• Like

Loading…

Flash Player 9 (or above) is needed to view presentations.
We have detected that you do not have it on your computer. To install it, go here.

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
349
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
1
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Search marketing
    Elena Merazzi
    Sara Tacconi
    AntoniyaVelinova
  • 2. Il search marketing è il ramo del web marketing che si applica ai motori di ricerca, comprende cioè tutte le attività atte a generare traffico qualificato verso un determinato sito web. Lo scopo è portare al sito, tramite i motori di ricerca, il maggior numero di visitatori realmente interessati ai suoi contenuti.
    Google centrica
    Multicanalità
  • 3. Attention: per essere persuasivo un sito web deve attirare l’attenzione
    Interest: deve generare interesse con i suoi contenuti, le sue immagini e la sua forma
    Desire: deve stimolare un desiderio grazie alle informazioni che veicola
    Action: deve spingere all’azione, evidenziando in modo chiaro in che modo l’utente deve comportarsi
    Satisfaction: deve indurre soddisfazione, facendo capire al destinatario di aver fatto la scelta giusta
  • 4. La search ha un impatto a diversi livelli di AIDAS che porta a una decisione d’acquisto.
    A seconda del business specifico l’impatto sulla action può essere molto diverso (e andrebbe gestito ad hoc)…
    …soprattutto perché il più del 90% dei casi laactionviene compiuta offline.
    online
    offline
  • 5. Sta sempre più prendendo piede un processo offline to online utile proprio nel momento della action, anche immediatamente prima di compiere un acquisto, già all’interno del punto vendita.
    Si tratta di una startup che si occupa di mettere in relazione persone, computer, smartphone e codice a barre.
    Con il codice a barre del prodotto possiamo avere in tempo reale le informazioni inerenti ad esso lasciate dagli altri consumatori ed interagire con esse.
  • 6. La marca e le aziende devono preoccuparsi anche del presidio delle fonti spontanee di discussione all’interno di “organizzatori di informazioni” che non siano necessariamente un motore di ricerca.
  • 7.
  • 8.
  • 9. Finchè c’è qualcuno che cerca e qualcuno che avrà bisogno di essere trovato, la search non morirà.