Informaporto | Primavera 2014
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Informaporto | Primavera 2014

on

  • 523 views

Periodico di informazione del Comune di Porto Mantovano - Edizione Primavera 2014

Periodico di informazione del Comune di Porto Mantovano - Edizione Primavera 2014
www.comune.porto-mantovano.mn.it

Statistics

Views

Total Views
523
Views on SlideShare
523
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Informaporto | Primavera 2014 Informaporto | Primavera 2014 Document Transcript

  • PRIMAVERA 2014 Non solo Comune... P oche righe prima di entrare nel clima rovente della campagna elettorale per l’appuntamento del prossimo 25 maggio. Le assemblee pubbliche, tenute il 27 – 28 e 29 gennaio scorso, hanno creato la condizione giusta non solo per informare sul lavoro fatto e sui programmi non realizzati dall’attuale Amministrazione comunale nei quasi cinque anni di mandato ma, soprattutto, per ascoltare quanti sono intervenuti per presentare valutazioni personali, richieste e critiche. Erano presenti l’intera giunta, molti consiglieri comunali, il segretario-direttore e tutti i responsabili degli uffici. L’Amministrazione comunale ha registrato le numerose segnalazioni avanzate dai cittadini presenti, che ringrazio per la partecipazione, e sta provvedendo alla loro soluzione. Su questo versante sono fortemente impegnati sindaco, assessori e responsabili di servizio. Mentre altri si preoccupano di posti, di poltroncine e sgabelli, noi continuiamo a lavorare nell’interesse esclusivo dei cittadini. La politica deve saper dare il buon esempio nella sobrietà e nell’onestà, nella correttezza e nella trasparenza. La Relazione completa sull’attività svolta nel quinquennio 2009 - 2014 sarà pubblicata, dopo il parere della Corte dei Conti, sul sito del comune www.comune.portomantovano.mn.it . Maurizio Salvarani Sindaco ...ma Comunità Q Questa amministrazione ha voluto modificare profondamente il rapporto con i cittadini. Da subito ci siamo caratterizzati per la discontinuità con il passato. Con un Piano del Governo del territorio improntato al risparmio della campagna, si è dato inizio ad un nuovo disegno urbanistico di Porto: dall’introduzione del “porta a porta” come modello economico sostenibile per risparmiare ambiente e risorse dei cittadini alle soluzioni di eco sostenibilità con l’utilizzo di tetti fotovoltaici; dalla progressiva eliminazione dell’amianto per ridurre i rischi alla salute di tutti, alla ricerca continua della riduzione del traffico veicolare da- vanti alle scuole e all’introduzione di modelli partecipativi affinché i cittadini si sentissero a tutti gli effetti partecipi di una comunità. Ne sono testimonianza sia la nascita dell’associazione “Porto in rete” che riunisce il grande patrimonio di volontariato espresso dal nostro territorio sia l’organizzazione autonoma e creativa da parte di tutte le associazioni di Soave (e non solo) della Fiera della Bicicletta / Roundabike, arrivata quest’anno alla sua quinta edizione. Con l’approvazione del regolamento sulla “cittadinanza attiva” anche i singoli cittadini possono donare un po’ del loro tempo alla vita della nostra Comunità. Uno sguardo aperto, segue a pag. 3
  • Sommario La Giunta Comunale riceve su appuntamento telefonando all’ufficio SegreteriaTel. 0376.389034 - 0376.389025 Non solo Comune... ma Comunità > 1-3 Cinque anni di Lavori Pubblici > 3 Amici di viaggio > 4 Genitori solisti o in coppia? > 5 Crisi sociale e impegno dei servizi sociali > 6 È nata “Porto in Rete” > 6 La proposta educativa degli asili nido comunali > 7 Attivo a Porto lo sportello SUAP Grande Mantova > 8 Precisazioni sul presunto inquinamento all’ex Facep > 8 Presto uno skatepark a Ca’ Rossa > 9 Passaggio a livello di Sant’Antonio, dimezzati i tempi di attesa > 9 Piccoli numeri, grande solidarietà > 10 Ambiente: notizie flash > 10 La Lega Nord e l’ospitalità agli extracomunitari > 11 Torna “BimbiNbiblioteca” letture e laboratori nella biblioteca... > 11 Alla scoperta del Parco - Un turismo verde e intelligente > 12 Bicicletta & Dintorni - Roundabike 2014 - La nuova edizione... > 13 “Tutta colpa di Eva” > 14 “Note di Primavera” > 14 Gli Uffici Comunali > 15 Il numero primaverile di InformaPorto è stato tirato in 7.000 copie per un costo complessivo di 4.500 euro, iva e distribuzione compresa Proprietà: Comune di Porto Mantovano Direzione, Redazione e Amministrazione: Porto Mantovano Ss Cisa, 112 informaporto@comune.porto-mantovano.mn.it Direttore Responsabile: Marco Gandini Stampa: Grafiche Aurora s.r.l. - Via della Scienza, 21 - 37139 Verona Testata “INFORMA PORTO” Registrata presso il Tribunale di Mantova n° 3/81 del 29-01-1981 Stampato su carta Dalum Cyclus Print certificata Ecolabel (100% Riciclata post-consumer)
  • Il Sindaco riceve lunedì mattina e altri giorni su appuntamento Segreteria del Sindaco Tel. 0376.389081 dalla prima pagina sindaco@comune.porto-mantovano.mn.it Non solo Comune... ma Comunità inclusivo, ci ha fatto propendere per una scelta gestionale di ampia apertura delle strutture a carattere sociale: dal Drasso park alla biblioteca i cittadini hanno fruito maggiormente dei servizi, proprio in questo tempo di crisi economica che rischia di intaccare il significato della vita sociale e di relazione. L’attenzione alla scuola, sia dal punto di vista edilizio che da quello degli investimenti culturali è innegabile e ha innestato un processo ineludibile per il futuro. Dalla scuola nasce la cittadinanza di ogni persona che diventa adulta. In questi anni abbiamo capito che oggi la qualità del sistema di welfare non può esaurirsi nell’offerta di servizi efficienti e utili a soddisfare i bisogni dei singoli, ma deve aiutare la comunità a costruire al proprio interno legami solidali tra le persone e a promuovere occasioni nuove di crescita per tutti. Nell’abisso di solitudini che caratterizza il nostro tempo, c’é proprio bisogno di costruire Comunità, che si- gnifica, per noi amministratori, non rassegnarsi alla solitudine, diffondere e allargare occasioni di condivisione. Fare il sindaco o essere amministratore pubblico (consigliere o assessore) è come essere il custode pro tempore dei sogni di una Comunità. Il nostro sforzo è stato mirato ad interpretarli per restituire innanzitutto il senso di cittadinanza. Amministrazione Comunale di Porto Mantovano INVESTITI SETTE MILIONI DI EURO Cinque anni di Lavori Pubblici L’evoluzione della spesa per investimenti in questi 5 anni di amministrazione a Porto Mantovano è stata condizionata negativamente da due fattori decisivi: una maggiore difficoltà, rispetto al passato, nell’alienazione dei terreni ed una notevole riduzione degli oneri di urbanizzazione. A questi fattori si sono aggiunti nuovi e più stringenti vincoli legati al patto di stabilità e la necessità di far fronte a spese per manutenzioni straordinarie impreviste, che hanno necessariamente drenato gran parte delle risorse destinate ad opere declinate nel programma elettorale di mandato. Ciò nonostante, l’amministrazione comunale nel periodo 20092013 ha investito circa 7 milioni di euro per infrastrutture, edifici scolastici, manutenzioni straordinarie generali, palestre ed energie rinnovabili a cui si devono aggiungere gli investimenti fatti da Asep sulla rete acquedottistica. La scelta è stata quella di indirizzare le risorse principalmente sui luoghi dell’istruzione, sulla riqualificazione energetica di strutture e impianti, sulle prassi virtuose a beneficio dell’ambiente e sul- la mobilità sostenibile: scelte di metodo, fondate non sulla quantità ma sulla qualità degli interventi secondo criteri di efficacia ed efficienza. Di seguito un breve elenco dei passaggi più significativi nell’ambito delle spese per investimento diviso per anno di competenza. • 2009 : con un patto di stabilità già in sofferenza, si concludono i lavori alla scuola media (due nuove aule, nuova sala insegnanti, rifacimento copertura) e si realizza a fine estate un intervento di asfaltatura per oltre 300.000 euro; • 2010 : pur scontando il mancato rispetto del patto dell’anno precedente, si trovano risposte concrete alle necessità della scuola dell’infanzia e si gettano le basi per l’avvio della raccolta domiciliare dei rifiuti; • 2011 : è l’anno dell’avvio del “Porta a Porta” e dei black-out elettrici (vengono interamente ricablati i quartieri di Montata Carra e Sgarzari), degli allagamenti a Montata Carra e della sistemazione del Palazzetto a Soave; • 2012 : è l’anno del terremoto, degli interventi straordinari sulle scuole, della sistemazione della rete fognaria di Montata Carra, del primo impianto fotovoltaico comunale sul palazzetto di Bancole, e dei primi interventi strutturali di ampio respiro, in particolare il depuratore e l’acquedotto a Soave; • 2013 : si aderisce al progetto TEA per la gestione integrata dell’illuminazione pubblica (che partirà nei primi giorni di Aprile 2014), si realizza il secondo impianto fotovoltaico sulla Palestra Pertini, si sostituisce la caldaia alle scuole medie, si portano acquedotto e gas a Spinosa e si conclude l’estensione della rete dell’acquedotto a Soave; • 2014 : si sostituisce la caldaia alle scuole elementari di Bancole, vengono ultimati i lavori di sistemazione post-sisma ai cimiteri di Bancole e Soave e si mettono in cantiere i lavori per la ciclabile Porto-Mantova e per la riqualificazione di Piazza Roma a Soave. Pier Claudio Ghizzi Assessore ai Lavori Pubblici e Ambiente 3
  • Istruzione cultura@comune.porto-mantovano.mn.it INSIEME VERSO SCUOLA? IN MODALITÀ EDUCATIVA, SOSTENIBILE, FACILE AMICI DI VIAGGIO L’Amministrazione Comunale di Porto Mantovano ha deciso di avviare un’indagine conoscitiva finalizzata all’avvio nell’anno scolastico 2014/2015 del servizio di trasporto scolastico attraverso la modalità del Car Pooling. Dopo la raccolta dei dati, attraverso un’indagine per questionario in distribuzione dal 7 marzo 2014 nelle scuole primarie di Bancole, S. Antonio e Montata Carra, nonché nella Scuola Secondaria Monteverdi, si procederà all’elaborazione dei dati e ad una prima sperimentazione per rendere il servizio a regime dall’inizio delle scuole a settembre 2014. ci sarà una compensazione dei costi degli autisti. L’auto utilizzata deve inoltre avere la copertura assicurativa obbligatoria (RC Auto) in quanto gli studenti trasportati risultano coperti dall’assicurazione obbligatoria del veicolo come indicato dall’art. 1 della legge 990/69 e successive modificazioni. Cos’è e come funziona il Car Pooling Scolastico? 4 Il Car Pooling Scolastico è un sistema che prevede che uno o più genitori mettano a disposizione il proprio veicolo per portare a scuola più studenti, con il fine principale di ridurre i costi del trasporto e il numero di veicoli necessari per accompagnare i bambini a scuola formando dei gruppi di viaggio il più omogenei possibile, per vicinanza di residenza o per amicizia. Ogni genitore che partecipa al servizio può mettere a disposizione la propria auto per trasportare anche altri studenti o affidarsi completamente a “passaggi” degli altri genitori. Il servizio di trasporto scolastico, i cui costi con scuolabus sono sempre più difficili da sostenere, viene quindi potenziato dai mezzi privati. Nei casi in cui una famiglia non possa assicurare la disponibilità della propria auto per effettuare un servizio a rotazione sarà possibile formare equipaggi con un autista fisso. Tra le persone trasportate in ogni equipaggio InformaPorto Primavera 2014 I vantaggi del servizio organizzato dal Comune: Riduzione della congestione e della pericolosità nei pressi della scuola durante gli orari di punta del mattino, con riserva di posti auto nei parcheggi per gli autisti aderenti al car pooling scolastico. un portale web con accesso riservato per ogni studente la cui famiglia avrà aderito all’iniziativa. Attraverso le funzioni del portale, ogni genitore potrà individuare un proprio possibile compagno di viaggio, visualizzando le disponibilità e le richieste all’interno di una mappa interattiva e, sempre con le funzioni del portale, potrà prendere contatti con gli altri genitori. In questo modo la creazione delle flotte di viaggio sarà sicura ed immediata. Il servizio è già stato felicemente adottato in diversi comuni della provincia di Padova, in altri comuni italiani e sarà proposto anche per le scuole di San Giogio di Mantova. Il programma informatico su piattaforma web è gestito dalla ditta utiliteam di Padova che ci seguirà dall’inizio attraverso gli strumenti di gestione della mobilità. Il questionario Maggiore socializzazione tra genitori e genitori studenti. L’indagine da questionario fornirà utili indicazioni sulle necessità degli studenti e dei loro genitori relativamente agli spostamenti da e verso i plessi scolastici. L’analisi delle informazioni raccolte permetterà di migliorare la mobilità scolastica nel suo complesso e di introdurre, in piccola scala, iniziative di mobilità sostenibile a Porto e a San Giorgio. Si prega pertanto di rispondere al questionario anche nel caso non si sia interessati ne’ al Car Pooling Scolastico ne’ ad altre soluzioni come il bicibus fine di permettere al Comune di individuare le esigenze di mobilità scolastica nel territorio. I dati raccolti durante la fase di indagine verranno pubblicati su Gianfranco Bettoni Assessore alla Cultura e Istruzione Benefici per le famiglie che provvedono in proprio al trasporto dei figli in termini di riduzione dei costi e del numero di viaggi. Riduzione dei costi a carico delle famiglie e del Comune. Diffusione di una maggiore consapevolezza sui temi ambientali.
  • L’Assessore riceve su appuntamento Ufficio Segreteria Tel. 0376.389034 - 0376.389025 UN PERCORSO FORMATIVO APERTO A TUTTI Genitori: solisti o in coppia? Primo incontro • Giovedì 13 marzo 2014 ore 18.00 presso la SALA CIVICA di BANCOLE “E. Berlinguer” - PIAZZA DELLA PACE Incontri successivi: giovedì 20 e giovedì 27 marzo 2014 ore 18 Corso per genitori, educatori e docenti. Non e’ necessaria l’iscrizione Si affronteranno ambiti come la COMUNICAZIONE Come si educa in due Ci si addentrerà nello spinoso tema della LIBERTA’ I compiti a casa sono diventati una competizione? Si vivranno e si parlerà di EMOZIONI Il coraggio di diventare genitori si presenta spesso come un’avventura tragicomica e ci si dimentica che genitori e figli hanno la stessa età, infatti quando nasce un figlio nasce contemporaneamente un papà e una mamma. Indipendentemente dagli eventi della vita, anche quando ci si separa, si rimane genitori e si può scegliere di esserlo al meglio insieme, condividendo le azioni educative pur nella diversità delle proprie personalità e aspirazioni. Ma tutto ciò è possibile? O l’armonia genitoriale appartiene alle favole ed è un obiettivo irraggiungibile? Senza pensare al mondo del mulino bianco, che quello davvero non esiste, è possibile con alcuni accorgimenti e un pizzico di consapevolezza, fare alcuni passi nella direzione della collaborazione e trovare soddisfazione nel ruolo genitoriale e contentezza nei figli che, subito, noteranno lo sforzo dei genitori. Scopriremo che la creatività può riguardare anche i CONFLITTI … e anche DI COSA CI OCCUPEREMO? Dall’arte di comunicare fra partner alla capacità di litigare creativamente. Dal desiderio di sentirsi in libertà di esprimere le proprie emozioni e le proprie opinioni alla necessità di coordinarsi nell’azione educativa rispetto ai propri figli. A partire dalle esperienze e dalle contraddizioni di ognuno proveremo a definire alcune regole salutari di condivisione educativa che salvaguardino e rispettino la personalità e il ruolo di ciascun genitore e che, allo stesso tempo, offrano stimoli ai figli per crescere in un clima gioioso e positivamente sfidante nella comunità scolastica e comunale. Partiremo da problemi concreti come, ad esempio, fare i compiti che talvolta diventa un’impresa o addirittura una competizione dove i bambini, per stare al passo, si fanno fare i compiti dai genitori. Si cercheranno le strade per educare alla GIOIA e per educare con GIOIA, per passare dalla fatica di essere genitori all’entusiasmo di essere persone che hanno fatto una buona semina sapendo che solo se si è responsabili della propria vita si possono alimentare positivamente i rapporti sociali nella comunità di appartenenza. CONDUTTORI Alberto Gianello, Elena Passerini e Alberto Terzi del team di Aprua Italia 5
  • Politiche Sociali CRESCIUTO SIGNIFICATIVAMENTE, NEL 2013, IL NUMERO DELLE PRESTAZIONI Crisi sociale e impegno dei servizi sociali 6 Continua l’impegno dell’Amministrazione per garantire e mantenere gli standard dei Servizi Sociali, con un’attenzione particolare verso le famiglie e le persone in difficoltà. Il 2013 si è caratterizzato per un aumento del numero dei cittadini che si sono rivolti al Comune per chiedere un aiuto. Alla difficile congiuntura economica che incide pesantemente sulla vita delle famiglie si aggiungono altri problemi altrettanto significativi: l’aumento delle difficoltà relazionali/educative nella scuola, la gestione delle disabilità e del disagio psichico in sinergia con i Servizi e le agenzie del territorio, l’aumento dei casi di minori che necessitano di tutela, una maggiore richiesta di assistenza domiciliare. E’ l’assistente sociale il professionista chiamato, a nome del Comune, ad accogliere queste richieste e a fornire risposte. Come Amministrazione abbiamo voluto fortemente l’assunzione dell’assistente sociale in pianta stabile proprio per garantire la presenza e la continuità nelle relazioni con le diverse situazioni di bisogno. E’ significativo il numero delle prestazioni garantite dall’assistente sociale, da luglio a dicembre 2013: 30 per cittadini anziani in situazione di particolare fragilità; 35 per utenti disabili e con disagio psichico; 95 minori seguiti direttamente o in collaborazione con il Servizio Tutela minori del Distretto; 270 richieste di aiuto economico; 15 situazioni di sfratto; 144 incontri con i Servizi territoriali per un totale di 627 appuntamenti tra riunioni, visite domiciliari, colloqui. Complessivamente nel 2013 il settore Servizi sociali ha garantito i servizi nei settori: • DISABILITA’ - Servizio di as- sistenza educativa domiciliare, borse lavoro, rette Centri Socio Educativi/Servizi di Formazione all’Autonomia, con un impegno di 455.000 euro. • MINORI - Frequenza ai Centri Diurni, accoglienza in Comunità, assistenza scolastica ad personam ed assistenza educativa domiciliare, con un impegno di 296.405 euro. • SERVIZI PER ANZIANI Assistenza domiciliare, fornitura pasti, ricovero in RSA, servizio si trasporto protetto, con un impegno di 418.000 euro. Trattandosi per alcuni di servizi a domanda individuale è previsto una partecipazione alla spesa da parte dell’utente. A queste attività si sono aggiunti i contributi erogati a 29 famiglie attraverso il bando anti-crisi (per un totale di 23.000 euro), i contributi straordinari (per un totale di 34.270 euro), il servizio di raccolta domande per il fondo regionale sostegno affitto (39 famiglie) e per il bonus di riduzione sulle bollette (157 famiglie). Consapevoli che un Comune non riuscirà mai da solo a soddisfare tutte le richieste, contiamo sulla costruzione della “rete” con il mondo dell’associazionismo, della cooperazione e con le altre Istituzioni del territorio, affinché relazioni di vicinanza, di sostegno e di mutuo aiuto permettano di affrontare insieme problemi e necessità comuni. DALLE ASSOCIAZIONI È nata “PORTO IN RETE” Si è ufficialmente costituita l’Associazione di secondo livello “PORTO IN RETE” che riunisce sotto un’unica sigla le associazioni di volontariato attive sul territorio di Porto Mantovano. Le Associazioni fondatrici sono: AVIS BANCOLE, Solidarietà Educativa, Pro Loco “Agnella”, Coro “Voci del Mincio”, Porto Solidarietà, Forum per i diritti dei bambini di Chernobyl, ABEO, AUSER INSIEME di Porto Mantovano, ASD Nor- InformaPorto Primavera 2014 dic Walking Mantova, AGESCI Porto Mantovano, Associazione Culturale “Maria Gonzaga”, Associazione Evangelica “Sola Grazia”, Il Germoglio, Corale Femminile “Isabella Gonzaga”, Coop Sociale VIA VAI. Altre associazioni potranno inserirsi in qualsiasi momento. Il consiglio direttivo della neonata associazione è costituito da: Massimo Avigni, Presidente Vanni Corghi, Vicepresidente Lucia Grandi, Segretario. Gli obiettivi principali di “PORTO IN RETE”, definiti dallo statuto, sono coordinare e promuovere la collaborazione fra le associazioni per l’organizzazione di manifestazioni ed eventi, rapportarsi e confrontarsi con l’Amministrazione Comunale sui bisogni emergenti della Comunità e sui possibili interventi, mettere in rete i servizi delle singole associazioni al fine di migliorare la qualità della vita della cittadinanza di Porto Mantovano, con particolare attenzione alle fasce più deboli.
  • L’Assessore riceve giovedì pomeriggio e sabato mattina su appuntamento Ufficio Segreteria Tel. 0376.389034 - 0376.389025 welfare@comune.porto-mantovano.mn.it SONO QUASI OTTANTA I BAMBINI ACCOLTI La proposta educativa degli asili nido comunali Nelle scorse settimane la stampa locale ha riportato informazioni relative al servizio di Asilo Nido Comunale che potrebbero avere generato qualche preoccupazione nei nostri cittadini, soprattutto in quelli direttamente interessati perché genitori di bimbi molto piccoli. Desideriamo tranquillizzare tutti rispetto a questo importante servizio offerto alla nostra comunità. Gli Asili Nido comunali son due: “La Cicogna”, a gestione diretta comunale, con 19 bambini frequentanti e “La Tartaruga”, gestito in convenzione con ASEP, con 60 bambini frequentanti. A causa della mancata sostituzione di un’educatrice collocata a riposo nel giugno 2013, dovuta al divieto di assunzione di nuovo personale ed alle norme per il rispetto del patto di stabilità, il Nido “La Cicogna” ha dovuto limitare la disponibilità per la frequenza a tempo pieno. Tuttavia sono sempre garantiti gli standard gestionali e lo svol- gimento dell’attività educativa e assistenziale adeguata. Come Amministrazione siamo convinti che il servizio del Nido rappresenti l’attenzione della Comunità verso i suoi cittadini più piccoli e verso le famiglie. Per questo investiamo nella formazione e nell’aggiornamento continuo del personale, promuoviamo momenti di incontro e di confronto per i genitori, con l’obiettivo di offrire un servizio sempre più qualificato e di supporto per le nostre famiglie. Siamo infatti convinti che là dove aumentano i servizi educativi vi sia un incremento di domanda perché proprio dai servizi educativi si sprigiona un forte senso di comunità. Ne sono un esempio il ciclo di incontri attualmente in corso “Genitori non si nasce, si diventa!” rivolti ai genitori su problematiche tipiche dell’età 0-3 anni, il Convegno “Un Nido per crescere” del dicembre 2011, l’iniziativa “Nati per leggere” in collaborazione con la Biblioteca Comunale. E’ necessario poi evidenziare l’importanza del Comitato di Gestione, composto da genito- ri, personale e rappresentanti dell’Amministrazione, ripristinato nel 2009 dopo essere stato “cancellato”nel 1992 quando il Nido Comunale da 60 posti venne convertito in micronido da 30 posti. Il Comitato di Gestione è un organismo che ha lo scopo di favorire e sostenere la partecipazione attiva delle famiglie all’elaborazione degli indirizzi educativo- assistenziali e organizzativi nonché di vigilare sulla loro attuazione. I Nidi Comunali saranno aperti alla cittadinanza nel pomeriggio di sabato 22 marzo, dalle 15.30 alle 18. Il personale educativo ed ausiliario ed alcuni componenti del Comitato di Gestione saranno a disposizione per far 7 conoscere gli ambienti, il materiale didattico e la proposta educativa complessiva offerta dalla struttura. Lucia Pasotti Assessore alle Politiche Familiari e Sociali
  • Organizzazione L’Assessore riceve su appuntamento Tel. 0376.389054 organizzazione@comune.porto-mantovano.mn.it Sportello Unico Attività Produttive Attivo a Porto lo sportello SUAP Grande Mantova 8 Il SUAP (Sportello Unico Attività Produttive) GRANDE MANTOVA ha come obiettivo quello di uniformare l’approccio delle procedure di accesso ai servizi da parte dei cittadini e delle imprese della Grande Mantova (Comuni di Mantova, Curtatone, Porto Mantovano, San Giorgio di Mantova, Borgo Virgilio) in modalità telematica attraverso un unico canale di accesso composto dal Contact Center e dal Portale Web. Nasce grazie all’esperienza e al lavoro dell’organismo di supporto e guida al cambiamento, formato dai funzionari dei cinque comuni coinvolti e coordinato dal Comune di Mantova, costituito per ricercare e garantire uniformità nell’approccio ai servizi per invio pratiche on-line delle attività produttive e per diventare il punto di riferimento per la programmazione e l’attuazione di iniziative di sviluppo di sistemi e dei servizi per il territorio dei cinque comuni. Il SUAP GRANDE MANTOVA risponde alle seguenti esigenze: favorire il dialogo tra imprese e cittadini con la Pubblica Amministrazione dare risposta al dettato normativo sull’utilizzo delle modalità telematiche (come prevedeva il DPR n. 60/2010 e secondo il disposto del DLGS n.5/ 2012 convertito in Legge n.n.5/2012 che, ex art.47 quinquies, prevede l’obbligo di rendere i propri servizi in modalità esclusivamente telematica a far data dal 1/1/2014); favorire un’economia di scala, volta al risparmio, creando sinergie in aree territoriali aventi le medesime necessità organizzative; sostenere e facilitare il processo della cultura del cambiamento attraverso una condivisione della metodologia di uso degli strumenti informatici sostituendo le vetuste modalità in uso mediante attività di informazione e comunicazione con l’utenza. SUAP GRANDE MANTOVA Unica modulistica per i cinque comuni Attivazione di un UNICO Portale Tecnico per i cinque comuni Attivazione del Contact Center 0376 3456 quale UNICO punto di accesso per gli sportelli delle attività produttive dei cinque comuni Franco Masenelli Assessore alle Attività Produttive e all’Organizzazione L’AREA È GIÀ INTERAMENTE BONIFICATA DAL GIUGNO 2013 Precisazioni sul presunto inquinamento all’ ex Facep Dato il continuo rincorrersi di voci infondate, riprese anche dagli organi di informazione, relative alla presenza di eternit all’interno della ex Facep di Soave, l’Amministrazione Comunale ritiene necessario ribadire che le coperture in amianto nell’ex area industriale sono state completamente rimosse già nel giugno 2013. Si è trattato della più importante operazione di bonifica effettuata fino ad oggi nel comune di Porto Mantovano: complessivamente sono stati avviati allo smaltimento circa 8100 metri quadrati di materiali. L’intervento è stato realizzato da ditte specializzate per conto della società proprietaria del sito “Gabogas 2”, in base al piano di InformaPorto Primavera 2014 smaltimento eternit approvato dall’ASL, prima fase del più generale piano di demolizione approvato dall’Amministrazione Comunale e visto anche dalla Soprintendenza ai Beni Architettonici e del Paesaggio di Brescia. Risalgono invece al 2008 la rimozione di tre serbatoi interrati presenti nell’area e l’investigazione delle aree esterne dello stabilimento, attraverso l’esecuzione di otto trincee esplorative con prelievo di campioni. Durante l’operazione, il personale di ARPA (Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente della Lombardia) ha eseguito il campionamento dei terreni nei punti di fondo scavo, “rilevando l’assenza di inquinamento”. La documentazione è presente e consultabile, su richiesta, presso l’Ufficio Ecologia del Comune. Lo stesso ufficio resta comunque sempre vigile e pronto ad effettuare o richiedere ulteriori controlli e verifiche in caso di specifiche e circostanziate segnalazioni che dovessero pervenire da parte dei cittadini.
  • Territorio Il Vice Sindaco riceve giovedì pomeriggio e sabato mattina su appuntamento Ufficio Segreteria Tel. 0376.389034 - 0376.389025 Vice-Sindaco-Territorio@comune.porto-mantovano.mn.it PER UN INVESTIMENTO DI 30.000 EURO Presto un skatepark a Ca’ Rossa Il Consiglio Comunale, nella seduta del 4 febbraio scorso, ha adottato la variante del Piano di Gestione del Territorio relativa al piano Attuativo “OTTONA”, che comporterà alcune opere compensative: • uno skatepark nel parco Ca’ Rossa; • una nuova ciclabile in strada Ottona; • passaggi pedonali soprae- levati nei punti sensibili del Comune. Uno skatepark, per un investimento pari a 30mila euro, sarà realizzato nel Parco Cà Rossa di Porto Mantovano. Nell’ambito delle opere compensative previste nella variante al piano delle regole e al piano dei servizi del PGT in relazione al piano attuativo a vocazione residenziale “Ottona”, adottata dal consiglio comunale del 4 febbraio 2014, l’Amministrazione comunale ha pianificato la realizzazione di un’area riservata agli amanti dello skateboarding. In quanto opera compensativa, le spese sono a carico del soggetto privato, mentre il progetto è stato curato dall’Amministrazione comunale che ne ha concordato le caratteristiche con un gruppi di giovani skaters di Porto Mantovano. L’area sarà realizzata su una parte laterale della piattaforma in cemento della pista polivalente esistente all’interno del Parco Cà Rossa, e sarà dotata di apposite attrezzature per eseguire in sicu- rezza le evoluzioni della disciplina. Questa localizzazione è pensata per evitare l’eventuale disturbo acustico nei confronti delle abitazioni. La variante contempla inoltre la realizzazione di una nuova pista ciclopedonale illuminata lungo strada Ottona, che si collegherà con le ciclabili esistenti di via Kennedy e strada Dosso. Sempre nell’ambito delle opere compensative sono previsti il tombamento del fossato presente nell’area verde pubblica al confine sud del Piano e la realizzazione di passaggi pedonali sopraelevati nei punti sensibili del territorio comunale, per un valore di 50 mila euro. Angelo Andreetti Assessore alla Gestione del Territorio Una modifica migliorativa anticipa la riapertura delle barriere per i treni diretti a Verona Passaggio a livello di Sant’Antonio, dimezzati i tempi di attesa Grazie ad una modifica migliorativa al sistema di riapertura delle barriere, si sono ridotti i tempi di attesa al passaggio a livello della stazione di S. Antonio. L’intervento, richiesto dall’Amministrazione Comunale di Porto Mantovano per alleviare parzialmente i disagi causati dalla chiusura delle sbarre, è stato concordato con i tecnici della Direzione Compartimentale RFI di Verona, che ne hanno curato la progettazione, con realizzazione a cura dei tecnici degli impianti di sicurezza di Mantova. “Abbiamo seguito da vicino l’intervento, che è avvenuto in più fasi, a causa delle difficoltà riscontrate nel modificare gli assetti impiantistici” spiega il vice-sindaco Angelo Andreetti. “Da sottolineare inoltre la disponibilità dimostrata dai tecnici di RFI, che devo ringraziare, anche per l’assunzione di tutti i costi necessari” La modifica, già operativa, consente la riapertura anticipata del passaggio a livello per i treni che partono da S.Antonio verso Verona: prima le bar- riere si alzavano solo dopo l’arrivo del treno all’altezza del passaggio a livello di via Gramsci, ora si aprono quando il treno arriva sui primi scambi del piazzale nord. L’anticipo della riapertura è di quasi un minuto quando i treni partono dal terzo binario - quello normalmente usato - e di una quarantina di secondi quando i treni per Verona partono da altri binari. I tempi di attesa precedenti vengono sostanzialmente dimezzati. Per i treni che invece arrivano da Verona e proseguono per Mantova, un’analoga modifica era stata già apportata una decina di anni fa. 9
  • Politiche Sociali welfare@comune.porto-mantovano.mn.it PORTO MANTOVANO ACCOGLIE ALCUNI PROFUGHI Piccoli numeri, grande solidarietà Per tutti i Paesi civili, Italia compresa, che nel 1951 hanno sottoscritto la Convenzione di Ginevra, accogliere i rifugiati è un obbligo. Gli Stati devono di conseguenza prevedere fondi o richiederli all’Ue, se il flusso di profughi può essere inquadrato quale fenomeno continentale - per gestire il periodo di accoglienza. La durata di tale periodo dipende dal corso della crisi umanitaria da cui i migranti sono fuggiti per conflitti armati, per persecuzioni politiche, etniche o religiose o anche solo per fame. In Italia i progetti di accoglienza dei profughi sono finanziati attraverso il “Fondo nazionale per le politiche e i servizi d’asilo” che destina risorse specifiche per questo scopo. 10 tra Ministero dell’Interno ed enti locali per la realizzazione di progetti di accoglienza integrata. In questo modo e con il prezioso supporto delle realtà del terzo settore, si garantiscono interventi di “accoglienza integrata” che non si limitano alla sola distribuzione di vitto e alloggio, ma prevedono misure di informazione, accompagnamento, assistenza e orientamento, attraverso la costruzione di percorsi individuali di inserimento socioeconomico. La realizzazione di progetti SPRAR di dimensioni mediopiccole, come quello a cui abbiamo aderito, contribuisce inoltre a costruire e a rafforzare una cultura dell’accoglienza presso le comunità cittadine. In questo contesto il nostro Comune ha accolto l’invito della Provincia ad aderire al Progetto SPRAR (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati) per accogliere alcuni profughi. Lo SPRAR coinvolge sia le istituzioni centrali che quelle locali, secondo una condivisione di responsabilità Come amministratori di Porto Mantovano abbiamo ritenuto un dovere etico e morale dare la nostra disponibilità all’accoglienza di una famiglia di profughi. Si tratta di persone che fuggono dalla fame, dalla guerra, costrette ad abbandonare il proprio Paese per salvarsi, alla ricerca di una vita dignitosa per sé e per le proprie famiglie. Con questa disponibilità per il progetto abbiamo voluto allargare gli orizzonti per considerare l’accoglienza verso i profughi come un legame che unisce l’intera famiglia umana, in un momento storico in cui i destini delle nazioni non sono più legati ai soli confini geografici ma sono planetari. Pensiamo che accogliere un numero ristretto di profughi favorirà il loro inserimento nel territorio, rispetto a quanto accade nei Centri di Identificazione ed Espulsione (CIE) o nei Centri Accoglienza Richiedenti Asilo (CARA) dove si raggiungono numeri elevati. Noi contiamo sul sostegno e la collaborazione delle Associazioni di Volontariato, delle istituzioni locali e di tutti i cittadini di buona volontà. Vorremmo che questa proposta diventasse un’importante occasione per sperimentare una solidarietà “senza confini”, segno di condivisione vera con chi non ha proprio più nulla. Ambiente: notizie flash • Dal 1° gennaio 2014 la raccolta pannolini/pannoloni è diventata settimanale. Il giorno di raccolta è il Giovedì sia per l’area A che per l’area B. L’amministrazione, in vista della stagione estiva, sta studiando la possibilità di “rinforzare” il servizio così da fronteggiare alcune criticità che si sono manifestate in queste prime settimane. • Dal 1° gennaio 2014 le grucce diventano riciclabili (vedi locandina) • Si ricorda che la frazione umida va conferita direttamente attraverso l’apposito bidone marrone o facendo attenzione di utilizzare involucri compostabili (sacchetti di carta o al massimo sacchetti che riportino la scritta “biodegradabili e compostabili in mater-b”) InformaPorto Primavera 2014
  • Diamo Voce La Lega Nord e l’ospitalità agli extracomunitari Non vorrei essere equivocato nell’esprimere alcune perplessità inerenti all’imminente arrivo a Porto di 5 persone extracomunitarie per le quali l’attuale Amministrazione mette a disposizione uno stabile, conseguentemente all’aver “vinto” un bando Sprar con altri 5 Comuni di cui la Provincia è capofila. Mi spiego; in primis credo che le perplessità siano legittime, sia che vengano da un semplice cittadino che da un Consigliere comunale, riguardando il funzionamento del Sistema Italia in merito alle politiche di accoglienza dei cosidetti “migranti” senza documenti o, per chiamarli con l’aggettivo corretto, clandestini richiedenti asilo politico. In premessa e nel merito, chiederei i motivi delle evidenti disparità di trattamento riservate ai cittadini italiani (compresi i Portuensi) rispetto a chi italiano non è. Chiedo pertanto ai governanti il nostro Paese, ma principalmente a quelli del nostro Comune, di spiegare come si giustifichi un costo di 6mila euro al mese per assistere cinque persone, dicasi 200 euro al giorno pur vivendo in un unico appartamento, poi, chi paga le spese per: bollette luce, gas, tassa rifiuti, ecc. …, assistenza sanitaria, l’istruzione scolastica, i corsi di alfabetizzazione, materiale didattico vario e/o la formazione per l’inserimento in ambito lavorativo.? Ora, senza voler far sterili polemiche, quale famiglia che non sia straniera può avere tali privilegi dallo Stato italiano? Quante famiglie italiane di cinque componenti può contare su 6mila euro al mese..? Un nostro amministratore locale, sbrigativamente ha giustificato così; “qui loro sono svantaggiati…”, ammettiamo pure che questo Assessore abbia ragione…, ma perché ci costano così tanto…? Se l’italiano riesce a “vivere” (forzatamente) con molto meno…, perché 1200 euro procapite al mese più bonus per gli stranieri..? E’ già previsto che ne arriveranno altri, considerando che ve ne sono milioni nel mondo che per guerre o fame potrebbero arrivare alle nostre frontiere, quanti clandestini si pensa di poter mantenere..?!? Comunque, ma solo per il momento, l’ultima riflessione che porrei ai nostri governanti è: Se cinque migranti in un unico appartamento ci costano 6mila euro al mese più bonus, che ricordo, sono pagati con le tasse di tutti gli italiani, portuensi compresi, c’è qualcosa che non torna…, a meno che.., qualcuno li consideri una “risorsa, che però, mi sia concesso, ritengo molto discutibile e sospetta, un tempo erano i negrieri, commercianti di carne umana a “vendere” questi disperati per sfruttarli nelle piantagioni di cotone americane, oggi per quelle di meloni, pomodori, frutta e ortaggi vari..? A pensar male forse si farà anche peccato, però... Bruno Cortesi Il Consigliere Comunale Lega Nord Torna “BimbiNbiblioteca” letture e laboratori nella biblioteca “Falcone e Borsellino” di Porto Mantovano Nella Biblioteca comunale “Falcone e Borsellino” inizia un nuovo ciclo di “BimbiNbiblioteca”, rassegna di letture e laboratori creativi in programma dal 15 febbraio al 19 aprile. L’iniziativa, promossa da Comune e ASEP spa, è a cura del personale bibliotecario e dei lettori volontari di Porto. La partecipazione è gratuita con prenotazione obbligatoria: tel. 0376 396597 dal lunedì precedente • c.bovi@comune.portomantovano.mn.it 11
  • Ambiente Il Vice Sindaco riceve giovedì pomeriggio e sabato mattina su appuntamento Ufficio Segreteria Tel. 0376.389034 - 0376.389025 Vice-Sindaco-Territorio@comune.porto-mantovano.mn.it ALLA SCOPERTA DEL PARCO In vista del 30° anniversario della istituzione del Parco del Mincio, che ricorre nel 2014, il Comune di Porto Mantovano propone una rubrica alla riscoperta di questo vasto territorio che costituisce un habitat naturale di importanza internazionale. Un luogo che deve essere tutelato, valorizzato ma prima di tutto conosciuto. MINCIO E DINTORNI Un turismo verde e intelligente 12 Il Mincio offre moltissime opportunità ai turisti che vogliono scoprire le bellezze e le bontà enogastronomiche del suo territorio: dalle Valli del Mincio (zona umida d’importanza internazionale riconosciuta come destinazione turistica d’eccellenza nell’ambito del progetto EDEN), fino ai i castelli delle Colline Moreniche del Garda, dalle escursioni fluviali lungo il corso del fiume alle biciclettate sulla ciclabile che collega Mantova e Peschiera. Il Parco del Mincio è attivamente impegnato nella promozione del turismo sul territorio mantovano. Questo impegno si traduce in numerose azioni che vanno dal supporto ai Comuni per la progettazione/ realizzazione di infrastrutture al reperimento delle risorse finanziarie necessarie, dalla promozione turistica del territorio a livello nazionale ed internazionale fino all’attivazione in rete degli InfoPoint e dei Centri Visitatori e alla programmazione di decine di escursioni guidate gratuite nell’area protetta. GLI INFO POINT TERRE DEL MINCIO Nei nuovi Infopoint, realizzati dai Comuni con il progetto europeo coordinato dal Parco del Mincio “Terre del Mincio waterfront dal Garda al Po”, è possibile trovare il materiale informativo dei percorsi tematici delle Terre del Mincio e le mappe dei percorsi ciclopedonali. Gli Infopoint inoltre promuovono incontri, degu- InformaPorto Primavera 2014 stazioni, eventi e sono un punto di riferimento per il turista. Gli infopoint delle Terre del Mincio sono 4: a Cavriana presso villa Mirra, a Volta Mantovana pres- so l’ex casa del giardiniere, a Grazie di Curtartone presso l’ex Foro Boario e infine a Mantova presso la sede del Parco del Mincio. Per informazioni sugli InfoPoint www.terredelmincio.it I CENTRI VISITATORI Il Parco Bertone di Goito è un Parco Giardino, tipico del periodo romantico. Vi si possono ammirare alberi esotici ed autoctoni che possono avere fino a 150 anni di età. Dal 1994 in questo Parco è attivo un Centro reintroduzione della Cicogna Bianca. Il Centro Parco di Rivalta, si affaccia sulla riva di un’ansa del fiume, in piena riserva naturale delle Valli del Mincio. Il Centro, ricavato da una vecchia corte rurale completamente ristrutturata, ospita il museo etnografico dei mestieri del fiume. Per informazioni, segreteria didattica del Parco, aperta al mattino: 0376 228320 www.parcodelmincio.it/centrivisita www.museoetnograficorivalta.it VALLI DEL MINCIO: UNA DESTINAZIONE D’ECCELLENZA La riserva naturale Valli del Mincio e i borghi rivieraschi di Rivalta, Grazie e anche Soave sono stati insigniti del riconoscimento di “destinazione turistica di eccellenza” nell’ambito del progetto comunitario “Eden 2009 - Turismo e aree protette”, collocandosi al terzo posto di una ristretta graduatoria di cinque aree selezionate tra le 70 che a livello nazionale avevano concorso al bando. EDEN è l’acronimo di “European Destinations of Excellence”. TERRE DEL MINCIO: ESCURSIONI MARZO – LUGLIO 2014 Anche quest’anno il Parco del Mincio propone un ricco calendario di escursioni gratuite a piedi, in bicicletta e in navigazione, spesso abbinate a degustazioni o a momenti teatrali o musicali. Il calendario completo è disponibile su www.parcodelmincio.it
  • BICICLETTA & DINTORNI - ROUNDABIKE 2014 FIERA DELLA BICICLETTA NEL CUORE DEL PARCO DEL MINCIO La nuova edizione il 31 maggio e l’1 e 2 giugno La bicicletta è il mezzo migliore per godere le bellezze del nostro territorio. Chi ha vissuto l’esperienza della fiera della Bicicletta – Roundabike nelle scorse edizioni lo sa bene e si aspetta di scoprire interessanti novità, con l’aiuto di guide all’altezza del compito. Le nostre guide possono essere guide professioniste o professionisti esperti di specifici ambiti, desiderosi di trasmettere la loro conoscenza delle particolarità del territorio: c’è lo storico, la naturalista, il geologo, la biologa, l’architetto, il professore universitario, l’atleta. L’idea di Roundabike è piaciuta a tal punto da diventare uno degli eventi clou del calendario provinciale 2014 delle iniziative cicloturistiche, organizzato dall’Assessorato al Turismo della Provincia di Mantova per i giorni 31 maggio e 1 e 2 giugno. Il nucleo di Roundabike 2014 è costituito da una trentina di itinerari, in bici e a piedi, con guida (e, se necessario, interprete), per essere liberi di scegliere cosa vedere di tutto il bello sta attorno a noi. Nata a Porto dal Nuovo Gruppo Giovani di Soave e successivamente affidata alla Pro Loco “l’Agnella”, fortemente sostenuta dalla Amministrazione Comunale, l’idea di Roundabike è piaciuta al punto che la manifestazione quest’anno potrà avvalersi della stretta collaborazione con le associazioni di volontariato dei Comuni della Grande Mantova. L’iniziativa di Roundabike collabora anche con “MantovaCreativa” in modo da amplificare l’offerta per chi deciderà di trascorrere questi giorni a Mantova. Arrivano già le richieste da chi farà parecchi chilometri per partecipare: un motivo in più perché chi abita qui senta il desiderio di esserci. Alcuni flash sul programma. Accanto all’offerta di itinerari, buona parte dei quali del tutto nuovi (“il territorio della antica Porto”, “Mantova di notte”, “Le corti Bonoris”, “I luoghi delle battaglie”, per citarne solo alcuni), saranno organizzati originali eventi residenziali di intrattenimento, per grandi e piccoli. La sera, accanto a due eventi organizzati in bicicletta e a piedi, si potrà assistere alla proiezione delle interviste realizzate lo scorso anno, al film corto “Verdeacqua” realizzato per promuovere il nostro territorio, alla nuova e divertentissima commedia “la Bicicleta”, e ad una serie di eventi musicali e culturali adatti all’ occasione. Durante la tre giorni sarà aperta la mostra delle opere degli oltre mille bambini e ragazzi di Porto e Cittadella che partecipano al concorso tematico, affiancata dalla suggestiva proiezione delle preziose immagini della Grande Mantova di una volta. Aperto e di collaudata efficienza il centro ristoro del Parco delle Feste di Soave, oltre alla ricca offerta degli esercizi locali. Tutto quanto viene organizzato in Roundabike è possibile grazie all’entusiasmo e alla sincera e attiva partecipazione dei singoli volontari, enti, gruppi ed associazioni che hanno aderito: oltre agli enti già nominati, al Parco del Mincio, alla Direzione della Riserva di Bosco Fontana, alla IAT e alle amministrazioni e assessorati alla Cultura e Turismo dei Comuni della Grande Mantova, non vanno dimenticate tutte le associazioni che stanno “pedalando” e che qui citiamo parzialmente: le Pro Loco, la FIAB, la Polisportiva Soave 90, le parrocchie di Porto e Marmirolo, le Avis comunali, L’Us Soave Calcio, la Protezione Civile di Porto, il GRAM, la “Ghiacciaia”, l’associazione Porta Giulia-Hofer, gli Scarponauti, MantovaTourism, MantovaBikeFestival, Soave in famiglia e Mantua Mothers e tutte le aziende (ASEP, EdPrint, Crescimbeni, Golinelli, burro Virgilio, Rampi, Supermercati Martinelli, Kosme, “al Laghet”... la lista è lunga, basta consultare il sito) e privati che hanno dato stanno dando un grande aiuto. Preparate la vostra bici: se è proprio fuori uso e non saremo in grado di rimetterla in sesto, ve ne prestiamo una noi. INFORMAZIONI Informazioni e programma completo: www.roundabike.it, email: info@roundabike.it Su Facebook cercate la pagina “Roundabike” www.roundabike.it press@roundabike.it 13
  • Cultura L’Assessore riceve su appuntamento Ufficio Segreteria Tel. 0376.389034 - 0376.389025 cultura@comune.porto-mantovano.mn.it L’ 8 Marzo, alle ore 21, a Villa Schiarino “TUTTA COLPA DI EVA” 14 Il Comune di Porto Mantovano propone per i propri cittadini un evento teatrale di forte interesse nell’ambito degli eventi collegati alla celebrazione della Giornata internazionale per la Donna. Lo spettacolo Tutta colpa di EVA di Ippogrifo Produzioni si terrà, ad ingresso libero, sabato 8 marzo, presso la meravigliosa sala della Cedraia di Villa Schiarino. Lo spettacolo, della durata di 60 minuti, è provocatorio fin dal titolo: per il Comune questa è infatti una scelta di intrattenimento intelligente, che spinge tutti a riflettere pur divertendosi. Oggetto della commedia la violenza contro le Donne. Tanti e troppo ripugnanti sono gli eventi di cronaca nera che trattano ogni giorno di femminicidio, di stalking, di violenza sulle donne: tanti da non poter rimanere impassibili, tanti da non potersi esimere da una riflessione. Purtroppo, spesso ed al contrario, l’assuefazione da cronaca nera produce l’effetto contrario. Per questo assunto e da questa constatazione, Ippogrifo porta in scena un testo provocatorio, aggressivo, tagliente che vuole far scuotere per farci pensare, riflettere, parlare. Tutta Colpa di EVA è una commedia dalle tinte forti, decisa e efficace, che parla di menzogne e di amore, totalmente SABATO 22 MARZO A VILLA SCHIARINO LENA “Note di Primavera” La corale femminile “Isabella Gonzaga” invita al concerto “Note di Primavera” con i cori ospiti “ Cantori del Caldone” di Cerlongo e  “Corale di Bellaria Igea Marina”. Il concerto si terrà sabato 22 Marzo alle 20,30 presso “Villa Schiarino Lena”. InformaPorto Primavera 2014 scevra di banalità e di scontati pregiudizi. Vittime e carnefici si incontrano e sottilmente si scontrano e confondono in una trama avvincente raccontata con il consueto ritmo serratissimo degli irresistibili dialoghi di Rizzi, parole taglienti e pensieri ironici ma spietati che tengono lo spettatore coinvolto fino all’ultima battuta senza lasciarlo tornare a casa con risposte scontate quanto piuttosto con domande e dubbi scottanti.
  • acirbuR olotiT GLI UFFICI COMUNALI Tutti gli indirizzi di posta elettronica vanno completati dopo la @ con la dicitura: comune.porto-mantovano.mn.it URP - UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO: Strada Cisa, n. 112 S. Antonio di Porto Mantovano Tel. 0376.389028 Fax 0376.389029 urp@comune.porto-mantovano. mn.it Orario: Lunedì: 9.00-12.30 Martedì: 9.00-12.30 Mercoledì: 9.00-12.30 Giovedì: 9.00-16.30 Venerdì: 9.00-12.30 Sabato: 8.30-12.30 Settore Controllo di Gestione Ragioneria Finanze Bilancio Servizi Informatici - Economato Responsabile Settore: Nadia Marastoni Tel. 0376.389044 • n.marastoni@ Ufficio Economato: Tel. 0376.389049 Settore Tributi Responsabile Settore: Laura Bendoni Tel. 0376.389021 • l.bendoni@ Ufficio Ragioneria: Tel. 0376.389022 SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE Settore Commercio Attività Produttive - Attività Culturali Segretario - Direttore Generale Daniela Vallario Tel. 0376.389034 • d.vallario@ Responsabile Settore: Emanuela Dal Bosco Tel. 0376.389046 • e.dalbosco@ UFFICIO LEGALE Orario: Lunedì e Mercoledì:  9.00-12.30 Sabato: 8.30-12.30 Daniela Vallario Tel. 0376.389034 • d.vallario@ Sara Badari Tel. 0376.389042 • s.badari@ AREA SERVIZI FINANZIARI ED AMMINISTRATIVI Responsabile Settore: Sara Badari Tel. 0376.389042 • s.badari@ Archivio-protocollo: Tel. 0376.389043 Messo comunale: Tel. 0376.389087 Fax 0376.397847 Ufficio Elettorale: Tel. 0376.389030 Ufficio Stato Civile: Tel. 0376.389051 Responsabile Settore: Rosanna Moffa Tel. 0376.389033 • r.moffa@ Segreteria: Tel. 0376.389045 Fax 0376.389080 Orario: Lun. - Merc. - Ven.: 10.30 - 12.30 Giovedì: 14.00-17.00 (solo su appuntamento per tecnici e operatori) Istruttore Tecnico: Tel. 0376.389040 AREA SERVIZI ALLA PERSONA Strada Cisa, n. 114 S. Antonio di Porto Mantovano Settore Socio - Assistenziale Istruzione e Nidi d’Infanzia Ufficio Commercio - Suap: Tel. 0376.389054 Fax 0376.389048 Responsabile Settore: Anna Katia Puttini Tel. 0376.389031 • k.puttini@ Fax 0376.389089 Orario: Lun - Mar - Ven: 09.00 - 12.30 Ufficio Scuola: Tel. 0376.389050 Orario: Lun - Mer - Gio - Sab: 09.00 - 12.30 Strada Cisa, n. 112 S. Antonio di Porto Mantovano Settore Amministrativo: Servizio Anagrafe, Elettorale e Stato Civile Ufficio Personale e Segreteria Settore: Gestione Territorio Urbanistica - Edilizia Privata Protezione Civile AREA TECNICA Strada Cisa, n. 114 S. Antonio di Porto Mantovano Settore Opere Pubbliche Manutenzioni - Ambiente Responsabile Settore: Rosanna Moffa Tel. 0376.389033 • r.moffa@ Tel. 0376.389090 Fax 0376.389084 Orario: Lunedì e Venerdì: 10.30 - 12.30 Ufficio Opere Pubbliche Manutenzione - Ambiente: Tel. 0376.389090 Ufficio Servizi Sociali: Tel. 0376.389088 / 389041 Fax 0376.389089 Orario: Lunedì - Venerdì: 09.00 - 12.30 Sabato: 08.30 - 12.30 Assistente Sociale: Tel. 0376.389085 (riceve previo appuntamento) Biblioteca Comunale Strada Canova - Montata Carra Responsabile: Cecilia Bovi Tel. 0376.396597 • c.bovi@ Orario: da Lunedì a Venerdì: 15,00-19,00 Sabato: 9,30-12,30 / 15,00-18,00 POLIZIA LOCALE • Strada Cisa, n. 114 - S. Antonio di Porto Mantovano Ufficio: Tel. 0376.397862 - Fax 0376.396810 • Urgenze: 388.7911115 - 345.4005899 Orario: Lunedì e Mercoledì dalle 10.00 alle 12.30 • Sabato dalle 9.00 alle 12.30
  • Pubblicità InformaPorto Primavera 2014