• Save
Pordenone più facile, verso il nuovo PRGC
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Pordenone più facile, verso il nuovo PRGC

on

  • 4,031 views

Slide presentate dal sindaco Claudio Pedrotti e dall'assessore all'urbanistica Martina Toffolo in occasione della presentazione dell'avvio del percorso di realizzazione del nuovo Piano Regolatore ...

Slide presentate dal sindaco Claudio Pedrotti e dall'assessore all'urbanistica Martina Toffolo in occasione della presentazione dell'avvio del percorso di realizzazione del nuovo Piano Regolatore Generale del Comune di Pordenone, l'11 luglio 2012

Statistics

Views

Total Views
4,031
Views on SlideShare
2,258
Embed Views
1,773

Actions

Likes
5
Downloads
0
Comments
0

5 Embeds 1,773

http://www.comune.pordenone.it 1225
http://www.dagoneye.it 363
http://arcadinaon.it 148
http://comune.pordenone.it 36
http://translate.googleusercontent.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment
  • Versione sintetica

Pordenone più facile, verso il nuovo PRGC Pordenone più facile, verso il nuovo PRGC Presentation Transcript

  • Pordenone più facile Diventeremo una città “smart”
  • Farla più facile non è un gioco Pordenone più facile
  • Farla più facile non è un giocoProgettare una città all’altezza delle s!de dei prossimidecenni è un problema complesso, ma non impossibileNon esiste una soluzione uguale per tutti, esistonomolte strategie e diversi livelli di azioneLa condivisione dell’esperienza e della conoscenzapermette alla comunità di avanzare verso le soluzioniServono visione d’insieme e coraggio: a volte la soluzionearriva mettendo in discussione i primi risultati raggiunti Pordenone più facile
  • Più facile, per noi, signi!ca SMART Pordenone più facile
  • Più facile, per noi, signi!ca SMARTSmart è il termine usato nel mondo per le città dinamiche:diventano più facili perché provano a essere più ingegnose Pordenone più facile
  • Che cos’è la Smart City Vantaggio Collettivo Vantaggio IndividualeF. Profumo Ministro dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca (tratto da R.Pagani 2002) Pordenone più facile
  • Che cos’è la Smart City Vantaggio CollettivoSvantaggio VantaggioIndividuale Individuale Svantaggio CollettivoF. Profumo Ministro dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca (tratto da R.Pagani 2002) Pordenone più facile
  • Che cos’è la Smart City CITTÀ DANNOSA è la città nella quale si riesce a realizzare al tempo stesso lo svantaggio individuale e il danno per la collettività Vantaggio CollettivoSvantaggio VantaggioIndividuale Individuale CITTÀ DANNOSA Svantaggio CollettivoF. Profumo Ministro dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca (tratto da R.Pagani 2002) Pordenone più facile
  • Che cos’è la Smart City CITTÀ PIRATA è la città che consente che si realizzi il vantaggio esclusivamente individuale, con danno per la collettività Vantaggio CollettivoSvantaggio VantaggioIndividuale Individuale CITTÀ PIRATA Svantaggio CollettivoF. Profumo Ministro dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca (tratto da R.Pagani 2002) Pordenone più facile
  • Che cos’è la Smart City CITTÀ PIONIERA è la città nella quale i cittadini accettano uno svantaggio individuale, ai !ni di un vantaggio per la collettività Vantaggio Collettivo CITTÀ PIONIERASvantaggio VantaggioIndividuale Individuale Svantaggio CollettivoF. Profumo Ministro dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca (tratto da R.Pagani 2002) Pordenone più facile
  • Che cos’è la Smart City CITTÀ SMART è la città che realizza il vantaggio individuale e al tempo stesso il vantaggio collettivo Vantaggio Collettivo CITTÀ SMARTSvantaggio VantaggioIndividuale Individuale Svantaggio CollettivoF. Profumo Ministro dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca (tratto da R.Pagani 2002) Pordenone più facile
  • Smart City è una piattaforma eventi culturali Applicazioni preesistenti denaro organizzazioni di categoriatrasporti patrimonio edilizio mobilità comunicazioni verde urbano servizi sociali servizi amministrativi formazione Pordenone più facile
  • Smart City è una piattaforma open data Nuove applicazioni sistemi domotici sensori micropagamenti telemedicina telecontrollo tracciamento ri!uti partecipazione sicurezza urbana edi!ci autosu"cienti privacy allerte pubbliche energie rinnovabili monitoraggio ambientale e- m- open government informazioni turistiche smart grid eventi culturali Applicazioni preesistenti denaro organizzazioni di categoriatrasporti patrimonio edilizio mobilità comunicazioni verde urbano servizi sociali servizi amministrativi formazione Pordenone più facile
  • Smart City è una piattaforma facilita la connessione open data tra gli individuiinterconnessioneneutrale e aperta Nuove applicazioni sistemi domotici sensori micropagamenti telemedicina telecontrollo tracciamento ri!uti partecipazione sicurezza urbana edi!ci autosu"cienti privacy allerte pubbliche energie rinnovabili monitoraggio ambientale e- m- open government informazioni turistiche smart grid eventi culturali Applicazioni preesistenti denaro organizzazioni di categoria trasporti patrimonio edilizio mobilità comunicazioni verde urbano servizi sociali servizi amministrativi formazione abbatte i costi di libera e moltiplica le transazione sorgenti di valore aggiunto Pordenone più facile
  • Smart City: più informazioni, più velocemente Centro anziani Ospedale C. oggi prelievi Incidente viabilità prenotazioni rallentata e referti Parco S. Valentino Temp. 33° CRilevazioni tra"co35 auto/m Cinemazero biglietteria Oberdan online 156 P liberi Verdi 9 P liberi Tra"co Teatro Verdi Candiani ferroviario biglietti Prenotazioni 44 P liberi regolare last minute campo sportivo CCIAA Acquedotto Registro Noncello consumi imprese 2,10 m Municipio Certi!cati online Rivierasca Presenze 111 P liberi CC Meduna Fiera 1.234 11.359 (+) presenze Rilevazioni tra"co Policlinico Rilevazioni 5 auto/m S. Giorgio Allerta caldo tra"co A28 prenotazioni info e aiuto 15 auto/m tra"co Glorialanza regolare
  • Pordenone più facile = Pordenone più facile
  • Pordenone più facile = S.SOSTENIBILE, capace di riconoscere e valorizzare gli stili divita suggeriti da un’epoca più sobria e complessa Pordenone più facile
  • Pordenone più facile = S. M.SOSTENIBILE, capace di riconoscere e valorizzare gli stili divita suggeriti da un’epoca più sobria e complessaMOBILE, in grado di ridurre gli ostacoli alla mobilità eche valorizzi la ricchezza di percorsi a misura d’uomo Pordenone più facile
  • Pordenone più facile = S. M. A.SOSTENIBILE, capace di riconoscere e valorizzare gli stili divita suggeriti da un’epoca più sobria e complessaMOBILE, in grado di ridurre gli ostacoli alla mobilità eche valorizzi la ricchezza di percorsi a misura d’uomoACCOGLIENTE, abituata a distinguere il valore delle diversitàche arricchiscono il suo territorio Pordenone più facile
  • Pordenone più facile = S. M. A.R.SOSTENIBILE, capace di riconoscere e valorizzare gli stili divita suggeriti da un’epoca più sobria e complessaMOBILE, in grado di ridurre gli ostacoli alla mobilità eche valorizzi la ricchezza di percorsi a misura d’uomoACCOGLIENTE, abituata a distinguere il valore delle diversitàche arricchiscono il suo territorioRESILIENTE, creativa nell’individuare i nuovi volani di sviluppoche integreranno le economie in di"coltà Pordenone più facile
  • Pordenone più facile = S. M. A.R. T.SOSTENIBILE, capace di riconoscere e valorizzare gli stili divita suggeriti da un’epoca più sobria e complessaMOBILE, in grado di ridurre gli ostacoli alla mobilità eche valorizzi la ricchezza di percorsi a misura d’uomoACCOGLIENTE, abituata a distinguere il valore delle diversitàche arricchiscono il suo territorioRESILIENTE, creativa nell’individuare i nuovi volani di sviluppoche integreranno le economie in di"coltàTRASPARENTE, abituata a procurarsi e a condividere leinformazioni essenziali per la comunità Pordenone più facile
  • Facciamo il nuovo Piano Regolatore Pordenone più facile
  • Facciamo il nuovo Piano Regolatore Avremmo potuto: chiamare il grande architettodi fama internazionale a"dargli sia studio socio-economicoche redazione del Piano attendere che ci consegnasse unavisione sulla base della sua percezione lasciare che discutesse la sua visionecon i consueti portatori di interesse Pordenone più facile
  • Facciamo il nuovo Piano Regolatore Avremmo potuto: Invece abbiamo: chiamare il grande architetto anticipato lo studio socio-economicodi fama internazionale a"dandolo in modo indipendente a"dargli sia studio socio-economico deciso di avviare un percorso partecipatoche redazione del Piano che coinvolga l’intera città attendere che ci consegnasse una posto le condizioni per dare vita a unvisione sulla base della sua percezione progetto di Smart City lasciare che discutesse la sua visione vincolato alla sintesi di tutti i percorsi lacon i consueti portatori di interesse redazione del Piano Regolatore Pordenone più facile
  • Facciamo il nuovo Piano Regolatore Avremmo potuto: Invece abbiamo: chiamare il grande architetto anticipato lo studio socio-economicodi fama internazionale a"dandolo in modo indipendente a"dargli sia studio socio-economico deciso di avviare un percorso partecipatoche redazione del Piano che coinvolga l’intera città >500k € attendere che ci consegnasse una ∼250k € posto le condizioni per dare vita a unvisione sulla base della sua percezione progetto di Smart City lasciare che discutesse la sua visione vincolato alla sintesi di tutti i percorsi lacon i consueti portatori di interesse redazione del Piano Regolatore Pordenone più facile
  • Facciamo il nuovo Piano Regolatore Avremmo potuto: Invece abbiamo: chiamare il grande architetto anticipato lo studio socio-economicodi fama internazionale a"dandolo in modo indipendente a"dargli sia studio socio-economico deciso di avviare un percorso partecipatoche redazione del Piano che coinvolga l’intera città attendere che ci consegnasse una posto le condizioni per dare vita a unvisione sulla base della sua percezione progetto di Smart City lasciare che discutesse la sua visione vincolato alla sintesi di tutti i percorsi lacon i consueti portatori di interesse redazione del Piano Regolatore >500k € ∼250k €Il metodo l’abbiamo già sperimentato a Borgomeduna Pordenone più facile
  • Borgomeduna 2008-2009Un’esperienza di progettazione partecipata, con la comunità protagonista, che ora vogliamo estendere a tutta la città Pordenone più facile
  • Borgomeduna 2008-2009Un’esperienza di progettazione partecipata, con la comunità protagonista, che ora vogliamo estendere a tutta la città Pordenone più facile
  • Che cosa conterrà il nuovo Piano Regolatore? Pordenone più facile
  • Che cosa conterrà il nuovo Piano Regolatore? Pordenone più facile
  • Che cosa conterrà il nuovo Piano Regolatore? Fare il Piano Regolatore non signi!ca avere oggi l’idea diche cosa vorremmo diventare domani e a"darla a un professionista, ma costruire con la città un’idea condivisa di futuro Pordenone più facile
  • Che cosa conterrà il nuovo Piano Regolatore? Lo decideremo insieme Fare il Piano Regolatore non signi!ca avere oggi l’idea diche cosa vorremmo diventare domani e a"darla a un professionista, ma costruire con la città un’idea condivisa di futuro Pordenone più facile
  • Convenzione internazionale sull’accesso alle informazioni, la partecipazione del pubblico ai processi decisionali Aarhus, 25 giugno 1998 (recepita con Legge 108/2011)art. 6 “Partecipazione del pubblico alle decisione alle attività speci!che”, punto 4 Pordenone più facile
  • Convenzione internazionale sull’accesso alle informazioni, la partecipazione del pubblico ai processi decisionali Aarhus, 25 giugno 1998 (recepita con Legge 108/2011)art. 6 “Partecipazione del pubblico alle decisione alle attività speci!che”, punto 4 Pordenone più facile
  • “Ciascuna parte provvede a"nché la partecipazione del pubblico avvenga in una fase iniziale, quando tutte le alternative sono ancora praticabili “e tale partecipazione può avere un’in$uenza e%ettiva Convenzione internazionale sull’accesso alle informazioni, la partecipazione del pubblico ai processi decisionali Aarhus, 25 giugno 1998 (recepita con Legge 108/2011) art. 6 “Partecipazione del pubblico alle decisione alle attività speci!che”, punto 4 Pordenone più facile
  • Non è un’improvvisazione, è prassi a%ermata Pordenone più facile
  • Non è un’improvvisazione, è prassi a%ermata Bilancio Partecipativo America Latina (es. Porto Alegre), Italia (Modena, Legge 142/90 - Capo III, Istituti di partecipazione Reggio Emilia, Bergamo) Débat Public e Démocratie de proximité Francia Convenzione di Aarhus sullaccesso alle informazioni, Democrazia partecipativa la partecipazione del pubblico ai processi decisionali (1998) Germania Audizioni e inchieste pubbliche Inghilterra Legge 108/2001 - Rati!ca Convenzione di Aarhus Urbanistica partecipata Inghilterra, Svizzera, Italia (es. Bologna) Libro bianco sulla governance (Unione Europea, 2001) Economia partecipata Spagna, Italia (es. Ferrara) Democrazia deliberativa (Giurie civiche, Aalborg Commitments 2004, sottoscritti dal Comune di Osservatori popolari e town meeting) Pordenone nel 2007 Regione Toscana e Regione Emilia Romagna hanno così redatto le rispettive leggi regionali dedicate alla partecipazione (L.R. 69/2007 e L.R. 3/2010) Pordenone più facile
  • 2012, decidiamo insieme che cosa diventeremoUGNO LUGLIO AGOSTO 2013 SETTEMBRE 2013 OTTOBRE 2014 2014 NOVEMBRE DICEMBRE GENNAUGNO LUGLIO AGOSTO 2013 SETTEMBRE 2013 OTTOBRE 2014 2014 NOVEMBRE DICEMBRE GENNA Pordenone più facile
  • 2012, decidiamo insieme che cosa diventeremoUGNO LUGLIO AGOSTO 2013 SETTEMBRE 2013 OTTOBRE 2014 2014 NOVEMBRE DICEMBRE GENNA Studio socio-economico del territorioUGNO LUGLIO AGOSTO 2013 SETTEMBRE 2013 OTTOBRE 2014 2014 NOVEMBRE DICEMBRE GENNA Pordenone più facile
  • 2012, decidiamo insieme che cosa diventeremoUGNO LUGLIO AGOSTO 2013 SETTEMBRE 2013 OTTOBRE 2014 2014 NOVEMBRE DICEMBRE GENNA Studio socio-economico del territorio Attività di progettazione partecipata e comunicazioneUGNO LUGLIO AGOSTO 2013 SETTEMBRE 2013 OTTOBRE 2014 2014 NOVEMBRE DICEMBRE GENNA Pordenone più facile
  • 2012, decidiamo insieme che cosa diventeremoUGNO LUGLIO AGOSTO 2013 SETTEMBRE 2013 OTTOBRE 2014 2014 NOVEMBRE DICEMBRE GENNA Studio socio-economico del territorio Attività di progettazione partecipata e comunicazione Approfondimenti S.M.A.R.T.UGNO LUGLIO AGOSTO 2013 SETTEMBRE 2013 OTTOBRE 2014 2014 NOVEMBRE DICEMBRE GENNA Pordenone più facile
  • 2012, decidiamo insieme che cosa diventeremoUGNO LUGLIO AGOSTO 2013 SETTEMBRE 2013 OTTOBRE 2014 2014 NOVEMBRE DICEMBRE GENNA Studio socio-economico del territorio Attività di progettazione partecipata e comunicazione Sintesi condivisa Approfondimenti S.M.A.R.T.UGNO LUGLIO AGOSTO 2013 SETTEMBRE 2013 OTTOBRE 2014 2014 NOVEMBRE DICEMBRE GENNA Pordenone più facile
  • 2012, decidiamo insieme che cosa diventeremoUGNO LUGLIO AGOSTO 2013 SETTEMBRE 2013 OTTOBRE 2014 2014 NOVEMBRE DICEMBRE GENNA Studio socio-economico del territorio Attività di progettazione partecipata e comunicazione Sintesi condivisa Approfondimenti S.M.A.R.T. Bando di gara per redazione Piano Regolatore Valutazione proposte AssegnazioneUGNO LUGLIO AGOSTO 2013 SETTEMBRE 2013 OTTOBRE 2014 2014 NOVEMBRE DICEMBRE GENNA Pordenone più facile
  • 2013-2016, continuiamo a confrontarciDICEMBRE 2013 2014 2015 2016 SintesicondivisaAssegnazione 2013DICEMBRE 2013 2014 2015 2016 Pordenone più facile
  • 2013-2016, continuiamo a confrontarciDICEMBRE 2013 2014 2015 2016 Sintesi Attività di progettazione partecipata e comunicazione (se richiesto)condivisaAssegnazione 2013DICEMBRE 2013 2014 2015 2016 Pordenone più facile
  • 2013-2016, continuiamo a confrontarciDICEMBRE 2013 2014 2015 2016 Sintesi Attività di progettazione partecipata e comunicazione (se richiesto)condivisa Progetto Smart CityAssegnazione 2013DICEMBRE 2013 2014 2015 2016 Pordenone più facile
  • 2013-2016, continuiamo a confrontarciDICEMBRE 2013 2014 2015 2016 Sintesi Attività di progettazione partecipata e comunicazione (se richiesto)condivisa Progetto Smart CityAssegnazione Redazione Piano Regolatore 2013DICEMBRE 2013 2014 2015 2016 Pordenone più facile
  • 2013-2016, continuiamo a confrontarciDICEMBRE 2013 2014 2015 2016 Sintesi Attività di progettazione partecipata e comunicazione (se richiesto)condivisa Progetto Smart CityAssegnazione Redazione Piano Regolatore 2013 Percorso di adozione e approvazioneDICEMBRE 2013 2014 2015 2016 Pordenone più facile
  • ?
  • Lo studio socio-economico del territorio Pordenone più facile
  • Lo studio socio-economico del territorio FEBBRAIO Abbiamo invitato alcuni professionisti a presentare un’o%erta per la redazione dello 2012 «studio socio-economico territoriale per lo sviluppo della città di Pordenone» GIUGNO 2012 LUGLIO 2012 DICEMBRE 2012 Pordenone più facile
  • Lo studio socio-economico del territorio FEBBRAIO Invito a presentare o%erte 2012 GIUGNO 2012 LUGLIO 2012 DICEMBRE 2012 Pordenone più facile
  • Lo studio socio-economico del territorio FEBBRAIO Invito a presentare o%erte 2012 GIUGNO La commissione esaminatrice ha valutato le proposte ricevute 2012 e ha assegnato l’incarico alla società Tolomeo Studi e Ricerche Srl LUGLIO 2012 DICEMBRE 2012 Pordenone più facile
  • Lo studio socio-economico del territorio FEBBRAIO Invito a presentare o%erte 2012 GIUGNO Assegnato l’incarico a Tolomeo Studi e Ricerche Srl di Treviso 2012 LUGLIO 2012 DICEMBRE 2012 Pordenone più facile
  • Lo studio socio-economico del territorio FEBBRAIO Invito a presentare o%erte 2012 GIUGNO Assegnato l’incarico a Tolomeo Studi e Ricerche Srl di Treviso 2012 LUGLIO La società incaricata ha a disposizione 140 giorni per completare lo studio, che prevede 2012 tre fasi: impostazione, analisi oggettiva/soggettiva e valutazione DICEMBRE 2012 Pordenone più facile
  • Lo studio socio-economico del territorio FEBBRAIO Invito a presentare o%erte 2012 GIUGNO Assegnato l’incarico a Tolomeo Studi e Ricerche Srl di Treviso 2012 LUGLIO La società ha 140 giorni per completare lo studio 2012 DICEMBRE 2012 Pordenone più facile
  • Lo studio socio-economico del territorio FEBBRAIO Invito a presentare o%erte 2012 GIUGNO Assegnato l’incarico a Tolomeo Studi e Ricerche Srl di Treviso 2012 LUGLIO La società ha 140 giorni per completare lo studio 2012 DICEMBRE I risultati del lavoro verranno presentati alla città assieme a quanto emerso 2012 durante i percorsi di progettazione partecipata Pordenone più facile
  • Lo studio socio-economico del territorio FEBBRAIO Invito a presentare o%erte 2012 GIUGNO Assegnato l’incarico a Tolomeo Studi e Ricerche Srl di Treviso 2012 LUGLIO La società ha 140 giorni per completare lo studio 2012 DICEMBRE I risultati vengono presentati alla città 2012 Pordenone più facile
  • Lo studio socio-economico del territorio FEBBRAIO Invito a presentare o%erte 2012 GIUGNO Assegnato l’incarico a Tolomeo Studi e Ricerche Srl di Treviso 2012 LUGLIO La società ha 140 giorni per completare lo studio 2012 DICEMBRE I risultati vengono presentati alla città 2012 Lo studio produrrà due scenari: lo scenario e%ettivo terrà conto dell’analisi demogra!ca e della struttura produttiva del sistema territoriale pordenonese, mentre lo scenario esplorativo si baserà su una proiezione demogra!ca a 10/20 anni studiando gli e%etti di alcune variabili strutturali. Oggetto primario di discussione saranno le quattro s!de del mandato politico dell’amministrazione Pedrotti: lavoro, città accogliente e sicura, futuro sostenibile e Pordenone Smart City Pordenone più facile
  • Lo studio socio-economico del territorio FEBBRAIO Invito a presentare o%erte 2012 GIUGNO Assegnato l’incarico a Tolomeo Studi e Ricerche Srl di Treviso 2012 LUGLIO La società ha 140 giorni per completare lo studio 2012 DICEMBRE I risultati vengono presentati alla città 2012 Lo studio produrrà due scenari: lo scenario e%ettivo terrà conto dell’analisi demogra!ca e della struttura produttiva del sistema territoriale pordenonese, -90 giorni e -11% mentre lo scenario esplorativo si baserà su una proiezione demogra!ca a 10/20 anni studiando gli e%etti di alcune variabili strutturali. Oggetto primario di discussione saranno le quattro s!de del mandato politico dell’amministrazione Pedrotti: lavoro, città accogliente e sicura, futuro sostenibile e Pordenone Smart City Pordenone più facile
  • Lo studio socio-economico del territorio FEBBRAIO Invito a presentare o%erte 2012 GIUGNO Assegnato l’incarico a Tolomeo Studi e Ricerche Srl di Treviso 2012 LUGLIO La società ha 140 giorni per completare lo studio 2012 DICEMBRE I risultati vengono presentati alla città 2012 Lo studio produrrà due scenari: lo scenario e%ettivo terrà conto dell’analisi demogra!ca e della struttura produttiva del sistema territoriale pordenonese, mentre lo scenario esplorativo si baserà su una proiezione demogra!ca a 10/20 anni studiando gli e%etti di alcune variabili strutturali. Oggetto primario di discussione saranno le quattro s!de del mandato politico dell’amministrazione Pedrotti: lavoro, città accogliente e sicura, futuro sostenibile e Pordenone Smart City -90 giorni e -11% Pordenone più facile
  • Le attività di progettazione partecipata Pordenone più facile
  • Le attività di progettazione partecipata Piazzate, I fase: quattro incursioni urbane in strade e piazze (18-19.30) incentrate sul modo LUGLIO in cui i cittadini vedono e vivono Pordenone oggi. Domande guida: Pordenone è una città?, 2012 Quanto Pordenone può essere considerata una città “facile”?, Che cosa rende “facile” una città?. Prodotti !nali: storyboard e pannelli AGOSTO 2012 8 SETT. 2012 SETT-NOV 2012 Pordenone più facile
  • Le attività di progettazione partecipata LUGLIO Piazzate, I fase: quanto Pordenone può essere considerata una città “facile”? 2012 AGOSTO 2012 8 SETT. 2012 SETT-NOV 2012 Pordenone più facile
  • Le attività di progettazione partecipata LUGLIO Piazzate, I fase: quanto Pordenone può essere considerata una città “facile”? 2012 Piazzate, II fase: quattro animazioni in strade e piazze (18-19.30) incentrate su come i AGOSTO cittadini immaginano e desiderano Pordenone domani. Domande guida: Pordenone sarà una 2012 città…?, Quanto Pordenone può diventare una città “più facile”?, Come renderla una città “più facile”?. Prodotti !nali: storyboard e pannelli 8 SETT. 2012 SETT-NOV 2012 Pordenone più facile
  • Le attività di progettazione partecipata LUGLIO Piazzate, I fase: quanto Pordenone può essere considerata una città “facile”? 2012 AGOSTO Piazzate, II fase: quanto Pordenone può diventare una città “più facile”? 2012 8 SETT. 2012 SETT-NOV 2012 Pordenone più facile
  • Le attività di progettazione partecipata LUGLIO Piazzate, I fase: quanto Pordenone può essere considerata una città “facile”? 2012 AGOSTO Piazzate, II fase: quanto Pordenone può diventare una città “più facile”? 2012 Piazzata !nale: momento di interazione in strade e piazze (16-19.30) che porterà alla 8 SETT. realizzazione di un cortometraggio/trailer dal titolo “Pordenone più facile, immagini alla 2012 deriva sulla città di oggi e di domani (volume 1 - il punto di vista dei cittadini)” SETT-NOV 2012 Pordenone più facile
  • Le attività di progettazione partecipata LUGLIO Piazzate, I fase: quanto Pordenone può essere considerata una città “facile”? 2012 AGOSTO Piazzate, II fase: quanto Pordenone può diventare una città “più facile”? 2012 8 SETT. Piazzata !nale: volume 1, il punto di vista dei cittadini 2012 SETT-NOV 2012 Pordenone più facile
  • Le attività di progettazione partecipata LUGLIO Piazzate, I fase: quanto Pordenone può essere considerata una città “facile”? 2012 AGOSTO Piazzate, II fase: quanto Pordenone può diventare una città “più facile”? 2012 8 SETT. Piazzata !nale: volume 1, il punto di vista dei cittadini 2012 Missioni dedicate a luoghi e azioni strategiche per una città sostenibile, mobile, accogliente, SETT-NOV resiliente, trasparente. A conclusione sarà realizzato un cortometraggio/trailer intitolato 2012 “Pordenone più facile, immagini alla deriva sulla città di oggi e di domani (volume 2 - il punto di vista dei portatori di interesse)” Pordenone più facile
  • Le attività di progettazione partecipata LUGLIO Piazzate, I fase: quanto Pordenone può essere considerata una città “facile”? 2012 AGOSTO Piazzate, II fase: quanto Pordenone può diventare una città “più facile”? 2012 8 SETT. Piazzata !nale: volume 1, il punto di vista dei cittadini 2012 SETT-NOV Missioni S.M.A.R.T.: volume 2, il punto di vista dei portatori di interesse 2012 Pordenone più facile
  • Le attività di progettazione partecipata LUGLIO Piazzate, I fase: quanto Pordenone può essere considerata una città “facile”? 2012 AGOSTO Piazzate, II fase: quanto Pordenone può diventare una città “più facile”? 2012 8 SETT. Piazzata !nale: volume 1, il punto di vista dei cittadini 2012 SETT-NOV Missioni S.M.A.R.T.: volume 2, il punto di vista dei portatori di interesse 2012 La partecipazione sarà inoltre garantita in tutte le fasi di Pordenone più facile attraverso Internet. Sarà aperta una sezione ad hoc nel sito del Comune di Pordenone, dove saranno pubblicati tutti i materiali e raccolti gli spunti dei cittadini. Il progetto sarà anche il pretesto per avviare e consolidare presenze u"ciali dell’amministrazione comunale su Facebook, su Twitter e sui principali social network, per aprire ulteriori canali di partecipazione Pordenone più facile
  • Gli approfondimenti S.M.A.R.T. Pordenone più facile
  • Gli approfondimenti S.M.A.R.T. 15 SETT. Simposio Pordenone Smart City. Introduzione al tema smart city con l’intervento di visione dei 2012 maggiori esperti nazionali e analisi dei più interessanti casi di studio italiani 29 SETT. 2012 13 OTT. 2012 27 OTT. 2012 10 NOV. 2012 24 NOV. 2012 Pordenone più facile
  • Gli approfondimenti S.M.A.R.T. 15 SETT. Simposio Pordenone Smart City 2012 29 SETT. 2012 13 OTT. 2012 27 OTT. 2012 10 NOV. 2012 24 NOV. 2012 Pordenone più facile
  • Gli approfondimenti S.M.A.R.T. 15 SETT. Simposio Pordenone Smart City 2012 29 SETT. I Laboratorio S.M.A.R.T.: Sostenibile. Temi: riuso, riciclo, riquali!cazione urbana, salvaguardia 2012 dell’ambiente, valorizzazione del costruito, uso delle risorse (energia e acqua), equilibro sociale 13 OTT. 2012 27 OTT. 2012 10 NOV. 2012 24 NOV. 2012 Pordenone più facile
  • Gli approfondimenti S.M.A.R.T. 15 SETT. Simposio Pordenone Smart City 2012 29 SETT. I Laboratorio S.M.A.R.T.: Sostenibile 2012 13 OTT. 2012 27 OTT. 2012 10 NOV. 2012 24 NOV. 2012 Pordenone più facile
  • Gli approfondimenti S.M.A.R.T. 15 SETT. Simposio Pordenone Smart City 2012 29 SETT. I Laboratorio S.M.A.R.T.: Sostenibile 2012 13 OTT. II Laboratorio S.M.A.R.T.: Mobile. Temi: mobilità delle idee, delle persone e dei beni, collocazione 2012 strategica della città rispetto ai grandi assi viabilistici, inquinamento 27 OTT. 2012 10 NOV. 2012 24 NOV. 2012 Pordenone più facile
  • Gli approfondimenti S.M.A.R.T. 15 SETT. Simposio Pordenone Smart City 2012 29 SETT. I Laboratorio S.M.A.R.T.: Sostenibile 2012 13 OTT. II Laboratorio S.M.A.R.T.: Mobile 2012 27 OTT. 2012 10 NOV. 2012 24 NOV. 2012 Pordenone più facile
  • Gli approfondimenti S.M.A.R.T. 15 SETT. Simposio Pordenone Smart City 2012 29 SETT. I Laboratorio S.M.A.R.T.: Sostenibile 2012 13 OTT. II Laboratorio S.M.A.R.T.: Mobile 2012 27 OTT. III Laboratorio S.M.A.R.T.: Accogliente. Temi: censimento delle diversità sul territorio, 2012 valorizzazione delle esigenze dei fruitori deboli (anziani, bambini), tempi della città 10 NOV. 2012 24 NOV. 2012 Pordenone più facile
  • Gli approfondimenti S.M.A.R.T. 15 SETT. Simposio Pordenone Smart City 2012 29 SETT. I Laboratorio S.M.A.R.T.: Sostenibile 2012 13 OTT. II Laboratorio S.M.A.R.T.: Mobile 2012 27 OTT. 2012 III Laboratorio S.M.A.R.T.: Accogliente 10 NOV. 2012 24 NOV. 2012 Pordenone più facile
  • Gli approfondimenti S.M.A.R.T. 15 SETT. Simposio Pordenone Smart City 2012 29 SETT. I Laboratorio S.M.A.R.T.: Sostenibile 2012 13 OTT. II Laboratorio S.M.A.R.T.: Mobile 2012 27 OTT. 2012 III Laboratorio S.M.A.R.T.: Accogliente 10 NOV. IV Laboratorio S.M.A.R.T.: Resiliente. Temi: capacità di adattamento ai nuovi equilibri economici, 2012 nuovi volani di occupazione e sviluppo, imprenditoria creativa e giovanile 24 NOV. 2012 Pordenone più facile
  • Gli approfondimenti S.M.A.R.T. 15 SETT. Simposio Pordenone Smart City 2012 29 SETT. I Laboratorio S.M.A.R.T.: Sostenibile 2012 13 OTT. II Laboratorio S.M.A.R.T.: Mobile 2012 27 OTT. 2012 III Laboratorio S.M.A.R.T.: Accogliente 10 NOV. 2012 IV Laboratorio S.M.A.R.T.: Resiliente 24 NOV. 2012 Pordenone più facile
  • Gli approfondimenti S.M.A.R.T. 15 SETT. Simposio Pordenone Smart City 2012 29 SETT. I Laboratorio S.M.A.R.T.: Sostenibile 2012 13 OTT. II Laboratorio S.M.A.R.T.: Mobile 2012 27 OTT. 2012 III Laboratorio S.M.A.R.T.: Accogliente 10 NOV. 2012 IV Laboratorio S.M.A.R.T.: Resiliente 24 NOV. V Laboratorio S.M.A.R.T.: Trasparente. Temi: open government, open data, rinnovamento dei 2012 processi di amministrazione, rete delle competenze, nuovi nodi di sintesi Pordenone più facile
  • Gli approfondimenti S.M.A.R.T. 15 SETT. Simposio Pordenone Smart City 2012 29 SETT. I Laboratorio S.M.A.R.T.: Sostenibile 2012 13 OTT. II Laboratorio S.M.A.R.T.: Mobile 2012 27 OTT. 2012 III Laboratorio S.M.A.R.T.: Accogliente 10 NOV. 2012 IV Laboratorio S.M.A.R.T.: Resiliente 24 NOV. V Laboratorio S.M.A.R.T.: Trasparente 2012 Pordenone più facile
  • Gli approfondimenti S.M.A.R.T. 15 SETT. Simposio Pordenone Smart City 2012 29 SETT. I Laboratorio S.M.A.R.T.: Sostenibile 2012 13 OTT. II Laboratorio S.M.A.R.T.: Mobile 2012 27 OTT. 2012 III Laboratorio S.M.A.R.T.: Accogliente 10 NOV. 2012 IV Laboratorio S.M.A.R.T.: Resiliente 24 NOV. V Laboratorio S.M.A.R.T.: Trasparente 2012 Prodotti !nali: biblioteca video degli interventi, mappa delle idee e delle innovazioni possibili sul territorio, nuclei di sperimentazione, cortometraggio/trailer Pordenone più facile
  • La sintesi condivisa Pordenone più facile
  • La sintesi condivisa DICEMBRE il materiale prodotto nel percorso di 2012 progettazione partecipata Pordenone più facile
  • La sintesi condivisa DICEMBRE il materiale prodotto nel percorso di 2012 progettazione partecipata le risultanze dello studio socio-economico del territorio Pordenone più facile
  • La sintesi condivisa DICEMBRE il materiale prodotto nel percorso di 2012 progettazione partecipata le risultanze dello studio socio-economico del territorio i risultati dei simposi sulla smart city Pordenone più facile
  • La sintesi condivisa DICEMBRE il materiale prodotto nel percorso di 2012 progettazione partecipata dote per i professionisti incaricati del PRGC le risultanze dello studio e base per la scelta dei progetti la Smart City socio-economico del territorio i risultati dei simposi sulla smart city Pordenone più facile
  • La sintesi condivisa DICEMBRE il materiale prodotto nel percorso di 2012 progettazione partecipata dote per i professionisti incaricati del PRGC le risultanze dello studio e base per la scelta dei progetti la Smart City socio-economico del territorio i risultati dei simposi sulla smart city analisi della variante ai servizi + Valutazione Ambientale Strategica della variante ai servizi serviranno Pordenone più facile
  • La sintesi condivisa DICEMBRE il materiale prodotto nel percorso di 2012 progettazione partecipata dote per i professionisti incaricati del PRGC le risultanze dello studio e base per la scelta dei progetti la Smart City socio-economico del territorio i risultati dei simposi sulla smart city analisi della variante ai servizi + Valutazione Ambientale Strategica della variante ai servizi serviranno ai cittadini per costruirsi un’opinione consapevole Pordenone più facile
  • La sintesi condivisa DICEMBRE il materiale prodotto nel percorso di 2012 progettazione partecipata dote per i professionisti incaricati del PRGC le risultanze dello studio e base per la scelta dei progetti la Smart City socio-economico del territorio i risultati dei simposi sulla smart city analisi della variante ai servizi + Valutazione Ambientale Strategica della variante ai servizi serviranno ai cittadini per costruirsi ai professionisti ad accelerare i tempi un’opinione consapevole preparatori alla fase progettuale Pordenone più facile
  • Il progetto Smart City Pordenone più facile
  • Il progetto Smart City Vogliamo diventare città capo!la a livello almeno regionale per l’innovazione tecnologica al servizio della qualità della vita. Pertanto, parallelamente alla redazione del nuovo Piano INIZIO Regolatore e coerentemente con i suoi indirizzi, riuniremo in un grande progetto di smart city 2013 tutti i soggetti pubblici e privati del territorio interessati a sviluppare soluzioni e"cienti e organiche per migliorare i servizi della città. Per assicurarne il !nanziamento, concorreremo all’assegnazione di fondi regionali, nazionali e comunitari. Pordenone più facile
  • Il progetto Smart City Vogliamo diventare città capo!la a livello almeno regionale per l’innovazione tecnologica al servizio della qualità della vita. Pertanto, parallelamente alla redazione del nuovo Piano INIZIO Regolatore e coerentemente con i suoi indirizzi, riuniremo in un grande progetto di smart city 2013 tutti i soggetti pubblici e privati del territorio interessati a sviluppare soluzioni e"cienti e organiche per migliorare i servizi della città. Per assicurarne il !nanziamento, concorreremo all’assegnazione di fondi regionali, nazionali e comunitari. I !loni strategici che ci interessa approfondire in modo particolare sono: Pordenone più facile
  • Il progetto Smart City Vogliamo diventare città capo!la a livello almeno regionale per l’innovazione tecnologica al servizio della qualità della vita. Pertanto, parallelamente alla redazione del nuovo Piano INIZIO Regolatore e coerentemente con i suoi indirizzi, riuniremo in un grande progetto di smart city 2013 tutti i soggetti pubblici e privati del territorio interessati a sviluppare soluzioni e"cienti e organiche per migliorare i servizi della città. Per assicurarne il !nanziamento, concorreremo all’assegnazione di fondi regionali, nazionali e comunitari. I !loni strategici che ci interessa approfondire in modo particolare sono:  infrastrutture di banda larga per sempli!care la comunicazione e lo scambio di informazioni Pordenone più facile
  • Il progetto Smart City Vogliamo diventare città capo!la a livello almeno regionale per l’innovazione tecnologica al servizio della qualità della vita. Pertanto, parallelamente alla redazione del nuovo Piano INIZIO Regolatore e coerentemente con i suoi indirizzi, riuniremo in un grande progetto di smart city 2013 tutti i soggetti pubblici e privati del territorio interessati a sviluppare soluzioni e"cienti e organiche per migliorare i servizi della città. Per assicurarne il !nanziamento, concorreremo all’assegnazione di fondi regionali, nazionali e comunitari. I !loni strategici che ci interessa approfondire in modo particolare sono:  infrastrutture di banda larga per sempli!care la comunicazione e lo scambio di informazioni  reti di sensori e monitoraggio attivo della città per elevare la sicurezza e la prevenzione Pordenone più facile
  • Il progetto Smart City Vogliamo diventare città capo!la a livello almeno regionale per l’innovazione tecnologica al servizio della qualità della vita. Pertanto, parallelamente alla redazione del nuovo Piano INIZIO Regolatore e coerentemente con i suoi indirizzi, riuniremo in un grande progetto di smart city 2013 tutti i soggetti pubblici e privati del territorio interessati a sviluppare soluzioni e"cienti e organiche per migliorare i servizi della città. Per assicurarne il !nanziamento, concorreremo all’assegnazione di fondi regionali, nazionali e comunitari. I !loni strategici che ci interessa approfondire in modo particolare sono:  infrastrutture di banda larga per sempli!care la comunicazione e lo scambio di informazioni  reti di sensori e monitoraggio attivo della città per elevare la sicurezza e la prevenzione  open government e open data per rendere più trasparente ed e"cace l’azione amministrativa Pordenone più facile
  • Il progetto Smart City Vogliamo diventare città capo!la a livello almeno regionale per l’innovazione tecnologica al servizio della qualità della vita. Pertanto, parallelamente alla redazione del nuovo Piano INIZIO Regolatore e coerentemente con i suoi indirizzi, riuniremo in un grande progetto di smart city 2013 tutti i soggetti pubblici e privati del territorio interessati a sviluppare soluzioni e"cienti e organiche per migliorare i servizi della città. Per assicurarne il !nanziamento, concorreremo all’assegnazione di fondi regionali, nazionali e comunitari. I !loni strategici che ci interessa approfondire in modo particolare sono:  infrastrutture di banda larga per sempli!care la comunicazione e lo scambio di informazioni  reti di sensori e monitoraggio attivo della città per elevare la sicurezza e la prevenzione  open government e open data per rendere più trasparente ed e"cace l’azione amministrativa  commercio elettronico per moltiplicare le opportunità economiche dei produttori locali Pordenone più facile
  • Il progetto Smart City Vogliamo diventare città capo!la a livello almeno regionale per l’innovazione tecnologica al servizio della qualità della vita. Pertanto, parallelamente alla redazione del nuovo Piano INIZIO Regolatore e coerentemente con i suoi indirizzi, riuniremo in un grande progetto di smart city 2013 tutti i soggetti pubblici e privati del territorio interessati a sviluppare soluzioni e"cienti e organiche per migliorare i servizi della città. Per assicurarne il !nanziamento, concorreremo all’assegnazione di fondi regionali, nazionali e comunitari. I !loni strategici che ci interessa approfondire in modo particolare sono:  infrastrutture di banda larga per sempli!care la comunicazione e lo scambio di informazioni  reti di sensori e monitoraggio attivo della città per elevare la sicurezza e la prevenzione  open government e open data per rendere più trasparente ed e"cace l’azione amministrativa  commercio elettronico per moltiplicare le opportunità economiche dei produttori locali  telemedicina per rendere più semplice ed e"cace l’assistenza sanitaria Pordenone più facile
  • Il progetto Smart City Vogliamo diventare città capo!la a livello almeno regionale per l’innovazione tecnologica al servizio della qualità della vita. Pertanto, parallelamente alla redazione del nuovo Piano INIZIO Regolatore e coerentemente con i suoi indirizzi, riuniremo in un grande progetto di smart city 2013 tutti i soggetti pubblici e privati del territorio interessati a sviluppare soluzioni e"cienti e organiche per migliorare i servizi della città. Per assicurarne il !nanziamento, concorreremo all’assegnazione di fondi regionali, nazionali e comunitari. I !loni strategici che ci interessa approfondire in modo particolare sono:  infrastrutture di banda larga per sempli!care la comunicazione e lo scambio di informazioni  reti di sensori e monitoraggio attivo della città per elevare la sicurezza e la prevenzione  open government e open data per rendere più trasparente ed e"cace l’azione amministrativa  commercio elettronico per moltiplicare le opportunità economiche dei produttori locali  telemedicina per rendere più semplice ed e"cace l’assistenza sanitaria  ... Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pubblicheremo il bando per la redazione tecnica del nuovo Piano Regolatore Generale LUGLIO (secondo la Legge Regionale 5/2007 e successive modi!che) prevedendo come principale elemento 2012 qualitativo per l’attribuzione la modalità di interpretazione e di recepimento degli esiti dei percorsi di analisi e di progettazione partecipata avviati dall’amministrazione FINE 2012 2013 FINE 2013 II METÀ 2014 I METÀ 2015 Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pubblicheremo il bando per la redazione tecnica del nuovo Piano Regolatore Generale LUGLIO (secondo la Legge Regionale 5/2007 e successive modi!che) prevedendo come principale elemento 2012 qualitativo per l’attribuzione la modalità di interpretazione e di recepimento degli esiti dei percorsi di analisi e di progettazione partecipata avviati dall’amministrazione FINE Assegneremo l’incarico al gruppo di professionisti vincitori, consegnando loro i materiali 2012 e le sintesi emersi nel corso delle attività svolte nel semestre precedente 2013 FINE 2013 II METÀ 2014 I METÀ 2015 Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pubblicheremo il bando per la redazione tecnica del nuovo Piano Regolatore Generale LUGLIO (secondo la Legge Regionale 5/2007 e successive modi!che) prevedendo come principale elemento 2012 qualitativo per l’attribuzione la modalità di interpretazione e di recepimento degli esiti dei percorsi di analisi e di progettazione partecipata avviati dall’amministrazione FINE Assegneremo l’incarico al gruppo di professionisti vincitori, consegnando loro i materiali 2012 e le sintesi emersi nel corso delle attività svolte nel semestre precedente Con il gruppo dei professionisti incaricati saranno de!niti alcuni momenti nel corso 2013 dell’anno durante i quali avverrà il confronto con la città sull’avanzamento dei lavori FINE 2013 II METÀ 2014 I METÀ 2015 Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pubblicheremo il bando per la redazione tecnica del nuovo Piano Regolatore Generale LUGLIO (secondo la Legge Regionale 5/2007 e successive modi!che) prevedendo come principale elemento 2012 qualitativo per l’attribuzione la modalità di interpretazione e di recepimento degli esiti dei percorsi di analisi e di progettazione partecipata avviati dall’amministrazione FINE Assegneremo l’incarico al gruppo di professionisti vincitori, consegnando loro i materiali 2012 e le sintesi emersi nel corso delle attività svolte nel semestre precedente Con il gruppo dei professionisti incaricati saranno de!niti alcuni momenti nel corso 2013 dell’anno durante i quali avverrà il confronto con la città sull’avanzamento dei lavori FINE Alla conclusione del progetto l’amministrazione, i professionisti e la città si confronteranno 2013 sui risultati ottenuti, prima dell’adozione in Consiglio comunale, che avverrà all’inizio del 2014 II METÀ 2014 I METÀ 2015 Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pubblicheremo il bando per la redazione tecnica del nuovo Piano Regolatore Generale LUGLIO (secondo la Legge Regionale 5/2007 e successive modi!che) prevedendo come principale elemento 2012 qualitativo per l’attribuzione la modalità di interpretazione e di recepimento degli esiti dei percorsi di analisi e di progettazione partecipata avviati dall’amministrazione FINE Assegneremo l’incarico al gruppo di professionisti vincitori, consegnando loro i materiali 2012 e le sintesi emersi nel corso delle attività svolte nel semestre precedente Con il gruppo dei professionisti incaricati saranno de!niti alcuni momenti nel corso 2013 dell’anno durante i quali avverrà il confronto con la città sull’avanzamento dei lavori FINE Alla conclusione del progetto l’amministrazione, i professionisti e la città si confronteranno 2013 sui risultati ottenuti, prima dell’adozione in Consiglio comunale, che avverrà all’inizio del 2014 Superato il periodo destinato a osservazioni e opposizioni, dopo che i tecnici avranno II METÀ predisposto le controdeduzioni, l’amministrazione, i progettisti e i cittadini si confronteranno 2014 sulle stesse, prima dell’approvazione de!nitiva del Piano Regolatore Generale I METÀ 2015 Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pubblicheremo il bando per la redazione tecnica del nuovo Piano Regolatore Generale LUGLIO (secondo la Legge Regionale 5/2007 e successive modi!che) prevedendo come principale elemento 2012 qualitativo per l’attribuzione la modalità di interpretazione e di recepimento degli esiti dei percorsi di analisi e di progettazione partecipata avviati dall’amministrazione FINE Assegneremo l’incarico al gruppo di professionisti vincitori, consegnando loro i materiali 2012 e le sintesi emersi nel corso delle attività svolte nel semestre precedente Con il gruppo dei professionisti incaricati saranno de!niti alcuni momenti nel corso 2013 dell’anno durante i quali avverrà il confronto con la città sull’avanzamento dei lavori FINE Alla conclusione del progetto l’amministrazione, i professionisti e la città si confronteranno 2013 sui risultati ottenuti, prima dell’adozione in Consiglio comunale, che avverrà all’inizio del 2014 Superato il periodo destinato a osservazioni e opposizioni, dopo che i tecnici avranno II METÀ predisposto le controdeduzioni, l’amministrazione, i progettisti e i cittadini si confronteranno 2014 sulle stesse, prima dell’approvazione de!nitiva del Piano Regolatore Generale I METÀ Il Piano Regolatore entrerà in vigore 2015 Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pubblicheremo il bando per la redazione tecnica del nuovo Piano Regolatore Generale LUGLIO (secondo la Legge Regionale 5/2007 e successive modi!che) prevedendo come principale elemento 2012 qualitativo per l’attribuzione la modalità di interpretazione e di recepimento degli esiti dei percorsi di analisi e di progettazione partecipata avviati dall’amministrazione FINE Assegneremo l’incarico al gruppo di professionisti vincitori, consegnando loro i materiali 2012 e le sintesi emersi nel corso delle attività svolte nel semestre precedente Con il gruppo dei professionisti incaricati saranno de!niti alcuni momenti nel corso 2013 dell’anno durante i quali avverrà il confronto con la città sull’avanzamento dei lavori FINE Alla conclusione del progetto l’amministrazione, i professionisti e la città si confronteranno 2013 sui risultati ottenuti, prima dell’adozione in Consiglio comunale, che avverrà all’inizio del 2014 Superato il periodo destinato a osservazioni e opposizioni, dopo che i tecnici avranno II METÀ predisposto le controdeduzioni, l’amministrazione, i progettisti e i cittadini si confronteranno 2014 sulle stesse, prima dell’approvazione de!nitiva del Piano Regolatore Generale I METÀ Il Piano Regolatore entrerà in vigore 2015 Contemporaneamente al piano faremo partire la Valutazione Ambientale Strategica (V.A.S.) in modo che i due percorsi si in$uenzino reciprocamente e che si possano, già durante la redazione, individuare strategie ambientali più e"caci Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pubblicheremo il bando per la redazione tecnica del nuovo Piano Regolatore Generale LUGLIO (secondo la Legge Regionale 5/2007 e successive modi!che) prevedendo come principale elemento 2012 qualitativo per l’attribuzione la modalità di interpretazione e di recepimento degli esiti dei percorsi di analisi e di progettazione partecipata avviati dall’amministrazione FINE Assegneremo l’incarico al gruppo di professionisti vincitori, consegnando loro i materiali 2012 e le sintesi emersi nel corso delle attività svolte nel semestre precedente Con il gruppo dei professionisti incaricati saranno de!niti alcuni momenti nel corso 2013 dell’anno durante i quali avverrà il confronto con la città sull’avanzamento dei lavori FINE Alla conclusione del progetto l’amministrazione, i professionisti e la città si confronteranno 2013 sui risultati ottenuti, prima dell’adozione in Consiglio comunale, che avverrà all’inizio del 2014 Superato il periodo destinato a osservazioni e opposizioni, dopo che i tecnici avranno II METÀ predisposto le controdeduzioni, l’amministrazione, i progettisti e i cittadini si confronteranno 2014 sulle stesse, prima dell’approvazione de!nitiva del Piano Regolatore Generale I METÀ Il Piano Regolatore entrerà in vigore 2015 -180 giorni Contemporaneamente al piano faremo partire la Valutazione Ambientale Strategica (V.A.S.) in modo che i due percorsi si in$uenzino reciprocamente e che si possano, già durante la redazione, individuare strategie ambientali più e"caci Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pubblicheremo il bando per la redazione tecnica del nuovo Piano Regolatore Generale LUGLIO (secondo la Legge Regionale 5/2007 e successive modi!che) prevedendo come principale elemento 2012 qualitativo per l’attribuzione la modalità di interpretazione e di recepimento degli esiti dei percorsi di analisi e di progettazione partecipata avviati dall’amministrazione FINE Assegneremo l’incarico al gruppo di professionisti vincitori, consegnando loro i materiali 2012 e le sintesi emersi nel corso delle attività svolte nel semestre precedente Con il gruppo dei professionisti incaricati saranno de!niti alcuni momenti nel corso 2013 dell’anno durante i quali avverrà il confronto con la città sull’avanzamento dei lavori FINE Alla conclusione del progetto l’amministrazione, i professionisti e la città si confronteranno 2013 sui risultati ottenuti, prima dell’adozione in Consiglio comunale, che avverrà all’inizio del 2014 Superato il periodo destinato a osservazioni e opposizioni, dopo che i tecnici avranno II METÀ predisposto le controdeduzioni, l’amministrazione, i progettisti e i cittadini si confronteranno 2014 sulle stesse, prima dell’approvazione de!nitiva del Piano Regolatore Generale I METÀ Il Piano Regolatore entrerà in vigore 2015 Contemporaneamente al piano faremo partire la Valutazione Ambientale Strategica (V.A.S.) in modo che i due percorsi si in$uenzino reciprocamente e che si possano, già durante la redazione, individuare strategie ambientali più e"caci -180 giorni Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale l’idea da cui partiamo Pordenone più facile si sviluppa su 5 ASSI (ovvero gli e%etti attesi da Pordenone più facile) i 5 assi intercettano questioni Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale l’idea da cui partiamo Pordenone più facile si sviluppa su 5 ASSI (ovvero gli e%etti attesi da Pordenone più facile) se del amo sull’as NIBILI lavori ARE SOSTE T DIVEN SOSTENIBILE per produrre e%etti sugli STILI DI VITA i 5 assi intercettano questioni Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale l’idea da cui partiamo Pordenone più facile si sviluppa su 5 ASSI (ovvero gli e%etti attesi da Pordenone più facile) se del el amo sull’as NIBILI e d ILITÀ lavori ARE SOSTE ss T u ll’a OB DIVEN o s LA M am E ori ZIAR lav EN T SOSTENIBILE PO per produrre MOBILE e%etti sugli STILI DI VITA per ottenere PERCORSI A MISURA D’UOMO i 5 assi intercettano questioni Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale l’idea da cui partiamo Pordenone più facile si sviluppa su 5 ASSI (ovvero gli e%etti attesi da Pordenone più facile) se del el amo sull’as NIBILI e d ILITÀ ss lavoriamo sull’asse dell’ lavori ARE SOSTE ll’a OB ESSERE ACCOGLIENTI T u DIVEN o s LA M am E ori ZIAR lav EN T SOSTENIBILE PO per produrre MOBILE e%etti sugli STILI DI VITA per ottenere PERCORSI A ACCOGLIENTE MISURA D’UOMO per arricchire il territorio grazie ALLA DIVERSITÀ i 5 assi intercettano questioni Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale l’idea da cui partiamo Pordenone più facile si sviluppa su 5 ASSI (ovvero gli e%etti attesi da Pordenone più facile) se del el amo sull’as NIBILI e d ILITÀ lav ss lavoriamo sull’asse dell’ lavori ARE SOSTE ll’a OB o ESSERE ACCOGLIENTI T u ES riam DIVEN o s LA M SE o s RE ul am E RE l’as ori ZIAR SIL se lav EN IEN del T TI SOSTENIBILE PO per produrre MOBILE RESILIENTE e%etti sugli STILI DI VITA per ottenere per potenziare i PERCORSI A ACCOGLIENTE VALORI LEGATI MISURA D’UOMO per arricchire il ALLO SVILUPPO territorio grazie ALLA DIVERSITÀ i 5 assi intercettano questioni Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale l’idea da cui partiamo Pordenone più facile si sviluppa su 5 ASSI (ovvero gli e%etti attesi da Pordenone più facile) lavo se del el FAVO riamo sul amo sull’as NIBILI e d ILITÀ lav RIRE l ss LA TR ’asse del lavoriamo sull’asse dell’ lavori ARE SOSTE ll’a OB ori ESSERE ACCOGLIENTI T u ES am ASPA DIVEN o s LA M SE o s RE ul RENZ A am E RE l’as ori ZIAR SIL se lav EN IEN del T TI SOSTENIBILE PO TRASPARENTE per produrre MOBILE RESILIENTE per de!nire le e%etti sugli modalità di messa STILI DI VITA per ottenere per potenziare i ACCOGLIENTE in rete delle PERCORSI A VALORI LEGATI INFORMAZIONI MISURA D’UOMO per arricchire il ALLO SVILUPPO ESSENZIALI territorio grazie ALLA DIVERSITÀ i 5 assi intercettano questioni Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale IN QUALI MODI POSSIAMO PRODURRE CONCRETAMENTE QUESTI EFFETTI? su questo l’Amministrazione propone di confrontarsi sui seguenti temi: questo deve essere fatto USANDO TUTTI GLI STRUMENTI E IN TUTTI GLI AMBITI la PARTECIPAZIONE ha la !nalità di far emergere quei temi sui quali la comunità è disponibile a fare un lavoro assieme, facendoli diventare I TEMI CONDIVISI STRATEGICI Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale IN QUALI MODI POSSIAMO PRODURRE CONCRETAMENTE QUESTI EFFETTI? su questo l’Amministrazione propone di confrontarsi sui seguenti temi: SOSTENIBILE MOBILE ACCOGLIENTE RESILIENTE TRASPARENTE• riuso • mobilità delle idee • censimento delle • capacità di • open government• riciclo • mobilità delle diversità sul adattamento ai • open data• riquali!cazione persone territorio nuovi equilibri • rinnovamenti dei urbana • mobilità dei beni • valorizzazione economici processi• salvaguardia • collocazione delle esigenze dei • nuovi volani di amministrativi dell’ambiente strategica rispetto fruitori deboli occupazione e di • rete delle• valorizzazione del ai grandi assi • tempi della città sviluppo competenze costruito viabilistici • imprenditoria • nuovi nodi si• uso delle risorse • inquinamento creativa giovanile sistema (energia/acqua)• equilibrio sociale questo deve essere fatto USANDO TUTTI GLI STRUMENTI E IN TUTTI GLI AMBITI la PARTECIPAZIONE ha la !nalità di far emergere quei temi sui quali la comunità è disponibile a fare un lavoro assieme, facendoli diventare I TEMI CONDIVISI STRATEGICI Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale e del lavo ull’ass IBILI el FAVO riamo sul amo s e d ILITÀ lav RIRE l ss LA TR ’asse del lavoriamo sull’asse dell’ N lavori ARE SOSTE ll’a OB ori ESSERE ACCOGLIENTI T u ES am ASPA DIVEN o s LA M SE o s RE ul RENZ A am E RE l’as ori ZIAR SIL se lav EN IEN del T TI SOSTENIBILE PO TRASPARENTE MOBILE RESILIENTE ACCOGLIENTE Pordenone più facile = S. M. A. R. T. Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale dai 5 assi e del lavo ull’ass IBILI el FAVO riamo sul amo s e d ILITÀ lav RIRE l ss LA TR ’asse del lavoriamo sull’asse dell’ N lavori ARE SOSTE ll’a OB ori ESSERE ACCOGLIENTI T u ES am ASPA DIVEN o s LA M SE o s RE ul RENZ A am E RE l’as ori ZIAR SIL se lav EN IEN del T TI SOSTENIBILE PO TRASPARENTE MOBILE RESILIENTE ACCOGLIENTE IL PRGC FA EMERGERE E LAVORA SUI TEMI CHE ATTRAVERSO IL GOVERNO DEGLI USI DEL SUOLO CONTRIBUISCONO A OTTENERE GLI EFFETTI PER UNA Pordenone più facile = S. M. A. R. T. Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. GOVERNANCE TERRITORIALE Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. LE MODALITÀ INNOVATIVE (ovvero la scelta politica) GOVERNANCE TERRITORIALE Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. LE MODALITÀ INNOVATIVE (ovvero la scelta politica) GOVERNANCE TERRITORIALE 1 CAMBIO DEL PARAMETRO DI DIMENSIONAMENTO DEL PIANO INTRODUCENDO IL PARAMETRO DEI SERVIZI AMBIENTALI ED ECOSISTEMICI Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. LE MODALITÀ INNOVATIVE (ovvero la scelta politica) GOVERNANCE TERRITORIALE 1 CAMBIO DEL PARAMETRO DI DIMENSIONAMENTO DEL PIANO INTRODUCENDO IL PARAMETRO DEI SERVIZI AMBIENTALI ED ECOSISTEMICI 2 REINTERPETARE IL QUADRO CONOSCITIVO (strumento che organizza e legge le quantità di popolazione e standard sul territorio) NON PIÙ COME PARAMETRO QUANTITATIVO MA COME PARAMETRO QUALITATIVO Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. LE MODALITÀ INNOVATIVE (la scelta politica) GOVERNANCE TERRITORIALE Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. LE MODALITÀ INNOVATIVE (la scelta politica) SERVIZI AMBIENTALI ED ECOSISTEMICI: il dimensionamento del PRGC avverrà attraverso il confronto dei parametri classici (popolazione e standard) con questo nuovo parametro. I servizi ambientali ed ecostistemici sono quei parametri che normalmente e naturalmente il GOVERNANCE TERRITORIALE territorio può dare come, ad esempio: • l’assorbimento di CO2 che viene indotto più che dal suolo libero che dalla dalla quantità di verde; • la naturale depurazione dell’acqua corrente; • la capacità de territorio di fornitura cibo ed energia; • per complessivi 12 parametri. Ad ogni servizio corrisponde un valore economico e l’insieme del capitale naturale contribuisce per 1/3 al PIL, come dimostrato dalla disciplina di economia ambientale e recepito dalle direttive europee che trattano il suolo come risorsa ambientale multifunzionale - dalla 2000/60 sull’acqua !no alle ultime sull’energia relative allaggiornamento sul protocollo di Kyoto. Dal protocollo di Kyoto emerge che i cambiamenti di uso del suolo (leggi PRGC) incidono del 20% sull’emissione di CO2 e che 1 m2 di suolo libero (non forestato) assorbe 25 Kg di CO2. Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. LE MODALITÀ INNOVATIVE (la scelta politica) SERVIZI AMBIENTALI ED ECOSISTEMICI: il dimensionamento del PRGC avverrà attraverso il confronto dei parametri classici (popolazione e standard) con questo nuovo parametro. I servizi ambientali ed ecostistemici sono quei parametri che normalmente e naturalmente il GOVERNANCE TERRITORIALE territorio può dare come, ad esempio: • l’assorbimento di CO2 che viene indotto più che dal suolo libero che dalla dalla quantità di verde; • la naturale depurazione dell’acqua corrente; • la capacità de territorio di fornitura cibo ed energia; • per complessivi 12 parametri. Ad ogni servizio corrisponde un valore economico e l’insieme del capitale naturale contribuisce per 1/3 al PIL, come dimostrato dalla disciplina di economia ambientale e recepito dalle direttive europee che trattano il suolo come risorsa ambientale multifunzionale - dalla 2000/60 sull’acqua !no alle ultime sull’energia relative allaggiornamento sul protocollo di Kyoto. Dal protocollo di Kyoto emerge che i cambiamenti di uso del suolo (leggi PRGC) incidono del 20% sull’emissione di CO2 e che 1 m2 di suolo libero (non forestato) assorbe 25 Kg di CO2. Solo applicando questa azione di governance territoriale attiviamo 2 dei 5 assi - S. M. A. R. T. ovvero RESILIENTE E SOSTENIBILE per UNA IDEA - Pordenone più facile Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. LE MODALITÀ INNOVATIVE (la scelta politica) GOVERNANCE TERRITORIALE Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. LE MODALITÀ INNOVATIVE (la scelta politica) CONTABILITÀ DEGLI USI DEL SUOLO: il Quadro Conoscitivo (QC) è lo strumento base per la redazione del PRGC in quanto ORGANIZZA e LEGGE la quantità presenti sul territorio, ovvero mette a bilancio l’attuale uso del suolo, le sue trasformazioni e il suo valore economico-ambientale. GOVERNANCE TERRITORIALE Attualmente al contabilizzazione nel PRCG si attua mettendo a confronto quanto suolo è stato urbanizzato e quanti ne viene urbanizzato in più. La di%erenza che si pone introducendo la CONTABILITÀ DEGLI USI DEL SUOLO sta nel evidenziare il tipo di suolo che si va a consumare o che si recupera: la contabilità ci permette di diversi!care le classi di suolo quali: • suolo libero produttivo ovvero capace di sostenere la vita della comunità - coltivabile, naturale, ecc. • suolo boni!cato o recuperato, ovvero il terreno che si è reso libero dopo un’urbanizzazione ma prima di diventare produttivo per la contabilizzazione del suolo deve rigenerarsi naturalmente (secondo la de!nizione di sostenibilità ogni risorsa è rigenerabile ma ha necessità di tempi che la società urbanizzata ad oggi on rispetta e/o garantisce) con un tempo che di media è centenario • ..... • suolo urbanizzato, ovvero quello già compromesso La CONTABILITÀ DEGLI USI DEL SUOLO ha la !nalità di orientare l’uso complessivo del suolo al !ne di NON COMPROMETTERE E TUTELARE QUELLO DI MAGGIOR PREGIO. Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. FLUSSO LOGICO O DOMANDE GUIDA PER IL PROCESSO DECISIONALE Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. DOMANDE FREQUENTI: FLUSSO LOGICO O DOMANDE GUIDA • Possiamo togliere cubatura? PER IL PROCESSO DECISIONALE • Ha senso o no fare un nuovo centro commerciale, parcheggio, parco, zona pedonale, nuova lottizzazione? Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. DOMANDE FREQUENTI: FLUSSO LOGICO O DOMANDE GUIDA • Possiamo togliere cubatura? PER IL PROCESSO DECISIONALE • Ha senso o no fare un nuovo centro commerciale, parcheggio, parco, zona pedonale, nuova lottizzazione? ovvero COSA POSSIAMO FARE? risultato fase contributo IMMAGINI ANALISI ESPLORATIVA S.S.E. E PARTECIPAZIONE Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. DOMANDE FREQUENTI: FLUSSO LOGICO O DOMANDE GUIDA • Possiamo togliere cubatura? PER IL PROCESSO DECISIONALE • Ha senso o no fare un nuovo centro commerciale, parcheggio, parco, zona pedonale, nuova lottizzazione? ovvero COSA POSSIAMO FARE? risultato fase contributo IMMAGINI ANALISI ESPLORATIVA S.S.E. E PARTECIPAZIONE Le intenzioni della città Preso atto di come siamo oggi A questa fase contribuisce (stato e attese) consideriamo l’analisi socio economica del le condizioni entro le quali territorio e il percorso muoverci (prospettive partecipativo plausibili) ... allora ci orientiamo verso quella direzione Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. FLUSSO LOGICO O DOMANDE GUIDA PER IL PROCESSO DECISIONALE Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. DOMANDE FREQUENTI: FLUSSO LOGICO O DOMANDE GUIDA • Quale idea di città l’Amministrazione propone? PER IL PROCESSO DECISIONALE • Che cosa vuole fare l’Amministrazione? Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. DOMANDE FREQUENTI: FLUSSO LOGICO O DOMANDE GUIDA • Quale idea di città l’Amministrazione propone? PER IL PROCESSO DECISIONALE • Che cosa vuole fare l’Amministrazione? ovvero DOVE POSSIAMO ANDARE? risultato fase contributo VISIONE ORIENTAMENTO S.S.E., PARTECIPAZIONE, (DIRETTIVE) Q.C. E VAS Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. DOMANDE FREQUENTI: FLUSSO LOGICO O DOMANDE GUIDA • Quale idea di città l’Amministrazione propone? PER IL PROCESSO DECISIONALE • Che cosa vuole fare l’Amministrazione? ovvero DOVE POSSIAMO ANDARE? risultato fase contributo VISIONE ORIENTAMENTO S.S.E., PARTECIPAZIONE, (DIRETTIVE) Q.C. E VAS l’idea di città verso cui tendere Approfondito meglio il come A questa fase contribuisce siamo oggi, il come stiamo e l’analisi socio economica del ciò di cui abbiamo bisogno .... territorio, il percorso allora ci orientiamo verso partecipato integrato al Quadro questa direzione Conoscitivo e al Rapporto Ambientale Preliminare. Si ottengono le DIRETTIVE Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. FLUSSO LOGICO O DOMANDE GUIDA PER IL PROCESSO DECISIONALE Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. DOMANDE FREQUENTI: FLUSSO LOGICO O DOMANDE GUIDA • Quali sono i contenuti strategici del nuovo PRGC? PER IL PROCESSO DECISIONALE • Cosa ci dice il Piano Regolatore? • In che modo possiamo fare la città che desideriamo, andando incontro alle esigenze di tutti? Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. DOMANDE FREQUENTI: FLUSSO LOGICO O DOMANDE GUIDA • Quali sono i contenuti strategici del nuovo PRGC? PER IL PROCESSO DECISIONALE • Cosa ci dice il Piano Regolatore? • In che modo possiamo fare la città che desideriamo, andando incontro alle esigenze di tutti? ovvero COME POSSIAMO ARRIVARCI? risultato fase contributo MISSIONE PROGETTO ALTERNATIVE E PARTECIPAZIONE Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. DOMANDE FREQUENTI: FLUSSO LOGICO O DOMANDE GUIDA • Quali sono i contenuti strategici del nuovo PRGC? PER IL PROCESSO DECISIONALE • Cosa ci dice il Piano Regolatore? • In che modo possiamo fare la città che desideriamo, andando incontro alle esigenze di tutti? ovvero COME POSSIAMO ARRIVARCI? risultato fase contributo MISSIONE PROGETTO ALTERNATIVE E PARTECIPAZIONE Luoghi, azioni strategiche e Stabilito il punto di partenza A questa fase contribuisce la strutturali (Q.C.) e l’orientamento FORMAZIONE DI ALTERNATIVE (DIRETTIVE) .... allora si (PRGC) e il PERCORSO improntano gli obiettivi e le PARTECIPATO. Si ottiene il relative linee d’azione per il PROGETTO DI PIANO cambiamento atteso Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. FLUSSO LOGICO O DOMANDE GUIDA PER IL PROCESSO DECISIONALE Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. DOMANDE FREQUENTI: FLUSSO LOGICO O DOMANDE GUIDA • Come sarà la città alla !ne? PER IL PROCESSO DECISIONALE • Quali sono le idee innovative? Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. DOMANDE FREQUENTI: FLUSSO LOGICO O DOMANDE GUIDA • Come sarà la città alla !ne? PER IL PROCESSO DECISIONALE • Quali sono le idee innovative? ovvero QUALI OPPORTUNITÀ DI MIGLIORARCI/TRASFORMARCI AVREMO? risultato fase contributo SCENARIO AUSPICABILE VALUTAZIONE VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. DOMANDE FREQUENTI: FLUSSO LOGICO O DOMANDE GUIDA • Come sarà la città alla !ne? PER IL PROCESSO DECISIONALE • Quali sono le idee innovative? ovvero QUALI OPPORTUNITÀ DI MIGLIORARCI/TRASFORMARCI AVREMO? risultato fase contributo SCENARIO AUSPICABILE VALUTAZIONE VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Misure ed e%etti attesi De!nite le linee d’azione .... A questa fase contribuisce la allora si inquadrano le misure/ Valutazione Ambientale azioni e risultati attesi sul Strategica e il percorso territorio partecipato. Si ottiene il PIANO Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. FLUSSO LOGICO O DOMANDE GUIDA PER IL PROCESSO DECISIONALE Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. FLUSSO LOGICO O DOMANDE GUIDA quadro normativo quadro quadro strutturale quadro strutturale e di piani!cazione ambientale economico morfologico PER IL PROCESSO DECISIONALE Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. FLUSSO LOGICO O DOMANDE GUIDA quadro normativo quadro quadro strutturale quadro strutturale e di piani!cazione ambientale economico morfologico PER IL PROCESSO DECISIONALE SCENARIO DI RIFERIMENTO Quadro Conoscitivo Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. FLUSSO LOGICO O DOMANDE GUIDA quadro normativo quadro quadro strutturale quadro strutturale e di piani!cazione ambientale economico morfologico PER IL PROCESSO DECISIONALE SCENARIO DI RIFERIMENTO Quadro Conoscitivo DEFINIZIONE DEL PIANO STRUTTURALE chi siamo e dove vogliamo come ci dove andiamo andare arriviamo Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. FLUSSO LOGICO O DOMANDE GUIDA quadro normativo quadro quadro strutturale quadro strutturale e di piani!cazione ambientale economico morfologico PER IL PROCESSO DECISIONALE SCENARIO DI RIFERIMENTO Quadro Conoscitivo DEFINIZIONE DEL PIANO STRUTTURALE chi siamo e dove vogliamo come ci dove andiamo andare arriviamo VERIFICA DI VERIFICA DI COERENZA COMPATIBILITÀ Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. FLUSSO LOGICO O DOMANDE GUIDA quadro normativo quadro quadro strutturale quadro strutturale e di piani!cazione ambientale economico morfologico PER IL PROCESSO DECISIONALE SCENARIO DI RIFERIMENTO Quadro Conoscitivo DEFINIZIONE DEL PIANO STRUTTURALE chi siamo e dove vogliamo come ci dove andiamo andare arriviamo VERIFICA DI VERIFICA DI COERENZA COMPATIBILITÀ VALUTAZIONE DI SOSTENIBILITÀ DOCUMENTO PRELIMINARE Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale Pordenone più facile = S. M. A. R. T. FLUSSO LOGICO O DOMANDE GUIDA quadro normativo quadro quadro strutturale quadro strutturale e di piani!cazione ambientale economico morfologico PER IL PROCESSO DECISIONALE SCENARIO DI RIFERIMENTO Quadro Conoscitivo DEFINIZIONE DEL PIANO STRUTTURALE chi siamo e dove vogliamo come ci dove andiamo andare arriviamo VERIFICA DI VERIFICA DI COERENZA COMPATIBILITÀ VALUTAZIONE DI SOSTENIBILITÀ DOCUMENTO PRELIMINARE SCHEMA DI MASSIMA PIANO STRUTTURALE Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale, quindi SOSTENIBILE MOBILE ACCOGLIENTE RESILIENTE TRASPARENTE Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale, quindi SOSTENIBILE MOBILE ACCOGLIENTE RESILIENTE TRASPARENTE adozione di indicatori innovativi • servizi ambientali ed ecosistemici • contabilità dell’uso del suolo • bilanci ambientali: documento che descrive le principali problematiche ambientali, lapproccio strategico dellente, la sua organizzazione per la gestione ambientale e le azioni messe in atto per la protezione ambientale. È elemento fondamentale per la gestione strategica della variabile ambiente, allinterno del processo di piani!cazione e programmazione di ogni tipo di organizzazione. • VIS - valutazione dell’impatto sociale: adozione di un sistema modulare di valutazione pensato e creato per favorire la valutazione delle politiche e dei servizi di welfare locali per fornire un quadro culturale e una strumentazione operativa al !ne dare conto del valore sociale prodotto dagli interventi. Dare conto signi!ca poter leggere e interpretare la realtà di cui è fatto un sistema locale di welfare e poterla comunicare a tutti i portatori di interesse. Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale, quindi SOSTENIBILE MOBILE ACCOGLIENTE RESILIENTE TRASPARENTE ADOZIONE DI INDICATORI INNOVATIVI Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale, quindi SOSTENIBILE MOBILE ACCOGLIENTE RESILIENTE TRASPARENTE ADOZIONE DI INDICATORI INNOVATIVIrecupero, riquali!cazione e rifunzionalizzazione dell’esistente• parte del nostro patrimonio “costruito” sta diventando contenitore vuoto• ripensamento delle modalità di funzionamento del territorio• individuazione di nuovi usi ed attività, anche di interesse collettivo• superamento della divisione tra centro e periferia• individuazione di soluzioni che integrino produzione, residenza e terziario• integrazione tra edi!cio e contesto• individuazione di modalità di recupero, diverse a seconda degli ambiti• demolizione con sostituzione, rivoluzione soft, ristrutturazioni mirate alla sostenibilità sociale ed ambinetale Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale, quindi SOSTENIBILE MOBILE ACCOGLIENTE RESILIENTE TRASPARENTE ADOZIONE DI INDICATORI INNOVATIVIRECUPERO, RIQUALIFICAZIONE E RIFUNZIONALIZZAZIONE Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale, quindi SOSTENIBILE MOBILE ACCOGLIENTE RESILIENTE TRASPARENTE ADOZIONE DI INDICATORI INNOVATIVI riquali!cazione dei quartieri urbaniRECUPERO, RIQUALIFICAZIONE •E operare interventi di riquali!cazione urbana, integrando azioni di natura urbanistica, RIFUNZIONALIZZAZIONE infrastrutturale, funzionale e socio-culturale • costruzione di un “quadro diagnostico” condiviso in grado di individuare azioni di riprogettazione e rivitalizzazione degli ambiti • riordino del quadro infrastrutturale e della mobilità, sulla rilettura dell’intorno !sico e sul superamento dell’anonimato (quartieri di espansione) di%erenziando le funzioni che vi sono insediate • valorizzazione del sistema agricolo e sulla tutela e potenziamento dei “corridoi ambientali” • individuazione di modelli insediativi che stabiliscano una relazione virtuosa tra edi!cazione esistente e standard di servizi • interventi di manutenzione urbana evitando l’episodicità e la parcellizzazione degli interventi • individuazione degli ambiti “la dove la città perde il suo nome” quali eredità di una città che è venuta crescendo secondo una logica di espansione e dove ha prevalso la sollecitazioni della rendita • haousing, introduzione di tipologie abitative e territoriali innovative che prevedano modalità diverse di gestione della proprietà pubblica e privata (es. land bank americana) ecc. Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale, quindi SOSTENIBILE MOBILE ACCOGLIENTE RESILIENTE TRASPARENTE ADOZIONE DI INDICATORI INNOVATIVIRECUPERO, RIQUALIFICAZIONE E RIFUNZIONALIZZAZIONE RIQUALIFICAZIONE DEI QUARTIERI URBANI Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale, quindi SOSTENIBILE MOBILE ACCOGLIENTE RESILIENTE TRASPARENTE ADOZIONE DI INDICATORI INNOVATIVI le aree di espansione esistentiRECUPERO, RIQUALIFICAZIONE E RIFUNZIONALIZZAZIONE • in modo di%uso viene messa in discussione la necessità di prevedere nuove aree di espansione che, del resto, caratterizzano già il vigente piano regolatore RIQUALIFICAZIONE DEI • normativa URBANI agevole procedere con la “rimozione” dei diritti acquisiti e quindi sarà QUARTIERI non rende operazione puntuale e complessa rimuoverli • molti casi sarà possibile rivedere gli indici abbassandoli • dove non sarà possibile eliminarli; ripensare queste aree di espansione ride!nendone i contenuti • dove non sarà possibile eliminarli; prevedere obbligatoriamente per la loro realizzazione l’autosu"cienza energetica, il bilanciamento energetico dell’intero ciclo di vita (calcolo delle produzione di CO2 indotta dalla realizzazione e dall’uso e suo bilanciamento ambientale anche in altre aree a scelta dell’amministrazione), • dove non sarà possibile eliminarli; introduzione obbligatorie di quote in social haousing • dove non sarà possibile eliminarli; introduzione di tipologie abitative e territoriali innovative che prendano in considerazione modalità diverse di gestione della proprietà pubblica e privata (es. land bank americana) ecc.. Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale, quindi SOSTENIBILE MOBILE ACCOGLIENTE RESILIENTE TRASPARENTE ADOZIONE DI INDICATORI INNOVATIVIRECUPERO, RIQUALIFICAZIONE E RIFUNZIONALIZZAZIONE RIQUALIFICAZIONE DEI QUARTIERI URBANI LE AREE DI ESPANSIONE ESISTENTI Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale, quindi SOSTENIBILE MOBILE ACCOGLIENTE RESILIENTE TRASPARENTE ADOZIONE DI INDICATORI INNOVATIVI incentivazione di sistemi di mobilità sostenibileRECUPERO, RIQUALIFICAZIONE E RIFUNZIONALIZZAZIONE • nel nostro territorio prevale l’uso del trasporto privato su gomma che condiziona fortemente i livelli RIQUALIFICAZIONE DEI e la $uidità del sistema viabilistico urbano ed i $ussi di tra"co • azione indispensabile è individuare e tracciare il sistema della viabilità ciclopedonale secondo delle QUARTIERI URBANI gerarchie che oggi non risultano totalmente leggibili individuando la priorità degli interventi •LE AREE DI ESPANSIONE principale (es: via Udine, viale Martelli, viale Dante, viale Marconi, corso individuare un asse ESISTENTI Grigoletti) a doppio senso e tutto in sede propria • assi secondari di smistamento (sempre in sede propria) per arrivare, via via, alla rete di distribuzione all’interno delle singole aree urbane • rete promiscua in zone residenziali a 30 km/hs • stessa attenzione andrà posta anche nei confronti della rete pedonale. Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale, quindi SOSTENIBILE MOBILE ACCOGLIENTE RESILIENTE TRASPARENTE ADOZIONE DI INDICATORI INNOVATIVIRECUPERO, RIQUALIFICAZIONE E RIFUNZIONALIZZAZIONE RIQUALIFICAZIONE DEI QUARTIERI URBANI LE AREE DI ESPANSIONE ESISTENTIINCENTIVAZIONE DI SISTEMI DI MOBILITÀ SOSTENIBILE Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale, quindi SOSTENIBILE MOBILE ACCOGLIENTE RESILIENTE TRASPARENTE ADOZIONE DI INDICATORI INNOVATIVI razionalizzazione dei sistemi di sostaRECUPERO, RIQUALIFICAZIONE E RIFUNZIONALIZZAZIONE • garantire un servizio che tenga conto della tutela del patrimonio ambientale e, in generale, di una più razionale gestione del territorio: sarà esplicato dal Piano Urbano della Mobilità e contenuto nel RIQUALIFICAZIONE DEI PRGC QUARTIERI URBANI • modi!care il sistema di sosta in città per ridurre il fenomeno del tra"co da pendolarismo alla ricerca del posto-auto LE AREE DI ESPANSIONE • ESISTENTI aumentare la sicurezza su strade con forti criticità al !ne di aumentare le condizioni di vivibilità della cittàINCENTIVAZIONE DI SISTEMI DI • favorire un uso maggiore dei mezzi pubblici MOBILITÀ SOSTENIBILE • ripensare alla domanda di parcheggi per residenti; • razionalizzare l’uso di spazi disponibili • ridurre la sosta prolungata nelle aree centrali in modo da avere la possibilità di riprogettare l’uso delle strade esistenti. Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale, quindi SOSTENIBILE MOBILE ACCOGLIENTE RESILIENTE TRASPARENTE ADOZIONE DI INDICATORI INNOVATIVIRECUPERO, RIQUALIFICAZIONE E RIFUNZIONALIZZAZIONE RIQUALIFICAZIONE DEI QUARTIERI URBANI LE AREE DI ESPANSIONE ESISTENTIINCENTIVAZIONE DI SISTEMI DI MOBILITÀ SOSTENIBILE RAZIONALIZZAZIONE DEI SISTEMI DI SOSTA Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale, quindi SOSTENIBILE MOBILE ACCOGLIENTE RESILIENTE TRASPARENTE ADOZIONE DI INDICATORI INNOVATIVIvalorizzazione e tutela dei sistemi ambientali $uvialiRECUPERO, RIQUALIFICAZIONE E RIFUNZIONALIZZAZIONE• Noncello: ripristinare e ride!nire la relazione tra città e !ume• Noncello: dare alla città un’area con molteplici funzioni collettive RIQUALIFICAZIONE DEI• Noncello: diventare motore per altri interventi di riquali!cazione !nalizzati al miglioramento QUARTIERI URBANI dell’immagine complessiva della città, diventare occasione di sviluppo economico• Noncello:ESPANSIONE ricadute nel settore ambientale, della mobilità, della fruizione degli spazi pubblici, LE AREE DI generare ESISTENTI del paesaggio urbano, delle funzioni, dell’economia della città.•INCENTIVAZIONE DI SISTEMIinteressato dalla presenza del demanio idrico regionale che, su richiesta, può cedere Meduna: l’ambito è DI le sue aree alla amministrazioni pubbliche MOBILITÀ SOSTENIBILE• Meduna: le attività agricole !no alla zona spondale mettono seriamente in pericolo questo ambito, RAZIONALIZZAZIONE DEI molto delicato dal punto di vista ambientale SISTEMI DI SOSTA• Meduna: assumere in carico diretto le fasce spondali demaniali, riprogettarle in modo che vengano ride!nite quelle quantità e tipologie di vegetazione coerenti con la natura $uviale della zona e capaci di garantire la biodiversità.• individuazione percorsi cicolpedonali (es: la “Meduna” mare), percorsi faunistici e limitrofe zone di !ltro tra fascia spondale e zone agricole. Pordenone più facile
  • Il nuovo Piano Regolatore Generale, quindi SOSTENIBILE MOBILE ACCOGLIENTE RESILIENTE TRASPARENTE ADOZIONE DI INDICATORI INNOVATIVIRECUPERO, RIQUALIFICAZIONE E RIFUNZIONALIZZAZIONE RIQUALIFICAZIONE DEI QUARTIERI URBANI LE AREE DI ESPANSIONE ESISTENTIINCENTIVAZIONE DI SISTEMI DI MOBILITÀ SOSTENIBILE RAZIONALIZZAZIONE DEI SISTEMI DI SOSTAVALORIZZAZIONE E TUTELA DEISISTEMI AMBIENTALI FLUVIALI Pordenone più facile
  • Il Piano Regolatoreè una narrazione Pordenone più facile
  • Non solo più facile... ma anche prima e meglio Pordenone più facile
  • Non solo più facile... ma anche prima e meglioforte coordinamento, già tracciato nel bando del PRGC Pordenone più facile
  • Non solo più facile... ma anche prima e meglioforte coordinamento, già tracciato nel bando del PRGCmetodo innovativo, al passo con l’Europa Pordenone più facile
  • Non solo più facile... ma anche prima e meglioforte coordinamento, già tracciato nel bando del PRGCmetodo innovativo, al passo con l’Europamaggior e"cienza rispetto al percorso classico Pordenone più facile
  • Non solo più facile... ma anche prima e meglioforte coordinamento, già tracciato nel bando del PRGCmetodo innovativo, al passo con l’Europamaggior e"cienza rispetto al percorso classicoottimizzazione delle risorse Pordenone più facile
  • Non solo più facile... ma anche prima e meglioforte coordinamento, già tracciato nel bando del PRGCmetodo innovativo, al passo con l’Europamaggior e"cienza rispetto al percorso classicoottimizzazione delle risorserisultato corale: condiviso con la comunità, trasversale tra settori Pordenone più facile
  • Pordenone più facile
  • Pordenone più facilesarà di casa a Palazzo Badini Pordenone più facile