisce più Dio, la vita diventa vuota; tutto è insufficiente. L’uomo cerca poi rifugio nell’ebbrezza o nella violenza, dalla quale proprio la gioventù viene sempre più minacciata. Dio vive. Ha creato ognuno di noi e conosce, quindi, tutti. È così grande che ha tempo per le nostre piccole cose: “I capelli del vostro capo sono tutti contati”. Dio vive, e ha bisogno di uomini che esistono per Lui e che Lo portano agli altri. Sì, ha senso diventare sacerdote: il mondo ha bisogno di sacerdoti, di pastori, oggi, domani e sempre, fino a quando esisterà. Il seminario è una comunità in cammino verso il servizio sacerdota- le. Con ciò, ho già detto qualcosa di molto importante: sacerdoti non si diventa da soli. Occorre la “comunità dei discepoli”, l’insieme di co- loro che vogliono servire la comune Chiesa. Con questa lettera vorrei 32
  32. 32. LA PAROLA DI BENEDETTO XVI LETTEREevidenziare – anche guardando indietro al mio tempo in seminario –qualche elemento importante per questi anni del vostro essere incammino. 1. Chi vuole diventare sacerdote, dev’essere soprattutto un “uomodi Dio”, come lo descrive san Paolo (1 Tm 6,11). Per noi Dio non èun’ipotesi distante, non è uno sconosciuto che si è ritirato dopo il “bigbang”. Dio si è mostrato in Gesù Cristo. Nel volto di Gesù Cristo ve-diamo il volto di Dio. Nelle sue parole sentiamo Dio stesso parlarecon noi. Perciò la cosa più importante nel cammino verso il sacerdo-zio e durante tutta la vita sacerdotale è il rapporto personale con Dioin Gesù Cristo. Il sacerdote non è l’amministratore di una qualsiasi as-sociazione, di cui cerca di mantenere e aumentare il numero deimembri. È il messaggero di Dio tra gli uomini. Vuole condurre a Dioe così far crescere anche la vera comunione degli uomini tra di loro.Per questo, cari amici, è tanto importante che impariate a vivere incontatto costante con Dio. Quando il Signore dice: “Pregate in ognimomento”, naturalmente non ci chiede di dire continuamente paroledi preghiera, ma di non perdere mai il contatto interiore con Dio.Esercitarsi in questo contatto è il senso della nostra preghiera. Perciòè importante che il giorno incominci e si concluda con la preghiera.Che ascoltiamo Dio nella lettura della Scrittura. Che gli diciamo i no-stri desideri e le nostre speranze, le nostre gioie e sofferenze, i nostrierrori e il nostro ringraziamento per ogni cosa bella e buona, e che inquesto modo Lo abbiamo sempre davanti ai nostri occhi come puntodi riferimento della nostra vita. Così diventiamo sensibili ai nostri erro-ri e impariamo a lavorare per migliorarci; ma diventiamo sensibili an-che a tutto il bello e il bene che riceviamo ogni giorno come cosa ov-via, e così cresce la gratitudine. Con la gratitudine cresce la gioia peril fatto che Dio ci è vicino e possiamo servirlo. 2. Dio non è solo una parola per noi. Nei Sacramenti Egli si dona anoi in persona, attraverso cose corporali. Il centro del nostro rapportocon Dio e della configurazione della nostra vita è l’Eucaristia. Cele-brarla con partecipazione interiore e incontrare così Cristo in persona,dev’essere il centro di tutte le nostre giornate. San Cipriano ha inter-pretato la domanda del Vangelo: “Dacci oggi il nostro pane quotidia- 33
  33. 33. LA PAROLA DI BENEDETTO XVILETTERE no”, dicendo, tra l’altro, che “nostro” pane, il pane che possiamo rice- vere da cristiani nella Chiesa, è il Signore eucaristico stesso. Nella do- manda del Padre Nostro preghiamo quindi che Egli ci doni ogni gior- no questo “nostro” pane; che esso sia sempre il cibo della nostra vita. Che il Cristo risorto, che si dona a noi nell’Eucaristia, plasmi davvero tutta la nostra vita con lo splendore del suo amore divino. Per la retta celebrazione eucaristica è necessario anche che impariamo a conosce- re, capire e amare la liturgia della Chiesa nella sua forma concreta. Nella liturgia preghiamo con i fedeli di tutti i secoli – passato, presen- te e futuro si congiungono in un unico grande coro di preghiera. Co- me posso affermare per il mio cammino personale, è una cosa entu- siasmante imparare a capire man mano come tutto ciò sia cresciuto, quanta esperienza di fede ci sia nella struttura della liturgia della Mes- sa, quante generazioni l’abbiano formata pregando. 3. Anche il sacramento della Penitenza è importante. Mi insegna a guardarmi dal punto di vista di Dio, e mi costringe ad essere onesto nei confronti di me stesso. Mi conduce all’umiltà. Il Curato d’Ars ha detto una volta: Voi pensate che non abbia senso ottenere l’assoluzio- ne oggi, pur sapendo che domani farete di nuovo gli stessi peccati. Ma – così dice – Dio stesso dimentica al momento i vostri peccati di domani, per donarvi la sua grazia oggi. Benché abbiamo da combatte- re continuamente con gli stessi errori, è importante opporsi all’abbru- timento dell’anima, all’indifferenza che si rassegna al fatto di essere fatti così. È importante restare in cammino, senza scrupolosità, nella consapevolezza riconoscente che Dio mi perdona sempre di nuovo. Ma anche senza indifferenza, che non farebbe più lottare per la san- tità e per il miglioramento. E, nel lasciarmi perdonare, imparo anche a perdonare gli altri. Riconoscendo la mia miseria, divento anche più tollerante e comprensivo nei confronti delle debolezze del prossimo. 4. Mantenete pure in voi la sensibilità per la pietà popolare, che è diversa in tutte le culture, ma che è pur sempre molto simile, perché il cuore dell’uomo alla fine è lo stesso. Certo, la pietà popolare tende al- l’irrazionalità, talvolta forse anche all’esteriorità. Eppure, escluderla è del tutto sbagliato. Attraverso di essa, la fede è entrata nel cuore degli uomini, è diventata parte dei loro sentimenti, delle loro abitudini, del 34
  34. 34. LA PAROLA DI BENEDETTO XVI LETTEREloro comune sentire e vivere. Perciò la pietà popolare è un grandepatrimonio della Chiesa. La fede si è fatta carne e sangue. Certamentela pietà popolare dev’essere sempre purificata, riferita al centro, mamerita il nostro amore, ed essa rende noi stessi in modo pienamentereale “Popolo di Dio”. 5. Il tempo in seminario è anche e soprattutto tempo di studio. Lafede cristiana ha una dimensione razionale e intellettuale che le è es-senziale. Senza di essa la fede non sarebbe se stessa. Paolo parla diuna “forma di insegnamento”, alla quale siamo stati affidati nel battesi-mo (Rm 6,17). Voi tutti conoscete la parola di San Pietro, consideratadai teologi medioevali la giustificazione per una teologia razionale escientificamente elaborata: “Pronti sempre a rispondere a chiunque vidomandi ‘ragione’ (logos) della speranza che è in voi” (1 Pt 3,15). Im-parare la capacità di dare tali risposte, è uno dei principali compiti de-gli anni di seminario. Posso solo pregarvi insistentemente: Studiatecon impegno! Sfruttate gli anni dello studio! Non ve ne pentirete. Cer-to, spesso le materie di studio sembrano molto lontane dalla praticadella vita cristiana e dal servizio pastorale. Tuttavia è completamentesbagliato porre sempre subito la domanda pragmatica: Mi potrà servi-re questo in futuro? Sarà di utilità pratica, pastorale? Non si tratta ap-punto soltanto di imparare le cose evidentemente utili, ma di conosce-re e comprendere la struttura interna della fede nella sua totalità, cosìche essa diventi risposta alle domande degli uomini, i quali cambiano,dal punto di vista esteriore, di generazione in generazione, e tuttaviarestano in fondo gli stessi. Perciò è importante andare oltre le mutevo-li domande del momento per comprendere le domande vere e pro-prie e capire così anche le risposte come vere risposte. È importanteconoscere a fondo la Sacra Scrittura interamente, nella sua unità diAntico e Nuovo Testamento: la formazione dei testi, la loro peculiaritàletteraria, la graduale composizione di essi fino a formare il canonedei libri sacri, l’interiore unità dinamica che non si trova in superficie,ma che sola dà a tutti i singoli testi il loro significato pieno. È impor-tante conoscere i Padri e i grandi Concili, nei quali la Chiesa ha assi-milato, riflettendo e credendo, le affermazioni essenziali della Scrittu-ra. Potrei continuare in questo modo: ciò che chiamiamo dogmatica èil comprendere i singoli contenuti della fede nella loro unità, anzi, 35
  35. 35. LA PAROLA DI BENEDETTO XVILETTERE nella loro ultima semplicità: ogni singolo particolare è alla fine solo dispiegamento della fede nell’unico Dio, che si è manifestato e si ma- nifesta a noi. Che sia importante conoscere le questioni essenziali del- la teologia morale e della dottrina sociale cattolica, non ho bisogno di dirlo espressamente. Quanto importante sia oggi la teologia ecumeni- ca, il conoscere le varie comunità cristiane, è evidente; parimenti la necessità di un orientamento fondamentale sulle grandi religioni, e non da ultima la filosofia: la comprensione del cercare e domandare umano, al quale la fede vuol dare risposta. Ma imparate anche a com- prendere e - oso dire – ad amare il diritto canonico nella sua necessità intrinseca e nelle forme della sua applicazione pratica: una società senza diritto sarebbe una società priva di diritti. Il diritto è condizione dell’amore. Ora non voglio continuare ad elencare, ma solo dire anco- ra una volta: amate lo studio della teologia e seguitelo con attenta sensibilità per ancorare la teologia alla comunità viva della Chiesa, la quale, con la sua autorità, non è un polo opposto alla scienza teologi- ca, ma il suo presupposto. Senza la Chiesa che crede, la teologia smette di essere se stessa e diventa un insieme di diverse discipline senza unità interiore. 6. Gli anni nel seminario devono essere anche un tempo di matura- zione umana. Per il sacerdote, il quale dovrà accompagnare altri lun- go il cammino della vita e fino alla porta della morte, è importante che egli stesso abbia messo in giusto equilibrio cuore e intelletto, ra- gione e sentimento, corpo e anima, e che sia umanamente “integro”. La tradizione cristiana, pertanto, ha sempre collegato con le “virtù teo- logali” anche le “virtù cardinali”, derivate dall’esperienza umana e dal- la filosofia, e in genere la sana tradizione etica dell’umanità. Paolo lo dice ai Filippesi in modo molto chiaro: “In conclusione, fratelli, quello che è vero, quello che è nobile, quello che è giusto, quello che è pu- ro, quello che è amabile, quello che è onorato, ciò che è virtù e ciò che merita lode, questo sia oggetto dei vostri pensieri” (4,8). Di que- sto contesto fa parte anche l’integrazione della sessualità nell’insieme della personalità. La sessualità è un dono del Creatore, ma anche un compito che riguarda lo sviluppo del proprio essere umano. Quando non è integrata nella persona, la sessualità diventa banale e distruttiva allo stesso tempo. Oggi vediamo questo in molti esempi nella nostra 36
  36. 36. LA PAROLA DI BENEDETTO XVI LETTEREsocietà. Di recente abbiamo dovuto constatare con grande dispiacereche sacerdoti hanno sfigurato il loro ministero con l’abuso sessuale dibambini e giovani. Anziché portare le persone ad un’umanità maturaed esserne l’esempio, hanno provocato, con i loro abusi, distruzioni dicui proviamo profondo dolore e rincrescimento. A causa di tutto ciòpuò sorgere la domanda in molti, forse anche in voi stessi, se sia benefarsi prete; se la via del celibato sia sensata come vita umana. L’abuso,però, che è da riprovare profondamente, non può screditare la missio-ne sacerdotale, la quale rimane grande e pura. Grazie a Dio, tutti co-nosciamo sacerdoti convincenti, plasmati dalla loro fede, i quali testi-moniano che in questo stato, e proprio nella vita celibataria, si puògiungere ad un’umanità autentica, pura e matura. Ciò che è accaduto,però, deve renderci più vigilanti e attenti, proprio per interrogare ac-curatamente noi stessi, davanti a Dio, nel cammino verso il sacerdo-zio, per capire se ciò sia la sua volontà per me. È compito dei padriconfessori e dei vostri superiori accompagnarvi e aiutarvi in questopercorso di discernimento. È un elemento essenziale del vostro cam-mino praticare le virtù umane fondamentali, con lo sguardo rivolto alDio manifestato in Cristo, e lasciarsi, sempre di nuovo, purificare daLui. 7. Oggi gli inizi della vocazione sacerdotale sono più vari e diversiche in anni passati. La decisione per il sacerdozio si forma oggi spes-so nelle esperienze di una professione secolare già appresa. Crescespesso nelle comunità, specialmente nei movimenti, che favorisconoun incontro comunitario con Cristo e la sua Chiesa, un’esperienza spi-rituale e la gioia nel servizio della fede. La decisione matura anche inincontri del tutto personali con la grandezza e la miseria dell’essereumano. Così i candidati al sacerdozio vivono spesso in continenti spi-rituali completamente diversi. Potrà essere difficile riconoscere gli ele-menti comuni del futuro mandato e del suo itinerario spirituale. Pro-prio per questo il seminario è importante come comunità in camminoal di sopra delle varie forme di spiritualità. I movimenti sono una cosamagnifica. Voi sapete quanto li apprezzo e amo come dono dello Spi-rito Santo alla Chiesa. Devono essere valutati, però, secondo il modoin cui tutti sono aperti alla comune realtà cattolica, alla vita dell’unicae comune Chiesa di Cristo che in tutta la sua varietà è comunque solo 37
  37. 37. LA PAROLA DI BENEDETTO XVILETTERE una. Il seminario è il periodo nel quale imparate l’uno con l’altro e l’uno dall’altro. Nella convivenza, forse talvolta difficile, dovete impa- rare la generosità e la tolleranza non solo nel sopportarvi a vicenda, ma nell’arricchirvi l’un l’altro, in modo che ciascuno possa apportare le sue peculiari doti all’insieme, mentre tutti servono la stessa Chiesa, lo stesso Signore. Questa scuola della tolleranza, anzi, dell’accettarsi e del comprendersi nell’unità del Corpo di Cristo, fa parte degli elemen- ti importanti degli anni di seminario. Cari seminaristi! Con queste righe ho voluto mostrarvi quanto pen- so a voi proprio in questi tempi difficili e quanto vi sono vicino nella preghiera. E pregate anche per me, perché io possa svolgere bene il mio servizio, finché il Signore lo vuole. Affido il vostro cammino di preparazione al Sacerdozio alla materna protezione di Maria Santissi- ma, la cui casa fu scuola di bene e di grazia. Tutti vi benedica Dio on- nipotente, Padre e Figlio e Spirito Santo. Dal Vaticano, 18 ottobre 2010, Festa di San Luca, Evangelista. 38
  38. 38. LA PAROLA DI BENEDETTO XVI OMELIE Nella solennità del Natale del Signore Santa messa di mezzanotte Venerdì, 24 dicembre 2010 Cari fratelli e sorelle! “Tu sei mio figlio, io oggi ti ho generato” – con questa parola delSalmo secondo, la Chiesa inizia la liturgia della Notte Santa. Essa sache questa parola originariamente apparteneva al rituale dell’incoro-nazione dei re d’Israele. Il re, che di per sé è un essere umano comegli altri uomini, diventa “figlio di Dio” mediante la chiamata e l’inse-diamento nel suo ufficio: è una specie di adozione da parte di Dio, unatto di decisione, mediante il quale Egli dona a quell’uomo una nuovaesistenza, lo attrae nel suo proprio essere. In modo ancora più chiarola lettura tratta dal profeta Isaia, che abbiamo appena ascoltato, pre-senta lo stesso processo in una situazione di travaglio e di minacciaper Israele: “Un bambino è nato per noi, ci è stato dato un figlio. Sullesue spalle è il potere” (9,5). L’insediamento nell’ufficio del re è comeuna nuova nascita. Proprio come nuovo nato dalla decisione persona-le di Dio, come bambino proveniente da Dio, il re costituisce unasperanza. Sulle sue spalle poggia il futuro. Egli è il detentore dellapromessa di pace. Nella notte di Betlemme, questa parola profetica èdiventata realtà in un modo che al tempo di Isaia sarebbe stato ancorainimmaginabile. Sì, ora è veramente un bambino Colui sulle cui spalleè il potere. In Lui appare la nuova regalità che Dio istituisce nel mon-do. Questo bambino è veramente nato da Dio. È la Parola eterna diDio, che unisce l’una all’altra umanità e divinità. Per questo bambinovalgono i titoli di dignità che il cantico d’incoronazione di Isaia gli at-tribuisce: Consigliere mirabile – Dio potente – Padre per sempre –Principe della pace (9,5). Sì, questo re non ha bisogno di consiglieriappartenenti ai sapienti del mondo. Egli porta in se stesso la sapienzae il consiglio di Dio. Proprio nella debolezza dell’essere bambino Egliè il Dio forte e ci mostra così, di fronte ai poteri millantatori del mon-do, la fortezza propria di Dio. 39
  39. 39. LA PAROLA DI BENEDETTO XVIOMELIE Le parole del rituale dell’incoronazione in Israele, in verità, erano sempre soltanto rituali di speranza, che prevedevano da lontano un futuro che sarebbe stato donato da Dio. Nessuno dei re salutati in questo modo corrispondeva alla sublimità di tali parole. In loro, tutte le parole sulla figliolanza di Dio, sull’insediamento nell’eredità delle genti, sul dominio delle terre lontane (Sal 2,8) restavano solo rimando a un avvenire – quasi cartelli segnaletici della speranza, indicazioni che conducevano verso un futuro che in quel momento era ancora in- concepibile. Così l’adempimento della parola che inizia nella notte di Betlemme è al contempo immensamente più grande e – dal punto di vista del mondo – più umile di ciò che la parola profetica lasciava in- tuire. È più grande, perché questo bambino è veramente Figlio di Dio, veramente “Dio da Dio, Luce da Luce, generato, non creato, della stessa sostanza del Padre”. L’infinita distanza tra Dio e l’uomo è supe- rata. Dio non si è soltanto chinato verso il basso, come dicono i Salmi; Egli è veramente “disceso”, entrato nel mondo, diventato uno di noi per attrarci tutti a sé. Questo bambino è veramente l’Emmanuele – il Dio-con-noi. Il suo regno si estende veramente fino ai confini della terra. Nella vastità universale della santa Eucaristia, Egli ha veramente eretto isole di pace. Ovunque essa viene celebrata si ha un’isola di pace, di quella pace che è propria di Dio. Questo bambino ha acceso negli uomini la luce della bontà e ha dato loro la forza di resistere alla tirannia del potere. In ogni generazione Egli costruisce il suo regno dal di dentro, a partire dal cuore. Ma è anche vero che “il bastone del- l’aguzzino” non è stato spezzato. Anche oggi marciano rimbombanti i calzari dei soldati e sempre ancora e sempre di nuovo c’è il “mantello intriso di sangue” (Is 9,3s). Così fa parte di questa notte la gioia per la vicinanza di Dio. Ringraziamo perché Dio, come bambino, si dà nelle nostre mani, mendica, per così dire, il nostro amore, infonde la sua pace nel nostro cuore. Questa gioia, tuttavia, è anche una preghiera: Signore, realizza totalmente la tua promessa. Spezza i bastoni degli aguzzini. Brucia i calzari rimbombanti. Fa che finisca il tempo dei mantelli intrisi di sangue. Realizza la promessa: “La pace non avrà fi- ne” (Is 9,6). Ti ringraziamo per la tua bontà, ma ti preghiamo anche: mostra la tua potenza. Erigi nel mondo il dominio della tua verità, del tuo amore – il “regno della giustizia, dell’amore e della pace”. 40
  40. 40. LA PAROLA DI BENEDETTO XVI OMELIE “Maria diede alla luce il suo figlio primogenito” (Lc 2,7). Con que-sta frase, san Luca racconta, in modo assolutamente privo di pathos, ilgrande evento che le parole profetiche nella storia di Israele avevanointravisto in anticipo. Luca qualifica il bambino come “primogenito”.Nel linguaggio formatosi nella Sacra Scrittura dell’Antica Alleanza,“primogenito” non significa il primo di una serie di altri figli. La parola“primogenito” è un titolo d’onore, indipendentemente dalla questionese poi seguono altri fratelli e sorelle o no. Così, nel Libro dell’Esodo(Es 4,22), Israele viene chiamato da Dio “il mio figlio primogenito”, econ ciò si esprime la sua elezione, la sua dignità unica, l’amore parti-colare di Dio Padre. La Chiesa nascente sapeva che in Gesù questaparola aveva ricevuto una nuova profondità; che in Lui sono riassuntele promesse fatte ad Israele. Così la Lettera agli Ebrei chiama Gesù “ilprimogenito” semplicemente per qualificarLo, dopo le preparazioninell’Antico Testamento, come il Figlio che Dio manda nel mondo (cfrEb 1,5-7). Il primogenito appartiene in modo particolare a Dio, e perquesto egli – come in molte religioni – doveva essere in modo parti-colare consegnato a Dio ed essere riscattato mediante un sacrificio so-stitutivo, come san Luca racconta nell’episodio della presentazione diGesù al tempio. Il primogenito appartiene a Dio in modo particolare,è, per così dire, destinato al sacrificio. Nel sacrificio di Gesù sulla cro-ce, la destinazione del primogenito si compie in modo unico. In sestesso, Egli offre l’umanità a Dio e unisce uomo e Dio in modo taleche Dio sia tutto in tutti. San Paolo, nelle Lettere ai Colossesi e agliEfesini, ha ampliato ed approfondito l’idea di Gesù come primogeni-to: Gesù, ci dicono tali Lettere, è il Primogenito della creazione – ilvero archetipo dell’uomo secondo cui Dio ha formato la creatura uo-mo. L’uomo può essere immagine di Dio, perché Gesù è Dio e Uomo,la vera immagine di Dio e dell’uomo. Egli è il primogenito dei morti,ci dicono inoltre queste Lettere. Nella Risurrezione, Egli ha sfondato ilmuro della morte per tutti noi. Ha aperto all’uomo la dimensione dellavita eterna nella comunione con Dio. Infine, ci viene detto: Egli è ilprimogenito di molti fratelli. Sì, ora Egli è tuttavia il primo di una seriedi fratelli, il primo, cioè, che inaugura per noi l’essere in comunionecon Dio. Egli crea la vera fratellanza – non la fratellanza, deturpata dalpeccato, di Caino ed Abele, di Romolo e Remo, ma la fratellanza nuo- 41
  41. 41. LA PAROLA DI BENEDETTO XVIOMELIE va in cui siamo la famiglia stessa di Dio. Questa nuova famiglia di Dio inizia nel momento in cui Maria avvolge il “primogenito” in fasce e lo pone nella mangiatoia. Preghiamolo: Signore Gesù, tu che hai voluto nascere come primo di molti fratelli, donaci la vera fratellanza. Aiutaci perché diventiamo simili a te. Aiutaci a riconoscere nell’altro che ha bisogno di me, in coloro che soffrono o che sono abbandonati, in tut- ti gli uomini, il tuo volto, ed a vivere insieme con te come fratelli e sorelle per diventare una famiglia, la tua famiglia. Il Vangelo di Natale ci racconta, alla fine, che una moltitudine di angeli dell’esercito celeste lodava Dio e diceva: “Gloria a Dio nel più alto dei cieli e sulla terra pace agli uomini, che egli ama.” (Lc 2,14). La Chiesa ha amplificato, nel Gloria, questa lode, che gli angeli hanno in- tonato di fronte all’evento della Notte Santa, facendone un inno di gioia sulla gloria di Dio. “Ti rendiamo grazie per la tua gloria immen- sa”. Ti rendiamo grazie per la bellezza, per la grandezza, per la tua bontà, che in questa notte diventano visibili a noi. L’apparire della bellezza, del bello, ci rende lieti senza che dobbiamo interrogarci sulla sua utilità. La gloria di Dio, dalla quale proviene ogni bellezza, fa esplodere in noi lo stupore e la gioia. Chi intravede Dio prova gioia, e in questa notte vediamo qualcosa della sua luce. Ma anche degli uo- mini parla il messaggio degli angeli nella Notte Santa: “Pace agli uo- mini che egli ama”. La traduzione latina di tale parola, che usiamo nella liturgia e che risale a Girolamo, suona diversamente: “Pace agli uomini di buona volontà”. L’espressione “gli uomini di buona volontà” proprio negli ultimi decenni è entrata in modo particolare nel vocabo- lario della Chiesa. Ma quale traduzione è giusta? Dobbiamo leggere ambedue i testi insieme; solo così comprendiamo la parola degli an- geli in modo giusto. Sarebbe sbagliata un’interpretazione che ricono- scesse soltanto l’operare esclusivo di Dio, come se Egli non avesse chiamato l’uomo ad una risposta libera di amore. Sarebbe sbagliata, però, anche un’interpretazione moralizzante, secondo cui l’uomo con la sua buona volontà potrebbe, per così dire, redimere se stesso. Am- bedue le cose vanno insieme: grazia e libertà; l’amore di Dio, che ci previene e senza il quale non potremmo amarLo, e la nostra risposta, che Egli attende e per la quale, nella nascita del suo Figlio, addirittura ci prega. L’intreccio di grazia e libertà, l’intreccio di chiamata e rispo- 42
  42. 42. LA PAROLA DI BENEDETTO XVI OMELIEsta non lo possiamo scindere in parti separate l’una dall’altra. Ambe-due sono inscindibilmente intessute tra loro. Così questa parola è in-sieme promessa e chiamata. Dio ci ha prevenuto con il dono del suoFiglio. Sempre di nuovo Dio ci previene in modo inatteso. Non cessadi cercarci, di sollevarci ogniqualvolta ne abbiamo bisogno. Non ab-bandona la pecora smarrita nel deserto in cui si è persa. Dio non si la-scia confondere dal nostro peccato. Egli ricomincia sempre nuova-mente con noi. Tuttavia aspetta il nostro amare insieme con Lui. Eglici ama affinché noi possiamo diventare persone che amano insiemecon Lui e così possa esservi pace sulla terra. Luca non ha detto che gli angeli hanno cantato. Egli scrive moltosobriamente: l’esercito celeste lodava Dio e diceva: “Gloria a Dio nelpiù alto dei cieli…” (Lc 2,13s). Ma da sempre gli uomini sapevano cheil parlare degli angeli è diverso da quello degli uomini; che proprio inquesta notte del lieto messaggio esso è stato un canto in cui la gloriasublime di Dio ha brillato. Così questo canto degli angeli è stato per-cepito fin dall’inizio come musica proveniente da Dio, anzi, come in-vito ad unirsi nel canto, nella gioia del cuore per l’essere amati daDio. Cantare amantis est, dice santAgostino: cantare è cosa di chiama. Così, lungo i secoli, il canto degli angeli è diventato semprenuovamente un canto di amore e di gioia, un canto di coloro cheamano. In quest’ora noi ci associamo pieni di gratitudine a questocantare di tutti i secoli, che unisce cielo e terra, angeli e uomini. Sì, tirendiamo grazie per la tua gloria immensa. Ti ringraziamo per il tuoamore. Fa che diventiamo sempre di più persone che amano insiemecon te e quindi persone di pace. Amen. 43
  43. 43. LA PAROLA DI BENEDETTO XVIOMELIE Nella Celebrazione dei Primi Vespri della solennità di Maria SS.ma Madre di Dio Te Deum di ringraziamento Venerdì, 31 dicembre 2010 Cari fratelli e sorelle! Al termine di un anno, ci ritroviamo questa sera nella Basilica Vati- cana per celebrare i Primi Vespri della solennità di Maria Santissima Madre di Dio ed elevare un inno di ringraziamento al Signore per le innumerevoli grazie che ci ha donato, ma anche e soprattutto per la Grazia in persona, ossia per il Dono vivente e personale del Padre, che è il Figlio suo prediletto, il Signore nostro Gesù Cristo. Proprio questa gratitudine per i doni ricevuti da Dio nel tempo che ci è dato di vivere ci aiuta a scoprire un grande valore iscritto nel tempo: scan- dito nei suoi ritmi annuali, mensili, settimanali e quotidiani, esso è abitato dall’amore di Dio, dai suoi doni di grazia; è tempo di salvezza. Sì, il Dio eterno è entrato e rimane nel tempo dell’uomo. Vi è entrato e vi rimane con la persona di Gesù, il Figlio di Dio fatto uomo, il Sal- vatore del mondo. È quanto ci ha ricordato l’apostolo Paolo nella bre- ve lettura poc’anzi proclamata: «Quando venne la pienezza del tempo, Dio mandò il suo Figlio…perché ricevessimo l’adozione a figli» (Gal 4,4-5). Dunque, l’Eterno entra nel tempo e lo rinnova in radice, liberando l’uomo dal peccato e rendendolo figlio di Dio. Già “al principio”, os- sia con la creazione del mondo e dell’uomo nel mondo, l’eternità di Dio ha fatto sbocciare il tempo, nel quale scorre la storia umana, di generazione in generazione. Ora, con la venuta di Cristo e con la sua redenzione, siamo ‘alla pienezza’ del tempo. Come rileva san Paolo, con Gesù il tempo si fa pieno, giunge al suo compimento, acquistan- do quel significato di salvezza e di grazia per il quale è stato voluto da Dio prima della creazione del mondo. Il Natale ci richiama a que- sta ‘pienezza’ del tempo, ossia alla salvezza rinnovatrice portata da Gesù a tutti gli uomini. Ce la richiama e, misteriosamente ma realmen- 44
  44. 44. LA PAROLA DI BENEDETTO XVI OMELIEte, ce la dona sempre di nuovo. Il nostro tempo umano è sì carico dimali, di sofferenze, di drammi di ogni genere – da quelli provocatidalla cattiveria degli uomini a quelli derivanti dagli infausti eventi na-turali –, ma racchiude ormai e in maniera definitiva e incancellabile lanovità gioiosa e liberatrice di Cristo salvatore. Proprio nel Bambino diBetlemme possiamo contemplare in modo particolarmente luminosoed eloquente l’incontro dell’eternità con il tempo, come ama espri-mersi la liturgia della Chiesa. Il Natale ci fa ritrovare Dio nella carneumile e debole di un bambino. Non c’è qui forse un invito a ritrovarela presenza di Dio e del suo amore che dona la salvezza anche nellebrevi e faticose ore della nostra vita quotidiana? Non è forse un invitoa scoprire che il nostro tempo umano – anche nei momenti difficili epesanti – è incessantemente arricchito delle grazie del Signore, anzidella Grazia che è il Signore stesso? Alla fine di quest’anno 2010, prima di consegnarne i giorni e le orea Dio e al suo giudizio giusto e misericordioso, sento più vivo nelcuore il bisogno di elevare il nostro “grazie” a Lui e al suo amore pernoi. In questo clima di riconoscenza, desidero rivolgere un particolaresaluto al Cardinale Vicario, ai Vescovi Ausiliari, ai sacerdoti, alle perso-ne consacrate, come pure ai tanti fedeli laici qui convenuti. Saluto ilSignor Sindaco e le Autorità presenti. Un ricordo speciale va a quantisono in difficoltà e trascorrono fra disagi e sofferenze questi giorni difesta. A tutti e a ciascuno assicuro il mio affettuoso pensiero, che ac-compagno con la preghiera. Cari fratelli e sorelle, la nostra Chiesa di Roma è impegnata ad aiu-tare tutti i battezzati a vivere fedelmente la vocazione che hanno rice-vuto e a testimoniare la bellezza della fede. Per poter essere autenticidiscepoli di Cristo, un aiuto essenziale ci viene dalla meditazione quo-tidiana della Parola di Dio che, come ho scritto nella recente Esorta-zione apostolica Verbum Domini, «sta alla base di ogni autentica spiri-tualità cristiana» (n. 86). Per questo desidero incoraggiare tutti a colti-vare un intenso rapporto con essa, in particolare attraverso la lectiodivina, per avere quella luce necessaria a discernere i segni di Dio neltempo presente e a proclamare efficacemente il Vangelo. Anche a Ro-ma, infatti, c’è sempre più bisogno di un rinnovato annuncio del Van- 45
  45. 45. LA PAROLA DI BENEDETTO XVIOMELIE gelo affinché i cuori degli abitanti della nostra città si aprano all’incon- tro con quel Bambino, che è nato per noi, con Cristo, Redentore del- l’uomo. Poiché, come ricorda l’Apostolo Paolo, «la fede viene dell’a- scolto e l’ascolto riguarda la parola di Cristo» (Rm 10,17), un utile aiu- to in questa azione evangelizzatrice può venire – come già sperimen- tato durante la Missione Cittadina in preparazione al Grande Giubileo dell’anno 2000 – dai “Centri di ascolto del Vangelo”, che incoraggio a far rinascere o a rivitalizzare non solo nei condomini, ma anche negli ospedali, nei luoghi di lavoro e in quelli dove si formano le nuove ge- nerazioni e si elabora la cultura. Il Verbo di Dio, infatti, si è fatto car- ne per tutti e la sua verità è accessibile ad ogni uomo e ad ogni cultu- ra. Ho appreso con favore dell’ulteriore impegno del Vicariato nell’or- ganizzazione dei “Dialoghi in Cattedrale”, che avranno luogo nella Ba- silica di San Giovanni in Laterano: tali significativi appuntamenti espri- mono il desiderio della Chiesa di incontrare tutti coloro che sono alla ricerca delle risposte ai grandi quesiti dell’esistenza umana. Il luogo privilegiato dell’ascolto della Parola di Dio è la celebrazio- ne dell’Eucaristia. Il Convegno diocesano del giugno scorso, al quale ho partecipato, ha voluto evidenziare la centralità della Santa Messa domenicale nella vita di ogni comunità cristiana e ha offerto delle in- dicazioni affinché la bellezza dei divini misteri possa maggiormente ri- splendere nell’atto celebrativo e nei frutti spirituali che da essi deriva- no. Incoraggio i parroci e i sacerdoti a dare attuazione a quanto indi- cato nel programma pastorale: la formazione di un gruppo liturgico che animi la celebrazione, e una catechesi che aiuti tutti a conoscere maggiormente il mistero eucaristico, da cui scaturisce la testimonianza della carità. Nutriti da Cristo, anche noi siamo attirati nello stesso atto di offerta totale, che spinse il Signore a donare la propria vita, rivelan- do in tal modo l’immenso amore del Padre. La testimonianza della ca- rità possiede, dunque, un’essenziale dimensione teologale ed è profondamente unita all’annuncio della Parola. In questa celebrazione di ringraziamento a Dio per i doni ricevuti nel corso dell’anno, ricordo in particolare la visita che ho compiuto all’Ostello della Caritas alla Stazione Termini dove, attraverso il servizio e la generosa dedizione di numerosi volontari, tanti uomini e donne possono toccare con ma- no l’amore di Dio. Il momento presente genera ancora preoccupazio- 46
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×